Sei sulla pagina 1di 45

FISICA GENERALE II – Ingegneriadell’Energia, Meccanica, Civile – 10/01/2018

ATTENZIONE: LE RISPOSTE DEVONO ESSERE GIUSTIFICATE INDICANDO TUTTI I PASSAGGI LOGICI


ESSENZIALI UTILIZZATI PER ARRIVARE AL RISULTATO FINALE.
RISPOSTE SENZA ADEGUATA GIUSTIFICAZIONE, ANCHE SE CORRETTE, NON SARANNO PRESE IN
CONSIDERAZIONE.
F

E
Esercizio 1 (10 punti)
Corso di Laurea Ingegneria Elettronica e Informatica

Si consideri una distribuzione lineare di carica costituita da un Esercizio 1: Un cilindro metallico
y isolato di raggio R = 10 cm e altezza h, ruota a
filo isolante, di lunghezza 2" , posizionato come in figura. Esso = 3 10 rad/s. Si assuma che gli elettroni di conduzione, trascinati nel moto
3

muoversi radialmente.
P
ha carica positiva +% distribuita uniformemente nella meta’
i. Calcolare l’espressione delle forze a cui sono soggetti gli elettroni in co
superiore del filo, & > 0 , e carica negativa −% distribuita
ii. Calcolare+Lle componenti del campo 𝐸⃑ in un generico punto P a distanz
uniformemente nella meta’ inferiore del filo, & < 0.
iii. Calcolare la densità volumetrica di carica in un generico punto all’int
segno. +Q
1.1 Indicando in modo chiaro il metodo utilizzato calcolare il iv. Calcolare la densità superficiale di carica  sulla s
in un generico punto
esplicitarne il segno. C x
potenziale elettrostatico ed il campo elettrico in un punto
-Q
generico + dell’asse &: + ≡ (0, &, 0) con & > "
-L
Esercizio 2: Con riferimento al circuito indicato in figura, si considerino C1 = 8 µF

1.2 Calcolare il campo elettrico nel punto + situato sull’asse &, i. Calcolare la differenza di potenziale Va – Vb quando l’interruttore S è a
nell’ipotesi che esso si trovi a grande distanza dalla distribuzioneii.carica (& ≫
Calcolare ") eelettrostatica
l’energia discuteredelilsistema
risultato
nella condizione del punt

ottenuto. iii. Calcolare la variazione di energia elettrostatica del sistema un volta ch

iv. Calcolare la quantità di carica che fluisce attraverso l’interruttore a seg

1.3 Calcolare il campo elettrico in un punto generico sull’asse 1 2 ≡ (1, 0, 0).


Esercizio 3: Un atomo di H è formato da un protone e da un elettrone che, in ap
-10
orbita circolare di raggio a0 = 0.53 10 m (raggio di Bohr) centrata sul protone

i. Calcolare le forze che agiscono sull’elettrone ed esplicitare la velocità t


di considerare la massa del protone infinitamente più grande rispetto

ii. Calcolare l’intensità della corrente dovuta alla rotazione dell’elettrone

iii. ⃑ generato dalla rotazione de


Calcolare il campo induzione magnetica 𝐵
presente il protone.
Esercizio 2 (8 punti)
iv. Calcolare il momento magnetico 𝜇 della spira atomica.
Si consideri il circuito in figura con un generatore di tensione costante 34 nota ed i quattro condensatori di
capacita’ nota, 25 e 26 . Calcolare: Teoria: La legge di Faraday-Newmann-Lenz (formula, significato fisico, esempi a

2.1 La differenza di potenziale 37 − 38 quando l’interruttore


9 e’ aperto. C1 C2
Ex. 2
2.2 La variazione di energia elettrostatica tra la condizione a b V0
del punto 1, interruttore S aperto, e lo stato di equilibrio S
C2 C1
raggiunto dopo che e’ stato chiuso l’interruttore 9 .

Nome: Cognome:

1
ATTENZIONE: LE RISPOSTE DEVONO ESSERE GIUSTIFICATE INDICANDO TUTTI I PASSAGGI LOGICI
ESSENZIALI UTILIZZATI PER ARRIVARE AL RISULTATO FINALE.
RISPOSTE SENZA ADEGUATA GIUSTIFICAZIONE, ANCHE SE CORRETTE, NON SARANNO PRESE IN
CONSIDERAZIONE.

