Sei sulla pagina 1di 132

Indice

INTRODUZIONE
..................................................................................................................... 3

FATTORI DI MONTANTE E TASSI EQUIVALENTI


.............................................................. 4

Fattore di montante e di sconto


..........................................................................................................................
..... 4

Capitalizzazione ad interesse semplice e composto


........................................................................................ 4

Tassi equivalenti
..........................................................................................................................
................................... 6

Regime ad interesse anticipato


..........................................................................................................................
...... 7

Convenzione esponenziale
..........................................................................................................................
................ 7

Tempi non interi


..........................................................................................................................
.................................... 8

Esercizi svolti
..........................................................................................................................
.......................................... 9

RENDITE
..........................................................................................................................
... 12
Rendite
..........................................................................................................................
................................................... 12

Valore attuale di una rendita costante


.............................................................................................................. 13

Montante di una rendita costante


........................................................................................................................
16

Esercizi svolti
..........................................................................................................................
....................................... 18

INDICI TEMPORALI
............................................................................................................ 23

Scadenza media aritmetica


..........................................................................................................................
........... 23

Scadenza media
..........................................................................................................................
.................................. 23

Duration
..........................................................................................................................
................................................ 24

ASSICURAZIONI
.................................................................................................................. 25

Assicurazioni....................................................................................................
.............................................................. 25

Probabilità
..........................................................................................................................
............................................ 25

Premio unico
..........................................................................................................................
........................................ 27

Premi
..........................................................................................................................
....................................................... 28

Esercizi svolti
..........................................................................................................................
....................................... 29

AMMORTAMENTI
.............................................................................................................. 32

Ammortamenti
..........................................................................................................................
................................... 32

Condizioni di chiusura dell’ammortamento


.................................................................................................... 32

Ammortamento francese
..........................................................................................................................
................ 32

Ammortamento italiano
..........................................................................................................................
................. 34

Ammortamento americano
..........................................................................................................................
........... 35

1
Esercizi svolti
..........................................................................................................................
....................................... 37

TASSI SPOT E
FORWARD...................................................................................................
40

Titoli e prezzo
..........................................................................................................................
...................................... 40

Tassi spot e forward


..........................................................................................................................
......................... 40

Prezzo delle obbligazioni


..........................................................................................................................
............... 42

Esercizi svolti
..........................................................................................................................
....................................... 44

CRITERI DI VALUTAZIONE
................................................................................................ 48

Investimenti e finanziamenti
..........................................................................................................................
........ 48

Payback
..........................................................................................................................
.................................................. 48

Rea
..........................................................................................................................
........................................................... 48
Tir
..........................................................................................................................
............................................................. 49

Relazione tra Rea e Tir


..........................................................................................................................
.................... 50

Pregi e difetti di Rea e Tir


..........................................................................................................................
.............. 51

Esercizi svolti
..........................................................................................................................
....................................... 52

TAVOLE MORTALITÀ MASCHI - 2003


........................................................................... 54

Nota bene: nonostante la dispensa sia stata controllata più volte è possibile
che ci siano errori.

Quindi vi prego di segnalarmeli con un’email a paolo.grignani@gmail.com


1

INTRODUZIONE

L’idea di questa dispensa è nata durante lo studio di Matematica Finanziaria


e scaturisce da una certa difficoltà nell’applicare la teoria agli esercizi. La
suddetta non è uno strumento che intende in alcun modo sostituirsi a
lezioni, esercitazioni e studio dei libri di testo: al contrario, vuole porsi
come integrativo delle stesse, permettendo, tentativamente, una maggiore
comprensione della materia.
Di conseguenza per ogni argomento ho preferito inserire esempi e schemi
piuttosto che soffermarmi su definizioni teoriche (già presenti nei libri di
testo del corso) e per ogni capitolo ho incluso alcuni esercizi svolti per
capire meglio i passaggi logici e matematici.

Paolo Grignani

FATTORI DI MONTANTE E TASSI EQUIVALENTI

FATTORE DI MONTANTE E DI SCONTO

Il valore di un capitale C cambia nel tempo. La misura della variazione del


valore è data dal fattore di montante. Il fattore di montante è una funzione
del tempo: moltiplicando il capitale C per il fattore di montante ottengo il
valore dello stesso capitale al tempo t, detto anche Montante.

()

La t che “metto dentro” al fattore di montante è il numero di periodi per cui


“sposto” il capitale.

Ci sono 3 condizioni affinché una funzione possa essere considerata un


fattore di montante: 1. f (t) definita tra 0 e T

2. f (0) = 1 → se investi e subito dopo disinvesti ottieni il capitale investito


3. f ‘ (t) ≥ 0 → la sua derivata prima deve essere non-negativa (cioè un
capitale investito non può perdere valore nel tempo)

Allo stesso modo si può trovare il valore di un capitale futuro in un periodo


t precedente. Dalla relazione precedente:

()

In sostanza per “portare avanti” il capitale moltiplico per il fattore di


montante, per “portare indietro” il capitale divido per il fattore di
montante.
Il fattore di sconto è il reciproco del fattore di montante: ( )

()

Quindi per “portare indietro” il capitale moltiplico per il fattore di sconto,


per “portare avanti”

il capitale divido per il fattore di sconto.

Esempio 1: un capitale di 100 investito per t = 4 con f (t) = 1 + 0,5 * t, darà


un montante pari a: ( ) ( )

Allo stesso modo un capitale di 100 tra 2 anni con g(t) = 1 / ( 1 + 0,5 * t ) al
tempo t = 0 varrà: ( )

CAPITALIZZAZIONE AD INTERESSE SEMPLICE E COMPOSTO

Abbiamo visto sopra che investendo un capitale oggi si ottiene un montante


più alto nel periodo successivo: la differenza tra montante e capitale è
l’interesse.

Naturalmente più alto è l’interesse, più profittevole è l’investimento.


Tuttavia va fatta una precisazione: se investo 100 e ottengo 5 è una storia,
se ne investo 10'000 e ottengo ancora 5

è tutta un’altra roba. Per questo motivo, in finanza, si guarda al rapporto tra
l’interesse e il capitale investito, cioè al tasso d’interesse:

Dato che:

Possiamo riscrivere l’equazione precedente così:

()

Quest’ultima equazione è molto simile a quella precedente per cui il


montante è uguale al capitale moltiplicato al fattore di montante, con un
limite: non considera il tempo. Infatti, se ottengo 5 in un anno è una cosa, se
ottengo 5 in 10 anni è un altro paio di maniche. Dato che, concettualmente,
l’interesse è il costo del denaro nel tempo bisogna introdurre questo fattore:

“aggiungendo” la t all’ (1 + i) si otterrà un fattore di montante vero e


proprio.

I due fattori di montante più usati sono i regimi di capitalizzazione ad


interesse semplice e composto, così definiti:

()()

()()

Da queste equazioni si può dedurre che ad ogni fattore di montante


corrisponde un tasso d’interesse: dato che questo dipende anche dal tempo
solitamente si calcola il tasso d’interesse unitario, cioè il tasso
corrispondente al fattore di montante quando t è uguale ad 1.

Esempio 2: il tasso d’interesse unitario corrispondente al fattore di


montante f(t) = 1 + 0,5 * t è:

()()()

ATTENZIONE: come si può vedere nella prima riga è indifferente


utilizzare il regime di capitalizzazione ad interesse semplice o composto per
calcolare il tasso d’interesse unitario.

Questo perché i regimi sono sempre equivalenti quando t è uguale ad 1.

TASSI EQUIVALENTI

I tassi d’interesse si possono riferire a periodi diversi: per distinguerli si


scrive; Dove k è il numero di periodi in un anno. Ad esempio un tasso
semestrale si scriverà i2

perché ci sono 2 semestri in un anno: un tasso quadrimestrale si scriverà i3


perché ci sono 3
quadrimestri in un anno; e così via.

Avendo un tasso d’interesse periodale possiamo trovare tutti gli altri tassi
equivalenti: due tassi sono equivalenti se, investendo uno stesso capitale
allo stesso momento, il valore dei montanti in una qualsiasi data t è lo
stesso.

