Sei sulla pagina 1di 774

C ompendio di

ANATO MIA
U M ANA

M o n d uzzi Edi t o r e
Indic e

I. CITOLO GIA

LI. Ci t opla sm a .................................................................................................................................... 1


M a t ric eci t opla s m a t ic.......................................................................................................
a 1
O rg a nuli ci t opla sm a t ici..................................................................................................... 1
Rib o s o mi. ................................................................................................................... 2
Re t ic olo e ndopla s m a t ic o . .......................................................................................... 2
App a r a t o del G olgi.................................................................................................... 3
Lis o s o mi. ..................................................................................................................... 5
M i t o c o ndri................................................................................................................. 5
P e ro s sis o mi................................................................................................................. 6
App a r a t o mi t o t ic .o..................................................................................................... 6
Allo pla s mi. .......................................................................................................................... 8
Pa r apla smi. .......................................................................................................................... 8
M e mbr a n apia s m a t ic a........................................................................................................ 8
Sp e cializzazioni della sup e r ficiec ellula r e................................................................. 10
1.2. N u cle o....................................................................................................................................... 15
M e mbr a n anu cle ar e ......................................................................................................... 16
C r o m o s o mi...................................................................................................................... 16
N u cle oli. ........................................................................................................................... 18
1.3. Division e c ellular e .................................................................................................................... 18
M i t o si................................................................................................................................ 19
M eio si ............................................................................................................................... 20
I division e m eio t ic a................................................................................................... 20
II division e m eio t ic a ................................................................................................. 22

IL ISTOLO GIA

11.1. Te ssu t o e pi t eliale .................................................................................................................... 23


Epi t eli di riv e s t im e n t.....................................................................................................
o 23
Epi t eli g hia nd ola ri............................................................................................................ 27
Ghia ndole e s o c rin e................................................................................................... 27
Ghia ndole e nd o c rin e................................................................................................ 30
11.2. Te ssu t o c onn e t t ivo................................................................................................................. 30
Fibr e d el t e ssu t oc onn e t t ivo.................................................................................... 31
Sos t anza f onda m e n t alea mor f a d el t e ssu t oc onn e t t ivo.......................................... 32
C ellule del t e ssu t oc onn e t t ivo.................................................................................. 33
Te ssu t o adiposo ............................................................................................................... 35
Te ssu t o adiposo bia n c o ........................................................................................... 35
Te ssu t o adiposo br u n o.............................................................................................. 36
11.3. Te ssu t o c ar t ila gin e o ................................................................................................................ 36
C ar t ila gin eialin a................................................................................................................ 36
C a r t ila gin eela s t ic a............................................................................................................ 37
C a r t ila gin efibr o s a............................................................................................................. 37
VI

11.4. Te ssu t o o s s e o 38
C ellule del t e ssu t ooss e o 39
Sos t anza in t e r c ellula r ed el t e ssu t oo s s e o 40
11.5. Sangue e lin f a . 41
Sangue . 41
Globuli rossi 41
Globuli bia n c hi 43
Pia s t rin e 44
Lin f a 44
11.6. Te ssu t o m u s c ola r e 44
Te ssu t o mus c olar elis cio 45
Te ssu t o mus c olar e s t ria t os c h ele t ric o 46
M iofibrille 48
Sis t e mi t ubula ri 51
Pla c c a m o t ric e 51
Te ssu t o mus c olar e s t ria t oc ardia c o 53
11.7. Te ssu t o n e rvoso 55
C ellule n e rvo s e 55
Fibr e n e rvos e 57
Sinapsi in t e rn e uronic h e 61
Te rmin azioni n e rvos e p e rif e ric h e 62
Te rmin azioni n e rvos e n e gli e pi t eli 62
Te rmin azioni n e rvos e n ei m us c oli 62
Te rmin azioni n e rvos e n el t e ssu t oc o n n e t t iv o 63
11.8. N e v r o glia 65

1. TEGU M ENTO

1.1. C u t e 69
Epid e r mid e 70
Derma 72
P e li 72
Un g hie 75
Ghia ndole sudoripar e 76
Ghia ndole s e ba c e e 77
M a m m elle 78
M a m m elle f e m minili 78
M a m m elle m a s c hili 80
1.2. Tela s o t t o c u t a n e a 80

2. OSSA

2.1. O ssa d el t r o n c o 84
Ve r t e br e 84
Ve r t e br elib e r e 84
O sso s a c r o 88
C o c cig e 90
Colonna ver t ebrale 90
S t erno 90
C os t e 92
Gabbia t oracica 94
2:2. O ssa d ella t e s t a 95
O ssa d el n e uro c r a nio 95
O sso f ron t ale 96
E t m oid e 97
S f e n oid e 99
O sso o c cipi t ale 10 2
O sso parie t ale 10 5
VII

— O sso tempi:gale ..................................................................................................... 105


C avità del cranio ................................................................................................................. 109
O ssa dello splancnocranio ............................................................................................. 113
O sso mascellare ...................................................................................................... 113
O sso zigomatico..................................................................................................... 115
O sso nasale ............................................................................................................. 116
O sso lacrimale ........................................................................................................ 116
O sso palatino .......................................................................................................... 116
C onca nasale inferiore ............................................................................................ 118
Vomere ................................................................................................................... 118
Mandibola ............................................................................................................... 119
O sso joideo ............................................................................................................. 122
C avita comuni al neurocranio e allo splancnocranio ................................................................. 122
C avita orbitali................................................................................................................. 122
C avita nasale ................................................................................................................... 123
F ossa infratemporale ..................................................................................................... 125
F ossa pterigo-mascellare ................................................................................................ 126
2.3. O ssa degli arti superiori........................................................................................................ 127
C lavicola ................................................................................................................. 127
Scapola..................................................................................................................... 128
O mero ...................................................................................................................... 129
R adio ....................................................................................................................... 131
Ulna .......................................................................................................................... 132
O ssa della mano ..................................................................................................... 133
O ssa degli arti inferiori .......................................................................................................... 134
O sso dell’ anca ......................................................................................................... 134
B acino.............................................................................................................................. 137
F emore ..................................................................................................................... 139
Tibia ........................................................................................................................ 140
F ibula ...................................................................................................................... 142
Rotula ...................................................................................................................... 143
O ssa del piede ......................................................................................................... 143

3. A R TIC O LA ZIO NI

Sinartrosi......................................................................................................................... 147
Anfiartrosi ...................................................................................................................... 147
Diartrosi ......................................................................................................................... 148
Classifica zione delle diartrosi.................................................................................. 149
3.1. Articola zioni del tronco ......................................................................................................... 150
Articola zioni e legamenti delle vertebre ........................................................................ 150
Articola zioni tra i corpi delle vertebre .................................................................... 150
Articola zioni tra i processi articolari delle vertebre ............................................... 153
Legamenti tra le vertebre ....................................................................................... 153
Articola zioni dell’ atlante con l’ epistrofeo ............................................................... 154
Articola zione vertebro-sacrale. Articola zione sacro-coccige a. Articola zioni in-
tercoccige e ............................................................................................................... 156
Articola zioni e legamenti della colonna vertebrale con la testa ............................ 156
Articola zioni del torace .................................................................................................. 157
Articola zioni delle coste con le vertebre ................................................................ 157
Articola zioni costo-sternali..................................................................................... 158
3.2. Articola zioni della testa .......................................................................................................... 159
Articola zione temporo-mandibolare ............................................................................. 159
3.3. Articola zioni degli arti superiori............................................................................................. 161
Articola zione clavi-sterno-costale .................................................................................. 161
Articola zioni del cingolo scapolare ................................................................................ 161
Legamenti propri della scapola ...................................................................................... 163
Articola zione scapolo-omerale ...................................................................................... 163
V ili

Articola zione del gomito .................................................................................................. 164


Articola zione radio-ulnare distale ................................................................................... 166
Membrana interasse a dell’ avambraccio e corda obliqua ............................................... 166
Articola zione radio-carpale ............................................................................................ 167
legamento trasverso del carpo ............................................................................................... 168
Articola zioni della mano .................................................................................................. 168
Articola zioni intercarpali ........................................................................................ 169
Articola zioni carpo-metacarpah ............................................................................. 169
Articola zioni intermetacarpali................................................................................. 170
Articola zioni me tac arp o-falange e ..................................................................... 170
Articola zioni interfalange e della mano ................................................................... 170
3.4. Articola zioni degli arti inferiori ........................................................................................... 171
Articola zioni del bacino ................................................................................................. 171
Articola zione sacro-iliaca ....................................................................................... 171
Sinfisi pubica ........................................................................................................... 172
Legamenti estrinseci del bacino ..................................................................................... 172
Legamenti intrinseci del bacino ..................................................................................... 172
Articola zione coxo-femorale .......................................................................................... 174
Articola zione del ginocchio ........................................................................................... 177
Articola zioni tibio-fibulari.............................................................................................. 180
Articola zione tibio-fibulare prossimale ....................................................................180
Articola zione tibio-fibulare distale ......................................................................... 181
Membrana interasse a della gamba ......................................................................... 181
Articola zione talo-crurale ............................................................................................... 181
Articola zioni del piede ..................................................................................................... 183
Articola zioni intertarsali ......................................................................................... 183
Articola zione tarso-metatarsale ................................................................................ 186
Articola zioni intermetatars ali .................................................................................. 186
Articola zioni metatarso-falange e ............................................................................ 187
Articola zioni interfalange e del piede ...................................................................... 187

4. MU S C O LI

4.1. Muscoli del dorso ................................................................................................................... 190


Muscoli spino-appendicolari.......................................................................................... 190
Muscoli spino-costali ....................................................................................................... 193
Muscoli spino-dorsali..................................................................................................... 193
4.2. Muscoli della te sta .................................................................................................................. 199
Muscoli cutanei della testa ............................................................................................... 199
Muscoli della volta del cranio ................................................................................. 199
Muscoli estrinseci del padiglione auricolare ........................................................... 199
Muscoli delle palpebre ..............................................................................................200
Muscoli del naso ....................................................................................................... 201
Muscoli della bocca .................................................................................................. 202
Muscoli scheletrici della testa ...........................................................................................205
4.3. Muscoli del collo ...................................................................................................................... 207
Pia tism a ..........................................................................................................................207
Muscoli scheletrici del collo .............................................................................................208
Muscoli sop raj oid ei................................................................................................ 208
Muscoli sottojoidei................................................................................................... 210
Muscoli laterali del collo ......................................................................................... 211
Muscoli prevertebrali ................................................................................................213
"Fasce del collo .................................................................................................................... 213
4.4. Muscoli del torace ..................................................................................................................... 215
Muscoli toraco-appendicolari .......................................................................................... 215
Muscoli intrinseci del torace ............................................................................................216
Diaframma ....................................................................................................................... 219
4.5. Muscoli dell’ addome ................................................................................................................ 220
IX

Muscoli posteriori dell’ addome ........................................................................................ 220


Muscoli antero-laterali dell’ addome ................................................................................ 221
G uaina del muscolo retto dell' addome ...................................................................................... 227
Legamento inguinale ............................................................................................................. 228
C anale inguinale .................................................................................................................. 228
4.6. Muscoli degli arti superiori.......................................................................................................231
Muscoli della spalla .......................................................................................................... 231
Muscoli del braccio ..........................................................................................................232
Muscoli anteriori del braccio .................................................................................... 232
Muscoli posteriori del braccio ................................................................................. 234
C avita ascellare .................................................................................................................... 235
Muscoli dell’ avambraccio ................................................................................................. 236
Muscoli anteriori dell’ avambraccio........................................................................... 236
Muscoli laterali dell’ avambraccio............................................................................. 240
Muscoli posteriori dell’ avambraccio......................................................................... 240
Muscoli della mano ......................................................................................................... 243
Muscoli dell’ eminenz a tenar..................................................................................... 243
Muscoli dell’ eminenz a ipotenar ............................................................................... 245
Muscoli intermedi della mano .................................................................................. 246
4.7. Muscoli degli arti inferiori ........................................................................................................ 248
Muscoli dell’ anca .............................................................................................................. 248
Muscoli della coscia .......................................................................................................... 252
Muscoli anteriori della coscia ................................................................................... 253
Muscoli mediali della coscia ..................................................................................... 254
Muscoli posteriori della coscia ................................................................................. 256
Triangolo femorale ................................................................................................................ 258
C anale dei vasifemorali......................................................................................................... 259
Muscoli della gamba .........................................................................................................259
Muscoli anteriori della gamba .................................................................................. 261
Muscoli laterali della gamba ..................................................................................... 261
Musooli posteriori della gamba ............................................................................... 262
C avita poplite a ..................................................................................................................... 265
Muscoli del piede ............................................................................................................. 265
Muscoli dorsali del piede .......................................................................................... 266
Muscoli plantari mediali del piede ........................................................................... 267
Muscoli plantari laterali del piede ............................................................................ 268
Muscoli plantari intermedi del piede ........................................................................ 269

5. A P P A R A T O CIR C O LA T O RIO

5.1. C uore ........................................................................................................................................ 275


C onforma zione interna del cuore .................................................................................... 279
C avita degli atri ......................................................................................................... 279
C avita dei v e ntricoli.................................................................................................. 280
Struttura del cuore ........................................................................................................... 285
Miocardio ................................................................................................................. 285
E picardio .................................................................................................................. 290
E ndocardio............................................................................................................... 290
5.2. P ericardio.................................................................................................................................. 291
P ericardio fibroso ............................................................................................................ 292
P ericardio sieroso ............................................................................................................ 292
5.3. Arteria polmonare .................................................................................................................... 293
5.4. Aorta e suoi rami ...................................................................................................................... 294
Aorta ................................................................................................................................ 295
Arterie coronarie .............................................................................................................. 296
Arteria anonima ............................................................................................................... 298
Arteria carotide comune .................................................................................................. 299
Arteria carotide esterna .............................................................................................300
X

Arteria carotide interna ............................................................................................. 303


Poligono del Willis .............................................................................................................. 307
Arteria succlavia ............................................................................................................... 308
Arteria ascellare ........................................................................................................ 311
Arteria brachiale ....................................................................................................... 312
Arteria radiale ............................................................................................................ 313
Arteria ulnare ............................................................................................................ 314
R ami parietali dell’ aorta toracica ...................................................................................... 316
R ami viscerali dell’ aorta toracica ..................................................................................... 316
R ami parietali dell’ aorta addominale .............................................................................. 316
R ami viscerali dell’ aorta addominale .............................................................................. 316
Arteria celiaca .......................................................................................................... 316
Arteria mesenterica superiore ................................................................................. 318
Arteria mesenterica inferiore .................................................................................. 319
Arteria surrenale media ............................................................................................. 320
Arteria renale ............................................................................................................ 320
Arteria spermatica intern a ...................................................................................... 321
Arteria sacrale media ........................................................................................................ 321
Arteria iliaca comune ...................................................................................................... 321
Arteria ipogastrica .................................................................................................... 321
Arteria iliaca esterna ..................................................................................................324
Arteria femorale ........................................................................................................ 324
Arteria poplite a ....................................................................................................... 325
Arteria tibiale anteriore ............................................................................................. 328
Arteria tibiale posteriore ......................................................................................... 330
5.5. V ene polmonari........................................................................................................................ 330
5.6. S eno coronario e suoi affluenti ............................................................................................... 331
5.7. V ena cava superiore e suoi afflu e nti........................................................................................ 332
V ena anonima .................................................................................................................. 334
V ena giugulare intern a .............................................................................................. 334
S eni della dura madre ................................................................................................ 336
V ena succlavia ........................................................................................................ 340
V ena ascellare ........................................................................................................... 341
5.8. V ena cava inferiore e suoi affluenti ......................................................................................... 342
V ena porta ........................................................................................................................ 344
V ena iliaca comune .......................................................................................................... 346
V ena ipogastrica ....................................................................................................... 346
V ena iliaca esterna .................................................................................................... 346
V ena femorale ........................................................................................................... 349
V ena poplite a ............................................................................................................ 349
5.9. Struttura dei vasi sanguiferi...................................................................................................... 350
Struttura delle arterie ........................................................................................................ 351
Struttura dei vasi capillari saguiferi................................................................................... 351
Struttura delle vene ........................................................................................................... 352
5.10. V asi linfatici ............................................................................................................................352
C ondotto toracico e suoi affluenti ................................................................................. 353
Tronco linfatico lombare ......................................................................................... 353
Tronco linfatico intestinale .................................................................................... 355
Tronco linfatico giugulare ............................................................................................... 356
Tronco linfatico succlavio ................................................................................................358
Tronco linfatico bronco-mediastinale ........................................................................... 358
Struttura dei vasi linfatici................................................................................................. 360
5.11. Midollo osseo ......................................................................................................................... 361
5.12. Milz a ....................................................................................................................................... 361
Struttura della milz a ......................................................................................................... 363
5.13. Linfonodi ............................................................................................................................... 366
Struttura dei linfonodi....................................................................................................... 367
5.14. Timo ....................................................................................................................................... 368
Struttura del timo ..............................................................................................................370
XI

6. A P P A R A T O DIG E R E N T E

6.1. C avita orale ............................................................................................................................. 373


V estibolo orale ............................................................................................................... 373
Labbra .................................................................................................................... 373
G uance ......................................................................................................................375
Arcate gengivo-dentali ........................................................................................... 375
C avita orale propriamente detta ...................................................................................... 379
P alato duro ............................................................................................................. 379
P alato molle ............................................................................................................ 380
Lingua ..................................................................................................................... 382
Solco sottolinguale .................................................................................................. 388
6.2. F aringe .................................................................................................................................... 388
Struttura della faringe .................................................................................................... 390
Tonaca mucosa della faringe .................................................................................. 390
F ascia faringo-basilare ............................................................................................ 390
Tonaca muscolare della faringe .............................................................................. 391
F ascia perifaringe a .................................................................................................. 392
6.3. E sofago .................................................................................................................................. 392
Struttura dell’ esofago ....................................................................................................... 394
6.4. Stomaco ................................................................................................................................. 394
C onforma zione interna dello stomaco ............................................................................. 396
Struttura dello stomaco .................................................................................................... 397
Tonaca mucosa dello stomaco .................................................................................. 397
T ela sottomucosa dello stomaco ............................................................................. 399
Tonaca muscolare dello stomaco ............................................................................ 399
Tonaca sierosa dello stomaco .................................................................................. 400
6.5. Intestino tenue .......................................................................................................................... 400
Duodeno ........................................................................................................................... 400
Intestino mesenterio0 .................................................................................................... 401
C onforma zione interna dell’intestino tenue .................................................................... 403
Struttura dell’intestino tenue ........................................................................................... 404
Tonaca mucosa dell’intestino tenue .........................................................................404
T ela sottomucosa dell’intestino tenue ...................................................................... 405
Tonaca muscolare dell’intestino tenue ................................................................... 405
Tonaca sierosa dell’intestino tenue ........................................................................ 405
6.6. Intestino crasso ...................................................................................................................... 406
Intestino cieco e appendice vermiforme .........................................................................406
C olon ................................................................................................................................ 408
Intestino retto ................................................................................................................. 409
Struttura dell’intestino crasso ........................................................................................ 410
Struttura dell’ appendice vermiforme ........................................................................411
Struttura dell’intestino retto ................................................................................... 411
6.7. Grosse ghiandole annesse all’ apparato digerente .................................................................. 411
G hiandole salivari maggiori........................................................................................... 411
G hiandola parotide ................................................................................................. 412
G hiandola sottomandibolare .................................................................................... 413
G hiandola sottolinguale ........................................................................................... 414
Struttura delle ghiandole salivari maggiori............................................................. 415
F egato ............................................................................................................................... 416
Tonache del fegato ................................................................................................. 421
Struttura del fegato ................................................................................................. 421
Vie bilifere ...................................................................................................................... 424
C ondotti biliferi...................................................................................................... 425
C ondotto epatico, condotto cistico e condotto coledoco ....................................... 425
C istifelle a ................................................................................................................. 426
P ancre as ......................................................................................................................... 427
Struttura del pancre as ............................................................................................. 428
XII

7. A P P A R A T O R E S PIR A T O RIO

7.1. N aso ......................................................................................................................................... 431


N aso esterno ....................................................................................................................431
C avita nasale ..................................................................................................................... 431
Tonaca mucosa della fossa nasale ........................................................................... 433
7.2. Laringe ..................................................................................................................................... 435
C artilagini della laringe ..................................................................................................... 435
Articola zioni e legamenti della laringe ............................................................................ 437
Articola zioni della laringe .........................................................................................437
Legamenti della laringe ............................................................................................ 438
Muscoli della laringe ........................................................................................................ 439
C onforma zione interna della laringe ............................................................................... 442
Tonaca mucosa della laringe ........................................................................................... 444
7.3. Trache a e bronchi.....................................................................................................................444
Trache a ............................................................................................................................. 444
Bronchi............................................................................................................................. 445
Struttura della trache a e dei bronchi................................................................................. 446
7.4. Polmoni.....................................................................................................................................447
C onforma zione esterna dei polmoni............................................................................... 447
Struttura dei polmoni.......................................................................................................450
P arte intrapolmonare dell’ albero bronchiale ............................................................450
P arenchima polmonare ............................................................................................ 452
7.5. Pleure ....................................................................................................................................... 455
C avita mediastinale .............................................................................................................. 456

8. A P P A R A T O U RIN A RIO

8.1. R eni............................................................................................................................................ 457


C ostituzione interna del rene .......................................................................................... 460
Struttura del rene ............................................................................................................. 464
8.2. Apparato escretore del rene ..................................................................................................... 468
Struttura dell’ apparato escretore del rene ........................................................................ 469
8.3. V escica urinaria ........................................................................................................................ 470
C onforma zione interna della vescica urinaria ................................................................. 472
Struttura della vescica urinaria ........................................................................................ 473
8.4. Uretra femminile ...................................................................................................................... 473
Struttura dell’ uretra femminile .........................................................................................473

9. A P P A R A T O G E NIT AL E MA S C HIL E

9.1. T esticoli.....................................................................................................................................475
C onforma zione esterna ed involucri dei te sticoli............................................................475
C ostituzione interna dei testicoli ..................................................................................... 477
Struttura dei testicoli ....................................................................................................... 477
9.2. Vie spermatiche ....................................................................................................................... 481
Cordone spermatico ............................................................................................................... 484
9.3. Uretra maschile ........................................................................................................................ 485
C onforma zione interna dell’ uretra maschile ................................................................... 486
Struttura dell’ uretra maschile ........................................................................................... 486
9.4. G hiandole annesse all’ uretra maschile ..................................................................................... 488
Prostata ............................................................................................................................ 488
G hiandole bulbo-uretrali ................................................................................................. 489
9.5. P ene .......................................................................................................................................... 489
C ostituzione del pene .......................................................................................................490
XIII

10. A P P A R A T O G E NIT AL E F E MMINIL E

10.1. O vaie ...................................................................................................................................... 495


Struttura dell’ ovaia ........................................................................................................... 496
10.2. Trombe uterine .................................................................................................................... 500
10.3. Utero ..................................................................................................................................... 502
C onforma zione interna dell’ utero .................................................................................. 505
Struttura dell’ utero ......................................................................................................... 505
E ndometrio............................................................................................................... 505
Miometrio .................................................................................................................507
P erimetrio ............................................................................................................... 508
10.4. V agina ..................................................................................................................................... 508
10.5. V ulv a ..................................................................................................................................... 509
Grandi labbra .................................................................................................................. 510
Piccole labbra ................................................................................................................. 510
Organi erettili della vulva ............................................................................................... 510
G hiandole della vulva .................................................................................................... 512

11. P E RIN E O

11.1. Diaframma pelvico ............................................................................................................... 513


11.2. Trigono uro-genitale ............................................................................................................. 515
11.3. Piano superficiale del perineo .............................................................................................. 516

12. P E RIT O N E O

12.1. Borsa omentale ..................................................................................................................... 519


12.2. Grande omento ...................................................................................................................... 522

13. A P P A R A T O E N D O C RIN O

13.1. G hiandola tiroide a ............................................................................................................... 523


Struttura della ghiandola tiroide a .................................................................................... 523
13.2. G hiandole para tiroide e .......................................................................................................... 525
Struttura delle ghiandole paratiroide e ............................................................................ 526
13.3. G hiandole surrenali .............................................................................................................. 526
Struttura delle ghiandole surrenali ................................................................................. 527
13.4. P aragangli.............................................................................................................................. 528
13.5. Ipofisi..................................................................................................................................... 529
Struttura della neuroipofisi.............................................................................................. 529
Struttura dell’ adenoipofisi .............................................................................................. 530
13.6. E pifisi ................................................................................................................................... 531
Struttura dell’ epifisi ........................................................................................................ 532

14. SIS T E MA N E R V O S O C E N T R AL E

14.1. Midollo spinale ..................................................................................................................... 533


C onforma zione esterna del midollo spinale .................................................................. 533
Struttura interna del midollo spinale ............................................................................. 537
Sostanz a grigia del midollo spinale ........................................................................ 537
Sostanz a bianca del midollo spinale ...................................................................... 544
C anale centrale del midollo spinale ....................................................................... 551
14.2. E ncefalo ............................................................................................................................... 551
Midollo allungato ........................................................................................................... 553
C onforma zione esterna del midollo allungato ...................................................... 553
XIV

Struttura interna del midollo allungato................................................................... 555


P onte ................................................................................................................................ 561
C onforma zione esterna del ponte ............................................................................. 561
Struttura interna del ponte ....................................................................................... 562
C ervelletto ........................................................................................................................ 565
C onforma zione esterna del cervelletto .................................................................... 565
Suddivisione del cervelletto ..................................................................................... 568
Struttura interna del cervelletto................................................................................ 569
C ostituzione dei peduncoli cerebellari (Sistemi afferenti ed efferenti del
cervelletto)................................................................................................................ 572
IV ventricolo.................................................................................................................... 575
Mesencefalo ....................................................................................................................... 578
C onforma zione esterna del mesencefalo ................................................................. 578
Struttura interna del mesencefalo............................................................................. 579
Acquedotto cerebrale (del Silvio) ............................................................................. 584
Diencefalo......................................................................................................................... 584
Ipotalamo ................................................................................................................. 585
T alamo ....................................................................................................................... 589
E pitalamo ................................................................................................................. 595
III ventricolo ............................................................................................................. 596
T elencefalo ....................................................................................................................... 597
C onforma zione esterna degli emisferi cerebrali...................................................... 598
C ostituzione degli emisferi cerebrali........................................................................ 608
V entricolo laterale .................................................................................................... 625
F orma zioni interemisferiche .................................................................................... 629
Principali vie nervose sensitive e motrici.................................................................................. 631
Vie sensitive ..................................................................................................................... 631
Via spino-bulbo-talamo-corticale........................................................................... 631
Via spino-talamo-corticale ....................................................................................... 633
Via sensitiva trigeminale ........................................................................................... 633
Vie della sensibiliti somatica passanti per it cervelletto ..................................... 634
Via gustativa ..............................................................................................................636
Via vestibolare .......................................................................................................... 636
Via acustica ............................................................................................................... 637
Via ottica .................................................................................................................. 638
Via olfattiv a ...............................................................................................................641
Vie motrici........................................................................................................................ 642
Via piramidale ........................................................................................................... 642
Via extrapiramidale ................................................................................................... 644
14.3. Meningi.................................................................................................................................... 646
Dura madre ...............................................................................................................646
Aracnoide ................................................................................................................. 649
Pia madre .................................................................................................................. 650
Spa zio sottoaracnoidale e liquido cefalo-rachidiano.............................................. 651

15. SIS T E MA N E R V O S O P E RIF E RIC O

15.1. N ervi spinali.......................................................................................................................... 654


Plesso cervicale ................................................................................................................. 655
R ami cutanei del plesso cervicale ............................................................................. 655
R ami muscolari del plesso cervicale ......................................................................... 655
Plesso brachiale ............................................................................................................... 657
R ami collaterali del plesso brachiale ...................................................................... 658
R ami terminali del plesso brachiale ........................................................................ 659
N ervi intercostali ............................................................................................................. 666
Plesso lombare ................................................................................................................. 667
Plesso sacrale .................................................................................................................... 671
N ervi del cingolo pelvico ......................................................................................... 673
XV

N ervi della parte libera dell’ arto inferiore ............................................................... 674


Plesso pudendo ................................................................................................................ 680
Plesso coccigeo ................................................................................................................. 681
15.2. N ervi encefalici........................................................................................................................681
N ervo olfattivo ................................................................................................................ 681
N ervo ottico ..................................................................................................................... 682
N ervo oculomotore ..........................................................................................................682
N ervo trocle are ................................................................................................................ 683
N ervo trigemino .............................................................................................................. 685
N ervo abducente ............................................................................................................. 695
N ervo faciale .................................................................................................................... 696
N ervo acustico ................................................................................................................. 699
N ervo glosso-faringeo ..................................................................................................... 701
N ervo v a go ....................................................................................................................... 702
N ervo accessorio .............................................................................................................. 705
N ervo ipoglosso ............................................................................................................... 706
15.3. Simpatico ................................................................................................................................ 707
Ortosimpatico .................................................................................................................. 707
P arasimpatico ................................................................................................................... 714
P arasimpatico encefalico .......................................................................................... 714
P arasimpatico sacrale ................................................................................................ 715

16. A P P A R A TI E O R G A NI DI S E N S O

16.1. Apparato della vista ................................................................................................................. 717


O cchio .............................................................................................................................. 717
Tonaca fibrosa dell’ occhio ........................................................................................ 718
Uve a ......................................................................................................................... 721
R etina ........................................................................................................................724
Lente cristallina ......................................................................................................... 731
Zonula ciliare ............................................................................................................733
C amere dell’ occhio e umore acqueo .......................................................................... 734
C orp o vitre o ............................................................................................................ 735
Apparato motore dell’ occhio ........................................................................................... 735
Muscoli dell’ occhio ................................................................................................... 735
F asce orbitali............................................................................................................ 737
Apparato protettore dell’ occhio ....................................................................................... 738
Sopr acciglio ............................................................................................................... 738
P alpebre .................................................................................................................... 739
C ongiuntiva .............................................................................................................. 740
Apparato lacrimale ................................................................................................... 741
16.2. Apparato dell’ udito e dell’ equilibrio ....................................................................................... 744
Orecchio esterno ............................................................................................................. 744
P adiglione auricolare ................................................................................................ 744
Me ato acustico esterno ............................................................................................ 746
Orecchio medio ............................................................................................................... 746
C avita del timpano ................................................................................................... 747
Apparato mastoideo ................................................................................................. 753
Tuba uditiva ............................................................................................................. 753
Orecchio interno ............................................................................................................. 754
Labirinto osseo ......................................................................................................... 754
Labirinto membranoso ............................................................................................ 758
P erilinfa ed endolinfa ................................................................................................. 766
I____________
CIT O L O GIA

G li organismi viventi sono costituiti di cellule, che sono unità elementari aven
ti proprietà comuni. Alcuni organismi, come i protozoi, sono unicellulari, ossia
sono formati di un ’ unica cellula. Altri organismi invece, detti meta zoi, sono pluri
cellulari, ossia sono costituiti dell’ associa zione di molte cellule, le quali si diffe
renziano, assumendo a gruppi caratteristiche morfologiche e funzionali comuni.
Lo studio delle cellule è detto citologia.
Le cellule sono costituite di sostanz a vivente, che viene indicata col nome di
protoplasma. Esse mostrano un piano organiz z ativo comune, per cui in ciascuna
cellula il protoplasma appare distinto in due parti fondamentali: l ’ una perife
rica, che è detta citoplasma, e l ’ altra grosso modo centrale, che è denominata
nucleo.

1.1. CIT O PLA SMA


Il citoplasma consta di varie parti che sono: la matrice citoplasmatica, gli or
ganuli citoplasmatici, gli alloplasmi, i paraplasmi e la membrana piasmatica.

Matrice citoplasmatica
La matrice citoplasmatica (o ialoplasma ') è la fase liquida del citoplasma, la
quale accoglie la fase solida, rappresentata dagli organuli citoplasmatici, dagli
alloplasmi e dai paraplasmi. E ’ un sistema colloidale complesso, la cui fase disper
dente è costituita di una soluzione acquosa di sali inorganici e di micromolecole
organiche, e la cui fase dispersa è rappresentata da macromolecole organiche.
Q ueste ultime possono essere libere, oppure possono essere riunite da legami
deboli a costituire una impalcatura tridimensionale a maglie irregolari; nel primo
caso si ha una condizione di sol, nel secondo caso si ha invece una condizione
di gel vischioso, che è d ettole/ reticolare disperso.
La matrice citoplasmatica, osservata al microscopio ottico, appare omogene a
e di norma è debolmente acidofila; vista al microscopio elettronico, mostra una
bassa densità elettronica e si presenta omogene a oppure finemente granulare.
La matrice citoplasmatica è la sede in cui si raccolgono i prodotti del meta
bolismo cellulare; è inoltre la sede della glicolisi ana erobia.

Organuli citoplasmatici
G li organuli citoplasmatici sono: i ribosomi, il reticolo endoplasmatico, l ’ ap
parato del G olgi, i lisosomi, i mitocondri, i perossisomi, l’ apparato mitotico.
2 I -CIT O L O GIA

subunità di un ribosomi

F igura 1.1. C ostituzione di un poliribosoma.

Ribosomi
I ribosomi appaiono al microscopio elettronico come particelle dense del
diametro di 150 - 200 A; sono la sede delle sintesi proteiche della cellula. I ribo
somi possono essere sparsi nella matrice citoplasmatica: ribosomi liberi, oppure
possono essere applicati alla superfìcie esterna delle membrane del reticolo en-
doplasmatico: ribosomi associati alle membrane. I ribosomi liberi sono pre
senti in grande numero specialmente nelle cellule in attività proliferativa, nei
linfociti, negli eritroblasti; si ritiene siano sede della sintesi delle proteine neces
sarie per la divisione cellulare, delle proteine strutturali e di altre proteine le
gate al metabolismo cellulare, come ad esempio enzimi. I ribosomi associati alle
membrane sono soprattutto riscontrabili nelle cellule secernenti; essi sarebbero
infatti deputati alla sintesi delle proteine destinate ad essere escrete all’ esterno
della cellula. La loro abbondante presenz a dona basofilia al citoplasma.
I ribosomi hanno origine dal nucleolo (v. Nucleo). E ssi risultano formati
ciascuno di due subunità di grande z z a diseguale, costituite di acido ribonu
cleico ribosomale (rR N A ) e di proteine strutturali ed enzimatiche.
La maggior parte dei ribosomi, sia liberi che associati alle membrane, sono
raccolti in gruppi, detti poliribosomi (o polisomi) (fìg. 1.1), i quali hanno spes
so una forma a spirale; in ciascun poliribosoma, i singoli ribosomi sono alline ati
lungo un esile filamento di 10 - 20 A di diametro, che li attraversa al confine
fra le loro due subunità e che è interpretato come una molecola di acido ribo
nucleico messaggero (mR N A). Solo quando sono riuniti in poliribosomi, i ri
bosomi diventano centri attivi delle sintesi proteiche della cellula, in quanto è
presente la molecola di mR N A che reca l ’ informa zione genetica per le sintesi
proteiche stesse ai ribosomi.

R eticolo endoplasmatico
Il reticolo endoplasmatico (fìg. 1.2) è dato da un insieme di cavità, delimi
tate da membrane lipoproteiche, le quali sono fra di loro intercomunicanti, così
da formare un sistema cavitario continuo che, con l ’ aspetto di rete tridimensiona
le, invade tutto il citoplasma, specie nella sua parte centrale o endoplasma; esso
comunica anche con la cisterna perinucle are (v. Nucleo). S econdo la forma delle
cavità, si distinguono nel reticolo endoplasmatico: tubuli, cisterne e vescicole.
I • CIT O L O GIA 3

La superfìcie esterna delle membrane che delimitano le cavità del reticolo


endoplasmatico può essere liscia, oppure può essere cosparsa di un grande numero
di ribosomi: nel primo caso si ha il reticolo endoplasmatico liscio, nel secondo
caso si ha invece il reticolo endoplasmatico granulare o ergastoplasma; i due
tipi di reticolo endoplasmatico possono coesistere nella medesima cellula. In ogni
caso, il reticolo endoplasmatico contiene gli enzimi delle principali vie metabo
liche.
Il reticolo endoplasmatico liscio interviene nel metabolismo dei lipidi e dei
glucidi; possiede infatti un corredo enzimatico adatto alle sintesi di lipidi com
plessi, di trigliceridi e di sterioidi, inoltre alla degrada zione del glicogeno e del
glucosio. C ontrolla poi la concentra zione nel citoplasma degli ioni calcio, essen
do infatti provvisto di perme asi specifiche per il trasporto attivo degli ioni C a ++
e Mg ++ , che raccoglie nelle proprie cavità, poi liberandoli. Infine inattiva molte
sostanz e tossiche, in quanto è fornito di enzimi per l ’ ossida zione, la de amina-
zione e la decarbossila zione di numerosi materiali, soprattutto prodotti di rifiu
to del metabolismo cellulare e farmaci.
Il reticolo endoplasmatico granulare è molto sviluppato nelle cellule che se
cernono materiali proteici (enzimi, ormoni, anticorpi, ecc.), occupandone soprat
tutto la parte basale. Il reticolo endoplasmatico granulare, alla sua periferia, si
continua con il reticolo endoplasmatico liscio, inoltre stacca vescicole a parete
liscia: le vescicole intermedie, per l ’ apparato del G olgi.
Il reticolo endoplasmatico granulare prende parte alle sintesi proteiche; esso
infatti è sede di enzimi per la fosforila zione e la media zione delle proteine neosin
tetiz z ate dai poliribosomi applicati alla superficie esterna delle membrane del reti
colo endoplasmatico granulare stesso. T ali proteine neoformate attraversano le
membrane del reticolo endoplasmatico granulare ed entrano nelle sue cavità,
dove vengono rielaborate ed avviate a matura zione; infine, l ’ elaborato defini
tivo viene trasferito all’ apparato del G olgi tramite le vescicole intermedie.

Apparato del G olgi


L' apparato del G olgi (o complesso del G olgi) è presente in tutte le cellule,
con estensione e localiz z a zione mutevoli secondo i tipi cellulari. C osì, ad esempio,

retici
endoplasmati
granuli

'reticolo endoplasmatico liscio

F igura 1.2. Immagine schematica del reticolo endoplasmatico.


4 I CIT O L O GIA

Q °
O o
faccia in forma zione

F igura 1.3. Immagine schematica d ell’ apparato del G olgi.

nelle cellule nervose dei gangli spinali, dove è molto sviluppato, esso si estende in
zona perinucle are; nelle cellule secernenti esocrine è posto sopra il nucleo; in
altre cellule è in posizione paranucle are, oppure attorno ai centrioli.
L ’ apparato del G olgi consta di membrane lipoproteiche a superficie liscia,
le quali delimitano una serie di cavità chiuse. Vi si distinguono le cisterne (o
sacculi'), le vescicole e i vacuoli (fig. 1.3).
Le cisterne, che rappresentano per estensione le strutture prevalenti dell’ ap
parato del G olgi, sono fortemente appiattite ed incurvate ; esse sono disposte a pila
l ’ una sull’ altra. La pila di cisterne, data la curvatura di queste, presenta una faccia
convessa, che è prossimale (cioè rivolta verso il nucleo) e che è detta faccia in
forma zione, ed una faccia concava, che è distale (ossia rivolta verso la membrana
piasmatica) e che è chiamata faccia in matura zione. Sulla faccia in forma zione si
addensano le vescicole, che sono vescicole intermedie provenienti dal reticolo
endoplasmatico; queste si fondono fra di loro, formando continuamente nuove
cisterne. D alla faccia in matura zione, soprattutto alla periferia delle cisterne,
si staccano via via vacuoli, che gradualmente esauriscono le cisterne. Il fenomeno
è molto rapido; si calcola infatti che, nelle cellule in attiva secre zione, si formi
in media una nuova cisterna ogni 4-5 minuti e che l ’ intera pila di cisterne si
rinnovi ogni 20 - 40 minuti.
Le vescicole dell’ apparato del G olgi sono strutture sferoidali, con un contorno
finemente granulare o elettrontrasparente. Esse provengono come vescicole in
termedie dal reticolo endoplasmatico granulare, ed in tale caso contengono
per lo più proteine semplici, oppure provengono dal reticolo endoplasmatico
liscio, ed hanno allora generalmente un contenuto lipoproteico.
I vacuoli dell’ apparato del G olgi sono anch’ essi di forma sferoidale, ma sono
più voluminosi delle vescicole; hanno contenuto talora modicamente, altre
I - CIT O L O GIA 5

volte invece fortemente elettrondenso. Possono essere vacuoli di secre zione, il


cui contenuto è destinato ad essere espulso dalla cellula, oppure possono essere
lisosomi con funzioni digestive nel citoplasma.
L ’ apparato del G olgi è una tappa obbligata per tutti i materiali proteici ela
borati dalla cellula, che in esso sostano, subiscono una eventuale rifinitura e ven
gono infine dotati di un involucro membranoso atto a trasportarli nella matrice
citoplasmatica. Infatti, le molecole proteiche e lipoproteiche, provenienti dal
reticolo endoplasmatico granulare tramite le vescicole intermedie, vanno all’ appa
rato del G olgi, nelle cui cisterne o vengono semplicemente immaga z zinate, oppure
vengono coniugate con glucidi neutri o solforati, formandosi glicoproteine e
proteoglicani; accolte poi nei vacuoli che si staccano dalle cisterne dell’ appara
to del G olgi, esse o percorrono la matrice citoplasmatica e si portano al polo
secretivo della cellula, oppure vanno nelle zone del citoplasma dove vi sono
materiali da digerire.

Lisosomi
I lisosomi sono vacuoli di 0,2 - 0,6 g, delimitati da una membrana lisosomale
di natura lipoproteica, che derivano per gemma zione dalle cisterne dell’ apparato
del G olgi. E ssi contengono nella loro cavità idrolasi acide, che intervengono nei
processi digestivi intracitoplasmatici di materiali cellulari o di particelle estrane e
inglobate dalla cellula. Avvenuti i processi digestivi, dei lisosomi rimangono i
corpi residui, per lo più formati di membrane avvolte in volute (figure mieliniche)
e di pigmenti bruni (lipofuscine '), i quali vengono poi espulsi dalla cellula.

Mitocondri
I mitocondri sono organuli citoplasmatici di aspetto filamentoso o granulare,
lunghi da 1 a 4 p e con un diametro di circa 0,5 p. Sono generalmente distribuiti
uniformemente nel citoplasma; possono però anche avere localiz z a zioni tipich^,
come nelle cellule epiteliali dei tubuli contorti del rene, dove sono alline ati
verticalmente in posizione basale, oppure negli spermatozoi, dove sono localiz z ati
in doppia spirale nel segmento intermedio. La loro distribuzione, analogamente
alla loro forma, è tuttavia mutevole in rapporto agli stati funzionali della cellula.
Il loro numero è elevato; in una cellula epatica, ad esempio, possono essere da
1000 a 2000.
C ome rivelano le immagini al microscopio elettronico (fig. 1.4), i mitocondri

membrana
"-.itocondriale mitocondriale
esterna interna

membrana
mitocondriale mitocondriale
in tema esterna

F igura 1.4. Immagine schematica di un mitocondrio.


6 I • CIT O L O GIA

sono costituiti di due membrane lipoproteiche di 60 À di spessore, denomi


nate rispettivamente membrana mitocondriale esterna e membrana mitocondriale
interna. Q ueste sono disposte in modo tale da delimitare due cavità: la camera mi
tocondriale esterna di 50 - 80 A di larghe z z a, che è compresa tra le due membra
ne mitocondriali, e la camera mitocondriale interna, che è circoscritta dalla mem
brana mitocondriale interna e che contiene la matrice mitocondriale, omogene a o
finemente granulare. Al contrario della membrana mitocondriale esterna che è
pianeggiante, la membrana mitocondriale interna è sollevata, verso la camera
mitocondriale interna, in pieghe generalmente trasversali rispetto all’ asse maggiore
del mitocondrio, talora invece longitudinali: sono le creste mitocondriali, all’inter
no delle quali si continua la cavità della camera mitocondriale esterna; le creste
mitocondriali in alcune cellule, come in quelle della sostanz a corticale della ghian
dola surrenale, hanno l ’ aspetto di introflessioni tubulari invece che lamellari.
I mitocondri sono gli organuli respiratori della cellula, deputati alla produzio
ne dell’ energia necessaria per le funzioni cellulari. L ’ attività dei mitocondri è
dovuta a numerosi enzimi in essi contenuti. T ali enzimi appartengono a tre classi,
che agiscono in sequenz a: enzimi ossidativi del ciclo del Krebs, che agiscono sui
prodotti dell’ assorbimento intestinale, degradandoli completamente per ossida
zione, con conseguente libera zione di elettroni; enzimi della catena respiratoria,
che trasportano coppie di elettroni e atomi di idrogeno, liberati lungo il ciclo del
Krebs, attraverso una serie di re a zioni intermedie, al cui termine gli elettroni e
gli ioni idrogeno si combinano con l ’ ossigeno molecolare, formando acqua e
cedendo energia; enzimi fosforilativi, che cataliz z ano la sintesi dell’ adenosintri-
fosfato (A T P) a partire dall’ adenosindifosfato (A D P) e dal fosfato, utiliz z ando
l ’ energia ceduta da una coppia di elettroni. (L ’ A T P rappresenta la maggiore
riserva di energia della cellula, energia che viene poi liberata mediante la ricon
versione dell’ A T P stessa in A D P e che viene utiliz z ata in tutte le attività funzionali
della cellula).

P erossisomi
I perossisomi (o microbodies) sono forma zioni ovalari, del diametro di 0,6 -
- 0,7 p, delimitate da una membrana liscia. G li enzimi in essi contenuti sono le
perossidasi, implicate nella forma zione di acqua dal perossido di idrogeno, e le
catalasi, che intervengono nella riossida zione dei nucleotidi, con conseguente li
bera zione di energia. C iò fa ritenere che i perossisomi siano sistemi primitivi di
produzione di energia, sostituiti poi dai mitocondri.

Apparato mitotico
L ’ apparato mitotico (o apparato della sfera) (fìg. 1.5) è l’insieme delle strut
ture preposte alla migra zione dei cromosomi durante la mitosi. D ei suoi compo
nenti, i centrioli, il centrosoma e la centrosfera sono sempre presenti nella cellula,
V astrosfera ed il fuso mitotico compaiono durante la profase della mitosi.
Il centriolo, osservato al microscopio ottico, si presenta come un granulo
sferico, singolo o doppio, fortemente basofilo, che tende ad occupare il centro
geometrico della cellula, a meno che non venga spostato passivamente dal nucleo.
E sso occupa una zona di citoplasma priva di organuli e di inclusioni.
Visto al microscopio elettronico, il centriolo appare come un cilindro cavo,
aperto ad una estremità e chiuso all’ altra, avente una lunghe z z a di 3.000 - 5.000 A
I CIT O L O GIA 7

astrosfera centrioli

fuso mito tico cromosomi

centrioli

F igura 1.5. Apparato mitotico.

ed un diametro di 1.500 - 2.000 A. La parete del centriolo è un mantello denso


contenente nove gruppi di microtubuli, disposti parallelamente all’ asse del cilin
dro; ogni gruppo consta di tre microtubuli affiancati e fusi insieme. I nove gruppi
di microtubuli sono disposti obliquamente a scala, simulando nell’insieme la di
sposizione delle pale di una ruota da mulino; essi, in ciascun gruppo, sono indicati
con le lettere A, B e C , a cominciare dal più interno. C iascun microtubulo è un
piccolo cilindro cavo, del diametro di 250 A, la cui parete è formata di 12 - 13
protofilamenti affiancati longitudinalmente attorno ad una cavità centrale.
N elle cellule in interfase, i centrioli sono di norma due e, posti l ’ uno vicino
all'altro con i loro assi maggiori perpendicolari fra loro, formano un ’ unità detta
diplosoma.
N ella divisione cellulare, i due centrioli del diplosoma si duplicano, non per
lo sdoppiamento dei due pre esistenti, ma per la forma zione di due nuovi centrioli;
si vengono così ad avere due diplosomi, che si spostano ai poli opposti della cel
lula, dove funzionano come centri per l ’ organiz z a zione delle astrosfere e del fuso
mitotico.
Il centrosoma, visibile al microscopio ottico, è il citoplasma pericentriolare,
che è alquanto più denso del restante citoplasma; al microscopio elettronico, esso
non mostra alcuna particolare caratteristica. La centrosfera è il citoplasma che cir
conda il centrosoma; vi prende intimi rapporti l ’ apparato del G olgi.
U astrosfera (o aster) compare durante la profase della mitosi, raggiunge il
massimo aviluppo nel corso della metafase e scompare alla fine della telofase. E s
sa, al microscopio ottico, appare formata di fibre disposte a raggiera attorno al di
plosoma; tali fibre, osservate al microscopio elettronico, risultano essere fasci di
microtubuli, i quali però non sono in continuità con quelli dei centrioli. Le due
astrosfere rappresentano i me z zi di ancoraggio dei due diplosomi durante il
processo mitotico.
11 fuso mitotico, analogamente alla centrosfera, compare nella profase della
mitosi, acquista la sua massima estensione nella metafase, per scomparire infine
8 I • CIT O L O GIA

nella telofase. H a la forma di un fuso di fibre, i cui apici convergono ai due diplo-
somi, senz a però raggiungerli. Tra le fibre che costituiscono il fuso mitotico, si
distinguono fibre continue, che si estendono da un diplosoma all’ altro, e fibre
cromosomiche, che da un diplosoma si portano ad un cromosoma, dove si arre
stano inserendosi sul suo centromero (v. Cromosomi); sono queste ultime che, nel
corso della metafase della mitosi, si accorciano per fenomeni di depolimeriz z a zio
ne e trascinano così i cromosomi ai poli della cellula. Le fibre del fuso mitotico,
osservate al microscopio elettronico, risultano essere fasci di microtubuli che,
come quelli dell’ astrosfera, non sono in continuità con i microtubuli dei centrioli.

Alloplasmi
G li alloplasmi sono strutture fibrillari altamente differenziate del citoplasma,
le quali non sono necessarie per la vita della cellula, ma sono essenziali per alcune
attività cellulari specifiche ; sono pertanto presenti solo in alcune categorie di cel
lule che sono specializ z ate nello svolgere funzioni particolari. G li alloplasmi
comprendono: le tonofibrille (v. T essuto epiteliale), le neurofibrille (v. T essuto
nervoso) e le miofibrille (v. T essuto muscolare).

P araplasmi
C on il nome di paraplasmi si intendono le inclusioni citoplasmatiche costituite
di materiali provenienti dal metabolismo cellulare o assunti dall’ esterno, che si
accumulano nella cellula in attesa di essere espulse o di essere metaboliz z ate.
Tra i paraplasmi vi sono [ granuli di secreto, le particelle di glicogeno, le gocce di
lipidi ed [pigmenti.

Membrana piasmatica
La membrana piasmatica (o membrana cellulare, o plasmalemma) è il sottile
involucro che delimita la cellula dall’ ambiente esterno e ne costituisce la super
ficie. Non visibile al microscopio ottico, essa appare al microscopio elettronico
come un profilo di 75 - 80 A di spessore, costituito di tre strati sovrapposti, di
cui uno strato esterno e l ’ altro interno, più opachi e di circa 20 A ciascuno, ed
uno strato intermedio, più chiaro e di circa 35 A. E ’ comunemente ritenuto che
i due strati estremi, siano di natura proteica e che lo strato intermedio, più chiaro,
sia di natura lipidica.
La membrana piasmatica è formata di due strati di molecole lipidiche, rive
stiti in modo discontinuo e compenetrati da molecole proteiche (fig. 1.6). Le
molecole lipidiche, nei due strati che esse compongono, sono tutte orientate con
i loro gruppi polari, idrofili, a contatto della fase acquosa dell’ ambiente esterno e
di quella dell’ ambiente interno della cellula, e con i loro gruppi non polari, idrofo
bi, rivolti al centro della membrana piasmatica. I gruppi non polari, idrofobi, delle
molecole lipidiche dei due strati sono pertanto fra loro affrontati; essi sono li
beramente fluttuanti, in quanto gli acidi grassi insaturi che li costituiscono im
pediscono il loro alline amento in una struttura rigida.
La membrana piasmatica, in profondità, è in rapporto con V ectoplasma,
che è la parte più periferica del citoplasma, caratteriz z ata da notevole densità
e dalla presenz a di abbondanti strutture filamentose, pertinenti a microtubuli e
a proteine contrattili. In superficie, essa è rivestita di uno strato di materiale
proteico-polisaccaridico, che prende il nome di glicocalice; questo in profondità
1 - CIT O L O GIA 9

molecole molecole
lipidiche proteiche

F igura 1.6. Schema della costituzione della membrana piasmatica.

ha aspetto granulare, in superfìcie invece filamentoso.


La membrana piasmatica ha il compito di regolare gli scambi di materiali tra
la cellula e l ’ ambiente esterno, alla qual cosa provvede mediante la perme abilità,
l' endocitosi e V esocitosi.
La perme abilità consiste nel passaggio, attraverso la membrana piasmatica,
di singole molecole; può essere passiva, o facilitata, o attiva. La perme abilità
passiva è regolata dai principi dell’ equilibrio di concentra zione, e cioè in funzione
del gradiente di concentra zione e del gradiente elettrochimico esistente fra il
citoplasma e l ’ ambiente esterno, separati appunto dalla membrana piasmatica; essa
riguarda soprattutto i materiali liposolubili, l ’ ossigeno e l ’ anidride carbonica, che
si sciolgono nello strato lipidico, inoltre l ’ acqua ed alcuni ioni, che verosimilmente
attraversano minutissimi pori esistenti nella membrana piasmatica. La perme abili
tà facilitata, pure essendo anch’ essa in funzione del gradiente di concentra zione e
del gradiente elettrochimico, si avvale anche di alcune proteine di trasporto, dette
perme asi; riguarda specialmente gli zuccheri. La perme abilità attiva si svolge
contro i gradienti di concentra zione ed elettrochimico e presuppone modifica zioni
dell’ assetto molecolare della membrana piasmatica; riguarda soprattutto alcuni
ioni, quali gli ioni sodio e gli ioni potassio, inoltre aminoacidi e alcuni zuccheri.
L' endocitosi è il passaggio di particelle solide oppure di goccioline di liquidi
dall’ ambiente esterno nel citoplasma; il passaggio di particelle solide è detto
fagocitosi, quello di goccioline di liquidi è chiamato pinocitosi. Sia nell’ un caso
che nell’ altro, la membrana piasmatica avvolge il materiale da inglobare; poi la
sua parte che ha circondato il materiale medesimo si stacca dalla restante parte
della membrana piasmatica e passa all’interno del citoplasma, costituendo la
parete di un vacuolo che contiene il materiale inglobato.
L ’ esocitosi è l’inverso dell’ endocitosi; è cioè il passaggio nell’ ambiente esterno
di materiali elaborati dal citoplasma e. contenutivi entro vacuoli delimitati da una
membrana. Allorquando la membrana di un vacuolo prende contatto con la mem
brana piasmatica, le due membrane a contatto si riassorbono e così il materiale
contenuto nel vacuolo medesimo si riversa all’ esterno.
10 I -CIT O L O GIA

Specializ z a zioni della superficie cellulare


Le specializ z a zioni della superficie cellulare sono dispositivi strutturali, adibiti
allo svolgimento di funzioni peculiari, i quali possono interessare l ’intera super
fìcie della cellula, oppure essere circoscritti a tratti di estensione limitata. C om
prendono : i villi comuni, i microvilli, le stereociglia, le ciglia, le giunzioni intercel
lulari, le interdigita zioni, le invagina zioni.

Villi comuni. I villi comuni sono semplici estroflessioni digitiformi della superfì
cie cellulare, variabili per lunghe z z a e calibro. Sono visibili solo al microscopio
elettronico.

Microvilli. I microvilli (fìg. 1.7) sono esili espansioni cilindriche, caratteriz z ate
dall’ essere uniformi per foggia, lunghe z z a e calibro, le quali sono fittamente
alline ate a formare uno strato continuo sulla superficie libera delle cellule epite
liali con funzione assorbente (ad esempio: cellule epiteliali della tonaca muco
sa dell’intestino, cellule epiteliali del tubulo contorno prossimale del rene),
così da aumentare enormemente la superficie medesima.
Al microscopio ottico, i microvilli non sono rilevabili come unità distinte, ma
appaiono raccolti sulla superficie della cellula a formare un orletto striato verti
calmente, detto appunto orletto striato (od orletto a spa z zola). Al microscopio
elettronico, i microvilli mostrano una lunghe z z a di 0,5 - 1 p ed un calibro di 0,1 p;
appaiono formati, in superficie, della membrana piasmatica e, nella parte centrale,
dell’ ectoplasma con tonofilamenti, microtubuli e proteine contrattili; risultano
inoltre inglobati dal glicocalice.

Stereociglia. Le stereociglia (fìg. 1.8) sono lunghe espansioni della superfìcie li


bera di determinati tipi di cellule epiteliali (ad esempio, le cellule epiteliali del ca
nale dell’ epididimo), che hanno sia funzione assorbente che secernente. H anno
lunghe z z a e calibro differente; sono inoltre prive di strutture assili, per cui tendo
no a conglutinarsi, contrariamente ai microvilli che sono sempre ben distesi.

F igura 1.7 (a sinistra). Microvilli, visti al microscopio elettronico.


F igura 1.8 (a destra). Stereociglia, viste al microscopio elettronico.
I • CIT O L O GIA 11

ciglio- guaina centrale

membrana piasmatica

subfibrilla B
-subfibrilla A
membrana piasmatica

piastra basale

corpo basale

radice

F igura 1.9. Schema della costituzione di un ciglio.

N ei preparati osservati al microscopio ottico, appaiono conglutinati sotto for


ma di pennacchi.

Ciglia. Le ciglia sono espansioni mobili del polo apicale di determinate cellule
epiteliali; esse provvedono a provocare correnti nel liquido che bagna le superfici
interne di alcuni organi (ad esempio, gli organi dell’ apparato respiratorio). H anno
forma filamentosa e sono generalmente ordinate in serie line ari.
Ciascun ciglio consta di diverse parti, che sono: il corpo, la zona di transizio
ne, il corpuscolo basale e la radice (fig. 1.9).
Il corpo del ciglio è la sua parte emergente dalla superficie cellulare; ha una
lunghe z z a di 5 - 10 p ed un calibro medio di 0,2 p. D elimitato in superficie
dalla membrana piasmatica, presenta una matrice citoplasmatica in seno alla
quale è accolto lo scheletro assile del ciglio, detto assonema. Q uesto è costi
tuito fondamentalmente di microtubuli del calibro di circa 200 A, disposti a for
mare una coppia centrale e nove coppie periferiche; i microtubuli della coppia
centrale sono nettamente distinti l ’ uno dall’ altro, i microtubuli in ciascuna cop
pia periferica sono invece addossati, essendo inoltre l ’ uno a parete completa:
subfibrilla A, e l ’ altro a parete incompleta: subfibrilla B. La coppia centrale di
microtubuli è circondata dalla guaina centrale, che è un filamento che le si avvolge
attorno con andamento elicoidale; dalla guaina centrale si irradiano i raggi di con
nessione, che vanno a congiungersi alle nove coppie periferiche di microtu
buli.
La zona di transizione del ciglio è la parte interposta tra il corpo ed il corpu
scolo basale. Posta a livello della superficie cellulare, risulta di una placca discoi
dale elettrondensa, detta piastra basale, in corrispondenz a della quale cessano i
due microtubuli della coppia centrale, mentre quelli delle nove coppie periferi
che l ’ attraversano per portarsi al corpuscolo basale.
12 I CIT O L O GIA

F igura 1.10 (a sinistra). G iunzioni del tipo macule sulle superfici di tre cellule epiteliali.
F igura 1. 11 (a destra). G iunzioni del tipo zonule sulle superfici di tre cellule epiteliali.

Il corpuscolo basale (o blefaroplasto) del ciglio è un centriolo. E ’ formato


pertanto di nove gruppi di tre microtubuli ciascuno; con i suoi microtubuli A e
B si continuano rispettivamente le subfibrille A e le subfibrille B delle nove
coppie periferiche di microtubuli del corpo del ciglio.
La radice del ciglio si diparte dal corpuscolo basale e si affonda nel cito
plasma,. dove si perde. Risulta formata di microfilamenti associati in serie pa
rallele.
Le ciglia, con i loro movimenti, sospingono in una determinata dire zione i
liquidi che bagnano le superfici interne di alcuni organi cavi, determinando così
la progressione di materiali che eventualmente si fossero depositati sulle superfici
medesime. Il battito delle ciglia consta di due fasi: un primo movimento a ciglio
sollevato; un secondo movimento, di ritorno, a ciclio piegato. I b attiti delle ciglia
sono molto rapidi, da 500 a 1200 al minuto. O sservati sulla superficie libera di
un epitelio, i b attiti delle ciglia appaiono estremamente coordinati; in ciascuna
fila poi, le ciglia si muovono ritmicamente, una dopo l ’ altra.

G iunzioni intercellulari. Le giunzioni intercellulari sono dispositivi atti a stabilire


contatti tra le cellule. Sono dette macule (fig. 1.10) quando hanno un ’ estensione
limitata ad una placca; sono dette zonule (fig. 1.11) quando invece circondano
a cintura l ’ intero perimetro della cellula. In ogni caso, esse sono formate delle
membrane piasmatiche affrontate di cellule contigue; spesso sono poi completate
da materiali intercellulari ed anche intracellulari. I tipi fondamentali di giunzioni
intercellulari sono: le giunzioni occludenti, le giunzioni aderenti e le giunzioni
facilitanti (fig. 1.12).
Le giunzioni occludenti, tipiche soprattutto del tessuto epiteliale, sono del
1 CIT O L O GIA 13

tipo delle zonule. In esse, le membrane piasmatiche delle cellule prendono intimo
contatto, annullando lo spa zio intercellulare; inoltre, in più punti della zona di
contatto, si fondono fra di loro in una struttura unica. Le giunzioni occludenti
costituiscono una barriera pressoché imperme abile al passaggio di materiali at
traverso gli spa zi intercellulari.
Le giunzioni aderenti, abbondantemente rappresentate specialmente nel tes
suto epiteliale, possono essere zonule aderenti, oppure macule aderenti; queste
ultime sono comunemente denominate desmosomi. N elle giunzioni aderenti,
le cellule sono separate da uno spa zio intercellulare di 200 - 300 A, che è occu
pato da un materiale amorfo, costituito di mucopolisaccaridi legati a proteine,
funzionanti probabilmente da me z zo di coesione; in loro corrispondenz a poi, le
membrane piasmatiche affrontate sono sottese dalla placca giunzionale, che è
costituita di citoplasma e sulla quale si impiantano fasci di tonofilamenti. Le
giunzioni aderenti mantengono l ’ adesione fra le cellule; esse sono però anche am
piamente perme abili alle sostanz e fluide.
Le giunzioni facilitanti (o nexus, o giunzioni serrate ') sono del tipo delle ma
cule e sono presenti, oltre che nel tessuto epiteliale, nel tessuto nervoso, nel tes
suto muscolare Uscio e nel tessuto muscolare striato cardiaco. In loro corrispon
denz a, le membrane piasmatiche delle due cellule, che sono separate da uno spa
zio intercellulare di 20 A, contengono particelle tubulari cave che si affrontano,
così da costituire minutissimi canali idrofili, che attraversano lo spa zio intercel
lulare e mettono in comunica zione le due cellule adiacenti, favorendo lo scambio
di ioni e di piccole molecole. Le giunzioni facilitanti permettono il passaggio di
segnali chimici e di segnali elettrici fra le cellule.

C omplessi giunzionali. I complessi giunzionali (fig. 1.13) sono costituiti dalla


successione dei tre seguenti tipi di giunzioni intercellulari: zonula occludente,
zonula aderente e macula aderente; così, ad esempio, tra le cellule dell’ epitelio
di rivestimento della tonaca mucosa dell’intestino, tali tre tipi di giunzioni in-

membrane piasmatiche

spa zi intercellulari

F igura 1.12. Tipi di giunzioni: A, giunzione occludente; B, giunzione aderente; C , giunzione fa


cilitante.
14 I • CIT O L O GIA

F igura 1.13. C omplesso giunzionale tra le superfìci laterali di due cellule contigue di un epitelio batiprismatico.

nucleolo

reticolo
liscio
cromosomi

mitocondrio----------

cisterna perinucle are

membrana nucle are

annulus pori nucle ari

F igura 1.14. P arti costitutive del nucleo della cellula.


I CIT O L O GIA 15

tercellulari si susseguono nell’ ordine indicato dalla superficie in profondità. Le


diverse giunzioni intercellulari che formano i complessi giunzionali sono ben
distinguibili solo al microscopio elettronico; infatti al microscopio ottico, pre
via colora zione argentica, la zonula occludente e la zonula aderente sembrano
formare un ’ unica line a continua, che è detta listerella di chiusura (o quadro di
chiusura, o terminal bar).

Interdigita zioni. Le interdigita zioni determinano una particolare modalità di rap


porto tra le cellule: cellule contigue presentano lungo i loro contorni rilevate z z e
e depressioni, che si incastrano reciprocamente, eventualmente congiungendosi
anche con vere e proprie giunzioni intercellulari. Le interdigita zioni, pur riu
nendo fra loro le cellule, permettono piccoli cambiamenti di forma nei processi
di contra zione e di distensione.

Invagina zioni. Le invagina zioni sono ramifica zioni della porzione basale di cel
lule epiteliali di rivestimento, impegnate nel trasporto di acqua e di materiali
idrosolubili (come ad esempio le cellule epiteliali dei tubuli contorti del rene).
Si tratta di invagina zioni della membrana piasmatica che si affondano nel citopla
sma, scomponendolo in compartimenti nei quali sono alline ati verticalmente i
mitocondri. Al microscopio ottico, tali invagina zioni con i mitocondri interposti
si presentano come una striatura verticale della parte basale della cellula, che
viene detta apparato bastonciniforme.

1.2. N U C L E O
Il nucleo è la zona della cellula entro cui si raccolgono i cromosomi durante
V interfase del ciclo cellulare, ossia nella fase di riposo che precede la divisione cel
lulare. La forma del nucleo è in genere in rela zione con quella della cellula (sfe
rica, ellittica, fusata), ma può essere anche del tutto irregolare. La dimensione del
nucleo è proporzionale a quella del citoplasma; Vindice nucleo-plasmatico (del
H ertwig), dove:

volume nucle are


indice nucleo-plasmatico - --------------------------------------------------- ,
volume cellulare — volume nucle are
tende infatti a mantenersi costante, per cui quando tale rapporto raggiunge un
valore minimo la cellula si divide.
N ella maggior parte delle cellule il nucleo è unico (cellule mononucle ate);
in altre i nuclei possono essere due (cellule binucle ate) o più (cellule plurinucle a-
te). L ’ aumento numerico dei nuclei in una cellula può dipendere da due diverse
cause: o dalla divisione del nucleo non seguita dalla divisione del citoplasma,
nel qual caso si ha un plasmodio; oppure dalla fusione dei citoplasmi di diverse
cellule in origine separate, avendosi allora un sincizio.
Il nucleo (fig. 1.14) è delimitato dal citoplasma mediante un involucro, detto
membrana nucleare. O sservato al microscopio ottico, nei preparati fìssati e colora
ti, il nucleo risulta costituito di una sostanz a basoffia, detta cromatina; questa si
presenta sia in forma condensata a costituire grossi ammassi o cromocentri, che
rappresentano l ’ eterocromatina, sia in forma dispersa come esili filamenti e minuti
granuli, che rappresentano l ’ eucromatina. G li spa zi tra la cromatina sono occupati
16 1 CIT O L O GIA

da una massa omogene a e poco colorabile, detta succo nucle are (o cariolinfa);
in re altà, come dimostra la microscopia elettronica, il succo nucle are non è una
entità morfologica a sé stante, ma è occupata da microfìlamenti di cromatina
dispersa, pertanto la cromatina ed il succo nucle are formano un tutt’ uno: il nu-
cleoplasma (o carioplasma), che corrisponde ai cromosomi. Il nucleo è completato
infine da uno o più corpi rotondeggianti, fortemente basofili, detti nucleoli.

Membrana nucle are


La membrana nucle are (fig. 1.14) è costituita da due foglietti lipoproteici
concentrici, che sono separati fra loro da uno spa zio di 300 A, detto cisterna
perinucle are; di tali due foglietti, quello interno è liscio, mentre quello esterno ha
applicati esternamente ribosomi, essendo esso in continuità con il reticolo en-
doplasmatico granulare. Infatti, la membrana nucle are altro non è che una dipen
denz a del reticolo endoplasmatico che si estende attorno al nucleo, delimitan
dolo dal citoplasma.
La membrana nucle are è interrotta da aperture circolari, regolarmente distri
buite, che hanno un diametro di 300 - 1000 A e che sono dette pori nucle ari.
In corrispondenz a del loro contorno o annulus, il foglietto esterno e quello in
terno della membrana nucle are si continuano l ’ uno nell’ altro. Ciascun poro
nucle are presenta frequentemente all’ interno un cilindro cavo, disposto perpen
dicolarmente alla superficie della membrana nucle are, che è formato di materiale
granulare, denominato materiale dell’ annulus.

Cromosomi
I cromosomi sono entità con caratteristiche che sono costanti in tutte le cel
lule degli organismi di una determinata specie, costante è pertanto anche il loro
numero nelle singole specie (ad esempio, nell’ uomo sono 46); essi sono capaci
di autoreplicarsi, mantenendo le loro caratteristiche morfologiche attraverso le
successive divisioni cellulari. I cromosomi sono i depositari dei caratteri ereditari
e, mediante l ’ acido desossiribonucleico (D N A) che contengono, determinano
le caratteristiche morfologiche e funzionali specifiche di ciascun tipo cellulare e
ne controllano anche le attività metaboliche.
I cromosomi hanno forma e dimensioni variabili in rapporto alle diverse
fasi del ciclo cellulare (fig. 1.15). B ene evidenti con forma di bastoncini solo
durante la divisione cellulare (quando sono liberi nel citoplasma), essi nell’inter-
fase si raccolgono nel nucleo, assumendo l ’ aspetto di filamenti dello spessore
di 250 A e di lunghe z z a imprecisabile, che in parte sono distesi e corrispondo
no all’ eucromatina, ed in parte spno invece ripiegati in ammassi globulari e corri
spondono all’ eterocromatina ; nell'interfase pertanto, i cromosomi sono diffìcil
mente identificabili.
Premesso che nell’ interfase del ciclo cellulare si distinguono nel nucleo tre suc
cessivi stadi: lo stadio (che segue alla mitosi e precede la sintesi del D N A),
lo stadio S (che è la fase di sintesi del D N A) e lo stadio C 2 (che fa seguito alla sin
tesi del D N A e precede la mitosi), si ha che nello stadio G x ciascun cromosoma
è costituito di un singolo filamento di cromatina o cromatide, mentre negli stadi
S e G 2 è formato di due cromatidi, congiunti fra loro in una piccola zona, detta
centromero.
Ciascun cromatide è formato di un protofilamento di D N A avvolto in due or-
I • CIT O L O GIA 17

F igura 1.15. Cromosoma nelle successive fasi del ciclo cellulare: A, nello stadio G j dell’interfa-
se; B, negli stadi S e G 2 dell’interfase; C , nella profase della mitosi; D, nella metafase della
mitosi; E , nella telofase della mitosi.

dini di spire: spire di I ordine, che avvolgono il profilamento in una fibrilla di


100 A di diametro; spire di II ordine, che avvolgono la fibrilla di 100 A in una
fibrilla di 250 A di diametro. Le spire di I ordine hanno associati istoni, con i
quali formano corpuscoli rotondeggianti, detti nucleosomi.
Ciascun protofilamento di D N A risulta di due filamenti polinucleotidici,
avvolti ad elica, costituiti di sequenz e di tre nucleotidi, dette triplette (o codoni),
che sono raccolte in serie filari, denominate geni (o costoni). Le triplette corri
spondono ad altrettanti aminoacidi; ciascuno dei 20 aminoacidi proteici ordinari
è rappresentato nel D N A da più triplette, ad ecce zione della metionina e del tri-
ptofano che sono rappresentati da una sola tripletta ciascuno. I geni sono di due
tipi: i geni strutturali, che corrispondono ad altrettante proteine; i geni costrut
tivi, che corrispondono all’ acido ribonucleico di trasporto (tR N A) e all’ acido
ribonucleico ribosomale (rR N A).
N el corso della mitosi {stadio M del ciclo cellulare), quando cioè la cellula
sta dividendosi, i cromosomi perdono il loro aspetto filamentoso; infatti per il
rinserrarsi delle spire dei loro cromatidi, essi assumono l ’ aspetto ben individuabile
di bastoncini bipartiti longitudinalmente in due subunità: i due cromatidi, che so
18 I CIT O L O GIA

no fra loro congiunti in una zona ristretta o centromero. 1 cromosomi si dividono


poi e le loro due subunità si distribuiscono alle due cellule figlie dove, nel nucleo
ricostituito, riprendono l ’ aspetto filamentoso e perdono così di nuovo apparen
temente la loro individualità.
N el corso della mitosi, in particolare nella metafase, il numero, la morfologia
e le dimensioni dei cromosomi appaiono costanti in tutte le cellule degli organismi
di una determinata specie. E ’ denominato corredo cromosomico l ’insieme dei cro
mosomi di una cellula; è detto cariotipo l ’insieme delle caratteristiche del corredo
cromosomico. D ei cromosomi, due sono detti cromosomi sessuali, in quanto
determinano il sesso e vengono indicati con i simboli X e Y; tutti gli altri cromo
somi sono detti autosomi.
Sulla base del corredo cromosomico, si possono distinguere due tipi di cellule:
le cellule con corredo diploide (che sono le cellule somatiche, costituenti presso
ché tutto l ’ organismo e le cellule germinali immature), le quali contengono auto
somi uguali a due a due (l’ uno paterno e l ’ altro materno), detti cromosomi omo
loghi, ed inoltre una coppia di cromosomi sessuali X Y oppure X X secondo se ap
partengono rispettivamente ad un organismo maschile oppure femminile; le
cellule con corredo aploide (che sono le cellule germinali mature o gameti: sper-
matozoi e uova), le quali contengono un solo cromosoma di ciascuna coppia dei
cromosomi omologhi ed uno solo della coppia dei cromosomi sessuali, poiché in
seguito alla penetra zione di uno spermatozoo in un uovo (feconda zione) si forme
rà un ’ unica cellula con corredo diploide: lo zigote, da cui deriveranno tutte le
cellule di un nuovo organismo.

Nucleoli
1 nucleoli (fìg. 1.14) sono forma zioni rotondeggianti, presenti nel nucleo in
numero di uno o più secondo il tipo cellulare; visti al microscopio ottico, nei
preparati fissati e colorati, appaiono fortemente basofili. E ssi scompaiono du
rante la divisione cellulare per riformarsi nuovamente a divisione ultimata. Cia
scun nucleolo trovasi in corrispondenz a del proprio organiz z atore nucleolare,
che è una zona particolare di un cromosoma specifico, detto cromosoma nucleola
re, cui è dovuta la forma zione del nucleolo stesso.
I nucleoli sono formati di una matrice proteica, entro cui si trova in notevole
quantità acido ribonucleico (R N A). In essi avviene infatti la sintesi dell’ acido
ribonucleico ribosomale (rR N A) e l ’ associa zione di questo con le proteine per co
stituire le due subunità dei ribosomi.

