Sei sulla pagina 1di 322

PARTE PRIMA

FONETICA

A. - Preliminari.
§ 1. - Dal punto di vista del suo aspetto sonoro, la parola
umana si articola in sillabe che ne costituiscono la più piccola
unità autonoma: le sillabe constano di una s o n a n t e, e cioè
un suono che può pronunziarsi senza l'appoggio di altri suoni
e ne costituisce il fulcro; ed eventualmente di una o più c o n -
s o n a n t i, suoni cioè che necessitano di una sonante cui ap-
poggiarsi. S o n a n t i sono non solo le vocali (a e i o u eee.),
ma anche liquide o nasali in funzione sonantìca, come r nel
serbocroato Trst ' Trieste' o n nella seconda sillaba del tedesco
leben: esse vengono segnate, quando occorre, con un cerchietto
sottoscritto: r, ?!. Sonanti possono essere anche delle spiranti,
come s (p. es. in pss). Oome c o n s o n a n t i possono venire
adoperati anche suoni che normalmente hanno valore vocalìco,
p. es. i in più, u in buono; le si indica, se occorre, con un semi-
cerchio sottoscritto: i, ~. Vi sono pertanto suoni partecipi delle
due serie, che chiamiamo s e m i s o n a n t i in funzione con-
sonantica (r l n m i '!!? ecc.), s o n a n t i in funzione sonantiea
(r! ?! W' i u ecc.); di essi, r e l sono liquide, n e m nasali, gli altri
vocali e semivocali.

l - V . PISANI. (ÌJWIIII/(lfiClI IlIfil/(/~fOri("(1 t: ("OII1I'lImlil'tl.


GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

La v o c a l e fondamentale è a, nella cui pronunzia la bocca


rimane aperta e non dà ad essa alcuna colorazione particolare;
le colorazioni estreme sono quella p a l a t a l e di i e quella
l a b i a l e di u. Fra la indìfferensiata ( ve l a re) a e le altre
due vocali estreme trovano posto delle vocali intermedie, pa-
latali quelle orientate sull'i, labiali le orientate sull'u, secondo
il seguente schema (cosiddetto t r i a n g o lo v o c al i c o ),
in cui il segno • sottoscritto indica pronunzia a p e r t a o
l a r g a, . pronunzia c h i usa o s t r e t t a : il segno sopra-
scritto .. distingue i suoni m i s t i intermedi fra una vocale
palatale e la corrispondente labiale (p. es. u ed oeu francesi):
a
.
e 6

o

e 6 o
i ii u

Naturalmente i suoni intermedi possono essere infiniti.


Fra le vocali va annoverato (], la vocale di timbro indistinto
che abbiamo p. es. nell'articolo francese le.
Ciò per il t i m b r o o c o lo r e delle vocali; di queste
distinguiamo inoltre la d u r a t a o q u a n t i t à , che è
relativa in quanto una vocale l u n g a (contraddistinta dal
segno - soprascritto) si pronunzia all'ingrosso nel doppio del
tempo impiegato per pronunziare una b r e v e (indicata con '"').
Infine la vocale può venir pronunziata tenendo in comunica-
zione la bocca colle fosse nasali, come nella pronunzia di on,
en nel francese content: in tal caso parliamo di v o c a l i
n a s a l i indicate col segno • sottoscritto (o e a).
• • •
Chiamiamo d i t t o n g h i i gruppi di due vocali diverse
consecutive appartenenti a una sola sillaba, p. es. nelle parole
italiane Cairo laico loioo chiaro piano più lauro fuoco; a rigor di
termini la vocale qui è sempre una, mentre l'i delle prime sei
parole, l'u delle due ultime sono delle semisonanti o (termine
usato quando la semisonante si alterna con vocale) s e ID i v o -
c a l i. Si parla di d i t t o n g h i d i s c e n d e n t i quando
PARTE I. - FONETICA 3

la vocale precede (ai au ecc.), di d i t t o n g h i a s c e n d e n t i


quando essa segue (iù uò) la semivocale; ma generalmente il ter-
mine di d i t t o n g o per eccellenza viene riserbato ai dito
tonghi discendenti.
Quanto alle liquide, va osservato che r può essere a l v e o -
l a re, i n v e r t i t o o v e l a r e (g u t t u r a l e) a se-
conda che venga pronunziato facendo vibrare la punta della
lingua contro gli alveoli degli incisivi superiori, o contro il
palato, o se le vibrazioni avvengano alla base della lingua;
l è una l a t e r a l e, si pronunzia cioè facendo uscir l'aria
dai lati della lingua.
Le altre consonanti (salvo le nasali, su cui vedi appresso)
si chiamano m u t e. Possono essere m o m e n t a n e e (o c -
c l usi ve, e s p l o s i v e) o d u r a t i ve (s p i r a n t i). Le
m O m e n t a n e e si articolano formando nell'apparato boe-
cale una occlusione completa che viene bruscamente interrotta
dall'aria uscente dando luogo ad una esplosione (p. es. k t b;
si può anche avere una implosione, in quanto l'aria viene im-
messa, e in tal caso si parla di i m p l o s i ve); le d u r a t i ve,
formando una stretta attraverso cui l'aria può passare per un
tempo indefinito producendo un fruscìo (p. es. s i). Una com-
binazione intima di oeelusiva e spirante omorganea sono le
a f f r i c a t e (z, cioè ts; vt, ecc.).
Le mute possono essere, dal punto di vista del m o d o
d'a r t i c o l a z i o n e, s o r d e (p. es. t 1) o s o n o r e
(p. es. d v), a s p i r a t e o meno: la sordità e la sonorità
vengon date dal fatto che la pronunzia della consonante non
sia, o sia accompagnata dalle vibrazioni delle corde vocali;
l'aspirazione segue all'elemento consonantico differenziato
(p. es. ph bh) e può essere sorda o sonora. Le occlusive sorde
si chiamano con una sola parola t e n u i, quelle sonore
m e d i e; tenui e medie possono quindi essere aspirate.
Dal punto di vista del l u o g o d ' a r t i c o l a z i o n e
suddividiamo le mute in l a b i a l i, d e n t a l i, P a l a -
t a l i, ve l a r i ecc., a seconda del luogo in cui avviene la
occlusione o la stretta: labbra (p b, b dello spagnolo caballero),
4 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

alveoli degli incisivi (t d s), palato (c di cento, g di gelo, se di


scena), altezza del velo palatino (k, g di gallo, eh del tedesco
Dach) e così via; c e r e b r a l i o i n v e r t i t e o c a c u -
m i n a l i chiamiamo dei t d n s r l pronunziati appoggiando alla
volta del palato la punta della lingua leggermente rivolta al-
l'indietro (come nel sardo e siciliano beddu 'bello '). TI luogo
d'articolazione può anche esser duplice, e così parliamo di
l a b i o d e n t a l i a proposito di t, Vj di l a b i o v e l a r i
a proposito dei gruppi qu gu negli italiani quando guarda.
Le n a s a l i sono delle m e d i e pronunziate tenendo la
bocca in comunicazione colle fosse nasali: avremo quindi una
nasale gutturale (ti, come n nell'itaI. cinque o ng nel tedesco
singen), palatale (ii, come n nell'itaI. cencio, avanti vocale come
gn di segno), dentale (il nostro n in dente, nome), labiale (m) ecc.
Dalla nostra Glottologia I ndeuropea riproduciamo la « tabella
dei segni usati per scrivere e trascrivere le principali lingue
indeuropee >lj ivi la colonna del « valore >l dà i segni più gene-
ralmente usati dai glottologi per indicare, all'infuori della
notazione riferentesi a particolari lingue, i diversi suoni (vedi
p. 5-8). S'intende che questi valori sono approssimativi.

B. - I suoni e l'accento del latino classico.

T § 2. - TI latino letterario e colto sulla fine della repubblica


e il principio dell'impero possedeva i seguenti B u o n i:
Vocali: a ii, e e i i o i5 u il, (inoltre, segnato con i od u, un
suono intermedio fra essi, cfr. §§ 18.42, per cui Olaudìo aveva
ideato un segno, ~)j
Dittonghi: ae oe au (inoltre oe ei eu come risultati di con-
trazioni, § 35) j
Semivocali: i (= 1) v (= !!j i Romani scrivevano u; Olaudio
propose il segno .:I per distinguere la consonante dalla vocale;
il segno v è moderno);
Liquide e nasali: r l m nj
Tabella dei segni usati per scrivere o trascrivere le principali lingue le.

Indicazione dei BUOni Valore Scr. Apers. Av. Arm. Alb. Mrl. Got. Lit. Ablg.

Vocali:
1 a - a, a a a, a a, a, a,
2 a. a. a. a. - - a - - -
3 e - - e e e e ai e
v
e
4 e e [a] - e e - é e e e
5 i i i i i i i i i i
6 i i i i - - i ei y -
. - - - - - - - -
7
8
.
a,
a -
a,

-
o
a - - - - - -
9 o - - o o o o a,li - o
lO o o [o] - o o - 6 o o -
11 u u u u u u u u u u
12 ii.. ii ii -
ii - li - ii -
13 ii - - - - y [ii] - - - y
14 ii - - - - - - - - -
15 a - - a a e [e:] - - - -
16 ~ - - - - - - - - l

Consonantr.
17 9 - - - - - - - - 'ii
Velari (Gutturali)
Tenue 18 k k k k k k c k k k

• aspiro 19 kh kh - - k' - - - - -
Media, 20 g g g g g g g,c g g g
• aspiro 21 gh gh - - - - - - - -
Nasa,le 22 n Ii n Ii n n n g n n
Spiro sorda 23 x (x) x x x - ch h - ch
Segue: Tabella dei segni, ecc.
I
Indicazione dei suoni Valore Scr. Apers. Av. Arm. Alb. Airl. Got. Lit. Ablg.

VelaTi (Gutturali):
Spir. sonora 24 y - - y - - g g - -
Aspir. sorda. 25 h - h h, Il" h h h - - -
• sonora 26 h h - - - - - - - -
Liquida. 27 l - - - l Il - - - -
Labiovelari:
Tenue 28 kU - - - - - - q - -
Spiro sorda 29 X U
- - x" - - - hw - -
Postpalatali:
Tenue 30 k' - - - - q [k'] - - k' -
Media 31 g' - - - - gj [g'] - - g' -
Palatali:
Tenue 32 c e c c c ç [c] - - c[ez] c
• aspiro 33 eh eh - - .
e - - - .- -
Media 34 g j j j - xh@ - - dz[dz] di
• aspiro 35 gh jh - -
,
- - - - - -

.sìi - -
Nasale 36 ii n nj [n] - - li nj
Sibilo sorda 37 ç [8] S S S sh [8] - - 8 [sz]
y

s
• sonora 38 Z - -
y

z i zh [z] - - Z[z] z
Liquida. 39 l' - - - - lj [l'] - - l' lj
Oerebrali:
Tenue 40 t t - - - - - - - -
• aspiro 41 th th - - - - - - - -
Media 42 d d - - - - - - -
• aspiro 43 dh dh - - - - - - - -
Segue: Tabella del segni, ecco

Indicazione dei Buoni Valore Scr. Apers. Av. Arm. Alb. Mrl. Got. Lit. Ablg.

Cerebrali:
Nasale 44 ~ n - - - - - - - -
Spiro sorda 45 p - ç [&r]y - - - - - - -
Sibilante 46 ~ ~ - - - - - - - -
Liquida. 47 l l - - - - - - - -
» aspiro 48 lh lh - - - - - - - -
Dentali:
Tenue 49 t t t t t t t t t t
» aspiro 50 th th - - t r
- - - - -
Media 51 d d d d d d d,t d d d
» aspiro 52 dh dh - - - - - - - -
Nasale 53 n n n n n n n n n n
Spiro sorda. 54 p - & &, ~ - th[&] th P - ---
» sonora 55 d - - ~, ~ - dh [~] d d - -
Sibilo sorda 56 s s s s s s s s s s
» sonora. 57 z - z z z z - z z z
.Af1'ric. sorda. 58 ts - - - c c - - c c
-
» » aspiro 59 tsh - - - ç - - - - -
» sonora 60 dz - - - j x [dz] - - - èlz
Liquida vibrante 61 r r r r r r r r r r
» » intensa 62 rr - - - r rr [f] - - - -
-- - - ri,rii
.,
» - - - -
·r rr.
& sonante 63 r
» » lunga 64
·l l - - - - - - - -
» laterale 65 l - l l l l l l
» Il sonante 66 l
• .l - - -- - - - - li, Iii
SB(I'UB: Tabella del segni, ecc.

Indicazione dei suoni Valore Ber, Apers. Av. Arm. Alb. AirI. Got. Lit. Ablg.

Labiodentali:
Spiro sorda 67 f (f) f f f f f (ph) f f f

• sonora. 68 v v v v v v - w? v v
Labiali:
Tenue 69 p P P P P P P P P P
• aspiro 70 ph ph - - p' - - - - -
Media 71 b b b b b b b,p b b b

• aspiro 72 bh bh - - - - - - - -
Nasale 73 ID ID ID ID ID ID ID ID ID ID

Spiro sonora 74 b - - w - - b b - -
Semivocale i 75
-ui Y Y Y Y j - j j j

• u 76
- - - - - - - w? - -
Segno di nasalità 77 , m - , - A [d - - , I
I
J

Note. - 2 e 12: Il goto ha degli ii, ii. che però nella grafica gotica (e spesso
in trascrizione) non si distinguono da a, 'U. - 3 e 9: Got. ai, au vanno di.
stinti dai dittonghi ai, au [di, au]: nella scrittura goto la differenza non à
sognata. - 4 e lO: Scr. B, o sono sempre lunghi; per il pali e i pracriti i rispet-
tivi segni vengono usati anche per B, o (da i, o avanti gruppi consonantici).
e
- 4: Per l'ablg. è probabile che vi fosse anche una pronunzia ea. - 7: L'a
scr, è un li (così forse anche gli a apers. ed av.), viene però in Europa pro-
nunziato generalmente come a. - 20, 51 e 71: L'ortografia airl, indica le
Medie con g à b in prinoipio di parola e dopo consonante, oon o t p ovvero gg
dd bb dopo vocale. - 23 e 67: Scr. -~ (da -8 e -r finali) passa in certi test i
a x, f avanti k(h) e rispettivamente p(h). - 47 e 48: Scr. ! !h sono pecu-
liari del vedico, ove stanno per if, dh, - 68 e 76: Non sempre ci si può deci-
dere per la pronunzia v o 3t: sul valore di w goto siamo in dubbio. L'armeno
ha due segni che il MEILuu trascrive con v, w; ma è probabile che ambedue
avessero valore di v, almeno avanti vocale (avanti consonante essi valevano
u nell'ant, arm., secondo HUBSCHMA'IIN). - 77: L'ablg. 'l' va letto? (come
anche parecchi scrivono). In lit. il segno, ha solo valore etimologico, e le
vocali munite di e3SO vanno pronunziate lunghe (~ = li). - Fra parentesi
quadra poniamo alcune grafie meno comuni.
PARTE I. - FONETICA {)

Occlusive: Tenui Medie


Labiali p b
Dentali t d
Gutturali c g
Labiovelari qu gu
Spiranti:
Labiodentale f
Sibilante s
Aspirata: h.
In parole mutuate dal greco e in talune altre appaiono inoltre
le tenui aspirate ph th ch (cfr. § 74), y (= ii) e la sibilante sonora
z; infine rh per p greco. Per la pronunzia si noti:
a) le vocali brevi erano più aperte delle rispettive lunghe,
cfr. § 72 b;
b) nei dittonghi ae ed oe vanno distinti ambedue gli ele-
menti; la monottongazione è rustica o posteriore (§ 72 c);
T c)v comincia a spirantizzarsi nel I sec. d. C.;
d) c g sono gutturali anche avanti e i: cfr. scritture come
Markellinus (iscriz.), le trascrizioni greche x~vO'OC; re:(J.[VLOC; di
census Geminius e quelle latine Oimon di K[(J.<Ùv ecc., gl'im-
prestiti germanici antichi goto aurkeis da urceus, ted. Kaiser
'imperatore' da Oaesar, Keller ' cantina' da celliirium, Kicher
da cicer, il permanere della pronunzia gutturale in sardo (logu-
dorese) kentu da centum ecc.; il gruppo gn era pronunziato nn,
cfr. § 13. La pronunzia palatale appare verso il V sec. d. C.
in grafie come dissessit = discessit, intcitamento, septuazinta;
e) ti avanti vocale non è assibilato e forma sillaba: cfr. K&.(J.7toC;
= Oampus Martius ecc. L'assibilazione comincia, anche
M&.p't'Loc;
per ci avanti vocale, nel II sec. d. C., cfr. la confusione di ci
e ti antevocalici (convicium e convitium), scritture come Con-
stantzo, Bincentce = Vincentiae ecc.
La pronunzia del latino in uso nelle scuole italiane e nella
prassi ecclesiastica rispecchia all'ingrosso la pronuncia colta
del V secolo d. C.
lO GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA
T § 3. - NOTA 1. - Nell'alfabeto più antico esistevano per la gutturale
tenue i segni K C Q adoperati, secondo l'uso etrusco, il primo avanti a,
il secondo avanti e ed i, il terzo avanti o ed u; presto però le venne eliminato,
rimanendo in un paio di parole (Kalendae, Kaeso), q ristretto alla posizione
avanti u consonantico: un tentativo, pare di Accio, per reintrodurre k
avanti a non ebbe seguito. Per la gutturale sonora si scriveva anticamente C
(cfr. ancora le abbreviazioni O. e On. per Gaius e Gnaeus), anche qui
per tradizione etrusca: la differenziazione in G pare dovuta al censore
Appio Claudio che inserì la nuova lettera nell'alfabeto in luogo dello Z
usato anticamente ma da lui abolito come inutile; Z, insieme con Y,
fu reintrodotto sulla fine dell'epoca repubblicana per trascrivere le parole
greche: all'alfabeto di 23 lettere così ottenuto Claudio aggiunse t indicante
il suono intermedio fra i ed u (§ 42),::1 per ~ (v) consonantico, e :> per bs e ps:
ma queste riforme non sopravvissero all'imperatore gramma.t.ico.
T L § 4. - NOTA II. - Le consonanti doppie, o geminate, vengono segnate
come tali a partire da Ennio che dietro l'esempio dei Greci introdusse
l'uso di ripetere la consonante nella scrittura. Quest'uso si è però lenta-
mente affermato, e specialmente l'ortografia ufficiale ha continuato per
un pezzo, ancora nella seconda metà del secondo secolo a. C., a scrivere
una sola consonante anche nel caso di geminazione. Talora la geminazione
viene indicata sulla consonante a mezzo delsicilicus, una specie di apostrofo:
O SA = ossa.

T L § 5. - NOTA III. - Per indicare le vocali lunghe ii e o ii Accio propose,


seguendo un uso osco ed umbro, di scriverle doppie: aa ecc., ma tale grafia,
che ebbe una certa diffusione tra la fine del II e il principio del I secolo,
sparsamente anche in seguito, non poté stabilirsi, forse anche per le cri-
tiche mossele da Lueilio, Questi caldeggiò invece la scrittura ei per l'i
lungo t pìngue s, riservando i per l'i « tenue» (§ 21), una distinzione con-
servatasi fino all'epoca di Augusto, ma non sempre applicata conseguen-
temente. Oltre ad ei è in uso nelle iscrizioni, a partire dall'epoca sillana,
la I longa, uscente cioè fuori e sopra la riga, a indicare la lunga di i:
FELIcI (ed anche H, p. es. ztlvs, cfr. § 30). Per le altre vocali (per i solo a
partire dal II secolo d. C.) la lunghezza è indicata talora nelle iscrizioni a
mezzo dell'apex, generalmente colla forma di un accento (').

§ 6. - Oltre questi ausìlìi grafici, di uso però saltuario, pos-


siamo regolarci per conoscere la prosodia delle vocali latine:
I) sull'uso dei poeti (che non vale però nel caso di sillabe lunghe
per posizione: p. es. nulla possiamo ricavare dall'uso in que-
stione per la prosodia di e in est' è' ed in est' mangia '); II) sulle
notizie dei grammatici; III) sulle trascrizioni di parole latine
PARTE I. - FONETICA. 11

in greco, specialmente per e ed o riprodotti con e: ed "1), o od Cl)


(x'ljvaoç =census; questo mezzo va però usato con molta pre-
cauzione); IV) sulle continuazioni nel lat. volgare e nelle lingue
romanze, salvo per (i, cfr. §§ 71 segg.; V) sulla etimologia, sia
interna (p. es. iiimenta ha l'ii lungo, cfr. il più antico ioux-
menta) che comparativa (venum ha l'e lungo perché il scr.
va.<mam ' prezzo' ci mostra che fra e e n è caduto un s, cfr. § 24);
VI) per ii ci serve ancora la grafia arcaizzante ou (§ 23), per e
la occasionale scrittura ei (§ 21), ecc.

T § 7. - Accento. - L'accento del latino si muove nell'ambito


delle sillabe penultima e terzultima; e precisamente esso cade
sulla terzultima, ove la penultima non sta lunga. Questa siste-
mazione meccanica fa supporre che esso fosse di natura preva-
lentemente espiratoria, almeno quando la sistemazione in pa-
rola ebbe dapprima luogo: ad accento espiratorio accennano
gli sviluppi romanzi. I grammatici invece parlano di accento
musicale: è probabile che essi, cui i loro maestri greci avevano
I

soltanto insegnato a distinguere un accento musicale (accentus


traduzione di 7tpOaCl)l~)[iX), abbiano solo posto mente all'ele-
mento musicale che non manca del tutto nemmeno nelle lingue
con accento prevalentemente espiratorio; né è impossibile che,
sotto l'influsso greco, le persone colte affettassero una elevazione
di voce nella sillaba accentata. Del resto molti degli argomenti
tirati in campo per ritrovare nei grammatici testimonianze di
una accentazione musicale sono caduchi (cfr. Archivio Glotto-
logico Ital., XXXIV, p. 90 segg. ora in Pisani, Linguistica ge-
nerale e indeuropea, Milano 1947, p. 131 segg. e, oltre i ma-
nuali, Debrunner, Indogerm. Forschungen, XLVI, p. 92 seg.;
Drexler, Plautinische Akzentstudien, Breslavia 1932-3).

§ 8. - NoTA. L - Addic add'iic nostrits Arpinits illtc ist'iic isttnc tant6n


audit conservano l'accento delle forme piene addice 1tOstrittis illtce tantiJne
audivit ecc. (§§ 132.524).
NOTA. II. - Nelle parole d'origine greca si può o applicare le norme la.
tine o conservare l'accento greoo. Secondo Quintiliano I, V, 24 il primo
uso (A'tr6us) avrebbe ceduto al secondo (Atréus) nel Iseo. d. C.
12 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

§ 9. - NOTA III. - P l' o c l i t i c h e (appoggiantisi cioè per l'accento


sulla parola seguente) sono le preposizioni avanti al nome da esse retto
(non se usate avverbialmente o dopo il nome, salvo che ad esse non segua
un genitivo retto da questo): cfr. il simile uso greco, laddove si noti che il
grave in 7tpÒ auv &'7tÒ ecc. avanti al nome indica semplicemente mancanza
di accento come in èK, èv ecc., mentre nella cosiddetta anastrofe la prepo-
sizione conserva il suo accento originario (ti7tO ecc.),
E n c l i t i c h e (appoggiantisi cioè per l'accento alla parola precedente)
sono le congiunzioni e particelle -que -ve -ne -ce, e sovente at iam igitur ecc.,
spesso i pronomi e aggettivi pronominali relativi e indefiniti e altri, cfr. spe-
cialmente stquis, praetérea, intérea, Iuppiter té dtque perdasuç cum dopo i
pronomi personali, eécum. n6btscum; spesso la copula (cfr. § 142); oceasio-
nalmente altre parole il cui valore funzionale e semantico è in parte inde-
bolito, p. es. in qu6modo priusquam qutlibet e nelle antiche composizioni
nésci6 néque6 (nequit da neque it) ecc. In tali casi, l'insieme formato dalla
parola precedente e dall'enclitica riceve l'accento secondo la solita norma,
e cioè sulla penultima sillaba se lunga, sulla terzultima se la penultima è
breve: virumque v6btscum praetérea. Ma se l'enclitica è monosillabica, l'ac-
cento cade sulla sillaba precedente anche se breve, quindi armilque (ma
undique· utique dove -que ha valore indefinitizzante e le univerbizzazioni
sono di data assai antica).
Per uno spostamento d'accento volgare come in fili6lus in
luogo di -iolus ecc., cfr. § 72(1..

C. - Sonantismo.
§ 10. - L'esame del vocalismo nel latino classico ci mani-
festa una serie di alternanze fra vocali (e dittonghi), che potremo
classificare in due gruppi principali: a. che hanno luogo tra
parole affini in cui le vocali in questione si trovano in sillabe
di ugual sede a cominciare dall'inizio della parola (prima, se-
conda, ecc. sillaba); b. che hanno luogo tra parole affini in
cui le vocali si trovano in sillabe di sede diversa (prima, o
diversa dalla prima).
§ 11. "- a. Nel primo gruppo osserviamo che le diversità pos-
sono essere qualìtative (di timbro) o quantìtative (brevi alter-
nantisi con lunghe o scomparenti); e che esse possono dipen-
dere o da certe -eondizioni esteriori o dal valore funzionale della
sillaba in cui la vocale si trova. Dovute a condizioni esteriori sono
PARTE I. - FONETICA 13

le alternanze qualitative e/i di septem: septingenti, decet: dignus


(ove i è provocato dal il, seguente); c/o, e/u di oelle velim: volo,
sepelio: sepultus (ove o, u son dovuti alla velarità della liquida
che segue); o/e di noster: vesti}t (ma antico voster: mutameato.
dovutoial v-pre';-edente, ~fr. § 16}7 oe/u di moenia: munire,
Poeni: punicus (§ 20); au/o di plaudo: explodo, plauetra: plostra
(§ 22); i/u di Silla: Bulla, optimu,~~oJ1t~'f!I'-U_S; u/o di riiiu»: robus
(§ 23); ae/e di scaena: scena, e le quantitative di con-do: con-
ficio, eè»: sedecim, 1,s: idem (§ 24), di ago: iictus (§ 25), di fie-re:
fieo flentem, primu«: princep« (da *prim(o)-cap-s) ecc. Al valore
funzionale (cfr. §§ 51 sgg.) risalgono le variazioni qualitative
e quantìtative p. es. di tego: toga: tegula, es-t: s-uni, sed-eo:
sol-ium (da *sod-): sed-es: sido (da *si-sd-o), nepot-em: nept-is,
fec-i: fac-io, do-num: da-tus.

§ 12. - b. Nel secondo gruppo le alternanze (qualitatìve)


hanno luogo a seconda che una certa sillaba si trovi in prin-
cipio o nell'interno di parola: è il caso di fac-io fac-tus: con-
fic-io con-tee-tu», par-io: pc-per-i (peparai su un'antica iscri-
zione falìsca), parco: peperei, tango: con-tingo, caedo: in-cido,
claudo: con-clUdo e simili. A tali casi possiamo aggiungere,
perché dovute allo stesso fattore, le scomparse di vocali (sin-
copi) in caldus accanto a calidus, officina ad opifex ecc. Queste
alternanze e sincopi non hanno luogo per vocali lunghe: hanno
luogo bensl le prime per dittonghi.
Mentre le variazioni connesse col valore funzionale risalgono
a periodo antichissimo, le altre si sono verificate nel corso
della storia del latino o per lo meno la loro ratio è rieavabìle
dal latino stesso. Cominciamo pertanto eoll'occuparci di queste
ultime per risalire al vocalismo preistorico latino o protolatino:
una volta stabilito questo, potremo ricostruire a mezzo della
comparazione il vocalìsmo dei dialetti ie. cui il latino fa capo.
Ci occupiamo delle sillabe non finali, riservando l'esame delle
finali all'apposito capitolo (E); e trattiamo anzitutto i casi di
alternanza in sillabe di ugual sede e poi quelli di alternanze in
sillabe di sede diversa; intrammezzando anche notizie sulle
14 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

semìvocalì e sulle liquide e nasali, in modo da dare completo


il quadro del sonantìsmo latino prima di passare alla conside-
razione di quello indeuropeo cui esso risale.

I. Alternanze condizionate in sillabe di ugual sede.


T § 13. - a. A l t e r n a n z e q u a l i t a t i v e.
Un e è diventato i:
avanti n (in nc, nqu, ng e gn che doveva perciò esser pro-
nunziato imi cfr. § 2 d): sinciput da *senc- (§ 27) da *sém[i]-
caput, septingenti: septem, attingo da *-teng- per *ad-tango
(§ 44), dignus da "deo-nos cfr. dee-et, lignum se da *leg-nom: lego
(' legno raccolto '); talora avanti mb: simbella da *semb- (§ 27)
per sém[i-li]bella (aplologia, § 150), imber da *emb- da *mbhros
o
=;:.:

gr. chpp6c; (§ 67);


inoltre talvolta avanti i di sillaba seguente, cfr. similis
ma antico semol, nihil da *ne-hilom 'non:'un filo '. Cfr. anche
milium: gr. fL<:Ì·(v'Y), tilia: 7t't'EÀÉiX.
T L NOTA. - Rustico è i per e avanti vocale e avanti r + consonante in ium
12 2, 401, mium commircium Mircurius Vel. Long. p. 77 K., miis ibid. e
Ter. Heautontim. 699 (e cfr. l'inverso fileai a Preneste 12 2, 561): questo
fenomeno per la posizione antevocalica si diffonde nel volgare, cfr. § 72e, e it.
mio Dio da meus Deus ecc.

T L § 14. - Un e è diventato o:
avanti antico v: novus da *ne- cfr. gr. véoc; goto niujis,
novem da neuen (faliseo, da Ardea: Not. d. Sco 1900, p. 59)
cfr. gr. Èv-vÉ(F)cx goto niun tbreoie leoie sono da *breg,!!:i- *leg,!!:i-;
seoèru» è forse da *segY:é-, § 256);
avanti l velare, cioè non geminato o non seguito dalle
vocali palatali i, e, nel quale caso e rimane: volO volui volt onde
vult (§ 15): velim velle, oliva da ÈÀcx(fiX (pertanto e è qui passato
ad o prima che ai ad i, § 45), cols da *quelo (cfr. gr. 7téÀE't'CXL
e §§ 32.109) ma in-quilinus Ex-quiliae, hoiu» da helus (PF.
p. 100), Siculus ma Sicilia da ~LXe:)..6C; ~LXEÀ(CX. Heroulès
(u da o) si spiega come recente anaptissi da Hercle- (§ 41);
volébam coll'analogia di volo ecc. Similmente in gelu scetue
PARTE I. - FONETICA 15

eelsue l'evoluzione sarà stata impedita dall'analogia di gelidus


sceleris cello piuttosto che dalla gutturale precedente;
nel gruppo iniziale originario *s~e- anteconsonantico, che
passa a so- (cfr. § 32): soror goto swistar scr. svasar- 'sorella',
socer (cfr. suecerioni, forse con suè-, III 5974) = gr. Éxup6c;; e
in alcuni altri casi dopo 14: o in vicinanza di m, cfr. bonus da
duono- (§ 88; duonoro gen. pl. 12 2, 9) da duenos (12 2, 4; ma
nell'avverbio, avanti C, bene da *duened), coquo da *quo- per
*que- da *pequo (§ 112) = ablg. pekac ' cuoccio ' cfr. gr. 7tÉcrcrw
da *m;xiw, homo da hemo, vomo: gr. (f)EfLELV, modus: umbro
m e r s 'ius' da *medos.

T § 15. - Un o è diventato u:
talora avanti il, (cfr. § 13) e m: nuncupiil'e per *nonc- (§ 27)
da *nom(en)-cap-, uncus = gr. llyxoC; ecc.' (ma, longus tonge1'e) ,
umerus da *omesos: umbro onse 'in umero ' gr. (;)fLOC; da *ÒfLcroC; ecc.,
Numidae da NOfLOCaEC; ecc. (ma domus);
talora avanti r + consonante: u1'sus da *orcsus = scr.
r:'k~asgr. &px't"oc; (cfr. § 115), furnus accanto a fornax dove
potrebbe avere infiuito la qualità della vocale nella sillaba
seguente (ma formus cornu porcus ecc.);
avanti l + consonante (non ll): culmen: columen, puls:
polenta, pulvis: pollen, stultus: stolidus.
Se precede v, o rimane, almeno nella grafia, sino all'uscita
dell'epoca repubblicana: volgus oolsu« ecc.

T L § 16. - vo- iniziale passa a ve- avanti r, e tautosillabìcì e


avanti t, nel corso del II secolo (al tempo di Scipione Africano
minore secondo Quintiliano I 7, 25): vorsus > oersus, oorrii ;»
verro, ooster > »eeter, voto> veto.
L § 17. - In un certo numero di casi ov- passa ad av-: avillus
ed aububulcus da *avi-: oois, favere accanto a fovere, favissa:
fovea, lavare: Ào(f)éw, eaoère: xo(f)Éw: si pensa che il mutamento
sia avvenuto in sillabe non recanti l'accento storico (quindi
lavo ecc. avrebbero a secondo lavare lavabam ecc., fovere fovebam
16 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

conserverebbero viceversa o secondo foveo), ma si tratta d'ipo-


tes~ senza salde basi. A ogni modo, se oeuioue è da *octov-os
(*oktau è l'antica forma del cardinale, cfr. § 391), il parallelo
mutamento di ov in ii» ha avuto luogo in sillaba accentata.
Cfr. anche § 58 per casi di a da antichi e.
T L § 18. - Quanto alle altre vocali, si noti la grafia ei per i
(§ 21); i, u > e, o avanti r da s in sero da *si-so presente raddop-
piato come bi-bii si-sto della radice se- in sè-men. se-vi ea-tue,
e in foret da *fu-se-d cfr. osco fu s i d e fu-i ecc. (ma u resta
in nurus da *nusos = gr. vuoç cfr. scr. snu~ti ecc.); o > u nei due
monosillabi fur = gr. tpwp e cur da quor nonché in *hum = gr.
X-9-wv scr. k~ti-s ecc. da *gzhom ghOm(§115) di humiinus accanto a
humus homo, nubs da *nobh- = scr. niibh- (per altre alternanze
fra o ed u cfr. § 23); inoltre l'incertezza fra i ed u nella grafia,
la quale accenna ad una pronunzia incerta per antico u in
vicinanza di l e labìalì, in lumpa limpa (da duo, cfr. OR('()
D i u m p a i s 'Nymphis', dìssimìlato dal gr. Nu[l.tp'Yj); ma forse
limpa è oschismo e va con liquidus, lubet libet: scr. lubh- 'desi-
derare " clupeus clipeus: gr. XIXf..U7t-"t'W ecc. Infine -ri- passa ad
-er- in ter da *tris attraverso *ters (cfr. bis da du-is e terrunoius
da *ters-unc-): gr. "t'pfç scr. tris, teetis per "terst- da "tri-st-i-e,
, che sta per terzo' cfr. osco trstus ' testes.' t r i s t a a m e n t u d
, testamento', certus cerno: gr. xp~-"t'oç xptvw da *XpL-V-~W.
Cfr. § 133; ma cfr. frico arista ecc.
Per i da ei cfr. § 21; per u da oi, § 20.
T L § 19. - Per ae nei monumenti più antichi appare ai; il mu-
tamento comincia ad osservarsi nella scrittura a partire dalla
fine del secolo III: aide = aedem, Gnaivod = Gnaeo ecc. (in
aiio maiior abbiamo non un dittongo, ma a più due i conso-
nantici, § 30; nei genitivi aulai pictai ecc. ai è bisillabico,
cfr. §§ 309.319). Per un certo tempo le due scritture ai ed ae
sono state usate promiscuamente, e a quanto pare vi è stato
un tentativo di Lucilio (Mart. Cap. III 266) di sfruttare la
doppia grafia per distinguere nella prima declinazione il geni-
tivo' con -ai, dal dativo, con ae.
PARTE I. - FONETICA 17

La pronunzia f per ae, che poi doveva divenire comune


(§ 72 c), si è prodotta per tempo nel latino rustico, già all'epoca
di Lucilio (Varro L. L. VII 96 seg.): edus -'- haedus, ecc.;
probabilmente questa pronunzia con f di ciò che era scritto
ae ha provocato le grafie scaena scaeptrum accanto a scena
sceptrum da gr. C1K'f)vfJ C1X~1t't'pov.

T L § 20. - Il dittongo oe (un caso a parte è costituito da coeptus


per co-ept- trisillabìco, cfr. § 35) si alterna talora con u (1):
tale è il caso di Poeni accanto a Punicus da cI>o[vLxec;, puni-
ceus· da <poLv(xeLOC; che, insieme con coetus da co-itos, indicano
l'origine di tali oe, u da più antichi oi; altri esempi sono
oino = unum, comoine = communem, coeraverunt = curii-vifrunt,
moenia accanto a munire e murus antico moiros moeros, oboedio
da *ob-boedio (*o-boedio T) radice *bheidh- di fido gl'. 1td&OfL(xL
(cfr. §§ 76.96 seg.). Ma oi ha dato ei onde i (§ 21) dopo v- in
vis ' vuoi' da uois 122, 4, vicus = fOLXOC; (veci iscriz., cfr. fran-
cese voisin da *vecinus e § 21), vidi: gr. fOLO(X, inoltre dopo l
in clivus = goto hlaiw 'sepolcro' (' tumulo 'l, l'iqui: gr. ().é)-
ÀOL1t(X. In quoiius abbiamo o più due i consonantici, § 30. Ta-
lora oe è scritto per e (come in poena, V. nota) per confusione
dovuta alla monottongazione di oe (§ 72 c) o per falsa etimo-
logia, come in coena per cena (§ 93) secondo xOLV6c;.
T L § 21. - Lucilio (358 segg. 1294 sg.) distingueva tra un i
« pìngue », p. es. in mille milia pilum 'giavellotto' e nelle
desinenze del nom. plur. II declino pueri ecc. e del dato sg.
III decl. furi, ed uno « tenue » p. es. in miles pilnm 'pestello'
e nelle desinenze del gen. sg. II decl. pueri o del dato sg.
dei pronomi illi ecc.; per il primo egli prescriveva la grafia ei,
pel secondo i. Ciò - senza pregiudizio di errori che nei sin-
goli casi Lucilio possa aver commessi nella distinzione dei
due i - è giustificato dal fatto che nell't del lat. classico

(l) Ma poena pare scritto, in seguito a falso raecostamento a 7tOLV'", per


pena da *pend.snii (pendere poenas); in tal caso puni6 sarà denominativo
di p-uni- (im-pUni-s) da *pond-sni-s, cfr. pondus.

2 - V. PISANI, Grammatica tatina .\"/orica (' comnamtiva


18 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

sono venuti a confondersi un antico i e il dittongo ei, il quale


(originario o da oi ai, §§ 20.137) è passato attraverso una pro-
nunzia ~ al principio del II sec. per raggiungere quella i alla
fine del medesimo: cfr. ceiuis > civis, deicerent > dicerent ece.;
risultato di ciò nell'ortografia è la confusione tra i segni ei, i,
e per designare i da i e da ei, nonché e: neiquis e nequis (am-
bedue S. C. de Bacchanalibus) = niJquis, audeire = audire (an-
tico i, lex repetundarum) (1). Lo stadio iJ si è conservato nel lat.
rustico tspéca = epica, viJlla = villa) con riflessi nelle lingue
romanze ('Coisin da *vecinus § 20) e nelle parole le/lis ' liscio':
gr. Àe:~oç da *Àe:Lfoç, lévi perf. di li-no da *lf'i-, decrevi onde
decreturn con e (s 522), scena = sacèno: airl. scian; inoltre, in
oleum deus l'e si è abbreviato avanti vocale (§ 26) quando v
scompariva avanti o della desinenza (§ 32) negli antichi *olevom
*M/JOS -m ecc. da "olei- da ~Àa.Lfov, antico deiuo-; invece, dove v
rimaneva (avanti altra vocale), l'evoluzione ha raggiunto lo
stadio i, e pertanto abbiamo oliva per "olei- da ÈÀa.[fiX, divi ecc.
(onde divus, come dei secondo deus). Che la pronunzia *olevum
sia rimasta nel lat. rustico, accenna l'imprestito gotico alew.
T L § 22. - Per au appare talvolta O, ad es. in lotus = lautus,
colis (Catone) = caulis, 6ricula (Cicerone) = auricula, plàetra =
plaustra (cfr. Suet. Vespas. 22); si tratta di una monottonga-
zione, forse di origine umbra. estesasi al lat. rustico e di qui
penetrata per alcune parole anche nel lat. urbano, provocando
talora reazioni iperpuristiche, come nel caso di plaudo per
plodo (quindi composti complodo ecc., non *-pludo come ci si
aspetterebbe da *plau-, § 45), in cauda per coda.

T L § 23. - u del latino classico appare in vari casi scritto u


anche nei più antichi monumenti, ma talora (oltre ad oi, § 20)
questi hanno in sua vece ou: iouxmenta (P 2, 1) ....:. iumenta,
loueos = lùcu«, mostrando che nell'u classico è venuto a con-
fluire (verso la fine del III sec.: cfr. Lucius Laoiom. nelle iscri-

(1) Cfr. l'iscrizione J2 2, 1430 IuniYné Seispitei Màtri dove la desinenza


di dativo appare segnata colle tre grafie.
PARTE J. - FONETICA 19

zioni degli f?cipioni


, '~
12 2, 7.9) anche un a~tico .l l J '
dittongo ou;
grazie a ciò vi è stato un periodo in cui la grafìa ou si è impie-
gata. a scrivere anche ~li antichi u o quelli 43,oi (p. es. coura-
verunt = più antico coiravcrunt). La fase intermedia fra ou
ed.a, e cioè o, è con;~rvàta nel lat. rustico: Locina e Louci;;'lì
(Norb~), J;os1~a = lUna (Preneste,
. t-
§ ~:?);
. 'l'~: l ',
essa è penetrata
"
nellat:
urbano ina robus rubigo a.ccanto·
,.;; , a 1·ufw; (§ 97) e negli isolati
',; 'l

n6trix = nutl'i:c (Quintiliano), fijnus = fun1ts (Mario Vittnrino).


Qnanto" 'ad ou, la forma Leucesi[a]e nel Carmen Saliare:
LUcetius, e ÌloÀu8e:ux'1jc; fonte di Polouces = Pollux (Cfr. P. XV,
p. 241 s.) ci mostrano che esso presuppone inliarte anche un
, .",
antico eu: onde possiamo concludere che nell'u classico sono eoll-
fluiti: u, oi, ou e, attraverso questo, eu. Per I'epoea del passaggio
di eu ad ou è notevole, oltre a Leuoesie, anche briimo. da
*bre[g]u[i]ma (§§ 38.205) da cui si vede che detto passaggio è
avvenuto dopo la scomparsa di 9 nel gruppo -gu- interno e dopo
l ~( ". " -
le sincopi. .
NOTA. - Gli eu del latino classico sono secondari, in neu seu ceu sorti
per caduta di e finale"(§ 132) da ne-ve sei-ve (si è da sei) *c6Ì-ve e nel com-
posto ne-utero Abbiamo inoltre eu in heus • odi! • = scr. g~6~a imperativo
di ghu~'~.: udire', conservato probabilmente secondo l'iiltcriezione ~eu,
iheu~f" ..
T ~. § ~4. - b. A l t e l' n a n z e q u a n t i t a t i ve.
~ v'
~. Allungamenti di vocali brevi.
Avanti ns nf una vocale si allunga, come attesta Cicerone
Or. 48, 159: quindi insanus infi~ix consuevit confecit contro
indoctus inhumanus composuit c~ncrepuit. Si tratta propria-
-Òn
mente di un allungamento
,
di compenso per la riduzione o
; ,~

scomparsa della nàsale (§ 50); e un tale genere di allungamento


abbiamo anche in
vari casi come di-ligo da dis-lego, scala da
*scand-sla ecc. (§§ 91.92), dove è in gioco la scomparsa di s.
Inoltre una vocale si allunga avanti nc + muta, ove il c tende
a scomparire: quintus (e Quinctius): quinque, sanctus: sancio.
unctus: unguo; qui abbiamo da scorgere probabilmente influsso
osco-umbro (o. s a a h li li m =
sanctum, u. sahatam = sanctam,
con aa aha indicanti a).
20 GRAMJl.IATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

T § 25. - Vocali mediane di radici terminanti in media si


allungano nel ppp. con -to- -so- e forme derivate o affini (cosid-
detta legge di Lachmann); l'allungamento è più antico del-
l'indebolimento di brevi atone (§ 36), e pertanto in questi casi
è conservata la vocale originaria: facio: factus: coniectue, ma
ago: actu«: redactus; patior: passus: perpessus, ma cado: ciisu«:
occaeu« (con un solo s secondo § 79, così pure eS~tS di edo ece.;
di questo verbo anche es est § 556). Il motivo dell'allungamento
va scorto in una ricomposizione preistorica della parola con
reintroduzioue della, media finale di radice (quindi *agtos
*cadsos ecc.), che esigeva un distacco fra la prima e la seconda
sillaba; questo distacco è stato convertito in allungamento
della vocale, quando la consonante di nuovo si assimilava alla
iniziale del suffisso (§ 81). L'allungamento non ha luogo se la
M proviene da MA. indeuropea (iussus gressus fossus vectus,
cfr. § 97); ciò significa che al tempo della ricomposizione le due
serie di consonanti erano ancora tenute distinte (come per vehO
ancora nel lat. classico; del resto il passaggio di -dh- a -b- in
iubeo rendeva difficile l'influsso del presente su iussus).
NOTA. - Le eccezioni -sessus tissus scissus si spiegano, come vide il
Pedersen, col fatto che da ppp. alle rispettive radici fungevano un tempo
aggettivi in -no- (scr. sanna· bhinna- chinna-) e che le tre forme sono quindi
recenti e posteriori alla ricomposizione; quella strictus è dovuta a!l'analogia
di pictus [ietu« (presenti stringo fingo), di cui pictus ha antico k (pingo è
fatto per analogia di fingo in luogo di antico *pinco; la radice è quella di
7tOLK-(ÀOç ecc.), e fingo ha un antico gh (: scr. dih· da *dhigh. 'impastare,
formare '),

T § 26. - ~. Abbreviazioni di vocali lunghe.


« Vocalis ante vocalem corripitur »: fieo: fietus fiere, finto:
fini-re, gruis: gru-s, balmèuan. platea da gr. ~OCÀOCV€LOV 7tÌ>.OC"t'€LOC,
deus § 21. Se precede un'altra vocale, la lunga è conservata:
diei materiei, ma rei: nomino dies res ecc. In poesia l'abbrevia-
zione può aver luogo fra un monosillabo in vocale lunga e
vocale breve iniziale seguente (&.n qu?' am&.nt Verg. Bue. VIII
108). Presso i poeti arcaici si trovano ancora forme come fuit
institUi rei ecc., accanto a quelle abbreviate. Nel verbo fieri
PARTE I. - FONETICA 21

l'abbreviazione è subentrata solo avanti -er-: altrimenti fio


fiebam ecc. Illiu« istius unius conservano i evidentemente in
quanto dopo esso veniva pronunziato ii come in quoiius eiiuA
(§ 30); a. partire da Lucilio si trova però anche illtus (§ 373).
Il nome della dea Diana può avere l'i sia lungo che breve; nel
primo caso si tratta di misura tradizionale nella lingua sacrale.
Naturalmente nelle parole greche, che i poeti hanno tolte di
peso e trasferite nei loro versi, viene di norma conservata la
originale prosodia.
T L § 27. - Vocali lunghe si abbreviano avanti nasale o liquida
più consonante (non ns nf, § 24): amantem fientem: ama-re fie-re,
undecim (frane. onze) da unum-decem (ma Mars Marcus con-
servano la lunga tradizionale); avanti u +consono in gaudium
da *gau(i)diom, cfr. ga'visus (cfr. § 37). Il fenomeno è noto come
« Legge di Osthoff n. Naturalmente le abbreviazioni di undecim,
princeps (§ 11) ecc. sono più recenti delle altre e posteriori
+
alle sincopi che hanno provocato i gruppi naso cons., e talora
la lunga è restituita analogicamente.
Troviamo inoltre l'abbreviazione di vocali lunghe accentate
avanti una occlusiva o liquida, contemporanea all'allunga-
mento (geminazione) della consonante: Iuppiter: Iupiter, liuera:
iitera, bacca, baca, Varro: varus ecc., cfr. § 75.
Un'abbreviazione avanti enclitica viene scorta in alcune
forme come quas~ da *qua(m)-sei (per l'-~ cfr. § 28); s~quidem
tuquidem accanto a si-q- tu-q- (o qui l'enclitica ha conservato
antichi doppioni colla breve Y), quando-quidem accanto a
quando-q.

T § 28. - Abbreviazione giambica. - Una sequela di due sil-


labe formante giambo, con accento sulla breve o sulla sillaba
immediatamente seguente alla lunga, passa a pirrichio (~_ > ~ v,
v _ ' > v v ') presso gli antichi scenici, anche se la seconda

sillaba è lunga per posizione; però accanto alla nuova forma è


usata promiscuamente l'antica, e presso gli autori più recenti
l'effetto della À. g. scompare, salvo in alcune forme irrigiditesi
nel nuovo aspetto (Mne mltle ma opHme, etto m6do, Mre da
22 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

-i § 130 per heri, puta 'putacaso' ma puta impt. 'credi ').


Così &md accanto ad ama e da esso (ma solo lauda) , vereMmini
(accanto a verebamini), Clutaeméstra, sjnex, iuvenU1te ecc. Nella
poesia può valere, come accento condizionante l'abbreviazione,
anche l'ictus metrico.
Talora troviamo un'abbreviazione avanti l'accento storico
(trisillabico): Camlna, antico Casmena contro il § 24; moléstus:
moles; cultna da *coxlina (Y) contro il § 92; vehemént-is ecc. da
*vehes-m- § 245.
Per l'abbreviazione in it ecc. cfr. § 135.
II. Le semivocali.
T § 29. - i ed u consonantici, il secondo indicato con v nella
nostra ortografia attuale, con u dagli antichi, si trovano in prin-
cipio di parola (iugum, ve1'bum) o anche nell'interno di essa: spesso
questi siioni si producevano fra '"i, il sillabìci e vocale seguente,
senza che venissero segnati, o venendo segnati solo sporadi-
camente, nella scrittura (p. es. fùvimus, Ennio). Pel principio
di parola si noti che i- può anche provenire da di- (Diouem >
Iovem), cfr. § 82 mi- > m- in miiniire § 436, mooère § 447.
T § 30. - i interno fra vocali è propriamente un ii, come
scriveva Cicerone (aiio, Maiia; in iscrizioni maiiorem; cuiius ecc.);
pertanto la sillaba precedente è lunga in aio ecc., e non si
forma il dittongo ae (§ 19). Avanti i questo ii viene di norma
semplificato, e la sillaba precedente vale quindi per breve (ais;
ma Oocoe; Orai ecc. = -eiii -aiii). Sulla sua origine cfr. il § 82.
T L § 31. - In eo eunt accanto ad is imus ecc. da *ei-s *ei-mos
(cfr. eitur in iscriz.) abbiamo evidentemente la scomparsa
dell'i in un più antico *ei-o; tale scomparsa è avvenuta in
epoca preistorica, come ci mostra la comparazione, 'cfr. § 63.
Etiam da et iam, nunciam da nunc jam ci mostrano che un i.
dopo consonante si è vocalizzato: anche ciò è confermato dalla
comparazione, § 64. Ma cfr. anche § 82. D'altra parte i voealico
postconsonantico viene a volte consonantizzato presso i poeti
(iibjete per abUte ecc., cfr. § 145), e questa pronunzia è generaliz-
zata nel latino volgare, § 72 e.
PARTE I. - FONETICA 23

T § 32. - 'U consonantico (~, V; anche come secondo elemento


di qu, su cui cfr. § 145) è scomparso avanti 6 (ed J, § 109), salvo
che esso iniziasse la parola. Quindi volgus voro, ma de-orsum
da de-vorsom (> versum § 16; cfr. § 26), Gnaeue da Gnaivo-
(Gnaivod J2 2, 7), deus oleum (§ 21; dunque la scomparsa è
avvenuta al tempo della pronunzia ~), paswm da parvom (parvus
parvum secondo parvi ecc.; così pure divus sec. divi), secundus
(da -con- § 15): sequor, cotudie da "quotitei die (quot è secondo
quis ecc.), colO da *quoZO per *quelO (§ 14, cfr. inquilinus); dopo
avvenuto il mutamento, abbiamo, insieme a scritture tradizio-
nali come quolundam = co-, scritture inverse come oquoltod =
occulto, anche quom - scrittura storicamente giustificata di cum
congiunzione - per cum preposizione. La scomparsa di ~ è
avvenuta dopo che duonus ha dato bonus (§ 88).
T L § 33. - In curia da *co-,!!:irit'i (volsco couehrio; ma Quirinus
Quirttes da *co,!!:irt-, il che parrebbe accennare a uno stadio di
transizione *cuir-), prudens da pro-vidsne troviamo u da o~i;
in motus da *mo'!.!;e-tos (movere) e in altri casi (nonus da *no~en-os
§ 391), o da o~e; u > u (§ 27) da o~e in nuntium da noventiom
(forse per *no~o-,!!:entiom § 150), nundinae da *nouen-dinai
(cfr. scr. dinam ' giorno '), inoltre in iustus da iouestod può esser
sorto attraverso la sincope dell'e, cfr. § 37, comc del resto l'u da
o~i con sincope dell'i; invece o~e avrà dato o attraverso o'!!;o.
Inoltre a è da a'!!;e in malo da miivolo §§ 32.554 ecc.
T L § 34. - ~ è generalmente scomparso fra vocali di timbro
uguale: latrina labrum da laoa-, oblitus: oblioieoor, ditis accanto
a divitis, ste = si vis, audtsti audtsses per -ivisti -soiest», de-
lèrasn. ecc. per deleveram (secondo cui la scomparsa di v nel
perfetto anche fra vocali diverse: amiiram ecc.), Il v è conser-
vato in aviirus per analogia di avidus, divinus (per analogia di
divus; ma deina, dinai J2 2, 366), senèru« ecc.; in seoèru« può
anche aver agito la necessità di evitare confusione con sèru«
, tardivo '.
Per l'alternarsi di u e v dopo consonanti cfr. § 145.
24 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA.

III. Contrazioni di vocali.


T § 35. - Contrazioni di vocali hanno luogo in seguito all'incontro
di esse vocali nella composizione o per la scomparsa di una
consonante che le divideva (i '!!; §§ 31.33.34; h § 95): esse non
avvengono fra vocale breve e lunga susseguente di timbro
diverso (co-e-gi co-nctus aènu» contro MS; coept da co-ep; (Pl.)
secondo il presente arcaico coepio e il ppp. coeptus, cfr. ap-
presso). Se le vocali sono uguali, il resultato è la lunga corri-
spondente; altrimenti:
a, ii + e, O? ii; e + a > e; o, o + a, e > o; e, e + i > ei;
o + i > oe; e + u > e1i: latrina (§ 34), nemo da. ne-hemo (= homo
§ 14), nil da ni-hil per ne-(§ 13), copia da *co-opiii (cfr. in-opia);
miiZo (§ 33) da *mag(i)s-y:e16 (§ 92), dego da de+ ago,cogo da co+ ago,
+
como da co emo (ma cfr. § 515), deinde da de inde, eoepiàcoeptus
+
da *co-ip- "co-ep- (secondo § 42 da. co ap-; se coeptue non è
secondo il presente, l'indeholimento di -apt- in -ept- sarà poste-
riore alla contrazione in corno da co + emo), meuter da ne + utero
La contrazione non è eseguita o l'antico stato di cose è rista-
bilito in mihi accanto a mi, in composti come di-esse di-amiire ecc.
Da non confondere con la contrazione è la s i n i z e s i o
s i n e r e si, cioè la pronunzia come una sola di due sillabe,
di cui la prima terminante e la seconda iniziantesi per vocale;
naturalmente la sinizesi può da noi essere riconosciuta solo
nella. poesia: così éàdem (- -) in Lucrezio ecc.

