Sei sulla pagina 1di 18

Sistemi di Gestione Sicurezza

del Lavoro (SGSL)


METODOLOGIA PRATICA
E CASI APPLICATIVI :

Ing. Francesco Bini Verona

NUOVO CONTESTO NORMATIVO

D. Lgs. 231/01,
Legge 123/07,
Testo Unico D.Lgs. 81/08

1
Scritta in cinese la parola minaccia
(Wej.ji) è composta di due ideogrammi.
Uno rappresenta il pericolo e l'altro
rappresenta l'opportunità.
John F. Kennedy

La gestione del “NUOVO” (o della


“MINACCIA”) obbliga ad
intraprendere azioni “NUOVE”
che possono determinare effetti
positivi nella vita dell’Azienda SE
l’impresa si dota di METODI
ADEGUATI

2
DOTARSI DI METODICHE
ADEGUATE

IMPRESA EFFICIENTE

IMPRESA EFFICIENTE

AZIENDA ORGANIZZATA
“BENE”

3
AZIENDA ORGANIZZATA
“BENE”

AZIENDA DOTATA DI
SISTEMI DI
GESTIONE

Una recente ricerca condotta dall’INAIL ha


evidenziato che l’andamento infortunistico nelle
aziende italiane che svolgono la propria

ATTIVITA’ ADOTTANDO SGSL


presentano una riduzione del:

15,4% nell’indice di frequenza (If)

22% nell’indice di gravità (Ig)


rispetto ai valori nazionali

4
Fattori che intervengono nella
sicurezza sul lavoro

Fattori
personali
L’organizzazione
La mansione

CHE COS’E’
COSA UN SISTEMA
E’ IL SISTEMA DIDELLA
DI GESTIONE GESTIONE PER
SICUREZZA LA
SGS?
SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO (SGSL)?

Quel complesso di cure e di cautele che il


datore di lavoro deve impiegare per
adempiere ai propri doveri

UN CONCETTO NUOVO

ANTICO
DILIGENZA DEL BUON PADRE DI FAMIGLIA

5
D.Lgs 81/08 – Art. 30
Modelli di organizzazione e di gestione
1. Il modello di organizzazione e di gestione idoneo ad avere
efficacia esimente della responsabilità amministrativa D.Lgs.
231/01, deve essere adottato ed efficacemente attuato, assicurando
un sistema aziendale per l’adempimento di tutti gli obblighi giuridici
relativi:

a) al rispetto degli standard tecnico-strutturali di legge relativi a


attrezzature, impianti, luoghi di lavoro, agenti chimici, fisici e
biologici;

b) alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle


misure di prevenzione e protezione conseguenti;

c) alle attività di natura organizzativa, quali emergenze, primo


soccorso, gestione degli appalti, riunioni periodiche di sicurezza,
consultazioni dei rappresentanti per la sicurezza;

D.Lgs 81/08 – Art. 30


d) alle attività di sorveglianza sanitaria;

e) alle attività di informazione e formazione dei lavoratori;

f) alle attività di vigilanza con riferimento al rispetto delle


procedure e delle istruzioni di lavoro in sicurezza da parte dei
lavoratori;

g) alla acquisizione di documentazioni e certificazioni


obbligatorie di legge;

h) alle periodiche verifiche dell’applicazione e dell’efficacia


delle procedure adottate.

2 Il Modello organizzativo e gestionale deve prevedere idonei


sistemi di registrazione … ecc

6
D.Lgs 81/08 – Art. 30

3 Il Modello organizzativo deve prevedere.. una


articolazione di funzioni che assicuri le competenze
tecniche e i poteri necessari per la verifica,
valutazione, gestione, e controllo del rischio, nonché
un sistema disciplinare … ecc

4 Il Modello organizzativo deve prevedere un idoneo


sistema di controllo sull’attuazione.. e sul
mantenimento nel tempo delle condizioni di idoneità…
…riesame del modello organizzativo

COSA DEVE FARE


UN’AZIENDA PER
ADOTTARE UN SGSL?

7
Gli aspetti da affrontare concretamente
nella definizione di un corretto modello di
ORGANIZZAZIONE e di GESTIONE (SL)
sono:
1.ADOZIONE MODELLI ORGANIZZATIVI
2.GESTIONE: STABILIRE COME SI
COMPIONO DETERMINATE ATTIVITA’
3.NOMINARE UN ORGANISMO DI VIGILANZA
INTERNO
4.STABILIRE UN SISTEMA DI SANZIONI

MODELLI ORGANIZZATIVI
I modelli con cui è stato interpretato nel corso
del tempo il funzionamento delle organizzazioni
aziendali può essere di diverso tipo tra cui :
• Approccio classico o Taylorismo
• Interazionismo
• Motivazionismo
• Cognitivismo
• TQM-total quality managment

8
2. GESTIONE AZIENDALE:

IMPIANTO DEL SISTEMA


DEFINIZIONE DEI COMPITI
E DELLE RESPONSABILITÀ

In una corretta organizzazione aziendale tutti i partecipanti


all’attività produttiva hanno un ruolo definito ed a tutti
noto e, conseguentemente, i relativi compiti e
responsabilità.

Ognuno sa cosa deve fare e cosa devono fare gli altri.

