Sei sulla pagina 1di 1

Traccia 1

Fin dall’antichità la bellezza femminile è stata valutata e misurata sulla base di un modello estetico di
riferimento, riconosciuto dalla società in un determinato contesto storico e culturale.

Molto spesso la bellezza femminile è stata associata alla seduzione, al peccato o al pericolo.

Nell’Antico Testamento, ad esempio, è Eva che tenta Adamo per fargli mangiare la mela proibita, esiliando
così per sempre l'umanità dal giardino dell'Eden.

Altri archetipi leggendari che posso citare sono la Maga Circe di Omero, Elena di Troia, Cleopatra, Pandora.

La maga Circe, la “dea luminosa” “dalle belle trecce”, “Circe riccioli belli, alcuni degli epiteti utilizzati dallo
stesso Omero per descriverla, che con le sue arti magiche misteriose e sconosciute e con il suo fascino di
donna irresistibile, costituisce una minaccia per l’esule eroe greco, che uscirà sano e salvo dall’incontro con
la dea soltanto grazie all’intervento divino.

Elena è una donna bellissima proprio come una dea; eppure è tanto bella ma è allo stesso tempo molto
pericolosa in quanto a lei viene attribuita la colpa della guerra che ha insanguinato Troia;

Ancora di più possiamo ritrova il concetto di pericolo nella fama di Cleopatra che è ricordata per una idea
stereotipata e ferma: quella della seduttrice senza scrupoli, della regina capace con arti magiche di portate
sulla cattiva strada ben due Romani di nota fama come Giulio Cesare e Antonio. 

Infine Pandora, ideata da Zeus, è “il male bello”, una giovane donna bellissima, attraente e desiderabile che
dentro di sé nascondeva però moltissimi mali.

Nella civiltà greca arcaica è emerso inoltre un altro aspetto della condizione delle donne ossia il fatto che
per secoli viene negato loro il diritto a esistere come individui indipendenti ma la loro esistenza è connessa
alla funzione svolta in relazione a una figura maschile.

Tuttavia il concetto di bellezza femminile e di percezione di essa nel tempo, come già detto, è legato alla
cultura e alla società dell’epoca così come sono cambiati i ruoli attribuite alle donne nel corso degli anni.

Le donne nel tempo hanno conquistato con tante battaglie i ruoli che per anni sono stati riservati
esclusivamente agli uomini come i compiti pubblici e non solo familiari, il diritto di voto, una migliore
educazione e libero accesso al lavoro e alle professioni.

Ciò nonostante la donna è costretta ad affrontare ancora altre battaglie dove sono ancora forti gli stereotipi
di genere. Una piaga pesante oggi in tutto il mondo è quella della violenza sulle donne. Tanti sono i tipi di
violenze di cui la donna può essere vittima, dalla violenza fisica a quelle psicologiche e altre tipologie.

Nella società qualcosa si può fare sensibilizzando le nuove generazioni al problema, educando fin da
bambini al rispetto della donna.