Sei sulla pagina 1di 24

Gruppo di riflessione con i Costruttori Metallici

Sesta Riunione
Dalmine, 21 giugno 2007

Analisi di soluzioni monopiano con il metodo


plastico
Prof. Pierluigi Colombi
Dipartimento di Ingegneria Strutturale – Politecnico di Milano
e-mail: colombi@stru.polimi.it

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 1


Generalità

colonna

traverso rinforzo

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 2


Calcolo plastico

Requisiti per il materiale:

• fu,m / fy,m ≥ 1.2


• εr ≥ 15% zona plastica

• εu / εy ≥ 20

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 3


Calcolo plastico

Requisiti per i profili:


profili di Classe 1

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 4


Calcolo plastico

Cerniera plastica:

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 5


Calcolo plastico

Influenza di azione assiale e tagliante:


  N 2  Vpl , Rd Av f y
M N , Rd = M pl , Rd 1 −  Sd   Vsd ≤ =
  N pl , Rd   2 γM0 3
 
flessione asse debole
flessione asse forte

Interazione M-N Interazione M-V


Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 6
Calcolo plastico

• Effetti del secondo ordine

VSd 1
0.1 ≤ ≤ 0.2 Fattore di amplificazione
Vcr V
1 − Sd
Vcr

• Effetti imperfezioni

W
P = φW =
200

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 7


Calcolo plastico

Modellazione dei giunti:

Il modello di giunto dipende dalla classificazione del collegamento e dal


tipo di analisi prescelta

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 8


Calcolo plastico

Metodi di analisi:
Rigido-plastica Elastica- Elasto-plastica
perfettamente
plastica
Effetti primo ordine
2.Momenti flettenti ok ok ok
3.Effetto azione assiale ok ok ok
4.Effetto azione tagliante ok no ok
Effetti anaelastici
2.Plasticità concentrata nelle ok ok no
cerniere plastiche
3.Diffusione plasticità nella no ok ok
sezione e sull’asta
4.Ordine formazione zone no No ok
plastiche
Effetti secondo ordine
2.Perdita di rigidezza per no no ok
effetto combinato azione
assiale e flettente
3.Perdita di rigidezza per no no ok
effetti geometrici
4.Effetto incrudimento nelle no no ok
zone plastiche

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 9


Analisi rigido-plastica

Le = MLθ + 2MLθ + MLθ = 4MLθ


Li = FcrLθ/4
Le = Li F cr = 16ML/L

PMR1/PMR2=1

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 10


Analisi evolutiva

F=pl Fl
4 ( 2k + 3)
p

2 k + 1 Fl
h
h k= ≤1 2k + 3 8
l

Formazione prima cerniera plastica

Fl 4 ( 2k + 3) M L M L ( 2 k + 1)
=ML ⇒FI = M ( l / 2) =
4 ( 2k + 3 ) l 2

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 11


Analisi evolutiva

F=pl
p

Fl
h 8

Formazione seconda cerniera plastica


4M L ( 1 − 2k )
∆M ( l / 2 ) = M L ( 1 − 2k ) ⇒ ∆F =
II II

l
4 ( 2 k + 3 ) M L 4 M L (1 − 2 k ) 16M L
F = F + ∆F =
II I II
+ =
l l l
Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 12
Calcolo plastico

PMR1/PMR2=2

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 13


Nodo colonna-traverso

Collegamento a
completo ripristino
Mc,Rd = 1.2 Mpl,Rd

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 14


Esempio

Schema statico:
Controventato in senso longitudinale
A telaio rigido in senso trasversale
Passo telai: 6m 5%

Colonne: IPE 500


Traverso: IPE 450 8m
6m
Materiale:
20 m
S275
Normativa di riferimento:
DM 9 gennaio ’96 – DM 16 gennaio 96 – ENV-1993-1-1

