Sei sulla pagina 1di 3

CHE COS’È LA LEGGE?

PIERFRANCESCO AMENDOLA 3CS


Francesco Saverio Nitti
Che cos’è la legge?
Appunti presi durante la lezione:
Le domande filosofiche per eccellenza sono 2 e sono: perché? Che cos’è?
Che cos’è è una domanda socratica. Cos’è sarebbe la definizione di ciò di cui viene
chiesto.
Nessun animale al di fuori dell’uomo è razionale. L’unico animale razionale è
l’uomo.
Pericle disse che le leggi sono: “sono infatti leggi tutte queste che la massa del
popolo, riunendosi e approvando, ha fatto scrivere, precisando ciò che si deve e ciò
che non si deve fare”. Frase tratta dal discorso tra Pericle e Alcibiade.
Alcibiade si interroga, e chiede a Pericle le risposte a queste sue domande.
Sofismo vuol dire discorso retorico. Alcibiade non fa un sofismo perché non è un
discorso retorico il suo, e di conseguenza Pericle ha sbagliato ad usare quel termine.
La legge non deve fondarsi sulla violenza ma sulla persuasione. La violenza non è il
modo giusto per comandare gli uomini perché quest’ultimi sono liberi e di
conseguenza si ribelleranno. Bisogna produrre le leggi con la persuasione e se così
non dovesse essere ci sarebbe una dittatura e ci sarebbero anche delle rivolte. La
ragione deve essere persuasa e non deve essere la violenza a farti decidere una cosa e
non deve essere quest’ultima a farti rispettare qualcosa. Concordo con ciò che è stato
appena detto perché nessuno può violentare la nostra libertà e nessuno ci può
impedire di fare ciò che vogliamo attraverso la violenza se non noi stessi perché noi
siamo padroni del nostro corpo e della nostra mente.
Riassunto del discorso letto in classe tra Pericle e Alcibiade:
Nel seguente dialogo abbiamo assistito ad una discussione tra Alcibiade e il suo
tutore Pericle. Il fulcro centrale della discussione tra i due era la legge. Alcibiade
parlando con Pericle si interroga su cos’è la legge e a cosa serve, se si può usare la
violenza per far rispettare una legge, cosa accadrebbe se venisse usata la violenza per
far rispettare le leggi, chi sono coloro che fanno le leggi, si chiede se le leggi sono
usate per il bene o il male, chiese anche cosa fosse l’illegalità e la violenza. Pericle
rispose ad Alcibiade riguardo a cos’è la legge e cosa serve così: “sono infatti leggi
tutte queste che la massa del popolo, riunendosi e approvando, ha fatto scrivere,
precisando ciò che si deve e ciò che non si deve fare”. Pericle ripose a tutte le
domande svolte dal giovane e in alcune cadde nei tranelli di quest’ultimo. Inoltre
Pericle ricorda di quando lui era giovane e di tutti i suoi pensieri e di tutti i suoi
ragionamenti e i suoi sofismi. Concordo con ciò che è stato appena detto perché
nessuno può violentare la nostra libertà e nessuno ci può impedire di fare ciò che
vogliamo attraverso la violenza se non noi stessi perché noi siamo padroni del nostro
corpo e della nostra mente. Noi dobbiamo essere grati alle persone che creano e
elaborano le leggi perché noi esseri umani ci comporteremmo come degli animali
selvatici. Ovviamente noi dobbiamo essere grati alle persone che fanno le leggi con la
persuasione e non con la violenza. Le persone che usano la violenza per salire al
comando e per governare il popolo non fanno mai una bella fine, basti pensare a
Hitler, Stalin, Napoleone, Mussolini, Kim Il-sung, Kim Jong-il. Oggi giorno ci sono
ancora paesi che sono sotto la dittatura di un tiranno come ad esempio la Corea del
Nord comandata da Kim Jong-un, Bielorussia, Cina, Siria ecc. E se noi andassimo a
vedere in ognuno dei paesi qui sopra citatati potremmo vedere che il popolo cerca di
ribellarsi ma le ribellioni vengono soppresse dalla violenza e non dal dialogo e inoltre
in questi paesi colui che decide le leggi e ogni altra cosa è il tiranno e non c’è come
qui in Italia il senato, la camera dei deputati, il Parlamento. Inoltre le elezioni sono
quasi sempre truccate e ogni possibile avversario della dittatura viene fatto fuori.
Questi sono esempi di violenza sulla legge perché il popolo non può ribellarsi perché
se così fosse sarebbe sterminato. Poco tempo fa durante la pandemia da Covid-19 in
Cina ci sono state delle rivolte per rendere Hong Kong indipendente. Ma ogni
protestante fu minacciato di andare in carcere per 5 anni. Io penso che tutto questo
eccesso di violenza sia sbagliato e che sia proprio sbagliato usare la violenza per
governare e dettare leggi.

Pierfrancesco Amendola 3Cs