IV. Alternanze vocaliche condizionate in sillabe di sede


diversa.
T L § 36. - Passiamo ora a considerare le variazioni dipendenti
dal fatto che una sillaba si trovi in principio o nell'interno di
parola, tipo facio: conficio; esse, e le sincopi come in quindecim
da quinque + deeem od in concutio: quatio recano a postulare un
accento di intensità che in epoca preistorica colpiva la prima sil-
laba della parola producendo l'indebolimento delle altre sillabe
e quindi delle loro vocali (non delle vocali lunghe: cfr. feci:
confeci ecc., anche iictus coiictus § 25, col voealìsmo conservato);
PARTE I. - FONETICA 25

precisamente come, in francese, l'accento d'intensità latino ha


condotto a sincopi o indebolimenti vocalicì, p. es. in comie da
eomitem; lire da légere, ornement da òrnaméntum, chanterai da
càntare-hdbeo. L'epoca in cui sincopi e indebolimenti hanno
avuto luogo va posta fra i monumenti antichissimi quali il
Cippus e l'iscrizione di Dueno (VI sec.) e il III sec.; cfr. iouestod
Cippo = iii,sto, iouesat Du. = iurat, falisco peparai = peperi.

T L § 37 - a. S i n c o p i .
Le sincopi hanno luogo sporadicamente, e vanno sempre più
diffondendosi col passare del tempo; esse hanno anzi avuto
una nuova ripresa nel volgare, questa volta .sulla base del-
!'accento storico latino (§ 72): così troviamo testimoniati tanto
calidus che caldus (preferito da Augusto: Quint. I 6, 19), tanto
liiridum che lardum (§ 27), ove le forme sincopate sono quelle
rimaste nelle lingue romanze; a volte in certe forme si è sta-
bilito il doppione sincopato e in altre quello non sincopato,
come è il caso di valde nel senso di 'molto' contro valide av-
verbio di validus: di solito la tendenza alla sincope è accre-
sciuta dal maggior numero delle sillabe seguenti, come in offi-
cina: opifex, postridie: posterus, iunior per *iuv(e)nior: iuvenis ecc.
Altri esempi di sincope abbiamo in corolla da *coron(o)lii, prae-
ceps da *prae-capot-s (gen. praecipitis; propr. ' a testa innanzi '),
suprii: superus, pergo surgo da per sub + rego (cfr. perrex; sur-
rexi; ma corrigo erigo col solo indebolimento), auceps da *avi-
cap-e, faustus da *faves-to-s (cfr. favor ed honestus: honor) ,
sestertius da *semis-tertius (' di cui il terzo asse è mezzo',
2 ~ assi), pono da po-sino (po-situs), quernu« da *querqu-inus
(come fiig-inus), rettuli reccids reppuli repperi da re + tetul;
(§ 509) cecidi pepuli peperi, forse reddo da *re-dido (§ 486).

T § 38. - Se avanti la vocale colpita dalla sincope stava una


semivocale, questa si vocalizza: ab-icio (ed iibicio, cioè ab-iicio,
per reintroduzione dell'i- iniziale di iacio secondo confido:
facio ecc.): iacio, concutio: quatio, costituendo dittongo o con-
traendosi con vocale eventualmente precedente: briima da
26 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

*brouma per *breuma (§ 23) da "breoi-mii propriam, 'il giorno più


breve dell'anno', bigae da *d'Y:i-i(u)gai ecc., e aggiungi iiinior § 37.

T L § 39. - Se avanti la vocale colpita da sincope stava una


liquida o nasale preceduta a sua volta da consonante, la liquida
o nasale, probabilmente attraverso uno stadio di sonante (§ 1),
ha sviluppato avanti a sé una vocale (e od i): sacerdos da *sacro-
do-t-e, agellus da *agro-lo- (come *porco-lo- onde porculus),
nigerrimus da *nigro-simo- § 206, pocilium. da *poclo-lo- (poclom >
poculum), facultas (da *facoltas per *faceltas §§ 15.14) da *facli-
tat- e facillimus da *facli-simo- (facilis è da *facli-, § 41), ti-
gillum da *tigno-lo- (tignum), scabellum da *scabno-lo- (scamnum,
§ 86), auxilla da *auxlola diminutivo di *auxla onde aula e il
nuovo diminutivo aulla olla.

§ 40. - NOTA. - Che vi sia uno stadio intermedio costituito dalla sonante,
vien reso molto J"erisimile da un caso analogo. Illt. ha centum. = gr. €-Y.CXTOV
scr. çatdm da *k'fft6m, ma viginti !!igintà con 9 ed in inesplicati rispetto al
gr. fLJ<CXTL- scr. vi"!,,çdti ecc. con -k"ft-. La differenza può risiedere in ciò,
che mentre la sillaba iniziale di centum, nella sua qualità di tonica, è rimasta
immutata dopo il passaggio di r!' a en (§ 67), *vicent- *tricent- hanno subito
la sincope della seconda sillaba, atona, dando *vicfft- *tric'{}t-. in cui c si
è sonorizzata come avanti n consonantico (§ 86), e secondariamente questo ~
da sincope ha dato in (come in pugillus: pugnus da *puginw-, tigillum ecc.).
Similmente si spiega il 9 di quingenti septingenti niingenti (secondo cui
quadrinqenii oc/ingenti), laddove in trecenti sescenti abbiamo ricomposizione.
La sonorizzazione non ha però avuto luogo in patella: patina da gr. 1tCXTtXV'I)
(*patnolii) dove t sarà restituito o conservato secondo il positivo. Che va-
tillum vada con vannus (questo in tal caso da *y,atno-), è oltremodo dubbio,
e forse questo termine sarà da *vatin-w-, cfr. vatin-ius 'un tipo di vaso'.

T L § 41. - b. A n a p t i s si.
Fenomeno contrario alla sincope, ma dovuto anch'esso alla
debolezza delle sillabe dopo la prima, è l'anaptissi o svarabhakti,
consistente nello sviluppo di una vocale (o, onde u, avanti l
velare; i avanti l palatale ed n) fra occlusiva ed l, n: pocolom
onde poculum da poclom, Herculès da Hercle da 'HpiXXÀ~C;,
Aesoulapiu» da Aesclapio da 'AaxÀcxm6c; (epidaur. AtaxÀcxm6c;),
facilis da *facli- (cfr. facultas § 39), voraginis da *voragnes
PARTE I. - FONETICA 27

da "''Vorac-n- (g si spiega dalla sua posizione avanti n): corti» ecc.


Nel latino arcaico troviamo anaptìssi anche in imprestiti
con altri gruppi consonantici: techina drachuma Alcumena
da ·r€:x.vYj 0PlXXfLl) 'AÀXfLl)vYj. Il fenomeno è probabilmente di
origine osca.

T L § 42. - c. I n d e b o l i m e n t i.
Ove non abbia luogo la sincope, le vocali di sillabe mediane
vanno soggette ai seguenti mutamenti (per la sillaba finale
cfr. §§ 130 sgg.):
IN SILLABA APERTA (avanti una consonante seguita da vo-
cale) qualsiasi vocale breve passa ad u avanti 'V (che scompare,
almeno nella scrittura: cfr. § 29): abluo da ab-looà, domui da
*doma-vi, habui da *habevi, triduum da *tri-divom, denuo da
de novod; ad e avanti T: cineris: cinis, efferus: [erus, reddere:
dare, peperi: pario (Ialisco peparai); in corporis temporis decoris
è imitato il vocalismo degli antichi nominativi *corpos *tempos
*decos (> -us § 131), ma cfr. l'avverbio temperi' a tempo oppor-
tuno ' § 335. l!'atta astrazione da ciò, i di norma rimane (ma
cfr. appresso § 43ì; e così anche generalmente u cheperò spesso
tende a passare ad i, p. es. in mani-bus mani-jestus dal tema
manu-, inclitus dalla radice ctu- di clueo accanto ad inclutus ed
inclytus, quindi col suono intermedio di cui si parla qui appresso.
Delle altre vocali, a ed e hanno dato dapprima un e che
poi è diventato i (avanti le Iabiali p b j m il suono intermedio
!rai ed uLscritto talora i e talora u, a volte anche y e per cui
Claudio aveva creato il segno ~); però l'e intermediario è pas-
sato ad o avanti l velare secondo il § 14 ed ha condiviso quindi
le sorti di o; o è passato ad i (u), ma è diventato 1t avanti l
velare, a meno che non precedessero e, i, nel quale caso esso è
rimasto immutato. Esempi sono:
cado cecidi occiduus, jateor confiteor, teneo contineo, lego
colligo, jacio artificis, amicus inimicus, MlXaacxÀ[cx > Massilia,
habeo adhibeo, taberna contubernium, capio man-cipis e man-
cupis, ~LXe:À[CX:> Sicilia; ~LXe:À6~ > Siculus (e aggiungi familia:
28 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

fam1tlus, exilium: exulum ecc. onde exulis ecc., Catilina: catulus,


similis: simulO); loous stloeue illico (da *en-stl.ocod), novi.tiis da
*novo-tat-s, apioa 'pecora dal ventre glabro' da gr. &-noxoç,
aurifex ed auruie» da auro- ecc.; porculus da porco-lo- ma fi-
liolus, herbula da *herbola ma lineola.

T § 43. - L'i sorto in tal modo da a e o, o continuante diret-


tamente l'antico i, passa ad e per dissimilazione dopo i, purché
uno dei due non recasse l'accento trisillabico storico. Quindi
pietatis varietatis (secondo cui pietas varietas) contro dignitatis.
da *pio- *vario- *digno-tat-; hietare (secondo cui hietat) contro
clamitare; ma tibicen contratto da tibiicen tibiicinis da tibio-
can-, fatigo da fatiigo da fati-ago; abietis parietis hiemis sono
fatti secondo i nominativi abies paries (cfr. il tipo' teqes
tegetis) hiems (in cui e rimane avanti due consonanti). Cfr. Indo-
germ. Eorseh, LIV, p. 209 segg.; Zeitschr. fur vergl. Sprach-
forschung LXVII, p. 27 segg.
N ota ancora tri-podare tri-pudium (con -pod- variante apo-
fonica di ped-, § 68).

T § 44. - IN SILLABA CHIUSA (avanti due o più consonanti)


le vocali rimangono immutate, salvo che a diventa e, o di solito
u; gli e da a o continuanti direttamente l'antico e sono poi
andati soggetti ai soliti mutamenti avanti il, (§ 13) e l velare
(§ 14). Cfr.:
carpo discerpo, factus co'nfectus (ma actus coàctu« § 25),
fallo fe/elli, arma inermis, annus biennium, barba imberbis,
't'<xÀOC\l't'O\l > talentum, T<xpoc\l't"oc (acc.) > Tarentum; tango (*con-
tengo» contingo, frango infringo; salsus (*inselsus » insulsu,s,
calco conculoi; montem promunturium, antico onos onustus,
antico endostruos > classico industrius, amp(h)ora ampulla da
*ampor( o)la. In praefiscini (-ne) 'con rispetto parlando, salvo-
gnuno ': fascinus, -i- è forse risultato di assimilazione alle
sillabe seguenti.

T § 45. - I dittonghi ai (>ae) ed ei (>i) dànno, in


sillaba interna, sempre i (il primo attraverso ei, §§ 21.44):
PARTE I. - FONETICA 29
tAxocr..Fo( > Achivi, èÀocf.fii > oliva (mostra che ai> ei è poste-
riore ad el> ol § 14), caedo inceiderétis incido cecidi, deicerent
édico ecc.
Il dittongo au dà u (attraverso eu> ou § 23 '): claudo con-
cludo. Da comoinem abbiamo communem conformemente alle
sorti di oi protosillabico (§ 20); invece oboedia da *ob-bhoidhio
conserva. l'oe come Poeni ecc. (§ 20).
Grazie alla diversità di trattamento in sillaba aperta o chiusa,
abbiamo variazioni come confido confectus, obsideo obsessus ecc.

T § 46. - A ricomposizione o tarda formazione del composto


sono dovute le evasioni all'indebolimento in parole come dé-
mando, caléfacio, comparo, dèdecus, pertaesus (ma la forma
pertisu« ci è tramandata da Lucilio come una stranezza, nel
fr. 963 M., cfr. Cic. Or. XLVIII 159).
Ad attrazione esercitata dalla vocale nella prima sillaba son
dovute le evasioni in anatem (ma ital. anitra e. già volgare
anitem), alaoer alaorie (ma ital, allegro da *alecrum) e simili;
integer ha -te- secondo il gen. integri, ecc.

V. Le liquide e le nasali.
§ 47. - Circa le l i q u i d e latine è da osservare:
I. r sta a volte nel lt. arcaico o volgare per d (arfuérunt,
meridiee ecc. § 108); una reazione a questo fatto (e forse anche
un raccostamento a caducus') è stata la causa che caduceum
sia la forma assunta in lt. dal gr. xiip~xe:wv.

§ 48. - II. Plinio il vecchio insegnava a distinguere tre sorta


di l, exilis nella geminata, plénus in fin di parola e avanti o
dopo consonante, medius negli altri casi. Probabilmente queste
categorie corrispondono all'ingrosso a quelle di l palatale (nella
geminata e avanti e, i) e velare (negli altri casi) che determi-
nano la qualità della vocale precedente, cfr. § 14.

§ 49. - Più che le altre consonanti, le liquide sono esposte a


dissimilazioni (§ 149): importante fra queste, perché assurta
30 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA
r:n
a dignità di norma costante, quella di l in suffissi, che diventa r
se nella parola vi è già un l: niiviilis mortiilis ma militiiris co'n-
suliiris; animal ma pulvinar; spec(u)lum vinc(u)lum (§ 41) ~a
fulcrum scalprum § 216. S~ un r si interpone fra i due l, q~esti
, _I·;
'.1.

ri:rangono ambedue, cfr. floriilis, liberiiUs ecc. '

T L § 50. - Quanto alle n a s a l i, è da osservare che n avanti


gutturale era' una nasale gutturale (n adulterinum dei gram-
matici), e che una nasale gutturale era anche g in gn, come si
ricava dagli effetti prodotti su e precedente. cfr. § 13. Avanti
dentale sta sempre n, avanti labìale sempre m (cfr. §87). Avanti
li
s, f la nasale n si attenua o s?ompare, con l'allungamento di
breve precedente (§ 24): Cicerone pronunziava Megalesia hor-
téeia; secondo Varrone (L. L. V 4) pos (semplice di impos)
« videtur significare potius 'pontem ' quam 'potentem ' », suo-
nava quindi come pim«: e la questione dei casi in cui si avesse
da scrivere ns' o 8 era molto agitata dai grammatici, segno che
la pronunzia della nasale era debole e incostante. Nella lingua
colta però l'n è stato di solito ristabilito, dove considerazioni
etimologiche o grammaticali lo consigliavano, nella ortografia, e
probabilmente, sia pure molto affievolito, anche nella pronunzia.
'.' ,

VI. Alternanze vocaliche di natura funzionale.


§ 51. - A p o f o n i a chiamiamo variazioni del sonantìsmo,
indipendenti dalle cause meccaniche contemplate sinora e legate
invece alla funzione della sillaba (radicale, suffìssale o desinen-
ziale) nella parola. Il fenomeno (che risale ad epoca ie.) è più
vitale e diffuso in lingue quali il sanscrìto, il greco, le lingue ger-
maniche; ma anche il latino ne serba tracce. Riservando al
capitolo IX l'inserzione dei fenomeni nel sistema apofonico
indeuropeo, segnamo ora quanto il latino stesso ci dà modo di
osservare.

§ 52. - Notiamo anzitutto casi in cui la vocale e fra mute,


o iniziale avanti muta, si alterna con o o scompare o viene
allungata; chiamando grado normale quello con 'e od o, grado O
PARTE I. - FONETICA 31

(zero) quello della scomparsa e grado allungato quello in cui


appare l'allungamento, abbiamo:

Grado O normale allungato


con e con o con è" con ii
s-unt es-t

sido (da *si-sd-o, sed-.eo solium (da sed-es sol-ari


§§ 24.91) sod- §10S) sed-are (§ 435)

teg-o tog-a teg-ula

ped-is tri-pod-tire, pes


tri-pud-ium

hones-tus honàr-em (r
da s, § 113)

In alcuni casi la vocale del grado normale può essere o od a,


senza alternarsi con Ci talora nel grado normale a sì alterna
con o, o nell'allungato a con o: cfr.:

nept-em nepot-em

jod-io fod-i

od-ium od-i

ag-o amb-ag-es

sag-ax sag-ire

ac-uo oe-ris tic-er oc-ior


ac-u-pedius
ac-étwm

§ 53. - Se avanti o dopo la vocale del grado normale sta


un i od un u consonantico. la scomparsa di quella fa sì che la
semivocale (anche come secondo elemento di dittongo) diventi
32 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

vocale e sostenga la sillaba (cfr. un caso analogo in abt'cio


concutio § 38):
fid-és fid-o [oed-u«
(da feid- § 21) joideratei

dic-tus dic-o,
dic-are deic-erent

magi-s maiieetns maiius m,aiiorem


(da *mag-i- § 82) (da -os § 130) (da -6sem)
-him-us, in hiem-s
bimu« da bi-bi-
, di due inverni'

vic-tus t'ic·i (da *voic-


§ 20)

i-tio i-ter co e1lntis ù-tor oi-tier § 20,


~-éns i8 (da *ei- eì- propr, l andare con
§§ 31.21) (?)

mis-er maes-tus

inde ' accendi ' aed-és ' tempio',


(da *i-n-d-dhi propr. 'ara'
= sanser. inddhi)

due-tue, du» duc-o (*de~w-, § 23)

us-tu» ur-o us-si (*eus-


§§ 23.113).

§ 54. - Il grado Oè, come appare da alcuni esempi dati,


norma nel ppp. e nel sostantivo verbale in -ti- (-ti-on-), inoltre
nei presenti primari in -io-, -sco-, con infisso nasale ecc.; è
interessante ora vedere come appaia il grado O di radici o
suffissi che, accanto alla vocale soggetta ad apofonia, hanno
una liquida o nasale. Naturalmente, se segue immediatamente
una vocale, la scomparsa di quella della 'sillaba soggetta ad
PARTE I. - FONETICA 33

apofonia non reca di solito mutamenti nel suono in questione,


cfr.:
patr-is pater (da
-er, § 135)
datr-ia: dator-em
cl-am occulo (da cel-are;
-cel-o §§ 42.14)
se invece segue immediatamente consonante, nel grado O
appaiono or, ol :» ul (§ 15), en (in § 13), em, cfr.:
[or-e (tema in -ti-) [er-o [or-da
, gravida'
(o grado OY)
posco (da *porc-sco) prec-or proc-us
per-cui-sue per-cel-lO
(-ld- § 83)
ten-tus, in-ten-tio ten-do
men-tis, men-tio, me-men-to mon-eo
com-men-tus me-min-i (da
-men- o -mon- § 42)
em-ptus (§ 87) cm-o em-i
(Y § 505)
Possiamo pertanto dire che accanto agli or ol (ul) en (in) em
rappresentanti organicamente l'unione di o e con liquide e
nasali, ve ne sono altri che fungono da grado O a dei gradi
normali costituiti da e, o con liquide e nasali, e corrispondono
funzionalmente pertanto agli i, u gradi O di gradi normali
costituiti di e, o con le semivocali i, u.
§ 55. - NOTA I. - Si notino i seguenti casi in cui nel grado normale o
allungato la semivocale talora segue, talora precede la vocale:
bimU8 da bi-him- hiem-s, hibernU8
da *heinl-r-ino-
(§§ 39.88)

3 - V. PIS..\NI, Grammatica 101;1/0 .\'IOIi('O (' comnarattva.


34 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

-div-o- in tri-duum Diou-em, MuS, divus dies Dièspiter


(§ 42) Iovem (deiv.o- §§ 32.21) (per *djeu.s § 62)
inter-diu·s (da *djey,'11j) diu (da *djeu § 356)
(§§ 356.422)

Dello stesso tipo è l'alternanza di tre-mo e ter-res con diverso « determi-


nativo radicale» da ter-ltre-,

T L NOTA II. - Cospicua in sanscrito, altrove presente in resti è la cosid-


detta v~'ddhi, il grado allungato cioè di una sonante (i u 1,' l ecc.) o di un
dittongo, nella derivazione nominale, che può o non accompagnarsi col
mutamento di suffisso: sor, Buddhds 'il Buddha' - bauddhas ' buddhista "
gr. yépcxç 'dignità' yépwv 'vecchio' - y1jpcxl; 'vecchiaia' ecc.; in lt. ab-
biamo un tal fenomeno in naucum 'pellicola che nelle mele contiene il
seme, nelle fave e nelle noci circonda il frutto interno ': nux 'frutto',
raudus (e r6dus rudus § 22) , qualche cosa di non formato, in pietra o me-
tallo ': rudis; cfr. il mio scritto Glottica Parerga, 4. Latina minaTa, § 3 nei
Rendiconti dell'Istituto Lombardo, voI. LXXVI.

T § 56. - Altre alternanze, della cosiddetta serie pesante, ap-


paiono sporadicamente:
s-i-mus e-is-e
stra-tu» ster·no stor-ia
(g)na-tus qen-i-tor
nii-scor
e gi-gn-o qen-iu»
qen-u«
stii-tu.'l sia-re
sta-tia stii-men
ra-tus re-ri
sa-tus se-men
e serii da *si-s-o § 18
no-ta no-sco
da-tus dO-'num
fa·c-io [oe-tus te-e-i saoer-dà-t-em
con-dj,-tus (-dM- §§ 42.96) (-dho- )
PARTE I. - FONETICA 35

Qui dunque abbiamo i rispondente a ié; ro, no' ad er en-i;


ii ad ii é 6: una migliore sistemazione dei fatti potremo ottenere
nell'esame del sistema apofonico ie, di cui, specialmente in
questa serie, il latino non serba che frammenti.

VII. Il sonantismo protolatino.


§ 57. - Riassumendo, possiamo risalire per il sonantismo
latino a un sistema così formato:
Vocali: e (onde i § 13; o § 14; indebolito in i, e, 'li,
§§ 42.43.44)

o (onde 'li, § 15; e § 16; a § 17; indebolito in


i, 'U, e §§ 42.43.44)
{j (onde ii, § 18; ii § 17)
a (indebolito in i, e, 'li, §§ 42.44)
ii
i (in ri > er § 18; indebolito in 'li, avanti v § 42)
li
'li, (indebolito in i § 42)
ii,
ei (onde i § 21; indebolito in i § 45)
oi (onde oe, il, i § 20; indebolito in ii, § 45)
ai (onde ae § 19; indebolito in i § 45)
e'li, (onde ii, § 23)
ou (onde ii, § 23)
au (onde 6 § 22; indebolito in il § 45) (1)
Semivocali: i (scomparso fra vocali ecc. § 31)
'!!: (scomparso avanti o, fra vocali uguali ecc.
§§ 32.33.34)
Liquide: r
l (dissìmìlato in r § 49; velare o palatale § 48)
Nasali: n
(n)
m

(1) Per gli antichi dittonghi lunghi ciro §62.


36 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Gruppi di vocali con liquide o nasali, rappresentanti il grado O


nell'apofonia:
or (ed ur), ol (ul), en em (anche in im § 13):
§ 54, inoltre ar al an am § 67;
ra la na ma: § 56,
inoltre ar al an am § 67.
NOTA. - Oltre che agli accidenti segnati fra parentesi per ognuna di
esse, le vocali protolatine sono andate soggette ai fenomeni di allunga-
mento, abbreviazione, contrazione e sincope di cui ai §§ 24 sego 26 segg.
35.37 segg.

VIII. Origine delle sonanti protolatine.


§ 58. - a ritorna nelle altre lingue ie. generalmente come a:
ager: cXyp6ç scr. ajras gt. akrs, acidus acus: &xpoç scr. dçri« 'spi·
golo' ecc.; è evidente che risaliamo qui ad un a di epoca ie.
In alcuni casi. a del latino e delle altre lingue corrisponde ad
un i ario: status: 0"'t"CIt't"6c; gt. sta]« 'luogo ': scr. sthitas; pater:
7tCltTIjp gt. [adar: scr. pitdr-, ecc. Si tratta di un suono speciale
(~), del quale diremo più sotto (§ 70).
In alcune parole troviamo a contro e di altre lingue o del
latino stesso: quattuor: 't"ÉO"O"Cltpec; scr. catvaras (c avanti a da
antico e), pate6: 7te't"!Xvvu{lL, magnus: {lÉYCltç, lapis: Àé7tCltC; ecc.
Si è voluto vedere in questo a una speciale vocale ridotta,
qualcosa di mezzo fra grado O e grado normale (cfr. §§ 68 segg.),
di età ie., così p. es. Hirt, Indogermanische Grammatik, II,
p. 80 seg., § 106; a influssi analogici da parte di altre parole
(p. es. aper = aated. ebur secondo caper) aveva pensato il
Brugmann, Indogerm. Forschungen, XXXVIII, p. 370, le cui
idee sono riprese ora da Petersen in Language, XIV, p. 39 segg.
(cfr. Glotta, XXIX, p. 165); a dipendenza dall'accento ie. il
Pedersen, seguendo i precedenti di Collitz e Wharton, nella
Zeitschr. tur vergl. Sprachtorschung, XXXVIII, p. 416 seg.,
ove si nota che a ogni modo è in gioco la vicinanza di labiali,
gutturali o liquide. Forse è lecito riconnettere questa varia-
zione latina di e con a con quella dei due suoni caratteristica
per l'etrusco e per altre lingue mediterranee.
PARTE I. - FONETICA 37

Similmente a i i 1t U protolatini trovano corrispondenza


esatta altrove (si noti che in greco presto u u assumono la
pronunzia di ii, ii) e continuano, senza mutamenti, uguali
suoni di epoca ie. Cfr. mtuer: doro IlOCTYJP (> ion. atto Il~TYJP)
ant, sassone moder (gli antichi ii han dato o nelle lingue ger-
maniche) SCI'. matar-; frater: cppoc't"Y)p gt. bropar SCI'. bhrittar-;
sta-re sta-bam doro e-cmi gt. stop 'stetti' SCI'. a-stha-t aor, =
eC1't"OC- video: tÒIl€V gt. uiitum. ' sappiamo' (1) SCI'. vidmas id.
- vivus SCI'. jivas; suinu~ gt. swein (ei è grafia, per i) , maiale'
- iugum: ~uyov SCI'. yugam gt. juk (2) - fumus: gr. .IHJIlOç
SCI'. dhumas 'fumo '; mii«: Ilu~ SCI'. m-as, ecc.

§ 59. - e protolatino riappare come € in greco, i (1) in go-


tico, a in sanscrito (e altrove); similmente e riappare come Y)
in greco, e in gotico, a in sanserìto (e altrove). Però in questi
casi una gutturale sanscrita si palatalìzza avanti a, ii, mostrando
che tali s.uoni in periodo più antico erano delle vocali palatali
e, e (§ 109 seg.). Così anche qui il latino conserva il vecchio voca-
lismo indeuropeo: cfr. fero: cpépw gt. baira SCI'. bhdrami; *quelo
(onde quolo, eolo §§ 14.32): 7téÀ€L SCI'. earati 'si muove' (signi-
ficato più antico 'girarsi, aggirarsi '~; sedimus = gt. setum;
plé-nsu: gr. 7tÀ~-pY)ç SCI'. prti-uis 'pieno'.

§ 60. - o ritorna come o in greco, o (talora a) in armeno,


a in gotico e nelle altre lingue germaniche, a in sanscrito. ~erò
nelle lingue germaniche vi sono indizi che distinguono a cor-
rispondente ad o del greco, latino ecc. dall'a corrispondente
ad a di queste lingue e lo caratterizzano come un antico o;
e in sanscrito talvoltl,L invece di a appare a in corrispondenza
di o greco e latino in sillaba aperta e con valore morfologico
speciale, segno che un tempo anche in una fase anteriore di
questa lingua a ed o erano differenziati. Possiamo quindi con-
cludere che alla base dell'o latino stava in epoca ie, un o rìcom-

(I) Da i in gt. ai (pron. e) avanti h, '/".


(2) Da 'U in gt. au (pron. o) avanti h, r,
38 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

parente negli altri dialetti. Quanto ad o, esso ritorna in greco


come o, in armeno come u, in gt. come o, in scr. come "ii. Anche
qui dovremo porre pel periodo ie. un o comune a tutti i vari
dialetti (1). Esempi: oois: lhc; ser, avis; orbus: òpcpocv6c; armo orb
, orfano l gt. arbi 'eredità '; (g)no-sco: gr. yvw-ao!J.ocL scr. jiia-
8yati 'conoscerà', ecc.

§ 61. - Anche i dittonghi protolatìnì sono la fedele conti-


nuazione di dittonghi ie.; essi ritornano tal quali in greco
(dove però ou è presto diventato monottongo, pronunziato 9
od 1(;); in gotico, conseguentemente alla confusione di a ed o,
ai ed oi appaiono come ai, au ed ou come au, inoltre ei da ei
è un semplice i, ed eu ha dato i1t; in sanscrito la fusione in un
sol suono di a e o ha fatto sì che tutti i dittonghi con i appaiano
come e (da ai), quelli con u come o (da au). P. es. deico dico:
adX-VU[l-L gt. qa-tciho, 'io annunzio l scr. dek-~yati 'mostrerà ';
oino oenos 1(;nus: OLV'~ , l'l sui dadi l gt. ains 'uno '; aide aedem
aestus: oc(&w aated. eit (da *aid) 'pira' scr. édhas 'combustibile ';
dl(;CO da *deuc- = gt. tiuha; lucet <la *louc- = scr. 1"Ocayàti 'illu-
mina '; augeo: gr. ocu1;wgt. auka ' cresco l scr. 6jas ' vigore', ecc.

T L § 62. - Nei monumenti latini 'arcaici osserviamo talora in


fin di parola dei dittonghi apparentemente uguali, che sor-
tiscono in periodi più recenti esiti diversi. Così il nominativo
plurale pilumnoe poploe (Festo), cioè -oi -oi (oe è grafia poste-
riore) passa al classico pilumni populi, ma il dativo sing.
Romanoi duenoi passa a Romano bono; la I singolare perfetto
falisco peparai è continuata nel latino classico da peperi, ma
il dativo sing. arcaico JIenervai da Minervae. Dobbiamo per-
tanto attribuire al protolatino due diversi -oi e due diversi -ai.
Il confronto del greco e del sanscrito ci mostra che si ha da
distinguere fra -oi ed -éi, -ai ed -iii, cfr. pop1tli: .&e:OL scr. té

(l) In conclusione, a ed o sono ricaduti in un solo suono nelle lingue ger-


maniche (a), slave (o), baltiche (al; ii ed 6 nelle germaniche (6), slave (a),
baltiche (lit. ~o od 6, lettone uo od a; 'UO soltanto da 6). Nelle lingue arie
e a o sono fusi in a (a talora da o), e ii 6 in a.
PARTE I. - FONETICA 39
, costoro' ma bono: &<:w~ scr, tdsmai 'a quello', peperi: )...€.-
)...eYfLcx~ scr. tutudé (I sg. pf. medio = t1ttudi) ma Minervae:
&eocL tdsyai 'a costei'. Il latino postula pertanto degli antichi
dittonghi lunghi (cioè ad iniziale lunga) che in fin di parola
ci mostra anche il greco; nell'interno di parola troviamo dit-
tonghi lunghi anche in sanscrìto (certe variazioni di accento
ce li fanno postulare anche per le lingue baltiche e slave), lad-
dove in greco e latino stanno dittonghi brevi: si pensa che,
come vocali lunghe si sono abbreviate avanti nasale o liquida
più consonante in latino (§ 27) e in greco, così un abbrevia-
mento simile abbia avuto luogo avanti i, u consonantici (come
secondo elemento di dittongo) più consonante. Certo è che
questi dittonghi lunghi già in tempo ie. si sono spesso sempli-
ficati perdendo il loro secondo elemento avanti consonante e
in fine di parola, e riducendosi quindi alla sola vocale lunga,
come è il caso p. es. del tema *dieu- (in lat. Iov-e = scr. loca-
tivo dydv-i 'in cielo ') che all'accusativo, con grado apofonico
allungato, dà diém = gr. Z~v = scr. dyam; cfr. anche diés
Dièepiter e il gr. Zlic; (Ferecide di Syro; Ci eleo per '/l, Kretschmer,
Gloua, XVII, p. 197), probabilmente dai rispettivi accusativi.
In particolare il sanscrito fonde al solito i vari dittonghi lunghi
in ai (da iii, per ei 6i iii) ed aU.(da iiu, per éu 6u iiu); il greco,
dove li conserva (in fine assoluta di parola), ci offre -Ci~ (ion.
-1j~) -(ù~; il gt. li confonde coi rispettivi brevi.

§ 63. - :I:. e ~ iniziali presuppongono suoni ie. identici, come


mostra il loro tornare in sanscrito (y, v) e gotico (j, w)j il greco
mostra per :1:.- talora • e a volte ~-, per ~- in tempi più antichi
il f che è andato man mano scomparendo nei vari dialetti.
Cfr. iuvenis iuoenous: gt. juggs (gg pron. ng) 'giovane' scr.
yuvan- yuvaçds; iugum (§ 58); veh6: rcx~li-foXoc; gt. ga-wiga
, rimuovo' scr. vdhati 'vehit', ecc.
Per la scomparsa di :I:. fra vocali in lt, (§ 31), che ha luogo
anche in greco, cfr. tree da *t'reies gr. 't'peLC; da (gortinio) 't'p€.ec;
scr. trdyas; st6 da *stii-i6 = umbro stahu, formato come cap-i6 ecc.
(§ 498).
40 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

§ 64. - Il confronto di medius (trisillabo) col scr. madhyas


gt. midjis gr. (.L&O'oc; da *(.L&3-1oc; ci mostra che un tempo l'i di
questa parola era probabilmente consonantico: sarà da con-
cludere che un antico i dopo consonante si è in latino vocaliz-
zato, come ci mostrano del resto etiam e nuneiam § 31. A volte
invece i è rimasto e in tal caso ha formato con d 9 s precedente
la geminata li di aiio ecc., cfr. § 82.

§ 65. - Una incostanza preistorica nella pOSIzIOne di 'Y in


vicinanza di liquide vien mostrata dalle equazioni alvos: iXùÀ6ç,
parvos: 7tiXUP0C; cfr. pau-cus, nervos: VEUPOV e viceversa taurus
't'iXUPOC;: gallico tarvos irlandese tarb; l'etimologia e il confronto
delle altre lingue (lit. aùlas ' gamba di stivale' I· avesto snavarJ
scr. snavan- 'corda' ecc.) mostrano che i gruppi -lv- -rv- del
latino sono innovazioni.

§ 66. - Le liquide e nasali latine continuano liquide e nasali


ie., come mostra la comllarazion~ colle altre lingue che hanno
gli stessi suoni del latino nelle stesse parole; solo il scr. palesa
una tendenza a confondere fra loro r ed l. Cfr. ruber gr. èpu3-p6ç
gt. raup-s' rosso' scr. rudhiras id.; linquoliqui gr. ÀEL7tW gt.leihwa
'dò a prestito' scr. rincanti = linquunt; memini méns (.L&(.LOVlX
gt. munan 'pensare' scr. mdnsuue 'pensa '; nomen OVO(.LlX
gt. namo scr. nama ecc. Le liquide sono esposte più di altri
suoni a dissimilazioni varie; in h. sono diventate norma quasi
costante le diasimilazioni per cui i suffissi -ali- e -cZo- (-culum
§ 41) diventano -ari- e -ero- se nella parola abbiamo già un l:
vitalis navalis ecc. ma eonsularis militaris lUnaris; poclom.
poculum ecc. ma lucrum simulacrum fulerum. Eccezioni sono
fluvialis glacialis Latialis (e Latiaris) létalìs pluvialis e clUna-
culum subligaculum. Ma se un r si trova fra i due l, la dissi-
milazione non ha avuto luogo: floralis liberalis.

T L § 67. - Quanto ai gruppi di vocali con liquide o nasali


rappresentanti il grado O nell'apofonia, diamo per ora le cor-
rispondenze nelle altre lingue ie., rimandando la loro valuta-
zione al capitolo seguente.
PARTE I. - FONETICA 41

Abbiamo dunque:
gr. gt. scr.
a) avanti consono 01' IXp, plX aur (daur) r

b) » voc. e i ar ~ » ir, ur (il, ul)

a) ol, ul IXÀ, ÀIX ul come sopra


b) al IXÀ »

a) en IX un a
b) Il IXV » an

a) em IX um a
b) » IX[.L Il am

rn, ar IXp, pw, IXplX, pii ar, aur ir, ilr


la, al IXÀ, ÀW, IXÀIX, ),ii al, ul » »
nii, an IXV, vii, IXVIX an,un a(n)
ma, am IX[.L, [.Lii, IX[.LIX am,um iim

IX. L'apofonia indeuropea.


§ 68. - Per la s e r i e l e g g e r a o come anche si dice
g, ni t- (cfr. § 70), il sistema apofonico che ricostruiamo per Pie.
è sostanzialmente lo stesso già constatato per il latino, e con-
siste nell'avvicendarsi fra un grado normale (vocale e alter-
nantesi con o; od a che può anche alternarsi con o; od o), un
grado O (scomparsa della vocale) e uno allungato, con even-
tuale vocalizzazione di i., ~ (anche secondi elementi di dittongo)
nel grado O.
Quindi, p. es.:
scr. upa-bd-as 'calpestio' ped-em tri-pod-tire; pés
gr. È1t(-~3-OCL 'il giorno 1tE3-cX 'dopo', 7t(S3-1X = 1twc.;
dopo la festa' (bd da pd) propr. 'sull'orma' scr. pad-am scr. pad

T NOTA. - Nel grado O la vocale resta spesso, quando la scomparsa provo-


cherebbe l'incontro impronunziabile di occlusive, p. es. nel ppp. scr.
pak-tds gr. lte:lt·'t"oç lt. eoo-tus, di *peq". in scr, pac-ati = It, coqu-it (da.
*quo- < *que. < *pe- §§ 14.112) gr. ltÉlt·wv • maturo' ecc.
GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Un esempio con a/o nel grado normale ci offre la radice *ag-:


scr. pari-j-md,n- 'che scr. aj-ati= oY-!LOç' solco l amb-ag-es cXy-wY-~
va attorno l ag-it, <xy-e~ co-ag-ulum

Con i, ~:

~-À~7t-OV; scr. rec-ayati 'fa scr. a-1'aik-~-am


scr. rik-ta« 'lasciato l lasciare l l ca us.; I sg. aor, sìgmat.
re-tic-tue ÀÉ-ÀOL7t-IX = scr. 1'i-
rec-a; liqui da.
*loiqu-ai
7tÀ1J-T6~ = acro plu-tas 7tÀe:,s-crowx~, 7tM(f)-oç 7tÀw-'t"6ç
'natante '; lt.pluv-ia 7tÀÉ(f)-w , galleg-
scr. plav-ati giante l
'nuota l lt, (6 da s«
per-ploo-ere § 62)

L § 69. - Nel grado O di radici con liquida o nnsale appaiono


nelle varie lingue le corrispondenze dei gruppi latini or ol en
em ecc. (§ 67); si tratta dunque della contìnuaztone di suoni
che rispetto ad er (re) el (le) en (ne) em (me) del grado normale
avevano la stessa funzione di i, u rispetto ad ei (ie), eu (~e),
ossia di sonanti che costituivano la sillaba in seguito alla scom-
parsa della vocale. Se si trattasse in tutti i dialetti di una vera
sonante (come il scr, r corrispondente ai latini or ol) o talora
di liquide o nasali consonanti precedute o seguite da vocali
ridotte (ir 1'i , »r 1'U eec.), è inutile qui discutere: a ogni modo
segnamo i suoni in questione con r I ti' 1J~' Ecco un paio d'esempi
dei rapporti apofonici in questione:
scr. bhrtis 'il portare l epÉp-w = fe1'o = cp6poç = scr. scr. a-bhii1'- cpwp
= lt. fors fortis = gt. gt. baira = scr. bhii1'as 'far- ~-am I sg. = fu1'
ga-bau1'ps 'nascita '; bharami dello '; aor. sigm.; (§ 18)
CPIXP'É't"PIX; OL-CPP-Oç 'la gt. barn. 'fi- gt. bèr-us-
parte del carro che glio ' jos 'genitori'
portava i due, guerriero
e auriga' (1' consonante
avanti vocale l)
PARTE I. - FONETICA 43

-roc--r6ç = scr. ta-tds = ten -d6, ten -or -r6v-oç'corda', scr. d-ta~­
lt. ten-tusi = -rÉv-oç, -rÉvwç gt. uf- pan-jan s-am I sg.
scr. ta-tn-é I sg. pf. 'tendine 'i , stendersi', scr. aor. sigm,
medio di tan- 'tendere'; ant, nord. pen- ta-tén-a pf. III
-re:--rocv-6ç 'rigido' ja 'tendere' i sg.
scr. tan-tram
, filo '
T § 70. - La s e r i e p e s a n t e o s e ~ offre alternanze iden-
tiche a quelle ora osservate, ma complicate dal fatto che la
sillaba soggetta all'apofonia è seguita da un suono il quale
scompare avanti vocale e i. Questo suono (cfr. § 58) appare
in sanscrito come i, in greco come oc od anche o od E, in latino
come a (o suoi riflessi in sillaba interna), in altre lingue può
scomparire e in tal caso lascia dietro di sé nelle lingue baltiche
e slave traccie nella qualità dell'accento; infine con vocali
precedenti si contrae nella rispettiva lunga (quindi a e 6 i il,
da a e o i u più il suono in questione), e talora con dittonghi
in dittonghi lunghi (ei eu ecc., oltre che eia e'!!;a ecc.), con li-
quide e nasali sonanti forma dei complessi, continuati in latino
~

da ar rii al la an na am ma e nelle altre lingue dai riflessi di


questi gruppi, segnati nel § 67. La natura fluida di questo suono
lo contrappone a tutte le altre sonanti e indica che si deve
trattare d'una vocale indistinta, simile all'e muto francese
p. es. nell'articolo lei noi lo segnamo pertanto con a (1). Si noti che
la stessa radice può avere, anche avanti consonanti, forme con o
senza a. S'intende che, se la radice contiene nel grado normale e
(od a, 6), cioè e (a, o) più a, nel grado Oappare un semplice a. Cfr.:
senza a:
scr. da-dh-mds
'poniamo'

(I) I grammatici indiani hanno riconosciuto la qualità speciale del loro


i che continua un ~, e lo indicano col termine tecnico it; onde se] 'con it •
ed anit ' senza it ' servono a designare le radici in cui esso si trova o meno:
questi due termini sono spesso adoperati dalla glottologia occidentale a.
indicare le serie « pesante D e • leggera » dell'apofonia. Per ~ si adopera co-
munemente il nome 8va.
44 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

con g:

scr. hi-ui« ' posto '= scr. da-dha-mi = &<Ù-fL6ç 'monticel1o'


&E-'t'Oç = (con )di-tus; 't'(-&'YJ-(J.~; eacer-do-t-em.
fa-e-io fe-e-i, gr. &1j-x-'YJ

Dello stesso tipo sono le alternanze stiitus: stare, diitus:


donum ecc.; il lt. si-mus: eie-e (= gr. d-fLEV: d'YJ-ç) è pertanto
da i: f:.eper i +
g: f:.e +
g; strat1tS (gr. a'tp<ù't'oc; scr. stir-'!I'as):
ster-no (anip) scr. star+man- 'dispersione' da g : er, erg; r
(g)na-tus (gr. yv~-a~oç a~o-yv'YJ-'t'oç da yvii-, scr. ja-tas 'nato '):
gen-i-tus gen-i-tor (gr. YEV-E-~p scr. jan-i-tar-) da t"g: eng, ac-
canto a cui, avanti vocale, gi-gn-o (y(-yv-o(J.oc~ VEQ-yv-6ç) gen-ius
gen-us (yÉv-oç) ecc.

X. Il vocalismo nel " latino volgare".


§ 71. - Abbiamo già avuto occasione di notare punti in cui il
latino rustico offre deviazioni dal vocalismo del latino urbano e
letterario; in parte per questi germi, in parte per influssi delle
lingue sostituite dal latino o venute in contatto con esso, in
parte finalmente per ulteriore sviluppo dei suoni indigeni, il
vocalismo delle iscrizioni volgari posteriori all'inizio dell'era
cristiana, di testi parimenti volgari, o descritto da grammatici
tardi o presupposto da quello delle lingue romanze è andato
seguendo una evoluzione la quale, pur diversa da regione a
regione, presenta caratteri fondamentali comuni che qui bre-
vemente accenniamo:

T L § 72. - a) Spostamenti di accento: la penultima sillaba è


accentata se alla vocale segue muta + liquida, INTÉGl'IrU ecc.,
cfr. § 147; i é avanti vocale breve cedono a questa l'accento:
PUTEOLIS it. Pozzuoli, FILIOLUM it. figliolo, MULIÉREM it. mo-
gliera; nei verbi composti ha luogo una ricomposizione per cui
l'accento e assai spesso il vocalismo sono modellati sul semplice:
DlSPLACET per displicet, it. dispiooe; IMPLÉCAT per implicat,
it. impiega; REcIPIT per re-, it. riceoe (COLLIGO it. colgo ecc. re-
stano perché la composizione non è più sentita): o viceversa il
PARTE I. - FONETICA 45
semplice riceve il voealismo dei composti, cfr. CLUDO it. chiudo
per claudo secondo concludo ecc. Si forma un forte accento
secondario a due sillabe di distanza dal principale, con debo-
lezza conseguente della sillaba intermedia: BÒNITATEM it, bonui,
COMÌNITIARE it. cominciare, CÒLLOCARE franco colchier > ooucher,

T L b) La vecchia quantità va perdendosi, ma essa si riflette


sulla qualità delle vocali accentate ad eccezione di a, a, nel
senso che le vocali brevi tendono alla pronunzia aperta, quelle
lunghe a pronunzia chiusa: restano così immutati i ed u, ed
e o diventano (o restano) degli f, ?, laddove i ed C, u ed o si
confondono generalmente in ~ e rispettivamente ?, od i e ri-
spettivamente u. Solo il sardo, rispecchiando per la qualità
lo stato di cose più antico, fonde c ed e in e, i ed i in i, o ed o
in o, u ed u in u; e il rumeno fa lo stesso per '6 ed ,ff. Grafica-
mente, ad eccezione di rumeno e· sardo, avremo:

a a i o u
a e ~ (i) i o ? (u) u
• •
Cfr. in antiche iscrizioni la confusione di e ed i in crudilitatem
dulcido ficit e viceversa elud minester sebe; di o ed u inagnusco
cognusco amure e viceversa tonica tomulus.
T c) I dittonghi ae ed oe, divenuti f (in principio anche ~)
nella lingua rustica (edus = haedus § 19), si sviluppano in
latino volgare come l'antico e. Cfr. la confusione grafica in
presta questus con ae, ceperini Pkebu« con oe, foemina con c,
coecus con ae ecc. Il dittongo au è generalmente rimasto (ma
agustus> ag?sto ecc.); sul rustico o per au in foccs ecc. cfr. § 22.
Nuovi dittonghi sono sorti in seguito a soppressione di suoni:
AUCA it. oca da aucella per avicella, PARAULA it. parola da
paravola parabola, AMAI it. amai da amavi, Al'IIAUT it. amò da
amavit.
T d) Le vocali brevi atone mediane sono frequentemente
soggette a sincope, continuando una tendenza già del latino
preistorico (§ 37): VffiDIS it, verde, OCLUS it, occhio da viridis
46 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

oouius. Altrimenti vi è confusione tra i ed e, u ed o: anemis


meretis con t, insola ambolare con u.
T e) e, i, u fra consonante e vocale (cosiddetta posizione in
iato) diventano i, 1f verso il I sec. d. C. (occaaìonalmente già
prima, cfr. § 145): capri6hts per capréolus (cfr. a), abia per
habea«, ECCU(M) RIC it. qui; J! cade avanti o, u: cocus anticus
distingunt, it. batto da battuo ecc.

T § 73. - I l vo c a l i s m o d e g l i i m p re s t i t i g r e c i
preistorici o comunque molto antichi è trattato alla stregua
del voealismo nelle parole latine, soggetto perciò a sincopi,
indebolimenti ecc. Altrimenti, nel lat. volgare, ot resta di norma
immutato; E appare come f' od ~; 'Yj viene generalmente ripro-
dotto con ~ (&7tolt~x'Yj it. bott~ga), in alcune parole dotte con f,
in prestiti tardi con i: monastirium mistirium, franco tapis da
't"ot7t~'nov; Li: passa ad i, anche ~ in bolçtus da ~wÀt't"'Yjç, it. cr~­
sima da Xpi:cr!Lot; w o appaiono come !J, 9 ed u: yÀwcrcrot it. chiosa,
x6qnvoç it. cf}tano, 't"pwx't"'Yjç trùeta; u in prestiti più antichi come u:
~U?crot bursa it. borea, XpU7tTI) criipta it. qrotta, &YXUpot ancora
(cfr. § 18), in prestiti più recenti, dopo che u fu passato ad ii,
come i (y presso i dotti): !LUcr~pLov misteriis, yupoç it. giro,
xU!LOC it. cima (ed f in it. gf'sso da yu\jJoç). I dittonghi OCL ed ocu
si fondono con lat. ae, au; EL è preso come i, avanti vocale e
(7tÀot't"e:i:oc platea).

D. - Consonantismo.

T § 74. - NOTA PRELIMINARE: ph th eh.


Sino alla fine del II e al principio del I secolo i Romani hanno rìpro-
dotto le Tenui Aspirate greche colle loro Tenui: Pilotimi = <1>-, A.ntiocus =
·X-, Corintus = -Il-, baccanal: BxxX''l ecc.: in parecchi imprestiti più antichi
queste tenui sono rimaste, p. es. in ampulla (dim. di ampora da <:XfL<popeuç),
calx (da X<X.ÀL;), coclea (da XOXÀLQLç), orca ' barile' (da ()PX1J), tomix 'corda'
(da .f}wfLLY~), Coll'accrescersi però dell'influsso greco, nei circoli colti si
imitò più esattamente la pronunzia ellenica, e oramai <p .f} X vennero pro-
nunziati e scritti come tenui aspirate: ph th eh. La nuova pronunzia, rite-
PARTE I. - FONETICA 47
nuta particolarmente distinta, ebbe per effetto che anche delle tenui di
parole latine cominciassero a venir articolate colla aspirazione; e questa
affettazione andò molto oltre, come ci mostrano il carme LXXXIV di
Catullo e parecchie iscrizioni (cfr. anche § 95). Un movimento puristico
ebbe però il sopravvento, e la nuova pronunzia (fuori beninteso degl'im-
prestiti greci) rimase limitata alla parola di origine straniera triumphu8 e
a qualche nome proprio: Gracchsss Pulcher Cethégu8, dove evidentemente
fu consolidata dalla scrittura; da Pulcher l'aspirazione si insinuò anche
nell'aggettivo puloher, In imprestiti seriori <p greco, pronunziato oramai i,
fu riprodotto con f latino; inversamente per 8ulfur (forma oscoumbra ac-
canto alla latina sulpur, cfr. § 101) si è scritto sulphur. Tarde grafie pseudo-
dotte sono quelle di sepulchrum ecc. Cfr. Cic, Or. 160.

L Gruppi consonantici.
TL § 75. - a. Geminate.
Abbiamo già rilevato (§ 27) il fenomeno per CUI In talune
parole una vocale lunga più consonante si alterna con vocale
breve più geminata (consonante lunga): Iiipiter luppiter, luera
littera, litus littus, baca bacca ecc. Però in casi come crocodillus
carnellus loquella querella accanto a crocodilus camèiu« loquela
querela, che sono le forme più antiche, abbiamo il rimodella-
mento secondo le serie di parole in -illus -ellus -ella.

T L § 76. Una s e m p l i f i c a z i o n e d i g e m i n a t e
abbiamo:
a) dopo vocale breve avanti vocale accentata di sillaba
lunga (cosiddetta legge mamilla): canna ca,nalis, currus curulis,
farris farina" SMCUS sacellus, ofta ofella, obmitui » omrnitto
(§ 82) omitto, *obboedio oboedio (§ 20); ma gallina conserva il
suo II secondo gallus, innoxius il suo nn perché sentito com-
posto di in e noxius, ecc.;

§ 77. - b) avanti muta: per-r[e]go (cfr. per-rexi) > pergo,


adspiro (assp- § 82) > aspiro, dis-scindo > discindo ecc. (scrit-
ture come disspicio ecc. sono etimologiche);

§ 78. - c) dopo consonante: con-c(e)cidi > eoncidi, cord-clo-


(-ee- § 8·2) > eoreulwm, ard-si (-S8- § 82) > arsi ecc.;
48 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

T § 79. - d) dopo vocale lunga e dittongo, ss vien semplificato


(per le occlusìve non ho esempi sicuri) nei primi tempi del-
l'impero (Cicerone e Virgilio scrivevano ciissus caussa ecc.):
quindi casus causa eec.; ma negli infiniti contratti tipo amasse
da amavisse la geminata è di solito rimasta (però il grammatico
Niso, I sec., proponeva la grafia oonsueee; l'imperfetto con-
giuntivo italiano del tipo amassi volessi mostra che la pronunzia
con la geminata ba in questo caso trionfato);
§ 80. - e) talora dopo dittongo troviamo l e ll: aula ed
aulla, Paulus e Paullue; qui la forma con l potrebbe essere la
più antica (da *auxla *pa1lxlo-, cfr. § 92) e quella con la gemi-
nata una forma diminutiva (*aulola *paulolo-) o affettiva.
T § 81. - b. Gru p p i d i c o n s o n a n t i d i v e r se.
Una ocelusiva assume il modo d'articolazione della conso-
nante seguente (quindi avanti T, i, s stanno Tj avanti M
stanno M). Questa norma è viva in tutte le lingue ie., e quindi
risalirà anche pel latino a epoca ie.; cfr. tuttavia la ricompo-
sizione contemplata dalla legge di Lachmann (§ 25), che di-
mostra una pronunzia di M avanti T, s nei casi di ppp. formati
da radici terminanti in M. Esempi: unguo unxi (x = es) unctus
(la lunga pel § 24), tego tectus, scribo scripsi scriptum, cette
, date' da ce-d(a)te (§ 456). Scritture come obtineo plebs subtilis
o scribtUra sono etimologiche e non conformi alla pronunzia
normale. È probabile che s avanti M apparisse come z prima
di scomparire (§ 92) o di dare r in mergo (da *mezgo = scr. mdj-
jami 'mi tuffo '), come nelle altre lingue ie, e perciò fin da
epoca unitaria.
Per vehi5 vexi vectus ecc. v. appresso, § 96.
c avanti m passa a g: segmentum: seco, Pel trattamento di
oeclusiva avanti n cfr. §§ 86.40.
T L § 82. - A s s i m i l a z i o n i t o t a l i della prima alla se-
conda consonante (per forme come adcedo adsideo ecc. bisogna
tener presente la tendenza a ricostruzioni analogiche e alla
grafia etimologica):
PARTE I. - FONETICA 49
gi di si passano a ii (i- iniziale di parola), a meno che l'i
non si sia vocalìzzato (caso medius, cfr. § 64): maiior: mag-nus,
aiio: ad-ag-ium ind-ig-itare (da -ag- § 43), caiia 'bastone' da
*caid-ja: caedo, Iovcm da (prenestino) Diovem, maiius: maesius
(= mai-) « lingua Osca mensìs maius ». - tn, dn > nn: penna
da *pet-na: peto nell'antico significato di ' volare " mercennarius
da merced-, - pm, bm > mm: summus: sup-ra swperus. -
nm nl nr > mm II rr: immortalis illuvies (: lavo) da in-, corolla
da coron( 0- )la § 37, irritus da in-raius. - rl > ll: agellus § 39,
polluceo da por-,ampulla da *amporola: amp(h)ora, satullus:
saturo - dl :» ll: sella da *sed-la, gmllae 'trampoli ': gradior,
alioquor da ad-o - dr> rr: arripio da ad-mpio (ma cfr. § 102).
- pf (bf) sf> ff: officina: opifex, offero da op- per ob- (§ 81),
diffìcilis da dis-facilis, differo da die-, - tp (dp) > pp: appello
da ado, q11,ippc da q11,id +
pc. - tc (dc) > cc: accedo da ado,
siecus da *sit(i)-co-. - ts (ds) > ss: assideo da ado, conc11,ssi:
concut-io, misi (da missi § 79): mitto, nox da noct-s.

