Sei sulla pagina 1di 7

Studio diretto (11/03/2021)

Soggetto: Discorso e analisi della conversazione.

Insegnante: Dott.ssa Nelci Vieira de Lima.

Nome: Isabella Tavares Sozza Moraes.

AD IN VARI CONTESTI: Maingueneau (2005)

ASTRATTO

C'è l'intenzione di sintetizzare le conoscenze e le discussioni derivanti dall'analisi del


discorso: dalle sue concezioni storiche; recensioni bibliografiche del lavoro di
Dominique Maingueneau (2005); linee guida di grande importanza per l'ambiente
linguistico e l'area in questione. Ha lo scopo di studiare i concetti dall'analisi del
discorso; mettere in relazione i suoi aspetti storici in contrappunto alla linguistica
testuale; rappresentare il lavoro dell'analista del discorso e le sue difficoltà; il rapporto
tra testo e discorso e anche il testo come materializzazione del discorso stesso. Quindi,
coprire la discussione presentata per avere un'idea delle questioni rilevanti nell'area
presentata e delle loro influenze attraverso il discorso.

Parole chiave: analisi del linguaggio; Dominique Maingueneau; linguistica; testo.

1 CONSIDERAZIONI INIZIALI

L'analisi del discorso arriva dopo diverse scoperte scientifiche del linguaggio:
all'inizio, è stata creata una ricerca con il nome di Analisi del discorso (Zellig Sabbetai
Harris); tuttavia, non si basava sull'analisi del discorso francese come è attualmente
noto, poiché c'erano basi sulla linguistica testuale, il contenuto della sua ricerca era
correlato alle unità linguistiche composte da frasi, rispetto alle correnti linguistiche
odierne. Tuttavia, l'analisi del discorso come è conosciuto oggi, parte dal 1960, nei
seguenti paesi: Stati Uniti, Francia e Inghilterra; per questo motivo, dal 1980 in poi c'è
stata la pubblicazione del manuale di analisi del discorso (Teun Adrianus Van Dijk)
[nostra traduzione]; in cui affronta diversi lavori su temi diversi sullo stesso corpus: il
linguaggio.
comunicazione etnografica intorno all'analisi delle interazioni orali, dal punto di vista
delle discipline umanistiche, più vicino alla sociologia e non necessariamente alla
linguistica, come propone l'autore. Dopo un periodo significativo, la filosofia del
linguaggio emerge, soprattutto con la teoria di John Austin (1962), nominandosi Atti del
discorso, in questa luce la linguistica diventa la scienza del linguaggio con maggiore
influenza sull'analisi del linguaggio. c'è anche la separazione di AD con LT dal 1960.
Il paese che più ha influenzato e ha avuto come precursore l'AD era la Francia,
quindi, nel 1969, AD¹ è chiamato e legato alla corrente strutturalista, in cui Michel
Pêcheux porta la nozione di discorso come un corpus di grande considerazione,
affermandosi la creazione di DA come disciplina responsabile della ricerca
sull'argomento. Quindi, da questa prospettiva, l'analisi del discorso inizia con la
pluralità nei suoi concetti: non è solo uno studio del linguaggio, è uno studio che
affronta questioni psicologiche, sociali, storiche e anche con un'enfasi sugli usi
semantici e sintattici, per analizzare il le polifonie, i discorsi, le radici del discorso, i
discorsi mascherati avvicinati da John L. Austin, i suoi concetti e anche le sue
reinterpretazioni. Il discorso è sempre al centro delle riflessioni di AD, ma non è uno
studio isolato, è necessario avere una conoscenza che vada oltre il testo,
¹AD: analisi del discorso. ²LT: linguistica testuale.