Datori di Lavoro, SPP, MC, RLS,


Dirigenti, Preposti, Lavoratori

9
Definizione dei compiti e delle responsabilità

Le mansioni, le competenze e le responsabilità


devono essere definite chiaramente e rese note
all'interno dell'azienda.
E' necessario predisporre la qualifica indispensabile
all'assolvimento dei compiti e attribuire anche le
competenze atte a garantire un idoneo adempimento
delle mansioni conferite.
Le disposizioni adottate vanno redatte per iscritto,
documentate e comunicate agli interessati.

Chi è responsabile

Per cosa è responsabile

Per esempio:
•elaborazione di piani a diversi livelli per attuare le
politiche nel campo della salute e della sicurezza
•Collabora per la elaborazione di valutazioni dei
rischi,
•monitoraggio periodico dei risultati,
•controllo delle prestazioni ottenute dai
subappaltatori prima della attribuzione del
contratto

10
Quando è responsabile

Con quali risultati previsti

Con riferimento
•a esigenze legali specifiche
•alle procedure previste

ESERCIZIO DEL SISTEMA

La SICUREZZA non è “qualcosa” da


fare OLTRE le altre cose di ogni giorno,
ma IL MODO di farle, nella normale
attività di tutta l’Azienda

11
ESERCIZIO DEL SISTEMA

INFORMAZIONE, FORMAZIONE,
ADDESTRAMENTO

Sensibilizzazione (consapevolezza)

Informazione

Formazione e Addestramento

“Se lo dici, DIMENTICO


se mi fai vedere, RICORDO
se mi coinvolgi, CAPISCO”
(proverbio cinese)

12
ESERCIZIO DEL SISTEMA
MONITORAGGIO E REGISTRAZIONI
Il monitoraggio e le registrazioni costituiscono
una fase fondamentale perché consentono di
tenere sotto controllo la propria attività,
riscontrando eventuali anomalie rispetto agli
standard di processo, non solo in termini di SSL
ma anche in termini produttivi e qualitativi.

La conoscenza degli eventuali scostamenti dagli obiettivi


pianificati può evidenziare le eventuali carenze e far
comprendere dove e come intervenire per assicurare il
raggiungimento degli obiettivi preposti.

POLITICA
Sviluppo della
politica

ORGANIZZAZIONE
Sviluppo
organizzativo

PIANIFICAZIONE
MONITORAGGIO

Sviluppo delle
VALUTAZIONE tecniche di
DELLE pianificazione,
PRESTAZIONI valutazione e
verifica

REVISIONE DEI Feed-back per migliorare le


RISULTATI prestazioni

13
RIESAME DEL SISTEMA
Il riesame del sistema consente al vertice
dell’azienda di ottenere gli elementi
quantitativi e qualitativi atti a consentire una
corretta e documentata valutazione sul
funzionamento del sistema e sul
raggiungimento degli obiettivi generali
dell’azienda e sulla adeguatezza degli
obiettivi stessi.

RIESAME DEL SISTEMA

Argomenti tipici del riesame possono essere:

statistiche infortuni
risultati dei monitoraggi interni
azioni correttive intraprese

14
rapporti sulle emergenze (reali o simulate)
rapporti dal responsabile designato dalla
direzione sulle prestazioni complessive del
sistema
rapporti sulla efficacia del sistema di
gestione
rapporti sulla identificazione dei pericoli e
sulla valutazione e controllo dei rischi.

3. ORGANISMO DI CONTROLLO

ORGANISMO DI VIGILANZA: Organismo


interno all’ente che abbia compiti di
iniziativa e di controllo sulla efficacia del
modello e che sia dotato di piena autonomia
nell’esercizio della supervisione e del potere
disciplinare.

15
CARATTERISTICHE
DELL’ORGANISMO DI VIGILANZA
Autonomia ed indipendenza
Professionalità (capacità e poteri)
Continuità di azione

NO Collegio sindacale
NO Dipendenti “operativi”
SI Organo specifico

4. SISTEMA DI SANZIONI
Qualora dall’attività di controllo emergessero delle
violazioni, l’organismo di vigilanza deve applicare
sanzioni amministrative di entità adeguata, tali da
poter essere applicate senza ulteriore
accettazione da parte della direzione.

16
ATTUAZIONE SGSL
PLAN - pianificare

ACT - agire DO - eseguire

CHECK - controlla

Per l’attuazione dell’SGSL


si applica il ciclo
di Deming
<<<

QUALI RIFERIMENTI
NORMATIVI PER L’SGSL ?

UNI-INAIL 2001
Linee Guida per un sistema di gestione
della sicurezza e salute sul lavoro

OHSAS 18001/2

ART. 30 T.U.S.

17
IN CONCLUSIONE…..
L’adozione dell’SGSL:
1. Permette di analizzare in maniera
più immediata i rapporti tra i rischi
valutati e le misure adottate
2. Consente di osservare in maniera
più consapevole gli obblighi della
normativa sulla sicurezza

Aumenta l’efficienza e le prestazioni


aziendali, che si riflettono anche
sulle procedure di sicurezza, e
pertanto comporta una maggiore
produttività

S.G.S.L. = OPPORTUNITA’
PER L’IMPRESA

18