T § 83. - Assimilazioni totali della seconda alla prima conso-


nante abbiamo nei gruppi ln ld (l)l'lf ls che dànno ll: tollo da
*tol-no pf. te-tul-i formato come si-no ccr-no ecc. (in alnus v11,ln11,s
ulna è scomparsa per sincope una vocale fra l e n, nella prima
parola forse anche un s); Polluces da *Poidii- da gr. nOÀUaEUX1jC;,
perccllo da -celd- cfr. clad-es (*k!iJd-) e mollusous da *mold11,-
cfr. gr. &-!J.cxÀMvw scr. mrdus; in mollis abbiamo quindi *moll11,-is
come s11,avis da *s'lfad'lf-is, il che mostra che ll'lf ha dato ll,
cfr. anche sollo- , tutto' in sollemmis ecc. = scr. sdroae gr. a),oc;
ion. ooì..oc; da *aÀ.foc; (volvo è da *:yel11,-o, solvo da *sc-l11,-o
§§ 485.491, calou« da *kalc'lfos, olou« da *aulo- § 65); velle da
*velse formato come es-se (§ 113), facillim11,s da *facil-simo- ecc.;
e in rs che dà rr: torres da *tors- cfr. tostus da *torst-, asperrimu»
da *asper-simo-.

T L § 84. - NOTA. - Mars recenziore (da rcs ecc., § 89) rimane; rss (con ss
da tt § 85, o da ts § 82) dà rs o ss: pessum da *perssom di perdo, Plauto per.~'Um;
dossum e dorsum; versus, ma rursus e russus da re-vorsus, priirsu« prosa da.
pro-v-, S'Ùrsum e susum (Nevio) da subs-v- ecc. Cfr. § 93.

4 - V. PIS/\Nl. Grammatica ìatìna .~IO,.im (' conmarauva.


50 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

T L § 85. - Dentale più t ha dato ss:messus da *met-to- (meto),


sessus da *sed-to-. Però avanti r l'esito è st: rtistrwm. da *rad-tro-:
rado, claustrum da *claud-tro-, palUstris da *palud-tri-, forse
attraverso ssr § 88.

TL § 86. - Assimilazi o ni parziali.


Occlusive avanti n si nasalizzano conservando il proprio
luogo di articolazione (avanti nasali omorganiche ha luogo
naturalmente la assimilazione totale: pm bm > mm, tn dn > n'fl"
§ 82): som-nus da *s?!:ep-no- cfr. sop-or, scamnum da *scab-no-
cfr. scabellum da "soalmo-lo- § 39, Samnium da *Sabnio- cfr. Sa-
belli, dignus da *dec-no- cfr. dee-et (§ 13), ilignus: ilex, culigna
da xu),Lx.v1), ligrl-um: lego; in gn, g rappresenta la nasale guttu-
rale n, cfr. § &0. Però stadi intermedi g-n d-n vengono indicati
da forme come voraginis ecc. § 41 e fi,·mitudinis ecc. §§ 199.200.
In principio di parola gn- passa a n- verso la fine del II sec.:
gnatus > natus, gnoscier> nosci ecc.
L § 87. - Le nasali assumono il luogo d'articolazione della
consonante seguente, quindi eum ma eundem, princeps da
*prim(o)-c- (§ 3n iwprobus immanis imbecillus da in-; avanti
s ed t è scritto n, che indica però una nasale ridotta con allunga-
mento della vocale precedente (§ 24), così ansa da am- cfr. am-p-la,
cànseroue da com-o Se m è analogicamente ritenuto o restituito
avanti t, s, si introduce fra esso e la dentale un p: cm-p-tue
~um-p-si di em-ti sum-o, hiemps (e hiems, pronunziato proba-
bilmente hies):
, una pronunzia popolare non penetrata nella
lingua letteraria ma rappresentata frequentemente in testi
volgari è quella dampnum autumpnus ecc.
T L § 88. - Assimilazione parziale è anche quella di -mi- in -n'f-:
quoniam. (i, vocalizzato, § 31) da quom iam; di dJl- iniziale in b-
(fine del IV e prima metà del III sec.): duonum > bonum,
duellum > bellum, duis > bis; ma -d,!!:- interno dà -v-: suavis
da *s'!.f:adJl-i-s cfr. suad-eo (e gr. ~òuç; sanscr. svadus), e così
pure -S'jJ-, con allungamento di vocale precedente in pruina per
·pru- da ·prusuinii: scr. prul!vii 'brina', o altrimenti -b- in
PARTE I. - FONETICA lil

sibilu» da *si-sJ!..i-lo: russo svist' , fischio' ecc. (Homenaje Tonar,


p. 390 s.) e cfr. § 530. u- iniziale si assimila in lo: latum da »ua-,
cfr. tul-i. tol-lo, e quindi naturalmente anche stl- attraverso sl-
ha dato l- in locue da stlocus e ue con accanto la formula arcaica
stlUibw;iudicandis (forse dialettali sono stlembu« stlatta stloppus
col gruppo conservato); ma -tl- interno ha dato -cl- onde con
anaptissi -culo, cfr. baculum da *bat-lom: battuo (come caia:
caedo § 82).
mr- ml- iniziali paiono aver dato [r- fi- in [racès ' feccia del-
l'olio ': mare-es, flacous: mol-lie (e gr. ~ÀOCç, (J.<XÀ<xx6ç ecc.); ma
forse 'br- da mr- abbiamo in brevis: gr. ~P<xx.uç, se da confron-
tare coll'avestico mm~zu- 'breve' da *m(ghu-. All'interno di
parola troviamo -br- in hibemu» da *heim-r-inos, cfr. hiem-
(§ 55 per ei/ie) e il gr. Xe:L(J.e:PLV6ç, e -mpl- in exemplum: eaiimii,
ampla da *arn-la cfr. ansa § 87. Similmente -sr- interno ha
dato -br- in funebris da *funes-ri-: funes-tus (per sr- iniziale
cfr. § 114); per i -sr- riformatisi (in composiz.) cfr. § 91. Ma
-tr- troviamo dove s rimaneva sordo, cioè nel gruppo ssr di-
venuto str (claustrum da *clau8srorn per *claud-tro- § 85); e
dove sr è secondario, in atrox 'sanguinolento' da *as(e)r-ox
« asyr sangue) ed expultrix femminile ad expulsor (§ 223).
T § 89. - S e m p 1 i f i c a z i o n i .
I. Una occlusiva scompare fra liquida o nasale e consonante:
quernus da *querc-no-: quercus, tormenturn torsi: torqueà, Marcus
da * Mart(i)cos, poscà da *porsco da *porc-sco (v. § 90, *p,!,c-
di prec-or col suffisso -sco-; è uguale al scr. p,!,ccMmi ' chiedo 'l,
sarmentum: sarp-ti, tU1'ma: turb-a, ornare da ord(i)nare; fulrnen
fulsi: fulg-eo (e fulsi: fulc-io), ultus da *ulc-tos: ulciscor, pul-
menturn: pulp-a; lanterna da À<X(J.7t't1]p (ma -m/pt- di ernptus ecc.
è secondario, § 87, e rimane); quintus quindecim quingenti da
*quinc- (per i cfr. § 24; siinctu« secondo sancio ecc.), quini da
*quinc-noi. Fortis non è da forctis, bensì questo da quello se-
condo mactus.
T § 90. - II. Un gruppo di tre (o più) consonanti, di cui la
prima o la seconda sia s, si semplifica in s + la terza conso-
52 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

nante, purché questa sia un'ocelusiva sorda: Maspiter da


Mars-pater § 42, tostus da *tors-to-: torres da *tors- § 83, testis da
*terst- § 18, Tusci: TupO'-'Y)voE, asto da ad-sto, sustuli da subs-t-,
illustris da *inlUc-stris cfr. lUce6, esca da *ed-sca: edO, poscii
da *porc-sco § 89, Oscus da *opsc-: 'OmxoE. Però inquam vnqui!
da in-squ-, cfr. in-seque 'dì 'i normale monstrum (§ 87) con n
restituito di su moneo, ma cfr. il derivato Mostellaria titolo
della nota commedia plautina. In sextus ecc. l'antico gruppo
è stato conservato o reintegrato per l'analogia di se» e così via.
T § 91. - III. s scompare avanti medie, liquide, nasali e semi-
vocali con allungamento di breve precedente: idem da is-dem,
iudicis da *ious-dic-, tredecim da très-decem, egenus da *eges-no-:
eqes-ta«, diduco digero dilanio dirumpo dimitto dinosco da dis-,
dumus antico dusmo, comis ant. cosmis, aenus da aes + -no-,
ab~n viden da abis-me vides-ne (con abbreviamento giambico, §28),
primus da *prismo-: pris-cus (e cfr. peligno prismu 'pri.ma '),
canus: cas-cus 'antico' (e cfr. peligno casnar 'vecchio '),
pono da po-s(i)-no: pf. posui da *po-si-vi cfr. § 42, div.ido § 484,
diiungo da dis-. Invece iste iùetu« egestas distuli discedo (e dis-
fero onde differo) ecc. ove s stava avanti sorde: evidentemente s
è passato a z avanti sonora (§ 81) e si è poi dileguato. Cfr.
§§ 114.116.88 per trattamenti più antichi.

T L § 92. - IV. In conseguenza di III, nei gruppi di tre (o più)


consonanti di cui la prima o la seconda sia s e l'ultima una
media o liquida o nasale o semìvocale, I's, che in un primo
tempo era rimasto per quanto è detto in II, si è sonorizzato ed
è scomparso allungando breve precedente: sedecim da sex-d-,
seni da *sex-noi, lUna prenestino losna da *louc-sna: lUceo,
pena (scritto poena § 20) da *pendsna § 186 (cfr. pendere poe-
nas!), pone da posi-ne, panis da *pastn-i-s dimin. pastillus,
amoveo da abs-m-; emergo da ex-m- (di qui a-, e- anche avanti
altre consonanti), sumo da *sups-(e)mo, iumentum antico ioux-
menta, tstae da *tonsla- dimin. tonsillae, ala da *axla dimin.
axilla, velum da *vexlo- dimin. vexillum, tela da *texla: texo,
pilum ' pestello' da *pistlom (*pinstlom Y) dimin. pistillum, scala
da *scand-sla, mantele da *manu-terg-sli, mavolO da *mag[i]s-
P AItTE I. - FONETICA 53

da *scand-sla, màntele da *manu-terg- .•li, 1niivolU da *m(/y[i]8-


vol,i § 460. Villa: oieu« è forse da * vito-la dimin. di *vil,! da
*''l'ik-sla. In principio di parola: locus, lis da stl-; stlatta stlop p u«
etlembu« sono forme dialettali, § 88.
L § 93. - NOTA. - La distinzione di un s e uno z spiega anche il diverso
trattawento di torreo e versus .(§§ 83.84): nel primo caso -rs- aveva dato
-rz-, in *ùerssos *dorssom ecc. il doppio s aveva conservato la sordità;
cfr. uerrii da *l'erso ma perf. versi da *vers-s- § 514. Nota anche la diffe-
renza fra perna e cena, di cui il primo si confronta col sanscrito pitrlf,,!i-s
• tallone' (o gr. 1t't"tpv7j), il secondo è da *cert.sna (rad. *kert- • tagliare ')
o da *kers-sna (: ()ere8), cfr. osco k e r s s n a i s' ceni" ',lat. antico cesna.

T § 94. - V. Ku, gu avanti consonante appaiono come e:


coqu6 coxt, tingua tinctns ecc. Il suffisso verbale e nominale
-io- era in origine -ju- (cfr, § 31) e quindi anche avanti esso
appare c per qu in colliciae (i. e. tegulae) 'grondaia ': liquor
(e lixa) , deliciae laci6: laqueus, silicia 'fieno greco' = siliqua
(o siliqlta è adoperato in luogo di eilicia per confusione dei
due termìnit), licium: ob-Iiquos.
Per altre combinazioni, giudicabili solo dal punto di vista
comparativo, cfr. §§ 116.118.

II. Il modo d'articolazione.


T L § 95. - h, che i grammatici romani chiamavano «( nota aspi".
rationìs l) distinguendolo dalle altre « litterae », era una lieve
aspirazione, poco udibile in principio e ancor meno nel mezzo
di parola; esso non costituisce posizione nel verso, non impe-
disce le contrazioni (bimus § 55, nem6 § 35, nil mi da nihil mihi),
è scritto in ahenus solo per impedire la pronunzia come dit-
tongo delle due prime sillabe, e in alcune parole viene talora
indicato talora no, in altre non lo è mai benché l'etimologia ci
mostri che apparteneva loro in origine (anser gr. X:1jv6; da
*XlXva6c; ant, alto tedesco gans). Parallelo all'apparire di TA
per T (§ 74) è il vezzo d'aspirare vocali iniziali, di cui si burla
Catullo nel carme LXXXIV:
ehommoda dicebat si quando commoda vellet
dicere, et insidias Arrius hinsidias.
54 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Sull'alternanza tra h- e t- in alcune parole, cfr. § 105.


T L § 96. - Nell'interno di parola h antevocalico si alterna con c
avanti muta: vehii vexi vectus eec., come c, g (§ 81); avanti altri
suoni troviamo g in tragula ' genus teli, dieta quod scuto infixa
trahatur ' (P F.) e 'draga'; inoltre accanto ad heus che è un
antico imperativo' ascolta!' (§ 23 Nota) sta augurium da *avi-
gusio- 'ascoltazione degli uccelli'. Fenomeni in parte simili
troviamo per f che, generalmente iniziale, si alterna con -b-
interno di parola in pro-brum pro-ber 'riprovevole': (pro)fe1'o
(cfr. 7tpotpÉpCù 'rimprovero, rinfaccio '), fvlcio: bu-buleu«; con
-d- in facio: saoer-do-t- 'qui sacra facit' ed ab-do con-do che
non sono composti di dare (quali addo reddo), ma della radice
contenuta in fa-aio e indicante 'porre, fare'. Inoltre, alcune
volte osserviamo l'avvicendarsi di -b- e -f- in coppie quali
rufus: robus, ruber; il numero di simili avvicendamenti si ac-
cresce, ove si confrontino doppioni volgari o romanzi, cfr. bu-
bulcus: it. bifolco, tabiinus: it. tafano, sibilare e sifilare (onde
franco siffler) , tuber: it. tartufo (*terrae tufer) franco truffe.
Poiché questi e simili casi di f interno, molto scarsi nel latino
urbano (scrofa, vafer), sono facilmente individuabili come parole
lil'ovenienti da dialetti oscoumbrì, dovremo concludere che il
latino opponeva a f- iniziale un -b- o -d- interno: re-fero con-fido
te-felli e simili si spiegano come ricomposizioni o nuove com-
posizioni e formazioni analogiche secondo j.ero facio fallo ecc.

T L § 97. - Tali fenomeni indicano: per h, che questo suono


doveva anticamente avere una articolazione gutturale piena;
per t, che esso è la continuazione di un suono labiale e di uno
dentale (bu-buwus e ab-do, ambedue in alternanza con f-); per
i b, d, g interni, che queste medie debbono provenire da suoni
diversi, a seconda che ad esse corrispondano f- h- in principio
di parola (od h, f interni), ovvero che essi siano costanti sia
nell'interno che al principio di parola, come è il caso ad es. di
beni-gnus bi-gnae ' bis uno die natae' PF.: genus. Qu~sti risul-
tati vengono confermati dalla comparazione, che ci insegna
a distinguere delle medie, onde le medie latine costanti, e delle
PARTE I. - FONETH':A 55

medie aspi rate che in lati no dànno spiranti sorde (h·,/-) in


principio, medie (la gutturale fra vocali anche h) interne di
T'a rola: cfr. anche la diversità di applicazione della legge di
*
Lachmann, 25 (vectus ma rèctus ecc.), Mentre le M ie. sono
rituuste inalterate in greco e sanserìto e passate a T in gotico,
le M A dànno in greco TA (X .& CF), restano MA o passano alla
aspirata sonora h in sanserito (gh !lh dh bh h): coll'avvertenza
che greco e sanscrìto deaspirano la prima di due aspirate in
sillabe consecutive (p. es. nel raddoppiamento 't"L-.&7j-fLL per *'&L-,
scr. da-dM-mi 'pongo' per *dha-). In oscoumbro le MA appa-
iono come spiranti sorde (1, h) sia iniziali che interne di parola,
in gotico come M. Cfr. friiter: cppa..7"IJP scr. bhratii umbro frater
gt. bropar, nebula: vEcpéÀ7j aated. nebul 'nebbia' scr. nabhal;- id.,
albus: IiÀcp6c; 'sfogo bianco della 1'1'11(" umbro alfu 'alba'
aated. elbig 'cigno " feliire [èmina § :207: -l}·r,-cr~'t"o 'succhiò'
umbro feliuf ace. pl. 'lactantes' scr, dhayati 'succhia.' gt.
daddjan 'allattare', medius: !LécroC; (da --&ic.-) scr, mddhyas gt.
midjis osco m e f i a i 'in media' ecc.
Per -gh- gli esempi più notevoli sono: vehu: scr. vdhati ' vehit "
traM: anglosassone dragan 'tirare' (con iniziale diversa), mihi
umbro mehe scr. mahy-am, e (oltre auguriun~ § 96) ruga: ò-puX~,
seges: Éxw § 225, fastigium da *fasti-steigiom: cr,dxw, effìgies
figura fil/,go ligulus: scr. radice dih- da. *dhih- ' plasmare' dehas
, corpo' deht ' agger' gr. 't"E~XOC; da *&ELX0C; osco f e i h li s s 'mfiros'
gt. deigan 'impastare', neg- in negiire negotium: scr. no' hi
, OÙX( " ne-gligo: yÀ(X0!L<XL, Viigio: ~X~ f~Xa.. ecc.; forse anche ego
scr. aiuim. osco i i v cioè iehu (oppure col 9 di gr. Èyw gt. ikY).
Ma in vicinanza di consonante sta sempre g, cfr. figulus da
*figlos e fingo già menzionati, ango angor angustus: lXyxw scr.
a"fl'has- 'oppressione', longus = gt. laggs ecc.

T § 98. - In principio di parola avanti liquida gh appare tal-


volta come q-, talaltra scompare. Cfr. gradior: gt. grids ' passo "
glaber (da *ghladhro- § 104) aated. glatt (da *ghladho-) 'liscio l
(per questi due cfr. § 148), griimen da *ghrasmen: gt. gras ' erba l,
forse ruo ma in composto in-gruo con-gruo, lUridus: XÀOEpOC;;
56 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

da 1"(IVUS 'grigio ':. aated, grao ' grigio' il derivato suona nella
tradizione plautìna e nello stesso passo (Epidieus 620) una
volta gravastellus e una ravistellus 'veccbiotto '.
§ 99. - Le T latine corrispondono generalmente a T del gr.,
scr., ou., e continuano con esse delle T ie. le quali in germanico
sono diventate spiranti sorde (h p f), ma queste alla lor volta.
sono passate a. (spiranti sonore, indi)" medie se si trovavano fra
sonanti e l'accento indeuropeo (ricavabile soprattutto dal san-
scrito) non cadeva sulla sillaba immediatamente precedente:
cfr. pater: 7t1X't'ijp scr. pit&. gt. [ada» ma gt. bropar con p (§ 97)
concordemente all'accentazione bkr&.ta del scr.
L § 100. - Oltre a T, M eMAil sanserito ha anche delle 'l'A
(kh, th eec.), cui il gr. risponde talora con T (specie se precede
v), talora con TA (véttha = oLa-3-1X ecc.). Poiché alle TA scr.
anche l'armeno oppone suoni speciali (TA, scritti t' p', o la
spirante sorda x pronunziata come eh tedesco), è evidente che
almeno alcuni dialetti ie, possedevano questi suoni, distinti
da. T, M e MA (nelle lingue celtiche, germaniche, baltiche TA
e T non si distinguono più; lo slavo distingue ancora la TA
gutturale, passata a eh). Come si comporta al riguardo il la-
tino t Nei pochi casi osservabili esso ci dà: spiranti sorde al-
l'iniziale, tenui in mezzo di parola, ma medie in questa posi-
zione se precede nasale (laddove T ie. dopo nasale resta invariata):
l'ou. ha spiranti sorde anche in mezzo di parola. Cfr.: hamus:
gr. XIX{l,sV' XIX{l7tUÀOV aated. homo ' amo '; habe6: gt. haban. ' avere'
(11,- gt. non può essere da k-, che avrebbe dato lt. e-); lU}/lIn:
gt. klaifs hlaib-is 'pane' ablg. ehlebu id.; fallo: a;?ocÀÀowx.; ser .
.'tkMlate ' inciampa, erra' ehalam , inganno' (>1/ [s]q"hal-); fistula:
anglosass. hwistle ' canna' (. kh]!..ist-); faenum: ablg, seno ' fieno'
(*khainom) con f- per 11,- § 105; ereper crepus-culum: z.vép;;
lateo: ~ÀIX-3-ov; rota: scr. rathas 'carro '; mutuus (·moi-): S("·.
méthati 'scambia' mUhu- 'vicéndevole '; vitium: scr. v,'lathati
, vacilla' (apofonia i: ie); eatintts: scr. kathinam 'pentola ';
puteo: 7tD&O{lIXL; item: scr. ittMm § 428; cachinnus (eh secondario
per c): XIXX&~Cù ablg. chochotati ' ridere '; scindo: aXL~Cù scr. chind-
P ARTE I. - FONETICA 57

mas 'tagliamo '; sperno asper (da "obepero- 'che respinge'


gr. a(jlup6v 'tallone' e a7t(x.(?Cù; aprilis apricus: armo arp'-k'
, stella', arp'i 'cielo, etere' (Pedersen, Zeitschr. f. vergl.
Sprachforschung XXXIX, p. 352 sg.); vidisti colla desinenza
contenente lo -stha di o!a&ot = scr. véttha; agna 'spiga'
= &Xv'Yj 'loppa' gt. ahana ìd., da *acna secondo § 86. Dopo
nasali, congius: gr. xoyxoC; scr. çankhas 'conchiglia', *mandar-
presupposto da forme romanze come il provenzale mandre
'asta della bilancia' frane. mandrin 'un: pezzo del banco
di tornitore ': osco mamphur (cioè manfur; cfr. ìtal, man-
fano ecc.) 'un pezzo del banco di tornitore' ser. manthan-
'frullino' gr. (.Lo&oupex 'manico del remo '; landica 'clitoride ':
it. la fica 'pudenda muliebre' da un oscoumbro *lanfica col
lanth- di gr. ÀotvMvCù (cfr. xucr&oc;, cunnus: xe:u&Cù). In pons pontis
abbiamo la stessa deaspirazione che in gr. 7tov't'oc; e 7tlhoc;
(ex da tL) di fronte al scr. panthan- , strada, sentiero '.

L § 101. - Gl'imprestiti con f interno dall'oscoumbro sono


rimasti, come vedemmo, immutati (rufus ecc., § 96); però in
due paroie di sicura origine ou. noi vediamo comparire -b-
o -p- rispetto a -f-, e cioè nel lanuvino nebrundines: nefrendes,
prenestino (con -f- ou. conservato) nefrones 'testicoli' (cfr. anche
Tibur: Tifernum e simili), e sulpur: sulfur 'zolfo'. Evidente-
mente ci troviamo qui di fronte a imprestiti assai antichi, i
quali mostrano che antiche spiranti sonore e sorde sono passate
a M, rispettivamente T in un certo momento della evoluzione
del latino; e che al tempo dell'imprestito l'oscoumbro distin-
gueva ancora spiranti sonore e spiranti sorde, da esso fuse poi
in spiranti sorde. Lo sviluppo latino di MA e TA ie, sarà, stato
dunque, in perfetto parallelismo:
MA TA
·I . I
Spìrantì sonore Spiranti sorde

/"'"
Spiro sorde M /"""T (ma M dopo nasale)
Spiro sorde
iniziali interne iniziali interne
58 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Che in principio di parola la spirante sorda provenga da spi-


rante sonora mostrano anche formica da *bormicii dissìmìlato da
*mormikii: gr. IlUPIl1J~ (cfr. le simili dissimilazioni in ~Up(lCX~ ecc.,
~6pllcx~, 0PIlLXOç [cioè fo-] (lUPIl1J~ SCI'. vamras 'formica' ecc.),
e formido similmente da *mormido: gr. (lop(lW 'spauracchio '.
T L § 102. - Sulle assimilazioni a consonante seguente nel
modo di articolazione, cfr. § 81; su z da s avanti sonora, § 91.
Un assordimento di davanti r abbiamo in utris: UapLCX,
venter ventri- da *vendr- 'acqua' (lit. vanduo gr. uawp ecc.)
§ 166, tri-stis: armo tr-tum id. da *dri- e taeter taetro-: taedet;
-dr- rimane in quadru- quadriigintii (ove le altre lingue hanno -tr- !
Cfr. tuttavia Zeitschr. der deutschen Morgenliindischen Gesell-
schaft, XCVII, p. 325 sgg.) e an-druiire 'recurrere' accanto a
redantruiire: SCI'. drav-ati 'corre '. Quanto a dr> rr in arri-
pio ecc. (§ 82), esso è fenomeno recenziore e rientra nell'ana-
logia di altre assimilazioni in composizione.

III. Il luogo d'articolazione.


§ 103. - Nella maggioranza dei casi il luogo d'articolazione delle
occlusive latine è, come mostra la comparazione, prosecuzione
diretta e immutata di quello ie, Casi come pater: 7tcxTIjp SCI'. pita
gt. fadar, bibit = SCI'. pibati, fero = cpÉ:pw ecc. § 59, duo = auw
SCI'. dva gt. tva (ntr.), medius = gr. (lÉ:croç ecc. § 97, cruor xpÉ:cxç
SCI'. kravis 'carne sanguinolenta' aated. hro 'crudo', iugum
~uy6v ecc. § 58, hostis gt. gasts 'ospite' ablg. gosti id., sono
i più comuni. Hanno però avuto luogo spostamenti nel luogo
d'articolazione, riconoscibili alcuni nella tradizione latina, altri
solo attraverso la comparazione.
T L § 104. - f-, oltre che da bh- (§ 103: fero), è anche da dh-,
come ci ha mostrato l'alternanza [acio: ab-do ecc. e la compa-
razione (§ 96). A f- iniziale corrisponde in mezzo di parola -b-
se l'origine è -bh- (nebula ecc. § 97), -d- se essa è -dh- (medius
§ 97 ecc.); in iubeo: iussu« impariamo però a conoscere un'altra
fonte del b interno, poiché se in questa parola b fosse un'antica
labìale il participio suonerebbe *iupsus, laddove iussus mostra
PARTE I. - FONETICA 59

lo stesso trattamento di sessum da sedei); si tratta invero di


un antico -dh-, che diventa b dopo u e in vicinanza di u, r, l,
cfr. iubei): scr. yodhdyami 'faccio combattere, comando',
verbum: gt. waurd (*,!!!erdho-: ,!!!'[dho-), ruber -bri = È-pu'&poç,
suffisso -bulo- da -blo- (§ 41) = gr. -.&Ào- scr. -dhra-, ubi col
suffisso di gr. 7tO-.&L (di qui -bi in ibi), ecc.
T L § 105. - In una serie di casi f- iniziale si alterna con ho:
cfr. le forme rustiche o arcaiche fasena (sabino) Eoratia Eercles
(prenest.) f(a)edus fircus fordeum fariolus folus fostis e haba
(falisco) horda hebris horciu« Haunii 'di agrestes' con harena
Horatia Hercules haedus hircus hordeum. hariolu« holus hostis,
rispettivamente faba [orda [ebrie torctus (e fortis) Faunus.
Nella maggioranza dei casi, la forma urbana e classica corri-
spoude all'etimologia (ha cioè h- da gh-, f- da bh- o dh-): cfr. "Hp«-
",Xìjç gt. gaits 'capretto' osco irpus 'capro' aated. gersta
, orzo' haru-spe» ablg, zelije 'verdura' (da *ghel-) goto gasts
ablg. gosa ' ospìte ' e slavo bobt: ' fava' fero (forda ' quae fert ')
fervei) (febris da un raddoppiato *bhe-bhr-i-); Faunus è da
*àaunos, forma primitiva dell'illirico Dtumu«. Si tratta di un'in-
certezza tra f- e h- proveniente da Falerii (oltre haba, cfr. ivi
stesso foied = hodié) e qui probabilmente- provocata da influssi
etruschi. I

T L § 106. - Però in fundi): Xe:uCù xu-cnç scr. hu- 'versare'


gt. giutan (da *gheud-) id. troviamo fu- per hu- anche nel latino
urbano; se la glossa fuma' terra' è di buona tradizione, avremmo
in fuma un simile doppione di humus e in tal caso infumus (e
infimus § 42) sarebbe un suo derivato col senso originario' che
sta in terra, sotto terra' da cui sarebbero sorti inferior (indi
inferus) infernus infra secondo intimus: interior intermtS intra,
e si spiegherebbe l'-f- interno, altrimenti giustificabile con
difficoltà nella tradizionale comparazione col scr. adhamds
ddharas 'infimo, inferiore' (a- da t"-). Infine t- deriva da yh,!!:-
(§ 111) in fera: .&.~p ablg. zver~, e da guh- (§ 109) in formus =
scr. gharmds ' ardore' cfr . .&e:PfJ.Oç, da khyc in fistula § 100, da
ghr- in frendi): anglos, grindan ' stritolare'.
60 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

T L § 107. - Il gruppo -tl- ha dato -cl- (-cul-) oltre che in baculusn


(§ 88) nel suffisso -culo- da -ilo-, p. es. poculum = scr. patram
rad. po- , bere' in pà-sca ecc. (§§ 227.229).

T L § 108. - Per ad appare al' in ar-biter (: baetere 'andare '),


arcesso (desiderativo di -cedo), negli arcaici arfuise arvorsw1n;
sempre r per d troviamo nell'arcaico a/pu» a/por e in meridies
per (prenestino) medidies. In questo passaggio (che nel lat. volgo
si estende maggiormente: perse = pedée ecc.) abbiamo da scor-
gere l'imitazione d'un fenomeno regolare in umbro. Altro
accidente di d è il suo passaggio a l (sabìnìsmo t) in alcune
parole: ant. dingua (cfr. goto tuggo) >lingua, dacruma (dal
gr. Mx.PUfLa.) > lacrima, dautia > lautia, cfr. inoltre olère solium
accanto a odor sedeo, inoltre miilus da *miidos per *mazdos =
aated. mast' albero della nave ',levir (con tardo e per ae § 72 c) =
gr. Òa.L(f)~p scr. dera 'cognato' con -vir per analogia di vir
(lévir « quasi laevus vir » è l'etimologia che dà Nonio), miles
formato come pedes eques da un *milo- per *mido- = gr. fLLCl'&6c;
scr. mitJhdm da *mizdhom 'mercede', quindi propriamente
'mercenario, soldato'.

T L § 109. - Nel campo delle gutturali osserviamo, accanto a


una serie di gutturali immutabili (p. es. decem decimus, dico
dicie dixi dictus, ago egi iictum ecc.), un'altra in cui gutturali
semplici si alternano con qu gu (sul cui valore cfr. § 145) o v:
cfr. coquà: coxi coctus, inquilinus Exquiliae: colo, sequor: secta
sectiirier secundus, unguo: unxi unctus, gurges: ooriire (apo-
fonia or : or), ninguit: nivit (Pacuvio) ni'Ois: nix ninxit. Le alter-.
nanze si spiegano: a) colla scomparsa del secondo elemento
di qu gu avanti consonante (§ 94); b) con quella di J! (v) avanti
o, u, cfr. § 32 e aggiungi, per la posizione avanti :a, looùtu»
secutus di loquor sequor, relicuus (reliquus dopo il principio dei-
l'era volgare) di relinquo, quercu«: querquetum; c) col fatto che
un antico gu (da g", g"h) è diventato v fra vocali e in principio
di parola, rimasto dopo consonante (in principio di parola g"h-
ha dato f-, § 106). Dobbiamo pertanto distinguere fra ve l a r i
PARTE I. - FONETICA 61

(gutturali) e I a b i o ve l a r i, queste ultime semplificate in


velari nei casi anzidetti. La distinzione di velari e Iabiovélari
torna fra l'altro in gotico e in greco (nelle cosiddette lingue
centum) colle corrispondenze seguenti:

lat. c gr. x gt. h, g


g y k
[gh] X g
lat. qu r. 't' x (1) hw, (g)w
(g)~ ~ a y q
[gh~] c:p s X. (g)w

Cfr. deoem aÉxoc taihun, dico ae:LX-VUfLL ga-teiha 'annunzio',


cruor (§ 103), genus yÉvoç kuni ' stirpe " ago &yw ant. nordico
aka 'trasportare', augeo aiJ;w auka 'accresco', veho oxoç
ga-wiga 'muovo', pre-hendo hed-era xavMvw bi-gita 'ottengo';
ma
linquo liqui Àe:L1tW leihwa 'dò a prestito', colo da *quelo
1tÉÀofLaL, se.quor É!7tOfLaL, vivus ~(oç qius
'vivente', gurges voro
~op&. aated, querdar 'esca', inguen &a~v (t"-), nix ecc. Ve:Lc:p~L
o v(cpa snaiws ' neve '.
Poniamo pertanto per l'ie. una serie di I a b i o v e I a r i
(segnate ql' ql'h gl' gl'h), le quali nelle cosiddette lingue satem
(lingue arie; armeno con frigio e trace; albanese; baltoslavo)
appaiono come gutturali (k ecc.) o suoni da esse sorti (in parti-
colare, in sanscrito, avanti i, y ed a da antico c, e da antico ei,
o da antico eu, cfr. § 59, stanno c ch j h).

L § 110. - In compenso, le gutturali delle lingue centum (oltre


greco, latino e lingue germaniche, anche oscoumbro celtico
tocarico e ittito) tornano in quelle satem talvolta come gut-
turali o suoni da esse sorti (in modo identico alle labiovelari,

(l) Le labiali avanti consonante, 0, a e alcuni i; le dentali avanti e e


alcuni i, le gutturali avanti o dopo u. Nei dialetti eolici appaiono spesso
labiali in luogo di dentali da labiovelari.
62 GRAMMATICA I.ATINA STORICA E COMPARATIVA

§ 109), talaltra come sibilanti o spiranti dentali, in sanscrito in

l
vari altri modi i e cioè:

k, c Iituano k ablg. k, c, é (l)


scr. y

lt. c ç, ~, ~, k s e
avanti s
y

SCI'. g, i lit, g ablg. g, Z


y

i, [7' scom- Z Z
lt. g
parso avanti
~(h)], ~
.,
{ SCI'. gh, h lit. g ablg. g, Z
lt. [gh] y

h Z Z

Cfr.: a) cruor SCI'. kraoie 'carne sanguinolenta ' lit. krauias


ablg. krovl 'sangue 'i augeo SCI'. ugras 'forte' 6ias 'forza'
lit. augu ' cresco 'i hostie ablg, gosH, , ospite 'i
b) linquunt = SCI'. rincanti rekus ' vano' lìt. liekù ' lascio' i
'lJivus = SCI'. iivas lit. gyvas ablg. zivUi gurges SCI'. girati 'in-
goia' lit. geriù 'bevo' ablg. zirlf 'divoro 'i nix lit. sniegas
ablg, snegu ' neve 'i
c} decem SCI'. ddça lit. de8imt ablg. deseH,i
c
clueo gr. xÀé:(f)oç
SCI'. çrdoa« 'gloria' ablg. slovo 'parola' i co-gnosco gr. ~-yvCJ)v
SCI'. ifuttum 'conoscere' ablg. znati id. i vehi5 véxi vectus SCI'.
vahati 'vehit' avak~it 'vexit' u~hds (per uh +
ta- attraverso
*u7~has) , vectus ' Iit. vezù ablg, vezlf ' veho '.

L § 111. - Fra le gutturali del tipo a) e quelle del tipo c} si


è serbata una distinzione anche in latino e in greco avanti J!!,
come ci è mostrato dalla comparazione: mentre infatti le gut-
turali del tipo c) sono in questo caso trattate alla stregua di
labìovelari, quelle del tipo a) hanno esiti diversi: cfr. fora

c, z z
(l) In scr. e ablg. c, i, e h, da antiche velari e labiovelari compaiono
di norma in luogo di k, g, scr, gh ove seguivano le vocali palatali e (in scr. di-
ventata poi a) i e la semivocale ~. Si noti che baltico e slavo hanno M di
fronte a M e MA ie,
PARTE I. - FONETICA 63

gl'. &~p (eolico <I>~p): lit. zverìs ablg. zver'i; equos gr. r7t7tOi; =
scr, oçeas lit. esva 'cavalla', ma oapor gr. x,oc7tv6ç lit. kvapas
, vapor' ecc.
Giungiamo pertanto a stabilire pei dialetti ie. primitivi
- -
tre serie di gutturali: p a l a t a l i (k kh g gh, tipo decem),
'

ve l a ri (k kh g gh, tipo cruor) e l a b i o ve l a r i (Il" quh


gu guh, tipo linquo). La distinzione fra tutte e tre le serie è
visibile ancora in certe palatalizzazioni albanesi e armene.

T § 112. - Circa le labiovelari, va ancora osservato:


1) nel pronome interrogativo-relativo, qu (di quis, qui,
qua ecc.) sparisce avanti u: u-bi (ma ali-cubi) uter da *quu-,
cfr. scr. kuha 'dove? ' ecc.;
2) in alcune parole esse sono continuate da labìali; si
tratta di influssi dell'oscoumbro, dove il trattamento labiale è
la norma. Quindi bse = gr. ~wç scr. gaus (favorito dalla spinta
a dissimilare nei casi obliqui ove si avrebbe *vovis ecc.), lupus =
gr. MltOi; scr. vr;'kas (un'alternanza fra lu- e J!!- non è estranea
all'antico ie.), eec.;
L 3) in parole la cui prima sillaba aveva p- e la seconda qu,
quel p- si è assimilato al suono della sillaba seguente dando
anch'esso qu-: ooquà da *quo- per *que- (§ 14) da *pequo, cfr. gr.
7tÉaaw da *m:ltiw 7tÉ7tWV scr. pacati ' cuoce' lit. pekù ablg. pek~
, cuoccio' (popina = coquina è parola osca, come anche il
nome d'un sacrificatore, popa propriamente' cuoco '); quinque
= gr. 7tÉv't'<: eolico 7tÉ[J.1tE: scr. panca ecc. Questo fatto è comune
al latino colle lingue celtiche (ant. irlandese céic 'cinque' da
*q~tonque, più antico *que-, ecc.).

T L § 113. - cc In multis verbis, in quo antiqui dicebant s, postea


dicunt r ll; queste parole di Varrone (L. L. VII 26) si riferiscono
a un fatto ben noto agli antichi, anche se non formulato con
esattezza, e cioè al passaggio di s a r fra vocali: gli stessi ne
davano gli esempi Valesios F1tsios per Valerios Furios, arbosem
per arborem, robOscm per roborem, A useli per A ureli ece.; altri
esempi sono dir-imo: dis-tineo, er-o: es-t, lege-re: es-se, nejar-ius:
GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

nefas, ger-o: ges-tus, her-i: hes-ternus ecc. Il mutamento è


avvenuto circa la metà del sec. IV, come mostra il fatto che
primo abbia scritto il suo nome Papirius invece del tradizio-
nale Papisius il L. Papirio Crasso dittatore nel 339; col che
concorda la notizia di Pomponio (digesto I 2, 2, 36) secondo
cui « Appius Olaudius (censore 312, console 307 e 296) r litteram
invenit, ut pro Valesiis Valerii essent et pro Fusiis Furii »,
Un simile rotacismo (ma esteso anche agli s finali) ha luogo in
umbro.
Non sono andati soggetti al rotacìsmo: s- iniziali in composti
(de-sino ni-si foeni-sex); imprestiti recenziori (basis pausa, anche
asinus); s in parole che avevano già un r (eaesaries, miser). In
parole come cousa casu» ecc. abbiamo a che fare con ss sempli-
ficati posteriormente (§ 79).
§ 114. - sr- iniziale è passato a fr- in frigus = piyoc" forse
in frango fregi: P<xy1jV<XL p~yvijfl.L, conformemente a -br- da -sr-
interno (§ 88, cui aggiungi consobrinus da *con-sJ!;esr-inos:
*s,!!:esor > soror).
Avanti sonore (medie, l, nasali e semivocalì) 8 è altrimenti
scomparso, §§ 91 sg.
L § 115. - L'antico s così ricavabìle pel protolatìno (assieme
agli s conservati) torna in greco come a (a volte T, .&) in combi-
nazioni con mute, come spirito aspro in principio di parola
avanti vocale; altrove (avanti e fra sonanti, anche in ksn
psr ecc. che dànno Xp cpp ecc.) esso è scomparso lasciando incerta
o . niuna traccia. In gotico esso trova la sua corrispondenza
in s, avanti media z (z anche fra sonanti, se l'accento ie, non
cadeva sulla sillaba immediatamente procedente); in sanscrito
troviamo 8 (~ dopo i, u, e, o, ai, au, r, r, k), laddove avanti M
e ;\fA :: è scomparso con allungamento di breve precedente, ~
(dopo i, u, e, o, ai, au, 'l, r, k) è passato a r avanti labiali, scom-
parso con allungamento di compenso avanti cerebrali (ilA,h,
da. d dh dopo ~). In alcune parole, dopo gutturale o labiale, il
greco ha T, .& di fronte all's di altre lingue. Esempi: sistit: taT1)aL
scr. (con diverso raddoppiamento) ti~~hati, stare: aT1jvIXL scr. infin.
PARTE I. - FONETICA 65

sthtttum gt. staps 'luogo '; septem = É7t't'oc scr. sapta gt. sibun;
aurora (da *ausos-t'i): lesb. IXUWC; scr. u~as- (grado O della prima
sillaba); ursus = &px't'oc; ser. tk~as (§ 89); texo: + 't'Éx't'wv scr.
tak~an-; nidus = scr. ni4tis (da *ni~4-) = aated. nest; generis =
yzve:o:; = scr. janasas ecc.
Una scomparsa preistorica dopo gutturale dell's cui corri-
sponde in gr. 't', -& abbiamo in humus homo gt. guma ' homo l
ablg. zemlja ' terra l gr. XIXfl.lXt, ma gr. X-&6lV = scr. k~a-s (forse lt.
imu» da *en-gzhm-o.'? § 92, cfr. infumus § 106), ecc.

IV. Ulteriori gruppi consonantici.


§ 116. - A quanto è stato detto nei §§ 81-94 circa combina-
zioni consonantiche, potremo ora aggiungere, basandoci' sulla
comparazione:
Nei gruppi bh']!: dh']!: la labìale sorta dalle aspirate ha assor-
bito la semivocale in fio 'divento l da *bh']!:+io, formazione
derivata da *bhu- in fui ecc. e superbia da *super-bh']!:-ia di
uguale origine; foris da *dh']!:eri-: ablg. dviri gr. (con grado O)
MplX. Similmente p']!: ha dato p nel composto aperio da *ap(0)-
']!:erio (: gr. &7tO, rispettivamente scr, apa-vr-ttoti 'apre '); ma
in volgus p']!:- iniziale ha dato v-, se la parola è uguale all'ant.
nordico folk, ags, fole ntr. ' esercito, popolo l da *pYt.lgos.
Per k']!: k']!: gh']!: cfr. § 111.
'!.!:- è scomparso avanti r, l in radix da *']!:r~d-: gt. waurt-s
, radice l e lana da *']!:l~n-: gt. wulla lit. vilnai ' lana '.
zg ie. ha dato rg in mergo: ser, majjati 'si tuffa " lit. maz-
goti 'lavare '; pei sg riformatisi cfr. § 91.

T § 117. - ks- e ps- iniziali appaiono semplificati in s- nelle


parole sentis: ~IX(VW, situs 'posto': gr. x't'(cnc; ser. k~itis 'abita-
zione ',situs' muffa ': gr. cp-&taLC; ser. k~itis 'dissolvimento " eee.:
cfr. t- da pt- in tisana (Varrone) da 7t't'Laocv'Y). Interni di parola,
i gruppi in questione rimangono di norma immutati, ma talora
osserviamo metatesi: cfr. vespa = lit. vapsà (radice *'!.!:ebh-
, tessere' Y), cuspis § 246, viscus = t~6c;, ascia: à.~(V'Y), musca:
scr. mak~ika § 219, forse luscus: Ào~6c;.

5 - V. PISANI. Grammatica latino storica e comparativa.


66 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

§ 118. - Restano ora da osservare gli esiti dell'incontro di un


dh finale di radice con un suffisso dentale. I casi più sicuri sono:
a) aeetus: aedés gr. exX&w scr. idh- 'ardere', quindi *aidh-
+ -tuo; CUst08: xeu&w xucr&oç gt. huzd ' tesoro "quindi *kudh- +
-tod-; pestis § 236;
b) iussus gressus fre(n)sus di *iudh- (§ 104) *ghradh- (gressus
ha e da composti come in-, con-qressus § 44) scr. gfdhyati ' incede'
*guhrendh- (§ 106).
Il trattamento b) è quello dell'incontro di dentale finale (t, d)
di radice con dentale iniziale di suffisso (§ 85); quello a) se ne
differenzia però, ed è notevole soprattutto perché si trova in
parole di formazione certo assai antica. Nelle lingue arie, ma
in tracce anche altrove, vige la norma per cui nel gruppo costi-
tuito di una MA più una muta qualsiasi l'aspirazione va in fondo
e l'intero gruppo si sonorizza: p. es. scr. buddhds ppp. di budh-
, destare' col suffisso -ta- (1). Quindi ci avremmo da aspettare
per le parole latine in questione degli originari -ddh- da -dh- + -t-,
Ora, un grupp~ ddh sta alla base di un'altra parola latina, e
cioè credo da *kred-dhO propriamente' pongo il cuore " cfr. scr.
çrad- + dM- , credere '.
Osservando i vari esempi si ricava che credo è parola anti-
chissima e assolutamente isolata, non passibile quindi di analisi;
che in aesiu« e custos di a) i suffissi sono facilmente individuabili,
seppure le radici non esistano più o siano irriconoscibili in
latino; che nei casi del gruppo b) si tratta di formazioni chiare,
le quali per gressus e fre(n)sus potevano sorgere anche nel latino
storico secondo i modelli, ad es., di sessum: sedeo e prehé(n)sus:
prehendo, e lo stesso può dirsi per iussus facilmente costruibile
da iussi secondo risi: risum, suasi: suasum, clausi: clausum,
cessi: cessum, misi: missus ecc. Cosicché il gruppo b) appare
evidentemente il risultato di recenti creazioni o rifacimenti.

(l) Ciò anche per MA + 8 che dà 11{ + eh; Un gruppo 11{ + zk stava nel
*gzkillo- 'grillo' onde scr. kl}illika npr. f., pracrito jkillika jkilli 'grillo ';
qui zk pare divenuto r in latino, cfr. grillu8 che non è certo dal gr. ypu).).o<;
, porcellino '.
PARTE I. - FONETICA 67

Oredo con la sua e lunga di fronte a *kred-dh6 ricostruibile


di sul sanscrito risale senza dubbio a *crezdo: cioè a dire, qui
il gruppo ddh ha dato anzitutto zdh. È da supporre che ciò sia
avvenuto un tempo anche per aeetue cust6s che avranno quindi
suonato *aezdhus *kuzdh6d- (o *kuzdho-dh6t- 'addetto al tesoro'
composto come sacerdot- § 225, con ulteriore aplologia e trasporto
della sonora al suffisso: ciò non importa qui); ma che in latino,
come in greco e altrove, in luogo delle forme con -dh- si siano
ristabiliti i suffissi con -t-, prima della scomparsa di z che quindi
avanti la sorda rìdìventava s.

V. Le consonanti nel" latino volgare".


T L § 119. - Nel lat. volgo scompare h, già debole nel latino
antico; le medie intervocaliche tendono a spirantiszarsì, e ciò
avviene più specialmente per b che diventa v (e cade avanti u),
con reazione da parte di v che spesso diventa b, in principio
di parola e dopo liquida: cfr. devere iuvente (con b) e le scritture
inverse iubenis vibi habe = ave; TAULA it. tçla, , FAULA it. fola ,
da tabula fabula; in principio di parola, vene »almea« (con b)
e biginti bixit (con v); dopo liquida, N erba salbum serbu« berbe».
Nel tardo latino volgare si va diffondendo un passaggio a sonore
di T ìntervocaliche: frigare migat (con c) extricado (con t)
negat per necat eec.; anche per f troviamo v, p. es. alevanti =
elephanti.
Negli imprestiti greci in lat. volgo non infrequente è lo scambio
di sorde e sonore: buaiida da 7tU;(~-IX, gamba da XIXfl.7t·~ (fl.1t > fl.~
in greco tardo); per le TA i più antichi imprestiti hanno T:
7tOPCPUPIX purpura, XOÀIXCPOç col(a)pus, nei più recenti troviamo f
da cp: xécplXÀoç it. cèfalo ecc.

T § 120. - Per quanto riguarda il luogo d'articolazione, è im-


portante la palataliazazione di c, g avanti e, i, i; la spìrantiz-
zazione di i (da i, di, gD; l'assibilazione di t avanti i; il pas-
saggio di tl, anche nel gruppo stl da sl, a cl: cfr. Orescentsian(us)
140 d. C., Bincentce, intcitamento V sec., MlXpO'~lXvoç = Marcianus
225 d. C., eonsiensia VI sec., aqeba; per aiebat IV sec., oze =
68 GRAMMATICA LATINA STORICA E COllIPARATIVA

hodie, ZOUÀe:LiX = bilia, ampitzatru = amphiteatr?~m, VincentCus


IV sec. circa, oectu» per vet(u )lus, etc.
Negl'imprestiti greci ~ è diventato più anticamente ss, massa
da fliX~iX; in epoca più recente esso si confonde con gli esiti di
di, j: cfr. baptidiare da ~iX7t't(~e:LV e le grafie zakulus zaconus
(con dia-), zeraai = LépiX~.

E. - La fine di parola.
I. Consonanti.
121. - a) Singole occlusive in uscita di parola appaiono sono-
rizzate in latino (come in oscoumbro, ecc.): [eeed sied con antico
-t di desinenza secondaria, ab sub: (h-o i)7t-o. In jecit sit abbiamo
la desinenza primaria -t da -ti (§ 468), anche et è da eti (in
una iscrizione falisca) = gr. é'tL.
T L § 122. - -d rimane dopo breve (id quod aliud) ma scompare
presto dopo lunga, così negli ablativi singolari (ancora in
antiche iscrizioni Gnaivod bovid sententiiid), nelle persone in -o
dell'imperativo futuro, ests ecc. (antiche iscrizioni datod licetod
suntOd), nelle torme monosillabiche di accusativo e ablativo
me te se per cui Pìauto ha ancora spesso med tedi in una iscri-
zione si ha sed, ma essa è del 125 a. C. e pertanto il -d è un
arcaismo grafico, come spesso in altre iscrizioni che segnano
tale suono. H aud, come proclitìca, ha sempre conservato il
suo -d che però avanti consonante poteva anche cadere, cfr. hau
pulcrum in una iscrizione e dati dei grammatici.
Sulla fine della repubblica la pronunzia dei nuovi -t e dei -d su-
perstiti si e confusa, onde grafie come aput aliquod (= aliquot) ecc.
§ 123. - b) Geminate in fine di parola vengono semplificate:
os oss-ie, miles da miless per -ts, custos da -d-s, jerens da -ent-s
(cfr. § 82), jel ieu-is e simili. inoltre sacer iicer ecc. da -ers (§ 133).
Nella poesia scenica antica si conserva ancora (in parte osser-
vabile solo dalla metrica) la geminata: PI. ess = es, terr (§ 18) =
ter, corr da "cord (scritto cor), hocc da *hod-c(e), miless (scritto
miles ma coll'ultima sillaba lunga) ecc.
PARTE I. - FONETICA 69

§ 124. - e) -et :» -c in lac gen. lact-ie; Varrone voleva qui


reintrodurre la pronunzia Iact, trovando opposizione in Cesare.
§ 125. - d) -ns antico (e cioè negli accusativi plurali dei
temi non in -a-) ha dato -s con allungamento della vocale pre-
cedente (cfr. § 50): lupos ovis reges artUs per -ons -ins -ens (questo
da -ffs, § 67) -uns. Ma -ns da -nt (§ 126) o da -nts (§ 82) serba
la nasale, evidentemente per analogia dei casi obliqui, in [erèn«
neutro e maschile ecc., così pure in trie(n)s trientis secondo cui
quinquie(n)s ecc., indi quotie(n)s.

L § 126. - e) -nt antico è diventato -ns (come in oscoumbro):


nom. sg. ntr. [eren« da -fft = sanscrito bhdrat, quinquiens
quotiéns ecc. da *-i.lJ't = scr. -yat in kiyat 'quantum Y' iyat
'tantum '.
§ 127. - t) -s finale è passato qualche volta a -r, CIO nei
nominativi sg. maschili e femminili di temi polisillabi in -SO, è
divenuto -r- fra vocali nei casi obliqui: quindi arbor labor vapor
maior per arb6s labos vapos maios secondo orborem ecc. e dietro
i modelli dator datoris ecc. con antico r. Ma i neutri genus maius
e i monosillabi flos mos ecc. non sono stati afferrati da questo
mutamento, il quale del resto è applicato completamente solo
in epoca imperiale (honos arb6s vengono ancora impiegati da
poeti e prosatori augustei), pur essendosi iniziato già nel
II sec. a. C.
T L § 128. - D'altra parte -s finale è stato per un pezzo un
suono debole nella pronuncia; presso i poeti più antichi esso
può non formare posizione innanzi a consonante iniziale di
parola seguente (p. es. corpus mMlm Ennio Ann. 38), e quest'uso
è durato sino ai tempi di Cicerone, il quale (Or. 161) informa
che la scansione optim1tS prinoép», ottenuta in quanto in optimus
« postremam litteram detrahebant nisi vocalis insequebatur ll,
veniva ora fuggita dai poetae novi (1): e le iscrizioni del III e

(1) Ancora Catullo CXVI, 8: dabi(s) supplicium; cfr. Acme XXIII,


180 sg. L'elisione non ha luogo per -s (= -ss!) nel norn. sg. di temi in
dentale, cfr. § 338.
70 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

II sec. ci offrono copiosi esempi di omissione grafica dell'-s


finale (rege corpore militare = -is, Cornelio = -os, cfr. h). A
cominciare dal II sec. ha luogo però una reintegrazione puri-
stica dell'-s nella scrittura e anche nella pronunzia, la quale ha
recato alla conservazione del suono nelle lingue romanze eccetto
l'italiano e il rumeno: il che si spiega col fatto che la reintegra-
zione è fenomeno partito dalle scuole ed applicato perciò più
intensamente nelle provincie dove il latino veniva introdotto
dall'alto, che non in Italia ove esso era lingua del popolo;
quanto al rumeno, il latino è stato importato nella Balcania
settentrionale da una massa di appartenenti alle classi infe-
riori della popolazione, in un tempo in cui l'efficacia delle
scuole ecc. era ormai decaduta. La presenza di doppioni come
magis e mage (cfr. h per l'-e), potis e pote si spiega con queste
vicende di -si quindi anche possum, potes da pote sum, es per
potis.
T L § 129. - g) In Ennio e forse in Plauto -m finale antevoca-
lico è sporadicamente trattato ancora come una consonante
qualsiasi; ma già presso questi scrittori è comunemente adottata
la normale prassi (§ 141) per cui una vocale seguita da -m si
elide avanti vocale come una vocale semplice: cfr. anche veneo
§ 460 ecc. Ciò va messo in relazione colla omissione frequente
di -m finali nelle iscrizioni arcaiche e coi passi di grammatici
che accennano ad una imperfetta o appena percepibile pro-
nunzia del suono, per cui alcuni di essi usavano segni speciali
(la metà di un M, o un M coricato sul lato, ~ (1)) a indicarne
la diversità dal comune m; e tutto mostra che in realtà vocale
finale più m si è mutata in una vocale nasale lunga: la lunghezza
risulta dalla misurazione (per natura quindi, non per posizione)
avanti consonante, ove cioè l'elisione non poteva aver luogo
(quindi Italiam fato). N elle lingue romanze -m è scomparso del
tutto, salvo in alcuni monosillabi: franco rien ton son spagn. quien
da rem tuum suum quem,

(l) A quanto pare va cosi interpretata la notizia (presso Quintiliano


IX 4, 39) che Catone scrivesse diee per diem.
PARTE I. - FONETICA 71

II. Vocali.
T L § 130. - h) In uscita assoluta -e ed -(1, restano immutati:
domine come XUpte: (ma fili da -ie, Valeri ecc.), genera come yÉve:oc;
-u preistorico appare come -u nel nom. sg. ntr. genu gr. y6vu
scr. janu (cioè il puro tema senza desinenze); -o preistorico è
continuato da -e nella desinenza -re di II sing. mediopassiva
sequere = gr. ~1te:o da *-so, e in ip-se olle (per cui più tardi ille)
da *ol-se con -se = gr. o scr. so, gt. sa da *so. -i passa ad -e,
sia esso originario, sia capitato in fin di parola conseguente-
mente alla perdita di -8 (§ 128): mare nom. sg. ntr. di tema in -i-
in mari-a ecc., leve id.: leoi-e cfr. gr. (apt: (apt-ç, ante ma anti-stes
cfr. gr. <xv'rL, rege iscriz. per regis ecc.; per la scomparsa di -i,
cfr. § 132. La caduta di -s e -m (§§ 128.129) è anteriore al pas-
saggio di -os -om ad -ue -um (§ 131), e quindi in tal caso ab-
biamo -o (oino 'unum " Octaoio ' -us ' ece.).

