Sei sulla pagina 1di 27

Documento contenuto nel prodotto UNI 626 

edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

EUROPEAN STANDARD EN 14384


NORME EUROPÉENNE
EUROPÄISCHE NORM July 2005

ICS 13.220.10

English version

Pillar fire hydrants

Poteaux d’incendie Überflurhydranten

This European Standard was approved by CEN on 20 June 2005.

CEN members are bound to comply with the CEN/CENELEC Internal Regulations which stipulate the conditions for giving
this European Standard the status of a national standard without any alteration. Up-to-date lists and bibliographical references
concerning such national standards may be obtained on application to the Central Secretariat or to any CEN member.

This European Standard exists in three official versions (English, French, German). A version in any other language made by
translation under the responsibility of a CEN member into its own language and notified to the Central Secretariat has the same
status as the official versions.

CEN members are the national standards bodies of Austria, Belgium, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia, Finland,
France, Germany,
Germany, Greece, Hungary
Hungar y, Iceland, Ireland, Italy, Latvia, Lithuania,
Lithuan ia, Luxembourg, Malta, Netherlands, Norway,
Norway, Poland,
Portugal, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland and United Kingdom.

EUROPEAN COMMITTEE FOR STANDARDIZATION


COMITÉ EUROPÉEN DE NORMALISATION
EUROPÄISCHES KOMITEE FÜR NORMUNG

Management Centre: rue de Stassart, 36 B-1050 Brussels

 © 2005 CEN All rights of exploitation


exploitation in any form and by any means reserved worldwide
worldwide Ref. No. EN 14384:2005: E
for CEN national Members.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina III


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

INDICE

PREMESSA 1

INTRODUZIONE 2

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2

2 RIFERIMENTI NORMATIVI 2

3 TERMINI E DEFINIZIONI 3

4 REQUISITI DI PROGETTO 4
4 .1 Dimensioni .................................
.................................................
.................................
..................................
..................................
..................................
.................................. .............. 4
...............................

figura 1 Dimensioni generali ..................................


...................................................
..................................
.................................
.................................
.................................. ............... 5
................................
4 .2 Involucro ..................................
...................................................
.................................
.................................
..................................
..................................
.................................. ................. 5
..................................

prospetto 1 Materiali dell’involucro.................................


..................................................
.................................
.................................
..................................
.................................. ............ 5
.............................
4 .3 Elastomeri ..................................
..................................................
.................................
..................................
..................................
..................................
.................................. .............. 5
...............................
4 .4 Otturatore - valvola principale ..................................
...................................................
.................................
.................................
.................................. ....... 5
........................
4 .5 Materiali, compresi i lubrificanti, a contatto con acqua destinata al consumo
umano ................................
.................................................
..................................
..................................
..................................
.................................
.................................
.................................. ...... 6
.......................
4 .6 Tenuta e resistenza meccanica ................................ .................................................
..................................
..................................
.................................. .... 6
.....................

prospetto 2 Pressioni .................................


..................................................
..................................
.................................
.................................
..................................
..................................
.................................. ... 6
....................
4 .7 Componenti del meccanismo di manovra ................................. ..................................................
.................................. ................ 7
.................................
4 .8 Direzione di chiusura ................................
.................................................
..................................
..................................
..................................
.................................. ......... 7
..........................
4 .9 Giri di apertura .................................
..................................................
.................................
.................................
..................................
..................................
.................................. ...... 7
.......................

figura 2 Esempio di segni di apertura .................................


..................................................
..................................
..................................
.................................. ............... 7
................................
4 .1 0 Resistenza dell’idrante agli sforzi di manovra .................................. ..................................................
................................. ........ 7
.........................

prospetto 3 Coppia ................................


................................................
.................................
..................................
..................................
..................................
..................................
.................................. ........ 7
.........................
4 .1 1 Meccanismo di manovra ..................................
...................................................
.................................
.................................
.................................. ................... 8
..................................
4 .1 2 Attacchi di ingresso ..................................
...................................................
.................................
.................................
..................................
.................................. ............ 8
.............................
4 .1 3 Attacchi di uscita .................................
..................................................
..................................
..................................
..................................
................................. ................... 8
.................................
4 .1 4 Sistemi di scarico e di ventilazione .....................................................................................
.................................
................................. ............. 8
..............................
4 .1 5 Carenatura di sicurezza ................................
.................................................
..................................
.................................
.................................
.................................. .... 8
.....................

4 .1 6 Resistenza alla corrosione interna ed esterna ................................. .................................................


................................. ........ 8
.........................
4 .1 7 Colore ................................
................................................
.................................
..................................
..................................
..................................
..................................
................................. ......... 9
.........................
4 .1 8 Resistenza ai prodotti disinfettanti .................................
..................................................
..................................
................................. ................ 9
................................
4 .1 9 Idranti per impianti ad acqua non potabile ................................ .................................................
.................................. ................ 9
.................................
4 .2 0 Caratteristiche idrauliche .................................
..................................................
.................................
.................................
.................................. ................... 9
..................................

prospetto 4 Caratteristiche di flusso, fattore K  v minimo ................................


.................................................
..................................
.................................. ....... 9
........................

5 METODI DI PROVA 9
5 .1 Generalità ................................
.................................................
.................................
.................................
..................................
..................................
..................................
..................................
................. 9
5 .2 Dimensioni generali .................................
..................................................
.................................
.................................
..................................
..................................
.............................
............ 9
5 .3 Caratteristiche di erogazione .................................
..................................................
..................................
.................................
.................................
...........................
.......... 9
figura 3 Tipica configurazione di prova .................................
..................................................
..................................
..................................
.................................
..........................
.......... 10
prospetto 5 Campi di pressione differenziale ................................
.................................................
..................................
.................................
.................................
........................
....... 11
6 DESIGNAZIONE, MARCATURA E DATI AGGIUNTIVI 11
6 .1 Designazione ................................
.................................................
..................................
.................................
.................................
..................................
........................................ 11
.......................

prospetto 6 Designazione ................................


.................................................
..................................
..................................
..................................
.................................
.......................................... 11
..........................
6 .2 Marcatura degli idranti .................................
..................................................
..................................
..................................
.................................
..................................... 11
.....................
6 .3 Informazioni aggiuntive sull’idrante ..................................
..................................................
.................................
............................................ 12
...........................

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina IV


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7 VALUTAZIONE DI CONFORMITÀ 12
7.1 Generalità .................................................................................................................................................. 12
7.2 Prove iniziali di tipo ............................................................................................................................... 13
7.3 Controllo di produzione in fabbrica (FPC) ................................................................................ 14

APPENDICE ZA PUNTI DELLA PRESENTE NORMA EUROPEA RIGUARDANTI LE


(informativa) DISPOSIZIONI DELLA DIRETTIVA UE RELATIVA AI PRODOTTI DA
COSTRUZIONE (89/106/CEE) 17
ZA.1 Scopo e campo di applicazione e punti pertinenti ............................................................... 17
prospetto ZA.1 Punti pertinenti ........................................................................................................................................... 17
ZA.2 Procedimento per l'attestazione di conformità degli idranti antincendio a
colonna soprasuolo .............................................................................................................................. 18
prospetto ZA.2 Sistema di attestazione di conformità................................................................................................. 18
ZA.3 Marcatura CE ........................................................................................................................................... 18
figura ZA.1 Esempio di informazioni sulla marcatura CE ................................................................................... 19
ZA.4 Certificato e dichiarazione di conformità ................................................................................... 19

BIBLIOGRAFIA 21

APPENDICE NA REQUISITI PER L’ITALIA 22


NAZIONALE
(normativa)
NA.1 Scopo e campo di applicazione ..................................................................................................... 22
NA.2 Riferimenti normativi ............................................................................................................................ 22
NA.3 Termini e definizioni ............................................................................................................................. 22
NA.4 Requisiti ...................................................................................................................................................... 22
figura NA.1 Dispositivo di manovra ............................................................................................................................ 23
figura NA.2 Chiave di manovra .................................................................................................................................... 23
prospetto NA.1 Configurazioni ammissibili degli attacchi di uscita ......................................................................... 24