Esercizio 3 (12 punti)

Due spirette conduttrici identiche, circolari di raggio :, resistenza


; ed autoinduttanza ", sono inizialmente poste a grande distanza. z
La corrente della spira 1 e’ mantenuta costante ed uguale ad <5 da Spira 2, R, L
un generatore di corrente. Un operatore sposta molto velocemente
la spira 2 portandola ad una distanza = dalla spira 1 (= ≫ :) in
modo che le due spire siano coassiali. La spira 2 inizialmente ha d>>a
corrente nulla e lo spostamento avviene in un intervallo di tempo
Δ? molto piccolo, Δ? → 0. a
Spira 1, R, L +
generatore corrente
Calcolare: I1 costante

3.1 Il coefficiente di mutua induzione tra le due spire dopo lo


spostamento quando si trovano a distanza = . Si definisca positiva la corrente nella spira 2 concorde al
verso della corrente nella spira 1. (Viste le piccole dimensioni delle spire si puo’ considerare uniforme il
campo magnetico sulla loro superficie).

3.2 La corrente che scorre nella spiretta 2, detta <6,A , subito dopo lo spostamento.

3.3 Il lavoro fatto dal generatore di corrente costante nell’intervallo di tempo Δ?

3. 4 Il lavoro fatto dall’operatore per effettuare lo spostamento della spiretta nell’intervallo di tempo Δ?

2
FISICA GENERALE II – Ingegneria dell’Energia, Meccanica, Civile – 16/02/2018

ATTENZIONE: LE RISPOSTE DEVONO ESSERE GIUSTIFICATE INDICANDO TUTTI I PASSAGGI LOGICI


ESSENZIALI UTILIZZATI PER ARRIVARE AL RISULTATO FINALE.
RISPOSTE SENZA ADEGUATA GIUSTIFICAZIONE, ANCHE SE CORRETTE, NON SARANNO PRESE IN
CONSIDERAZIONE.

Esercizio 1 (16 punti)


Si considerino due lastre piane conduttrici
lastre conduttrici
L
quadrate di lato ! e distanza relativa " ≪ ! .
+ V
Lo spazio tra le lastre e’ per meta’ riempito da 1 isolante 2 conduttore
d ε ρ
un isolante, con costante dielettrica relativa $ ,
L/2 L/2
mentre nell’altra meta’ si trova un materiale
debolmente conduttore con resitivita’ % (costante dielettrica relativa $ = 1) come mostrato in figura. Le
lastre conduttrici, inzialmente scariche, vengono collegate all’istante iniziale ) = 0 ad un generatore di fem
costante + attraverso un filo con resistenza trascurabile, ,- ≈ 0.
Si supponga che siano gia’ state raggiunte le condizioni stazionarie.
1.1 (3) Calcolare il campo elettrico in tutto lo spazio e la corrente che scorre nella batteria.
1.2 (3) Calcolare le cariche elettriche /0 e /1 che si trovano sulle due meta’ della piastra conduttrice che e’
collegata al polo positivo del generatore.
Supponiamo ora che la resistenza del filo che collega il generatore alle lastre conduttrici NON sia
trascurabile e valga ,- .
1.3 (4) Calcolare in questa ipotesi la carica massima / raggiunta dalla lastra conduttrice che e’ collegata al
polo positivo del generatore e confrontarla con il valore ottenuto nel punto 1.2 , motivando il risultato
ottenuto.
1.4 (6) Calcolare in questa ipotesi la corrente 3 ) che scorre nel generatore in funzione del tempo,
indicando con ) = 0 l’istante in cui avviene il collegamento del generatore alle lastre conduttrici,
inizialmente scariche.

1
ATTENZIONE: LE RISPOSTE DEVONO ESSERE GIUSTIFICATE INDICANDO TUTTI I PASSAGGI LOGICI
ESSENZIALI UTILIZZATI PER ARRIVARE AL RISULTATO FINALE.
RISPOSTE SENZA ADEGUATA GIUSTIFICAZIONE, ANCHE SE CORRETTE, NON SARANNO PRESE IN
CONSIDERAZIONE.