2 CONTESTI VARI: DISCORSO

Secondo Maingueneau (2015, p. 23), il termine discorso è inizialmente dichiarato


in due modi: come sostantivo numerabile e non numerabile. Possono esserci più discorsi
all'interno di uno, ma può esserci anche un solo discorso, legato all'individuo, per gli
scienziati del linguaggio (comunemente noti come linguisti), il discorso è correlato
all'uso del linguaggio nei suoi vari contesti; come “il linguaggio oltre la parola”
(PALTRIDGE, 2006, p. 2, apud MAINGUENEAU, 2015, p. 24), tuttavia, nel campo
della linguistica, il discorso si confronta con tre aspetti: discorso - frase; discorso -
lingua; e discorso - testo. Può anche essere definito come un particolare tipo di unità
linguistica e focus
sull'uso della lingua. I discorsi, inoltre, possono fungere da unità transfrast e una forma
di azione sull'altro; può anche essere considerato come un'interattività rispetto all'altra;
proviene dall'indexicalità, che, secondo la filosofia del linguaggio, fa riferimento agli
usi lessicali del discorso, attraverso il suo contesto; è modale, con il soggetto e la
spazialità che consiste nel discorso come predominanti; è governato da regole, così
come dalla lingua e dai suoi componenti; e, infine, è anche legato all'interdiscorso; oltre
ad essere costruito rispettosamente dal rigonfiamento sociale.
I diversi discorsi hanno come principi le diverse rappresentazioni e mezzi in cui
sono inseriti: sostantivo numerabile, i discorsi si troverebbero in modo finito, gli
innumerevoli sarebbero l'opposto, agiscono in modo infinito, non c'è modo di raccontare
perché di ciò che è legato al discorso; il discorso legato all'uso del linguaggio, rimanda
alle sue costruzioni semantiche e sintattiche; il concetto di discorso che va oltre la
parola, rimanda alla dimensionalità del discorso, considerando i suoi diversi concetti e
divisioni legate alle costruzioni sociali; i tre confronti, si riferiscono a tre diverse
costruzioni: la catena di frasi (1 °); la langue / parole (lingua e discorso; concetti di
Saussure) (2 °); al contesto e alle relazioni che lo superano (3 °). Tutte le altre
dimensioni linguistiche che vengono presentate come esempi, dimostrare i discorsi
come materiali e immateriali per la lingua; come i loro contesti, persone, luoghi, storie,
ecc.
2.1 CATEGORIE DISCURSIVE
Il discorso oltre alla frase si manifesta attraverso l'ordine descritto, non bisogna
necessariamente prendere un discorso e analizzarlo in modo irrilevante, ma bisogna
sapere che opera attraverso il gruppo sociale e in modo trasversale, cioè dipenderà il
parlante, l'apprensione delle sue caratteristiche e per questo è necessario avere la
conoscenza a chi è destinato. Il discorso come forma di azione, si riferisce alle
conseguenze che la lingua ha sull'altro ea chi o come sono destinati i suoi atti, queste
caratteristiche possono modificare le situazioni in modo negativo o meno, determinando
anche cambiamenti discorsivi. Il discorso interattivo è svolto dalla pluralità degli
individui: dallo scambio tra parlanti, principalmente in modo orale, ma non si riduce a
questa caratteristica, è un'enunciazione, un vantaggio linguistico elaborato da più di due
persone. Il discorso contestualizzato, o meglio: indicializzato, è quello che compone il
contesto con concetti oltre la materialità
storico o psicologico, deriva dalla materialità linguistica e dagli usi lessicali. Il discorso
assunto da un soggetto si riferisce al discorso materializzato tra: soggetto-spazialità-
temporalità (io-tu-qui-ora), in modo che attraverso usi sintattici, ci possa essere un
cambiamento di contesto, soggetto, ecc. Il discorso disciplinato da norme, è il discorso
che, attraverso le sue regole implicite, determina coesione e coerenza nell'eseguirlo, una
delle sue regole è che il discorso è comprensibile, quindi, quando non è comprensibile,
perde le sue caratteristiche che lo rendono discorsivo. Il discorso assunto da un
interdiscourse, è il discorso legato a più enunciatori e caratteristiche, non è un discorso
individuale, ma un discorso all'interno di diversi. Infine, il discorso socialmente
costruito,

