Sei sulla pagina 1di 15

ANIMP Webinar 3 luglio 2020 - Hybrid Power Plants: Flexible resources to foster energy transition

Analisi tecnico-economica di un ciclo combinato flessibile,


integrato da un sistema di accumulo elettrochimico

V. Casamassima (RSE), vincenzo.casamassima@rse-web.it


F. Zanellini (ANIE), Fabio.Zanellini@FALCKGROUP.EU
Sommario

• Introduzione ANIE

• Contesto

• Caratteristiche del ciclo combinato di riferimento

• Campi operativi dell’accumulo elettrochimico integrato

• Valutazioni economiche sull’uso dell’accumulo in ausilio ai


servizi di regolazione primaria e secondaria della frequenza
di rete

2
Contesto
Traiettorie di crescita dell’energia elettrica da fonti
rinnovabili al 2030 (da PNIEC)

3
Contesto

• Crescente penetrazione di fonti rinnovabili, in particolare non


programmabili
• Riduzione della quota di domanda coperta dalle unità abilitate alla
fornitura di servizi di dispacciamento
• Aleatorietà delle fonti rinnovabili  Crescente domanda di servizi
di dispacciamento  servono
 impianti termoelettrici più flessibili
 nuove risorse di flessibilità (FER, GD, Storage)

• Attiva una «sperimentazione regolatoria» che coinvolge gli accumuli


in forma integrata (UPI)
• In corso la riforma di MSD

4
Sistema di batterie integrato in un ciclo combinato
(Fonte TERNA)

Caratteristiche del ciclo combinato di riferimento


─ potenza nominale 400 MWe
─ minimo tecnico 180 MWe
─ gradiente massimo di potenza 35 MW/min
─ rendimento nominale 58%
Campi operativi considerati
─ recupero della mancata produzione dovuta al servizio di regolazione primaria di
frequenza
─ incremento della massima banda di regolazione secondaria

5
Regolazione primaria di frequenza
Prescrizioni del codice di rete:
Il servizio di regolazione primaria è obbligatorio per tutte le Unità di
Produzione (UP) con potenza efficiente non inferiore a 10 MW ad eccezione di
quelle alimentate da fonti rinnovabili non programmabili.
Le UP che partecipano alla regolazione primaria della frequenza devono
garantire una riserva di potenza attiva non inferiore a 1.5% della potenza
efficiente dichiarata nel RUP…
Le modalità di erogazione del contributo di regolazione primaria devono
rispettare le seguenti prescrizioni:
• entro 15 secondi dall’inizio della variazione di frequenza deve essere
erogata almeno metà della ∆Pe richiesta;
• entro 30 secondi dall’inizio della variazione di frequenza deve essere
erogata tutta la ∆Pe richiesta;
• attuata la variazione di potenza DPe richiesta dalla regolazione
primaria, l’UP deve continuare ad erogare stabilmente il nuovo valore di
potenza risultante per almeno 15 minuti consecutivi.

6
Regolazione secondaria di frequenza

Prescrizioni del codice di rete:


Gli impianti di produzione termoelettrica abilitati alla fornitura del servizio di
regolazione secondaria della frequenza/potenza devono rendere disponibile
una riserva secondaria di potenza non inferiore al maggiore tra ±10 MW e il
±6% della potenza massima dell’UP. Nel caso di UP a ciclo combinato il valore
della riserva va riferito alla potenza complessiva di tutto l’assetto dell’UP.

Le UP che partecipano alla regolazione secondaria di frequenza/potenza


devono rendere disponibile una riserva di regolazione totale data dalla somma
della riserva primaria e secondaria.

Le UP che partecipano alla regolazione secondaria devono rispettare i seguenti


requisiti:
• erogare l’intera banda (0-100% del segnale ricevuto) in 200 secondi;
• erogare la riserva secondaria richiesta con continuità per un tempo
massimo non inferiore a 2 ore.