1.3. DIVISIO N E C E LLULA R E


La divisione cellulare è il processo mediante il quale una cellula si divide in
due cellule figlie. N egli organismi che si riproducono sessualmente, esistono due
tipi di divisione cellulare: la mitosi e la meiosi. La mitosi è propria di tutte le
cellule somatiche ed inoltre delle cellule germinali immature: spermatogoni ed
ovogoni; essa porta alla forma zione di due cellule figlie che hanno un corredo
diploide di cromosomi, ossia un numero di cromosomi uguale a quello della cel
lula madre. La meiosi si verifica nel corso della matura zione degli spermatociti
di I ordine e degli ovociti di I ordine e porta alla forma zione delle cellule germi
nali mature o gameti: gameti maschili o spermatozoi e gameti femminili o uo-
I CIT O L O GIA 19

va, che hanno un corredo aploide di cromosomi, ossia un numero di cromosomi


pari alla metà di quello caratteristico della specie; la riduzione del corredo di
cromosomi da diploide ad aploide è fondamentale per il mantenimento del nu
mero di cromosomi proprio della specie, infatti dall’ unione del gamete maschi
le con quello femminile si ripristina una cellula con il corredo diploide di cro
mosomi tipico della specie.

Mitosi
La mitosi (o cariocinesi) (fig. 1.16) consta di quattro successive fasi: profase,
me taf ose, anafase e telo fase, che sono caratteriz z ate ciascuna dai seguenti eventi.

Profase. N ella profase la cellula si fa turgida e prende forma sferoidale. E ntro il


nucleo si evidenziano i cromosomi, che dapprima si manifestano come sottili
filamenti aggrovigliati e che poi, procedendo via via il loro processo di spiraliz-
z a zione, assumono ciascuno l ’ aspetto di bastoncino bip artito longitudinalmen
te nei due cromatidi, congiunti fra loro in corrispondenz a del centromero. C on
temporane amente, nel citoplasma si organiz z a l ’ apparato mitotico: le due cop
pie di centrioli (che già si erano formate nell’ interfase) migrano ai poli opposti
della cellula, dove ciascuna si circonda dell’ astrosfera; via via che le due coppie di

F igura 1.16. Schema delle fasi successive della mitosi: A e B, profase; C , prometafase; D, meta-
fase; E , anafase; F e G , telofase.
20 I CIT O L O GIA

centrioli si allontanano, compaiono tra di esse le fibre continue del fuso mitotico.
La fine della profase, detta prometafase, è caratteriz z ata dalla scomparsa dei
nucleoli, inoltre della membrana nucle are per cui i cromosomi restano liberi
nel citoplasma.

Metafase. N ella metafase i cromosomi si dispongono sul piano equatoriale della


cellula, formando la piastra equatoriale; essi si mettono alla periferia del fuso
mitotico, connesso ciascuno, in corrispondenz a del suo centromero, con due
fibre cromosomiche del fuso mitotico stesso. La fine della metafase è contrasse
gnata dalla divisione dei centromeri, per cui in ciascun cromosoma i due cromatidi
non sono più uniti.

Anafase. N elV anafase, i due cromatidi di ciascun cromosoma, non più legati dal
centromero, si separano e migrano ai poli opposti della cellula; da questo mo
mento i cromatidi diventano cromosomi. Tra i due gruppi di cromosomi mi
grati ai poli opposti della cellula rimangono le fibre continue del fuso mitotico,
costituendo le fibre interzonali.

T elofase. La telofase è caratteriz z ata anzitutto dalla ricostituzione dei nuclei


delle due cellule figlie; i cromosomi, despiraliz z andosi, acquistano nuovamente
aspetto filamentoso e attorno a ciascuno dei due gruppi di cromosomi si ricostitui
sce la membrana nucle are per la coalescenz a di vescicole del reticolo endoplasma-
tico; ricompaiono anche i nucleoli. C ontemporane amente si verifica la citodieresi
per la comparsa, nel citoplasma, del solco equatoriale, che via via restringendosi
divide la cellula nelle due cellule figlie.

Meiosi
La meiosi (fig. 1.17) è un particolare processo che consta di due divisioni
cellulari consecutive: la I divisione meiotica e la II divisione meiotica, le quali
sono accompagnate da una sola duplica zione dei cromosomi.nei due cromatidi.
T ale duplica zione dei cromosomi avviene nell’ interfase che precede la I divisione
meiotica; serve poi per la II divisione meiotica, in quanto è in questa che i cen
tromeri si rompono, permettendo la separa zione dei due cromatidi.

I divisione meiotica
La I divisione meiotica (o divisione riduzionale) interessa gli spermatociti
di I ordine e gli ovociti di I ordine, che hanno corredo diploide di cromosomi,
e porta come esito finale alla forma zione rispettivamente degli spermatociti di
II ordine e degli ovociti di II ordine, che hanno corredo aploide di cromosomi.
La I divisione meiotica si sviluppa attraverso la profase I, la metafase I, P ana-
fase I e la telofase I.
La profase I consta dei seguenti, successivi stadi. 1. Leptotene: i cromosomi
si fanno evidenti in forma filamentosa e ciascuno di essi consta di due cromatidi
uniti nel centromero. 2. Zigotene: i cromosomi omologhi (paterno e materno) si
appaiano secondo la lunghe z z a, per cui si formano coppie di cromosomi. 3. P a
chitene: i due cromosomi di ogni coppia si fanno più corti e più spessi e appaiono
chiaramente bip artiti ognuno nei due cromatidi; ciascuna coppia di cromosomi,
essendo formata di quattro cromatidi paralleli, viene detta tetrade. N el pachitene
I CIT O L O GIA 21

I DIVISIO N E M EIO TIC A II DIVISIO N E M EIO TIC A

IN T E R F A S E stadio

stadio S-G 2

PRO FASE I leptotene

zigotene

pachitene

diplotene

diacinesi

F igura 1.17. Schema delle fasi successive della meiosi.

si ha l'interscambio (o crossing-over) di segmenti tra i due cromosomi omologhi


delle coppie; i punti dove avvengono tali scambi sono denominati chiasmi. 4 Di
plotene: i cromosomi omologhi di ciascuna coppia cominciano a separarsi, ma la
separa zione non è completa in quanto i cromosomi omologhi rimangono uniti
in corrispondenz a dei chiasmi. 5. Diacinesi: i chiasmi si rompono e i cromoso-
22 I • CIT O L O GIA

mi omologhi si separano completamente.


Scomparsi i nucleoli e la membrana nucle are alla fine della profase I (prome-
tafase), ha inizio la metafase I, nel corso della quale i cromosomi omologhi
delle coppie si attaccano alle fibre del fuso mitotico, che nel frattempo si è
formato. S egue V anafase I, in cui i cromosomi omologhi delle coppie si separano
definitivamente, portandosi ai poli opposti della cellula; ogni cromosoma omolo
go che migra verso un polo della cellula è form ato di due crom atidi, uniti dal cen
tromero. Si ha infin e la telofase I con la ricostruzione dei due nuclei e la citodie
resi.
Al termine della I divisione meiotica, mentre da uno spermatocito di I ordi
ne si hanno due spermatociti di II ordine, da un ovocito di I ordine si ha un so
lo ovocito di II ordine perchè l ’ altra cellula, detta I globulo polare, è un piccolo
elemento con il proprio corredo cromosomico ma con pochissimo citoplasma e
rapidamente degenera.

Il divisione meiotica
La II divisione meiotica, che segue alla I divisione meiotica dopo una breve
interfase in cui non si ha la duplica zione di cromosomi, interessa gli spermatociti
di II ordine e gli ovociti di II ordine, che hanno corredo aploide di cromosomi e
porta alla forma zione rispettivamente degli spermatidi e degli ovociti maturi o
uova mature, che hanno pure corredo aploide di cromosomi.
La II divisione meiotica procede con fasi identiche a quelle della mitosi.
Alla fine della II divisione meiotica, da uno spermatocito di II ordine si hanno
due spermatidi, che si trasformano poi in due spermatozoo da un ovocito di II or
dine si ha invece un singolo ovocito o uovo maturo, poiché l ’ altra cellula è il II
globulo polare, che consta pressoché del solo corredo cromosomico e tosto si
involve.
IS T O L O GIA

Le cellule con caratteri morfologici e funzionali simili sono generalmente


associate tra di loro a costituire i tessuti, ognuno dei quali è atto a svolgere fun
zioni specifiche. Lo studio dei tessuti è detto istologia.
Si considerano: il tessuto epiteliale; il tessuto connettivo, comprendente anche
il tessuto cartilagineo, il tessuto osseo, il sangue e la linfa; il tessuto muscolare;
il tessuto nervoso, completato dalla nevroglia.

11.1. T E S S U T O E PIT E LIAL E


Il tessuto epiteliale, detto comunemente epitelio, è costituito di cellule stretta-
mente contigue tra loro, con l ’interposizione di scarsissima sostanz a intercellulare
amorfa; esso forma lamine cellulari, oppure ammassi solidi.
L ’ epitelio può essere: epitelio di rivestimento, epitelio ghiandolare, epitelio
sensoriale.
G li epiteli di rivestimento ricorpono la superficie esterna e le cavità interne del
corpo. T ali sono pertanto l ’ epitelio che riveste la cute o epidermide, gli epiteli che
formano la superficie delle tonache mucose e delle membrane sierose, l ’ epitelio
che tappe z z a le superfici interne dei vasi sanguiferi e linfatici o endotelio.
G li epiteli ghiandolari costituiscono le ghiandole esocrine e quelle endocrine.
G li epiteli sensoriali sono costituiti di speciali cellule intercalate tra le cellule
degli epiteli di rivestimento, le quali intervengono nella re a zione agli stimoli;
tali cellule infatti sono in grado di ricevere stimoli appropriati, che vengono poi
ceduti alle fibre nervose sensitive avvolgenti le cellule stesse. N e sono un esempio
le cellule gustative dei calici gustativi e le cellule acustiche dell’ organo spirale del
C orti, delle macule acustiche e delle creste ampollari dell’ orecchio interno.

E piteli di rivestimento
G li epiteli di rivestimento riposano sopra il tessuto connettivo tramite l ’inter
posizione di una lamina extracellulare: la membrana basale, che ha sia funzione di
sostegno per l ’ epitelio, sia il compito di regolare gli scambi nutritizi tra l ’ epitelio
stesso ed il tessuto connettivo. C ome dimostra l ’ osserva zione al microscopio elet
tronico, la membrana basale visibile al microscopio ottico risulta in re altà costi
tuita di due strati, l ’ uno superficiale, posto subito sotto alle superfici basali delle
cellule epiteliali e da queste ultime prodotto, e l ’ altro profondo, pertinente al
tessuto connettivo. Lo strato superficiale della membrana basale, detto lamina
24 Il IS T O L O GIA

E F

F igura II.l. E piteli di rivestimento: A, epitelio pavimentoso semplice; B, epitelio pavimentoso


composto; C , epitelio isoprismatico semplice; D, epitelio batiprismatico semplice; E , epitelio
pluriseriato; F , epitelio di transizione.

basale, ha uno spessore di 500 - 1000 A, è formato principalmente di mucopoli-


saccaridi neutri e ha struttura reticolare; lo strato profondo della membrana
basale, denominato lamina reticolare, è costituito di sostanz a fondamentale
amorfa del tessuto connettivo con fibre reticolari.
G li epiteli di rivestimento (fìg. II.l), a seconda del numero degli strati cel
lulari che li compongono, sono distinti in semplici e composti (o pluristratificati).
G li epiteli semplici hanno un solo strato di cellule. In base all’ aspetto morfolo
gico delle cellule stesse, essi sono distinti in: epitelio pavimentoso semplice, se le
cellule sono piatte; epitelio isoprismatico semplice, se le cellule sono cubiche;
epitelio batiprismatico semplice, se le cellule sono cilindriche.
Una varietà di epitelio semplice è l' epitelio pluriseriato (o epitelio pseudo
stratificato); è un epitelio con cellule di alte z z a diversa e con i nuclei disposti a
II • IS T O L O GIA 25

diversi livelli, onde ad una superficiale osserva zione dà l ’impressione di essere a


più strati di cellule.
G li epiteli composti sono formati di due o più strati di cellule e, in base alla
forma delle cellule dello strato più superficiale, sono distinti in epitelio pavimen-
toso composto ed epitelio batiprismatico composto. Una particolare varietà di
epitelio composto è rappresentata poi dall’ epitelio di transizione, nel quale il
numero degli strati e l ’ aspetto delle cellule mutano secondo il grado di distensione
della cavità dell’ organo che l ’ epitelio medesimo tappe z z a.

E pitelio pavimentoso semplice. V epitelio pavimentoso semplice è formato di un


singolo strato di cellule piatte, con nucleo centrale e con contorni irregolari
uniti da giunzioni. E ’ ampiamente rappresentato nel corpo; ad esempio lo si trova
nei polmoni a rivestire le pareti degli alveoli, nei reni a costituire il foglietto pa
rietale della capsula glomerulare dei nefroni; lo si trova poi a rivestire le membrane
sierose (peritoneo, pleure e pericardio), dove prende il nome di mesotelio; lo si
riscontra infine a tappe z z are internamente i vasi sanguiferi e linfatici, dove è
detto endotelio.

E pitelio isoprismatico semplice. V epitelio isoprismatico semplice (o epitelio cu


bico semplice) è costituito di un solo strato di cellule di forma cubica. E ’ riscon
trabile, ad esempio, sulla superficie dell’ ovaia, nei condotti escretori di molte
ghiandole e sulla superficie dei plessi corioidei.

E pitelio batiprismatico semplice. V epitelio batiprismatico semplice (o epitelio


cilindrico semplice) è costituito di una singola fila di cellule prismatiche, le cui
caratteristiche sono alquanto mutevoli in rapporto alla sede e alle funzioni che le
cellule medesime sono deputate a compiere; così, ad esempio, le cellule dell’ epi
telio di rivestimento della tonaca mucosa dello stomaco hanno secre zione mu-
coide, quelle della tonaca mucosa dell’ intestino mostrano in superficie l ’ orletto
striato in rela zione alla funzione assorbente, quelle dei tubuli contorti prossimali
dei nefroni del rene hanno in superficie l ’ orletto striato e alla base l ’ apparato
bastonciniforme sempre in rapporto al processo di assorbimento.
Si distinguono due tipi fondamentali di epitelio batiprismatico semplice: il
ciliato e il non ciliato, in base alla presenz a o meno di ciglia sulla superficie libe-

cellule
caliciformi
membrana
mucipare
basale

F igura II. 2. C ellule c aliciformi mucipare nell’ epitelio batiprismatico semplice dell’intestino.
26 Il • IS T O L O GIA

ra delle cellule. Q uello ciliato è presente nei bronchi, nella tromba uterina e nel
l ’ utero; il non ciliato si trova nello stomaco, nell’intestino, nei tubuli contorti
prossimali e distali dei nefroni del rene, in molti tratti dei condotti escretori
delle ghiandole.
Tra le cellule dell’ epitelio batiprismatico semplice sono frequentemente in
tercalate, come nell’intestino e nei bronchi, le cellule caliciformi mucipare (fìg.
II. 2). Q ueste possono essere ritenute ghiandole mucose unicellulari; esse infatti
elaborano gocce di muco che, prima di essere espulse, si riuniscono nella parte
apicale della cellula, che cosi si rigonfia, mentre il nucleo viene sospinto alla
base della cellula stessa.

E pitelio pavimentoso composto. L ’ epitelio pavimentoso composto (o epitelio


pavimentoso pluristratificato) è formato di molti strati di cellule, la cui forma va
ria nei diversi strati; le cellule dello strato profondo sono cubiche, quelle degli
strati intermedi sono poliedriche, mentre infine le cellule degli strati superficiali
sono appiattite. Le cellule dello strato profondo hanno un ’intensa attività proli-
ferativa, inoltre una spiccata attività metabolica. Q uest’ ultima va scemando nelle
cellule degli strati soprastanti; ciò è dovuto al fatto che, mancando l ’ epitelio
di vasi capillari sanguiferi ed essendo nutrito per diffusione dai vasi capillari
sanguiferi del sottostante tessuto connettivo, dette cellule sono lontane dalla
fonte di nutrimento, per cui tendono a ridurre le loro attività metaboliche e
perdono anche la capacità proliferativa.
N elle regioni esposte all’ aria, come la cute, le cellule più superficiali perdono i
nuclei, muoiono e si trasformano in squame cheratiniz z ate ; dove invece sono ba
gnate da liquidi, come nella bocca, nell’ esofago e nella vagina, conservano i nu
clei e si mantengono vive. N el primo caso si ha l ’ epitelio pavimentoso compo
sto cheratiniz z ato, nel secondo caso si ha invece l ’ epitelio pavimentoso composto
non cheratiniz z ato.

E pitelio batiprismatico composto. L ’ epitelio batiprismatico composto (o epitelio


cilindrico composto} è costituito di più strati di cellule, di cui quelle superficiali
hanno forma prismatica, mentre quelle profonde sono di forma poliedrica. E ’
presente, ad esempio, nella parte nasale della faringe e nella laringe, nella congiun
tiva. Le cellule prismatiche dello strato superficiale possono essere fornite oppure
no di ciglia, avendosi cosi le due varietà di epitelio batiprismatico composto: il
ciliato e il non ciliato.
E pitelio pluriseriato. L ’ epitelio pluriseriato (o epitelio pseudostratificato) è co
stituito di cellule prismatiche di diversa alte z z a; esse hanno le basi tutte allo
stesso livello, appoggiate sulla membrana basale, mentre con le loro estremità
apicali alcune raggiungono la superfìcie libera, altre invece no. N e consegue che
anche i nuclei si trovano ad alte z z e diverse, per cui l ’ epitelio medesimo dà l ’im
pressione che sia formato di più file di cellule.
Le cellule che con l ’ estremità apicale raggiungono la superficie, possono essere
fornite di ciglia oppure no, per cui si ha la varietà di epitelio pluriseriato ciliato,
come nella trache a e nei grossi bronchi, e quella di epitelio pluriseriato non cilia
to, come nel condotto deferente e nel canale dell’ epididimo (in quest’ ultimo è
però fornito di stereociglia).

E pitelio di transizione. L ’ epitelio di transizione, tipico degli organi delle vie urina
rie (ureteri, vescica urinaria), è un epitelio composto che può essere definito
II IS T O L O GIA 27

epitelio plastico; il suo numero di strati e la forma delle sue cellule mutano in
fatti secondo lo stato di contra zione o di distensione dell’ organo. Q uando, ad
esempio, la vescica urinaria è contratta, le cellule degli strati profondi hanno for
ma cubica o prismatica, quelle degli strati intermedi hanno forma poliedrica,
quelle infine dello strato superficiale sono molto grandi e basse con la superficie
libera convessa; quando invece la vescica urinaria è distesa per accumulo di urina,
le cellule si appiattiscono e svicolano l ’ una sull’ altra, per cui gli strati cellulari
diminuiscono e la superfìcie stessa dell’ epitelio aumenta notevolmente, adat
tandosi all’ accresciuta superficie dell’ organo.

E piteli ghiandolari
G li epiteli ghiandolari entrano nella costituzione delle ghiandole, che sono or
gani deputati alla secre zione, ossia a produrre e a liberare all’ esterno sostanz e varie,
quali enzimi, muco, ormoni e lipidi; l ’ epitelio ghiandolare forma infatti il paren
chima delle ghiandole, che è la parte deputata alla secre zione, mentre il tessuto
connettivo ne forma lo stroma, che ha funzione meccanica ed accoglife i vasi
sanguiferi ed i nervi. (E ’ però da ricordare che la funzione secernente non è esclu
siva dell’ epitelio ghiandolare, ma appartiene anche a determinate cellule connet-
tivali, quali quelle che costituiscdno le ghiandole interstiziali del testicolo e del
l ’ ovaia, inoltre a particolari cellule nervose, come quelle dell’ ipotalamo).
Le ghiandole, in base al destino del loro secreto, vengono distinte in ghian
dole esocrine (o ghiandole a secre zione esterna ') e ghiandole endocrine (o ghian
dole a secre zione interna). Le ghiandole esocrine sono provviste di condotti
escretori; esse versano il loro secreto sulla superficie esterna del corpo, come le
ghiandole sudoripare e le ghiandole sebace e, oppure in cavità interne del corpo
comunicanti con l ’ esterno, come le ghiandole salivari, il fegato, il pancre as eso
crino, le ghiandole gastriche ed intestinali e le ghiandole bronchiali. Le ghiandole
endocrine mancano invece di condotti escretori ed immettono i loro secreti, detti
ormoni, nei vasi capillari sanguiferi.

G hiandole esocrine
Le ghiandole esocrine sono classificate anzitutto in ghiandole unicellulari, di
cui l ’ unico esempio sono le cellule caliciformi mucipare (delle quali già si è detto),
e ghiandole pluricellulari.
Premesso che le ghiandole pluricellulari si sviluppano come evagina zioni cave
dell’ epitelio di rivestimento, esse possono essere ghiandole intra epiteliali, se resta
no comprese nello spessore dell’ epitelio di rivestimento da cui derivano, oppure
ghiandole esoepiteliali, se si sviluppano al di fuori dell’ epitelio di rivestimento da
cui prendono origine, rimanendo collegate con quest’ ultimo solo mediante lo
sbocco del loro condotto escretore. Le ghiandole esoepiteliali, a loro volta, sono
distinguibili in: ghiandole intraparietali, se sono localiz z ate nella parete del vi
scere stesso dal cui epitelio hanno tratto origine, come sono ad esempio le ghian
dole gastriche e le ghiandole intestinali;ghiandole extraparietali, se si trovano fuo
ri dal viscere dal cui epitelio si sono sviluppate, rimanendone collegate solo me
diante il condotto escretore, come è il caso delle ghiandole salivari maggiori, del
pancre as e del fegato.
N elle ghiandole pluricellulari più semplici, come le ghiandole tubulari sempli
ci, tutte le cellule che compongono la ghiandola hanno funzione secernente e
28 Il • IS T O L O GIA

glomerulo condotto

------ tubuli

alveoli

escretori

alveoli acini

F igura II. 3. Tipi di ghiandole: A, ghiandola tubulare semplice; B, ghiandola glomerulare; C , ghiandola tubulare rami
ficata; D, E , ghiandole alveolari composte; F , ghiandola tubulo-acinosa composta.

contemporane amente delimitano il condotto escretore. N elle ghiandole pluricel


lulari più complesse invece, la parte di tubulo più prossima all’ epitelio di rivesti
mento da cui è originata la ghiandola costituisce la porzione escretrice della ghian
dola, detta condotto escretore, mentre la parte posta distalmente forma la porzio
ne secemente della ghiandola stessa, che prende il nome di adenomero. L ’ adeno-
Il - IS T O L O GIA 29

mero può essere tubulare, oppure avere invece forma sferica, nel qual caso è detto
acino o alveolo; esso è comunque sempre costituito di cellule disposte a delimitare
un lume che si continua direttamente con il lume del condotto escretore. Il con
dotto escretore può essere semplice oppure ramificato; in quest’ ultima evenienz a,
alla estremità di ciascuna sua ramifica zione terminale è posto un adenomero.
D al punto di vista morfologico, le ghiandole pluricellulari possono essere di
stinte in ghiandole tubulari semplici, ghiandole glomerulari, ghiandole tubulari
ramificate, ghiandole alveolari composte e ghiandole tubulo-acinose composte
(fìg. II.3).
Le ghiandole tubulari semplici sono costituite di cellule secernenti, disposte
a formare una struttura tubulare rettiline a, nel cui lume esse riversano il loro se
creto; non esiste dunque in esse una distinzione fra la parte secernente e quella
escretrice della ghiandola. N e sono un esempio le ghiandole gastriche propria
mente dette e le ghiandole intestinali.
Le ghiandole glomerulari hanno la forma di un tubulo, la cui estremità distale
è avvolta a gomitolo. Q uest’ ultima è la parte secernente della ghiandola, mentre la
parte prossimale del tubulo, rettiline a, ne rappresenta la parte escretrice. H anno
tale costituzione le ghiandole sudoripare della cute.
Le ghiandole tubulari ramificate hanno un condotto escretore, il quale riceve
alcuni tubuli ramificati, che ne costituiscono la parte secernente. T ali sono, ad
esempio, le ghiandole piloriche dello stomaco e le ghiandole duodenali.
Le ghiandole alveolari composte sono formate di più adenomeri a forma di
alveolo, che si aprono in un singolo condotto escretore, o in corrispondenz a della
sua estremità distale, come nelle ghiandole sebacee della cute, oppure lungo l’i n
tero suo decorso, come nelle ghiandole tarsali delle palpebre.
Le ghiandole tubulo-acinose composte (o ghiandole tubulo-alveolari compo
ste) hanno il condotto escretore ripetutamente ramificato, le cui dirama zioni
ultime, dette condotti preterminali, terminano con applicati adenomeri a forma
di acini (,o alveoli). Sono di tale tipo le ghiandole salivari ed il pancre as esocrino.

G hiandole olocrine, apocrine e merocrine. Le ghiandole esocrine, in base alla mo


dalità con cui le loro cellule emettono il secreto, vengono distinte in ghiandole
olocrine, ghiandole apocrine e ghiandole merocrine (fig. II. 4).

F igura II.4. Modalità di secre zione: A, secre zione olocrina; B, secre zione apocrina; C , secre zio
ne merocrina.
30 Il • IS T O L O GIA

N elle ghiandole olocrine le cellule, dopo avere accumulato nel loro citoplasma
i prodotti di sintesi, vengono eliminate interamente, rappresentando esse stesse il
prodotto di secre zione; ovviamente, cellule di riserva proliferano e si differenzia
no in nuovi elementi secernenti che rimpia z z ano quelli eliminati. N e sono un
esempio le ghiandole sebace e della cute.
N elle ghiandole apocrine il secreto si accumula nelle stremità apicali delle
cellule secernenti, estremità che poi si staccano, costituendo il prodotto di secre
zione; le cellule rimaste in loco, con il loro nucleo, ricostruiscono la loro parte
apicale, riprendendo in modo analogo il loro ciclo di secre zione. Un esempio di
ghiandola apocrina è rappresentato dalla ghiandola mammaria.
N elle ghiandole merocrine, cui appartiene la maggior parte delle ghiandole,
le cellule riversano all’ esterno i loro prodotti di secre zione, conservando la pro
pria integrità.

G hiandole endocrine
Le ghiandole endocrine maggiormente rappresentate sono le ghiandole a
cordoni cellulari solidi, formate di ammassi di cellule epiteliali, intramme z z ati
da ricche reti di vasi capillari sanguiferi. T ali sono l ’ipofisi, le ghiandole parati
roide e, le ghiandole surrenali e le isole pancre atiche (del Langherans).
Altro tipo di ghiandola endocrina è la ghiandola a follicoli chiusi (o ghian
dola a vescicole chiuse), come la ghiandola tiroide a. I follicoli chiusi sono delimi
tati da un singolo strato di cellule epiteliali secernenti e contengono all’interno
una sostanz a omogene a e gelatinosa, detta colloide; questa è il prodotto di secre
zione delle cellule epiteliali della parete del follicolo, provvisoriamente immaga z
zinato e destinato ad essere poi riassorbito dalle cellule estese, che riversano l ’ or
mone entro i vasi capillari sanguiferi circondanti i follicoli.
Un ultimo tipo di ghiandola endocrina è la ghiandola diffusa, cui appartengo
no le ghiandole interstiziali del testicolo e dell’ ovaia. E ’ rappresentata da cellule
singole o da piccoli gruppi cellulari sparsi nel tessuto connettivo.

11.2. T E S S U T O C O N N E T TIV O
Il tessuto connettivo adempie al compito di connettere gli altri tessuti tra loro
Esso consta di cellule che sono sparse entro una abbondante sostanz a intercellula
re, formata di fibre e di sostanz a fondamentale amorfa; quest’ ultima contiene il
liquido tissutale o liquido interstiziale, il tessuto connettivo infatti, oltre alla
funzione meccanica di sostegno, provvede anche alla nutrizione e agli scambi
ionici e gassosi tra il sangue e le cellule dei vari tessuti.
Il tessuto connettivo è suddiviso in due sottoclassi: il tessuto connettivo
lasso ed il tessuto connettivo denso (o tessuto connettivo compatto).
Il tessuto connettivo lasso presenta una abbondante sostanz a fondamentale
amorfa, nella quale le fibre sono lassamente intrecciate tra loro. Ampiamente
rappresentato nel corpo, esso costituisce, tra l ’ altro, le lamine proprie delle to
nache mucose, le tele sottomucose, lo stroma degli organi, il perimisio dei mu
scoli, le tonache intime e le tonache avventizie dei vasi sanguiferi.
Il tessuto connettivo denso è caratteriz z ato da una grande abbondanz a di fi
bre entro la sostanz a intercellulare; queste possono formare grossi fasci disposti
disordinatamente, come nel derma, oppure possono essere raccolte in fasci pa
ralleli, come nei tendini e nei legamenti.
Il • IS T O L O GIA 31

F ibre del tessuto connettivo


Le fibre presenti nella sostanz a intercellulare del tessuto connettivo apparten
gono a tre categorie: le fibre collagene, le fibre reticolari, le fibre elastiche.

Fibre collagene. Le fibre collagene costituiscono la categoria di fibre di gran lunga


prevalente nel comune tessuto connettivo. Viste al microscopio ottico, le fibre
collagene appaiono come filamenti molto lunghi, del diametro di 1-2 g, che de
corrono con andamento ondulato; se poi sono viste a fresco, si presentano di co
lore bianco. A forte ingrandimento, mostrano una fine striatura longitudinale;
ciò sta a dimostrare che ogni singola fibra collagena è in re altà un fascio di fi
brille del diametro di 0,2 - 0,3 M, disposte parallelamente e tenute insieme da un
materiale amorfo, il quale può essere dissolto dagli alcali diluiti o dalla tripsina
così da permettere l ’isolamento delle singole fibrille.
O sservata al microscopio elettronico, ogni fibrilla del diametro di 0,2 - 0,3 p
appare a sua volta come un fascetto di microfibrille dello spessore di 200 - 1000 A
associate parallelamente. Le microfibrille mostrano una periodicità assile, ossia
presentano lungo il loro decorso una regolare successione di segmenti di 640 A,
costituiti ciascuno di due bande trasversali contigue, l ’ una chiara e l ’ altra scura
(fig. II.5); tali segmenti, detti periodi della microfibrilla, mostrano a loro volta
un ’ alternarsi di bande trasversali più minute, chiare e scure.
Ciascuna microfibrilla è costituita di unità elementari, dette tropocollagene.
Il tropocollagene è una molecola filamentosa, lunga 2800 A e del diametro di
14 A, che è formata di tre catene polipeptidiche avvolte ad elica. N ella microfi
brilla, le molecole di tropocollagene si alline ano longitudinalmente, la testa del-
l ’ una opposta alla coda dell’ altra, senz a peraltro collegarsi direttamente con le
loro estremità (fig. II.5), le quali rimangono anzi distanziate di circa 320 A; le
molecole di tropocollagene sono invece congiunte fra loro da legami laterali di na
tura glucidica e sono legate in modo tale che la testa dell’ una si sovrapponga alla
coda dell’ altra molecola di tropocollagene affiancata per circa il 10% della sua
lunghe z z a. N e risulta pertanto che gli intervalli tra le teste e le code delle molecole

periodo

F igura II. 5. In alto: microfìbrilla del collagene, vista al microscopio elettronico, con periodicità
assiale. In basso: disposizione delle molecole di tropocollagene nella microfibrilla.
32 li • IS T O L O GIA

di tropocollagene si manifestano nei periodi della miofibrilla come bande scure,


mentre le parti sovrapposte delle teste e delle code si rivelano come bande chia
re.
Le fibre collagene sono flessibili, ma assai poco estensibili; hanno grande resi
stenz a alla tra zione. Le fibre collagene, sottoposte a bollitura, danno luogo alla
gelatina (o colla).
F ibre reticolari. Le fibre reticolari (dette anche fibre argirofile per la proprietà
di colorarsi coi sali d ’ argento) sono una variante delle fibre collagene, dalle quali
si distinguono per la maggiore sottiglie z z a, avendo un diametro di 0,2 - 0,3 g.
C ome dimostra la microscopia elettronica, sono formate anch’ esse dall’ aggrega
zione longitudinale di microfibrille con periodicità assile, le quali a loro volta
constano di molecole di tropocollagene.
Le fibre reticolari generalmente decorrono isolate, dando luogo a reti tridimen
sionali. Esse sono presenti soprattutto nello stroma degli organi emopoietici,
nello stroma delle ghiandole, nei muscoli dove formano l ’ endomisio, nelle mem
brane basali degli epiteli di rivestimento, ecc. Q uando sono abbondantemente rap
presentate, costituiscono il così detto tessuto reticolare.

F ibre elastiche. Le fibre elastiche, nel comune tessuto connettivo, sono meno
numerose delle fibre collagene, ad ecce zione però di una varietà di tessuto connet
tivo lasso dove sono in grande prevalenz a e che è detto tessuto elastico. Esse sono
molto abbondanti nella tonaca elastica delle arterie ed inoltre, frammiste alle fi
bre collagene, nei tendini e nei legamenti.
Le fibre elastiche hanno un diametro di 0,2 - 1 g. Viste al microscopio ottico,
appaiono omogene e e non striate longitudinalmente come le fibre collagene;
se poi non sono colorate, si presentano di colore giallo e non bianco come invece
le fibre collagene. Le fibre elastiche in genere non si aggregano in fasci, ma decor
rono isolate formando un reticolo; in alcune sedi poi, come nelle pareti delle arte
rie, si organiz z ano in lamine, dette membrane elastiche, che sono costituite di
grosse fibre elastiche cementate insieme.
Viste al microscopio elettronico, le fibre elastiche risultano formate di un ma
teriale proteico, omogeneo ed amorfo: l’ elastina, entro cui sono immerse micro
fibrille di materiale glicoproteico, spesse circa 110 A.
Le fibre elastiche si lasciano facilmente distendere e tornano alla lunghe z z a
originaria quando la tra zione cessa; sono però assai meno resistenti alla tra zione
rispetto alle fibre collagene. Esse sono pertanto presenti soprattutto in quelle
sedi dove si richiede possibilità di adattamento elastico, con rapido ricupero della
condizione iniziale.

Sostanz a fondamentale amorfa del tessuto connettivo


La sostanz a fondamentale amorfa della sostanz a intercellulare del tessuto con
nettivo ha le proprietà di una soluzione colloidale molto vischiosa, con la capaci
tà di legare quantità variabili di acqua; l ’ acqua, con i cristalloidi ed i gas in essa
disciolti, si diffonde dai vasi capillari sanguiferi e rappresenta il così detto liquido
interstiziale o liquido tissutale. L ’ acqua legata alla sostanz a fondamentale amor
fa del tessuto connettivo funziona quindi come me z zo disperdente per la diffu
sione di sostanz e metaboliche e di gas dai vasi capillari sanguiferi alle cellule dei
tessuti e viceversa, assolvendo così alla funzione trofica del tessuto connet
tivo.
Il • IS T O L O GIA 33

C omponenti principali della sostanz a fondamentale amorfa del tessuto connet


tivo sono i mucopolisaccaridi acidi, di cui quello maggiormente rappresentato è
l’ acido ialuronico. Altri componenti sono le glicoproteine.

C ellule del tessuto connettivo


Le cellule del tessuto connettivo (fig. II. 6), oltre ad elaborare la sostanz a in
tercellulare del tessuto connettivo stesso sia nella sua componente fibrillare che
in quella amorfa, assolvono ad altre importanti funzioni, come quella della di
fesa contro agenti estranei mediante la fagocitosi e la produzione di anticorpi e
quella di produrre sostanz e anticoagulanti. Esse appartengono a vari tipi, ciascu
no dei quali è deputato ad una funzione particolare.
I tipi cellulari maggiormente rappresentati sono i fibroblasti ed i macrofagi;
altri tipi cellulari sono: i mastociti, le plasmacellule, le cellule migranti provenien
ti dal sangue.

F ibroblasti. I fibroblasti (o fibrociti} sono le cellule fisse del tessuto connettivo e


sono quelle maggiormente rappresentate sia nel tessuto connettivo lasso che in
quello denso. E ssi, come indica il nome, sono deputati ad elaborare le fibre col
lagene, reticolari ed elastiche; elaborano anche i mucopolisaccaridi e le glicopro
teine della sostanz a fondamentale amorfa.
I fibroblasti non hanno una loro forma tipica; talora sono applicati ai fasci di
fibre collagene ed hanno allora forma fusata, altre volte presentano aspetto stel
lato con numerosi prolungamenti. All’ esame ultrastrutturale, i fibroblasti mostra
no bene evidenti sia il reticolo endoplasmatico granulare che l ’ apparato del G olgi,
i quali appaiono particolarmente sviluppati quando i fibroblasti stessi sono in
attività secretiva.

Macrofagi. I macrofagi (o istiociti} derivano dai monociti che dal sangue circolante
passano nel tessuto connettivo. E ssi svolgono funzione di difesa, che attuano

F igura II. 6. C ellule del tessuto connettivo.


34 Il • IS T O L O GIA

mediante l ’ attività fagocitaria, ingerendo cioè materiali estranei all’ organismo.


Sono da distinguersi i macrofagi fissi, presenti nel tessuto connettivo in condi
zioni normali, dai macrofagi migranti (o macrofagi liberi), che compaiono nel cor
so dei processi infiammatori. T ali due classi corrispondono a stadi funzionali dif
ferenti dello stesso tipo cellulare; i macrofagi migranti rappresentano infatti le
forme attive dei macrofagi fissi.
I macrofagi fissi sono cellule fusiformi o stellate, fornite di prolungamenti, che
spesso sono adagiate sui fasci di fibre collagene; sono perciò praticamente indistin
guibili dai fibroblasti, a meno che non si ricorra al metodo della granulopessia,
ossia alla colora zione vitale la quale sfrutta le capacità fagocitarle dei macrofagi
stessi. La colora zione vitale consiste nell’iniettare all’ animale vivo un colorante
colloidale, quale il tripan blu o il litiocarminio, colorante che viene fagocitato
dai macrofagi e concentrato in grossi granuli nel loro citoplasma, per cui essi
risultano colorati, contrariamente ai fibroblasti che invece non assumono il
colorante colloidale e restano pertanto incolori.
Q uando sono stimolati nel corso di un processo infiammatorio, i macrofagi riti
rano i loro prolungamenti, si staccano dai fasci di fibre collagene, emettono alla
loro periferia una membrana ondulante, che serve per il movimento, e si sposta
no per attività ameboide; diventano così macrofagi migranti. E ssi fagocitano
batteri, frammenti di cellule morte e materiali estranei all’ organismo, che intro
ducono nel loro citoplasma, dopo averli circondati con lembi citoplasmatici.
Il citoplasma dei macrofagi migranti risulta pertanto pieno di vacuoli e di gra
nuli di materiale ingerito, inoltre ricco di lisosomi.

Mastociti. I mastociti sono cellule piuttosto grandi, mobili, che sono presenti nel
connettivo lasso, specialmente attorno ai vasi sanguiferi. Sono caratteriz z ati prin
cipalmente dalla presenz a nel loro citoplasma di una grande quantità di granuli,
i quali si colorano metacromaticamente; ossia tali granuli, con alcuni coloranti
basici, assumono una colora zione diversa dalla tinta del colorante impiegato (ad
esempio con il blu di toluidina si colorano in rosso-violetto invece che in blu). T ali
granuli dei mastociti contengono l ’ eparina, che è un mucopolisaccaride solforato
ad a zione anticoagulante, e l ’istamina, che ha funzione vasodilatatrice ed aumenta
la perme abilità dei vasi capillari sanguiferi.

F igura II.7. T essuto adiposo bianco.


Il • IS T O L O GIA 35

Plasmacellule. Le plasmacellule sono cellule rotondeggianti con nucleo circolare e


con abbondante citoplasma intensamente basofìlo. Sono numerose nella lamina
propria della tonaca mucosa e nella tela sottomucosa dell’ apparato digerente e
dell’ apparato respiratorio; aumentano poi notevolmente nel corso dei processi
infiammatori.
Le plasmacellule derivano dai linfociti e ne rappresentano la forma attiva;
capace di sintetiz z are gli anticorpi circolanti nel sangue; i linfociti e le plasma-
cellule non sono infatti tipi cellulari differenti, ma sono due diversi stadi fun
zionali dello stesso tipo cellulare. L ’ evoluzione dei linfociti (che già contengono
gli anticorpi specifici) in plasmacellule si manifesta con un notevole aumento
dei ribosomi e del reticolo endoplasmatico granulare, deputati alla sintesi degli
anticorpi, e quindi con un aumento della massa citoplasmatica. Le plasmacellule
rappresentano stadi terminali, in quanto esse cessano di moltiplicarsi, al con
trario dei linfociti da cui derivano, che invece si dividono attivamente.

C ellule migranti provenienti dal sangue. Le cellule migranti provenienti dal sangue
sono rappresentate da linfociti, monociti e granulociti (v. S angue). Di questi ul
timi, quelli maggiormente rappresentati sono i granulociti acidofili.

T essuto adiposo
Il tessuto adiposo è una varietà di tessuto connettivo lasso i cui elementi cel
lulari sono rappresentati dalle cellule adipose, ossia cellule che accolgono nel loro
citoplasma gocce lipidiche. Il tessuto adiposo ha un ruolo importantissimo nell’ as-
sicurare un apporto costante di materiale energetico all’ organismo; le sue cellule
provvedono direttamente alla sintesi dei grassi e alla loro libera zione. Il tessuto
adiposo assolve inoltre ad una funzione meccanica di sostegno.
Vi sono due varietà di tessuto adiposo: il tessuto adiposo bianco ed il tessuto
adiposo bruno, di cui il primo è di gran lunga maggiormente rappresentato nell’ or
ganismo rispetto al secondo.

T essuto adiposo bianco


Il tessuto adiposo bianco (fig. II.7), così denominato perché il suo colore
varia dal bianco al giallo, è distribuito in molti distretti del corpo, come nella te
la sottocutane a (dove costituisce il pannicolo adiposo), nelle regioni ascellari ed
inguinali, nelle logge renali, nel grande omento, nel mesentere, nelle cavità orbi
tali, ecc.
Le cellule del tessuto adiposo bianco sono molto grandi; hanno forma globosa
con un diametro di oltre 100 p. Esse sono occupate da un ’ unica, grande goccia
lipidica, per cui il nucleo è spinto ad un polo della cellula ed il citoplasma, al
quanto scarso, è ridotto ad un sottile anello periferico; la goccia lipidica è co
stituita di una miscela di trigliceridi.
N el tessuto adiposo bianco, le cellule sono strettamente accostate tra loro,
con interposta scarsa sostanz a intercellulare con fibre reticolari. La presenz a poi
di travate connettivali maggiori suddivide incompletamente il tessuto medesimo
in lobuli.
N el digiuno prolungato, i lipidi vengono mobiliz z ati ed abbandonano le cellule
adipose, che perdono così la loro goccia lipidica ed assumono l ’ aspetto di fì-
broblasti; pronte però, non appena riprende l ’ alimenta zione, ad assumere nuo
vamente i lipidi ed a riacquistare ancora l ’ aspetto tipico delle cellule adipose.
36 11 • IS T O L O GIA

T essuto adiposo bruno


Il tessuto adiposo bruno ha un colore che varia dal marrone al rosso-mattone;
tale colora zione dipende dalla presenz a nelle cellule, oltre che di trigliceridi, an
che di pigmenti. Il tessuto adiposo bruno nell’ uomo è scarso, rappresentato da
accumuli sparsi, presenti soprattutto nel feto e nel neonato; è invece abbondan
tissimo negli animali ibernati, dove costituisce nel suo insieme la così detta
ghiandola ibernante.
Le cellule del tessuto adiposo bruno sono più piccole di quelle del tessuto adi
poso bianco e, strettamente contigue le une alle altre, presentano forma poligo
nale; in esse poi i lipidi non sono concentrati in una goccia singola, ma sono di
stribuiti uniformemente nel citoplasma sotto forma di piccole goccioline. N elle
cellule del tessuto adiposo bruno pertanto, il nucleo non è sospinto ad un polo
della cellula, ma occupa una posizione centrale, ed il citoplasma è uniformemente
distribuito tra le goccioline lipidiche.

11.3. T E S S U T O C A R TILA GIN E O


Il tessuto cartilagineo, detto comunemente cartilagine, è una varietà di tessuto
connettivo che assolve fondamentalmente alla funzione di sostegno. Esso risulta
costituito delle cellule cartilagine e, chiamate condrociti, e di una abbondante
sostanz a intercellulare, formata a sua volta di fibre e di una matrice amorfa (o
sostanz a fondamentale ') gelificata. Il tessuto cartilagineo manca di vasi sanguiferi
e linfatici, nonché di nervi; esso si nutre per diffusione ed imbibizione attraverso
la sua matrice amorfa.
Si distinguono tre tipi di cartilagine: la cartilagine ialina, la cartilagine elastica
e la cartilagine fibrosa.
I

C artilagine ialina
La cartilagine ialina, osservata a fresco, appare translucida, opalescente e di
colore bianco-a z zurrognolo; è di aspetto uniforme. Essa costituisce lo scheletro
nel corso dello sviluppo e permane poi, in condizioni definitive, a formare alcune
parti dello scheletro stesso, come le cartilagini costali e le cartilagini articolari;
costituisce inoltre le cartilagini del naso, gran parte delle cartilagini della laringe
e quelle della trache a e dei bronchi.
I condrociti (fig. II.8) hanno forma sferica od ovoidale; essi sono accolti in
numero di uno o più entro cavità scavate nella sostanz a intercellulare, che sono
dette lacune. I condrociti sono distribuiti in gruppi: i gruppi isogeni (o territori
cellulari), ciascuno dei quali deriva dai successivi processi di divisione di una sin
gola cellula nel corso dello sviluppo.
La sostanz a intercellulare (fig. II.8) appare omogene a, in quanto la matrice
amorfa maschera le fibre collagene che vi sono contenute. Le fibre collagene
non hanno la caratteristica striatura periodica di 640 A; esse non sono riunite
in fasci, ma formano un delicato e fitto reticolo, che è particolarmente adden
sato nelle zone distanti dai gruppi isogeni. La matrice amorfa è costituita princi
palmente di mucopolisaccaridi acidi solforati, in particolare condroitinsolfati,
legati in complessi proteico-mucopolisaccaridici (o proteoglicani). Alla presenz a
dei mucopolisaccaridi acidi si deve la spiccata basofilia che, dopo colora zione,
caratteriz z a la matrice amorfa della cartilagine; tale basofilia è soprattutto marcata
Il - IS T O L O GIA 37

F igura II. 8. C artilagine ialina.

in corrispondenz a dei gruppi isogeni, dove la zona basofila prende il nome di ma


trice territoriale, e ancora più intensa è attorno a ciascuna lacuna, dove si riscon
tra un anello fortemente basofilo, detto capsula. Le zone interposte fra i gruppi
isogeni, che sono più povere di mucopolisaccaridi acidi e più ricche di fibre col
lagene, dopo colora zione appaiono meno basofile, talora anche debolmente
acidofile; esse formano nell’insieme la matrice interterritoriale.

C artilagine elastica
La cartilagine elastica differisce a fresco dalla cartilagine ialina perché è di colo
re giallastro e più opaca, inoltre perché è dotata di notevole flessibilità ed elasti
cità. Essa forma le cartilagini del padiglione auricolare e del me ato acustico
esterno, inoltre nella laringe la cartilagine epiglottica, le cartilagini corniculate
e cuneiformi e parte delle cartilagini aritenoide e.
I condrociti della cartilagine elastica sono sferici od ovalari, simili a quelli della
cartilagine ialina. La sostanz a intercellulare differisce invece da quella della car
tilagine ialina per la presenz a di un grande numero di fibre elastiche, che si rami
ficano e decorrono in tutte le dire zioni, formando una rete fìtta e compatta;
questa maschera in parte la matrice amorfa, costituita fondamentalmente di mu
copolisaccaridi acidi.

C artilagine fibrosa
La cartilagine fibrosa, detta comunemente fibrocartilagine, si riscontra in di
versi distretti del corpo, come nei dischi intervertebrali, nei cercini e dischi arti
colari, nei menischi intercalari e nelle zone di inserzione di alcuni tendini sul
l ’ osso.
La cartilagine fibrosa è una forma di transizione tra il tessuto connettivo den
so e la cartilagine. Essa è caratteriz z ata da una sostanz a intercellulare costituita
di grossi fasci di fibre collagene, tra i quali si trova una scarsissima quantità di
38 Il • IS T O L O GIA

matrice amorfa mucopolisaccaridica; questa forma poi attorno a ciascun condro-


cita una capsula. I condrociti, di aspetto globoso, sono sparsi isolatamente, in
genere alline ati tra i fasci di fibre collagene.

11.4. T E S S U T O O S S E O

Il tessuto osseo è una varietà di tessuto connettivo, con funzione di sostegno,


caratteriz z ato dal fatto che la sua sostanz a intercellulare è mineraliz z ata, per cui il
tessuto stesso ha notevole dure z z a e resistenz a: esso costituisce le ossa. Il tessuto
osseo è in continuo rifacimento per tutta la durata della vita, processo che, oltre
a rinnovare il tessuto osseo stesso, ha il compito di regolare la concentra zione del
calcio nel sangue.
Il tessuto osseo, all’ osserva zione macroscopica, può presentarsi compatto
oppure spugnoso, quest’ ultimo costituito di trabecole anastomiz z ate tra di loro
in una rete tridimensionale. Le due varietà, compatta e spugnosa, sono presenti
pressoché in tutte le ossa. C osì, nelle ossa lunghe, il corpo o diafisi è di tessuto
osseo compatto, mentre le estremità o epifisi sono di tessuto osseo spugnoso
con in superficie un sottile strato di tessuto osseo compatto; le ossa brevi e le ossa
piatte sono formate, all’interno, di tessuto osseo spugnoso e, in superfìcie, di
tessuto osseo compatto.
Il tessuto osseo consta delle cellule del tessuto osseo e della sostanz a inter
cellulare (o matrice intercellulare), organica ed inorganica, del tessuto osseo. La
sostanz a intercellulare organica è composta principalmente di fibre collagene e, in
misura minore, di complessi pròteieo-mucopolisaccaridici; la sostanz a intercellu
lare inorganica è costituita soprattutto di fosfato di calcio e di carbonato di cal
cio.
La caratteristica fondamentale del tessuto osseo è la struttura lamellare; il

canali del H avers osteoni

sistema interstiziale
sistema limitante esterno

sistema limitante interno


canale del
lacune ossee
lamelle ossee

F igura II. 9. Immagine schematica della se zione della diafisi di un osso lungo.
II • IS T O L O GIA 39

tessuto osseo infatti è organiz z ato in lamelle ossee (fig. II. 9) dello spessore di
3-7 M, le quali sono stratificate così da costituire sistemi variamente disposti.
Ciascuna lamella ossea è formata della sostanz a intercellulare calcificata,
nella quale sono scavate cavità a forma di lente biconvessa, dette lacune ossee,
che accolgono le cellule ossee od osteociti. D a ciascuna lacuna ossea si irradiano
ad angolo retto, in tutte le dire zioni, piccoli canali ramificati: i canalicoli ossei,
che accolgono i prolungamenti degli osteociti. I canalicoli ossei che irradiano
dalle diverse lacune ossee comunicano fra loro nell’ ambito della stessa lamella
ossea e delle lamelle ossee contigue, comunicano inoltre con i canali del H avers
e con i canali del Volkmann, i quali percorrono l ’ osso compatto, accogliendo i
vasi sanguiferi. Le lacune ossee ed i canalicoli ossei formano pertanto un sistema
cavitario continuo che permette gli scambi metabolici e gassosi tra gli osteociti
ed il sangue, dato che questi non possono effettuarsi a livello della sostanz a in
tercellulare essendo essa calcificata.

Distribuzione delle lamelle ossee nel tessuto osseo compatto. La diafìsi di un osso
lungo, che è un tipico esempio di tessuto osseo compatto, se osservata al mi
croscopio appare percorsa longitudinalmente da numerosi piccoli canali: i canali
del H avers, i quali sono collegati fra loro da brevi canalicoli obliqui o trasversi;
appare inoltre attraversata da altri piccoli canali perpendicolari od obliqui: i canali
del Volkmann, i quali si aprono sulla superfìcie esterna della diafìsi, al di sotto del
periostio (lamina connettivale che riveste esternamente l ’ osso), oppure nella cavità
midollare del centro della diafìsi, al di sotto deìl’ endostio (lamina connettivale che
riveste la parete del canale midollare). I canali del H avers ed i canali del Volkmann
sono percorsi dai vasi sanguiferi e dai nervi dell’ osso.
N ella diafìsi di un osso lungo, le lamelle ossee sono organiz z ate in quattro or
dini di strutture. Le lamelle ossee si dispongono anzitutto concentricamente at
torno ai diversi canali del H avers, così da formare serie di strutture cilindriche,
dette osteoni (o sistemi del H avers), ciascuno dei quali è pertanto percorso as
sialmente da un canale del H avers; altre lamelle ossee sono stratificate a costi
tuire i sistemi interstiziali, che colmano gli spa zi liberi fra gli osteoni; altre lamel
le ossee poi sono stratificate alla superficie della diafìsi a costituire un sistema
anulare, detto sistema limitante esterno; altre lamelle ossee infine sono disposte
circolarmente attorno al canale midollare, costituendo attorno a quest’ ultimo
un altro sistema anulare, che è il sistema limitante interno.

Distribuzione delle lamelle ossee nel tessuto osseo spugnoso. N el tessuto osseo
spugnoso, le lamelle ossee sono sovrapposte fra loro a costituire le trabecole ossee;
solo nelle trabecole osseee di maggiore spessore vi sono osteoni incompleti. I
canalicoli ossei si aprono nelle cavità midollari multiple delimitate dalle trabecole
ossee, al di sotto dell’ endostio che le riveste, da cui vasi sanguiferi gli osteociti
prendono nutrimento.

C ellule del tessuto osseo


Il tessuto osseo ha tre tipi di cellule: gli osteoblasti, gli osteociti e gli osteo-
clasti. Di norma, nel corso della forma zione del tessuto osseo, le cellule connet-
tivali primitive {cellule mesenchimali) si differenziano in osteoblasti che, dopo
avere depositata la sostanz a intercellulare del tessuto osseo, si trasformano in
osteociti; infine, la fusione di questi dà origine agli osteoclasti. D ’ altra parte è
possibile la reversibilità dell’ un tipo cellulare nell’ altro, la quale cosa sta a dimo-
40 Il • IS T O L O GIA

strare che i tre tipi cellulari rappresentano in re altà stadi funzionali differenti della
stessa cellula.
G li osteoblasti partecipano direttamente alla forma zione del tessuto osseo,
elaborando la componente organica della sostanz a intercellulare e regolando la
successiva deposizione in essa dei sali calcarei. Situati laddove il tessuto osseo è in
via di forma zione, ed in particolare nella profondità del periostio e dell’ endostio
dove formano uno strato continuo, gli osteoblasti hanno aspetto globoso, con
citoplasma ricco di reticolo endoplasmatico granulare e con apparato del G olgi
molto sviluppato in rapporto alla loro funzione di produrre la sostanz a intercel
lulare organica. Q uando gli osteoblasti rimangono inglobati nella sostanz a intercel
lulare da essi prodotta, attenuano le loro caratteristiche secernenti e diventano
osteociti.
G li osteociti sono le cellule tipiche del tessuto osseo a completo sviluppo e
sono accolte entro le lacune ossee. Sono cellule appiattite, che riprendono la
forma delle lacune ossee che le contengono; sono inoltre fornite di numerosi, fini
prolungamenti, che sono accolti nei canalicoli ossei che si irradiano dalle lacune
ossee stesse.
G li osteoclasti sono cellule giganti, polinucle ate, che sono localiz z ate sulle
lamelle ossee in via di riassorbimento; hanno un citoplasma vacuoliz z ato, ricco di
lisosomi. La superficie degli osteoclasti adiacente alla lamella ossea in via di rias
sorbimento presenta un orletto striato, formato di microvilli irregolari e di aspetto
clavato, tra i quali si trovano particelle di sali minerali derivanti dalla lisi della la
mella ossea stessa. G li osteoclasti hanno infatti la capacità erosiva sulla sostanz a
intercellulare, organica ed inorganica, della lamella ossea, che essi esercitano
mediante la libera zione di enzimi idrolitici, derivanti probabilmente dai lisosomi.
G li osteoclasti, come si è detto, prendono origine dalla fusione di osteociti, via via
che questi si liberano dalle lamelle ossee distrutte, oltre che da osteoblasti e da
cellule del mesenchima.

Sostanz a intercellulare del tessuto osseo


La sostanza intercellulare del tessuto osseo (o matrice del tessuto osseo) con
sta di una parte organica e di una inorganica.

canale del H avers

lamelle ossee

F igura 11.10. Schema della disposizione delle fibre collagene nelle lamelle ossee di un osteone.
II IS T O L O GIA 41

La sostanz a intercellulare organica è formata di fasci di fibre collagene, incluse


in una sostanz a amorfa che è costituita di complessi proteico-mucopolisaccaridici
e di glicoproteine. I fasci di fibre collagene sono disposti parallelamente fra di
loro nell’ ambito di una singola lamella osse a, il loro orientamento però è diffe
rente nelle lamelle ossee contigue. In un osteone (fìg. ILIO), ad esempio, i fasci
collageni di una lamella ossea decorrono ad elica rispetto all’ asse dell’ osteone,
ma se si considerano lamelle ossee contigue, si rileva che sia la dire zione che
l ’inclina zione dei fasci delle fibre collagene variano notevolmente; in un osteone
infatti si alternano lamelle ossee aventi fasci di fibre collagene ad andamento de
strorso e con una particolare inclina zione a lamelle ossee aventi fasci di fibre
collagene ad andamento sinistrorso e con diversa inclina zione.
La sostanz a intercellulare inorganica, costituita principalmente di fosfato
di calcio e di carbonato di calcio, è sotto forma di cristalli di idrossiapatite che, al
microscopio elettronico, appaiono come sottili aghi, lunghi 200 - 400 A e larghi
15 - 30 A. T ali cristalli di idrossiapatite sono distribuiti, oltre che nella sostanz a
fondamentale amorfa, anche lungo i fasci di fibre collagene, nello spessore dei fa
sci stessi e lungo le fibrille che formano le singole fibre collagene. La sostanz a
intercellulare organica rappresenta circa il 65% del peso dell’ osso.

11.5. S A N G U E E LIN F A

S angue
Il sangue è un liquido denso e vischioso, di colore rosso rutilante se arterioso e
più scuro se venoso, che circola entro i vasi sanguiferi; esso, distribuendosi in tutti
gli organi, provvede alla funzione di mediatore degli scambi nutritizi e gassosi.
La sua quantità, nell’ uomo adulto, corrisponde a circa l ’ 8% del peso corporeo;
pertanto, in un individuo di 70 kg vi sono circa 5-6 litri di sangue.
Il sangue è da ritenersi una varietà di tessuto connettivo, la cui sostanz a inter
cellulare è liquida. E sso è infatti costituito di un me z zo fluido: il plasma sangui
gno, entro cui sono sospese le cellule del sangue; queste più esattamente sono
dette elementi figurati del sangue, in quanto una parte (globuli rossi e piastrine)
non sono vere cellule. G li elementi figurati del sangue sono: i globuli rossi, i globu
li bianchi e le piastrine (fìg. II. 11); sono tutti elementi labili, che hanno cioè vita
limitata nel tempo, ed al loro rinnovo provvedono i tessuti e gli organi emopoie
tici, soprattutto il midollo osseo e gli organi linfatici.
Il sangue, quando è estratto dai vasi sanguiferi, coagula, cioè si rapprende in
una massa gelatinosa di colore rosso intenso, da cui si separa un liquido di colore
citrino, che è detto siero sanguigno. T ale processo di coagula zione è conseguente
al fatto che una globulina disciolta nel plasma sanguigno, il fibrinogeno, precipita
sotto forma di fibrina: questa, organiz z andosi in un reticolo finissimo, forma
una massa gelatinosa che ingloba gli elementi figurati del sangue. Il siero sanguigno
è pertanto il plasma sanguigno defìbrinato.

G lobuli rossi
I globuli rossi (o eritrociti, o ema zie) sono da 4.500.000 a 5.000.000 per mmc
di sangue. I globuli rossi sono deputati al trasporto dell’ ossigeno, funzione che è
legata ad una particolare proteina coniugata in essi contenuta, detta emoglobina.
42 Il • IS T O L O GIA

or? t

B E

C F

F igura 11.11. E lementi figurati del sangue: globuli rossi e, in A, granulocito neutrofìlo; in B,
granulocito eosinofìlo; in C , granulocito basofilo; in D, linfocito; in E , monocito; in F , pia
strine.

Q uesta, a livello dei vasi capillari sanguiferi del polmone, lega l ’ ossigeno dell’ aria
al proprio atomo di F E ++ e diviene ossiemoglobina; a livello poi dei vasi capillari
sanguiferi dei vari organi, cede l ’ ossigeno (che diffonde nel plasma sanguigno e
poi attraversa le pareti dei vasi capillari sanguiferi medesimi) ed essa torna ad
essere emoglobina ridotta.
I globuli rossi sono elementi, almeno nei mammiferi, privi di nucleo. E ssi han
no forma di disco biconcavo, per cui sono più sottili al centro e più spessi alla
periferia (fig. 11.12). H anno un diametro di 6 - 8 g; sono però facilmente defor
mabili, per cui possono attraversare vasi capillari sanguiferi anche di diametro
inferiore.
Il • IS T O L O GIA 43

F igura II. 12. G lobuli rossi, visti al microscopio elettronico a scansione.

I globuli rossi, se colorati, appaiono intensamente acidofili. O sservati al micro


scopio elettronico, essi presentano una membrana piasmatica e, all’interno, una
matrice citoplasmatica di aspetto uniforme; mancano di organuli citoplasmatici,
solo hanno microtubuli alla loro periferia.

G lobuli bianchi
I globuli bianchi (o leucociti) sono in numero di 6.000 - 8.000 per mmc di
sangue e sono rappresentati da diversi tipi: i granulociti, distinti in neutrofili,
acidofili (o eosinofili) e baso fili; i linfociti; i monociti. Il loro rapporto percen
tuale, detto formula leucocitaria, è il seguente: il 60 - 70% sono i granulociti
neutrofili, l ’I - 2% sono i granulociti acidofili, lo 0,5 - 1% sono i granulociti
baso fili, il 20 - 30% sono i linfociti, il 2 - 8% sono i monociti.
I globuli bianchi hanno funzione di difesa dell’ organismo, che possono svol
gere in modo aspecifico, fagocitando e distruggendo gli agenti aggressori, come
fanno i granulociti e i monociti, oppure che possono espletare in modo specifico,
producendo anticorpi capaci di neutraliz z are e distruggere gli agenti aggressori
stessi, come fanno i linfociti.

Granulociti. 1 granulociti (fig. 11.11), il cui diametro varia da 10 a 14 g, sono ca


ratteriz z ati dalla presenz a di granuli nel loro citoplasma; è appunto in base alle
caratteristiche tintoriali di tali granuli citoplasmatici che essi vengono distinti
in: neutrofili, acidofili e baso fili.
I granulociti neutrofili hanno granuli citoplasmatici minuti e numerosissimi,
che si colorano sia con i coloranti acidi che con quelli basici. T ali granuli, osser
vati al microscopio elettronico, appaiono formati di un materiale uniformemente
elettrodenso, delimitato da una membrana; per tale loro aspetto all’ esame ultra
strutturale, oltre che per la presenz a di enzimi idrolitici, essi sono da ritenersi
lisosomi.
I granulociti acidofili (o granulociti eosinofili) hanno granuli citoplasmatici
voluminosi, intensamente colorabili con i coloranti acidi. Visti al microscopio
elettronico, i granuli, che sono delimitati da una membrana, risultano formati
di un materiale elettrondenso uniforme entro cui si trova un grosso incluso cri
stallino a struttura lamellare. Anche questi granuli dei granulociti acidofili sono
44 Il IS T O L O GIA

provvisti di attività idrolasiche.


I granulociti basofili hanno granuli citoplasmatici assai voluminosi, che si colo
rano con i coloranti basici. All’ osserva zione ultrastrutturale, tali granuli sono for
mati di un materiale granulare e sono delimitati da una membrana. I granuli dei
granulociti basofili mancano di attività idrolasiche, contengono invece eparina ed
istamina in elevata concentra zione.
I granulociti possono avere un nucleo allungato e ripiegato su se stesso, con
aspetto quindi reniforme; oppure, possono presentare un nucleo polilobato,
ossia con stroz z ature che lo scompongono in più lobi nucle ari. Il nucleo polilo
bato è proprio dei granulociti più maturi.

Linfociti. I linfociti (fig. II. 11) sono piccole cellule rotonde, del diametro di
6-8/1. H anno un grosso nucleo rotondeggiante con grosso nucleolo. Attorno al
nucleo si estende un sottile strato di citoplasma caratteriz z ato da una intensa
basofilia che, come dimostra la microscopia elettronica, è dovuta alla presenz a
di una grande quantità di ribosomi, sia liberi che legati al reticolo endoplasmatico
granulare.

Monociti. I monociti (fig. II. 11) sono grosse cellule rotondeggianti, del diametro
variabile da 12 a 20 p. H anno un nucleo rotondo, ovalare o reniforme, ed un cito
plasma abbondante, che è debolmente basofilo e contiene alcune granula zioni
a z zurrofile. L ’ esame ultrastrutturale dimostra che i monociti sono molto ricchi
di lisosomi, cui è legata l ’ attività idrolasica.

Piastrine
Le piastrine (fig. II. 11), che sono circa 250.000 per mmc di sangue, sono
piccole forma zioni discoidali biconvesse, del diametro di 2 - 3 M- Le piastrine
non sono cellule, bensì frammenti di cellule; esse sono infatti lembi di citoplasma
staccatisi dai megacariociti, che sono cellule giganti polinucle ate del midollo
osseo.
Le piastrine presentano: una parte centrale, con fini granula zioni basofile,
che è detta cromomero; una parte periferica, con aspetto omogeneo, che è
denominata ialomero.
Si ritiene che le piastrine prendano parte al processo di coagula zione del san
gue.

Linfa
La linfa è un liquido chiaro e incolore che scorre entro i vasi linfatici. Essa
deriva dal plasma sanguigno che è fuoriuscito attraverso le pareti dei vasi capillari
sanguiferi, ha bagnato i tessuti, cedendo sostanz e nutritizie e ricevendo sostanz e
di rifiuto, ed è passato infine nei vasi linfatici. Se estratta dai vasi linfatici, anche
la linfa coagula.
La linfa è costituita di plasma, nel quale sono sospesi globuli bianchi, soprat
tutto linfociti.

11.6. T E S S U T O MU S C O LA R E
II tessuto muscolare è costituito di cellule deputate alla funzione della contrat
tilità; tutte le sue cellule infatti hanno in comune la capacità di trasformare
II • IS T O L O GIA 45

l ’ energia chimica in energia meccanica mediante la scissione dell’ A T P (adenosin-


trifosfato) ad opera di enzimi. R esponsabile della produzione dell’ energia mecca
nica è la presenz a, in tutte le cellule del tessuto muscolare, di strutture filamento
se specifiche: le miofibrille, che sono orientate parallelamente alla dire zione del
movimento. Tutte le miofibrille sono costituite, come dimostra la microscopia
elettronica, di due tipi di miofilamenti di differente calibro e formati rispettiva
mente di due diverse proteine: V actina e la miosina; lo scorrimento reciproco
dei due tipi di miofilamenti determina infatti il movimento di contra zione.
Si distinguono tre diversi tipi di tessuto muscolare: il tessuto muscolare liscio,
il tessuto muscolare striato scheletrico, il tessuto muscolare striato cardiaco.
Il tessuto muscolare liscio, che è presente principalmente nelle pareti dei vi
sceri e dei vasi, è formato di cellule biononucle ate: le fibrocellule muscolari
lisce, le quali mancano di una striatura trasversale; esso è innervato dal sistema
nervoso autonomo e pertanto la sua contra zione è indipendente dalla volontà.
Il tessuto muscolare striato scheletrico, che forma i muscoli inseriti sullo schele
tro nonché quelli cutanei, è costituito di lunghi elementi polinucle ati sinciziali:
le fibre muscolari striate scheletriche, che presentano una regolare striatura
trasversale; è innervato dal sistema nervoso cerebro-spinale e si contra e quindi
sotto il controllo della volontà. Il tessuto muscolare striato cardiaco, che costi
tuisce il miocardio, consta delle fibre muscolari striate cardiache, che mostrano
una regolare striatura trasversale analogamente a quelle scheletriche, ma che,
contrariamente a queste ultime, non sono sincizi, bensì elementi mononucle ati;
è innervato dal sistema nervoso autonomo e quindi la sua contra zione è indipen
dente dalla volontà.

T essuto muscolare liscio


Il tessuto muscolare liscio (fig. 11.13) è costituito delle fibrocellule musco
lari lisce; esse sono cellule di forma fusata, con la parte centrale rigonfia, dove
trovasi il nucleo, e con le due estremità affusate. La loro lunghe z z a varia da 20 a
200 g, il loro diametro da 6 a 15 g.
Le fibrocellule muscolari lisce formano fasci, nei quali esse sono disposte
l ’ una accanto all’ altra, in modo tale che la parte espansa di una fibrocellula è
circondata dalle estremità fusate di quelle contigue. Le fibrocellule, in seno ai

F igura 11.13. T essuto muscolare liscio.


46 Il • IS T O L O GIA

fasci, sono inframme z z ate da un fitto intreccio di fibre reticolari, sono poi connes
se fra loro da giunzioni, che sono di due tipi. Un primo tipo di giunzione è simile
alla macula aderente (o desmosoma) ossia, in corrispondenz a della giunzione
stessa, le superfìci contigue delle due fibrocellule restano distanziate fra loro da
poche decine di ju e le superfìci interne delle membrane piasmatiche delle due
fibrocellule sono coperte, in tale punto, di materiale denso su cui si impiantano
filamenti; la giunzione di tale tipo serve da punto di saldatura che assicura la
solidarietà tra le fibrocellule nel fascio. Il secondo tipo di giunzione è la giunzione
facilitante (o nexus), risulta cioè di uno stretto avvicinamento delle membrane
piasmatiche delle due fibrocellule, fino a fondersi parzialmente fra loro; la giun
zione facilitante rappresenta una zona di maggiore perme abilità che consente il
passaggio degli impulsi da una fibrocellula all’ altra, assicurando così la contra zione
coordinata delle fibrocellule stesse.
Le fibrocellule muscolari lisce hanno un unico nucleo centrale, di forma
allungata con l ’ asse maggiore orientato secondo la lunghe z z a della fibrocellula
stessa. Attorno al nucleo si estende il citoplasma, detto sarcoplasma, che accoglie
oltre agli organuli citoplasmatici, finissime strutture filamentose: le miofibrille,
le quali sono orientate parallelamente alla lunghe z z a della fibrocellula. Le fibro
cellule muscolari lisce sono delimitate perifericamente dalla membrana piasmatica,
denominata sarcolemma, che mostra un gran numero di piccole invagina zioni
globose: le caveole.
Le miofibrille delle fibrocellule muscolari lisce, difficilmente visibili al micro
scopio ottico se non dopo pretrattamento con acidi diluiti, non mostrano la suc
cessione di bande trasversali chiare e scure, come invece quelle delle fibre musco
lari striate. C ome dimostra la microscopia elettronica, tali miofibrille risultano
dall’ aggrega zione, ad opera di fissativi istologici, di finissimi miofilamenti, che ri
sultano essere di due tipi: alcuni, più sottili, di actina, altri invece, più spessi, di
miosina, analoghi a quelli che si riscontrano nelle fibre muscolari striate, solo che
essi non sono disposti in registro per cui, nella fibrocellula muscolare liscia,
viene a mancare la striatura trasversale. La contra zione della fibrocellula mu
scolare liscia avverrebbe dunque in modo analogo a quella della fibra muscolare
striata (v. oltre).
Il tessuto muscolare liscio è innervato dal sistema nervoso autonomo, le cui
fibre formano plessi tra le fibrocellule muscolari lisce e terminano poi a ridosso
di esse mediante sinapsi neuro-muscolari (v. T ermina zioni nervose periferiche)
Il tessuto muscolare liscio è capace di contra zione ritmica e di contra zione
tonica. La contra zione ritmica consiste nel fatto che nel tessuto muscolare liscio
insorgono periodicamente impulsi, che si diffondono poi a tutto l ’ organo deter
minando un ’ onda di contra zione peristaltica; ne è un esempio la contra zione ritmi
ca della tonaca muscolare della parete dell’intestino, che determina la progressione
del contenuto del lume dell’intestino stesso. La contra zione tonica è lo stato
prolungato di contra zione parziale, detto tono muscolare, che determina l ’ ampie z
z a del lume degli organi cavi.

T essuto muscolare striato scheletrico


Il tessuto muscolare striato scheletrico (fig. 11.14) è costituito delle fibre
muscolari striate scheletriche, che sono lunghi elementi plurinucle ati di natura
sinciziale, cioè costituitisi, nel corso dello sviluppo, dalla fusione di cellule singole:
i mioblasti. Le fibre muscolari striate scheletriche sono principalmente caratteriz-
Il IS T O L O GIA 47

F igura 11.14. T essuto muscolare striato scheletrico.

z ate dal presentare una regolare striatura trasversale ; in esse, infatti, bande che sono
rifrangenti nei preparati a fresco e molto colorabili nei preparati fìssati si alterna
no ad altre bande che sono invece meno rifrangenti nei preparati a fresco e poco
colorabili nei preparati fissati.
Le fibre muscolari striate scheletriche hanno forma cilindrica e terminano
con le estremità fusate o tagliate a scalpello. H anno una lunghe z z a che varia da
alcuni mm (come nel muscolo stapedio) fino a qualche cm (come nel muscolo
sartorio) ed un diametro che oscilla tra i 10 e i 150 p; la loro grande z z a è poi
anche condizionata dall’ esercizio cui esse sono sottoposte, infatti vanno incon
tro ad ipertrofia coll’intensificarsi della attività meccanica, mentre subiscono
ipotrofia in seguito ad immobilità.
E ntro un muscolo, le fibre muscolari striate scheletriche sono disposte paral
lelamente fra loro, essendo associate per me z zo di tessuto connettivo. La lamina
connettivale che avvolge il muscolo: l ’ epimisio, invia sepimenti entro il muscolo
medesimo, i quali lo scompongono in fasci di ordine via via decrescente; tale
connettivo che avvolge i fasci di fibre muscolari, detto perimisio, manda poi nei
fasci esili setti di connettivo reticolare, che inguinano ogni singola fibra muscola
re e costituiscono l ’ endomisio.
O gni fibra muscolare striata scheletrica è circoscritta dalla propria membrana
piasmatica, che è detta sarcolemma. All’ esterno di questo è applicata una lamina
basale di natura proteico-polisaccaridica, perifericamente alla quale si estende
il fine intreccio delle fibre reticolari dell’ endomisio.
I nuclei presenti in una fibra muscolare striata scheletrica sono numerosi; in
una fibra muscolare della lunghe z z a di alcuni centimetri, essi possono essere
anche parecchie centinaia. I nuclei, che sono allungati secondo l ’ asse longitu
dinale della fibra muscolare, si trovano generalmente in posizione periferica,
subito sotto al sarcolemma.
II citoplasma di una fibra muscolare striata scheletrica è in gran parte occupa
to dalle miofibrille, lunghi filamenti che percorrono longitudinalmente l ’intera
fibra muscolare, costituendone l ’ apparato contrattile. Tra le miofibrille si in-
48 Il • IS T O L O GIA

terpone il citoplasma anisto o sarcoplasma; questo accoglie gli organuli citopla


smatici e numerose particelle di glicogeno, contiene inoltre la mioglobina, pig
mento proteico con ferro che è responsabile della colora zione rossa del musco
lo e che ha probabilmente la funzione di immaga z zinare ossigeno per cederlo
poi durante la contra zione muscolare. In base alla maggiore oppure minore quan
tità di mioglobina contenuta nel sarcoplasma, le fibre muscolari striate schele
triche vengono distinte rispettivamente in fibre rosse e fibre bianche, di cui le
prime sono fondamentalmente deputate alla contra zione tonica, mentre le se
conde alla contra zione di tipo fasico. Il citoplasma di una fibra muscolare striata
scheletrica è completato infine da estesi sistemi tubulari.