T § 131. - i) In sillaba finale chiusa (terminante cioè in con-


sonante) i u sono rimasti, mentre e diventa i avanti t ed s
(non da -ss I) restando altrimenti immutato; ii ed o dànno
rispettivamente e ed u; ma QJimaneJalmeno grafiCalll~Il,tEl,.se
precedeu v iequos coquos mortuos vivos nom. sing.), .sìno alla
fine della Repubblica, Cfr. leoi-s manu-s (temi in -io, -u-) cali»
augur ecc.; n6men decem. hiems haruepe» (spec-i6) ma salut-is
(antico salUtes) dedit fecid fecit (antico [eoed; pel -t cfr. § 121),
laddove praeeee ecc. con e conservato sono per -e8S da -ed-s ece.;
tibi-cen (cano) auri-je» (facio) rèmea: (ago) filius (ant. filios)
d6num (ant. d6nom) consentiunt (ant. cosentiont).

T § 132. - k) Spesso però le vocali brevi scompaiono in sil-


laba breve, sia aperta (cosiddetta a p o c o p e) che chiusa:
lae (antico lame), vir puer voeatìvì per -re, dic duc (ant. dice
duce) [ao (ant. [ace; ma confice perfice), neu seu da neve sive
(§ 23), vin ecc. da vis ne, quin da qui ne, hoc (ant. hoce), dein
proin da deinde proinde, ac nec da atque neque, tot quot = scr. tdti
kdti, et = gr. ~'n (se -i non vi fosse stato, avremmo -d, § 121),
calcar animal (temi in -io, cfr. calcari-a animali-a), mox =
72 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

scr. mak~u ' presto '; mors da *morti-s (tema in -io, cfr. gen. pl.
morti-um e scr. mrti-.'l ' morte '), d6s da *d6ti-s ecc., urbs (gen. pl.
urbi-um), compos impo« (: poti-si ciò mostra che la tendenza alla
scomparsa cresce proporzionalmente al numero delle sillabe),
nox 'di notte' pel genitivo noctis cfr. vux"t"6ç id., 'Bamnts da
Samnitis (§ 8).

L § 133. - Questa scomparsa ha luogo normalmente per i ed o


fra liquide ed -s (-ris -ros): neer da acri-e, ager da *agro-s, sacer
ant. sakros, socer accanto a soceru« (Pl.), vir puer ecc.; ma dopo
vocale lunga securis clar1ts avarus seoéru» maturus ecc.; nota
anche Tiberis [ebris erus. Per -lie -los > -l da -ll, -ls cfr. vigil
(ma facilis), vectigal (maso.) e -alis; famul è abbreviazione di
Ennio per famulus.
L § 134. - l) Vocali lunghe non sono generalmente soggette a
mutamenti qualitativi: solo in certe condizioni (avanti -s n
parrebbe talvolta -ja- esser passato a -je-, e ciò in trièn« (-ije-)
rispetto a quadrans, nei temi della V declinazione come materies
da *1nateria + s ecc., e nell'*alies accanto ad alias (restituito
l'a secondo l'analogia della I declinazione) che presuppone
alien'lts da *alies-no-, formato come pr6nus da pr6, vicinus da
vici locativo di vicus, ecc. Cfr. anche l'alternanza faciam: [aeié«
faciet § 540. Inoltre -um sta per -6m (come -um per -om § 131)
nel genitivo plurale: R6man6rum socium, ant. R6manom,
cfr . .lt&WV ecc. (1).
T L - § 135. - Viceversa esse sono state abbreviate in certi casi
nelle parole p o l i s i Il a b i c h e, e cioè:
«) avanti consonante eccetto -s e -m (cfr. §§ 128.129, ma
per -m anche la nota a § 134); questo abbreviamento si inizia
dopo Plauto che conserva sempre la lunga. Quindi amdt: amas,

(1) Ma forse qui ha prima avuto luogo una abbreviazione come avanti
altre consonanti (§ 135), seguita poi dall'allungamento secondo § 129:
cfr. Ennio Ann. 332: tum m'iliit m'ilitum octo, con m non eliso. Anche il
frane. rien. da rem accenna ad e col suo ie (cioè a dire, il secondario allunga-
mento non ha avuto effetto sulla qualità della vocale, cfr. § 72 b).
PARTE I. - FONETICA 73
amiimus, habet: habes habemus, calcar animal: -iiris -aue, nihil
da ne hilum, maior -orie, moror ma PI. moror. Se però la parola
recava l'accento sull'ultima sillaba (illtc ill'uc § 8), la lunga è
conservata. Oeltiber in Catullo XXXIX 17 (-ber Marziale X
20, 1) è secondo Iberus; habiJt id. CXV 1 secondo habè«, ecc.
Nei m o n o s i Il a b i questa abbreviazione ha luogo solo
avanti -t: flet: fles, ma sol fur sic ecc.

§ 136. - ~) in seguito all'abbreviazione giambica (§ 28),


già all'epoca di Plauto. Abbiamo visto (loc. cit.) che in qualche
parola (bene male cito bere ecc.; sibi quasi, anche -e cfr. § 130)
la breve si è definitivamente stabilita; nelle I sing. verbali
in -o l'abbreviazione, sino alla fine della Repubblica, ha luogo
soltanto nei casi di conformazione giambica, ma in epoca au-
gustea essa comincia a diffondersi agli altri casi (findo tollo ecc.),
salvo i monosillabi (sto, do) che mantengono la lunga. Simil-
mente ego, che presso PI. è ancora a volte misurato ego.

T L § 137. - m) I dittonghi con i appaiono come ei, indi i


(cfr. § 21); Lucilio distingue anche qui con ei la finale del dativo
furei e del nom. plur. puerei illei, con i quella del genitivo
pupilli pueri Lucili Furi (il quale è pertanto di origine diversa),
e col suo precetto concordano le iscrizioni. Abbiamo così peperi
da (faliseo) peparai,. sibi abis da sibei (osco s if e i) ab-eis, viri
nomino plur. da -ei (foideriitei ploirumei; per la scrittura cfr. § 21)
da -oi (pilumnoe poploe), viris dat.-abl. plur. da -eis (castreis
Oavaturineis) da -ois (ab oloes 'ab illis ').
Pei dittonghi con u appare u: fructus gen. sg. da -ous cfr. gt.
sunaus scr. sunos 'filii' (tema in -u-).

T § 138. - Quanto ai dittonghi lunghi, abbiamo:


-u » -ae: rosee dato cfr. xwp<i~ ecc. (ed -ii: Miitutii dato ecc.);
-oi > -o: lupo dato = ÀUX(IH ecc. (ant.anche -oi: populoi
duenoi);
-eu (> -ouY) > -u: noctU: scr. aktau (tt-) 'di notte '.
Cfr. § 62; per -ai :» ae da -iii nel gen. sing. dei temi in -ii-,
cfr. §§ 309.319.
74 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

III. La fine di parola in "latino volgaJ·e".


T § 139. - Delle c o n s o n a n t i, cade ovunque -r in epoca
imperiale: mate, frate ecc.; tale caduta è già antica nei dialetti,
p. es. in falisco ove abbiamo mate, uao, -t cade generalmente
(Pompei: ama peria valia = amat pereat valeat), ma si conserva
nella Gallia settentrionale e in Sardegna, similmente il -t della
desinenza -nt (quiescun, fecerun; nella penisola balcanica si
perde anche l'-n, cfr. [èceru, che del resto è fenomeno pure ita-
liano nei proparossìtoni), come già anticamente fuori di Roma,
cfr. dedro (Pesaro) dedero (Preneste, lago d'Albano) accanto a
dedrot (Pesaro) e dedron (Roma l). -m e -n finali sono scomparsi
eccetto in qualche monosillabo, cfr. § 129 e aggiungi non (in
italiano, nò accentato e non proclitico); -s si è dileguato in Italia
e nella penisola balcanica, cfr. § 128.
Nelle v o c a l i , la tendenza è di confondere u con o, ~ con
e, cfr. mihe tibe omnes (nom. sìng.) regis (nom. pl.) monumento
(ace. sing.) bonus (ace. pl.); più resistenti sono a ed i che con-
servano il loro timbro.

F. - Sandhi.
L § 140. - Sotto il nome di Sandhi intendiamo quei mutamenti
che hanno luogo per effetto dell'incontro di suoni finali e ini-
ziali nell'interno della frase. Nel sandhi rientra a rigor di termini
il trattamento della fine di parola, di cui si è detto nel prece-
dente capitolo. Qlii ci limitiamo ad alcuni altri fenomeni.

T § 141. - a) Nella poesia, vocale finale, seguita o non da -m


(cfr. § 129), e vocale iniziale dànno luogo a s i n a l e f e, per
cui le due sillabe contano metricamente come una sola, la
quantità della quale è quella della seconda: extremum hunc
'-'
..L _ ..L, credite amico ..L v v ..L _ , quare illud ..L _ ..L, nunquam ego

..L v v. Nella~prosa troviamo, in co'fi.ispondenza a ciò, ta~to

forme come animadverto per animum adverto, veneo per vennm


eo, niUlus da ne ullus, non da ne oinom (non uno), quanto ne-uter,
PARTE 1. - FONETICA 75
dé-inde, nihil, circuitu« e circumeo; probabilmente tanto l'uno
che l'altro caso, scomparsa della vocale cioè dinnanzi, a quella
successiva e pronunzia di ambedue col valore prosodico della
seconda, erano correnti; cfr. ancora l'uso italiano che permette
tanto una pronunzia Dole' e chiar' è la nott' e senza vento quanto
Dolce e chiara è la notte e senza vento, a seconda anche dei bisogni
di ch't1,rezza, della concttaztone maggiore o minore, ecc.

T L § 142. - b) In poesia e in prosa abbiamo a f e r e s i della


iniziale di est, es: ove va notato che, mentre nei mss. s'incontra
-umst per -um est, la grafia delle iscrizioni è -ust, concordemente
al valore di -m finale (§ 129) e alla scomparsa di nasale avanti s:
situst, molestust X 5371 ma multumst Verg. Georg. II 272; im-
probus's Plauto, ecc.

§ 143. - c) Assimilazioni, in grafie isolate: im bai-


neum (cfr. § 87), im flammam (Aen. XII 214, ms. M di Virgilio) ecc.;
gru P P i d i c o n s o n a n t i: a accanto ad abs, e ad ex,
cfr. §§ 91.92 (abs, propriamente aps, è = gr. &I\J, laddove ab
è = &1t[o]).

T § 144. - d) N e l l a t i n o v o l g a l' e si sviluppa, in sil-


laba iniziale, una vocale protetica avanti s impuro dopo con-
sonante finale: ischola espiritum isperabi Estephanusj conse-
guentemente dopo vocale perdono il loro inizio parole con ex-
ins- his- (pronunziati es- is-): splorator Spania spiratio stru-
mentum.

G. - La sillaba.
T § 145. - Quando due sillabe consecutive terminano e s'ini-
ziano per vocale, il taglio sillabico sta fra le due vocali; se
queste sono separate da una sola consonante, la consonante
forma sillaba colla vocale seguente; se le consonanti sono più
di una, l'ultima appartiene alla seconda, le altre alla prima sil-
laba, a meno che non si tratti di muta più liquida. Quindi
e-amus (che più tardi passa ad 1:.a- la-, cfr. ital. giamo e § 72 e),
76 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

po-ter, op-to, as-per, iux-ta, emp-tum, Date le possibilità di con-


sonantizzarai di un i, u avanti vocale, abbiamo sol-vo e sola-o,
ab-jete e abi-eie ecc. Ma solo a-qua ecc. e similmente lin-gue"
in quanto qu, gu costituivano una consonante (Iabìovelare),
non' un gruppo consonantico.
Tale divisione si ricava dalla grafia di iscrizioni del buon
tempo e dalla prosodìa, per cui sillabe interne terminanti in
consonante sono lunghe (quindi ab-jete ecc.) e pertanto accentate
se penultime (§ 7), concén-tus ecc.

T § 146. - Invece il gruppo di muta con liquida apparteneva


alla seconda sillaba, come mostra l'accento tipo .pdlpe-bra
cere-brum: e il trattamento di breve della sillaba terminante
in vocale breve e seguita dal gruppo in questione presso Plauto
e Terenzio: quindi vi-trum dex-tro ecc. Cfr. anche ital. pietra
come lieve ecc. con dittongazione di e o in sillaba aperta, contro
veste vespa bello ecc. in cui tale dittongazione non è subentrata
in sillaba chiusa. Ma se il gruppo constava della finale d'una
preposizione e della iniziale di radice in un composto (p. es. ab-
ripio ecc.), ii sentimento etimologico attribuiva la finale della
preposizione alla prima sillaba, che pertanto conta come lunga
anche presso Plauto e Terenzio. A partire da Ennio, e favorita
certo da questa prosodia dei composti, si diffonde nella poesia
specie dattilica l'uso greco di considerare ancipite la quantità
d'una sillaba in vocale breve seguita da muta più liquida o
nasale. Però anche nella poesia dattilica muta più liquida ini-
ziale di parola non fa posizione, laddove è considerata lunga
come nei composti verbali, anche in Plauto, la sillaba finale
costituita di vocale breve più muta se la parola seguente s'inizia
per liquida: dicite pro, ego plUribus, ma ab legiOne. È notevole
che spesso s più tenue iniziale può non formare posizione:
ponUe spes Virg., fornice stantem Orazio.

§ 147. - NOTA. - Però muta con liquida: 1. agisce come qualsiasi gruppo
consonantico nel trattamento di vocale breve in sillaba non iniziale, quindi
integri palpebra ecc. con e, non con i (§ 42); II. sposta nellt. volgo l'accento
sulla penultima sillaba: colabra (frane, couleuvre) intégru (it. intiero) ecc.,
PARTE I. - FONETICA 77
§ 72 a. Il primo è fenomeno assai antico, anteriore al III secolo; d'altro
lato, come abbiam visto pel caso pietra, muta più liquida non formava
posizione pel latino volgare. Sembra doversi inferire che l'accentazione
colubra intégro sia anch'essa molto antica, e che quando si è stabilito l'ac-
cento trisillabico esisteva un doppio valore dei gruppi di muta più liquida,
come tautosillabici nella lingua delle classi elevate, come eterosillabici nelle
classi popolari e nel latino rustico.

H. - Fenomeni vari.
T § 148. - Raccogliamo ora alcuni esempi sporadici, più spesso
da monumenti volgari, di fenomeni in parte già osservati in
serie (1);
A s s i m i l a z i o n e:
T a) d i v o c a l i: oltre ai casi come similis (§ 13; aggiungi
cinis da *cenis in apofonia con x6v~~) ed alacer (§ 46), si noti
tugurium per *teg-, carcar per carcer, passar per passer, Saba-
8tianus per Seb-, ecc.;
T b) d i c o n s o n a n t i: oltre al caso di quinque ecc.
(§ 112) vanno notati quelli come Memelavos per Mene-, lolarius
per l6ra-, Erorus per Fl6~, cereberrimus per cele-; particolar-
mente da rilevare sono le assimilazioni nel modo d'articola-
zione, quali crocotillum per -dio, clucidiitum per gluci-, ababal-
samum per opo-, forse gingiva da *cing-; ad una assimilazione
del genere va ricondotto il b- per f- in barba da *bhardhii:
ant, nord. bard e forse in biber accanto a fiber da *bhibh-: anche
il g- di gradior glaber, per cui cfr. § 98, potrebbe esser sorto da
gh- a questo modo, cioè per passaggio a media della spirante
sonora (da media aspirata) iniziale, quando tale passaggio aveva
luogo nell'interno delle stesse parole. Un'assimilazione che sta
al confine colla metatesi (§ 151) è quella di vesterarius per ve-
stiarius, lininosus per lien6sus, Octrobres per Oct6bres, Perpertua
da Perpetua.

(1) Cfr. SCHOPF, Die konsonantischen Fernwirkungen etc., 1919 (recen-


sione di M. LEUMANN in Indogerm. Forschungen Anzeiger, XL, p. 16 segg),
78 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA.

§ 149. - D i s s i m i l a z i o n e (e aplologia).
Un caso di dissimilazione vocalica è quello di pietas ecc. § 43.
Per le consonanti si notino i seguenti casi:
T a) scomparsa di uno dei due suoni: protervus da proptervos
(Plauto), praestigia da praestrigia (: praestring6), cereati« da.
*cereralis, cavilla: calvor, crebesco da crebresc6, lae da *glact-
cfr. YcXÀocx't"-;
T b) differenziazione di uno dei due suoni uguali o simili
(specialmente se liquide o nasali): cinque da quinque, Galymedes
da Ganymedes, Celemanni per Cenomani, pelegrinus da pere-
grinus, Barcelona da Barcin6na, cuntellum da cultellum, mar-
culus da *martlo- (onde martellus) per *maltlo- (§§ 39.88) cfr. mal-
leus; cfr. anche §§ 49.66.

T § 150. - Un fenomeno simile alla dissimilazione è l'a p l 0-


l o g i a, ossia la soppressione di una di due sillabe uguali o
simili, generalmente susseguentisi, nell'interno della parola.
P. es. arcubii ' qui excubabant in arce ' da *arci-cubioi, honestas
per *honesti-tas, scripsti per scripsisti, semestris da *semi-me(n)-
siris, latr6cinium per *latr6nicinium ecc.

T § 151. - M e t a t e si.
Metatesi, ossia spostamento di suoni, può aver luogo:
T a) in posizione di contatto come per vespa ecc. (§ 117)
cui si può aggiungere tarpezita = tra- (Pl.), il tardo Spyche =
Psyche, forse fundus se è uguale al scr. budhnds id.;
T b) a distanza, e questa si distingue in reciproca e unilate-
rale. Abbiamo la prima in colur-nus: corulus, lerigio = religi6,
leriquum = reliquum, padul- = palud-, [orpicé« = forcipes, pa-
naricium da 7tOCPOVUXwv, lapidicina = lapi(di)cidina (influsso
di lapidem l), nux da *dnuk- = anglosass. hnutu, ant. irland.
cnu da *knud-; la seconda in Prancatius da Pancratius, coacla
per cloaca, interpetrationem per interpretati6nem.
I. - TABELLA DELLE CORRISPONDENZE DEI SUONI
NELLE VARIE LINGUE INDEUROPEE
L § 152. - Tabella delle corrispondenze d nelle varie lingue lndeuropee,

INDEUROPEO Sanscrito Avestico Armeno Greco Albanese Latino Ant.


Osco Irland, Gotico Lituano Ant. Bulgaro NOTE

Vocali. • • • . a a IX (E, o) a (c) a a a a o (e) Le continuazioni segnate fra


a a a (a) a a (ti) a parentesi subentrano in condi:
IX a a a a o (e)
zioni solitamente ben determinate
o a, ii, a (a), ii, o (n) o a (ti) o (n) . U (=0) o (n) a a o (e) (p. es. got. ai ad peri, u avanti
e a a (a) e (i) E je (i, c) e (o, i) e e (i) (ai) e c e
h e r; ablg, e a i i per o '4 y dopo
ii, a. a o ii. ii. ii, o o a
consonante palatale).

o ii. n Cù e o u ii. o o, no a Il segno O indica che il suono


è scomparso.
il ii. '/j o è i c è e (a)
i i i (ai) Pel vocalismo delle sillabe atone
u u n n n u in armeno, latino e antico irlan-
U n u n (ari) u u (i)
dese, va:60no norme speciali (pel
i ~ i i /f ei y i lat. cfr. §§ :36-46).
ii ii ii u u y, i ii u ii ii ii Y (i)
Semivocali . • . i y y j, O '-, ~-, -0- j,gi,z(' io,,-0-, -i- cio, -io, -0-
}! v v go, -g-,-v r, O v v v f-, -0- w v v
Dittonghi ai e aè, oi ay IXL c ai> ae ai ai, ae ai ai, ie e,
oi e ae, oi il OL e oi> oe, ii lii oi, oe ai ai, ie e,
ei e ae, òi i EL ci> i ei e, ia ei eì, ie
au o ao, au av IXU a an o, ua an au u
ou o ao, an oy OU c ou » li o, ua an au u
eu o 810, an oy EU e ou o-ù uv o, ua in an, iau u, [u
Liquide consonanti l' l', l l' l', i: P l' l' r l' l' l' l'
l l', l l' l, l À l l l
Liquide sonanti r !, il', ur ara, al' al' IXp, plX l'i, il' or, al' ur l'i aÙI' il' rù, il'
! !' il', ur ara, al' al IXÀ, ÀIX Ji,il 01, ul, al ul li ul il lù, il
re ìr, ùr al' al' IXplX, PIX, P(,) al' l'a, al' ar l'a, al' 811', aur al', il' l'a, rìi
!a il', ùr al' al IXÀIX, Àcx, ÀCù al la, al al là, al al, ul al, il la, lìi
Nasali consonanti n n (n) n n v n n n n n n n
m m m m m m D1 m m m m

6 - V. PISANI. GrtlmmQfJro lotlno slflrlfQ t' ',(Jn,partll/l'll,


Segue: Tabella delle corrispondenze deil.noni nelle varie lingue indeuropee.

Ant.
INDEUROPEO 8anserito Avestico Armeno Greco Albanese Latino Osco Irland, Gotico Lituano Ant. Bulgaro :NOTE
.
e , Per il greco e il sanserìto si
Nasali. sonanti
· l!
lp
a, an
a, am
a, an
a, am
an
31m
<X, <xv

<X, <X(.L
, en, in
em
en, an
em
in, an
im, 31m
un
um
in
im
~,
~,
in
ìm
noti in particolare' la legge per
cui di due aspirate in sillabe con-
l!a
lpa
a(n)
an
a
a.
an
am
<XV<X, va.

<X(.L<X, (.La.
,
an , nà, an
mà, am
Da, an
ma,am ,
na an, un
am,um
in
im
~

tr
secutive si deaspìra la prima, § 97.

Nelle serie gutturali la alterna-


Occlusive: Labialì p p p, f h-,-v-, O 7t P P p O f, b p P zione fra palatale (scr. e eh i h;
ph ph f p' f-, -p- f , avest. é f 8; armo ç s 1z;ablg. é
<p, 7t P I ~\\
O f, b p P e (d)! (cl)z) e gutturale.(k, g'ecc.)
b b b, w p ~ b b b. b P b b è dovuta alla presenza (anche
bh bh b, w b, v <p b f-, -b- I
I
f b b b b preistorica) o meno di .una vo-
cale palatale (e, i) seguente.
Dentali
· · · tht t (t) t, & t',d,y,v 't' t t I ,..
."
t t" th p, d t t
th (th) .s- t' &, 't' t f-, -t-
I
f t, th p, d t t In greco le labiovelari sono con-
d d (Q) d, a t a d d d 4 t d d
tinuate di norma con labiali (7r
~ Ip)sè seguono consonante, ~, 6;
dh dh (qh) d, a d & d f-, -bo, -d-
I f <Ì'- d d d con dentaÌi (T 8 &) se segue l; 'con
Palatali
· · · khk ç,k,~, t s, ~ s
x,
x s, th c k
h ,
c, eh h, g s 8 guttùrali (x y x) in vicinanza di
1[; avanti i si alternano labiali e
ch s ç x s, th ho, -c- c, eh h, g s 8
dentali.
g i, Q, O z, Z c Y z,dh,d g g g k Z z
gh h z, z i, z X z,dh,d ho, _go, -h-
I

h g g z z
In greco e ant. irland. in alcune

~la.ri •
I
parole si trova una dentale dopo
• · · khk k, c
kh, eh
k,x, c,~ k', g
x, ~ x x,
x
x
k, q
k, q
c
ho, -c-
I
k
h ,
c, ch
c, eh
h, g
h, g
k
k
k,
ch,
c,
s
c una gutturale (velare o labio-
velare) dove le altre lingue hanno
g k g, gj la continuazione di B (cfr. § 115).
g, i g, y, l Y g g g k g g, (d)i, (d)z
gh gh, h g, y, J g, l, Z x g, gj ho, _go, -h- h g g g g, (d)i, (d)z
Labìovelarì . qu k,x,c,~ ç
· k, c
quh kh, ch x, ~
k', g,
x
7t, 't', X

<p,&,X
k, s
k, s
qu, c
f-, -qu·
Il
f , ,
c, eh hw
hw I
k
k
k, c, c
eh, ~
gu g, i g, y,l k, c ~, a, y g, z v, -(g)u- b b q g g, (d)i, (d)z
guh gh, h g,y, l g, l, Z <p,&,x g, z f-, -v-, -(g)u- f g (g)w g g, (d)i, (d)z
,
Spirante •
· 8 (z, zh) s, ~,O, r h,s,~,z,z h, s, O " a, O
('t', &)
gj, sh, h s, r s, z s, O
(t, d)
s, Z 8, Z 8, eh, s, z
PARTE 8EOONDA

J\tIORFOLOGIA

A. - Preliminari.
§ 153. - Come le altre lingue indeuropee antiche, il latino
è di tipo prevalentemente sintetico; ossia, le sue parole hanno
in sé non solo la determinazione del proprio valore semantico,
ma anche quella delle loro funzioni: di numero e caso nel nome,
di numero, persona e diatesi (attività, passività, medialità) nel
verbo. La determinazione delle funzioni ha luogo dunque nelle
lingue sintetiche a mezzo di desinenze, ove quelle analitiche
usano perifrasi varie: p. es. preposizioni o postposizioni in
luogo della declinazione nominale; i pronomi in luogo della
coniugazione verbale, come in inglese I, he, we, you, they looed
contro lat. amavi amavit ecc.; tempi composti come ital. avevo
amato per amaveram o sono amato per amor, ecc.
Premesso che in latino come nelle altre lingue ie. antiche
le parole possono dividersi in tre grandi categorie: dei n o m i
(sostantivi e aggettivi, pronomi, numerali), dei ve r b i e
degl' i n d e c l i n a b i l i (avverbi, preposizioni, congiunzioni,
interiezioni), l'analisi del grammatico riconosce nelle sue parole
tre elementi: la de s i n e n z a, indicativa come si è visto della
funzione, nelle due prime categorie e, in quanto riconducibili
86 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

a queste, negli indeclinabili; il t e m a, che nel nome costituisce


la parte semantica, designante cioè un concetto o un attributo,
e nel verbo racchiude le indicazioni di azione (in lat. anche di
tempo) e di modo; e la r a d i c e che nel verbo ha valore
semantico fondamentale, mentre nel nome essa indica (e spesso
non indica più, o solo in modo assai vago) un certo significato
generico di cui il tema nominale rappresenta una ben determi-
nata specificazione. P. es. la radice gen- 'nascere, generare' si
trova tanto nei temi verbali gi-gn-o- gen-u- (perfetto) gi-gn-é-bii-
(g)na-sco- quanto nei nominali gen-ito- (g)na-to- gen-itor- gen-io-
gen-ia-li- qen-er- (nom. genus) gen-ti- çermen- (dissimìlato da
*gen-men-); ma mentre nelle forme verbali il significato' gene-
rare' e quello passivo 'nascere' si ricava da ogni parola,
nelle nominali sovente esso finisce per scomparire dietro a
quello specifico assunto da esse. Figuratamente si potrebbero
paragonare le forme verbali alle varie parti di una pianta, le
nominali a piante figlie di questa ma viventi di una vita
propria.
Spesso dunque nel sistema linguistico presente a un dato
momento nello spiritò di un gruppo di parlanti secondo una
certa tradizione, parole che in fasi anteriori erano sentite come
connesse fra loro e contenenti la stessa radice restano rispetti-
vamente isolate: a volte ciò è dovuto a motivi semantici (p. es.
gen'ius), a volte anche a motivi fonetici, come è il caso di germen
di cui la dissimilazione che ha provocato il sorgere di r per n
ha finito anche per oscurare del tutto il rapporto con genus
gigno ecc. Altre volte può invece essere accaduto che parole in
origine diverse siano poi apparse ai parlanti connesse fra loro:
p. es. amicus, che è derivato dalla preposizione am- 'intorno'
(§ 222), è stato certo sentito, da chi usava il latino, come cor-
radicale di amare amor, contenenti una radice verbale am- la
quale con quella preposizione nulla aveva in comune.
Comunque, noi vogliamo qui analizzare le parole latine non
dal punto di vista sincronico, bensì da quello diacronico o
storico, esaminando pertanto la costituzione di esse singolar-
mente prese nel momento del loro primo venire alla luce o
PARTE II. - MORFOLOGIA 87

almeno fino a quando esse sono state rettamente intese nei loro
elementi da chi le adoperava. Non che il parlante comune faccia
costantemente l'analisi del materiale linguistico da lui adope-
rato: ma un 'attività analitica dello spirito, più o meno cosciente,
più o meno spinta, vien presupposta dal continuo nostro formare
nuove parole secondo i modelli offertici da quelle già note:
p. es. mangiavo da mangiare secondo amavo da amare (o vice-
versa), libraio da libro secondo lattaio da latte ecc., o anche
dicis secondo legis riportati a dico lego, o simili.
I t e m i sono formati dalle radici o da altri temi, nominali
o verbali, a mezzo di su f f i s s i: p. es. con -io- è formato
gen-io- da gen-, con -iili- geniali- da genio-; con -men- germen-
da gen-, con -ii- germina- da germen-, con -ba- germinaba- e
con -to- germinato- da germina- ecc. Parliamo di derivazione,
e suffissi, primari quando la formazione ha luogo direttamente
dalla radice; secondari, quando essa ha luogo da altri temi.
Può darsi il caso che la radice e il tema siano identici; cioè che
un suffisso non intervenga nell'a formazione del tema; p. es. duc-
(dux) è identico alla radice duc-, così -dic- in iu-dic-is ecc.; anzi
anche la desinenza può mancare e la parola essere uguale alla
radice o al tema, p. es. nell'imperativo es uguale alla radice
di es-t es-se ece.; nell'imperativo ama uguale al tema di ama-biim
ama-re ecc.: la forma qui si distingue ed ha una sua ben deter-
minata fisionomia in quanto si oppone a quelle che con essa
costituiscono un sistema, p. es. es rispetto ad er-am es-se es-te ecc.,
ama ad amo ama-bam ama-te ama-vi e così via: poiché l'insieme
delle forme costituenti una lingua non è altro che un sistema
d'opposizioni.
Il processo analogico, per modelli, della formazione di nuovi
temi e parole, vien mostrato dalle cosiddette r e t r o f o r m a -
z i o n i l parole quindi rappresentanti il processo inverso di
quello derivativo: da cena si fa cenare, da turba turbare ecc.;
ma da pugnare, che è denominativo di pugnus e valeva quindi
in origine 'battersi a pugni', si è fatto inversamente pugna,
secondo appunto il rapporto di cena turba ecc. con cenare
turbare. Oppure, secondo i femminili bona agna ecc. da bonus
88 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

agnus e così via, si è fatto un maschile eptmeu« da sponsa, detto


in origine della donna.
Vari accidenti della formazione di temi e parole avremo agio
di notare nei capitoli seguenti, in cui ci proponiamo di esami-
nare i mezzi di tale formazione pei nomi e pei verhi, aggiun-
gendo poi un breve capitolo sugli indeelinabili non soggetti ad
analisi come derivazioni da temi nominali o pronomìnalì.

B. - Nome.
I. Formazione dei temi nominali.
§ 154. - T e m i l' a di cali .
Raduniamo sotto questa rubrica temi nominali generalmente
monosillabici, i quali o constano di una radice altrimenti nota,
senza suffisso alcuno, o sono inaccessibili all'analisi, almeno in
relazione con altre parole latine, e non lasciano riconoscere in
sé un elemento suffìssale: questi ultimi spesso appartengono .alla
parte più caratteristica del lessico ie., talora però non trovano
corrispondenza fuori del latino.
Nella seconda categoria rientrano ad es. pix (7ttuuoc da *7tb'-ioc),
»ic-is (aated, weh-sal 'cambiamento'), stips (: stipo'), stirps,
strix (a't'pty1;), crux (gt. hrugga 'bastone '), daps 'sacrificio>
banchetto sacrifìcale ' (anord. tafu 'vittima sacrìfìcale '), miis
!-tue; SCI'. mits, pès pedis 7tWe; 7to06e; SCI'. pat padds, mae, ius 'bro-
detto' SCI'. yits (per ius 'diritto' cfr. § 251), r6s (ablg. rosa
, rugiada '), nas-turtium (nar-es § 166, nassus) lit. néei«, (h)er
gr. X~p 'Èx~voe;·. sus aue; oe;, sal (per *sald) salis &Àe;, kiems
(hibernus § 88 xe~!-toc e bimus § 55), li"in armo liard (§ 196), lac(t)
(yiXÀocx't'- § 149), 6s SCI'. as, os(s) (òa't'Éov SCI'. dsthi), sem-per
sim-plex de; < *set:n-s, ver anord, var (ie. *,!!:er da *,!!:esr: gr. ~ocp
da *,!!:es!), grus (lit. gérve), faex, lanx (: ÀÉxoe;), lau« (airl, luaidim
, celebro '), lenslendis (dissìmìl. da *gnend, cfr.lit. glìnda' xov(e; '),
lens lentis (M&-upoc;' n merx, par (da par-s) paris (avestico
pairyete 'comparantur '), fraus (&pocuw), grex gregis (raddoppia-
mento spezzato § 272: ger- in à,ye(pw), vas vadis e praes plur.
PARTE II. - MORFOLOGIA 89

prae-vides (gt. wadi 'caparra 'l, vas vasis, dies Dies-piter Ze:uç
SCI'. Dydus cfr. la declinazione § 356, biis bovis ~wç ~o6ç SCI'. gdus;
non pochi temi simili sono stati ampliati e passati ad altra
categoria, p. es. navis mensìs nares § 166, anser § 214, inoltre
hum-u-s: X&wv da *gzhom (cfr. § 340, 4) ecc. Su ferox cfr. § 223.

§ 155. - Temi radicali contenenti radici altrimenti note in


latino sono fra l'altro nex (neco), pii» (pango), ré» (rego), u» (lego),
frux (fruor), dux e produx (duca), prex (p,'ccor), in-ile» iii-dea: dic-is
causa (dico), laai èle» illex -icis (lacio), obiex obicis (iacio), dè-se«
-s1,dis praeses consul (sod- § 108: sedeo), praesul (salio), m'x (arceo),
incus subSC1"i,S (cudo), lux, nix (ninguit § 109), rèmeo: (ago), [oreipee
(antico [ormu-cap-es PF.) municeps (capi6), paupcr (: paucu« ecc.
+ paro; secondo pauperes, procerès da procus 'primario 'l,
haruspex(specio), libripens (pendo), osceti tibicen (cano), confluges
(contaminazione difluo e) confrages (frango), interpres (: pretium),
nefrens 'che non può mordere' (frendO) , aurifex (facio) , trux
(trunco), vox (voco), fur cpwp (fero), coniux (iungo, iugum), simplex
(pleco), supplex (plac-: placo), praecoe (coquo), tribu« (-bhu- difui).
Dativi di temi radicali sono ritenuti gl'infiniti medio-passivi
della III coniugazione come leg-i sequ-i; ma cfr. § 568.
Fides è pressoché un tema radicale: propriamente esso in
parte corrisponde al gr. 7tL&'YJ- (*bhidhé-) di 7te:7tL&~cr<ù ecc. § 355.
§ 156. - o/a. Il suffisso -0- (ie. -0-, alternantesi con -e- § 68:
domino- voc. domine come &v&p<Ù7tO'; c1.v&p<Ù7te:) forma derivazioni
sostantivali e aggettivali sia primarie che secondarie, di genere
maschile e neutro e, limitatamente ai sostantivi, anche fem-
minile. D'impiego simile è il suffisso -a- (ie. -a-) formante temi
sia femminili che, limitatamente ai sostantivi, maschili: per
questi ultimi si può anche pensare che si tratti in origine di
un suffisso _go, secondariamente ricaduto con -a-: cfr. nomina-
tivi greci come L7t7t6"t'èi ve:cpe:À'YJye:phi, che sono stati anche inter-
pretati come vocativi usati in funzione di nominativi; ma
cfr. LeO, p. 364 s. Nella declinazione aggetti,.vale i temi in -0-
riservati al maschile e al neutro formano sistema con quelli
in -a- specifici del femminile (tipo bonus bona bonum).
90 GRAMMATICA LATINA STORICA li: COMPARATIVA

T §157.-Primari con -0-. Sostantivi:msc.cer-u-s


, creatore' (: cr-to), eoquos (cfr. cXP't'o-xorcoç dissimilato per
*-rcorcoç da *-q"opos per *poquos rado *pequ-), lucus (propriam,
'radura ': lUceo lux) scr. lokd« ' spazio " colus (: colO nell'antico
valore di 'girarsi', formalmente uguale a 7I:o).oç; della stessa
radice an-culus = gr. cXIlCPt-7I:OÀoç), modus (medeor), proous
(prec01'), promu«; ntr. iugum (: iungo, = ~uyov ecc.). A g g e t -
t i v i: fidus parcus siigus. Molte formazioni non sono più ana-
lizzabili in latino; parte di esse tornano direttamente o con-
tengono radici tornanti in altre lingue ie.: deus divus scr. decds
(in lt. cfr. Iov-em ant. Diov-, dies anticam. 'cielo' ecc.), vicus
gr. o!xoç scr. »eçae ' casa' (scr. »iç- , villaggio' viç-d-ti 'entra '),
nidus scr. ni~ds (da *ni-zd-o-s colla rado sed- di sedeo ece.),
nodus (da *gnod(h): germ. *knut/d- in ted. Knoten. 'nodo' eec.),
collus -um gt. hals id., agnus gr. cXIlVOç, equos scr. dçoas gr. LrcrcOç,
ursus scr. (k;yas gr. &px't'oç, vir scr. vtras, erue ittito e!i!!:as, socer
gr. è:xupoç scr. çoaçura», forum ablg, dvoru 'cortile', argentum
scr. rajatdm, libum gt. hlaifs 'pane, pagnotta' (*khloibho-),
virus ntr. to:;, verbum Iit, '1,'ardas gt. waurd (radice di gr. fp·ot't'pa.
fEpÉW; § 104), novus vÉoç ser. ndvas. F e m m i n i l i, oltre i nomi
di piante (fiigus gr. CP'Y)yoç 'quercia' ecc.): domus (passato in
parte alla IV declinazione, § 352) gr. 3OIloç m. (: 8ÉIlW), alvus =
gr. otùMç m., vannus. Molti altri temi in -0- non sono analizza-
bili né hanno corrispondenze ie. note.
Si aggiungono temi in -0- giunti per imprestito dal greco o
da altre lingue: bulbus da (3oÀ(3o:;, f1'iigu1n dalla stessa parola
mediterranea onde pot~ pa.yo:;, 1'ufus dall'oscoumbro § 96, ecc.

_~... §,158. - Mentre la formazione di semplici primari a mezzo


di :-0- .è quasi completamente preistorica, il suffisso è rimasto
produttivo nella fotmazione di secondi membri di composti,
quali si trovano ad ogni periodo della lingua: fun-ambulus,
prod-igus (ago), multi-bibus, pisci-capus, causi-dic.us, lup-ercus
(arceo), damni-ficus (facio), flucti-fragus (frango), ind-igus (egeo),
sorti-legus, blandi-loquus, opi-parus, cordi-pugus (pungo), ne-
scius, aedi-tuus, nemori-vagus, nugi-vendus, pro-vidus, igni-
PARTE II. - MORFOLOGIA 91

'Domus; con significato passivo bi-fidus (findo) , pr1,m1,-genus.


Specialmente notevoli i composti con -fer-, -qer-: furci-fer igni-fer,
corni-ger mori-gerus. Antiche formazioni di gen- (gigno) sono
beni-gn-us apru-gn-us privi-gn-us 'che ha nascita a parte;
figliastro '; di plé- (impleo) mani-p(u)lus propr. 'che riempie
una mano' e, risalenti ad epoca ie., du-plus sim-plus (= &:1tì.6:;);
di fer- (fero) prober col ntr. probrum § 96; di fu- (fui) pro-bus
superbus (da *-bh,!!-o-); inoltre asper con aplologia da *apo-
. sparo- = scr. apa-sphura-s 'che respinge via' (rad, *spher-).

T § 159. - S e c o n dar i c o n -0-: creper (da un *crepos-


in crepus-culum), sceler-ue; nuper-us super-usj dal nom. sg. msc,
di temi in -os- (§ 342) decor-u» sonor-us sapor-us canor-us;
fluent-um (fluéns), cfr. ventus da un *,!!ént- in gt. winds partic.
preso di *,!!é- 'soffiare' in gr. &-1j-P.L ecc.; septim-us decim-u»
(già ie., cfr. scr. eaptam-d« daçam-as) e nonus da *no~en-o­
(cfr. lit. devyn-ì '9 '); ferus da [era sostant., anticamente jer-
cfr. [er-o» e gr . .&~p. Composto bimus da bi-himus (scr. çatd-
himas ' che ha cento inverni': hiem-s § 55).

§ 160. - R e t r o f o r m a z i o n i c o n -0-: sponsus da


sponsa, iugerum da iugera nom. pl. di tema in -es- (= gr. ~EUYEot
di ~EUYO:;); administer adulter abundus aocomodue jestinus da
administrare ecc.
Nella declinazione in -0- sono passati alcuni antichi temi in
-u-: mergus scr. madçé», dénsus ~otcru:; (*d~tsu-), gurdus ~potou:;
(*g"rdu.-). Invece nurus della IV declinazione era in origine un
tema in -0-, cfr. vué-çarmeno nu gen. nuo-y § 1~8.

T § 161. - P ri m a r i c o n -n-, So s t a n t i v i: femminili,,, .~'w ..


mola p.oÀ1j (molo), toga (tego), culpa (clepoY), fuga cpuY~ (fugi6),
praeda (prae-hendo), gula (in-gl-uviés); maschili (come slavo
sluga ' servo' ecc.) scriba incola; ag g e t t i v i solo come cor-
responsioni femminili di quelli con -0-.
Formazioni con paralleli ie., o la cui analisi è facilitata dalle
altre lingue ie.: barba aated, bari (ms.) ablg. brada (*bhardhii
§ 148), lira aated, wagan-leisa 'traccia del carro' ablg. lecha ~\t ·~i.:"l"ì'·
f i '-" "
@
~ ;;j
92 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

( *loisii) , aiuola', cupa XU7t1j·"t'pwYÀ1j, sura apers. cXvlX-1;uplòe:c; , cal-


zoni lunghi', vespa aated. wafsa lit. vapsa § 117, palma gr. 7tIXÀOCfJ:1J,
unda lit. vanduo 'acqua' gr. UÒ6.lP, rota scr. rdthas 'carro'
lit. riita« aated. rad 'ruota' (ntr.), Anche qui sono numerose
le forme d'origine ignota o giunte per imprestito, specialmente
nomi greci della I declinazione.

§ 162. - In composizioni: bucf,na (cano), specialmente ma-


schili: hosti-capa-s (capio), homi-cida (caedo), agri-cola, trans-
fuga, heredi-peta, auriga (per *auri-rega § 150 da auria aurea
, freno '), foeni-seca, alieni-gena indi-gena; ibridi, dal tipo greco
7t1X~ÒO"t'pL~"1JC;, ulmitriba dentharpaga ("t'pL~6.l, &p7tOC~6.l). Il tipo è
antico, cfr. oltre il greco ((1.1j"t'L-e:"t'1X ecc.) lo slavo: voje-voda
'conduttore d'esercito' ecc.

T § 163. - S e c o n dar i: Flor-a (flos), Aurora (* Ausos-a =


gr. Au6.lc; ion. 'Hwc;), ianua noctua da temi in -u-; oper-a (opus);
lix-a ' acqua' dalla forma a grado O del tema *liques- onde il
msc. liquor § 251; or-a (os). Opera è forse un antico collettivo,
così come in lat. volgo nuovi femminili in -a sorgono da neutri
plurali:
, *-jolia it. foglia, *gaudia franco joie onde it. gioia;
similmente arcera ' carro coperto' è plur. del tema in -es- che
torna nel gr. &pxoc; e significava' copertura, riparo '. Per Pomona
Orbima e, simili cfr. § 177.
R e t r o f o r m a z i o n i c o n -a-: pugna (pugnare è de-
nomino di pugnus), statua (statuere denomino di status -us), auca
(> it. oca) da au(i)cella (dimin. di avis).

§ 164. - Parecchi suffissi terminanti in -o-I-a- (-eo- -io- -uo-


-lo- -ro- -tro- -mo- -no- -to- -co- -so-) sono probabilmente, almeno
in parte, sorti da combinazioni di finali tematiche diverse con
-0-; in generale queste combinazioni risalgono però a epoche
antichissime. A volte il giudizio è incerto: vivus (scr. jivds
ablg. zivu ecc.) è retroformazione di vivo (scr. jtvati ablg. zivetu
, vive '), o invece vivo è denominativo di vivus, e questo con
suffisso -!!o- dalla radice ie. *guei-a- Y A ogni modo, secondo
*gtli!!o- è stato fatto, già in epoca ie., *mrt!!O- (mortuus ablg.
PARTE II. - MORFOLOGIA 93

mrutvu) per *m'[to- (scr. m'[tas gr. ~po-r6; ece.) che si raccorda
a un piccolo gruppo di parole in -tuo- con fatuus mutuus, forse
da temi in -tu-, e perpetuus da perpes -t-is secondo i sinonimi
assiduus continuus.
§ 165. - i. Le formazioni con -i- (in apofonia con *-ej-:
vatis pI. vates da -tej-es § 330) P r i m a r i e sono tutte preisto-
riche, in buona parte già ie. Cfr. anas scr. nue (*~(I-), anguis
gr. OqìL; scr. ahis (iniziale diversa) lit. angìs, clunis scr. çro,!"is,
ensis scr. asis (*~s-), hosti« gt. gasts ablg. gosti ' ospite', ignis
scr. agnis, ovis o~ç scr. avis, potis 7to(nç scr. patis; neutro mare
gallico mori- airI. muir; aggettivi soer: gr. dtxpoç e siicrem.
sacres: sacer sacri, iugis (iungo) ecc.

T § 166. - Lo stesso va detto delle formazioni s e c o n dar i e


distinguibili in:
1. secondi membri di composti: de-bilis (: scr. bdlam 'forza',
o: albo dobe ' debole' da ·deb(h)-~), eai-torrie (in apofonia con
terra), per-duellis (: duellum onde bellum), e-normis (norma),
in-ermis (arma), im-punis (·pondsn- cfr. pondus: ·pendsna >
pena § 20), in-columis (calam-itas), sublimis (limus~);
II. prolungamenti di altri temi. Gli aggettivi ie. in -u-
sono stati di norma prolungati con -i-, cfr. breois ~pIXXUç, Ieoie
scr.

laghus, mollis ser. mrdus,
o
pinguis 7tIXXUç (*pnghu-),
o
suavis
a:M; scr. svadus ' dolce' ecc.; inoltre mensis fL~v, nares scr. nde-
(e lt. nas-turtium § 154), navis VIXUç scr. naus, nox (gen. pI.
nocti-um) vu;; metaplasmo di temi in -0- abbiamo in imber
(hppoç ser. abhrtim. 'nuvola', humilis X&lXfLIXMç, similis ofLlXÀ6ç
(attraverso il composto dis-similis ~), agilis scr. ajiras, gli ag-
gettivi in -bili-s accanto a -bulu-m § 230; di tema in -i-, neptis
scr. naptt-s. Con -i- è formato venter ventris da *,!!:endor ' acqua'
(cfr. nomi del' ventre' come aqualiculus): lit, vanduo 'acqua
§ 102, ecc.
§ 167. - Alcuni temi in -i- hanno un nominativo sìng. in -èe:
tali canes (accanto a canis) vulpes sedes aedes labes ecc. Abbiamo
qui nella maggior parte dei casi temi in -es- con nominativo in
94 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

-es passati alla declinazione in -i- dietro l'esempio di nubcs


(cfr. véq>oç) che aveva accanto a sé nubs (SCI'. niibh-), tema con-
sonantico passato alla stessa declinazione; ma vulpe.s s"arà
stato un antico tema con nominativo in -c, cfr. 4X.ÀW1t"f}-t" e
cancs dev'essere stato formato secondo vulpés; forse tema ori-
ginariamente in -è- era faces lit. zviike accanto a fax; talora si
tratta di nominativi plurali rideterminati come singolari (fides
, corda' cotcs) e inseriti nel tipo nubcs nubi-um, aedes aedi-um,
Per fides cfr. § 155; vedi inoltre § 345.
T § 168. - u. Poche sono le formazioni con -u-, e tutte antiche,
in buona parte non analizzabili in latino: msc. algus (algeo),
areus &pxuç, currus gallico carru-ca, gradus (gradior), lacus ags.
lagu gr. ÀcX.xxoç da -xf-o-, metus, impetus (peto); femm. acu»
(aceo acer), manus (ags, mund 'mano '), tribus propriamente
nome radicale, § 155; ntr. genu yovu, pecù SCI'. paçu, specu
(anche msc.: 07téoc; ~) ecc. Gli antichi aggettivi sono stati pro-
lungati di -io, cfr. § 166; restano in composti acu-pediu« cfr. 6>XUç,
angi-portus per *angu- cfr. ÈyyuC;, in derivazione argu-o cfr. &pyu-
po; SCI'. arju-nas ' splendente 'i densus ecc. (§ 160) sono passati
ai temi in -0-.
Alla declinazione in -u- sono passati nurus (antico tema in -0-:
gr. vuoç armo nu gen. nuo-y) e forse anus secondo socrus, alla
sua volta un antico tema in -u-: SCI'. çvaçru-s ablg. svekry,
laddove i monosillabi in -il,- hanno conservato la loro antica
forma: grus Mis. Per domus cfr. § 352.
§ 169. - io. -io- (msc. e ntr.), -iii- (fem.) forma derivati p l' i-
m a l' i scarsi pel maschile e femminile, numerosissimi e appar-
tenenti a ogni periodo della lingua pel neutro: S o s t a n t i v i:
msc. genius, socius SCI'. sakhi- 'amico '; fem. adoria (ad-ara:
, trìumphat '), ad8entiae ' adsentationes " deliciae col- (: liquor),
eaiuoiae (ex-uo), furia, in-edia, insidiae (in-sideo.), sup-petiae
(petO' correre ') , aiuto " storia' stuoia' (ster-no), ciconio, (forse
raddoppiato e con grado allungato da can- di cano, cfr. praeco
§ 196), pro-siipia (siip-: sopio ' penis ' SCI'. siipayant- 'futuens '),
fériae ant. fésiae (jés-tus) , antiae 'ricci sulla fronte' (&V't1X
PARTE II. - MORFOLOGIA 95
, in frontem '); ntr. gaudium, corium (*ker- di xe;(?Cù ecc.), labium
(: labra; ie. *lab- 'pendere '), odium, cremia' legna da ardere'
(cremo), colloquiwm, compendium, adagium(aiio), concilium
(calare), concubium, divortium (verto), convicium (*~eiq"- per
*~euq"- come in fe'i:1tov raddopp. di *~eq"- in voco vox), oblivium
(lino lévi), remedium (medeor), folium cpu)J..ov ecc. A g g e t t i v i
pochi: arierius (affero, § 108), eximius, propitius (peto), pluvius
(sostantivato in pluvia, sciI. aqua), spurius (sperno). Il valore
speciale di indicare uno fra molti ha. -io- in alius: alter, medius
cfr. avest. madama- gt. miduma col suffisso Il superlativo»
-mo-, e in tert-ius (cfr. scr. tretyas gt. pridjis ' terzo ').

§ 170. - Usitatissimo fin da tempo ie. è -io-/-ia- per deriva-


zioni s e c o n d a l' i e: tali gli a g g e t t i v i noxius, seriu« (da
*sevérios: seoèrue § 34), sublicius (sublica 'palo '), meretricius,
patrius, lovius, Martius, volturius, déteriae 'macilente' (: ae-
ter-ior l); i so s t a n t i v i msc. modius (modus), congius (da
un corrispondente di x6yx.oc; ), simius; fem. fratria 'moglie del
fratello " colOnia, acia (acus), familia (famulu'l) , fascia (fascis);
ntr. praedium. (propriamente' il terreno dato in garanzia allo
Stato dal praes '), apium ' erba delle api " peculium (da peciui-
§ 108), senium, somniwm. (insomnium calco di ÈVU1tVLOV ~),
sa1iium (suavis ~). Soprattutto abbiamo questo suffisso nella
formazione di astratti: femminili, come audacia, iniuria (ius),
custodia, militia, adulescentia potentia praesentia prùdentia
scientia (-entìa- -antia- diventa in seguito suffisso indipendente,
onde ital, -enza -anza ecc.), angustia, [acètiae, infamia; neutri,
come collégium, ministerium, comitium (comes), exilium (exul),
herédium, praesidium, aucupium (auceps), mancipium (manceps),
silentium, officium (opifex), iudicium, auspicium (auspex), do-
minium; secondo il rapporto degli ultimi tre e di altri simili
coi rispettivi verbi in -iire, possono farsi altri derivati in -ium
da verbi in -iire, così aedificium adulterium delirium (cfr. anche
crucius da cruoinre di crux), mentre da forme in -ium vengon
tratti denominativi in -iire (non -iare) come obsonare da obsonium
imprestito di Ò~WVLOV.
96 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

§ 171. - -io era suffisso composìzionale già da epoca ie.:


tale funzione esso ha in forme quali e-gregiu8 (gl'ex), acu-pediux
'piè veloce', aequi-crii/rius, bene(me)morius (per questa e le
altre aplologie cfr. § 150), lati-clavius, »erti-cordia, fulci-pedia,
quidquid-cadiae, malluviae (manu-lav- ), intemperiae (tempus),
curia (*co-viria); aqu-ag-ium, denti-fricium, sti(pi)-pendium,
stilli-cidium (cado), cor(di)-dolium, pleni-lùnium, ius-stitium
(stati- di statim prolungato in statio § 236) e s6l-stitium; con
primo termine numerale, bi-ennium (annus), bi-vium (questo
può considerarsi anche formato con -0-), bi-saccium, antico
dubius se da *du-bh'!!!.-j.o- 'di doppia essenza'.