In capitalizzazione semplice i tassi equivalenti si calcolano con questa


equazione: ( ) ( )

Esempio 2: avendo un tasso quadrimestrale i 3 = 4% il tasso semestrale i 2


equivalente in capitalizzazione semplice sarà:

()()

()()

In capitalizzazione composta i tassi equivalenti si calcolano con questa


equazione: ( ) ( )

Esempio 3: riprendendo lo stesso tasso quadrimestrale dell’ esempio 2 il


tasso semestrale i 2

equivalente in capitalizzazione composta sarà:

()()

()()

()

Un caso particolare è il tasso nominale annuo convertibile k volte, definito


come: In pratica è un tasso d’interesse equivalente in capitalizzazione
semplice quando si è in realtà in capitalizzazione composta. In sostanza non
si usa mai così com’è, e serve solo a trovare il tasso d’interesse effettivo ik.
Quindi, in un esercizio, se si trova j k oppure la dicitura "tasso
convertibile", la prima cosa da fare è dividerlo per k in modo tale da trovare
il tasso effettivo.
6
REGIME AD INTERESSE ANTICIPATO
Un regime particolare è:

()()

Dove dk è il tasso di sconto. Questo tasso si trova ricordando che: ( )

()

Il regime ad interesse anticipato è particolare perché, invece di calcolare un


montante partendo da un capitale, si calcola un capitale partendo da un
montante. In pratica si “porta indietro” invece che “portare avanti”.

L’intensità istantanea d’interesse o forza d’interesse è una funzione che


dà il valore del fattore di montante istante per istante. In altre parole, quanto
aumenta in ogni istante il capitale investito. È pari a:

()

()

()

Avendo la forza d’interesse si può ottenere così il fattore di montante: ( ) ∫ (


)

La scindibilità è la possibilità di spezzare un investimento in uno o più


momenti reinvestendolo l’istante dopo, ottenendo alla fine del periodo un
capitale pari a quello che si avrebbe se non si fosse spezzato l’investimento.

Esempio 4: deposito 100€ in banca oggi e ottengo 110 € tra un anno; il


fattore di montante è scindibile se, ritirando i soldi più gli interessi maturati
a metà anno e reinvestendoli immediatamente, alla fine dell’anno ottengo
comunque 110 €. Un fattore di montante è scindibile se e solo se la sua
forza d’interesse non dipende da t (cioè, dopo aver semplificato, non c’è
nessuna t dentro): in altre parole, se l’interesse che ottengo ogni istante non
cambia col passare del tempo.
CONVENZIONE ESPONENZIALE
Ci sono casi in cui si utilizza una funzione particolare come fattore di
montante o di sconto (“funziona” comunque come i fattori visti prima):

()

()

TEMPI NON INTERI

Quando ci sono tempi non interi si può facilmente tradurre in anni: Esempio
5: quanto sono 3,15 anni? Il numero intero è il numero degli anni, quindi 3
anni.

“Rimangono fuori” 0,15 anni: per sapere quanti mesi sono basterà fare;
Come prima, l’intero è il numero di mesi, quindi 1 mese: per scoprire quanti
giorni sono 0,8

mesi basterà fare:

Quindi 3,15 anni sono 3 anni, 1 mese e 24 giorni.

Si può fare anche il procedimento inverso: quanto vale un periodo pari, ad


esempio, a 4 anni, 3

mesi e 18 giorni?

Per calcolare 18 giorni in termini di anno basterà fare (per semplicità si


ipotizza che gli anni abbiano 360 giorni):

Per calcolare 3 mesi in termini di anni basterà fare:

Come prima 4 è il numero intero, quindi il numero degli anni.


Quindi 4 anni, 3 mesi e 18 giorni sarà pari a:

8
ESERCIZI SVOLTI
PREMESSA: un aiuto importante nella risoluzione della maggior parte
degli esercizi di matematica finanziaria è stilizzare uno schema per
impostare il problema Esercizio 1: si ha il seguente fattore di montante:

()

Si calcoli:

a) il montante che si ottiene in t = 3 investendo 120 in t = 0 e 30 in t = 2

b) il tasso d’interesse unitario

c) il tasso equivalente bimestrale in capitalizzazione semplice e composta,


supponendo che t equivalga all’anno

d) la forza d’interesse

Si verifichi inoltre se il fattore di montante sia scindibile o meno.


SOLUZIONE
a) Montante: schematizziamo la situazione:

Il montante al tempo 3 sarà la somma di 120 portato avanti di 3 periodi e di


30 portato avanti di 1 periodo.

()()

()()

b) Tasso d’interesse unitario: bisogna impostare questa semplice equazione:


()

()

c) Tasso equivalente bimestrale: partiamo dalla capitalizzazione semplice,


applicando le formule descritte prima.

Nel caso di capitalizzazione composta, invece: ( ) ( )

()

()

d) Forza d’interesse: iniziamo calcolando la derivata del fattore di montante


rispetto a t: ( )

La forza d’interesse è quindi:

()

()

()
Questa frazione non si può semplificare: infatti a denominatore c’è una
somma e non si può raccogliere la t.

A questo punto possiamo verificare facilmente se il fattore di montante sia


scindibile: la forza d’interesse dipende da t, quindi il fattore di montante
non è scindibile.

Esercizio 2: si calcolino i tassi equivalenti trimestrali in capitalizzazione


composta di: a)

b)

c)
SOLUZIONE
a) Applichiamo la solita formula:

()()

()()

()

b) Riporto il risultato:

()

c) Ora attenti, perché non stiamo parlando di un tasso effettivo ma di un


tasso convertibile: quindi applichiamo prima la formula per trasformare
questo tasso, e poi troviamo quello equivalente;

Ora possiamo trovare il tasso equivalente:

10

()

Esercizio 3: si ricavi il fattore di montante di queste forze d’interesse: a) ( )

b)

()

c)

()
SOLUZIONE
a) ( ) ∫

Risolviamo per prima cosa l’integrale e riscriviamo il risultato utilizzando


le proprietà dei logaritmi:

∫()

Ora è semplice riscrivere il fattore di montante:

()()

b) ( ) ∫

Partiamo ancora dall’integrale; visto che la forza d’interesse è una frazione


e il numeratore è la derivata della frazione avremo:

()

Ricaviamo ancora il fattore di montante:

()()

c) ( ) ∫

L’integrale di una costante è la costante stessa moltiplicata per t:

Il fattore di montante è quindi:

()

11
RENDITE
RENDITE
Una rendita è un insieme di flussi finanziari definiti rate da riscuotere o
pagare in differenti epoche. Graficamente può essere rappresentato da un
insieme di flussi di questo tipo: Esempio 1: come si fa a trovare il valore di
una rendita? Cioè un numero che sintetizzi il valore di tutte le rate e le
differenti epoche in cui queste cadono. Come si è visto all’inizio, ogni
valore si può “portare avanti e indietro” moltiplicando o dividendo per il
fattore di montante, dove t è il numero di periodi per cui si “sposta” la rata.
Se voglio sapere il valore attuale della rendita al tempo 0 devo “portare
indietro” tutte le rate e sommarle.

Matematicamente:

()

()

()

In capitalizzazione composta (cioè se f(t)=(1+i)t), ad un tasso del 3% il


valore attuale di questa rendita sarà:

()

()

()

Esempio 2: per calcolare il valore della rendita all’anno 2 dovrò “portare”


tutte le rate al 2.

ATTENZIONE: cosa vuol dire il valore della rendita al tempo 2? Vuol dire
che le rate prima del tempo 2 sono già state riscosse e “messe in banca”
(quindi su queste rate matureranno interessi), la rata al tempo 2 viene
riscossa (ma su questa non maturano interessi) e le rate dopo il tempo 2
devono essere ancora riscosse (quindi il loro valore al tempo 2 sarà
inferiore).

12

Matematicamente:

()

()

In capitalizzazione composta al 3% il valore in 2 sarà:

()

()

ATTENZIONE: un modo alternativo per trovare il valore della rendita al


tempo 2 è partire dal punto prima. Abbiamo visto che il valore in 0 della
rendita è pari a 169,49: quindi avere una rendita così è esattamente la
stessa cosa di avere:

Quindi trovare il valore in 2 della rendita sarà esattamente la stessa cosa di


trovare il valore in 2 di 169,49.

Matematicamente:

()()
ATTENZIONE: il trucco, nelle rendite, è quello di trovare il valore della
rendita in un periodo.

Avendo un solo valore che rappresenta tutta la rendita sarà poi facile
“spostarlo avanti e indietro”.