Miofibrille
Le miofibrille sono filamenti del diametro circa di 1 g, lunghi quanto l ’intera
fibra muscolare striata scheletrica che li accoglie.
O sservate a fresco, a luce ordinaria, le miofibrille mostrano una successione
regolare di bande trasversali molto rifrangenti e di bande trasversali poco rifran
genti. N ei preparati fissati e colorati, le bande molto rifrangenti appaiono dense
e intensamente colorate: tratti scuri, mentre le bande poco rifrangenti si presen
tano meno dense e meno tingibili: tratti chiari. I tratti scuri e i tratti chiari delle
miofibrille di una stessa fibra muscolare striata scheletrica sono regolarmente
disposti a registro, donde ne consegue la bandeggiatura trasversale della fibra
muscolare stessa.
Al microscopio a luce polariz z ata, il contrasto delle bande trasversali delle
miofibrille, e quindi della fibra muscolare striata che le accoglie (fìg. 11.15),
si inverte: i tratti scuri appaiono luminosi, cioè birifrangenti (anisotropi) e vengo
no pertanto indicati come bande A (anisotrope); i tratti chiari si presentano
invece scuri, ossia non birifrangenti (isotropi) e quindi sono detti bande I (iso-
trope). Una più attenta osserva zione dimostra che ciascuna banda A ha una zona
centrale meno birifrangente, che è detta banda H, la quale a sua volta è attraver
sata nel me z zo da una sottile line a scura, denominata line a M; dimostra inoltre
che ciascuna banda I è divisa trasversalmente in due metà da una sottile line a scu
ra: la line a Z (o telofragma '). Il segmento della miofibrilla compreso fra due line e

nuclei sarcolemma

banda A banda I line a Z sarcomero

F igura 11.15. B ande chiare e bande scure in una fibra muscolare striata scheletrica, dopo fissa
zione e colora zione.
Il • IS T O L O GIA 49

banda I banda A

miofilamenti spessi

F igura 11.16. Schema dell’ organiz z a zione del sarcomero: in alto, in se zione longitudinale; in basso, in se zioni trZ
sversali a livello della banda I, della banda H e della parte laterale della banda A.

Z successive prende il nome di sarcomero e rappresenta l ’ unità strutturale e fun


zionale della miofibrilla.
L ’ osserva zione delle miofibrille al microscopio elettronico dimostra che esse
sono formate di filamenti longitudinali, i quali sono di due tipi: i miofilamenti
spessi, che hanno un diametro di 100 À e sono lunghi 1,5 p; i miofilamenti
sottili, che hanno un diametro di 50 À e misurano in lunghe z z a 1 p (fig. 11.16).
I miofilamenti spessi sono costituiti di miosina, la quale ha molecole a struttura
filamentosa; i miofilamenti sottili sono formati di actina, le cui molecole globu
lari, polimeriz z ate, formano filamenti.
I miofilamenti spessi occupano tutta la lunghe z z a della banda A; essi sono
fra loro equidistanti, separati da intervalli di 450 A. I miofilamenti sottili partono
dalla E ne a Z (formata di un intreccio di filamenti di natura non chiara), percor
rono la semibanda I e penetrano poi per un certo tratto nella banda A, giungendo
fino al limite della banda H. In corrispondenz a della banda A, là dove i miofila
menti sottili si interpongono tra i miofilamenti spessi vi è una disposizione estre
mamente regolare; le se zioni trasversali dimostrano infatti che ogni miofilamento
spesso trovasi al centro di un esagono i cui vertici sono occupati da miofilamenti
sottili, e viceversa che ogni miofilamento sotile è posto al centro di un triangolo
i cui vertici sono occupati da miofilamenti spessi.
50 Il • IS T O L O GIA

banda A banda I

banda H
line a M

miofilamenti

sarcomero contratto

F igura 11.17. Schema del sarcomero a riposo e del sarcomero contratto.

D a quanto si è detto, risulta dunque: che la banda I é formata dalle sole mio-
fibrille sottili, la quale cosa spiega la debole densità ottica della banda medesima;
che la banda A è costituita, nei suoi due segmenti periferici, dai miofilamenti
spessi e dai miofilamenti sottili, mentre in corrispondenz a della banda H è formata
solo dai filamenti spessi, per cui ne consegue che la densità ottica è molto marcata
in corrispondenz a dei segmenti periferici ed un po’ minore invece a livello della
banda H. La line a M è dovuta a legami trasversali tra le parti di me z zo dei mio-
fìlamenti spessi.
N el corso della contra zione muscolare, si ha un accorciamento del sarcomero
dovuto ad uno scorrimento dei miofilamenti sottili tra i miofilamenti spessi,
i miofilamenti sottili infatti si addentrano nella banda H fino a raggiungere la line a
M (fig. 11.17); ne consegue quindi che, nello stato di contra zione, le due semiban
de I si fanno più corte, mentre la banda A mantiene inalterata la sua lunghe z z a,
perdendo però la banda H. D etto scorrimento è dovuto al fatto che le estremità
dei miofilamenti spessi chiudono ponti con i miofilamenti sottili, ponti che, con
ciclo alternato, si tornano ad aprire per rinsaldarsi poi nuovamente con tratti
successivi dei miofilamenti sottili stessi, così che questi ultimi vengono via via
trascinati tra i miofilamenti spessi. T ale processo richiede la presenz a di C a ++ e di
A T P; il C a ++ infatti, liberatosi dalle vescicole del reticolo sarcoplasmatico per ef
II IS T O L O GIA 51

fetto dell’impulso nervoso, agisce sui miofilamenti sottili, condizionando la dispo


nibilità dei punti di legame dell’ actina; l ’ A T P, legata alle estremità dei miofila
menti spessi, fornisce l ’ energia necessaria per lo scorrimento dei miofilamenti
sottili.

Sistemi tubulari
La fibra muscolare striata scheletrica è percorsa da molteplici tubuli, i quali
appartengono a due distinti sistemi: al sistema T, che è costituito di invagina zioni
del sarcolemma; al reticolo endoplasmatico liscio, che è denominato reticolo sar-
coplasmatico (fig. 11.18).
Il sistema T è costituito di invagina zioni tubulari del sarcolemma: i tubuli T;
essi hanno andamento trasversale e sono localiz z ati, nei muscoli degli anfìbi,
in corrispondenz a della line a Z, nei muscoli dei mammiferi invece al confine tra
la banda I e la banda A. I tubuli T avvolgono ciascuna miofibrilla e comunicano
con gli spa zi intercellulari.
Il reticolo sarcoplasmatico è formato di tubuli che decorrono nel sarcoplasma,
per lo più longitudinalmente tra le singole miofibrille. E ssi, presso i tubuli T, si
aprono in ampie cisterne terminali, disposte trasversalmente a ridosso dei tubuli
T stessi. Un tubulo T e le due cisterne terminali ad esso applicate costituiscono la
cosiddetta triade.

Placca motrice
O gni fibra muscolare striata scheletrica riceve una fibra nervosa motrice so
matica, che le reca l ’ impulso contrattile. La fibra nervosa si giustappone alla

sarcolemma
miofibrille

sistema T

sarcoplasmatico

F igura 11.18. Sistemi tubulari della fibra muscolare striata scheletrica, in un muscolo di mam
mifero.
52 Il • IS T O L O GIA

ra nervosa

F igura 11.19. Immagine schematica di una placca motrice. Il riquadro delimita il particolare ingrandito in basso.

fibra muscolare in un suo punto circoscritto, formando con la fibra muscolare me


desima una sinapsi neuro-muscolare, detta placca motrice (fig. 11.19).
Vista al microscopio ottico, la placca motrice appare come un bottoncino
sulla superfìcie della fibra muscolare. In sua corrispondenz a la fibra nervosa, che
ha perduto la guaina mielinica, si sfiocca in un ’ arboriz z a zione terminale, alla quale
si sovrappongono le ultime cellule dello Schwann (v. F ibre nervose) della fibra
nervosa stessa.
L ’ osserva zione al microscopio elettronico dimostra che, in corrispondenz a
della placca motrice, la fibra muscolare è lievemente rilevata a costituire la suola
terminale, la quale è formata di sarcoplasma, ricco di mitocondri e di reticolo
endoplasmatico granulare, e contiene nuclei. Il sarcolemma che riveste la suola
terminale mostra una serie di invagina zioni: le fessure sinaptiche, le cui pareti pre
sentano a loro volta ripiegature multiple che ne aumentano notevolmente la su
perficie. In ciascuna fessura sinaptica è accolta una termina zione della fibra ner
vosa, la quale è separata dal sarcolemma della fessura sinaptica da uno spa zio
II - IS T O L O GIA 53

intersinaptico di 200 - 500 À, contenente materiale glicoproteico; l’ assolemma


(o membrana piasmatica) della fibra nervosa rappresenta la membrana presinapti-
ca, il sarcolemma della fessura sinaptica la membrana postsinaptica. La termina
zione della fibra nervosa accoglie, oltre a molti mitocondri, anche un gran numero
di vescicole del diametro di 400 - 600 A, rivestite di una membrana, che sono le
vescicole sinaptiche. Q ueste contengono acetilcolina, che è il mediatore chimico
della trasmissione dell’impulso nervoso; all’ arrivo dello stimolo nervoso lungo la
fibra nervosa infatti, le vescicole sinaptiche liberano l ’ acetilcolina nello spa zio
intersinaptico, dove essa si lega ai recettori specifici della membrana postsinaptica,
determinando il trasferimento dell’impulso dalla fibra nervosa alla fibra muscola
re; l ’ acetilcolina viene poi rapidamente distrutta dM ’ acetilcolinesterasi (legata
sia alla membrana presinaptica che a quella postsinaptica), così che la trasmissione
dell’impulso viene interrotta.

T essuto muscolare striato cardiaco


Il tessuto muscolare striato cardiaco (fìg. 11.20) è costituito delle fibre mu
scolari striate cardiache. Esse sono cellule mononucle ate con nucleo centrale;
hanno forma allungata e le loro estremità, spesso biforcate, si congiungono alle
estremità delle fibre contigue mediante particolari dispositivi: i dischi intercalari
(o strie scalariformi), i quali, oltre ad assicurare la solidarietà fra le fibre, favori
scono la conduzione degli impulsi contrattili.
Le fibre muscolari striate cardiache mostrano bande trasversali simili a quelle
delle fibre muscolari striate scheletriche, sono infatti percorse longitudinalmente
da miofibrille che hanno costituzione analoga a quella delle fibre muscolari stria
te scheletriche; rispetto a queste ultime però, esse hanno una maggiore quantità
di sarcoplasma, contenente abbondante glicogeno e numerosi grossi mitocondri
disposti longitudinalmente. C aratteri particolari presentano poi per quanto riguar
da il loro sarcolemma e i loro sistemi di tubuli.
Il sarcolemma è rivestito di una membrana basale di natura mucopolisacca-
ridica, dello spessore di circa 500 A, la quale si continua anche sul sarcolemma che

F igura 11.20. T essuto muscolare striato cardiaco.


54 Il IS T O L O GIA

fibra muscolare
striata cardiaca

fibra muscolare
striata cardiaca 9221
^

F igura II. 21. G iunzioni fra due fibre muscolari striate cardiache.

si invagina a formare i tubuli T; è presumibile che essa regoli l ’ entrata e l ’ uscita


del C a ++ dalla fibra muscolare striata cardiaca, svolgendo così un ruolo fonda
mentale nell’ eccitamento della fibra cardiaca stessa. I tubuli T sono molto più
voluminosi che nella fibra scheletrica e sono localiz z ati in corrispondenz a delle
line e Z. I tubuli longitudinali del reticolo sarcoplasmatico non confluiscono in una
cisterna terminale a ridosso dei tubuli T, ma terminano con piccole dilata zioni,
che unitamente ai tubuli T stessi formano le cosiddette diadi.
I dischi intercalari, come si è detto, sono le zone di contatto e di adesione
tra le estremità contigue delle fibre muscolari striate cardiache. Sono ben visibili
anche al microscopio ottico, potendosi presentare con decorso trasversale rettili
neo, ma più spesso suddivisi in segmenti trasversali, disposti a livelli diversi come i
gradini di una scala, i quali sono collegati fra loro da segmenti longitudinali, onde
il nome di strie scalariformi. O sservati al microscopio elettronico, i dischi interca
lari appaiono formati di giunzioni (fìg. 11.21). Q ueste, in corrispondenz a dei
segmenti trasversali, sono rappresentate principalmente da desmosomi, su cui si
impiantano i miofilamenti sottili delle bande I; in corrispondenz a dei segmenti
longitudinali, sono date soprattutto da giunzioni facilitanti (o nexus), simili
a quelle presenti tra le fibrocellule muscolari lisce e che hanno presumibilmente
la funzione di facilitare la diffusione dell’ eccitamento da una fibra muscolare
striata cardiaca all’ altra.
Le fibre muscolari striate cardiache sono innervate dal sistema nervoso auto
nomo, il quale però non è necessario per determinare lo stimolo di contra zione;
questo infatti insorge, spontane amente ed in modo ritmico, in particolari cellule
muscolari specializ z ate che costituiscono l ’ apparato di conduzione degli eccita
menti (v. C uore). Le fibre nervose assumono stretti rapporti con le fibre muscolari
striate cardiache e formano con queste sinapsi neuro-muscolari, non però del tipo
delle placche motrici (v. T ermina zioni nervose periferiche).
Il IS T O L O GIA 55

11.7. T E S S U T O N E R V O S O
Il tessuto nervoso è costituito delle cellule nervose o neuroni, che sono ele
menti dotati in altissimo grado di due proprietà: l ’ irritabilità, cioè la capacità
di re agire agli stimoli e di generare impulsi nervosi, e la conducibilità, ossia la ca
pacità di trasmettere gli impulsi nervosi ad altre cellule nervose o a cellule di al
tri tessuti. Le cellule nervose sono infatti connesse fra loro e con le cellule di altri
tessuti mediante particolari giunzioni, dette sinapsi.

C ellule nervose
Le cellule nervose (fìg. 11.22) risultano formate di un corpo cellulare, de
nominato pirenoforo, dal quale si dipartono prolungamenti, distinti in dendriti
e neuriti.
Il pirenoforo può avere varia forma: sferica, ovalare, piramidale, stellata,
ecc. Il nucleo, che in genere ne occupa la parte centrale, è voluminoso, di forma

F igura 11.22. C ellula nervosa (cellula piramidale) dell’ isocorteccia cerebrale.


56 Il IS T O L O GIA

dendriti
pirenoforo

neurite

F igura 11.23. Zolle del Nissl nel pirenoforo di una cellula nervosa.

sferica od ovalare, di aspetto chiaro e possiede un grosso nucleolo. Il citoplasma


consta di una matrice citoplasmatica: il neuroplasma, entro cui sono accolti
numerosi mitocondri e, in posizione perinucle are, un apparato del G olgi molto
sviluppato; presenta inoltre due componenti che sono proprie del citoplasma
della cellula nervosa: le zolle del Nissl e le neurofibrille.
Le zolle del Nissl (o sostanz a tigroide) (fig. 11.23) si presentano come innu
merevoli granula zioni, fortemente tingibili con i coloranti basici, le quali sono
distribuite in tutto il pirenoforo e nei dendriti; mancano invece nel neurite. L ’ os
serva zione al microscopio elettronico dimostra trattarsi di aggregati di tubuli e
cisterne appiattite del reticolo endoplasmatico granulare o ergastoplasma, cui si
aggiungono anche microsomi liberi. L ’ abbondanz a del reticolo endoplasmatico
granulare, associata al notevole sviluppo dell’ apparato del G olgi, rivela che l ’ attivi
tà di sintesi proteica è intensa nel pirenoforo; questo infatti deve provvedere an
che alle sintesi proteiche per il neurite, il quale manca di tali organuli citopla
smatici.
Le neurofibrille (fig. 11.24), dimostrabili mediante i metodi di colora zione
coi sali d ’ argento e quelli di oro, sono sottili filamenti che occupano quasi inte
ramente il citoplasma del neurone, formando un intreccio complicato in corri
spondenz a del pirenoforo ed assumendo invece un andamento longitudinale
nei dendriti e nel neurite. Il microscopio elettronico ha dimostrato che le neuro
fibrille della microscopia ottica sono in re altà il prodotto della conglutina zione,
ad opera dei fissatori, di due distinte strutture filamentose submicroscopiche:
i neurofilamenti e i neurotubuli. I neurofilamenti hanno un diametro di circa
100 A. I neurotubuli, simili ai microtubuli che si riscontrano nelle altre cellule,
hanno un diametro di 200 - 250 A e sono cavi al centro, essendo infatti costitui
ti di 12 - 13 protofilamenti longitudinali disposti circolarmente attorno ad un lu
me centrale; è probabile che essi contribuiscano a mantenere la forma cellulare,
inoltre che facilitino il flusso citoplasmatico.
I dendriti (fig. 11.22) sono in genere numerosi in ciascun neurone; più brevi
del neurite, essi ramificano ripetutamente in modo dicotomico, formando fitte
arboriz z a zioni. H anno struttura simile a quella del citoplasma del pirenoforo,
pertanto essi possono essere considerati come espansioni del pirenoforo stesso,
II - IS T O L O GIA 57

pirenoforo

neurite

F igura 11.24. N eurofìbrille nel pirenoforo di una cellula nervosa.

di cui posseggono anche le stesse proprietà gunzionali. Sulla loro superficie, come
sulla superfìcie del pirenoforo, si osservano le termina zioni sinaptiche di altri
neuroni con l ’ aspetto di bottoni terminali che, osservati al microscopio ottico do
po impregna zione argentica, si presentano come brevissime digita zioni, dette
spine. I dendriti conducono gli impulsi nervosi verso il pirenoforo.
Il neurite (fig. 11.22), detto anche assone, è di norma unico per ogni neu
rone; esso nasce dal pirenoforo in corrispondenz a del cono di emergenz a, dove
le zolle di Nissl sono scarse, mancando le vescicole del reticolo endoplasmatico
granulare ed essendo presente solo un discreto numero di ribosomi liberi. G ene
ralmente più lungo dei dendriti e di contorno più liscio e regolare, emette lungo
il suo decorso alcuni rami collaterali che si staccano ad angolo retto; poco prima
della sua termina zione ramifica ripetutamente, formando una ricca arboriz z a-
zione terminale. Il neuroplasma del neurite, detto anche assoplasma, contiene
solo mitocondri, neurofilamenti, neurotubuli e qualche elemento del reticolo en
doplasmatico liscio; è circoscritto dalla membrana piasmatica, detta assolemma, in
continuità con quella del pirenoforo. N el neurite la conduzione degli impulsi ner
vosi è centrifuga dal pirenoforo.
Il neurite può essere lungo (fino ad oltre un metro), assumere guaine e diven
tare così una fibra nervosa, oppure può essere corto e risolversi nella sua arbo-
riz z a zione terminale a poca distanz a dal pirenoforo. I neuroni con neurite lungo
sono detti neuroni del I tipo del G olgi, quelli con neurite corto sono denominati
invece neuroni del II tipo del G olgi.

F ibre nervose
Le fibre nervose sono costituite ciascuna di un neurite, che prende il nome
di cilindrasse, e delle guaine che lo avvolgono. 11 rivestimento del cilindrasse è rap
presentato anzitutto da un involucro formato di particolari cellule di nevroglia,
che sono: gli oligodendrociti nelle fibre nervose centrali (ossia in quelle della
sostanz a bianca del sistema nervoso centrale), le cellule dello Schwann nelle fibre
nervose periferiche (cioè in quelle che costituiscono i nervi del sistema nervoso
cerebro-spinale). T ali cellule di nevroglia si avvolgono infatti più volte attorno
58 Il • IS T O L O GIA

cilindrasse

guaina mielinica
nucleo della cellula
dello Schwann

nodo del R anvier

incisure di
Schmidt e Lantermann

F igura 11.25. Immagine schematica della guaina mielinica in una fibra nervosa periferica.

al cilindrasse e, con la loro membrana piasmatica ripetutamente accollata, gli


formano un involucro lipoproteico, denominato guaina mielinica. Le fibre nervose
che hanno la guaina mielinica sono di colore bianco e vengono denominate fibre
mieliniche (o fibre bianche); ciò in contrapposizione alle fibre dei nervi del
sistema nervoso autonomo, che invece mancano oppure hanno una ridottissima
guaina mielinica e sono dette fibre amieliniche (o fibre grigie).
La guaina mielinica (fìg. 11.25) ha struttura segmentaria secondo la lunghe z z a
della fibra nervosa, ossia essa risulta interrotta ad intervalli da stroz z ature, dette
nodi del R anvier. A ciascun tratto compreso tra due nodi del R anvier consecutivi,
o segmento intemodale, corrisponde una sola cellula dello Schwann nelle fibre
nervose periferiche, oppure un solo oligodendrocita nelle fibre nervose centrali;
è tuttavia da rilevare che un singolo oligodendrocita, mediante i suoi prolunga-
menti citoplasmatici, partecipa alla costituzione della guaina mielinica di più fibre
nervose contigue.
O sservata al microscopio elettronico, tranne che nei suoi strati più interni
e in quelli più esterni, la guaina mielinica appare costituita di una serie di bande
concentriche scure e chiare, che si ripetono con un regolare periodismo; cia
scun periodo è costituito di due bande scure consecutive e della banda chiara
interposta, misurando 160 - 180 À nelle fibre nervose periferiche e circa 200 A
nelle fibre nervose centrali. Ad una più alta risoluzione, si osserva una sottile
line a di densità intermedia che suddivide in due metà la banda chiara: è la line a
intraperiodo.
T ale struttura della guaina mielinica risulta comprensibile se si seguono le fasi
successive della forma zione della guaina mielinica stessa (fìg. 11.26), specie in
una fibra nervosa periferica, dove il processo è meglio conosciuto. Inizialmente,
la cellula dello Schwann abbraccia il cilindrasse, accogliendolo in una sua invagina
zione; laddove per seguire tale invagina zione la membrana piasmatica della cel
lula dello Schwann si introflette, i suoi due tratti affrontati si uniscono e formano
II • IS T O L O GIA 59

nucleo della cellula


dello Schwann
citoplasma della
cellula dello Schwann

mesassone

mesassone cilindrasse

nucleo della cellula


dello Schwann citoplasma della
cellula dello Schwann

membrana piasmatica
della cellula dello Schwann mesassone

cilindrasse
nucleo della cellula
dello Schwann
-guaina mielinica

mesassone citoplasma della


cellula dello Schwann
membrana piasmatica
della cellula dello Schwann- mesassone
C

F igura 11.26. Tre successivi stadi (A, B, C) della forma zione della guaina mielinica.

una sorta di lamina, detta mesassone. Successivamente, la cellula dello Schwann


ruota più volte attorno al cilindrasse, circondandolo con ripetuti giri; anche il
mesassone va via via allungandosi e forma tanti giri concentrici. D a ultimo, il
citoplasma compreso nei giri della cellula dello Schwann viene spremuto via, per
cui le porzioni affrontate dello strato interno della membrana piasmatica della
cellula stessa si giustappongono, dando così luogo alla banda scura della guaina
mielinica; i tratti adiacenti dello strato esterno della membrana piasmatica della
cellula dello Schwann, che già erano saldati fra loro del mesassone, si assottiglia
no e formano la line a in traperiodo della guaina mielinica; lo strato intermedio
(lipidico) della membrana piasmatica della cellula dello Schwann forma ciascuna
delle due metà in cui è scomposta la banda chiara della guaina mielinica. Q uando
la guaina mielinica è completata, la cellula dello Schwann conserva il citoplasma
solo nel suo giro più profondo, contiguo al cilindrasse, ed in quello più superficia
le, dove risiede il nucleo; può però anche conservare qualche piccola quantità di
60 Il IS T O L O GIA

F igura II. 27. F ibre nervose amieliniche, circondate dalle cellule dello Schwann.

citoplasma in alcuni tratti dei suoi giri intermedi, la qual cosa si manifesta al mi
croscopio ottico come apparenti fessure oblique della guaina mielinica, denomi
nate incisure di Schmidt e Lantermann.
La guaina mielinica ha diverse funzioni, tra cui in primo luogo quella di fun
gere da isolante che impedisce la diffusione dell’ eccitamento ai neuriti adiacenti.
H a poi grande importanz a nell'aumentare la velocità di conduzione dell’impulso
nervoso; secondo infatti la teoria della conduzione saltatoria, l’ impulso nervoso
non viene trasmesso in modo continuo lungo tutto il cilindrasse, ma da nodo del
R anvier a nodo del R anvier, per cui tanto più lungo è il segmento internodale
tanto più rapida è la conduzione.

neuriti

sinapsi asso-dendritica

bulbo sinaptico

sinapsi asso-dendritica

sinapsi asso-assonica pirenoforo

dendrite - bulbo sinaptico

sinapsi asso-somatica- neurite

F igura II. 28. Immagine semischematica di vari tipi di sinapsi interneuroniche.


Il • IS T O L O GIA 61

Lo strato più interno della guaina mielinica, formato dal giro più profondo
della cellula dello Schwann provvisto ancora di citoplasma, non aderisce all’ asso-
lemma del cilindrasse, ma ne è separato da uno spa zio di 200 A.
N elle fibre nervose periferiche, superficialmente alla guaina mielinica, vi è
una membrana basale, che si continua anche in corrispondenz a dei nodi del
R anvier. Essa consta internamente di una lamina basale, che è di natura glicopro-
teica, ed esternamente di un sottile strato di fibre reticolari: la guaina reticolare
di K ey e R etius. Q uest’ ultima è particolarmente sviluppata nelle fibre nervose
di natura sensitiva, dove viene denominata guaina sussidiaria del Ruffini.
Le fibre amieliniche dei nervi del sistema nervoso autonomo sono circon
date anch ’ esse da cellule dello Schwann, le quali però non formano attorno al
cilindrasse i tipici avvolgimenti che costituiscono la guaina mielinica. In genere,
una singola cellula dello Schwann presenta lungo il suo contorno numerosi recessi,
in ciascuno dei quali è accolto un cilindrasse (fig. 11.27); la membrana piasmatica
della cellula medesima, nel punto in cui dalla superficie esterna della cellula
si introflette in uno di tali recessi, forma il mesassone.

Sinapsi interneuroniche
Le sinapsi interneuroniche (fig. 11.28) sono le zone di contatto tra i neuroni,
in corrispondenz a delle quali avviene la trasmissione dell’ impulso nervoso da un
neurone all’ altro. O gni neurone contra e molte sinapsi interneuroniche, spesso
centinaia e talora migliaia, con altri neuroni.
In una sinapsi interneuronica, la termina zione di un neurite prende contatto
con un dendrite o con il pirenoforo di un altro neurone, avendosi così rispetti
vamente una sinapsi asso-dendritica oppure una sinapsi asso-somatica; premes
so che in una sinapsi interneuronica la trasmissione dell’ impulso nervoso avviene
sempre nella medesima dire zione, l ’ impulso nervoso passa dal neurite del così
detto neurone presinaptico ai dendriti o al pirenoforo del neurone postsinaptico.
E siste anche la sinapsi asso-assonica, nella quale la termina zione del neurite di
un neurone presinaptico prende contatto con il neurite di un neurone postsinapti
co laddove questo è sprovvisto di guaina mielinica, ossia al suo inizio o in vi
cinanz a della sua termina zione. Vi è infine la sinapsi dendro-dendritica tra i
dendriti di due neuroni, ma trattasi più che altro di una giunzione serrata.
Il neurite del neurone presinaptico, poco prima della sua termina zione, perde
le sue guaine e, raggiunto il neurone postsinaptico, vi si espande a ridosso del pire
noforo o dei dendriti, formando ingrossamenti denominati bulbi sinaptici (o bot
toni terminali). La membrana piasmatica di un bulbo sinaptico, laddove si giustap
pone al neurone postsinaptico, prende il nome di membrana presinaptica, mentre
il tratto affrontato della membrana piasmatica del neurone postsinaptico viene
denominato membrana postsinaptica. Le due membrane, presinaptica e post-
sinaptica, mostrano ispessimenti circoscritti, simili a desmosomi, che sono dovuti
ad addensamenti del sottostante neuroplasma; esse sono separate fra di loro
dallo spa zio intersinaptico, che è di 200 - 300 A ed è occupato da materiale
mucopolisaccaridico.
Il bulbo sinaptico ha una organiz z a zione ultrastrutturale caratteristica, che lo
differenzia nettamente dalla porzione del neurone postsinaptico col quale è. in
contatto; esso manca di neurotubuli, presenta invece un cospicuo numero di
mitocondri ed inoltre numerosissime vescicole del diametro di 200 - 650 A e
circoscritte da una membrana, che sono dette vescicole sinaptiche. Al contrario,
62 Il IS T O L O GIA

la contigua porzione del neurone postsinaptico manca di vescicole sinaptiche ed


è ricca di neurotubuli.
Le vescicole sinaptiche contengono il mediatore chimico della trasmissione
dell’ impulso nervoso, che nella grande maggioranz a delle sinapsi tra i neuroni è
l’ acetilcolina. All’ arrivo dello stimolo nervoso nel bulbo sinaptico, le vescicole si
naptiche, introducendosi tra gli ispessimenti della membrana presinaptica, si
fondono con la membrana stessa e versano l ’ acetilcolina nello spa zio intersinapti-
co; l ’ acetilcolina si lega ai recettori specifici della membrana postsinaptica e così
si scatena l ’ eccitamento nel neurone postsinaptico. La membrana postsinaptica
possiede però anche un enzima, l ’ acetilcolinesterasi, che distrugge l ’ acetilcolina,
interrompendo la trasmissione dello stimolo nervoso.

T ermina zioni nervose petiferiche


Le fibre nervose periferiche, che costituiscono i nervi, possono essere fibre
afferenti o sensitive, che recano gli impulsi sensitivi dalla periferia del corpo al
nevrasse, oppure fibre efferenti, deputate ad inviare gli impulsi nervosi dai loro
centri di origine agli organi periferici. Le fibre efferenti sono a loro volta distinte
in: fibre motrici somatiche, deputate all’ innerva zione delle fibre muscolari striate
scheletriche; fibre motrici viscerali, che provvedono all’ innerva zione delle fibro-
cellule muscolari lisce e a quella delle fibre muscolari striate cardiache; fibre
eccitosecretrici, che innervano le ghiandole.
Le fibre afferenti o sensitive (che sono tutte pertinenti al sistema nervoso
cerebro-spinale) possono terminare liberamente tra le cellule dell’ organo innerva
to, oppure possono terminare incapsulate da involucri connettivali, formando i
corpuscoli terminali sensitivi.
Le fibre efferenti terminano in stretto rapporto con le cellule non nervose
dei loro organi effettori, formano sinapsi in corrispondenz a delle quali esse
liberano un mediatore chimico per la trasmissione dell’ impulso nervoso. In parti
colare, le fibre motrici somatiche (che sono proprie del sistema nervoso cerebro
spinale) sono fibre colinergiche, hanno cioè come loro mediatore chimico l ’ ace
tilcolina; le fibre motrici viscerali e le fibre eccitosecretrici (che sono pertinenti
al sistema nervoso autonomo) sono fibre colinergiche se appartenenti al para
simpatico, sono invece fibre adrenergiche, aventi cioè come mediatore chimico
la noradrenalina, se facenti parte dell’ ortosimpatico.
Le termina zioni nervose periferiche sono distinguibili in: termina zioni nervose
negli epiteli, termina zioni nervose nei muscoli, termina zioni nervose nel tessuto
connettivo.

T ermina zioni nervose negli epiteli


Le termina zioni nervose negli epiteli possono essere termina zioni sensitive,
oppure termina zioni eccitosecretrici. Le termina zioni sensitive si riscontrano negli
epiteli di rivestimento; sono termina zioni libere tra le cellule epiteliali e vengono
considerate come recettori dolorifici. Le termina zioni eccitosecretrici, proprie
degli epiteli ghiandolari, sono anch ’ esse termina zioni libere tra le cellule epite
liali.

T ermina zioni nervose nei muscoli


Le termina zioni nervose nei muscoli sono rappresentate da termina zioni mo
trici e da termina zioni sensitive. E ’ opportuno distinguere le termina zioni nervose
II • IS T O L O GIA 63

nei muscoli striati scheletrici dalle termina zioni nervose nella muscolatura liscia
e nella muscolatura striata cardiaca.
T ermina zioni nervose nei muscoli striati scheletrici. Le termina zioni motrici, nei
muscoli striati scheletrici, sono le placche motrici (v. T essuto muscolare striato
scheletrico). Le termina zioni sensitive sono rappresentate, oltre che da termina zio
ni libere nel connettivo del ventre muscolare e del tendine, dai fusi neuro-musco-
lari, situati entro il ventre muscolare, e dai corpuscoli muscolo-tendinei del G olgi,
posti al confine tra il ventre muscolare ed il tendine. E ssi sono recettori proprio-
cettivi, ossia deputati a registrare lo stato di tensione o di contra zione del musco
lo, fornendo informa zioni sulla posizione e sul movimento delle varie parti del
corpo.
I fusi neuro-muscolari sono accolti entro i setti connettivali che formano
il perimisio del ventre muscolare; hanno forma allungata e sono disposti paralle
lamente ai fasci delle fibre muscolari. C iascun fuso neuro-muscolare consta di
un fascetto di fibre muscolari striate scheletriche (da 3 a 20), più esili di quelle
circostanti del ventre muscolare, il quale è circoscritto da una spessa capsula
connettivale in continuità col perimisio. N el fuso neuro-muscolare entrano fibre
nervose, sia motrici somatiche che sensitive, le quali perdono le loro guaine
appena oltrepassata la capsula connettivale del fuso medesimo; le fibre motrici
somatiche danno luogo ad una placca motrice a ridosso di ciascuna fibra muscola
re intrafusoriale, le fibre sensitive in parte si risolvono in termina zioni a fiorami
ed in parte danno luogo a termina zioni anulo-spirali, che si avvolgono attorno alle
singole fibre muscolari intrafusoriali. Q ueste termina zioni anulo-spirali, stimolate
ogni volta che le fibre muscolari si tendono, registrano lo stato di tensione del mu
scolo o tono muscolare.
I corpuscoli muscolo-tendinei del G olgi, simili ai fusi neuro-muscolari, sono
costituiti invece di un fascetto di fibre tendine e, avvolto da una capsula connetti
vale; vi entrano solo fibre sensitive che, perdute le loro guaine, si risolvono in ra
mifica zioni terminali tra le fibre tendine e stesse. I corpuscoli muscolo-tendinei
del G olgi, contrariamente ai fusi neuro-muscolari che registrano il tono musco
lare, registrerebbero invece la contra zione attiva del muscolo.

T ermina zioni nervose nella muscolatura liscia e nella muscolatura striata cardiaca.
Il tessuto muscolare liscio ed il tessuto muscolare striato cardiaco sono innervati
da fibre motrici viscerali del sistema nervoso autonomo, ortosimpatiche e para
simpatiche, che formano plessi tra gli elementi muscolari e terminano infine
a ridosso di essi, formando sinapsi neuro-muscolari; queste non sono però posse
dute da tutti gli elementi muscolari. Le termina zioni delle fibre nervose, laddove
prendono parte alla costituzione delle sinapsi neuro-muscolari, presentano al
l ’ interno vescicole sinaptiche, le quali nelle fibre ortosimpatiche (fibre adrenergi-
che) mostrano un granulo centrale denso e contengono come mediatore chimico
della trasmissione dell’ impulso nervoso la noradrenalina, mentre nelle fibre para
simpatiche (fibre colinergiche) appaiono chiare e contengono come mediatore
chimico l ’ acetilcolina.
II tessuto muscolare liscio ed il tessuto muscolare striato cardiaco presentano
anche, tra gli elementi muscolari, termina zioni libere di fibre sensitive.

T ermina zioni nervose nel tessuto connettivo


Le fibre sensitive, in seno al tessuto connettivo, o si risolvono in termina zioni
64 Il • IS T O L O GIA

F igura 11.29. C orpuscolo di V ater-P acini, se zionato longitudinalmente.

libere, oppure terminano incapsulate da speciali involucri connettivali, formando


con questi i corpuscoli terminali sensitivi.
Le termina zioni libere sono presenti in tutte le sedi del tessuto connettivo;
si ritiene che esse siano fondamentalmente recettori dolorifici.
I corpuscoli terminali sensitivi sono classificati in vari tipi, di cui i maggior
mente rappresentati sono i seguenti.
I corpuscoli di V ater-P acini (fig. 11.29) sono i più grandi fra i corpuscoli
terminali sensitivi; di forma ovalare, possono raggiungere anche la lunghe z z a
di 4 mm e la larghe z z a di 2 mm. Sono sparsi in moltissime sedi del tessuto con
nettivo, come nella tela sottocutane a, nella tela sottoperitone ale, nel periostio, nel
perimisio, nella lamina propria delle tonache mucose, ecc. Sono formati di lamelle
connettivali disposte concentricamente, di cui quelle più interne delimitano uno
spa zio centrale, detto clava interna, contenente una sostanz a amorfa semifluida;
la fibra nervosa, perdute le sue guaine, penetra da una delle estremità del corpu
scolo nella clava interna e la percorre fino all’ estremità opposta, ove termina con
qualche ramifica zione o con un ingrossamento. I corpuscoli di V ater-P acini
sono recettori di pressione o di tensione.
I corpuscoli di G olgi-Ma z zoni, presenti soprattutto nel connettivo dei muscoli,
hanno costituzione analoga ai corpuscoli di V ater-P acini, rispetto ai quali sono
però più piccoli, hanno la capsula connettivale più sottile e la clava interna invece
più espansa; in essi inoltre, la fibra nervosa che vi penetra ramifica ripetutamente.
I corpuscoli del Krause, riscontrabili specialmente nella lamina propria delle
tonache mucose, sono simili ai corpuscoli di G olgi-Ma z zoni; la fibra nervosa vi
forma, entro la clava interna, una ramifica zione terminale con l ’ aspetto di gomi
tolo. Una varietà dei corpuscoli del Krause sono i corpuscoli genitali del glande
e del clitoride, i quali sono contraddistinti dall’ avere dimensioni notevoli.
I corpuscoli del Meissner (o corpuscoli tattili) si trovano nel derma della
cute della palma della mano e della pianta del piede, soprattutto in corrispon
denz a delle papille dermiche dei polpastrelli delle dita. H anno forma ellittica,
misurando 40 - 100 p di lunghe z z a e 30 - 60 p di spessore. C ircondati da una
Il • IS T O L O GIA 65

capsula connettivale, presentano all’ interno più strati di speciali cellule tattili;
con queste assumono un rapporto di tipo sinaptico le ramifica zioni terminali delle
fibre nervose, che in numero da 1 a 5 penetrano da un ’ estremità del corpuscolo
medesimo, dopo avere perduto le loro guaine.
I corpuscoli del Ruffini, riscontrabili soprattutto negli strati superficiali della
tela sottocutane a, hanno forma fusata, misurando da 0,2 a 2 mm in lunghe z z a
e da 100 a 200 p in larghe z z a. D elimitati da una capsula connettivale, presentano
all’ interno un tessuto connettivo di sostegno, entro cui ramifica ripetutamente
la fibra nervosa penetrata nel corpuscolo stesso. Si ritiene che i corpuscoli del
R uffini siano recettori termici.

11.8. N E V R O G LIA
La nevroglia (o glia) è costituita di un insieme di cellule non nervose che com
pletano il sistema nervoso, sia centrale che periferico.
N el sistema nervoso centrale, le cellule della nevroglia formano, mediante
i loro prolungamenti, una fitta rete che riveste i pirenofori, i dendriti ed i neu-
riti delle cellule nervose, costituendo così, per le cellule nervose stesse, la trama
di sostegno ed il me z zo per gli scambi nutritizi e gassosi con il sangue; esse inoltre
svolgono una importante funzione nell’ attività nervosa, in quanto isolano fra di
loro i neuroni, tranne che nei punti dove questi contraggono sinapsi. Infine le
cellule della nevroglia provvedono alla ripara zione delle lesioni del sistema nervoso
centrale.
Le cellule della nevroglia del sistema nervoso centrale sono: le cellule del-
l’ ependima, gli astrociti, gli oligodendrociti e le cellule della microglia. Tranne
queste ultime che derivano dal mesenchima, le altre hanno tutte origine ectoder-
mica, analogamente alle cellule nervose.
Le cellule dell’ ependima rivestono le cavità del nevrasse (canale centrale del
midollo spinale e ventricoli cerebrali, comprese le superfìci ventricolari delle tele
e dei plessi corioidei). Sono cellule isoprismatiche o batiprismatiche, monostra-

F igura 11.30 (a sinistra). A strocito fibroso.


F igura 11.31 (a destra). A strocito protoplasmatico.
66 H • IS T O L O GIA

F igura 11.32 (a sinistra). O ligodendrociti.


F igura II. 3 3 (a destra). C ellule della microglia.

tificate e in mutuo contatto, come le cellule di un epitelio di rivestimento; dalla


loro superfìcie rivolta verso la cavità si dipartono brevi ciglia, mentre dalla loro
superfìcie opposta emerge un prolungamento che si addentra nella sostanz a
nervosa. O ltre alla funzione di rivestimento e di sostegno, le cellule dell’ ependi-
ma partecipano, in corrispondenz a dei plessi corioidei, alla secre zione del liquido
cefalo-rachidiano.
. G li astrociti sono le cellule della nevroglia più numerose; si distinguono in
astrociti fibrosi (fig. 11.30), predominanti nella sostanz a bianca, e astrociti pro
toplasmatici (fig. 11.31), prevalenti nella sostanz a grigia. G li astrociti fibrosi
hanno un corpo cellulare piccolo e sono forniti di numerosissimi prolungamenti
filiformi e a superficie liscia, sono inoltre caratteriz z ati dalla presenz a, sia nel
corpo che nei prolungamenti, di un grande numero di strutture filamentose,
dette gliofibrille. G li astrociti protoplasmatici presentano un corpo cellulare
più grande, con titoplasma granuloso, ed hanno prolungamenti piuttosto volu
minosi, sprovvisti o con solo pochissime gliofibrille. G li astrociti con i loro prolun
gamenti formano un fitto intreccio che avvolge lassamente le cellule nervose,
colmando gli spa zi fra queste interposti; con una parte dei loro prolungamenti
si connettono poi ai vasi capillari sanguiferi, a ridosso dei quali i prolungamenti
medesimi terminano con espansioni che formano attorno all’ endotelio una sorta
di manicotto pressoché continuo. P er tali stretti rapporti con i vasi capillari
sanguiferi, si ritiene che gli astrociti abbiano anche la funzione di stabilire i
rapporti trofici tra il sangue e le cellule nervose, inoltre che partecipino attivamen
te e cre are la barriera emato-encefalica (filtro fisiologico che permette ad alcune
sostanz e di penetrare nel sistema nervoso centrale, escludendone invece altre).
G li oligodendrociti (fig. 11.32) sono piccole cellule globose, fornite di uno
scarso numero di prolungamenti poco ramificati. N ella sostanz a grigia, essi cir
II • IS T O L O GIA 67

condano i pirenofori delle cellule nervose; nella sostanz a bianca invece, dove sono
molto più numerosi, si dispongono attorno alle fibre nervose, costituendo le
guaine mieliniche (v. F ibre nervose).
Le cellule della microglia (fig. 11.33), prevalenti nella sostanz a grigia, sono
piccole cellule con citoplasma denso, fornite di prolungamenti scarsi e brevi che
sono ricoperti di numerose spine. Possono essere considerate con i macrofagi
del sistema nervoso centrale.
N el sistema nervoso periferico , le cellule della nevroglia sono rappresentate:
dalle cellule dello Schwann, che assumono rapporto con le fibre nervose perife
riche, formando tra l ’ altro le guaine mieliniche (v. F ibre nervose); dalle cellule
satelliti, che sono elementi a ppiattiti avvolgenti le cellule nervose dei gangli
cerebro-spinali e simpatici.
1
T E G UM E N T O

il tegumento consta della cute e della tela sottocutane a. La cute riveste


esternamente il corpo; ad essa sono annesse le cosiddette produzioni cutane e, che
sono: i peli, le unghie, le ghiandole sudoripare, le ghiandole sebace e e le mam
melle. La tela sottocutane a si estende al di sotto della cute, tra questa e la fascia
comune del corpo, permettendo la spostabilità della cute stessa sui piani sot
tostanti.

1.1. C U T E
La cute (o pelle) è una membrana continua, elastica e distensibile, che ri
veste interamente la superfìcie del corpo. E ssa ha fondamentalmente funzio
ne protettiva; ha però anche compiti di termoregola zione, di secre zione e di

F igura 1.1. C ute, se zionata perpendicolarmente.


70 1 • T E G UM E N T O

escre zione, inoltre è anche sede di un grande numero di termina zioni nervose
sensitive.
La cute ha colorito differente secondo le ra z z e umane; può essere pertanto
bianca, giallo-olivastra, rosso-rameica e nera. Il suo colorito risulta dalla somma
di vari fattori, che sono: la melanina, contenuta nelle cellule dell’ epidermide
e in alcune cellule del derma, che determina il colore nero; il sangue, circolante
ijei vasi capillari sanguiferi del derma, che dona la tonalità rossa; il carotene,
che dà la sfumatura gialla.
La superfìcie esterna della cute è pertugiata da innumerevoli, minuti orifìzi,
che sono le fossette dei peli e gli orifìzi di sbocco delle ghiandole sudoripare
e di alcune delle ghiandole sebace e.
La cute (fig. 1.1) è formata di due strati sovrapposti: in superfìcie, vi è
un epitelio di rivestimento, denominato epidermide; in profondità, si trova
uno strato connettivo, chiamato derma.

E pidermide
L' epidermide (fìg. 1.2) è un epitelio pavimentoso composto, nel quale dalla
profondità in superficie si distinguono: lo strato germinativo, lo strato granuloso,
lo strato lucido e lo strato corneo. Di tali strati sono molto spessi il primo e l ’ ul
timo, mentre i due intermedi sono sottili.
Lo strato germinativo (o strato reticolare del Malpighi) è formato di molti
piani di cellule, di cui quelle del piano profondo sono prismatiche e costituiscono
lo strato basale, mentre quelle dei piani soprastanti sono poliedriche e formano
lo strato spinoso. Le cellule dello strato germinativo hanno nel loro citoplasma
strutture filamentose: le tonofibrille, ciascuna delle quali, all’ esame ultrastrut
turale, appare costituita di un fascetto di tonofilamenti; le tonofibrille si impianta
no sui desmosomi che, distribuiti in abbondanz a lungo i contorni cellulari, fanno
da giunzione fra le cellule stesse, assicurandone la coesione reciproca. Le cellule
dello strato germinativo presentano poi nel loro citoplasma granuli di melanina,
pigmento nero che inscurisce la pelle onde proteggerla dalle radia zioni solari;

----------- strato corneo


----------- strato lucido
strato granuloso

strato germinativo ---------- strato spinoso

-----------strato basale

----------- derma

F igura 1.2. E pidermide, se zionata perpendicolarmente.


1 T E G UM E N T O 71

esse ricevono tali granuli di melanina dai melanociti, cellule queste con lun
ghi prolungamenti ramificati che sono poste nella profondità dello strato germina
tivo e che appunto producono la melanina, cedendola poi alle cellule dello strato
germinativo stesso.
In corrispondenz a dello strato germinativo avvengono processi di prolifera
zione cellulare, come dimostrano le numerose cellule in mitosi che vi si riscon
trano. D ’ altra parte, le cellule dello strato germinativo continuamente migrano
verso la superfìcie dell’ epidermide, via via trasformandosi nelle cellule degli
strati soprastanti.
Lo strato granuloso, posto immediatamente al di sopra dello strato germi
nativo, risulta formato di pochi piani di cellule appiattite con i nuclei in via di
'involuzione. T ali cellule contengono fasci di tonofìbrille, compenetrati da granuli
intensamente basofili, detti granuli di cherato ialina; contengono inoltre un mate
riale fosfolipidico, che passa poi negli spa zi intercellulari, avendo presumibil
mente funzione imperme abiliz z ante.
Lo strato lucido (dell’ O ehl] è un sottile strato sovrastante lo strato granu
loso; esso è così denominato perché, nei preparati istologici non colorati, appare
splendente. E ’ formato di alcuni piani di cellule appiattite, che hanno perduto
il nucleo ed il cui citoplasma è occupato da filamenti addensati e da gocce di
eleidina; queste, che derivano probabilmente da una trasforma zione dei granuli
di cheratoialina, sono ricche di lipidi e di zolfo ed avrebbero il compito di osta
colare il processo di evapora zione a livello dell’ epidermide.
Lo strato corneo, che fa seguito in superfìcie allo strato lucido, consta di nu
merosi piani di cellule corneificate, ossia di cellule morte costituite pressoché
interamente di cheratina; questa è una scleroproteina che, all’ esame ultrastrut
turale, si presenta sotto forma di fibrille strettamente addensate: i filamenti di
cheratina, il cui materiale costitutivo deriva dai tonofìlamenti già presenti
nelle cellule dello strato germinativo. T ali cellule corneificate sono notevol
mente appiattite; nei piani profondi dello strato corneo esse sono ancora con
giunte fra di loro dai desmosomi, verso la superfìcie invece si staccano, formando
lo strato disgiunto, poi sfaldano e cadono.

F igura 1.3. D erma visto dalla sua superfìcie esterna, dopo asporta zione dell’ epidermide.
72 1 • T E G UM E N T O

stelo del pelo-

fossetta del pelo


epidermide-

derma-

radice del pelo ghiandola


sebace a

follicolo pilifero-
-m. erettore
del pelo

guaina epidermica
del follicolo pilifero
bulbo del pelo-

papilla del pelo- -guaina dermica del


follicolo pilifero

F igura 1.4. P elo e follicolo pilifero, se zionati longitudinalmente.

D erma
Il derma è una robusta lamina di connettivo, resistente e compatta. La sua
superfìcie esterna (fìg. 1.3), in rapporto con l ’ epidermide, è irregolare per la
presenz a di minuti rilievi conici: le papille dermiche, e di rilievi longitudinali:
le creste dermiche. La sua faccia profonda è in rapporto con la tela sottocu
tane a.
Il derma consta di connettivo denso, nel quale si intrecciano robusti fasci
di fibre collagene; è ricco anche di fibre elastiche.

P eli
I peli sono forma zioni corne e dell’ epidermide, filiformi e flessibili, che sono
distribuite su tutta la superfìcie del corpo, fatta ecce zione per le facce palmari
delle mani e per quelle plantari dei piedi e per alcune altre zone limitate, come
1 • T E G UM E N T O 73

F igura 1.5. F ollicolo pilifero e radice del pelo, se zionati longitudinalmente.

le estremità distali delle dita, i cape z zoli delle mammelle, il prepuzio ed il glande,
il clitoride, le piccole labbra e la faccia mediale delle grandi labbra. Più sviluppati
in alcune parti del corpo come sulla testa, dove formano i capelli, le ciglia, le
sopracciglia, i baffi e la barba, e sul pube, in altre parti del corpo invece i peli
sono esilissimi e quasi incolori, costituendo la peluria.
La lunghe z z a dei peli è varia, infatti da pochi millimetri, come nella pelu
ria, può giungere ad un metro e più nei capelli della donna; anche il loro dia
metro è diverso, andando da pochi centesimi di millimetro nella peluria fino
ad un terzo di millimetro nella barba. Mutevole è poi il colore dei peli, che può
essere nero, bruno, castagno, rosso, biondo, o anche bianco negli albini e nei
vecchi.
Ciascun pelo (fìg. 1.4) consta di due parti: la radice del pelo, che è nascosta
dentro la cute, essendo accolta in una piccola depressione cutane a a fondo cieco,
chiamata follicolo pilifero; lo stelo del pelo (o fusto del pelo), che sporge libero
sulla cute. L ’ estremità iniziale del pelo è il bulbo del pelo; questo è lievemente
rigonfiato e, mediante una sua piccola depressione centrale, si impianta sulla
papilla del pelo, che è una papilla dermica di forma clavata facente sporgenz a
nel fondo cieco del follicolo pilifero. L ’ estremità distale del pelo è libera e as
sottigliata; essa è detta apice del pelo.

Struttura del pelo. Il pelo è costituito nella sua parte centrale, della midolla;
perifericamente a questa, della corteccia; superficialmente infine, dell’ epidermi-
cola (o cuticola) (fig. 1.5). La differenz a strutturale fra la radice del pelo e lo
stelo consiste fondamentalmente nel fatto che, mentre nella prima prevalgono
le cellule epiteliali nucle ate e quindi ancora vitali, nel secondo le cellule sono
in gran parte in via di corneifica zione o già corneificate.
La midolla del pelo consta di cellule poliedriche, poverissime di melanina,
che sono sovrapposte a pila di monete: sono le cellule midollari; queste, rigon-
74 1 T E G UM E N T O

fìe in corrispondenz a della radice del pelo, vanno via via corneifìcando e dis
seccandosi in dire zione dell’ apice del pelo. La corteccia del pelo, nella parte
bassa della radice del pelo, è formata di più strati concentrici di cellule sferoi
dali nucle ate; queste cellule, andando in dire zione dello stelo del pelo, corneifi-
cano e si trasformano nei fusi del pelo (o fibre del pelo), che sono allungati
secondo la lunghe z z a del pelo, sovrapposti in più strati concentrici ed ingranati
fra di loro mediante l ’incastrarsi di creste longitudinali della loro superfìcie,
che sono infine ricchissimi di melanina. L ’ epidermicola del pelo, che nella parte
inferiore della radice del pelo è formata di uno strato di cellule nucle ate, andando
in dire zione dello stelo del pelo si trasforma in un singolo strato di lamelle corne e,
prive di nucleo.
In corrispondenz a del bulbo del pelo, in rapporto con la papilla del pelo, vi sono
cellule batiprismatiche, simili a quelle dello strato basale dell’ epidermide, di cui
molte sono in attività mitotica; esse costituiscono la cosiddetta matrice del pelo,
in quanto provvedono all’ accrescimento del pelo, come anche all’ accrescimento
della guaina epidermica del follicolo pilifero (v. oltre). N el bulbo del pelo vi
sono infine molti melanociti, che cedono i granuli di melanina, specie alle cellule
destinate a formare la corteccia del pelo.

Struttura del follicolo pilifero. Il follicolo pilifero è una sorta di piccolo sacchet
to che accoglie la radice del pelo e nel quale sboccano una o più ghiandole seba
cee; esso è posto nello spessore della cute, ma frequentemente si affonda anche
nella tela sottocutane a. Il follicolo pilifero ha un fondo cieco, nel quale si solleva
la papilla del pelo; più sopra, esso si restringe nel cosiddetto collo del follicolo
pilifero; infine, subito prima dello sbocco delle ghiandole sebace e, si dilata ad
imbuto, formando la fossetta del pelo, che si apre poi sulla superfìcie della cute.
La parete del follicolo pilifero (fìg. 1.4) consta di due parti: l ’ una interna,
chiamata guaina epidermica del follicolo pilifero, che rappresenta una introfles
sione dell’ epidermide nel derma; l ’ altra esterna, detta guaina dermica del folli
colo pilifero, che è una differenzia zione del derma attorno alla guaina epider
mica del follicolo pilifero.
La guaina epidermica del follicolo pilifero (fìg. 1.5), nella parte superiore
del follicolo pilifero, ha la struttura dell’ epidermide, sia pure assottigliata. Al di
sotto del collo del follicolo pilifero, essa si differenzia in due parti: l ’ una esterna,
detta epidermide del follicolo pilifero, che è la prosecuzione dello strato germina
tivo dell’ epidermide e ne mantiene i caratteri; l ’ altra interna, chiamata guaina
della radice del pelo, che è formata, dall’ esterno all’interno, dello strato del H enle,
di 1 o 2 piani di cellule appiattite con il nucleo atrofico, dello strato del Huxley,
con 2 o 3 piani di cellule globose, e della cuticola della guaina, un singolo strato
di cellule lamellari corneificate che è a contatto con la radice del pelo.
La guaina dermica del follicolo pilifero consta di fascetti stipati di fibre col
lagene, di cui gli interni sono prevalentemente circolari e gli esterni longitudinali.
Essa, sollevandosi in corrispondenz a del fondo cieco del follicolo pilifero, forma
la papilla del pelo, che è ricca di vasi sanguiferi e di termina zioni nervose.
Al follicolo pilifero, oltre alle ghiandole sebace e, sono annessi i muscoli
erettori dei peli (fìg. 1.4); ciascuno di questi consta di un fascetto di fìbrocellule
muscolari lisce, che si diparte dalla superficie del derma e, affondandosi obli
quamente nel derma medesimo, abbraccia la ghiandola sebace a e si inserisce
infine sulla guaina dermica del follicolo pilifero. I muscoli erettori dei peli, con
tra endosi, proiettano in fuori i follicoli piliferi, raddriz z ando i peli e dando co-
1 • T E G UM E N T O 75

corpo eponichio
dell'unghia

corpo
dell’ unghia

lunula
strato
epidermico
vallo
del letto
ungue ale
ungue ale

eponichio

radice dell’ unghia

strato dermico del letto ungue ale

F igura 1.6 (a sinistra). Unghia, vista dalla sua faccia superficiale.


F igura 1.7 (a destra). P arte prossimale dell’ unghia con il letto ungue ale, se zionata longitudinalmente.,

sì quel fenomeno conosciuto comunemente con il nome di pelle d ’ oca; nello


stesso tempo spremono le ghiandole sebace e, determinando il passaggio del sebo
nella fossetta del pelo.

Unghie
Le unghie (fìg. 1.6) sono forma zioni corne e dell’ epidermide, di forma lamina
re, che sono applicate alla metà distale della faccia dorsale delle falangi ungue ali
delle mani e dei piedi.
Ciascuna unghia presenta una faccia superficiale, convessa trasversalmente,
una faccia profonda, concava trasversalmente, e quattro margini, arroton
dati. La faccia superficiale, nel suo quarto prossimale, è ricoperta da una piega
cutane a, il vallo ungue ale, e corrisponde alla così detta radice dell’ unghia;
nei suoi tre quarti distali, corrispondenti al corpo dell’ unghia, è libera ed ha
un colorito roseo, mostrando però in posizione prossimale un ’ are a semilunare
più chiara, denominata lunula. La faccia profonda riposa, aderendovi stretta-
mente, su una forma zione epidermico-dermica: il letto ungue ale, che riproduce
la forma dell’ unghia e che in profondità aderisce al periostio della falange un
gue ale. D ei quattro margini, quello prossimale, detto margine occulto, è nascosto
dal vallo ungue ale; quello distale, chiamato margine libero, sporge libero sul lato
dorsale del polpastrello, da cui è separato dal solco sottoungue ale; i due margini
laterali sono in gran parte nascosti dalle estremità del vallo ungue ale che si prolun
gano distalmente.

Struttura dell'unghia. L ’unghia (fig. 1.7) è formata di moltissimi strati sovrap


posti di cellule corne e, le quali sono strettamente congiunte fra di loro e sono
76 1 • T E G UM E N T O

tanto più appiattite quanto più sono prossime alla faccia superficiale dell’ un
ghia stessa.

Struttura del letto ungue ale. Il letto ungue ale (fig. 1.7) consta, in superfìcie,
dello strato epidermico e, in profondità, dello strato dermico. Lo strato epi
dermico, che è in rapporto con la faccia profonda dell’ unghia, ha la stessa strut
tura dello strato germinativo dell’ epidermide; tale strato epidermico è particolar
mente sviluppato al di sotto della radice dell’ unghia, dove prende il nome di
strato onicogeno, il quale rappresenta la matrice ungue ale poiché le sue cellule
sono in attività mitotica e provvedono all’ accrescimento dell’ unghia. Lo strato
dermico ha la struttura del derma; in superfìcie, esso è irto di papille dermiche,
mentre in profondità si confonde con il periostio della falange ungue ale.

Struttura del vallo ungue ale. Il vallo ungue ale (fig. 1.7) ha la struttura di una
piega cutane a. L ’ epidermide che lo riveste presenta, lungo il bordo libero del
vallo ungue ale stesso, un ispessimento del suo strato corneo: l ’ eponichio; pas
sando poi in profondità, l ’ epidermide perde il suo strato corneo e, mediante il
suo strato germinativo, passa al di sotto del margine occulto dell’ unghia per con
tinuarsi con lo strato onicogeno del letto ungue ale.

G hiandole sudoripare
Le ghiandole sudoripare (fig. 1.8) sono ghiandole cutane e di tipo glomeru-
lare; sono cioè ghiandole tubulari semplici, nella quali l ’ estremità distale del
tubulo si avvolge su se stessa, formando il glomerulo, mentre il tratto iniziale
del tubulo stesso costituisce il condotto escretore; questo si apre sulla superfìcie
della cute con il poro sudorifero. Le ghiandole sudoripare sono accolte nello
spessore della cute, addentrandosi frequentemente con il loro glomerulo anche
nella tela sottocutane a.
Le ghiandole sudoripare sono distinte in ghiandole sudoripare eccrine e
ghiandole sudoripare apocrine.

G hiandole sudoripare eccrine. Le ghiandole sudoripare eccrine sono deputate


alla secre zione del sudore e sono, tra le ghiandole sudoripare, quelle di gran lunga
più diffuse, essendo in numero di circa 2.000.000; mancano infatti solo in al
cune zone circoscritte della cute, come sul margine libero delle labbra, sul glan
de e sul prepuzio, sulle piccole labbra e sulla faccia mediale delle grandi labbra.
Il tubulo che forma il glomerulo della ghiandola, e che ne rappresenta la
parte secernente, è rivestito internamente dell’ epitelio ghiandolare; questo è
costituito di un singolo strato di cellule batiprismatiche, di cui alcune sono
cellule chiare, deputate ad elaborare la componente idro-salina del sudore, e altre
sono cellule scure, aventi secre zione mucoide. E sternamente all’ epitelio ghian
dolare, il tubulo del glomerulo è formato di uno strato di cellule mio-epiteliali,
disposte longitudinalmente, che appoggiano su una membrana basale.
Il condotto escretore della ghiandola è tappe z z ato internamente di due
strati di cellule epiteliali isoprismatiche; quelle dello strato più interno sono
fornite in superfìcie di un orletto striato, formato di microvilli, in quanto
esse sono deputate al riassorbimento di elettroliti, per cui il sudore risulta es
sere ipotonico rispetto al plasma sanguigno. E sternamente all’ epitelio, vi è una
membrana basale e poi una sottile lamina propria, connettiva.
1 • T E G UM E N T O 77

F igura 1.8. G hiandola sudoripara.

G hiandole sudoripare apocrine. Le ghiandole sudoripare apocrine sono caratte


riz z ate dal fatto che le cellule dell’ epitelio ghiandolare del glomerulo hanno la
loro estremità apicale di aspetto cupoliforme, in quanto essa fa da ricettacolo
al secreto e poi si stacca per cadere nel lume.
Sono ghiandole sudoripare apocrine: le ghiandole ascellari, proprie del tegu
mento della cavità ascellare; le ghiandole sudoripare areolari dell’ areola delle
mammelle; le ghiandole della regione pubica; le ghiandole circumanali, proprie
della cute che circonda l ’ ano. Tutte queste ghiandole sono in rela zione con
l ’ attività sessuale, essendo influenz ate dagli ormoni elaborati dalle gonadi.
Sono inoltre ghiandole sudoripare apocrine; le ghiandole ciliari (o ghiandole
del Moli), poste lungo i margini delle palpebre, tra le ciglia; le ghiandole ceru-
minose, che sono situate nella cute del me ato acustico esterno ed elaborano
il cerume.

G hiandole sebace e
Le ghiandole sebacee (fìg. 1.9), deputate alla secre zione del sebo cutaneo, sono
sparse su tutta la cute, fatta ecce zione per le palme delle mani e per le piante dei pie-
78 1 T E G UM E N T O

di. Sono generalmente annesse ai follicoli piliferi, tranne che in alcune zone,
come il prepuzio e le piccole labbra, dove esse sono indipendenti.
Le ghiandole sebace e sono ghiandole alveolari composte, più raramente
semplici; hanno un corpo ed un condotto escretore.
Il corpo delle ghiandole sebace e è formato di un numero vario di alveoli,
che si aprono all’ estremità profonda del condotto escretore. La parete di cia
scun alveolo è costituita di numerosi strati di cellule epiteliali, di cui quelle dello
strato basale sono in attività mitotica, mentre quelle degli strati soprastanti si
riempiono via via di gocce di sebo, fino a disgregarsi entro il lume dell’ alveolo.
E sternamente all’ epitelio vi è una membrana basale e poi una sottile lamina pro
pria di tessuto connettivo.
Il condotto escretore delle ghiandole sebace e è rivestito di più strati di cellule
epiteliali appiattite.

Mammelle
Le mammelle, destra e sinistra, sono organi posti simmetricamente sulle fac
ce antero-laterali del torace; appartengono interamente al tegumento, in quanto
ciascuna di esse è costituita, in superfìcie, della cute e, in profondità, della ghian
dola mammaria, che è accolta nella tela sottocutane a. Le mammelle sono depu
tate alla secre zione del latte; rudimentali pertanto nel maschio, esse hanno il loro
completo sviluppo nella femmina dopo la pubertà.

Mammelle femminili
Le mammelle femminili, dopo la pubertà, si estendono dalla III alla VI costa,
essendo separate fra di loro da una depressione mediana, chiamata seno. C iascuna
1 -T E G UM E N T O 79

di esse ha la forma di una calotta emisferica e mostra al centro una zona circolare,
pigmentata: l' areola; da questa si solleva una sporgenz a conoide: il cape z zolo,
il cui apice è attraversato da 15 - 20 forellini, che sono i pori lattiferi.
La ghiandola mammaria, che occupa la profondità dello strato superficiale
della tela sottocutane a, è un corpo discoidale. La sua faccia anteriore è alquanto
irregolare, per la presenz a di depressioni che contengono lobi di tessuto adiposo
e nelle quali si attaccano le così dette creste fibrose della mammella; queste sono
retinacoli della tela sottocutane a che si portano alla faccia profonda del der
ma. La sua faccia posteriore, liscia, appoggia sulla fascia superficiale della tela
sottocutane a.

Struttura della ghiandola mammaria. La ghiandola mammaria (fig. 1.10) è


una ghiandola alveolare composta. E ssa consta di 15-20 lobi ghiandolari, che
sono disposti radialmente attorno al cape z zolo; ogni lobo ghiandolare è formato
a sua volta di un certo numero di lobuli, ognuno dei quali risulta costituito di
numerosi alveoli.
C iascun alveolo, quando la ghiandola mammaria è a riposo, consta di uno
strato di cellule epiteliali batiprismatiche, che appoggiano su uno strato di cel
lule mio-epiteliali, chiamate cellule a canestro; esternamente a queste vi è una
membrana basale e poi una lamina propria di tessuto connettivo. Durante l ’ allat
tamento, le cellule epiteliali dell’ alveolo aumentano di volume e di alte z z a, per
ché nel loro segmento distale si raccolgono granuli e gocciole di grasso; tale loro
segmento distale si disgrega poi nel lume dell’ alveolo, costituendo i corpuscoli
del latte, mentre il segmento basale della cellula, conservatosi con il nucleo,

tela sottocutane a

cape z zolo

areola-

condotti lattiferi ghiandolari

F igura 1.10. Lobi ghiandolari e condotti lattiferi della ghiandola mammaria femminile destra.
80 1• T E G UM E N T O

ricostruisce l ’ intera cellula, pronta a riprendere il nuovo ciclo funzionale.


Ciascun alveolo mette capo ad un condottino alveolare, rivestito di uno strato
di cellule epiteliali batiprismatiche o isoprismatiche. I condotti alveolari di uno
stesso lobulo della ghiandola mammaria convergono fra di loro a formare un
condotto lobulare, che è rivestito di due strati di cellule epiteliali. Infine, i con
dotti lobulari di uno stesso lobo della ghiandola mammaria si riuniscono fra di
loro e costituiscono un condotto lobare, detto anche condotto lattifero (o con
dotto galattoforo), che va ad aprirsi sull’ apice del cape z zolo con un poro latti
fero; il condotto lobare è rivestito di un epitelio a due strati, che si fa poi plu-
ristratifìcato in vicinanz a del poro lattifero.

Muscolo areolo-papillare. Il muscolo areolo-papillare consta di fascetti di fì-


brocellule muscolari lisce, che sono disposti, parte radialmente e parte circolar
mente, entro la cute dell’ areola e del cape z zolo della mammella. E sso, contra en
dosi, determina il restringimento e l ’ allungamento, ossia l ’ ere zione, del cape z zolo,
come avviene per via riflessa nel succhiamento e nel titillamento.

Mammelle maschili
Le mammelle maschili sono rudimentali, essendo praticamente limitate alla
sola areola e al cape z zolo. In profondità si trova una ghiandola mammaria atro
fica, mentre discretamente sviluppato è il muscolo areolo-papillare.

1.2. T E LA S O T T O C U T A N E A

La tela sottocutane a (o connettivo sottocutaneo) è uno strato di tessuto


connettivo, generalmente ricco di adipe, che è interposto fra la cute e la fascia
comune del corpo; il suo spessore è mutevole nelle diverse parti del corpo in rap
porto alla diversa distribuzione dell’ adipe. La tela sottocutane a permette lo
scorrimento della cute sui piani sottostanti.
Strutturalmente, la tela sottocutane a consta della sovrapposizione di tre
strati: superficiale, intermedio sprofondo (fìg. 1.11).

F igura 1.11. T ela sottocutane a, se zionata perpendicolarmente.


1 • T E G UM E N T O 81

Lo strato superficiale è, tra gli strati della tela sottocutane a, quello mag
giormente sviluppato; esso manca solo nel pene e nello scroto. Lo strato super
ficiale della tela sottocutane a è percorso da trabecole fibrose, dette retinacoli,
che si estendono dalla superfìcie profonda del derma allo strato intermedio
della tela sottocutane a o, dove questo manca, allo strato profondo della tela sot
tocutane a stessa; tali retinacoli circoscrivono maglie, entro cui sono posti lobi
di adipe, a loro volta suddivisi in lobuli da sottili setti interlobulari di tessuto
connettivo.
Lo strato intermedio della tela sottocutane a è bene evidente nella testa, nel
collo, nel tronco e alle radici degli arti. E sso è normalmente costituito di una
lamina di connettivo denso, detta fascia superficiale; questa in alcune zone della
testa e del collo è sostituita dalle fibre muscolari striate dei muscoli pellicciai,
mentre nel pene, nello scroto e nelle piccole labbra è sostituita dalle fibrocellule
muscolari lisce del dartos.
Lo strato profondo della tela sottocutane a è formato di delicate trabecole
connettive, alquanto lasse, che si estendono dalla fascia superficiale della tela
sottocutane a alla fascia comune del corpo, circoscrivendo maglie entro cui pos
sono trovarsi alcuni piccoli lobuli di adipe, però sempre scarsi. A tale strato pro
fondo della tela sottocutane a si deve fondamentalmente lo scorrimento del te
gumento sugli strati sottostanti.
2
OSSA

Le ossa, unitamente alle articola zioni che le collegano fra loro, formano lo
scheletro. Q uesto rappresenta l ’ apparato di sostegno del corpo, attorno cui
è plasmata la forma del corpo medesimo; assolve poi ad una funzione di prote
zione per alcuni organi, delimitando, o contribuendo a delimitare, le cavità depu
tate ad accoglierli (ad es: la cavità del cranio, il canale vertebrale, la cavità toracica,
ecc.); dà infine attacco ai muscoli e pertanto partecipa passivamente ai movimenti.
Le ossa presenti nello scheletro sono numerose, alcune pari e simmetriche,
altre invece impari e mediane; il loro numero complessivo non è però facile a
stabilirsi. Alcune ossa infatti, primitivamente distinte, nel corso della vita si fon
dono poi fra di loro in un segmento scheletrico unico; al contrario, parti di uno
stesso osso che dovrebbero, a sviluppo definitivo, saldarsi fra di loro, possono
rimanere distinte. C omunque, le ossa dello scheletro sono in media 203, escluse
le ossa sesamoide e, che si sviluppano nello spessore dei tendini, e le ossa suturali
(od ossa wormiane), che sono intercalate tra le ossa della volta del cranio.
Le ossa hanno forme diversissime; tuttavia esse, da un punto di vista generale,
vengono distinte in ossa corte, ossa lunghe e ossa piatte.
Le ossa corte sono caratteriz z ate dall’ avere la lunghe z z a, la larghe z z a e lo spes
sore grosso modo uguali; ne sono esempi le vertebre, le ossa del carpo e quelle
del tarso. In se zione, esse appaiono costituite di tessuto osseo spugnoso, delimita
to perifericamente da uno strato di tessuto osseo compatto.
Le ossa lunghe hanno la lunghe z z a che prevale nettamente sulla larghe z z a e
sullo spessore; esse risultano di una parte centrale, detta corpo o diafisi, e di due
estremità, più espanse, che sono chiamate anche epifisi. Le ossa lunghe sono
presenti soprattutto negli arti, ne sono infatti tipici esempi l ’ omero, il femore,
ecc. Strutturalmente, il corpo di un osso lungo è formato di tessuto osseo com
patto ed è scavato al centro dal canale midollare, che lo percorre assialmente
e contiene midollo osseo; le estremità di un osso lungo sono invece formate di
tessuto osseo spugnoso, con alla periferia uno strato di tessuto osseo compatto.
Le ossa piatte sono caratteriz z ate dal fatto che il loro spessore è di molto
inferiore rispetto alla lunghe z z a e alla larghe z z a. N e sono esempi le ossa della volta
del cranio, la scapola, ecc. Esse sono formate di due lamine di tessuto osseo com
patto, con interposto uno strato di tessuto osseo spugnoso; nelle ossa del cranio
tali due lamine di tessuto osseo compatto sono dette tavolati, rispettivamente
esterno ed interno, mentre lo strato di tessuto osseo spugnoso prende il nome di
diploe.
Le ossa sono rivestite del periostio, lamina connettivale in seno alla quale
decorrono i vasi ed i nervi dell’ osso medesimo. Il periostio manca in corrispon-
84 2• O S S A

denz a delle superfìci articolari, dove in sua vece si trova uno strato di cartilagine
generalmente ialina.

