Sei sulla pagina 1di 1

« I n r e a l t à s t a m a n i n o n h o f a t t o n i e n t e [ . . . ] , e p p u r e h o f a t t o m o l t o .

H o d i nuovo
oltrepassato i confini del mio regno interiore, ho dimorato lì nell'intimità in silenzio – non ancora abbastanza
in silenzio – e ho realizzato quanto ne abbia b i s o g n o c o m e d e l p a n e [ . . . ] . O S i g n o r e , f a '
c h e i o a b i t i u n p o ' d i p i ù n e l l o spirito»

«I domini dell’anima e dello spirito sono tanto vasti e infniti che un po’ di disagio fisico e di
dolore non ha troppa importanza, io non ho la sensazione di essere privata della mia libertà e non
c’è nessuno che mi possa fare veramente del male».