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina V


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

PREMESSA
La presente norma europea (EN 14384:2005) è stata elaborata dal Comitato Tecnico
CEN/TC 192 "Attrezzature di servizio antincendio", la cui segreteria è affidata al BSI, in
collaborazione con il CEN/TC 164 "Adduzione dell'acqua" e CEN/TC 69 "Valvole industriali".
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o
mediante pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro
gennaio 2006, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro
gennaio 2006.
La presente norma europea è stata elaborata nell'ambito di un mandato conferito al CEN
dalla Commissione Europea e dall'Associazione Europea di Libero Scambio ed è di
supporto ai requisiti essenziali della/e Direttiva/e dell'UE.
Per quanto riguarda il rapporto con la/e Direttiva/e UE, si rimanda all'appendice
informativa ZA che costituisce parte integrante della presente norma europea.
Il presente documento è parte di una serie di norme per gli idranti antincendio.
Il presente documento è la prima edizione della presente norma europea.
Non esiste alcuna norma internazionale per idranti antincendio a colonna soprasuolo.
In conformità alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Cipro,
Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia,
Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo,
Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e
Ungheria.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 1


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

INTRODUZIONE
Lo scopo dell’installazione di un idrante antincendio è fornire un collegamento (per
esempio un idrante) alla rete idrica a cui l’addetto al servizio antincendio possa collegare
l’apparecchiatura antincendio. Gli idranti antincendio a colonna soprasuolo sono costituiti
da una o più valvole e attacchi di uscita, in una struttura a colonna che emerge al di sopra
del livello del suolo. Essi hanno principalmente la funzione di alimentare acqua per
l’estinzione di incendi e sono utilizzabili anche con accessori per l’erogazione d’acqua
(come definiti nel punto 3.3).
La presente norma europea è conforme ai requisiti generali già stabiliti dal CEN/TC 164
nel settore dell’alimentazione d’acqua.
Relativamente ai potenziali effetti avversi sulla qualità dell’acqua destinata al consumo
umano, causati dal prodotto trattato dalla presente norma europea:
1) la presente norma europea non fornisce informazioni sulla possibilità di utilizzare il
prodotto senza limitazioni negli Stati Membri dell’UE o dell’EFTA;
2) occorre notare che, in attesa dell’adozione di criteri europei verificabili, restano in
vigore i regolamenti nazionali esistenti relativamente all’uso e/o alle caratteristiche di
questo prodotto.

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE


La presente norma europea specifica i requisiti minimi, i metodi di prova, la marcatura e la
valutazione di conformità degli idranti antincendio a colonna soprasuolo:
- da installare in un sistema di distribuzione dell’acqua;
- di dimensioni DN 80, DN 100 e DN 150;
- adatti a una pressione d’esercizio ammissibile, PFA, di PN 16 con o senza sistema
di scarico;
- con attacco di alimentazione verticale o orizzontale, flangiato o con estremità a
incastro o imboccata;
- con uno o due attacchi di uscita secondo i requisiti nazionali;
- con valvola a globo (tipo a vite) o a saracinesca.
La presente norma europea specifica inoltre la valutazione di conformità degli idranti
antincendio a colonna soprasuolo secondo i requisiti della presente norma europea.
La presente norma europea si applica agli idranti antincendio che convogliano acqua
potabile e non potabile e con acqua filtrata. Per altri liquidi, possono applicarsi requisiti
aggiuntivi.
I raccordi da collegare alle uscite non rientrano nello scopo e campo di applicazione della
presente norma europea e dovrebbero soddisfare i requisiti nazionali.

2 RIFERIMENTI NORMATIVI
I documenti richiamati di seguito sono indispensabili per l’applicazione della presente
norma europea. Per quanto riguarda i riferimenti datati, si applica esclusivamente
l'edizione citata. Per i riferimenti non datati vale l'ultima edizione del documento a cui si fa
riferimento (compresi gli aggiornamenti).
EN 681-1 Elastomeric seals - Material requirements for pipe joint seals used
in water and drainage applications - Part 1: Vulcanized rubber
EN 1074-1:2000 Valves for water supply - Fitness for purpose requirements and
appropriate verification tests - Part 1: General requirements
EN 1074-2:2000 Valves for water supply - Fitness for purpose requirements and
appropriate verification tests - Part 2: Isolating valves
EN 1074-6:2004 Valves for water supply - Fitness for purpose requirements and
appropriate verification tests - Part 6: Hydrants

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 2


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

EN 1092-1 Flanges and their joints - Circular flanges for pipes, valves, fittings
and accessories, PN designated - Part 1: Steel flanges
EN 1092-2 Flanges and their joints - Circular flanges for pipes, valves, fittings
and accessories, PN designated - Part 2: Cast iron flanges
EN 1503-1 Valves - Materials for bodies, bonnets and covers - Part 1: Steels
specified in European Standards
EN 1503-3 Valves - Materials for bodies, bonnets and covers - Part 3: Cast
irons specified in European Standards
EN ISO 9001:2000 Quality management systems - Requirements (ISO 9001:2000)

3 TERMINI E DEFINIZIONI
Ai fini della presente norma europea, si applicano i termini e le definizioni seguenti.

3.1 idrante: Collegamento a un sistema di alimentazione idrica comprendente una valvola di


isolamento.
[EN 1074-6:2004]

3.2 idrante antincendio : Idrante progettato per alimentare acqua per l’estinzione di incendi
durante tutte le fasi dell’incendio.

3.3 idrante antincendio a colonna soprasuolo : Idrante antincendio a forma di colonna, che
emerge al di sopra del livello del suolo, avente principalmente la funzione di alimentare
acqua per l’estinzione di incendi e utilizzabile anche con accessori per l’erogazione
d’acqua.

3.4 idrante antincendio a colonna soprasuolo a secco : Idrante antincendio a colonna


soprasuolo, la cui colonna si svuota automaticamente quando si chiude l’otturatore
principale.

3.5 idrante antincendio a colonna soprasuolo a umido : Idrante antincendio a colonna


soprasuolo, la cui colonna rimane piena d’acqua.

3.6 dispositivo a rottura prestabilita : Meccanismo che permette alla parte soprasuolo
dell’idrante di separarsi dalla parte sottosuolo quando soggetta a impatto, mantenendo la
tenuta dell’otturatore principale.

3.7 otturatore: Elemento mobile della valvola la cui posizione nel percorso del fluido
consente, limita o ostruisce il flusso del fluido (vedere EN 736-2).

3.8 otturatore libero: Dispositivo per il controllo del flusso in uscita dalla condotta ma che
impedisce il riflusso dell’acqua nella condotta.

3.9 involucro: Parte della valvola che sopporta la pressione.


Nota L’involucro comprende generalmente il corpo e, quando il progetto, comprende un cappello o un coperchio il
cappello del corpo o l’attacco per il coperchio del corpo (vedere EN 736-2).