§ 172. - Oomposizionale dev'essere -io- in galli-cinium vati-


cinium (: cano), mentre tubicin-ium tibicinium cornicinium sono
da tubicen tibicen cornicen (con accanto tubicino,ri ecc.); da
questa seconda serie si è sciolto un -cinium ,in latro(ni)-cinium
tiro(ni)cinium leno(ni)cinium, indicanti mestiere, occupazione;
da vo,ticinium invece è determinato ratiocinium.

§ 173. - -io- è usato nella formazione di gentilizi: Alfius


Claudius Flavius Fulvius Lùoiu« Manius (mo,nis ') Apicius
(apica pecora col ventre glabro, da lX1tOXOç) Aemilius (aemulus)
Caecilius (caeculus) eec.: e di etnici, come Aegyptius Lemnius
Rhodius ecc.: questo secondo impiego è di origine verisimil-
mente greca, come anche -ia- in nomi di regioni derivati da
quelli dei popoli: EtTuria Gallia Germania Italia Sicilia (~~­
xO:À[~) ecc.

§ 174. - Formazioni con -io- da diversi temi hanno dato


origine a nuovi suffissi. Tali sono:
a) -itia- (-itie- § 181) ed -itio-, astratti: milit-ia ha fornito
il modello per amicitia inimicitia che secondo il loro rapporto
con amicus provocano avar-itia blanditia duritia immunditia;
da altri temi che in -0-, mollitia nequitia (nequam); vastities
può essere da vastus, o da vastito,s con sostituzione di -tee ad
-tu. D'altro lato satellit-ium (satelles) dà vita a famul-itium
serv-itium; Cicerone usa calvitium accanto a calvitia.
PARTE II. - MORFOLOGIA 97

§ 175. - b) -torio- (-sorio-), -a- in aggettivi e sostantivi, par-


tito da temi in -tor- § 226: agitatorius amatorius censiirius: ma
deversoriu1n è fatto direttamente da dèoertere, eond#orium da
condere, unetorium da unguere ecc.; così pure vietoria (i. e. pug'lta)
può essere da vietor, ma barbatoria è da barba, ecc.
Promontorium è antico composto con ora 'spiaggia', forse
da un *mont-orium ' spiaggia montuosa': secondo esso dev'esser
fatto territèriwm. da terra. (Vas) p6torium da potor è forse in
origine rifacimento di 7tO't"~pLOV; messo in relazione con potus
o potare ha fornito il modello per ciborium (diverso da ciborium
nome di pianta che è il gr. XL~6JpLOV).

L § "176. - c) -tirio-, Non chiara è l'origine di questo conglo-


merato, nel quale sono forse confluite formazioni da sostantivi
e aggettivi in -ari- (-ali-) ed altre da *-as-io- (cfr. osco s a -
k r a s i a s p u r a s i a i ecc.), inoltre adattamenti di un suf-
fisso mediterraneo: argentarius oneriiriu« aerarius oaiceolariu«
earbonarius operàriue; neutri armarium granarium mortsrium.
(da un *morto- ppp. di *mer- 'frantumare', scr. mur-'!/,(is 'fran-
tumato '), cibaria ecc. Dal suffisso -uu- abbiamo la forma aplo-
logica (§ 150) -uirio-: voluntarius hereditarius. Come suffisso
composizionale -nrio- appare in strufertarius ' un sacrificatore "
da strues 'focacce sacrificali ' e fertum 'offerta sacrificale '.

§ 177, - d) -monio-, -n-, Un suffisso -onia-, formante nomi di


divinità femminili, è sorto già in epoca ie.: cfr. Fluonia (Flu-
vionia, -na) Mellonia Pellonia Vallonia Sémonia (accanto a
forme in -ima come Adeona Abeàna Orbtm« Eeeeono: Bubtma
Epona Bellona § 203) con scr. Indrii/r;//f, Varuv,ànt ecc. ipostasifem-
minili degli dèi i ndra-s Varu'l}as ecc., Ara'l}yant 'la dea della
selva' (ara'l}yam) ecc. Similmente accanto ad Alemona dea
del nutrimento, propriamente per *Alemen-ona dall' "olemen-
che troviamo prolungato in alimentum (§ 201), si trova Alimonia,
il quale ha assunto valore di astratto per il passaggio solito
di nomi di divinità, personificanti un fatto o una serie di oggetti,
ad astratto; una volta avvenuto il passaggio, si sviluppa il

7 ~ v. PISANI, Grammatica latina storica e comparativa.


98 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

neutro alimonium per la nota tendenza ad alternare astratti


in -ia ed -ium. Secondo il rapporto di alimonia j-ium con aiere,
anche aegrimonia (aegreo), querimonia (Pl.), gaudimonium (Petr.);
il rapporto di aegrimonia con aeger produceva a sua volta
acrimonia (Oato), castimonia (Oic.), [alsimonia (Pl.) ecc. D'altro
lato secondo *alimen: alimonium si formava da flamen flam[in]o-
nium: la vicinanza di flamonium ai temi in -monium -monia
dava l'impressione che questo suffisso potesse formare astratti
da sostantivi, indicando l'esercizio d'una certa attività: onde
testimonium vadimonium e poi, con ampliamento di valore
dovuto ai derivati del primo tipo, matrimonium patrimonium
moechimonium ecc., nel qual processo anche le forme in -onio-
da temi in -on- come cauponius praecowiu» lenonius ecc. ave-
vano il loro influsso.

T § 178. - e) Prolungamento di antiche forme in -ico- pare


essere il suffisso -icio-, in origine da temi in -i-, aedili-cius
venali-cius sodalicius e -ium, indi da altri: armenticius tribu-
nicius; a ogni modo pare indubbio l'influsso di carnufìc-ius
pontifìc-ius sacrifìc-ium (carnufex ecc.). Forse antica forma in
-ic-ius è sauci~s da *savi-c-, cfr. umbro savi-tu 'colpisca, fe-
risca '. L'origine invece di -ieio- può scorgersi nella afformazione
di parole come empticius adoptaticius commenticius supposi-
ticiu» proiecticius subditicius (emptus ecc.) a meretric-i,!"s nu-
tric-iue obstett;ic-ius (id est filius, puer); di qui caesicius emis-
sicius ecc., sempre da ppp., salvo novicius per *novicius forse
secondo empticius e il tardo prodicius (Tert.): il terminare
similmente in -to- (quindi caementum sentito alla stregua di
emptum ecc.) ha fatto sì che si formassero anche caementicius
sarmenticius stramenticius, onde -icio- è stato usato anche come
suffisso indicante la materia di cui qualche cosa consta: can-
nicius ecc.

§ 179. - 1) In un paio di forme troviamo una terminazione


-sius -sium -sia: amasiu« potrebbe esser derivato dal nomi-
nativo ama(n)s (§ 50) e, se fosse latino, eamisia da un nomino
PARTE II. - MORFOLOGIA 99
*camiss (§ 75) di tema in -t- *camit-: aated. hemidi ' camicia ';
indusium è piuttosto forma dialettale da *indut-ium riportata
per etimologia popolare ad intUs (o viceversa *intus-ium da
intus 'vestimento intimo' > indusium secondo indu6~). Si-
milmente equisius (onde equisi6 secondo muli6) dal nomin, eques.
• l •.

§ 180. - g) In alcuni gentilizi come Pompeiius Tarpeiius, di


origine oscoumbra, abbiamo -eiio- da -aiio- (§ 44), cfr. osco
p li m p a i i an s; ma plébeiiu» è da -es-io- § 82 (per plebes
antico tema in -es- e la sua declinazione plèbi« plebium cfr. § 167).
Forse ambedue i tipi hanno determinato ulteriori formazioni
come leguleiitlS (legula), secutuleiius (secondo il precedente),
sterteiius: di origine oscura è il nome di pianta soiureia.

§ 181. - iè. Tutt'uno con -iii- (ed -itia-) dev'essere il suf-


fisso -ie- (-itie-) che con esso si alterna, spesso nelle formazioni
da eguali basi: cfr. § 134. Esempi sono cariè« (: xe:p-O(t~w ecc.),
effìgies (fingo), facies,illuvies (lavo), specièe, eonqerièe, ingluvies
(gl'uttio, gula), glacies (gel-u; contaminazione con aciè« ~), saniè«
(san-gu-is ~) e, specialmente in relazione con temi in -1'0-, maciès:
macer, scobiee: seaber, aciee: clxp6ç, rabiè«: )..ci~poç, per-nicièe:
ve:xp6ç; denominativi sono caesariès, pauperies, materies (-ia)
probabilmente da mnter, iniemperiè» (tempus) e le forme in
-ities (§ 174): planities ecc.

T § 182. - eo da -eio- (cfr. xpucre:oç scr, hira'Yfyayas 'aureo'


da hira'Yfyam ' oro ') forma aggettivi, spesso sostantivati: aureus,
bi-eorporeus, igneus, purpureus; vinea, linea (' filo di lino',
indi' filo del piombino' ece.), caprea, trabea; spnrteus da spartum,
secondo cui ·linteus da linum; secondo ligneus aureus, per ilignus
ahenus si è anche fatto iligneus aheneus, secondo questi querneus
da quernue, fagineus da faginus; farragin-eus di fan'ago ripor-
tato a far ha richiamato oleagineus, *fabiigineus onde la retro-
formazione fabaginus, ecc. Da aggettivi in -tmo- (§ 191) sono
stati tratti con -eo- formazioni quali circumjoriineu» (cfr. urbiinus;
assiforana munera), ext1'aneus (extra), sponiiineus ; di qui -aneus
apparentemente primario in succedaneus (Pl.), supervaganea
100 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

avis (PF.), supervacaneus (da vacuus o vacare) ecc. Da ideo,


secondo eetrameu«: ext1'a, id6neus, che ha servito come modello
di ultr6ncus da ultr6 'ad Apuleio.

§ 183. - Con -eo- od -io- sono formati aggettivi denomina-


tivi in -nceo- -iicio-: tali gallinaceus hederiioeu» tesuiceus da
gallina hedera testa che forse sono il punto di partenza e mo-
strano trattarsi di -ii- + -co- o -k- (§ 222) +
-eo- (-io-): di qui
pav6naccus, porriioeus, hordaceus e poi testuacium 'focaccia
cotta in un tegame di coccio " pulleiiaceu» (da *pullciius, for-
mazione di pullus secondo § 180: Suet. Oct. 87). È il suffisso
onde è sorto il nostro -accio,

T L § 184. - uo, vo I-a- è vecchio suffisso ie., poco produttivo


in latino, p. es. in ser-vus avest. haurva- , guardiano' (rad. ser-
nell'umbro seritu 'observato '), cliou« gt. hlaiw 'tumulo funerario '
(eli-n6), scacvus crxiXlf6ç (: ob-scae-nus); per-spic-uus (spedo), irrig-
uus, ptise-wus, in-noo-uus, caed-uus possono in parte anche avere
-e,!!:o- od -u,!!:o-, come sicuramente vidua scr. vidhdva gt. widuwo
(viduus è retroformazione latina); cater-va si confronta col-
l'umbro kateramu 'catervamini'. Secondari: an-
nuus menstruus (cfr. -mestri- § 213) secondo perpetuus (peto),
cernuus (ser. çir~t!- di çir~dn- 'testa '), strenuus (strena strènu«:
crTprjvOC;). Ma nervus ve:upov, alvus, noctua, ianua sono forma-
zioni con -o-I-a-, § 156; similmente aevum -s: scr. ayu-s ' vita "
patruus cfr. gr. 7tIXTpwf-oc; scr, pit{v-yas 'zio paterno '. Per
vivus mortuus cfr. § 164.

T § 185. - Contiene -vo- il suffisso -i'vo- che ritorna in islavo


(chodi-vu ' che va ' di chodi-ti 'andare', ljubivu 'amoroso' di
ljubiti ' amare', izborivu ' che ha libera scelta': izboru ' scelta a),
ed è in latino abbastanza vitale: p r i m a r i o in vocivus
vacivus secivus internecivus cadiou« ece.; s e c o n dar i o
(forse partito da confronti come quello di internecivus con nex)
in festivus, furtivus, primitivus (primitus), aestivus, tempestivus
caritativus ecc., soprattutto in derivazioni da ppp.: captivus, nO;-
PARTE II. - MORFOLOGIA 101

tiou«, coctivu8 (secondo cui crudivus) e da nomi in -tion-: com-


pariitivus. Poco chiari saliva (: russo sli-na id. Y), gingiva (assi-
milato da *cingiva ~), Griidivus (da *gravi-deivos ~ ~).

T L § 186. - no I-ii- serve, come già in epoca ie., per formazioni


primarie e secondarie. P l'i m a l' i e in ple-rìus (com-ple-tu»
e SCI'. pur-'I!as), pliinus lit. pl6nas, agnus &fLvO;, ulna wÀév1) ,
venum <:)VOI; (*1fosn-) SCI'. oasndm, liina SCI'. i/,r'l!ii lit. vìlna,
donum SCI'. danam; magnus (mag-is), pugnus (pungo), dignus
(dee-et, §§ 13.86), signum (seco), tignum (tego), spina, (spi-ca),
penna (peto nel senso antico di 'volare '), habè-su: (habeo);
regnum ciinus possono anche esser formati con -0- da temi in
-no, cfr. SCI'. 1'&jan- raj1ì- 're',' germ. *hasan- 'lepre' (cioè
'il bianco, grigio '). Un ampliamento -sno-l-ii- partito da temi
in -es- abbiamo in lUna cena pena (poena) da *louc- *cert- *pend-
§ 92, frenum (frendo) , viinus (vac-mls). - S e c o Il dar i e:
ahenus da -es-, venenum: Venus *-es-is, egenus: eqes-tae, serenus
(sere-sco' siccor '), sacèna (dal "saoes- che nel grado O ha dato
sax-um; o sec. scena § 21 ~), forse secondo questi catena ece.; ma
alienus forse da *alies per alias § 134, secondo esso terrenus
(lanienus dev'essere dall'etrusco laniena). Inoltre opportunus
(portus), lacuna, tribunus, fortuna (cfr. fortu-itus) da temi in -U-.

§ 187. - Secondo hiberwu» = ZE:q).(E)pw6:; (*gheim1'-ino-) »er-


nus hàr-wue (*ho-iol'o- 'quest'anno': gt. jer 'anno ') vesper-na
hester-nue (gt. qisira- , di ieri ') noctur-nu» (vux:I'Wp) si sono for-
mati hodie-rnus, diu-rnu«, dìut-urnus (diut-inus), somn-urnae
imiigìnes(e da questo taciturnus), aeoit-ernus oet- (aevitas
aet-) e di qui semp-iternu« aequ-iternue. Ma supernus è da su-
perne secondo pro-nus ecc.; il rapporto suprii: supernus ha
.
servito da modello per infernus externue ecc. da inf1'ii extrii ecc.

T L § 188. - Da preposizioni e avverbi, inoltre: pro-nus vici-nus


(da un locativo *vici = OLXOL di vicus; o con -inus § 192, come
probabilmente supinus § 76 dal sinonimo suppus Y). Infine
bini da *d']!is-noi, terni da *tris-noi (e trini secondo bini), quini
seni ecc.
102 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

L § 189. - Il gr. ì..a(J.7t't""~p passato attraverso l'etrusco e prov-


visto ìvì del suffisso -na è giunto a Roma come lanterna; ag-
guagliato alle parole con -ernus di cui si è detto, esso ha dato
lucerna, indi taberna (dissimil. per *trab- di trabs), nassiterna,
oisterna, caverna, lacerna. Di origine forse alloglotta sono i
nomi propri Aternum Cliternum Tifernum Salernum Avernus
(o questo secondo infernus da au- = scr. dva 'giù da' in au-
fero ecc. '), i comuni labumum viburnum. Gutturn-ium 'grondaia'
è da guttur con influsso semantico di gutta.
L § 190. - Accanto a -no- sta -ino- che può essere in parte da
*-ino-, in parte da *-eno- o anche da *-ttO-: cfr. pag'ina (pango),
sarcina, angina (ango), i secondari fiscina (fìscus), fascina (od
Mina '), fuscina (secondo i precedenti: cfr. fus-tis), scobina, lu-
scinus (luscus), lividintts, e da nomi di piante funginus, faginus,
ornus (*osino- = slavo jaseni), fraxinus (-a-' scr. bhurjas
, betulla ' *bhr~g-). Di origine non ie. sembrano acinus pampinus
(cfr. &(J.7tE:ì..oc;); patina è da 7ta"rlXV1), dominus è con -0- da un
tema *domen-, biicina è composto con -can- di cano § 162.
T § 191. - Aggettivi secondari in -no- formanti nomi di popolo
sono Lati-nus Sabinus Veliternus Romanus Africanus: qui in
parte l'origine deve essere anche anaria, etruscoide, e ciò spe-
cialmente per -anus che si raffronta agli .etnìcì greci .in -1)VOC;
-Civo:; come 'AV"rLOX1)VO:;. -anus è quindi uscito dal dominio
degli etnici formando anzitutto urbiinus vicanus, quindi humanus
(per il cui u ofr. § 18), tertianus 'della III legione o coorte "
viritanus (virit-im), publicanus, iecunanum ' victimarium ' (iecur
iecin- ), dubiinum ' dubium ' e nei cognomina: Aemilianus secondo
Africanus eec.; dal tipo tertianus si formano Caesariani, Vite l-
liani ecc., e soprattutto con nomi in -on- Milonianus Nero-
nianus: su questo modello i tardi soteric-ianus (Tert. < Cl"(ù"r1J-
pLXOC;), indi castr-icianus urbiin-icianus.
L'etnico in -timo- è anche osco: N li v l a n li s 'NoHini ';
il nom. sg. doveva suonare -ans pronunziato a Roma -as (§ 50;
cfr. Luca(s) bOs ' elefante' da Lucanus). L'opposizione di queste
forme d'origine osca con nominativo -n« ma genitivo -tim-ei«
PARTE II. - MORFOLOGIA 103

ha fatto sì che gli etnici q'origine greca ma giunti a Roma attra-


verso mediazione osca, come *N eiipolitiis NEii7toÀh'YJe; -Tii<;, siano
stati analogamente declinati; onde il tipo N eiipolitiinus, da cui
-itiinus si è poi distaccato dando origine al nostro -itano. Di
origine ignota è tabiinus.

T L § 192. - Di data ie. è l'ampliamento -i-no- (da -io, -ei-),


cfr. farina gt. barizeins 'di orzo' (far), riipina lit. ropienà,
suinus gt. swein 'porco', haedinus gt. gaiteins; forse vicinus
come lit. kaim-flnas 'paesano' (ma cfr. § 188)~ Quindi aqui-
linus femininus anguinus genuinus omnino libertinus; sostan-
tivi pulvinus (Iettone spilva ' erba palustre " spilvens ' cuscino '),
salinum; femm. disciplina piscina medicina officina < opi-
ficina lapicidinae pistrina (pistor) ecc.; urina: scr. vari' acqua ';
carina 'guscio di noce ': xocpuov (imprestito ~), pruina: scr.
pru~va' brina', crumina da gr. ypufL€CX forse attraverso l'etrusco.
Da ineola nel più antico aspetto *enquelii forse inquilinus, da
popa popina (volgare coquina: coquos), da rues Tuina, da con-
cubium concubina; sagina è antico, forse da confrontare col-
l'armeno y-agim ' satìor ' da *en-sagh-. Per consobrinu« cfr. § 398.
Secondo miitut-inus (cfr. MiitUta) è fatto vesper-tinus; pau-
pertinus è da *paupertiit-ino-; intestinum (opus 'incassato ') è
da intex~um, ma reinterpretato secondo inter è stato usato delle
interiora; . secondo esso (o secondo Praeneet-inu« ') è fatto
clandestinus (da un *clam-de). Agnina vit1llina (caro) corrispon-
dono a lit. jaut-iena ' carne di bue (jautis) , ecc. Per Piiiina ecc.
cfr. § 203.

§ 193. - tino. Aggettivi temporali vengono formati da av-


verbi col suffisso -tino-, di data ie. (*-tt"no-, -tno-): cfr. scr. nutnas
e nutanas 'di ora' da n'ii 'ora', lit. dabartìnas id. da dabar.
In latino, criistinus cfr. il sinonimo scr. çvastanas, diutinus,
pristinus, serOtinus ecc.

L § 194. - ni, nu. Poche formazioni con -ni- si trovano in


latino, ed esse sono assai antiche: amnis (ap- in scr. iip- , acqua'
cfr. § 86), collis (: col-umen, cfr. lit. kalnas 'monte '), crinis
104 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

(: cris-ta), finis (*figsni-: figiH), funis (*bhondh-snis rado *bhe'ndh-


in gt. bindan ' legare' lt. of-fendimentum ' legaccio dell'apex '),
ignis scr. agnis, mànés (Y), pànis (*past-ni-, dimin. pastillum) ,
pénis (*pend-sni-), omnie iop-s Y), lénis (lé-vis) ecc. Scarsi e
dubbi i casi di -nu-: sinus albanese gji, pi-nus (pi-tuita ' resina'
7th'\)~), manus (o man-u-: aated. mun-t 'mano' Y), cornu (xép-~ç,
xép-wç; o corn-i; scr. ç~~n-gam Y).

§ 195. - en, ono Il suffisso ie, -en-/-on- doveva apparire


come -é(n) od -o(n) nel nom. sing. (7tO~fL~V cXXfLwv, scr. raja 're "
lt. pecten homo), -en- od -on- nei casi forti (7tO~fLév~ cXxfLov~,
rajanam da -on-), -~- o -n- nei deboli (cXpv-~, raja-bhis rajii-a
strum. plur. e sing., oarn-iei. Ancora in latino questa origi-
naria apofonia si rispecchia nei vari aspetti assunti dal suffisso,
che può fungere come primario o come secondario:

§ 196. - P r i m a r i o: -en-, msc. pect-en cfr: X't'-dç, ordo,


turbo e, con passaggio ai temi in -io, iuvenis (gen. pl. iuvenum)
scr. yuvan-, canis (canum): xuwv; femm. cardo (Y), grando ablg.
gradu, margo gt. marka 'confine'; ntr. pollen (pul-vis gr. 7t~~-7tIXÀ-'Yj),
gluten (gl-éba, con ampliamento -ut- della radice), inguen c1.Ò~V,
sanguen (da *sang u nomino di un tema eteroclitico oser-lson-,
cfr. § 202; anche msc. sanguis). In unguentum polenta abbiamo
ampliamenti a mezzo di -to-, normali per temi in -meno; in
argentum = scr. rajatam (-~to-) l'ampliamento è di data ie.
Con -en- od -on°, grado allungato diffuso dal nominativo: lién
-enie armo leard ' fegato' (antico tema in rjn, cfr. § 202); bibo
-onis, incubO, ~igo (ÀLcryO\Ì da *À~'Y-Gxo-), epu16, erro, latro:
À~'t"pe:uç, piso ecc.; di origine alloglotta caupo (cfr. XIX7t'YjÀOç),
mirmillo, spado < G7tIXÒWV. Praecà ha forse -con- tema radicale
di cano, cfr. ciconio, § 169.

L § 197. - S e c o n dar i o: homo gt. guma (: humus x&cilvecc.)


e némo da ne-hemà § 35 (con o dal nominativo, hemiinem. Enn.),
commilito, tueo, léno (di su léna dal gr. À'YjV~L' ~cXXX~~) e forma-
zioni da aggettivi come Gato (catus), manduco, cfr. gr. ~'t"pcX~wv
,ApLG't'WV e l'aggettivo debole germanico blindan- a lato di
PARTE II. - MORFOLOGIA 105

blinda- , cieco '. Un -im- femminilizzante in luno: iuvenis (onde


anche iun-i-x); forse -en- ha lo stesso ufficio in virgo· -ginis:
cfr. § 203.
L § 198. - -wn- (in parte -on- da temi in -i-) abbiamo nei
derivati pellio 'ciabattino', essurio, curio 'dimagrato dalle
cure', unio 'perla' e 'cipolla', ternio, qu,aternio, in pugio
(pungo pugil pugnus), e soprattutto in femminili astratti come
adagio excidio 1'ebellio legio communio (-i- + -on-) e nel con-
glomerato -tion- dei femminili ratio gt. raho (mtus) e nation- ecc.
prolungati da antichi temi in -ti- (§§ 235 sg.) come in armeno
(-t'iun) e in celtico. Nota superstitio da *-stu-, scr. stuti- 'lode'.

§ 199. - Dai temi in -nc- sono formati femminili in -o -inis,


questo da -nis avanti cui c diventava g (§ 86) passato poi al
nominativo: »orn» vorago -ginis da -gnis; ma il suffisso ha poi
assunto impiego più esteso, cfr. imago (imitor), lumbago, sar-
tago, cartilago forse da *cartila (indi oss-ilago vitiligo 'lebbra':
vitium) come cunilago similago da cunila simila ecc. - Simil-
mente con -en-, da -ix è fatto impetigo: impetix PF., e col -gen
così sorto, da temi in .i-, fuli-go (scr. dhulis 'polvere '),
lenti-go ecc. onde rob-igo ecc.; da temi in -u- aeru-go (cfr.
aet'uca), vesperu-go ecc.

T § 200. - In modo analogo da astratti femminili in -tia-


(§ 241; pei suoni § 86) è sorto -tMo -inis di fi1'mitUdo beatitud6 ecc.;
di qui ed anche da formazioni in -edo -inis, antiche perché
trovano il loro corrispondente in greco (cX.ÀY"Y)owv ece.), cupped6
(cuppes), frugedo, gravedo, formido (: !LOP!LW; da un aggetto
formidus in formidare), cupido, cfr. cupitum, secondo cui lubido,
oscedo (oscitare); pei nomi d'animali testudo (testU), hirudo
, sanguisuga', 7iirundo e alcedo (rifacimento di cX.ÀXUWV), cfr. la
finale di xeÀ~ò(~v. Poco chiaro è harundo.
T § 201. - meno Accanto ai temi in -en- ne stanno fin dal
tempo ie. altri con -men- (-s-men) cfr. seme» ablg. sem~ gen,
eèmen-e, nomen OVO!LOC scr. nama gen. namn-as ablg, ime,
, stamen gr.
u't"f}!Lwv, crimen (*cri-s-: cerno § 18), examen (*ag-s-m-), LUmen
106 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

(*leuksm-), columen (cello), specimen, momen (*move-men),tutti


neutri; spesso abbiamo il prolungamento con -to- (cfr. scr. çroma-
tam 'fama' aated. hliumunt id. accanto all'avest. sraoma id.), in
tormentum (torqueo), documentum (doceo), argumentum, lamentum
(la-trare, lit. lo-ti 'abbaiare '), fermentum (fer-veo); i plurali ful-
menta (fulcio) offerumenta rumenta lamenta vengono usati come
femminili presso antichi autori. Da temi nominali abbiamo bitU-
men (da un oscou. *bitu- '), cacumen (sanscr. kaleùbh» e kakudh-
, cima', fatto secondo acumen di acuo), frumentum (frug-es).
Le forme in -menuom sono più diffuse nel latino arcaico e vol-
gare (ital, -mento), quelle in -men nella letteratura classica ed
elevata.
Temi maschili (in -mo -mon-ie colla solita diffusione del grado
allungato dal nominativo) sono ser-mii (sero serui series), temo
(*tenks-men-: ant, island, pisl- da *tenks-la), pulmo cfr. 7tÀEU!J.WV.
T L § 202. - erlen, I temi neutri in -en- si alternavano parzial-
mente in epoca ìe, con temi in -er- (questi generalmente nel
nom.-acc. sg.): iecur iecinoris (per *iecin-is, secondo il nomi-
nativo; ma cfr. iecun-anum 'victimarium '): scr. yakr-t yakn-as
gr. ~mxp ~7tcx't'oç (c.ome òv6!J.cx-'t'oç), femur feminis, iter itineris
(per *itinis); aser ' sangue' e sanguen (sanguis msc.) sono deri-
vazioni di un paradigma analogo al scr. a.r;rg asn-as (ma in
lt. i l _gu è stato esteso ai casi obliqui, onde sangu-en) ittito
essar gen. esn-as. Dal nominativo l'r ha soppiantato l'n dei
casi obliqui in uber ùberis: scr. udhar udhnas cfr. gr. oi'i&cxp
oU&cx't'oç.

§ 203. - onofona in alcune parole come coepulonus Pl.,


centurionus PF., cnasonlis ace. pl. PF. 'ago per grattarsi il
capo' sono prolungamenti con -0- di epulo centurio *xv&awv
(o cnason-as è la trascrizione dell'ace. pl, greco '), e corona
è dal gr. xopwv1); forse queste e simili forme hanno contribuito
al sorgere di patronus matrona co16nus.
Viceversa prolungamenti con -a- degli antichi femminili
in -im» col valore di nomi di divinità (cfr. [uno § 197) sono
Adeona Pomona Bellona e simili (cfr. Vallonia ecc. § 177);
PARTE II. - MORFOLOGIA 107
secondo essi da Aii:rw si è fatto LatOna, da un etrusco rpersu
persona. Parallelamente dal gl'ado O di temi in -tion- (cfr. umbro
natin-e abl., corrispondente a natione in cui il grado allungato
del nomino è stato diffuso all'intero paradigma), abbiamo
Potsn-a Statina Libitina (potio statio *libitio), da cui l' -ina di
Liic-ima Rusina Collatina ecc.

T L § 204. - mo. L'antico suffisso ie. -mo-I-a- (SCI'. gharmds


gr ..lh:Pfl6ç lt. formus; gr. Y-UaL-flo-ç: xuap6ç ecc.) entra in un
certo numero di formazioni latine p l' i m a l' i e come armus
gt. arms (&'P-IXp-(crxw, ars), cul-mu« (collis, cello), anirnus &vEfloç;
femm. fama (fari), [orma (ferio Y), gemma. (geno), palma 7tiXÀcXfl"l),
turma (turb-o); ntr. arma (cfr. armus) , pomum; aggettivi firrnus
(SCI'. dluirma« 'legge '; i 'rustico', § 13 Nota, per e), simus
(: silus) e altri più oscuri; con -s-m-, squama (: squat-us), glUma
(glUbo), dumus ant, duemwm, rèmu« (*ret-sm-: èPE't"-fl6ç); e
s e c o n d a l'i e come opimus, sacrima ' mosto offerto a Bacco "
aeruma ' utensili sacri' (aes; dubbio), victima (*victo-: gt. weihan
, consacrare '), matrimus, patrimus.
A volte -mo- pare sorto da -mmo- (§ 207), ciò specialmente
quando fuori del latino corrisponde una forma con -no-, p. es.
in spuma SCI'. phena-s presumibilmente da *spoimno-I-a-.

T L § 205. - Diverso da questo -mo- (-imo-) è quello che forma


aggettivi con significato superlativo (esprimente cioè il con-
fronto con più contrapposti): clarimus, purirna, bruma (da
*brevima § 23, propriam, 'il giorno più corto dell'anno '),
min-imus, quotumus, postumus, plurimi (plus; è testimoniato
un antico plisima PF., ma Varrone registra plUsima) , summus
(*sup-m-), demum (de; secondo esso eetrému» postrému« su-
premus), primus (peligno prismu, cfr. prie-cue § 391). Accanto ad
-imo-, -t-imo- allato a -t-erior in ci-timus extimus 'intimus ultirnus
dextimus sinistimus (F.), optimus di ops; col significato di 'il
più vicino " concreto o astratto, fini-timus maritimus legitimus.
Cfr. SCI'. apa-mds 'il più lontano' (dpa = !X7to), dn-tamas =
intirnus ecc.
108 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

T L § 206. - In latino, oscoumbro e nelle lingue celtiche al suf-


fisso -imo- vien preposto un -s- originario forse dall's del
comparativo (pl·urimo- da, plus + -imo-, maximus da *mag[i]s-
imo-), in proximus: prope (dissimilazione di *prop-s-), medio-
x-imus (medioc-ris), 6xime (ocior), pessimus (: peiior da *ped-i:os-):
cfr. osco n e s s i m a s 'proximae' ant, irland, nessam 'pro-
ximus' di *nedh- 'legare', gallico OÒ;Lcr&{-L'YJ n. di città, pro-
priam, ' la più alta '. Da comparativi in -is (tipo magis, grado O
di -ioe-, cfr. §§ 53.255) più -simo- si è fatto il normale suffisso
-issimo- di carissimus ecc.: ma nigerrimus iicerrimue facillimus
sono da *nigro- *acri- *facli-simo § 39; ueterrimus è formazione
recente (posteriore al rotacismo di -s-) dai casi obliqui (ve-
ter-is ecc.) di vetus. Da *vicent- *trigent- o loro precursori,
infine, si ha vice(n)simus trigesimus ecc., § 85.

T L § 207. - mino, mno. Del suffisso ie. -meno-l-n- alternan-


tesi con -mno-l-a-, usato precipuamente per la formazione di
participi medi (gr. Àu6[le:voç, scr. pacamanas '7te:crcr6{-Le:voç' ecc.),
esistono in latino alcuni avanzi: anzitutto nella II plur. indi-
cativo del passivo e deponente, ove legimini (cioè estis) è uguale
a Àe:y6{-Le:VOL, sequimini ad é7t6{-Le:VOL ecc.; indi in [emina 'colei
che allatta' (: fe-lare), tormina 'colica' (: torqueà; ovvero an-
tico nom. pl. ntr. di tormen in tormentum '), lam(i)na (da *la[u]-
o *ly:a-, cfr. scr. lu-na-ti 'taglia '); alumnus (alO), calumnia
(calvor 'inganno, contesto '), aerumna (aeruscare ' mendicare ');
Vertumnus (deformazione dell'etrusco Voltumna'), Pilumnus
(: pilum '), Picumnue (: pica') sono oscuri; columna può essere
primario (colo nell'antico significato di 'girare ') o secondario
(columen + -a-).

T § 208. - ro, Il suffisso ie. -ro-l-a- rimane in latino formando


sostantivi e aggettivi, sia primari che secondari. PRIMARI.
So s t a n t i v i: taurus "t'OI:UPOç, vir scr. viras lit. vyras e con Jt
ant. irland. [er, labrum (: labia), scalprum, ager cXyp6ç, murus
tmoi-ros: moe-nia), lorum (*y:lo-: e:uÀ'YJpOI: OI:uÀ'YJpOI: 'redini '), st1tp"um
(stupor), fulcrum (fulcio), fibra (*guhis-ra: lilum § 217); a g g e t-
PARTE II. - MORFOLOGIA 109
t i v i: piger, glaber (lit. glod-ùs 'liscio', quindi da *ghladhro-),
macer ILIXXp6ç, integer (tango l'ad. tag-), ruber èpu&p6ç, clarus
(cla-mo), gnarus (*gt"~-: gno-sco), ecc. SECONDARI: cerebrum (da
*ceras-ro-: XéplXç), membrum (gt. mimz SCI'. marl}sam 'carne',
quindi *memsro-), tenebrae (con dissimilazione delle labiali per
*tem- SCI'. tamis-ret 'notte oscura ': tdmas- 'oscurità', ancora
nell'avverbio temere § 420).

§ 209. - Abbiamo -ero- in lacer -eri (: lancino con infisso


nasale, § 436), gener (cfr. gr. YIXIL~p6ç con IL forse secondo YIXILÉw ~),
gibber lettone gibbis, puer volgo pover (7tif-Lç), Iiber ÈÀEU&EpOç
(propr. 'appartenente al popolo', cfr. slavo ljudlf,je 'gente'
ted. Leute id.), hedera (: prae-hendo, praeda < -heda), miser
(: maestus); ma tener pare metatesi di sabino tereno- 'molle'
onde terentinae wucee Macrob, Sat. II 14 (tero), socer è (secondo
gened) da *s,!!:ekuro- éxup6ç SCI'. çvdçuras, uterus da *udr-o-
§ 102 (: u~wp ecc., cfr. anche § 102 per venter), numerus è da
-aso- (cfr. o. Niumsieis = Numerii) e umerus da -eso- (cfr. SCI'.
a"!,,sas ' spalla' ecc.), per asper cfr. § 158; prosper contiene uno
*sparo- corresponsione di SCI'. sphiras ablg, spor'u 'ricco, ab-
bondante', vipera è da *vivi-para (pario); infine levir (lae-)
è per *laever da *daiver (§ 108) = gr. ~a~p SCI'. devar- lit. die-
verìs (come pater ecc. § 250).

T § 210. - Da alcuni nomi in -tu- (-su-) si è tratto un derivato


femminile con -ra-, formando -tUra- (-sura-): cultura cursiira
statura pictura, secondo questi "natura ecc. da temi in -to-; il
rapporto oultor: cultura, cursor: cursura ecc. ha determinato
indi l'uso di -tUra- per formare astratti a nomi in -tor-: praetiira
censura litteratura gladiatura. Cfr. anche figura (fingo, figtllus)
con un -iira l'icavato dal confronto di status con statUra ecc.
Similmente prolungato da un tema in -tuo, quello stesso che
dà il supino (§ 239), dev'esser -tùro- dei participi futuri attivi,
datUrus ecc. Nota anche maturus (: MatU-ta).

§ 211. - Alcune altre formazioni con -ro-: galeru8 m. (galea),


amarus aviirus, satur (: satis) e, prolungato di -iii-, luxuria;
110 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

ma pro-cèrus sin-cèru» (sin- 'uno' di simple» ecc.) contengono


un *cer-o- corradìcale di cresco ecc. Per sevirus cfr. § 256.

L § 212. - tero, Come (già in epoca ie.) da super si è fatto


superus (§ 159), onde inferus secondo il rapporto summus: infimus
§ 106, così da inter un *intero- onde intra inter-ior e secondo que-
sto exterior extra, citerior citra ecc. È sorto così un suffisso -tero-
che in lt. serve solo a indicare opposizioni relative, in greco
(~ÉÀ-'t"epoç) e in scr. (ama-taras = 6.lfL6-'t"s:poç) funge da suffisso
di comparativo. Esso entra in uter alter, nàster vester, dextet·
ae:çm:p6ç sinister, magister secondo cui min-ister, matertera
porcetra (cfr. scr. açoauno» ' mulo' da dçoa-s ' cavallo ').

L § 213. - Lo stesso suffisso, sincopato in -tro-, pare rientri


nel complesso -astro- di jiliaster, pairaster (cfr. matertera) ,
parasitaster, surdaster, oleasier, A ntoniaster, apiastrum, pul-
lastra ecc., coi diminutivi peditastellus 'pedone', gravastellus
, vecchiotto ' propriam, 'grigio' (aated. grao ' grigio 'i o biso-
gnerà leggere col ms. A di Pl. Epid. 620 ravistellus, riioa- di
ravus Y). L'origine dell'-as- è oscura: che contenga l's di ma-
gister ecc. Y A queste forme si riattaccano probabilmente quelle
con -tri- di semestris semenstris (da sex- e da semi- +
mens-),
equester palUster (-str- da -ttr- § 85) i *nemes-tri- (nemus) in
N emestrimue 'dio dei boschi', secondo cui campester silvester
terrester e rùrestri» (di rus: Apuleio); da *agrestris dev'essere
dìssìmilato agrestis.

§ 214. - ri, L'alternanza ora vista fra -tro- e -tri- rientra


nel quadro di quella fra -ro- e -ri- i quest'ultimo suffisso appare
in parole come ocris 'mons confragosus' (onde medi-ocris)
ClXptç , punta' scr. açris ' angolo, spigolo', puter (putere), imber
(antico tema in -0-, cfr. liepp6ç scr. abhrtim. 'nuvola '), junebris
jenebris muliebris alebris da -es-ri- (funus, jenus, mulier da -es-,
*alos-), iicer lixp6ç, alacer (liÀx-E), secondo questi oolucer (volare)
che ha dato forse -eri- ad anser ie. *ghans- X~v X'Y)v6; < *xocvcr6ç.
Septem novem decem + -ri- han dato *septebris ecc. secondo
cui octà-bri-i l'analogia di ocui- ha fatto reintrodurre per intiero
PARTE II. - MORFOLOGIA 111
il cardinale negli altri nomi, dando september nooember december
(piuttosto che da *septe-mems-,'i- >septe[me]mbri-: mensjs). Vome,'
è tema in -is-, cfr. § 254; carcer (accanto a cancri 'cancello' dis-
similato da *carcro-) è piuttosto con -i- da *kar- raddoppiato.

T § 215. - TU abbiamo in tonitrus, propriamente contamina-


zione di *tonitus scr. tanyatus con un *tonitro- persiano tundo»
inglese thunder ecc.

§ 216. - Paralleli ai suffissi contenenti r sono quelli con l,


i quali a volte non se ne distinguono nettamente per la facilità
con cui le due liquide vengono scambiate, specie in seguito a
dissimilazione: così le formazioni labrum scalprum fulcrum da
noi segnate fra quelle con -ro- potrebbero avere in origine -10-,
con una dissimilazione analoga a quella che è normale (§ 49)
pel suffisso -li-o Abbiamo dunque:

T § 217. - lo I-a- in pilus, stilus (: sti-mulus?), caelum (: cae-


sius?), exemplum (eximo),' grallae 'trampoli' (grad-ior) , sella
(sed-eo), paulus (pau-cus), siiu« (,qi-mus), amplUJJ (am- 'abbrac·
cìare ' in ansa); con -slo-, palus (*pagsl- di pango, cfr. paxillus),
qu/ilu» (dirnin. quasillus da -ss-: ablg. kos1, , cesto' da *quasio-),
ala (axilla) aated. ahsola; prelum (premo), filum ( *g"his- lit. gysla
, vena' e cfr. 208), mii1a (maxilla), aul(l)a (auxilla), scnlae
(seando), tel~tm (tendo); rnulus, come gr. !Lu:x.M:;, è da un *mukslo-,
parola di origine anaria. Spesso fra radice e suffisso appare un -u-
che in parte può essere vocale di anaptìssi, in parte sviluppo
dell'<e-, -a- di -do-, -olo-: diseipulus (diseipio), figulus (fingo),
famulus (frigio ~e:fle:kv 'schiavo' SLS 142 ss.), catulus (e secondo
questo vetulus di vetus), aemulus (: imitor), arculus 'che tiene
lungi' (areea), patulus (p ateo; cfr. 7tÉ't"otÀov), bibulus; copula (co-
apula: ap-iscor), pergula, radula 'pialla', aeseei, u )la; amiculum
(am-icio), vinculum, di-lUculum; secondari, angulus (ancus), cae-
ruius (caelum); ergastulurn è rifatto secondo questi esempi per
Èpyoto"'t"~pLOV. Su -(u)lo- nei diminutivi cfr. § 258.
Con -ilo-: aquilus aquila ('), sterilu» e -lis (o"'t"Ép~rpo:;), mutilus
(muticus), nubilus; per sibilu« cfr. § 88; pumilus, più antico
112 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Pumilio, è da nUYfllXÀLCùV confuso con 1tuYfllXi:oç. Da temi in -è-:


suade-la, candela (raddoppiato cicindela), adsidelus, luela (lues);
secondo questi, da altri temi verbali e nominali, fugela, querela,
custodela, corruptèla, tutela, cautela, clientela; forme quali que-
rella ecc. son dovute a confusione col suffisso diminutivo del
§ 260. Nella categoria dei primari con -lo-j-a- rientra ficedula
(fico- + edo) che ha dato il modello per i nomi di animali
acrèdula nited111a, e querquedula adattamento popolare di XEPXL-
&IXÀLç; monèrula, forse da *monelula (: monile, per via del
distacco di colore nel collo, quasi una collana), poi monedula,
adattato ai precedenti anche come iperurbanismo rispetto al.
mutamento volgare di d in r (§ 108).

T L § 218. -liforma, oltre i so s t an t i vi pugil (pungo, pugnus),


mugil (mungo) e vigil (anche aggettivo, cfr. vigeo) e un antico
sostantivo *fuli- (: fft-mus) in fuligo § 199, con -sli- toliJa (: ton-
sillae), ancile (: caedo), a g g e t t i v i vari: p r i m a r i, agilis,
docilis, bibilis (cfr. bibulus), facilis, fragilis, utilis, habilis, nu-
biiis (o i. due ultimi da habi[b~llis, nubi[bi]lis') e con -sli- incilis
(caedo), da radici numerali o pronominali sim-ilis (sem- § 387;
secondo esso parilis di par), talis, qualis (cfr. "I)ÀL-XOç, 1t1)ÀL-XOç);
o
s e c n dar i, da temi verbali in -ti- (di sul rapporto di
animalis da anima con animare), auguralis (secondo cui fatalis,
cfr. augurium: fatum), manalis, ovalis ' corona di mirto insegna
dell'ovatio', ratiocinalis; da temi nominali, b1'uma-lis secondo cui
hiem-alis autumnalis nivalis glacialis annalis temporalis septen-
triOn-alis (onde meridi-onalis); curia-lis secondo cui reg-alis
greg-alis j vita-lis secondo cui mort-tilis (e mortualia) ecc.; e, con
-ri- dissimilato (§ 49), vapularis singularis militaris ecc.; da temi
in -e-, fide-lis (secondo cui crud-elis: crudus), contumel-ia (tumeo
con influsso di contemno) , fameli-cus, quindi patru-elis carduelis
(carduus) onde alb-uelis (ma fidelia da *fides-li- con *fides- =
1tL&Oç l'ad. *bhidh-); in -io, vi-lis (: vieo, in origine probabilmente
, giunco' o simili, cosa di poco pregio), genti-lis (onde sero-ilis
virilis ecc.), aedilis, hostilis, orbile, monile (SCI'. ma1!'is ' collana 'j
cfr. monedula § 217), ovile (onde boo-ile sennle equile joenilia
PARTE II. - MORFOLOGIA 113

caprilis su-ooe-taurilia, di qui cubile sedile da c1lbo ,çedeo) ecc.;


in -u-, C1tr(r)ii-lis (secondo il cui rapporto con cU'f'ro, da edo
è fatto ediilis), tribiilis. Secondari con -ili- sono herb-ilis par-ilis
supellectilis (: lectus 'letto'; accanto ad esso, direttamente dalla
radice, il nominativo supellex), da participi passati passivi altilis
fictilis plectilis pensilis fissiUs reptilis, da toUitim 'al trotto'
toliitilis 'trottatore '; di qui è stato ricavato -tili- in saxatilis
umbratilis. Per -bili- cfr. § 230.

T § 219. - co,_ quo. I suffissi -co-/-a- e -quo-/-a- continuano


quelli il'. -ko- -ko- e rispettivamente -q'no-: la loro trattazione
promiscua è consigliata dal fatto che sovente essi si confon-
dono sia fuori ~el latino (p. es. in scr. -ko- e -qvo- dànno -ka-,
in gl'. -ko- e -ko- dànno -"-.2-), sia nel latino stesso, dove non
solo -co- continua -ko- e -ko-, ma anche -quo- passava a -co-
per il § 32, e soltanto in parte -qu- si riestendeva _all'intero
paradigma dai casi in cui ad esso seguiva altro suono che -o-i
talora stabilendosi due paradigmi, uno in -co- l'altro in -quo-.
p l' i m a l' i: cas-cus (cfr. canus da *cas-no-, peligno casnar
, vecchio 'l, par-cus (o parc-o- 'l, pau-cus (pau-llus), tesqua
ntr. 'plur. (e tesca, -cum; da *t~es-: scr. tucohas 'vuoto' da
*tus-ko-), spica (: spina), esca (*ed-s-) secondo cui po-sca.
S e c o n d a l'i: pris-cue (: primus § 205), iuoen-cu« scr. yuva-çds
(-a- da -tL-), siccus (*siti-cos),-raucus (: ram's), ctoi-cus, classi-cus,
pani-cu1n, noverca (*nover- da nova secondo socer poter mater
frater); gli etnici Vols-ci, Tnuci (umbro tu l' S - k 0-: Tupcr-'Y)v6ç),
A urunci (A{jcrov-e:c;); reciprocus da "reco-proco- formazioni di re
e pro, forse ipostasi di re-que pro-que 'e indietro e avanti 'i
hiulcus (hio) petulous da temi, poi scomparsi, in -lo- come que-
rulus. Viscum è da *vixo- cfr. gr. t1;6c;; m1tSCa da *muxa o da
*mox(i)ca, cfr. scr. mdk~ika. Cfr. § 117.
Verbae-cum col oerbas-l-ee- di verbera, contenuto anche in
verbena (lit. virbas 'verga' ecc.), ha forse provocato lo -sco-
di lenuecu« (: lentus') hibiscum mariscue scutriscmn (: scutm
Cato; o qui abbiamo il suffisso diminutivo greco -iexo- 'l; ma
in parte almeno questo -sco- dev'essere di origine anaria (<< li-

8 - v. PISANI. Grammatica la/ilio statico e comparativa.


114 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

gure »), così come l'-usca- in nomi di varietà di viti, asinusca


cerousca atrusca labrusca (questo: *labar, *lapar nome iberico
del coniglio Y) e in mollusco (nux).

L § 220. -ico-j-a- (da -iko-, forse anche -eko-, -oko-) si trova


in medicue comica e nei secondari vitr-icus (da un *vi-tero-
'più lontano. '), bellicus, modicus, manica, pedica, flaminica,
Gallicus, antico poplicus (populus) che dà il modello per pii-
blicus (pubes); iinicu« gt~ ainaha ablg. inoku 'monaco '. Ac-
canto a rus abbiamo rùe-ti-cus, forse da un sostantivo *rus-
[~ti}ti (da *-sta-ti-) 'lo stare in campagna', o 'che sta in c. ';
secondo esso (in parte anche secondo campester aqrestis § 213),
dome-sticus; -ticus, astratto da venat-icus lymphat-icus, anche
in umora-ticu« viaticus, indi fan-aticus eec.; ma dal greco ven-
gono freneticus < rppe:vi:,t'Lx6ç, poeticus, exctiou« *è~<.tl-. Per pa-
tricius ecc. cfr. §§ 178.183.

§ 221. - k. Parzialmente queste forme in -co- possono essere


ampliate da più antiche in -k- (-q"-): in un caso il lt. conserva
l'antica forma, nel nominativo sene» (accanto ai derivati seneca,
senicus) di contro al scr. sanakas. Come senex, ma declinati per
intero, sono formati podex (: pèdere, da *pozd-: pezd-), vertex,
ape» (apio, detto della parte superiore d'un berretto a punta),
rupex (rumpo), secondari hirpex (sabino hirpus 'lupo'), dentex,
imbrex, rumex (dìssimìlato da *rucm-: runco) , piimeo: (: spuma),
[ame» (: &WfLLY~ Y), lote» ()\iX't"iX~), coli» (XUÀL~) ed altri termini
men chiari. Cfr. Ernout, Philologica (1947), p. 140 segg.

T L § 222. - Dopo vocale lunga troviamo la stessa alternanza


di -ko- (-quo-) e -k- (-q"-): con a, oorii-» (vorare) ecc., onde aud-ax,
eap-n», rapax, siigax (: sagio), tena», contumax (: contem-no) ece.;
secondario lingua-x, onde mend-n« (mendum) , mer-nai, fornax
e merncu», opiious, lingulaca, verbenaca, cloaca (cluere antiqui
purgare dicebant Plin. XV 119) ecc.; - con e, veroè» (per l'e,
Iuv. X 50: fiXp-~V Y), allec (da cXÀux6v Y); - con i, i femminili come
datr+x e iun+x (§ 268), inoltre appendix, matrix, radix, cornix7
felix (: feza~e), perni» (perna: 'che ha buone gambe'), e vesica
PARTE H. - MORFOLOGIA 115

(*~ensi-: scr. va,c?ti-s 'vescica urinaria '), mendicus (mendum), pu-


dicus, 1tmbiliclts (: ÒflcpocMç), formica (scr. oaimika« ' formicaio '),
lectica, lorica, landica (: hv&ocvCù§100),rubrica, urticà (·urit-: uro'),
opri-cue (: apri-lis'), anticus, posticus (questi due anche -quos),
amicus (am- 'attorno', quindi' che sta attorno '); - con -ii,
oerrù-ca (lit. virsù-s ' cima '), oarrùca (da carrus, forse sostitu-
zione di un *cutruca da currus -us) e poi cad-iicus albucus
lactùca ecc. Non è escluso che sulle fortune di queste forma-
zioni abbiano influito analoghe formazioni « mediterranee».

§ 223. - Alcune di queste formazioni con -quo-, -k- prece-


duti da vocale lunga sono in origine composizioni col grado O
o normale di *oqU- 'aspetto': tali specialmente quelle in -oc-
di iero» (fera + *oqu_) 'avente aspetto di fiera', solo» '~pLOV
1tOCXU' (solum, cfr. solidus), ve16x (vela), atrox 'sanguinolento'
(a.'l[c]t-ox di aser 'sangue' § 88), rispondenti a gr. KuxÀCù~,
oc!&o'~ ecc.

§ 224. - Un suffisso *-enquo-f-rfquo- (scr. apii/iic- 'aversus'


di apa = cX7t<), pratyaiic- 'adversus ' di ptati = 7tpOç, gr. 1to8-omoç
cXÀÀo8-oc7toç) si trova in propinquus longinquus e nel derivato
p'rovincia 'sfera di competenza del magistrato' (da un *pro-
'Venquos di ·provo- , ius ' = slavo pravo).

T L § 225. - t. Un suffisso -t-, designante spesso l'agente, ab-


biamo in anti-stes -sti-t-is euperstee (sto), hebes (hebeo), trame»
(*trans-mì-t- : meo), teres (tero), teges, gurges (gurg-ulio, [g]vor-are),
stipes, tudee (tundo), ind-iges (ago), sacerdos (*sacro-dhO-t- § 96),
forse custos (§ 118), loeu-pìe-t- man-sue-t- (nomin, -es), merqee
(cXflÉpyCù), seges (*seghO gr. ~XCù), ari-es cfr. ~r)L-cpoç; composti con
-i-t- di ei- 'andare', comes comitis pedes (§ 338) secondo cui
anzitutto equee miles (propriam. ' soldato', con *milo- da *mido-
§ 108: fl~(j&6ç scr, mi!lhdm 'mercede '), arquites 'sagittarii',
satelles (* ksatrolo-: scr. k~atriyas 'guerriero' '), indi ales caeles
rtime« palmes, -i-t anche in paries da *peri-it- 'che va attorno',
'che circonda' § 43; con -m- fomes (cfr. fomentum); di origine
ignota o incerta limes (: limus ') poples (: pulpa' cfr. it. poi-
116 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

pacc-io) tarmes termes. Abies contiene la radice di c1.~L-'J· ÈÀIXnJV


e il suffisso -a,t- di ÈM't""I); Cocles Coclitis è dissimilato per *coclex
cocleees: KuxÀtù\jJ (*quequlo-oqu- ' che ha una ruota come occhio 'l.

T § 226. - M,·, tr, L'elemento + rientra nei nomina agentis


ie. in -ter-j-tor-, nom. sg. -tèr -tor (gr. oo"t'1]p OW1"tùp; cfr. anti-sti-t-
e sta-tor-), di cui il latino ha esteso a tutto il paradìgma la
forma allungata del nominativo. -tal' (> -tor § 135); ma il fem-
minile in -tr-iai ci serba il grado O (scr, datr-t ece.), così pure i
derivati mole-tr-ina pist'rinum (molitor pistor). La forma della
radice è analoga a quella del ppp. e del supino (§ 231) e così
pure secondo questi si regola la sostituzione di -tor- con -sor-:
dator (ma SCI'. datti; in origine il vocalismo della radice era il
normale), genitor SCI'. janitti gr. ye:ve:'t""~p, perculsor, Secondo
rapporti come quello di pugnator (pugnare) con pugna e simili,
-tor- è diventato anche denominale: tiletitor, clavator, holitor,
iiinitor, portitor 'doganiere' ecc. Ciciitrix è forse forma rad-
doppiata con grado allungato da *kii[u] (§ 62) della radice di
xo:(tù Éxo:uao:. Sul derivato -tor-io- cfr. § 175 (1).

