Sei sulla pagina 1di 6

1

PRAGMATICA E LINGUISTICA TESTUALE FILOLOGIA MODERNA


Docente: Nitti Paolo
Il livello più alto di analisi della linguistica testuale è IL TESTO
Parlare più del necessario è una violazione della massima di QUANTITÀ
Un dialogo tipico al ristorante è UN COPIONE
Ordinare dal livello micro al livello macro
PROPOSIZIONE>PERIODO>ENUNCIATO>DISCORSO>TEST
Deviare il discorso è una violazione della massima di RELAZIONE
La teoria del principio di cooperazione è di GRICE
Il sintagma "linguistica testuale" è stato coniato da COSERIU
L'opera Logic and Content è di GRICE
L'etimo della parola "testo" rimanda AL PROCESSO
Quale di queste è un'inferenza obbligata rispetto alla frase: "Luigi è tornato a casa"LUIGI HA
UNA CASA
"Fumare qui, non se ne parla neppure". "Fumare qui" è un TEMA SOSPESO
Il rema spesso coincide con il NUOVO
Il tema spesso coincide con il DATO
Tema e rema appartengono all'analisi TEMATICA
"Dove credi che vada?". "Dove" è il TEMA
"Lei studia". "Lei" è il TEMA
"Pelino, il suo manto è tigrato". "Pelino" è un TEMA
"Io sì che voglio superare l'esame". "Io sì" è il REMA
"Con Luigi non siamo mai stati a cena". "Con Luigi" è il NUOVO
COLUI CHE COPIE L’AZIONE è UN SOGGETTO LOGICO
Quali tra questi è un verbo tetravalente?VENDERE
Nella frase "quanto alla pizza, a me piace quella pugliese" NON C'È UN AGENTE
Una frase insatura PUÒ ESSERE CORRETTA SUL PIANO GRAMMATICALE
Quale tra questi è un verbo zerovalente?NEVICARE
Nella frase "il pappagallo è stato divorato dal gatto", il gatto è AGENTE
Quale tra questi è un verbo zerovalente?GRANDINARE
Nella frase "la grandine ha distrutto la casa" la grandine è LO STRUMENTO
Un'unità che prova un processo psicologico è definita ESPERIENTE
La grammatica valenziale è stata introdotta da TESNIÈRE
Nella frase "il poliziotto interrogò il ladro", il poliziotto è TEMA
Le proprietà di un testo sono UNITARIETÀ, CONTINUITÀ E PROGRESSIONE
Il piano logico si basa SUL COLLEGAMENTO TRA LE PARTI
Il piano enunciativo si basa SUL PUNTO DI VISTA
La natura di un testo è essenzialmente FUNZIONALE
La sostanza di un testo è primariamente SEMANTICA
Il contenuto semantico di un testo proviene DALLA DECODIFICA E DALL'INFERENZA

1
2

L'architettura di un testo si basa SU RELAZIONI GERARCHICHE


L'unità fondamentale di un testo è COMUNICATIVA
Il piano referenziale si basa SULLA SELEZIONE DEI CONTENUTI
Gli elementi di un testo che si riferiscono allo stesso referente si chiamano COREFERENTI *
Il contesto interviene sul significato per ARRICCHIRLO, DISAMBIGUARLO, PRECISARLO,
COMPLETARLO
L'inferenza si basa SUL CONTESTO
La selezione degli elementi del contesto deriva DAGLI SCOPI
La costruzione del contesto avviene tramite LA LINGUA
Il contesto è VARIABILE E NEGOZIABILE
Il contesto è IL PRESUPPOSTO DELLA COMUNICAZIONE
Il contesto è UNO SFONDO COGNITIVO
La decodifica si basa SULLE FORME LINGUISTICHE
L'enciclopedia mentale è costituita DAGLI EPISODI SPECIFICI E DALLE CONNESSIONI
CONCETTUALI
L'inferenza è un meccanismo COGNITIVO
L'anafora retorica coincide con l'anafora testualeFALSO
Quali tra questi non è un indefinito?QUESTO
Quali tra questi non è un dimostrativo?NESSUNO
L'anafora retorica consisteNELLA RIPETIZIONE DI UN TERMINE ALL'INIZIO DI UN VERSO O DI
UNA FRASE
L'epifora consisteNELLA RIPETIZIONE DI UN TERMINE ALLA FINE DI UN VERSO O DI UNA FRASE
Il poliptoto consiste NEL MANTENIMENTO DEL MORFEMA LESSICALE, MA NELLA VARIAZIONE
DEL LESSEMA GRAMMATICALE
La ripetizione È DA EVITARE SOLAMENTE IN ALCUNI TIPI DI TESTO
Il pronome possessivo SOTTINTENDE UN NOME
I pronomi relativi tendono A SEGUIRE L'ANTECEDENTE
I pronomi indefiniti POSSONO RIMANDARE A TUTTO IL SINTAGMA O SOLAMENTE A UNA
PARTE
"Casa, casina" è UN POLIPTOTO
"Partire, partirò" è UN POLIPTOTO
"Per me si va nella città dolente / Per me si va nell'eterno dolore / Per me si va tra la perduta
gente" è UN'ANAFORA RETORICA
"Ucci ucci, sento odor di cristianucci" è NESSUNA DELLE RISPOSTE
"Salare o salire?" è NESSUNA DELLE RISPOSTE
"Lealtà leale" è UN POLIPTOTO
"Realtà leale" è NESSUNA DELLE RISPOSTE
"Umano troppo umano" èUN'EPIFORA
"Romanzo romanzato" è UN POLIPTO