2.1. O S S A D E L T R O N C O
C ostituiscono le ossa del tronco: le vertebre, lo sterno, le coste.

V ertebre
Le vertebre sono ossa corte che, disposte in serie l ’ una al di sopra dell’ altra,
formano lungo la parte mediana, posteriore, del tronco, una lunga asta flessibile:
la colonna vertebrale, la quale rappresenta l ’ asse di sostegno del corpo. Le vertebre
sono in numero di 32-34 e sono distinte in: 7 vertebre cervicali, 12 vertebre to
raciche (o vertebre dorsali), 5 vertebre lombari, 5 vertebre sacrali, 3-5 vertebre
coccige e.
Le vertebre cervicali, toraciche e lombari sono segmenti scheletrici indipendenti
e sono dette pertanto vertebre libere. Le vertebre sacrali sono invece fuse assieme
a formare l ’ osso sacro; così anche le vertebre coccige e sono più o meno saldate
fra loro a costituire il coccige.

V ertebre libere
O gni vertebra (fig. 2.1) risulta costituita fondamentalmente: del corpo,
posto in avanti; delle due lamine, destra e sinistra, situate posteriormente e che,
saldate fra loro, formano l ’ arco; delle due radici (o peduncoli), destra e sinistra,
che si dipartono latero-posteriormente dal corpo e collegano questo alle lamine.
Il corpo, in avanti, l ’ arco, in addietro, e le due radici, sui lati, delimitano il foro
vertebrale; i fori vertebrali delle successive vertebre, alline ati longitudinalmente

processo spinoso

lamina

faccetta articolare
processo trasverso per il tubercolo
della costa

foro vertebrale-

radice

processo articolare
superiore
corpo

F igura 2.1. V ertebra toracica, vista superiormente.


2 • OSSA 85

nella colonna vertebrale, circoscrivono il canale vertebrale (o speco vertebrale},


che accoglie il midollo spinale.
Il corpo della vertebra ha grosso modo la forma di un cilindro ed offre per
tanto a considerare due facce, superiore ed inferiore, ed una circonferenz a; questa
ultima posteriormente, dove il corpo della vertebra delimita il foro vertebrale,
è appiattita od anche incavata.
Le lamine della vertebra si presentano appiattite, più sviluppate in alte z z a
che non in spessore. Le due lamine, dopo essersi unite fra loro per costituire
l ’ arco della vertebra, fuse tra loro proseguono in addietro, formando il processo
spinoso.
O ltre agli elementi costitutivi fondamentali, che sono quelli ora ricordati e
che delimitano il foro vertebrale, altre forma zioni completano la vertebra; esse
sono: i processi trasversi, i processi articolari superiori e i processi articolari in
feriori.
I processi trasversi, sono due rilievi ossei, destro e sinistro, che si portano
trasversalmente in fuori, dipartendosi dal contorno laterale di impianto delle
radici sulle lamine. I processi articolari superiori, destro e sinistro, si staccano
dal punto di saldatura superiore delle radici con le lamine; essi sono diretti verso
l ’ alto e presentano alla loro estremità una superfìcie articolare pianeggiante che
serve per l ’ articola zione coi processi articolari inferiori della vertebra soprastante.
I processi articolari inferiori, destro e sinistro, si dipartono, diretti verso il basso,
dal punto di giunzione tra le radici e le lamine; anch’ essi offrono a considerare
in corrispondenz a della loro estremità libera una superficie articolare, che è de
stinata alla giunzione coi processi articolari superiori della vertebra sottostante.
Le vertebre, pure risultando tutte costituite fondamentalmente delle parti ora
descritte, presentano secondo i tratti della colonna vertebrale caratteristiche
proprie, che le diversificano tra di loro.

V ertebre cervicali. Le vertebre cervicali (fig. 2.2), le quali per dimensioni so


no inferiori alle altre vertebre libere, hanno il corpo di forma grosso modo qua
drangolare, col diametro trasverso nettamente prevalente su quello antero-poste-
riore. H anno il foro vertebrale di forma triangolare a base anteriore. H anno poi
l’ apofisi spinosa alquanto breve, che termina biforcata.
I processi trasversi delle vertebre cervicali sono perforati in senso verticale da

corpo
tubercolo anteriore

tubercolo posteriore

foro trasversario
processo articolare
superiore

foro vertebrale

lamina-

processo spinoso

F igura 2.2. V ertebra cervicale, vista superiormente.


86 2 • OSSA

tubercolo anteriore faccetta articolare


per l’ arco anteriore
arco anteriore faccetta articolare dell’ atlante
per il dente dell’ epistrofeo
foro trasversario trasverso

massa laterale
processo articolare
arco posteriore superiore

tubercolo posteriore

F igura 2.3 (a sinistra). Atlante, visto superiormente.


F igura 2.4 (a destra). E pistrofeo, visto anteriormente.

un foro, chiamato foro trasversario, che è deputato al passaggio dei vasi vertebrali.
C iascun processo trasverso termina poi con due tubercoli, l ’ uno anteriore e l ’ altro
posteriore. I processi articolari superiori delle vertebre cervicali sono rivolti
verso l ’ alto e un po ’ in addietro; i processi articolari inferiori si dirigono in basso
e un poco in avanti.
Fra le vertebre cervicali alcune si differenziano dalle altre per caratteri parti
colari. Esse sono: la I, la II e la VII.
La I vertebra cervicale, chiamata atlante, (fig. 2.3) manca del corpo che e
sostituito da un arco, detto arco anteriore. E ssa risulta pertanto formata di tale arco
anteriore e dell’ arco posteriore, congiunti tra loro, sui due lati, da una massa
osse a, detta massa laterale. L ’ arco anteriore dell’ atlante mostra in avanti il tu
bercolo anteriore e posteriormente, che guarda il foro vertebrale, la faccetta arti
colare per il dente dell’ epistrofeo. L ’ arco posteriore dell’ atlante, contrariamente
all’ arco delle altre vertebre, manca in addietro del processo spinoso, che è sosti
tuito invece dal tubercolo posteriore. La massa laterale presenta: rivolto in alto,
il processo articolare superiore per l ’ articola zione con il condilo dell’ osso occipi
tale; rivolto verso il basso, il processo articolare inferiore per l ’ articola zione con
il processo articolare superiore della II vertebra cervicale; di lato, il processo tra
sverso, che è perforato dal foro trasversario.
La li vertebra cervicale, chiamata epistrofeo (od asse), (fig. 2.4) è caratte
riz z ata dal fatto che, sull’ estremità superiore del suo corpo, è impiantato un rilie
vo di forma grosso modo cilindrica, a punta smussa, che prende il nome di dente.
T ale rilievo osseo corrisponde, da un punto di vista filogenetico, al corpo del
l ’ atlante che si è fuso con il corpo dell’ epistrofeo. Il dente dell’ epistrofeo mostra
anteriormente la faccetta articolare per l’ arco anteriore dell’ atlante; esso rappre
senta l ’ asse attorno cui ruota l ’ atlante nei movimenti di lateralità della testa.
La VII vertebra cervicale è caratteriz z ata dal possedere ì ’ apofisi spinosa mol
to sporgente e non bifida, per cui la vertebra medesima prende il nome di
vertebra prominente.
2 - OSSA 87

faccetta costale processo articolare processo processo articolare corpo


superiore costiforme superiore

processo
trasverso

processo spinoso

processo articolare inferiore

F igura 2.5 (a sinistra). I vertebra toracica, vista dal lato sinistro.


F igura 2.6 (a destra). V ertebra lombare, vista dal lato destro.

V ertebre toraciche. Le vertebre toraciche (fig. 2.5) hanno il corpo all’ incirca
tanto largo quanto spesso; esso presenta sui lati, poco al davanti dell’ impianto
delle radici, le superfìci articolari per le teste delle coste. T ali superfici articolari
sono rappresentate: per la I vertebra toracica, da una faccetta costale completa
e, al disotto di questa, da una semifaccetta costale; per tutte le vertebre tora
ciche, dalla II alla IX, da due semifaccette costali, l ’ una superiore e l ’ altra inferio
re; per la X vertebra toracica, da una sola semifaccetta costale situata superior
mente; per la XI e la XII vertebra toracica, da una singola faccetta costale com
pleta.
Il foro vertebrale delle vertebre toraciche è di forma pressoché circolare.
Il processo spinoso delle vertebre toraciche è molto lungo e rivolto verso
il basso. I processi trasversi, ad ecce zione di quelli della XI e della XII, presen
tano alla loro estremità la faccetta articolare per il tubercolo della costa di nu
mero corrispondente. I processi articolari superiori sono rivolti verso l ’ addie-
tro, mentre i processi articolari inferiori guardano in avanti.

V ertebre lombari. Le vertebre lombari (fig. 2.6) sono caratteriz z ate dall’ ave
re il corpo molto voluminoso, ed il foro vertebrale di forma triangolare. Il loro
processo spinoso, quadrangolare, è diretto oriz zontalmente in addietro. I loro
processi trasversi infine sono sostituiti dai cosiddetti processi costiformi, che
sono rudimenti di coste saldatisi alla vertebra; il residuo dell’ antico processo tra
sverso è riscontrabile invece, sulla faccia posteriore di ciascun processo costi
forme, sotto forma di un piccolo rilievo che ha il nome di processo accessorio.
I processi articolari superiori hanno la faccetta articolare incavata e rivolta medial-
mente; i processi articolari inferiori hanno invece la faccetta articolare convessa
e rivolta lateralmente.

D a quanto si è detto, risulta quindi che le vertebre cervicali sono distingui


bili da tutte le altre perché presentano i processi trasversi percorsi dai fori trasver-
88 2• O S S A

F igura 2.7. O sso sacro, visto dalla sua faccia anteriore.

sari; che le vertebre toraciche sono riconoscibili per la presenz a, sui lati del loro
corpo, delle faccette o semifaccette costali; che le vertebre lombari infine sono
contraddistinte dall’ assenz a sia dei fori trasversari che delle faccette o semifac
cette costali.

O sso sacro
L ’ osso sacro è formato, come si è detto, della fusione delle cinque vertebre
sacrali. Poiché queste vertebre vanno diminuendo di grande z z a dall’ alto verso
il basso, ne risulta che l ’ osso medesimo nell’ insieme può essere paragonato ad
una piramide quadrangolare capovolta, con la faccia anteriore e la faccia po
steriore più estese e le facce laterali più ristrette, con la base superiore e l ’ apice
* inferiore.
La faccia anteriore dell’ osso sacro (fìg. 2.7) è incavata; essa presenta quattro
creste ossee trasversali, che corrispondono ai punti di saldatura dei corpi verte
brali. All’ estremità di tali creste ossee notansi, da ciascun lato, quattro fori dispo
sti l ’ uno sopra l ’ altro: sono i fori sacrali anteriori, i quali sono deputati al pas
saggio dei rami anteriori dei nervi sacrali.
La faccia posteriore dell’ osso sacro (fig. 2.8) è convessa ed appare alquanto
accidentata per la presenz a di numerosi rilievi e depressioni ad andamento verti
cale. Si osserva infatti una serie longitudinale di rilievi lungo la line a mediana,
che costituisce la cresta sacrale media e che è determinata dalla fusione dei pro
cessi spinosi delle vertebre sacrali. D a ciascun lato della cresta sacrale media si
estende una docciatura verticale, che corrisponde alle lamine vertebrali saldate
tra di loro. S egue lateralmente la cresta sacrale mediale, risultante dalla fusione
dei processi articolari superiori con quelli inferiori. Procedendo verso l ’ esterno,
2 -O S S A 89

si vedono poi i quattro fori sacrali posteriori, distribuiti anche essi l ’ uno sopra
l ’ altro e che servono per il passaggio dei rami posteriori dei nervi sacrali. Si trova
infine all’ estremità laterale la cresta sacrale laterale, determinata dalle salda
ture dei processi trasversi.
Le due facce laterali dell’ osso sacro presentano ciascuna, nella sua parte
più alta, un ’ ampia superfìcie arcuata a concavità posteriore, la quale è detta
superficie auricolare e serve per l ’ articola zione con l ’ osso dell’ anca. Dietro a
tale superfìcie auricolare vi è una depressione attraversata da molti fori vascolari:
la fossa cribrosa. Inferiormente, la faccia laterale dell’ osso sacro si va assotti
gliando e si trasforma in una cresta.
La base dell’ osso sacro presenta in avanti la faccia superiore del corpo della
I vertebra sacrale; dietro a questa mostra un orifìzio triangolare, che è l' orifizio supe
riore del canale sacrale. Ai lati di tale orifìzio vi sono i processi articolari superiori
della I vertebra sacrale, deputati all’ articola zione con i processi articolari infe
riori della V vertebra lombare. La base dell’ osso sacro presenta infine, da cia
scun lato del corpo della I vertebra sacrale, un ’ ampia superficie triangolare ad api
ce mediale, levigata e convessa, che prende il nome di ala del sacro.
L' apice dell’ osso sacro mostra in avanti una faccetta ellittica, ad asse mag
giore trasversale, che corrisponde alla faccia inferiore del corpo della V vertebra
sacrale e serve per l ’ articola zione con il coccige. Dietro si apre l' orifizio inferiore
del canale sacrale. Ai lati di questo orifìzio trovansi due rilievi, chiamati coma
del sacro, che rappresentano i processi articolari inferiori della V vertebra sacrale
e sono destinati ad articolarsi con le corna del coccige.
L ’ osso sacro è percorso longitudinalmente dal canale sacrale, che risulta dal
la somma dei fori vertebrali delle singole vertebre sacrali fuse tra di loro. Di forma
triangolare a base anteriore nella sua parte più alta, il canale sacrale verso il bas
so va restringendosi e si fa appiattito.

processo articolare
superiore della
canale sacrale
I vertebra sacrale

fossa cribrosa

superficie
auricolare

foro sacrale
posteriore

corno del sacro

F igura 2.8. O sso sacro, visto dalla sua faccia posteriore.


90 2 • OSSA

C occige
Il coccige (fig. 2.9) è formato della fusione delle vertebre coccige e, le quali
sono peraltro rudimentali; di esse infatti solo la I presenta ancora la parvenz a
di una vertebra, le altre sono invece ridotte al solo corpo.
C onsiderato nel suo insieme, il coccige appare di forma piramidale, con base
superiore ed apice inferiore. La sua base è costituita della faccia superiore della
I vertebra coccige a che si articola con la faccia inferiore della V vertebra sacrale.
Ai lati di questa superfìcie articolare si sollevano verso l ’ alto due rilievi, chiamati
coma del coccige, che corrispondono ai processi articolari superiori della I verte
bra coccige a. Ancora sui lati si dipartono, diretti in fuori, due rudimenti di proces
si trasversi.
L ’ apice del coccige è rappresentato dal corpo dell’ ultima vertebra coccige a,
che appare come un piccolo globulo osseo.

C olonna vertebrale
C onsiderata nel suo insieme, la colonna vertebrale (fig. 2.10) appare come
un lungo stelo osseo con alcune curve, che sono particolarmente accentuate nel
piano sagittale. V eduta infatti di profilo, la colonna vertebrale appare convessa
in avanti in corrispondenz a della sua porzione cervicale: lordosi cervicale; si mo
stra poi concava in avanti nella sua porzione toracica: cifosi toracica; diviene an
cora convessa in avanti nella porzione lombare: lordosi lombare; torna infine a
farsi concava in avanti nella porzione sacro-coccige a: cifosi sacro-coccige a.
N el piano frontale la colonna vertebrale presenta, nella parte più alta della
sua zona toracica, una lieve concavità aperta a sinistra: è la scoliosi fisiologica,
determinata dal contatto con l ’ arco dell’ aorta.
La colonna vertebrale, tranne che nella sua porzione sacro-coccige a, mostra da
ciascun lato i fori intervertebrali (o fori di coniuga zione), alline ati in serie longi
tudinale e compresi ciascuno fra le radici di due vertebre contigue; attraverso ad
essi i nervi spinali fuoriescono dal canale midollare. In corrispondenz a dell’ osso
sacro, i fori intervertebrali sono sostituiti dai fori sacrali anteriori e posteriori.

Sterno
Lo sterno (fig. 2.11) è un osso piatto, situato nella parte anteriore e mediana
del torace, essendo interposto tra le prime sette paia di cartilagini costali. H a for
ma allungata; esso mostra a considerare due facce, anteriore e posteriore, separate
da due margini laterali e da un margine superiore, mentre inferiormente termina
appuntato.
Lo sterno risalta costituito di tre segmenti ossei sovrapposti, che dall’ al
to in basso sono: il manubrio, il corpo ed il processo xifoideo. T ali tre parti
dello sterno sono fra loro articolate per l ’ interposizione di cartilagine, oppure
possono essere anche fra loro saldate da strati ossei.
Il manubrio, che è la porzione dello sterno più espansa, presenta lungo il suo
contorno superiore (corrispondente al margine superiore dello sterno) una inci-
sura, che è detta incisura giugulare. D a ciascun lato di questa si osserva la superfi
cie articolare per la clavicola, subito sotto alla quale trovasi la superficie articolare
per la I cartilagine costale.
Il manubrio si articola con il corpo dello sterno, formando un angolo sporgen
te in avanti: l ’ angolo sternale (del Louis). Ai lati dell’ angolo sternale si trovano,
2• O S S A 91

del coccige vertebre


cervicali
corpo della
I vertebra coccige a

irtcisura vertebre
giugulare toraciche

superficie articolare
per la

---- manubrio
articolare
per la
( cartilagine
costale

vertebre
corpo
lombari

processo xifoideo
osso sacro

coccige

F igura 2.9 (in alto, a sinistra). C occige, visto anteriormente.


F igura 2.10 (a destra). C olonna vertebrale, vista dal lato sinistro.
F igura 2.11 (in basso, a sinistra). Sterno, visto dalla sua faccia anteriore.
92 2 • OSSA

sterno

cartilagini costali

Figura 2.12. C oste in loco nella gabbia toracica, viste anteriormente.

sui margini laterali dello sterno, le faccette articolari per il II paio delle cartila
gini costali.
Il corpo dello sterno presenta una serie di line e osse e trasversali, le quali
rappresentano le saldature dei primitivi segmenti dei quali risulta formato lo ster
no medesimo. Alla estremità di ciascuna di tali line e osse e si vedono, lungo i
margini laterali dello sterno, le superfici articolari per le cartilagini costali, dal
III al VII paio.
Il processo xifoideo è appuntato. Molte volte esso si mantiene cartilagineo;
talora infine si presenta bifido, oppure mostra un foro nel me z zo.

C oste
Le coste (fìg. 2.1 2j sono in numero di dodici paia. E sse si articolano poste
riormente con le vertebre toraciche ed in avanti con lo sterno; fanno ecce zione
le ultime due paia di coste: le coste fluttuanti, che non raggiungono lo sterno.
La giunzione delle coste con lo sterno non avviene direttamente, ma tramite
l ’ interposizione di un segmento di cartilagine che continua la forma della costa
e che è detto cartilagine costale. Le prime sette coste sono fornite ciascuna di
una propria cartilagine costale che raggiunge lo sterno; esse sono dette coste
sternali (o coste vere). L ’ VIII, la IX e la X costa raggiungono lo sterno non di
rettamente con la loro cartilagine costale, ma tramite la fusione di quest’ ultima
2 OSSA 93

F igura 2.13. A, costa destra, vista dalla sua faccia mediale; B, costa sinistra, vista dalla sua faccia
laterale.

con la cartilagine della VII costa; sono dette pertanto coste astemali (o coste
spurie).
Le coste appaiono come lunghi nastri ossei incurvati con concavità mediale.
Sono apparentemente ossa lunghe, essendo la loro lunghe z z a di gran lunga supe
riore alle altre due dimensioni; in re altà, per la loro costituzione interna, sono da
considerarsi ossa piatte.
Ciascuna costa (fìg. 2.13) offre a considerare una estremità posteriore, un
corpo ed una estremità anteriore.
L ’ estremità posteriore della costa presenta, in senso medio-laterale: la testa,
il collo ed il tubercolo. La testa è una modesta entumescenz a e su di essa si os
servano le due semifaccette articolari per i corpi delle vertebre toraciche, l ’ una su
periore e l ’ altra inferiore, che sono oblique e sono separate da una piccola cresta
ossea oriz zontale; fanno ecce zione la I, l ’ XI e la XII costa che hanno sulla testa
una faccetta articolare completa. Il collo è una zona ristretta che fa seguito alla
testa. Il tubercolo, che segue al collo, è rivolto posteriormente ed è fornito di
una faccetta articolare per l ’ articola zione coll’ apice del processo trasverso della
vertebra toracica di numero corrispondente; il tubercolo manca nella XI e nella
XII costa.
Il corpo della costa è appiattito e presenta una faccia laterale, convessa, ed una
faccia mediale, concava; mostra inoltre due margini: uno superiore, smusso, ed
uno inferiore, percorso da una doccia che è deputata ad accogliere il nervo e i
vasi intercostali. Il corpo della I costa, contrariamente a quello di tutte le altre,
presenta invece una faccia superiore ed una faccia inferiore e pertanto un margine
mediale, concavo, ed un margine laterale,' convesso; la sua faccia superiore presen
ta poi, circa a metà, un rilievo chiamato tubercolo dello scaleno anteriore (o tu
bercolo del Lisfranc), che dà attacco al muscolo scaleno anteriore; davanti a tale
tubercolo si trova il solco della vena succlavia e dietro è scavato il solco dell’ ar
teria succlavia.
L ’ estremità anteriore della costa è un poco incavata; essa si congiunge con la
rispettiva cartilagine costale.
Le coste, nel portarsi dalla colonna vertebrale allo sterno, decorrono dapprima
94 2 • O SSA

medio-lateralmente; poi, un poco oltre il tubercolo, piegano bruscamente in avan


ti, formando l ’ angoto costale, per proseguire poi verso l ’ avanti e medialmente.
L ’ ampia curva che le coste cosi descrivono, per cui la loro faccia laterale risulta
essere convessa e la mediale concava, è chiamata curva d ’ avvolgimento.
Altra curvatura presentata dalle coste è la cosiddetta curva sui margini, per cui
il loro margine superiore è concavo nel tratto posteriore e convesso in quello
anteriore, e viceversa il loro margine inferiore .>
Un ’ ultima curvatura delle coste è la curva di torsione, per la quale l ’ estremità
posteriore della costa è come ruotata in fuori e in alto, mentre l ’ estremità anterio
re è ruotata in dentro e in basso.

G abbia toracica
La gabbia toracica (fig. 2.12) è costituita posteriormente dalle vertebre to
raciche, in avanti dallo sterno, sui lati dalle coste con le cartilagini costali.
L ’ apertura superiore della gabbia toracica è costituita: in dietro dal corpo della

osso frontale

osso parietale

sfenoide

sfenoide osso temporale

osso nasale- etmoide

osso zigomatico conca nasale


inferiore

osso mascellare-

mandibola

F igura 2.14. Cranio, visto anteriormente.


2 - O SSA 95

F igura 2.15. Cranio, visto dal lato sinistro.

I vertebra toracica; sui lati dal I paio di coste; in avanti dalla incisura giugulare
dello sterno.
L' apertura inferiore della gabbia toracica è data in addietro dalla XII verte
bra toracica; in avanti è delimitata dal processo xifoideo dello sterno; da cia
scun lato, procedendo dall’ indietro in avanti, è formata dalla XII costa, poi
dall’ XI, indi dalla X costa ed infine dalla cartilagine comune che congiunge le
coste asternali alla VII cartilagine costale.

2.2. O S S A D E LLA T E S T A
Le ossa della testa costituiscono il cranio (figg. 2.14 e 2.15). Esse si distin
guono in ossa del neurocranio e ossa dello splancnocranio, di cui le prime deli
mitano la cavità del cranio, deputata ad accogliere l ’ encefalo, le seconde formano
invece lo scheletro della faccia.

O ssa del neurocranio


Le ossa del neurocranio sono: l ’ osso frontale, l' etmoide, lo sfenoide e l ’ osso
occipitale, che sono impari, l ’ osso parietale e l ’ osso temporale, che sono pari.
96 2 OSSA

squama

bozza frontale

line a temporale
arcata sopracciliare-
arcata orbitale
incisura sopraorbitale
zigomatico
processo
spina nasale

F igura 2.16. O sso frontale, visto anteriormente.

fossetta trocle are- incisura sopraorbitale


fossa lacrimale
orbitale
processo zigomatico-

doccia per il canale lamina orbitale


etmoidale anteriore

incisura.etmoidale
per il canale
etmoidale posteriore

F igura 2.17. O sso frontale, visto inferiormente.

Osso frontale
L ’ osso frontale (fìgg. 2.16 e 2.17) è un osso piatto, impari e mediano,
e chiude anteriormente la cavità del cranio. E sso risulta costituito: di una por
zione superiore, convessa anteriormente, che è la squama; di una porzione in
feriore, grosso modo oriz zontale, che è la parte naso-orbitale.
La squama dell’ osso frontale offre a considerare una faccia esocranica ed una
faccia endocranica.
La faccia esocranica della squama dell’ osso frontale, convessa, presenta
centralmente un ’ ampia superfìcie liscia, detta faccia frontale, nella quale si os
servano due rilievi arrotondati, simmetrici, che sono le boz z e frontali; al di sotto
di queste si trovano, uno per lato, i rilievi delle due arcate sopracciliari. La faccia
esocranica della squama presenta poi, da ciascun lato, una superfìcie pianeggiante
rivolta lateralmente: è la faccia temporale, che è divisa dalla faccia frontale me
diante la line a temporale, diretta in alto e in addietro.
2 -O S S A 97

La faccia endocranica della squama dell’ osso frontale, concava, presenta lungo
la line a mediana la doccia sagittale, determinata dal seno sagittale superiore
della dura madre; tale doccia si trasforma inferiormente nella cresta frontale,
alla cui estremità inferiore si trova il foro cieco.
La parte naso-orbitale dell’ osso frontale si diparte dal contorno inferiore
della squama e si porta in addietro. La sua parte centrale, o parte nasale, pre
senta nel me z zo Vincisura etmoidale, cui si adatta la lamina oriz zontale del
l ’ etmoide. Il contorno di tale incisura è ricco di piccole escava zioni che si so
vrappongono a cellule etmoidali incomplete dei due labirinti etmoidali, comple
tandole; si osservano anche, da ciascun lato, due piccole docce trasversali, una
anteriore e l ’ altra posteriore, che affrontandosi alle due corrispondenti docce
della faccia superiore del labirinto etmoidale, danno luogo ai canali etmoi
dali anteriore e posteriore per il passaggio rispettivamente del nervo etmoi
dale anteriore e del nervo etmoidale posteriore. Al davanti dell’incisura
etmoidale vi è un rilievo appuntato: la spina nasale, ai cui lati vi sono gli orifìzi
dei due seni frontali, cavità più o meno sviluppate che sono scavate nella parte
antero-inferiore della squama dell’ osso frontale.
Ai lati della parte nasale, la parte naso-orbitale dell’ osso frontale è costi
tuita delle due lamine orbitali, destra e sinistra. Ciascuna lamina orbitale pre
senta una faccia endocranica, superiore, che è un poco convessa e presenta im
pronte determinate dall’ emisfero cerebrale, ed una faccia orbitale, infe
riore, che forma la parete superiore della cavità orbitale. T ale faccia orbi
tale, che è concava, appare particolarmente depressa nella sua parte latera
le, dove costituisce la fossa lacrimale, deputata ad accogliere la ghiandola omoni
ma; presenta poi medialmente una modesta depressione: la fossetta trocle are,
che dà attacco alla trocle a, ossia all’ anello fibrocartilagineo attraversato dal
tendine del muscolo obliquo superiore dell’ occhio.
L ’ osso frontale presenta tre margini: superiore, infero-anteriore e infero
posteriore.
Il margine superiore dell’ osso frontale, pertinente alla squama, è dentellato
e si articola con gli ossi parietali, con i quali forma la sutura coronale. Inferior
mente, esso trapassa, da ciascun lato, nei margini infero-anteriore e infero-poste
riore mediante una superfìcie rugosa triangolare, che si articola con la grande
ala dello sfenoide.
Il margine infero-anteriore dell’ osso frontale, corrispondente alla line a di
unione della squama con la parte naso-orbitale, mostra le due arcate orbitali,
destra e sinistra. Ciascuna arcata orbitale presenta ì ’incisura sopraorbitale, per il
passaggio del nervo omonimo; termina medialmente con il processo mascellare,
che si articola con l ’ osso mascellare, e lateralmente con il processo zigomatico,
che si articola con l ’ osso zigomatico.
Il margine infero-posteriore dell’ osso frontale è dato dai contorni posteriori
delle due lamine orbitali, che si articolano con le piccole ali dello sfenoide.

E tmoide
L ’ etmoide (fìgg. 2.18 e 2.19) è un osso impari e mediano che prende par
te alla costituzione della base del cranio, e che inoltre partecipa alla forma
zione delle fosse nasali e delle cavità orbitali. E ’ un osso fragile e leggero; è co
stituito di due lamine ossee, l ’ una verticale e l ’ altra oriz zontale, che si interse
cano perpendicolarmente fra di loro, inoltre dei due labirinti etmoidali (o masse
98 2• O S S A

F igura 2.18. E tmoide, visto posteriormente.

F igura 2.19. E tmoide, visto superiormente.

laterali), pari e simmetrici, che sono sospesi l ’ uno per lato alle due estremità
laterali della lamina oriz zontale.
La lamina verticale offre a considerare: una porzione soprastante all’ inter
se zione della lamina oriz zontale, che fa sporgenz a nella cavità del cranio ed è
detta crista galli; una porzione sottostante a detta interse zione, che è chiamata
lamina perpendicolare, che si articola inferiormente con il vomere e prende
parte alla costituzione del setto nasale interposto fra le due fosse nasali.
La lamina oriz zontale , suddivisa in due metà simmetriche dall’interse zione del
la lamina verticale, è perforata in ciascuna metà da molteplici forellini, deputati al
passaggio dei filamenti del nervo olfattivo; essa prende pertanto il nome di lamina
cribrosa.
C iascun labirinto etmoidale ha grosso modo forma di parallelepipedo, ad
2 -O S S A 99

asse maggiore sagittale; presenta a considerare le seguenti facce. La faccia laterale


è liscia e prende il nome di lamina papirace a; essa partecipa alla costituzione della
parete mediale della cavità orbitale. La faccia mediale, che corrisponde alla parete
laterale della fossa nasale, presenta due sottili lamelle osse e, allungate oriz zon
talmente, che da essa si sollevano e si portano verso il basso, accartocciandosi
su loro stesse: sono la conca nasale superiore e la conca nasale media. La faccia
superiore presenta una serie di cellule etmoidali incomplete, che vengono chiuse
dalla sovrapposizione del contorno dell’incisura etmoidale dell’ osso frontale.
La faccia inferiore, che si articola con l ’ osso mascellare, presenta il processo
uncinato, sottile e lunga lamella che si porta in basso e in addietro fino a rag
giungere la conca nasale inferiore. La faccia anteriore è in rapporto con il pro
cesso frontale dell’ osso mascellare. La faccia posteriore si articola con il corpo
dello sfenoide.
Il labirinto etmoidale contiene all’ interno una serie di cavità intercomuni
canti: sono le cellule etmoidali, le quali si aprono nella corrispondente fossa
nasale.

Sfenoide
Lo sfenoide (figg. 2.20, 2.21 e 2.22) è un osso impari, situato nella base
del cranio. E ’ costituito di una parte centrale, di forma grosso modo cubica,
che è detta corpo, e di una serie di processi pari e simmetrici: le grandi ali, le
piccole ali ed i processi pterigoidei, i quali si staccano dal corpo medesimo.
Il corpo dello sfenoide presenta sei facce: superiore, anteriore, inferiore,
posteriore e due laterali.
La faccia superiore del corpo dello sfenoide è rivolta verso la cavità del cranio;
essa mostra al centro una depressione, chiamata sella turcica, che è deputata
ad accogliere l ’ ipofisi. Al davanti della sella turcica si trova il solco del chiasma,
alle cui estremità si apre, da ciascun lato, il foro ottico, che immette nella cavità
orbitale e dà passaggio al nervo ottico e all’ arteria oftalmica. Posteriormente alla

processo clinoideo anteriore foro ottico solco del chiasma

grande ala

piccola ala
foro rotondo
fessura orbitale
superiore solco carotico

foro ovale
foro spinoso

processo clinoideo quadrilatera

F igura 2.20. Sfenoide, visto superiormente.


100 2• O S S A

grande ala orbitale


superiore

cresta foro rotondo


infratemporale

conca sfenoidale- canale pterigoide

uncino pterigoideo---------- pterigoideo

F igura 2.21. Sfenoide, visto anteriormente.

sella turcica si trova la lamina quadrilatera, che termina, da ciascun lato, con una
piccola prominenz a, chiamata apofisi clinoide a posteriore.
La faccia anteriore del corpo dello sfenoide corrisponde alla parte posteriore
della volta delle fosse nasali; sui lati è poi in rapporto con i labirinti etmoidali.
Essa presenta lungo la line a mediana una cresta verticale, cresta anteriore dello
sfenoide, che in basso si unisce alla cresta presente sulla faccia inferiore, formando
il rostro sfenoidale, che si articola con il vomere. Ai lati mostra gli orifizi che
immettono nei seni sfenoidali, che sono due cavità scavate nel corpo medesimo e
comunicanti ognuna con la corrispondente fossa nasale; ciascuno di tali orifìzi è
chiuso nella sua parte inferiore, essendovi infatti applicata al davanti una lami
netta ossea, chiamata conca sfenoidale (o ossicino del B ertin).
La faccia posteriore del corpo dello sfenoide è saldata nell’ adulto alla faccia
anteriore del corpo dell’ osso occipitale.
La faccia inferiore del corpo dello sfenoide presenta una cresta sagittale
mediana, che si congiunge in avanti con la cresta della faccia anteriore per formare
il rostro sfenoidale.
Ciascuna faccia laterale del corpo dello sfenoide dà impianto alla grande
ala, il confine con la quale è segnato, entro la cavità del cranio, da una doccia
sagittale chiamata solco carotico, perché vi corrisponde l ’ arteria carotide interna.
La grande ala dello sfenoide è un robusto processo diretto in fuori. Essa
offre a considerare tre facce: superiore, che è endocranica; antero-mediale, che
prende parte alla costituzione della parete laterale della cavità orbitale: laterale,
la quale, a partire dal suo impianto sul corpo dello sfenoide, è dapprima diretta
oriz zontalmente in fuori e rivolta verso la fossa infratemporale, piega poi verso
l ’ alto e guarda la fossa temporale. Il confine tra la parte oriz zontale e quella
ascendente della faccia laterale della grande ala dello sfenoide è segnato da una
cresta oriz zontale, che è detta cresta infratemporale.
La grande ala dello sfenoide presenta quattro margini: anteriore, che si ar-
2• O S S A 101

lamina quadrilatera processo clinoideo posteriore

grande ala

fessura orbitale foro rotondo

lamina pterigoide a canale pterigoideo

lamina pterigoide a mediale- -fossa pterigoide a

uncino pterigoideo- spina tubarica

F igura 2.22. Sfenoide, visto posteriormente.

ticola coll’ osso zigomatico; superiore, che si raccorda coll’ osso parietale;posterio
re, che si articola colla squama dell’ osso temporale; inferiore, che è in rapporto
con la piramide dell’ osso temporale.
N ella grande ala dello sfenoide sono scavati tre fori che, procedendo dall’ avan-
ti all’ indietro ed in senso medio-laterale, sono: il foro rotondo, che dà passaggio
al nervo mascellare del trigemino; il foro ovale, che è attraversato dal nervo
mandibolare del trigemino; il foro spinoso che è così chiamato perché scavato
nella spina dello sfenoide, corrispondente alla estremità postero-laterale della
grande ala, e che è percorso dal nervo spinoso (ramo del nervo mandibolare)
e dall’ arteria meninge a media.
La piccola ala dello sfenoide è una lamina di forma triangolare molto allunga
ta, a base mediale, che si stacca dalla faccia superiore del corpo, a lato del solco
del chiasma, e che si porta in fuori, terminando appuntata. D alla base della pic
cola ala si diparte, diretto verso l ’ addietro, un rilievo che è il processo clinoideo
anteriore.
Tra la grande ala e la piccola ala dello sfenoide si trova una lunga fessura
oriz zontale: la fessura orbitale superiore; essa fa comunicare la cavità del cranio
con la cavità orbitale. P er tale fessura passano il nervo oftalmico del trigemino
ed i nervi oculomotore, trocle are e abducente, inoltre la vena oftalmica superiore.
Il processo pterigoideo dello sfenoide muove dalla parte laterale della faccia
inferiore del corpo ed è diretto verso d basso. E sso risulta costituito di due la
mine, la lamina pterigoide a laterale e la lamina pterigoide a mediale, le quali
sono fra loro congiunte lungo i loro margini anteriori, mentre divaricano poste
riormente, dove delimitano la fossa pterigoide a. La lamina pterigoide a mediale
presenta, lungo il suo margine posteriore, la spina tubarica, sulla quale appoggia
la cartilagine della tuba uditiva; termina _poi inferiormente con l ’ uncino pteri
goideo.
In corrispondenz a della base del processo pterigoideo, dove questo si im-
102 2 • OSSA

squama protuberanz a
occipitale esterna
line a nucale superiore

line a nucale inferiore- cresta occipitale


esterna

canale condiloideo
posteriore

processo giugulare condilo

corpo tubercolo faringeo

F igura 2.23. Osso occipitale, visto dalla sua faccia esocranica.

pianta sul corpo dello sfenoide, è scavato un canale diretto sagittalmente: è il


canale pterigoideo (o canale vidiano), attraverso il quale passano il nervo ed i
vasi omonimi.

Osso occipitale
L ’ osso occipitale (fìgg. 2.23 e 2.24) è un osso piatto, impari e mediano,
che chiude infero-posteriormente la cavità del cranio.
E sso consta di quattro p arti distribuite attorno ad un grande foro: il foro oc
cipitale, il quale è deputato al passaggio del midollo allungato. La parte antistan
te al foro occipitale prende il nome di corpo (o parte basilare) dell’ osso occipita
le. Le porzioni laterali al foro sono dette parti laterali (o parti condiloide e).
La parte retrostante infine è chiamata squama ed è quella di gran lunga più svi
luppata.
Il corpo dell’ osso occipitale si articola in avanti col corpo dello sfenoide, col
quale si fonde dopo il 16° anno di età. N ella sua faccia esocranica, mostra un
rilievo mediano, che è il tubercolo faringeo, e al davanti di questo una depressione,
detta fossetta faringe a. La sua faccia endocranica, unita a quella del corpo dello
sfenoide, forma il clivo.
C iascuna parte laterale d ell’ osso occipitale mostra, sulla sua faccia esocranica,
il condilo per l ’ articola zione con l ’ atlante ; al davanti del condilo si trova una fos
setta entro cui si apre l ’ orifizio esterno del canale condiloideo anteriore, deputato
al passaggio del nervo ipoglosso. Posteriormente al condilo si trova un ’ altra fos-
2 • O SSA 103

solco sagittale squama

fossa cerebrale -protuberanz a


occipitale interna
solco laterale

fossa cerebellare cresta occipitale


interna

canale condiloideo processo giugulare


anteriore

corpo

F igura 2.24. O sso occipitale, visto dalla sua faccia endocranica.

setta nel cui fondo si apre il canale condiloideo posteriore, che dà passaggio ad
una vena. N ella sua faccia endocranica, presenta gli orifizi interni dei due canali
ora ricordati.
La squama dell’ osso occipitale è simile ad una conchiglia ed ha grosso modo
forma losangica; essa offre a considerare una faccia esocranica e una. faccia endo
cranica.
La faccia esocranica della squama è convessa e mostra grosso modo al centro
una rilevate z z a, chiamata protuberanz a occipitale esterna; questa prosegue infe
riormente nella cresta occipitale esterna. D a ciascun lato della protuberanz a
occipitale esterna si diparte, diretta in fuori e arcuata inferiormente, la line a
nucale superiore. Inferiormente a quest’ ultima si trova un ’ altra line a, la quale
si diparte dalla cresta occipitale esterna e si dirige in fuori: è la line a nucale in
feriore.
La faccia endocranica della squama presenta al centro la protuberanz a occi
pitale interna. D a questa se ne parte, diretto verso l ’ alto, un rilievo percorso da
una doccia: il solco sagittale, che è deputato ad accogliere il seno sagittale supe
riore della dura madre; inferiormente si diparte verso il foro occipitale un rilievo
a forma di cresta: la cresta occipitale interna; da ciascun lato infine muove un al
tro rilievo percorso da una solcatura: il solco trasverso (o solco laterale), destina
to ad accogliere il seno trasverso (o seno laterale) della dura madre. T ali rilie vi
che irradiano dalla protuberanz a occipitale interna costituiscono nell’ insieme
[' eminenz a crociata, la quale delimita, sulla faccia endocranica della squama me
desima, quattro depressioni; di queste le superiori prendono il nome di fosse cere-
104 2 • OSSA

line a temporale
inferiore

F igura 2.25. O sso parietale destro, visto dalla sua faccia esocranica.

solchi per l ’ arteria


meninge a media

F igura 2.26. O sso frontale destro, visto dalla sua faccia endocranica.
2 OSSA 105

brali, perché in rapporto con i poli occipitali degli emisferi cerebrali, le inferiori
invece il nome di fosse cerebellari, perché a contatto con gli emisferi del cer
velletto.
L ’ osso occipitale ha quattro margini, due superiori e due inferiori. I margini
superiori, destro e sinistro, sono dentellati e sono diretti dall’ alto in basso e di
lato; ciascuno di essi si articola col corrispondente osso parietale, formando la
sutura lambdoide a. I margini inferiori sono diretti invece dall’indietro in avanti
e in senso latero-mediale; ciascuno di essi presenta, circa a metà, un rilievo che
si porta in fuori: è il processo giugulare, che divide la parte posteriore, destinata
ad articolarsi col processo mastoideo dell’ osso temporale, da quella anteriore,
che è retrostante alla piramide dell’ osso temporale, con la quale delimita il foro
giugulare (o foro lacero posteriore).

Osso parietale
L ’ osso parietale (fìgg. 2.25 e 2.26) è pari e simmetrico ed è classificabile
tra le ossa piatte. H a grosso modo forma quadrangolare; è concavo all’ interno e
convesso all’ esterno. E sso presenta a considerare una faccia esocranica ed una
faccia endocranica; inoltre quattro margini: superiore, inferiore, anteriore e
posteriore.
La faccia esocranica dell’ osso parietale è convessa e mostra, circa a metà, un
rilievo molto arrotondato, chiamato boz z a parietale. Inferiormente a questa, si
trovano due line e arcuate sovrapposte, concave inferiormente, che sono dette
rispettivamente line a temporale superiore e line a temporale inferiore; la prima
dà inserzione alla fascia temporale, la seconda al contorno superiore del muscolo
temporale. Al disotto della line a temporale inferiore si estende il piano temporale,
che pure dà attacco al muscolo temporale. La faccia esocranica presenta infine,
in prossimità della sua estremità supero-posteriore, un forame, chiamato foro pa
rietale, che è destinato al passaggio di una vena.
La faccia endocranica dell’ osso parietale, concava, presenta una serie di solchi
che vanno ramificando dal basso verso l ’ alto e l ’ indietro; essi sono destinati ad
accogliere i rami dell’ arteria meninge a media. Mostra infine, in vicinanz a del con
torno superiore, un emisolco destinato ad accogliere il seno sagittale superiore
della dura madre e, a lato di esso, una serie di fossette deputate a contenere le
granula zioni aracnoidali (del P acchioni).
Il margine anteriore dell’ osso parietale è dentellato e si articola con l ’ osso
frontale nella sutura coronale. Il margine superiore dell’ osso parietale, pure
dentellato, si articola con l ’ osso parietale eterolaterale, formando la sutura
sagittale. Il margine posteriore dell’ osso parietale, anch’ esso dentellato, si arti
cola con l ’ osso occipitale nella sutura lambdoide a. Il margine inferiore dell’ osso
parietale infine è tagliato obliquamente ed è deputato alla articola zione con la
squama dell’ osso temporale, tranne che nel tratto anteriore dove è dentellato
per articolarsi con la grande ala dello sfenoide, ed in quello posteriore, dove
è ancora dentellato per congiungersi con il processo mastoideo dell’ osso tempo
rale.

Osso temporale
L ’ osso temporale (fìgg. 2.27, 2.28 e 2.29) è pari e simmetrico. E sso con
sta di tre parti: la squama, posta superiormente; il processo mastoideo, situato
106 2 • OSSA

squama

processo zigomatico

me ato acustico esterno


-tubercolo zigomatico

processo mastoideo •fossa mandibolare

fessura petro-timpanica

processo stiloideo

F igura 2.27. Osso temporale destro, visto lateralmente.

squama

tegmen timpani -eminenz a arcuata

foro acustico interno------ solco petroso superiore

piramide orifizio dell’ acquedotto


del vestibolo

fossetta petrosa- solco sigmoideo

processo stiloideo processo mastoideo

F igura 2.28. Osso temporale destro, visto medialmente.


2 OSSA 107

squama

processo zigomatico
-piramide

tubercolo articolare foro carotico esterno

fossa mandibolare -fossetta petrosa

fessura petro-timpanica fossa giugulare

orifizio inferiore processo stiloideo


del canale timpanico
foro stilo-rnastoideo

processo mastoideo- solco sigmoideo

solco digastrico

solco dell’ arteria


occipitale

F igura 2.29. O sso temporale destro, visto inferiormente.

posteriormente; la piramide (o rocca petrosa) che, interposta tra le due parti


precedenti, si allunga in dire zione mediale e verso l ’ avanti.
La squama dell’ osso temporale è appiattita ed ha forma grosso modo circola
re; essa offre a considerare una faccia esocranica, una faccia endocranica e una
circonferenz a.
La faccia esocranica della squama è convessa e liscia. D alla sua estremità
inferiore si stacca un lungo rilievo, diretto in avanti, che è detto processo zigoma
tico; esso termina articolandosi con l ’ osso zigomatico, in unione col quale forma
V arcata zigomatica.
Il processo zigomatico origina con due radici. Di queste l ’ una, la radice tra
sversa, è diretta medialmente e prende parte all’ articola zione temporo-man-
dibolare, per cui è detta anche tubercolo articolare (o condilo del temporale);
essa termina lateralmente col tubercolo zigomatico. L ’ altra, la radice longitu
dinale, si porta posteriormente passando sopra al me ato acustico esterno. Tra tali
due radici si trova una profonda escava zione, la fossa mandibolare (o cavità
glenoide a), che una fessura trasversale, la fessura petro-timpanica (o fessura del
Glaser), suddivide in due parti, anteriore e posteriore; di queste, l ’ anteriore si
articola con il condilo della mandibola.
108 2• O S S A

La faccia endocranica della squama presenta alcuni solchi per i rami dell’ ar
teria meninge a media.
La circonferenz a della squama è tagliata di sbieco, per cui offre a considerare
un margine tagliente. Essa si articola in avanti con la grande ala dello sfenoide,
in alto e in addietro coll’ osso parietale.
Il processo mastoideo dell’ osso temporale costituisce la parte infero-posteriore
dell’ osso medesimo, posta dietro al me ato acustico esterno. H a una faccia esocra-
nica ed una faccia endocranica, inoltre una circonferenz a.
La faccia esocranica del processo mastoideo termina inferiormente con una
sporgenz a a convessità inferiore, sulla cui faccia mediale è scavato il solco diga
strico per l ’inserzione del ventre posteriore del muscolo digastrico e, medialmente
al solco digastrico, è tracciato il solco dell’ arteria occipitale.
La faccia endocranica del processo mastoideo è concava e mostra, dove essa
si congiunge alla piramide, il solco sigmoideo, che è destinato ad accogliere il
tratto discendente dal seno trasverso della dura madre.
La circonferenz a libera del processo mastoideo si articola in avanti coll’ osso
parietale, dietro coll’ osso occipitale.
N el processo mastoideo dell’ osso temporale sono scavate le cellule mastoide e,
cavità che comunicano con la cavità del timpano e pertanto contengono aria.
La piramide dell’ osso temporale ha forma di piramide quadrangolare, con
l ’ asse maggiore oriz zontale, diretto latero-medialmente e dall’ indietro in avanti.
Essa offre a considerare una base, un apice, quattro facce e quattro margini.
La base della piramide è rivolta lateralmente; essa è compresa tra la squama,
situata in avanti e in alto, e il processo mastoideo, posto in addietro. Presenta
l’ orifizio del me ato acustico esterno.
L ’ apice della piramide, si adatta nel cranio articolato all’ angolo formato
dall’ impianto della grande ala sul corpo dello sfenoide. Presenta il foro carotico
interno; esso è l ’ orifìzio endocranico del canale carotico, scavato nello spessore
della piramide medesima.
Le facce della piramide sono distinte in: antero-superiore, postero-superiore,
antero-inferiore e postero-inferiore. Le due prime facce sono endocraniche, le
altre due sono invece esocraniche.
La faccia antero-superiore della piramide presenta a considerare, procedendo
in senso latero-mediale: il tegmen tympani, lamina ossea pianeggiante che chiude
superiormente la cavità del timpano; l ’ eminenz a arcuata, sporgenz a determinata
dal canale semicircolare superiore dell’ orecchio interno; l ’impressione del trige
mino, fossetta che si trova in vicinanz a dell’ apice della piramide ed è causata
dal ganglio semilunare (del G asser) del nervo trigemino che vi appoggia. Lateral
mente all’ eminenz a arcuata mostra poi lo iato del canale faciale (o iato del F al
loppiani, che comunica con il canale faciale (o acquedotto del F alloppia ') scavato
nella piramide medesima, e per il quale passa il nervo grande petroso superfi
ciale (ramo del nervo faciale). Subito di lato allo iato del canale faciale si nota
infine l ’ orifizio accessorio dello iato del canale faciale (o orifizio accessorio del
lo iato del F alloppia), che comunica con la cavità del timpano e dà passaggio
al nervo piccolo petroso superficiale, ramo terminale del nervo timpanico (del
Jacobson) del nervo glosso-faringeo.
La faccia postero-superiore della piramide mostra, in senso medio-laterale:
l’ orifizio dell’ acquedotto del vestibolo, che proviene dal vestibolo dell’ orecchio
interno; il foro acustico interno, che immette nel me ato acustico interno e nel
quale penetrano il nervo faciale, il nervo acustico, coi suoi due rami cocle are e
2 • OSSA 109

vestibolare, e l ’ arteria uditiva interna.


Il fondo del me ato acustico interno è suddiviso in quattro are e da due piccole
creste ossee intersecantisi. L ’ are a supero-anteriore presenta l ’ orifizio interno del
canale faciale, dove penetra il nervo faciale; l ’ are a antero-inferiore, corrispondente
alla base del modiolo della chiocciola, è caratteriz z ata da una serie di forami
disposti a spirale che costituiscono il tractus spiralis foraminosus e danno pas
saggio ai rami del nervo cocle are; l ’ are a postero-superiore e l ’ are a postero-inferiore
corrispondono al vestibolo dell’ orecchio interno e presentano piccoli forami che
sono attraversati dai rami del nervo vestibolare. N ella parete posteriore del me ato
acustico interno si osserva il foramen singulare {del Morgagni), che dà passaggio
al nervo ampollare posteriore, ramo del nervo vestibolare.
La faccia antero-inferiore della piramide corrisponde, nei suoi due terzi la
terali, alla fossa mandibolare (o cavità glenoide a) già menzionata, cui si adatta
il condilo della mandibola; medialmente, è in rapporto con la parte cartilagine a
della tuba uditiva.
La faccia postero-inferiore presenta, andando in senso latero-mediale: il foro
stilo-mosto ideo, che rappresenta l ’ orifizio esterno del canale faciale (o acquedotto
del F alloppia), da cui esce il nervo faciale; il processo vaginale nel quale si articola,
ma più frequentemente è saldata, una lunga apofìsi aghiforme, che è detta proces
so stiloideo; la fossa giugulare, profonda cavità che corrisponde alla estremità su
periore della vena giugulare interna; il foro carotico esterno, che immette al canale
carotico. Tra la fossa giugulare ed il foro carotico esterno vi è l ’ orifizio inferiore
del canale timpanico (o canale del Jacobson), entro cui penetra il nervo timpanico
(del Jacobson) del nervo glosso-faringeo per portarsi alla cavità del timpano; subito
dietro vi è la fossetta petrosa, nel cui fondo si apre l ’ acquedotto della chiocciola,
comunicante con la chiocciola dell’ orecchio interno.
I margini della piramide sono distinti in: superiore, inferiore, anteriore e po
steriore.
II margine superiore della piramide, endocranico, divide la faccia antero-
superiore da quella postero-superiore; è percorso dal solco petroso superiore,
che accoglie il seno omonimo della dura madre.
Il margine inferiore della piramide, esocranico, è interposto tra la faccia
antero-inferiore e la faccia postero-inferiore; è tagliente.
Il margine anteriore della piramide, nel suo tratto laterale, è saldato alla
squama; nel suo tratto mediale, libero, presenta il canale muscolo-tubarico, che
un sepimento osseo suddivide poi in due canali sovrapposti, di cui quello supe
riore è il canale del muscolo tensore del timpano, che contiene il muscolo omo
nimo, mentre quello inferiore rappresenta lo scheletro osseo della tuba uditiva.
Il tratto libero del margine anteriore, affrontandosi alla grande ala dello sfe-
noide, delimita con quest’ ultima il/oro lacero (o foro lacero anteriore).
Il margine posteriore della piramide, nel suo tratto laterale ed in quello
mediale, si articola coll’ osso occipitale; nella parte media invece se ne allontana
e delimita coll’ osso occipitale stesso il foro giugulare (o foro lacero posteriore).

C avità del cranio


Le ossa del neurocranio circoscrivono la cavità del cranio. In questa si possono
distinguere una volta ed una base, il chi piano di separa zione passa, in addietro,
per la protuberanz a occipitale interna e, in avanti, per la glabella (punto medio
fra le due creste sopracciliari dell’ osso frontale).
110 2 • O SSA

fori della foro cieco


lamina cribrosa
foro ottico

fessura orbitale superiore

foro rotondo
osso frontale
foro ovale
etmoide
spinoso

orifizio sfenoide
accessorio
dello iato
osso temporale
del canale
faciale -----

iato
del canale
faciale ----

lacero

foro carotico
interno

foro acustico osso parietale


interno
osso occipitale
orifizio
dell’ acquedotto
del vestibolo

giugulare-

orifizio interno
del canale condiloideo anteriore

F igura 2.30. B ase del cranio, vista dall’ interno.

Volta del cranio. La volta del cranio veduta nella sua superfìcie interna, è forte
mente concava. E ssa risulta costituita, in avanti, dalla squama dell’ osso frontale e,
dietro a questa, dai due, ossi parietali; posteriormente, dalla parte superiore della
squama dell’ osso occipitale.
N ella volta del cranio si osservano: la sutura coronale, che decorre trasversai-
2 • OSSA 111

mente, articolando l ’ osso frontale coi due ossi parietali; la sutura sagittale, che
congiunge i due ossi parietali; la sutura lambdoide a, che collega i due ossi parietali
coll’ osso occipitale.
La superficie interna della volta del cranio mostra, lungo la line a mediana, la
cresta frontale. Q uesta si continua, in addietro, nel solco sagittale, che è scavato sui
due ossi parietali e che si prolunga poi sull’ osso occipitale; esso accoglie il seno sa
gittale superiore della dura madre. Ai lati del solco sagittale si trovano numerose fos
sette, più o meno profonde, determinate dalle granula zioni aracnoidali (del P ac
chioni).

Base del cranio. La base del cranio, veduta all’ interno (fìg. 2.30), appare sempre
più scavata via via che si procede dall’ avanti verso l ’ indietro. Si possono distin
guere in essa tre piani, chiamati fosse endocraniche rispettivamente anteriore,
media e posteriore.
1. La fossa endocranica anteriore è limitata: in avanti, dal piano che divide
la volta dalla base del cranio; in addietro, dal solco del chiasma, nella sua parte
mediana, e dal margine posteriore delle piccole ali dello sfenoide, nelle sue parti
laterali.
N ella sua zona mediana, la fossa endocranica anteriore presenta, in avan
ti, il tratto iniziale della cresta frontale dell’ osso frontale, la quale termina
al foro cieco. Dietro quest’ ultimo vi è la cristo galli dell’ etmoide, ai lati della quale
stanno le due metà della lamina cribrosa dell’ etmoide con i fori della lamina
cribrosa, per il passaggio dei filuz zi del nervo olfattivo. Posteriormente all’ etmoide
si trova il giogo sfenoidale, che è una lamina quadrilatera la quale collega le basi
delle piccole ali dello sfenoide. Dietro ancora si trova il solco del chiasma, in
corrispondenz a del quale si apre, da ciascun lato, il foro ottico per il passaggio
del nervo ottico e dell’ arteria oftalmica.
N elle parti laterali, la fossa endocranica anteriore è formata delle lamine
orbitali dell’ osso frontale, in avanti, e delle piccole ali dello sfenoide, in addietro.
2. La fossa endocranica media è delimitata anteriormente dal contorno
posteriore del solco del chiasma e, sui lati, dai margini posteriori delle piccole
ali dello sfenoide. E ’ circoscritta in addietro dal contorno superiore della lamina
quadrilatera dello sfenoide, nella sua zona mediana, e dai margini superiori delle
piramidi dei due ossi temporali, sui lati. E ’ limitata lateralmente dal piano conven
zionale che divide la base dalla volta del cranio.
La fossa endocranica media è formata nella parte centrale dalla sella turcica
dello sfenoide, deputata ad accogliere l ’ ipofisi, ai lati della quale si trova il solco
carotico, corrispondente al seno cavernoso della dura madre con dentro l ’ arteria
carotide interna.
Lateralmente, la fossa endocranica media è costituita della grande ala dello
sfenoide, in avanti, e della faccia antero-superiore della piramide dell’ osso tempo
rale, in addietro. Vi si notano numerosi fori e fessure che, procedendo dall’ avanti
all’ indietro, sono: la fessura orbitale superiore, compresa tra la piccola e la grande
ala dello sfenoide e che dà passaggio ai nervi oculomotore, trocle are, oftalmico
del nervo trigemino e abducente e alla vena oftalmica superiore; il/oro rotondo,
scavato nella grande ala dello sfenoide e attraverso cui passa il nervo mascellare
del nervo trigemino; il/oro ovale, pure della grande ala dello sfenoide, per cui fuo
riesce dal cranio il nervo mandibolare del nervo trigemino; il foro spinoso della
grande ala dello sfenoide, per cui passano l ’ arteria meninge a media dell’ arteria ma
scellare interna ed il nervo spinoso del nervo mandibolare; lo iato del canale facia
112 2 • OSSA

le (o iato del F alloppia) con l ’ orifizio accessorio dello iato del canale faciale (o
orifizio accessorio dello iato del F alloppia), scavati nella piramide dell’ osso tempo
rale e da cui passano rispettivamente il nervo grande petroso superficiale del nervo
faciale ed il nervo piccolo petroso superficiale del nervo timpanico (del Jacobson),
ramo del nervo glosso-faringeo; il foro lacero (o foro lacero anteriore), compreso
fra la grande ala dello sfenoide e la piramide dell’ osso temporale, da cui fuoriesco
no dal cranio i due predetti nervi; il foro carotico interno, scavato nella piramide
dell’ osso temporale, il quale è situato medialmente al foro lacero ed è attraversa
to dall’ arteria carotide interna.
3. La fossa endocranica posteriore è delimitata anteriormente dal margine
superiore della lamina quadrilatera dello sfenoide con ai lati i margini superiori
delle piramidi degli ossi temporali. In addietro è circoscritta dal piano convenzio
nale che delimita la volta dalla base del cranio.
La fossa endocranica posteriore risulta costituita, in avanti, dalla lamina
quadrilatera dello sfenoide e dal clivo dell’ osso occipitale, con ai lati le facce
postero-superiori delle piramidi degli ossi temporali. Posteriormente, è formata
dalle fosse cerebellari della squama dell’ osso occipitale; inoltre, in avanti e in
alto, dalle facce endocraniche dei processi mastoidei degli ossi temporali.
La fossa endocranica posteriore presenta al centro il/oro occipitale, destinato
al passaggio del midollo allungato, nonché delle due arterie vertebrali e dei nervi
accessori spinali. Mostra poi da ciascun lato, scavati nella piramide dell’ osso tem
porale, l ’ orifizio dell’ acquedotto del vestibolo, donde fuoriesce il sacco endo-
linfatico, e più medialmente il foro acustico interno, che immette nel me ato acu-

F igura 2.31. O sso mascellare destro, visto dalla sua faccia laterale.
2 OSSA 113

stico interno e nel quale penetrano il nervo faciale, il nervo acustico e l ’ arteria
uditiva interna. Presenta poi, da ciascun lato del foro occipitale, l ’ orifizio interno
del canale condiloideo anteriore, deputato al passaggio del nervo ipoglosso, e
l ’ orifizio interno del canale condiloideo posteriore (incostante), attraversato da
una vena. Mostra infine, tra la piramide dell’ osso temporale e l ’ osso occipitale,
il foro giugulare (o foro lacero posteriore), in corrispondenz a del quale ha inizio
la vena giugulare interna e passano i nervi glosso-faringeo, vago ed accessorio e
l ’ arteria faringe a ascendente dell’ arteria carotide esterna.

O ssa dello splancnocranio


S ei ossa pari e simmetriche e due ossa impari formano lo splancnocranio,
sono quindi complessivamente quattordici ossa. Le ossa pari sono: l ’ osso ma
scellare, l ’ osso zigomatico, l ’ osso lacrimale, la conca nasale inferiore, l ’ osso nasale
e l ’ osso palatino; le ossa impari sono il vomere e la mandibola. Di tali ossa,
la sola mandibola gode di mobilità.
In aggiunta alle ossa dello splancnocranio, verrà descritto l ’ osso joideo.

Osso mascellare
L ’ osso mascellare (o mascella) (figg. 2.31 e 2.32) è appiattito trasversal
mente. O ffre pertanto a considerare due facce, laterale e mediale, e quattro margi
ni: anteriore, posteriore, superiore e inferiore.

processo frontale

solco lacrimale orifizio del seno mascellare

tuberosità mascellare
semispina nasale anteriore
processo palatino

canale incisivo processo alveolare

F igura 2.32. O sso mascellare destro, visto dalla sua faccia mediale.
114 2 • OSSA

La faccia laterale dell’ osso mascellare è grosso modo convessa ed è rivolta


di lato e in avanti. D a essa si stacca superiormente, nella sua parte di me z zo,
il processo zigomatico, robusta sporgenz a ossea, a forma pressoché di piramide
a base triangolare, con l ’ apice tronco rivolto lateralmente, che si articola col
l ’ osso zigomatico. D elle tre facce del processo zigomatico, quella superiore
corrisponde alla parete inferiore dell’ orbita; essa è percorsa longitudinalmente
dal solco in fraorbitale, entro cui decorrono il nervo ed i vasi infraorbitari e che
si continua in avanti con il canale infraorbitale. La faccia anteriore presenta
il foro infraorbitale, che corrisponde all’ apertura esterna del canale omonimo.
La faccia posteriore infine è foggiata a doccia verticale.
D alla parte supero-mediale della faccia laterale dell’ osso mascellare si solleva
verso l ’ alto il processo frontale, sul quale è segnata la cresta lacrimale anteriore,
diretta verticalmente. E sso va ad articolarsi col processo mascellare dell’ osso
frontale.
La faccia mediale dell’ osso mascellare mostra un voluminoso processo a forma
di lamina disposta oriz zontalmente, che si stacca nella zona di confine tra i suoi
tre quarti superiori ed il quarto inferiore e si porta medialmente; esso è il proces
so palatino, che prende parte, con il suo versante inferiore, alla costituzione
dello scheletro del palato duro e, con il suo versante superiore, alla forma zione
del pavimento della fossa nasale. Il processo palatino ha forma grosso modo di
lamina quadrangolare; il suo margine laterale è impiantato sull’ osso mascellare;
il margine mediale è rugoso e si articola col processo palatino dell’ osso mascel
lare eterolaterale; il margine anteriore si confonde con il margine anteriore dell’ os
so mascellare e prende parte alla costruzione del contorno inferiore dell’ apertura
piriforme della cavità nasale (v. oltre); il margine posteriore, tagliente, si articola
col margine anteriore della lamina oriz zontale dell’ osso palatino. Il processo pa
latino è percorso, subito dietro al dente I incisivo, dal canale incisivo, che col
lega il pavimento della fossa nasale col palato duro.
La faccia mediale dell’ osso mascellare, al disopra dell’ impianto del processo
palatino, mostra ^ orifizio del seno mascellare (o antro del Higmoro), grande
cavità che è scavata entro l ’ osso mascellare medesimo e che è comunicante con la
fossa nasale. T ale orifìzio del seno, che appare ampio nell’ osso mascellare isolato,
nel cranio viene notevolmente ristretto da una serie di ossa che vi si applicano
attorno; queste sono: il labirinto etmoidale superiormente, la conca nasale infe
riore in basso, l ’ osso lacrimale in avanti, la lamina perpendicolare dell’ osso pala
tino posteriormente.
Al davanti dell’ orifìzio del seno mascellare si nota una profonda escava zione
longitudinale, che è il solco lacrimale, destinato ad accogliere il condotto naso
lacrimale.
Il margine anteriore dell’ osso mascellare è tagliente. E sso presenta, dall’ alto
in basso: il margine anteriore del processo frontale, il quale si articola coll’ osso
nasale; Vincisura nasale, concava medialmente, che articolandosi con quella etero
laterale circoscrive V apertura piriforme, che immette alla cavità nasale; la semi
spina nasale anteriore che, articolandosi con quella del lato opposto, forma la
spina nasale anteriore, posta nel punto di me z zo del contorno inferiore dell’ aper
tura piriforme ; infine, il margine anteriore del processo palatino.
Il margine posteriore dell’ osso mascellare è arrotondato e prende il nome di
tuberosità mascellare. N ella sua metà superiore, libera, è liscio; in quella infe
riore, è rugoso e si articola coll’ osso palatino, in unione col quale circoscrive il
2 -O S S A 115

canale palatino maggiore per il passaggio del nervo palatino anteriore.


Il margine superiore dell’ osso mascellare è tagliente e corrisponde al contorno
mediale della parete inferiore dell’ orbita. Esso si articola, dall’ avanti all’ indietro:
coll’ osso lacrimale, con la lamina papirace a dell’ etmoide e con il processo orbi
tale dell’ osso palatino.
Il margine inferiore dell’ osso mascellare è rappresentato dal processo alveolare,
sul quale si impiantano i denti della semiarcata dentale superiore. E sso è carat
teriz z ato dalla presenz a di otto alveoli dentali; questi, verso l ’ avanti risultano esse
re cavità semplici, in addietro sono invece scomposti in cavità secondarie, in rap
porto al numero delle radici possedute dal dente che vi è accolto. G li alveoli den
tali sono separati tra loro da sepimenti ossei, chiamati setti interalveolari. G li
alveoli dentali determinano infine, sulla faccia esterna del processo alveolare, una
serie di rilievi, denominati gioghi alveolari.

Osso zigomatico
L ’ osso zigomatico (od osso malare) (fìgg. 2.33 e 2.34) è collocato nella parte
supero-laterale dello scheletro della faccia.
H a forma grosso modo quadrangolare con una faccia laterale e una faccia
mediale. Presenta inoltre quattro margini: supero-anteriore, concavo anterior
mente, che prende parte alla costituzione dell’ apertura orbitale e dal quale si
stacca, diretto in addietro, il processo orbitale che partecipa alla forma zione
delle pareti inferiore e laterale dell’ orbita; postero-superiore, che è concavo
posteriormente; antero-inferiore, rettilineo, che si articola col processo zigomatico
dell’ osso mascellare; postero-inferiore, che è pressoché rettilineo. Presenta infine
quattro angoli: superiore, che si articola col processo zigomatico dell’ osso fron
tale, posteriore, che si congiunge al processo zigomatico dell’ osso temporale;
anteriore e inferiore, che corrispondono ai due estremi della superfìcie articolare
dell’ osso medesimo con il processo zigomatico dell’ osso mascellare.
All’ interno dell’ osso zigomatico è scavato il canale zigomatico, per il passaggio
del nervo omonimo (ramo del nervo mascellare del trigemino). Esso inizia con
un orifìzio scavato nel processo orbitale e poi, nello spessore dell’ osso, si bifor
ca dando luogo al canalicolo zigomatico-faciale, che si apre sulla faccia laterale
dell’ osso zigomatico, e al canalicolo zigomatico-temporale, che si apre sulla faccia
mediale dell’ osso medesimo.

F igura 2.33 (a sinistra). O sso zigomatico destro, visto dalla sua faccia laterale.
F igura 2.34 (a destra). O sso zigomatico destro, visto dalla sua faccia mediale.
116 2 • OSSA

F igura 2.35 (a sinistra). O ssi nasali, visti anteriormente.


F igura 2.36 (a destra). O sso lacrimale destro, visto dalla sua faccia laterale.

Osso nasale
L ’ osso nasale (fìg. 2.35) è un piccolo osso, grosso modo quadrangolare,
che è posto nella parte supero-mediale della faccia, tra l ’ osso frontale, che gli
sta sopra, il processo frontale dell’ osso mascellare, che gli è posto di lato, e l ’ osso
nasale eterolaterale, col quale esso si articola medialmente. Il suo margine inferio
re è libero e delimita superiormente l ’ apertura piriforme della cavità nasale.
L ’ osso nasale presenta a considerare due facce, di cui [' anteriore è convessa
in senso trasversale, mentre la posteriore trasversalmente è concava; quest’ ultima
faccia guarda la corrispondente fossa nasale.

Osso lacrimale
L ’ osso lacrimale (fìg. 2.36) è un piccolo osso appiattito che si trova nella
parete mediale dell’ orbita, interposto tra il processo frontale dell’ osso mascellare,
che gli sta all’ innanzi, e la lamina papirace a dell’ etmoide, postagli dietro. Esso
presenta a considerare una faccia laterale ed una faccia mediale.
La faccia laterale dell’ osso lacrimale è percorsa longitudinalmente dalla cresta
lacrimale posteriore, la quale prosegue in basso con ['uncino, che si articola coll’ os
so mascellare. Dietro a tale cresta la faccia laterale dell’ osso è pianeggiante e si
continua con la lamina papirace a dell’ etmoide; davanti invece è incavata e forma
la fossetta del sacco lacrimale.
La faccia mediale dell’ osso lacrimale si applica al labirinto etmoidale, chiuden
do le cellule etmoidali della regione.

Osso palatino
L ’ osso palatino (fìg. 2.37) è situato nella profondità dello scheletro della
faccia e prende parte alla costituzione della fossa nasale e del palato duro. E ’
costituito di due lamine, l ’ una perpendicolare e l ’ altra oriz zontale; quest’ ultima
è saldata all’ estremità inferiore della prima, così da formare un angolo retto
aperto medialmente.

«
2 • OSSA 117

processo orbitale

processo sfenoidale incisura sfeno-palatina

cresta concale- lamina perpendicolare

lamina oriz zontale-

processo piramidale

F igura 2.37. O sso palatino destro, visto posteriormente.

La lamina perpendicolare dell’ osso palatino, pressoché quadrangolare, presen


ta una faccia laterale ed una faccia mediale. La faccia laterale è rugosa nella sua
parte anteriore ed in quella posteriore, articolandosi rispettivamente con la faccia
mediale ed il margine posteriore dell’ osso mascellare e con il processo pterigoideo
dello sfenoide; nella parte di me z zo presenta una doccia verticale che, applicando
si all’ osso mascellare, forma il canale palatino maggiore, che contiene il nervo e i vasi
palatini anteriori. La faccia mediale fa parte della parete laterale della fossa nasale ses
sa è percorsa da due creste oriz zontali, l ’ una superiore, che si articola con la conca
nasale media dell’ etmoide e l ’ altra inferiore, detta cresta concale, che si articola
con la conca nasale inferiore.
Il contorno superiore della lamina perpendicolare dell’ osso palatino pre
senta nel me z zo una incisura, l ’incisura sfeno-palatina, che nel cranio articolato
è chiusa superiormente dal corpo dello sfenoide e trasformata pertanto nel foro
sfeno-palatino, per il passaggio dei nervi e vasi omonimi. Al davanti di detta in
cisura si trova il processo orbitale, che prende parte alla costituzione della parete
inferiore dell’ orbita; dietro all’ incisura sfeno-palatina si osserva il processo sfe
noidale, che si articola con la faccia inferiore del corpo dello sfenoide.
La lamina oriz zontale dell’ osso palatino ha anch’ essa forma grosso modo
quadrangolare con una faccia superiore, che costituisce il pavimento della fossa
nasale nella sua parte posteriore, e con una faccia inferiore, che forma la parte
posteriore dello scheletro del palato duro. Essa possiede quattro margini, di cui
il margine anteriore si articola col margine posteriore del processo palatino dell’ os
so mascellare; il margine posteriore è sottile e tagliente e termina medialmente
con un rilievo: la semispina nasale posteriore, che si articola con quella eterola-
terale per formare la spina nasale posteriore; il margine mediale, dentellato, si
articola con la lamina oriz zontale dell’ osso palatino eterolaterale ; il margine
laterale si salda al margine inferiore della lamina perpendicolare.
D allo spigolo risultante dall’ unione della lamina perpendicolare con la lami
na oriz zontale si diparte un rilievo, discretamente voluminoso, che si dirige poste
riormente e di lato: è il processo piramidale. Esso si articola col processo pteri
goideo dello sfenoide, colmando lo spa zio determinato dal divaricarsi delle due
lamine pterigoide e all’ estremità inferiore del processo medesimo.
118 2 • OSSA

processo auricolare processo lacrimale

estremità posteriore estremità anteriore estremità posteriore

F igura 2.38 (a sinistra). C onca nasale inferiore destra, vista dalla sua faccia laterale.
F igura 2.39 (a destra). C onca nasale inferiore destra, vista dalla sua faccia mediale.

C onca nasale inferiore


La conca nasale inferiore (o cornetto inferiore, o turbinato inferiore) (fìgg.
2.38 e 2.39) è una sottile lamella osse a, la quale è applicata alla parete laterale
della fossa nasale. Presenta a considerare due facce, laterale e mediale, due margi
ni, superiore ed inferiore, e due estremità appuntate, anteriore e posteriore.
La faccia laterale della conca nasale inferiore è concava, guarda verso la pa
rete laterale della fossa nasale e delimita con questa il me ato nasale inferiore. La fac
cia mediale della conca nasale inferiore, convessa, è molto rugosa ed è rivolta verso il
setto nasale.
Il margine superiore della conca nasale inferiore si articola con la parete late
rale della fossa nasale; presenta verso Lavanti un rilievo diretto verso l ’ alto, il pro
cesso lacrimale, il quale si articola con il contorno inferiore dell’ osso lacrimale;
mostra poi in addietro il processo auricolare (o processo mascellare) con forma
di lamina, a contorno inferiore convesso, che si dirige in basso parallelamente alla
faccia laterale della conca nasale inferiore medesima e va ad articolarsi con il bordo
inferiore dell’ orifizio del seno mascellare, restringendolo. Il margine inferiore
della conca nasale inferiore è convesso e libero.
L ’ estremità anteriore della conca nasale inferiore si articola coll’ osso mascel
lare. L ' estremità posteriore della conca nasale inferiore si articola con la lamina
perpendicolare dell’ osso palatino.