ATTENZIONE: d’ora in poi si intenderà di essere in regime a


capitalizzazione composta se non specificato diversamente.

VALORE ATTUALE DI UNA RENDITA COSTANTE

Nel caso in cui si abbiano:

Capitalizzazione composta

Rate R costanti (cioè tutte con lo stesso valore)

Rate che cadano alla stessa distanza temporale

Si può usare una formula compatta che equivale al “portare indietro” tutte
le rate.

()

Dove n è il numero di rate, e i il tasso d’interesse del periodo.

Moltiplicando l’ a figurato per la rata si ottiene il valore della rendita nel


periodo precedente

alla prima rata.

13
ATTENZIONE: se le rate sono, ad esempio, trimestrali, il periodo
precedente non sarà l’anno precedente ma il trimestre precedente.

Esempio 3: se una rendita è posticipata significa che le rate cadono alla


fine del periodo: una rendita posticipata all’anno 0 si può rappresentare
come:

Ipotizzando che il tasso d’interesse sia ancora del 3%, il valore attuale della
rendita sarà: ( )

()

()

()

Dato che valgono le 3 condizioni dette prima il valore attuale della rendita
si può calcolare anche come:

()
Esempio 4: se la rendita è anticipata, cioè se le rate cadono all’inizio del
periodo, si può utilizzare la stessa formula, con un accorgimento. Abbiamo
una situazione di questo genere: Come detto sopra, moltiplicare la rata per
l’ a figurato ci dà il valore della rendita nel periodo precedente alla prima
rata: quindi, se la prima rata è in 0, se applichiamo la formula avremo il
valore della rendita in -1.

()

A questo punto però possiamo “spostare avanti” questo valore


moltiplicandolo per il fattore di montante, arrivando ad ottenere il valore
della rendita in 0.

()

14
Esempio 5: nel caso in cui la rendita sia differita non importa che sia
anticipata o posticipata; l’importante è capire quando cade la prima rata.
In questo modo utilizzando l’ a figurato troviamo sempre il valore nel
periodo precedente, e poi con il fattore di montante lo

“portiamo” dove vogliamo.

Se applichiamo l’a figurato ad una rendita posticipata differita di due anni


avremo: Matematicamente:

()

Se dobbiamo trovare il valore della rendita al tempo 0 sposteremo all’anno


0 il valore ottenuto:

Matematicamente:

()

Mentre se applichiamo l’a figurato alla stessa rendita anticipata differita di


due anni avremo: Matematicamente:

()

Per trovare all’anno 0 il valore della rendita differita:

Matematicamente:

15
()

Esempio 6: nel caso particolare di una rendita perpetua (cioè una rendita
con un numero infinito di rate) il valore attuale è semplicemente dato da:

Ancora una volta, questa formula mi darà il valore al tempo precedente


alla prima rata. Con il fattore di montante poi lo “sposto” dove voglio.

Cos’è che può pagare rate infinite? Ad esempio un terreno. Il valore attuale
della rendita sarà quindi il prezzo del terreno. Quanto vale quindi un
terreno che paga 100 l’anno per sempre al 2%?

Matematicamente:

Ancora, una rendita perpetua può essere anche anticipata o differita: se


serve calcolare il suo prezzo all’anno 0 si fa come prima.

ATTENZIONE: la cosa fondamentale per calcolare il valore delle rendite è


capire quando cade la prima rata. In questo modo, usando sempre la
stessa formula, si può trovare il valore delle rendite in ogni momento.
MONTANTE DI UNA RENDITA
COSTANTE
Il montante di una rendita è il valore della rendita al suo termine, cioè il
valore delle sue rate capitalizzate (cioè “portate avanti”) all’ultimo periodo.
In pratica è come se ogni volta che ricevo una rata la mettessi in banca: su
ogni rata maturano degli interessi, e il valore che trovo alla fine della
rendita è il valore del mio conto in banca. Nel caso in cui sussistano le
condizioni precedenti, cioè:

Capitalizzazione composta

Rate R costanti (cioè tutte con lo stesso valore)

Rate che cadano alla stessa distanza temporale

Si può usare una formula compatta che equivale al “portare avanti” tutte le
rate: 16

()

Dove n è il numero di rate, e i il tasso d’interesse del periodo.


Moltiplicando l’ s figurato per la rata R si ottiene il valore della rendita nel
periodo in cui cade l’ultima rata.

Esempio 7: prendendo la rendita di prima:


( ) ( ) ( ) ( ) Dato che valgono le 3 condizioni dette prima si può usare l’ s
figurato.

()

ATTENZIONE: anche qua non importa se la rendita è anticipata,


posticipata o differita: l’importante è capire quando cade l’ultima rata.

ATTENZIONE: ogni volta che si imposta un’equazione, cioè ogni volta che
si prendono due valori distanti nel tempo e si mettono uguali l’uno all’altro,
la cosa fondamentale è ricordarsi che bisogna sempre portare tutto allo
stesso tempo. Non impostate mai un’eguaglianza se prima non avete
portato tutto nello stesso periodo.

17
ESERCIZI SVOLTI
Esercizio 1: il signor Edoardo vuole acquistare oggi un porcile che gli
garantirà una rendita perpetua semestrale anticipata di 200 al 6% annuo. Per
acquistarla utilizzerà in parte il denaro che ottiene vendendo una rendita
posticipata, composta da 3 rate biennali pari a 2’000, che inizierà a
decorrere tra 4 anni sempre al 6% annuo, e per la restante parte pagherà in
contanti. Quanto?
SOLUZIONE
Iniziamo cercando di capire per sommi capi il problema: Edoardo vuole
acquistare una proprietà pagandola in parte con i soldi che ottiene vendendo
una rendita e per la restante parte con soldi che ha già. Bisognerà quindi
capire:

a) il prezzo della proprietà

b) cosa ricava dalla vendita della rendita

c) la misura della spesa in contanti

La prima cosa da fare nei problemi è un disegno schematico che rappresenti


la situazione: La prima rata della rendita che vado a comprare è in 0 perché
è anticipata, cioè le rate scadono all’inizio di ogni periodo.

Tra parentesi le rate della rendita che vado a vendere. Perché la prima rata è
in 6? Perché la rendita biennale inizia a decorrere tra 4 anni, ma è
posticipata, cioè ogni rata scade alla fine del periodo.

a) Prezzo della proprietà

Come detto sopra, il prezzo di qualcosa è il valore attuale dei flussi futuri.
Bisognerà quindi attualizzare tutte le rate che la proprietà garantisce
utilizzando il tasso adatto: dato che le rate sono semestrali (ma il tasso del
problema è annuale) bisognerà calcolare il tasso equivalente semestrale
utilizzando la formula per la capitalizzazione composta: ( ) ( )

()()

Isoliamo i 2:

()()

()()
18

()

Ora possiamo calcolare il prezzo della rendita all’anno 0: dato che


sussistono le 3 condizioni usiamo la formula per le rendite perpetue.
Sappiamo però che la rendita è anticipata e che la formula dà il valore della
stessa al periodo precedente la prima rata: applicandola così com’è
troveremmo il prezzo della rendita un semestre prima dell’anno 0.
Bisognerà quindi, una volta calcolato questo prezzo, “spostarla avanti” un
semestre.

()

()

b) Valore della rendita

Passiamo ai soldi che ricava vendendo oggi la rendita futura per potersi
comprare questa proprietà: come sempre, innanzitutto troviamo il tasso
adatto per una rendita biennale con la solita formula

ATTENZIONE: il pedice è il numero di periodi in un anno, quindi non sarà


2, bensì ½ (perché un anno è metà di un biennio).

()()
()()

()()

()()

Ora cerco di capire quanto ricavare da questa rendita, cioè qual è il suo
valore all’anno 0. Dato che sussistono le condizioni, uso l’ a figurato per
sintetizzare il valore della rendita in un numero solo (come sempre nel
periodo precedente alla prima rata, quindi all’anno 4).

19

()

()
Ora portiamo tutto all’anno 0, “portando indietro” di 4 anni (per farlo posso
usare il tasso annuale e spostare di t = 4 periodi oppure usare il tasso
biennale e spostare di t = 2

periodi).