Esercizio 2 (16 punti)


Un lungo solenoide ideale, di raggio 4 , 5 spire, Solenoide ideale, a t=0 
z
corrente iniziale nulla I0=0
lunghezza ℎ , resistenza totale , , e’ circondato da
c Anello isolante carico, m
un anello isolante carico, coassiale al solenoide, Q, inizialmente fermo, a
t=0 posto in moto con
h>>c
posizionato come in figura. L’anello ha raggio 7 , accelerazione angolare
costante α=dω/dt

massa 8 e carica / distribuita uniformemente sulla b m, Q

sua lunghezza. All’istante iniziale () = 0) , quando ω


R
nel solenoide non scorre corrente, l’anello da fermo
viene posto in rotazione da un operatore esterno
9:
con accelerazione angolare = < , che viene
9;
mantenuta costante dall’operatore.
Si trascuri nel seguito l’autoinduttanza del circuito equivalente dell’anello.
Calcolare:
1.1 (3) Il coefficiente di mutua induzione tra il circuito dell’anello carico in moto ed il solenoide.
1.2 (4) La corrente che scorre nel solenoide in funzione del tempo 3()), definita positiva in verso concorde
al moto dell’anello.
1.3 (4) Il momento meccanico esercitato dall’operatore in modo che il moto dell’anello sia quello descritto,
con accelerazione angolare costante <
All’istante )0 , quando sono gia’ state raggiunte le condizioni stazionarie nel solenoide, l’anello, che in
quell’istante ha velocita’ angolare nota ?0 , viene fermato dall’operatore in un intervallo di tempo molto
breve Δ) → 0 .
1.4 (5) Calcolare la corrente 3-BC che scorre nel solenoide subito dopo che l’anello e’ stato fermato
dall’operatore. Che segno avra’ tale corrente? Spiegare.

2
FISICA GENERALE II – Ingegneria dell’Energia, Meccanica, Civile – 6/06/2018

ATTENZIONE: LE RISPOSTE DEVONO ESSERE GIUSTIFICATE INDICANDO TUTTI I PASSAGGI LOGICI


ESSENZIALI UTILIZZATI PER ARRIVARE AL RISULTATO FINALE.
RISPOSTE SENZA ADEGUATA GIUSTIFICAZIONE, ANCHE SE CORRETTE, NON SARANNO PRESE IN
CONSIDERAZIONE.

Esercizio 1 (16 punti)


Si consideri un conduttore sferico di raggio ! , il cui potenziale e’
fissato al valore "# determinato dal collegamento ad una batteria Isolante ε "
collegata a massa come in figura (si consideri il riferimento del
potenziale all’infinito). Il conduttore e’ circondato da un guscio di
conduttore
materiale dielettrico, scarico, che riempie lo spazio tra ! < % < & !
con costante dielettrica relativa nota '.
1.1 (3) Calcolare il campo elettrico in tutto lo spazio in funzione
della carica elettrica (# incognita presente sul conduttore. V0

1.2 (4) Calcolare la carica elettrica (# presente sulla sfera


conduttrice in funzione del potenziale "#
Ad un certo istante si stacca la batteria e si collega la sfera
conduttrice a massa attraverso un filo di resistenza nota ).
1.3 (4) Calcolare l’energia dissipata per effetto Joule mentre viene
raggiunta la nuova condizione di equilibrio elettrostatico.
1.4 (5) Calcolare la corrente * + che scorre nella resistenza dall’instante in cui si collega la sfera a massa
attraverso la resistenza ).

1
ATTENZIONE: LE RISPOSTE DEVONO ESSERE GIUSTIFICATE INDICANDO TUTTI I PASSAGGI LOGICI
ESSENZIALI UTILIZZATI PER ARRIVARE AL RISULTATO FINALE.
RISPOSTE SENZA ADEGUATA GIUSTIFICAZIONE, ANCHE SE CORRETTE, NON SARANNO PRESE IN
CONSIDERAZIONE.

Esercizio 2 (17 punti)



Due solenoidi ideali, entrambi con - spire e di altezza ℎ z
molto grande rispetto ai raggi, sono posizionati uno dentro b=2a
a
l’altro (coassiali come in figura) ed hanno rispettivamente
raggi %/ = ! ed %1 = 2! .
R2
Il circuito del solenoide 1, interno, ha l’avvolgimento
I1 I2
cortocircuitato su se stesso con resistenza )/ = 0 ed
inizialmente ha corrente nulla */,# = 0.
V2
h>>a,b
Il circuito del solenoide 2, esterno, con resistenza )1 nota,
inizialmente ha corrente *1,# = 0 viene collegato ad un
generatore di tensione costante "1 . Si assuma verso
positivo concorde per le correnti nei due solenoidi.
2.1 (4) Calcolare i coefficienti di autoinduzione 6/ , 61 ed il coefficiente di mutua induzione 7 tra i
solenoidi.
2.2. (4) Scrivere le equazioni di entrambi i circuiti e calcolare le correnti */ e *1 nei due circuiti raggiunte
le condizioni stazionarie .
2.3 (5) Calcolare l’andamento nel tempo della corrente nei due circuiti */ + e *1 +
Successivamente un operatore rimuove il circuito interno in un intervallo di tempo molto breve Δ+ → 0.
2.4 (4) Calcolare la corrente nel circuito del solenoide 2 *1,: subito dopo aver rimosso il solenoide interno 1