3.10 dimensione nominale DN : Designazione alfanumerica delle dimensioni dei componenti di


un sistema di condotte, utilizzata a scopo di riferimento. Comprende le lettere DN seguite
da un numero intero adimensionale, che è indirettamente correlato alle effettive
dimensioni, in millimetri, del foro o al diametro esterno della connessione terminale.
[EN 1074-1:2000]

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 3


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

3.11 PN, pressione nominale : Designazione alfanumerica utilizzata per scopi di riferimento e
correlata a una combinazione di caratteristiche meccaniche e dimensionali di un
componente di un sistema di condotte. Comprende le lettere PN seguite da un numero
intero adimensionale.
[EN 1074-1:2000]

3.12 pressione massima ammissibile, PMA : Pressione idrostatica massima, compreso il colpo
d’ariete, che un componente è adatto a sopportare occasionalmente in esercizio.
[EN 1074-1:2000]

3.13 pressione di esercizio ammissibile, PFA : Massima pressione idrostatica che un


componente è in grado di sopportare, in modo continuo, in servizio.
[EN 1074-1:2000]

3.14 pressione di prova ammissibile, PEA : Pressione idrostatica massima che un componente
di nuova installazione può sopportare per un periodo di tempo relativamente breve, sia
quando fissato al di sopra del livello soprasuolo sia quando posato nel sottosuolo con
materiale di riempimento, per poter assicurare integrità e tenuta della tubazione (vedere
EN 1074-1).

3.15 coefficiente di flusso K  v (C  v):


Coefficiente uguale alla portata in metri cubi all’ora che
produce una perdita di carico di un bar attraverso l’idrante antincendio (vedere EN 736-3).

4 REQUISITI DI PROGETTO
4.1 Dimensioni
Le dimensioni (vedere figura 1) devono essere le seguenti:
- H  ≥ 300 mm.
L’angolo nominale dell’attacco deve essere 60° ≤ a ≤ 90°.
Tutti gli attacchi di uscita devono essere contenuti entro un angolo nominale incluso b  di
180° e devono consentire a tutti gli attacchi delle tubazioni flessibili di essere collegati
contemporaneamente.
La tolleranza per gli angoli nominali a  e b  deve essere di ±5°.
Le dimensioni generali devono essere misurate secondo il punto 5.2.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 4


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

figura 1 Dimensioni generali


Legenda
1 Livello del suolo
2 Punto di collegamento all’alimentazione d’acqua
a Angolo nominale dell’attacco di uscita
b Angolo nominale incluso degli attacchi di uscita
H 1 Distanza dall’attacco di uscita al livello del suolo
H 2 Distanza dalla sommità dell’idrante al punto di collegamento all’alimentazione d’acqua

4.2 Involucro
L’involucro degli idranti antincendio a colonna soprasuolo deve essere costruito con i
materiali indicati nel prospetto 1.
prospetto 1 Materiali dell’involucro
Materiale Norma di riferimento
Ghisa a grafite lamellare EN 1503-3
Ghisa a grafite sferoidale EN 1503-3
Acciaio EN 1503-1

4.3 Elastomeri
Tutte le guarnizioni di elastomero dell’idrante devono essere conformi alla EN 681-1.
Devono essere di tipo WA per l’uso con acqua potabile fredda, oppure adatte al fluido con
cui vengono a contatto (vedere punto 4.6).

4.4 Otturatore - valvola principale


È accettabile qualsiasi configurazione dell’otturatore principale purché soddisfi i requisiti
della presente norma europea.
Il fabbricante deve dichiarare se le caratteristiche di progetto dell’idrante permettono la
sostituzione dell’otturatore in situ.
Nota Per ragioni di sicurezza, la sostituzione dovrebbe essere eseguita quando l’idrante antincendio non è in
pressione.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 5


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

4.5 Materiali, compresi i lubrificanti, a contatto con acqua destinata al consumo umano
In attesa dell’introduzione di un E.A.S. (European Approvals Scheme) comune, tutti i
materiali utilizzati per la costruzione di un idrante, compresi i lubrificanti, che possono
venire a contatto con acqua destinata al consumo umano, devono essere conformi ai
regolamenti nazionali vigenti nel Paese di utilizzo.

4.6 Tenuta e resistenza meccanica


4.6.1 Generalità
L’idrante deve essere adatto all’uso alle pressioni indicate nel prospetto 2 e deve
soddisfare i requisiti dei punti da 4.6.2 a 4.6.4.
prospetto 2 Pressioni
PN PFA PMA PEAa) (1)
MPa (bar) MPa (bar) MPa (bar)
16 1,6 (16) 2,0 (20) 2,5 (25)
a) La pressione PEA si applica solo alle valvole che non sono in posizione di chiusura.

4.6.2 Involucro e tutti i componenti sotto pressione (comprese le guarnizioni degli steli)
4.6.2.1 Tenuta
Quando sottoposte a prova in conformità all’appendice A della EN 1074-1:2000,
utilizzando i valori PEA del prospetto 2, non devono esservi perdite visibili all’esterno della
valvola.
Nota Equivale alla classe A, come definita nella EN 1074-1:2004.

4.6.2.2 Resistenza meccanica


L’idrante che abbia superato la prova di tenuta non deve inoltre presentare alcun segno di
difetto.

4.6.3 Otturatore
4.6.3.1 Tenuta
Quando sottoposte a prova in conformità alll’appendice B della EN 1074-1:2000,
utilizzando il valore di pressione pari a 1,1 × PFA del prospetto 2, non devono esservi
perdite visibili all’esterno della valvola.
Nota Equivale alla classe A, come definita nella EN 1074-1:2004.

4.6.3.2 Resistenza meccanica


L’idrante che abbia superato la prova di tenuta non deve inoltre presentare alcun segno di
difetto.

4.6.4 Cicli di manovra, durata


I requisiti e i metodi di prova devono essere conformi al punto 5.5.1 della EN 1074-6:2004,
utilizzando i valori della massima coppia di manovra (MOT) indicati nel prospetto 3.

4.6.5 Durata del dispositivo di non ritorno (quando previsto)


I requisiti e il metodo di prova devono essere conformi al punto 5.5.2 della
EN 1074-6:2004.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 6


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

4.7 Componenti del meccanismo di manovra


Nel caso di un idrante antincendio provvisto del dispositivo a rottura prestabilita, i
componenti del meccanismo di manovra devono essere collegati al livello della linea di
rottura in modo tale da potersi separare qualora la colonna si rompa a seguito di un
impatto.
Il dispositivo a rottura prestabilita deve essere sottoposto a prova in conformità al punto
5.1.3.2 della EN 1074-6:2004.

4.8 Direzione di chiusura


L’idrante deve potersi chiudere ruotando il dispositivo di manovra in senso orario
guardando dall’alto.

4.9 Giri di apertura


Il numero effettivo di giri (N, con tolleranza ±1) per aprire completamente l’idrante
unitamente ai segni che indichino almeno la direzione di apertura devono essere riportati
in modo chiaro sulla parte superiore dell’idrante antincendio come indicato nella figura 2.
Nel caso di un idrante a colonna soprasuolo a umido, i segni devono trovarsi vicino ad
ogni singolo dispositivo di manovra.
Il fabbricante deve dichiarare il numero di giri del dispositivo di manovra dall’inizio del
flusso alla completa apertura (giri effettivi), il numero di giri del dispositivo di manovra
prima dell’inizio del flusso (giri a vuoto) nonché la loro somma (giri totali).
figura 2 Esempio di segni di apertura

4.10 Resistenza dell’idrante agli sforzi di manovra


4.10.1 Massima coppia d’esercizio (MOT) pergli sforzi di manovra
Quando sottoposta a prova secondo l’appendice C della EN 1074-6:2004, la coppia
richiesta per ottenere la tenuta dell’idrante deve corrispondere al valore appropriato
indicato nel prospetto 3.
Sono specificati tre intervalli di coppia:
- Intervallo 1 e intervallo 2: diametro del volantino ≤500 mm o lunghezza della
leva ≤500 mm;
- Intervallo 3: diametro del volantino >500 mm o lunghezza della
leva >500 mm.
prospetto 3 Coppia
Massima coppia d’esercizio Minima coppia di resistenza
(Nm) (Nm)
DN idrante 80 100 150 80 100 150
Intervallo di coppia 1 80 80 80 250 250 250
Intervallo di coppia 2 125 125 125 250 250 250
Intervallo di coppia 3 105 130 195 210 260 380

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 7


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

4.10.2 Minima coppia di resistenza (mST)


Quando sottoposta a prova secondo l’appendice A della EN 1074-2:2000, la coppia
richiesta per la resistenza dell’idrante deve corrispondere al valore appropriato indicato
nel prospetto 3.

