Sei sulla pagina 1di 3

I COLORI DEL CAMALEONTE

GIALLO
<< C'era una volta un camaleonte che viveva in un boschetto di una piccola isola. Non era bello,
anzi, direi che era proprio bruttino ... a tal punto che i suoi amichetti lo canzonavano spesso.
Il camaleonte Leo però aveva un potere magico: poteva cambiare colore solo appoggiandosi a degli
oggetti. Se, per esempio, si sedeva su di una foglia per riposarsi un po' il suo corpicino diventava
subito verde o per sentire il profumo di una splendida rosa rossa la toccava, diventava dello stesso
colore del fiore ... Era proprio meraviglioso, cambiare vestito ogni volta che voleva.
Un giorno la fatina del bosco lo vide triste e gli chiese: "Piccolino mio perché piangi?"
«Ah fatina mia sono triste perché i miei amici mi prendono in giro per la mia bruttezza ... »
«Ma non essere triste! Tu hai un potere magico degno dei più grandi maghi del mondo. Puoi cambiare
il tuo colore quando vuoi, mentre i tuoi amici non possono .... » rispose la fatina.
«Vedrai che tutti ti invidieranno e diventerai il re del bosco»
«Certo fatina mia! Partirò per un viaggio e al mio ritorno tutti si accorgeranno di me!-
Così salutata la fatina, preparò una borsina con dentro del cibo e partì in cerca di avventure.
Dopo poco si trovò in un bellissimo prato pieno di girasoli. Subito diventò giallo come loro,
cominciò a correre, saltare e a ridere felice e i girasoli meravigliati gli fecero festa ...
Cominciarono
a ballare tutti in un grande girotondo. Erano così contenti di avere un amico speciale che lo elessero
all'unanimità il re del loro prato >>

EMIONI – Carnevale degli animali di C.S.Saens

ROSSO
<< Bambini vi ricordate del camaleonte? Era contentissimo della festa organizzata dai girasoli ...
Ma ad un certo punto, proprio mentre ballava, saltava e si divertiva con loro ....
Inciampò su di un sasso e cadde in uno stagno. Era veramente arrabbiato!! Per fortuna aveva
imparato un po' a nuotare! ma proprio non era contento!!! Avrebbe voluto continuare la festa con i
girasoli!!!
-Ciao piccolo animaletto! - disse una voce vicino a lui. Era un buffissimo pesce rosso. - se vuoi salta
sul mio dorso, attaccati alla mia pinna e ti condurrò io all'altra sponda!
-Grazie pesciolino sono proprio contento, sei davvero gentile!- detto fatto, il camaleonte salì in
groppa al pesciolino e in un batter d'occhio diventò tutto rosso.
-Ma piccolo camaleonte sei davvero un insetto speciale? Come hai fatto? sei tutto rosso!- esclamò il
pesciolino con enorme sorpresa
E mentre il camaleonte raggiungeva la terra, chiamò tutti i suoi amici pesci. Erano talmente
felici di aver fatto amicizia con un animaletto così speciale, che iniziarono a nuotare in cerchio per
far festa.
- Ciao camaleonte! Quando vuoi torna a trovarci sei il re del nostro stagno!-
Il camaleonte non era più arrabbiato, anzi, tutto allegro continuò il suo viaggio ...>>

CHOPSTAKOVICH – Snare Drum Solo – Jesse Sieff


BLU
<< Bambini… continua il viaggio del nostro amico Leo, il camaleonte, scopriamo insieme cosa è
successo….

Grazie all'aiuto del pesciolino, Leo era riuscito ad attraversare il laghetto e si ritrovò in un
bellissimo prato verde, con dei fiori sparsi qua e là.
Il sole si stava rifugiando dietro le montagne e la sua luce arancione e rossa si rifletteva
sull'acqua del laghetto, facendolo diventare dorato. – Che meraviglia!!- pensò il piccolo
animaletto. Rimase ad osservare le onde che si muovevano e a lanciare dei sassolini in acqua per
ore… Mentre giocava, però il sole era scomparso del tutto e il cielo si stava oscurando.
Fu allora che smise di giocare e si guardò intorno… era buio ed era solo, lontano da casa e senza
un posticino dove potersi riposare… Iniziò così a piangere e mentre lo faceva cambiò colore…
diventò blu come il cielo.
Un bruco lo sentì piangere e si avvicinò – Ciao buffo animaletto blu… perché piangi? - - Sono
solo, e lontano da casa… non so come fare… sono molto triste…- rispose il camaleonte.
-Non essere triste !! Vieni con me, ti porterò a casa mia…non è lontano!! Vedrai si trova in un
bellissimo prato, qui conoscerai i miei amici e se vorrai potrai rimanerci per sempre- rispose il
bruchetto.
Così Leo e il suo nuovo amico si misero in cammino ….>>

SOLVEIG'S SONG – E.Grieg Arr.Lee (piano e cl.)

NERO
Proseguiamo il racconto del Camaleonte Leo…
<< La strada sembrava lunghissima, quasi interminabile e il camaleonte cominciava ad essere stanco.
– Bruchetto ma quando arriviamo? Io sono stanco… vorrei riposarmi!- esclamò l’animaletto.
– Caro Leo pazienta un pochino, un altro breve tratto di strada ancora da percorrere e
raggiungeremo la mia casetta… Vedrai ti piacerà tantissimo e non te ne vorrai più andare!- rispose il
bruco continuando a camminare.
Tutto intorno a loro era scuro, l’unica luce era quella riflessa dalla luna…ma all’improvviso ecco
apparire dei grossi nuvoloni a coprire quella splendida sfera argentata.
– Bruchetto…cosa succede?... E’ tutto buio, anche la luna è scomparsa dietro quei nuvoloni… comincio
ad avere paura…- disse Leo con voce tremante.
Proprio allora un fulmine squarciò il cielo nero della notte e cominciò a piovere… il Camaleonte
diventò tutto nero per la paura….
- Vieni buffo animaletto, ora sei tutto nero… seguimi, scaviamo una buca e nascondiamoci dentro
fino a quando non avrà smesso di piovere! Stammi vicino e non avrai più paura!- esclamò con
fermezza il bruchetto.
Si diedero dunque subito da fare… scavarono una grande buca, tanto da contenerli entrambi e si
ripararono lì dentro. Il camaleonte si sentì sollevato!! Era al sicuro e con il suo amico!! La paura era
volata via…>>

STORM – G.Rossini – Overture “Guglielmo Tell”


VERDE
Finalmente il temporale terminò. I due amici si erano addormentati e la luce del mattino filtrava
dalle nuvole ormai diradate colpendo la buca.

<< Leo, il temporale ormai è finito, è mattino forza svegliati!!! Il villaggio ci attende!!>> disse
allegramente il bruchetto.
Così il nostro Camaleonte cominciò a seguirlo e si mise in cammino speranzoso.
Dopo un po’ arrivarono in un bellissimo prato, con fiori, funghi e alberi meravigliosi.
<< Ecco il mio villaggio!!>> << Amici venite fuori ecco vi voglio presentare il mio amico il Camaleonte
Leo>> proclamò il bruco.
Tutti gli animali si riunirono allora intorno al Camaleonte e cominciarono a fare festa. Il Camaleonte
aveva trovato finalmente il suo posto e un sacco di amici. Indovinate un po’ di che colore era?

Verde come la serenità, la calma e l’amicizia.

PRIMAVERA – A.Vivaldi

Potrebbero piacerti anche