2
FISICA GENERALE II – Ingegneria dell’Energia, Meccanica, Civile – 18/07/2018
ATTENZIONE: LE RISPOSTE DEVONO ESSERE GIUSTIFICATE INDICANDO TUTTI I PASSAGGI LOGICI
ESSENZIALI UTILIZZATI PER ARRIVARE AL RISULTATO FINALE.
RISPOSTE SENZA ADEGUATA GIUSTIFICAZIONE, ANCHE SE CORRETTE, NON SARANNO PRESE IN
CONSIDERAZIONE.

Esercizio 1 (8)
y
Una spira circolare di raggio a cm si trova sul piano xy con centro
nell'origine. Metà spira, giacente sul semipiano x > 0, è caricata con la
carica positiva q distribuita uniformemente, l'altra metà è caricata con +
-
una carica opposta – q , anch’essa distribuita uniformemente.
1.1 (4) Si trovino le componenti Ex, Ey e Ez del campo elettrico x

nell'origine.
1.2 (4) Si calcoli il lavoro fatto dal campo per portare una carica Q dal
punto P di coordinate x = 0 e y = 2 a fino a distanza infinita.

$
Esercizio 2 (8 punti)
-

+
Nello spazio compreso tra due gusci cilindrici coassiali
perfettamente conduttori, di raggi !, # e altezza ℎ ≫ !, # si trova "
un materiale con conducibilita’ uniforme ed incognita '.
#

Se tra i due gusci viene collegato un generatore di tensione


h>>a, b
costante ) nota , si osserva che viene dissipata una potenza *
nota, quando scorre una corrente costante nel materiale interno ai !
due gusci.

Gusci cilindrici perfettamente


2.1 Calcolare la carica che si accumula sul guscio conduttore conduttori. Materiale con
conducibilita’ % in & < ( < )
cilindrico interno + = !, in condizioni stazionarie.

2.2 Calcolare la conducibilita’ ' del materiale presente tra i due gusci cilindrici.

1
ATTENZIONE: LE RISPOSTE DEVONO ESSERE GIUSTIFICATE INDICANDO TUTTI I PASSAGGI
LOGICI ESSENZIALI UTILIZZATI PER ARRIVARE AL RISULTATO FINALE.
RISPOSTE SENZA ADEGUATA GIUSTIFICAZIONE, ANCHE SE CORRETTE, NON SARANNO PRESE IN
CONSIDERAZIONE.

Esercizio 3 (16 punti)

Si consideri il circuito mostrato in figura, composto 


y
da un condensatore - ed una resistenza . collegate a
due lunghe guide conduttrici su cui puo’ scorrere + ⊗ ! = −! %̂
senza attrito una sbarretta mobile conduttrice di
' ,⃗
massa / e lunghezza ℓ. Il circuito si trova nel piano −
), ℓ
orizzontale ed e’ immerso in un campo magnetico R . >0
(
uniforme verticale 1 = −13 in verso entrante nel
piano del foglio. L’autoinduttanza del circuito si puo’ !I x(t)
considerare trascurabile. (0, 0) 
x

Supponiamo che condensatore abbia carica iniziale 4 5 = 0 = 47 e che a 5 = 0 venga chiuso nel circuito
descritto, con l’armatura positiva come mostrato in figura, e che la sbarretta sia ferma, 8 5 = 0 = 0 . Sia
definita positiva la corrente che scorre in verso orario, come in figura.

3.1 Scrivere l’equazione del circuito e calcolare quanto vale la corrente 97 all’istante 5 = 0

3.2 Scrivere l’equazione di moto della sbarretta e calcolare, dal sistema delle 2 equazioni cosi’ ottenute,
la corrente 9 5 del circuito e farne il grafico in funzione del tempo. Suggerimento: per risolvere il sistema
di equazioni si consiglia di derivare rispetto al tempo l’equazione del circuito e risolvere in I(t).