4.11 Meccanismo di manovra


Il meccanismo deve essere azionabile mediante una chiave o un volantino con
caratteristiche di progetto valide nel Paese di utilizzo.

4.12 Attacchi di ingresso


Le flange di entrata devono permettere il collegamento a flange conformi alla EN 1092-1
o alla EN 1092-2 a seconda del materiale che costituisce l’involucro.
In funzione delle esigenze del cliente, le flange possono inoltre adattarsi a modelli di
flange più vecchi in conformità alle prescrizioni nazionali.
Quando l’entrata è di tipo speciale, il fabbricante deve dichiararne le dimensioni.
Nota In una prossima versione della presente norma, sarà riportato un elenco di costruzioni accettabili per
permettere ad ogni Stato Membro di scegliere quali applicare.

4.13 Attacchi di uscita


Il numero e le dimensioni degli attacchi di uscita devono essere come indicati di seguito:
- il DN del corpo deve essere maggiore o uguale al DN degli attacchi di uscita;
- il numero degli attacchi di uscita deve essere almeno pari a due per DN 150 (non per
gli altri DN).
Le uscite devono essere progettate in conformità ai requisiti nazionali validi nel Paese di
utilizzo.

4.14 Sistemi di scarico e di ventilazione


Le prestazioni del sistema di scarico, quando presente, devono soddisfare i requisiti del
punto 5.6 della EN 1074-6:2004. Il fabbricante deve inoltre dichiarare il volume dell’acqua
trattenuta e il tempo necessario per lo scarico.
Se è previsto un sistema di entrata dell’aria, questo deve chiudersi automaticamente
quando l’idrante è sottoposto alla pressione dell’acqua e aprirsi quando l’otturatore
principale è chiuso.

4.15 Carenatura di sicurezza


Quando prevista la carenatura di sicurezza deve essere progettata e costruita in modo
tale che, quando aperta, non costituisca intralcio per il collegamento della tubazione, per
il sistema di manovra o per il sistema di scarico.
Il dispositivo di chiusura della carenatura deve essere conforme ai requisiti regolamentari
applicabili nel Paese di utilizzo.

4.16 Resistenza alla corrosione interna ed esterna


4.16.1 Generalità
La resistenza alla corrosione e all’invecchiamento delle superfici interne a continuo
contatto con l’acqua e di tutte le superfici esterne dell’idrante (compresa la bulloneria) a
contatto continuo con il terreno, l’acqua o l’atmosfera circostante, deve essere garantita
attraverso una scelta appropriata dei materiali.

4.16.2 Rivestimento superficiale


Tutti i componenti di ghisa devono essere rivestiti come misura di protezione contro la
corrosione e, se pertinente, per preservare la qualità dell’acqua convogliata dall’idrante
destinata al consumo umano.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 8


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

4.16.3 Altri componenti


Altri componenti dell’idrante oltre a quelli specificati nel punto 4.16.1 devono essere
fabbricati utilizzando materiali resistenti alla corrosione per la durata di vita del prodotto
nelle condizioni d’uso previste.

4.17 Colore
Quando esistono regolamenti nazionali riguardo al colore, il colore dell’idrante deve
essere conforme a tali regolamenti. Quando il colore non è soggetto a tali regolamenti,
può essere concordato tra utilizzatore/acquirente e fabbricante.

4.18 Resistenza ai prodotti disinfettanti


Quando applicabile, il requisito e la prova devono essere conformi al punto 5.4 della
EN 1074-1:2000.

4.19 Idranti per impianti ad acqua non potabile


Quando l’idrante non convoglia acqua destinata al consumo umano, il fabbricante deve
garantire che tutti i materiali utilizzati nell’idrante (dove vengono a contatto con il fluido)
non siano danneggiati dal contatto con il fluido medesimo.

4.20 Caratteristiche idrauliche


Quando sottoposto a prova secondo il punto 5.3, il coefficiente di flusso K  v dell’idrante non
deve essere inferiore al valore appropriato indicato nel prospetto 4.
prospetto 4 Caratteristiche di flusso, fattore K  v minimo
Dimensioni e numero di uscite da sottoporre a prova
DN idrante 1 × 37,5 mm 2 × 37,5 mm 1 × 50 mm 2 × 50 mm 1 × 65 mm 2 × 65 mm 1 × 100 mm 2 × 100 mm 1 × 150 mm 2 × 150 mm
80 e 100 30 60 40 60 80 140 1601) - - -
150 - - - - 80 140 160 280 300 -
1) Non si applica al DN 80.
- Combinazione di DN e dimensione dell’ uscita non permessa.

5 METODI DI PROVA
5.1 Generalità
Per ragioni di sicurezza, prima di applicare la pressione idrostatica fare uscire tutta l’aria
dal componente da sottoporre a prova.

5.2 Dimensioni generali


Misurare o rilevare con un calibro le dimensioni specificate. Verificare che l’indicazione del
livello del suolo sia chiaramente visibile.

5.3 Caratteristiche di erogazione


Le caratteristiche di erogazione di ognuno degli attacchi di uscita dell’idrante antincendio
(con i raccordi) devono essere verificate individualmente e se vi sono due uscite con lo
stesso DN queste possono essere sottoposte a prova insieme. I valori K  v minimi devono
essere conformi al prospetto 4.
Nota Per esempio, per un idrante DN 150 avente due uscite DN 100 e un’uscita DN 65, ogni attacco di uscita può
essere sottoposto a prova verificandolo separatamente, oppure l’uscita DN 100 ( K  v  > 80) può essere
sottoposta a prova separatamente e le altre due uscite DN 65 possono essere sottoposte a prova insieme
(K  v > 140).
La prova deve essere eseguita con l’idrante in posizione di servizio verticale come
indicato di seguito.
Collegare alla flangia di entrata un tubo con lo stesso diametro nominale dell’idrante.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 9


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Nel caso di idranti a collegamento verticale, per sottoporre il campione a prova nella
posizione di servizio, collegare la flangia di entrata a una curva a 90° con raggio pari a
2,5 volte il diametro nominale del tubo.
La distanza tra la presa di pressione e la flangia di attacco deve essere pari ad almeno
2 volte il diametro nominale. A monte della presa di pressione d’entrata deve essere
prevista una lunghezza di tubo pari ad almeno 10 volte il diametro nominale.
Per la prova su un unico attacco di uscita, deve essere collegato sul raccordo d’uscita un
tubo di uguale diametro nominale. Una presa per la lettura della pressione deve essere
installata a una distanza di almeno 10 volte il diametro nominale, a valle dell’attacco di
uscita. Una tipica configurazione di prova è illustrata nella figura 3.
Quando devono essere sottoposti a prova due attacchi d’uscita, devono essere collegati
tubi con lo stesso diametro nominale degli attacchi di uscita, da disporre a "Y" per formare
un unico tubo con lo stesso DN dell’entrata. La presa di pressione deve essere installata
a una distanza di 10 volte il diametro nominale, a valle del punto di congiunzione dei due
tubi di uscita.
figura 3 Tipica configurazione di prova
Legenda
1 Presa di pressione
2 Valvola di regolazione
3 Presa di pressione
4 Valvola di regolazione
5 Flussometro
6 Campione di prova
X Perdita di carico
D  Diametro nominale della tubazione di entrata
d  Diametro nominale della tubazione di uscita

Eseguire la misurazione con un manometro indipendente o differenziale. In tutti i casi,


l’incertezza di misura della pressione differenziale non deve essere maggiore del 2%.
Misurare il flusso a monte o a valle dell’idrante con incertezza non maggiore del 5%.
Eseguire la misurazione per tre diversi valori di flusso, coprendo i campi di pressione
differenziale indicati nel prospetto 5.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 10


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

prospetto 5 Campi di pressione differenziale


Campi di pressione differenziale kPa (bar)
da 40 a 50 (da 0,4 a 0,5)
da 70 a 80 (da 0,7 a 0,8)
da 100 a 110 (da 1,0 a 1,1)

Per ogni misurazione, calcolare K  v come indicato di seguito:



K  V = -
---
---
---
---
---
----
-- (1)
 p 1 – p 2

dove:
Q  è la portata misurata (m3 /h);
 p 1 - p 2 è la perdita di carico misurata (bar).
Il K  v dell’idrante è la media dei tre valori ottenuti.