2.2 STRUTTURA DISCURSIVA: TESTO E CORPO

MAINGUENEAU (2015, p. 37), presenta nel corso del suo lavoro, tre assi
principali con gli usi del testo: testo-struttura; si riferisce alla struttura testuale, che
secondo i concetti di LT, ci sono, in linea di principio, gli usi di fattori testuali; coerenze
referenziali e sequenze attraverso il testo. Ad esempio: “la strada era bella, ma la strada
era bella, che dominava la strada”, c'è l'uso dell'anafora, che sarebbe la struttura che la
compone, soprattutto le questioni sintattiche e semantiche. Testo del prodotto; si
riferisce al testo con apprensione al di là della sua materialità: determina dall'oralità;
scrittura e visuale; tipi e generi testuali; un articolo scientifico, ad esempio, ha le
seguenti caratteristiche: l'uso formale della lingua, l'uso normativo delle sue
caratteristiche e dei suoi campi di studio, su fogli privi di linee guida, solitamente in
bianco e nero, ad eccezione delle sue immagini. File di testo;

Un corpus può avere più testi, ma testi differenti possono avere un solo corpus;
la differenza tra i due è diversa: una riguarda il risultato discorsivo
per la materialità della conoscenza tra le scienze; l'altro stabilisce l'uso della
tradizionalità, interpretandola attraverso questo concetto. Tuttavia, il rapporto tra i due
concetti e il progresso tecnologico ha fatto sì che il lavoro dell'analista del discorso si
estendesse non solo all'essere in contatto con la ricerca, ma anche alla selezione di testi,
alla ricerca in luoghi diversi, alla classificazione e alla memorizzazione, per poter
trasformare tutti che ha materializzato la conoscenza in un corpus.

2.3 TESTO E DISCORSO: MOTIVI DI CONFLITTO PER AD

Testo e discorso sono concetti intrecciati e, allo stesso tempo, senza


associazione, come discusso dall'autore, ci sono conflitti di concetti tra gli analisti del
discorso, poiché alcuni credono che testo e discorso siano sinonimi, mentre altri
chiamano testo come materiale, quale contenuto il discorso. Vi sono quindi pluralità nei
concetti di testo e discorso: possono esserci più discorsi in un unico testo, o alcuni
discorsi in alcuni testi. L'autore prosegue spiegando che il discorso può concretizzarsi in
più categorie, a seconda dei suoi usi: “una disciplina [...]; un posizionamento in un
campo [...]; un tema [...]; [...] produzioni verbali. " (MAINGUENEAU, p. 36, 2005). Per
altri analisti del discorso, la giunzione tra testo e discorso diventa il contesto risultante.

Non c'è necessariamente una conclusione di quello che sarebbe il testo e il


discorso per AD, ma si conoscono concetti contrastanti, vista la complessità dei termini
evidenziati. Per l'analista del linguaggio, lo studio del corpus che coinvolge il
linguaggio è estremamente importante, alcuni dei temi che potrebbero essere coinvolti
negli studi sull'AD sono: tematici; produzioni verbali specifiche; posizionamenti;
ideologie dei gruppi sociali; discorso in discipline e aree di conoscenza; isotopie;
l'intreccio comunicativo di alcuni gruppi sociali e di altri. L'analista del discorso non si
limita a ricercare il discorso solo in una prospettiva linguistica, copre tutte le possibili
aree di conoscenza per mostrare la complessità del soggetto e cercare di comprenderlo e
decodificarlo.
2.4 TESTO E SIGNIFICATO: CATEGORIE ESSENZIALI DELL'ANNUNCIO

