Sei sulla pagina 1di 1

Positivismo:

Siamo in Europa, parte in Francia, a partire dalla morte di Hegel 1831 fino allo scoppio della I guerra
mondiale 1914.
Si afferma l’industrializzazione, e successivamente avviene la II rivoluzione industriale. Parole: forza
potenza, innovazione, progresso, scoperte scientifiche… questi sono anni di pace, in questi anni prende
forma il positivismo.
Questo termine era stato coniato da Saint Simon per indicare un programma politico poi Compt lo riutilizza
per esprimere l’essenza del pensiero
 Il termine positivismo sta ad indicare proprio il temine positivo, inteso il fotto che utilizzano come
criterio stabile di verità e conoscenza vera ciò che posto (positum), ciò che c’è e che è soggetto a leggi
sperimentali. Lasciando tutto ciò che è astratto… quindi ciò che esiste concretamente e che ricada in criteri
scientifici che puoi comprendere e controllare, tutto il resto è una perdita di tempo. Unico metodo:
conoscenza scientifica.

Compt:
È colui che esprime lo spirito del positivismo. Si rende conto che è necessario conoscere come funziona
realmente la società in un modo rigoroso, in modo scientifico. Un aspetto che sviluppa è la “legge dei tre
stadi”: come il singolo uomo e l’umanità intera si sviluppa?
1. Promo stadio teologico: infanzia dell’individuo o dell’umanità, attribuire a fenomeni
sovrannaturali la causa delle cose (epoca prerivoluzionario, storia medievale).
2. Secondo stadio metafisico: della giovinezza nel singolo o dell’umanità. Attribuisce alle cose la
causa a forze metafisiche (epoca rivoluzionaria, francese)
3. Terso stadio positivo: maturità dove sia il singolo che l’umanità comprende che non ha senso
chiedersi dell’origine delle cose, ma cogliere le leggi che regolano i rapporti tra i fenomeni.
Conoscere in modo scientifico la natura profonda dei fenomeni (epoca del positivismo).
Si chiede anche come può classificare la scienze? Quando questi tipi di sapere hanno raggiunto uno stadio
positivo, ovvero scienze? Così secondo quello scema classifica i vari saperi scientifici e vede che chi ha
raggiunto prima lo stadio positivo sono quei saperi che si occupavano di cose semplici: astronomia, poi la
fisica, poi la chimica, poi la biologia, ultimo sapere è la sociologia. Non compare la matematica (è alla base
di tutte le scienze e non è assestante quindi), la psicologia e in fine non è scienza la filosofia che ha come
compito quello di studiare le altre scienze.
 Sociologia: bisogna conosce i fenomeni sociali in modo scientifico in modo che chi conosce la
sociologia possa prevedere un fenomeno e di agire in modo a proprio favore, intervenendo e quindi
rivoluzionare la società. Per questo lui parla di sociocrazia tutto deve svilupparsi e deve essere
gestito da chi conosce come si svolgono i fenomeni sociali (sociologo).
 Idea della religione dell’umanità: nello stadio positivo non ha più senso la religione l’unica che ha
senso di esistere è una religione dell’umanità (insieme di tutto gli uomini che collabora a
perfezionare il sapere universale, dogma: sapere scientifici; al posto dei sacerdoti: scienziati).
Soltanto un occhio non avvezzo al ragionamento si può contentare di dire che Compt è diverso da Hegel ma
la realtà che essi sono molto simili (tutte e due sostengono l’idea di comprendere per poi controllare).

Potrebbero piacerti anche