6 DESIGNAZIONE, MARCATURA E DATI AGGIUNTIVI


6.1 Designazione
L’idrante deve essere designato dalla lettera corrispondente (A, B, C o D), come indicato
nel prospetto 6.
prospetto 6 Designazione
Tipi Senza sistema a rottura Con sistema a rottura
prestabilita prestabilita
Con scarico (a secco) A C
Senza scarico (a umido) B D

6.2 Marcatura degli idranti


Tutti gli idranti devono essere provvisti di marcatura permanente nella parte superiore,
con le seguenti indicazioni:
- direzione di apertura;
- numero di giri per l’apertura.
Inoltre, tutti gli idranti devono essere marcati in modo sicuro e permanente riportando le
seguenti informazioni:
- riferimento alla presente norma europea, cioè EN 14384;
- DN;
- PN;
- marchio del fabbricante;
- data di fabbricazione;
- lettera di designazione;
- adeguatezza per il fluido trasportato; se l’acqua è potabile, riferimento alla EN 1074-6.
Nota Laddove il punto ZA.3 riporti le stesse informazioni del presente punto, i requisiti del presente punto sono
soddisfatti.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 11


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

6.3 Informazioni aggiuntive sull’idrante


La documentazione commerciale di accompagnamento del fabbricante (per esempio un
catalogo) deve fornire le informazioni elencate nel punto 6.2 e le seguenti informazioni
aggiuntive:
Numero della presente norma Attacchi di uscita:
europea, cioè EN 14384 - precisazioni concernenti la conformità ai
Dimensioni: requisiti nazionali validi nel Paese di
- secondo il punto 4.1, con riferimento utilizzo.
alla figura 1. Scarico (se applicabile):
Materiale costituente l’involucro: - volume di acqua trattenuta;
- secondo il prospetto 1. - tempo di scarico.
Dettagli dell’otturatore. Caratteristiche idrauliche: coefficiente K  v.
Approvazioni dei materiali in contatto Resistenza alla corrosione interna ed
con acqua destinata al consumo umano esterna.
(se applicabile): Rivestimento (se applicabile):
- precisazioni concernenti la conformità - precisazioni relative al tipo, al colore e
ai regolamenti nazionali vigenti allo spessore del rivestimento.
nel Paese di utilizzo.
Resistenza alla corrosione degli altri
Resistenza agli sforzi di manovra: componenti.
- campo (MOT, mST). Resistenza ai prodotti disinfettanti (se
Flange di entrata: applicabile).
- EN 1092-1 o EN 1092-2; Compatibilità con il fluido convogliato (se
- entrata di tipo speciale. applicabile):
Guida all’installazione e alla manutenzione. - idranti per impianti alimentati con acqua
non potabile.
Idrante per impianti alimentati con acqua
potabile, EN 1074-6.

Nota Laddove il punto ZA.3 riporti le stesse informazioni del presente punto, i requisiti del presente punto sono
soddisfatti.

7 VALUTAZIONE DI CONFORMITÀ
7.1 Generalità
La conformità di un idrante antincendio a colonna soprasuolo ai requisiti della presente
norma europea deve essere dimostrata mediante:
- prove iniziali di tipo;
- controllo di produzione in fabbrica da parte del fabbricante, compresa la valutazione
del prodotto.
Nota Il fabbricante è una persona fisica o giuridica, che immette l’idrante sul mercato sotto il proprio nome.
Generalmente, il fabbricante stesso progetta e fabbrica l’idrante. Esiste una prima possibilità secondo la
quale, può subappaltare la progettazione, la fabbricazione, l’assemblaggio, l’imballaggio, la lavorazione o
l’etichettatura del prodotto. Come seconda possibilità, può assemblare, imballare, lavorare o etichettare
prodotti finiti.
Il fabbricante deve garantire:
- che le prove iniziali di tipo in conformità alla presente norma europea siano avviate
ed eseguite (laddove applicabile, sotto il controllo di un organismo di certificazione di
prodotto); e
- che il prodotto sia costantemente conforme ai campioni sottoposti alle prove iniziali
di tipo, per i quali è stata verificata la conformità alla presente norma europea.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 12


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Il fabbricante deve sempre mantenere il controllo generale e deve avere la competenza


necessaria per assumersi la responsabilità del prodotto.
Il fabbricante deve essere pienamente responsabile della conformità dell’idrante a tutti i
requisiti regolamentari attinenti. Tuttavia, laddove il fabbricante utilizzi componenti la cui
conformità ai requisiti applicabili per quel componente sia già stata dimostrata (per
esempio mediante la marcatura CE), al fabbricante non è richiesto di ripetere la
valutazione che ha determinato tale conformità. Laddove il fabbricante utilizzi componenti
la cui conformità non sia stata dimostrata, è sua responsabilità assumersi l'impegno della
valutazione necessaria a dimostrarne la conformità.

7.2 Prove iniziali di tipo


7.2.1 Generalità
Devono essere eseguite prove iniziali di tipo per dimostrare la conformità alla presente
norma europea.
Tutte le caratteristiche indicate nel punto 4 devono essere oggetto di queste prove iniziali
di tipo, salvo come descritto dal punto 7.2.3 al punto 7.2.5.

7.2.2 Modifiche
In caso di modifiche dell’idrante o del metodo di fabbricazione (laddove queste possano
influire sulle proprietà dichiarate), devono essere eseguite prove iniziali di tipo. Tutte le
caratteristiche indicate nella presente norma europea che possono essere influenzate
dalla modifica, devono essere oggetto di queste prove iniziali di tipo, salvo come descritto
dal punto 7.2.3 al punto 7.2.5.

7.2.3 Prove precedenti e famiglie


Le prove eseguite precedentemente in conformità alle disposizioni della presente norma
europea possono essere prese in considerazione purché siano state eseguite nel rispetto
dello stesso o di un più rigoroso metodo di prova nell'ambito dello stesso sistema di
attestazione di conformità sullo stesso prodotto o su prodotti di simile progettazione,
costruzione e funzionalità, in modo tale che i risultati siano applicabili al prodotto in
questione.
Nota Per stesso sistema di attestazione di conformità si intendono prove condotte da una terza parte indipendente
sotto il controllo di un organismo di certificazione del prodotto.
I prodotti possono essere raggruppati per famiglie, laddove una o più caratteristiche siano
le stesse per tutti i prodotti o i risultati delle prove siano rappresentativi di tutti i prodotti
all'interno di quella famiglia. In questo caso, non tutti i prodotti della famiglia devono
essere sottoposti a prova ai fini delle prove iniziali di tipo.

7.2.4 Campioni di prova


Deve essere sottoposto a prova un solo prodotto per ogni modello e DN per verificare che
le caratteristiche di progetto dell’idrante soddisfino i requisiti dichiarati.
I campioni di prova devono essere rappresentativi della produzione normale. Se i
campioni di prova sono prototipi, devono essere rappresentativi della produzione futura
prevista e devono essere selezionati dal fabbricante.
Se la documentazione tecnica dei campioni di prova non fornisce una base sufficiente per
controlli di conformità successivi, deve rimanere disponibile un campione di riferimento
(identificato e marcato) a tal fine.