7
Ciclo combinato di riferimento
* Potenza efficiente (P ) = potenza nominale (P )
e n

Bande di regolazione:
primaria ± 6MW (± 1.5% Pn)
secondaria minima ± 24 MW (± 6% Pn)
Secondaria massima ± 58 MW

8
Campi operativi per l’accumulo elettrochimico

Recupero della mancata produzione per il


servizio di regolazione primaria
Incremento della banda massima per il
servizio di regolazione secondaria

9
Aspetti economici
Analisi a posteriori basata su:
— esiti 2018 del mercato dell’energia – Area Nord
— prezzo medio (ponderato) giornaliero del gas, anno 2018
— caratteristiche tecniche dell’impianto (rendimento, gradiente di potenza…)
— vincoli per la prestazione dei servizi di regolazione (primaria, secondaria)
Recupero della mancata produzione per il servizio di regolazione primaria
— impiego dell’accumulo per il recupero della banda di regolazione primaria
in prossimità della potenza nominale (massimo rendimento).
— profilo di produzione oraria con 1350 ore di funzionamento in prossimità
della potenza nominale
— Valutazione, ora per ora, dell’incremento di guadagno dovuto alla
maggiore produzione

Guadagno aggiuntivo da regolazione primaria

10
Aspetti economici

Incremento della massima banda di regolazione secondaria

— potenza disponibile dall’accumulo 6 MW, pari alla potenza necessaria per il


servizio di regolazione primaria
— profilo di produzione oraria con 450 ore di funzionamento nell’intervallo di
potenze in cui è possibile incrementare la banda di riserva secondaria
— Nelle corrispondenti ore, in base al consuntivo del Mercato del
Bilanciamento (MB) e del profilo del segnale di regolazione, si è valutato
proporzionalmente l’incremento di guadagno generato dall’utilizzo
dell’accumulo.

Guadagno aggiuntivo da regolazione secondaria

11
Aspetti economici
Dimensionamento del sistema di accumulo
Utilizzo principale: recupero della mancata produzione per il servizio di
regolazione primaria
Banda di regolazione ± 1.5% Pn: potenza ± 6MW
Tempo di erogazione (±)15 min (*30 min):capacità 3MWh (*6MWh)
Utilizzo supplementare: Incremento della banda di regolazione secondaria

* Normativa pilota per le Unità Produttive


Integrate (UPI) (delibera 300/2017/R/eel)

12
Aspetti economici

Indicatori economici del sistema di accumulo

Indicatori economici
Accumulo Costo Impianto Valore attuale netto (NPV)
Base Potenza 300 k€/MW Ricavi Tasso interno di ritorno (IRR)
elettrochimico Base Capacità 300 k€/MWh Payback Time (PT)
Discounted Payback Period (DPP)
Potenza Capacità Investimento O&M Reg. primaria Reg. secondaria NPV IRR PT DPP
[MW] [MWh] [M€] [k€/anno] [M€/anno] [M€/anno] [M€] [%] [anni] [anni]

6 3 2.7 30 252 45.5 0.129 2.8 11 12

6 6* 3.6 30 252 45.5 0.066 2.2 14 16


Nota: le prestazioni della batteria e le condizioni di mercato si assumono costanti per tutta la vita dell’impianto, stimata in 16 anni.
Per il calcolo degli indicatori economici si è assunto un tasso medio di sconto del 2%.
*Capacità richiesta dalla normativa del progetto pilota per le Unità Produttive Integrate (UPI) – delibera 300/2017/R/eel

13
Commenti

Un sistema di accumulo integrato in un impianto a ciclo combinato può servire


sia per soddisfare la riserva primaria obbligatoria, sia per incrementare il
gradiente massimo dell’impianto, aumentando la capacità di offrire riserva
secondaria.

Dimensionando il sistema di accumulo per il servizio di regolazione primaria, la


sua integrazione in un tipico impianto a ciclo combinato fornisce un discreto
aumento dell’utile annuo, a cui si somma un contributo derivante dalla
maggiore capacità di svolgere il servizio di regolazione secondaria.

Il tempo di ritorno dell’investimento, sebbene piuttosto lungo, ne consente il


recupero entro la vita utile del sistema di accumulo.

14
Grazie per la cortese attenzione !

15