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 15


Carichi

Vento
Sito: as = 260 m v=25 m/sec
Classe rugosità: B
Categoria di esposizione: IV
Coefficiente di topografia: ct =1

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 16


Carichi

Neve

Tipo 1 Tipo 2 & 3

as = 260 m Ct=1 Ce=1

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 17


Carichi

Carroponte

Pmax = 80 kN
F = 7 kN

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 18


Combinazione di carico

Combinazione Peso Neve Vento Carroponte


Comb_01 1.4 1.5 (Neve tipo 1) --- 1
Comb_02 1.4 1.5 (Neve tipo 2) --- 1
Comb_03 1.4 1.5 (Neve tipo 3) --- 1
Comb_04 1.4 --- 1.5 1
Comb_05 1.0 --- 1.5 1
Comb_06 1.4 1.5 (Neve tipo 1) 1.05 1

Comb_07 1.4 1.5 (Neve tipo 2) 1.05 1


Comb_08 1.4 1.5 (Neve tipo 3) 1.05 1
Comb_09 1.4 1.05 (Neve tipo 1) 1.5 1
Comb_10 1.4 1.05 (Neve tipo 2) 1.5 1
Comb_11 1.4 1.05 (Neve tipo 3) 1.5 1
Comb_12 1.4 1.05 (Neve tipo 1) 1.5 1
Comb_13 1.4 1.05 (Neve tipo 2) 1.5 1
Comb_14 1.4 1.05 (Neve tipo 3) 1.5 1
Comb_15 1.4 1.05 (Neve tipo 1) 1.5 1
Comb_16 1.4 1.05 (Neve tipo 2) 1.5 1
Comb_17 1.4 1.05 (Neve tipo 3) 1.5 1

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 19


Analisi strutturale

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 20


Analisi strutturale

Combinazione di carico # 6 (vento + neve)


seconda cerniera
2
1 fyd = fyk/γm = 275/1.05 = 262 MPa
3 prima cerniera

Mpc = 574 kNm


Mpt = 446 kNm

Prima fase

Valore per carichi di SLU Amplificati per 1.25


Momento in 1 280 kNm 350 kNm
Momento in 2 -210 kNm -262 kNm
Momento in 3 493 kNm 616 kNm

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 21


Analisi strutturale

Moltiplicatori a collasso γ1
Sezione 1 1.27
Sezione 2 1.70
Sezione 3 0.93

Seconda fase

Valore per carichi di SLU Amplificati per 1.25


Momento in 1 863 kNm 1045 kNm
Momento in 2 175 kNm 219 kNm
Momento in 3 0 kNm 0 kNm

M pt − 350 * 0.93
∆γ 2 = = 0.12 γ = 0.93 + 0.12 =
1045 1.05

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 22


Verifiche di stabilità

Cerniere plastiche in C e F
Inversione momento in E
E F
D A-B-C-D-E flangia interna
C compressa
E-F flangia compressa esterna
Ritegni torsionali in C e F
B (cerniere plastiche)
Ritegni torsionali in B (colonna)
Ritegni torsionali in D e E
profilo (traverso)
diagonali

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 23


Conclusioni

• L’utilizzo di sezioni di classe 1 consente l’utilizzo del metodo


plastico per il calcolo dei telai in acciaio
• L’analisi rigido-plastica e l’analisi evolutiva consente di ottimizzare
la progettazione allo SLU di telai in acciaio
• EC3 consente l’utilizzo del calcolo plastico e fornisce indicazione
pratiche per l’analisi di telai in acciaio
• Telai in acciaio progettati allo SLU mediante il metodo plastico
risultano più economici rispetto a soluzioni calcolate mediante
metodi di calcolo usuali
• Occorre introdurre rinforzi per il nodo colonna-traverso ed un
adeguato numero di ritegni torsionali per evitare il pericolo di
instabilità flesso-torsionali

Prof. Pierluigi COLOMBI – Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Strutturale 24