L § 227. - tro cio bro bio. Dal suffisso -ter- è stato tratto,
già in epoca ie., un -tro- indicante soprattutto lo strumento;
grazie alla esistenza di un -tel- accanto a -ter- (slavo doteli =
oo"t'1]p ecc.), analoga a quella di -lo- accanto a -ro- (§ 216), con
·tro- 'si alternava -tlo- (cfr. gr. &pO-1"PO-V ma c1.V-1"Àoç da *sam-:
sen-tina); infine, probabilmente in origine dall'unione di questo
suffisso con radici terminanti in media aspirata secondo § 118,
stanno accanto a -tro- -tlo- dei suffissi -dhro- -dhlo-, con ugual
valore. Da questi suffissi sono sorti in latino -tro-; -c(u )lo-
(§§ 88.41; ma ancora pilum da *pinsilom, diminutivo pistillum)
e, per dissimilazione con l nel resto della parola, -cro-; -bro-;
-b(u )lo- (ed -ii-). Abbiamo così:

(l) -t-er appare in origine formato coll' .er.(o). di § 209. come il derivà-
tone ·tTO·, ·tlo· (§ 227) ha funzioni simili a ·ro·, ·Zo· (§§ 208.217), p. es. in
ara·trum [ulc-ruan. ecc.
PARTE II. - lIfORFOLOGIA 117

§ 228. - a) arii-trum; rostrum (rodo), culter (dissimilato da


cor- di cor-ium xdpw), riister (1'ado) , cast1'!!:m (in origine' luogo
trincerato " cfr. il dimin, castetium, da *kas- 'tagliare', cfr. il
derivato castrare e SCI'. çae-trtim. ' strumento da taglio '), p16strum
(: gallico plox-enum ' carro' ?), mulctra, fulgetrum 'lampo', soutra
(: crxeuoç)j con -s-tro-, lustrum (luceo), monstrum (moneo), fenestra
(e antico fe[n]stra) assimilato da *fanestra (: cpottvW, cpotve-p6ç), e i de-
nominali capistrum colamistrum. rapistrum canistrum (canna) j dal
greco provengono sistrum e ostrum, questo da ocr't'peov preso anche
come ostreum, Da un *la-tm- (ablg. la-jl! 'latro') è derivato latrare.

T L § 229. - b) pocZom > piiculwm. SCI'. patram, piaculum, cubi-


culum, oramllum, adminiculum (: c-mineo), terriculum (terreo),
subucula 'camicia' (: ind-uo). mareulus (da *ma1ilo-, diminu-
tivo martellus onde è rifatto martulus; *martlo- dissimilato da
*multlo- cfr. malleus, marcus è retroformazione da marculus),
saeculum (gallese hoedl 'durata della vita '), e ambula-crwm
volUcra 'convolvolo '; molucrum è dal gr. fLUÀotxpov con assi-
milazione di a all'u precedente, ma rifatto secondo 'molo.
c) cribrum. (cer-no cri-menj l'aìrl, criathar ha -tro-), flabrum,
dc-lUbrum ' santuario purificatorio' pollubrum 'catinella' (dc-,
por-luo da -lavo -ere), lavabrum, ventilabrum (secondo cui il
denominale candclabrum)j Mulciber e Mulcifer (con -f- osco-
umbro), forse faber armo darb-in id. ablg. dobru 'abile' (*dha-
di fa-c-io)j aggettivale è questo suffisso in crèber (Cl'C-SCO) e in
calabra (curia: calare). Derivati sono lUdibrium e manubrium.
Illecebra, salebra (salio), scatebra, terebra, vertebra, palpebra
(e palpetra; da un *palp- con raddoppiamento rotto § 272:
1t!XÀÀecr&otL 'trasalire', cfr. palpitare) parrebbero dovuti, per
l'-e-, a influsso di tenebra (da *temes-ra § 208).
d) conciliabulum, exorabul1lm. sta-buium (pro-stibulum, nau-
stibulum) , pabulum (pasco), patibulum, tribulum (tero tri-vi),
fibula (figo), fabula (fari).

L § 230. - bili. Come accanto ai sostantivi in -1'0- -lo- gli


aggettivi in -ri- -li-, così accanto ai sostantivi in -bulo- abbiamo
118 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA.

aggettivi in -bili- (da -bli-): sta-bilis exoriibilis amiibilis flebilis


mobilis (§ 33); con dissimilazione dell'l, aneliibris (aneliire),
alebria ' bene alentia '; -i-bili- si è aggiunto a ppp. in flexibilis
plausibilis ecc. (cfr. fìetilis pensilis ecc. § 218); secondari sono
aerumniibilis exitiiibilis (: exitiiilis) e altri pochi.

T L § 231. - io. Fin da epoca ie., -to- forma aggettivi verbali


e alcuni sostantivi ('t"ot-:6ç scr. tatds lt. tentus) e aggettivi deno-
minali (lit. barzd6tas ablg. bradatu lt. barbatus).
r. a) P a r t i c i P i P a s s a t i P a s s i v i, che nelle for-
mazioni primarie antiche sono dalla radice in grado 0, ma spesso
hanno subito influssi, specie dal tema del presente, che attra-
versano questa norma: in-elutus xÀu't"6ç çrutds 'auditus, in-
clitus', diitus, ad-itus, liius, situs (e po-situs), dictus, ductus,
iietus (§ 25), striitus 0"'t"pw-'t"6ç, niitus eogniitus scr. jiitds e gen-i-tus
(secondo genitor), vomitus scr. viintds (*~,!,,9-), satus ratus con 9:
se- re- § 70, similmente eo-gnitus (ma no-tus) statu8 (stiirG); da
causativi in -eo, monitus da *mone- o *moni- ecc., secondo questi
alitus (ma antico altus, specializzatosi come aggettivo), taeitus,
ma, in doctus tostus da *torsitos (torreo da *torseio) la vo-
'<ie è caduta per sincope come quella di eectus da *seeiitos
(seeui da *seea-uai), iiitus da *io'J&.ii-, lautus lOtus § 22 da *lo'J&.ii-,
eautus da *ea~e-; fotus motus votus sono da *fo'Y;e- ecc. § 33;
oblitus è da -ivi- § 34; da basi verbali in vocale lunga (§§ 434 sgg.),
auditus amiitus ecc. Per l'ii di iiinetus piinctu« (con n dal pres.:
scr. yuktds, pf. pupug-i) cfr. § 24; per pietus {ictus strictu« cfr. § 25
Nota; [ultu« ultus sartus tortus sono da -lct- -rci- § 89; per em-p-tus
sumptus cfr. § 87.
Le radici in dentale formano -sso- da -tto- § 85 (e cfr. § 118):
morsus, sptmsus, piinsus e passus, pèneu», versus, claueu« ecc.,
iussu« § 104; secondo il rapporto elausi: elausus abbiamo fixus:
fixi ecc., mulsus: mulsi, mersus: mersi, pressus: pressi; secondo
pereulsus (-kld-to-) di pereello (-el-do) sono fatti pulsus a pello,
[alsu« a fallo, indi eursus a eurro e vorsus a vorro, verro; secondo
pensus si è avuto mensus (metior) per l'affinità semantiea, su
PARTE II. - MORFOLOGIA 119

ambedue è stato fatto eensus; il sostantivo eiisus -us ha provo-


cato lapsus -us e questo il ppp. lapsus; per nixus, nisus cfr. § 495.
Si notino inoltre: looiitu« eeoùtu» secondo argutus solUtus vo-
lUtus di arguo solvo volvo (questo con antico u, cfr. scr. varu-tdr-
, protettore', propriam. 'che avvolge', vdrutham 'difesa'
cfr. anche § 452); gavisus di *gavideo (> gaudeo) secondo visus
(§ 25) di video; mixtus dal preso *mik-skeio (> m'iseeo) secondo
piistus: *piis-seo e per evitare l'omofonia con micius (ma gr.
(J.LXTOç). Per mortuus cfr. § 164.
Valore di aggettivo hanno assunto aUus, aptus, attentus,
eautus ecc.

§ 232. - b) So s t a n t i v i: eubitus ~o dal gr. XU~LTOV?),


digitus (*deig- 'indicare' accanto a *deik- di dico ecc., come
in gt. taik-n-s 'segno '), hortus XOpTOç (e bar-a 'stalla' scr.
hdr-ati 'prende '), lectus (ÀÉx-TPOV ÀéX-oç gt.. ligan 'giacere '),
paliitum (?), multa (mulco?), nupta, porta (7te:p-cXCò, 7tOp-oç), antae
scr. ittiis 'cornice della porta' (·~iJ-).

T L § 233. - II. D e n o m i n a l i: (ne)fiis-tus, iùs-tus, angustus


(angor), arbustus (arbos), [ùmestu« (funus), tempestus, modestus
(*modos- onde moder-o) secondo cui moleetu« (: moles § 28),
ubertus; barba-tu» ansiitus hastiitus ecc., quindi (u'gent-iitus cin-
cinn-iitus alb-iitus priv-iitus cord-iitus; auri-tus pelli-tus mari-tus
(da un *mari- , sposa'), indi mell-itus av-itus; astU-tus cornù-tus
tribù-tu« belU-tus (bellua) Niitu-ta alù-ta (alu-men) 'cuoio ammor-
bidito coll'allume '; aegrotus è isolato; planta 'pianta del piede'
parrebbe da pliinus; senec-ta iuven-ta carectum {ilic-tum frutec-tum
onde dum-ectum ecc., hum-eetus; -è-to- in combrétum ficetum oletum
(olea) asprèta fimetum sabuletum sepulcretum cocetum 'pastic-
cino di miele e semi di papavero '; tuccetum ' carne in conserva'
(tucca ' salsa ') è parola gallica. In ordinali e superlativi appare
-to-: quantus tantus quartus, *q'}totito- in cotti-die da *quotitei
die (locativo), iuxtii da un ablativo *iugis-tiid (!LéYLa-Toç), ecc.

§ 234. - éruentus, piuttosto che da un tema in n prolungato


di -to-, è da *cru-vent- = avest. xr(u)vant- (cfr. § 243); secondo
120 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

esso, da violo è fatto violentus che, sentito come derivazione di


vis, ha dato origine a un suffisso -olento- in vinolentus (forse
sostituito a *vinovent- = gr. Otvozv't"-?), esculentus, tem~llentus
(temetum), macilentus (macies), truculentus (trux), gracil[ol]entus
Enn., an-cunulentae 'feminae menstruo tempore' (in-quinare).

T § 235. - ti, tiim: Il suffisso -ti- forma sin da epoca ie. ma-
schili nomina agentis e specialmente femminili nomina actionis;
in latino del primo impiego abbiamo solo alcuni resti; -ti- dei
femminili si è serbato solo in antiche formazioni, ha invece
trovato una fortuna straordinaria nell'ampliamento a mezzo
di -un- che costituisce il complesso -tion- (§ 198), ancora oggi
produttivo nelle sue continuazioni romanze. Abbiamo quindi:
a s c h i l i: hostis gt. gasts ' ospite' ablg. gosa id., fustis
l\{
da *fiirs-: &upa-oç, futis 'vas aquarium' (fu-nd6), vectis (vexo);
ma testis postis sono composti di tris por con -st-i- di stare. Un
antico nominativo n e u t r o è necèsse propriamente 'il non
recedere' (*ced-ti-: cedo).

§ 236. - F e m m i n i l i: ars arti-um (artus &p-cxp-LaxCil), cohors


(hor-tus), cos (: catus, o/a), cutis (xu't'oç), dos, [ore scr. bhrtis
'il portare' (fero), mors scr. mrtis, o
pars (pario), nox scr.
ndkti- lit. naktìs, puls (pollen), pestis (*per-sti- da per + dh + ti
di perdo rado dM- 'porre' § 118, cfr. scr. bhaga-tti 'dono di
felicità' di da- 'dare '), quies apers. siyati-m 'prosperitatem "
tussis (tundo), vitis (vieo), mens scr. matis (me-min-i), messis,
salUs (salv-ere), sitis scr. k~itis 'il venir meno '; parecchi di
questi temi sono conservati in casi irrigiditi col valore di av-
verbi, mentre il sostantivo esiste solo nell'ampliamento -tion-:
statim (statio), cursim (cursio), raptim ecc.
Come si vede dalla maggior parte di questi esempi, il grado
apofonico è quello 0, già da epoca ie.; in latino ha però avuto
luogo, specie per l'ampliamento -tion-, un adeguamento alle
sorti del ppp., cosicché si può dire che dal ppp. si forma l'astratto
sostituendo -titm- (-sion-) al -to- (-so-) del ppp. stesso. Cfr. censìo
edictio circumductio abitio mentio ratio potio ecc. Secondo casi
PARTE II. - MORFOLOGIA 121

come cenatio di cenare ma riportato a cena troviamo -( a)tion-


come suffisso secondario in arena-tio agricolatio ecc.

T L § 237. - Un -ti- troviamo anche in sèmenti» Cato (trasfor-


mazione di sernenta), inoltre in aggettivi indicanti la provenienza:
Arpinas, Samnts, Quirts, nostrés, cuitis (§ 383).
T § 238. - tu. Astratti maschili vengono formati a mezzo del
suffisso -tu- risalente ad epoca ie. i anch'esso si aggiunge alla
radice o al tema verbale quale appare nella formazione del
ppp., e assume negli stessi verbi che questo s per t. Esempi sono
cultus -iie, datus, ductus, iussus, aestus (= infin. scr, éddhum
, bruciare '), lUctus, plausus, USUS, victus, crepiius, spiritus,
habitus, arbitriitu», commetiius, magistratus, soriitus, arceseitus,
Dai rapporti arbitratus: arbiter, magistratus (magistrare PF.):
maqister, iudicatus: iUdex si è prodotto un denominale -iitus
in consuliitus pontificiitus, indi principatus, condiscipuliitus,
coelibiitusi accanto a cui stanno collettivi come senàtu« (senés)
comitiitus equitatus (: equitare!) peditatus.
§ 239. - Un impiego speciale hanno assunto gli astratti in
-tu-, in quanto le forme dell'accusativo e del dativo (cultu ecc.,
memoratui Pl.) sono state incorporate nel sistema del verbo
infinito colle funzioni di supino attivo e passivo: una cosa simile
osserviamo anche in sanscrito dove l'accuso sing. di tali temi
è usato come infinito (kdr-tu-m 'fare 'i in vedico anche il dativo:
é-tav-di 'andare', e il genitivo: e-to-s id.), nelle lingue baltiche
e nel paleoslavo dove l'accusativo funge da supino (cioè da
infinito finale): lit. duotue 'datum', ablg. delatu 'factum '.
T L § 240. - tiit, Probabilmente da antichi astratti in -ta- è
sorto già in epoca ie., coll'aggiunta di -t- o -ti-, il suffisso -tiit-
-tati- formante astratti femminili (scr. sarvdtat o sarvdtatis =
gr. oÀ6't"'YJC;): in latino esso è di largo impiego e appare nelle due
forme (gen. pl. civitat-um e -tati-um): iuventas (accanto a
iltventa), bonitas, som:etas (§ 43), aevitas > aetas (aevum)i comi-tas,
nobili-tas, simili-tas (secondo cui differitas per -entia), onde
-itas dopo temi in consonante come auctor-itas héreditas i ma da
122 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

temi in r, s, uber-tas sec. cui vidu-ertiis (Cato), eqes-ta« tem-


pesuu maiesta« (maius); con sincope, facultas (*facli-), simultas
(simili-), lioertn« (libero-) cfr. §§ 37.39. Aplologia in aest[it]as
(aestus), volunt[it]as (volent-j-ont-) ecc.

§ 241. - tUf. Analogamente dagli astratti in -tu- si è for-


mato un -tut(i)- il quale compare, oltre che in latino, nelle
lingue germaniche e celtiche (airl. oen-tu 'unità', gt. mikil-
dup-s 'grandezza '): iuventus senectii« servitus vir[i]tiis. Su
-tudin- cfr. §§ 86.200.
L § 242. - nt forma sin da epoca ie, participi attivi dal tema
del presente: amans -antis, stans, dans, haben», legens (ÀÉyov-r-),
capien», audiens. Mentre il scr. conserva nella declinazione la
variazione apofonica fra tema forte e tema debole (bhdrant-j
bhdrat- = ferent-), il greco ha generalizzato -ovr- nella coniu-
gazione tematica, -V'I"- nell'atematica (cpÉpov,·: ibx\lu\I't'-), il
latino ha -eni- (amant- è da -aient-; ma dant- potrebbe essere
da *da-nt-), che può continuare -ent- o piuttosto l'antica forma
debole -'{ft- (= scr. -at-). Resti della forma forte con -0- ab-
biamo in euntem, in volunt-[it]as accanto a volentem, e in fle-
xuntes ' equites ' seppure questa parola è di formazione latina,
inoltre in sons 'reo', propriam. 'colui che è (il colpevole) ,
contro ab-ssn« prae-sens (ens è stato formato da Cesare secondo
poténs: potest e certo con influsso del gr. 5\1'1"-; su potèn« cfr. § 519).
Dal tema di perfetto usato con valore di presente Plauto
(ap. Serv.) ha formato meminéns.
Come sostantivi sono usati aduléscéns cluéns parentés e
rudéns (~); come aggettivi frequéns (: farc-io~), prudéns (da
pro-v[i]déns) , repèn« (: rapio con e secondo recéns) , potèns,
recèn« (o questo da una radice ken- 'incominciare' in ablg.
po-éinlf 'comincio' ecc. ~), uvéns (uveo). Formazioni denominali,
generalmente tarde, sono p. es. stellans Lucrezio, gracilens Ne-
vio; da temi verbali in a non testimoniati son tratti elegans
(: lego), petulans (: peto, cfr. petul-cus). In epoca imperiale se-
condo beneficentissimus ecc. si è fatto il superlativo pientissimus
da cui è stato poi tratto un positivo piens.
PARTE II. - MORFOLOGIA 123

Forme non participiali con -nt- sono jons jontis (scr. dhan-
, scorrere '), jrons jrontis (messapico brunda 'caput cervi' '),
mons (: e-mineo), dens òa6v'r- scr. ddnt-jdat- (secondo l'analisi
corrente, participio preso di ed- 'mangiare' con grado O della
radice come s-oni- gr. i5v'r- di es- 'essere ').
§ 243. - Il suffisso ie. -,!!:ent- indicante l'esser provvisto di qc.
(scr. -vant- p. es. in hira'f}-ya-vant- 'ricco d'oro' gr. o-rcvé-evr-},
che abbiamo trovato in cru-enius § 234, è nascosto forse in
quadriins (secondo cui sextiins octiins) da *quadrii-vent- (cfr. qua-
drii-gintii) come gr. 'rE'rpéXc; -éXv'roc; 'moneta valente 4 oboli 'j
per triens cfr. § 134.
T § 244. - oso. Secondo un'opinione abbastanza diffusa ma
poco credibile, il suffisso latino -oeo- sarebbe da *,!!:ent-to- (o
*'!!:r!t-to-)j un'altra ipotesi vuole che -iieo- fosse in origine *-ods-o-,
cioè una derivazione con -0- dal grado O di *odos (= odor),
cosicché vinosus hircosus varrebbero 'che manda odore di
vino, di capro' e poi attraverso p. es. aquosu» contrario di
vinosus ecc. -seo- avrebbe assunto il suo valore corrente. Si
potrebbe anche scorgere in -oso- da -oseo- (§§ 25.79) un ppp. di
od- (oa-wÌ'Ìoc ecc.), cosicché vinos(s)us sarebbe' odoroso di vino 'j
e infine sarebbe da vedere in quanto hanno influito simili suf-
fissi « mediterranei », Comunque, -oso- abbiamo in [ormosu«
(scrittura tarda e volgare jormonsus), glori-osus onde labor-iosus,
luctu-osus onde mont-uosv«, pericul-osus onde met-iculàeue; da
temi in consonante abbiamo arI"Jbiti08US (forse secondo offici-osus),
"eligiosus, calamit[iit]osus, jragosus, cliimosus. Da aggettivi sono
derivati ebriosus (secondo vinosus), bellicosus (o questo da
bellicum 'suono di tromba che chiama alla guerra ').
T § 245. - ment, énsi. Accanto a -vant- il scr. ha un -mant-
con .ugual valore: mddhu-mant 'ricco di dolcezza " vdsu-mant-
'provvisto di ricchezze': si può pensare che uguale origine
abbiano clémens -entis vehemens -entis, il primo con una base
in -e- di *tel- (in tuli ecc.; *tle-ment- dissimilato in k-i, all'incirca
come 'rÀtXf.lWV), il secondo possibilmente da *vehes-ment § 28j
violens e pestilens sono ricavati secondo questi da -entus.
124 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Da -o-,!!:ent- + -ti- potrebbe forse derivare l'-ensi- di amnensis


, situato presso un fiume' atriensis camensis 'provvisto di mu-
seruola' oastrènsi« circensis [orénsis ecc., anche da nomi di
luogo: R6man-ensis e, partendo da Bononi-ensis, R6man-iensis,
Corinthiensis ecc. Questo suffisso, poco comune nella latinità
più antica, si è andato sempre più diffondendo col tempo ed è
l'origine del nostro -ese.
§ 246. - d. In alcune parole appare un elemento -do, non
sempre di ugual provenienza. Glans glandis equivale all'ablg,
zellfdt (senza d: gr. ~eX.ÀIXVOC;, *guI9-); fr6ns frondis pare contenga
il *dhron- di homo -9-pOVIX 'fiori'; pecue pecud-ie è formato da
pecu- come gr. &'xp(+ XE:fLeX.-S-; inoltre eapie (capi6), cassie
(*cat-ti-d: aated. huot 'cappello' da *kat-o- o *k6t-o-), cuepie
(forse da *kupsi- § 117: scr. ka-kUbh- 'punta del monte '),
lapis ÀE:1teX.c;; mercès (merx), palUs (scr. palv-alam 'stagno ');
cuppiJs (cupio). Ma hiJres è da *hero·red- (hero-: gr. X~plX ecc.;
rèd-: scr. radh- ' ordinare '), ouetos da -do-t- §§ 118.225.
§ 247. - do, bo. Il suffisso -i-do- contiene un antico -do-,
r
cfr. callidus umbro ace. pl. k a l e u f 'colla fronte bianca'
(con r da. d); -dii- in forda 'gravida' § 54, cfr. illir. ~lXpS~V
, violentare' SLS 175; non -i-dho-, poiché la glossa arfet che si
confrontava con ardet derivo di iiridus è da leggere ar(e)jìt, e
acerbus non è da *akri-dho (§ 104; ma cfr. sacerdo« da *sakro-dhO-t-
con d!), bensì con un antico -bho-/-a- quale p. es. in albus ocÀcpoc;.
Solo in qualche sostantivo abbiamo realmente -b- da -dh-.
Segnamo dunque: aggettivi, fumidus, gelidus, vividus irland.
beode, frigidus, pallidus, jluidus, sapidus, avidus, qualche volta
in relazione con temi verbali, qualche altra con temi nominali
(roscidus accanto a r6ridus per influsso di sùc-idu« o musc-idus);
sostantivi, morbus (morior) , verbum lit. vardas gt. waurd, barba
ablg. brada ags. beard, plumbum (*plou(n)dho-: irl. luaide da
*ploudhio-), turba. 't'up~'YJ russo tereb-ju 'arruffo, scompiglio',
columba ablg. golabl , gr. xoÀufL~oC; (-b-! cfr. XE:ÀIXLVOC;) e palumbes
-ie con passaggio ai temi in -i- (come gol'fM; per la radice cfr.
1tÉÀE:LIX), gleba (osco *glifa testimoniato dalle lingue romanze;
PARTE H. - MORFOLOGIA 125

lit. gleb-ti 'prendere fra le braccia '), herba ('PÉp~(ù 'Pop~~; h-


rustico, § 105), tuba (formazione da una onomatopea tu, tu-tu
come SCI'. dundu-bhis ' tamburo' da dundu-s id., anch'esso ono-
matopeìco). Nudus potrebbe avere d per t assimilato alla sonora
della sillaba precedente, se da *nog"otos = gt. naqaps = airl,
nocht. 01'udus è = SCI'. 1c'rurds, con dìssìmilaz. dei due 1'.

§ 248. - L'elemento -do- entra in due complessi suffìssali,


-bundo- e -cundo-, Il primo troviamo p. es. in nerberiibwndue
1'idibundus pudibundus juribundus da verbi, da nomi in arnora-
bundus eec.: è possibile che 'l'origine vada scorta in moribundus,
questo contaminazione di morbidus e moriundus, a meno che in
-bundo- non debba vedersi un secondo tema di composto con-
tenente gli stessi elementi che il presente slavo bad-a c c
'sarò'
da *bhii-nd(h)- di *bheua- lt. fui. Quanto a -cundo-, esso potrebbe
esser sorto in iù-eusuiu» fe-cundus fatti dietro l'esempio di se-
cundus ' favorevole 'i di qui poi il suffisso sarebbe passato a for-
mazioni di sfera semantica diversa, come fiicundus, iracundus,
verecundus, rubicusuiu» ecc., sempre da temi verbali.

T L § 249, - endo, undo. I nominati secundus moriundus con-


tengono invece il suffisso -undo- che in alternanza con -endo-
forma i cosiddetti gerundivi o participia necessitatis: legendus
legundus, audiendus audiundus ecc., formati dal tema del pre-
sente come il participio presente (che accanto ad -ent- da -eni-
o -r!t- aveva una volta -oni- onde -unt- in euntem, § 242). L'ori-
gine di questo suffisso è poco chiara: forse esso è sorto dal gerundio
legendi o legundi, audiendi o audiundi interpretato come geni-
tivo e che ha dato quindi di sé non solo gli altri casi del gerundio
(audiendo -um), ma anche il gerundivo. Quanto al gerundio
stesso, esso corrisponde esattamente all'infinito sanscrito (ve-
dico) in -adhyai: pibadhyai = bibendi « -dhiei: dal tema del
presente), bhdradhyai = ferendi, vdhadhyai = vehendi ecc. Il
gerundio e il gerundivo oscoumbri in -11,(11,)- da -nd- (non -ndh-):
u. pihaner ' piandì " o. li p s a n n a m 'operandam, faciendam '
sarebbero pertanto imprestiti morfologici dal latino.
126 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

§ 250. - ter, Un elemento -ter- appare all'uscita di nomi


indicanti parentela, appartenenti all'antico lessico ie.: pater
7t'1X't"~p scr. pita gt. fadar, miiier, frater; ianitrices 'mogli di
due fratelli' femminilizzato per *ianitres cfr. homo dVIX't"épe:ç
dato sg. èvlX't'p~ in una iscrizione greca della Lidia, lit. nom. sg.
jénte frigio LVIX't'e:plX scr. yatti( *:f:.rp-). Senza il -t-, soror da *sy:esor
con estensione dell'o a tutto il paradigma, cfr. scr. st'dsa lit. I~esu;;
gen. sese;s ecc. (il grado debole in sobrisiu» da *sy:esr-). Mauxor
è antico femminile con r del maschile con n che appare in scr.
uk~dn- 'toro' armeno am-usin 'sposo " propriam. 'provvisto
di marito (moglie)'.
Niente con questo -ter- ha che vedere quello di accipiter,
antico composto di acu- 'veloce' e *pet-ro- 'ala' scr. pdtram
cfr. scr. açu-patvan- gr. WXU-7t''t"E:poç. Quanto a venter (vendri-),
cfr. § 166.

T § 251. - s. Molto diffuso è nelle lingue ie. un suffisso -es-/-os-


(grado O, poco usato, -s-) formante sostantivi neutri che appaiono
anche come secondi membri di composti aggettivali, nel quale
caso il nom. sg. ha pel maschile e femminile l'allungamento della
vocale nel suffisso: più raramente il semplice appare come msc. o
femm., generalmente con apofonia o e allungamento di questo
nel nom. sg.: cfr. scr. jdnas gen. jdnas-as yévoç yéve:oç genus
generis e:ùye:v~ç ed Atawç -6[a]oç ecc. In latino la formazione di
neutri si limita al periodo preistorico, e il suffisso diventa im-
produttivo; invece i maschili, in cui il grado allungato del nomi-
nativo è passato a tutto il paradigma (quindi honà« *honos-is >
honoris § 113, poi honor con r anche nel nomino per analogia dei
casi obliqui), prendono sempre più piede. Il grado apofonico
della radice è, almeno in origine, il normale: nei maschili esso si
regola sul presente del rispettivo verbo, ove questo esista. Quindi
abbiamo foedus (fido), opue (ops) scr. tipas (a da o), hoius (antico
helos § 14; cfr. helvus), latus ir. leth (tema in -es-), onus (onu.~tus)
scr. dnas- , carro da carico " pondus (pendo) ece.; con o dal nom.
sg. nei casi obliqui corpus -oris (scr. krp- 'forma '), dedecus
(decet; cfr. il msc. decor -oris), frigus pr.yoç (sr-), pectus scr. pdksas-
PARTE II. - MORFOLOGIA 127
'parte, metf!" ala' airl. hucht (*poktu-) 'petto', tempus (ma
adv. temperci, tempes-ta« ecc.: lit. temp-iù 'tendo '), penus
(adv, penes locativo adesinenzìale ' nell'interno " dal più antico
significato di penus 'la parte interna della c~sa '); in aequor
l'r è penetrato anche nel nominativo, forse per analogia di marmor
(antico tema in -r); il grado O del suffisso abbiamo in far farris
(da *fars-, cfr. gt. bariz-eins 'qi farro' = far[r]ina), arcaico
ioux-menta > iumenta (: iuger-a - ~EUYECX), aux-ilium (: augus-
tus, a'ijgeo), anx-ius (: angus-tus; il lt. conserva il msc. angor),
ius 'diritto' SCI'. y6s 'benessere " pus 1tUOç, rus avest. ravah-
'spazio libero '; cfr. anche lixa § 163. In aes aeris (deriv,
ahemM *aies-no-) SCI'. ayas ayas-as l'e dei casi obliqui è passato al
nominativo.
Maschili sono decor -éris (accanto a decus), error, amor, labor
(-os), terror, fragor (frango); femminile arbor (-os), pensato come
femmina, cfr. il genere dei nomi di piante. Il costituirsi di sistemi
come algor: alge(sce)re: algidus, cando,'.' oamdère: candidus ecc.
ha fatto sì che putror pigror caldor si regolassero secondo i
rispettivi aggettivi; quindi le formazioni in -or- direttamente
dagli aggettivi, lUror (lurid~ls), amiiror, nigror, aegror ecc.

§ 252. - Con -nos-: fac-i-nus, fenus (: [e-tue, cfr. "t"oxoç: "t"Ex"t"<Ù,


ital. 'ì frutti '), pignus (: pingo: segno fatto per ricordare l'im-
pegno ~), volnus (* '!.!;elanos-: airl. fui l da *'!.!;oli- 'sangue', OÙÀ~
da *foÀ-vii 'ferita, cicatrice '), funus (*dhou- in gt. dau-p-s
, morte '), mu-nus (mu-tare. moi-).

T L § 253. - Venus -eris (derivato venenum da -es-n- , filtro amo-


roso ') è l'antico ntr. = SCI'. vanas- 'desiderio', evidentemente
femminilizzato a designare la dea straniera, Afrodite, entrata nel
Pantheon romano dove si aveva un genio non antropomorfo per
questo sentimento: cfr. la mascolinizzazione di Cupido raggua-
gliato a "Ep<ùç. Vetus, in origine' anno' cfr. gr. (f)~TOç, usato
apposizionalmente ha finito col diventare aggettivo. Un antico
femminile in -oe (onde -os- nei casi obliqui) è stato ampliato
di -a, Aurora cfr. § 163; altri derivati sono arbustus, suboer-
128 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

bustus (verber-a) e »erbena; fiistus, iustus; tenebrae (dissimil. da


"temebrii-: l'antico tema in -es- e con m è conservato nell'av-
verbio, antico locativo, temer-e, propriamente' al buio '), oerebrwm
mémbrum § 208; vener-ii-ri iuriire (ius) ecc.
Da temi in -es- son fatti gli infiniti in -se -ere -re (loeativi, da
-es-i, -s-i): esse legere audire, cfr. § 566. Dal grado O di temi in s
è partito l's di complessi suffìssali come -sno- (p. es. luna da
*louk-s-nii: scr. récas- , splendore' § 186), -slo- § 217 ecc.

T § 254. - Altre formazioni con s sono i maschili (i primi due


anche femminili) cimis x6vtç, pulvis (: pollen) , 'I)()mis (e vomer
secondo i casi obliqui: da *'!!:.og"zhmis-, cfr. gr. Iltp-vtç, con v per
dissimilazione colla labiale precedente Y); glis glir-is (scr. giri-s
, topo '), fl6s (gt. bio-ma ' fiore '), fiis (fii-?'i), erii« (arm, sru-n-k'
, gambe '), glOs (Y&À6.lç slavo *zuluva: antico tema in -o[u]- Y);
etrusco è forse Liir (antico pl. Las-es) § 339, greco tù« (Moç l).
Temi anticamente in -9S- (come scr. kravis- , sangue' = xpÉocç,
lt. cruor- passato nell'analogia dei msc. in -os -6ris) sono spés,
nom. pl. antico sper-és gen. spér-um da *spejes- (cfr. scr. sphety-ate
, prospera ') che dal nom. spés (-é- da -*éjil-) ha rifatta la sua
declinazione e ha assunto genere femminile secondo il semantica-
mente affine fidés, § 354; e vis da *'!!:.i9S plur. vir-és vir-ium ecc.
forma debole rispetto a *'!!:.ej9s nel scr. vdyas- 'forza vitale,
ecc. " il cui singolare (solo nom. vis acc. vim abl. vi) è rifatto
di sul nominativo interpretato come femminile e analizzato
in vi-s, cfr. § 343.
T L § 255. - Tema originariamente in .~ è quello dei comparativi,
con suffisso *-ies-, nom. sg. msc. *-;,6s che in lt. ha dato la forma
del tema all'i.ntero paradigma (antichi meliàsem; meliiisibu» e
maiosibus); rimangono -jos nel nom. sing. ntr. melius maius,
e avanzi dell'antica apofonia in derivazioni come maies-tns,
del grado O -is- in mag-is e nell'-is- che con -simo- forma il normale
suffisso -issimo- di superlativo § 206 (nonché in iuxtii sincopato
da' *jeug-iHad). La forma ie. di questo suffisso, *-ies-j-ios-, si
aggiungeva in origine alla radice, cfr. scr. ndv-yas- di ndva-s
, nuovo', bdrh-i-yas-: brh-dnt- 'grande', gr. ÈÀ&.O'O'6.l da *ÈÀIXX,-
PARTE II. - MORFOLOGIA 129
iocr-a.: ÈÀa.x-uç; in lt. ciò si osserva ancora in maiior (*mag-ios-):
mag-nus, mel-ior, peiior (*ped-), propior: prop-inquus, senior: senex
senis, nequior: nequam; altrimenti -ior- si aggiunge al tema dell'ag-
gettivo privato, se è il caso, della vocale finale. JJ[ inor e min-ister
son fatti secondo maiior maqis-ter da minus, probabilmente in
origine tema in -u- onde minu-o, ma sentito simile a maiius e
conseguentemente trattato; primore« dev'essere una contami-
nazione di primi e priorcs; plUs da *plo-is, di qui plUrimi antico
ploir-wmè: ma pteores del Carmen Arvale, se vale plures, sarà
da *ple-j,os-. Forse un antico femminile di comparativo (: mollis?)
è mu lier da -ies (cfr. muliebris da -es-ri-); altrimenti msc. e femm.
hanno assunto la stessa forma (scr. navyas-, f. navyas-i), come in
greco. Come magis è formato nimis (antico nimiu« come maiÌ1ls),
forse tratto dalla radice nem- parallela di em- 'prendere' (gt.
niman ecc.), col significato di 'capacius'; satis (: satur) pare
formato secondo nimis, ma potrebbe anche essere antico av-
verbio dello stesso tipo.

L § 256. - Alla categoria dei temi in -s- apparteneva infine in


epoca ie. il participio perfetto attivo con -'!!:es-/-'!!:os- (scr. vid-
vas- = gr. da-wç), grado O -us- (scr. vidu~- gr. tau[cr}'La.), alter-
nantesi con -,!!:ot- (scr. strum. plur. vidvad-bhis gr. da6't"-oç).
Resti di questo suffisso vanno scorti in cadii-oer (cado) e pa-
pii-ner (?), in memor (da *memus- § 18 per *me-mn-us-, cfr.
§ 204 -mo- per -mno-, = avestico ma-mn-us-; radice *men- di
memini), infine negli avverbi seeus (seco), tenus (teneo), apud (da
*ap-,!!:ot: apiscor), haud § 581. Un prolungamento del nominativo
potrebbe essere seoèru« (per *sevcs-o-) da *segh-,!!:cs di *segh- gr.
~x(ù scr. sah-ati 'vince, sopporta, resiste' partic. pf. sahvas-;
cfr. per-seoèrdre 'pazientare, esser costante ',

§ 257. - D i m i n u t i v i.
Tra i vari suffissi diminutivi in uso ad epoca ie., sono conti-
nuati in latino -lo- (scr. vrsa-ki-«
o.
'ometto' di vr'san-,
o •
gr. eXp-
x.uÀoç 'orsacchiotto ') e -ko- (scr. dçoa-ka-s 'cavalluccio',
gr. ~(;)fLa.~ 'altarino '); il secondo però, salvo in alcuni verbi

9 - v. PISANI. Grammatica latina storica (' comparativa.


130 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

denominativi (nigricare albiciire; di qui deverbativi come velli·


care: cellere ecc.), è adoperato solo in combinazione col primo.
Per quanto riguarda il valore dei diminutivi, si noti che di fre-
quente essi assumono una sfumatura di vezzeggiativi (corculum,
ocellus, passerculus, Catullus: Cato o Catulus, Marcellus: Marcus,
Lucilla: Lucius) o dispregiativi (homunculus, plebecula, popellus:
populus). Abbiamo le seguenti formazioni:

§ 258. - -lo-, -ulo-: are-ula, digit-ulus, fac-ula, meretric-ula,


capit-ulum, adulescent-ulus, cat-ulus (secondo cui vetulus di
vetus; un più antico diminutivo è vitulus con i « simbolico ))),
calc-ulus, voc-ula, reg-ulus, meroèd-ula; cop-ula di capis, corb-ula
di corbis; agellus, austellus, rallus (rarus), integellus (secondo cui
miscellus 'l, misellus, scutella (scutra); ampulla (amp[h]ora) ,
pullus (purus), satullus; columella (columna), bellus (duenos>
bonus), asellu«, [èmeila, gemellus (geminus), oaièlla (catena),
Hispallus, vallus (vannus), corolla, persolla, ullus (unus), villum
(vinum) §§ 37.39; lapillus (lapid-); pugillus (pugnus), sigillum
(signum), tigillum (tignum), ligellum ' tugurium' Non. (lignum),
scabillum e -ellum (scamnum), pistillum (*pistlo- > pilum),
maxilla (mala), paxillus (palus) § 39. Da aggettivi in -ino-:
bovillus suillus catillus (e catinulus) sabillurn. Senza sincope,
pulvinulus miserulus puerulus (ma puella) ecc.

§ 259. - Il complesso -ko-lo- abbiamo in ensi-culus, aedi-cula,


anati-cula, arti-culus, meti-cul-òsu« (metus), corpus-oulum (secondo
corpueculum: corpor-is Gellio ha barbascuius: barbar-us l), os-
culum; con sincope prioicloes (dat.-abI. pl., Fest. 205) di prious,
cfr. it. soletto; con i per i tematico, apicula Pl., clavicula Germ.,
canicula Iuv. ecc., ove l'allungamento (accanto alla normale
forma con i) dev'essere metri causa, ma esso pare stabile in
[ebrioulòsu« (febrl,cu.la) , pediculOsus; labé-eula, nubecula, vulpe-
cula (secondo cui ovecula Tert., strigilecula Apul.). Da formazioni
di temi in -on- come homun-culus earbun-cutu« si è sciolto l' -un-
cuiu« di fur-unculus Cic. ecc. Generalmente, come già insegna
Prisciano, la forma con -Ul1l-S è usata pei nomi di I e II declina-
zione, quella con -culus per i nomi delle declinazioni III, IV e V.
PARTE II. - MORFOLOGIA 131

§ 260. - Abbiamo incontrato già maxilla ecc. da temi an-


tichi in -lo- (-la ); similmente troviamo fabella (falJula), maiella
(matula), popellus (populus), tabella (tabula), ancilla (anculus),
bacUlum (baculum), pocillum (poculum), cingillum (cingulum);
qui si tratta del risultato dell'aggiunta di -lo- diminutivo al
tema in -lo- (*fablo-la, *poplo-lo- ecc.) secondo § 39. Analoga-
mente, l'aggiunta di -lo- diminutivo a temi già diminutivi
ha dato -ello- -illo- in agnellus (agnulus), vitellus (vitulus),
anellus (anulus), catellu« (catulus), cistella (cistula), sitella (si-
tula) , oulcùella, digitellum, locellùs (locul1Ul) , nooellus, haedillus,
armilla, mamilla, tantill1tS, tonsilla 'ormeggio' (cfr. tonsa
, remo ') ecc. ecc., e blandiccllus (blandi-culus), mollicellus (mol·
liculus), penicellus ecc. ecc.; onde suffissi diminutivi -ello-
-oello- usabìli direttamente senza l'intermediario di un primo
diminutivo in -ulo-, -culo-, quali i nostri -ello- -eello, Mentre
qui il fatto che si tratti di diminutivi da diminutivi è oscurato
dallo svolgimento fonetico, esso appar chiaro in ancillula, bel-
lulus, p1tellula, ecc.
§ 261. - Derivazioni da diminutivi sono aculeus, equuleus,
manuleus, nucleu« (nucula, nux), matelliJ (matula), rubelli6
'un pesce' (ruber), ecc.
T § 262. - In nomi propri femminili dell'epoca imperiale si
diffonde un nuovo suffisso diminutivo, -tua- (Atitta Bonitta
Garitta Frunitta eec.), origine dell'itaI. -euo,
§ 263. - Oltreehé da sostantivi, i diminutivi possono foro
marsi da aggettivi (aliquantulus, auritulus detto dell'asino,
audaculus, frigidulu8, breoicuius, turpiculus), anche compara-
tivi (plUsculum, meliusculus, minusculus); inoltre da alcuni
avverbi: saepiuscule PI., clanculum PI. Enn. (e clancule) , emi-
nulus LuciI.: queste derivazioni hanno valore chiaramente
affettivo.
T § 264. - D i s t i n z i o n e d e l g e n e re.
Il latino ha ereditato dall'ie. la distinzione dei tre generi
maschile, femminile e neutro, la quale è solo in parte basata.
132 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

su una concezione naturalistica, in quanto distingue gli esseri


della vita animale e vegetale in maschi e femmine e attribuisce
le « cose» al genere neutro: ma, seppure si debba tener conto
di estensioni metaforiche delle tre categorie, per cui noi par-
liamo ancor oggi di « chiave maschio» e « chiave femmina»,
o Latini e Greci usavano il femminile per i nomi di piante,
concepite come madri del frutto, designato col neutro (come
'tÉxvov), o appunto 'tÉxvov come il ted. Kind ecc. sono neutri
perché il piccolo di uomini o di animali vien considerato una
cosa di cui il sesso non va necessariamente definito, come irri-
levante; seppure il genere maschile o femminile degli astratti
vada spiegato col fatto che in origine si trattava dei nomi di
divinità personificanti una certa qualità o attività o simili;
seppure si debba tener conto di ciò e d'altro, è certo che molte
volte, in latino e altrove, non si può dare spiegazione plausi-
bile del genere grammaticale di molti sostantivi, se non quella
che in origine non esisteva una forma tematìca speciale a desi-
gnare il maschile in contrapposto al femminile; e che, sorta
la « mozione» degli aggettivi per cui certi suffissi (p. es. -a-)
o desinenze erano peculiari di un genere, altri di un altro, i
sostantivi si sono parzialmente regolati per l'attribuzione del ge-
nere secondo le loro particolarità tematiche. Lo stato di cose più
antico è continuato ancora in latino da quelle coppie antitetiche
di maschili e femminili in cui la distinzione dei generi non
vien data da variazioni suffìssali, ma per un genere e l'altro
si adoperano vocaboli affatto diversi, come è il caso di poter
e miiter, frater e soror (gr. ut6ç e &uytX'!1jp), taurus e vacca, aper
e scrofa, hircus e capra, servus e ancilla, mas e femina, vir e
uxor, vir e mulier, sene» e anu.~, maritus e sponsa ecc. D'altra
parte abbiamo parole indifferenti al genere (epicoena) quali
merula anas turdus bos sus, anticamente puer (Fortunae Iovis
puero primigeniae); talvolta ad un epicoenum si oppone la
designazione speciale del maschio generante, come in aries,
verres rispetto ad ovis, sus per sé indifferenti; è del resto da
osservare che in epoca arcaica, anche di quegli epicoena i quali
coll'andar del tempo si sono scissi a mezzo di distinzione suf-
PARTE II. - MORFOLOGIA 133

fissale (lupus lupa, puer puella), il genere viene di preferenza


indicato con una determinazione aggiunta, attributo o ap-
posizione, come in lupus temina, haee agnus, mea puer.
T § 265. - NOTA. - Confusioni di generi, conseguenti in ispecie alla ten-
denza di eliminare il neutro, e accentuantisi in latino volgare, hanno luogo:
I. in quanto i nominativi plurali neutri in -a vengono considerati
come nomino sing. femminili e introdotti nella I declinazione: mendum e
menda -ae, riipwm. e rapa -ae (cfr. ital. la frutta per le frutta), con vittoria
generalmente del tipo femminile;
T II. in quanto presso i temi in -0- i neutri tendono a diventare maschili
(cfr. pel lat. volgo § 301): questa oscillazione fra i due generi si trova già
nei più antichi monumenti (dorsus Pl. per -um, ecc.), ed è dovuta in parte
alla presenza di forme di plurale in -a da temi maschili in -0- come ioca
di iocus, loca di locus ecc. (oltre ioci loci), un fatto già ie. come mostrano
casi greci del tipo ".\J'x-ÀOC/v..UKÀrx: le forme in -a avevano originariamente
funzione di collettivi, cfr. anche § 314. Ma soprattutto, sia in I. che in II.,
è I'inutìlità di un neutro, che oramai non aveva più una parte significativa,
a provocare la progressiva eliminazione di questo genere.
Pei nominativi neutri di III declinazione come audax cfr. § 346. Per la
mascolinizzazione volgare di temi femminili in -0- cfr. § 301.

§ 266. - La distinzione mortologica dei generi avviene in


latino:
Presso gli aggettivi in -0-, colla sostituzione pel femminile
del suffisso -ii- ad -0-: bonus bona, piger pigra ecc.; gli altri
aggettivi hanno di norma una unica forma,. salvo quelli in
-ri- (acer ncris tJ:cre) nel nominativo, dove tanto *-ris del msc. e
femm. quanto *-ri del ntr. avrebbero dovuto dare -eri ma
nel ntr. si è ristabilito -re secondo gli altri aggettivi di III de-
clinazione, e accanto ad iicer ecc. anche acris sempre secondo
gli altri aggettivi (agilis: agile), restando acer e acris usati
promiscuamente per maschile e femminile: in epoca classica
ncer è andato restringendosi al msc. per influsso degli aggettivi
di II declinazione coma piger, e pertanto aerie restava riser-
vato al femminile: alcune forme isolate quali paupera sublima
gracila sterila non hanno bisogno di spiegazione. Il neutro
condivide, fin da epoca ie., la forma tematica del msc., da cui
si distingue nel nom. ace, voc. per le desinenze (cfr. § 303).
]34 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

§ 267. - Per i sostantivi possiamo distinguere:


a) La contrapposizione di derivazioni non aventi valore
specifico femminilizzante a maschili altrimenti formati: socer
socrus, flamen flaminica, haedus haedilia, porcus porcilia; spe-
cialmente usato a quest'uopo è il diminutivo, in puer puella,
anculus ancilla, caper eapella.

T § 268. - b) L'uso di suffissi femminilizzanti o « di mozione »,


Il più comune di tali suffissi è -ti-, contrapponentesi fin da
epoca ie., secondo l'esempio degli aggettivi, a maschili con -0-
(&ve:ljJt6ç &ve:ljJtli, scr. dçoa« 'cavallo' dçva): dea domina era
serva coqua magistra socia marita equa agna capra lupa puera
(Liv. Andr.), perfino vira e taura (Fest.); da temi altri che in
-0-, Sospita clienia hospita fidicina Praestita coniuga; lea è fatto
da leo secondo il rapporto di lena e leno per cui cfr. § 197; da
sostantivi già femminili, socrua nurua e socra nura, ecc.
Accanto a questo, in epoca ie. esisteva un suffisso -ia- con
nominativo -i o -ja, che ritroviamo in avia fratria ' uxor fratris '
Maiia = scr. maht 'la grande; la Terra', in neptis per -t-s
(§ 166; forse il nom. sg. femm. ferens può essere da un analogo
*ferentis sincopato come nox nomino per *nokti-s ecc., e poi
secondo il nominativo si sarebbe adeguato l'intero paradigma
a quello del maschile), e, ampliato di un suffisso gutturale,
in victri-x nutri-x ecc. (§ 222): in gallina regina pare doversi
scorgere la contaminazione di un tale nominativo in -i con un
femminilizzante in -on- ampliato con -a- quale abbiamo trovato
in alcuni nomi di divinità, § 177 (quindi regina = *regi +
*regona).
Nel tardo latino penetra dal greco il suffisso -isea: abbatissa
fratrissa ecc., onde il nostro -eesa.

§ 269. - Naturalmente tali suffissi femminilizzanti si usano


anche dove non vi sia un maschile cui contrapporre la forma-
zione, come è il caso di pronuba, puerpera, vipera « vivipara
§§ 150.162); del resto, -a- è impiegato anche come un qualsiasi
formante (§§ 161 sgg.), solo che le parole con esso formateten-
PARTE II. - MORFOLOGIA 135

dono ad assumere il genere femminile, così nocti-luc-a; sangui-


sug-a, bii-cin-a ecc. (però agricola ecriba ecc. restano maschili).

§ 270. - Va qui accennato al fenomeno inverso, della for-


mazione di maschili da femminili colla sostituzione di -0- ad
-a-: viduus da vidua (scr. vidhdva gt. widuwo airl, fedb ecc.),
sponsus da sponsa, concubinus da concubina; dall'epicoenon
columba si ha similmente columbus. Si notino anche le deriva-
zioni maschili da femminili come capreolus da caprea, galli-
niioeus da gallina.
Un caso simile è avvenuto coi « plurali ellittici ll, in cui il
plurale di un tema indica tanto l'essere maschile quanto il
femminile di una coppia designati con temi diversi: patres =
pater et mater; avi = avus et avia. Da un tal plurale, genitores
= genitor et mater, è sorto genitrix (antico: cfr. anche gr. ye-
vÉ't"wp 'Yevhe~plX).

§ 271. - F o r m e c o n r a d d o P P i a m e n t o .
Come in quella del verbo, così nella formazione del nome
ie. ha funzione importante il raddoppiamento, anche quando
esso non sia del tema verbale da cui il nome è tratto, come
a vviene in bibulus da bibi), consistorium (epoca. di Diocleziano)
da consisto e nei presenti bibèn« sisten« seren» gignens. Astra.endo
dalla ripetizione di parole intiere (quisquis, quidquid, quotquot,
quantus quantus, quamquam, utut), possiamo distinguere due
tipi:

T L § 272. - I. La radice, spesso una onomatopea, è ripetuta


per intero (raddoppiamento intensivo): Marmar (= Mars),
murmur querquer turtur cincinnus career farfarus furfur marmor
(: fLlXpfLIXLpW); con dissimilazione delle liquide ,cancer curculio
gurgulio; da radici in vocale, cuciilu», tutulus (o l appartiene
alla radice '), *baba (fonte dell'ital. bava) in bab-ulus sopran-
nome presso Apuleio baburrus 'stolto'; da radici a iniziale
voealica, ul-ula, up-upa ~7toljJ. Una sezione speciale di questo
tipo è costituita dal cosiddetto raddoppiamento spezzato, per
cui, mentre la sillaba reduplìcativa conserva intera la radice,
136 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

la radice stessa è ridotta al suo primo suono: bai-b-us (cfr. ~&p­


~ocp-oç, scr. bal-bal-ii-karoti 'balbetta '), grex gregis (*ger- in
&ydpw), bom-b-us, gur-g-es, pu-p-us, palpebra § 229. Di questo
tipo sono formazioni verbali come gingrire, pipiare, 'tintinnare
(e tinnio), bii-b-ire ecc.

§ 273. - II. Della radice è raddoppiata solo la prima con-


sonante, spesso la vocale (che può esser sostituita da altra);
cosiddetto raddoppiamento sillabico: [e-br-le (scr. bhur-ati
'si agita' rado *bher- Y), ti-ber (*bher- di lit. bèr-ae 'bruno '),
cu-curbita, cucumis, cuoullu«, populus (: pello o pl-eo Y cfr. pléb«
T.À'ìj&oç), pa-pilio, cicaro, cicatrix, cicer, cicirrus (cfr. chicchi-
richi), cicindela (: candela), cioonia (: cano), cicuma 'civetta',
qui-squiliae (cfr. xo-axuÀfL!X't"Loc), ni-mbus (: neb-ula) susurrus. In
formazioni verbali, cfr. cucubare (detto della civetta), cucurriare
(del gallo: cicirrus), cacabare (della pernice; dal greco Ycfr. xeoe-
x!X~oc· 1tépa~1;, xocxxoc~(~w), titillare, tetrinnire (dell'anitra), titubare.
Per memor cfr. § 256.

T § 274. - Retroformazione e i p ost a si ,


Abbiamo spesso incontrato delle r e t r o far m a z i o n i, ossia
parole sorte per un processo inverso a quello onde si fanno nor-
malmente dei derivati. P. es. da nomi in -ii- si traggono di solito
verbi in -are; viceversa da pugnare, che è denominativo di
pugnus, è stato tratto pugna, da luctari Ausonio trae lucia
secondo il rapporto di cenare con cena ece.; similmente da
administrare composto da ministrare che è derivato di minister
si è fatto administer; da adulterare, composto di alterare col
significato di corrumpere matronas (§ 44), adulteri da ab-undare
(di unda) abundus, così pure aocomodus deproperus festinus
opinus insignis praesignis transformis efierue (: fera) sèpo» (che
non ha nulla a vedere con piir paris) congrex dai rispettivi verbi.
Un caso interessante è quello di trunou« aggettivo, che è tratto
da trwnciire, denominativo del sostantivo truncus. Analoga-
mente avviene nella creazione di nomi da nomi: secondo il
rapporto di textus col suo derivato textilis, Aviano ha fatto
PARTE II. - MORFOLOGIA 137

fertu8 da fertilis; dai diminutivi scutella (di 8cutra) aucella (di


avi-cula) si sono tratti i nuovi positivi scutula ed auca (> it.
oca); da irreligiosus, negazione di religiosus da religio, è venuto
irreligio; da composti sono stati derivati semplici come nocentia
da innocentia astratto di innooens, vagus da nemorivagus mul-
tivagus ecc.

