Sei sulla pagina 1di 1

54 l l

11 OTTOBRE 2010 AFFARI & FINANZA

Rapporto/ LAVORO
Le nuove tecnologie hanno rivoluzionato il settore delle risorse umane cambiandone i meccanismi, il modo di svolgere le selezioni, gli stessi criteri di scelta
STEFANO CARLI

C
Roma
ercare e trovare lavoro con
Internet? E come fare diver-
samente? Ormai è come dire
L’impiego ormai si cerca e si trova in Rete
Naturalmente le modalità sono ben diverse a seconda dei profili di chi va a caccia di un impiego: per coloro che puntano a ruoli generici magari
che si è cercato lavoro con il telefo-
no. Ma lo strumento è ancora nuo- nella loro città, basta l’Internet tradizionale. Ma per manager e dirigenti entrano in ballo i social network: spesso i “colloqui” avvengono via pc
vo e non tutte le sue potenzialità e
le possibilità che offre, sia a chi cer- cerca di personale. Quindi essere
ca che a chi offre lavoro, sono state nei social media è importante. An-
ancora esplorate con completezza. Le tabelle qui sotto che perché, a certi livelli, non esser-
Per questo il Politecnico di Milano fanno il punto ci inizia a venire visto come un fat-
vi ha dedicato un altro dei suoi Os- sull’occupazione nel tore negativo. Le aziende grandi, o
servatori: lo “Human Resource In- nostro paese, dai dati nel caso di quelle più piccole, le so-
novation Practices”. «E’ soprattut- totali ai numeri di chi cietà di recruiting, fanno controlli
to una community di ricercatori e cerca lavoro in Rete sui loro candidati: Internet
“recruiter”, os- disintermedia in entrambi i sensi,
sia i selezionato- sia dai candidati alle aziende che
ri per conto delle viceversa. Negli Usa già si parla del-
aziende, che si la “2.0 Jungle” per spiegare come
incontrano pe- tutto questo possa trasformarsi in
riodicamente un campo minato. Non sarà bello
per scambiare ma è così e bisogna saperlo. E biso-
valutazioni, gna saper usare questi strumenti.
esperienze che «Chi usa i sociali media 2.0 deve
poi confluiran- imparare a darsi una strategia, de-
no in un conve- ve costruire la propria “identità
gno che realizze- professionale online” – spiega Da-
remo il prossimo vide Bennato, docente di Sociolo-
giugno – spiega gia dell’innovazione all’università
Mariano Corso, di Catania – Che vuol dire? Che la
docente di Orga- Rete veicola un’immagine di noi,
nizzazione fatta sia di ciò che mettiamo espli-
aziendale del citamente, sia di ciò che diciamo in
Politecnico che rete nei social media. Prima c’era-
lo coordina – Le no i blog. Chi ne aveva uno dava
nuove tecnolo- un’idea immediata di sé e dei pro-
gie, i social me- pri interessi, in modo esplicito. Chi
dia in particola- non ne aveva uno non era in rete.
re, hanno rivolu- Oggi invece con i social network
zionato il settore ognuno racconta molte cose di sé
delle risorse in siti e in momenti diversi. Parla
umane, il modo della propria vita privata. E’ nato
in cui operano, insomma un Web delle conversa-
come cercano zioni e per questo nascono motori
candidati, come di ricerca come Social Mention
svolgono le sele- (http://socialmention.com) o
zioni, gli stessi Wordle (www.wordle.net) che cer-
criteri di scelta. E cano in tempo reale nelle conver-
ha scardinato un sazioni in rete».
mercato, quello dei servizi a sup- center), o un ruolo amministrativo Ed è qui che entrano in ballo i social instant messaging. E’ ancora un ca- milioni. MySpace, meno legato al La propria immagine online è un
porto del recruiting (cacciatori di generico, l’aspetto rilevante è quel- network. Le ricerche si fanno “chi- so estremo, usato soprattutto dalle chiacchiericcio e più usato per pro- fattore che va monitorato e soprat-
teste, agenzie di ricerca di persona- lo geografico: si cerca nella propria rurgiche”, il numero dei candidati multinazionali (sempre in Italia muovere attività professionali, ne tutto va costruito, sapendo che la
le) che avevano il loro punto di for- città. E in questo caso basta l’Inter- potenziali si riduce. In compenso anche Accenture seleziona così i conta circa 2,7 milioni. Il supercita- potenza della Rete abbatte i muri
za nell’ampiezza e nella qualità dei net tradizionale. Il motore di ricer- la ricerca può andare anche oltre i suoi profili) ma che andrà diffon- to Twitter, considerato in pieno tra pubblico e privato. Ma sapendo
database di curriculum e profili, ca rimanda rapidamente confini nazionali e a volte dendosi man mano che le aziende boom, non dovrebbe su- anche che, alla fine, tutto
organizzati per referenze. Oggi su siti specializzati, che si anche continentali. Come prenderanno coscienza dei rispar- perare i 100 mila, almeno questo non è altro che un
questi database sono superati in stanno moltiplicando a Un convegno nel caso del Rina, il Regi- mi di tempo e di viaggi che questo secondo le stime più pes- I data base immenso passa-parola
ampiezza e anche in aggiornamen- centinaia, proprio come a Milano stro Navale Italiano, so- sistema garantisce. simistiche. Linkedin, il dei social media planetario e che il princi-
to dai grandi social network, da Fa- prima si compravano i per allargare cietà che si occupa di certi- Intanto ci sono aziende, come la maggior social network facilitano pio che ne sta alla base al-
cebook a MySpace, da Twitter a giornali specializzati in le potenzialità ficazione nei più diversi Ch2m Hill, una società di ingegne- professionale specializ- il compito tro non è che quello delle
Linkedin». inserzioni: i 40 mila in cor- e le possibilità settori, e che ha di recente ria ambientale, che ha aperto un zato, con 70 milioni di e le ricerche relazioni: si arriva ad un
Il lavoro dunque si cerca e si tro- sa a Catania per i 240 posti dello strumento selezionato candidati per suo profilo su Twitter in cui in tem- utenti nel mondo, ne con- dei “recruiter” posto perché in qualche
va sulla Rete. Ma quale lavoro? Il della nuova sede Ikea pos- videoconferenza per posti po reale dà conto dei posti disponi- ta un milione in Italia. modo si viene presentati.
Web è uno strumento e in quanto sono averlo saputo indifferente- disponibili in varie parti del mon- bili. Si tratta ovviamente di profili Sono questi ormai i grandi data- Ma non è una raccomandazione
tale ognuno deve imparare ad mente all’edicola o sul web. do. Gli aspiranti dovevano presen- estremamente specialistici. base, per di più costantemente ag- (che viaggia su ben altre “reti”): qui
usarlo al meglio delle sue esigenze. Diverso quando invece si sale tarsi nella sede locale, ma a volte Questo dal punto di vista delle giornati a costo zero dagli stessi in fondo a presentarci non siamo
Se si cerca un lavoro generico, tipo verso profili professionali più com- sono stati anche “intervistati” da aziende, ma che accade da quello utenti. E qui “pescano” responsa- altri che noi stessi e le relazioni che
commesso alle vendite (poco im- plessi. E’ qui che le potenzialità del- casa, via pc, dopo aver ricevuto il dei candidati? Gli italiani iscritti a bili di risorse umane delle aziende, ci costruiamo.
porta se in un negozio o in un call la Rete si esprimono al massimo. link a cui connettersi via mail o via Facebook a settembre erano 16,5 cacciatori di teste e agenzie di ri- © RIPRODUZIONE RISERVATA