7.2.5 Rapporto di prova


Tutte le prove iniziali di tipo e i relativi risultati devono essere documentati in un rapporto
di prova.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 13


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7.3 Controllo di produzione in fabbrica (FPC)


7.3.1 Generalità
Il fabbricante deve stabilire, documentare e mantenere un sistema FPC per garantire che
gli idranti immessi sul mercato siano conformi alle caratteristiche prestazionali dichiarate.
L'FPC è il controllo interno permanente della produzione eseguito dal fabbricante.
Se il fabbricante subappalta la progettazione, la fabbricazione, l’assemblaggio,
l’imballaggio, la lavorazione e l’etichettatura dell’idrante, può essere preso in
considerazione l'FPC del fabbricante originale. Tuttavia, laddove esista un contratto di
subappalto, il fabbricante deve mantenere il controllo generale sui prodotti e assicurarsi di
ricevere tutte le informazioni necessarie per adempiere alle proprie responsabilità
secondo la presente norma europea. Il fabbricante che subappalta tutte le sue attività non
può, in nessun caso, scaricare le proprie responsabilità su di un subappaltatore.
Tutti gli elementi, i requisiti e le disposizioni adottate dal fabbricante devono essere
documentati in modo sistematico sotto forma di politiche e procedimenti per iscritto. Tale
documentazione, relativa al sistema di controllo della produzione, deve assicurare una
comprensione comune della valutazione di conformità e rendere possibile l'ottenimento
delle caratteristiche richieste del componente, nonché la verifica dell'effettivo
funzionamento del sistema di controllo della produzione.
Pertanto, il controllo di produzione in fabbrica raggruppa le tecniche operative e tutte le
misure che consentono il mantenimento e il controllo della conformità dell’insieme alle
relative specifiche tecniche. La sua messa in pratica può essere ottenuta mediante
controlli e prove sull'apparecchiatura di misurazione, sulle materie prime e i costituenti, i
processi, le macchine e l'apparecchiatura di fabbricazione e gli insiemi finiti, incluse le
proprietà dei materiali nei prodotti e mediante l'utilizzo dei risultati in tal modo ottenuti.

7.3.2 Requisiti generali


Il sistema di FPC deve soddisfare i requisiti come descritto nei seguenti punti della
EN ISO 9001:2000:
- 4.2 eccetto 4.2.1 a);
- 5.1 e), 5.5.1, 5.5.2;
- punto 6;
- 7.1 eccetto 7.1 a), 7.2.3 c), 7.4, 7.5, 7.6;
- 8.2.3, 8.2.4, 8.3, 8.5.2.
Il sistema di FPC può essere incluso in un sistema di controllo qualità, per esempio in
conformità alla EN ISO 9001.

7.3.3 Requisiti specifici del prodotto


7.3.3.1 Il sistema FPC deve:
- fare riferimento alla presente norma europea; e
- garantire che i prodotti immessi sul mercato siano conformi alle caratteristiche
prestazionali dichiarate.

7.3.3.2 Il sistema FPC deve comprendere un piano qualità o FPC specifico per il prodotto, che
identifichi procedimenti atti a dimostrare la conformità del prodotto in fasi appropriate,
ossia:
a) i controlli e le prove da eseguire prima e/o durante la fabbricazione con una
determinata frequenza; e/o
b) verifiche e prove da eseguire sui prodotti finiti con una determinata frequenza.
Se il fabbricante utilizza prodotti finiti, le operazioni di cui al punto b) devono portare a un
livello di conformità del prodotto equivalente a quello che sarebbe stato raggiunto se
durante la produzione fosse stato eseguito il normale FPC.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 14


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Se il fabbricante esegue personalmente alcune parti della produzione, le operazioni di cui


al punto b) possono essere ridotte e parzialmente sostituite dalle operazioni di cui al
punto a). Generalmente, quante più parti della produzione sono eseguite dal fabbricante,
tante più operazioni di cui al punto b) possono essere sostituite da operazioni di cui al
punto a). In tutti i casi, l'operazione deve portare a un livello di conformità del prodotto
equivalente a quello che sarebbe stato raggiunto se durante la produzione fosse stato
condotto il normale FPC.
Nota In funzione del caso specifico, può essere necessario eseguire le operazioni di cui ai punti a) e b), solo le
operazioni di cui al punto a) o solo quelle di cui al punto b).
Le operazioni di cui al punto a) riguardano tanto gli stati intermedi del prodotto quanto le
macchine di produzione e la loro regolazione, gli apparecchi di prova, ecc. Questi controlli
e prove e la loro frequenza sono scelti in base al tipo di prodotto e alla sua composizione,
al processo di fabbricazione e alla sua complessità, alla sensibilità delle caratteristiche del
prodotto alle variazioni dei parametri di fabbricazione, ecc.
Il fabbricante deve stabilire e conservare registrazioni che dimostrino che la produzione è
stata campionata e sottoposta a prova. Queste registrazioni devono chiaramente indicare
se la produzione abbia soddisfatto determinati criteri di accettazione. Laddove il prodotto
non soddisfi le misure di accettazione, si devono applicare le disposizioni sui prodotti non
conformi, l'azione correttiva necessaria deve essere intrapresa immediatamente e i
prodotti o i lotti non conformi devono essere isolati e identificati in modo appropriato. Una
volta che il difetto è stato corretto, la prova o la verifica in questione deve essere ripetuta.
I risultati dei controlli e delle prove devono essere adeguatamente registrati. La
descrizione del prodotto, la data di fabbricazione, il metodo di prova adottato, i risultati
delle prove e i criteri di accettazione devono essere immessi nelle registrazioni e
sottoscritti dalla persona responsabile del controllo/della prova. Relativamente a risultati
di controlli che non soddisfano i requisiti della presente norma europea, le misure
correttive intraprese per rettificare la situazione (per esempio un'ulteriore prova, la
modifica del processo di fabbricazione, lo scarto o la riparazione del prodotto) devono
essere indicate nelle registrazioni.

7.3.3.3 Prodotti singoli o lotti di prodotti e la relativa documentazione di produzione devono essere
completamente identificabili e rintracciabili.

7.3.4 Ispezione iniziale della fabbrica e del sistema FPC


7.3.4.1 L'ispezione iniziale della fabbrica e del sistema FPC deve generalmente essere eseguita
quando la produzione è già avviata e il sistema FPC è già implementato.
È tuttavia possibile che l'ispezione iniziale della fabbrica e del sistema FPC sia eseguita
prima che la produzione sia già avviata e/o prima che il sistema FPC sia già in essere.

7.3.4.2 Deve essere valutato quanto segue:


- la documentazione del sistema FPC; e
- la fabbrica.
Nella valutazione della fabbrica deve essere verificato:
a) che tutte le risorse necessarie al raggiungimento delle caratteristiche del prodotto
richieste dalla presente norma europea siano al momento o in futuro (vedere punto
7.3.4.1) disponibili; e
b) che i procedimenti FPC in conformità alla documentazione FPC siano al momento o
in futuro (vedere punto 7.3.4.1) messi in pratica e seguiti; e
c) che il prodotto sia conforme al momento o in futuro (vedere punto 7.3.4.1) ai
campioni delle prove iniziali di tipo, per i quali sia stata verificata la conformità alla
presente norma europea; e
d) se il sistema FPC sia parte di un sistema di controllo qualità in conformità alla
EN ISO 9001 (vedere punto 7.3.2) e come parte di tale sistema di controllo qualità
sia certificato e verificato con cadenza annuale da un organismo di certificazione.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 15


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

7.3.4.3 Devono essere visitate tutte le fabbriche del fabbricante dove, per un dato prodotto, si
eseguano l'assemblaggio finale e/o le prove finali, al fine di verificare che siano in atto le
condizioni di cui al punto 7.3.4.2, da a) a c). Una singola visita può riguardare uno o più
prodotti, linee di produzione e/o processi produttivi. Se il sistema FPC copre più di un
prodotto, una linea di produzione o un processo produttivo e se è stato verificato che i
requisiti generali sono stati soddisfatti, i requisiti generali per un prodotto possono essere
considerati rappresentativi del sistema FPC di altri prodotti. La verifica dettagliata dei
requisiti del sistema FPC specifici per prodotto, tuttavia, deve sempre essere eseguita.

