Sei sulla pagina 1di 1

INTRODUZIONE

L’energia alternata è il tipo di energia che arriva nelle nostre abitazioni, a differenza
dell’energia continua, che scorre in un solo verso, la tensione di questa si inverte
ciclicamente nel tempo (circa 50 volte al secondo).
È più vantaggiosa rispetto all’energia continua per diverse ragioni:
● grazie ai trasformatori la corrente alternata a bassa tensione diventa ad alta
tensione (e viceversa) molto facilmente. Per trasportare l’energia conviene
una corrente ad alta tensione (perché a parità di potenza si ha una minore
perdita di corrente e quindi minore perdita di potenza), mentre per la
distribuzione una a bassa tensione (per ragioni di sicurezza).
● i generatori di corrente alternata sono meno complessi di quelli di corrente
continua e in diversi casi da vantaggi nell’utilizzo di motori elettrici.
● i circuiti di corrente alternata non soffrono di corrosione elettrochimica.
● i rischi di surriscaldamento sono molto minori.
GLI ELETTRODOTTI
L’energia prodotta nelle centrali arriva in città mediante linee elettriche aeree
(lontane dai luoghi abitati perché causano campi elettromagnetici e sospese da terra
con tralicci metallici) e sotterranee (cavi interrati). In casi rari si ricorre a vie
subacquee.
Un elettrodotto è costituito da tre fili (più uno molto sottile), per via della corrente
trifase, che consiste nell’applicare a tre fili tensioni alternate e andamenti temporali
sfalsati tra di loro. Prodotte da tre generatori alla stessa tensione e frequenza. Il
quarto filo, nell’intreccio, ha spesso un cavo con fibre ottiche, per segnali di servizio.
IL VIAGGIO DELL’ELETTRICITÀ
Dopo aver convertito un altro tipo di forme d’energia in energia elettrica, le centrali
mandano l’energia ai trasformatori elevatori (che creano una corrente ad alta
tensione per il trasporto). Da qui l’energia passa per gli elettrodotti ed arriva al
trasformatore riduttore (che riduce la tensione) e poi alle cabine di distribuzione, che
riducono ulteriormente la tensione e la distribuiscono adeguatamente agli utenti, in
base al loro contratto e alla quantità necessaria.
L’INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO
Le correnti ad alta tensione che passano per gli elettrodotti possono causare effetti
sull’uomo che non sono ancora stati chiariti, per esempio si crede che siano una
delle cause di alcuni tumori. Per questo gli elettrodotti vengono convenzionalmente
costruiti lontano dai centri abitati e quando capita che se ne debba costruire uno in
mezzo ad abitazioni le compagnie elettriche si devono sempre scontrare con la
popolazione a sfavore.