()

()

c) Contanti

A questo punto bisogna calcolare solo quanto bisogna pagare in contanti:


Esercizio svolto 2: il signor Marco ha un conto in banca che all’anno 0
ammonta a 4'207,89

euro e che paga interessi annui pari al 12,55%. Dopo un anno e 9 mesi
inizia a prelevare trimestralmente 400 euro: dato che il signor Marco non
capisce niente di matematica non ha idea di quante rate potrà prelevare. Per
quanto tempo potrà farlo prima che il conto si esaurisca?
SOLUZIONE
Come al solito si inizia impostando lo schema:

20

L’incognita, in questo problema, è il numero di rate che si possono


prelevare prima che il conto si esaurisca. Quindi da una parte abbiamo il
conto e dall’altra parte le rate prelevate dal conto: bisogna portare tutte le
grandezze allo stesso istante per poterle eguagliare. Iniziamo con la
rendita: sussistendo le 3 condizioni usiamo l’ a figurato, che ci darà il
valore della rendita all’anno e mezzo (perché è il periodo precedente alla
prima rata). Per prima cosa troviamo il tasso adatto:

()()

()

Quindi passo a trovare il valore della rendita:

()

()
Questo valore dovrà essere uguale al valore del conto in banca all’anno e
mezzo, cioè: ( ) ( )

Ora che sono allo stesso tempo possiamo eguagliare il valore attuale delle
rate al conto: ( )

()

()

()(

Visto che l’incognita è all’esponente per “tirarla giù” uso i logaritmi e le


loro proprietà:

[( ) ] (

21

()(

()

Quindi Marco avrà a disposizione 16 trimestri prima che il conto si


esaurisca.

22
INDICI TEMPORALI
SCADENZA MEDIA ARITMETICA
È la media aritmetica delle scadenze temporali ponderata per il peso delle
rate. Per calcolarla si moltiplicano i flussi per il periodo in cui scadono, si
sommano e si dividono per la somma dei flussi.

Esempio 1:

Per tutti gli esempi ipotizzeremo di avere una serie di flussi di questo tipo:

̅
SCADENZA MEDIA
È quel valore z tale per cui il valore attuale dei flussi è pari ad un capitale
unico costituito dalla somma dei flussi attualizzato.

Esempio 2:

()

()

()

()

Nel caso in cui siamo in capitalizzazione composta al tasso i del 2%: ( )

()

()

()

()

()

)()

Per le proprietà dei logaritmi:

)()
(

()

23

Si può vedere come la scadenza media dipenda dal regime di


attualizzazione utilizzato, al contrario della scadenza media aritmetica.
DURATION
È come la media aritmetica ma le scadenze sono ponderate per il valore
attuale delle rate.

Esempio 3:

()

()

()

()

()

()

In capitalizzazione composta al 2%:

()()()

()()()

24

ASSICURAZIONI
ASSICURAZIONI
L’assicurazione è un contratto per cui, pagando un premio U
all’assicuratore, l’assicurato si garantisce un capitale in futuro al verificarsi
di un evento. Alla base delle assicurazioni sta il principio di equivalenza,
per il quale le prestazioni dell’assicurato hanno lo stesso valore delle
prestazioni dell’assicuratore.

Come per le rendite, per uguagliare due valori distanti nel tempo la prima
cosa da fare è

“portarli allo stesso tempo”: in aggiunta, il capitale C viene pagato


dall’assicuratore solo al verificarsi dell’evento. Quindi deve essere
moltiplicato per la probabilità che l’evento si verifichi.

()

PROBABILITÀ

Per il calcolo della probabilità si utilizzano le tabelle “vita-morte” che


trovate alla fine della dispensa. In queste tabelle si prende un campione di
100'000 persone: nella prima colonna c’è l’età, nella seconda il numero di
persone vive in quell’anno ( lx) e nella terza il numero di persone che
muoiono in quell’anno ( dx).

PROBABILITÀ CHE UN 20ENNE SIA VIVO A 50 ANNI: il 20enne è


uno dei vivi su 100'000. Per essere vivo a 50 anni vuol dire che deve far
parte dei 95'285 che sopravvivono a quell’età. La probabilità di arrivare al
compimento dei 50 anni vivo è quindi: PROBABILITÀ CHE UN 20ENNE
SIA MORTO A 50 ANNI: basterà fare la probabilità del complementare,
cioè la probabilità che il ventenne non sia vivo a 50 anni.

ATTENZIONE: (1 – p) è sempre la probabilità complementare a p.

()
PROBABILITÀ CHE UN 20ENNE MUOIA A 50 ANNI: se ci interessa la
probabilità che un soggetto muoia in uno specifico anno si può usare la
terza colonna. Quindi:

È diverso da prima perché in questo caso è necessario che muoia in uno


specifico anno, mentre nel caso precedente può morire in uno qualsiasi
degli anni antecedenti al 50esimo.

PROBABILITÀ CHE UN 20ENNE MUOIA TRA I 40 E I 50 ANNI:


questa è una probabilità data da 2 fattori.

Il primo è che il 20enne arrivi vivo ai 40 anni, il secondo fattore è che il


ventenne (diventato 25

quarantenne) muoia nei successivi 10. Quindi ventenne che arriva a 20 anni
vivo e 40enne che muore entro i 50 anni. La probabilità si calcola
moltiplicando le due singole probabilità: ( )

()

ATTENZIONE: evento A e evento B ⟶ le probabilità dei singoli eventi


vanno moltiplicate.

Evento A o evento B ⟶ le probabilità dei singoli eventi vanno sommate.

PROBABILITÀ CHE UN VENTENNE E UN TRENTACINQUENNE


SIANO VIVI TRA 30 ANNI: come prima, la probabilità è data da due
fattori. Devono essere entrambi vivi. Quindi: ( )

PROBABILITÀ CHE UNO DEI DUE SIA VIVO: vuol dire che solo uno
dei due deve essere morto. Quindi ventenne vivo e trentacinquenne morto o
ventenne morto e trentacinquenne vivo.

()()()()()()

PROBABILITÀ CHE ALMENO UNO DEI DUE SIA VIVO: quindi


ventenne vivo e trentacinquenne morto o ventenne morto e trentacinquenne
vivo o entrambi vivi. Quindi si può prendere la probabilità di prima e
sommare la probabilità che siano entrambi vivi: 26

[ ( ) ( )]

In alternativa si potrà calcolare la probabilità che non siano entrambi morti,


che è esattamente lo stesso di dire che almeno uno dei due è vivo.

()()

[( ) ( )]
PREMIO UNICO
Esempio 1: ora che abbiamo visto le probabilità possiamo calcolare il
valore del premio unico U che un ventenne deve pagare per garantirsi un
capitale di 100’000 se vivo tra 30 anni con tasso del 3%:

()

Se invece il capitale viene pagato se morto tra 30 anni il premio sarà: ( )

()

ATTENZIONE: in questo caso il capitale viene pagato comunque tra 30


anni. Se l’assicurato esce dall’agenzia e gli viene un colpo i suoi eredi
dovranno aspettare comunque 30 anni per avere il capitale.

Esempio 2: vediamo invece il caso in cui l’assicurazione garantisca un


capitale di 10'000

all’anno per 4 anni, pagabile alla fine dell’anno in cui il soggetto muore.
È come se il ventenne stipulasse 4 assicurazioni diverse, una per capitale:
quindi calcoliamo il valore attuale di ogni capitale e moltiplichiamolo per la
probabilità che quel capitale sia pagato; 27
()

()

()
PREMI
Può accadere che l’assicurato decida di non pagare tutto il premio in
un’unica soluzione ma di dilazionarlo nel tempo.

Esempio 3: ipotizziamo che, per assicurarsi il capitale di 100'000 se vivo tra


30 anni che abbiamo calcolato nell’ esempio 1, invece di pagare un premio
unico di 39’630,67, decida di dilazionare il pagamento in 4 premi annuali, il
primo dei quali pagato immediatamente (come di norma nelle
assicurazioni). Ogni premio sarà pagato se il soggetto è ancora in vita,
quindi, oltre ad attualizzare tutto, bisognerà anche moltiplicare per la
probabilità.