7.3.4.4 Le valutazioni eseguite precedentemente in conformità alle disposizioni della presente


norma europea possono essere prese in considerazione purché siano state effettuate in
base allo stesso sistema di attestazione di conformità sullo stesso prodotto o su prodotti
di progettazione, costruzione e funzionalità simili, in modo che i risultati possano essere
considerati applicabili al prodotto in questione.

7.3.4.5 Tutte le valutazioni e i relativi risultati devono essere documentati in un rapporto.

7.3.5 Sorveglianza continua del sistema FPC


7.3.5.1 Tutte le fabbriche che siano state valutate secondo il punto 7.3.4 devono essere rivalutate
almeno una volta all'anno, ad eccezione di quanto indicato nel punto 7.3.5.2. In tal caso,
ad ogni visita FPC deve essere verificato un prodotto o processo di produzione diverso,
laddove applicabile.

7.3.5.2 In caso di certificazione di parte terza, se il fabbricante fornisce prova che il suo sistema
FPC funziona in modo soddisfacente con continuità, la frequenza di rivalutazione può
essere ridotta ad una volta ogni quattro anni.
Nota 1 Una prova sufficiente può essere il rapporto di un organismo di certificazione, vedere punto 7.3.4.2 d).
Nota 2 Se l'intero sistema di controllo qualità in conformità alla EN ISO 9001 è ben implementato (verificato nella
valutazione iniziale della fabbrica e del sistema FPC) e praticato in modo continuativo (verificato con i controlli
di CQ), si può presupporre che la parte integrante relativa a FPC sia coperta in modo adeguato. Su questa
base, il lavoro del fabbricante è ben controllato, in modo che la frequenza delle valutazioni speciali della
sorveglianza FPC possa essere ridotta.

7.3.5.3 Tutte le valutazioni e i relativi risultati devono essere documentati in un rapporto.

7.3.6 Procedimento per modifiche


In caso di modifica del prodotto, del metodo di produzione o del sistema FPC (laddove ciò
potesse ripercuotersi sulle proprietà dichiarate) deve essere eseguita una rivalutazione
della fabbrica e del sistema FPC per quegli aspetti che possono essere influenzati dalla
modifica.
Tutte le valutazioni e i relativi risultati devono essere documentati in un rapporto.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 16


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

APPENDICE ZA PUNTI DELLA PRESENTE NORMA EUROPEA RIGUARDANTI LE DISPOSIZIONI


(informativa) DELLA DIRETTIVA UE RELATIVA AI PRODOTTI DA COSTRUZIONE (89/106/CEE)

ZA.1 Scopo e campo di applicazione e punti pertinenti


La presente norma europea è stata elaborata nell'ambito del mandato M/109 conferito al
CEN dalla Commissione Europea e dall'Associazione Europea di Libero Scambio.
I punti della presente norma europea, indicati nella presente appendice, soddisfano i
requisiti del mandato conferito nell'ambito della Direttiva UE relativa ai prodotti da
costruzione (89/106).
La conformità ai presenti punti conferisce una presunta idoneità dei prodotti da
costruzione trattati dalla presente norma europea all’impiego previsto.
AVVERTENZA:  Altri requisiti ed altre Direttive UE, che non riguardano l'idoneità
all’impiego previsto, si possono applicare a un prodotto da costruzione che rientra nello
scopo e campo di applicazione della presente norma.
Nota In aggiunta ai punti specifici relativi a sostanze pericolose contenuti nella presente norma, possono esservi
altri requisiti applicabili ai prodotti che rientrano nel suo scopo e campo di applicazione (per esempio
legislazione europea trasposta e leggi nazionali, regolamenti e disposizioni amministrative). Per soddisfare le
disposizioni della Direttiva UE relativa ai prodotti da costruzione, anche questi requisiti devono essere
rispettati dove e quando si applicano. Una banca dati informativa relativa alle disposizioni europee e nazionali
sulle sostanze pericolose è disponibile al sito Internet Construction su EUROPA (cui si accede via
http://europa.eu.int/comm/enterprise/construction/internal/dangsub/dangmain.htm).
La presente appendice stabilisce le condizioni per la marcatura CE degli idranti
antincendio a colonna soprasuolo destinati all’impiego indicato nel prospetto ZA.1 e
identifica i relativi punti applicabili.
La presente appendice ha lo stesso scopo e campo di applicazione di cui al punto 1 della
presente norma.
prospetto ZA.1 Punti pertinenti
Prodotto da costruzione: Idranti antincendio a colonna soprasuolo.
Impiego(impieghi) previsto(i): Lotta all’incendio.
Caratteristiche essenziali Punti relativi ai requisiti della Livelli o classi mandatati Note
presente norma
Affidabilità di funzionamento:
- costruzione da 4.2 a 4.5, 4.7, 4.11, 4.14, 4.15,
4.17, 4.19 Passa/non passa
- pressioni 4.6
- direzione di chiusura 4.8
- numero di giri di apertura 4.9
- resistenza dell’idrante agli sforzi di manovra 4.10 Nessuno Valori
- resistenza ai prodotti di disinfettanti*) 4.18
- idranti per impianti ad acqua non potabile*) 4.19
- caratteristiche idrauliche 4.20 Valore K  v
Dimensionamento dei collegamenti 4.12, 4.13
Durata dell'affidabilità di funzionamento 4.16 Rivestimento e spessore, se
rispetto alla corrosione pertinente
Durata dell'affidabilità di funzionamento; 4.6.4 Passa/non passa
resistenza
*) Dove applicabile.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 17


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

ZA.2 Procedimento per l'attestazione di conformità degli idranti antincendio a colonna


soprasuolo
Il sistema di attestazione di conformità degli idranti antincendio a colonna soprasuolo
indicati nel prospetto ZA.1, come indicato nell’Allegato III del mandato, è illustrato nel
prospetto ZA.2 per l’impiego previsto indicato.
prospetto ZA.2 Sistema di attestazione di conformità
Prodotto Impiego previsto Livello(i) o classe(i) Sistema di attestazione di conformità
Idrante antincendio a colonna Sicurezza all'incendio - 1
soprasuolo
Sistema 1: Vedere CPD Allegato III.2.(I), senza prove di audit sui campioni.

L'organismo di certificazione del prodotto certificherà le prove iniziali di tipo di tutte le


caratteristiche indicate nel prospetto ZA.1 in conformità alle disposizioni del punto 7.2, e
per l'ispezione iniziale della fabbrica e del controllo di produzione in fabbrica e per la
sorveglianza continua, la valutazione e l'approvazione del controllo di produzione in
fabbrica, tutte le caratteristiche devono interessare l'organismo approvato.
Il fabbricante deve attuare un sistema di controllo della produzione in fabbrica in
conformità alle disposizioni del punto 7.3 e, per l’ulteriore verifica dei campioni prelevati
presso la fabbrica, deve eseguire le prove di produzione secondo il punto 7.4.

