Sei sulla pagina 1di 46

L’equilibrio finanziario

Gli indici di bilancio

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò
E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it
GLI INDICI DI BILANCIO

 Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche,


patrimoniali e finanziarie contenute nello stato
patrimoniale e nel conto economico riclassificati.

Schema di analisi :
 riclassificazione di conto economico e stato patrimoniale
 individuazione e calcolo dei quozienti (indici) più
significativi
 analisi attraverso sistemi di coordinamento
 confronto con valori di riferimento → segnali

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
GLI INDICI DI BILANCIO
Analisi su:
Bilanci consuntivi → “sintomi ed indizi” per interpretare la gestione
passata – l’analista ha soprattutto l’obiettivo di interpretare la gestione passata,
risalendo agli eventi che hanno portato alla situazione fotografata in bilancio.

Bilanci previsionali → misurare le conseguenze delle scelte della


direzione sulla situazione complessiva d’impresa

Supporto al processo decisionale

Capire la situazione nella quale l’impresa si trova ad operare,


definire gli obiettivi verso i quali condurla ed individuare le azioni da
intraprendere per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
GLI INDICI DI BILANCIO

Gli indici sono suddivisi in categorie (CLASSI) a seconda dello scopo


conoscitivo principale per il quale vengono calcolati.
Possiamo avere:
- INDICI DI REDDITIVITA’
- INDICI DI PRODUTTIVITA’
- INDICI DI LIQUIDITA’ E CAPITALE CIRCOLANTE
- INDICI DI STRUTTURA FINANZIARIA
- INDICI DI SVILUPPO
Per ogni quoziente sono indicate le denominazioni più comuni, la
modalità di calcolo, il significato ed una chiave interpretativa :

Valore soglia dell’area che Valore soglia dell’area di


rappresenta un segnale di eccellenza
pericolo/disequilibrio

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
GLI INDICI DI BILANCIO

Classi di indici:

 redditività
 produttività
 liquiditàe capitale circolante
 struttura finanziaria
 sviluppo

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI REDDITIVITA’
Evidenziano il livello di profittabilità dell’impresa e illustrano il
contributo delle diverse aree della gestione alla determinazione
del rendimento del capitale investito in azienda.

Grazie al giudizio sulla redditività complessiva si ricava anche una


prima indicazione sull’efficienza (operativa) e l’efficacia (strategica)
con la quale l’alta direzione manovra le leve a sua disposizione.

Sinteticamente illustrano:
 il livello complessivo di redditività dell’impresa
 il contributo delle diverse aree della gestione.

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI REDDITIVITA’ (ROE)
ROE (Return On Equity) – Redditività dei mezzi propri
Esprime la redditività complessiva dei mezzi propri, ossia quanti € di
utile netto l’impresa ha saputo realizzare per 100€ di capitale di
rischio (il patrimonio netto).

Risultato netto
ROE % = –––––––––––––––––
Capitale proprio

 Indica la redditività complessiva dei mezzi propri poiché il


risultato netto comprende i risultati realizzati sulle diverse aree
della gestione.
 Approssima il livello di autofinanziamento poiché rappresenta in
modo sintetico l’ammontare delle risorse generate dall’attività
complessiva dell’impresa.
Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.
Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI REDDITIVITA’ (ROE)

 Consente di effettuare una prima valutazione dell’investimento


nell’impresa → confronto con i rendimenti sperati e con i
rendimenti di investimenti alternativi.
 È un indicatore particolarmente significativo se inserito
all’interno di un sistema di coordinamento con gli altri indici.

ROE < 2% ROE > 6%


Il valore del ROE, se elevato, influenza positivamente la capacità
dell’impresa di reperire nuove risorse a titolo di capitale proprio!!

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI REDDITIVITA’ (ROA)
ROA (Return On Asset)
Esprime il flusso di reddito prodotto dalla gestione caratteristica per
100€ di capitale complessivamente investito in attività. Sintetizza
quindi l’efficienza con la quale è governato il capitale impiegato
nell’impresa, prescindendo dalle modalità di finanziamento e dai
sistemi di imposizione fiscale.

Risultato operativo
ROA % = ––––––––––––––––––
Totale attivo

 Esprime l’economicità della gestione caratteristica ed il


contributo che questa area apporta al ROE.