Vomere
Il vomere (fig. 2.40), osso impari e mediano, prende parte alla costituzione
del setto nasale, che separa tra loro le due fosse nasali. H a la forma di una sottile
lamina quadrilatera, con due facce: destra e sinistra, e quattro margini: superiore,
inferiore, anteriore e posteriore.
Il margine superiore del vomere si articola con la parte inferiore del corpo del
lo sfenoide; esso presenta infatti una doccia longitudinale alla quale si adatta
il rostro dello sfenoide.
Il margine inferiore del vomere si articola con il pavimento della cavità nasale,
adattandosi al solco formato, in avanti, dall’ articolarsi fra loro dei processi palatini
degli ossi mascellari e, in addietro, dall’ articolarsi delle lamine oriz zontali degli
ossi palatini.
2 • OSSA 119

Il margine anteriore del vomere, che è obliquo in basso e in avanti, si articola,


nella sua parte superiore, con il contorno inferiore alla lamina perpendicolare
dell’ etmoide; in quella inferiore, si articola con la cartilagine del setto nasale.
Il margine posteriore del vomere è libero; esso separa tra loro le due coane
od orifìzi posteriori delle fosse nasali.

Mandibola
La mandibola (figg. 2.41 e 2.42) è un osso impari e mediano e forma la par
te inferiore dello scheletro della faccia. Dotata di mobilità, si articola con gli ossi
temporali.
La mandibola consta di una parte oriz zontale, media, denominata corpo, e
di due parti laterali, verticali, chiamate rami.
Il corpo della mandibola ha forma di ferro di cavallo aperto posteriormente.
E ’ appiattito e offre a considerare due facce, antero-laterale e postero-mediale,
e due margini, superiore ed inferiore.
La faccia antero-laterale del corpo della mandibola presenta lungo la line a me
diana una cresta verticale, la sinfisi del mento, che corrisponde alla zona di salda
tura delle due primitive metà dell’ osso; essa termina in basso con una sporgenz a,
detta protuberanz a mentale. D a ciascun lato di quest’ ultima si diparte una line a
che sale obliquamente in addietro: è la line a obliqua della mandibola. Superior
mente a tale line a, al disotto del dente II premolare, si osserva il foro mentale,
da cui fuoriescono il nervo e l ’ arteria omonima.
La faccia postero-mediale del corpo della mandibola mostra nella zona me
diana, da ciascun lato, due piccole rilevate z z e, che sono le apofisi geni, rispet
tivamente superiore ed inferiore. Di lato è percorsa da una line a obliqua, diretta
dall’ avanti all’ indietro e dal basso verso l ’ alto, che è la line a milo-joide a, perché
su di essa prende inserzione il muscolo milo-joideo. Sopra tale line a si trova
la fossetta sottolinguale e al disotto la fossetta sottomandibolare, che corrispon
dono alle due ghiandole omonime.
Il margine superiore del corpo della mandibola mostra il processo alveolare,
nel quale sono scavati gli alveoli dentali, che danno ricetto alle radici dei denti
dell’ arcata dentale inferiore; essi, nell’ adulto, sono in numero di sedici, otto per
ogni semimandibola. G li alveoli dentali anteriori hanno una cavità singola; quelli
posteriori invece sono sepimentati in rela zione al numero delle radici dei denti che
120 2 • OSSA

processo incisura della mandibola

gioghi alveolari

line a obliqua
processo

corpo angolo

protuberanz a -foro mentale

F igura 2.41. Mandibola, vista dal lato sinistro.

vi sono accolti. G li alveoli dentali sono separati dai setti interalveolari. Le spor
genz e determinate dagli alveoli dentali presso il bordo della mandibola sono dette
gioghi alveolari.
Il margine inferiore del corpo della mandibola è arrotondato. E sso mostra,
in vicinanz a della line a mediana, la fossetta digastrica, ove prende inserzione il
ventre anteriore del muscolo digastrico.
Ciascun ramo della mandibola ha la forma di una lamina quadrilatera, più
sviluppata in alte z z a che in larghe z z a. O ffre a considerare una faccia laterale
ed una faccia mediale, inoltre quattro margini: anteriore, posteriore, superiore
ed inferiore.
La faccia laterale del ramo della mandibola possiede alcune line e rugose,
su cui si attacca il muscolo massetere.
La faccia mediale del ramo della mandibola presenta l ’ orifizio del canale della
mandibola (o canale dentale), canale questo che decorre dall’indietro in avanti
nello spessore della mandibola, al disotto degli alveoli dentali con i quali esso co
munica mediante piccoli forellini scavati all’ apice degli alveoli dentali medesimi,
e che contiene il nervo ed i vasi alveolari inferiori. Il contorno mediale di tale orifì
zio è delimitato da un rilievo osseo, di forma triangolare ad apice superiore, che
prende il nome di lingula della mandibola (o spina dello Spix).
Il margine anteriore del ramo della mandibola è percorso da una doccia ver
ticale, delimitata da due labbri, laterale e mediale, che verso il basso si continuano
sul corpo rispettivamente con la line a obliqua della mandibola e con la line a milo-

11 margine posteriore del ramo della mandibola è arrotondato; esso contra e


rapporto con la ghiandola parotide.
Il margine superiore del ramo della mandibola presenta al centro una incisura
a concavità superiore, che è detta incisura della mandibola (o incisura sigmoide a).
2 -O S S A 121

processo coronoideo incisura della mandibola

condilo

orifizio del canale


della mandibola

lingula

-line a milo-joide a
fossetta sottolinguale

-fossetta
apofisi geni
.sottomandibolare
fossetta digastrica

Figura 2.42. Metà destra della mandibola, vista dalla sua faccia postero-mediale.

Al davanti di tale incisura si solleva un rilievo triangolare, ad apice superiore: è


il processo coronoideo, su cui si inserisce il muscolo temporale. Dietro all’incisura
della mandibola vi è il condilo, che serve per l ’ articola zione con l ’ osso temporale;
esso ha la forma di un segmento di ellissoide di rota zione, con l ’ asse maggiore di
retto in senso latero-mediale e un po ’ anche dall’ avanti all’ indietro. Al disotto del
condilo si osserva un restringimento, che è chiamato collo del condilo.
Il margine inferiore del ramo della mandibola è in continuità con il margine
inferiore del corpo. E sso, incontrandosi col margine posteriore del ramo stesso
della mandibola, forma l ’ angolo della mandibola.

piccolo corno grande corno

Figura 2.43. Osso joideo, visto superiormente.


122 2 • OSSA

Osso joideo
L ’ osso joideo (fìg. 2.43) è un osso impari e mediano, non unito alle restanti
ossa dello scheletro, che si trova nella parte anteriore del collo, al disotto della
lingua, cui esso fa da sostegno. A testa in posizione normale, è pressoché parallelo
al margine inferiore del corpo della mandibola.
E sso presenta nell’insieme la forma di ferro di cavallo, aperto posteriormente.
Possiede un corpo, centrale, con una faccia anteriore convessa e una faccia poste
riore concava ed incavata. Il corpo si prolunga, da ciascun lato, in un lungo pro
cesso diretto in addietro e di lato, il quale è detto grande corno. D al corpo, sopra
al grande corno, si solleva un piccolo processo diretto in alto e posteriormente,
che è chiamato piccolo corno-, sull’ apice di quest’ ultimo prende attacco il lega
mento stilo-joideo, che collega l ’ osso joideo all’ apice del processo stiloideo dell’ os
so temporale.

C avità comuni al neurocranio e allo splancnocranio


Le ossa del neurocranio e quelle dello splancnocranio, articolandosi fra di
loro, delimitano alcune importantissime cavità. Q ueste sono: anteriormente,
le cavità orbitali e la cavità nasale; da ciascun lato, la fossa infratemporale e la
fossa pterigo-palatina.

C avità orbitali
Le cavità orbitali (fig. 2.44), dette comunemente orbite, sono due cavità sim
metriche, destra e sinistra, che occupano la parte alta della faccia e sono deputate a
contenere gli occhi con i loro annessi.
Ciascuna cavità orbitale ha grosso modo forma piramidale a quattro pareti,
con base anteriore ed apice posteriore.
Le pareti dell’ orbita sono distinte in: superiore, inferiore, mediale e laterale.
Esse sono separate da quattro margini: supero-mediale, supero-laterale, infero
mediate e infero-laterale.
La parete superiore o volta dell’ orbita è data in avanti dalla faccia orbitale
dell’ osso frontale e, posteriormente a questa, dalla faccia inferiore della piccola
ala dello sfenoide. Presenta supero-lateralmente la fossa lacrimale per la ghiandola
omonima.
La parete inferiore o pavimento dell’ orbita consta della faccia superiore
del processo zigomatico dell’ osso mascellare ed inoltre, in profondità, del pro
cesso orbitale dell’ osso palatino. Vi decorre il solco infraorbitale, che si conti
nua in avanti col canale infraorbitale.
La parete mediale dell’ orbita è data, procedendo dall’ avanti all’ indietro,
dal processo frontale dell’ osso mascellare, dall’ osso lacrimale, dalla lamina papi
race a dell’ etmoide e dalla faccia laterale del corpo dello sfenoide. Essa presenta
in avanti la fossetta del sacco lacrimale, costituita del processo frontale dell’ osso
mascellare e dell’ osso lacrimale, cui appartengono rispettivamente anche le due
creste verticali che delimitano in avanti e in addietro la fossetta medesima.
La parete laterale dell’ orbita è costituita in avanti del processo orbitale del
l ’ osso zigomatico e posteriormente della faccia mediale della grande ala dello
sfenoide. Su di essa si osserva l ’ orifizio del canale zigomatico.
La base dell’ orbita, anteriore, corrisponde all’ apertura orbitale. T ale apertura
è circoscritta: in alto, dall’ arcata orbitale dell’ osso frontale con i processi mascel-
2 OSSA 123

foro ottico osso frontale fossa lacrimale

piccola ala dello sfenoide


etmoide —
fessura orbitale superiore
osso lacrimale—
grande ala dello sfenoide

osso nasale —
orifizio del canale
zigomatico
fossetta del sacco lacrimale—
O SS° ~ ' £ °'nat‘ co

fessura orbitale inferiore

osso mascellare osso palatino solco infraorbitale

F igura 2.44. C avità orbitale di sinistra.

lare e zigomatico dell’ osso frontale medesimo; medialmente, dal processo fron
tale dell’ osso mascellare; inferiormente e lateralmente, dal margine antero-supe-
riore dell’ osso zigomatico.
L ’ apice dell’ orbita corrisponde alla profondità di questa. In sua corrisponden
z a si osservano, procedendo dall’ alto in basso: il foro ottico; fessura orbitale
superiore (o fessura sfeno-sfenoidale), che è compresa fra la piccola e la grande
ala dello sfenoide e si continua poi lungo il margine supero-laterale dell’ orbita;
la fessura orbitale inferiore (o fessura sfeno-mas celiare), che è compresa fra la
grande ala dello sfenoide e l ’ osso mascellare e si porta in avanti seguendo il mar
gine infero-laterale dell’ orbita stessa.

C avità nasale
La cavità nasale è un ’ ampia cavità scavata al centro della faccia; fa parte
dell’ apparato respiratorio ed è sede dell’ organo dell’ olfatto. E ssa, dalla presenz a
di un setto sagittale mediano: il setto nasale, viene suddivisa in due cavità simme
triche, destra e sinistra, denominate fosse nasali.
Ciascuna fossa nasale ha la forma di una lunga fessura allungata dall’ avanti
all’ indietro, molto stretta in alto e un po ’ più larga in basso. O ffre a considerare
quattro pareti: laterale, mediale, superiore, inferiore, e due aperture: anteriore
e posteriore.
La parete laterale della fossa nasale (fìg. 2.45) è inclinata dall’ alto in basso
ed in senso medio-laterale. Essa, nella sua parte media, è costituita, in alto,
della faccia mediale del labirinto etmoidale e, inferiormente, della faccia me-
124 2• O S S A

osso frontale

osso nasale — conca nasale superiore

etmoide — sfenoide

osso mascellare— conca nasale media

conca nasale inferiore- osso palatino

F igura 2.45. P arete laterale della fossa nasale destra.

diale dell’ osso mascellare; in avanti, è formata della faccia mediale del processo
frontale dell’ osso mascellare e, posteriormente, della faccia mediale della lamina
perpendicolare dell’ osso palatino.
D alla parete laterale si sollevano verso la cavità della fossa nasale, dirette
in basso, le tre conche nasali (o cornetti, o turbinati), superiore, media ed in
feriore, di cui le prime due sono pertinenti al labirinto etmoidale, mentre l ’infe
riore è osso indipendente, articolato coll’ osso mascellare e coll’ osso palatino.
Le tre conche nasali delimitano con la parete laterale della fossa nasale tre spa zi
aperti inferiormente, che sono chiamati me ati nasali, rispettivamente superiore, me
dio ed inferiore. In corrispondenz a del me ato nasale superiore si aprono gli ori
fìzi delle cellule etmoidali posteriori; in corrispondenz a del me ato nasale medio si
aprono gli orifizi delle cellule etmoidali medie ed anteriori, l ’ orifizio del seno fron
tale e l ’ orifizio del seno mascellare; in corrispondenz a del me ato nasale inferiore si
apre infine l ’ orifizio del canale naso-lacrimale.
La parete mediale della fossa nasale (fìg. 2.46) è rappresentata dal setto
nasale, costituito in alto della lamina perpendicolare dell’ etmoide ed inferior
mente del vomere. L ’intervallo compreso in avanti fra le due ossa è colmato
dalla cartilagine del setto.
La parete superiore o volta della fossa nasale (figg. 2.45 e 2.46) descrive
una concavità rivolta in basso. Essa è costituita, dall’ avanti all’ indietro: dell’ osso
nasale, della spina nasale dell’ osso frontale, della faccia inferiore della lamina cri
brosa dell’ etmoide coi numerosi suoi forami per il nervo olfattivo, infine della fac
cia anteriore del corpo dello sfenoide, che presenta l ’ orifizio del seno sfenoidale.
La parete inferiore o pavimento della fossa nasale (figg. 2.45 e 2.46) con-
2 • OSSA 125

osso frontale

osso nasale-
etmoide

sfenoide
osso

conca nasale inferiore vomere

osso palatino

F igura 2.46. P arete mediale della fossa nasale sinistra.

sta in avanti della faccia superiore del processo palatino dell’ osso mascellare e,
dietro a questo, della faccia superiore della lamina oriz zontale dell’ osso palatino.
N ella sua parte anteriore, in vicinanz a del setto nasale, è scavato il canale incisivo,
che scende in basso nello spessore del processo palatino dell’ osso mascellare e,
fondendosi poi con quello eterolaterale, si apre con un orifìzio nel palato duro,
dietro ai denti incisivi mediali.
L ’ apertura anteriore della fossa nasale, poiché il setto osseo si arresta più
in addietro, è comune con quella della fossa nasale eterolaterale e prende il nome di
apertura piriforme. Ristretta in alto, va slargandosi verso il basso; essa risulta
delimitata superiormente dai due ossi nasali e sui lati ed inferiormente dagli ossi
mascellari.
L ’ apertura posteriore della fossa nasale è detta coana; è di forma quadrilatera
ad asse maggiore verticale. Essa è delimitata: in alto, dalla faccia inferiore del cor
po dello sfenoide con applicato il margine superiore del vomere; inferiormente,
dal margine posteriore della lamina oriz zontale dell’ osso palatino; lateralmente,
dalla lamina pterigoide a mediale del processo pterigoideo dello sfenoide; medial-
mente, dal margine posteriore del vomere.

F ossa infratemporale
La fossa infratemporale (o fossa zigomatica) è uno spa zio che si trova nella
parte laterale del cranio, medialmente al ramo della mandibola. La fossa infratem
porale è ampiamente aperta, mancando della parete inferiore e di quella posteriore.
La parete superiore della fossa infratemporale è formata medialmente della
126 2 OSSA

faccia laterale della grande ala dello sfenoide, nel suo tratto compreso tra l ’ impian
to del processo pterigoideo e la cresta infratemporale; quivi si aprono il foro ovale
ed il foro spinoso, che fanno comunicare la fossa zigomatica con la cavità del
cranio. Lateralmente la parete superiore è aperta, corrispondendo allo spa zio che
intercorre tra la cresta infratemporale della grande ala dello sfenoide e l ’ arcata
zigomatica.
La parete anteriore della fossa infratemporale è rappresentata dalla faccia po
steriore del processo zigomatico dell’ osso mascellare. Essa presenta la fessura
orbitale inferiore, che immette alla cavità orbitale.
La parete laterale della fossa infratemporale è data dalla faccia mediale del ra
mo della mandibola. Vi si trova pertanto l ’ orifizio del canale della mandibola.
La parete mediale della fossa infratemporale è costituita della faccia laterale
del processo pterigoideo dello sfenoide e, davanti a questo, dell’ apertura che
immette alla fossa pterigo-mascellare.

F ossa pterigo-mascellare
La fossa pterigo-mascellare (o fossa pterigo-palatina) (fìg. 2.47) è lo spa zio
compreso tra la tuberosità mascellare in avanti e il processo pterigoideo dello
sfenoide in addietro che, fra loro distanziati in alto, si avvicinano in basso, rima
nendo separati solo dall’ interposizione di una sottile lamella ossea, spettante
all’ osso palatino.
La fossa pterigo-mascellare ha la forma di piramide quadrangolare capovolta;
offre pertanto a considerare quattro pareti: anteriore, posteriore, laterale e
mediale; una base, superiore; un apice, inferiore.
La parete anteriore della fossa pterigo-mascellare è costituita della tuberosità
mascellare; essa presenta in alto il tratto più mediale della fessura orbitale infe
riore. La parete posteriore della fossa pterigo-mascellare è data dalla faccia ante
riore del processo pterigoideo dello sfenoide; mostra in alto l' orifizio anteriore del
2 OSSA 127

canale pterigoideo (o canale vidiano). La parete laterale della fossa pterigo-mascel-


lare corrisponde all’ apertura che mette in comunica zione la fossa pterigo-mascella-
re medesima con la fossa infratemporale. La parete mediale della fossa pterigo-
mascellare è rappresentata dalla faccia laterale della lamina perpendicolare dell’ os
so palatino; presenta in alto il foro sfeno-palatino, formato dall’ articolarsi del
l ’ omonima incisura dell’ osso palatino con il corpo dello sfenoide.
La base della fossa pterigo-mascellare corrisponde alla grande ala dello sfe
noide, in prossimità del suo impianto sul corpo. Presenta il foro rotondo, che
mette in comunica zione la fossa pterigo-mascellare con la fossa endocranica
media.
'L' apice della fossa pterigo-mascellare è dato dall’incontro della tuberosità
mascellare con il processo pterigoideo dello sfenoide, con l ’interposizione tra i
due di una lamella dell’ osso palatino. In sua corrispondenz a si trova il canale
palatino maggiore, per il passaggio del nervo palatino anteriore, e i due canali
palatini accessori, per i nervi palatini medio e posteriore; tali canali palatini sono
compresi tra l ’ osso mascellare e la lamella dell’ osso palatino.

2.3. O S S A D E G LI A R TI S U P E RIO RI
N ello scheletro dell’ arto superiore si distinguono: le ossa della spalla, od
ossa del cingolo scapolare, che sono rappresentate dalla clavicola, in avanti, e
dalla scapola, posteriormente; l ’ osso del braccio, che è l ’ omero; le ossa dell’ avam
braccio, che sono il radio, lateralmente, e l ’ ulna medialmente; le ossa della mano.

C lavicola
La clavicola (fìg. 2.48) è un osso lungo, pari e simmetrico, disposto trasver
salmente tra lo sterno e la scapola; essa forma la parte anteriore del cingolo
scapolare. Possiede un corpo e due estremità, mediale e laterale.
Il corpo della clavicola presenta due curvature, di cui l ’ una mediale, con
vessa in avanti, e l ’ altra laterale, convessa invece in addietro. Un poco appiat
tito dall’ alto in basso, esso offre a considerare due facce, superiore ed inferiore,
separate da due margini, anteriore e posteriore. La faccia superiore è liscia. La
faccia inferiore è percorsa longitudinalmente dalla doccia per il muscolo suc
clavio; presenta poi, presso l ’ estremità mediale, la tuberosità costale per l ’ attacco
del legamento costo-clavicolare e, in vicinanz a dell’ estremità laterale, la tuberosità
caracoide a per l ’impianto dei legamenti coraco-clavicolari.

estremità laterale estremità mediale

F igura 2.48. C lavicola destra, vista superiormente.


128 2 • OSSA

acromion processo coracoideo processo coracoideo acromion

incisura della scapola fossa soprasptnata

cavità
spina

tuberosità

tuberosità fossa sottospinata


sopraglenoide a

fossa sottoscapolare

F igura 2.49 (a sinistra). Scapola destra, vista dalla sua faccia anteriore.
F igura 2.50 (a destra). Scapola destra, vista dalla sua faccia posteriore.

L ’ estremità mediale della clavicola è prismatico-triangolare e mostra la fac


cia articolare sternale per l ’ articola zione col manubrio dello sterno.
L ’ estremità laterale della clavicola è appiattita dall’ alto in basso. T ermina
con la faccia articolare acromiale per l ’ articola zione con l ’ acromion della scapo
la.

Scapola
La scapola (od omoplata) (fìgg. 2.49 e 2.50) è un osso pari e simmetrico,
che forma la parte posteriore del cingolo scapolare. E ’ un osso piatto di forma
triangolare, con base superiore ed apice inferiore; offre pertanto a considerare
due facce: anteriore e posteriore, tre margini: superiore, mediale e laterale, e tre
angoli: laterale, mediale e inferiore.
La faccia anteriore della scapola, concava, è detta fossa sottoscapolare. Essa
mostra due o tre creste oblique, le quali servono per l ’inserzione del muscolo
sottoscapolare; presenta poi, parallela al margine laterale della scapola, la cresta
paramarginale anteriore.
La faccia posteriore della scapola presenta, al confine tra il suo quarto superiore
ed i suoi tre quarti inferiori, una voluminosa sporgenz a chiamata spina della scapola.
Q uesta, che ha forma di lamina triangolare a base laterale, si stacca quasi ad an
golo retto dalla faccia posteriore della scapola e si porta oriz zontalmente in ad-
2 • OSSA 129

dietro, terminando con un margine rugoso. La base della spina della scapola si
prolunga lateralmente con V acromion, robusto processo appiattito dall’ alto in
basso, che alla sua estremità presenta la faccia articolare clavicolare deputata
all’ articola zione con la clavicola.
La spina della scapola divide la faccia posteriore della scapola in una parte
superiore, che è detta fossa sopraspinata, ed in una parte inferiore, chiamata
fossa sottospinata. Lungo il margine laterale della fossa sottospinata si trova
una cresta longitudinale: la cresta paramarginale posteriore.
L ’ angolo laterale della scapola presenta un’ampia superfìcie articolare, poco
incavata, che è chiamata cavità glenoide a; essa serve per l ’ articola zione con l ’ ome
ro. Sotto la cavità glenoide a si trova un rilievo rugoso: la tuberosità sottogle-
noide a; al disopra è presente un altro rilievo rugoso, che è chiamato tuberosità
sopraglenoide a.
Subito medialmente alla tuberosità sopraglenoide a si solleva un robusto pro
cesso, che piega oriz zontalmente in fuori e termina ad apice smusso: è il processo
coracoideo.
Medialmente all’impianto del processo coracoideo si trova, sul margine supe
riore della scapola, una piccola incisura che è detta incisura della scapola.

O mero
L ’ omero (fìgg. 2.51 e 2.52) forma lo scheletro del braccio. E ’ un osso lungo
e consta pertanto di un corpo (o diafisi) e di due estremità (o epifisi), rispetti
vamente superiore (o prossimale) e inferiore (o distale).
Il corpo dell’ omero ha forma grosso modo prismatico-triangolare con tre fac
ce: antero-mediale, antero-laterale e posteriore, separate da tre margini: anteriore,
mediale e laterale.
La faccia antero-mediale presenta, limitatamente alla sua parte superiore,
un ’ accentuata doccia a decorso longitudinale che discende dall’ estremità superio
re dell’ omero: è il solco intertubercolare, detto anche solco bicipitale perché vi
scorre il tendine del capo lungo del muscolo bicipite del braccio. T ale solco
è delimitato da due labbri, di cui il laterale è detto cresta del tubercolo maggiore
ed il mediale è chiamato cresta del tubercolo minore, in quanto da tali due tuber
coli i labbri medesimi discendono.
Sotto al solco intertubercolare si osserva il foro nutritizio, che è diretto verso
il basso ed è deputato al passaggio dei vasi nutritizi dell’ omero.
La faccia antero-laterale mostra, un poco sopra alla sua parte media, una
rugosità a forma di V: è l ’impronta deltoide a, che dà attacco al muscolo del-
toideo.
La faccia posteriore è percorsa obliquamente da un ’ ampia doccia diretta dal
l ’ alto in basso ed in senso medio-laterale: è il solco del nervo radiale, chiamato
anche doccia di torsione dell’ omero.
L ’ estremità superiore dell’ omero mostra un ’ ampia superfìcie levigata a forma
di segmento di sfera, la quale è rivolta medialmente, in alto e un poco all’ indietro:
è la testa, deputata ad articolarsi con la fossa glenoide a della scapola. La testa
dell 'omero è delimitata perifericamente da un restringimento circolare, che è
chiamato collo anatomico.
Lateralmente al collo anatomico si solleva un robusto rilievo, che è il tuber
colo maggiore (o trochite); ancora lateralmente al collo anatomico, antero-me-
dialmente al tubercolo maggiore, si trova il tubercolo minore (o trochine). Tra
130 2 • OSSA

solco del nervo radiale

-fossetta radiale

fossa olecranica -fossetta coronoide a

epitrocle a trocle a

trocle a -epitrocle a

F igura 2.51 (a destra). O mero destro, visto anteriormente.


F igura 2.52 (a sinistra). O mero destro, visto posteriormente.

il tubercolo maggiore ed il tubercolo minore vi è una profonda depressione, che


rappresenta il tratto iniziale del solco intertubercolare (o solco bicipitale).
La zona circolare di confine tra l ’ estremità superiore e il corpo dell’ omero
è detta collo chirurgico.
L' estremità inferiore dell’ omero è appiattita in senso antero-posteriore.
Essa presenta alla sua estremità inferiore un’ ampia superfìcie articolare, scom
ponibile in due parti, l ’ una laterale e l ’ altra mediale; quella laterale è il condilo,
quella mediale è la trocle a.
Il condilo è simile ad un segmento di ellissoide di rota zione ed il suo diametro
maggiore è diretto dall’ avanti all'indietro; è deputato ad articolarsi con la testa
del radio. Sopra al condilo, anteriormente, si trova una incavatura, detta fossetta
radiale, entro la quale si adatta il margine anteriore della testa del radio nel mo-
2 -O S S A 131

vimento di flessione dell’ avambraccio sul braccio.


La trocle a ha la forma di una puleggia ad asse maggiore trasversale con una
gola centrale; serve per l ’ articola zione dell’ omero con l ’incisura semilunare dell’ ul
na. Sopra alla trocle a, anteriormente, si trova una fossetta: la fossetta coronoide a,
perché vi si adatta il processo coronoideo dell’ ulna nella flessione dell’ avambrac
cio sul braccio. Posteriormente, sopra la trocle a, è presente una profonda depres
sione, chiamata fossa olecranica, entro la quale si adatta l ’ olecrano dell’ ulna nel
movimento di estensione dell’ avambraccio sul braccio.
Sul contorno laterale dell’ estremità inferiore dell’ omero, posto sopra al condilo,
vi è un rilievo chiamato epicondilo; sul contorno mediale, superiormente alla
trocle a, vi è un rilievo analogo, un poco più sporgente, che è detto epitrocle a.

Radio
Il radio (fig. 2.53) è un osso lungo dello scheletro dell’ avambraccio, nel quale
occupa la posizione laterale. Più sottile nella sua parte superiore, il radio va ingran
dendosi verso il basso e, come tutte le ossa lunghe, esso presenta a considerare
un corpo (o diafisi) e due estremità (o epifisi), superiore (o prossimale) ed infe
riore (o distale).

F igura 2.53 (a sinistra). R adio destro, visto anteriormente.


F igura 2.54 (a destra). Ulna destra, vista lateralmente.
132 2 OSSA

Il corpo del radio ha forma prismatico-triangolare con tre facce: anteriore,


posteriore e laterale, separate fra loro da tre margini: anteriore, posteriore e me
diale. La faccia anteriore, incavata e pianeggiante, mostra superiormente la tubero
sità del radio per l ’ attacco del tendine del muscolo bicipite del braccio e, più
sotto, il foro nutritizio, che è diretto verso l ’ alto. Il margine mediale, interposto
tra la faccia anteriore e quella posteriore, è sottile e tagliente e prende il nome
di cresta interasse a, perché dà attacco alla membrana interosse a dell’ avambraccio
tesa tra il radio e l ’ ulna.
L ’ estremità superiore del radio presenta la testa (o capitello), che è di forma
cilindrica e la cui faccia superiore è scavata dalla fossa della testa per l ’ articola
zione con il condilo dell’ omero. La circonferenz a della testa è regolarmente
circolare e levigata: è la circonferenz a articolare, per l ’ articola zione radio-ulnare
prossimale. Alla testa fa seguito inferiormente un restringimento circolare, chia
mato collo.
L ’ estremità inferiore del radio, molto robusta, è appiattita antero-posterior-
mente. La sua estremità inferiore è incavata dalla faccia articolare carpale per
l ’ articola zione con il carpo. Lateralmente a tale faccia articolare si solleva, diretto
verso il basso, un piccolo rilievo appuntato: il processo stiloideo del radio. Infine,
il contorno mediale dell’ estremità inferiore del radio presenta una incavatura
per l ’ articola zione radio-ulnare distale: è l ’ incisura ulnare.

Ulna
L ’ ulna (o cubito) (fìg. 2.54) è un osso lungo situato nella parte mediale
dell’ avambraccio. C ontrariamente al radio, l ’ ulna è più voluminosa in alto e più

ossi metacarpali

osso uncinato

osso pisiforme

osso piramidale

osso semilunare

osso capitato

osso navicolare

osso trape zoide

osso
falangi

Figura 2.55. Ossa della mano destra, viste dalla faccia palmare.
2 • OSSA 133

ristretta invece in basso. E ssa presenta un corpo (o diafisi) e due estremità (o


epifisi), superiore (o prossimale) ed inferiore (o distale).
Il corpo dell’ ulna ha tre facce: anteriore, posteriore e mediale, separate fra
loro da tre margini: anteriore, posteriore e laterale. La faccia anteriore presenta
il foro nutritizio, che è diretto verso l ’ alto. Il margine laterale, interposto tra la
faccia anteriore e quella posteriore, è sottile e tagliente ed è detto cresta interasse a,
perché dà attacco alla membrana interosse a dell’ avambraccio.
L ’ estremità superiore dell’ ulna presenta in addietro un grosso rilievo: l’ ole-
crano, che termina con una punta piegata in avanti, detta becco dell’ olecrano;
mostra in avanti un rilievo triangolare, meno accentuato, che è il processo coro-
noideo. Tra l ’ olecrano ed il processo coronoideo, e da questi stessi formata,
vi è Vincisura semilunare, che è la superfìcie articolare per la trocle a dell’ omero;
essa è una superficie levigata, concava anteriormente, ed è percorsa nel me z zo
da un rilievo longitudinale smusso, ai lati del quale si estendono due superfici
degradanti. Sul contorno laterale dell’ estremità superiore dell’ ulna vi è l ’ incisura
radiale, per l ’ articola zione con la testa del radio. Infine, anteriormente, subito
al di sotto del processo coronoideo, vi è un rilievo rugoso: la tuberosità dell’ ulna,
che dà impianto al muscolo brachiale.
L ’ estremità inferiore dell’ ulna, molto più piccola di quella superiore, è detta
testa (o capitello). E ’ convessa e liscia e si articola con l ’incisura ulnare del radio.
Essa mostra medialmente un piccolo rilievo appuntato, diretto verso il basso,
che è il processo stiloideo dell’ ulna.

Ossa della mano


Le ossa della mano (fig. 2.55) sono rappresentate, in senso prossimo-distale,
dalle ossa del carpo, dalle ossa del metacarpo e dalle falangi della mano.

Ossa del carpo. Il carpo consta di otto piccole ossa disposte in due serie, l ’ una
prossimale e l ’ altra distale, di quattro ossa ciascuna.
Le ossa del carpo della serie prossimale sono, procedendo in senso latero-
mediale: l ’ osso navicolare (od osso scafoide), che ha forma di un piccolo scafo;
l ’ osso semilunare, simile ad una me z z aluna; l ’ osso piramidale, a forma di piramide
con base laterale; l ’ osso pisiforme, che è pressoché sferico. Le ossa del carpo
della serie distale sono, pure in senso latero-mediale: l ’ osso trape zio, che ha
forma di trape zio a sei facce; l ’ osso trape zoide, che ha forma di piramide
con base dorsale; l ’ osso capitato (o grande osso), il quale termina nella sua parte
prossimale con un rigonfiamento sferico, chiamato testa, delimitato dalla restante
parte dell’ osso, o corpo, da un restringimento, detto collo; l ’ osso uncinato,
così denominato perché presenta sul suo lato palmare un rilievo molto accentuato
e ricurvo, chiamato uncino.
Le ossa del carpo sono tutte ossa corte e, ad ecce zione dell’ osso pisiforme,
hanno grosso modo sei facce. Di queste, la faccia palmare e quella dorsale sono ru
gose; le altre quattro facce sono articolari, tranne che nelle ossa che si trovano
alle estremità laterali e mediali delle due serie nelle quali esiste una faccia artico
lare in meno.

Ossa del metacarpo. Il metacarpo è formato dai cinque ossi metacarpali, i quali
vengono numerati progressivamente in senso latero-mediale. Sono ossa lunghe
e presentano ciascuno un corpo (o diafisi) e due estremità (o epifisi), prossimale
e distale.
134 2 • OSSA

Il loro corpo è di forma prismaticio-triangolare con tre facce: dorsale, antero-


laterale ed antero-mediale.
La loro estremità prossimale (o base) presenta la faccetta articolare per le
ossa della serie distale del carpo, e cioè: il I osso metacarpale per l ’ osso trape zio;
il II osso metacarpale per l ’ osso trape zio, l ’ osso trape zoide e l ’ osso capitato;
il III osso metacarpale per l ’ osso capitato; il IV osso metacarpale per l ’ osso capita
to e l ’ osso uncinato; il V osso metacarpale per l ’ osso uncinato. Mostra poi sui
lati le faccette articolari per gli ossi metacarpali contigui.
La loro estremità distale (o testa, o capitello) presenta una superfìcie convessa,
ad asse maggiore antero-posteriore, che serve per l ’ articola zione con la base della
I falange del dito corrispondente.

F alangi della mano. Le falangi della mano costruiscono lo scheletro delle dita
della mano. Sono in numero di tre per ciascun dito, tranne che nel I dito o pol
lice dove sono soltanto due. Esse sono alline ate una di seguito all’ altra e ven
gono pertanto indicate, in senso prossimo-distale, come I, II e III falange.
Le falangi sono ossa lunghe, con un corpo e due estremità, prossimale e
distale.
Il corpo è semicilindrico con una faccia palmare, piana, ed una faccia dor
sale, convessa.
Le estremità differiscono secondo le falangi considerate.
Le I falangi hanno l ’ estremità prossimale (o base) incavata, per adattarsi
alla testa del corrispondente osso metacarpale. H anno l ’ estremità distale a forma
di trocle a coll’ asse maggiore trasversale; essa presenta pertanto una gola sagittale
verso cui convergono due superfìci pianeggianti.
Le II falangi hanno pure l ’ estremità prossimale (o base) incavata, con una
cresta mediana e sagittale per articolarsi colla trocle a dell’ estremità distale della
I falange. H anno la loro estremità distale foggiata a trocle a, analogamente a quella
delle I falangi; fa ecce zione la II falange o falange ungue ale del I dito, la cui estremità
distale ha forma di ferro di cavallo, dovendovisi adattare l ’ unghia.
Le III falangi, dette anche falangi ungue ali, hanno l ’ estremità prossimale (o
base) foggiata come quella delle II falangi. Presentano l’ estremità distale a forma di
ferro di cavallo per adattarsi all’ unghia.

2.4. O S S A D E G LI A R TI IN F E RIO RI
Lo scheletro dell’ arto inferiore consta: dell’ osso dell’ anca, che rappresenta il
cingolo pelvico; del femore, che è l ’ osso della coscia; della tibia e della fibula
che sono situate la prima medialmente e la seconda lateralmente nella gamba,
alla costituzione scheletro della quale prende parte anche la rotula; delle ossa
del piede.

O sso dell'anca
L ’ osso dell’ anca (o osso iliaco, o osso coxale) (fìgg. 2.56 e 2.57) risulta
della fusione di tre ossa primitivamente distinte: l ’ ileo, l ’ ischio ed il pube, il cui
punto d ’ incontro e di saldatura è in corrispondenz a dell’ acetabolo, grande cavità
scavata sulla faccia esterna dell’ osso dell’ anca stesso e deputata ad accogliere
2 OSSA 135

cresta iliaca

line a glute a anteriore-


spina iliaca antero-superiore
j M.
fossa iliaca esterna-

line a glute a posteriore line a glute a inferiore

spina iliaca postero-superiore- spina iliaca antero-inferiore

spina iliaca postero-inferiore- -faccia lunata

Acetabolo
grande incisura ischiatica
eminenz a ilio-pettine a
spina ischiatica-
incisura dell’ acetabolo
— iS C t'1 CA
piccola incisura ischiatica
tubercolo pubico

tuberosità ischiatica doccia otturatoria

ramo ischio-pubico- foro otturato

F igura 2.56. Osso dell’ anca destro, visto dalla sua faccia esterna.

la testa del femore. L ’ ileo corrisponde all’incirca alla porzione dell’ osso dell’ anca
che si estende sopra l ’ acetabolo, l ’ ischio a quella che si trova postero-inferiormen-
te, il pube alla porzione, infine, che è posta antero-inferiormente.
L ’ osso dell’ anca è un osso piatto. Esso è di forma molto irregolare, ma per
comodità di descrizione può essere considerato grossolanamente di forma quadri
latera, con una faccia esterna ed una faccia intema e con quattro margini: supe
riore, inferiore, anteriore e posteriore.
La faccia esterna dell’ osso dell’ anca presenta nella sua parte media l’ acetabolo;
sopra a questo, la fossa iliaca esterna; inferiormente, il foro otturato.
L ’ acetabolo (o cavità cotiloide a) è una profonda cavità a forma sferica, do
vendosi adattare alla testa del femore. Esso è circondato perifericamente da un
rilievo, il ciglio acetabolare, lungo il quale si trovano tre incisure dovute alla sal
datura delle tre ossa: ileo, ischio e pube, che convergono a costituire l ’ acetabolo.
Si osservano quindi: inferiormente V incisura ischio-pubica, anteriormente la
incisura ileo-pubica, posteriormente l ’incisura ileo-ischiatica; di queste, la incisura
ischio-pubica è molto profonda ed è chiamata pertanto anche incisura dell’ ace
tabolo. Le altre due sono appena segnate. La cavità dell’ acetabolo mostra due par
ti: l ’ una profonda, rugosa e non articolare, che è detta fondo dell’ acetabolo;
l ’ altra, più esterna e liscia perché articolare, che è chiamata faccia lunata e che si
136 2 • OSSA

cresta iliaca-

tuberosità iliaca
fossa iliaca in terna -
spina iliaca postero-superiore

faccia auricolare
spina iliaca antero-superiore-
spina iliaca postero-inferiore

line a arcuata -
grande incisura ischiatica

spina iliaca antero-inferiore-

eminenz a ilio-pettine a- spina ischiatica

piccola incisura ischiatica


cresta pettine a-

tubercolo pubico- foro otturato

doccia otturatoria- ischiatica

faccia sinfisiana - ramo ischio-pubico

F igure 2.57. O sso dell’ anca destro, visto dalla sua faccia interna.

estende tra i due labbri dell’ incisura ischio-pubica, descrivendo un anello incom
pleto.
La fossa iliaca esterna è un ’ ampia superfìcie, incavata solo nella sua parte
media. E ssa presenta, dall’ indietro in avanti, tre line e rugose: la line a glute a
posteriore, la line a glute a anteriore, la line a glute a inferiore.
Il foro otturato ha grosso modo forma triangolare a base superiore ed apice
inferiore. Il contorno superiore è dato, in senso latero-mediale, dal ramo supe
riore del pube e dal corpo del pube; in esso è scavato un solco con obliquità
latero-mediale: la doccia otturatoria, che dà passaggio al nervo ed ai vasi ottura
tori. Il contorno infero-mediale è costituito, dall’ alto in basso, del ramo inferiore
del pube e del ramo inferiore dell’ ischio, uniti tra loro a formare il ramo ischio
pubico. Il contorno infero-laterale è costituito, dal basso verso l ’ alto, del corpo
dell’ ischio e del ramo superiore dell’ischio.
La faccia interna dell’ osso dell’ anca è percorsa da una line a che ha dire zione
dall’ alto in basso e dall’ indietro in avanti: è la line a arcuata (o line a innominata).
Si possono distinguere pertanto sulla faccia interna dell’ osso dell’ anca tre porzio
ni: l ’ una superiore alla line a arcuata, l ’ altra inferiore, la terz a infine posteriore.
La porzione superiore alla line a arcuata è la fossa iliaca interna; essa è inca
vata e dà attacco al muscolo iliaco. La porzione inferiore alla line a arcuata è
2. O S S A 137

pianeggiante supero-posteriormente e corrisponde al fondo dell’ acetabolo; infero-


medialmente presenta invece un foro otturato. La porzione posteriore alla line a
arcuata mostra in avanti un ’ ampia are a articolare, chiamata faccia auricolare,
che si articola con la superficie omonima dell’ osso sacro; in addietro presenta
un ’ estesa are a rugosa, che offre impianto ai legamenti sacro-iliaci e che è detta
tuberosità iliaca.
Il margine anteriore dell’ osso dell’ anca è, nella sua parte alta, grosso modo
verticale e presenta, all’ estremità superiore, un rilievo che è chiamato spina
iliaca antero-superiore; al disotto vi è una incisura, cui segue un altro rilievo,
che è la spina iliaca antero-inferiore. T ale margine anteriore piega poi medial-
mente, facendosi oriz zontale. In tale suo tratto oriz zontale, mostra dapprima
una rilevate z z a smussa, che è detta eminenz a ilio-pettine a. A questa fa seguito
medialmente una superficie triangolare a base laterale, liscia, che è detta super
ficie pettine a perché vi si inserisce il muscolo pettineo; essa è limitata posterior
mente da una cresta trasversale: la cresta pettine a. All’ apice mediale della super
fìcie pettine a si trova il tubercolo pubico, cui segue poi una superfìcie rugosa,
la quale termina all’ angolo pubico.
Il margine posteriore è pressoché verticale. E sso presenta in alto la spina
iliaca postero-superiore, cui fa seguito al di sotto, dopo una piccola incisura,
la spina iliaca postero-inferiore. Inferiormente a quest’ ultima vi è un ’ amplissima
escava zione, la grande incisura ischiatica, la quale è delimitata inferiormente
da un robusto rilievo triangolare: la spina ischiatica. Sotto a questa vi è ancora
un'escava zione, la piccola incisura ischiatica, il cui limite inferiormente è dato
dalla tuberosità ischiatica, voluminosa massa osse a che rappresenta il corpo
dell’ischio.
Il margine superiore è convesso e prende il nome di cresta iliaca. Si estende
dalla spina iliaca antero-superiore alla spina iliaca postero-superiore e presenta:
un labbro esterno, un labbro interno, e una line a intermedia ai due labbri.
Il margine inferiore dell’ osso dell’ anca si estende tra l ’ angolo pubico e la
tuberosità ischiatica. A cominciare dall’ alto è dapprima diretto in basso e in
addietro; in questo suo primo tratto presenta la faccia sinfisiana, che si articola
con quella eterolaterale, nella sinfisi pubica. La parte che fa seguito è diretta
in basso, in addietro e lateralmente ed è costituita dal ramo ischio-pubico.

B acino
Il bacino (o pelvi) (fig. 2.58) è costituito: in avanti e sui lati, dei due ossi
dell’ anca, congiunti anteriormente tra loro dalla sinfisi pubica; in addietro, del
l ’ osso sacro, che è articolato con i due ossi dell’ anca mediante le articola zioni
sacro-iliache, e inferiormente del coccige.
La superfìcie interna del bacino presenta, circa a metà, un restringimento
circolare, lo stretto superiore del bacino, il quale divide la cavità del bacino in
due parti: l ’ una superiore, che è detta grande pelvi, l ’ altra inferiore, che è la
piccola pelvi.
Lo stretto superiore del bacino è delimitato, su ciascun lato, da una line a con
cava medialmente, chiamata line a terminale. Ciascuna line a terminale inizia, in
addietro, dal promontorio, che è la sporgenz a formata dalla giunzione del corpo
della I vertebra sacrale con quello della V vertebra lombare; prosegue con il
margine anteriore dell’ ala del sacro; si continua poi con la line a arcuata dell’ osso
dell’ anca e indi con la cresta pettine a; arriva al tubercolo pubico e infine alla sin-
138 2 • OSSA

osso sacro articola zione sacro-iliaca

V vertebra
lombare

diametro
promontorio obliquo

legamento— dell’ anca


sacro-tuberoso
diametro trasverso massimo
legamento sacro-spinoso
coccige

sinfisi pubica-------------- coniugata anatomica

F igura 2.58. B acino e diametri dello stretto superiore.

fisi pubica.
N ello stretto superiore del bacino femminile, ai fini della pratica ostetrica,
si considerano i seguenti diametri: la coniugata anatomica, che è il diametro
antero-posteriore teso dal contorno superiore della sinfisi pubica al promon
torio e che misura 11 cm; la coniugata ostetrica, che è il diametro antero-po
steriore teso dalla faccia posteriore della sinfisi pubica al promontorio e che
misura 10,5 cm; il diametro trasverso massimo, che corrisponde alla maggiore
larghe z z a dello stretto superiore ed è di 13,5 cm; i due diametri obliqui, ciascuno
dei quali si estende dall’ articola zione sacro-iliaca di un lato all’ eminenz a ilio-pet-
tine a eterolaterale ed è di 13 cm.
E ’ chiamata stretto inferiore del bacino la circonferenz a inferiore del bacino
medesimo. Procedendo dall’indietro in avanti, in ciascuna sua metà, esso è deli
mitato: dall’ apice del coccige; dal legamento sacro-tuberoso, che collega il con
torno laterale dell’ osso sacro alla tuberosità ischiatica; dalla tuberosità ischiatica;
dal ramo ischio-pubico; dal contorno inferiore della sinfisi pubica.
Si considerano nel bacino della donna i seguenti diametri dello stretto infe
riore: il diametro antero-posteriore, che congiunge il contorno inferiore della
sinfisi pubica all’ apice del coccige e misura 9,5 cm; il diametro trasverso, che
si estende tra le facce mediali delle due tuberosità ischiatiche ed è di 12,5 cm;
i due diametri obliqui, ciascuno dei quali collega il punto di me z zo del ramo
ischio-pubico al punto di me z zo del legamento sacro-tuberoso eterolaterale e mi
sura 12 cm.
2 O SSA 139

collo anatomico testa collo anatomico

grande trocantere grande trocantere

line a intertrocanterica cresta intertrocanterica

piccolo trocantere

line a aspra

epicondilo mediale condilo mediale

epicondilo laterale fossa intercondiloide a

faccia rotule a condilo laterale

F igura 2.59 (a sinistra). F emore destro, visto anteriormente.


F igura 2.60 (a destra). F emore destro, visto posteriormente.

F emore
Il femore (figg. 2.59 e 2.60), il più voluminoso tra le ossa, costituisce lo
scheletro della coscia, nella quale esso è orientato obliquamente dall’ alto e di lato
in basso e medialmente. E ’ un osso lungo con un corpo (o diafisi) e due estre
mità (o epifisi), superiore (o prossimale) e inferiore (o distale).
Il corpo del femore ha forma prismatico-triangolare con tre facce: anteriore,
mediale e laterale, e tre margini: mediale, laterale e posteriore.
D ei margini del corpo del femore, mentre due sono arrotondati, quello poste
riore è rugoso: è la line a aspra, nella quale si riconoscono un labbro mediale ed
un labbro laterale. La line a aspra verso l ’ alto, dopo avere presentato il/oro nutri
tizio (che è diretto verso l ’ alto), si divide in tre rami: laterale, intermedio e
140 2 • OSSA

mediale. Il ramo laterale, detto tuberosità glute a, raggiunge la base del gran
de trocantere e dà impianto al muscolo grande gluteo; il ramo intermedio,
chiamato line a pettine a, si porta alla base del piccolo trocantere e serve per
l ’ attacco del muscolo pettineo; il ramo mediale, detto cresta del muscolo vasto
mediale termina alla base del collo anatomico e offre inserzione alla parte alta
del muscolo vasto mediale.
L ’ estremità superiore del femore presenta la testa, che ha la forma di un
segmento di sfera ed è deputata all’ articola zione con l ’ osso dell’ anca; la testa
mostra, poco sotto il suo centro, la fossetta d ’ impianto del legamento rotondo del
femore per l ’ articola zione coxo-femorale. Alla testa fa seguito il collo anatomico,
che ha forma di cilindro con asse maggiore diretto dall’ alto in basso e in senso
medio-laterale. Lateralmente alla base del collo anatomico, si solleva un volumi
noso rilievo, chiamato grande trocantere, la cui faccia laterale è convessa, mentre
quella mediale è scavata nella fossa trocanterica; postero-medialmente alla base
del collo anatomico si trova il piccolo trocantere. Tra il grande trocantere ed il
piccolo trocantere vi è, anteriormente, la line a intertrocanterica e, posterior
mente, la cresta intertrocanterica.
L ’ estremità superiore del femore si continua col corpo in corrispondenz a
del cosiddetto collo chirurgico.
L ’ estremità inferiore del femore mostra due grossi rilievi, l ’ uno mediale e
l ’ altro laterale, per l ’ articola zione con la tibia: sono i condili mediale e laterale;
questi anteriormente sono uniti fra loro e formano la faccia rotule a; posterior
mente sono invece nettamente separati per l ’interposizione di una profonda
depressione, chiamata fossa intercondiloide a. Medialmente, sopra al condilo
mediale, si trova un rilievo: l ’ epicondilo mediale, al di sopra del quale si trova il
tubercolo del grande adduttore per l ’impianto al tendine dell’ omonimo muscolo;
lateralmente, sopra al condilo laterale, vi è pure un rilievo, chiamato epicondilo
laterale.

Tibia
La tibia (fìgg. 2.61 e 2.62) è un voluminoso osso lungo che fa parte dello
scheletro della gamba, dove è in posizione mediale. Presenta a considerare un
corpo (o diafisi) e due estremità (o epifisi), superiore (o prossimale) ed inferiore
(o distale).
Il corpo della tibia ha forma prismatico-triangolare, con tre facce: mediale,
laterale e posteriore, e con tre margini: anteriore, mediale e laterale.
La faccia mediale è pianeggiante alle estremità e convessa nella sua parte
media; è in rapporto direttamente con il tegumento. La faccia laterale è incavata.
La faccia posteriore presenta in alto una line a obliqua dall’ alto in basso e in senso
latero-mediale: è la line a poplite a; sotto a questa mostra il foro nutritizio, che è
diretto verso il basso.
Il margine anteriore è incurvato e tagliente e prende il nome di cresta anteriore;
in alto termina con un robusto rilievo, chiamato tuberosità tibiale, che dà attacco
al tendine del muscolo quadricipite del femore. Il margine mediale è smusso.
Il margine laterale è detto cresta interasse a, perché dà impianto alla membrana
interosse a della gamba.
L ’ estremità superiore della tibia è molto voluminosa. C onsta di due rilievi,
fusi fra loro lungo la line a mediana, i quali sono chiamati condili, rispettivamente
mediale e laterale. Ciascun condilo presenta superiormente una cavità poco ac-
2 • OSSA 141

eminenz a intercondiloide a eminenz a intercondiloide a

condilo laterale condilo laterale

faccia articolare fibulare


tuberosità tibiale .condilo
mediale
line a poplite a

cresta anteriore

malleolo
mediale
incisura fibulare

F igura 2.61 (a sinistra). Tibia destra, vista anteriormente.


F igura 2.62 (a destra). Tibia destra, vista posteriormente.

centuata, detta cavità glenoide a, che serve per l ’ articola zione col rispettivo condilo
del femore. Tra le due cavità glenoide e si solleva l ’ eminenz a intercondiloide a che
consta di due tubercoli: i tubercoli intercondiloidei mediale e laterale; al davanti
e dietro all’ eminenz a intercondiloide a si trovano rispettivamente la fossetta in
tercondiloide a anteriore e la fossetta intercondiloide a posteriore. Infine, sul
contorno laterale del condilo laterale, si osserva la faccia articolare fibulare per
la testa della fìbula.
L ’ estremità inferiore della tibia è scavata dalla faccia articolare inferiore per
il talo. Medialmente a tale faccia articolare si solleva, con dire zione verso il basso,
una robusta sporgenz a: il malleolo mediale, sulla cui faccia laterale si continua la
faccia articolare medesima.
142 2 • OSSA

Infine, il contorno laterale dell’ estremità inferiore della tibia mostra l ’incisura
fibulare, per l ’ articola zione con l’ estremità inferiore della fìbula.

Fibula
La fibula (o perone) (figg. 2.63 e 2.64) occupa, nello scheletro della gamba,
la posizione laterale. E ’ un osso lungo notevolmente più esile della tibia. C onsta
di un corpo (o diafisi) e di due estremità (o epifisi), l ’ una superiore (o prossi
male) e l ’ altra inferiore (o distale).
Il corpo della fibula ha forma prismatico-triangolare con tre facce, distinte
in: mediale, laterale e posteriore, e con tre margini: anteriore, mediale e laterale.
La faccia mediale presenta una cresta verticale, parallela al margine anteriore,
che è detta cresta interasse a, in quanto dà impianto della membrana interos-
se a della gamba che collega la fibula alla tibia. La faccia posteriore mostra nella
sua parte media il/oro nutritizio, che è diretto verso il basso.

F igura 2.63 (a sinistra). F ibula destra, vista anteriormente.


F igura 2.64 (a destra). F ibula destra, vista medialmente.
2 • OSSA 143

L ’ estremità superiore della fìbula, detta anche testa (o capitello), presenta


sul contorno mediale la faccia articolare per la tibia. E ssa si prolunga in alto
con un rilievo piramidale, chiamato processo stiloideo.
L ’ estremità inferiore della fìbula è un robusto rilievo e prende il nome di
malleolo laterale; esso presenta sulla sua faccia mediale la faccia articolare per
il talo.

Rotula
La rotula (o patella) (fìgg. 2.65 e 2.66) è un osso corto che rientra nel grup
po delle ossa sesamoide e, essendo accolta nel tendine del muscolo quadricipite
del femore. E ssa è posta nel ginocchio al di sopra della tibia, innanzi all’ estremità
inferire del femore, con cui si articola.
La rotula ha forma grosso modo triangolare, con una faccia anteriore e una
faccia posteriore; con una base, superiore; con un apice, inferiore; con due mar
gini, mediale e laterale.
La faccia anteriore è convessa e rugosa. La faccia posteriore, articolare, è
levigata; essa, presenta al centro una cresta verticale che la divide in due super-
fìci un poco concave, l ’ una mediale e l ’ altra laterale. La base ed i margini sono
convessi.

Ossa del piede


Le ossa del piede (fìgg- 2.67 e 2.68) sono rappresentate, dall’ indietro in
avanti, dalle ossa del tarso, dalle ossa del metatarso e dalle falangi del piede.

Ossa del tarso. Il tarso forma la parte posteriore dello scheletro del piede. E sso
consta di sette ossa corte, disposte in due serie, prossimale e distale.
Le ossa del tarso della serie prossimale sono il talo (o astragalo) ed il cal
cagno, il primo situato sopra il secondo. Le ossa del tarso della serie distale
sono: l ’ osso cuboide, che è situato lateralmente, al davanti del calcagno; l ’ osso
navicolare (od osso scafoide), che è posto medialmente, al davanti del talo; i

margine mediale margine mediale

base

margine laterale

apice

F igura 2.65 (a sinistra). Rotula destra, vista dalla sua faccia anteriore.
F igura 2.66 (a destra). Rotula destra, vistra dalla sua faccia posteriore.
144 2 OSSA

calcagno-

faccia articolare
trocle a
per il malleolo laterale

seno del tarso


testa del tato

osso cuboide- osso navicolare

osso III cuneiforme osso II cuneiforme

osso I cuneiforme

-ossi metatarsali

falangi

F igura 2.67. O ssa del piede destro, viste dalla faccia dorsale.

tre ossi cuneiformi che, pure situati medialmente, sono al davanti dell’ osso navi
colare.
1. Il talo (o astragalo} presenta un corpo, cui segue in avanti il collo, il quale
termina poi con una superfìcie convessa, chiamata testa. Il talo mostra, sulla
sua faccia superiore, una superfìcie a forma di trocle a, con la gola diretta antero-
posteriormente, che serve per l ’ articola zione con l ’ estremità inferiore della tibia;
tale superfìcie articolare della trocle a si continua, medialmente e lateralmente,
con le facce articolari per il malleolo mediale della tibia e per il malleolo la
terale della fìbula. Il talo presenta, sulla sua faccia inferiore, le due facce artico
lari per il calcagno: l ’ una anteriore e l ’ altra posteriore, separate da una profonda
depressione, che è il solco del talo. La testa del talo mostra la superficie articola
re per l ’ osso navicolare.
2. Il calcagno è un osso di forma allungata dall’ indietro in avanti; esso è ap
piattito trasversalmente. La sua faccia superiore presenta le due facce arti-
2• O S S A 145

tuberosità del calcagno

calcagno

faccia articolare
per il malleolo mediale
grande apofisi
piccola apofìsi del calcagno
del calcagno
osso navicolare osso cuboide

osso II cuneiforme» J— \1 osso III cuneiforme

osso I cuneiforme> kj

l '
ossi metatarsali T— ~ J

falangi

F igura 2.68. Ossa del piede destro, viste dalla faccia plantare.

colari per il talo, di cui l ’ una antero-mediale, concava, e l ’ altra postero-laterale,


convessa, che sono fra loro separate dal solco del calcagno; sopra quest’ ultimo
si adatta il solco del talo, formandosi così nello scheletro del piede il seno del
tarso. La faccia inferiore ha posteriormente un voluminoso rilievo, che è detto
tuberosità del calcagno. La faccia anteriore presenta la grande apofisi del calca
gno, alla cui estremità si trova la faccetta articolare per l’ osso cuboide. La faccia
mediale mostra un rilievo diretto medialmente; questo è chiamato
del calcagno o anche sustentaculum tali, perché vi appoggia la parte mediale
del talo.
3. L ’ osso cuboide ha forma grosso modo cuboide a. La sua faccia posteriore
è caratteriz z ata dalla presenz a della faccia articolare per il calcagno. La sua faccia
anteriore mostra una superfìcie articolare, suddivisa da una cresta verticale, che è
destinata ad articolarsi con la base del IV e con quella del V osso metatarsale.
La sua faccia mediale infine presenta la faccetta articolare per il III osso cunei-
146 2 • OSSA

forme e talora, posteriormente, anche una faccetta articolare per l ’ osso navi-
colare.
4. L ’ osso navicolare (od osso scafoide) è un osso appiattito dall’ avanti all’ in-
dietro. E sso presenta, sulla sua faccia posteriore, una faccia articolare incavata
per la testa del talo. Possiede, sulla faccia anteriore, una superfìcie che due rilie
vi verticali suddividono in tre parti: è la faccia articolare per i tre ossi cunei
formi. Mostra infine frequentemente, sul suo contorno laterale, una faccia arti
colare per l ’ osso cuboide.
5. I tre ossi cuneiformi sono affiancati l ’ uno all’ altro e sono indicati, proce
dendo in senso medio-laterale, col nome di osso I cuneiforme, di osso II cunei
forme e di osso III cuneiforme. E ssi hanno forma di cuneo; l ’ osso I cuneiforme
ha l ’ apice rivolto in alto, gli altri due hanno invece l ’ apice rivolto inferiormente.
Presentano, sulla loro faccia posteriore, la faccetta articolare per l ’ osso navi
colare e, sulla faccia anteriore, la faccetta articolare per la base dell’ osso meta
tarsale di numero corrispondente; mostrano poi sui lati le faccette articolari per
le articola zioni reciproche e l ’ osso III cuneiforme anche quella per l ’ osso cu
boide.

Ossa del metatarso. Il metatarso è costituito dei cinque ossi metatarsali, i quali
vengono numerati in senso medio-laterale.
G li ossi metatarsali sono ossa lunghe e presentano pertanto un corpo (o dia-
fisi) e due estremità (o epifisi), distinte in posteriore ed anteriore.
Il loro corpo è incurvato, con concavità inferiore. E sso ha forma prismatico-
triangolare con una faccia superiore, una faccia infero-mediale ed una faccia
infero-laterale e con tre margini: mediale, laterale ed inferiore.
La loro estremità posteriore (o base) ha forma all’ incirca quadrangolare.
La sua faccia posteriore presenta la faccetta articolare per le ossa della serie
distale del tarso; in particolare, i primi tre ossi metatarsali per i rispettivi tre
ossi cuneiformi, gli ultimi due ossi metatarsali per l ’ osso cuboide. La sua faccia
laterale mostra le faccette articolari per le facce laterali delle basi degli ossi meta
tarsali contigui, ed il II metatarsale anche per l ’ osso I e l ’ osso III cuneiforme,
addentrandosi tra essi.
La loro estremità anteriore (o testa, o capitello) ha forma di condilo, con
l ’ asse maggiore diretto in senso dorso-plantare. E ’ deputata all’ articola zione
con la base della I falange del corrispondente dito.

F alangi del piede. Le falangi del piede costituiscono lo scheletro delle dita del
piede. Sono alline ate l ’ una di seguito all’ altra, in numero di tre per ciascun dito,
tranne che per il I dito o alluce, il quale ne possiede soltanto due. Esse sono
indicate, andando dall'indietro all'avanti, come I, II e III falange. Le falangi del
piede rientrano nel tipo delle ossa lunghe e mostrano quindi un corpo (o diafi-
si) e due estremità (o epifisi), posteriore ed anteriore.
Sia nel loro corpo che nelle loro estremità, le falangi del piede sono simili
alle falangi della mano; sono però meno sviluppate di queste ultime, soprat
tutto in lunghe z z a, ad ecce zione di quelle dell’ alluce.
3______________
A R TIC O LA ZIO NI

Le articola zioni (o giunture) collegano fra loro le ossa nello scheletro. Esse
vengono classificate in: sinartrosi, se immobili; anfiartrosi, se semimobili; diar
trosi, se mobili.

Sinartrosi
Le sinartrosi sono caratteriz z ate dal fatto che le ossa sono congiunte tra loro
mediante l ’ interposizione di uno strato di tessuto connettivo denso, o di tessuto
cartilagineo, o di tessuto osseo. N e risulta quindi che le sinartrosi medesime, sulla
base del tipo di tessuto che ne collega le ossa, vengono distinte in: sindesmosi, se
le ossa sono collegate da tessuto connettivo denso; sincondrosi, se le ossa sono con
giunte da tessuto cartilagineo; sinostosi, se le ossa sono unite da tessuto osseo.
Q ueste ultime sono di norma l ’ esito della trasforma zione di una sincondrosi, a se
guito della ossifica zione del tessuto cartilagineo che vi era interposto.
Le sindesmosi sono rappresentate da cinque tipi di articola zioni: la sutura ar
monica, la sutura dentata, la sutura squamosa, la schindilesi e la gonfisi.
La sutura armonica è caratteriz z ata dall’ essere le superfici ossee che si affron
tano pianeggianti. N e è un esempio l ’ articola zione fra i due ossi nasali, oppure
quella dell’ osso nasale col processo frontale dell’ osso mascellare.
La sutura dentata ha come sua caratteristica il fatto che le superfici che si
articolano sono fornite di asperità più o meno appuntate, le quali si incastrano
reciprocamente. T ale è la sutura dell’ osso frontale con i due ossi parietali, quella
dei due ossi parietali tra loro, quella ancora degli ossi parietali con la squama
dell’ osso occipitale.
La sutura squamosa è costituita di due superfici articolari che sono tagliate
di sbieco, come è il caso dell’ articola zione dell’ osso parietale con la squama
dell’ osso temporale.
La schindilesi presenta una superfìcie articolare che ha forma di cresta e l ’ al
tra invece che mostra una scanalatura; ne è un esempio l ’ articola zione del rostro
dello sfenoide con il vomere.
La gonfisi è caratteriz z ata da una superfìcie di forma conica che si adatta
ad una cavità che ne rappresenta lo stampo. E sempi ne sono le articola zioni
delle radici dei denti con le cavità degli alveoli dentali degli ossi mascellari e della
mandibola.

Anfiartrosi
Le anfiartrosi sono costituite di due superfici ossee rivestite di .uno strato di
cartilagine ialina, le quali sono fra loro congiunte dall’ interposizione di uno strato
148 3 • A R TIC O LA ZIO NI

di cartilagine fibrosa; posseggono inoltre legamenti connettivali che si estendono da


un osso all’ altro. E sempi tipici di anfìartrosi sono le articola zioni dei corpi delle
vertebre tra di loro.
Una varietà delle anfìartrosi è rappresentata dalle sinfisi. Esse differiscono
dalle anfìartrosi tipiche perché nello strato di cartilagine fibrosa interposto fra le
due ossa è scavata al centro una cavità più o meno ampia. N e è un esempio la
sinfisi pubica.

Diartrosi
Le diartrosi sono costituite delle superfici articolari di due ossa, rivestite cia
scuna di uno strato di cartilagine articolare. Esse sono racchiuse entro una cavità:
la cavità articolare, delimitata dalla membrana sinoviale e contenente un liquido:
la sinovia. L ’ articola zione è circoscritta perifericamente dalla capsula articolare;
quest’ ultima a tratti è ispessita e forma i legamenti intrinseci dell’ articola zione.
Altre strutture ancora possono prendere parte alla costituzione delle diartrosi;
sono: i cercini articolari, i dischi articolari e i menischi intercalari, i legamenti
interarticolari, i legamenti a distanz a.
Le superfici articolari possono essere di forma varia e, secondo la loro confor
ma zione, permettono movimenti diversi. Sulla base poi della configura zione
delle superfici articolari, le diartrosi stesse vengono classificate. Le superfici artico
lari possono essere ambedue pianeggianti; più frequentemente però l ’ una è conves
sa e l ’ altra presenta una incavatura tale da armoniz z are con la prima.
La cartilagine articolare riveste le superfici articolari per tutta l ’ estensione
in cui queste prendono contatto tra loro. Trattasi generalmente di cartilagine
ialina e manca in superfìcie del pericondrio.
La membrana sinoviale è una sottile membrana connettivale che tappe z z a in
ternamente la capsula articolare e passa poi a rivestire le porzioni di osso con
tenute entro la cavità articolare, arrestandosi lungo i contorni delle cartilagini
articolari, le quali sono pertanto sprovviste di rivestimento; essa riveste inol
tre ogni altra forma zione contenuta entro la cavità articolare, come legamenti
interarticolari e tendini. La membrana sinoviale, in alcune articola zioni, dà luogo a
pieghe mutevolissime per sviluppo, filiformi o lamellari, spesso a bordi sfrangiati,
le quali, sparse o riunite, fanno sporgenz a entro la cavità articolare: sono le
frange sinoviali. Q ueste sono rivestite della membrana sinoviale in superfìcie
e mostrano al centro uno stroma connettivale, spesso molto ricco di vasi sangui
feri; talora poi contengono adipe e sono allora dette pieghe adipose.
La sinovia è un liquido filante contenuto nella cavità articolare. Essa è elabo
rata dalla membrana sinoviale. S erve ad umettare le superfici articolari e a nu
trire le cartilagini articolari.
Ln capsula articolare è un manicotto di tessuto connettivo denso che congiun
ge i capi ossei dell’ articola zione, inserendosi sulle ossa medesime generalmente ad
una certa distanz a dalle cartilagini articolari. La cap sula articolare in alcune artico
la zioni è pressoché continua, in altre mostra invece zone in cui è molto assotti
gliata, così da apparire interrotta; in questi casi la cavità articolare sembra essere
chiusa dalla sola membrana sinoviale, la quale si estende ininterrottamente in pro
fondità alla capsula articolare medesima.
La capsula articolare presenta alcune parti particolarmente ispessite che si
estendono da un capo osseo all’ altro: sono i legamenti intrinseci dell’ articola zione;
questi, quando nei movimenti dell’ articola zione vengono tesi, fanno da arresto
3 • A R TIC O LA ZIO NI 149

ai movimenti stessi.
I cercini articolari sono forma zioni fibrocartilagine e di forma anulare che in
alcune articola zioni sono poste lungo il contorno periferico della superficie arti
colare concava, in modo tale da diminuirne il raggio di curvatura, ossia da ren
derla maggiormente profonda per meglio accogliere la superficie articolare con
vessa.
I dischi articolari e i menischi intercalari sono setti fibrocartilaginei che, in
talune articola zioni, sono interposti fra le superfìci articolari, rendendole armo
niz z anti. I dischi articolari possono avere la forma di un disco biconcavo comple
to, oppure perforato al centro. I menischi intercalari sono segmenti di un disco,
per cui assumono all’incirca la forma di una semiluna. I dischi articolari e i meni
schi intercalari sono aderenti con il loro contorno periferico alla capsula articola
re, mentre con le due loro facce sono in rapporto con le due superfìci articolari
tra cui sono interposti.
I legamenti interarticolari collegano due ossa non perifericamente, ma trovan
dosi nello spa zio tra di esse interposto; non sono però intrarticolari, perché la
membrana sinoviale li avvolge, escludendoli così dalla cavità articolare.
I legamenti a distanz a sono posti in prossimità dell’ articola zione, ma indi
pendenti dalla capsula articolare.

Classifica zione delle diartrosi


Le diartrosi vengono classificate in base alla conforma zione delle loro superfìci
articolari, dalla quale dipendono poi i movimenti possibili dell’ articola zione mede
sima. Si considerano i seguenti tipi di diartrosi.
1. L ’ artrodia è caratteriz z ata dall’ affrontarsi di due superfìci articolari pia
ne. P ermette il solo movimento di scivolamento. N e sono esempi le articola zioni
costo-vertebrali.
2. L ’ enartrosi possiede una superficie convessa a forma di segmento di sfera
che si articola con una cavità pure sferica. P ermette i movimenti di flessione e di
estensione, di adduzione e di abduzione, di cireumduzione, di rota zione. Sono,
ad esempio, enartrosi l ’ articola zione scapolo-omerale e l ’ articola zione coxo
femorale.
3. L ’ articola zione condiloide a presenta una superficie articolare convessa a
forma di ellissoide di rota zione, detta condilo, che si adatta ad una superficie arti
colare concava di eguale forma. P ermette i movimenti di flessione e di estensione,
di adduzione e di abduzione, di cireumduzione. N e è un esempio l ’ articola zione
radio-carpale.
4. L ’ articola zione trocle are (o ginglimo angolare) mostra una superficie arti
colare a forma di puleggia (simile cioè ad un cilindro scavato al centro trasversal
mente da una gola), l ’ asse maggiore della quale è perpendicolare all’ asse della dia-
fisi dell’ osso; tale puleggia prende il nome di trocle a. L ’ altra superficie articolare
è rappresentata da una incavatura percorsa longitudinalmente da una cresta che si
adatta alla gola della trocle a. L ’ articola zione trocle are permette i movimenti di
flessione e di estensione. Sono articola zioni trocle ari l ’ articola zione del gomito e
quella del ginocchio.
5. L ’ articola zione trocoide (o ginglimo laterale) ha una superficie articolare
rappresentata da un cilindro, la cui alte z z a è parallela all’ asse maggiore della
diafisi dell’ osso; l ’ altra superficie è un anello osteo-fibroso, entro cui ruota il
cilindro medesimo. P ermette il solo movimento di rota zione. N e è un tipico
150 3 • A R TIC O LA ZIO NI

esempio l ’ articola zione radio-ulnare prossimale.


6. L ’ articola zione a sella (o articola zione ad incastro reciproco) ha una su
perficie articolare la quale è convessa in un senso e concava nell’ altro; l ’ altra super
fìcie articolare è pure concava e convessa, ma in senso inverso alla prima. P ermet
te i movimenti di flessione e di estensione, di adduzione e di abduzione, di cireum
duzione. N e è un esempio l ’ articola zione dell’ osso trape zio con l ’ osso I metacar
pale.

3.1. A R TIC O LA ZIO NI D E L T R O N C O

Articola zioni e legamenti delle vertebre


Le vertebre si articolano tra loro in corrispondenz a dei loro corpi e dei loro
processi articolari. Presentano inoltre legamenti tra le lamine, tra i processi
spinosi e tra i processi trasversi.