ZA.3 Marcatura CE
Il fabbricante o il suo rappresentante autorizzato designato nella EEA sono responsabili
dell’applicazione della marcatura CE. Il simbolo di marcatura CE da applicare deve
essere conforme alla Direttiva 93/68/CE e deve apparire sull’idrante unitamente alle
informazioni specificate nel punto 6.2. Inoltre, il simbolo della marcatura CE deve apparire
sull'imballaggio e/o sui documenti commerciali di accompagnamento, unitamente alle
informazioni seguenti:
- numero di identificazione dell'organismo di certificazione; e
- nome o marchio di identificazione del produttore/fornitore; e
- le ultime due cifre dell'anno in cui la marcatura è stata applicata;
- numero del certificato CE di conformità; e
- numero della presente norma (EN 14384); e
- tipo di prodotto (cioè idrante antincendio a colonna soprasuolo); e
- le informazioni richieste dal punto 6.3, eccetto le dimensioni richieste dal punto 4.1 e
il contatto con l’acqua potabile richiesto dal punto 4.5.
La figura ZA.1 fornisce un esempio di informazioni da riportare sull’imballaggio e/o sui
documenti commerciali d'accompagnamento.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 18


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

figura ZA.1 Esempio di informazioni sulla marcatura CE

0123
AnyCo Ltd, P.O. Box 21, B - 1050
06
0123-CPD-001
EN 14384
Idrante antincendio a colonna soprasuolo,
ghisa a grafite lamellare, DN 100, PN 16
Direzione di chiusura Senso orario
Numero di giri 3 e 10
Coppia (MOT, mST) Intervallo 2 (130, 260)
Flange di entrata e di
uscita Dimensione X e dimensione Y
Tipo B
v 80 per uscita DN 65
K  

In aggiunta alle specifiche informazioni relative alle sostanze pericolose indicate sopra, il
prodotto dovrebbe essere anche accompagnato, quando e dove richiesto e nella forma
appropriata, da una documentazione che elenchi altre legislazioni sulle sostanze
pericolose alle quali si dichiara la conformità, insieme a tutte le informazioni richieste da
tale legislazione.
Nota Non è necessario menzionare la legislazione europea senza deroghe nazionali.

ZA.4 Certificato e dichiarazione di conformità


Il fabbricante o il suo agente designato nella EEA devono redigere e conservare una
dichiarazione di conformità che autorizza ad applicare la marcatura CE. Tale
dichiarazione deve includere:
- nome e indirizzo del fabbricante, o del suo rappresentante autorizzato designato
nella EEA, e luogo di produzione;
Nota 1 Il fabbricante può anche essere la persona responsabile dell’immissione del prodotto sul mercato EEA,
se ne assume la responsabilità per la marcatura CE.
- descrizione del prodotto (tipo, identificazione, impiego) e una copia delle
informazioni di accompagnamento della marcatura CE;
Nota 2 Laddove alcune delle informazioni richieste per la Dichiarazione siano già contenute nelle informazioni
sulla marcatura CE, non è necessario ripeterle.
- disposizioni alle quali il prodotto è conforme (cioè appendice ZA della presente EN)
e un riferimento al(i) rapporto(i) delle prove iniziali di tipo e alle registrazioni del
controllo di produzione in fabbrica, se appropriato;
- condizioni particolari applicabili all'impiego del prodotto (se necessario);
- nome e indirizzo (o numero di identificazione) dell'organismo notificato di
certificazione del prodotto;
- nome e qualifica della persona incaricata di firmare la dichiarazione per conto del
fabbricante o del suo rappresentante autorizzato.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 19


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

La dichiarazione deve contenere un certificato di conformità con, in aggiunta alle


informazioni di cui sopra, le informazioni seguenti:
- nome e indirizzo dell'organismo di certificazione;
- numero del certificato;
- condizioni di validità del certificato, quando applicabile;
- nome e qualifica della persona incaricata di firmare il certificato.
La dichiarazione e il certificato devono essere presentati nella(e) lingua(e) ufficiale(i)
accettata(e) nello Stato Membro di utilizzo del prodotto.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 20


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

BIBLIOGRAFIA
[1] EN 736-2 Valves - Terminology - Part 2: Definition of components of valves
[2] EN 736-3 Valves - Terminology - Part 3: Definition of terms
[3] EN ISO 6708 Pipework components - Definition and selection of DN (nominal
size) (ISO 6708:1995)

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 21


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

APPENDICE NA REQUISITI PER L’ITALIA


NAZIONALE
(normativa)

NA.1 Scopo e campo di applicazione


La presente appendice specifica i requisiti e le caratteristiche degli idranti soprasuolo, non
trattati e/o non specificati dalla UNI EN 14384.

NA.2 Riferimenti normativi


La presente appendice rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni
contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati
del testo e sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte
nella presente appendice come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non datati
vale l’ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli
aggiornamenti).
UNI 810 Apparecchiature per estinzione incendi - Attacchi a vite
UNI 7421 Apparecchiature per estinzione incendi - Tappi per valvole e
raccordi per tubazioni flessibili

NA.3 Termini e definizioni


Ai fini della presente appendice si applicano i termini e le definizioni seguenti.

NA.3.1 profondità di interro : Distanza tra l’indicazione del livello del suolo e l’asse del foro del
sistema di scarico.

NA.3.2 attacco di prelievo : Attacco dell’idrante preposto solitamente alla connessione


dell’autocisterna, dal quale viene prelevata acqua dall’idrante allo scopo di riempire
l’autocisterna di acqua.

NA.3.3 attacco di uscita : Attacco dell’idrante preposto solitamente alla connessione delle
manichette antincendio, dal quale viene prelevata acqua dall’idrante per alimentare le
lance antincendio.

NA.4 Requisiti
NA.4.1 Dimensioni (vedere punto 4.1 della UNI EN 14384)
La profondità di interro dell’idrante deve essere definita dal progettista sulla base di
oggettive valutazioni relative alle condizioni ambientali onde evitare il pericolo di gelo. La
profondità di interro minima deve essere di 300 mm.
Si raccomanda l’impiego di idranti del tipo a secco.

NA.4.2 Dispositivo di manovra per apertura (vedere punto 4.11 della UNI EN 14384)
Il dispositivo di manovra per il comando di apertura deve essere realizzato con le
dimensioni indicate nella figura NA.1.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 22


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

figura NA.1 Dispositivo di manovra


Legenda
1 Vista dall’alto
2 Apre
Dimensioni in millimetri

La chiave di manovra deve essere realizzata come indicato nella figura NA.2.
figura NA.2 Chiave di manovra
Legenda
L  Lunghezza
Dimensioni in millimetri

La lunghezza ( L ) deve essere realizzata in funzione dell’intervallo di coppia come definito


nel prospetto 3 del punto 4.10.1 della UNI EN 14384.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 23


Documento contenuto nel prodotto UNI 626 edizione 2007.
E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riprod uzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

NA.4.3 Attacchi di uscita e prelievo (vedere punto 4.13 della UNI EN 14384)
Gli attacchi di uscita e di prelievo, quando presenti, devono essere costruiti secondo la
UNI 810 e provvisti di tappi secondo la UNI 7421, collegati all’idrante tramite robusta
catenella resistente contro la corrosione.
Le configurazioni degli attacchi di uscita ammesse in funzione del DN sono riportate nel
prospetto NA.1.
prospetto NA.1 Configurazioni ammissibili degli attacchi di uscita
Flangia di attacco Numero di attacchi UNI 810
DN A 1 = 70 A 2 = 100 Posizioni
80 2 -

100 2 1

2 -

150 2 1

3 1

2 -

NA.4.4 Colore (vedere punto 4.17 della UNI EN 14384)


Deve essere eseguita una verniciatura con ciclo adatto alle condizioni ambientali in cui
deve essere impiegato l’idrante.
Il colore deve essere rosso (RAL 3000). Per l’uso in ambiente pubblico, ove richiesto, deve
essere prevista una striscia bianca di materiale retro riflettente alta almeno 40 mm.

UNI EN 14384:2006  © UNI Pagina 24