2
3

"Ha qualcosa di brutto alle spalle, lasciato in un film / Certamente, hai qualcosa di brutto alle
spalle lasciato in un film" è UN'EPIFORA
La mancanza di ripetizioni RISCHIA DI CREARE AMBIGUITÀ
La mancanza di ripetizioni rischia DI APPESANTIRE LA SINTASSI
L'accumulazione prevede IL RICORSO A ELEMENTI SINTATTICAMENTE EQUIVALENTI
L'accumulazione consiste in una LISTA
l'uso delle ripetizioni non è sanzionato nella cultura scolastica ANGLOSASSONE
Un climax è NESSUNA DELLE RISPOSTE
Un climax èUN ELENCO PROGRESSIVO SUL PIANO DEL SIGNIFICATO
L'accumulazione è CAOTICA NELLA LETTERATURA
L'accumulazione in letteratura è APPARENTEMENTE CAOTICA
"Brutto tempo, pioggia, tempesta, tormenta, catastrofe" è CLIMAX
La catafora comporta UNA SOSPENSIONE DELL'INTERPRETAZIONE DEL TESTO
Il cotesto e il paratesto aiutano a comprendere il piano semantico di una catafora TALVOLTA
La catafora è un procedimento MARCATO
L'anafora è un procedimento NON MARCATO
L'elemento cataforico il testo SEGUE
L'elemento anaforico il testo PRECEDE
Un modo per gestire i dubbi metalinguistici è affidato ALLA RIPETIZIONE
Quale elemento può contribuire all'espressione del disaccordo? LA PROSODIA
Le ripetizioni sono utilizzabili come rinvii cataforici MAI
La catafora realizza un effetto di ATTESA
L'ellissi grammaticale riguarda LA RIMOZIONE DI UNA PARTE DELLA FRASE
L'ellissi retorica riguarda UN ESPEDIENTE LETTERARIO
L'ellissi co-testuale riguarda L'OMISSIONE DI UN TERMINE RECUPERABILE
L'ellissi contestuale riguarda LA POSSIBILITÀ DI RECUPERARE GLI ELEMENTI DAL CONTESTO
L'ellissi pronominale per i soggetti, in italiano, è MOLTO ATTESA
In italiano l'ellissi è obbligatoria nella principale se IL SOGGETTO DELLA PRINCIPALE COINCIDE
CON QUELLO DELLA COORDINATA
In italiano, quale elemento non è possibile elidere? L'OGGETTO
In italiano, quale elemento è possibile elidere IL PREDICATO
Il vincolo anaforico impone di interpretare come coreferente con il soggetto della principae,
quello della subordinata NELLA SUCCESSIONE REGGENTE+SUBORDINATA
L'ellissi consiste in una di una parola, che rimane sottintesa SOPPRESSIONE
Gli avverbi possono essere deittici VERO
L'origo è IL PUNTO DI OSSERVAZIONE
I pronomi che hanno uso esclusivamente deittico sono quelli di PERSONA
L'origo rende la deissi dipendente DALLA PROSPETTIVA DI UN INTERATTANTE
I pronomi possono essere deittici VERO
Il punto d'attacco della deissi va ricercato NELL'EXTRATESTO

