Sei sulla pagina 1di 2

VERSO LA SECONDA GUERRA MONDIALE:

l’espansionismo tedesco in Europa

In seguito alla sconfitta nella Prima Guerra Mondiale, con il trattato di Versailles del 1919, la Germania
subì una dura punizione: cessione dell’Alsazia e della Lorena alla Francia e di vaste zone orientali alla
Polonia, autonomia al porto di Danzica, esercito ridotto a 100.000 uomini, smantellamento di aviazione,
fanteria pesante e flotta navale, oltre al pagamento di 132 miliardi di marchi in oro.
Questa situazione, il desiderio di rivalsa del popolo tedesco così fortemente umiliato e la crisi economica
del 1929, rivelarono tutta la debolezza della repubblica di Weimar ed aprirono la strada al partito
Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori di Adolf Hitler che interpretava e cavalcava il malcontento
popolare.

(vedi schema pagina seguente)


1933 Ascesa al potere di Hitler

1935 La Germania esce dalla Società delle Nazioni e inizia a riarmarsi: coscrizione
obbligatoria

7 marzo 1936 Le forze armate tedesche entrano in Renania, regione tedesca che in seguito al
trattato di Versailles era stata smilitarizzata

1936 Hitler e Mussolini stringono un patto d’alleanza: costituzione Asse Roma-Berlino.


Patto favorito dall’isolamento dell’Italia da parte degli ex alleati per l’annessione
dell’Etiopia e, successivamente, per l’occupazione dell’Albania

24 ottobre 1936 1937. Hitler teorizza nel Mein Kampf l’idea della Grande Germania con
l’unificazione di tutte le popolazioni di lingua tedesca e la necessità dello spazio
vitale (Lebensraum) per la crescente popolazione germanica

Marzo 1938 Sfruttando la cosiddetta politica dell'appeasement di Francia e Inghilterra, ossia di


chiudere un occhio su alcune mosse espansioniste della Germania, l'Austria viene
pacificamente annessa al Reich tedesco (Anschluss)

1938 Occupazione della regione dei Sudeti, in Cecoslovacchia, abitata da una popolazione
di lingua tedesca

Settembre 1938 Conferenza di Monaco tra tedeschi, britannici, francesi e italiani. Viene concessa ad
Hitler la regione dei Sudeti come ultimo atto dell’espansionismo tedesco

Marzo 1939 Hitler occupa il resto della Cecoslovacchia: Boemia Moravia furono dichiarate
"protettorato del Reich", mentre in Slovacchia fu istituito un governo fantoccio della
Germania

1939 Hitler reclama la restituzione della città di Danzica e dei territori vicini, il cosiddetto
corridoio polacco, per riunificare il territorio tedesco con la Prussia Orientale

24 agosto 1939 l ministri degli esteri sovietico, Molotov, e tedesco, Ribbentropp, firmano un patto
segreto di non aggressione per dividere l'Europa orientale in due sfere d'influenza:
all'URSS le repubbliche baltiche e la Finlandia, prevedendo una spartizione della
Polonia tra Germania e Unione Sovietica

1 settembre Alle 04:45 del mattino, le truppe tedesche attraversano la frontiera polacca; due
1939 giorni dopo Francia e Regno Unito dichiarano guerra alla Germania, dando inizio
alla Seconda Guerra Mondiale