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI REDDITIVITA’ (ROA)

 È influenzato dal tasso di crescita dei nuovi investimenti e dal


grado di ammortamento dell’attivo. Le società in crescita con progetti
di investimento recenti hanno un ROA inferiore rispetto a società non in
crescita che ottengono uguale reddito operativo.

 Inserendo al denominatore le sole attività operative (impieghi che


non hanno contribuito alla formazione del reddito operativo) si
ottiene un’indicazione più specifica della redditività della gestione
caratteristica  si ottiene un “ROA operativo in senso stretto”
che può essere confrontato con il “ROA globale” per verificare
l’incidenza degli eventi extra-gestionali.

ROA < 5% ROA > 10%


Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.
Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI REDDITIVITA’ (ROI)
ROI (Return On Investment) – Redditività del capitale investito
Esprime la massima remunerazione che la gestione caratteristica è in
grado di produrre per 100€ di risorse finanziarie raccolte a titolo di
debito o di capitale di rischio.

Risultato operativo
ROI % = –––––––––––––––––––––––––––––-–––––––-
Fonti di copertura del fabbisogno finanziario

 Il numeratore considera il risultato della gestione caratteristica che


quindi non tiene conto delle gestioni straordinarie e fiscale e degli
oneri e proventi finanziari.
 Il denominatore comprende le risorse di natura finanziaria raccolte
dall’impresa sotto forma di debito e di capitale di rischio.

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI REDDITIVITA’ (ROI)

 Nel complesso rappresenta la remunerazione che la gestione


caratteristica è in grado di produrre per le risorse finanziarie raccolte.
 È indice di equilibrio economico che la remunerazione offerta dalla
gestione caratteristica ai capitali investiti in CCN e in attività fisse sia
superiore al relativo costo.

ROI < 7% ROI > 15%

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI REDDITIVITA’ (ROS)
ROS (Return On Sales) – Redditività delle vendite
Esprime la redditività delle vendite. Indica quanti € di reddito operativo
sono stati prodotti per 100€ di ricavo (ossia, quanta parte di ricavi residua
dopo la copertura dei costi della gestione caratteristica).
Risultato operativo
ROS % = ––––––––––––––––––––
Ricavi netti
 È la diretta espressione dei legami tra prezzi di vendita, volumi e costi
operativi, dato il fatturato netto realizzato.
 Il margine sui ricavi contribuisce a determinare il livello del ROA
attraverso i legami con il turnover.


 Tende a variare notevolmente a seconda del settore di


appartenenza dell’impresa.
ROS < 2% ROS > 13%

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
GLI INDICI DI BILANCIO

Classi di indici:

 redditività
 produttività
 liquiditàe capitale circolante
 struttura finanziaria
 sviluppo

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI PRODUTTIVITA’

 Esprimono la quantità di output ottenuto in


relazione alle risorse impiegate per ottenerlo

 Sono indicatori di efficienza dell’impiego dei


fattori produttivi

 Sono più significativi se affiancati a:


 confronto con i valori di altre imprese dello
stesso settore
 analisi dei trend nel tempo

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI PRODUTTIVITA’
Ricavi pro capite
Esprime il ricavo mediamente attribuibile ad ogni dipendente. L’indice
si riferisce alla sola attività caratteristica dell’impresa riassunta dai ricavi
netti; il numeratore infatti non comprende i risultati delle gestioni
finanziaria, straordinaria e fiscale poiché si manifestano per esempio
sotto forma di oneri o proventi finanziari, ecc.
Ricavi netti
Ricavi pro capite = –––––––––––––––––––––––––
Numero medio di dipendenti

 Il confronto deve avvenire tra imprese con caratteristiche omogenee.

 Un valore crescente è sintomo di miglioramento nelle modalità di


utilizzazione dei fattori produttivi; un valore decrescente può essere
sintomo di una fase di crisi che si riflette in minori ricavi complessivi.