Articola zioni tra i corpi delle vertebre


L ’ articola zione tra i corpi di due vertebre contigue rientra nel gruppo delle
anfìartrosi.
Le superfìci articolari sono rappresentate dalla faccia inferiore del corpo
della vertebra soprastante e dalla faccia superiore del corpo della vertebra sotto
stante. Ambedue le superfìci articolari sono lievemente concave e sono rivestite
di un sottile strato di cartilagine ialina.

costa

legamento interarticolare

disco intervertebrale
articola zione costo-vertebrale

corpo della vertebra

nucleo polposo

anello fibroso

F igura 3.1. Articola zioni tra le vertebre toraciche e articola zioni costo-vertebrali destre, se zionate longitudinalmente.
3 • A R TIC O LA ZIO NI 151

membrana occipito-atlantoide a anteriore


osso occipitale

articola zione
occipito-atlantoide a
atlante membrana
atlanto-epistrofica anteriore
epistrofeo articola zione
atlanto-epistrofica
legamento longitudinale articola zione
anteriore tra i processi articolari
III vertebra disco intervertebrale

F igura 3.2. Articola zioni tra le prime tre vertebre cervicali e articola zioni dell’ atlante con l ’ osso occipitale, viste an
teriormente.

processo trasverso
della vertebra

legamento costo-trasversario- legamento longitudinale


superiore anteriore
processo
della vertebra

legamento interspinoso
legamento raggiato
legamento

F igura 3.3. Articola zioni tra le vertebre toraciche e articola zioni costo-vertebrali, viste dal lato destro.
152 3 • A R TIC O LA ZIO NI

costa

processo spinoso articola zione


della vertebra tra i processi articolari

legamento legamento del


in te r tras ve rsario tubercolo costale

processo trasverso legamento


della vertebra costo-trasversario superiore

legamento giallo- legamento sopraspinoso

F igura 3.5. Articola zioni tra le vertebre toraciche e articola zioni costo-trasversarie, viste posteriormente.
3 A R TIC O LA ZIO NI 153

Tra le due superfìci articolari è interposto un disco cartilagineo, chiamato


disco intervertebrale (fig. 3.1), che ha forma di lente biconvessa con una faccia
superiore ed una inferiore, che aderiscono strettamente alle superfìci articolari,
e con una circonferenz a. E sso risulta di una parte periferica di cartilagine fibrosa,
detta anello fibroso, e di una parte centrale: il nucleo polposo, che consta di
cellule di tipo vescicolare e che rappresenterebbe l ’ ultimo vestigio della cor
da dorsale del periodo embrionale.
I corpi vertebrali sono congiunti tra loro da due legamenti, uno anteriore e
l ’ altro posteriore, che percorrono la colonna vertebrale per tutta la sua lunghe z z a
e che, aderendo alternativamente ai corpi vertebrali e ai contorni dei dischi
intervertebrali, fungono da capsula articolare alle varie articola zioni tra i corpi
vertebrali medesimi: sono il legamento longitudinale anteriore ed il legamento
longitudinale posteriore.
II legamento longitudinale anteriore (figg. 3.2 e 3.3) origina come un sotti
le fascio fibroso dall’ osso occipitale e va slargandosi sulla parte media delle facce
anteriori dei corpi delle vertebre cervicali; si fa maggiormente esteso in corrispon
denz a dei corpi delle vertebre toraciche, dove giunge di lato fino alle articola zioni
costo-vertebrali; torna ancora a restringersi sui corpi delle vertebre lombari, dove
ne riveste la parte media delle facce anteriori. Si perde infine sulla parte superiore
dell’ osso sacro.
Il legamento longitudinale posteriore (fìg. 3.4), accolto nel canale vertebrale,
parte dal contorno anteriore del foro occipitale e si estende fino all’ osso sacro.
E sso è ristretto in corrispondenz a delle facce posteriori dei corpi vertebrali, men
tre si espande in corrispondenz a dei dischi intervertebrali, per cui presenta un
aspetto festonato.

Articola zioni tra i processi articolari delle vertebre


Le articola zioni tra i processi articolari delle vertebre rientrano nel tipo delle
artrodie. Ciascuna di esse è costituita dall’ affrontarsi della superficie articolare del
processo articolare inferiore della vertebra soprastante con la superfìcie artico
lare del processo articolare superiore della vertebra sottostante.
Le due superfìci articolari sono racchiuse entro una capsula articolare, che si
inserisce in vicinanz a dei loro contorni (figg. 3.2 e 3.5).

Legamenti tra le vertebre


I legamenti tra le vertebre sono rappresentati: dai legamenti gialli, dai lega
menti interspinosi, dal legamento sopraspinoso e dal legamento nucale, dai lega
menti intertrasversari.

Legamenti gialli. Le lamine delle vertebre sono tra loro congiunte dai legamenti
gialli (fig. 3.5). Q uesti sono lamine di tessuto elastico tese dal contorno inferiore
della lamina della vertebra soprastante al contorno superiore della lamina della
vertebra sottostante. Sono pari e simmetrici; pertanto due legamenti gialli, il de
stro e il sinistro, chiudono l ’ intervallo che intercede tra l ’ arco di una vertebra e
l ’ altro. Sottili tra le vertebre cervicali, i legamenti gialli vanno ispessendosi via via
che si procede in basso; essi raggiungono il massimo spessore tra gli archi delle
vertebre lombari.
154 3 • A R TIC O LA ZIO NI

F igura 3.6. Legamento nucale, visto dal lato destro.

Legamenti interspinosi, legamento sopraspinoso e legamento nucale. I processi spi


nosi delle vertebre sono congiunti tra loro dai legamenti interspinosi (fìg. 3.3)
che, tesi verticalmente tra un processo spinoso e l ’ altro, chiudono gli intervalli tra
i processi spinosi medesimi. Sono inoltre collegati dal legamento sopraspinoso
(fìgg. 3.3 e 3.5), che è un lungo cordone fibroso che aderisce agli apici dei pro
cessi spinosi.
Il legamento sopraspinoso, in corrispondenz a della porzione cervicale della
colonna vertebrale, assume l ’ aspetto di una lamina disposta sagittalmente, che è
detta legamento nucale (fìg. 3.6). Q uesto ha forma triangolare: la sua base è
inserita sull’ osso occipitale, in corrispondenz a della protuberanz a occipitale
esterna e della line a che a questa segue inferiormente; l ’ apice corrisponde all’ estre
mità del processo spinoso della VII vertebra cervicale; il margine anteriore è in
serito sugli apici dei processi spinosi delle vertebre cervicali e si continua con i
legamenti interspinosi; il margine posteriore è ispessito e, da ciascun lato, dà
impianto al muscolo trape zio. Il legamento nucale è ricchissimo di fibre elastiche.

Legamenti intertrasversari. I processi trasversi delle vertebre sono tra loro con
giunti dai legamenti intertrasversari (fìg. 3.5), tesi tra le estremità dei processi
trasversi medesimi. Poco evidenti nella porzione cervicale della colonna vertebrale,
sono invece più sviluppati nella porzione toracica e in quella lombare; in quest’ ul-
tima però, essi sono tesi dalla base del processo trasverso della vertebra sopra
stante al processo mammillare della vertebra sottostante.

Articola zioni dell'atlante con l'epistrofeo


Le articola zioni dell’ atlante con l’ epistrofeo sono rappresentate dall’ articola
zione atlanto-epistrofica e dall’ articola zione atlanto-odontoide a.
3 A R TIC O LA ZIO NI 155

F igura 3.7. Articola zione atlanto-odontoide a, se zionata trasversalmente.

legamento longitudinale membrana tectoria


posteriore

legamento legamento alare


dell’ apice del dente

dente dell’ epistrofeo legamento trasverso


dell’ atlante

legamento crociato
articola zione
atlanto-epistrofica

F igura 3.8. Articola zione atlanto-odontoide a, vista posteriormente.

Articola zione atlanto-epistrofica. L ’ articola zione atlanto-epistrofica (fìg. 3.2)


consta delle due artrodie tra i processi articolari inferiori dell’ atlante ed i processi
articolari superiori dell’ epistrofeo; è completata dalle due membrane atlanto-
epistrofiche, anteriore e posteriore.

Articola zione atlanto-odontoide a. L ’ articola zione atlanto-odontoide a (figg. 3.7


e 3.8) si instaura tra la faccia posteriore dell’ arco anteriore dell’ atlante ed il dente
dell’ epistrofeo.
156 3 • A R TIC O LA ZIO NI

E ’ un ’ articola zione trocoide, dove il capo articolare cilindrico è rappresentato


dal dente dell’ epistrofeo, mentre l ’ anello osteo-fìbroso, entro cui il dente dell’ epi
strofeo ruota, è costituito, in avanti, dalla faccetta articolare della faccia posterio
re dell’ arco anteriore dell’ atlante e, in addietro, dal legamento trasverso dell’ atlan
te, che è teso tra le facce mediali delle masse laterali dell’ atlante. Q uest’ ultimo
legamento presenta un lacerto che scende verticalmente per fissarsi sulla faccia
posteriore del corpo dell’ epistrofeo ed un altro che invece sale verticalmente per
attaccarsi al contorno anteriore del foro occipitale; considerato assieme a tali suoi
due lacerti, il legamento trasverso dell’ atlante prende il nome di legamento crociato.
Altri legamenti dell’ articola zione atlanto-odontoidea sono rappresentati:
dal legamento dell’ apice del dente, che dalla punta del dente dell’ epistrofeo va
ad attaccarsi sul contorno anteriore del foro occipitale, in profondità al lacerto
ascendente del legamento crociato; dai legamenti alari, destro e sinistro, che dal
dente dell’ epistrofeo si recano alla faccia mediale dei condili dell’ osso occipitale;
dalla membrana tectoria, robusta lamina che dal contorno anteriore del foro
occipitale, dorsalmente al lacerto ascendente del legamento crociato, si reca
alla faccia posteriore del corpo dell’ epistrofeo.
L ’ articola zione atlanto-odontoide a presenta due cavità articolari: l ’ una tra
la faccia anteriore del dente dell’ epistrofeo e l ’ arco anteriore dell’ atlante, l ’ altra
tra la faccia posteriore del dente dell’ epistrofeo ed il legamento trasverso del
l ’ atlante.

Articola zione vertebro-sacrale. Articola zione sacro-coccige a. Articola zioni inter-


coccige e

Articola zione vertebro-sacrale. L ’ articola zione vertebro-sacrale, che si instaura


tra la faccia inferiore del corpo della V vertebra lombare e la faccia superiore
del corpo della I vertebra sacrale, è un ’ anfiartrosi, del tutto simile a quelle già
descritte tra i corpi vertebrali.

Articola zione sacro-coccige a. L ’ articola zione sacro-coccige a, tra la faccia inferiore


del corpo della V vertebra sacrale e la faccia superiore del corpo della I vertebra
coccige a, è un ’ anfiartrosi; in essa pertanto le superfìci articolari sono congiunte
da un disco intervertebrale.
Essa possiede: il legamento sacro-coccigeo anteriore, che dalla faccia anteriore
dell’ osso sacro scende sulla faccia anteriore del coccige;il legamento sacro-coccigeo
posteriore, che dalla cresta sacrale media discende con due capi divaricanti, che
vanno ad inserirsi al coccige; i tre legamenti sacro-coccigei laterali: mediale, in
termedio e laterale, di cui il mediale collega il corno dell’ osso sacro al corno del
coccige, l ’intermedio si estende dal corno dell’ osso sacro all’ angolo laterale del
coccige ed il laterale va dal contorno laterale dell’ osso sacro all’ angolo laterale
del coccige.

Articola zioni intercoccige e. Le articola zioni intercoccige e sono anfìartrosi rudi


mentali, fornite di un disco intervertebrale.

Articola zioni e legamenti della colonna vertebrale con la testa


La colonna vertebrale è collegata allo scheletro della testa, oltre che dai
legamenti occipito-odontoidei {legamento dell’ apice del dente e legamenti alari)
3 • A R TIC O LA ZIO NI 157

corpo della vertebra

testa della costa

articola zione
processo trasverso
costo-vertebrale
della vertebra
legamento costo-
tubercolo della costa trasversario interasseo

articola zione
costo-trasversaria

Figura 3.9. Articola zioni costo-vertebrali e articola zioni costo-trasversarie, viste superiormente e a destra se zionate
oriz zontalmente.

già ricordati e dalla menzionata membrana tectoria (o legamento occipito-epistro-


fico), dall’ articola zione occipito-atlantoide a, formata delle due articola zioni
condiloide e tra i condili dell’ osso occipitale e i processi articolari superiori del
l ’ atlante.
L ’ atlante è inoltre connesso coll’ osso occipitale dalla membrana occipito-
atlantoide a anteriore (fig. 3.2) e dalla membrana occipito-atlantoide a posteriore.
La prima si estende dal contorno anteriore del foro occipitale al margine superiore
dell’ arco anteriore dell’ atlante; la seconda va dal contorno posteriore del foro
occipitale al margine superiore dell’ arco posteriore dell’ atlante.

Articola zioni del torace


Le articola zioni del torace sono rappresentate dalle articola zioni delle coste
con le vertebre e dalle articola zioni delle coste con lo sterno.

Articola zioni delle coste con le vertebre


Le articola zioni delle coste con le vertebre sono rappresentate dalle arti-
cola zioni costo-vertebrali propriamente dette e dalle articola zioni costo-trasver
sarie (fig. 3.9).

Articola zioni costo-vertebrali propriamente dette. Le articola zioni costo-vertebrali


propriamente dette (fig. 3.1) sono le articola zioni delle teste delle coste con i
corpi delle vertebre.
C iascuna costa, ecce zione fatta per la I, la XI e la XII costa, è posta a cava
liere tra i corpi di due vertebre, articolandosi con quelli mediante due artrodie;
essa presenta infatti sulla sua testa due semifaccette, l ’ una superiore e l ’ altra in
feriore, che si articolano rispettivamente con la semifaccetta del corpo della ver-
158 3 • A R TIC O LA ZIO NI

tebra toracica di numero precedente e con quella del corpo della vertebra toraci
ca di numero corrispondente.
Le articola zioni delle due semifaccette della testa di una costa sono racchiuse
entro una capsula articolare singola; hanno però ognuna una propria cavità arti
colare, perché le due articola zioni sono separate fra loro dal legamento inter-
articolare (fig. 3.1), che dalla cresta ossea oriz zontale posta tra le due semifac
cette della testa della costa si estende al disco intervertebrale situato tra le due ver
tebre che partecipano all’ articola zione.
La capsula articolare è rinforz ata in avanti dal legamento raggiato, costituito
di fasci fibrosi che dalla faccia anteriore della testa della costa irradiano a venta
glio sui corpi delle due vertebre e sul disco interventebrale tra essi interposto.
E ’ rinforz ata poi in addietro dal legamento posteriore, che dal collo della costa
irradia sui corpi vertebrali e sul disco intervertebrale.
Le articola zioni della testa della I, della XI e della XII costa col corpo rispetti
vamente della I, dell’ XI e della XII vertebra toracica sono artrodie, nelle quali
la testa della costa presenta una sola faccetta articolare; hanno quindi un ’ unica
cavità articolare. La capsula articolare è rinforz ata da legamenti analoghi a quelli
delle altre articola zioni costo-vertebrali.

Articola zioni costo-trasversarie. Le articola zioni costo-trasversarie si instaurano


tra le faccette articolari del tubercolo delle coste e le faccette articolari dell’ apice
dei processi trasversi delle vertebre toraciche di corrispondente numero. Sono
proprie delle prime dieci paia di coste, mancando in corrispondenz a delle vertebre
fluttuanti.
E ssendo la superfìcie del tubercolo costale di forma pressoché sferica, e tale
essendo anche la cavità articolare del processo trasverso della vertebra, le artico
la zioni costo-trasversarie possono essere considerate come enartrosi. La loro
capsula articolare è rinforz ata posteriormente dal legamento del tubercolo costale
(fig. 3.5), robusto fascio fibroso che è teso dal tubercolo della costa all’ apice
del processo trasverso della vertebra.
La costa è inoltre collegata al processo trasverso della vertebra: dal legamento
costo-trasversario interasseo (fig. 3.9), teso dalla faccia posteriore del collo della
costa alla faccia anteriore del processo trasverso della vertebra; dal legamento
costo-trasversario superiore (figg. 3.3 e 3.5), che dal collo della costa si porta al
processo trasverso della vertebra soprastante.

Articola zioni costo-sternali


Le articola zioni costo-sternali (fig. 3.10) sono le articola zioni delle cartilagini
costali con le incisure del margine laterale dello sterno. F atta ecce zione per la
I cartilagine costale, che in genere si continua direttamente con lo sterno, le altre
cartilagini costali terminano a forma di cuneo con una faccetta articolare
superiore e una inferiore, fra loro separate da una cresta oriz zontale, le quali si
affrontano a faccette analoghe della corrispondente incisura del margine laterale
dello sterno. Ciascuna articola zione costo-sternale consta pertanto di due artrodie,
che sono separate dal legamento inter articolare, teso dalla cresta dell’ estremità
della cartilagine costale al fondo dell’incisura del margine laterale dello sterno.
La loro capsula articolare è rinforz ata anteriormente e posteriormente dai
legamenti raggiati, rispettivamente anteriore e posteriore, che dalla cartilagine
costale irradiano a ventaglio sullo sterno.
3 A R TIC O LA ZIO NI 159

clavicola

legamento----------- legamento
interclavicolare costo-clavicolare

disco articolare legamento


sterno-clavicolare

I cartilagine costale

manubrio
legamento raggiato
dello sterno
anteriore

corpo dello sterno-


II cartilagine
costale

F igura 3.10. Articola zioni costo-sternali e articola zioni clavi-sterno-costali, viste anteriormente e a destra se zionate
frontalmente.

3.2. A R TIC O LA ZIO NI D E LLA T E S T A

Le articola zioni della testa sono sinartrosi, ecce zione fatta per l ’ articola zione
temporo-mandibolare la quale è l ’ unica articola zione mobile.

Articola zione temporo-mandibolare


L ’ articola zione temporo-mandibolare è l ’ articola zione fra i due ossi temporali
e la mandibola. Essa consta di due articola zioni condiloide e, destra e sinistra,
eguali e simmetriche.
In ciascuna di tali articola zioni condiloide e (fig. 3.11), la superficie articolare
della mandibola è rappresentata dal condilo; la superficie articolare dell’ osso
temporale è costituita, posteriormente della fossa mandibolare (o cavità gle-
noide a) e, anteriormente, del tubercolo articolare (o condilo del temporale). Tra
le due superfici articolari è interposto un disco articolare fibrocartilagineo, il
quale col suo contorno periferico aderisce alla superfìcie interna della capsula
articolare e suddivide così due cavità articolari, l ’ una superiore e l ’ altra inferio
re.
La capsula articolare dell’ articola zione temporo-mandibolare (figg. 3.12 e
3.13), in alto, si inserisce sull’ osso temporale: anteriormente, sul contorno an
teriore del tubercolo articolare e, posteriormente, nella fossa mandibolare subito
al davanti della fessura petro-timpanica (o fessura del Glaser); in basso, si attacca
lungo il collo del condilo della mandibola. Essa è rinforz ata lateralmente dal
legamento temporo-mandibolare, robusto fascio triangolare, a base superiore, che
dal tubercolo zigomatico dell’ osso temporale si porta in basso per inserirsi sul
160 3 A R TIC O LA ZIO NI

F igura 3.11. Articola zione temporo-mandibolare dal lato sinistro, se zionata sagittalmente.

contorno laterale e su quello posteriore del collo del condilo della mandibola.
V engono infine descritti, come annessi all’ articola zione temporo-mandibolare:
il legamento sfeno-mandibolare (fìg. 3.13), che parte dalla spina dello sfenoide
e scende sulla faccia mediale del ramo della mandibola, dove si inserisce sulla lin
gula della mandibola (o spina dello Spix); il legamento stilo-mandibolare (figg.
3.12 e 3.13), che nasce dal processo stiloideo dell’ osso temporale e si porta
sulla faccia postero-mediale della mandibola, in vicinanz a dell’ angolo.

-osso temporale

legamento
temporo-mandibolare
processo stiloideo
dell’osso temporale

legamento
stilo-mandibolare
mandibola
legamento stilo-joideo

osso joideo-

F igura 3.12. Articola zione temporo-mandibolare dal lato sinistro, vista lateralmente.
3 A R TIC O LA ZIO NI 161

3.3. A R TIC O LA ZIO NI D E G LI A R TI S U P E RIO RI

Articola zione clavi-sterno-costale


L ’ articola zione clavi-stemo-costale (fig. 3.10) si stabilisce tra l ’ estremità me
diale della clavicola, da una parte, ed il manubrio dello sterno con la I cartilagine
costale, dall’ altra. Può essere considerata una enartrosi incompleta; infatti, l ’ inci-
sura clavicolare del manubrio dello sterno con la faccetta articolare della I cartila
gine costale costituiscono una superfìcie articolare che è nettamente concava in
senso verticale e pochissimo in senso oriz zontale, così anche la superfìcie arti
colare della clavicola mostra una convessità accentuata solo verticalmente e ap
pena accennata oriz zontalmente. Tra le due superfìci articolari è interposto un
disco articolare, che scompone in due parti la cavità dell’ articola zione medesima.
La capsula articolare dell’ articola zione clavi-stemo-costale è rinforz ata: an
teriormente, dal legamento sterno-clavicolare, formato di fasci fibrosi che dallo
sterno salgono obliquamente in fuori sull’ estremità mediale della clavicola; supe
riormente, dal legamento interclavicolare, che collega le estremità mediali delle
due clavicole, passando al disopra della incisura giugulare dello sterno; lateral
mente, dal legamento costo-clavicolare, che dalla I cartilagine costale sale in alto
per inserirsi sulla clavicola.

Articola zioni del cingolo scapolare


Le articola zioni del cingolo scapolare sono rappresentate dall’ articola zione
acromio-clavicolare e dal legamento coraco-clavicolare.

Articola zione acromio-clavicolare. L ’ articola zione acromio-clavicolare (fig. 3.14)


è un ’ artrodia. Le sue superfìci articolari sono rappresentate dalla faccia articolare

capsula articolare
dell’ articola zione
temporo-mandibolare

processo stiloideo legamento


dell’ osso temporale sfeno-mandibolare

legamento
stilo-mandibolare

legamento stilo joideo della mandibola

mandibola

— osso joideo

F igura 3.13. Articola zione temporo-mandibolare dal lato sinistro, vista medialmente.
162 3 • A R TIC O LA ZIO NI

clavicola-

articola zione acromio-clavicolare

acromion della legamento coraco-clavicolare

legamento coraco-acromiale
coracoideo della scapola

fossa glenoide a della scapola


labbro glenoideo

scapola

F igura 3.14. Articola zione acromio-clavicolare, legamento coraco-clavicolare e legamento coraco-acromiale di destra.

dell’ estremità dell’ acromion della scapola e dalla faccia articolare dell’ estremità
laterale della clavicola. La sua capsula articolare è rinforz ata dal legamento acro
mio-clavicolare, teso superiormente tra l ’ acromion e la clavicola.

Legamento coraco-clavicolare. La clavicola è connessa al sottostante processo co


racoideo della scapola dal robusto legamento coraco-clavicolare, che limita i
movimenti della scapola rispetto alla clavicola. E sso consta del legamento co
noide e del legamento trape zoide.
Il legamento conoide, disposto frontalmente, è un fascio fibroso triangolare,
il cui apice, inferiore, prende attacco sulla base del processo coracoideo della sca
pola e la cui base è inserita sulla faccia inferiore della clavicola, in corrispondenz a
della tuberosità coracoide a.
Il legamento trape zoide è posto di lato al legamento conoide ed è una lamina
quadrilatera, orientata sagittalmente, che dalla tuberosità coracoide a della faccia
inferiore della clavicola scende sulla metà posteriore del processo coracoideo della
scapola.
3 • A R TIC O LA ZIO NI 163

Legamenti propri della scapola


I legamenti propri della scapola sono: il legamento coraco-acromiale ed il
legamento trasverso della scapola.
II legamento coraco-acromiale (fig. 3.14) è una benderella fibrosa triangolare
che dal contorno laterale del processo coracoideo, dove ha la sua base di impian
to, si porta lateralmente ed in alto per attaccarsi sulla faccia inferiore dell’ acro-
mion, presso la sua estremità.
il legamento trasverso della scapola (fig. 3.15), partendo dalla base del pro
cesso coracoideo, si porta sopra l ’incisura della scapola e la trasforma in un
forame.

Articola zione scapolo-omerale


L ’ articola zione scapolo-omerale (fig. 3.15) collega la parte libera dell’ arto
superiore al cingolo scapolare. Essa è una enartrosi.
L ’una superficie articolare è la testa dell’ omero, che ha forma di segmento
di sfera, l ’ altra superficie articolare è la cavità glenoide a della scapola, completata
perifericamente dal labbro glenoideo (fig. 3.14). E ’ questo un cercine articolare
di fibrocartilagine, a se zione prismatico-triangolare con tre facce, di cui l ’ una ser
ve d ’impianto sul contorno della cavità glenoide a, l ’ altra è esterna ed è in rapporto
con la capsula articolare che su di essa si impianta, l ’ altra infine è interna e conti
nua la cavità glenoide a come superfìcie articolare.
La capsula articolare si inserisce, sulla scapola, in corrispondenz a del contorno
della cavità glenoide a e, sull’ omero, lungo il collo anatomico, scendendo medial-
mente fino al collo chirurgico.
La capsula articolare è rinforz ata superiormente dal legamento coraco-omerale,
che le è applicato sopra, estendendosi dalla base del processo coracoideo della
scapola al tubercolo maggiore dell’ omero.
La capsula articolare presenta anteriormente tre ispessimenti che, dall’ alto in

legamento coraco-omerale

legamento
gleno-omerale superiore

omero- legamento trasverso


della scapola

m. sottoscapolare - legamento
gleno-omerale medio
tendine del capo lungo -
scapola
del m. bicipite
del braccio

foro ovale
gleno-omerale inferiore

F igura 3.15. Articola zione scapolo-omerale destra, vista anteriormente.


164 3 • A R TIC O LA ZIO NI

basso, sono: il legamento gleno-omerale superiore, che dal contorno superiore


della cavità glenoide a della scapola si porta trasversalmente in fuori, per giun
gere al di sopra del tubercolo minore dell’ omero; il legamento gleno-omerale me
dio, che parte dal contorno della cavità glenoide a della scapola e dal cercine gle-
noideo, subito sotto l ’impianto del legamento gleno-omerale superiore, e si porta
in fuori ed in basso per attaccarsi alla base del tubercolo minore dell’ omero; il
legamento gleno-omerale inferiore, che dal contorno anteriore della cavità gle
noide a della scapola si porta in basso ed in fuori per inserirsi sul collo chirurgico
dell’ omero.
La capsula articolare, nella sua zona compresa tra il legamento gleno-omerale
superiore ed il legamento gleno-omerale medio, è estremamente sottile e la chiu
sura della cavità articolare è praticamente dovuta alla sola membrana sinoviale;
tale zona è detta foro ovale {del W eitbrecht).
L ’ articola zione scapolo-omerale è percorsa internamente dal tratto iniziale
del tendine del capo lungo del muscolo bicipite del braccio, che è avvolto dalla
membrana sinoviale.

Articola zione del gomito


L' articola zione del gomito (figg. 3.16 e 3.17) consta di tre articola zioni,
racchiuse entro una sola cavità articolare. Sono: l ’ articola zione omero-ulnare,
che è un ’ articola zione trocle are ed è responsabile dei movimenti di flessione e
di estensione dell’ avambraccio sul braccio; l ’ articola zione omero-radiale, che è
un ’ articola zione condiloide a e partecipa ai movimenti dell’ articola zione omero
ulnare; l ’ articola zione radio-ulnare prossimale, che è un ’ articola zione trocoide ed è
deputata alla rota zione del radio attorno all’ ulna, determinando quindi la rota
zione della palma della mano in avanti {movimento di supina zione), oppure in
addietro {movimento di prona zione).

F igura 3.16. Articola zione del gomito di destra, vista lateralmente.


3 • A R TIC O LA ZIO NI 165

N ell’ articola zione omero-ulnare, le superfici articolari sono rappresentate


rispettivamente dalla trocle a dell’ omero e dall’ incisura semilunare dell’ ulna.
N ell ' artico la zio ne omero-radiale, una superfìcie articolare è data dal condilo
dell’ omero, l ’ altra dalla fossa della testa del radio. N ell’ articola zione radio-ulnare
prossimale le superfici articolari sono rappresentate dalla circonferenz a articolare
della testa del radio e da un anello osteo-fìbroso che la circonda; tale anello
osteo-fibroso è dato dalla incisura radiale dell’ ulna e dal legamento anulare del
radio, resistentissimo semianello fibroso che si estende dal contorno anteriore
a quello posteriore della incisura radiale medesima.
La capsula articolare dell’ articola zione del gomito superiormente si inserisce
sull’ omero, secondo una line a che: in avanti, segue il contorno della fossetta
radiale e quello della fossetta coronoide a; medialmente, passa sotto l ’ epitrocle a;
posteriormente costeggia il contorno della fossa olecranica; lateralmente infine,
passa sotto all’ epicondilo. Inferiormente si inserisce sull’ ulna, seguendo i contorni
periferici della incisura semilunare e della incisura radiale, si inserisce poi lungo
il collo del radio; nel passare dal contorno inferiore della incisura radiale dell’ ulna
al collo del radio, forma un robusto ispessimento, che chiude inferiormente la ca
vità articolare e contribuisce a fissare il radio all’ ulna: è il legamento quadrato, (del
Denucé).
La capsula articolare dell’ articola zione del gomito è relativamente sottile in
avanti e in addietro; è invece ispessita sui lati, dove forma i legamenti collaterali
ulnare e radiale. Il legamento collaterale ulnare parte dal contorno inferiore del-
l ’ epitrocle a dell’ omero e consta di tre fasci: l ’ anteriore, che si porta sulla parte
antero-mediale del processo coronoideo dell’ ulna, il medio, che si reca al contorno
mediale dello stesso processo coronoideo, il posteriore (o legamento del B ardinet),
che si porta al contorno mediale dell’ olecrano dell’ ulna; tale complesso legamento-
so mediale dell’ articola zione del gomito è completato dal legamento del Cooper,
che è un fascio fibroso teso dalla base dell’ olecrano a quella del processo coronoi-

epitrocle a

legamento anulare del radio

radio legamento
collaterale
ulnare

-legamento
ulna del C ooper

F igura 3.17. Articola zione del gomito di destra, vista medialmente.


166 3 • A R TIC O LA ZIO NI

F igura 3.18. Articola zioni radio-ulnari prossimale e distale e membrana interosse a dell’ avambraccio di destra, viste
anteriormente.

deo dell’ ulna. Il legamento collaterale radiale si diparte dal contorno inferiore del-
l ’ epicondilo dell’ omero e consta anch’ esso di tre fasci: l ’ anteriore, che si porta in
avanti, contornando la testa del radio, e va a fissarsi sull’ ulna lungo il contorno
anteriore della incisura radiale; il medio, che va ad attaccarsi al contorno posterio
re della incisura radiale dell’ ulna; il posteriore, che si reca al contorno laterale
dell’ olecrano dell’ ulna.

Articola zione radio-ulnare distale


L ’ articola zione radio-ulnare distale (fig. 3.18) è un ’ articola zione trocoide.
L ’ una superfìcie articolare è rappresentata dall’incisura ulnare del radio, l ’ altra
superfìcie articolare è data dalla circonferenz a articolare della testa dell’ ulna.
La cavità articolare dell’ articola zione radio-ulnare distale si continua con
quella dell’ articola zione che l ’ estremità inferiore della testa dell’ ulna contra e
col legamento triangolare. E ’ questo una fibrocartilagine che, tesa dal margine
inferiore dell’incisura ulnare del radio all’impianto del processo stiloideo dell’ulna,
divide l ’ ulna dal carpo.
Un ’ unica capsula articolare racchiude l ’ articola zione dell’ ulna col radio e
quella dell’ ulna col legamento triangolare.

Membrana interosse a dell’ avambraccio e corda obliqua


La membrana interosse a dell’ avambraccio (fig. 3.18) è tesa dalla cresta inter
ossea del radio a quella dell’ ulna, cominciando alquanto al disotto della tube
rosità del radio e giungendo in basso fino alla articola zione radio-ulnare distale.
Essa è particolarmente ispessita nella sua parte media, dove consta soprattutto
di fasci diretti obliquamente dall’ alto in basso e in senso latero-mediale.
Lo spa zio tra il radio e l ’ ulna, soprastante alla membrana interosse a dell’ avam
braccio, è occupato da un robusto fascio fibroso che dalla base del processo coro-
noideo dell’ ulna scende obliquamente in basso per inserirsi sotto alla tuberosità
del radio; è detto corda obliqua (o legamento del W eitbrecht') (fig. 3.18).
3 A R TIC O LA ZIO NI 167

Articola zione radio-carpale


L ’ articola zione radio-carpale (fig. 3.19) congiunge l ’ avambraccio alla mano.
Essa è un ’ articola zione condiloide a. La superfìcie articolare dell’ avambraccio è
data, lateralmente, dalla faccia articolare carpale dell’ estremità inferiore del radio,
e, medialmente, dal legamento triangolare, che si estende sotto l ’ estremità infe
riore dell’ ulna, escludendo quest’ ultima dall’ articola zione col carpo.
La superfìcie articolare della mano è data dal condilo carpale; questo risulta
dei primi tre ossi della serie prossimale del carpo, ossia dell’ osso navicolare, del
l ’ osso semilunare e dell’ osso piramidale, strettamente collegati dai legamenti
interassei, tesi tra le loro estremità prossimali.
La capsula articolare dell’ articola zione radio-carpale si inserisce: superior
mente, sul contorno della faccia articolare carpale del radio e su quello del lega
mento triangolare; inferiormente, sul bordo della superficie articolare del condilo
carpale. Essa e rinforz ata, sulla faccia anteriore, dal legamento radio-carpale pal
mare e dal legamento ulno-carpale palmare; sulla faccia posteriore, dal legamento
radio-carpale dorsale; sui lati, rispettivamente dal legamento collaterale radiale
e dal legamento collaterale ulnare.
Il legamento radio-carpale palmare parte con un fascio dal processo stiloideo
del radio, coll’ altro dalla contigua porzione del contorno anteriore della faccia ar
ticolare carpale del radio. Il primo fascio scende sulla faccia anteriore dell’ osso ca
pitato, il secondo fascio va alla faccia anteriore dell’ osso semilunare.
Il legamento ulno-carpale palmare nasce dal processo stiloideo dell’ ulna

radio ulna

legamento osso semilunare


radio-carpale palmare

legamento collaterale radiale legamento collaterale ulnare

osso navicolare legamento ulno-carpale


palmare

osso trape zio osso pisiforme

articola zione osso uncinato


carpo-metacarpale laterale

osso I metacarpale- - osso capitato

F igura 3.19. Articola zione radio-carpale destra, vista anteriormente.


168 3 • A R TIC O LA ZIO NI

F igura 3.20. Legamento trasverso del carpo di destra.

e va ad inserirsi sulla faccia anteriore dell’ osso semilunare e su quella dell’ osso
piramidale.
Il legamento radio-carpale dorsale si diparte dal contorno posteriore della
faccia articolare carpale del radio e va ad attaccarsi sulla faccia posteriore dell’ osso
piramidale.
Il legamento collaterale radiale è un corto fascio di forma conoide, che dal
l ’ apice del processo stiloideo del radio scende sull’ osso navicolare.
Il legamento collaterale ulnare, più lungo del precedente, parte dal processo
stiloideo dell’ ulna e si scompone in due parti, di cui l ’ anteriore si attacca sull’ osso
pisiforme e la posteriore sull’ osso piramidale.

Legamento trasverso del carpo


Il legamento trasverso del carpo (fig. 3.20) è una robustissima lamina fi
brosa che è tesa a ponte sulla faccia anteriore del carpo; essa si estende infatti dal
l ’ eminenz a radiale del carpo, formata dalle sporgenz e dell’ osso navicolare e del
l ’ osso trape zio, all’ eminenz a ulnare del carpo, costituita dall’ osso pisiforme e
dall’ uncino dell’ osso uncinato.
Il legamento trasverso del carpo circoscrive, con la retrostante doccia formata
dalle ossa del carpo, un canale osteo-fìbroso, denominato canale del carpo.

Articola zioni della mano


Si distinguono nella mano le articola zioni intercarpali, le articola zioni carpo
metacarpali, le articola zioni intermetacarpali, le articola zioni metacarpo-falange e
e le articola zioni interfalange e della mano.
3 • A R TIC O LA ZIO NI 169

Articola zioni intercarpali


Le articola zioni intercarpali sono distinte in: articola zioni tra le ossa prossi-
simali del carpo, articola zioni tra le ossa distali del carpo, articola zioni tra le ossa
prossimali e quelle distali del carpo o articola zione mediocarpale.

Articola zioni tra le ossa prossimali del carpo. N ella serie prossimale delle ossa del
carpo, l ’ osso navicolare si articola coll’ osso semilunare e l ’ osso semilunare si ar
ticola coll’ osso piramidale mediante artrodie, le cui cavità articolari sono in con
tinua zione con la cavità dell’ articola zione mediocarpale. T ali ossa sono congiunte
dai già ricordati legamenti interossei, i quali sono tesi tra le estremità prossimali
delle ossa medesime e chiudono così le cavità articolari, impedendone la comuni
ca zione con la cavità dell’ articola zione radio-carpale ; sono congiunti poi perife
ricamente da legamenti palmari e legamenti dorsali.
L ’ osso pisiforme si articola coll’ osso piramidale mediante un ’ artrodia. L ’ ar
ticola zione possiede il legamento piso-uncinato, diretto all’ uncino dell’ osso unci
nato, e il legamento piso-metacarpale, che si reca alla base dell’ osso V metacar
pale; essi rappresentano espansioni del tendine del muscolo flessore ulnare del
carpo che arriva all’ osso pisiforme.

Articola zioni tra le ossa distali del carpo. N ella serie distale delle ossa del carpo si
articolano, mediante artrodie, l ’ osso trape zio coll’ osso trape zoide, l ’ osso trape
zoide coll’ osso capitato e l ’ osso capitato coll’ osso uncinato.
Le cavità di tali articola zioni si continuano con la cavità dell’ articola zione
mediocarpale, mentre all’ estremità distale sono chiuse dai legamenti interassei.
Le ossa della serie distale del carpo, oltre che dai legamenti interassei, sono
congiunte anche da legamenti palmari e da legamenti dorsali.

Articola zione mediocarpale. L ’ articola zione mediocarpale si instaura tra l ’ osso


navicolare, l ’ osso semilunare e l ’ osso piramidale, da una parte, e l ’ osso trape zio,
l ’ osso trape zoide, l ’ osso capitato e l ’ osso uncinato dall’ altra.
Si possono distinguere in tale articola zione, che ha una cavità articolare
unica, due parti: la parte laterale corrispondente all’ articola zione dell’ osso navi
colare con l ’ osso trape zio e con l ’ osso trape zoide, che è un artrodia; la parte me
diale, dove l ’ osso navicolare, l ’ osso semilunare e l ’ osso piramidale formano una
concavità che accoglie l ’ osso capitato e l ’ osso uncinato, che è una articola zione
condiloide a.
L ’ articola zione mediocarpale possiede una sua capsula articolare, che è rinfor
z ata dai legamenti: palmare, dorsale, collaterale laterale e collaterale mediale.

Articola zioni carpo-metacarpali


Le articola zioni carpo-metacarpali sono l ’ una laterale (o del pollice) e l ’ altra
mediale (o delle quattro ultime dita).

Articola zione carpo-metacarpale laterale. L ’ articola zione carpo-metacarpale late


rale (o del pollice) (fig. 3.19) si instaura tra l ’ osso trape zio e la base dell’ osso
I metacarpale. E ’ un tipico esempio di articola zione a sella.

Articola zione carpo-metacarpale mediale. L ’ articola zione carpo-metacarpale me


diale (o delle quattro ultime dita) si instaura tra le quattro ossa della serie distale
170 3 • A R TIC O LA ZIO NI

del carpo e le basi dei quattro ultimi ossi metacarpali; consta di una serie di artro-
die, riunite entro un ’ unica cavità articolare. La base dell’ osso II metacarpale si
articola, all’ estremità con l ’ osso trape zoide e, mediante le due faccette che stanno
ai lati, con l ’ osso trape zio e con l ’ osso capitato; la base dell’ osso III metacarpale
si articola con l ’ osso capitato; la base dell’ osso IV metacarpale si articola con l ’ os
so capitato e con l ’ osso uncinato; infine, la base dell’ osso V metacarpale si arti
cola con l ’ osso uncinato.
La capsula articolare dell’ articola zione carpo-metacarpale mediale è rinforz ata,
sia dal lato palmare che da quello dorsale, da una serie di fascetti verticali ed
obliqui, che collegano le ossa della serie distale del carpo alle basi degli ossi
metacarpali e che costituiscono rispettivamente i legamenti palmari e i legamenti
dorsali dell’ articola zione. L ’ articola zione carpo-metacarpale mediale possiede poi
il legamento interasseo che, partendo con due distinti fasci dalle facce contigue
dell’ osso capitato e dell’ osso uncinato, va ad inserirsi sulla faccia mediale della
base dell’ osso III metacarpale.

Articola zioni intermetacarpali


Le articola zioni intermetacarpali, proprie degli ultimi quattro ossi metacar
pali, sono rappresentate dalle articola zioni tra le loro basi: articola zioni interme
tacarpali prossimali, e dalle connessioni tra le loro teste: articola zioni interme
tacarpali distali. Le basi dei quattro ultimi ossi metacarpali si articolano tra di
loro mediante artrodie, le cui cavità articolari comunicano, all’ estremità prossi
male, con la cavità dell’ articola zione carpo-metacarpale mediale, mentre distal
mente sono chiuse da un legamento interosseo robustissimo. La loro capsula
articolare è rinforz ata dai legamenti palmari e dai legamenti dorsali.
Le teste dei quattro ultimi ossi metacarpali sono collegate tra loro, sul lato
palmare, da resistenti fasci fibrosi, che nell’insieme costituiscono il legamento
trasverso delle teste degli ossi metacarpali.

Articola zioni metacarpo-falange e


Le articola zioni metacarpo-falange e, che si instaurano tra gli ossi metacarpali
e le I falangi, sono articola zioni condiloide e. In ciascuna articola zione metacarpo-
falange a, una superfìcie articolare è rappresentata dalla testa dell’ osso metacar
pale, l ’ altra superfìcie articolare è data dalla cavità glenoide a della base della I
falange, completata sul lato palmare da una firbocartilagine glenoide a, che la
rende più ampia.
La capsula articolare delle articola zioni metacarpo-falange e è rinforz ata dai
legamenti collaterali laterale e mediale, robusti fasci fibrosi che dalle due facce
rispettivamente laterale e mediale della testa dell’ osso metacarpale si recano alla
base della I falange.

Articola zioni interfalange e della mano


Le articola zioni interfalange e della mano sono articola zioni trocle ari ; risultano
infatti costituite ciascuna della trocle a dell’ estremità distale della falange superiore
e della concavità della base della falange inferiore, la quale dal lato palmare è com
pletata da una fibrocartilagine glenoide a. La capsula articolare è rinforz ata, sui
lati, dai legamenti collaterali laterale e mediale.
3 A R TIC O LA ZIO NI 171

3.4. A R TIC O LA ZIO NI D E G LI A R TI IN F E RIO RI

Articola zioni del bacino


Le articola zioni del bacino sono rappresentate dall’ articola zione sacro-iliaca,
che collega l ’ osso dell’ anca alla colonna vertebrale, e dalla sinfisi pubica, che con
giunge fra loro i due ossi dell’ anca.

Articola zione sacro-iliaca


L ’ articola zione sacro-iliaca (fig. 3.21) può essere classificata tra la sinfisi,
essendo una forma intermedia tra le anfiartrosi e le diartrosi, a causa della presen
z a di una cavità scavata nello strato di fibrocartilagine che è interposto tra le
due superfici articolari.
Le due superfici articolari sono rappresentate rispettivamente dalla superficie
auricolare dell’ osso sacro e dalla faccia auricolare dell’ osso dell’ anca, di cui la prima
lievemente concava, la seconda invece convessa. Le due superfici articolari sono
rivestite di uno strato di cartilagine ialina e, verso la cavità dell’ articola zione,
di uno strato di fibrocartilagine a superficie alquanto irregolare.
La capsula articolare è rinforz ata in avanti dal legamento sacro-iliaco ante
riore, che è poco resistente, e in addietro dal legamento sacro-iliaco posteriore.
Q uest’ ultimo consta di robusti fasci connettivali, che dal contorno dell’ osso del
l ’ anca, compreso tra la spina iliaca postero-superiore e quella postero-inferiore, si
portano medialmente e in basso per inserirsi sui tubercoli della cresta sacrale late
rale; esso si continua in profondità con il legamento sacro-iliaco interasseo, forma-

legamento sacro-iliaco posteriore

osso sacro -osso dell’ anca

grande foro

spina ischiatica— legamento sac~o-spinoso

piccolo foro ischiatico— legamento sacro-tuberoso


membrana otturatoria —
sinfisi pubica
tuberosità ischiatica-—

* igura 3.21. Articola zioni sacro-iliache, sinfisi pubica e legamenti del bacino, visti posteriormente.
172 3 A R TIC O LA ZIO NI

to di resistentissimi fasci fibrosi, che sono tesi trasversalmente tra l ’ osso sacro e
l ’ osso dell’ anca, nella depressione cuneiforme tra le due ossa medesime.

Sinfisi pubica
La sinfisi pubica (fig. 3.21) è l ’ articola zione tra i due ossi dell’ anca. Essa si in
staura tra le facce sinfìsiane dei due pubi; queste sono rivestite di cartilagine iali
na e sono congiunte tra loro dall’interposizione di una lamina fibrocartilagine a,
la quale talora può presentare al centro una fessura verticale, più o meno estesa.
Attorno all’ articola zione si trova una capsula articolare, che si estende da
un pube all’ altro, aderendo alla lamina fibrocartilagine a. Essa è rinforz ata, supe
riormente ed inferiormente, rispettivamente dal legamento pubico superiore e dal
legamento arcuato del pube.

Legamenti estrinseci del bacino


I legamenti estrinseci del bacino sono quelli che collegano l ’ osso dell’ anca alla
colonna vertebrale. E ssi sono il legamento ilio-lombare ed i legamenti sacro
ischiatici.
1. Il legamento ilio-lombare parte dall’ apice del processo costiforme della V
vertebra lombare e scende lateralmente per inserirsi sulla cresta iliaca, al confine
tra il suo terzo posteriore e i due terzi anteriori.
2. I legamenti sacro-ischiatici sono due: il legamento sacro-tuberoso ed il
legamento sacro-spinoso (fig. 3.21).
II legamento sacro-tuberoso è un robustissimo ed ampio legamento a forma
di ventaglio, la cui base si impianta: sul contorno posteriore dell’ osso dell’ anca tra
la spina iliaca postero-superiore e la spina iliaca postero-inferiore, sul contorno la
terale dell’ osso sacro, sul contorno laterale della parte superiore del coccige.
D a tale inserzione esso si porta lateralmente ed in basso, restringendosi ed assu
mendo l ’ aspetto di un grosso cordone fibroso. R aggiunge infine la tuberosità
ischiatica sulla quale, slargandosi, si impianta.
Il legamento sacro-spinoso è situato anteriormente al precedente. Di forma
triangolare, esso si impianta con la sua base sul contorno laterale dell’ osso sacro
e sulla faccia anteriore del legamento sacro-tuberoso. Si porta oriz zontalmente
in fuori e va ad inserirsi sulla spina ischiatica.
I legamenti sacro-ischiatici prendono parte alla costituzione della parete po
steriore della piccola pelvi. E ssi trasformano la grande incisura ischiatica e la
piccola incisura ischiatica dell’ osso dell’ anca rispettivamente nel grande foro
ischiatico e nel piccolo foro ischiatico.

Legamenti intrinseci del bacino


I legamenti intrinseci del bacino (fig. 3.22) sono strutture fibrose che hanno
sia l ’ origine che la termina zione su parti dell’ osso dell’ anca. E ssi sono: la mem
brana otturatoria, il legamento inguinale, il legamento lacunare {del Gimbernat),
il legamento pubico {del C ooper), la benderella ilio-pettine a.
1. La membrana otturatoria è una lamina fibrosa che, inserendosi sul con
torno del foro otturato, chiude questo quasi interamente, fatta ecce zione per
la sua parte più elevata, arrestandosi infatti essa al disotto della doccia ottu
ratoria, scavata sul contorno superiore del foro otturato medesimo. Q uivi infatti
3 • A R TIC O LA ZIO NI 173

osso dell’ anca


-spina iliaca antero-superiore

lacuna neuro-muscolare

benderella ilio-pettine a vasale

legamento lacunare

tubercolo pubico
canale otturatorio
membrana otturatoria

F igura 3.22. Legamenti intrinseci del bacino di destra.

la doccia otturatoria, superiormente, ed il margine superiore della membrana


otturatoria, inferiormente, delimitano il canale otturatorio per il passaggio del
nervo e dei vasi otturatori.
2. Il legamento inguinale (o legamento del F alloppia) è una robusta bende
rella fibrosa, concava verso l ’ alto, che si estende dalla spina iliaca antero-superiore
al tubercolo pubico, passando a ponte sopra il contorno anteriore dell’ osso
dell’ anca. E ’ una dipendenz a della aponevrosi del muscolo obliquo esterno dell’ ad
dome; consta però anche di fibre proprie.
3. Il legamento lacunare {del Gimbemat) è una resistente forma zione fibrosa
di forma triangolare, che si diparte dal contorno posteriore della parte più mediale
del legamento inguinale e si reca oriz zontalmente in addietro, per prendere
inserzione sulla parte mediale della cresta pettine a dell’ osso dell’ anca. Il suo apice,
mediale, corrisponde al tubercolo pubico; la sua base, laterale, è profondamente
incavata e chiude medialmente la lacuna vasale (v. oltre). /
4. Il legamento pubico (del C ooper) è un cordone fibroso che costeggia
la cresta pettine a dell’ osso dell’ anca. E ’ un ispessimento della fascia del muscolo
pettineo, là dove la fascia medesima prende inserzione sulla cresta pettine a.
5. La benderella ilio-pettine a è una lamina connettivale che dalla faccia in
feriore del legamento inguinale discende sulla retrostante eminenz a ilio-pettine a del
l ’ osso dell’ anca; è una dipendenz a della fascia del muscolo ilio-psoas. La bende
rella ilio-pettine a divide lo spa zio che si trova tra il legamento inguinale ed il
contorno anteriore dell’ osso dell’ anca in due parti, di cui la laterale è detta lacuna
neuro-muscolare, perché vi passano il nervo femorale ed il muscolo ilio-psoas,
mentre la mediale è chiamata lacuna vasale, essendo deputata al passaggio dell’ ar
teria femorale, della vena femorale e dei vasi linfatici efferenti dei linfonodi
inguinali.
174 3 • A R TIC O LA ZIO NI

Figura 3.23. Articola zione coxo-femorale destra, aperta e vista posteriormente.

Articola zione coxo-femorale


L ’ articola zione coxo-femorale (fìg. 3.23) congiunge il femore all’ osso del
l ’ anca. E ’ una enartrosi.
La superfìcie articolare del femore è rappresentata dalla sua testa, che ha
forma di segmento di sfera; quella dell’ osso dell’ anca è data dall’ acetabolo, cavità
che è pure di forma sferica. Non tutto l ’ acetabolo però si articola direttamente
con la testa del femore; la sua parte che prende diretto contatto con la testa del
femore è la faccia lunata, che corrisponde alla parte periferica e che è rivestita
di cartilagine articolare; la sua parte più interna: il fondo dell’ acetabolo, ha in
fatti solo un rivestimento di periostio, su cui è adagiato un batuffolo adiposo.
La cavità dell’ acetabolo è resa più profonda dal labbro acetabolare, che è un
cercine articolare di fibrocartilagine applicato al ciglio acetabolare. T ale labbro
acetabolare, che in se zione è prismatico-triangolare, offre a considerare tre
facce: una aderente al ciglio acetabolare, l ’ altra interna, che prosegue perife
ricamente la faccia lunata ed è quindi articolare; l ’ altra infine esterna, che è
in rapporto con la capsula articolare. Il labbro acetabolare passa a ponte sull’ in-
cisura dell’ acetabolo col nome di legamento trasverso dell’ acetabolo, delimitando
così un foro, attraverso cui passano i vasi del legamento rotondo del femore.
La capsula articolare dell’ articola zione coxo-femorale (fìgg- 3-24 e 3.25),
con il suo bordo superiore, si attacca sull’ osso dell’ anca lungo il ciglio acetabolare,
esternamente al labbro acetabolare;con il suo contorno inferiore, prende attacco sul
femore: in avanti, lungo la line a intertrocanterica e, in addietro, al confine tra i due
3 • A R TIC O LA ZIO NI 175

osso dell’ anca —

spina iliaca ------


antero-inferiore

fascio obliquo—
del legamento
ileo-femorale

grande trocantere

piccolo trocantere

F igura 3.24. Articola zione coxo-femorale destra, vista anteriormente.

osso dell’ anca

ischio-femorale

trocantere

piccolo trocantere

collo anatomico del femore femore

F igura 3.25. Articola zione coxo-femorale destra, vista posteriormente.


176 3 • A R TIC O LA ZIO NI

faccia rotule a del femore L


V
condilo mediale del femore
condilo laterale del femore —
crociato posteriore

legamento collaterale fibulare legamento crociato anteriore

menisco mediale
menisco laterale
condilo mediale della tibia
tendine del m. bicipite
condilo laterale della tibia
del femore

legamento anteriore legamento rotuleo


della testa della fibula
rotula

tendine del m. quadricipite


tibia del femore

F igura 3.26. Articola zione del ginocchio di destra, aperta e vista anteriormente.

terzi superiori ed il terzo inferiore del collo anatomico.


La capsula articolare dell’ articola zione coxo-femorale consta di fasci fibrosi
circolari, situati profondamente, e di fasci fibrosi longitudinali, che sono più su
perficiali e formano i legamenti: ileo-femorale, pubo-femorale e ischio-femorale.
Il legamento ileo-femorale (o legamento del B ertin), situato sulla faccia an
teriore della capsula articolare, origina dall’ osso dell’ anca subito sotto la spina
iliaca antero-inferiore e, discendendo in basso ed in fuori, si espande a ventaglio
per inserirsi lungo la line a intertrocanterica del femore. Sono particolarmente
sviluppate le sue parti superiore ed inferiore, che ne costituiscono rispettiva
mente il fascio obliquo ed il fascio verticale; di questi il primo si inserisce sul
margine anteriore del grande trocantere del femore, mentre il secondo giunge
poco al davanti del piccolo trocantere del femore. Il legamento ileo-femorale si
tende nell’ estensione della coscia sul bacino e limita quindi questo movimento.
Il legamento pubo-femorale, posto sulla faccia anteriore della capsula artico
lare inferiormente al legamento ileo-femorale, prende origine dal contorno
anteriore del ramo oriz zontale del pube; i suoi fasci convergono in basso ed in
fuori, prendendo poi attacco sulla base del piccolo trocantere del femore. E sso
limita il movimento di abduzione della coscia.
Il legamento ischio-fémorale, situato sulla faccia posteriore della capsula
articolare, prende origine dalla porzione ischiatica del ciglio acetabolare e si diri-
3 • A R TIC O LA ZIO NI 177

ge in alto ed in fuori, per inserirsi nella fossa trocanterica del femore. Il lega
mento ischio-femorale limita la rota zione mediale del femore.
L ’ articola zione coxo-femorale possiede un suo legamento interarticolare, che
è il legamento rotondo del femore (fig. 3.23). E ’ questo un robusto cordone fi
broso che dalla fossetta della testa del femore va alla incisura dell’ acetabolo, dove
si inserisce ai suoi contorni anteriore e posteriore; alcuni suoi fascetti proseguo
no verso il fondo dell’ acetabolo, dove prendono attacco. Il legamento rotondo
del femore, avvolto dalla membrana sinoviale, risulta compreso tra la testa del
femore ed il batuffolo adiposo che occupa il fondo dell’ acetabolo.

Articola zione del ginocchio


L ’ articola zione del ginocchio (fig. 3.26) collega la coscia alla gamba; essa si
instaura tra il femore, da una parte, e la tibia con la rotula (o patella), dall’ altra.
E ’ un ’ articola zione trocle are.
La superfìcie articolare del femore è data dai suoi due condili, mediale e late
rale, con interposta anteriormente la faccia rotule a; essa forma nell’ insieme la tro-
clea femorale, che risulta pertanto di due superfìci convergenti al centro in una gola
sagittale. La superfìcie articolare della tibia è rappresentata dalle due cavità gle-
noide e, mediale e laterale, scavate sui due rispettivi condili della tibia, alle quali
si adattano i due condili del femore. Sopra alla tibia, e a quest’ ultima fissata dal
legamento rotuleo, si trova la rotula, che con la sua faccia posteriore si articola
con la trocle a femorale; tale sua faccia mostra infatti due superfìci che convergono
al centro in una cresta verticale che si adatta alla gola della trocle a femorale
stessa.
Tra i condili del femore, fortemente convessi, e le cavità glenoide e della tibia,
poco incavate, sono interposti, nella parte periferica dell’ articola zione, due me
nischi intercalari fibrocartilaginei e di forma semilunare, l ’ uno mediale e l’ al
tro laterale (fig. 3.27). Ciascun menisco, in se zione trasversale, presenta for-

--------------- legamento rotuleo

------------------------------------ tibia

legamento trasverso legamento crociato anteriore

cavità glenoide a
mediale della tibia —

menisco mediale----- ------------------ menisco laterale

------------------- cavità glenoide a


legamento crociato laterale della tibia
posteriore-------------

F igura 3.27. Menischi intercalari dell’ articola zione del ginocchio di destra.
178 3 • A R TIC O LA ZIO NI

m. articolare del ginocchio femore

tendine del m. quadricipite recesso superiore


del femore

retinacolo laterale rotula


della rotula

menisco laterale retinacolo mediale


della rotula

legamento collaterale menisco mediale


fibulare

tendine del m. bicipite -legamento collaterale tibiale


del femore

legamento rotuleo

fibula tibia

F igura 3.28. Articola zione del ginocchio di destra, vista anteriormente.

ma triangolare con: una faccia esterna, che aderisce alla capsula articolare;
una faccia superiore, incavata, che prende rapporto col rispettivo condilo del
femore; una faccia inferiore, pianeggiante, che guarda la corrispondente cavità
glenoide a della tibia. Possiede inoltre due estremità, anteriore e posteriore, che si
attaccano sulla tibia.
Il menisco laterale descrive un cerchio quasi completo, presentando interru
zione solo in corrispondenz a dell’ eminenz a intercondiloide a della tibia. La sua
estremità anteriore si inserisce sulla tibia, subito al davanti dell’ eminenz a intercon
diloide a della tibia, e sul legamento crociato anteriore; l ’ estremità posteriore
prende attacco sull’ eminenz a intercondiloide a della tibia e, con un suo fascio,
anche sul legamento crociato posteriore.
Il menisco mediale è più ampio che non quello laterale e mostra, verso l ’ emi
nenz a intercondiloide a, un ’ ampia interruzione, per cui appare più nettamente
semilunare. La sua estremità anteriore si attacca sulla tibia, al davanti della fosset
ta intercondiloide a anteriore ; la sua estremità posteriore si inserisce pure sulla ti
bia, in corrispondenz a della fossetta intercondiloide a posteriore.
I due menischi sono collegati tra loro, in avanti, da un fascio fibroso teso tra
sversalmente, che è chiamato legamento trasverso del ginocchio.
La capsula articolare dell’ articola zione del ginocchio, sul femore, si inserisce
3 • A R TIC O LA ZIO NI 179

femore-

——legamento popliteo obliquo


guscio fibroso—
guscio fibroso
tendine del m.
legamento collaterale fibulare
legamento collaterale tibiale
-legamento popliteo arcuato

tibia fibula

F igura 3.29. Articola zione del ginocchio di destra, vista posteriormente.

in avanti al disopra della faccia rotule a, lateralmente e medialmente scende


al disotto dei rispettivi epicondili laterale e mediale, posteriormente risale al
disopra dei due condili e si approfonda infine entro la fossa intercondiloide a. Sulla
tibia, prende attacco in vicinanz a delle fosse glenoide e. Sulla rotula, si attacca lun
go la sua circonferenz a.
La capsula articolare del ginocchio (figg. 3.28 e 3.29) è particolarmente
ispessita posteriormente dove, dietro ciascun condilo del femore, forma un guscio
fibroso. In avanti è invece molto lassa; sopra alla rotula, ridotta pressoché alla sola
membrana sinoviale, essa forma un fondo cieco che risale dietro il muscolo qua-
dricipite del femore: è il recesso superiore. Su questo prende attacco il muscolo
articolare del ginocchio, formato di fibre muscolari striate scheletriche, che di
scendono dalla faccia anteriore del femore e che hanno il compito di tirare verso
l ’ alto il recesso superiore medesimo nel movimento di estensione della gamba
sulla coscia.
L ’ articola zione del ginocchio possiede numerosi legamenti. E ssi sono: il lega
mento rotuleo, i retinacoli della rotula laterale e mediale, il legamento collaterale
tibiale, il legamento collaterale fibulare, il legamento popliteo obliquo, il legamen
to popliteo arcuato, i legamenti crociati anteriore e posteriore.
Il legamento rotuleo (o legamento della patella) è un robustissimo nastro
180 3 • A R TIC O LA ZIO NI

appiattito, che dal contorno inferiore della rotula si porta alla tuberosità della
tibia. Esso rappresenta il tratto terminale del tendine del muscolo quadricipite del
femore, essendo la rotula un osso sesamoideo accolto nel tendine del muscolo
medesimo. Il legamento rotuleo è separato dalla retrostante capsula articolare
per l ’interposizione di un voluminoso batuffolo adiposo, che nel movimento di
estensione del ginocchio sporge ai lati del legamento rotuleo, mentre in quello di
flessione si affonda tra la tibia e i condili del femore.
I retinacoli della rotula, laterale e mediale, sono due lamine fibrose che, dipar
tendosi rispettivamente dal margine laterale e da quello mediale della rotula, si
portano oriz zontalmente in addietro per prendere inserzione distintamente
sull’ epicondilo laterale e sull’ epicondilo mediale del femore.
II legamento collaterale tibiale è una benderella fibrosa, aderente alla capsula
articolare, che dall’ epicondilo mediale del femore si porta verticalmente in basso,
inserendosi sulla parte più alta della faccia mediale della tibia.
Il legamento collaterale fibulare è un cordone fibroso che dall’ epicondilo
laterale del femore si porta sulla testa della fibula. E ’ indipendente dalla capsula
articolare.
Il legamento popliteo obliquo è un ’ espansione del tendine distale del muscolo
semimembranoso. D all’inserzione di questo tendine sul condilo mediale della tibia,
esso si porta in alto ed in fuori per inserirsi sul guscio fibroso che ricopre il condi
lo laterale del femore e, con alcuni suoi fasci, anche direttamente sul femore, tra i
due condili.
Il legamento popliteo arcuato è costituito di due fasci che partono dal guscio
fibroso retrostante al condilo laterale del femore e che si portano in basso, divari
cando, per inserirsi con un fascio sulla testa della fibula e coll’ altro sulla parte più
alta della faccia posteriore della tibia.
I legamenti crociati sono due resistentissimi cordoni fibrosi, tesi tra la tibia
ed il femore, rappresentandone i più solidi me z zi di unione; essi sono distinti in
anteriore e posteriore, in base alla loro inserzione tibiale. I due legamenti crociati
sono accolti nella fossa intercondiloide a del femore; in avanti, fanno sporgenz a
nella cavità articolare, ma ne sono tuttavia esclusi perché la membrana sinoviale
passa loro anteriormente; in addietro, aderiscono alla capsula articolare. Il lega
mento crociato anteriore origina dalla fossetta intercondiloide a anteriore e dal tu
bercolo intercondiloideo mediale della tibia e si porta in dietro, di lato ed in alto
per prendere attacco sulla faccia mediale del condilo laterale del femore. Il lega
mento crociato posteriore dalla fossetta intercondiloide a posteriore della tibia
si porta in avanti, in dentro ed in alto onde inserirsi sulla faccia laterale del condi
lo mediale del femore.

Articola zioni tibio-fibulari


Le articola zioni tibio-fibulari sono l ’ una prossimale e l ’ altra distale. La tibia
e la fìbula sono poi collegate fra loro dalla membrana interossea della gamba.

Articola zione tibio-fibulare prossimale


L ’ articola zione tibio-fibulare prossimale (fìgg. 3.26 e 3.30) è un ’ artrodia,
che si instaura tra il condilo laterale della tibia e la testa della fìbula. L ’ articola
zione è fornita di una capsula articolare molto resistente, che è rinforz ata in avanti
e in addietro dai due legamenti della testa della fibula, rispettivamente anteriore
e posteriore.
3 • A R TIC O LA ZIO NI 181

Articola zione tibio-fibulare distale


L ’ articola zione tibio-fibulare distale (figg. 3.30 e 3.31) è la sindesmosi tra
l ’ estremità inferiore della tibia e il malleolo laterale della fìbula. Le due superfìci
articolari mancano di cartilagine e sono connesse tra di loro da fasci di connettivo
denso; davanti e dietro all’ articola zione, vi sono infatti i due legamenti del mal
leolo laterale, rispettivamente anteriore e posteriore, che dall’ estremità inferiore
della tibia discendono obliqui lateralmente per attaccarsi sul malleolo laterale
della fìbula.
L ’ articola zione tibio-fibulare distale permette l ’ allontanamento della fibula
dalla tibia nel movimento di flessione del piede, allorquando tra la tibia e la fì
bula viene ad incastrarsi la parte anteriore della trocle a del talo, la quale
in avanti è più larga che non nella sua parte posteriore.

Membrana interosse a della gamba


La membrana interosse a della gamba (fig. 3.30) è tesa dalla cresta interosse a
della tibia a quella della fìbula. E ’ costituita fondamentalmente di fasci fibrosi
che dalla tibia si portano obliquamente in basso e di lato, per attaccarsi sulla
fìbula. La membrana interosse a della gamba è interrotta superiormente da un am
pio orifizio, per il passaggio dei vasi tibiali anteriori.

Articola zione talo-crurale


L ’ articola zione talo-crurale (o articola zione tibio-tarsica) collega la gamba
al piede, articolandovisi la tibia e la fìbula con il talo. E ’ un ’ articola zione trocle are,
completata sui lati da due artrodie.
La superfìcie articolare della gamba è data dalla tibia e dalla fìbula, che nel
l ’insieme formano il cosiddetto mortaio crurale. Q uesto è un profondo incavo,
la cui parte centrale è formata dalla tibia, mentre le parti mediale e laterale spet
tano rispettivamente al malleolo mediale della tibia e al malleolo laterale della
fibula. La parte centrale del mortaio crurale si articola con la trocle a del talo ed è

legamento posteriore della testa della fibula

F igura 3.30. Articola zioni tibio-fìbulari prossimale e distale e membrana interosse a della gamba
di destra, viste posteriormente.
182 3 • A R TIC O LA ZIO NI

fibula tibia

legamento anteriore del malleolo laterale

legamento a V
legamento posteriore
del malleolo laterale navicolare
osso II cuneiforme

-osso III cuneiforme


legamento collaterale
laterale osso cuboide

calcagno

F igura 3.31. Articola zione talo-crurale destra, vista lateralmente.

percorsa sagittalmente da una cresta smussa, che si adatta alla gola della trocle a
stessa; le parti mediale e laterale si affrontano invece alle facce malleolari del
talo.
La superfìcie articolare del talo è rappresentata dalla sua trocle a; questa
è solcata sagittalmente da una gola, cui convergono due superfìci pianeggianti.
Sui due lati, la trocle a si continua con le due facce malleolari, pianeggianti e orien
tate sagittalmente.
La capsula articolare dell’ articola zione talo-crurale (fìg. 3.31) si inserisce
lungo i contorni delle superfìci articolari. Molto lassa in avanti e in addietro, essa
è invece resistente sui due lati, dove la rinforz ano solidissimi legamenti; questi
sono il legamento collaterale laterale ed il legamento collaterale mediale.
Il legamento collaterale laterale consta di tre fasci distinti: anteriore, medio
e posteriore. Il fascio anteriore o legamento fibulo-talare anteriore va dal margine
anteriore del malleolo laterale della fìbula alla faccia laterale del talo. Il fascio
medio o legamento fibulo-calcane ale si estende dall’ apice del malleolo laterale
della fìbula alla faccia laterale del calcagno. Il fascio posteriore o legamento
fibulo-talare posteriore origina dal contorno posteriore del malleolo laterale
della fìbula e, decorrendo posteriormente, va ad attaccarsi alla faccia posteriore
del talo.
Il legamento collaterale mediale (o legamento deltoideo) (fìg. 3.32) parte
dal contorno del malleolo mediale della tibia e irradia a ventaglio verso il basso,
prendendo inserzione sull’ osso navicolare, sul talo e sul calcagno. C onsta fonda
mentalmente di una parte superficiale e di una parte profonda. La parte superfi
ciale è formata di tre fasci: anteriore, medio e posteriore; di questi, il fascio
3 • A R TIC O LA ZIO NI 183

fibula —•

tibia -----

legamento collaterale mediale

osso navicolare

osso I cuneiforme

tato

calcagno

F igura 3.32. Articola zione talo-crurale destra, vista medialmente.

anteriore è il legamento tibio-navicolare, che si reca alla faccia superiore e a quel


la mediale dell’ osso navicolare, il fascio medio è il legamento tibio-calcane ale, che
va ad attaccarsi alla piccola apofìsi del calcagno; il fascio posteriore è il legamento
tibio-talare posteriore, che si porta alla faccia mediale del talo. La parte profonda
è rappresentata dal legamento tibio-talare anteriore, che si reca alla faccia mediale
del talo.

Articola zioni del piede


Le articola zioni del piede sono: le articola zioni intertarsali, l ’ articola zione
tarso-metatarsale, le articola zioni intermetatarsali, le articola zioni metatarso-
falange e e le articola zioni interfalange e del piede.

Articola zioni intertarsali


Le articola zioni intertarsali (fig. 3.33) sono quelle che si instaurano fra le
diverse ossa del tarso. Esse sono: l ’ articola zione talo-calcaneale e l ’ articola zione
talo-calcaneo-navicolare; l’ articola zione calcaneo-cuboide a; l’ articola zione navi-
colo-cuboide a e l’ articola zione navicolo-cuneiforme; le articola zioni intercuneifor-
mi e l’ articola zione cuneo-cuboidea.

Articola zioni talo-calcane ale e talo-calcaneo-navicolare. Il talo si articola con il


sottostante calcagno mediante due articola zioni: l ’ una posteriore e l ’ altra anterio
re; a quest’ ultima prende parte anche l ’ osso navicolare. La prima pertanto merita
184 3 A R TIC O LA ZIO NI

talo osso navicolare

legamento
talo-calcane ale
interasseo
ossi metatarsali
osso cuboide

osso III cuneiforme osso I cuneiformi

calcagno osso II cuneiforme

F igura 3.33. Articola zioni intertarsali e articola zione tarso-metatarsale del piede destro, se zionate obliquamente.

propriamente il nome di articola zione talo-calcane ale, la seconda di articola zione


talo-calcaneo-navicolare. Tra tali due articola zioni è interposto il legamento talo-
calcane ale interasseo, robusto fascio fibroso che occupa il seno del tarso, essendo
teso tra il solco del talo ed il solco del calcagno.
L ’ articola zione talo-calcane ale avviene tra la faccia inferiore del talo e la faccia
superiore del calcagno, mediante le loro facce articolari posteriori. E ’ un ’ articola
zione trocoide, essendo la faccia articolare del talo un segmento di anello e quella
del calcagno un segmento di cilindro. La capsula articolare, che si inserisce lungo
i contorni delle facce articolari, è rinforz ata dai legamenti talo-calcane ali anterio
re, posteriore e mediale.
L ’ articola zione talo-calcaneo-navicolare è un ’ enartrosi; in essa infatti, la testa
del talo, di forma sferica, si articola con una concavità formata, in addietro, dalla
faccia articolare talare anteriore del calcagno e, in avanti, dalla faccia articolare
talare dell’ osso navicolare, congiunte fra loro dal robusto legamento calcaneo-
navicolare plantare, il quale è teso tra i contorni inferiori delle due facce articolari
stesse. La capsula articolare dell’ articola zione talo-calcaneo-navicolare è rinforz ata
dai legamenti talo-navicolari dorsale e laterale, inoltre dorsalmente ancora dal
fascio mediale del legamento a V (fig. 3.31); è questo un robustissimo legamento
che, originato dalla faccia superiore del calcagno, si divide in due fasci, di cui il
mediale prende inserzione sulla faccia superiore dell’ osso navicolare, mentre il
laterale si attacca sulla faccia superiore dell’ osso cuboide.

Articola zione calcaneo-cuboide a. L ’ articola zione calcaneo-cuboide a è posta late


ralmente all’ articola zione talo-calcaneo-navicolare, unitamente alla quale forma
la così detta articola zione mediotarsica (o articola zione dello C hopart) e con la
quale ha in comune il legamento a V.
L ’ articola zione calcaneo-cuboide a è un ’ articola zione a sella, nella quale si
3 • A R TIC O LA ZIO NI 185

articolano la faccia articolare cuboide a del calcagno con la faccia articolare cal-
cane ale dell’ osso cuboide. L ’ articola zione calcaneo-cuboide a è rinforz ata: dorsal
mente, dal fascio laterale del legamento a V (fig. 3.31) e dal legamento calcaneo-
cuboideo dorsale; plantarmente, dal legamento calcaneo-cuboideo plantare (fig.
3.34). Q uesto è il maggiore tra i legamenti del piede e concorre al mantenimento
della volta plantare, impedendone l ’ appiattimento; esso nasce dalla faccia inferiore
del calcagno e si porta in avanti, dividendosi in una parte superficiale o legamen
to calcaneo-cuboideo plantare lungo, che va ad inserirsi sulla faccia inferiore del
l ’ osso cuboide e, proseguendo ancora, si suddivide in fascetti che si inseriscono
sulla base degli ultimi ossi metatarsali, e in una parte profonda o legamento cal
caneo-cuboideo plantare breve, che si attacca sulla faccia inferiore dell’ osso cu
boide.

Articola zioni navicolo-cuboide a e navicolo-cuneiforme. L ’ articola zione navicolo-


cuboide a è un ’ artrodia, non costante, che si instaura tra la faccia laterale dell’ os
so navicolare e la faccia mediale dell’ osso cuboide; la sua capsula articolare è rin
forz ata dai legamenti navicolo-cuboidei dorsale e plantare. Q uando tale artrodia
manca, in sua vece si trova il legamento navicolo-cuboideo interasseo.
L ’ articola zione navicolo-cuneiforme risulta di tre artrodie, racchiuse entro
un ’ unica cavità articolare, che si instaurano tra la faccia anteriore dell’ osso navico-

F igura 3.34. Legamento calcaneo-cuboideo plantare del piede destro.


186 3 • A R TIC O LA ZIO NI

lare e le facce posteriori dei tre ossi cuneiformi. La sua capsula articolare è rinfor
z ata dai legamenti navicolo-cuneiformi dorsali e dai legamenti navicolo-cuneiformi
plantari, tesi dall’ osso navicolare agli ossi cuneiformi rispettivamente dal lato dor
sale e dal lato plantare.

Articola zioni intercuneiformi e cuneo-cuboide a. Le articola zioni intercuneiformi


sono due artrodie, l ’ una tra la faccia laterale dell’ osso I cuneiforme e quella me
diale dell’ osso II cuneiforme, l ’ altra tra la faccia laterale dell’ osso II cuneiforme
e quella mediale dell’ osso III cuneiforme. La cavità articolare di ciascuna di esse
comunica in addietro con la cavità dell’ articola zione navicolo-cuneiforme; è inve
ce chiusa in avanti dal rispettivo legamento intercuneiforme interasseo. La capsula
articolare di ciascuna articola zione intercuneiforme è rinforz ata sul lato dorsale
e sul lato plantare rispettivamente dal legamento intercuneiforme dorsale e dal
legamento intercuneiforme plantare.
L ’ articola zione cuneo-cuboide a è l ’ artrodia che si instaura tra la faccia laterale
dell’ osso III cuneiforme e la faccia mediale dell’ osso cuboide. La sua cavità arti
colare posteriormente è in continuità con quella dell’ articola zione navicolo-cunei
forme, mentre in avanti è chiusa dal legamento cuneo-cuboideo interasseo. La sua
capsula articolare è rinforz ata dal legamento cuneo-cuboideo dorsale e dal lega
mento cuneo-cuboideo plantare, tesi tra l ’ osso III cuneiforme e l ’ osso cuboide,
rispettivamente sul lato dorsale e su quello plantare.