)(

)(

()

()

Per calcolare il premio P basterà raccogliere e isolare:

[(

)(

)(

)]

()
()

[(

)(

)(

)]

()

()

28
ESERCIZI SVOLTI
Esercizio 1:
a) Il signor Damiano ha 22 anni e sottoscrive una polizza sulla sua vita che
prevede la corresponsione di una rendita composta da rate pari a 10'000,
pagate posticipatamente in perpetuo: la rendita sarà pagata se il signor
Damiano sarà in vita a 50 anni, e inizierà a decorrere immediatamente.
Sapendo che il tasso è pari al 2,5% annuo, quanto dovrà pagare?

Come al solito iniziamo con uno schema:

Il premio unico U sarà il valore attuale della rendita, moltiplicato per la


probabilità che l’evento accada. Iniziamo calcolando semplicemente il
valore della rendita nel momento in cui inizia (cioè all’anno 50):

A questo punto, per trovare il valore del premio unico pagato al momento
della stipula dell’assicurazione, basterà attualizzare questo valore e
moltiplicarlo per la probabilità dell’evento:

()

b) Al signor Damiano viene offerta l’opzione di pagare 50'000


immediatamente, e di saldare la restante parte in 3 premi biennali, il primo
del quale verrà pagato tra 2 anni: calcolare i premi.

Partiamo con lo schema:

Per risolvere questo problema basterà eguagliare il premio unico trovato in


precedenza alla somma pagata immediatamente, più i premi moltiplicati per
la probabilità che questi vengano pagati.

29

A questo punto si raccoglie la P e la si isola:


(

()

c) Visto l’alto costo il signor Damiano decide di cambiare tipo di polizza,


assicurando sé stesso e il suo corvo da compagnia: la rendita sarà pagata se
solo uno dei due sarà vivo tra 50

anni. Se il corvo ha 10 anni, quanto varrà ora il premio unico? (Per


semplicità facciamo finta che il corvo sia una persona: potremo quindi
usare le solite tavole).

Il valore della rendita non cambia, quindi bisognerà solamente ricalcolare la


probabilità dell’evento. Solo uno dei due vivo significa che: Damiano vivo
e corvo morto o corvo vivo e Damiano morto. Quindi:

()()

)(

Attualizziamo considerando che la rendita non inizia più tra 28 anni ma tra
50:

d) Come cambierebbe questo premio se il signor Nicola e il signor Luigi,


rispettivamente di 20 e 30 anni, decidessero assieme al signor Damiano e al
corvo di sottoscrivere quest’assicurazione, ponendo come condizione che
solo uno di loro quattro sia vivo tra 50 anni?

L’evento ora è: Damiano vivo e tutti gli altri morti, o corvo vivo e tutti gli
altri morti, o Nicola vivo e tutti gli altri morti, o Luigi vivo e tutti gli altri
morti. Avremo quindi: (

)(
)(

)(

)(

30

)(

)(

)(

)(

La probabilità che uno solo sia vivo è quindi data dalla somma di questi 4
eventi: Il premio unico sarà quindi:

31

AMMORTAMENTI
AMMORTAMENTI
L’ammortamento è la specificazione in termini di rate, quote capitale e
interessi di come si ripaga un debito S. La rata R è la somma che viene
pagata periodicamente ed è costituita da una quota capitale e da una quota
interessi.

La quota capitale C è quella parte di rata che viene pagata per diminuire il
debito. La quota interessi I è quella parte di rata che viene pagata per
coprire gli interessi che maturano sul debito al tempo precedente:

Dove i è il tasso d’interesse.

Il debito residuo D in ogni epoca dell’ammortamento è pari alla somma


delle quote capitali ancora da pagare e alla somma dei valori attuali delle
rate ancora da pagare. Il debito estinto E è il pari alla somma delle quote
capitali già pagate. Ovviamente la somma di debito estinto e debito residuo
in ogni epoca sarà uguale al debito iniziale.

CONDIZIONI DI CHIUSURA DELL’AMMORTAMENTO

Condizione di chiusura elementare: la somma delle quote capitale deve


essere uguale al debito S. Da questa condizione deriva che il debito residuo
è sempre pari alla somma delle quote capitali ancora da pagare.

Condizione di chiusura finanziaria (o condizione di equità): la somma delle


rate attualizzate deve essere uguale al debito S. Da questa condizione deriva
che il debito residuo è sempre pari alla somma dei valori attuali delle
rate ancora da pagare.
AMMORTAMENTO FRANCESE
L’ammortamento francese è un ammortamento che prevede il pagamento
del debito in rate costanti. Per calcolare la rata è sufficiente ricordarsi che
il debito da pagare in ogni periodo è pari al valore attuale delle rate
ancora da pagare. Dato che all’inizio dell’ammortamento non sono state
pagate rate, il debito al tempo 0 sarà uguale al valore attuale di tutte le rate.

Per calcolare la rata sarà quindi sufficiente impostare un sistema del tipo: E
isolare R.

32

Esempio 1: ipotizziamo di avere un debito di 10'000 da restituire in 15 rate


costanti ad un tasso d’interesse pari al 2%.

La prima cosa da fare è calcolare il valore della rata:

()

()

Calcolato il valore delle rate si può iniziare a redigere il piano


d’ammortamento:

Rk

Ck

Ik

Dk
Ek
0
-

10’000

778,25

Al momento della contrazione del debito, cioè al tempo 0, non pago


nessuna rata, quindi ogni casella sarà pari a 0 tranne quella del debito
residuo. Al tempo 1 pago la prima rata: avendo solo questa informazione
però non posso riempire le altre caselle perché non so la parte di rata che
paga gli interessi e quella che va a ridurre il debito. So però che la quota
interessi matura sul debito residuo dell’anno precedente, cioè che: Per
trovare I1 basterà quindi avere il tasso d’interesse (2%) e il debito residuo
dell’anno precedente ( D0). Quindi:

k
Rk

Ck

Ik

Dk
Ek
0
-

10’000

778,25

200

Ora, sapendo che R = C + I, si può trovare facilmente la quota capitale:

Rk

Ck

Ik
Dk
Ek
0
-

10’000

778,25

578,25

200

La quota capitale diminuisce il debito residuo e aumenta della stessa misura


il debito estinto.

Rk

Ck

Ik
Dk
Ek
0
-

10’000

778,25

578,25

200

9'421,75

578,25

33

In questo modo si è completata la prima riga dell’ammortamento. Allo


stesso modo si completa la seconda:

Rk

Ck
Ik

Dk
Ek
0
-

10’000

778,25

578,25

200

9'421,75

578,25

778,25

589,81

188,44

8'831,94
1'168,06

Il procedimento va avanti così, meccanicamente. Ora ipotizziamo che


l’esercizio chieda di completare l’11ma riga. A farlo tutto si muore. A
imparare tutte le formule notevoli pure. La cosa più facile da fare è avere in
mente che il debito residuo è sempre uguale al valore attuale delle rate
ancora da pagare. Il modo più rapido per calcolare la riga è iniziare
calcolando il debito al periodo precedente, quindi D10. Alla 10ma rata ne
mancano 5 da pagare, quindi:

()

Rk

Ck

Ik

Dk
Ek
10
778,25

3'668,25

6'331,75

Da questo come faccio a calcolare l’11ma riga? Calcolo gli interessi


moltiplicando il debito all’anno precedente per i, ricavo la quota capitale,
quindi il nuovo debito estinto e residuo:

Rk

Ck

Ik

Dk
Ek
10
778,25

3'668,25

6'331,75

11

778,25

704,88

73,37

2'963,37

7'036,63
AMMORTAMENTO ITALIANO
L’ammortamento italiano prevede il pagamento del debito con quote
capitale costanti. La quota capitale è il valore del debito diviso il numero
delle rate da pagare.

Esempio 2: prendiamo un debito di 9’000 al 2%, pagabile in 15 rate con


quote capitali costanti.

Il valore della quota capitale è:

Iniziamo quindi a scrivere il piano:

Rk

Ck

Ik

Dk
Ek
0
-

9’000

600

8’400

600

34

Per trovare la rata del periodo 1 calcolo la quota interessi sul debito all’anno
precedente e poi la sommo alla quota capitale:

Rk

Ck
Ik

Dk
Ek
0
-

9’000

780

600

180

8’400

600

Allo stesso modo si scrive la seconda riga:

Rk

Ck

Ik
Dk
Ek
0
-

9’000

780

600

180

8’400

600

768

600

168

7’800
1’200

Come prima, proviamo a scrivere l’11ma riga, partendo ancora dal debito
residuo al periodo precedente: stavolta però teniamo conto che il debito
residuo è sempre uguale al valore delle quote capitale da pagare. Al
10mo periodo ci sono ancora 5 quote capitale da pagare, quindi:

Rk

Ck

Ik

Dk
Ek
10
?