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI PRODUTTIVITA’
Valore aggiunto pro capite
Esprime il valore aggiunto riferibile ad ogni dipendente. Questo indice
consente di ridurre parte delle distorsioni (relative al ricavi pro capite)
derivanti dal diverso grado di integrazione verticale poiché il valore
aggiunto deriva dalla differenza tra valore della produzione e costi
complessivi a essa relativi.
Valore aggiunto
Valore aggiunto pro capite = ––––––––––––––––––––
Numero medio di dipendenti

 Risente di alcuni elementi come le politiche di valutazione delle scorte o


il grado di automazione che influenza direttamente la produttività del
lavoro.
 Un valore crescente è sintomo di miglioramento nelle modalità di
utilizzazione dei fattori produttivi.

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI PRODUTTIVITA’
Costo del lavoro pro capite
È un approfondimento del valore aggiunto pro capite. Analizzando
congiuntamente i due quozienti è possibile comprendere, in prima
approssimazione, il peso del costo del lavoro sulla formazione del
risultato economico.
Costo del lavoro
Costo del lavoro pro capite = ––––––––––––––––––––
Numero medio di dipendenti
 Non è un vero e proprio indice di produttività, ma soprattutto un
indicatore di costo.

In aumento In diminuzione
 Tale interpretazione considera la forza lavoro come un costo e assume
una prospettiva tradizionale. Se si considera invece la forza lavoro
come una risorsa, l’incremento del costo del lavoro può essere legato a
una opportunità politica di qualificazione del personale.

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI PRODUTTIVITA’
Turnover (Rotazione del Capitale Investito)
Rappresenta il numero di volte in cui il capitale investito ritorna in
forma liquida per effetto dei ricavi di vendita. Esprime quanti € di
vendite sono stati prodotti per ogni € di attività investite nell’impresa.
Ricavi Netti
Turnover = –––––––––––––––
Totale Attivo

 Il reciproco (Totale attivo/Ricavi netti) esprime l’intensità (tasso di


intensità) di capitale: il volume di investimenti effettuati per produrre
un’unità di vendita.
 Ipotizzato che il ROS sia positivo, maggiore è il tasso di rotazione del
capitale investito, maggiore è il risultato economico complessivamente
ottenuto.

Turnover < 1% Turnover > 2%

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
GLI INDICI DI BILANCIO

Classi di indici:

 redditività
 produttività
 liquidità e capitale circolante
 struttura finanziaria
 sviluppo

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI LIQUIDITA’
E DI CAPITALE CIRCOLANTE
Per apprezzare il rischio finanziario è necessario
analizzare due diversi aspetti della solvibilità:

 Solvibilità nel breve termine:


 indici di liquidità
 Solvibilità nel medio-lungo termine:
 indici di solidità patrimoniale
La solvibilità influenza la capacità di ottenere dai
creditori il rinnovo dei finanziamenti in scadenza e la
concessione di nuovi prestiti.

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI LIQUIDITA’
E DI CAPITALE CIRCOLANTE

Una prima valutazione del rischio finanziario

 Solvibilità nel breve termine:


 indici di liquidità

 Solvibilità nel medio-lungo termine:


 indici di solidità patrimoniale

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI LIQUIDITA’
E DI CAPITALE CIRCOLANTE

Liquidità:

 capacità dell’impresa di onorare le obbligazioni che


scadono nel breve termine attraverso le risorse
finanziarie che si rendono disponibili nello stesso
arco temporale

 se c’è equilibrio: non è necessario, per far fronte alle


obbligazioni di prossima scadenza, ricorrere allo
smobilizzo di attività permanentemente vincolate
all’azienda

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI LIQUIDITA’
E DI CAPITALE CIRCOLANTE
Indice di liquidità immediata (Quick ratio o Acid test)
Rappresenta la capacità dell’impresa di far fronte alle obbligazioni scadenti
nel breve termine attraverso le risorse che si rendono effettivamente
disponibili in forma liquida nello stesso arco temporale.
Attività a breve - Disponibilità
Liquidità immediata % = –––––––––––––––––––––––––
Passività a breve
 Al numeratore sono esclusi il magazzino e gli eventuali lavori in corso su
ordinazione, elementi che si ritiene siano di difficile liquidabilità rispetto ai
crediti o alle liquidità immediate.
 Un andamento crescente del quoziente è generalmente considerato
come un sintomo positivo della solvibilità a breve dell’impresa.
Acid test < 80% Acid test > 100%
 Gli stessi concetti possono essere rappresentati in mod alternativo
utilizzando il margine di tesoreria: att. a breve – Magaz. – Passiv. A breve