Articola zione tarso-metatarsale


L ’ articola zione tarso-metatarsale (o articola zione del Lisfranc) (fìg. 3.33)
è l ’ articola zione tra le ossa distali del tarso e i cinque ossi metatarsali; risulta
formata di una serie di artrodie. In essa, l ’ osso I metatarsale si articola, me
diante l ’ estremità della sua base, con la faccia anteriore dell’ osso I cuneiforme;
l ’ osso II metatarsale si articola, per me z zo dell’ estremità della sua base, con la
faccia anteriore dell’ osso II cuneiforme e, per me z zo delle faccette mediale e
laterale della sua base, rispettivamente coll’ osso I cuneiforme e coll’ osso III cunei
forme; l ’ osso III metatarsale si articola, all’ estremità della sua base, con la faccia
anteriore dell’ osso III cuneiforme; l ’ osso IV e l ’ osso V metatarsale si articolano,
con l ’ estremità della loro base, con la faccia anteriore dell’ osso cuboide.
L ’ articola zione tarso-metatarsale possiede i legamenti tarso-metatarsali,
dorsali e plantari, che ne rinforz ano la capsula articolare rispettivamente sul lato
dorsale e su quello plantare; possiede ancora i legamenti tarso-metatarsali interas
sei, di cui due sono particolarmente sviluppati: il mediale (o legamento delLisfranc),
che dalla faccia laterale dell’ osso I cuneiforme va dalla faccia mediale della base
dell’ osso II metatarsale, e il laterale, che dalla faccia laterale dell’ osso III cunei
forme va ad inserirsi alla faccia laterale della base dell’ osso III metatarsale.

Articola zioni intermetatarsali


G li ossi metatarsali sono congiunti tra di loro, in corrispondenz a delle loro
basi, mediante le articola zioni intermetatarsali prossimali e, in corrispondenz a
delle loro teste, mediante il legamento trasverso del metatarso.
Le articola zioni intermetatarsali prossimali sono artrodie che si instaurano
tra le faccette contigue delle basi degli ultimi quattro ossi metatarsali; la base
dell’ osso I metatarsale infatti non si articola con quella dell’ osso II metatarsale,
3 • A R TIC O LA ZIO NI 187

ma ne è congiunta solo da alcuni tratti fibrosi. Le loro cavità articolari si conti


nuano posteriormente con la cavità articolare dell’ articola zione tarso-metatarsale,
mentre in avanti sono chiuse ciascuna dal legamento interosseo, teso tra le basi dei
due ossi metatarsali contigui.
Il legamento trasverso del metatarso congiunge tra loro, dal lato plantare,
le teste dei cinque ossi metatarsali.

Articola zioni metatarso-falange e


Le articola zioni metatarso-falange e sono le cinque articola zioni tra le teste
degli ossi metatarsali e le estremità prossimali delle I falangi. E sse sono del tutto
simili alle articola zioni metacarpo-falange e della mano.

Articola zioni interfalange e del piede


Le articola zioni interfalange e del piede sono simili alle articola zioni inter
falange e della mano.
4________
MU S C O LI

I muscoli sono forma zioni contrattili che rivestono quasi interamente lo schele
tro e rappresentano gli organi attivi del movimento.
I muscoli, per la maggior parte, prendono attacco con ambedue le loro estre
mità sullo scheletro; questi sono detti pertanto muscoli scheletrici. V e ne sono
però anche altri che, con almeno una delle loro estremità, si inseriscono sulla
faccia profonda della cute; questi ultimi sono chiamati muscoli cutanei (o muscoli
pellicciai').
I muscoli sono costituiti: di una parte carnosa o ventre muscolare, di colore
rosso, che risulta di fibre muscolari striate scheletriche e ne rappresenta quindi
la parte contrattile; di parti accessorie di tessuto connettivo denso, di colore bian
co, che servono per l ’ attacco e che sono dette rispettivamente tendini, se a forma
di cordone, e aponeurosi, se a forma di lamina.
I muscoli hanno conforma zione alquanto varia. Possono essere muscoli lunghi,
quando la loro lunghe z z a prevale di gran lunga sulle altre due dimensioni; questi
muscoli spesso sono fusiformi, espansi cioè nella loro parte centrale ed assotti
gliati invece alle estremità, dove si continuano coi tendini. Altri muscoli sono
muscoli larghi, avendo forma di ampie lamine, di cui una o ambedue le estremità
sono aponevrotiche. Alcuni ancora sono muscoli brevi, con le tre dimensioni
pressoché eguali. Altri infine si dispongono ad anello intorno agli orifìzi e sono
chiamati muscoli orbicolari, oppure muscoli sfinteri.
T aluni muscoli, invece di avere una sola origine, possono risultare dalla
unione di due, di tre oppure di quattro parti confluenti tra di loro; sono detti
allora muscoli bicipiti, tricipiti, quadricipiti. C osì altri muscoli presso la loro
termina zione, in genere tendine a, possono scomporsi in due, tre o più parti;
sono chiamati in tale caso muscoli bicaudati, tricaudati e pluricaudati.
I muscoli possono originare direttamente carnosi, oppure mediante un
tendine o un’ aponeurosi, che sono detti d ’ origine. C osì possono terminare
carnosi, ma il più delle volte terminano con un tendine o con un' aponeurosi,
che sono chiamati d ’inserzione.
T alora può esistere lungo il decorso di un muscolo un tendine, che viene
denominato tendine intermedio. Il muscolo in tale caso prende il nome di
muscolo biventre (o muscolo digastrico).
O gni muscolo è rivestito in superfìcie di una fascia di connettivo, denomina
ta epimisio. D alla faccia profonda dell’ epimisio si staccano sepimenti maggio
ri, che si addentrano nel ventre muscolare e lo scompongono in fasci terziari;
dai sepimenti maggiori se ne staccano altri minori, che circoscrivono fasci secon
dari; da questi ultimi sepimenti se ne dipartono altri ancora più esili, che suddivi-
190 4 MU S C O LI

dono i fasci secondari in fasci primari. Il complesso dei sepimenti di connettivo


che scompongono il muscolo nei fasci di vario ordine costituisce il perimisio.
I muscoli sono innervati dai nervi spino-encefalici, che recano gli impulsi
nervosi atti a determinare la contra zione dei muscoli medesimi.
P er compiere un movimento, il muscolo si immobiliz z a ad una sua
estremità, detta origine, e, facendo qui il punto fìsso, esercita la sua a zione
sull’ altra estremità, chiamata termina zione o inserzione, la quale risulta
pertanto essere il punto mobile. In molti muscoli l ’ estremità che abitualmente
si comporta come punto fisso può, in particolari movimenti, diventare il
punto mobile; oppure anche ambedue le estremità possono diventare punti
mobili.

4.1. MU S C O LI D E L D O R S O
I muscoli del dorso sono disposti su tre piani: superficiale, medio e pro
fondo. Il piano superficiale è dato dai muscoli che dalla colonna vertebrale
si recano al cingolo scapolare dell’ arto superiore, onde il nome loro dato di muscoli
spino-appendicolari. Il piano medio è costituito di muscoli che dalla colonna
vertebrale vanno alle coste: sono detti muscoli spino-costali. Il piano profondo
è formato di muscoli lunghi che dall’ osso sacro e dall’ osso dell’ anca salgono in alto
fino alla base del cranio: sono i muscoli spino-dorsali.

Muscoli spino-appendicolari
I muscoli spino-appendicolari sono disposti in due strati: l ’ uno superfi
ciale, formato del muscolo trape zio e del muscolo grande dorsale; l ’ altro
profondo, costituito del muscolo piccolo romboideo, del muscolo grande
romboideo e del muscolo elevatore della scapola.
Innerva zione. Ad ecce zione del muscolo trape zio, che è innervato dal nervo
accessorio e da rami del plesso cervicale, i muscoli spino-appendicolari sono
innervati da rami collaterali del plesso brachiale.

Muscolo trape zio. Il muscolo trape zio (fìg. 4.1) è un muscolo largo, di forma
triangolare a base mediale; con quello eterolaterale esso forma un ’ampia losanga
ad asse maggiore longitudinale.
Il muscolo trape zio prende inserzione in alto sul terzo mediale della line a
nucale superiore e sulla protuberanz a occipitale esterna dell’ osso occipitale;
a partire da questa, la sua inserzione discende lungo il legamento nucale, poi
sugli apici dei processi spinosi della VII vertebra cervicale e di tutte le vertebre
toraciche, nonché sul tratto di legamento sopraspinoso che li collega. I fasci
carnosi del muscolo trape zio si portano in fuori, i superiori con decorso discen
dente, i medi con andamento trasversale e gli inferiori con dire zione ascendente;
essi vanno ad inserirsi sulla clavicola e sulla scapola, seguendo una line a che dal
terzo laterale del contorno posteriore della clavicola passa sulla capsula articolare
dell’ articola zione acromio-clavicolare, poi sul contorno mediale dell’ acromion
ed infine sul labbro superiore della spina della scapola.
A zione. Ad origini fìsse, i fasci superiori del muscolo trape zio sollevano la
spalla, i fasci medi la portano in addietro e medialmente, i fasci inferiori
l ’ abbassano. A termina zioni fisse, i fasci superiori inclinano la testa dal proprio
4 • MU S C O LI 191

m. dentato posteriore superiore m. piccolo romboideo

m. trape zio----------
m. grande romboideo

spina della scapola

m. grande m. dentato posteriore inferiore

cresta iliaca dell’ osso d ell’ anca

F igura 4.1. Muscolo trape zio e muscolo grande dorsale di sinistra; muscoli romboidei e muscoli d e ntati posteriori
di destra.

lato, contra endosi invece d ’ ambo i lati la estendono; i fasci medi e quelli infe
riori sollevano il tronco, come nell’ atto dell'arrampicarsi.

Muscolo grande dorsale. Il muscolo grande dorsale (fig. 4.1) è un largo muscolo
di forma triangolare, che è parzialmente ricoperto in alto dal muscolo trape zio.
Esso origina mediante una vasta aponevrosi, chiamata aponevrosi lombo-dorsale,
dagli apici dei processi spinosi delle ultime sei o sette vertebre toraciche e delle
vertebre lombari e dal legamento sopraspinoso interposto, inoltre dalla cresta
sacrale media e dal terzo posteriore del labbro esterno della cresta iliaca dell’ osso
192 4 • MU S C O LI

dell’ anca.
Il muscolo grande dorsale si porta in alto ed in fuori passando al di sopra
delle coste, dalle ultime tre o quattro delle quali riceve digita zioni carnose.
R aggiunta la parete posteriore della cavità ascellare, esso passa al disotto del
muscolo grande rotondo, incurvandosi ad elica in modo tale che il suo margine
superiore diventa inferiore e quello inferiore si fa invece superiore. Trapassa
infine in un robusto tendine che si inserisce sull’ omero, in corrispondenz a della
cresta del tubercolo minore.
A zione. Il muscolo grande dorsale porta il braccio medialmente ed in addietro,
ruotandolo lateralmente. Se fa punto fìsso sulla sua termina zione omerale, solleva
il tronco, come nell’ arrampicarsi; innalz a inoltre le coste, agendo così anche da
muscolo inspiratore.

Muscolo piccolo romboideo. Il muscolo piccolo romboideo (fig. 4.1), posto


sotto al muscolo trape zio, origina dal tratto inferiore del legamento nucale e
dall’ apice del processo spinoso della VII vertebra cervicale; si reca al margine
mediale della scapola, nel tratto soprastante alla spina.
A zione. Il muscolo piccolo romboideo porta la scapola medialmente.

Muscolo grande romboideo. Il muscolo grande romboideo (fig. 4.1), che è la


prosecuzione verso il basso del muscolo precedente, si diparte dagli apici dei
processi spinosi delle prime quattro vertebre toraciche e dal legamento sopra
spinoso interposto; si porta in basso e di lato per inserirsi sul margine mediale
della scapola, nella sua porzione sottostante alla spina.
A zione. Il muscolo grande romboideo porta la scapola medialmente.

Muscolo elevatore della scapola. Il muscolo elevatore della scapola (fig. 4.2)
tra e origine dai tubercoli posteriori dei processi trasversi delle prime quattro

atlante

m. elevatore della scapola

scapola

F igura 4.2. Muscolo elevatore della scapola di destra.


4 • MU S C O LI 193

o cinque vertebre cervicali. Si reca in basso ed in fuori e va ad inserirsi sull’ angolo


mediale e sulla contigua porzione del margine mediale della scapola.
A zione. Il muscolo elevatore della scapola solleva l ’ angolo mediale della scapola;
a scapola fìssa invece, inclina il collo dal proprio lato.

Muscoli spino-costali
I muscoli spino-costali sono rappresentati dal muscolo dentato posteriore
superiore e dal muscolo dentato posteriore inferiore. Sono due muscoli appiattiti
e sottili, posti su un unico piano, l ’ uno sopra l ’ altro, e collegati fra loro da una
lamina aponevrotica.
Innerva zione. I muscoli spino-costali sono innervati dai nervi intercostali.

Muscolo dentato posteriore superiore. Il muscolo dentato posteriore superiore


(fig. 4.1), posto in profondità ai muscoli romboidei, prende origine dagli apici
dei processi spinosi della VII vertebra cervicale e delle prime tre vertebre tora
ciche, inoltre dal legamento sopraspinoso interposto. Si porta in basso ed in
fuori per inserirsi sulla faccia laterale della II, III, IV e V costa, di lato all’ angolo
costale.
A zione. Il muscolo dentato posteriore superiore sollevale coste; è quindi muscolo
inspiratore.

Muscolo dentato posteriore inferiore. Il muscolo dentato posteriore inferiore


(fig. 4.1), ricoperto dal muscolo grande dorsale, parte dagli apici dei processi
spinosi delle ultime due vertebre toraciche e delle prime tre vertebre lombari,
nonché dall’ interposto legamento sopraspinoso. Si porta in alto ed in fuori per
inserirsi sulla faccia laterale delle ultime quattro coste, lateralmente all’ angolo
costale.
A zione. Il muscolo dentato posteriore inferiore abbassa le coste; è pertanto
muscolo espiratore.

Muscoli spino-dorsali
I muscoli spino-dorsali sono numerosi muscoli, sovrapposti gli uni agli altri
ed in parte fra loro confusi. Sono situati tra i processi spinosi e i processi trasversi
delle vertebre, a cominciare dal coccige per giungere in alto fino alla base del
cranio; si spingono di lato fino a raggiungere le coste in corrispondenz a degli
angoli costali.
T ali muscoli sono: il muscolo splenio della testa, il muscolo splenio del
collo, il muscolo sacro-spinale, il muscolo spinale, il muscolo trasverso-spinale,
i muscoli interspinosi, i muscoli intertrasversari, il muscolo grande retto poste
riore della testa, il muscolo piccolo retto posteriore della testa, il muscolo retto
laterale della testa, il muscolo obliquo superiore della testa, il muscolo obliquo in
feriore della testa, il muscolo sacro-coccigeo posteriore.
Innerva zione. I muscoli spino-dorsali sono innervati dai rami posteriori dei nervi
spinali.

Muscolo splenio della testa. Il muscolo splenio della testa (fig. 4.3) prende ori
gine dalla metà inferiore del legamento nucale e dai processi spinosi della VII
vertebra cervicale e delle due prime vertebre toraciche, inoltre dai legamenti
194 4 • MU S C O LI

F igura 4.3. Muscoli spleni della testa e del collo.

interspinosi tra essi interposti. Si porta in fuori ed in alto per attaccarsi sulla
metà laterale della line a nucale superiore dell’ osso occipitale e al processo
mastoideo dell’ osso temporale.
A zione. Il muscolo splenio della testa estende ed inclina la testa dal proprio
lato; contra endosi d ’ ambo i lati, semplicemente la estende.

Muscolo splenio del collo. Il muscolo splenio del collo (fig. 4.3) è la diretta
prosecuzione verso il basso del muscolo splenio della testa. Originato dai
processi spinosi della III, IV e V vertebra toracica e dai legamenti interspinosi
interposti, sale obliquamente in alto e va ad attaccarsi ai tubercoli posteriori
dei processi trasversi delle prime tre vertebre cervicali.
A zione. Il muscolo splenio del collo estende ed inclina dal proprio lato il
collo.

Muscolo sacro-spinale. Il muscolo sacro-spinale è un lungo muscolo che si esten


de dal bacino fino alla base del cranio, essendo formato da un gran numero
di fascetti. F ondamentalmente carnoso in profondità, esso è invece prevalente
mente aponevrotico in superfìcie.
Prende origine inferiormente dalla faccia posteriore dell’ osso sacro e dal
tratto affatto posteriore della cresta iliaca dell’ osso dell’ anca; più sopra nasce dai
processi spinosi delle vertebre lombari. A livello della parte alta della regione lom
bare si scompone in due parti, una laterale e l ’ altra mediale, le quali proseguono
verso l ’ alto strettamente affiancate; la parte laterale è il muscolo ilio-costale,
quella mediale è il muscolo lunghissimo.
4 • MU S C O LI 195

1. Il muscolo ilio-costale viene comunemente suddiviso in tre parti: il mu


scolo ilio-costale dei lombi, il muscolo ilio-costale del dorso e il muscolo ilio
costale del collo.
Il muscolo ilio-costale dei lombi è costituito di quei fascetti carnosi del musco
lo sacro-spinale che sono originati dall’ osso dell’ anca. E ssi vanno a prendere at
tacco sugli angoli delle ultime otto coste.
Il muscolo ilio-costale del dorso nasce dall’ angolo delle ultime sei coste, me-
dialmente all’ attacco dei fascetti del muscolo ilio-costale dei lombi. V a ad inserir
si sugli angoli delle prime sei coste e sul tubercolo posteriore del processo trasver
so della VII vertebra cervicale.
Il muscolo ilio-costale del collo origina dall’ angolo delle prime cinque coste. Si
porta in alto per terminare sui tubercoli posteriori dei processi trasversi della VI,
V e IV vertebra cervicale.
2. Il muscolo lunghissimo risulta di tre parti: il muscolo lunghissimo del dor
so, il muscolo lunghissimo del collo, il muscolo lunghissimo della testa.
il muscolo lunghissimo del dorso (fig. 4.4) è formato dei fasci del muscolo
sacro-spinale che traggono origine dall’ osso sacro e dai processi spinosi delle ver
tebre lombari, inoltre di fasci che originano dai processi spinosi delle ultime sei
vertebre toraciche. Si porta verso l ’ alto e va ad inserirsi: coi suoi fasci laterali, ai
processi costiformi delle prime due vertebre lombari e alla faccia esterna delle
coste (eccettuata la I costa) tra l ’ angolo ed il tubercolo; coi suoi fasci mediali, ai
tubercoli accessori dei processi costiformi delle prime due vertebre lombari ed
ai processi trasversi di tutte le vertebre toraciche.
Il muscolo lunghissimo del collo (fig. 4.4) è situato subito medialmente al
muscolo ilio-costale del collo. E sso nasce dai processi trasversi delle prime cin
que vertebre toraciche e si reca ai tubercoli posteriori dei processi trasversi della
V, IV, III e II vertebra cervicale.
Il muscolo lunghissimo della testa (o muscolo piccolo complesso) è posto subi
to medialmente al muscolo lunghissimo del collo. E sso tra e origine dal processo
trasverso della I vertebra toracica e dai processi articolari delle ultime quattro o
cinque vertebre cervicali; si porta in alto ed in fuori e va ad inserirsi sulla parte po
steriore del processo mastoideo dell’ osso temporale, al disotto dell’inserzione del
muscolo splenio della testa.
A zione. Il muscolo sacro-spinale estènde la colonna vertebrale e la inclina dal pro
prio lato; contra endosi d ’ ambedue i lati, semplicemente la estende. Il muscolo
sacro-spinale ha grande importanz a nel mantenimento della sta zione eretta, oppo
nendosi alla tra zione in avanti esercitata dai visceri posti anteriormente alla colon
na vertebrale.

Muscolo spinale. Il muscolo spinale si attacca sui processi spinosi delle vertebre ed
è posto medialmente al muscolo lunghissimo. E sso viene suddiviso in muscolo spi
nale del dorso, in muscolo spinale del collo e in muscolo spinale della testa.
Il muscolo spinale del dorso (fig. 4.4) è costituito di fascetti che dai lati dei
processi spinosi delle due prime vertebre lombari e delle ultime due o tre vertebre
toraciche si portano ai processi spinosi delle vertebre toraciche comprese tra la
IX e la II.
Il muscolo spinale del collo è formato di fascetti che dai processi spinosi
delle prime due vertebre toraciche e delle ultime vertebre cervicali vanno ad attac
carsi sui processi spinosi della IV, III e II vertebra cervicale.
Il muscolo spinale della testa ha origini analoghe a quelle del muscolo spinale
196 4 MU S C O LI

F igura 4.4 (a sinistra). Muscolo lunghissimo e muscolo spinale di sinistra.


F igura 4.5 (a destra). Muscolo trasverso-spinale di destra.

del collo, con la differenz a che i suoi fasci vanno a fondersi col muscolo semispi
nale della testa.
A zione. Il muscolo spinale estende la colonna vertebrale.

Muscolo trasverso spinale. Il muscolo trasverso spinale (fig. 4.5) si estende dal
l ’ osso sacro al cranio ed è posto nella profondità della doccia vertebrale, sotto
al muscolo sacro-spinale e, verso l ’ alto, sotto al muscolo lunghissimo. Il muscolo
trasverso-spinale è costituito di molti fascetti muscolari che dai processi trasversi
delle vertebre si portano in alto ai processi spinosi di vertebre soprastanti, raggiun
gendo anche coi suoi fascetti più alti la base del cranio. Esso risulta di tre parti so
vrapposte che, dalla superficie in profondità, sono: il muscolo semispinale, il mu
scolo multifido della spina, i muscoli rotatori.
4 • MU S C O LI 197

1. Il muscolo semispinale comincia inferiormente in corrispondenz a dell’ ulti


ma vertebra toracica e giunge superiormente all’ osso occipitale. Viene suddiviso in
muscolo semispinale del dorso, in muscolo semispinale del collo e in muscolo
semispinale della testa.
Il muscolo semispinale del dorso nasce dai processi trasversi delle ultime
tre vertebre toraciche e si porta sulla faccia laterale dei processi spinosi delle prime
sei vertebre toraciche e delle ultime due vertebre cervicali.
Il muscolo semispinale del collo muove dai processi trasversi delle prime sei
vertebre toraciche e si porta sulla faccia laterale dei processi spinosi della V, IV,
III e II vertebra cervicale.
Il muscolo semispinale della testa (o muscolo grande complesso) prende ori
gine dai processi trasversi delle prime sei vertebre toraciche e delle ultime quattro
vertebre cervicali. Si porta in alto e, ricevuti i fascetti carnosi del muscolo spinale
della testa, si inserisce sulla squama dell’ osso occipitale nell’ intervallo tra la line a
nucale superiore e quella inferiore.
2. Il muscolo multifido della spina si estende dalla faccia posteriore dell’ osso
sacro fino all’ epistrofeo. E ’ formato di fascetti carnosi che dai processi trasversi
delle vertebre si portano in alto e medialmente ai processi spinosi di vertebre so
prastanti, saltando ciascun fascetto, dalla sua origine alla termina zione, da una a
quattro vertebre.
3. I muscoli rotatori sono situati in profondità al muscolo multifido della
spina. E ssi sono piccoli fascetti muscolari che dal processo trasverso di una ver
tebra si portano in alto e medialmente al processo spinoso della vertebra sopra
stante.
A zione. Il muscolo trasverso-spinale estende la colonna vertebrale e la ruota dalla
parte opposta; contra endosi d ’ ambo i lati, la estende solamente. Il muscolo semi
spinale della testa poi estende la testa, ruotandola dal lato opposto; contra endosi
d ’ ambedue le parti, semplicemente la estende.

Muscoli interspinosi. I muscoli interspinosi sono piccoli muscoli che, dall’ osso sa
cro all’ epistrofeo, sono tesi da un processo spinoso a quello contiguo. E ssi sono
posti di lato ai legamenti interspinosi.
A zione. I muscoli interspinosi estendono la colonna vertebrale.

Muscoli intertrasversari. I muscoli intertrasversari sono muscoletti che, dall’ osso


sacro all’ atlante, sono tesi fra i processi trasversi delle vertebre contigue. Singoli
tra i processi trasversi delle vertebre toraciche, sono invece doppi tra i processi
costiformi delle vertebre lombari, essendo l ’ uno laterale e l ’ altro mediale. E ssi
sono pure doppi tra i processi trasversi delle vertebre cervicali, essendo però qui
l ’ uno anteriore e l ’ altro posteriore.
A zione. I muscoli intertrasversari inclinano la colonna vertebrale dal proprio lato.
C ontra endosi d ’ ambo i lati, fissano la colonna vertebrale.

Muscolo grande retto posteriore della testa. Il muscolo grande retto posteriore del
la testa (fìg. 4.6) si porta dall’ apice del processo spinoso dell’ epistrofeo verso
l ’ alto e di lato. E sso va a terminare sulla squama dell’ osso occipitale, profonda
mente al muscolo semispinale della testa.
A zione. Il muscolo grande retto posteriore della testa estende la testa e la inclina
dallo stesso lato; contra endosi d ’ ambo i lati, la estende solamente.
198 4 MU S C O LI

osso occipitale
obliquo superiore
della testa

m. piccolo retto posteriore


della testa
atlante
m. grande retto posteriore
della testa

epis trofeo- m. obliquo inferiore


della testa

F igura 4.6. Muscoli retti posteriori e obliqui della testa.

Muscolo piccolo retto posteriore della testa. Il muscolo piccolo retto posteriore
della testa (fìg. 4.6) è situato medialmente al muscolo precedente. E sso si porta
dal tubercolo posteriore dell’ atlante alla squama dell’ osso occipitale.
A zione. Il muscolo piccolo retto posteriore della testa estende la testa.

Muscolo retto laterale della testa. Il muscolo retto laterale della testa è un picco
lo muscolo, omologo di un muscolo intertrasversario anteriore. E sso si porta dal
processo trasverso dell’ atlante al tubercolo giugulare dell’ osso occipitale.
A zione. Il muscolo retto laterale della testa inclina la testa dal proprio lato. C on
tra endosi d ’ ambo i lati invece, la fìssa.

Muscolo obliquo superiore della testa. Il muscolo obliquo superiore della testa
(fìg. 4.6) si reca dall’ apice del processo trasverso dell’ atlante alla squama dell’ os
so occipitale, dove si inserisce di lato al muscolo grande retto posteriore della
testa.
A zione. Il muscolo obliquo superiore della testa estende la testa, inclinandola
dal proprio lato. C ontra endosi bilateralmente, semplicemente la estende.

Muscolo obliquo inferiore della testa. Il muscolo obliquo inferiore della testa
(fìg. 4.6) si porta dal processo spinoso dell’ epistrofeo verso l ’ alto ed in fuori;
termina sul processo trasverso dell’ atlante.
A zione. Il muscolo obliquo inferiore della testa ruota l ’ atlante, e quindi la testa,
dal proprio lato. C ontra endosi d ’ ambo i lati, estende la testa.

Muscolo sacro-coccigeo posteriore. Il muscolo sacro-coccigeo posteriore è in


gran parte aponevrotico. E sso è teso dalla faccia posteriore delle ultime due o tre
vertebre sacrali alla faccia posteriore del coccige.
A zione. Il muscolo sacro-coccigeo posteriore dovrebbe estendere il coccige sul
l ’ osso sacro.
4 • MU S C O LI 199

4.2. MU S C O LI D E LLA T E S T A
I muscoli della testa sono distinti in cutanei e in scheletrici.

Muscoli cutanei della testa


I muscoli cutanei della testa sono accolti nella tela sottocutane a ed hanno al
meno una delle loro estremità inserita sulla faccia profonda della cute. E ssi sono
responsabili delle varie espressioni del volto, per cui sono detti anche muscoli
mimici. Sono distinti in: muscoli della volta del cranio, muscoli estrinseci del pa
diglione auricolare, muscoli delle palpebre, muscoli del naso, muscoli della bocca.
Innerva zione. I muscoli cutanei della testa sono innervati dal nervo faciale.

Muscoli della volta del cranio


I muscoli della volta del cranio sono il muscolo occipitale ed il muscolo fron
tale, i quali sono collegati fra loro dalla gale a aponevrotica (o gale a capitis); è
questa una robusta lamina connettivale, di forma grosso modo quadrilatera, che
è accolta nella tela sottocutane a rivestente la volta del cranio; essa permette la
mobilità del cuoio capelluto. I muscoli occipitali ed i muscoli frontali d ’ ambe-
due i lati, con la gale a aponevrotica che li collega, formano il muscolo epicranico.

Muscolo occipitale. Il muscolo occipitale (fig. 4.7) è una sottile lamina muscolare
quadrilatera che dalla line a nucale superiore dell’ osso occipitale si porta in avanti
per continuarsi con la gale a aponevrotica.
A zione. Il muscolo occipitale, facendo punto fìsso in corrispondenz a della sua in
serzione sull’ osso occipitale, porta in addietro la gale a aponevrotica e quindi il
cuoio capelluto. ,

Muscolo frontale. Il muscolo frontale (fig. 4.7) è una lamina carnosa appiattita
che, originatasi dalla profondità della cute in corrispondenz a del sopracciglio, si
reca in addietro e in alto per continuarsi con la gale a aponevrotica.
A zione. Il muscolo frontale, se fa punto fìsso sulla sua inserzione cutane a, tira
in avanti la gale a aponevrotica col cuoio capelluto; se fa invece punto fìsso sulla
gale a aponevrotica, stira in alto il sopracciglio.

Muscoli estrinseci del padiglione auricolare


I muscoli estrinseci del padiglione auricolare sono muscoli che hanno una delle
loro inserzioni sulla cartilagine del padiglione auricolare; essi sono in parte atro
fici. Sono: il muscolo auricolare anteriore, il muscolo auricolare superiore, il mu
scolo auricolare posteriore.

Muscolo auricolare anteriore. Il muscolo auricolare anteriore (fig. 4.7), molto


sottile, dalla gale a aponevrotica soprastante l ’ arcata zigomatica si porta in addie
tro alla parte anteriore dell’ elice della cartilagine del padiglione auricolare.
A zione. Il muscolo auricolare anteriore dovrebbe tirare in avanti il padiglione
auricolare.

Muscolo auricolare superiore. Il muscolo auricolare superiore (fig. 4.7) ha for


ma di lamina triangolare con base superiore. E sso si inserisce in lato sulla gale a
200 4 • MU S C O LI

m. frontale m. auricolare anteriore

m. orbicolare m. auricolare superiore


dell’ occhio —
galea aponevrotica
m. elevatore comune
dell’ ala del naso e del
labbro

m. trasverso m. occipitale
del naso-------------
m. auricolare
m. elevatore posteriore
proprio del labbro
m. piccolo zigomatico
superiore-----------
m. grande zigomatico
m. orbicolare
della bocca --------- m. buccinatore

m. risorio

m. massetere
m. mentale

m. quadrato
del labbro inferiore

m. triangolare
delle labbra platisma

F igura 4.7. Muscoli cutanei della testa e del collo di sinistra.

aponevrotica e discende in basso per attaccarsi sulla faccia mediale della cartila
gine del padiglione auricolare, in corrispondenz a della conca.
A zione. Il muscolo auricolare superiore dovrebbe portare in alto il padiglione
auricolare.

Muscolo auricolare posteriore. Il muscolo auricolare posteriore (fìg. 4.7) è costi


tuito di due piccoli fasci che dal processo mastoideo dell’ osso temporale si por
tano in avanti per inserirsi alla faccia mediale della cartilagine del padiglione aurico
lare, in corrispondenz a della conca.
A zione. Il muscolo auricolare posteriore dovrebbe spostare in addietro il padi
glione auricolare.

Muscoli delle palpebre


I muscoli delle palpebre sono: il muscolo orbicolare dell’ occhio ed il muscolo
corrugatore del sopracciglio.
4 MU S C O LI 201

Muscolo orbicolare dell'occhio. Il muscolo orbicolare dell’ occhio (fìg. 4.7) è


una lamina muscolare ellittica, costituita di fascetti carnosi concentrici, che dalla
periferia della regione orbitale si spinge nello spessore delle palpebre, giungendo
fino alla rima palpebrale.
I fascetti del muscolo orbicolare dell’ occhio hanno origine in corrispondenz a
dell’ angolo mediale dell’ occhio dal legamento palpebrale mediale, il quale è teso
dalla cresta lacrimale anteriore dell’ osso mascellare alla commessura mediale delle
palpebre. T ali fascetti si portano lateralmente, in parte passando sul contorno
superiore dell’ orbita e nella palpebra superiore e descrivendo così una concavità
rivolta in basso, in parte invece decorrendo sul contorno inferiore dell’ orbita e
nella palpebra inferiore e descrivendo pertanto una concavità rivolta in alto.
G li uni fascetti e gli altri si incontrano e si continuano fra loro in corrispondenz a
della commessura laterale delle palpebre, dove poi si attaccano alla faccia pro
fonda della cute.
A zione. Il muscolo orbicolare dell’ occhio serra la rima palpebrale. N ella veglia
la chiude ritmicamente per via riflessa; nel sonno la chiude invece per la sola
tonicità.

Muscolo corrugatore del sopracciglio. Il muscolo corrugatore del sopracciglio è


un muscolo esiguo che origina dall’ estremità mediale dell’ arcata sopraccigliare
dell’ osso frontale e che si porta in alto ed in fuori per inserirsi alla cute del soprac
ciglio, a livello circa dell’incisura sopraorbitale.
A zione. Il muscolo corrugatore del sopracciglio stira in basso e medialmente il
sopracciglio.

Muscoli del naso


I muscoli del naso sono: il muscolo trasverso del naso, il muscolo mirtiforme,
il muscolo depressore del setto nasale.

Muscolo trasverso del naso. Il muscolo trasverso del naso (fìg. 4.7) ha forma
triangolare. E sso origina dalla faccia laterale dell’ osso mascellare, al di sopra dei
gioghi alveolari dei denti incisivi, e dalla cute del solco naso-labiale ; si porta in alto
e medialmente sulla faccia laterale del naso, dove trapassa in un ’ aponevrosi che si
continua con quella eterolaterale.
A zione. Il muscolo trasverso del naso, se prende punto fisso in basso, restringe la
narice; se invece fa punto fìsso sul naso, solleva l ’ ala del naso e dilata pertanto
la narice.

Muscolo mirtiforme. Il muscolo mirtiforme prende origine dall’ osso mascellare


al disopra dei denti incisivi e canino; si porta in alto e va ad inserirsi sulla parte
posteriore della cartilagine alare del naso e sulla cute che la riveste.
A zione. Il muscolo mirtiforme abbassa l ’ ala del naso.

Muscolo depressore del setto nasale. Il muscolo depressore del setto nasale na
sce dall’ osso mascellare sopra il giogo del dente I incisivo; sale in alto per in
serirsi alla cute dalla parte posteriore del setto nasale ed alla parte posteriore
della cartilagine alare del naso.
A zione. Il muscolo depressore del setto nasale abbassa il setto nasale e restringe
la narice.
202 4 MU S C O LI

Muscoli della bocca


I muscoli della bocca, sono: il muscolo orbicolare della bocca, impari, e
il muscolo elevatore comune dell’ ala del naso e del labbro superiore, il mu-
• scolo elevatore proprio del labbro superiore, il muscolo piccolo zigomatico,
il muscolo grande zigomatico, il muscolo canino, il muscolo incisivo del labbro
superiore, il muscolo risorio, il muscolo triangolare delle labbra, il muscolo qua
drato del labbro inferiore, il muscolo incisivo del labbro inferiore, il muscolo men
tale, il muscolo buccinatore, tutti pari.

Muscolo orbicolare della bocca. Il muscolo orbicolare della bocca (fìg. 4.7) è una
ampia lamina muscolare ellittica ad asse maggiore trasversale, che è disposta attor
no alla rima orale, giungendo in alto fino all’ impianto del naso ed inferiormen
te al solco labio-mentale. C onsta di una parte centrale, formata di fasci intrin
seci, e di una parte periferica, costituita di fasci estrinseci pertinenti a muscoli cir
costanti che si addentrano nelle labbra.
I fasci intrinseci decorrono trasversalmente nello spessore del margine libero
delle labbra. I fasci intrinseci decorrenti nel labbro superiore e quelli decorrenti
nel labbro inferiore si incontrano poi in corrispondenz a delle due commessure
labiali, destra e sinistra, dove si intrecciano tra di loro e si inseriscono infine sulla
profondità della cute e della tonaca mucosa.
I fasci estrinseci possono schematicamente essere distinti, entro ciascun lab
bro, in superficiali e profondi. I fasci superficiali del labbro superiore derivano dai
muscoli triangolari delle labbra; i fasci superficiali del labbro inferiore sono di
pertinenz a dei muscoli canini. I fasci profondi sia del labbro superiore che del
labbro inferiore appartengono ai muscoli buccinatoti.
A zione. I fasci intrinseci, del muscolo orbicolare della bocca determinano la
chiusura della rima orale per semplice avvicinamento delle labbra; contra endosi
energicamente, determinano la retra zione delle labbra in dentro. I fasci estrinseci
del muscolo orbicolare della bocca determinano la chiusura forz ata della rima
orale, con rovesciamento delle labbra in fuori.

Muscolo elevatore comune dell'ala del naso e del labbro superiore. Il muscolo
elevatore comune dell’ ala del naso e del labbro superiore (fìg. 4.7) è un muscolo
sottile ed appiattito, che origina dal processo frontale dell’ osso mascellare. Esso
discende in basso seguendo il solco naso-genieno e si divide poi in due fasci, di
cui il mediale prende inserzione sulla cute dell’ ala del naso, mentre il laterale si
attacca alla cute del labbro superiore.
A zione. Il muscolo elevatore proprio del labbro superiore stira in alto la parte me
dia del labbro superiore.

Muscolo elevatore proprio del labbro superiore. Il muscolo elevatore proprio del
labbro superiore (fìg. 4.7), situato di lato al muscolo precedente, origina dal
l ’ osso mascellare tra il contorno inferiore dell’ apertura orbitale ed il foro infra-
orbitale. Si porta alla cute del labbro superiore.
A zione. Il muscolo elevatore comune dell’ ala del naso e del labbro superiore stira
in alto la parte media del labbro superiore.

Muscolo piccolo zigomatico. Il muscolo piccolo zigomatico (fìg. 4.7), di aspetto


nastriforme, è posto di lato al muscolo elevatore proprio del labbro superiore.
Origina dalla faccia laterale dell’ osso zigomatico e va ad inserirsi nella profondità
4 • MU S C O LI 203

LS. li.
della cute del labbro superiore.
A zione. Il muscolo piccolo zigomatico porta in alto ed in fuori la parte media del
labbro superiore.

Muscolo grande zigomatico. Il muscolo grande zigomatico (fig. 4.7) è una bende-
rella muscolare che tra e origine dalla faccia laterale dell’ osso zigomatico, di lato
all’ origine del muscolo piccolo zigomatico. Si porta alla commessura labiale, sulla
cui cute si impianta.
A zione. Il muscolo grande zigomatico tira in alto ed in fuori la commessura labia
le. La contra zione bilaterale dà il riso sardonico.

Muscolo canino. Il muscolo canino ha forma quadrilatera. Prende origine dall’ osso
mascellare inferiormente al foro infraorbitale, al di sotto dell’ origine del muscolo
elevatore proprio del labbro superiore. Si porta in basso ed in fuori, raggiungendo
la commessura labiale. Q ui una parte dei suoi fasci termina attaccandosi alla cute;
gli altri proseguono nel labbro inferiore, dove prendono parte alla costituzione dei
fasci estrinseci del muscolo orbicolare della bocca.
A zione. Il muscolo canino porta in alto e medialmente la commessura labiale.

Muscolo incisivo del labbro superiore. Il muscolo incisivo del labbro superiore è
un piccolo muscolo che nasce dall’ osso mascellare, tra il giogo alveolare del dente
II incisivo e quello del dente canino. Si porta alla cute della commessura labiale.
A zione. Il muscolo incisivo del labbro superiore stira medialmente ed in avanti la
commessura labiale.

Muscolo risorio. Il muscolo risorio (del S antorini) (fig. 4.7) è un muscolo trian
golare, molto sottile. Tra e origine dalla cute della regione parotide a e si porta in
avanti verso la commessura labiale, dove termina nella profondità della cute e
della tonaca mucosa.
A zione. Il muscolo risono (del S antorini) stira in addietro la commessura labia
le. C ontra endosi d ’ ambo i lati, dà l ’ atteggiamento tipico del sorriso.

Muscolo triangolare delle labbra. Il muscolo triangolare delle labbra (fig. 4.7)
è una lamina muscolare appiattita, di forma triangolare. I suoi fasci prendono
origine dalla line a obliqua della faccia antero-laterale del corpo della mandibola e
convergono alla commessura labiale, ove in parte si inseriscono nella cute, e
in parte invece proseguono nel labbro superiore, diventando fasci estrinseci del
muscolo orbicolare della bocca.
A zione. Il muscolo triangolare delle labbra stira in basso la commessura labiale.

Muscolo quadrato del labbro inferiore. Il muscolo quadrato del labbro inferiore
(o muscolo quadrato del mento) (fig. 4.7) è situato sotto il muscolo triangolare
delle labbra, dal quale è in gran parte ricoperto, facendone sporgenz a solo con la
sua parte mediale. N asce sulla faccia antero-laterale del corpo della mandibola,
subito sopra all’ inserzione del muscolo triangolare delle labbra; si porta in alto
e medialmente, terminando poi nella cute e nella tonaca mucosa del labbro infe
riore.
A zione. Il muscolo quadrato del labbro inferiore stira in basso e un po’ lateralmen
te il labbro inferiore.
204 4 • MU S C O LI

Muscolo incisivo del labbro inferiore. Il muscolo incisivo del labbro inferiore è
un muscoletto situato al disotto del muscolo quadrato del labbro inferiore. Ori
gina dalla mandibola tra il giogo alveolare del dente II incisivo e quello del
dente canino; si porta in alto ed in fuori verso la commessura labiale, dove ter
mina.
A zione. Il muscolo incisivo del labbro inferiore porta medialmente ed in avanti
la commessura labiale.

Muscolo mentale. Il muscolo mentale (fig. 4.7) è un muscolo di forma conoide,


situato nel mento subito a lato della line a mediana. Prende origine dalla faccia
antero-laterale del corpo della mandibola, tra il giogo alveolare del dente II incisivo
e quella del dente canino; da qui le sue fibre discendono in basso e si espandono
nella cute del mento.
A zione.ll muscolo mentale innalz a e raggrinz a la cute del mento.

Muscolo buccinatore. Il muscolo buccinatore (fig. 4.8), che ha forma di lamina


quadrilatera, prende parte alla costituzione degli strati profondi della guancia. Si
inserisce: in alto, sulla parte del processo alveolare dell’ osso mascellare che corri
sponde ai tre denti molari; in addietro, sul rafe pterigo-mandibolare, benderella
fibrosa che è tesa dall’ uncino del processo pterigoideo dello sfenoide all’ estremità
posteriore della line a milo-joide a della mandibola; in basso, sulla parte del processo
alveolare della mandibola che corrisponde ai tre denti molari. I suoi fasci muscolari
si portano in avanti e, giunti alla commessura labiale, i superiori piegano verso il
basso, gli inferiori invece verso l ’ alto e si incrociano così tra loro;i fasci superiori
proseguono poi nel labbro inferiore, quelli inferiori entrano nel labbro superiore
e diventano così fasci estrinseci del muscolo orbicolare della bocca; essi terminano
nella profondità della tonaca mucosa delle labbra.
A zione. Il muscolo buccinatore stira posteriormente la commessura labiale.
C omprimendo l ’ aria accolta nella bocca, entra nell’ a zione del soffiare, per cui fun
ziona nel fischiare e nel suonare gli strumenti a fiato. N ella mastica zione compri
me la guancia e le labbra contro le arcate dentali, mantenendo così il cibo tra i
denti.

processo pterigoideo
dello sfenoide

rafe pterigo-mandibolare m. costrittore superiore


della faringe
m. buccinatore

mandibola

F igura 4.8. Muscolo buccinatore di sinistra.


4 • MU S C O LI 205

osso parietale osso frontale

m. temporale

processo coronoideo
osso temporale
della mandibola

arcata zigomatica

F igura 4.9. Muscolo temporale destro.

Muscoli scheletrici della testa


I muscoli scheletrici della testa hanno tutti la loro termina zione sulla mandi
bola, per cui imprimono a questa i vari movimenti; sono detti pertanto muscoli
masticatori. In numero di quattro, essi sono: il muscolo temporale, il muscolo
massetere, il muscolo pterigoideo esterno e il muscolo pterigoideo interno.
Innerva zione. I muscoli scheletrici della testa sono innervati dal nervo mandibo
lare, ramo del nervo trigemino.

Muscolo temporale. Il muscolo temporale (fig. 4.9) è un ’ ampia e spessa lamina


carnosa a forma di ventaglio, che occupa la fossa temporale del cranio, giungendo
il suo contorno superiore alla line a temporale inferiore. I suoi fasci muscolari pro
fondi originano dalla fossa temporale, pertanto nascono dall’ osso frontale, dal
l ’ osso parietale e dalla squama dell’ osso temporale; i suoi fasci muscolari superfi
ciali prendono invece origine dalla profondità della fascia temporale, robusta lamina
fibrosa che ricopre il muscolo medesimo, estendendosi dalla line a temporale supe
riore all’ arcata zigomatica. I fasci del muscolo temporale convergono inbassoeunpo’
in avanti, passando medialmente all’ arcata zigomatica, dalla cui faccia mediale
tra e origine un altro contingente di fasci muscolari; trapassano infine in un robu
sto tendine che si inserisce sul processo coronoideo della mandibola.
A zione. Il muscolo temporale innalz a la mandibola e, con i suoi fasci muscolari
posteriori, la porta anche in addietro.

Muscolo massetere. Il muscolo massetere (fig. 4.10) è una robusta massa carnosa
che ricopre la faccia laterale del ramo della mandibola. E sso è rivestito lateralmen
te da una spessa fascia: la fascia masseterica, che è dipendenz a della fascia co-
206 4 • MU S C O LI

mune del corpo.


Il muscolo massetere consta di un capo superficiale e di un capo profondo. Il
capo superficiale nasce dai due terzi anteriori del margine inferiore dell’ arcata zi
gomatica e si porta in basso ed in addietro; il capo profondo origina dalla metà
posteriore del margine inferiore dell’ arcata zigomatica e si reca in basso e un po ’
in avanti. I due capi si fondono tra di loro, prendendo poi attacco al terzo inferio
re della faccia laterale del ramo e all’ angolo della mandibola.
A zione. Il muscolo massetere innalz a la mandibola, applicandola contro gli ossi
mascellari.

Muscolo pterigoideo esterno. Il muscolo pterigoideo esterno (fig. 4.11) è situato


medialmente al ramo della mandibola, entro la fossa infratemporale.
Origina con due capi: l ’ uno, superiore, dalla faccia laterale della grande ala
dello sfenoide nella sua parte che si estende medialmente alla cresta infratempo
rale ; l ’ altro, inferiore, dalla faccia esterna della lamina pterigoide a laterale del pro
cesso pterigoideo dello sfenoide. I due capi si portano in fuori e un po ’ in addietro
e si riuniscono poi tra loro; terminano sulla faccia mediale del collo del condilo
della mandibola e sulla capsula articolare dell’ articola zione temporo-mandibolare.
A zione. Il muscolo pterigoideo esterno stira il condilo della mandibola medial
mente e in avanti e fa ruotare la mandibola verso il lato opposto. C ontra endosi
simultane amente con quello dell’ altro lato, proietta la mandibola in avanti. C on
tra endosi alternativamente con quello dell’ altro lato, determina i movimenti di
lateralità della mandibola nella tritura zione dei cibi.
Muscolo pterigoideo interno. Il muscolo pterigoideo interno (fig. 4.11) è situato
medialmente al ramo della mandibola, entro la fossa infratemporale.
Origina dal processo pterigoideo dello sfenoide in corrispondenz a della fossa
pterigoide a; si porta in basso, di lato e posteriormente e va ad attaccarsi alla faccia
mediale del ramo della mandibola, a cominciare dal foro mandibolare e giungendo
fino all’ angolo.
A zione. Il muscolo pterigoideo interno eleva la mandibola, portandola in avanti
e ruotandola dal lato opposto. C ontra endosi simultane amente da ambedue i lati,
semplicemente eleva la mandibola e la porta in avanti.

F igura 4.10. Muscolo massetere destro.


4 • MU S C O LI 207

osso temporale

articola zione
temporo-mandibolare processo pterigoideo
dello sfenoide
m. pterigoideo

m. pterigoideo interno

mandibola

F igura 4.11. Muscoli pterigoidei esterno ed interno di sinistra, visti posteriormente.

4.3. MU S C O LI D E L C O LL O
D ei muscoli del collo vengono qui descritti solo gli anteriori ed i laterali;
quelli posteriori infatti, appartenenti alla nuca, già sono stati descritti con i mu
scoli del dorso.
N el collo vi è un muscolo cutaneo: il platisma. T utti gli altri muscoli del col
lo sono muscoli scheletrici; sono: i muscoli soprajoidei, i muscoli sottojoidei,
i muscoli della regione laterale del collo e i muscoli prevertebrali.

Platisma
Il platisma (fig. 4.7) è un ’ ampia e sottile lamina muscolare accolta nella
tela sottocutane a.
I suoi fasci traggono origine dalla profondità della cute della regione sotto
clavicolare, in corrispondenz a del muscolo grande pettorale e della parte anteriore
del muscolo deltoideo, nonché dalla fascia comune del corpo che riveste questi
muscoli. T ali fasci carnosi risalgono in alto e medialmente per inserirsi sulla fac
cia antero-laterale del corpo della mandibola, in corrispondenz a della line a obli
qua. I fasci più mediali si portano alla cute del mento, incrociandosi con quelli etero-
laterali. I fasci più laterali raggiungono la commessura labiale.
Innerva zione. Il platisma è innervato dal nervo faciale.
A zione. Il platisma abbassa la mandibola; stira in basso ed in fuori la commessura
labiale, il labbro inferiore e la guancia.
208 4 • MU S C O LI

Muscoli scheletrici del collo


Muscoli soprajoidei
I muscoli soprajoidei sono muscoli tesi tra il cranio e l ’ osso joideo. E ssi sono:
il muscolo digastrico, il muscolo stilo-joideo, il muscolo milo-joideo ed il muscolo
genio-joideo.
Innerva zione. Il ventre posteriore del muscolo digastrico ed il muscolo stilo-joideo
sono innervati dal nervo faciale. Il ventre anteriore del muscolo digastrico ed il
muscolo milo-joideo sono innervati dal nervo mandibolare del trigemino. Il mu
scolo genio-joideo è innervato dal nervo ipoglosso.

Muscolo digastrico. Il muscolo digastrico (fig. 4.12) è costituito di due ventri


carnosi, posteriore e anteriore, congiunti tra loro da un tendine intermedio.
II ventre posteriore nasce dal solco digastrico del processo mastoideo dell’ os
so temporale e, decorrendo in profondità al muscolo sterno-cleido-mastoideo,
si porta in avanti e in basso verso l ’ osso joideo, sopra il quale trapassa nel tendine
intermedio. Il ventre anteriore origina dalla fossetta digastrica della faccia postero-
mediale del corpo della mandibola; si porta in addietro ed in basso per conti
nuarsi, sopra l ’ osso joideo, con il tendine intermedio. Il tendine intermedio
è ancorato al corpo dell’ osso joideo da una ansa fibrosa, entro la quale esso può
scorrere.

processo stiloideo dell’osso temporale

processo
dell’ osso temporale mandibola

ventre posteriore m. stilo-joideo


del m. digastrico

m. milo-joideo

ventre anteriore
del m. digastrico

m. sterno-cleido-mastoideo osso joideo

I costa
sterno

clavicola-

F igura 4.12. Muscolo sterno-cleido-mastoideo e muscoli soprajoidei di destra.


4 • MU S C O LI 209

A zione. Il muscolo digastrico, ad inserzioni craniche fìsse, innalz a l ’ osso joideo;


facendo invece punto fìsso sull’ osso joideo, abbassa la mandibola.

Muscolo stilo-joideo. Il muscolo stilo-joideo (fig. 4.12) prende origine dal pro
cesso stiloideo dell’ osso temporale e discende in basso ed in avanti, anteriormen
te al ventre posteriore del muscolo digastrico. Presso la sua termina zione, si di
vide in due fasci che abbracciano il tendine intermedio del muscolo digastrico
e poi si fissano al corpo dell’ osso joideo.
A zione. Il muscolo stilo-joideo porta in alto e in addietro l ’ osso joideo.

Muscolo milo-joideo. Il muscolo milo-joideo (figg. 4.12 e 4.13), che ha forma


di una lamina quadrilatera, costituisce con quello eterolaterale il pavimento
della bocca.
E sso prende origine dalla line a milo-joide a della faccia postero-mediale del
corpo della mandibola e si porta in basso, in dietro e medialmente. I suoi fasci
muscolari laterali terminano sulla faccia anteriore del corpo dell’ osso joideo; quel
li mediali mettono capo al rafe milo-joideo, benderella aponevrotica tesa, lungo la
line a mediana, dalla sinfisi del mento della mandibola al corpo dell’ osso joideo.
A zione. Il muscolo milo-joideo, ad inserzione mandibolare fìssa, porta l ’ osso
joideo in alto ed in avanti; ad inserzione joide a fìssa, abbassa la mandibola.

m. temporale

processo stiloideo
dell’ osso temporale

legamento
m. massetere stilo-mandibolare

-m. genio-glosso
mandibola

-m. milo-joideo
m. milo-joideo

rafe milo-joideo m. genio-joideo

osso joideo

F igura 4.13. Muscoli milo-joidei e muscolo genio-joideo destro.


210 4 MU S C O LI

-processo stiloideo
dell’osso temporale
mandibola
m. stilo-glossó

m. stilo-joideo

-ventre posteriore
m. milo-joideo del m. digastrico

ventre anteriore- m. stemo-


del m. digastrico cleido-mastoideo

osso joideo- m. tiro joideo

cartilagine tiroide a
m. stemo-joideo della laringe

m. sterno-tiroideo - m. omo-joideo

sterno-

clavicola-

F igura 4.14. Muscoli sottojoidei di sinistra.

Muscolo genio-joideo. Il muscolo genio-joideo (fìg. 4.13), situato in profondità


al muscolo milo-joideo, origina dall’ apofìsi geni inferiore della faccia postero-
mediale del corpo della mandibola. Si porta in addietro, inserendosi infine sulla
faccia anteriore del corpo dell’ osso joideo.
A zione. Il muscolo genio-joideo, quando l ’inserzione mandibolare è fìssa, solleva e
porta in avanti l ’ osso joideo; quando invece è fissa l ’inserzione joide a, abbassa la
mandibola.

Muscoli sottojoidei
I muscoli sottojoidei collegano l ’ osso joideo alla parte alta della gabbia tora
cica, al cingolo scapolare e alla laringe. E ssi sono: il muscolo omo-joideo, il mu
scolo stemo-joideo, il muscolo sterno-tiroideo, il muscolo tiro-joideo.
Innerva zione. I muscoli sottojoidei sono innervati dall’ ansa del nervo ipoglosso,
fatta ecce zione per il muscolo tiro-joideo, che è innervato direttamente dal nervo
ipoglosso.

Muscolo omo-joideo. Il muscolo omo-joideo (fìg. 4.14) è il più laterale dei mu


scoli sottojoidei; molto lungo e sottile, esso è un muscolo digastrico, presentan
do circa a metà del suo decorso un tendine intermedio. Il muscolo omo-joideo
4 • MU S C O LI 211

prende origine dal margine superiore della scapola, medialmente alla sua incisura,
e si porta in avanti e verso l ’ alto, incrociando obliquamente la faccia mediale del
muscolo sterno-cleido-mastoideo; raggiunto l ’ osso joideo, vi si inserisce sul corpo.
A zione. Il muscolo omo-joideo porta l ’ osso joideo in basso e in addietro.

Muscolo sterno-joideo. Il muscolo sterno-joideo (fig. 4.14), situato in posizione


mediale rispetto al muscolo precedente, si presenta come un lungo nastro carnoso.
Esso nasce dalla faccia posteriore del manubrio dello sterno, dall’ estremità media
le della clavicola e dalla capsula articolare dell’ articola zione clavico-sterno-costale;
si porta in alto, obliquando un po ’ medialmente, e si va ad inserire sul corpo
dell’ osso joideo, medialmente all’ attacco del muscolo omo-joideo.
A zione. Il muscolo sterno-joideo porta in basso l ’ osso joideo.

Muscolo sterno-tiroideo. Il muscolo sterno-tiroideo (fig. 4.14), situato dietro al


muscolo sterno-joideo, si diparte dalla faccia posteriore del manubrio dello sterno,
poco al disotto dell’ inserzione del muscolo sterno-joideo, e dalla I cartilagine co
stale. Si porta in alto e un po ’ lateralmente per inserirsi sulla line a obliqua della
faccia laterale della cartilagine tiroide a della laringe.
A zione. Il muscolo sterno-tiroideo porta in basso la cartilagine tiroide a, abbassan
do così la laringe.

Muscolo tiro-joideo. Il muscolo tiro-joideo (fìg. 4.14) è posto sopra al muscolo


precedente, anch ’ esso dietro al muscolo sterno-joideo. Origina dalla line a obliqua
della faccia laterale della cartilagine tiroide a della laringe, come continua zione
verso l ’ alto del muscolo sterno-tiroideo; va ad inserirsi sul corpo dell’ osso joideo.
A zione. Il muscolo tiro-joideo, facendo punto fìsso sulla cartilagine tiroide a della
laringe, abbassa l ’ osso joideo; facendo invece punto fìsso sull’ osso joideo, innalz a
la laringe.

Muscoli laterali del collo


I muscoli laterali del collo sono rappresentati dal muscolo sterno-cleido-
mastoideo e dai tre muscoli scaleni: anteriore, medio e posteriore.
Innerva zione. Il muscolo sterno-cleido-mastoideo è innervato dal nervo accessorio
e da alcuni rami del plesso cervicale. I muscoli scaleni sono innervati dai rami an
teriori dei nervi cervicali.

Muscolo sterno-cleido-mastoideo. Il muscolo sterno-cleido-mastoideo (fig. 4.12)


è un grande e lungo muscolo quadrilatero che si trova nella regione laterale del
collo.
II muscolo sterno-cleido-mastoideo possiede un capo sternale, che origina
mediante un tendine conoide dal contorno superiore del manubrio dello sterno,
ed un capo clavicolare, che nasce mediante un corto tendine appiattito dal quarto
mediale della faccia superiore della clavicola. I due capi muscolari si portano in
alto e posteriormente e poi si riuniscono, rimanendo però fondamentalmente in
superfìcie i fasci carnosi dal capo sternale ed in profondità quelli del capo clavi
colare. Il muscolo sterno-cleido-mastoideo termina inserendosi sulla faccia laterale
e sul contorno inferiore del processo mastoideo dell’ osso temporale.
A zione. Il muscolo sterno-cleido-mastoideo flette il capo, inclinandolo dal proprio
lato e ruotandolo verso il lato opposto.
212 4 • MU S C O LI

osso occipitale

m. retto anteriore della testa


m. retto laterale della testa
atlante

mm. intertrasversari anteriori m. lungo della testa

m. lungo del collo

Vz 1 m. scaleno anteriore

b
f />
// AV •.
//
// _ m. scaleno medio
le
/J h m. scaleno posteriore

I costa

II costa t

F igura 4.15. Muscoli scaleni e muscoli prevertebrali.

Muscoli scaleni. I muscoli scaleni (fig. 4.15), in numero di tre e parzialmente fusi
tra loro, occupano la regione laterale del collo, in profondità al muscolo sterno-
cleido-mastoideo. E ssi sono: il muscolo scaleno anteriore, il muscolo scaleno
medio, il muscolo scaleno posteriore.
1. Il muscolo scaleno anteriore origina dai tubercoli anteriori dei processi trasver
si della III, IV, V e VI vertebra cervicale e si porta in basso ed in fuori per inserirsi
sul tubercolo dello scaleno anteriore (o tubercolo del Lisfranc) della faccia supe
riore della I costa.
2. Il muscolo scaleno medio origina dai processi trasversi delle ultime sei vertebre
cervicali, nell’intervallo tra il loro tubercolo anteriore e quello posteriore. Discen
de in basso e si inserisce poi sulla faccia superiore della I costa, posteriormente al
solco dell’ arteria succlavia.
3. Il muscolo scaleno posteriore si diparte dal tubercolo posteriore delle ultime
tre o quattro vertebre cervicali e, portandosi in basso, va ad inserirsi sulla faccia
laterale della II costa.
A zione. Ad inserzioni vertebrali fìsse, i muscoli scaleni anteriore e medio solleva-
4 • MU S C O LI 213

no la I costa, il muscolo scaleno posteriore solleva la II costa; agiscono pertanto


come muscoli inspiratori. Ad inserzioni costali fìsse, i muscoli scaleni inclinano
il collo dal proprio lato; se si contraggono poi simultane amente d ’ ambo i lati, lo ir
rigidiscono.

Muscoli prevertebrali
I muscoli prevertebrali sono posti subito al davanti delle vertebre cervicali e
delle prime vertebre toraciche. In numero di tre, essi sono: il muscolo lungo del
collo, il muscolo lungo della testa ed il muscolo retto anteriore della testa.
Innerva zione. I muscoli prevertebrali sono innervati dai rami anteriori dei nervi
cervicali.

Muscolo lungo del collo. Il muscolo lungo del collo (fìg. 4.15) consta di numero
si fasci muscolari che possono essere distinti in mediali, in latero-inferiori e in latero-
superiori. I fasci mediali, verticali, originano dai corpi delle prime tre vertebre
toraciche e delle ultime tre vertebre cervicali; si portano superiormente, inseren
dosi infine ai corpi della IV, III e II vertebra cervicale. I fasci latero-inferiori, obli
qui, originano dal corpo delle prime tre vertebre toraciche e si portano in alto e late
ralmente per attaccarsi ai tubercoli anteriori dei processi trasversi delle ultime tre ver
tebre cervicali. I fasci latero-superiori, pure obliqui, nascono dai tubercoli anteriori
dei processi trasversi della V, IV, III e II vertebra cervicale e si portano in alto e me-
dialmente per attaccarsi al tubercolo anteriore dell’ atlante.
A zione. Il muscolo lungo del collo flette il collo, inclinandolo dal proprio lato.
C ontra endosi simultane amente a quello eterolaterale, flette semplicemente il
collo.

Muscolo lungo della testa. Il muscolo lungo della testa (fìg. 4.15) origina dai tu
bercoli anteriori dei processi trasversi della VI, V, IV e III vertebra cervicale e va
ad inserirsi al corpo dell’ osso occipitale.
A zione. Il muscolo lungo della testa flette la testa, inclinandola dal proprio lato.
Se si contra e simultane amente da ambo i lati, solamente la flette.

Muscolo retto anteriore della testa. Il muscolo retto anteriore della testa (fìg.
4.15) è un corto muscolo che dal processo trasverso e dalla massa laterale del
l ’ atlante si porta in alto e medialmente, inserendosi al corpo dell’ osso occipitale.
A zione. Il muscolo retto anteriore della testa flette la testa, inclinandola dal pro
prio lato. C ontra endosi contemporane amente a quello eterolaterale, la flette sola
mente.

F asce del collo


Le fasce del collo sono rappresentate dalla fascia cervicale superficiale, dalla
fascia cervicale media e dalla fascia cervicale profonda (fìg. 4.16).
1. La fascia cervicale superficiale è la porzione di fascia comune del corpo
pertinente al collo.
In alto, essa si inserisce anteriormente sul margine inferiore del corpo della
mandibola; si continua lateralmente con la fascia masseterica e con quella paro-
tide a; si attacca posteriormente sulla base del processo mastoideo dell’ osso tem
porale e poi sulla line a nucale superiore dell’ osso occipitale. In basso, essa in
214 4 • MU S C O LI

fascio vascolo-nervoso del collo mm. prevertebrali

vertebra cervicale —m. trape zio

esofago

ghiandola tiroide a

trachea

mm.
e sterno-tiroideo

m. scaleno
fascia cervicale anteriore
superficiale
fascia cervicale
profonda

fascia cervicale m. omo-joideo

m. stemo-cleido-mastoideo

F igura 4.16. F asce cervicali, viste in se zione oriz zontale della metà sinistra del collo.

avanti raggiunge il margine superiore dello sterno ed il contorno anteriore della


clavicola, dove prosegue con la fascia comune del corpo delle regioni sternale,
pettorale e deltoide a; posteriormente si continua avvolgendo il muscolo tra
pe zio.
La fascia cervicale superficiale, da ciascun lato, è sdoppiata in corrisponden
z a del muscolo sterno-cleido-mastoideo e del muscolo trape zio, che essa pertanto
inguaina. E ’ sdoppiata ancora anteriormente al disopra dello sterno, dove forma
lo spa zio soprasternale ; quest’ ultimo risulta compreso tra il foglietto anteriore e
quello posteriore di sdoppiamento della fascia cervicale superficiale, che vanno
ad inserirsi rispettivamente sul labbro anteriore e sul labbro posteriore del con
torno superiore del manubrio dello sterno, e accoglie alcuni linfonodi ed il tratto
anastomotico fra le due vene giugulari anteriori.
2. La fascia cervicale media rappresenta la fascia propria dei muscoli sotto-
joid ei che, sdoppiandosi, essa inguaina, Si estende pertanto da un muscolo omo-
joideo all’ alto; in alto giunge all’ osso joideo; in basso, arriva all’ apertura superiore
del torace ed ai cingoli scapolari, per poi perdersi.
La fascia cervicale media aderisce, lungo la line a mediana, alla fascia cervicale
superficiale che le sta innanzi, costituendo così la line a alba cervicale.
3. La fascia cervicale profonda (o fascia prevertebrale} è grosso modo tesa
frontalmente e riveste in avanti i muscoli prevertebrali ed i muscoli scaleni. E ssa, in
alto, giunge alla base del cranio; in basso si perde a livello circa della III vertebra to
racica; sui lati, raggiunge con una sua espansione il versante profondo della fascia
cervicale superficiale.
4 • MU S C O LI 215

4.4. MU S C O LI D E L T O R A C E
I muscoli del torace sono rappresentati dai muscoli toraco-appendicolari, che
dallo scheletro del torace vanno allo scheletro dell’ arto superiore, e dai muscoli
intrinseci del torace. Viene descritto con i muscoli del torace anche il diaframma,
muscolo impari che è interposto tra la cavità toracica e quella addominale.

Muscoli toraco-appendicolari
I muscoli toraco-appendicolari sono: il muscolo grande pettorale, che è il più
superficiale; il muscolo piccolo pettorale ed il muscolo succlavio, i quali sono si
tuati in un piano retrostante al muscolo grande pettorale; il muscolo dentato
anteriore, che è posto in profondità.
Innerva zione. I muscoli toraco-appendicolari sono innervati dal plesso brachiale;
in particolare, i muscoli grande pettorale e piccolo pettorale dai nervi toracici
anteriori, il muscolo succlavio dal nervo succlavio, il muscolo dentato anteriore
dal nervo toracico lungo.

Muscolo grande pettorale. Il muscolo grande pettorale (fìg. 4.17) è una volumi
nosa massa carnosa a forma di ventaglio, la quale occupa l ’ intera metà del petto.
Esso è ricoperto anteriormente da una robusta fascia: la fascia pettorale, che ap
partiene alla fascia comune del corpo.
II muscolo grande pettorale, procedendo dall’ alto in basso, tra e origine: dai
due terzi mediali della clavicola, dalle facce anteriori dello sterno e delle prime
sei cartilagini costali, dall’ aponevrosi del muscolo obliquo esterno dell’ addome.
Si porta di lato e in alto verso la parete anteriore della cavità ascellare, dove trapas
sa in un robusto tendine che si impianta sulla cresta del tubercolo maggiore
dell’ omero.
A zione. Il muscolo grande pettorale adduce il braccio, portandolo in avanti. Se
prende punto fìsso sull’ omero, solleva il tronco, come nell’ atto di arrampicarsi.

Muscolo piccolo pettorale. Il muscolo piccolo pettorale (fìg. 4.17), posto dietro
al muscolo precedente, è di forma triangolare. E sso si diparte dalla faccia laterale
della III, IV e V costa, presso la cartilagine costale, e si porta in alto e in fuori per
inserirsi sull’ apice del processo coracoideo della scapola.
A zione. Il muscolo piccolo pettorale porta in avanti, in basso e medialmente la
spalla. Ad inserzione scapolare fìssa, solleva le coste e si comporta quindi come
muscolo inspiratore.

Muscolo succlavio. Il muscolo succlavio (fìg. 4.17) sorge dalla I cartilagine co


stale e dalla I costa. Si porta alla faccia inferiore della clavicola, ove si inserisce.
A zione. Il muscolo succlavio abbassa la clavicola.
Muscolo dentato anteriore. Il muscolo dentato anteriore (o muscolo grande den
tato) (fìg. 4.18) è un ampio muscolo, appiattito, che è applicato alla faccia late
rale della gabbia toracica.
E sso origina, con una serie di digita zioni carnose, dalla faccia laterale delle pri
me nove o dieci coste; si porta in addietro e prende attacco sul margine mediale
della scapola, per tutta la sua lunghe z z a.
A zione. Il muscolo dentato anteriore porta la scapola in avanti. C on la sua parte
inferiore, è anche elevatore delle coste e quindi inspiratore.
216 4 • MU S C O LI

processo caracoideo
della scapola
clavicola

m. succlavio

I costa
omero

m. piccolo pettorale

m. grande pettorale-

aponevrosi
del m. obliquo esterno
dell’ addome-------------

F igura 4.17. Muscolo grande pettorale di destra, muscolo piccolo pettorale e muscolo succlavio di sinistra.

Muscoli intrinseci del torace


I muscoli intrinseci del torace sono rappresentati dai muscoli intercostali
esterni ed interni, dai muscoli elevatori delle coste, dai muscoli sottocostali e dal
muscolo trasverso del torace.
Innerva zione. I muscoli intrinseci del torace sono innervati dai nervi intercostali.

Muscoli intercostali. I muscoli intercostali sono lamine muscolari che occupano


gli undici spa zi intercostali; in numero di due per ogni spa zio, sono distinti in:
muscoli intercostali esterni e muscoli intercostali interni (fig. 4.19). V engono
numerati dall’ alto in basso.
1. C iascuno dei muscoli intercostali esterni comincia in addietro in corrispon
denz a dell’ estremità vertebrale dello spa zio intercostale e giunge in avanti alla giun
tura della costa con la cartilagine costale; da qui si continua in avanti fino allo
sterno con fascetti tendinei, che costituiscono il legamento intercostale esterno.
E ’ costituito di fascetti muscolari, obliqui dall’ alto in basso e dall’ indietro in
avanti, che dal labbro laterale del solco della costa sovrastante si portano al mar
gine superiore della costa sottostante.
4 • MU S C O LI 217

F igura 4.18. Muscolo dentato anteriore destro.

m. intercostale esterno

m. intercostale interno

F igura 4.19. Muscoli intercostali esterno ed interno di destra.


218 4 MU S C O LI

F igura 4.20. Muscoli trasversi del torace, visti entro la cavità toracica.

2. Ciascuno dei muscoli intercostali interni comincia in addietro a livello degli


angoli delle due coste contigue che delimitano lo spa zio intercostale, facendo
seguito al legamento intercostale interno, il quale occupa la parte affatto po
steriore dello spa zio intercostale; giunge poi in avanti fino allo sterno. E ’ for
mato di fasci muscolari obliqui dall’ alto in basso e dall’ avanti all’ indietro, che origi
nano dal labbro mediale del solco della costa soprastante e vanno ad inserirsi al
margine superiore della costa sottostante.
A zione. I muscoli intercostali con il loro tono aumentano la resistenz a della parete
toracica. Inoltre, i muscoli intercostali esterni sarebbero anche inspiratori, solle
vando le coste; i muscoli intercostali interni sarebbero invece espiratori, ab
bassandole.

Muscoli elevatori delle coste. I muscoli elevatori delle coste, in numero di dodici,
si dipartono dal tubercolo posteriore del processo trasverso della VII vertebra
cervicale e dagli apici dei processi trasversi delle prime undici vertebre toraciche.
Ciascheduno di essi discende alla costa sottostante, inserendosi al suo margine
superiore ed alla sua faccia laterale, tra il tubercolo e l ’ angolo.
A zione. I muscoli elevatori delle coste sollevano le coste, sono quindi inspira
tori.

Muscoli sottocostali. I muscoli sottocostali, incostanti di numero, sono lamelle


muscolari, in parte aponevrotiche, poste entro la gabbia toracica in corrispon
denz a delle estremità posteriori degli spa zi intercostali. E ssi originano dalla faccia
mediale di una costa e, portandosi in basso, si fissano sulla faccia mediale sia della
costa sottostante che di quella ancora susseguente.
A zione. I muscoli sottocostali abbassano le coste; sono quindi espiratori.

Muscolo trasverso del torace. Il muscolo trasverso del torace (o muscolo trian
golare dello sterno) (fig. 4.20) è un muscolo appiattito, situato entro la gabbia
toracica, dietro allo sterno e alle prime sei cartilagini costali. Origina dalle facce
posteriori del corpo e del processo xifoideo dello sterno, presso il loro contorno
laterale, con un ’ aponevrosi cui fanno seguito digita zioni carnose che si portano
4 MU S C O LI 219

orifizio
della vena cava inferiore
centro frenico

orifizio esofageo

arcata del quadrato


orifizio aortico------ dei lombi

— arcata dello psoas

I vertebra lombare -------------- XII costa

pilastro mediale — ----- pilastro laterale

pilastro intermedio

F igura 4.21. Diaframma, se zionato frontalmente: sua. metà posteriore.

in alto ed in fuori per inserirsi alla faccia posteriore delle cartilagini costali com
prese tra la II e la VI.
A zione. Il muscolo trasverso del torace è espiratore, abbassando le coste.