3
4

"Sali al primo piano e trovi un divano, a destra vedi un armadio". Si tratta di DEISSI
FANTASMATICA
"Qui si mangia pizza". "Qui" è un elemento DEITTICO
"Torno a trovarti giovedì". "Giovedì" è un elemento DEITTICO
Il campo indicale è l'insieme DELLE COORDINATE SPAZIO-TEMPORALI
Il futuro anteriore è un tempo DEITTICO-ANAFORICO
Il condizionale composto è un tempoDEITTICO-ANAFORICO
Il passato prossimo è un tempo DEITTICO
I tempi deittico-anaforici sono caratterizzati da un ancoraggio temporale COMPLESSO
I tempi deittici sono caratterizzati da un ancoraggio temporale SEMPLICE
Il passato remoto è un tempo DEITTICO
L'avverbio "ora" indica rispetto al momento dell'enunciazione CONTEMPORANEITÀ
Il trapassato remoto è un tempo DEITTICO-ANAFORICO
L'imperfetto è un tempo DEITTICO
Il trapassato prossimo è un tempo DEITTICO-ANAFORICO
Quale principio permette di ricostruire un proverbio troncato a metà? L’INTERTESTUALITÀ
Quale di questi non è un principio regolativo di un testo?COERENZA
L'accettabilità riguarda IL RICEVENTE
L'intenzionalità riguarda L’EMITTENTE
Quale di questi non è un principio costitutivo di un testo? EFFICIENZA
Quale di questi non è un principio costitutivo di un testo?EFFETTIVITÀ
Quale di questi non è un principio costitutivo di un testo?APPROPRIATEZZA
Quale di questi non è un principio costitutivo di un testo?CORRETTEZZA
Quale di questi non è un principio costitutivo di un testo?EFFETTIVITÀ
Quale di questi non è un principio regolativo di un testo?EFFICACIA
Il venetico È UNA LINGUA ITALICA
L'antico prussiano è una lingua BALTICA - L'osco è ESTINTO
Il venetico è UNA LINGUA ITALICA
Le lingue nordiche sono DANESE, SVEDESE E NORVEGESE
Nel Novecento si ha una produzione letteraria in latino, a cura di PASCOLI
Il latino carolingio si definisce RESTAURATO
Il latino scompare come lingua viva FRA 600 E 800
Le lingue neolatine derivano DAL LATINO VOLGARE
Il greco è stato documentato a partire dal II MILLENNIO A C
Da "calidum" a "caldo" si verifica SINCOPE
Le vocali lunghe latine generalmente sono pronunciate in italiano come CHIUSE
La "a" breve latina, in italiano RESTA “A”
Dal latino all'italiano, sul piano del mutamento fonetico, è interessante il passaggio DALLA
QUANTITÀ AL TIMBRO DELLA VOCALE
Le vocali brevi latine generalmente sono pronunciate in italiano come APERTE

4
5

La "o" breve latina in sillaba aperta, in italiano DITTONGA


Le vocali brevi latine, in italiano SONO PIÙ SOGGETTE A MUTAMENTI
"Au" latino in italiano diviene - O
Da "speculum" a "specchio" si verifica APOCOPE
Sincope Da "oculum" a "occhio" si verifica METAFONESI
Il catalano appartiene al gruppo GALLO-ROMANZO
Lo spagnolo castigliano appartiene al gruppo IBERO-ROMANZO
Il rumeno appartiene al gruppo BALCANO-ROMANZO
Il piemontese appartiene al gruppo GALLO-ROMANZO
Il veneto rispetto al lombardo èPIÙ CONSERVATIVO
Il dalmatico appartiene al gruppo BALCANO-ROMANZO
Il sardo è UNA LINGUA A SÉ, DIVISA A SUA VOLTA
Il contesto locale riguarda SITUAZIONI DI TIPO COGNITIVO E LINGUISTICO
La "e" breve latina diventa in italiano E APERTA
L'isoglossa più significativa in Italia è la linea
LA SPEZIA-RIMINI
Il veneto rispetto al piemontese èPIÙ CONSERVATIVO
Il friulano appartiene al gruppo ITALO-ROMANZO
I principi di concatenazione permettono di distinguere SEQUENZE BEN FORMATE DA QUELLE
MALFORMATE
Le transazioni sono concepite come domini tematici OMOGENEI
Gli interattanti sono I PARTECIPANTI ALL’INTERAZIONE
La sintassi si occupa DEL RAPPORTO FRA I SEGNI
La semantica si occupa DEL RAPPORTO FRA SEGNI E REFERENTI
L'interazione riguarda TUTTE E TRE LE RISPOSTE
Il contesto globale riguarda LE COMPONENTI SOCIOLINGUISTICHE
La pragmatica è interessata alla relazione tra i segni e CHI LI USA
Nella teoria dei segni di Morris si distinguono tre livelli. Individuare la tripletta corretta
SEMANTICA, SINTASSI, PRAGMATICA
Un'enciclopedia è un testo INFORMATIVO
La fiaba è un testo NARRATIVO
Il termine "ipertesto" è stato coniato da NELSON
La ricetta di cucina è un testo REGOLATIVO
La campagna elettorale di un politico è di natura ARGOMENTATIVA
Il code-switching è UN CAMBIAMENTO DI VARIETÀ
Il registro dipende DALLA SITUAZIONE COMUNICATIVA
Il repertorio include:DIALETTI, LINGUE, VARIETÀ
La presenza di maiuscole è indice della variabilità DIAMESICA
La prefazione è scritta solitamente DA UN ESPERTO
Un testo pragmatico ha uno scopo PRATICO
La poesia è un testo NESSUNA DELLE RISPOSTE
5
6