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI LIQUIDITA’
E DI CAPITALE CIRCOLANTE
Indice di liquidità corrente (Current ratio)
Indica se l’ammontare delle attività che ritorneranno in forma liquida
entro un anno è superiore ai debiti che nello stesso arco temporale
diventeranno esigibili. Il numeratore comprende la somma delle liquidità
immediate e differite e delle giacenze di magazzino; il denominatore è dato
dalle passività a breve termine.
Attività a breve
Liquidità corrente % = –––––––––––––––––
Passività a breve

 Se current ratio > 110% il giudizio sulla situazione di liquidità dell’impresa


è positivo essendoci equilibrio tra attività e passività con scadenza entro
lo stesso periodo. Un trend crescente dell’indice è considerato come un
segnale favorevole.

Current ratio < 90% Current ratio > 110%

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI LIQUIDITA’
E DI CAPITALE CIRCOLANTE

Capitale circolante netto finanziario


È un modo alternativo per esprimere gli stessi concetti del current ratio.

CCNfin = Attività a breve - Passività a breve

 Poiché il capitale circolante netto finanziario è considerato come un


serbatoio di valori potenzialmente capaci di generare liquidità, il
giudizio migliora all’aumentare della differenza.
 Tuttavia attraverso il calcolo del CCNfin, che è espresso in termini
assoluti, si perde il senso della proporzione esistente tra le due poste di
stato patrimoniale; il suo utilizzo risulta quindi poco immediato e più
adatto ad un’analisi basata sui flussi.

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI LIQUIDITA’
E DI CAPITALE CIRCOLANTE
Liquidità corrente operativa
Dal rapporto sono escluse tutte le poste che non hanno pertinenza con la
gestione caratteristica dell’impresa, ma che hanno carattere prettamente
finanziario, oltre alle poste ricomprese negli immobilizzi.
Att. caratteristiche correnti
Liquidità corrente operativa = –––––––––––––––––––––––––––––
Pass. caratteristiche correnti
 Numeratore: crediti commerciali verso i clienti, il magazzino, disponibilità
di cassa e conto corrente necessarie allo svolgimento del ciclo produttivo.
 Denominatore: debiti commerciali verso fornitori, debiti legati alle
operazioni ricorrenti (indipendentemente dalla scadenza).
 Un aumento del quoziente operativo indica che l’ammontare delle
vendite a credito cresce più velocemente degli acquisti finanziati
attraverso il debito di fornitura. La conseguenza immediata è un
incremento del fabbisogno finanziario.

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI LIQUIDITA’
E DI CAPITALE CIRCOLANTE
Giorni di credito ai clienti (tempo medio di incasso)
È il rapporto tra le vendite ancora da riscuotere e le vendite effettuate in un
giorno. Fornisce, dunque, il numero di giorni di dilazione mediamente
accordata ai clienti.
 Crediti commerciali
Giorni di credito ai clienti = ––––––––––––––––––––
 Fatturato / 360
 Il divisore 360 è utilizzato per convezione.
 Dalla liquidità derivante dai crediti dipende la capacità dell’impresa di
saldare gli impegni assunti con i fornitori.
 È calcolato come rapporto tra valori non omogenei, poiché i crediti
diversamente dal fatturato sono comprensivi di IVA.
 All’aumentare del quoziente, a parità di fatturato, aumenta il fabbisogno
finanziario. Indice troppo alto = clienti in difficoltà, inaffidabili, insolventi.

Giorni di credito ai clienti > 250 Giorni di credito ai clienti < 180

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI LIQUIDITA’
E DI CAPITALE CIRCOLANTE
Giorni di scorta media (giacenza media del magazzino)
Esprime il numero medio di giorni di permanenza delle scorte in magazzino.
L’aumento dei giorni di scorta media determina un incremento
dell’investimento in disponibilità e quindi del fabbisogno di capitali.
 Magazzino
Giorni di scorta media = –––––––––––––––
 Acquisti / 360
 I valori a numeratore e denominatore non sono omogenei (diversi tipi di
rimanenze)
 All’aumentare del quoziente, aumenta il tempo di permanenza delle
attività in magazzino. Cause: cambiamenti nel processo produttivo
(materie prime); scelte di carattere commerciale o obsolescenza dei
prodotti (prodotti finiti).

