Sei sulla pagina 1di 17

Il D” ed il nucleo

Corso di Petrografia, Prof. S. Rotolo


Laurea triennale in Sc. Geologiche (A.A. 2015-2016)
Univ. di Palermo
Andamento di Vp e Vs con la profondità

Il D”:
gli ultimi 200-300 km del
mantello inf. sono molto
particolari ed importanti

D”
Petrologia sperimentale ad altissima P : la cella a diamante, permette di raggiungere le P
estreme che caratterizzano il mantello inferiore (P= 240 - 1300 kb) fino alla porzione
superiore del nucleo esterno.

tra i diamanti, si
posiziona il campione:
polvere di peridotite
(quantità ≤ 5 mg)
Le altissime T richieste (2500-
3000 °C) vengono raggiunte con un
laser.
Contemporaneamente, il campioncino
viene attraversato da raggi-X per
cogliere (con la diffrazione), in tempo
reale, le modificazioni strutturali

campione

5-6 mm
Gli ultimi 300 km del mantello inferiore (2600-2900 km): il D”

IL livello D” è caratterizzato da :

1)  leggera diminuzione di Vp e Vs,

2) densità poco superiore (ρ= 5.6)


del mantello appena sovrastante
(ρ= 5.2)
Queste caratteristiche si spiegano con la presenza di:
(i)  materiale fuso, ma anche di
(ii)  una fase minerale, enigmatica, la “post-perovskite”
è proprio nel D” , secondo alcuni, la regione sorgente dei plumes di mantello che alimentano il
magmatismo di hot spot (vulcanismo intraplacca)

PLUME di mantello:
-  Ø almeno 100 km
- T maggiore ≥ 300 °C del
mantello circostante

Nel D” avvengono varie reazioni chimiche tra


il Fe del nucleo esterno ed i silicati del
mantello inf. …
queste reazioni portano materiale leggero (su
tutti l’ ossigeno) nel nucleo.
Limite tra Mantello inf. - NUCLEO est: brusco salto di ρ, T :
- Δρ = + 4.3 g/cm3
- ΔT = + 800 - 1300 °C

T= 2 500 °C T > 3 500 °C

centro del nucleo interno:


Nucleo P= 360 GPa (3600 kb)
Nucleo interno
mantello esterno T > 5000 °C (+/- 500)
- NUCLEO ESTERNO + NUCLEO INTERNO =
32 % della massa della Terra (1/2 del raggio)

Gutenberg per primo “vide” con gli strumenti della


geofisica la discontinuità ai 2900 km che separa il
MANTELLO INF. dal NUCLEO ESTERNO esterno
(disc. di Gutenberg o anche CMB, Core Mantle Boundary).

Nucleo ESTERNO : Bassa viscosità  efficace


convezione  efficace trasferimento di calore
reologicamente è un liquido…

È vicino o lontano dal suo punto di solidificazione ??


NUCLEO ESTERNO:
P (alla base) = 3.3 Mbar= 330 GPa = 3300 kb
T= 4000 - 5000 °C ;
ρ= 9.9- 12.8
VP= 10 km/s; VS= 0 km/s

NUCLEO INTERNO:
P (al centro) = 3.6 Mbar= 360 GPa = 3600 kbar
T= 5000 - 5500 °C
ρ= 12.8 – 13
VP= 11.3 km/s
Discontinuità di VS=3.7 km/s
Lehman
le Pressioni e Temperature del NUCLEO INTERNO
(grande più o meno quanto la Luna) , si possono
riprodurre sperimentalmente ?
Si…., con le onde d’ urto (shock waves) si arriva fino a ca. 6 Mbar (quindi il
doppio della P al centro della Terra)

Le onde d’urto create da


proiettili (vel. ≤  8 km/s)
collidenti col bersaglio (lega
di Fe-Ni, rappresentativa
della composizione del
nucleo) creano, per
microsecondi, condizioni T, P
simili a quelle del nucleo,

quanto basta per misurare


Livermore Lab (CA, istantaneamente la velocità
USA)
del suono nel materiale
formatosi, e derivare a
cascate le altre proprietà
fisiche….
Uno degli scopi degli esperimenti con le onde d’ urto è capire quanto il NUCLEO ESTERNO
(ferro liquido + Ni + H, etc ), i cui moti convettivi sono responsabili del campo magnetico
terrestre, sia lontano dalla sua T di solidificazione….

Nucleo esterno

il NUCLEO ESTERNO e la geodinamo


Più dettagliatamente :
Il nucleo interno ruota verso Est (stesso senso della Terra, ma a velocità leggermente maggiore) :

Quindi anche un poco più veloce del Nucleo esterno…..

Livermore et al. (2013)


Superrotation of the Earth’s inner core.
Esperimenti con onde d’ urto per determinare la T di solidus della lega Fe-Ni (ottenuta da un tipo particolare
di meteoriti) e confrontare con le T che si ritiene caratterizzino il nucleo (geoterma).

“solidus” = T al di sopra delle quale inizia la


fusione parziale)

Nucleo esterno N. interno


La T del NUCLEO ESTERNO
(modellizata dalla geoterma,
N. esterno
fascia grigia) si trova a T di
poco superiori a quelle della
Fe liquido
T solidus sperimentale di lega
Fe-Ni.
…..conseguenze per il pianeta Singoli
Fe solido esperimenti
Terra ?
shock waves

IL nucleo interno (solido) nell’


ultimo miliardo di anni si è
a c c r e s c i u t o p e r
solidificazione parziale (a
spese di-) del nucleo esterno
S Tateno et al. Science 2010;330:359-361
Credits:
-Science.org
-Livermore national lab, CA, USA
-Anderson “Theory of the Earth”
- Montelli et al Science 2014