È dal senso che esiste la prima categoria di decodificazione del discorso, il


significato in senso ampio, viene “continuamente costruito e ricostruito all'interno di
determinate pratiche sociali” (MAINGUENEAU, p. 29, 2005). Quindi, il significato
sarebbe qualcosa scelto dai gruppi sociali, dalle persone in generale, l'autore riguarda la
relazione di significato attraverso il termine: "configurazioni sociali di diversi livelli".
Stabilire questa contestualizzazione, è nel senso che i mezzi discorsivi saranno stabiliti
attraverso il linguaggio, attraverso la parola, attraverso la sintassi, in tutto deve esserci
un senso, e una delle "regole" esistenti in AD, è che il discorso deve essere compreso, e
per avere questa comprensione, ci deve essere un senso.

Il testo è la materialità del discorso: il testo, in generale, fa riferimento a


qualcosa di tangibile, a qualcosa di materiale, tuttavia il suo contenuto rappresenta il
linguaggio in modo materiale, che può essere letto, compreso, interpretato e
decodificato. In senso discorsivo, possono esserci più discorsi all'interno di un unico
testo, quindi, se il testo è la materializzazione del discorso, il discorso è qualcosa di
immateriale, guidato da radici multisemiotiche ed essendo rappresentato dal linguaggio
verbale e non verbale, quindi quando un discorso o diversi vengono rappresentati in
modo testuale, compreso ai loro parlanti, si materializza rendendo possibile avere le loro
analisi, le loro rappresentazioni.

3 TEORIA O ANALISI: DISCOURSESOBACONCEPTION


NEL MAINGUENEAU

Per l'autore, la differenza tra Teoria del discorso e Analisi del discorso, è
presente nelle sue caratteristiche discorsive e corpus: la teoria del discorso, ha AD come
metodo qualitativo, dalle scienze umane / sociali; ci sono problemi che provengono
dall'esterno della lingua e fanno uso dell'analisi dei contenuti, non basata sulla lingua.
L'analisi del discorso, invece, si basa sulla comunicazione, ei suoi ricercatori /
professionisti sono raggruppati per stabilire analisi di questa categoria; c'è un equilibrio
tra la conoscenza delle scienze umane e le riflessioni comuni, con il funzionamento del
discorso e la comprensione dei fenomeni.
C'è un uso totale del mezzo discorsivo, senza escludere alcuna categoria di
ricerca. Per questo il corso di Letteratura si inserisce negli studi dell'Analisi del
Discorso, grazie all'uso della comunicazione e dei mezzi del linguaggio e del discorso,
per comprendere problematiche discorsive avvicinandosi alla visione di altre ricerche e
ambiti. Il corso di lettere, oltre ad avere nelle sue discipline, ricerca sulla lingua e sulla
comunicazione, ci sono altri mezzi disciplinari per formare lo studente di lettere:
educazione, AD, lingue, scienze umane. (MAINGUENEAU, pagg. 32-33, 2005).

4 CONSIDERAZIONI FINALI

È chiaro che gli studi sull'analisi del discorso, sono di estrema rilevanza perché
vi siano soprattutto intese di maggiore complessità sul discorso e sui suoi usi, analisi,
filoni. Quando si utilizza l'AD come scienza non solo linguistica, ma multidisciplinare,
si osserva che ci sono aspetti maggiori nell'osservare la parola e l'uso linguistico e
materializzato del discorso attraverso il discorso, che può essere decodificato attraverso
aspetti storici, linguistici, psicologici e sociali .; Per questo motivo, l'analisi del
discorso, oltre ad una scienza di ampio respiro, è essenziale per l'interpretazione del
discorso, per ricerche più rilevanti sui vari corpus ricercati dagli analisti del discorso, il
cui scopo è quello di contribuire e rilevanza scientifica. È stato osservato che attraverso
studi discorsivi,

Riferimenti:

MAINGUENEAU, Dominique. Discorso e analisi del discorso. San Paolo: parabola


editoriale. 1a ed. 2015.