§ 275. - Un fenomeno simile abbiamo ove da un femmi-


nile è stato ricavato un maschile (viduus, epiineu» § 270); e
in generale nelle cosiddette i p o s t a si, quando da una
forma di caso, o da un avverbio, o da un complesso sìntattìeo
si ottiene un tema nominale: Iuppiter nominativo dall'antico
vocativo (§ 344), fiuentum it"igemm dai nominativi plur. fluenta
iugera di fluéns e *iugos = gl'. ~e:uyoç, epu16nus dal gen. p1. epw-
làwum. inteso come accuso sing. se usato coll'accuso di un nome
proprio; pLUsculi da plusculum, penitu« adi. da penitus adv.,
supernus da super-me; sé'vir da sé (per se» § 92) viri, triumvir
dal gen. pl. trium virum, eeptentrià da sepiem. trionés (' sette
buoi', cioè le sette stelle dell'Orsa), meridiés dal locativo
*mediei dié (§ 108), intercus (i. e. aqua) da inter cutem, pro-
portio da pro portione, proconsul da pro cèneule, sedulus sécurus
da sé (= sine) dolo cura, perno» da per noctem: similmente,
con l'aggiunta di suffissi, suburbiinus da sub urbe (secondo
urbiinus), psmoeriwm. da post moeriis (= muros).

§ 276. - La formazione dei nomi in latino volgare.


Nel corso del tempo parecchi dei suffissi fin qui trattati han
cessato di essere produttivi, alcuni hanno acquistato speciale
diffusione, qualche altro se ne è aggiunto. Diamo qui un rapido
sguardo ai suffissi produttivi in latino volgare, trascurando quelli
oramai non più vitali seppure rimasti in parole di antica forma-
zione e tuttora usate. Si noti che u finale di tema si è confuso
con o (§ 139).

§ 277. - -o-I-a- è rimasto specialmente per ricavare dai verbi


dei postoerbaiia (retroformazioni, § 274), secondo p. es. cantu8
138 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

(tema in u) da canere ma raccostato a cantare: DOLU it. duolo


da dolet, ACCUSA da accusare, ital, doglia (doglio < doleo), voglia
« voglio) ecc. Dalle antiche formazioni con -qn-o- (§ 158) ab-
biamo ancora l'-igno di ital. caprigno rossigno ecc. Una nuova
categoria di nomi in -a è data dal suffisso greco -(01.- (astrologia
philosophia), onde ìtal, allegria cortesia libreria (da libra-
rius) ecc.

§ 278. - -io-/-ia- si fonde con -eo- (§§ 169 sgg.; 182) dando
anzitutto nuovi aggettivi come MITIUS it. mezzo 'troppo ma-
turo' (mitis), ILICEus it. leccio, FAGEUS it. faggio, CORTICEA
it. corteccia, LINTEA it. lenza ecc.; -ia forma astratti da agget-
tivi come ANGUSTIA it. angoscia, MINACIA it. minaccia, VERE-
CUNDIA it. vergogna, FORTIA ìt, forza (COMPANIA it. compagna
p. es. Inf, XXVI 101 è da COMPANIO) e nomi di regioni e città,
come già Britannia Bononia (it. Bretagna Bologna) così it. La-
magna (ALEMANNIA) Borgogna da Alemanni, Burgundi.

T § 279. - Alcuni nuovi conglomerati con -eo- sono -ùceo-


(pannuceus), -oceo- (già mancante in lat.), -sneo-, -onia- onde
le forme italiane con -uceio (cavalluccio), -occio (belloccio),
-ogno (verdogno-lo) , lat. vlg. in -onia (EBRIONIA it. sbornia, ecc.);
di vecchi conglomerati restano in vita -nneo- (INTERANEA
it. entragna, CAMPANEA, MONTANEA), -iiceo- (GALLINACEUS it. gal-
linaccio, FOCACEA, PLUMACIUM, SETACEUM e in ìtal. i peggiora-
tivi con -accio); con -io-/-ia- i conglomerati antichi in -itia-
(astratti aggettivali: DULCITIA it. dolcezza ecc.); in -torio-/-sorio-
poco vitali come aggettivi salvoehé in rumeno) ma al ntr. e
al femm. produttivi di sostantivi diversi (cfr. ital, annaffiatoio
asciugatoio frantoio rasoio e strettoia tettoia); in -nrio- formante
sostantivi msc. (It, già argentarius, cfr. ital. ferraio calzolaio ecc.),
neutri specie in tardo latino (aerarium, armarium it. armadio,
it. acquaio) e femminili (lt. arenaria 'cava d'arena', it. eal-
caia caldaia ecc.); in -ieio- ed -toio- (it. campereccio ecc.; a
questi si è aggiunto LATRONICIUM > ladroneccio per latrocinium;
e PELLICEA i. e. vestimenta > pelliccia, it. fatticcio, arsiccio ecc.),
PARTE II. - MORFOLOGIA 139

§ 280. - Abbastanza diffuso è -ivo- (§ 185) che in ital, dà


-ioo ed -io, p. es. in tardivo corrivo e restio, bacio (oPAclvus)
secondo cui solouo,

§ 281. - Ben vivace rimane -ano- (§ 191) che uscendo dai


suoi limiti darà VILLANUS LONGITANUS (it. lontano) oltre agli
etnici italiano ecc., napoletano; inoltre, da PAGENSIS it. paese
(di pagus) paesano, da planities it. pianigiano che è il modello
di valligiano ecc., indi cortigiano artigiano; secondo decanus
si fanno pievano, cappellano; infine caldano e simili.

T § 282. - -ino- (§ 192) continua a produrre aggettivi (it. ca-


nino, fiorentino) che vengono anche sostantivati (MOLINUM ecc.,
MANsuETINus frane. ant. mastin onde it. mastino), inoltre si
specializza per la formazione di diminutivi (it, -ino), di nomina
agenUs (it. imbianchino) e .di nomi di strumento (it. frullino,
tostino); ai femminili in -ina- già in uso in latino (coquina, farina)
altri se ne aggiungono come it. calcina fascina.

T § 283. - -on- nella forma dei casi obliqui (dal nominativo


abbiamo vecchie parole come it. uomo, ladro) continua a ser-
vire come individualizzante (it. nasone, teetones, spesso con
valore dispregiativo (it. chiacchierone, impiccione); cfr. inoltre
it. stallone e, con -ion-, PIPIONEM it. piccione, PINNIONEM it. pi-
gnone. Si noti COMPANIO (it. compagno, frane. compagnon dai
casi obliqui) 'calco di un germ. gahlaiban- (ga- 'cum' hlaiba-
'pane ').

§ 284. - -aqun- -ug'tn- (§ 199) sono ancora produttivi in


alcune formazioni quali it. lungaggine; similmente -tUdin- di
aptitUdo gratitUdo, tutte parole dotte o semidotte.

§ 285. - L'antico suffisso -men- (§ 201) ha una certa vita-


lità nei conglomerati -iimen» -i'men- -:ameno, cfr. it. bestiame
concime salume eec.; molto più' fortunato è l'ampliato -mento-
che vive tuttora come continuazione del nominativo sing.
neutro (it. cambiamento) e del nom. plur. (it. ferramenta).
140 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

§ 286. - Di grande impiego è stato naturalmente, ed è


ancora (seppure l'-i- ital, da -i- riveli influsso dotto), il suffisso
di superlativo -issimo-,

§ 287. - Il suffisso -tut·a- (-sura-) è rimasto in piena effi-


cienza come formante astratti verbali, quindi COCTURA ARSURA
cINCTURA PASTURA, ital. tessitura ecc.; il processo per cui si ha
nel latino antico figura (§ 210) continuò ad operare dando nascita
a formazioni quali le italiane altura pianura freddura.

§ 288. - -astro- (§ 213) ha continuato ad usarsì, acquistando


terreno nell'uso peggiorativo che troviamo negl'italiani gio-
vinastro medi~astro e simili, otreché nel lat. volgo PULLASTRA ecc.
T § 289. - Per -ali- ed -ari- (§§ 214.218) si perde col procedere
del tempo la norma di usare il primo o il secondo in dipendenza
dalla esistenza di una -l- nel tema da cui la derivazione è fatta
(Quintiliano ha già légalis) , ed essi assumono funzioni diverse.
Ben più vitale il primo, che serve già a formare moltissime nuove
parole nella lingua della Chiesa ed è tuttavia di largo impiego
nelle lingue romanze (ital. speciale mondiale padronale), anche
per aggettivi sostantivati (già lat. bracchiale, crinale, focale
, cravatta' da faux § 22; ital. ospedale, speziale, occhiale);
laddove -ari- resta all'uso sostantivato, lat. volgo COLLARE
COCHLEAR (e -ARIUM, it. cucchiaio), ital. calzare.
Ma -ali- ha avuto fortuna anche nella forma di neutro plu-
rale, -nlia, divenuto suffisso di femminile singolare: ai latini
carnalia Lupercalia ecc. si aggiungono SPONSALIA, BATTUALIA
it. battaglia e poi it. canaglia anticaglia ecc. Poco diffuso è
invece -ili- di it. signorile ecc.; meglio si conserva il neutro
sostantivato, per cui a ovile ecc. si aggiungono it. bovile, canile,
campanile. Infine il tardo latino pedulis sorto accanto a pedalis
è il modello di alcune formazioni italiane in -ùle come gorgoz-
zule, grembiule ecc. e ha contribuito forse alla metatesi PA-
DULEM di palUdem.

§ 290. - Di conglomerati con -co- (§§ 220 sgg.) ha qualche


fortuna -ico- (CUTICA it. oédica, NATICA, MANICA; ma AVICA
PARTE II. - MORFOLOGIA 141

AUCA è retroformazione di aoicella, § 274); -ùoo- si trova quasi


solo in vecchie formazioni continuate in romanzo come LAC-
TUCA ecc., poiché it. tartaruga franco tortue sono dal gr. "t"OCp"t"OC-
POU)(OC;, it. fanf('J,luca è da 7to[J.cp6Àuy-oc; notisi a ogni modo l'it. pa-
gliuca fatto secondo festuca. - Un -nco- abbiamo in ita1. briaco
da ebrinou« fatto secondo meriicu« (per cui cfr. § 222); ebriècu«
messo in rapporto con ebriàsu» ha prodotto in lat. herniacus da
herniosus. - Infine -tico- (§ 220) ha poco' séguito negli aggettivi
(it. selvatico, fiumatico ecc.), ma nella formazione di sostantivi, se
ha scarso impiego in italiano (baliatico focatico maggiatico), lo ha
frequente in francese (-age> ital, -aggio), provenzale e catalano.

§ 291. - In piena efficienza rimane -tor- (-sor-) suffisso di


nomina agentis (§ 226): cfr. ital, pittore fattore (antiche forma-
zioni hanno dato dal nom. sg. nomi italiani in -to come sarto,
cfr. catal. sartre spagn. sastre), accanto a cui vivacchiano i
femminili in -tric- (it. imperatrice), più generalmente in -tora,
cfr. appresso § 301.

T § 292. - I suffìssi -culo- da -ilo- per nomi di strumento ecc.


(§ 229) e -culo- da -ko-lo- per diminutivi (§ 259) si son fusi
nell'unico -clo-, in cui ricadeva anche -tlo- da -tulo- in vetulus ecc.
§ 120, non solo formalmente ma anche pel fatto che le forma-
zioni diminutive di questo tipo non venivano più intese come
tali: abbiamo così con -iiclo- BATTUAC(U)LUM it. batacchio ecc.;
con -iclo- SOLICLU it. solecchio franco soleil, ARTICLUS provenz. artelh
> it. artiglio, APICLA it. pecchia, A1JRICLA it. orecchia, LENTICLA
(e -iCLA) it. lenticchia parmigiano lenieca, PARICLU it. parec-
chio 'simile' e PARICLI it. parecchi; con -uclo- GENUCLUM
it. ginocchio, FENUCULUM ìt. finocchio; con -iiclo- ACUCLA it.
agucchia.

T § 293. - Il suffisso -to- (-so-) del ppp. (§ 231) resta in tutta


la sua efficienza: solo è da notare un diffondersi di forme in
-ito- e specialmente -uto- in luogo di quelle cosiddette forti,
in cui cioè -to-si aggiunge a consonante od t L'omofono deno-
minale (§ 233) è vivace nei tipi -ato- (barbato eec.), -ito- (it, sa-
142 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

perito e pochi altri aggettivi), -iito- che, raro in latino, si diffonde


a spese di -ato- (p. es. ita1. barbuto capelluto). Abbiamo inoltre
la forma femminile sostantivata in -ta- (-sii-) ed -tua-: PERDITA,
DEBITA frane. dette, FUGITA fr. fuite, VENDITA, ita1. andata
uscita veduta promessa e (denominale) ital. annata, coltellata eec.;
il sostantivo neutro abbiamo negli ita1. fossato costato e in
pochi altri. Da -tu- deriva invece il suffisso di HaI. belato, colo-
rito, trèmito, làscito, particolarmente produttivo in rumeno e
spagnolo; l'-atu- di senatus abbiamo in forme dotte quali
gl'ital. ducato decanato e simili.
Il suffisso -èto- (§ 233) si conserva e appare in derivati come
it. frutteto noceto arboreto e in nomi di luogo (Busseto: buaiu»,
Samboseto: samMi,cus, Rogoredo: robur], Pochi nuovi derivati
forma -olenio- (§ 234).

§ 294. - Molto usato è nella formazione di astratti verbali


femminili il suffisso -ti6n- (-si6n-) § 236: CANTIO it. canzone,
LECTIO frane. leeson, MANSIO frane. maison, OCCASIO it. cagione,
PREHENSIO it. prigione, RATIO ìt. ragione (forme dotte son
quelle ita1. in -zione, frane. -tion). Accanto ad esso stanno
-uu- (§ 240) che nel tardo latino forma molti astratti aggetti-
vali ma il cui uso si va restringendo nelle lingue romanze
(it. bontà, viltà ecc.), e -tut- (§ 241) che resta quasi soltanto in
vecchie formazioni (it. schiavitù secondo servitù ecc.).

§ 295. - Il vecchio participio presente (§ 242) si è andato


perdendo come tale, e la sua reviviscenza con impiego parti-
cipiale nelle lingue romanze è dotta e imitata dal latino; in
compenso -ant- -eni- hanno avuto impiego nella formazione
di sostantivi e aggettivi (it. cantante risplendente ecc.). Il loro
nominativo plur. neutro in -antia -entia ha dato origine a
suffissi per astratti femminili, verbali prima, poi nominali:
it. fidanza doglianza .e benevolenza, fratellanza pietanza ecc.

§ 296. - Molto diffuso è sempre -èso- (§ 244), ancora in


ita1.: amoroso ecc. Quanto ad -é(n)si- (§ 245), esso si diffonde
discretamente sia a formare etnici (ita1. milanése ecc.), onde
PARTE II. - MORFOLOGIA 143

BURGENSIS, CURTENSIS it. cortese, MARKENSIS, sia con valore


più vasto in PAGENSIS it. paese, it. maggese e così via.

§ 297. - Il suffisso -ido- (§ 247) ha perduto ogni vitalità


e resta solo nelle vecchie formazioni (CALDUS FRIGDUS ecc.);
qualche seguito ha invece -amdo- -endo- (§ 249) nelle forme di
neutro plurale femminilizzate come it. serranda chiudenda (ma
l'it. locanda è dal cartello « est locanda domus ))), laddove
-undo- di giocondo vagabondo pare proprio solo di termini dotti.

§ 298. - Degli antichi suffissi con -So, -or- (§ 251) si diffonde


solo poco fuori delle numerose formazioni antiche conservate:
qualche nuovo tema tuttavia abbiamo in SENTOR LUCOR ecc.
Anche -ior- -or- del comparativo è rimasto solo negli antichi ME-
LIOR PEIOR MAIOR MINOR, e la forma neutrale nei rispettivi ME-
LIUS PEIUS MAIUS MINUS usati avverbialmente (it. meglio, peggio,
ant. 1naggio, meno): tuttavia una certa vitalità ancora in lat.
volgo vien mostrata dalle forme francesi antiche e provenzalì
come afro graindre (GRANDIOR) geindre (IUNIOR) noaudre (NU-
GALIOR) sordois (SORDIDIUS) ecc., inoltre PLUSIORES afro plui-
sor ecc.

§ 299. - Un suffisso d'incerta origme è -anco-, specialmente


diffuso nella penisola iberica, ma non del tutto ignoto all'Italia,
cfr. pollanca, provenz. laoamca ital. valanga. D'origine greca
sono -ismo- (-Ll1{LOç), p. es. in it. cristian-ésimo, e -ista (da -Ll1TI]ç),
p. es. in it. dentista, ambedue di carattere semidotto. In -isco-
che troviamo ad es. negli ital, fantesca, soidateeca, tedesco sono
confluiti il suffisso greco -Ll1Y.O- (fantesca sarà in ultima analisi
un rifacimento di 7tIXLOLl1l<:fj) e quello germanico -iska- (p. es. piu-
diska- proprìam. 'volgare' detto della lingua del popolo, piuda,
onde tedesco).

§ 300. - Per i d i m i n u t i v i, oltre -ino- di cui SI e


detto sopra (§ 282), troviamo continuati i vecchi suffissi latini
(§§ 257 segg.; ma cfr. § 292): in via di liquidazione, e senza che
ormai venga inteso l'antico valore, -(u)-lo- p. es. in SPAT(U)LA
144 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

it. spalla di spatha, ROT(U)LUS it. rocchio e rotolo di rota, PICULA


it. pégol(l, di pix ecc.; parecchio diffuso nel lt. volgo ma poi irri-
giditosi, -eolo- -iolo- di CAPREOLUS it. capriolo, AREOLA it. aiuola,
LINTEOLUM it. lenzuolo, FILIOLUS it. figliolo, anche qui con pro-
gressiva perdita del significato diminutivo (ma it. cagnolo ecc.);
-ello- -illo- le cui -formazioni assumono però in molti casi valore
positivo, cfr. AGNELLUS ANELLus CULTELLUS FRATELLUS CA-
STELLUM, ma anche it. furfantello ecc. e, con inserzione di r,
ital. e frane. -rello-, cfr. it. focherello fatterello; meglio di tutti
ha conservato l'antico valore -cello- di NAVICELLA IUVEN-
CELLUS ecc. (e DOMINICELLUS provo donsel > it. donzello): secondo
questi suffissi, l'-ulla- di medulla è stato inteso come diminutivo
e ha formato cepulla di eepo, e qualche altra parola; il nostro
fanciullo (di fante) sembrerebbe fatto sul modello di homullus
(-on-lo-). Però dai nomi tardo-latini in -itta (§ 262) si è anche
sviluppato un -itto- sempre più usato (è il nostro -etto di ragaz-
zetto ece.) che ha dato anche le varianti -auo- (it. cerbiatto,
scoiatto-lo' bigatto di [bom]byx), -otio- (aquilotto, passerotto) e
-utto-. Simile appare la storia di -ieco- che compare dapprima
in nomi propri di iscrizioni africane (Bodicca Bonica Karica)
e ha una certa diffusione in spagnolo e rumeno; accanto ad
esso si formano -acco- -ecco- -oceo- -aeoo-, p. es. in ital. baoiocco
(rifacimento di baoeolue 'stolto '), balocco (o retroformazione
da bà'loccare f), marzocco (martius Y), fratocco, badalucco (da un
*BATALIS, provenz. badau > franco badaud).

T § 301. - Per quanto riguarda il g e n e re, va notato che


il lat. volgo perde il neutro, e i vecchi sostantivi neutri passano di
norma al maschile (p. es. corpus> il corpo), così pure i femminili
in -0- a eccezione di manus antico tema in u (it. il pero, il melo, il
portico, il duomo, l'ago); ma forme in -a maschili e neutre, se non
cambiano la desinenza con -o (it. pirato stradiotto eec.), tendono
ad assumere il genere femminile, p. es. ital. la CDmeta (o xOIL~'"lC;),
la calma (-rò XIXUILIX), la cima (-rò XUILIX), la cresima (-rò Xpi:O'ILIX), la
ciurma (-rò x&ÀeuO'ILIX), così pure antichi neutri plurali (cfr. § 265,
-entia § 295, -alia § 289). Quanto alle parole della III declìnaz,
PARTE II. - MORFOLOGIA 145
la cui desinenza (lat. volgo -e da -is e da -e) era indifferente al
genere, esse cambiano sovente genere per attrazione esercitata
da finali uguali (specialmente formanti rima) o da significati
affini, ecc., di altre parole.
I mezzi formali per distinguere il femminile consistono in
lat. volg., oltre alla differenza totale della parola (PATER - MATER,
AVUNCULUS - AMITA ecc.), in vari suffissi: -n-, che amplia, la
sua antica sfera, applicandosi, oltre che a temi in -0- (tipo
FILIUS - FILIA, SOCERU - SOCERA), ad altri della III declinazione
(p. es. it. stiratora, priora ecc.), cfr. anche it. suora da somr;
inoltre si diffonde -issa (ABBATISSA dal gr., indi it. dsichessa ecc.)
che talvolta assume valore esorbitante dall'originario (ital, bra-
ghesse, sonettessa); -ia- di avia si diffonde alquanto, p. es. in
CANIA it. cagna, CERVIA it. cerbia, -iiria in piemontese sartoira
di sartor; -tric- è in regresso, sostituito come s'è visto (§ 291)
da -tàrti-, ma rimane in alcune forme quali it. nutrice, impera-
trice; una sua contaminazione con -issa- dà il -TRISSA del frane.
ant. trooeresse, modo deoineresse ecc.

II. La declinazione nominale.


T L § 302. - La declinazione latina ha due n u m e r i: singolare
e plurale. Però resti di duale si sono salvati in duo duobus ambO
ambobus e forse anche nel Cestio e nel Pompz.io di due iscrizioni
arcaiche (122,61 e 30: Q. K. Cestio' Q. e Cesone Cestii', M. C. Pom-
plio) colla desinenza uguale a quelle del gr. ocv&pe.:mw, del scr.
Açvina 'i due Açvin' ecc.; duo-bus ambO-bus rispondono in
parte al scr. deva-bhyam strum.-dat.-abI. di deva- , dio'.
I c a s i del latino sono sei: Nominativo accusativo dativo
ablativo genitivo vocativo; ad essi il sanscrito risponde con un
sistema di otto casi, in quanto possiede in più uno strumentale
e un locativo, lo slavo e illituano con uno di sette casi, in quanto
essi posseggono strum. e loc. laddove hanno fuso ablativo e geni-
tivo (come il greco): ma il latino ha ancora cospicui resti di loca-
tivo nella I e II declinazione (Romae belli domi ecc., §§ 319.327),
oltrediché l'ablativo sing. di III decI. per i temi in consonante
(ped-e reg-e da -i) è in origine formalmente un Iocativo, e resti

IO - V. PlSA~[. Grammatica latina stonca e comparativa.


146 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

formali di loeativo si conservano in avverbi (§ 420), infiniti


(§ 566) ecc.; quanto allo strumentale, già gli antichi ne distin-
guevano le funzioni nell'ablativo da quelle realmente ablati-
vali, ma in seguito alla caduta di -d finale dopo vocale lunga i
due casi si sono fusi dopo che il latino ebbe creato ablativi in
vocale lunga + d di sulla II declinazione; onde non solo -o
da -o strumentale e da -od ablativo nella II declino (cfr. scr. yajna
e yajnad di yajnd- , sacrificio '), ma anche -n da -ii e -iid nella I
(cfr. lit. strum. rankà 'colla mano' gr. xpu<pii 'nascostamente '),
e così -i presso i temi in -i- (cfr. vedo mali' colla mente '), -u
IV decI. (avestico xratil ' coll'intenzione '), -e nella V (cfr. lit.
zemè 'colla terra t I). Si aggiunga che la desinenza di abla-
tivo plurale della II (e quindi della I) decI. è in origine quella
dello strumentale, § 315.
Quanto ai generi cfr. §§ 264 sgg. e 301.

L § 303. - Come nelle altre lingue ie., l a de s i n e n z a


indica tanto il caso che il numero: e così fra -m dell'acc. sg. e
-s del plurale non vi è alcuna comunanza circa la designazione
dell'accusativo, fra -um del gen. pI. e -bus del dat.vabl. non
ve n'è alcuna circa la designazione del numero.
Alcune forme valgono per più casi, e precisamente:
Il nominativo e l'accusativo neutro sono sempre identici,
come in tutte le lingue ie.
Il vocatìvo è sempre uguale al nominativo eccettoché nel
singolare maschile e femminile della II declinazione ove il
nominativo esca in -us (dominus: domine, ma puer per am-
bedue i casi): mentre questa uguaglianza ·si riscontra in tutte
le altre lingue ie. per quanto concerne il plurale (ma cfr. il
detto appresso riguardo all'accento), ciò non ha luogo pel sin-
golare in cui generalmente il vocativo è uguale al puro tema in
grado normale, laddove il nominativo ha i suoi peculiari segna-
casi; e presso i temi in -ii-, il cui nominativo esce di norma in -ii,
il vocativo a volte se ne differenzia a mezzo dell'abbreviazione
in -ii, (p. es. ablg. zena 'donna' voc. zeno, homo vU!J-<p,x; il ser. forma
kdnye da -ai rispetto al nom. kanyiJ, , puella '). Si può- supporre
PARTE II. - MORFOLOGIA 147

che in casi come pater soror Gamena il latino continui gli antichi
vocativi in -er -or -ii (cfr. mhe:p 3w't"op vU(J.cpoc) a differenza dagli
uguali nominativi derivanti da -èr -or -ii, e che il ricadere in
un'unica forma di parole simili abbia almeno accelerato il
processo di sostituzione del nominativo al vocativo: ma si
tratta d'ipotesi incontrollabile. Si noti che in scr. presso i temi
in -a- (da -0-) anche il neutro differenzia vocativo (adesinen-
ziale) e nominativo: yuga voc., yugam nom. Come mostra
quest'ultimo esempio (e resti isolati greci: 3e:(monjç: 3écl"7to't"cx,
7tcxTIJp: 7t!X't"e:p) i vari dialetti ie. distinguevano il vocativo a
mezzo dell'accento (musicale) che colpiva sempre la prima
sillaba in questo caso.
Dativo e ablativo plurali sono identici, ciò anche nelle altre
lingue ie. che posseggono i due casi.
Viceversa il latino ha differenziato ovunque genitivo e abla-
tivo singolari, che nelle altre lingue ie. sono ovunque identici
salvo presso i temi in -0-, in quanto partendo dalla p 'declino
esso ha creato una forma speciale per I'abl. sing. presso tutti
i temi in vocale e analogamente ha adottato per l'ahI. sing.
dei temi in consonante l'antica forma del locativo.

L § 304. - Le desinenze della declinazione nominale sono:


SINGOLARE. N o m i n a t i v o m a s c h i l e e f e m m i -
n i l e: -s, ma nulla pei temi in -a-, liquida, -no, rB>, Ciò ha luogo
anche nelle altre lingue ie., p. es. &v&pW7tO-ç scr. deva-s' dio "
7tOÀL-ç agni-s 'fuoco', utu-ç sunu-s 'figlio', cpÀélji a!XÀ7tLy~ (in scr. di
più consonanti finali resta solo la prima, cosicché l'-s nei temi in
consonante è sempre sparito; ma cfr. avestico VaX8 = vox,
scr, vak); ma X&pii kanyÌi ' puella " (Xv~P na ' vir', 7tOL[J.~V &x.(J.wv
açma, e:ù(J.e:~ç sumanas; i rari temi in -l- hanno altrove -s,
p. es. &À-ç, non così il lt. di cui però sol e probabilmente sal
sono in origine neutri; con-sul composto (§ 155) manca di -s
come tibi-cen ecc. col can- di cano, quest'ultimo forse secondo
flamen ecc. Come mostrano gli esempi greci e sanscriti,i temi
in -n- -r- -s- allungano nel nominativo la vocale precedente
questi suoni, e n r possono cadere: cfr. anche lit. a~muo gen,
148 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

akmens ' pietra ' dukt~ sesuo gen. dukters sesers ' .&uy&:t'1)p, soror "
menuo gen. menes-is 'luna '. Il latino ha abbreviato secondo
il § 135 gli antichi -èr -or (pater soror), e l'antico -en in finme»
pecten (gr. x:n:tç da *x:n:'II-ç), ma ha la caduta di -n in homo
natio ecc.; per l'allungamento presso i temi in rB: cfr. Ceres,
pubes puber-is, arbé« arbor-is, ed honos onde l'-o- è passato
all'intero paradigma (§ 251).
L § 305. - A c c usa t i v o m a s c h i l e e f e m m i n i l e:
-m dopo vocale (lupu-m puella-m ecc.), -em dopo consonante
(reg-em) accennano a un'antica alternanza -m/-"f' che ritro-
viamo di fatti in gr. &'II.&pW7tO-'II: (jlÀé~-ot, scr. deva-m bharant-am
= [erent-em ecc.
L § 306. - N o m i n a t i v o - a c c usa t i v o n e u t r o: -m
presso i temi in -0- (iugu-m), altrimenti il puro tema (mare
cornii ecc.; per gli aggettivi a una terminazione come audax
cfr. § 346): -questo avviene anche nelle altre lingue, p. es. gr.
~uy6-'II scr. yuga-m, ma yévoç janat, (lé.&u mddhu, O'llo(lot nàma
(-mr: ).
T L § 307. - D a t i v o: -o da -oi i temi in -0-, -ae (antico -ai,
-a) da -tu quelli in -0,-, -i generalmente (antico -ei) quelli di III,
IV e V declinazione: queste desinenze tornano in gr . .&e:ùn .&e:iL
scr. tdemai 'illi ' (il nome ha allungato la desinenza di un -a:
deVlly-a) femm. tasyai (nel nome, doppia desinenza partita dal
locativo: kanyÌiy-ai) ecc.; -i nel scr. -e del dato bhdrat-e 'ferenti' ,
rajn-e 'reg-i'. ecc., nel gr. -otL degl'infiniti come M(le:'II-otL ecc.
ed -e:L di Llr.F-d-~?LÀOç 'caro a Zeus " nell'-ei di osco p a t e r - e i
, patri' ecc. Ad ie, -ei accenna recei 122,1. Le forme già ìe.
-Oi -tu paiono risultate dalla contrazione di -0- -0,- del tema con
questo -ei -ai. Ofr. § 62.
T L § 308. - A b l a t i v o: -o(d) -a(d) -i(d) -u(d) -e(d) dai temi
in -0- -0,- -i- -u- -e-, laddove i temi in consonante hanno -e
(reg-e). Nelle altre lingue ie., come si è detto, questo caso è
distinto dal gen. sg, solo presso i temi in -0- che formano -od
(ser. vr'1cad' dal lupo ',gr. delfico fOLXW 'domo', ablg, gen.-abl.
PARTE II. - MORFOLOGIA 149
vluka ' dal, del lupo ' eec.); evidentemente su questa formazione
si è modellata quella delle altre declinazioni latine, consistente
in allungare, ove essa non sia già lunga, la vocale tematìea e
aggiungerle od: che nelle finali -6 -a -i -ii, (-e Y) possano forse esser
confluiti anche gli antichi strumentali, è stato già rilevato (§ 302).
Invece l'-e dei temi in consonante ò dalla desinenza di loea-
tivo -i che ritroviamo nel scr. rajan-i 'in rege " gr. cpÀe:~-( ecc.
(cosiddetto dativo, riunente in sé anche le funzioni dellocativo),
grazie al fatto che l'ablativo latino ha assunto anche la fun-
zione di locativo.

T L § 309. - G e n i t i v o: IJa terza· declinazione ha -is da -es


(SaliUes, Vene1'es P 2,450 e 45]), accanto a cui -08 e, più recente,
-us (Diov08 12 2,3(j0, nOmin1J8 se de Ba,ceh., 1'egu8 P 2,730;
cfr. anche la creaz. di quoiiei eiiei di su quoiius eiius secondo
regei: regu8 § 369): si tratta dell'antica desinenza dei temi in
consonante, cfr. gl'. epÀe:~-6ç scr. rajii-as 'regis' ablg. mater-e
, matris '. in cui e ed o stanno fra loro in rapporto apofonico
(§ 156). I temi in -u- hanno -s, in fondo la stessa cosa che la
desinenza della III decl., cfr. § 350; -8 appara anche in resti
nell'antica forma fam-ilias ecc. della I declinazione. Altrimenti
la desinenza di genitivo nella I de-cl. (-iii> -ai > ae), nella II
(-i) e nella V (-ii> -iH, -;i) è -i, partita dai temi in -0-. Si è
pensato che questo -i, il quale non è mai scritto -ci nelle epi-
grafì che distinguono fra antico -s ed -i da dittongo (§ 137)
e quindi non può essere un antico locativo (che ha origina-
riamente -oi od -ei), fosse, insieme coll'-i del celtico e forse
del venetico, un'antica terminazione avverbiale quale ritrove-
remmo in certi composti del sanscrito, ove un tema in -a-
muta questa finale in -i- nella composizione con determinati
verbi come kr- 'fare', bhii,- 'essere, diventare', p. es. upa-
hari-ka-ro~i 'fai un'offerta' (upahara-); ma, ad astrarre dalla
stranezza dell'ipotesi, tali forme sono nel scr. più antico ap-
pena sul nascere (mancano nel Rigveda!) e si sviluppano solo
in seguito. Ad altro accenna il falisco, dialetto latino, che
in antiche iscrizioni serba ancora Kaisio-sio e [N Y]euoteno-sio,
150 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

due genitivi formati colla desinenza -sio propria dei temi in -0-
quale si ritrova in scr. dçvasya ' equi', in gr. t7t1tO-LO, in armeno
mardo-y 'hominis " in gt. dagi-s ' diei' (da *-e-sio), e che nel
lat. stesso è contenuta nel genitivo sìng. dei pronomi: cuius
da *quosjo-.,; (§ 369): forse anche i genitivi messapicì come
Platorri-hi sono da -sip. In cuiius abbiamo la prova che il
-sio della desinenza dava in un primo tempo -jjo (§ 82), il cui o
si conserva come u per effetto del ·s aggiunto sull'esempio di
nomin-us ecc.; ma da una forma come *luposio *lupoiio, in
cui la sillaba tematica non era mai soggetta all'accento ini-
ziale preistorico (§ 36) in quanto i temi nominali in -0- sono
almeno bisillabici, doveva sorgere *lupm:ie, indi, con assimila-
zione del primo e all'ii seguente e con -i da -ie come in fili (§ 327),
*lupii e finalmente lupi; cfr. ai 'dì' bisillabo da *a!ie, *agie
Naev, Com. 125. Da *lupii o simili, l'-i sentito come desi-
nenza specifica di genitivo è passato ai temi in -0,- ed -è- (1).
L § 310. - In quanto esso resta, il lo c a t i v o ha la desi-
nenza -i che aggiunta ai temi in -o, -o, ha dato -oi (già ie.) onde
-ei, -i ed -ai (già ie.) onde -ai, -ae. Presso i temi in consonante
essa è perpetuata nell'ablativo (§ 308) che ha quindi funzioni
di locativo, p. es. in riire, Cfr. OtXOL scr. véçe 'in casa " &e:CiL
scr. sénay-am (-am è particella aggiunta) 'nell'esercito', <pé:-
POV't"-L = scr. bhdrat-i.

L § 311. - Il v o c a t i v o, come si è già detto, è uguale al


nominativo, eccetto nei temi maschili e femminili di II declino
che hanno -e, e cioè il puro tema con apofonia e: domine come ser,
dçva 'eque' gr. &v&pW7te: ablg. rabe ' serve' ecc.
L § 312. - PLURALE. N o m i n a t i v o m a s c h i l e e f e m -
m i n i l e: nelle prime due declinazioni la desinenza è -i che
aggiunto al tema ha dato -iii ;» -ai (tabelai SC de Bacch.) indi
-ae, e rispettivamente -oi (pilumnoe poploe Carm. Sal. ap. Fest.

(1) Cfr. l'analogo sviluppo nei monumenti falischì: I. KaiBio'Bio; II. Ti-
toio; III. OaiBioi; IV. ·oi, ma -i nei temi in ·io·: TUoi Mercui efilee ' Titi Mer·
cuvi aediliB'; V. -i ovunque: Louci Teti u(x)or. E cfr. § 326.
PARTE II. - MORFOLOGIA 151

205) onde -ei (foideratei SC de Bacch.) e finalmente -t, Nelle


altre declinazioni abbiamo le finali: III -èe, IV -us, V -ès; riser-
vando alla trattazione delle varie declinazioni l'esame dei
particolari, potremo dire che qui si trova comune una desi-
nenza costituita da -s preceduto da un suono che allungava
breve precedente. Forme quali scr. rajan-as 'reges' (tema in
consonante) agnay-as 'ignes' (tema in -i-) sunav-as 'filii'
(tema in -u-) ecc., gr. ~À€~-<:ç 7tOÀL-<:ç 7dj'X<:f-<:ç ecc. ci autoriz-
zano a porre una antica desinenza comune -es. Questa desi-
nenza formava il nom. pl. anche dei temi in -0-, -a- quale esso
appare in scr. (açvas 'equi' kany'as 'puellae ') e nelle lingue
iraniche, in germanico (gt. wulfos 'lupi' gibOs 'dona '), in
armeno (get-k' , fiumi' am-k' , anni' da -os -as~), in oscoumbro
(o. N li v l a n li s 'N6Iani' scritta» 'scriptae '); pei soli temi
in -a anche in lituano (rankos 'manus ') (1) e albanese (kiH6
, hae' da *tas). Inoltre l'ant. irlandese ha il vocativo plur,
firu. da *'!.!:iros, chiaro resto dell'antico nominativo sostituito
più recentemente da *y:iroi > airl. fir. Sembra evidente che
in origine si doveva avere ovunque -os ed -as, e che l'innova-
zione -oi sorta dapprima presso i temi in -0- e abbastanza
diffusa (&V&pW7tOL ablg. rabi 'servi' lit. vy'rai 'viri' celt. fir)
si sia poi trasferita a quelli in -ii- dando -ai (gr. X-WpCXL). Ciò è
confermato dalla considerazione di questa desinenza in i, la
quale era propria del pronome maschile (scr. té gr. "t'OL lat. isti
gt. pai, lit. tie ablg. ti), laddove il femminile aveva -as (scr. tas
gt. p6s lit. tòs): laonde la differenza -oi/-as nei pronomi avrà
provocato la introduzione di -oi presso i temi nominali in -0-,
a cospetto dei femminili con -aSi in greco e latino poi, secondo i
temi in -0- si sono regolati anche quelli in -a- dando -ai, sia nel
nome che nel pronome ("t'CXL istae): si noti che proprio il greco
e il latino conservano nomi femminili in -0- e maschili in -n-,
T L § 313. - A c c usa t i v o: I declinazione -as, II -6s, III -ee
i temi in consonante ed -is originariamente quelli in -i- (cfr. § 331),

(l) Le lingue slave hanno. pei temi in -ii-, .y come nell'aecus., ma questo
-y presuppone anch'esso indirettamente un antico ·às.
152 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

IV -us, V -es fanno pensare ad una regola: vocale allungata


+ -s, salvo i temi in consonante che prendono -ès, Le altre
lingue ie. mostrano -s dopo i temi in -0,- (scr. kanyÌi-s ' puellas '
gt. gib6s ' dona' ece.; gr. gortinio 't'LfL!Xvç, onde 't'LfL&ç e simili,
è rifatto secondo 't'6vç ecc. dei temi in -0-), -ns dopo vocale
(scr. açvan 'equos' agnin 'ignes' s'Un'an 'filios', gr. gortin.
't'6vç > 't'ouç, 7t6ÀLVç ecc., gt. dagans 'dies' gastins 'hospites'
sununs 'filios '), -~s dopo consonante (scr, rajii-as 'reges'
gr. qJÀÉ~-ocç), tutte forme cui sono riconducibili quelle latine
(-ons -ine -uns > -os -is -us § 24; -~s > -ens > -ee § 67).
L § 314. - N o m i n a t i v o - a c c usa t i v o n e u t r o :
Dove il neutro esiste (II, III e IV declinazione), la desinenza è
-a: iuga genera maria cornua. Il greco presenta un analogo
stato di cose: ~uY!X yÉV€OC 't'pLOC Mxpuoc. Il sanscrito ci offre invece
(astraendo da formazioni che qui non c'interessano): -a per i
temi in -a- (da -0-); -i, -u per quelli in -io, -u-; -i per quelli in
consonante: yuga tri madhu nq,man-i bharant-i 'iuga, tria,
mella, nomina, ferentia " e uno stato di cose simile è presup-
posto dalle altre lingue ie. Posto che -i scr. corrisponde ad -«
greco, -a latino presso i temi in consonante (jana'f!l's-i y{;V€-CI.
gener-a), provenendo da antico -;1, che è la stessa desinenza la
quale presso i temi in -i- ed -u- può o non contrarsi colla finale
tematica (tri 't'pLOC, tria e tri-ginta § 389), concluderemo che
nella III e IV decI. latina noi abbiamo appunto le continua-
zioni di questi -;1; e che nella II declinazione, come del resto
in greco, -a da -;1 si è analogicamente diffuso a spese dell'an-
tico -ii (ancora, pare, in tri-ginta, e tornante in umbro k a -
s t r u v u castruo ' fundos 'Y con -o da -s, in gt. juka ' gioghi '
con -a da -a ecc.), Quanto a tale -ii, esso era in origine la stessa
cosa che la finale di un tema della I declinazione con valore di
collettivo, indipendentemente dal genere, cfr. casi come gr. xu-
xÀoç: xuxÀoc e il § 265. Il valore di collettivo proprio di questa e
altre formazioni ie. di neutro plurale spiega la costruzione greca
del plurale neutro col verbo al singolare.
PARTE II. - MORFOLOGIA 153
T L § 315. - D a t i v o - a b l a t i v o: -ts (antico -eis) nella I
e II deelinaz., -bus nelle altre; ma resti come dea,bus tiliiibus
libertiibus gniitiibus (dovuti al desiderio di distinguere il fem-
minile dal maschile) dextriibus mostrano che anche qui i temi
in -a- hanno riformato la loro desinenza secondo quelli in -0-.
E difatti le altre lingue ie., a eccezione del greco (1), ci offrono
sia nello strumentale che nel dat.-abl. delle desinenze inìzian-
tisi con -bh- o, nelle lingue germaniche e baltoslave, con -m-
sostituto di -bh- in questi casi, ciò ovunque salvoché nello
strumentale plurale dei temi in -0- che risale ad *-ois o *-oiis:
scr. strum. kanyà--bhis agni-bhis sunu-bhis raja-bhis marud-bhis
(marut- nome di certe divinità) ma v(kais 'lupis ' (tema in -0-),
dat.vabl. kanyà--bhyas ecc. e v(ke-bhyas; ablg. strum. zena-mt
PlfH-mt syn·u-·mt ma vluky 'feminis, viis, filiis, lupis " dat.vabl.
zena-mu ecc. e vluko-mu, similmente il lituano: il latino
ha dunque conservato pel dat.-abl. dei temi in -0- l'antica
forma di strumentale, -ois > -ois > -eis, -ts, È possibile che
in -tS sia confluita anche l'antica forma di Iocatìvo (-oi-si od
-oi-su, cfr. t-UXOL-O"L scr. v(ke-~u ablg. vluce-chu), così come un
resto di loeatìvo con funzioni di dativo pare conservato in una
antica iscrizione (P 2,976), deuas corniscas sacrum 'deabus
cornicibus s. " in Anabestas (i. e. sacrum: VI 21), ed in aestimias
, aestimationibus ' PF (cfr. Norden, Aus altrom. Priesterbiidi.,
p. 80 n.), cfr. §.132. O si tratta di oschismo con -as da -afs =
-iibus~ Secondo lupts anche in questo caso i temi in -ii- si son
regolati formando (come in gr., cfr. nota precedente, e in ou.,
p. es. osco k e r s s n a i s 'cenis ') -ais onde -eis, -is. - Quanto

(1) Il greco ha adottato ovunque la desinenza di locativo plurale "H


per il suo dativo (riempiente le funzioni di dat., strum. e locat.), salvo pei
nomi in -0-, i quali accanto a tmtOL-cn hanno già anticamente t7t7tm<;, cioè
la forma dell'antico strumentale: solo in seguito queste due forme si sono
fuse nell'unico t7t7tOL<;. I temi in ·ii· hanno più anticamente -iicrL '1)crL,
cioè l'antica desinenza di locativo, la quale però secondo -cun dei temi
in -o- ha ammesso l' -Lo avanti -or dando -OtLcrL -7JLcrL; col trionfo poi del-
l'unico -OL<; presso i temi in -0-, anche quelli in -ii- hanno adottato l'unico
-OtLç. Quest'ultimo fatto ha. luogo in Attica verso il 420 a. C.
154 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

a -bus, esso trova la sua esatta corrispondenza nell'esco l u i s -


a l' i - f s '*liralibus~' (il cui -fs si assimila in -ss, -s nell'o.
Anafriss 'Imbribus', u. avis 'avibus') emel gallico
Mot't'pe:~o NotfLotuaLxot~O, laddove in SCI'. ed iranìeo vediamo
immesso un -y- (forse l'-i- dellostrumentalet -bhyas -byo secondo
-bhis -biH), mentre il -mu slavo, -ms lituano (da -mos) hanno
sostituito m a bh,

L § 316. - G e n i t i v o: III e IV decl, -um, antico -om (pou-


milion-om P 2,569, Preneste; manu-om Pacuvio); nelle altre
declinazioni, -1'um avanti cui i temi in -0- allungano questa
vocale (lupo-rum). Però nella II decl. la più antica desinenza
è -om (cioè-om), cfr. Romiinom II 1, verbum ecc. Pl., ancora
classico socium deum divom, e specialmente se vi è un -r- nel
tema: liberum jabrum. Invece nella I de cl, -rum è stabile fin
dai più antichi monumenti (Aeneadum e simili, drachmum sono
grecismi; agricolum Troiugenum ecc. in poeti sono modellati
secondo simili composti di II decl, come magnanimum); nella
V si tratta solo di rerum diérum sorderum Pl., jacierum Cato,
altre forme s'incontrano solo tardi (cfr. Cic. Top. VII 30:
nolim enim, ne si latine quidem dici possit, specierum et spe-
ciebu« dicere; il gen. pl. di spes non era usato, cfr. Quinti!.
I 6, 26 e Probo inst. art. p. 281 spes a genetivo casu numeri
pluralis abstinetur); su esse cfr. §§ 354 sgg. È evidente che -rum
ha la sua sede originaria nella I decl.; e difatti il gr. ha &e:wv
ma &e:&wv da *-ot-awv, l'esco N li v l a n TI. m ma e g m a - z u m
, rerum ': e nelle altre lingue ie., mentre -om è desinenza tanto
dei temi in -io, -u- e consonante quanto di quelli in -0-, i temi
in -a- hanno spesso una inserzione fra la vocale tematica e la
desinenza, cfr. SCI'. kanyii-n-iim (1) aated. gebO-n-o 'donorum',
ovvero -iim per -om (got. gibo ' donorum ' da -iim contro wulje
, lupo rum ' da -oih): ciò probabilmente per evitare che la fu-

(l) Onde ·niim anche nei temi in -a- da -0-: vr'kii-,!uim devct-nam, ma in
una antica formula ancora deviim = lt. divom "deòrum ',
PARTE II. - MORFOLOGIA 155

sione di -a- coll'-o- della desinenza, dando -0-, oscurasse la


finale del tema. Il -som a cui, secondo la testimonianza del
greco e dell'osco, risale il -rum di dearum ecc. proviene dal
pronome: cfr. scr. ta-sam gr. "t"&<ùv gt. pi-zo ecc.; quanto ai temi
in -0- latini, essi hanno preso questa desinenza dalla I declina-
zione, ma in ciò ha contribuito il fatto che -som era desinenza
pronominale anche per i maschili, cfr. scr. té-~am gt. pi-ze ablg.
te-chu (unico per msc.-ntr. e femm.) ant, prussiano eui-eo»
(laddove il lituano ha trasferito ai pronomi la desinenza nomi-
nale: t1f msc. e femm. come vy'r1~ rank1f 'virorum, manuum ',
e il greco ha fatto ciò pel msc.-ntr.: "t"wv).

L § 317. - DUALE. Come si è visto (§ 302), duo (con abbrevia-


zione giambica § 28 da -o: oppure = gr. (%0 ~), ambo ecc. hanno
le desinenze di gr. t7t7t<ù eX(J.rp<ù scr. açvina d'va ecc.; anche il fem-
minile duae ambae par contenere l'antica desinenza pronomi-
nale -ai' di scr. té ' illae duae ' ablg. te lit. tie id. come scr. dvé
ablg. duve lit. dvì. Il ntr. è in lt. uguale al msc., laddove in
scr. iranico e ablg. esso ha la forma del femminile. Quanto a
duorum duarum ecc., essi appaion fatti secondo il plurale dei
temi in -0-, -a-; duobus duabus ecc. corrispondono forse in
certo modo a scr. dvii-bhyiim (msc. fem. ntr.) ablg. duve-ma
con raccostamento al -bus del plurale.

I. Declinazione.

TL § 318. - Temi in -ii- maschili e femminili.

Paradigma:
Sing. Nom. Voc. rosa Plur. rosae Maschili: soriba ecc.
Ace. rosam rosas
Dat. rosae
rosis
AbI. rOSa
Gen. rosae rosarum
Loc. Romae
156 GRAMMATICA LATINA. STORICA E COMPARATIVA.

SINGOLARE:

N o m i n a t i v o: Le altre lingue ie. hanno -a conservando


la lunga del tema: gr. &d scr. kanya ablg. zena gt. giba (-a
da -a) ecc. Però i temi in -ia- (come-lt. avia) mostrano -ia od
-i (evidentemente -iii alternante con -i): scr. devi gr. &ciÀ!Xl1l1!X
(-xioc) cXÀ~&eL!X ecc. L'-a dellt. (-a in grecismi o per allunga-
mento metrico in cesura, cfr. Ennio Ann. 147) può essere
in parte dovuto alle forme in -ia, in parte a imitazione dei
neutri plurali di II declino quando essi presero -a per -a, § 314.
L'arcaico nomino paricidas ha -das da *-datis = datio § 235
e da esso è ricavato il tema paricida-, cfr. P. XX, 190; secondo p.,
hosticapas. Pel v o c a t i v o cfr. § 303 (Leonida Plauto e
simili sono grecismi).
A c c usa t i v o: Taurasia P 2,7 ecc. secondo § 129. Per
la prosodia dell'-am finale cfr. § 141.
D a t i v o: L'antico -ai in Fortunai P 2,397, Minervai 122,364,
fileai 122,561 ecc.; accanto ad esso, -n in Flaca 122,477, Louoinii
p 2,360, Matiita P 2,379 ecc., sorto da -n: come -s da -oi nella
II decl. (§ 307). Fortune (12 2,48) e simili sono volgarismi e rusti-
cìsmi, cfr. § 19. Se aquai in Lucr. I 454 va inteso come dativo,
avremo da scorgere in esso un falso arcaismo dovuto alla ugua-
glianza di dato e gen. aquae, ed alla nozione che antico aquai
corrispondeva ad aquae (del gen. l).
A b l a t i v o: Forme con -ad: sententiad P 2,581 r. 8 ecc.

T L § 319. - G e n i t i v o: La forma in -as (gr. &eiic; gt. gibos


, doni' lit. stirnos ' frontis ' eec.), oltre che in familias, è usata
talora in opere letterarie con valore arcaizzante: escas M onetas
Liv. Andr. (12.23), Terras Naev. (Beli. Poen. 20) ecc. - Tro-
viamo -ai bisillabico in Plauto comoediai ecc., Ennio Albai
Longai (Ann. 33), e come arcaismo ancora presso Lucilio, Lu-
crezio, Virgilio (aulai, aquai). La scrittura -ai, incerto se con
valore bisillabico o di dittongo, in epigrafi: Duelonai P 2,581 ecc.
Sulla origine delle forme cfr. § 309. La norma di Lucilio (Quintil.
I 7, 19) ripresa da Nigidio Figulo (Gramm, Rom. Fragm. 11),
PARTE II. - MORFOLOGIA 157

di scrivere -ai nel gen. ed -ae nel dat., è dovuta evidentemente


al necessario permanere di -ai bisillabico presso quei poeti che
l'avevano adoperato. Una estensione della grafia -ai anche al
dativo, intesa a distinguere l'-ae del singolare da quello del
plurale, ci è testimoniata per alcuni innominati da Quintiliano
(I 7, 18). Quanto a divine (VI 226) ecc., si tratta della monot-
tongazione rustica e volgare di cui al § 19.
Talora, quasi esclusivamente in nomi propri, si trova, a
partire dalla fine del I sec. a. C., -aes o, colla monottongazione,
-es: Aquilliaes Valeriaes, dominaes, Benignes, Minerbes ecc., a
volte anche in nomi maschili come Aleaiaes, Midaes. L'aggiunta
di -s par dovuta a influsso greco ('t'~fLliç), ma forse in parte
potrebbe anche pensarsi a influsso del sostrato oscoumbro; in
ou. il gen. sg. dei temi in -a- aveva continuato a terminare in -,asi
né è escluso che abbia contribuito l'esempio della III decli-
nazione.
L o c a t i v o: Esempi, oltre i nomi propri (Romae, iscriz, Ro-
mai P 2,561 e Rome), militiae, domi meae Pl., proximae viciniae, id.

§ 320. - PLURALE.

T L N o m i n a t i v o: -ai in tabelai datai (P 2,581) ecc.; -a per


-tu (§ 128) si ha da scorgere nel matrona di iscrizioni pìsaurensi
(P 2,378.379): si tratta probabilmente di umbrismo, come un
oschismo sarà il laetitias insperatas di Pomponio in una atel-
lana (qui l'oschismo dev'essere stato probabilmente in bocca
a un personaggio osco: a ogni modo esso ci mostra la cono-
scenza delle forme osche nel latino del popolo nella Campania):
qualche tardo -as in iscrizioni (libertas, filias) mostra l'ado-
zione di -s come segno del plurale che ritroviamo nelle lingue
romanze (frane, fille: filles, spagn. hija: hijas), così pure l'iso-
lato sportulaes di una iscrizione, in cui -s viene appeso alla
forma in -ae. V o c a t i v o Casmenas nel Carmen Priami.
L' A c c usa t i v o non offre materia ad osservazioni.
D a t i v o - A b l a t i v o. La scrittura -eis, -es (§ 137) si
ha ancora in soveis aastutieis (P 2,364), seribeis, noneis (P 2,587);
158 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

da temi in -ia- sparsamente ianuaris, colonie (Monum. Anci-


ranum, che ha però anche MANIBIIs), ooloneis (= -is) ecc. e
l'irrigidito gra·tis (Pl. sempre gratiis), dopo che ei fu diventato i,
§ 21. Delle forme in -abus, che acquistano maggior diffusione
nel latino popolare tardo, notano espressamente i grammatici
che sono usate per distinguere il femminile (p. es. Prìscian.
II 293: differentiae causa ... bus desinentia faciunt dativum
et ablativum pluralem ... natabus, filiabus, deabus, equnbu»,
mulabus, libertabus, asinabus).
Pel G e n i t i v o nulla vi è da aggiungere a quanto è detto
nel § 316.
T § 321. - NOMI GRECI.