600

3’000

6’000

Da questa riga calcolo facilmente l’11ma riga:

Rk

Ck

Ik

Dk
Ek
10
?

600

3’000

6’000

11

660

600

60

2’400

6’600

ATTENZIONE: che il debito sia pari alle quote capitali da pagare e al


valore attuale delle rate da pagare è sempre valido. Nell’ammortamento
francese userò il valore attuale della rata perché la conosco, in quello
italiano userò le quote capitale perché le conosco.
AMMORTAMENTO AMERICANO
L’ammortamento americano è un ammortamento particolare per cui non
vale la relazione detta fin qui per cui la rata è pari alla quota capitale più la
quota interesse.

Innanzitutto l’ammortamento prevede il solo pagamento di quote interesse I


durante tutto l’ammortamento, e il pagamento del debito totale in un solo
momento alla fine dell’ammortamento. Quindi la quota interesse I sarà
costante mentre la quota capitale C sarà uguale a 0 per tutto
l’ammortamento, tranne nell’ultimo periodo in cui sarà pari a S.

Parallelamente si costituisce un fondo (cioè si “mettono dei soldi in banca”)


in modo tale da avere, alla fine dell’ammortamento, una somma pari al
debito S con cui si ripaga il debito. Per calcolare la quota Q da mettere da
parte bisognerà impostare un’equazione del tipo: 35

La rata R dell’ammortamento americano quindi sarà costituita dalla quota


interesse pagata sul debito più i soldi che si mettono da parte e non la quota
capitale.

Come si può intuire, nell’ammortamento americano non ci sono tabelle dato


che tutti i valori sono costanti.

Esempio 3: ripago il debito dell’ esempio 1 con l’ammortamento americano,


usando gli stessi dati e un tasso d’interesse sul fondo pari al 3%.

Per prima cosa calcolo la quota Q da mettere da parte periodicamente


utilizzando il tasso sul fondo:

()

()

Quindi calcolo la quota interessi con la solita formula, utilizzando il tasso


sul debito: La rata sarà quindi:
36

ESERCIZI SVOLTI

Esercizio svolto 1: il signor Mac è un ignorante in finanza e si ritrova un


debito di 45'000 da ripagare in 20 rate annue costanti al 2% annuo.

a) Calcolare il valore della rata.

Qua serve una mera applicazione dell’equazione, quindi:

()

()

b) Scrivere l’ottava riga del piano d’ammortamento.

Come nell’esempio, calcoliamo prima la settima riga, dalla quale poi


ricaveremo l’ottava, ricordando che il debito residuo è il valore attuale delle
rate da pagare. Al settimo anno mancano 13 rate da pagare:

()

Ricavo quindi la quota interessi dell’ottavo anno:

Sapendo rata e quota interessi ricavo la quota capitale: Questa quota


capitale riduce il debito residuo:

E il debito estinto è la differenza tra debito iniziale e debito residuo: In


sintesi:

Rk

Ck

Ik
Dk
Ek
8
2'752,05

2'127,42

624,63

29'103,87

15'896,13

c) Se all’ottavo anno, subito dopo il pagamento della rata, a Mac venisse


proposta una rinegoziazione del debito, pagabile ora in 6 rate annuali pari
a 5'348,54 al 3,5%, gli converrebbe accettare?

37

Mac accetterà se il valore del debito rinegoziato sarà più basso: il debito
rinegoziato sarà pari al valore attuale delle nuove rate:

()

(
)

Dato che precedentemente il valore in t = 8 del debito era pari a 29'103,87


Mac accetterà.

d) Mac ha accettato, ma dopo 2 rate sospende il pagamento per 3 anni,


riprendendolo successivamente e rimborsando il debito con altre 5 rate. Il
creditore accetta ma alza immediatamente gli interessi di 1 punto
percentuale. Calcolare il valore della nuova rata.

Iniziamo schematizzando la situazione (il momento della rinegoziazione è il


tempo 0 perché è come se fosse un nuovo debito):

Le 3 rate successive vengono saltate e si riprende alla sesta (ho cancellato


anche questa perché ormai la rata è cambiata) con nuove rate.

Come si è sempre fatto bisognerà portare tutto a 0 ed uguagliarlo a 28'500.


La difficoltà, questa volta, sta nel fatto che dall’anno 0 al 2 il tasso
d’interesse è 3,5% annuo, dal 2 al 10 è il 4,5% annuo. Quindi bisognerà
portare in 2 le nuove rate con il nuovo tasso, e da 2 a 0 con il vecchio tasso.

()

()

()

()()

Contando che le prime due rate sono state pagate abbiamo:

()

Sostituendo (i calcoli qui sono lunghi e complessi, fateli poco per volta): ( )

()

()()
38

()

()

()()

()

()()()

Esercizio svolto 2: il signor Andrea ha un debito di 4'000 pagabile in 8 rate


semestrali con ammortamento italiano e interessi trimestrali dell’1%.

a) Calcolare le prime due righe del piano d’ammortamento.

Per prima cosa bisogna calcolare il tasso adatto:

()()

()()

()

Sapendo che la quota capitale è pari a:

Ricordandosi che la quota interessi matura sul debito al periodo precedente


è facile scrivere le prime due righe dell’ammortamento:

Rk

Ck

Ik

Dk
Ek
0
-

4’000

580,4

500

80,4

3’500

500

570,35

500

70,35

3’000
1000

b) A quanto ammonta il debito residuo nel momento precedente al


pagamento della rata che scade nel terzo anno?

Le rate sono semestrali, quindi la rata che scade al terzo anno sarà la sesta.
La domanda chiede il debito residuo prima di questa rata, cioè D 5, cioè
quando ancora bisogna pagarne 3

(la sesta, la settima e l’ottava). Ricordando che il debito residuo è la somma


delle quote capitali da pagare avremo:

39

TASSI SPOT E FORWARD


TITOLI E PREZZO
Iniziamo ad analizzare due diversi tipi di titoli:

1. ZERO-COUPON BOND: sono titoli che prevedono il pagamento di un


solo flusso futuro, pari al valore nominale (che di solito è 100) e per i quali
si paga un prezzo che, ovviamente, sarà inferiore al valore nominale. Es.
BOT

2. TITOLI CEDOLARI: sono titoli che prevedono il pagamento di tanti


flussi quanti sono i periodi a cui si riferisce (esempio, un titolo ad un
anno con cedole semestrali ha 2

cedole). Le cedole sono calcolate moltiplicando il tasso cedolare periodale


per il valore nominale del titolo (che di solito è 100). Insieme al pagamento
dell’ultima cedola viene pagato anche il valore nominale del titolo. Es. BTP

Il prezzo di un titolo è pari al valore attuale di tutti i flussi futuri dello


stesso.
TASSI SPOT E FORWARD
Nei mercati finanziari i tassi d’interesse cambiano ogni periodo: ogni
flusso deve essere quindi attualizzato con il tasso d’interesse adatto.
Definiamo due tipi di tassi d’interesse: 1. TASSI SPOT, O TASSI A
PRONTI: tassi d’interesse con diverse scadenze a partire dall’anno 0.

Si indicano con:

dove k è il numero di periodi a cui si riferisce.

2. TASSI FORWARD, O TASSI A TERMINE: tassi d’interesse con diverse


scadenze a partire da date future. I tassi forward sono impliciti nei tassi
spot. Si indicano con: Dove j è il periodo in cui “inizia” e h è il numero di
periodi a cui si riferisce.

Solitamente tutti i tassi sono su base annua, cioè sono il tasso equivalente
annuo di tassi d’interesse con scadenze diverse.

ATTENZIONE: nella notazione i tassi spot e forward non funzionano allo


stesso modo dei tassi d’interesse, bensì al contrario. Ad esempio, un tasso
quadrimestrale non avrà a pedice 3 ma 1/3. Il tasso R3 si riferisce quindi ad
un periodo triennale.