Giorni di scorta media > 200 Giorni di scorta media < 100

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI LIQUIDITA’
E DI CAPITALE CIRCOLANTE
Giorni medi di credito dai fornitori (tempo medio di pagamento)
Indica il giorno medio di dilazione di pagamento dei fattori produttivi acquistati.

 Debiti commerciali
Giorni di credito dai fornitori = ––––––––––––––––––
 Acquisti / 360

 Il quoziente è calcolato come rapporto tra i debiti comprensivi di IVA e gli


acquisti che invece sono al netto di IVA  valori non omogenei
 Un valore troppo elevato del quoziente può essere indice dell’incapacità
dell’impresa a saldare i propri debiti. Porre attenzione anche ai valori
troppo contenuti  tempi di pagamento brevi comportano un sostanziale
assorbimento di liquidità (espansione del capitale circolante netto
operativo).

Giorni medi di credito dai Giorni medi di credito dai


fornitori > 200 fornitori < 150

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI LIQUIDITA’
E DI CAPITALE CIRCOLANTE
Ciclo del circolante
Esprime i giorni medi che intercorrono tra il momento in cui vengono pagati i
fornitori ed il momento in cui vengono incassati i crediti dai clienti per la
vendita dei prodotti.

Ciclo del circolante =


gg di credito ai clienti + gg di scorta media – gg di
credito dai fornitori.
 L’allungarsi del ciclo del circolante determina un crescente fabbisogno
finanziario

Ciclo del circolante > 80 Ciclo del circolante < 30

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
GLI INDICI DI BILANCIO

Classi di indici:

 redditività
 produttività
 liquidità
e capitale circolante
 struttura finanziaria
 sviluppo

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI LIQUIDITA’
E DI CAPITALE CIRCOLANTE

Una prima valutazione del rischio finanziario:


finanziario

 Solvibilità nel breve termine:


 indici di liquidità

 Solvibilità nel medio-lungo termine:


 indici di solidità patrimoniale

La solvibilità influenza la capacità di ottenere dai


creditori il rinnovo dei finanziamenti in scadenza e la
concessione di nuovi prestiti.

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI STRUTTURA E DI PERFORMANCE
FINANZIARIA

 Misurano la solvibilità a medio-lungo


termine, o solidità patrimoniale, che
dipende da:

 Coerenza tra fonti di finanziamento stabili


ed impieghi durevoli

 Grado di indebitamento, cioè dipendenza


da terzi finanziatori

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI STRUTTURA E DI PERFORMANCE
FINANZIARIA
Leverage (leva finanziaria o rapporto di indebitamento)
Esprime indirettamente la proporzione esistente tra risorse proprie e risorse di
terzi utilizzate per finanziare gli impieghi.

Totale attivo TA
Leverage = –––––––––––––––––– = ------------
Capitale proprio CN
 Il denominatore è costituito dal capitale proprio espresso dal patrimonio
netto (quindi non dal solo capitale sociale).
 Se il leverage è molto alto, l’impresa è percepita dai potenziali creditori
come rischiosa  più oneri finanziari (aumenta il costo di capitale di terzi)
 L’indice tende ad aumentare al crescere della dipendenza da terzi
finanziatori, quindi è utile per valutare il grado di capitalizzazione
dell’impresa.

Leverage > 5 Leverage < 3


Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.
Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI STRUTTURA E DI PERFORMANCE
FINANZIARIA
Grado di capitalizzazione
Indica la proporzione esistente tra mezzi propri (non richiedono una
remunerazione esplicita) e mezzi di terzi acquistati a titolo di finanziamento
(onerosi).
Capitale proprio
Grado di capitalizzazione % = ––––––––––––––––
Debiti finanziari
 Indica il grado di copertura che il capitale proprio garantisce ai mezzi
forniti da terzi finanziatori  Esprime il loro rischio di investimento.
 Una riduzione del rapporto determina un aumento degli oneri finanziari
che incidono negativamente sul reddito di esercizio.