Diaframma
Il diaframma (fìg. 4.21), muscolo impari, ha l ’ aspetto di una ampia e sottile
lamina, disposta trasversalmente a separare la cavità toracica da quella addomi
nale. F ortemente convesso verso l ’ alto, esso forma una cupola la quale è più alta
nella sua metà destra che nella sinistra; tale cupola infatti nell’ espira zione normale
giunge con la sua parte destra all’ alte z z a della V costa e con quella sinistra all’ al
te z z a della VI costa, mentre nell’ espira zione forz ata arriva con la parte destra
alla IV costa e con quella sinistra alla V costa.
Il diaframma è carnoso nella sua porzione periferica, aponevrotico invece
in quella centrale che prende il nome di centro frenico (o centro tendineo).
La porzione carnosa del diaframma può essere distinta, in base alle sue diverse
origini, in tre parti: parte lombare, parte costale e parte sternale.
La parte lombare del diaframma ha origine dalla colonna vertebrale con tre
pilastri tendinei per lato: il pilastro mediale, il pilastro intermedio e il pilastro
laterale.
Il pilastro mediale di destra del diaframma si estende col suo impianto dal
corpo della II vertebra lombare a quello della IV ; il pilastro mediale di sinistra del
220 4 • MU S C O LI

diaframma, più breve, si arresta invece al corpo della III vertebra lombare. D ai due
pilastri mediali del diaframma si dipartono verso l ’ alto fascetti carnosi che si in
crociano tra loro ad 8, delimitando due orifìzi; di questi, l ’ inferiore è l ’ orifizio aor
tico, per il passaggio dell’ aorta e del condotto toracico, il superiore è l’ orifi
zio esofageo, che è attraversato dall’ esofago e dai nervi vaghi.
Il pilastro intermedio del diaframma tra e origine dal corpo della III vertebra
lombare e dal disco intervertebrale soprastante. E sso delimita col pilastro mediale
del diaframma una fessura che è attraversata dal tronco del simpatico e dai nervi
grande splancnico e piccolo splancnico.
Il pilastro laterale del diaframma si impianta sul processo trasverso della II
vertebra lombare. Sopra di esso convergono due arcate fibrose, di cui una mediale
è applicata al muscolo grande psoas e l ’ altra laterale è posta a ridosso del muscolo
quadrato dei lombi, essendo esse costituite di ispessimenti delle fasce che rive
stono i due muscoli medesimi. L ’ arcata dello psoas è tesa dai corpi della I e
della II vertebra lombare e dal disco intervertebrale interposto al processo tra
sverso della II vertebra lombare; l ’ arcata del quadrato dei lombi si estende invece
dal processo trasverso della II vertebra lombare all’ apice della XII costa.
La parte costale del diaframma tra e origine, da ciascun lato, dalla faccia me
diale delle ultime sei coste, mediante sei digita zioni carnose che si intersecano
con quelle del muscolo trasverso dell’ addome.
La parte sternale del diaframma nasce dalla faccia posteriore del processo
xifoideo dello sterno.
Il centro frenico del diaframma ha la forma di un trifoglio e vi si distinguono
una fogliola anteriore, una destra ed una sinistra. Il centro frenico è perforato,
nella sua zona compresa tra la fogliola destra e quella anteriore, dall’ orifizio della
vena cava inferiore, deputato al passaggio della vena omonima.
Innerva zione. Il diaframma è innervato dal nervo frenico del plesso cervicale.
A zione. Il diaframma è muscolo inspiratore, anzi è il più importante tra i muscoli
deputati a tale funzione; quando infatti esso si contra e, la sua cupola si abbassa
e la cavità toracica si amplifica.

4.5. MU S C O LI D E LL ’ A D D O M E

I muscoli dell’ addome sono distinti in muscoli posteriori dell’ addome e muscoli
antero-laterali dell’ addome.

Muscoli posteriori dell’ addome


I muscoli posteriori dell’ addome sono rappresentati dal muscolo quadrato dei
lombi, dal muscolo grande psoas e dal muscolo piccolo psoas (di questi ultimi
due muscoli si tratterà a proposito dei muscoli degli arti inferiori).

Muscolo quadrato dei lombi. Il muscolo quadrato dei lombi (fig. 4.22) consta
di due strati, uno anteriore e l ’ altro posteriore, parzialmente fusi tra loro. Lo stra
to anteriore-tra e origine dal legamento ilio-lombare e dalla contigua porzione della
cresta iliaca dell’ osso dell’ anca; sale verso l ’ alto e si inserisce ai processi trasversi
delle prime quattro vertebre lombari e alla XII costa. Lo strato posteriore origina
dai processi trasversi della IV, III, e II vertebra lombare; si porta in alto ed in fuori
per attaccarsi alla XII costa.
4 • MU S C O LI 221

XII costa

I vertebra lombare

m. quadrato dei lombi


m. piccolo psoas

m. trasverso dell’ addome

cresta iliaca m. grande psoas


dell’osso dell

m. iliaco

legamento inguinale

m. otturatore esterno

femore-

F igura 4.22. Muscoli quadrati dei lombi; muscolo ilio-psoas e muscolo piccolo psoas di sinistra.

Innerva zione. Il muscolo quadrato dei lombi è innervato da rami del plesso lomba
re e dal nervo sottocostale.
A zione. Il muscolo quadrato dei lombi, se fa punto fisso in basso, inclina il torace
dal proprio lato; se fa invece punto fìsso in alto, inclina dal proprio lato il bacino.
C ontra endosi bilateralmente, fìssa la porzione lombare della colonna vertebrale e
abbassa le coste.

Muscoli antero-laterali dell’ addome


I muscoli antero-laterali dell’ addome sono rappresentati da: due muscoli lun
ghi, posti anteriormente, che sono il muscolo retto dell’ addome ed il muscolo
piramidale; da tre muscoli larghi, che sono il muscolo obliquo esterno dell’ addo
me, il muscolo obliquo interno dell’ addome ed il muscolo trasverso dell’ addome.
Q uesti ultimi sono tre lamine muscolo-aponevrotiche sovrapposte, le quali dall’in-
dietro si estendono in avanti fino alla line a mediana dove costituiscono la line a
alba, rafe aponevrotico che dal processo xifoideo dello sterno si porta alla sinfisi
222 4 MU S C O LI

V cartilagine costale

line a alba

m. retto d ell’ addome


m. obliquo esterno
dell’ addome

legamento inguinale
m. piramidale

cordone, spermatico

osso d ell’ anca

F igura 4.23. Muscolo obliquo esterno d ell’ addome, muscolo retto d ell’ addome e muscolo pi
ramidale di destra.

pubica.
Innerva zione. I muscoli antero-laterali dell’ addome sono innervati dagli ultimi
nervi intercostali, dal nervo sottocostale e dai nervi ileo-ipogastrico ed ileo
inguinale del plesso lombare.

Muscolo retto dell'addome. Il muscolo retto dell’ addome (fìg. 4.23) è una lunga
e spessa striscia carnosa che si estende nella parte anteriore della parete dell’ ad
dome per tutta la sua alte z z a. E sso origina con tre digita zioni carnose che, in
senso latero-mediale, si attaccano rispettivamente sulla V, VI e VII cartilagine
costale; discende in basso, restringendosi ed ispessendosi, e termina poi con un ro
busto tendine che si impianta sul pube, tra il tubercolo e la sinfisi. E ’ interrotto
da tre o quattro strisce tendine e trasversali, denominate inscrizioni tendine e.
A zione. Il muscolo retto dell’ addome abbassa le coste; è quindi muscolo espira-
tore. F lette le porzioni toracica e lombare della colonna vertebrale. C omprime i vi
sceri addominali.

Muscolo piramidale. Il muscolo piramidale (fig. 4.23) è un piccolo muscolo trian


golare, situato al davanti della parte inferiore del muscolo retto dall’ addome.
4 • MU S C O LI 223

aponevrosi
del m. obliquo
dell’ addome

legamento inguinale fibre arciformi

cordone spermatico

anello inguinale
n. femorale sottocutaneo
m. sartorio- pilastro mediale
a. femorale- legamento inguinale
riflesso (del Colles)
v. femorale-
m. pettineo pilastro laterale

F igura 4.24. Anello inguinale sottocutaneo di destra nel maschio.

Prende origine sul contorno superiore del pube, tra il tubercolo e la sinfisi, e si
porta in alto per inserirsi sulla line a alba.
A zione. Il muscolo piramidale tende la line a alba.

Muscolo obliquo esterno dell'addome. Il muscolo obliquo esterno dell’ addome (o


muscolo grande obliquo dell’ addome) (fig. 4.23) è un ’ estesa lamina muscolo-
aponevrotica che sorge dalla faccia laterale delle ultime otto coste mediante digi
ta zioni carnose che si intersecano con quelle del muscolo dentato anteriore.
I suoi fasci muscolari decorrono obliquamente verso l ’ avanti e il basso; di essi, gli
inferiori vanno ad attaccarsi al labbro esterno della metà anteriore della cresta iliaca
dell’ osso dell’ anca, gli altri invece trapassano in un ’ ampia aponevrosi.
T ale aponevrosi del muscolo obliquo esterno dell’ addome si inserisce dappri
ma sul labbro esterno della cresta iliaca, come continua zione verso l ’ avanti dell’in
serzione della parte carnosa del muscolo stesso. R aggiunta la spina iliaca antero-
superiore, essa forma il legamento inguinale e passa così a ponte sul contorno
anteriore dell’ osso dell’ anca, fino a raggiungere il tubercolo pubico. N el tratto tra
il tubercolo pubico e la sinfisi pubica, essa si scompone poi in tre pilastri: laterale,
mediale e posteriore, di cui il laterale prende attacco al tubercolo pubico, il
mediale alla sinfisi pubica, il posteriore si fa eterolaterale e, col nome di lega
mento inguinale riflesso {del C olles), si espande sul pube del lato opposto tra la
sinfisi ed il tubercolo; detti pilastri circoscrivono l ’ anello inguinale sottocutaneo
(fig. 4.24). Medialmente infine, l ’ aponevrosi del muscolo obliquo esterno dell’ ad
dome passa all’innanzi del muscolo retto dell’ addome, partecipando alla costitu
zione della sua guaina (v. G uaina del muscolo retto dell’ addome), e termina poi
nella line a alba.
224 4 • MU S C O LI

A zione. Il muscolo obliquo esterno dell’ addome inclina la colonna vertebrale


dallo stesso lato, ruotando il torace dalla parte opposta. C ontra endosi simultane a
mente a quello dell’ altro lato, flette la porzione lombare della colonna vertebrale,
abbassando le coste, per cui è anche muscolo espiratore; comprime inoltre i visce
ri addominali.

Muscolo obliquo interno dell'addome. Il muscolo obliquo interno dell’ addome (o


muscolo piccolo obliquo dell’ addome) (fìg. 4.25) è un’ ampia lamina grosso mo
do quadrangolare, carnosa nella sua parte di me z zo e aponevrotica alle sue estre
mità posteriore e anteriore.
Posteriormente, il muscolo obliquo interno dell’ addome tra e origine, dalle
vertebre lombari mediante l ’ aponevrosi lombo-dorsale, che gli è comune col mu
scolo grande dorsale; inferiormente, esso nasce dalla parte intermedia del
la cresta iliaca dell’ osso dell’ anca, fino alla spina iliaca antero-superiore, poi sulla
metà laterale della faccia superiore del legamento inguinale. I suoi fasci carnosi si
portano obliquamente in avanti e in alto; di essi, i posteriori vanno a prendere in
serzione sulle ultime tre cartilagini costali; gli altri trapassano invece in un ’ estesa
aponevrosi che arriva al muscolo retto dell’ addome, ne partecipa alla costitu-

m. obliquo interno
dell’ addome

osso dell’ anca

legamento inguinale

m. cremastere

F igura 4.25. Muscolo obliquo interno dell’ addome di destra.


4 • MU S C O LI 225

m. obliquo interno
cordone spermatico --------- dell ' addome

m. cremastere ------- m. trasverso


dell’ addome
anello inguinale
addominale----------- fascia trasversale

aponeurosi tendine congiunto


del m. obliquo
esterno
dell’ addome ---------- -falce inguinale

legamento
anello inguinale
inguinale---------------
— sottocutaneo

m. sartorio------------ m. pettineo

F igura 4.26. C anale inguinale di destra nel maschio, aperto anteriormente.

zione della guaina e raggiunge infine la line a alba.


I fasci carnosi del muscolo obliquo interno dell’ addome che nascono dalla
parte laterale del legamento inguinale, nel portarsi medialmente, formano un ’ ar
cata al disopra della parte mediale del legamento inguinale e, unendosi ad altri
fasci carnosi con andamento consimile del muscolo trasverso dell’ addome, trapas
sano in un tendine, che è detto tendine congiunto (fig. 4.26). Q uesto si incurva
in basso e si inserisce sul pube dietro al legamento inguinale riflesso (del C ol-
les), costituendo la falce inguinale {del H enle).
Un gruppo di fascetti carnosi del muscolo obliquo interno dell’ addome, ori
ginato dal legamento inguinale e dal tubercolo pubico dell’ osso dell’ anca, discende
nel maschio attorno al funicolo spermatico, costituendo il muscolo cremastere,
deputato a sollevare il testicolo. N ella femmina il muscolo cremastere è rudimen
tale e circonda il legamento rotondo dell’ utero.
A zione. Il muscolo obliquo interno dell’ addome inclina la colonna vertebrale e
ruota il torace dal proprio lato. C ontra endosi d ’ ambo i lati, flette la colonna ver
tebrale e abbassa le coste, è quindi espiratore. C omprime inoltre i visceri addomi
nali.

Muscolo trasverso dell'addome. Il muscolo trasverso dell’ addome (fig. 4.27) è


una lamina di forma grosso modo quadrilatera, carnosa nella parte centrale ed
aponevrotica in addietro ed in avanti.
II muscolo trasverso dell’ addome, in alto, nasce sulla faccia mediale delle
sei ultime coste mediante digita zioni carnose che si ingranano con quelle del dia
framma; posteriormente, tra e origine dalle vertebre lombari tramite l ’ aponeurosi
226 4 MU S C O LI

line a alba

m. trasverso dell’ addome- parete posteriore della guaina


del m. retto dell’ addome
m. obliquo esterno dell’ addome

m. obliquo interno dell’ addome


line a semicircolare

fascia trasversale

legamento inguinale

m. cremastere

cordone spermatico

F igura 4.27. Muscolo trasverso dell’ addome di destra.

lombo-dorsale; inferiormente, nasce sul labbro interno della cresta iliaca dell’ osso
dell’ anca, fino alla spina iliaca antero-superiore, e poi sulla metà laterale della faccia
superiore del legamento inguinale. I suoi fasci carnosi si portano in avanti con de
corso trasversale; trapassano poi in una vasta aponevrosilungo una line a a concavità
mediale che è detta line a semilunare (dello Spigelio). T ale aponevrosi raggiunge il
muscolo retto dell’ addome e partecipa alla costituzione della sua guaina; termina
poi nella line a alba.
I fasci muscolari del muscolo trasverso dell’ addome che nascono dalla parte
laterale del legamento inguinale formano un ’ arcata al disopra della parte mediale
del legamento inguinale medesimo; essi si uniscono ai fasci con analogo compor
tamento del muscolo obliquo interno dell’ addome e con essi trapassano nel
tendine congiunto.
A zione. Il muscolo trasverso dell’ addome comprime i visceri addominali, entrando
cosi in a zione, unitamente agli altri muscoli larghi dell’ addome, nell’ emissione
delle feci e dell’ urina. E ’ anche muscolo espiratore, abbassando le coste.
4 • MU S C O LI 227

line a alba m. retto dell’ addome


m. obliquo esterno
guaina del m. ----- dell ' addome

obliquo interno
----- d ell’ addome

m. trasverso
d ell’ addome

peritoneo fascia trasversale

line a alba m. retto dell’ addome

m. obliquo esterno
guaina del m. retto
d ell’ addome

m..obliquo interno

m. trasverso
d ell’ addome

peritoneo fascia trasversale

F igura 4.28. G uaine dei muscoli retti d ell’ addome: in A, superiormente; in B, inferiormente.

G uaina del muscolo retto dell’ addome


La guaina del muscolo retto dell’ addome è l ’ involucro fibroso formato attorno
a tale muscolo dalle aponevrosi dei muscoli larghi dell’ addome. La guaina del mu
scolo retto dell’ addome presenta una parete anteriore e una parete posteriore;
queste diversificano nella loro costituzione, secondo se considerate in corrispon
denz a dei tre quarti superiori del muscolo retto dell’ addome, oppure a livello del
suo quarto inferiore.
In corrispondenz a dei tre quarti superiori del muscolo retto dell’ addome
(fig. 4.28A), la parete anteriore della sua guaina è formata dalla fusione dell’ apone-
vrosi del muscolo obliquo esterno dell’ addome con il foglietto anteriore di sdop
piamento dell’ aponevrosi del muscolo obliquo interno dell’ addome. La parete
posteriore è data dalla unione del foglietto posteriore di sdoppiamento dell’ apo
nevrosi del muscolo obliquo interno dell’ addome con l ’ aponevrosi del muscolo
trasverso dell’ addome.
228 4 • MU S C O LI

A livello del quarto inferiore del muscolo retto dell’ addome (fig. 4.28 B)
la sua guaina è costituita anteriormente dalle aponevrosi dei muscoli obliquo ester
no, obliquo interno e trasverso dell’ addome, saldate tra di loro. La parete poste
riore è data dalla sola fascia trasversale, lamina connettivale che riveste profonda
mente il muscolo trasverso dell’ addome e che qui, sconfinando da questo muscolo,
passa sul muscolo retto dell’ addome. Il passaggio tra la parte aponevrotica della
parete posteriore e quella, più sottile, formata dalla sola fascia trasversale e netto;
esso avviene secondo una line a curva a concavità inferiore, che prende il nome
di line a semicircolare (del Douglas).

Legamento inguinale
Il legamento inguinale (o legamento del F alloppia) è una robusta benderella
fibrosa che è tesa dalla spina iliaca antero-superiore al tubercolo pubico dell’ osso
dell’ anca. E sso appare come l ’ estremità inferiore dell’ aponevrosi del muscolo obli
quo esterno dell’ addome ripiegata in addietro; si ammette tuttavia che alla sua co
stituzione partecipino anche fibre proprie.
Il legamento inguinale offre a considerare: una faccia superiore, concava, che
sulla metà laterale dà impianto a fasci dei muscoli obliquo interno dell’ addome
e trasverso dell’ addome, mentre con quella mediale forma la parete inferiore del ca
nale inguinale; una faccia inferiore, che con la sua parte laterale aderisce alla fascia
del muscolo ilio-psoas e con quella mediale è in rapporto coi vasi femorali; un
margine anteriore, che è in diretta continuità con l ’ aponevrosi del muscolo obli
quo esterno dell’ addome; un margine posteriore, che aderisce alla fascia trasver
sale.
D alla porzione affatto mediale del legamento inguinale si diparte, diretto
posteriormente, una espansione fibrosa la quale va ad inserirsi sulla cresta pettine a
dell’ osso dell’ anca: è il legamento lacunare (del Gimbemdt). Q uesto ha forma di
piccola lamina triangolare con una faccia superiore ed una faccia inferiore; con un
margine anteriore, che è in continuità col legamento inguinale, con un margine
posteriore, che si inserisce sulla cresta pettine a, e con un margine laterale, conca
vo, il quale è libero.

C anale inguinale
/
Il canale inguinale (fìgg. 4.29 e 4.30) è uno spa zio scavato nella parte in
fero-mediate della parete anteriore dell’ addome, il quale è deputato al passag
gio del cordone spermatico nel maschio e del legamento rotondo dell’ utero
nella femmina. E sso è diretto in senso latero-mediale, dall’ alto in basso e dall’in-
dietro in avanti, misurando in lunghe z z a nel maschio circa 3 cm, essendo invece
nella femmina di poco più lungo e più stretto.
Il canale inguinale offre a considerare quattro pareti, che sono distinte in:
inferiore, anteriore, superiore e posteriore.
La parete inferiore è data dalla porzione mediale del legamento inguinale.
La parete anteriore è costituita dall’ aponevrosi del muscolo obliquo esterno
dell’ addome. La parete superiore è formata dei bordi inferiori dei muscoli obli
quo interno e trasverso dell’ addome, riuniti nel tendine congiunto. La parete
posteriore è costituita della fascia trasversale; tale parete posteriore è rinforz ata,
nel suo tratto laterale, da un ispessimento verticale della fascia trasversale stessa,
che è il legamento interfoveolare (dell’ H esselbach); è rinforz ata ancora mediai-
4 • MU S C O LI 229

m. trasverso dell’ addome

m. obliquo interno dell’ addome


fascia trasversale
m. obliquo esterno dell’ addome
peritoneo parietale
tonaca vaginale comune
tendine congiunto del cordone spermatico

aponevrosi del m.
legamento inguinale- obliquo esterno dell’ addome

pube

v. femorale fascia superficiale

F igura 4.29. C anale inguinale del maschio, se zionato sagittalmente.

legamento ombelicale laterale anello inguinale addominale mm. obliquo


interno
fascia trasversale -
e trasverso
legamento dell’ addome
ombelicale medio canale inguinale

m. cremastere
m. retto
dell’ addome fascia del m. obliquo
- esterno dell’ addome
line a alba -----
m. obliquo esterno dell’ addome
m. piramidale

falce inguinale tonaca vaginale comune


anello inguinale sottocutaneo

F igura 4.30. C anale inguinale di sinistra nel maschio, se zionato longitudinalmente.

mente dalla falce inguinale {del H enle), formata del tendine congiunto che si
piega inferiormente per inserirsi sul pube.
Il canale inguinale possiede due orifìzi, che sono: l’ anello inguinale addomi
nale e l ’ anello inguinale sottocutaneo. L ’ anello inguinale addominale, che è sotto
peritone ale, è una evagina zione della fascia trasversale che, in tale punto, si conti
nua nel maschio con la tonaca vaginale comune del cordone spermatico, men
tre nella femmina si continua ad avvolgere il legamento rotondo dell’ utero.
L ’ anello inguinale sottocutaneo, che si apre entro lo scroto nel maschio e dentro
230 4 • MU S C O LI

il grande labbro nella femmina, è delimitato lateralmente e medialmente dai


pilastri rispettivamente laterale e mediale dell’ aponevrosi del muscolo obliquo
esterno dell’ addome; superiormente è circoscritto dalle fibre cirriformi che colle
gano i due pilastri medesimi; inferiormente è formato dal legamento inguinale ri
flesso (del C olles), proveniente dal pilastro posteriore del muscolo obliquo
esterno dell’ addome eterolaterale.

F igura 4.31. Muscolo deltoideo di destra.

m. sopraspinato

spina della scapola

omero
m. sottospinato

m. piccolo rotondo

m. grande rotondo

capo lungo del


m. tricipite del braccio

F igura 4.32. Muscoli sopraspinato, sottospinato, piccolo rotondo e grande rotondo di destra.
4 MU S C O LI 231

4.6. MU S C O LI D E G LI A R TI S U P E RIO RI

I muscoli dell’ arto superiore sono distinti in: muscoli della spalla, muscoli del
braccio, muscoli dell’ avambraccio, muscoli della mano.

Muscoli della spalla


I muscoli della spalla si estendono dalle ossa del cingolo scapolare alla parte
superiore dell’ omero. Di essi, il muscolo deltoideo è posto in un piano super
ficiale, gli altri sono situati in piani profondi. Q uesti ultimi sono: il muscolo
sopraspinato, il muscolo sottospinato, il muscolo piccolo rotondo, il muscolo
grande rotondo, il muscolo sottoscapolare.
Innerva zione. I muscoli della spalla sono innervati dal plesso brachiale, precisa-
mente: il muscolo deltoideo ed il muscolo piccolo rotondo tramite il nervo
ascellare, il muscolo sopraspinato ed il muscolo sottospinato mediante il nervo
soprascapolare, il muscolo grande rotondo ed il muscolo sottoscapolare tramite
i nervi sottoscapolari.

Muscolo deltoideo. Il muscolo deltoideo (fìg. 4.31) è una voluminosa massa


carnosa di forma triangolare a base superiore. E sso si inserisce sul terzo laterale
del margine anteriore della clavicola, poi sulla capsula articolare dell’ articola zione
acromio-clavicolare, indi sull’ acromion e poi sul labbro inferiore della spina della
scapola. I suoi fasci si portano in basso e, convergendo fra di loro, trapassano
in un robusto tendine che si impianta sulla tuberosità deltoide a del corpo del
l ’ omero.
A zione. Il muscolo deltoideo abduce il braccio. Se prende punto fisso sull’ ome
ro, solleva il cingolo scapolare e quindi il torace, come nell’ atto dell’ arrampi-
carsi.

Muscolo sopraspinato. Il muscolo sopraspinato (fìg. 4.32) nasce dalla fossa so


praspinata della scapola. Portandosi in fuori, passa sotto all’ articola zione acromio-
clavicolare e sopra l ’ articola zione scapolo-omerale. Si va ad attaccare alla fac
cetta superiore del tubercolo maggiore dell’ omero.
A zione. Il muscolo sopraspinato abduce il braccio, ruotandolo in fuori.

Muscolo sottospinato. Il muscolo sottospinato (fìg. 4.32) prende origine dalla


fossa sottospinata della scapola. I suoi fasci si portano in fuori ed in alto e tra
passano in un robusto tendine che passa dietro all’ articola zione scapolo-omerale
e va ad inserirsi alla faccetta media del tubercolo maggiore dell’ omero.
A zione. Il muscolo sottospinato ruota il braccio in fuori.

Muscolo piccolo rotondo. Il muscolo piccolo rotondo (fìg. 4.32) nasce dalla
parte bassa della fossa sottospinata della scapola, al disotto del muscolo sotto
spinato. Si porta in alto e lateralmente, per inserirsi sulla faccetta inferiore del tu
bercolo maggiore dell’ omero.
A zione. Il muscolo piccolo rotondo ruota il braccio in fuori e lo adduce.

Muscolo grande rotondo. Il muscolo grande rotondo (fìgg. 4.32 e 4.33) ori
gina dall’ angolo inferiore della scapola, sulla sua faccia posteriore, e si porta in
alto e di lato. Trapassa poi in un robusto tendine che si inserisce nel solco
232 4 MU S C O LI

scapola

m. sottoscapolare

m. grande rotondo

m. bicipite del

m. coraco-brachiale

F igura 4.33. Muscoli sottoscapolare e grande rotondo di destra.

intertubercolare dell’ omero e sulla cresta del tubercolo minore.


A zione. Il muscolo grande rotondo adduce il braccio.

Muscolo sottoscapolare. Il muscolo sottoscapolare (fig. 4.33) origina dalla fos


sa sottoscapolare della scapola, che esso interamente occupa, i suoi fasci si
portano lateralmente ed in alto, continuandosi poi in un tendine che passa al di
sotto del processo coracoideo della scapola, davanti all’ articola zione scapolo
omerale, e va a fissarsi sul tubercolo minore dell’ omero.
A zione. Il muscolo sottoscapolare adduce il braccio e lo ruota medialmente.

Muscoli del braccio


I muscoli del braccio sono distinti in anteriori e posteriori, accolti rispettiva
mente nella loggia osteo-fasciale anteriore del braccio e nella loggia osteo-fasciale
posteriore del braccio. T ali due logge osteo-fasciali del braccio sono fra loro sepa
rate dai due setti intermuscolari, mediale e laterale, che si dipartono dalla profon
dità della fascia brachiale (porzione della fascia comune del corpo pertinente al
braccio) e che, con andamento grosso modo frontale, si portano all’ omero.

Muscoli anteriori del braccio


I muscoli anteriori del braccio sono tre: il muscolo bicipite del braccio, il
muscolo coraco-brachiale ed il muscolo brachiale.
Innerva zione. I muscoli anteriori del braccio sono innervati tutti dal nervo musco
lo-cutaneo.

Muscolo bicipite del braccio. Il muscolo bicipite del braccio (fig. 4.34) è una
grossa massa carnosa che origina dalla scapola con due capi, lungo e breve. Il
capo lungo nasce dalla tuberosità sopraglenoide a della scapola con un tendine,
4 • MU S C O LI 233

processo
processo coracoideo coracoideo
della scapola ----------- della scapola

capo breve
del m. bicipite
del braccio

capo lungo
del m. bicipite
del braccio
capo lungo
del m. bicipite
del braccio-----

capo breve m. coraco-brachiale


del m. bicipite
del braccio----- m. brachiale

F igura 4.34 (a sinistra). Muscolo bicipite del braccio destro.


F igura 4.35 (a destra). Muscolo coraco-brachiale e muscolo brachiale di destra.

che passa sopra la testa dell’ omero, entro l ’ articola zione scapolo-omerale, e poi
nel solco intertubercolare dell’ omero; il capo breve nasce dall’ apice del proces
so coracoideo della scapola e si porta in basso, decorrendo medialmente al capo
lungo, al quale poi si riunisce. Il muscolo bicipite del braccio trapassa, verso la
parte inferiore del braccio, in un robusto tendine che va ad inserirsi alla tube
rosità del radio.
A zione. Il muscolo bicipite del braccio flette l’ avambraccio sul braccio.

Muscolo coraco-brachiale. Il muscolo coraco-brachiale (fig. 4.35) prende ori


gine dal processo coracoideo della scapola e si porta in basso per inserirsi sulla faccia
antero-mediale del corpo dell’ omero, in corrispondenz a circa del suo terzo medio.
A zione. Il muscolo coraco-brachiale flette il braccio, inoltre lo adduce e lo ruota
medialmente.

Muscolo brachiale. Il muscolo brachiale (fìg. 4.35) origina dalle facce antero-
laterale e antero-mediale del corpo dell’ omero, a cominciare da subito sotto
l ’inserzione del muscolo deltoideo. Si porta in basso e trapassa in un tendine
234 4 MU S C O LI

m. deltoideo

capo lungo capo laterale


del m. tricipite del braccio del m. tricipite del braccio

capo mediale
del m. tricipite del braccio

olecrano dell’ ulna

F igura 4.36. Muscolo tricipite del braccio e muscolo anconeo di destra.

che si inserisce sulla tuberosità dell’ ulna.


A zione. Il muscolo brachiale flette l ’ avambraccio sul braccio.

Muscoli posteriori del braccio


I muscoli posteriori del braccio sono rappresentati dal muscolo tricipite
del braccio, che occupa quasi interamente la loggia osteo-fasciale posteriore
del braccio, e dal muscolo anconeo.
Innerva zione. I muscoli posteriori del braccio sono innervati dal nervo radiale
del plesso brachiale.

Muscolo tricipite del braccio. Il muscolo tricipite del braccio (fìg. 4.36) origina
con tre capi: il capo lungo, il capo laterale, il capo mediale. Il capo lungo prende
origine dalla tuberosità sottoglenoide a della scapola; il capo laterale (o muscolo
vasto laterale) nasce dalla faccia posteriore del corpo dell’ omero, al disopra del
solco del nervo radiale; il capo mediale (o muscolo vasto mediale) origina dalla
faccia posteriore del corpo dell’ omero, al disotto del solco del nervo radiale. T ali
tre capi, portandosi in basso, si riuniscono e trapassano poi in un robusto tendine
4 MU S C O LI 235

che prende attacco sull’ olecrano dell’ ulna.


A zione. Il muscolo tricipite del braccio estende l ’ avambraccio sul braccio.

Muscolo anconeo. Il muscolo anconeo (fig. 4.36) è un piccolo muscolo trian


golare che è parzialmente fuso con la parte inferiore del muscolo tricipite del
braccio. Origina dalla faccia posteriore dell’ epicondilo dell’ omero e si porta
medialmente per inserirsi sulla parte alta della faccia posteriore del corpo dell’ ulna
e sull’ olecrano.
A zione. Il muscolo anconeo estende l ’ avambraccio sul braccio.

C avità ascellare
La cavità ascellare è una profonda depressione che trovasi alla radice del
l ’ arto superiore, in profondità all’ ascella.
A braccio abdotto, la cavità ascellare ha la forma di piramide quadrangolare,
il cui apice è rivolto in alto e medialmente e la cui base guarda in basso e in fuori.
O ffre a considerare pertanto quattro pareti: anteriore, posteriore, mediale e
laterale; inoltre un apice e una base.
La parete anteriore della cavità ascellare (fig. 4.37) è data dal muscolo gran
de pettorale e, dietro a questo, dal muscolo succlavio e dal muscolo piccolo
pettorale, collegati tra di loro dalla fascia clavi-coraco-ascellare. E ’ questa una la
mina disposta frontalmente, che origina dalla faccia inferiore della clavicola,
dove è sdoppiata in due foglietti per inguauiare il muscolo succlavio, e dal proces
so coracoideo della scapola e che discende verticalmente in basso fino al mar
gine superiore del muscolo piccolo pettorale, dove si sdoppia per inguainarlo;
lungo il margine inferiore del muscolo piccolo pettorale, essa torna a fondersi

clavicola

m. succlavio

fascia clavi-coraco-ascellare
m. sopraspinato

m. sottospinato
cavità ascellare
m. sottoscapolare
m. grande pettorale
scapola
m. piccolo pettorale
m. piccolo rotondo

m. grande rotondo -legamento sospensore


dell’ ascella
m. grande dorsale

fascia ascellare

F igura 4.37. C avità ascellare di destra, se zionata sagittalmente.


236 4 MU S C O LI

in un foglietto unico: il legamento sospensore dell’ ascella, che va ad inserirsi


sulla profondità della fascia ascellare.
La parete posteriore della cavità ascellare (fig. 4.37) è formata, procedendo
dall’ alto verso il basso, dal muscolo sottoscapolare, dal muscolo grande rotondo e
dal muscolo grande dorsale.
La parete mediale della cavità ascellare, fortemente convessa, corrisponde alla
gabbia toracica ed è fondamentalmente costituita dal muscolo dentato anteriore,
che alla gabbia toracica medesima è applicato.
La parete laterale della cavità ascellare, alquanto ristretta, è data dal muscolo
coraco-brachiale e dal capo breve del muscolo bicipite del braccio.
L ’ apice della cavità ascellare è uno spa zio triangolare, il quale fa comunicare
la cavità ascellare medesima con la fossa sopraclavicolare maggiore; per esso pas
sano quindi i vasi succlavi, che in sua corrispondenz a diventano vasi ascellari,
ed i tronchi del plesso brachiale. T ale apice è circoscritto: in avanti, dalla clavicola
con inferiormente il muscolo succlavio; medialmente, dalla I costa con appli
cata la prima digita zione del muscolo dentato anteriore; lateralmente, dalla base
del processo coracoideo della scapola.
La base della cavità ascellare è data dalla fascia ascellare, che è la parte della fa
scia comune del corpo tesa dal margine inferiore del muscolo grande petto
rale al margine inferiore del muscolo grande dorsale; essa descrive una conca
vità inferiore. La fascia ascellare chiude un ’ apertura quadrangolare ed è cir
coscritta: in avanti, dal contorno inferiore del muscolo grande pettorale (o pila
stro anteriore dell’ ascella '); in addietro, dal margine inferiore del muscolo grande
dorsale (o pilastro posteriore dell’ ascella); medialmente e lateralmente, da due
line e sagittali, tangenti i margini inferiori di tali due muscoli.
La cavità ascellare è ricolma di tessuto adiposo, nel quale sono accolti i vasi
ascellari, i linfonodi ascellari ed i rami del plesso brachiale.

Muscoli dell’ avambraccio


I muscoli dell’ avambraccio vengono distinti in tre gruppi: muscoli anteriori,
muscoli laterali e muscoli posteriori.
II complesso muscolare dell’ avambraccio è rivestito in superfìcie dalla fascia
antibrachiale (porzione della fascia comune del corpo corrispondente all’ avam
braccio), dalla cui profondità si staccano se pimenti che si addentrano tra i mu
scoli.

Muscoli anteriori de H'avambraccio


I muscoli anteriori dell’ avambraccio sono disposti in quattro strati sovrapposti.
Il primo strato, più superficiale, è dato da quattro muscoli che, in senso latero-
mediale, sono: il muscolo pronatore rotondo, il muscolo flessore radiale del
carpo, il muscolo-palmare lungo, il muscolo flessore ulnare del carpo. Il secondo
strato è rappresentato dal solo muscolo flessore superficiale delle dita. Il terzo
strato è dato dal muscolo flessore profondo delle dita e, lateralmente a questo,
dal muscolo flessore lungo del pollice. Il quarto strato infine, più profondo, è
rappresentato dal muscolo pronatore quadrato.
Innerva zione. I muscoli anteriori dell’ avambraccio sono innervati dal nervo me
diano, fatta ecce zione per il muscolo flessore ulnare del carpo e per la metà
mediale del muscolo flessore profondo delle dita che sono innervati dal nervo
ulnare.
4 MU S C O LI 237

m. bicipite del braccio

m. brachiale

epicondilo d ell’ omero

m. brachio-radiale m. pronatore rotondo

m. estensore radiale lungo del carpo m. flessore radiale del carpo

m. palmare lungo

m. estensore radiale breve del carpo m. flessore ulnare del carpo

F igura 4.38. Muscoli a nteriori del primo strato e muscoli laterali d ell’ avambraccio destro.

Muscolo pronatore rotondo. Il muscolo pronatore rotondo (fig. 4.38) tra e ori
gine con due capi, l ’ uno omerale dalla faccia anteriore dell’ epitrocle a dell’ omero,
l ’ altro ulnare dal contorno mediale del processo coronoideo dell’ ulna. E sso si
porta in basso e di lato per inserirsi con un tendine sulla faccia laterale del cor
po del radio, in corrispondenz a della sua parte media.
A zione. Il muscolo pronatore rotondo prona l ’ avambraccio, quando quest’ ultimo
è in supina zione. E ’ inoltre flessore dell’ avambraccio sul braccio.

incoio flessore radiale del carpo. Il muscolo flessore radiale del carpo (fig.
4.38) origina dalla parte anteriore dell’ epitrocle a dell’ omero e dalla profon
dità della fascia antibrachiale. C irca a metà dell’ avambraccio, il suo ventre carnoso
comincia a trapassare in un lungo tendine, che va poi profondamente al legamento
238 4 • MU S C O LI

trasverso del carpo ed entra nella mano, dove si inserisce sulla faccia palmare
della base dell’ osso II metacarpale.
A zione. Il muscolo flessore radiale del carpo flette la mano sull’ avambraccio.

Muscolo palmare lungo. Il muscolo palmare lungo (fig. 4.38) nasce dalla faccia
anteriore dell’ epitrocle a dell’ omero e dalla profondità della fascia antibrachiale.
Portandosi in basso, trapassa tosto in un lungo tendine che decorre davanti al
legamento trasverso del carpo e si continua poi coll’ aponevrosi palmare della
mano (v. oltre).
A zione. Il muscolo palmare lungo tende l ’ aponevrosi palmare della mano e flette
la mano sull’ avambraccio.

Muscolo flessore ulnare del carpo. Il muscolo flessore ulnare del carpo (fig. 4.38)
nasce con un capo omerale dalla faccia anteriore dell’ epitrocle a dell’ omero e con
un capo ulnare dal margine mediale dell’ olecrano e dai due terzi superiori del mar
gine posteriore del corpo dell’ ulna. Circa a metà dell’ avambraccio, il suo ventre
carnoso si continua con un tendine che si porta all’ osso pisiforme, sul quale si
inserisce.
A zione. Il muscolo flessore ulnare del carpo flette la mano sull’ avambraccio e la
adduce.

Muscolo flessore superficiale delle dita. Il muscolo flessore superficiale delle dita
(fig. 4.39), situato sotto ai quattro muscoli precedenti, origina con un capo
dall’ epitrocle a dell’ omero e dal contorno mediale del processo coronoideo del
l ’ ulna, con un altro capo dalla faccia anteriore del corpo del radio, sotto la tube
rosità; esso si porta in basso e, circa a metà dell’ avambraccio, si divide in quattro
ventri carnosi, cui fanno poi seguito quattro tendini destinati alle ultime quat
tro dita. T ali tendini passano dietro al legamento trasverso del carpo e, raggiunta
la palma della mano, irradiano ciascuno verso il corrispondente dito, alla base
del quale penetrano nel canale osteo-fìbroso formato dal legamento vaginale,
sorta di doccia fibrosa inserita con i suoi contorni ai margini mediale e laterale
delle falangi; entro detto canale, ciascun tendine si scinde in due tendinetti
che, divaricando, delimitano una fessura attraversata dal tendine del muscolo
flessore profondo delle dita e che vanno poi ad attaccarsi rispettivamente al mar
gine mediale e a quello laterale del corpo della II falange.
A zione. Il muscolo flessore superficiale delle dita flette le II falangi delle ultime
quattro dita della mano sulle I falangi; secondariamente, flette le dita sulla palma
della mano.

Muscolo flessore profondo delle dita. Il muscolo flessore profondo delle dita
(fig. 4.40), posto in un piano sottostante al muscolo flessore superficiale delle
dita, nasce, procedendo in senso medio-laterale, dalle facce mediale e anteriore
del corpo dell’ ulna, dalla membrana interosse a dell’ avambraccio e dalla cresta
interosse a del radio; esso si porta in basso e, circa a metà dell’ avambraccio, si divi
de in quattro ventri carnosi che si continuano ciascuno in un tendine. T ali quattro
tendini passano dietro al legamento trasverso del carpo e, nella palma della mano,
irradiano verso le ultime quattro dita; ciascun tendine, raggiunto l ’ impianto del
corrispondente dito, entra nel canale osteo-fibroso formato dal legamento vagina
le, decorrendo in profondità al corrispondente tendine del muscolo flessore su
perficiale delle dita; passa poi nella fessura formata dalla biforca zione di quest’ ul-
4 • MU S C O LI 239

F igura 4.39 (a sinistra). Muscolo flessore superficiale delle dita destro.


F igura 4.40 (a destra). T erzo e quarto strato dei muscoli anteriori dell’ avambraccio destro.

timo e raggiunge la III falange, al contorno palmare della cui base si inserisce.
A zione. Il muscolo flessore profondo delle dita flette la III falange delle ultime
quattro dita della mano.

Muscolo flessore lungo del pollice. Il muscolo flessore lungo del pollice (fig.
4.40), situato di lato al muscolo flessore profondo delle dita, nasce dai tre quar
ti superiori della faccia anteriore del corpo del radio, al disotto della tuberosità.
Si dirige verso il basso e si continua poi con un tendine che passa in profondità
240 4 • MU S C O LI

al legamento trasverso del carpo e si porta all’ eminenz a tenar della mano; quivi
esso decorre tra i due capi del muscolo flessore breve del pollice e, alla base del
pollice, entra nel canale osteo-fibroso formato dal legamento vaginale; raggiunta
infine la base della II falange del pollice, vi si inserisce.
A zione. Il muscolo flessore lungo del pollice flette la II falange del pollice sulla
I e, secondariamente, flette il pollice sulla palma della mano.

Muscolo pronatore quadrato. Il muscolo pronatore quadrato (fig. 4.40) è si


tuato nella parte distale dell’ avambraccio, a ridosso del piano scheletrico. Di
forma quadrilatera, esso origina dal quarto inferiore della faccia anteriore del
corpo dell’ ulna e si porta di lato per inserirsi sul quarto inferiore della faccia
anteriore del corpo del radio.
A zione. Il muscolo pronatore quadrato prona l ’ avambraccio, quando questo è
in supina zione.

Muscoli laterali dell'avambraccio


I muscoli laterali dell’ avambraccio sono in numero di tre: il muscolo brachio-
radiale, il muscolo estensore radiale lungo del carpo ed il muscolo estensore ra
diale breve del carpo.
Innerva zione. I muscoli laterali dell’ avambraccio sono innervati dal nervo radiale.

Muscolo brachio-radiale. Il muscolo brachio-radiale (fig. 4.38) prende origine


dal margine laterale del corpo dell’ omero, sopra all’ epicondilo. Si porta in bas
so e, circa a metà dell’ avambraccio, trapassa in un tendine che va ad inserirsi
alla base del processo stiloideo del radio.
A zione. Il muscolo brachio-radiale flette l ’ avambraccio sul braccio; ruota medial-
mente la palma della mano, cioè in posizione intermedia tra la prona zione e la su
pina zione.

Muscolo estensore radiale lungo del carpo. Il muscolo estensore radiale lungo
del carpo (fig. 4.38), situato in addietro al muscolo brachio-radiale, sorge dal
margine laterale del corpo dell’ omero, inferiormente all’ origine del muscolo
brachio-radiale, e dall’ epicondilo. Si porta in basso e raggiunge la mano, dove
si inserisce col suo tendine sulla faccia dorsale della base dell’ osso II metacarpale.
A zione. Il muscolo estensore radiale lungo del carpo estende la mano, abdu-
cendola.

Muscolo estensore radiale breve del carpo. Il muscolo estensore radiale breve del
carpo (fig. 4.38), posto posteriormente al muscolo estensore radiale lungo del car
po, origina dall’ epicondilo dell’ omero. Si porta alla mano per inserirsi con il suo
tendine sulla faccia dorsale della base dell’ osso III metacarpale.
A zione. Il muscolo estensore radiale breve del carpo estende la mano.

Muscoli posteriori dell'avambraccio


I muscoli posteriori dell’ avambraccio sono disposti in due piani, superficiale
e profondo.
II piano superficiale è formato, in senso latero-mediale, dal muscolo estensore
comune delle dita, dal muscolo estensore proprio del mignolo e dal muscolo esten
sore ulnare del carpo.
4 • MU S C O LI 241

— m. brachio-radiale
m. brachio-radiale omero
m. estensore radiale
m. tricipite del braccio lungo del carpo
— m. estensore
m. estensore radiale
lungo del carpo---- ulnare del carpo

m. anconeo m. anconeo

m. flessore ulnare m. estensore


del carpo---------- comune delle dita

m. estensore comune m. supinatore


delle dita -------------- ---------- ulna
m. estensore ulnare m. flessore ulnare
del carpo------------ del carpo

m. estensore radiale m. estensore radiale


breve del carpo---- breve del carpo

m. abduttore ---- m. abduttore


lungo del pollice lungo del pollice

m. estensore proprio ---- m. estensore


del mignolo ---------- breve del pollice

ni. estensore -------- m. estensore


breve del pollice - proprio dell’indice

legamento dorsale ----- m. estensore


del carpo ---------- lungo del pollice

legamento dorsale
del carpo

F igura 4.41 (a sinistra). Strato superficiale dei muscoli posteriori dell’ avambraccio destro.
F igura 4.42 (a destra). Strato profondo dei muscoli posteriori dell’ avambraccio destro.

Il piano profondo è formato, superiormente, dal muscolo supinatore e, più


in basso, da quattro muscoli che, procedendo latero-medialmente, sono:
il muscolo abduttore lungo del pollice, il muscolo estensore breve del pollice,
il muscolo estensore lungo del pollice ed il muscolo estensore proprio dell’indice.
Innerva zione. I muscoli posteriori dell’ avambraccio sono innervati dal nervo
radiale.
242 4 • MU S C O LI

Muscolo estensore comune delle dita. Il muscolo estensore comune delle dita
(fig. 4.41) è un lungo muscolo appiattito che origina dalla faccia posteriore
dell’ epicondilo dell’ omero e si reca verso il basso, continuandosi poi con quattro
tendini che passano nel dorso della mano, dove divergono verso le ultime quattro
dita. Ciascuno di tali tendini si scinde da ultimo in tre lacerti, di cui il medio si
attacca sulla base della II falange, mentre gli altri due vanno ad inserirsi sulla
base della III falange.
A zione. Il muscolo estensore comune delle dita estende le I falangi delle ultime
quattro dita della mano; secondariamente, estende anche le altre due falangi.

Muscolo estensore proprio del mignolo. Il muscolo estensore proprio del mignolo
(fig. 4.41) origina dalla faccia posteriore dell’ epicondilo dell’ omero. Il suo ten
dine si porta nel dorso della mano dove, in corrispondenz a della faccia dorsale
dell’ osso V metacarpale, si fonde con il tendine del muscolo estensore comune
delle dita per il mignolo, col quale ha pertanto in comune l ’inserzione.
A zione. Il muscolo estensore proprio del mignolo estende il mignolo, dandogli
l ’indipendenz a dalle altre dita.

Muscolo estensore ulnare del carpo. Il muscolo estensore ulnare del carpo (fig.
4.41) origina dalla faccia posteriore dell’ epicondilo dell’ omero. Il suo tendine
va ad inserirsi alla faccia dorsale della base dell’ osso V metacarpale.
A zione. Il muscolo estensore ulnare del carpo estende la mano, adducendola.

Muscolo supinatore. Il muscolo supinatore (fìg. 4.42) è un breve muscolo che si


trova nella parte alta dell’ avambraccio. Esso origina dall’ epicondilo dell’ omero,
inoltre dall’ ulna al disotto della sua incisura radiale; portandosi in basso e late
ralmente, circonda ad elica il terzo superiore del corpo del radio, sulle cui facce la
terale e anteriore si inserisce.
A zione. Il muscolo supinatore determina il movimento di supina zione della mano.

Muscolo abduttore lungo del pollice. Il muscolo abduttore lungo del pollice
(fìg. 4.42) nasce dalla faccia posteriore del corpo del radio, dalla faccia postero
laterale del corpo dell’ ulna e dalla membrana interosse a dell’ avambraccio. Si reca
in basso e di lato per inserirsi col suo tendine sul contorno laterale della base
dell’ osso I metacarpale.
A zione. Il muscolo abduttore lungo del pollice abduce il pollice.

Muscolo estensore breve del pollice. Il muscolo estensore breve del pollice (fìg.
4.42) origina dalla membrana interosse a dell’ avambraccio e dalla faccia posteriore
del corpo del radio, subito inferiormente all’ origine del muscolo abduttore lungo
del pollice. Il suo tendine va ad inserirsi sulla faccia dorsale della base della I fa
lange del pollice.
A zione. Il muscolo estensore breve del pollice estende la I falange del pollice.

Muscolo estensore lungo del pollice. Il muscolo estensore lungo del pollice (fìg.
4.42) nasce dalla membrana interosse a dell’ avambraccio e dalla faccia postero
laterale del corpo dell’ ulna, medialmente ai due muscoli precedenti. Si porta
col suo tendine alla faccia dorsale della base della II falange del pollice.
A zione. Il muscolo estensore lungo del pollice estende la II falange del pollice.
4 • MU S C O LI

Muscolo estensore proprio dell'indice. Il muscolo estensore proprio dell’indice


(fig. 4.42) origina dalla membrana interosse a e dalla faccia posteriore del corpo
dell’ ulna, subito inferiormente all’ impianto del muscolo estensore lungo del
pollice. Il suo tendine si fonde, a livello della articola zione metacarpo-falange a
dell’indice, con il tendine del muscolo estensore comune delle dita destina
to a tale dito; ne ha pertanto in comune la termina zione.
A zione. Il muscolo estensore proprio dell’indice estende l ’indice, permettendone
l ’ indipendenz a dalle altre dita.

Muscoli della mano


I muscoli della mano sono situati tutti nella faccia palmare di questa. E ssi
sono disposti in tre gruppi: muscoli dell’ eminenz a tenar, che stanno nella parte
laterale della mano, alla base del pollice; muscoli dell’ eminenz a ipotenar, situati
nella parte mediale della palma della mano, alla base del mignolo; muscoli in
termedi della mano. D ei muscoli intermedi della mano, i più laterali ed i più
mediali sono posti in profondità ai muscoli rispettivamente dell’ eminenz a te
nar e dell’ eminenz a ipotenar; quelli che si trovano invece nel me z zo sono rico
perti dall’ aponevrosi palmare.
U aponevrosi palmare (fig. 4.43) è una robusta lamina fibrosa che ha forma
pressoché triangolare. Il suo apice, prossimale, corrisponde alla estremità del
tendine del muscolo palmare lungo; la sua base, distale, arriva alle ultime quat
tro articola zioni metacarpo-falange e; i suoi due margini, laterale e mediale, giun
gono distintamente all’ eminenz a tenar e all’ eminenz a ipotenar, dove trapassano
nelle parti della fascia comune del corpo che ricoprono le due eminenz e medesime.

Muscoli dell'eminenz a tenar


l
I muscoli dell’ eminenz a tenar sono rappresentati da quattro muscoli: il musco
lo abduttore breve del pollice, il muscolo flessore breve del pollice, il muscolo op

ra. abduttore breve palmare breve


del pollice

aponevrosi palmare

F igura 4.43. Aponevrosi palmare della mano destra.


244 4 • MU S C O LI

legamento trasverso del carpo

m. opponente del pollice --------

m. abduttore breve del pollice -m. flessore breve del mignolo

m. flessore breve del pollice — m. abduttore del mignolo

m. adduttore del pollic e ------

tendini del m. flessore -------------


superficiale delle dita
mm. lombricali
tendine del m. flessore ------------
lungo del pollice
tendini del m. flessore
legamento vaginale - profondo delle dita

F igura 4.44. Muscoli d ell’ eminenz a tenar e d ell’ eminenz a ipote n ar della mano destra.

ponente del pollice ed il muscolo adduttore del pollice.


Innerva zione. Il muscolo abduttore breve del pollice, il muscolo opponente del
pollice ed il capo superficiale del muscolo flessore breve del pollice sono innerva
ti dal nervo mediano; il capo profondo del muscolo flessore breve del pollice ed
il muscolo adduttore del pollice sono innervati dal nervo ulnare.

Muscolo abduttore breve del pollice. Il muscolo abduttore breve del pollice (fig.
4.44) è il più superficiale tra i muscoli dell’ eminenz a tenar. E sso origina dall’ osso
navicolare e dal legamento trasverso del carpo; si reca in basso e di lato, terminan
do sul contorno laterale della base della I falange del pollice.
A zione. Il muscolo abduttore breve del pollice, contrariamente a quanto dice il
suo nome, adduce il pollice; inoltre lo flette e lo ruota medialmente, opponendolo
alle altre dita.

Muscolo flessore breve del pollice. Il muscolo flessore breve del pollice (fig. 4.44)
è situato in profondità al muscolo abduttore breve del pollice. N asce con due
capi: il capo superficiale, che origina dal trape zio e dal legamento trasverso del
carpo; il capo profondo, che nasce dall’ osso trape zoide e dall’ osso capitato. T ali
4 MU S C O LI 245

due capi delimitano una doccia entro cui decorre il tendine del muscolo flessore
lungo del pollice; si fondono per poi attaccarsi con un tendine al contorno laterale
della base della I falange del pollice.
A zione. Il muscolo flessore breve del pollice flette il pollice, l ’ adduce e lo oppone
alle altre dita.

Muscolo opponente del pollice. Il muscolo opponente del pollice (fig. 4.44) è il
più laterale dei muscoli dell’ eminenz a tenar. Tra e origine dall’ osso trape zio e dal
legamento trasverso del carpo; va ad inserirsi lungo tutta la faccia laterale del
corpo dell’ osso I metacarpale.
A zione. Il muscolo opponente del pollice oppone il pollice alle altre dita.

Muscolo adduttore del pollice. Il muscolo adduttore del pollice (fig. 4.45) è si
tuato profondamente, in posizione mediale. N asce con due capi: il capo obliquo,
che si diparte dall’ osso trape zio, dall’ osso trape zoide e dall’ osso capitato; il capo
trasverso, che nasce dalla base e dall’ intero margine palmare dell’ osso III metacar
pale; i due capi si portano di lato e si uniscono fra loro, per inserirsi poi con un
tendine al contorno mediale della base della I falange del pollice.
A zione. Il muscolo adduttore del pollice adduce il pollice e lo flette.

Muscoli dell'eminenz a ipotenar


I muscoli dell’ eminenz a ipotenar sono rappresentati da un muscolo cutaneo,
il muscolo palmare breve, e da tre muscoli scheletrici: il muscolo abduttore del
mignolo, il muscolo flessore breve del mignolo, il muscolo opponente del mignolo.
Innerva zione. I muscoli dell’ eminenz a ipotenar sono innervati dal nervo ulnare.

Muscolo palmare breve. Il muscolo palmare breve (fig. 4.43) è una lamella car
nosa, sottile e quadrilatera, che è accolta nella tela sottocutane a dell’ eminenz a
ipotenar. Origina dal contorno mediale dell’ aponevrosi palmare; portandosi me-

F igura 4.45. Muscolo adduttore del pollice della mano destra.


246 4 • MU S C O LI

dialmente, va ad inserirsi sulla profondità della cute del contorno mediale del
l ’ eminenz a ipotenar.
A zione. Il muscolo palmare breve, contra endosi, determina un solco longitu
dinale sul contorno mediale dell’ eminenz a ipotenar.

Muscolo abduttore del mignolo. Il muscolo abduttore del mignolo (fig. 4.44)
è posto in superficie ed occupa una posizione mediale. N asce dall’ osso pisiforme
e dal legamento trasverso del carpo; termina sul contorno mediale della base
della I falange del mignolo.
A zione. Il muscolo abduttore del mignolo abduce il mignolo rispetto all’ asse me
diano della mano.

Muscolo flessore breve del mignolo. Il muscolo flessore breve del mignolo (fig.
4.44) si trova in superficie, avendo una posizione laterale. Origina dall’ uncino del
l ’ osso uncinato e dal legamento trasverso del carpo; termina sul contorno mediale
della base della I falange del mignolo.
A zione. Il muscolo flessore breve del mignolo flette la I falange del mignolo e
abduce l ’ intero dito.

Muscolo opponente del mignolo. Il muscolo opponente del mignolo è situato


in profondità ai due muscoli precedenti. Tra e origine dall’ uncino dell’ osso un
cinato e dal legamento trasverso del carpo; va ad inserirsi lungo la faccia mediale
del corpo dell’ osso V metacarpale.
A zione. Il muscolo opponente del mignolo porta il mignolo in avanti e verso l ’ asse
mediano della mano.

Muscoli intermedi della mano


I muscoli intermedi della mano sono: i quattro muscoli lombricali della mano,
i tre muscoli interassei palmari, i quattro muscoli interassei dorsali della ma
no.
Innerva zione. I muscoli intermedi della mano sono innervati dal nervo ulnare,
fatta ecce zione del I e del II muscolo lombricale, che sono innervati invece dal
nervo mediano.

Muscoli lombricali della mano. I muscoli lombricali della mano (fig. 4.44), in
numero di quattro, sono applicati al contorno laterale dei quattro tendini del
muscolo flessore profondo delle dita; essi vengono indicati, procedendo in senso
latero-mediale, come I, II, III e IV muscolo lombricale. Sono muscoletti allun
gati che nascono, nella palma della mano, dal contorno laterale del tendine del
muscolo flessore profondo delle dita; si portano distalmente e, giunti alle articola
zioni metacarpo-falange e, proseguono con un tendine che piega posteriormente
sulla faccia dorsale della I falange, dove si attacca al corrispondente tendine del
muscolo estensore comune delle dita.
A zione. I muscoli lombricali della mano flettono le I falangi delle ultime quattro
dita della mano, estendendo le altre falangi.

Muscoli interossei palmari. I muscoli interossei palmari (fig. 4.46), in numero


di tre, si trovano rispettivamente nel II, nel III e nel IV spa zio intermetacarpale
e sono numerati in senso latero-mediale.
4 MU S C O LI 247

ossi metacarpali m. Ili interasseo palmare

m. I interasseo palmare- m. II interasseo palmare

I falangi

F igura 4.46. Muscoli interossei palmari della mano destra.

Il muscolo I interasseo palmare nasce dalla faccia mediale del corpo dell’ osso
II metacarpale; i muscoli II e III interossei palmari originano dalla faccia laterale
del corpo rispettivamente dell’ osso IV metacarpale e dell’ osso V metacarpale,
A livello delle articola zioni metacarpo-falange e, essi trapassano in un tendinet-
to che si inserisce sulla faccia dorsale della base della I falange, rispettivamente
dell’indice quello del muscolo I interosseo palmare, dell’ anulare quello del mu
scolo II interosseo palmare e del mignolo quello del muscolo III interosseo
palmare. T ali tendinetti danno anche un lacerto che si inserisce sul corrispondente
tendine del muscolo estensore comune delle dita.
A zione. I muscoli interossei palmari avvicinano l’indice, l ’ anulare ed il mignolo
all’ asse mediano della mano, passante per il dito medio.

Muscoli interossei dorsali della mano. I muscoli interossei dorsali della mano
(fig. 4.47), in numero di quattro, occupano i quattro spa zi intermetacarpali,
essendo posti dorsalmente rispetto ai muscoli interossei palmari. V engono nume
rati in senso latero-mediale.
Ciascuno di essi sorge dalle facce contigue dei corpi dei due ossi metacarpali
che delimitano il corrispondente spa zio intermetacarpale. I fasci carnosi, che han
no decorso obliquo verso il basso, si portano al centro dello spa zio intermeta
carpale, dove trapassano in un tendine, che va ad inserirsi sulla base della I falange
e che, con una sua espansione, raggiunge anche il tendine del muscolo estensore
comune delle dita che sta applicato alla falange medesima. In particolare, il tendi
ne del muscolo I interosseo dorsale della mano si porta al contorno laterale della
base della I falange dell’indice; i tendini dei muscoli II e III interossei dorsali
della mano vanno ai contorni rispettivamente laterale e mediale della base della I
falange del medio; il tendine del muscolo IV interosseo dorsale della mano si
248 4 • MU S C O LI

ossi metacarpali-

m. IV interasseo dorsale m. I interasseo dorsale

m. Ili interasseo dorsale m. II interasseo dorsale

tendini del m. estensore


comune delle dita

F igura 4.47. Muscoli interossei dorsali della mano destra.

reca al contorno mediale della base della I falange dell’ anulare.


A zione. I muscoli interossei dorsali della mano allontanano le dita dall’ asse me
diano della mano. In particolare, i muscoli I e II interossei dorsali della mano
spostando l ’ indice ed il medio verso il contorno laterale della mano; i muscoli
III e IV interossei dorsali della mano portano invece il medio e l ’ anulare verso
il contorno mediale della mano.

4.7. MU S C O LI D E G LI A R TI IN F E RIO RI

I muscoli dell’ arto inferiore sono distinti in: muscoli dell’ anca, muscoli
della coscia, muscoli della gamba, muscoli del piede.

Muscoli d ell’ anca


I muscoli dell’ anca sono rappresentati sia da muscoli che si trovano interna
mente al bacino, sia da altri che gli sono applicati esternamente. Si trovano inter
namente al bacino: il muscolo ilio-psoas, il muscolo piccolo psoas, il muscolo
piriforme ed il muscolo otturatore intemo; sono invece applicati esternamente
al bacino: il muscolo grande gluteo, il muscolo medio gluteo, il muscolo piccolo
gluteo, i muscoli gemelli superiore e inferiore, il muscolo quadrato del femore
ed il muscolo tensore della fascia lata.
Innerva zione. Il muscolo ilio-psoas ed il muscolo piccolo psoas sono innervati
da rami del plesso lombare. T utti gli altri sono innervati invece dal plesso sacrale;
in particolare, il muscolo piriforme, il muscolo otturatore interno, il muscolo
gemello superiore e i muscoli gemello inferiore e quadrato del femore dai nervi
4 MU S C O LI 249

omonimi, il muscolo grande gluteo dal nervo gluteo inferiore, i muscoli medio
gluteo, piccolo gluteo e tensore della fascia lata mediante il nervo gluteo supe
riore.

Muscolo ilio-psoas. Il muscolo ilio-psoas (fig. 4.22) risulta dell’ unione di due
muscoli: il muscolo iliaco ed il muscolo grande psoas.
1. Il muscolo iliaco è una larga massa carnosa, a forma di ventaglio, che occu
pa la fossa iliaca interna dell’ osso dell’ anca. Esso sorge dai due terzi superiori della
fossa iliaca interna e dall’ ala dell’ osso sacro. Si porta in basso e, dopo essersi unito
al muscolo grande psoas, abbandona la fossa iliaca interna scavalcando il margine
anteriore dell’ osso dell’ anca tra la spina iliaca antero-inferiore e l ’ eminenz a ilio-
pettine a, al disotto del legamento inguinale. Scorre poi sulla faccia anteriore
dell’ articola zione coxo-femorale e va ad inserirsi sul piccolo trocantere del femore.
2. Il muscolo grande psoas è un lungo e voluminoso muscolo, di forma grosso
modo cilindrica, che nasce dal contorno laterale della colonna vertebrale nel trat
to compreso tra la XII vertebra toracica e la IV vertebra lombare, essendo posto
al davanti del muscolo quadrato dei lombi, di cui ricopre la parte mediale.
La sua origine dalla colonna vertebrale avviene mediante una serie di arcate
le cui estremità si attaccano sul contorno inferiore e su quello superiore di due
vertebre contigue, nonché sul disco intervertebrale interposto, e le cui concavità
guardano la parte centrale del corpo vertebrale. Il muscolo grande psoas discende
nella fossa iliaca interna e trapassa in un robusto tendine su cui si impiantano i fa
sci carnosi del muscolo iliaco; esso va ad attaccarsi al piccolo trocantere del femore.
A zione. Il muscolo ilio-psoas flette la coscia, ruotandola lateralmente. Ad inser
zione femorale fìssa, flette il tronco ed il bacino, inclinandoli dal proprio lato;
contra endosi simultane amente da ambo i lati, li flette soltanto.

Muscolo piccolo psoas. Il muscolo piccolo psoas (fig. 4.22) è un sottile muscolo,
il cui ventre carnoso è applicato medialmente alla parte alta del muscolo grande
psoas. Tra e origine dai corpi della XII vertebra toracica e della I vertebra lombare
e dal disco intervertebrale interposto; si porta in basso e trapassa in un tendine
appiattito, che si espande sulla fascia iliaca soprastante al muscolo ilio-psoas,
giungendo fino all’ eminenz a ilio-pettine a dell’ osso dell’ anca.
A zione. Il muscolo piccolo psoas partecipa alla flessione del tronco.
Muscolo piriforme. Il muscolo piriforme (fig. 4.48) è un muscolo di forma trian
golare, applicato alla parete posteriore della piccola pelvi. Origina dalla faccia an
teriore dell’ osso sacro nella sua parte laterale, in corrispondenz a della II, III e IV
vertebra sacrale; portandosi in fuori, esce dal grande foro ischiatico e va ad inse
rirsi con il suo tendine all’ estremità superiore del grande trocantere del femore.
A zione. Il muscolo piriforme abduce la coscia, ruotandola in fuori.
Muscolo otturatore interno. Il muscolo otturatore intemo (fig. 4.48) nasce,
entro la piccola pelvi, dal contorno del foro otturato dell’ osso dell’ anca e dalla
membrana otturatoria. Si porta in addietro ed in basso verso il piccolo foro
ischiatico. Attraversato quest’ ultimo e fattosi così extrapelvico, piega in fuori e
va ad inserirsi con un tendine nel fondo della fossa trocanterica del femore.
A zione. Il muscolo otturatore interno abduce la coscia e la ruota in fuori.

Muscolo grande gluteo. Il muscolo grande gluteo (fig. 4.49) è una voluminosa
massa carnosa, da cui è determinata gran parte della convessità dell’ anca. Prende
250 4 • MU S C O LI

osso sacro

osso dell’ anca


m. piriforme
fascia del m. otturatore
interno
-grande foro
legamento sacro-spinoso ischiatico

piccolo foro
canale otturatorio--------
ischiatico

legamento sacro-tuberoso
m. otturatore

F igura 4.48. Muscolo piriforme e muscolo otturatore interno di destra.

cresta iliaca
dell’ osso dell’ anca

-m. medio gluteo

m. piriforme

grande trocantere
del femore
spina ischiatica
dell’ osso dell’ anca m. otturatore interno e
mm. gemelli superiore
e inferiore
m. grande gluteo

m. quadrato del femore


tuberosità ischiatica
dell’ osso dell’ anca

F igura 4.49. Muscoli glutei


4 • MU S C O LI 251

origine dalle facce posteriori dell’ osso sacro e del coccige e dalla porzione di fossa
iliaca esterna dell’ osso dell’ anca che si estende dietro alla line a glute a posteriore,
inoltre dall’ aponevrosi lombo-dorsale e dalle facce esterne dei legamenti sacro
spinoso e sacro-tuberoso. I suoi fasci si portano in basso ed in fuori e trapassano in un
robusto tendine, che va ad attaccarsi sul corpo del femore, in corrispondenz a del
la tuberosità glute a.
A zione. Il muscolo grande gluteo estende e abduce la coscia, ruotandola in fuori;
facendo punto fìsso sul femore, estende il bacino ruotandolo dal lato opposto.
Il muscolo grande gluteo esplica un ruolo importantissimo nel mantenimento della
sta zione eretta, specie nella de ambula zione.

Muscolo medio gluteo. Il muscolo medio gluteo (fig. 4.49) è una grossa massa
carnosa triangolare che nasce dalla porzione della fossa iliaca esterna dell’ osso
dell’ anca compresa fra la line a glute a posteriore e quella anteriore. I suoi fasci carnosi
si portano in basso e vanno ad inserirsi, con un breve e robusto tendine, sul grande
trocantere del femore.
A zione. Il muscolo medio gluteo abduce la coscia, ruotandola un poco medial-
mente. A femore fisso, inclina il bacino e lo ruota dal proprio lato. Il muscolo
medio gluteo coadiuva il muscolo grande gluteo nel mantenimento della sta zione
eretta del corpo.

Muscolo piccolo gluteo. Il muscolo piccolo gluteo è un muscolo triangolare


posto in profondità al muscolo medio gluteo. Origina dalla fossa iliaca esterna
dell’ osso dell’ anca, tra la line a glute a anteriore e quella inferiore; discende verso
il basso per attaccarsi al grande trocantere del femore.
A zione. Il muscolo piccolo gluteo abduce la coscia, ruotandola unpocolateralmente.
Ad inserzione femorale fìssa, estende il bacino, lo inclina dal proprio lato e lo
ruota dal lato opposto. C ontribuisce con gli altri due muscoli glutei al manteni
mento della sta zione eretta del corpo.

Muscoli gemelli superiore e inferiore. I muscoli gemelli, superiore e inferiore,


(fig. 4.49) sono due piccoli muscoli che si affiancano ai contorni, rispettiva
mente superiore ed inferiore, della porzione extrapelvica del muscolo ottura
tore interno. Il muscolo gemello superiore nasce dalla spina ischiatica dell’ osso
dell’ anca; il muscolo gemello inferiore origina dalla tuberosità ischiatica dell’ osso
dell’ anca. Ambedue i muscoli, portandosi in fuori, vanno a terminare nella fossa
trocanterica del femore.
A zione. I due muscoli gemelli ruotano lateralmente la coscia e la abducono.

Muscolo quadrato del femore. Il muscolo quadrato del femore (fig. 4.49) è una
massa carnosa quadrilatera, posta al disotto del muscolo gemello inferiore. N asce
dalla tuberosità ischiatica dell’ osso dell’ anca e si porta in fuori per inserirsi sul con
torno mediale del grande trocantere del femore.
A zione. Il muscolo quadrato del femore ruota la coscia in fuori.

Muscolo tensore della fascia lata. Il muscolo tensore della fascia lata (fig. 4.50)
origina dalla spina iliaca antero-superiore dell’ osso dell’ anca e si dirige verso il
basso. Prosegue tosto nel tratto ilio-tibiale (o benderella del Maissiatf ispessi
mento verticale della fascia lata (porzione della fascia comune del corpo corri
spondente alla coscia) che giunge al condilo laterale della tibia.
252 4 • MU S C O LI

spina iliaca antero-superiore


dell’ osso dell’ anca m. ilio-psoas

pube
m. tensore della fascia lata

---------- m. pettineo

m. adduttore lungo

m. retto del femore


m. sartorio

fascia lata m. gracile

m. vasto laterale

m. vasto mediale

rotula

legamento rotuleo tibia

F igura 4.50. Muscoli anteriori e mediali della coscia destra.

A zione. Il muscolo tensore della fascia lata tende il tratto ilio-tibiale; estende
quindi la gamba sulla coscia e contribuisce a mantenere la sta zione eretta del
corpo.

Muscoli della coscia


I muscoli della coscia sono distinti in: anteriori, mediali e posteriori.
I muscoli della coscia sono avvolti in superficie dalla fascia comune del corpo,
la quale è molto ispessita e prende il nome dì fascia lata.
4 • MU S C O LI 253

D alla profondità della fascia lata si dipartono due robusti setti intermuscolari,
l ’ uno mediale e l ’ altro laterale, che con dire zione grosso modo frontale si portano
sul femore, dividendo cosi le due logge osteo-fasciali della coscia: l ’ anteriore e la
posteriore. La loggia osteo-fasciale anteriore della coscia contiene i muscoli ante
riori della coscia; la loggia osteo-fasciale posteriore della coscia ne accoglie i mu
scoli mediali e quelli posteriori.

Muscoli anteriori della coscia


I muscoli anteriori della coscia sono il muscolo sartorio, posto in superfìcie,
ed il muscolo quadricipite del femore, sottostante al precedente.
Innerva zione. I muscoli anteriori della coscia sono innervati dal nervo femorale.

Muscolo sartorio. Il muscolo sartorio (fig. 4.50) è un lungo muscolo appiattito,


che nasce dalla spina iliaca antero-superiore dell’ osso dell’ anca e che, portandosi
in basso e medialmente, circonda ad elica la faccia anteriore della coscia. R aggiun
to il condilo mediale del femore, esso trapassa in un tendine che va ad inserirsi sul
condilo mediale della tibia.
II tendine del muscolo sartorio, in unione con il tendine del muscolo gracile
e con quello del muscolo semitendinoso, forma sul condilo mediale della tibia
un complesso fibroso, che è detto z ampa d ’ oca per essere i tre tendini che lo co
stituiscono collegati fra di loro da espansioni fibrose, così da ricordare le mem
brane interdigitali delle z ampe dei palmipedi.
A zione. Il muscolo sartorio flette la gamba e successivamente la coscia. La sua
a zione ha grande importanz a nella de ambula zione.

Muscolo quadricipite del femore. Il muscolo quadricipite del femore (fig. 4.50)
è una grande massa carnosa, che consta di quattro parti: il muscolo retto del fe
more, il muscolo vasto laterale, il muscolo vasto mediale e il muscolo vasto inter
medio. Di questi, il muscolo retto del femore forma il piano più superficiale del
muscolo quadricipite del femore, i muscoli vasti laterale e mediale ne costituiscono
il piano di me z zo, il muscolo vasto intermedio ne forma infine il piano profondo.
T utti i quattro muscoli convergono inferiormente in un robusto tendine: il tendi
ne del muscolo quadricipite del femore; questo giunge alla rotula (o patella), che è
l ’ osso sesamoideo in esso contenuto, e prosegue poi verso il basso, col nome di
legamento rotuleo (o legamento della patella), per inserirsi infine sulla tuberosità
della tibia.
1. Il muscolo retto del femore è un lungo e spesso nastro carnoso che origina,
con un tendine diretto, dalla spina iliaca antero-inferiore dell’ osso dell’ anca e, pon
un tendine riflesso, dal contorno superiore dell’ acetabolo dell’ osso dell’ anca.
E sso si porta in basso e si continua con un tendine che si unisce a quello del muscolo
quadricipite del femore.
2. Il muscolo vasto laterale è una spessa ed ampia lamina, con concavità me
diale, che prende origine dal corpo del femore in corrispondenz a del labbro late
rale della line a aspra. I suoi fasci carnosi si portano in avanti e in basso, conver
gendo sul contorno laterale di una lamina aponevrotica che è posta dietro al ten
dine del muscolo retto del femore e che va poi ad unirsi al tendine del muscolo
quadricipite del femore.
3. Il muscolo vasto mediale ha anch’ esso forma di ampia lamina, ma con con
cavità laterale. Prende origine dal corpo del femore in corrispondenz a della cresta
254 4 MU S C O LI

del muscolo vasto mediale e del labbro mediale della line a aspra. I suoi fasci car
nosi convergono sul contorno mediale della stessa lamina aponevrotica che dà im
pianto lateralmente ai fasci carnosi del muscolo vasto laterale.
4. Il muscolo vasto intermedio è una lamina carnosa, concava posteriormente,
che abbraccia il corpo del femore. N asce dal corpo del femore in