La struttura dei tassi forward si basa quindi sull’assunzione che, investendo


una certa somma in un titolo biennale all’anno 0, avrò lo stesso rendimento
se investo in un titolo annuale all’anno 0 e, col ricavato, in un altro titolo
annuale all’anno 1. Questo si traduce nell’equazione: ( ) ( ) ( )

Quindi, affinché sia valida, è necessario verificare che la somma degli


esponenti del lato sinistro sia uguale alla somma degli esponenti del lato
destro.

ATTENZIONE: questa è una condizione necessaria ma non sufficiente!


Vuol dire che anche se avete gli esponenti uguali a destra e a sinistra potete
aver sbagliato.
40

ATTENZIONE: impostando l'equazione assicuratevi di usare i tassi giusti.


Ad esempio non dovrete mai moltiplicare due tassi spot, perché
equivarrebbe a sovrapporre due periodi.

Esempio 1: come capire che tassi usare? Impostiamo uno schema: indicherò
con una linea retta i tassi spot e con una linea curva i tassi forward.

Ipotizziamo che R 1 = 3% e che R 3 = 4%. Che tasso forward posso trovare


avendo questi due tassi? Quello che “manca” tra 1 e 3, cioè da quando
finisce R 1 a quando finisce R 3.

Potrò impostare quindi l’equazione:

()()()
()

)()

()

()

Quindi, quando bisogna calcolare tutti i tassi d’interesse in un mercato la


cosa da fare è uno schema, in cui si vedono i tassi che mancano, quindi si
imposta un’equazione per trovarli.

ATTENZIONE: un trucco per capire che tassi usare è questo: prendete il


forward che state cercando; il pedice a sinistra indica il tasso spot per cui
dovete moltiplicarlo. Quindi sommate i pedici destri dello spot e del
forward che state moltiplicando e trovate lo spot a cui dovete eguagliarli.
(Questo funziona anche se, avendo uno spot e un forward adatto, bisogna
calcolare un altro tasso spot).

C’è un modo per approssimare i risultati, che vi permette di effettuare i


calcoli più rapidamente:

()

41
Questa equazione è una semplice approssimazione lineare dell’equazione
mostrata sopra: è importante capire che i risultati saranno leggermente
diversi, quindi sarebbe da usare come

“verifica” dei calcoli o in condizioni limitate di tempo.

Applicandola all’ esempio precedente:

()

In questo caso la differenza è pressoché nulla: cambiando valori lo scarto


diventa più significativo. Se R 1 fosse pari all’1%, ad esempio, il valore
esatto del forward sarebbe 5,53%, mentre quello approssimato risulta
5,5%.
PREZZO DELLE OBBLIGAZIONI
Ora che abbiamo trovato il modo di calcolare i tassi del mercato vediamo
come si fa a calcolare i prezzi dei titoli quotati.

Esempio 2: BOT a un anno con valore nominale 100. Come detto prima, il
prezzo è uguale al valore attuale dei flussi, attualizzati con il tasso adatto.
Un BOT prevede un solo flusso che scade all’anno 1, quindi lo “porto
indietro” con il tasso che “va” da 0 a 1, cioè R 1.

Il prezzo del titolo all’anno 0 sarà quindi:

()

ATTENZIONE: partendo dalla definizione di prezzo con i BOT si possono


ottenere sempre direttamente i rispettivi tassi periodali. Con i BTP non
sempre è così.

Esempio 3: BTP, con tasso cedolare annuo del 5%, con scadenza a 3 anni e
valore nominale 100. Le cedole si misurano moltiplicando il tasso cedolare
per il valore nominale: Lo schema dei flussi sarà quindi:

42

Il prezzo al tempo zero quale sarà? Valore attuale di tutti i flussi, calcolato
con il tasso adatto.

Per la cedola che scade all’anno 1 userò il tasso che “va” da 0 a 1 (quindi R
1). Per la cedola che scade all’anno 2 userò il tasso che “va” da 0 a 2
(quindi R 2). E per la cedola che scade all’anno 3

userò il tasso che “va” da 0 a 3 (quindi R 3).

()

()
()

()

()

()

Se R 1 = 3%, R 2 = 4% e R 3 = 4,5%:

()

()

()

ATTENZIONE: come si è visto negli esempi precedenti, ogni volta che si


usa un tasso spot o forward (sia per calcolare il prezzo, sia per calcolare gli
altri tassi) bisogna sempre elevarlo al suo pedice, perché questo indica il
periodo per cui si sta attualizzando.

43
ESERCIZI SVOLTI
Esercizio svolto 1: in un mercato la struttura dei tassi spot è R 1 = 4%, R 2 =
3%, R 3 = 2,5%.

a) Determinare la struttura dei tassi forward.

Per determinare la struttura dei tassi forward partendo dai tassi spot è
necessario semplicemente applicare la formula:

()()()

Disegniamo il mercato in maniera schematica:

Completiamo lo schema per vedere che tassi forward mancano e con quali
tassi spot bisogna calcolarli:

Partiamo con

: il pedice a sinistra ci dice il tasso spot per cui moltiplicarlo, quindi R

1. A

questo punto sommiamo i pedici a destra dello spot e del forward e


otteniamo lo spot a cui eguagliarlo, quindi R 2.

()()()

()()()

()

()

Facciamo lo stesso con

:
()()()

()()()

44

()(

()

()

()

E con

()()()

()()()

()

()

b) Calcolare il prezzo all’anno 1 di un BOT annuale, con scadenza all’anno


2 e valore nominale pari a 100.

Il prezzo è il valore attuale dei flussi futuri: l’unico flusso di questo BOT è
il valore nominale.
Bisognerà quindi “portare” questo flusso all’anno 1 utilizzando il tasso
adatto: qual è? Quello che “va” da 1 a 2, cioè il tasso forward

(ricordate sempre che il pedice in basso a destra è la

durata, non il periodo in cui scade). Quindi:

()

c) Calcolare il prezzo all’anno 1 (subito dopo il pagamento della cedola) di


un BTP con tasso cedolare annuale pari al 5%, scadenza in 3 e valore
nominale 100.

Stessa storia di prima, ma attenzione: la prima cedola è già stata pagata,


quindi non rientrerà nel calcolo del prezzo.

()

()

()

()

Esercizio svolto 2: in un mercato sono quotati:

1) BOT a 6 mesi con prezzo a pronti pari a 99,5 e valore nominale pari a
100

2) BOT ad un anno con prezzo a pronti pari a 98,04 e valore nominale pari
a 100

3) BTP con prezzo pari a 99,3, tasso cedolare nominale convertibile 2 volte
l’anno pari al 2%, scadenza in 1,5 e valore nominale pari a 100

Determinare la struttura dei tassi spot e forward.

45
Per prima cosa facciamo un disegno schematico di quello che abbiamo:
(Tra parentesi i prezzi dei titoli).

Come detto sopra, partendo dalla definizione di prezzo con i BOT si


possono ottenere direttamente i rispettivi tassi periodali: in questo caso R
0,5 e R 1.

()

E:

()

Applicando la definizione di prezzo al BTP possiamo calcolare R 1,5: (


(

()

()

()

()

()

()

()

()()

46

()()

Avendo tutti i tassi spot possiamo calcolare i tassi forward:

()

()
()

()()

()

()

()

()

()

E:

()()

()()()

()

()
()

()

E:

)()

()

()()

()

()

()

()

()

Riassumendo i risultati:

R0,5 = 1,01%

R1 = 2%

R1,5 = 2,5%
0,5 r0,5 = 3%

0,5 r1 = 3,25%

1 r0,5 = 3,51%

47

CRITERI DI VALUTAZIONE
INVESTIMENTI E FINANZIAMENTI
Un investimento è un’operazione per cui prima si pagano soldi che poi
vengono rimborsati.

Un finanziamento è il contrario. Avendo progetti alternativi, quale


scegliere? Si possono identificare 3 criteri di scelta:

1. Criterio del payback

2. Criterio del REA

3. Criterio del TIR


PAYBACK
Il criterio del payback dice di scegliere il progetto che prevede il recupero
del capitale nel minor tempo in caso di investimento, e nel maggior tempo
in caso di finanziamento.

Esempio 1: ipotizziamo di dover scegliere tra questi due progetti alternativi:


Per scegliere con questo criterio basterà impostare una tabella con i saldi e
vedere quale operazione “arriva” a 0 per prima.