Grado di indebitamento < 60%


Grado di indebitamento > 100%

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI STRUTTURA E DI PERFORMANCE
FINANZIARIA
EBITDA/OF
Esprime il grado di copertura che il MARGINE OPERATIVO LORDO (Earning
Before Interest,Taxes, Depreciation and Amortization) è in grado di fornire agli
oneri finanziari complessivamente pagati dall’impresa.

EBITDA / OF
È utile per apprezzare gli effetti della struttura finanziaria sul risultato
economico aziendale (è la copertura che residua per la remunerazione del
capitale a prestito (e per gli ammortamenti) dopo aver remunerato il
personale e sostenuto i costi per i beni e servizi acquistati.
 L’EBITDA precede gli ammortamenti e le svalutazioni  costi e ricavi che
concorrano alla sua formazione no hanno manifestazione monetaria
immediata  indicazioni imprecise sul flusso di cassa della gestione
corrente
EBITDA/OF < 2 EBITDA > 5,5

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI STRUTTURA E DI PERFORMANCE
FINANZIARIA
EBIT/OF
Il quoziente indica il grado di copertura che il reddito operativo è in grado di
fornire al costo delle risorse finanziarie. Al numeratore è indicato il reddito
operativo (Earnings Before Interest and Taxes), rapportato agli oneri finanziari.

EBIT/OF
 Quando l’indice è minore di 1, EBIT è minore di OF  Il reddito generato
dalla gestione caratteristica non è sufficiente a remunerare il capitale
acquisito per produrlo.

EBIT/OF < 1,7 EBIT/OF > 4

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
L’approfondimento dell’analisi di EBIT/OF

 Ma quanto sarebbero tollerabili….


… innalzamenti del debito;
… peggioramenti dei margini operativi;
… aumenti del tasso medio di interesse?

che probabilità ci sono, in prospettiva, di


compromettere la solvibilità dell’impresa?

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
L’approfondimento dell’analisi di EBIT/OF
 L’indicatore è molto chiaro ed efficace; permette di
impostare un ragionamento preciso e convincente;

 Se è basso, l’analista deve scoprire, sulla base di altri


indicatori, quali sono le aree in cui ha origine il
problema

 In altri termini, se EBIT / OF è basso ….

… è la redditività operativa (margine) che è bassa ?

… o è la gestione finanziaria che è appesantita: è


elevato il debito o il costo del denaro ?

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
L’approfondimento dell’analisi di EBIT/OF

Il pregio dell’indicatore sta nell’analizzare


congiuntamente:

- il profilo finanziario (sostenibilità del debito)


- la dimensione patrimoniale (ammontare del debito)
- ed economica (livello dei tassi e dei margini operativi)

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
L’approfondimento dell’analisi di EBIT/OF

Lo schema di analisi del problema è il seguente:

EBIT V
×
EBIT
= V PFN
OF OF
PFN
Lo schema relaziona l’indice di tensione finanziaria EBIT/OF con

• un indice di redditività delle vendite ROS = EBIT/V


• un indicatore di indebitamento (rapportato alle vendite)
V/PFN
• l’onere finanziario del debito OF/PFN.

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI STRUTTURA E DI
PERFORMANCE FINANZIARIA

Capitale proprio
Copertura delle immob. tecniche = ––––––––––––––––––––
Immob. tecnici netti

 Esprime il grado di coerenza tra le forme di raccolta e forme di


impiego del capitale

MARGINE DI STRUTTURA

= Capitale proprio – Immobilizzi tecnici netti

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
INDICI DI STRUTTURA E DI
PERFORMANCE FINANZIARIA
Copertura delle attività immobilizzate

Debiti a lungo termine + Capitale proprio


= –––––––––––––––––––––––––––––––––––––––
Totale attivo immobilizzato

 la composizione delle fonti deve essere coerente con la


tipologia degli impieghi

 deve esserci un’adeguata relazione costo-rendimento


tra fonti e impieghi

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
GLI INDICI DI BILANCIO

Classi di indici:

 redditività
 produttività
 liquiditàe capitale circolante
 struttura finanziaria
 sviluppo

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011
TASSI DI SVILUPPO

 Variazione % ricavi
 Variazione % CCN
 Variazione % costo dei dipendenti
 Variazione % valore aggiunto
 Variazione % reddito operativo
 Variazione % attivo netto

Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I.


Prof. Andrea Calabrò Anno Accademico 2010-2011