Il resoconto di viaggio è un testo DESCRITTIVO


L'arringa di un avvocato è un testo ARGOMENTATIVO
La dimensione diafasica riguarda LA SITUAZIONE COMUNICATIVA
La dimensione diamesica riguarda IL CANALE COMUNICATIVO
I sottocodici fanno parte della dimensione DIAFASICA
Al sociolinguista interessa meno la dimensione DIACRONICA
Pronunciare "rosa" attraverso una fricativa dentale sorda è una varietà DIATOPICA
Mastichi il "cicles" è una varietà DIATOPICA
L'esperanto è una lingua A POSTERIORI, IN PARTE NATURALISTA
L'Accademia della Crusca è stata fondata nel1582
L'inventore dell'esperanto è ZAMENHOF
L'Académie Française definiva "bel usage" LA LINGUA DEL POPOLO
La riforma ortografica della varietà americana dell'inglese è stata promossa da WEBSTER
Il romanés è una lingua DI MINORANZA
Le lingue di minoranza sono tutelate dalla legge 482/99
Il franco-provenzale è parlato in PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E PUGLIA
In Sardegna, oltre al sardo e all'italiano, si parla anche il CATALANO
L'occitano è parlato in PIEMONTE E CALABRIA
Secondo Peyronel, gli errori di forma SONO MENO GRAVI DI QUELLI DI CONTENUTO
Secondo Peyronel, sono errori comuni degli studenti I SALTI LOGICI
Un testo con troppi refusi, secondo PeyronelÈ UNA MANCANZA DI RISPETTO PER CHI LEGGE
La pragmatica è entrata nella didattica delle lingue GRAZIE ALLA CERTIFICAZIONE
Il consiglio che offre Peyronel agli studenti è di RILEGGERE
La competenza pragmatica rientra all'interno della COMPETENZA COMUNICATIVA
A seconda degli ambiti di studio o professionali LA LINGUA VARIA
Un problema degli studenti durante gli esami orali, secondo Peyronel, è LA SELEZIONE DEL LESSICO
Secondo Peyronel, gli errori più gravi sono quelli CHE COMPROMETTONO LA COMPRENSIONE DEL
TESTO
Secondo Peyronel, la pragmatica cambia rispetto alle culture?CAMBIANO LE MODALITÀ DI
MANIFESTAZIONE
Un professore universitario instaura un'interazione SEMPRE ASIMMETRICA
Con un amico l'interazione è SEMPRE SIMMETRICA
Quale di queste non è una caratteristica studiata per i dialoghi? LINEARITA’
Con un genitore l'interazione è SIMMETRICA
Le norme culturali all'interno dell'interazione sono state studiate da HYMES
Il numero di partecipanti all'interazione INCIDE SULL’INTERAZIONE
Cosa non rientra nel setting?PARTECIPANTI
Il code-switching è il passaggio da una lingua all'altra NEL CORSO DI DUE BATTUTE
Il code-mixing è il passaggio da una lingua all'altra ALL'INTERNO DI UNA BATTUTA
Il leader di un'azienda instaura un'interazione SEMPRE ASIMMETRICA