Progetto A

Progetto B
0
-100
-100
1
10
-20
2
20
60

Per il criterio del payback sceglierò l’operazione A perché cambia segno un


periodo prima rispetto all’operazione B.
REA
Il REA (Risultato Economico Attualizzato) è il valore attuale
dell’investimento o finanziamento: secondo questo criterio sceglierò
sempre il progetto con REA più alto. Per il suo calcolo è necessario avere
un tasso d’interesse.

Esempio 2: prendendo i due progetti di prima e attualizzandoli al 2%


otteniamo: ( )

48

()

Dato che il REA B è maggiore del REA A si sceglierà il progetto B.


TIR
Il TIR (Tasso Interno di Rendimento) è il tasso che annulla il REA.
Quindi, per calcolarlo, bisognerà scrivere l’equazione del REA, ponendola
però uguale a 0 e tendendo i come incognita. Se si tratta di un investimento
sceglierò il progetto con TIR maggiore, se si tratta di un finanziamento
sceglierò il progetto con TIR minore.

Esempio 3: partendo dall’esempio precedente:

()

()

Come fare ad isolare i? Basterà sostituire:

E trasformarle in due equazioni di secondo grado:

Ogni equazione avrà due risultati: dato che stiamo calcolando un tasso
d’interesse (quindi sicuramente positivo) eliminate la soluzione negativa.
Risolvendo otteniamo: Sostituendo per ricavare la i:

Dato che il TIR B è maggiore del TIR A sceglierò il progetto B.

49

RELAZIONE TRA REA E TIR

È importante comprendere la relazione che c’è tra questi due criteri. Il


modo più facile di capirlo è disegnare un grafico in cui mettere in relazione
il REA di un progetto e tasso d’interesse utilizzato (per semplicità la
approssimiamo con una retta). Ipotizziamo di sapere che un certo Progetto
α abbia un REA pari a 50 se valutato al 10%, e pari a – 70 se valutato al
30%: la relazione sarà quindi questa retta:

60
REA

40

20

10%

20%

30%

Progetto α

-20

-40

-60

-80

Si vede immediatamente che il REA diminuisce al crescere di i. Qual è il


TIR? È il valore di i per cui il REA è nullo, quindi il punto poco inferiore al
20% in cui la retta e l’asse orizzontale si incrociano.

Ora prendiamo un Progetto β, il cui REA è pari a 30 quando i è pari al 10%,


e pari a 0 quando i è uguale al 20%: tiriamo anche in questo caso la retta;

60

REA

40
20

Progetto α

10%

20%

30%

-20

Progetto β

-40

-60

-80

Ora proviamo a rispondere, senza fare calcoli, a 2 domande: per quali tassi
il Progetto α è preferito al Progetto β? E quale progetto ha il TIR maggiore?

Per valori di i inferiori approssimativamente al 17% REAα è maggiore di


REAβ, quindi verrà preferito il primo progetto: oltre questa soglia varrà il
contrario.

Per capire quale progetto ha il TIR maggiore basta ricordarsi che è il valore
di i in cui la retta incrocia l’asse orizzontale: si vede che TIRβ è maggiore
di TIRα.

50

Guardando il grafico si può dedurre una questione: secondo il TIR viene


sempre il Progetto β, mentre seguendo il REA si potrebbe scegliere l’uno o
l’altro a seconda del tasso utilizzato. Nel caso in cui questi due criteri siano
contraddittori, quale criterio seguire?

Esempio 4: abbiamo questi due progetti;

Progetto A

Progetto B
0
-10
-1’000’000
1
20
1'500’000

Calcoliamo i due criteri per i progetti, utilizzando un tasso del 25% per il
REA: Criterio

Progetto A

Progetto B
TIR
100%

50%

REA (25%)

200’000

In questo esempio vediamo che i due criteri sono contraddittori: con il TIR
scelgo α, con il REA scelgo β. Quale criterio uso?

Se i progetti sono alternativi e non replicabili la cosa migliore è seguire il


criterio del REA, per un semplice motivo: con uno guadagno 6 €, con l’altro
200'000 €.

PREGI E DIFETTI DI REA E TIR

Punti di forza

REA
TIR
È un criterio che considera anche la È un criterio oggettivo, quindi, al
contrario

“dimensione” dell’operazione, al contrario del REA, non dipende da un


tasso scelto del TIR.

arbitrariamente.

Punti di debolezza

REA
TIR
I valori che assume dipendono dal tasso Non tiene conto della “dimensione”

d’interesse scelto per l’attualizzazione: di dell’operazione: un TIR alto


potrebbe conseguenza il progetto scelto potrebbe non comunque significare
un guadagno basso.

essere sempre lo stesso a seconda di i.

Inoltre, in progetti in cui il saldo cambia

segno più di una volta, può esserci più di un

TIR positivo.

51

ESERCIZI SVOLTI

Esercizio 1: ci sono 2 progetti che prevedono i seguenti flussi.

Progetto A

Progetto B
0
-90
-75
1
70
70
2
80
60

a) Calcolare il REA dei due progetti sapendo che i è pari al 10%.

()

()

b) Determinare i tassi per cui il progetto B sarà preferito al progetto A


secondo il REA.

Dalla definizione di REA abbiamo:

()

()

Per risolvere il problema basterà imporre la diseguaglianza REAA < REAB e


ricavare la i: ( )

()

()

Sostituiamo:

E ricaviamo:


Dato che i può essere solo positivo consideriamo solo il valore positivo di x
e andiamo a ricavare il tasso:

52

Quindi B sarà preferito ad A quando il tasso utilizzato sarà superiore al


15,47%.

Per verificare l’esattezza di questo risultato basta calcolare il REA dei due
progetti al 15,47% e assicurarsi che siano uguali:

()

()

c) Senza effettuare calcoli determinare quale dei due progetti viene scelto
secondo il criterio del TIR.

Sappiamo che al 10% il REA di A è maggiore del REA di B: allo stesso


tempo al 15,47% i due REA sono uguali e positivi. Possiamo concludere
che il REA di A si avvicina a 0 più velocemente di B, quindi il TIR di A
sarà minore del TIR di B.

Graficamente:

12

REA

10

8
6

Progetto A

Progetto B

10%

15,47%

-2

-4

-6

-8

Secondo il TIR sceglieremo quindi il Progetto B.

53

TAVOLE MORTALITÀ MASCHI - 2003

Età Sopravviventi Decessi

Età Sopravviventi Decessi

Età Sopravviventi Decessi

0
100000

436 37

97600

108 74

68765

2627

99564

28 38

97492

115 75

66138

2804

99536

21 39

97377

125 76

63334

3006
3

99515

17 40

97252

134 77

60327

3179

99498

15 41

97118

142 78

57149

3336

99483

13 42

96977

152 79

53813
3541

99470

12 43

96826

163 80

50272

3671

99457

12 44

96663

178 81

46601

3675

99445

12 45

96484

197 82
42925

3579

99433

13 46

96287

217 83

39346

3574

10

99420

13 47

96070

238 84

35772

3687

11

99407

13 48

95832
261 85

32085

3981

12

99395

14 49

95572

286 86

28103

4039

13

99381

18 50

95285

323 87

24065

3826

14

99363

25 51
94962

363 88

20239

3450

15

99338

35 52

94600

401 89

16789

2979

16

99303

47 53

94199

441 90

13811

2616

17

99256
59 54

93758

488 91

11194

2298

18

99197

68 55

93270

515 92

8896

1972

19

99129

74 56

92754

567 93

6925

1658

20
99055

76 57

92188

630 94

5266

1363

21

98979

79 58

91557

709 95

3903

1094

22

98900

82 59

90849

778 96

2809

853
23

98818

83 60

90070

878 97

1956

641

24

98735

84 61

89193

945 98

1315

464

25

98651

85 62

88247

1017 99

851
322

26

98566

85 63

87231

1083 100

529

214

27

98481

85 64

86147

1142 101

315

137

28

98396

84 65

85005

1229 102
178

83

29

98313

81 66

83777

1349 103

95

47

30

98232

81 67

82428

1496 104

49

26

31

98151

82 68

80932
1630 105

23

13

32

98068

86 69

79302

1768 106

10

33

97983

89 70

77534

1943 107

34

97894

94 71
75591

2101 108

35

97800

97 72

73490

2255 109

36

97703

103 73

71235

2470 110

54

Potrebbero piacerti anche