Sei sulla pagina 1di 2

La storia del cinema è costellata di piccole e grandi invenzioni tecniche.

Anche in questo campo il


progresso di fatto non si è mai arrestato, e ha visto alcune svolte epocali, come il passaggio dal muto al
sonoro, dal bianco e nero al colore, dallo schermo quadrato a quello panoramico e dalla pellicola
analogica al digitale. Come conseguenza di tale rapido sviluppo tecnologico accaduto in oltre 120 anni,
è aumentato il grado di specializzazione delle maestranze impegnate sui set, e sono state create nuove
figure professionali.
La cinematografia intesa come proiezione di immagini in movimento ha numerosi antenati, che
risalgono fino al mondo antico. In oriente esisteva la rappresentazione delle Ombre cinesi, mentre in
Europa abbiamo studi ottici sulle proiezioni tramite lenti fin dal 1490, con la camera oscura leonardiana.
Fu però dal XVIII secolo che nacque l'antenato più prossimo allo spettacolo cinematografico,
la lanterna magica, che proiettava su una parete di una stanza buia immagini dipinte su vetro e
illuminate da una candela dentro una scatola chiusa, tramite un foro con una lente. Simile, ma opposto
per modo di fruizione, era il Mondo nuovo, una scatola chiusa illuminata all'interno dove però si doveva
guardare all'interno per vedere le immagini illuminate: tipico degli ambulanti tra XVII e XX secolo,
rendeva possibile una fruizione anche di giorno, anche all'aperto.
Il cinema nasce alla fine del XIX secolo. Per definire le ricerche che hanno portato all'invenzione del
cinema, quindi precedenti al primo film effettivo del 1891, si parla di Precinema[1]. Dopo la nascita
della fotografia si iniziò a studiare la riproduzione del movimento in scatti consecutivi. Sfruttando i
principi dei dispositivi ottici del passato, si iniziarono a cercare modi di proiettare fotografie in
successione, in modo da ricreare un'illusione di movimento estremamente realistica: tra le centinaia di
esperimenti in tutto il mondo, ebbero buon fine il Kinetoscopio di Thomas Edison (ispirato al "mondo
nuovo") e il Cinematografo dei Fratelli Lumière (ispirato alla lanterna magica).
Si è spesso affermato che gli inventori del cinema fossero i fratelli Lumière. Loro stessi non hanno
rivendicato quanto sostenuto, correggendo queste affermazioni e dicendo che il cinema è stato il
risultato di ricerche perseguite febbrilmente in tutto il mondo e che ciascuno aveva raggiunto il suo
scopo. Infatti i primi film, come sostiene Laurent Mannoni, storico del cinema e conservatore di
apparecchi alla Cinémathèque française, furono registrati con il Kinétographe dell'americano Thomas
Edison, brevettato il 24 agosto 1891, impiegando un film perforato a 35 mm e un sistema
d'avanzamento intermittente della pellicola denominato roue à rochet, che pressappoco può significare
"ruota a rocchetto". Tra il 1891 e il 1895, Edison realizzò circa 70 film con questo sistema[2]
Ma le illusioni dell'immagine in movimento precedenti questo apparato (all'inizio del XIX secolo) erano
fornite da una sorta di giocattoli scientifici che utilizzavano dei disegni rappresentanti un soggetto alle
prese con le fasi differenti di un gesto scomposto in due o una dozzina di vignette, la cui successione
veniva visualizzata attraverso fessure o specchi rotanti. Questi "giochi da salotto", che presto
affezionarono un pubblico benestante, erano finalizzati a sviluppare la curiosità scientifica nelle menti
dei ragazzi di famiglie abbienti. Tra essi vanno citati il Phénakistiscope del belga Joseph Plateau,
lo Zootrope dell'inglese William George Horner, il Folioscope del francese Pierre-Hubert Desvignes,
che è un adattamento del Flipbook dell'inglese John Barnes Linnett, e il Praxinoscope del
francese Charles-Émile Reynaud. Senza dimenticare lo Zoopraxiscope del fotografo
britannico Eadweard Muybridge, va altresì notato che Muybridge e il suo equivalente francese, il
celebre Étienne-Jules Marey, svilupparono diversi macchinari con processi ottici per fini più scientifici
anziché commerciali, per tentare di decomporre, e quindi studiare, i movimenti di esseri umani o
animali, e in generale tutti quei fenomeni troppo veloci per essere analizzati dall'occhio umano come,
ad esempio, la caduta di gocce d'acqua, esplosioni o reazioni chimiche.
Nel 1872 l'uomo d'affari e governatore della California Leland Stanford chiese a Eadweard Muybridge
di confermare una sua ipotesi, ovvero che durante il galoppo di un cavallo esiste un istante in cui tutte
le zampe sono sollevate da terra. Il 19 giugno 1873, Muybridge fotografò con successo un cavallo da
corsa chiamato "Sallie Gardner" utilizzando 24 fotocamere, sistemate parallelamente lungo il tracciato,
e ogni singola macchina veniva azionata da un filo colpito dagli zoccoli del cavallo ogni 21 centimetri
per coprire i 20 metri di estensione della pista, e le foto venivano scattate in un millesimo di secondo.
[3] Questa sequenza di fotografie in movimento, chiamata "Sallie Gardner at a Gallop"[4], della durata
di 3 secondi, mostrò come gli zoccoli si sollevassero dal terreno contemporaneamente, ma non nella
posizione di completa estensione, come era comunemente raffigurato. Nove anni più tardi, nel 1882,
Étienne-Jules Marey costruì il primo fucile cronofotografico, che era capace di riprendere 12
fotogrammi al secondo, registrando tutti i fotogrammi del singolo film. Il secondo film
sperimentale, Roundhay Garden Scene, filmato da Louis Le Prince il 14 ottobre 1888, e della durata di
2 secondi, è il più vecchio filmato esistente, certificato dal Guinness dei primati; l'autore preparò un
brevetto statunitense per un nuovo dispositivo a 16 lenti su una pellicola di 60 mm, ma non riuscì a
depositarlo, né poté eseguire la proiezione del film presso un pubblico.