3.3 Calcolare la velocita’ 8(5) della sbarretta mobile in funzione del tempo, facendone un grafico e
indicando in modo chiaro la sua velocita’ limite 8(∞)

3.4 Calcolare la carica finale immagazzinata nel condensatore 4 ∞

2
FISICA GENERALE II – Ingegneria dell’Energia, Meccanica, Civile – 12/09/2018
ATTENZIONE: LE RISPOSTE DEVONO ESSERE GIUSTIFICATE INDICANDO TUTTI I PASSAGGI LOGICI
ESSENZIALI UTILIZZATI PER ARRIVARE AL RISULTATO FINALE.
RISPOSTE SENZA ADEGUATA GIUSTIFICAZIONE, ANCHE SE CORRETTE, NON SARANNO PRESE IN
CONSIDERAZIONE.
!"
%&
d d
Esercizio 1 (12) d
d d

Tre grandi lastre piane conduttrici quadrate, di spessore


! e lato # (# ≫ !) sono disposte, come mostrato in figura, ' ( ) * + ,
L>>d

ortogonali al piano del foglio. La lastra I, che ha la 0 5d


#"
superficie 1 sul piano ' = 0, ha inizialmente carica totale
3 lastre piane
-- ---
*+ , mentre le altre due lastre II e III sono inzialmente conduttrici
molto estese
-

scariche. Ad un certo istante (, = 0) una batteria con


- /

+
d.d.p. -+ viene collegata, con un filo di resistenza totale ., .

tra la lastra I e la lastra III, chiudento l’interruttore T mostrato in figura.


1.1 Calcolare i campi elettrici /01 (nella regione ! < ' < 2!) ed /45 (nella regione 3! < ' < 4!) e le
cariche *8 (con 9 = 1,6) sulle 6 facce delle lastre piane, PRIMA della chiusura dell’interruttore che
collega le lastre alla batteria ( , < 0).
1.2 Calcolare i nuovi campi elettrici /01 (in ! < ' < 2!) ed /45 (in 3! < ' < 4!) e le cariche *8 sulle 6
facce delle lastre, DOPO che si e’ chiuso l’interruttore ed e’ stata raggiunta la nuova condizione di
equilibrio elettrostatico.
1.3 Calcolare la corrente >+ sulla resistenza . all’istante , = 0 , appena viene chiuso l’interruttore, ed il
suo andamento nel tempo > , , motivando opportunamente la risposta.

!"
L L
Esercizio 2 (6 punti) ' = corrente
&
totale del nastro * ,
L

Un nastro conduttore rettilineo molto lungo, di spessore trascurabile,


+ -
si trova nel piano ? = 0 come mostrato in figura. Il nastro e’ $

0 #"
attraversato da una corrente totale > che scorre nel verso dell’asse @ ,
distribuita uniformemente sul nastro di larghezza 2#. Nel piano del
nastro e’ posta anche una spira conduttrice quadrata, di lato A ,
posizionata come in figura, con due lati paralleli all’asse del nastro, il piu’ vicino dei quali a distanza # dal
bordo destro del nastro. La spira e’ attraversata da una corrente 9, come in figura.
2.1 Calcolare il campo magnetico B prodotto dal nastro, nel piano ? = 0 , nella regione a destra del nastro
' > #, indicandone chiaramente direzione e verso.
2.2 Calcolare la forza magnetica totale che si esercita sulla spira
1
Esercizio 3 (12 punti)
Un piccolo anello superconduttore (.D = 0) di raggio A si trova
nel centro di una spira conduttrice di raggio E (con E ≫ A) e
'
resistenza .0 nota. I due circuiti, 1 anello superconduttore e 2
spira conduttrice, sono coplanari e mantenuti fermi nel piano !
mostrato in figura. Si consideri nota l’autoinduttanza dei due
i Ι
circuiti indicata rispettivamente con #D (anello superconduttore)
e #0 (spira conduttrice). -

"# &
$%

Inizialmente le correnti dei due circuiti ( 9 dell’anello superconduttore e > della spira conduttrice) sono
entrambe nulle; successivamente nella spira conduttrice viene inserito un generatore di tensione costante -+
all’istante con , = 0.

3.1 Calcolare il coefficiente di mutua induzione F tra i due circuiti, considerando che, per le piccole
dimensioni dell’anello superconduttore, il campo B si possa considerare uniforme sulla sua superficie.

3.2 Scrivere le equazioni dei due circuiti e calcolare le correnti >G e 9G raggiunte in condizioni stazionarie

3.3 Calcolare le correnti dei circuiti in funzione del tempo > , e 9 ,