Sei sulla pagina 1di 4

Accompagnamento Pianistico

Partitura
Ramo Cantanti A. Lobello
 Studio n°6
     
Voce  

     
         
        
Pianoforte
          

5
    


     
5

      
      
Pf.
         

     
         
9


9
    
        
        
Pf.
        

2 Accompagnamento Pianistico

             
13


   
13

        
       
Pf.
        

             
17


     
17

       
       
Pf.
        


          
        
21

21
    
        
       
Pf.
        

Accompagnamento Pianistico 3

         
         
25


      
25

      
     
Pf.
         

 
espress.

         
29


legato


                  
29

      
Pf.
      

 
            
33

                   
    
33


Pf.
     
4 Accompagnamento Pianistico

    
        
37

 


                     
37


 
     
Pf.



 

               
41


                    
41

    
Pf.
        

      
        
45

   
          
45

    
Pf.
   

   

Di questo studio, che come andamento riprende il precedente n°5, ossia un allegro in 3/4, in un solo
movimento, per cui rientra nei tempi composti, sottolineo sempre l'importanza del fraseggio.
Dal punto di vista pianistico il semplice accompagnamento è leggermente variato dal basso, formato
da una minima legata ad una croma e la croma successiva.
Dal punto di vista della tonalità, rappresenta un esempio di modulazione permanente. Infatti la tonalità
iniziale viene lasciata definitivamente e lo studio termina nella tonalità sottodominantica vicina.
La cadenza finale IV - I che si protrae per 4 battute (43-46) è una cadenza plagale con il terzo grado
abbassato.

Potrebbero piacerti anche