N ella I decl. latina sono stati accolti i nomi greci con tema
in -a-, in un tempo più antico l'assorbimento è stato completo
(così per appellativi femminili come machina, olea, maschili
come poeta, nauta, per nomi propri femminili come Alc(u)mena,
per gentilizi come Persa). Più tardi però ha luogo un maggior
rispetto della forma greca, per cui vengono conservati a volte
l'-n dell'accuso sg. (Andromedan) e le desinenze del gen. pl.
(Danaidum Aenèadsun o addirittura Antinoiton ecc.), quando
naturalmente non si trascriva direttamente l'originale (quindi
anche nom. sg. in -n. Tegea). Compromessi sono sorti special-
mente presso temi con -'1)- e presso nomi propri: p. es. femm.
poetice physice Domaè, accuso physicen, gen. Domaèe grammatices
(che acquista presso i poeti, da Ovidio in poi, il sopravvento
sul tipo grammaticae); msc. poetes agonothetes Persè« (accanto
a Persa, Olympionica, propheta), accuso anagnosten choraulen
Oronten (nella I decl. gli accusativi in cui è conservato -è- hanno
di regola -n, salvo gli etnici in -us. Spartiatem ecc.; con -a-,
Persam prophetam), ablat. Perse sophiste (ed -a).
I nomi propri msc. in -tis conservano l'-s in latino: Aeneas,
hanno l'accuso più spesso con -an (Aenean), talora -am (Ana-
xagoram); il voc, dei nomi msc. in -ae -es esce in vocale lunga
(Aenea, Anchise); il dativo dei nomi sia maschili che femmi-
nili in -è-ha -è: Anchise, Phoebè, così pure l'ablativo: Perse,
PARTE H. - MORFOLOGIA 159

comete, Alcmene. Come paradigma dei nomi propri si può quindi


fissare il seguente:
Nom. Aeneas Persès, Persa Alcmene, -a
Voc. Aenea Perse, Persa Alcmene, -a
Acc. Aenean (-am) Persèn, Persasn Alcmenen, -am
Dat. Aeneae Perse, Persae Alcmene, -ae
AbI. Aenea Perse, Persa Alcmene, -a
Gen. Aeneae Persae Alcmènae, -èe
Di sul nominativo in -es si declinano nomi greci della I decl.
anche secondo la III latina (satrapes -is da Q"(x:rp&7t1)~ -ou), o
- come già in greco - nomi greci della III decl. in -1)~ -ouç
passano alla I latina: Socrates Socraten (-em) voc. Socrate.
T L § 322. - Nella lingua popolare i nomi greci femminili con
nominativo in -e hanno ricevuto una nuova declinazione:
Nice Nicenis, l'yche Tychenis, dato Chresteni Glauceni Ty-
cheni ecc.; con scrittura inversa Augaeni ecc., con i corrispon-
dente alla tarda pronunzia greca di 1), Plooinis Chrestini;
cfr. anche mamani, taUini, tutti in iscrizioni. L'origine di
questa declinazione andrà veduto nell'analogia di luno lunonis,
soprattutto dei nomi greci in -w declinati secondo questo, Ca-
lypsonem Itmem (di lo) Didonem Callistoni ecc.
Un'altra formazione popolare (in iscrizioni) di nomi in -e
da -1) troviamo in gen. irenetis (Jfjriacetis, dato Agriaceti ire-
neti (anche lsiati Sofiati) e simili; cfr. anche, da nomi greci
msc. in -iis, Niciati, Hylatis, Thomate, Damati ecc. Qui il punto
di partenza è costituito dal tipo greco Hermès Hermétis, Thale8
Thaletis, tanto più facilmente in quanto il greco aveva la doppia
forma 0otÀli~ 0otÀou accanto alla declinazione in -1J~ -1J't"O~.

II. Declinazione.
L § 323. - Temi in -0- maschili, neutri e femminili.
Paradìgma:
Sing. Nom. lupus PI. lupi Femminili (come
Acc. lupum lupos il msc.): nomi di
160 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Nom.-acc.-voc. ntr. donum dona piante ed alous,


Dat. lupo colus, humus, van-
lupis
AbI. lupo nus ecc., domus.
Gen. lupi luporum
Loc. belli Leontinis
Voc. lupe l1l,pi

Neutri con nom.-acc. in -us sono pelagus dal gl'. néÀIXYoc;


(acc. pelagum Corno Sev. ap. Probum de nom. p. 208 e Tertull.,
oltre al normale pelagus)j virus = gr. ~6c;, forse per attrazione
di venenum e toxicum (cfr. anche scr. vi!idm ntr. 'veleno ')j
e vulgus che però è usato anche come maschile (Varro etc.).

T L § 324. - SINGOLARE:

N o m i n a t i v o: Antico filios (12 2,9), Nonio» Plasuios


(12 2,561); con caduta di -8 (§ 128) Populicio (12 2,27), [Gorneli]o
(12 2,6). Dopo u (v) resta +QJ~ino alla, fìna.xìella.irepubblicar
mortuos accanto a gniitus (12 2,12) eec.; più tardi ecus Se1'US
(= servus) oltre al solito equus servus ecc.
Come normalmente in oscoumbro, così sporadicamente in
latino ha luogo sincope dell'o tematico: famul (Ennio, Lucrezio)
accanto a famulus (cfr. osco f a m e l), recenti e volgari mascel
vernacel figel in iscrizioni, così pure Mercuris G16dis ecc. (1)
(cfr. o. P a k i s = Pacius ecc.), inoltre il termine giuridico
damnas = damniitus (cfr. O. h r z = lt. hortus). Questa sin-
ù

cope, che probabilmente è dovuta ad influsso ou., si è genera-


lizzata pei temi in -ro-, i quali hanno -er da -ros, -eros (§ 133:
aqer = U. ager, fab'er = peligno faber, puer) se all'r precedeva
consonante o, in parole di più che due sillabe, vocale breve
(puer da *p1Uros ma ferus purus aviirus taurus): fanno eccezione
vir (secondo uxor pater mulier) Geltiber Cat. (-er Mart.) e -ros

(l) In Notizie degli Scavi 1902, p. 212 (Pompei) è scritto Iiucretius ma.
bisogna leggere Lucretis: Lùeretis mc Fronto dignus honòre bene est (pen-
tametro; Bi notì però che l'e di Lucretius è generalmente lungo).
PARTE II. - MORFOLOGIA 161

da -sos (§ 113) in umerus scr. àmso« 'spalla' ecc., numerus


da *numesos, § 209. La desinenza -us si trova anche in inferus
superus uterus accanto a cui sparsamente infer super Cato, uter
Caecil.; socerus accanto a socer ha PIanto; vi è esitazione nei nomi
greci: generalmente Menander Alexander Meleager, 'Codru» Petrus
Loorus, ma Evandrus (ristabilito secondo il gr. Eutlvopoc;) ed
Evander Verg., ecc.; in iscrizioni si trova Agathémer Euhémer:
similmente gli appellativi, arehiater ed arehiatros, hexameter e
-tros e così via. Volgari e seriori sono barbar hilar (pel comune
-rus, gr. -poç).

T L § 32f). - A c c usa t i v o: antico Lùciom ecc., con caduta


di -m (§ 129) oino viro (P 2,9).
N o m i n a t i v o - a c c usa t i v o - v o c a, t i v o n e u t r o:
antico piicolom; poeolo (P 2,439.2285.4-43) donorn dono
(12 2,27.2659); conservazione di -0- dopo -u- in perpetuom. ae-
quom ecc. La desinenza è caduta (originariamente per elisione
a vanti vocale? o per sincope t) in nihil da ne hilom, non da
*no(i)nom da *ne oinom ' non uno' accanto a, noenu(m).
D a t i v o: Antico duenoi (P 2,4) populoi Romanoi Mar.
Victor. VIII.
A b l a t i v o: antico Gnaivod (12 2,7) meritOd adv, ecc.; in
cito modo formati come merito l'o è dovuto ad abbreviamento
giambico (§ 28) fissatosi in quanto questi avverbi non venivano
più sentiti come ablativi.

T L § 326. - G e n i t i vo: nelle iscrizioni più antiche -i rispetto


ad -ei pel nom. pl.: SC de Bacch. Latini urbani, ma nom. pl.
oinvorsei uirei, cfr. anche Lucilio 364 segg.; solo più tardi,
perduta la distinzione fra i « tenue Il ed i (l pingue », si è scritto
anche ei, p. es. Lex Agraria P 2,585 r. 1 populi Romiinei. In con-
seguenza, i temi in -io- hanno più anticamente -i (da *-'ti):
Aiseliipi (12 2,440) ecc.; ma al principio dell'impero si trova -ii
nelle iscrizioni, e poco prima nella letteratura, per influsso
analogico degli altri temi e per raccomandazione di gramma-

Il - V. PISANI, Grammatico Ialina storica e comparativa.


162 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

tici analogistì (Varrò ap. Charis. I 78); ma Orazio e altri


preferiscono ancora. -i, che resta in uso a lungo. L'accento
rimaneva però, ciononostante e nonostante la norma del tri-
sillabìsmo, sulla penultima: Valéri (ma vocativo Valeri: Ni-
gidio Figulo ap. Geli. XIII 26). - Similmente per nomi come
Pompeiius troviamo Pompei (P 2,1365) e Pompeiii (Caes, ap,
Priscian. II 14).
Mettoeo Futetioeo (cioè -oio) di Ennio è grecismo o imitazione
di un arcaismo remoto, cioè del presupposto -oiio (§ 309)'

T L § 327. - L o c a t i v o: oltre belli Corinthi domi ecc., sono


loeatìvi le formule die quinte (per l'-e cfr. § 21) e die quinti,
die quarte, noni, pristini, proximi; -ei si legge in die septumei
di Pl. Perso 260 (ms. Palat.; l'Ambros. ha septumi) e in Delei
(P 2,2500, che però essendo del 58 a. C. non ha importanza
alcuna). Che si tratti di antico -ei , mostrano Brundisii Enn. e
simili forme senza contrazione da temi in -io- (contrariamente
a quanto accade pel genitivo).
V o c a t i v o: i nomi in -ro- che al nomino formano -er, -r
perdono la finale anche al voc.: [aber, viri per puer, Plauto
(sempre) Cecilie Airanio hanno puere. I temi in -io- contrag-
gono -ie ln -i: tili Publi Valeri (contro gen. Valérisecondo
Nig. Figulo ap, Geli. XIII 26; a tempo di Gellio anche il voc.
suonava-!aléri); da nomi in -eiio- abbiamo Pompei (cioè -eiii)
e Pompei. In Livio Andronico si legge tilie, Laertie, in Ennio
Saturnie, forse ricostruzioni analogiche come i Vergilie e M er-
curie di cui ~arla Prisciano II 301; ma Bromie in Plauto può
essere il gr. Bp6[J.Le:. Deus ha il vocativo uguale al nominativo;
ciò si spiega col fatto che un vOC. sing. di questo nome è usato
dapprima dai Cristiani (solo o bone deu« Scribonio Largo; la
religione romana usava di nel plurale, ma nel singolare il nome
del dio invocato): del resto, dee si trova in Tertulliano.

T L § 328. - PLURALE:

No m i n a t i v o (e Vo c a t i v o): antichi pilumnoe poploe,


[escemnoe presso Festo (da leggere fasceninoe Y-oe è grana moder-
PARTE II. - MORFOLOGIA 163

nizzata per -oi); più recenti foideratei (12 2,581), leiberei (12 2,614),
ploirume (12 2,9) ecc.; Adelphoe (titolo della commedia dJ Terenzio)
e simili sono trascrizioni del greco. I nomi in -io- hanno per-
tanto -ii di norma, solo eccezionalmente o~, che compare dap-
prima in una iscrizione del 117 a. C. (flovi 12 2,584; cfr. Gabi
Prop. IV 1, 34 eec.).
Un compromesso fra i plurali oschi in -os e quelli latini in
-ei, -i, nel quale influisce anche l'esempio dei plurali con -$
delle declinazioni III IV e V, è rappresentato dai plurali in
-eis -ès -is di iscrizioni che vanno dalla fine del III sec. a. C. al
I d. C.: Vertuleieis leibereis (12 2,1531), magistreis (12 2,364),
violaries, ministris ecc.; Vituries Veituris filis da temi in -io-:
Deus ha al plur. di (da deivei § 34) e il recenziore dei rifatto
da deus; la scrittura dii esprime in realtà il monosillabo di,
come mostra la prosodia dei passi poetici che contengono la
parola.
L' A c c usa t i v o e il N o m i n . - a c c u s. neu t ro
non offrono materia di osservazione.
D a t i v o - A b l a t i v o: antichi a b o l o e s p r i v i c l [i]-
o es' singulis' presso Festo, con oe modernizzato da oi; con
-eis, castreis (12 2,614) ecc.; con -ee, Cavaturines. Nei temi in -io-
la contrazione di -iis in -is sembra posteriore a Plauto e Terenzio,
e in generale rara; comunque mieis in 12 2,15 (seconda metà del
II see.) che esprime graficamente il monosillabo mis si trova già
in Pl. Menaechmi 202; deus ha dis (di cui diis è espressione pu-
ramente grafica), e deis di su deus dapprima in Catullo (IV 22).
G e n i t i v o: antichi Romarwm P 1 e Romano (§ 129),
socium 12 2,581; dopo u (v) resta o, sovom 12 2,727 ecc. (divum
Carm. Sal. sarà grafia modernizzata); similmente con-um
verbum ecc. Pl., amicum Ter.; in Virgilio (famulum) ecc. tale
formazione ha ormai scopo arcaizzante. Però resta -um in
formule come socium (Liv.), deum (pro deum (idem; divom
Verg.), nummum e simili termini per misure e pesi, in nomi
propri come Drusum Gracchum (Rhet. ad Herenn.) e di popoli,
Achivum Henetum ecc., spesso ove preceda r: liberum, duum-
164 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

virum, praefectus fabrum; presso poeti in composti lunghi come


consanguineum magnanimum squamigerum (qui ha agito anche
I'r). Ma -orum appare fin dalla più antica tradizione, cfr. duo-
noro 12 2,9 ecc.

T § 329. - I NOMI GRECI in -0- passano alla II decI. e ne assu-


mono le forme; ma spesso vengono conservati i nominativi
sg. in -os (Aegyptos Amorgos Epiros ecc.) accanto alle forme
con -us, e specialmente l'accuso sg. in -on è adoperato dai poeti
per evitare l'elisione avanti vocale (Rhodon Samon ecc.); rara-
mente si trova il genitivo in -u da -ou (Eudieru Liv. XLIV
3, 3 ecc.); spesso il nomino pI. in -oe da -or (Adelphoe Ter.,
Clerumenoe PI., comèphoroe Cic.), a volte il genit. pl. in -on:
tetrastichOn, specialmente in titoli di libri come Bucolicon
Georgicon epodon astronomicon Argonauticon; infine nell'accuso
pI. si trova talora -iis da -ouç in qualche manoscritto. Di nomi
contratti troviamo solo Panthus voc. Panthu (II&v.&ooe; -ouç) in
Virgilio; di Androgeos della declinazione « attica» il genitivo
suona, oltreché Androgei, Androgeo (-e:w) in Verg. Aen. VI 20;
e così via. Infine i nomi di donna in -Iov prendono general-
mente la desinenza latina di neutro -ium: Philematium, dativo.
-tio,
N orni greci in -e:ue; sono stati accolti nella II decI.: Premè-
theus gen. Promèthei (ma vocativo -eu) j più tardi (Virgilio ecc.)
essi vengono declinati alla greca specie nell'accuso in -ea.
Cfr. anche §§ 348.349.

III. Declinazione.

T L § 330. - La terza declinazione accoglie temi dei tre generi in


-io, -n,- oro, -mo, -lo, -io, -u-, dittongo, occlusiva, -$-. Come mo-
strano le altre lingue ie., la declinazione dei temi in -i- (alternan-
tesi con -ei- ) si distingueva originariamente da quella più propria-
mente consonantica, o ad essa assimilata, degli altri temi: ma
per un processo che appare anche fuori del latino (specialmente
nelle lingue baltiche e slave) i due tipi di declinazione sono
PARTE II. - MORFOLOGIÀ 165

andati raccostandosi, e nel dativo sing. essi si sono fusi a seguito


di mutamenti fonetici. In origine si doveva avere:

Sing. Nomin. -s (o O) -i-s, cfr. ser. (1) vdk (ave- agni-s

Ace. -W' (> lt. -em) -i-m .


stico viix-s)
vac-am agnim
NA. ntr. -O -i (> lt. -e) bhdrat çuci
Dat. -ei (> lt. -ei) -ei-ei (> lt. viic-é agnay-e
-ei) (2)
AbI.-Gen. -es, -os (> lt. -ei-s viic-as agné-s
-is, -us)
Loc. -i (> lt. -e) -eu viic-i agnau
Plur. Nom. -èe -ei-es vdc-as agnay-as
(> lt. -es) (2)
Ace. -'{fs (> lt. -es) -i-ns viic-as agmn •
(> lt. -ts)
NA. ntr. -~., -i~ bhdrant-i çuci
(> lt. -il) (> lt. eia)
Dat.-AbI. -bhos -i-bhos viig-bhyas agni-bhyas
(> lt. -ibus)
Gen. -om -i-om •
viic-am gr. ~otcr(-wv
(> lt. -um) (> lt. -ium)

T L § 331. - In latino sono stati adottati -es, -os (> -is, -us) dei
temi in consonante e rispettivamente -es dei temi in -i- come
uniche desinenze del gen. sg. e rispettivamente del nom. pI. che
restano così chiaramente distinti, diversamente da quanto
accadeva in origine pei temi in consonante che avevano -ee
in ambedue i casi. Le difficoltà fonetiche che potevano sorgere
nell'incontro di consonante finale del tema col b di -bue sono
state evitate adottando -ibus anche pei temi in consonante.
L'antica, anormale desinenza. di locativo dei temi in -io, e

(I) Temi viik/c- • vox', agni- • ignis', bhdrant-/bhdrat- • ferens', cuc,·


• purus '.
(2) In seguito alla scomparsa di -j- fra vocali.
166 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

cioè -eu (forse ancora nell'avverbio noctu), è .stata abolita


mentre -i (> -e) dei temi in consonante ha servito a distinguere
l'ablativo dal genitivo singolare, dato che il latino ha esteso a
tutti i temi questa distinzione, propria in origine solo di quelli
in -0- (§ 308); e questa desinenza è stata in parte adottata anche
dai temi in -io, presso i quali d'altro lato è sorto pel processo
descritto sopra (§ 308) -id (> -i), che talora è assunto anche
da temi in consonante (coventionid P 2,581). Nel nominativo sg.
-i- è andato soggetto a sincope, specie dove era preceduto da
due consonanti (mens = scr. maii-s, mors = scr. mrti s), faci-
litando la fusione dei due tipi tematici; nell'accusativo, -cm
dei temi consonantici è andato diffondendosi a spese di -im,
e nell'accuso plur. l'adozione di -es (da -ei-cs) nel nominativo,
identico ormai ad -ès (da -r!s) dell'accusativo presso i temi in
consonante, ha fatto sì che si tendesse sempre più ad adeguare
all'antico nominativo in -es anche l'accusativo dei temi in -io,
sostituendo -ee all'antico -ts, Alla fine del processo si stabili-
scono i paradigmi:
Sing. Nom. rex hostis
Ace. regem hostem, puppim
N.-A. ntr, caput mare
Dat. regi hoet;
AbI. rege hoste, puppi
Gen. regis hostis
PIuro Nom. reges hosue
Ace. reges hoeus, hosu«
N.-A. ntr. capita maria
Dat.-AbI. regibus hostibue
Gen. regum hostium

L § 332. - Astraendo dai nominativi sing., la differenza si


limita al gen. plur. e al nom.-acc. plur. ntr. e inoltre, con certe
restrizioni, all'ace. e abl. sg., parzialmente all'ace. plur. ove
i temi in -i- hanno o possono avere forme speciali. D'altro lato,
nomi in consonante sono passati alla categoria in -io, p. es. no»
gen. pI. noctium, dens dentium (gr. ..u; wx-r-oc; òòwv òòOv-r-oc;,
PARTE II. - MORFOLOGIA 167
scr. ace. sg. ndkt-am ddnt-am), e in generale neppure nei due
casi (N.-A. pl. ntr., Gen. pl.) più refrattari alla fusione la distin-
zione è sempre netta.
T L § 333. - Per quanto riguarda le desinenze dei vari casi
(salvo quel che sarà rilevato in seguito a proposito dei diversi
tipi tematici), va qui notato:
SINGOLARE:
A c c usa t i v o: -im è norma per amussim burim cucumim
ad fatim futim ravim (Pl.) rumim sitim Tiberim tussim vim (tutti
femminili eccetto Tiberim); si trovano tanto -im quanto -em per
clavis cratis cutis [ebrie navis (navim Pl., Ovid. ecc.) neptis pars
(partim Liv. Andr., Lucr., inseguito rimasto come avverbio)
pelvis puppis (puppem è postelassieo) restie securis sementis
strigilis turris, anche questi femminili; del rnsc. piecis l'ac-
cusativo piscim si trova in una iscrizione di Preneste del III
sec. a. C. (P 2,560). Accusativi in -im sono avverbi come prae-
sertim statim (: ~tati-o § 236) ecc. ~ . .<la notare che in parte i
temi con accusativo in -im eranountichì _t~!!1ijn .-I-~_J)ltre vim
-(Vis)· cfi: neptis· Ber; napffs,pelvis scr. palavi.
D a t i v o: Antico regei (P 2,1), Iouei Liinonei aeuuei (P 2,364),
[H]ercle Hercole (P 2,2659.61) e cfr. la formula iure dicundo;
in una iscriz. le tre grafie: lunone Seispitei Matri (P 2,1430).
TL §334.-Ablativo: anticoloucarid(P2,401)opid(P2,364,
tema in consonante!) ma aire (12 2,383); -ed fn dictatored navaled
della Colonna Rostrata (12 2,25) che però, come monumento per
lo meno rifatto, può contenere in questo tratto (e contiene in
altri) un ìperarcaìsmo: ma -ed per tema in consono parrebbe
attestato dal [c]osoled di 12 2,19 del III sec., evidente analogia
di -id nei temi in -i-o Le scritture come omnei fontei sono del-
l'epoca in cui ei indicava oramai semplicemente i, di qualunque
provenienza esso fosse. In fame pube ecc. abbiamo forme rifatte
di sul nominativo in -es secondo la V decl.; ma pube mole ha
Verg., sede Cic. Circa la distribuzione delle due desinenze -i
ed -e, si può notare la tendenza a diffondere, fuori della cerchia
168 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

originaria (temi in -i- per la prima, in consonante ecc. per la


seconda), -i presso gli aggettivi, -e presso i sostantivi. Pei
sostantivi i grammatici antichi dànno come norma che si usa
-i dove l'accuso suona -im, -i od -e dove nell'accuso si ha -im
od -em: ma -i appare più o meno sporadicamente anche altrove,
mentre presso i neutri in -e -al -ar (temi -i- -ali- -ari-), che di
norma hanno -i, compare non di rado -e. Ignis forma igni ed
igne, ma sempre aqua et igni interdicere, ferro ignique. I com-
parativi hanno -iore fino nel periodo classico, da Lucano e
Giovenale s'inizia -iori; molto incostanti sono i participi pre-
senti: altrimenti la norma per gli aggettivi è -i.
G e n i t i v o: antico SalUtes (12 2,450), con -os Diouos
(P 2,360), nominus (12 2,581). Un antico genitivo con sincope
è l'avverbio arcaico nox ' di notte' (XII tab., Enn.), cfr. vux,6ç
, di notte '. Con caduta di -s, rege § 130; iure peritus, coneuitu«.

L § 335. - In Accherunti Garthiigini luci (primo luci P!.) ruri


temperi abbiamo dei lo c a t i v i, molto probabilmente for-
mazioni secondo domi »espert ecc. della II decl, (§ 327): più
difficile è che si debba in essi vedere la continuazione di antichi
locativi in *-ii-i od *ei-i. Ma humi è un antico dativo di tema
in consonante (*hom- = gr. X&ov-6ç da *X&O[L-) e corrisponde
al gr. xoc[L-oc(.
V o c a t i v o. L'antico tema adesinenziale ancora in I up-
piter Tiipiter = Zeu 7t<hep, passato poi anche al nominativo,
§ 344. Sulla possibilità che in pater miiter ecc. sia confluito il
vocativo in -er oltre al nomino in -èr, cfr. § 303.

T L § 336. - PLURALE:

N o m i n a t i v o e A c c usa t i v o msc. e fem.: la ripar-


tizione originaria è, come si è visto, N. -es Ac. -ss pei temi in
consonante ecc., ~. -es Ac. -ts per quelli in -io; ma presto questi
ultimi estesero -èe all'accus., e viceversa, ma meno frequente-
mente, -is penetrò nel nominativo e poi dai temi in -i- anche in
quelli consonantici, in ambedue i casi. Un esempio di -èe nel
PARTE II. - MORFOLOGIA 169

nomino avremmo ancora in Ennio Ann. 101: virgines; ma jores


pedes di Pl. sono dovuti all'abbreviazione giambica, grypes
Verg. e simili sono grecismi, e probabilmente anche l'isolato
esempio enniano rappresenterà un grecismo, seppure non debba
intendersi altrimenti. I nominativi puppis restis sono atte-
stati da Varrone, jinis ceiveis in iscrizioni; per l'accusativo
cfr. jinis omnis omneis turreis (ei = i) optantis ecc. in iscri-
zioni. Nei mss. l'uso di -ès ed -is è promiscuo.
N o m i n a t i v o - A c c usa t i v o n t r .: -ia dai temi in
-i- (quindi con nom. sg. in -e -ol -ar) si è diffuso anche agli
aggettivi (compresi i participi) che hanno adottato -ium nel
gen. pl. Ma i comparativi hanno -iora (plUria compluria accanto
al più comune ora, forse secondo omnia).
T L § 337. - D a t i v o - A b l a t i v o: nota la scrittura Tem-
pestatebos (P 2,9), navebos (Col. Rostrata P 2,25); senatorbus nel
SCo de Bacchan. (P 2,581) dev'essere errore materiale: nella
stessa iscriz. si legge seniit6ribus. Senza -i- le forme bù-bu« e
subus (su- Y), cfr. appresso §§ 343.344.
G e n i t i v o: -ium dai temi in -i- si diffonde a quelli in
consonante, specialmente agli aggettivi e ai participi presenti
(ma parentum; civitiitium accanto a -tum può anche contenere
un antico suffisso -tiiti- allotropo di -uu-, cfr. § 240); i compa-
rativi hanno -i6rum (ma plUrium complUrium come -ia nel
nom.-acc. ntr.). - Can-um iuvenum mènswm. (e mensium) sono
di antichi temi in consonante (scr. çvan- yuvan- miis-, gr. xUtù'll
!J.~'II) che hanno preso -is nel nom. sg.; secondo questi anche
viitum apum ecc. da temi in -io.
Secondo iugerum di iugus -eris ntr. = ~e:uyoC; e usato anti-
camente di una coppia di buoi, si è fatto bov-erum; il rapporto
Iovis Iovem = bovis bovem ecc. ha recato seco uno Ioverum,
secondo cui Gn. Gellio ha creato 1'egerum e quindi lapiderum,
Celio Antipatro nucerum, tutte forme che non hanno avuto
seguito, mentre iugerum è stato reinterpretato come gen. plur.
di tema in -0-, onde il nom. sg. ntr. iugerum ' iugero ' (propria-
mente 'terra coltivata da una coppia di buoi '),
170 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

T L § 338. - Per quanto riguarda le varie CATEGORIE TEMA-


TICHE, si noti:

1) T e m i i n o c c l usi va. N o m i n a t i v o: guttu-


rale + -s dà -x, labiale + -s dà -ps (pleps, scritto di solito
plebs), dentale + -B dà -ss onde -s: milcss PI., indi miles;
ma questo -s non si elide nella poesia arcaica (cfr. § 128). Più
tardi, nella lingua del volgo, -x si riduce a -s, onde scritture
come conius e inversamente milex. Per nix nivis (Lucr. ningucs
acc. pI. secondo ninguit, imitato da Apuleio nell'ablativo
ninguc) cfr. § 109; similmente coniunx coll'n di coniungo pel
regolare coniuo: (gen. coniugis).
Il confronto di scr. pat padds gr. 7tWe; 7toMe; mostra che l'al-
ternanza pè« pedis è di origine ie.; in vox vocis rispetto avocare
l'o può essersi diffuso dal nom, sg., ma ciò probabilmente già
in epoca ie., perché anche il scr. declina vak vacds (il gr. invece
()7t-~). L'alternanza fra lunga e breve si trova anche in pos
potis, vas vadis (gt. wadi ' pegno, arra 'i nei composti compos,
praes da *prai-vds); ma in abies arie« pariee (gen. -etis) la
lunga è artificiosamente prodotta nella poesia dattilica, perché
le parole potessero usarsi in tal metro.
L'alternanza in auspex artifex: -icie, praeses: -idis dovuta
alle diversità nell'indebolimento degli antichi c, a (§§ 42.44) ha
fatto sì che anche a iudicis equitie ecc. con antico -i- si creas-
sera nominativi con -co: iudcx eques in luogo di *-dix ecc. Simil-
mente hospes non *hospus da *hosti-pot(i)s di sul gen. hospiti«.
In auceps aucupis (: capio) i casi obliqui hanno -u- per -i-
in vicinanza di labiale, § 42; ma prinoepe principis serba l'-i-
solito, forse per attrazione di i nella sillaba precedente. Queste
due forme han dato il modello per praeceps omoeps invece degli
antichi praecipes ancipes gen. praecipitis ancipitis (da prae-,
am- + caput da -ot)i i quali praecipes ancipes hanno -c- in
luogo di -u- per lo stesso motivo che hospes,

N o m . - a c c. n t r .: nota hallec (e femmin. hallex), caput,


cor da *cord, Iac (per cui Varrone voleva riporre lact) e lacte
(arcaico e tardo). - Presso i temi in -nt-, il nom.-acc. aveva
PARTE II. - MORFOLOGIA 171

[erèn« da *bherrft (= scr. bMrat) § 126; l'uguaglianza di questo


col msc. feréns da "bherent-« (= scr. bMran) e C9l fem. feréns
da *bherrfti-s (o da *bherent-sY Cfr. P. VIII, 39 s.) ha fatto sì
che anche gli altri aggettivi in occlusiva adottassero pel nom.-
ace. sg. ntr. la forma del maschile-femminile: audax félix ecc.
L § 339. - 2) T e m i i n r: Nel n o m i n a t i v o troviamo
ancora la lunga in uxor soror imperator in Pl., ove forse essa è
conservata per influsso dei casi obliqui. In monosillabo essa si
conserva in fur furisj lunga del nom. si alterna con breve dei
casi obliqui in par paris (l): per Liir cfr. appresso. Memor è
probabilmente da *memus § 256, quindi il suo -or sta per -U8
secondo i casi obliqui (cfr. § 18). Quanto a .Marci-por nome
di schiavo da * Miirco-puer o -pover, è difficile farne la storia
esatta: notevole il passaggio alla III decI. con partenza dal
nom. sg.
N o m . - a c c. n t r.: la vocale è breve come nel resto del
paradigma: cadaver uber marmor ecc.; solo piir come nel masc.-
fem. Vér vèris ha la lunga in tutto il paradigma ed è da *,!!er ie.,
cfr. anord. var (forse da più antico *,!!esr accanto a ,!!es[ onde
ÉlXp). Infine fiir farris da *fars-is (umbro farsio 'farrea ') con
lunga nel nom. sg.
Nei c a s i o b l i q u i si noti l'apofonia patr-is matr-is
friitr-is ventr-is rispetto al nom. e voc. pater ecc. come in
7t1X't"p-6ç rispetto a 7tIXTIJP 7tcX:t'e:pj invece i nomina agentis hanno
diffuso a tutto il paradigma la lunga propria in origine del solo
nominativo: dator (da -tor, § 135) daiorie, ma gr. i)w't'wp i)w't'opoç
scr. data diitaram (-a- nell'accuso da -0-) dato datr-é. Di sul no-
minativo, dopo che era stato abbreviato (§ 135), sono fatti
Maspiteris ecc. (Prisciano).
Nella categoria dei temi in -1'- sono entrati antichi temi in
-so, di cui questa consonante si è rotacìzzata fra vocali (§ 115)

(I) Qui e in casi analoghi come siil l'allungamento del nominativo può
esser dovuto alla tendenza ad evitare in tal modo l'eccessiva brevità del
monosillabo in parole di valore semantico pieno.
172 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

nei casi obliqui che hanno poi ceduto il loro r al nominativo:


mulier (ma muliebris da -es-ri- § 88), dègener (dè +
genus) e
dèdeeor (decus), Lar Laris (come par paris ~ o antico *Las
Lases ~ antico plur. Lases Carm. Arvale), arbor honor ecc.
cfr. § 251; infine i comparativi § 255. E cfr. il memor addotto
qui sopra.

§ 340. - 3) T e m i i n l: vi appartengono sol solis (antico


neutro, da *say:el o *saul, cfr. zal nella iscrizione umbra sulla
statuetta di Osimo e Glotta XX, p. 94 segg.; gr. &(f)ÉÀwç),
sal siilis con alternanza quantitativa fra nominativo e casi
obliqui, consul forse da -sod- ecc. § 155, i neutri fel fellis (da
*feln-es) e mel che secondo [el ha nei casi obliqui mellis (gr. flÉÀ~;
o da *meld-es secondo un nomino *melid cfr. gr. fLÉÀ~'t"-Oç, gt,
milip ecc. ~).
4) T e m i i n m: solo hiem-s (e hiemps § 87) hiem-ie, per
cui cfr. § 154; antico tema in m era humus, cfr. ancora hum-i =
gr. xocfL-od, § 335.

T § 341. - 5) T e m i i n n: due gruppi principali, costituiti


il primo da homo homin-is con nèmo = ne hemé, cardo, maTgo,
ordo, turbo, virgo, inoltre dai tipi cupido vltletUdo e vorago -inis,
dai ntr. nomen nominis omen -inis ecc.; il secondo da latro
-imis, natio -onis. Ambedue presentano nel norn. sg. m. e f. -o =
SCI'. -a in raja ' re ' di rajan-, lit. akmuo e ablg. kamy , pietra' ecc.,
il primo anche -en in {lamen pecten da -en come in gr. 7tO~fL~V ecc.
(§ 135); dal nominativo è riformato l'intero paradigma del
secondo tipo, con estensione della lunga. Il primo tipo conserva
invece l'antica apofonia: SCI'. ace. sg. rajan-am (-an- da -on-)
loc. rajan-i (-an- da -en-) gen. rajfi-as loc, pI. raja-su (-a- da -t"-),
gr. &.xfLov-oç 7tO~fLÉv-oç &.xfLo-aL 7toLfLÉ-aL (con -0-, -e- secondo il
restante paradigma, per -oc- da -t"-; -ov-er -sv-ot avrebbero dato
-ou-m -er-er) mostrano che l'antica apofonia era: casi forti -on-
(ace. sg., nom. plur.) ed -en-, casi deboli -n- e -t"-. In homin-em
homin-ès ecc. abbiamo -on- od -en-; il dat.-abI. plurale homin-ibus
può sostituire un antico *homen-bus con -en- da -~-j ìn
PARTE II. - lIIORFOLOGIA 173

7wmin-is ecc. (antico Apolen-ei) e nomin-is si può avere anaptissi


di -e-, -i- (§ 41) in un antico *homnes *nomnes (= scr. namn-as),
e questo è certo il caso per voraginis valetudinis il cui 9 da c
ioorao-ie, .tUt-) è sorto in un più antico *vorac-n-es *valétut-n-es,
§ 86. Il grado O sicuramente in carn-is nom. caro (e carnis, dai
casi obliqui secondo l'analogia dei temi in -io); anticamente
anche in *feln-is onde fellis cfr. § 340. La lunga in tutto il
paradigma, forse dal nominativo, hanno lien e ren (anche rien
secondo lien): è probabile che nel nomino lien (lien Pl. forse per
abbreviazione giambica § 28) essa lunga sia mantenuta per
analogia del monosillabo rèn. e dei, casi obliqui.
Nel nom. sg. m. f. -o ha subito qua e là l'abbreviamento
giambico, p. es. in hom6; solo in epoca augustea va diffonden-
dosi là forma con -o che diventa poi normale pei tardi gramma-
tici. Un nom. sigmatico è sanguis (sanguin-is ecc.; da Virgilio
in poi sangu1.s) , probabilmente secondaria mascolinizzazione
del neutro sanguen in Ennio: similmente, accanto a pollen,
Carisio insegna un pollis,
Il nom.-acc. sg. ntr. ha -en (nomen glilten unguen) da -rh
cfr. ovofLlX scr. niima,
T NOTA. - La lunga del nom. è stata trasportata nell'accus. homonem
Enn., hemonem PF. Un'apofonia o/e parrebbe doversi riconoscere nel sabino
Nerio Neriènem. (PI.; ·enem secondo Gellio), cfr. anche le variazioni nel nome
dell'Aniene, Ani!,f e Anien (e AnienU8 II declinaz.!) gen. Anionis e Anienis.
8010 apparentemente rientrano nella declinazione di temi con suffisso
in n i composti con un tema radicale di cano, tubi·cen os-cen -inis ecc.; se
alla loro categoria appart.iene praecii (che poi avrebbe diffuso 1',0 al resto del
paradigma: praeconis ecc.), potremmo ricostruire un antico patadigma
*·ko: .kan.rp : k"J.es analogo a quello scr. -lui ·han·am gen . . ghn-as dat..abl.
plur. . ha.bhyas (da -'!l'o) di composti con -hom- nome radicale di han· "ucci-
dere '. Ma praeco può anche avere avuto sempre un tema allungato -con·
analogo a quello di ci-con-ia § 196.
T L § 342. - 6) T e m i i n s: l's è diventato r fra vocali (§ 113),
quindi si è conservato solo nel n. sg., quando anche qui l'r non
è penetrato analogicamente dai casi obliqui. Oltre ad alcuni
monosillabi con lunga invariata (m. flos, glis accanto a cui
glir secondo i grammatici, mas, mos, musi f. glOs; ntr. ius 'diritto'
174 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

e ius 'brodetto " rù«, pus, eriis, os, aes, plUs in parte da antichi
bisillabi, e cioè rus da *re'}!;os avest. raooh- 'spazio libero' ed
aes da *aies- cfr. scr. ayas- 'metallo '), abbiamo il tipo colla
lunga trasportata nei casi obliqui dal nominativo (hono~ honoris),
e quello colla breve con cui nel msc. e femm, si alterna la lunga
nel nom. sg., la quale è di antichità ie., cfr. § 304. Pel primo
tipo vi è da osservare poco, tutt'al più che, se il nom. sg. ha
preso anch'esso -r, l'o si è abbreviato avanti ad r secondo il
§ 135, quindi honorhonoris; ma l'antico -s si è qui mantenuto
fino all'età imperiale per honos lepos, più raramente in odos
(Pl.) vapos (Lucr.) lab6s (Oato, Sall.) oolàs (Liv.) ecc. Però i
comparativi hanno -r fin dai più antichi monumenti (la consono
finale è caduta nei prenestini maio mino come nomi propri
femminili): pei casi obliqui cfr. meliosem (Varr.) col ntr. meliu«
e i derivati maiestiis ecc., § 255. A sé sta, con lunga in tutto il
paradigma, l'isolato tellus telluris.
Pel secondo tipo notiamo: con grado allungato nel nom. sg.
msc. fem. arbo« arboris (ed arbori ant. arbosem, cfr. arbus-tum),
Ceres piibes (aggettivo; tardo pube1') -eris, Liir Laris (Lases
nom. pl. nel Carmen Arvale); altrimenti troviamo la breve
nei temi in -is-, cinis pulvis vomis (gen. -eris da -is-is § 18;
vomer è rifatto dai casi obliqui, così pure il tardo pulver), in
Venus vetus (veter Ennio) antichi neutri § 253, in lepus di origine
forse ligure, inoltre in bicorpor dedecor degener dai rispettivi
cusì obliqui, in mulier che ha sempre r forse per attrazione di
vir, uxor, miiter.
I neutri polìsillabi hanno in parte l'alternanza -os: -es- come
gr. yé:voç yé:ve-oç, così genus onus foedus (antico [oedesum gen. pI.)
scelu« -eris; in parte -0- è penetrato nei casi obliqui, tempus
-oris (ma tempes-ta», adv. temper-i antico locatìvo) e così
corpus stercus ecc. Oscillazione abbiamo in pignus faenus,
gen. -eris e -oris (antico pignosa). In un paio di casi la r dei
casi obliqui è passata al nominativo: robur riiburi» ma robus-tu«;
fulgur -uris, antico fulgus [ulqeris. Pel nom. sg. dei comparativi,
melius ecc., cfr. § 255; i casi obliqui sono come sempre quelli
del msc.-fem., in cui è penetrato l'o del nominativo singolare.
PARTE II. - MORFOLOGIA 175
NOTA. - vas viisis è da antico vassis (§ 79): con doppio s anche os ossis,
il cui ss è forse da -sth-, cfr. scr. dsthi. Ma }'indeclinabile fas è probabilmente
un antico tema in -ti., *fatis con sincope dell'i. Da un antico nominativo
di tema in 'S-, *ausos = gr. AUCùç, si è fatto Auror-a § 163; antico tema
in -s- è anche vir-es § 254; cfr. anche § 167 su certi nominativi in -ès, Su
far farris cfr. § 251.

T L § 343. - 7) T e m i i n i, u: dopoché i polisillabi eocrus


neptis (cfr. anche § 346 IX) furono passati alle rispettive decli-
nazioni in vocale breve, sono rimasti a costituire questa se-
zione solo vis, sus e grus.
Di essi, sus suis grus (nom. gruis Phaedr. 18,7) gruis mostrano
l'abbreviazione di -u- che si sdoppia in -u:!!:- avanti vocale come
. in scr. bha-s bhuv-am·bhuv-ds 'terra', ma resta avanti consonante
in scr. bhubhis str. pI.; illt. ha nel dat.-abl. pI. suibus gruibus col
solito -ibus, ma anche su-bus con u secondo gli altri casi per su-
bus che è incertamente attestato in Lucr. V 969, Varro Sat. Men.
127 (e potrebbe qui del resto esser rifatto secondo bubus § 344).
Di vis sono antichi nel sg. solo anche l'ace. vim e l'abl, vi; gen.
e dato sono appena testimoniati in epoca imperiale, vis gen. è
dapprima postulato da Varrone de·~.I. VIII 7. Al plurale abbiamo
vires virium viribus, un tema in -so. Il confronto di scr. vdyas-
n. 'forza vitale, gioventù' ci suggerisce di partire pel sg. da
un tema neutro *'!!:f:,fJS- > *:!!:is- che forma il plur. e che nel
nom. sg., *,!!:is, è stato reinterpretato come femminile *,!!:i-s e
su di esso si è fatto in lt. l'ace. vim e l'abl. vi, in greco R-cp~
mentre f~v- (tv6~ rViX rve:c;) pare un ampliamento da *:!!:is-n-:
cfr. § 254 ed Ernout, Philologica II, p. 112 sgg.
L § 344. - 8) T e m i i n d i t t o n g o capitati nella III decl,
sono bOs bov-is gr. ~(;ic; ~of-6e; scr. gdus (ace. glim = gr. ~(;iv),
dato pI. biibu« cfr. scr. g6-bhyas e bO-bus con o secondo bo-e; e
Diés-piter ([D]iespater P, 2, 568) = Ze:te; 7tIXTIJP scr. Dydus pitli,
Iuppiter (Iupiter, cfr. § 75) antico vocativo = Zs:u 7t(he:p adot-
tato poi come nom., Iov-em Ioo-t ecc. (Diovem Diovos P 2,
558.360, dato Dio»-e P 2, 20) cfr. scr. locat. dydv-i; l'antico
nominativo col secondo elemento del dittongo conservato
(come Ze:UC; Dydus) in Ve-di:J,s = Ve-iovis, Dius Fidius (-us per
176 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

abbreviazione giambica); una innovazione secondo i casi obliqui


è il nom. Ioois Enn., Diooie Varro; dal nomino invece Diespitris
Varro, indi Arnob., iscriz., Iuppiteres Tertull. e il paradigma
Iuppitris ecc. costruito dal grammatico Pompeo. Cfr. § 356.

T L § 345. - 9) T e m i i n i. Il nom, sg. msc. femm. termina:


in -is, hostie ecc.; in -s, con sincope dell-é-, more mens d6s pars
sors (isolati sortis Pl. mentis Enn.; ma talora abbiamo -is sta-
bile presso antichi temi in consonante come mensis iuoeni»,
in dittongo come navis ece.; gli etnici in -ati- -iti- conservano
l'-i- più anticamente, lo apocopano in seguito, cfr. Arpinatis
Cato ma Arpinds Cic.); in -er nel msc, di temi in -ri- (§ 133), acer
alacer (ma antico ancora terrestris Pl. alacris Ter.; posterior-
mente illustris Oic. equestri» Liv. salUbris Cic., cfr. § 346); in -il
di temi in olio, vigil pugil (ma agg. facilis ecc.); finalmente in -ee.
Questi ultimi sono per buona parte nominativi di antichi temi in
-so: plebes (il -b- da -dh- secondo. pubes): 7tÀ1j&oc:;, sedes: ~8oc:; scr.
sddas-, nubes: 'JÉ<poc:; scr. nabhas-, sordss: gt. noartie» 'inchiostro',
fides: f1'dus-tus P. F., m6les: molee-tue, ,pubes pubis cfr. pubes
-er-is, squales: squalor, aedèe: otr&oc:; scr. édhas- 'legna da ar-
dere " vehes 'carico d'un carro': eXEa-<ptv, pr6les suboles in-
doles (alO): 'JEciÀ~C:;; per essi il passaggio ai temi in -i- è stato
provocato dalla vicinanza di nubs = scr, nabh- (§ 18) e *nebes:
vÉ<poc:; ecc. che ha preso l'u della prima parola e si è declinato
come essa nei casi obliqui. Si è così costituita una declinazione
tipo plebes plebis che ha servito di modello anche per altri temi
(di cui alcuni altri forse con antico -so, altri ancora con -e-s -
tali vulpes canes feles-nel nominativo); e viceversa secondo nubs
anche antichi temi in -s- hanno fatto il nom. senza -e-, come plebs
(Oic. ecc.), che è recenziore rispetto a plebes (Enn.), Cfr. § 167.
Per vulpes neptis faces cfr. Baltistica IV, 15.
Nom.-acc. sg. ntr.: -e da -i in mare leve; l'-i spesso apocopato,
specie dopo liquide, quindi t,·ibunal Bacchanal (-al ancora Pl.)
calcar ecc., ma conservato o restituito di norma nell'aggettivo
(facile; ma antico ancora facul difficul e cfr. simul § 582, aeer
secondo il grammatico Probo).
PARTE II. - MORFOLOGIA 177
§ 346. - A g g e t t i v i. Da quanto si è detto finora, si
spiegano le varie categorie aggettivali della III decI. (sempre
-i abI. sg., -ia nom.-acc. pI. ntr., -ium gen. pl., salvo i compa-
rativi: cfr. §§ 334.336.337):
!X) temi in occlusiva e -so, con nomino sg. unico pei tre
generi, per il che hanno servito da modello i temi in -nt-, in
quanto il nom, sg. ntr. [erèn» da *bherrft = scr. bhdrat (§ 126)
è divenuto identico a quello msc. [erèn» da *bherent-s e al
femm. [erèn« con sincope da *bherentis per -i-s (come neptis
§ 343; ma cfr. § 338): quindi audiiaJ felix, hebes hebet-is ecc.;
per vetus cfr. § 253. Così vanno anche gli aggettivi composti
come iners (ars), eepers (pars), consors, ferox (§ 223); ma qua-
drupé« quadruped-um, inops inop-um si attengono alla declina-
zione del semplice, cfr. anche diJgener bicorpor ecc. § 406;
~) temi in -io, con -is nel nom. sg.msc. fem. ed -e nel nom.-
ace. sg. ntr. Se ad i precede r, i nominativi msc. e fem. sono
-er e -ris, che la norma grammaticale assegna, il primo al msc.
e il secondo al fem., senza però che la pratica segua tale norma,
cfr. § 266.
T § 347. - S u p p l e t i v i s m o. In alcuni paradigmi di
questa declinazione osserviamo l'alternarsi di .temi diversi. Tali
iecur (iocur) , iccin-oris (con -or- dal nom. sg., per *iecin-is),
analogico iecoris; femur feminis, analogico fernoris; iter itine1'is
per *itinis, cfr.· ittito itar inn-as, coi conguagliamenti itiner
ed iteris: cfr. § 202. Per Iuppiter Iovis V. § 344; senex senis
(n. pI. senices PI.) ha forse i casi obliqui secondo iuvenis (Festo
parla anche di un nom. sg. senis), il tema del nom, si trova in
derivati come senec-a senee-tii« ecc., quello degli obliqui nel
verbo seneà, in seniitus ecc.; supellex supellectilis (secondo Festo
il nom. anche supellectilis) è contaminazione di un sostantivo
supellecti- (da super + lecto-) e dell'aggettivo derivatone con -ili-o
Diverso è il caso di confusione fra i vari tipi tematici dovuti
a ricostruzioni analogiche, come berem. Naev. per heredem
di sul nom. sg. heres; lapi Enn. per lapide di sul nom. sg. lapis;
praecipe id. per praecipite di su praeeeps,

12 - v. PISANI, Grammatica latina storica (' comparativa.


178 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

T § 348. - I NOMI DELLA III DECJ~. GRECA passati in latino


sono stati in buona parte, nel periodo più antico, adattati
alla I o alla II declinazione: ~e;Àep;;ç: delphinus (e delphin o
delphis) , èÀfepocç: elephantus (ed elephiis), e così Titiinus, abacus,
Agrigentum ('Ax'pocyocç -vroç), Tarentum (Tarentus: Tocpoc:;), eec.;
pelagus dal ntr. 7tÉÀocyoç, cetus da x'~TOç -soç; Peleus Pelei e
simili d~ nomi in -e;uç, ma dai nominativi dialettali 'AXLÀÀ~ç
OÙÀL~~:; pel comune -e;u:; Achilles Ulieée -is III decl. - Pei
nomi in -ee- con nominativo -1jç passati alla I decl, (Achates
-ae eec.) cfr. § 321. - Dalla III decl. greca molti nomi sono
passati alla I decl. latina, assumendo genere femminile, attra-
verso la forma dell'ace, sg. greco: pamthèra (7tocv&~p), criitera
(creterra), orèpida (x'p1j7ttç), lampada, Ancona ('Ayx'wv), amp(h)ora
(cXWfoPe:uç), così pure dei neutri in -{lOC: schemii abl, Pl., diademam
Pompon., emblema ecc. (e assai antico dacruma > lacrima da
Mx'pu{loc).

T § 349. - Ove ciò non è accaduto, specie nella lingua culta


dell'epoca di più intimi contatti colla cultura ellenica, troviamo,
accanto alla pura e semplice trascrizione delle forme greche,
dei compromessi consistenti nell'introdurre i nomi greci nelle
categorie latine di III declinazione corrispondenti ad essi,
partendo in special modo dal nominativo singolare: Titiin -nis,
delphin -nis, Daphnis -idis, Pallas -adis, Adon Adoni«, Cal-
ohas -antis voc. Calchan (e Calcha« Calchae), Palamedes -edis,
Cht'emes -is e -ètis, Thales -is e -èti«, Hermès -etis (ed Herma
-ae), Dido Calypso Ino -imis ed -USi secondo questi ultimi si
ha la formazione dei casi obliqui con -n- da nomi femminili, in
parte già trattata nel § 322: Niceros -onis (ed -iitem; gr. NLx'~­
pwç -WTOç), Lampyris -ini ecc. Per reazione alla riduzione
Chremis per Chremetis dal nom. Chremes, si forma Eutyches
-etis ecc. dal nom. sing. con -es di temi greci in -a-o Si
notino in particolare alcune forme: Vocativi Alexi Memphi
Tiphy Pentheu Melampu (Me;À&{l7touç l), Pallii Pallan e Palliis
(di Palliins), Chreme (di Chremes) , Perieu: Dido; Accusativi
Eteoclea Thesea Themistoclem Allecto Dido e soprattutto i falsi
PARTE II. - MORFOLOGIA 179

grecismi (-n, ma il tema diverso da quello greco) Themistoclen


l'halen Sarapin tigrin ecc.; Nominativi plurali craUres, ntr.
cete (= x~TIj) ecc. In generale si possono dare per l'età impe-
riale i seguenti paradigmi:
Sg. N. crater Socrates Calypso
V. crater Socroue, -e Calypso
Ac. crntera, -em Socratem, -en Calypso, -un
D. crateri Socrati Calypso
Ab. cratere Sàorate Calypso
G. ortusros, -is Socratis, -i Calypsiis
PI. N.-V. crateres
Ac. crateras
D.-A. crateribus
G. craterum

IV. Declinazione.

T L § 350. - Temi in -u- maschili, femminili e neutri.


Paradìgma:
Sg. Nom.-Voc. friictus PI. friictiis
Acc. friictum friictiis
N.-V.-Ac. ntr. cornii cornua
Dat. jriictui, -ii friictibus,
Abi. friictii specubus
Gen. friictiis, ntr. cornii(s) friictuum

Dal tema manu- si formano aggettivi (longimanus anguimanus)


che si declinano come i sostantivi.

SINGOLARE:

N o m i n a t i v o: Nulla da notare. L'identità coll'-us (da


-os) della II decl. provoca contatti fra la IV e la II che ter-
minano colla scomparsa della IV nel latino volgare, § 276.
A c c usa t i v o: Nulla da notare: anche qui identità col-
l'-um (da -om) della II declinazione.
180 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

N . - A. n t r.: -u da antico -u (ser. madhu 'miele '): la


lunga è testimoniata da Prisciano II 362, cfr. Verg. Aen. I 320.
D a. t i v o: -ui da *-eu-ei (scr. sunav-e 'filio ') od *-u-ei
(scr. vedo çiço-e 'puero '). La forma in -u che la grammatica
normativa attribuisce ai neutri, è in realtà usata in concor-
renza con -ui per tutti e tre i generi, anzi Cesare raccoman-
dava -u (forse perché analogo ad -o dei temi in -0-), ed -u è
la forma normale nella poesia dattilica: essa è continuazione
di -eu del locativo (scr. sunau), cfr. anche il dativo umbro
trifo = tribu.
A b l a t i v o: antico castud (P 2, 360), innovazione latina
(§ 308).
G e n i t i v o: us (nelle iscrizioni talora -uus) è da -ous,
cfr. scr. sunos gt. sunaus ablg. synu lit. sunaùs. Talora si ha
fructuis Varro e simili, incerto se neoformazione latina o con-
tinuazione .di -y-es ie. (scr. madhv-as gr. p.é-&u-oç); con -os,
senntuos (P 2, 581): il gen. ntr. cornù, gelu è creazione dei gram-
matici in un tempo in cui la IV de cl. non era più in uso.

L § 351. -e- PLURALE:

N o m i n a t i v o: fructus da *-ey-es cfr. scr. sunav-as


gr. 7tYjxef-eç > 7t"~xeLç.
A c c usa t i v o: -us da -uns cfr. scr. suniin gt. sununs
cretese ULUVç.
N . - A c. n t r.: genua come gr. youvoe da *y6vf-oe.
D a t i v o - A b l a t i v o: -ubus (arcubus, artubus) rappre-
senta la più antica forma; l'oscillazione nella pronunzia di u
atono (§ 42) ed -ibus della III decl. hanno prodotto la forma
-ibus.
G e n i t i v o: antico manuom ecc., anche passum Pl., currum
Verg. Aen. VI 653, exercitum Monum. Ancyranum (§§ 32.131):
-uom è da -u-om od -eJ!;-om cfr. youvwv da *y6vf-wv, ooexpuwv e
Tt"fjXéf-wv ablg. synov-u gt. suniw-e.
PARTE II. - MORFOLOGIA 181

T § 352. - Il tema domu- (attestato a partire da Lucrezio,


salvo un dubbio domu in PI.) è più recente di domo- conservato
soprattutto nelle formazioni domi domo domum, che hanno
assunto valore avverbiale, e nel pl. domos domèrwm, Le altre
lingue ie. hanno *dom- dem- (scr. patir dan 'signore della
casa' avest. d~ng patois ecc.), "domo- (gr. a6fLOC; scr. damas cfr.
anche lit. namas), e *domu- solo in islavo (ablg. domov-i dato ece.;
l'armo tomu-tér ' signore della casa' può essere da *tanoy- gen.
di tema in -0-), non in scr. il cui dam-unas- 'amico di casa'
ha -iinas-: uti- 'amicizia'. Il. gen. domui. in un~_iscI'iziQne è
compromesso fra le due declinazioni. Il gen. domos adoperato
da Augusto (Suet. Oct. 87) può essere, se con -os, un resto del-
l'antico tema domo, o da *dom~-os (come senatuos); se con -os,
monottongazione rustica di -ous (§ 23): ad ogni modo si tratta
di forma rustica e dialettale.
La confusione fra temi in -u- ed in -0- si comincia a notare
soprattutto nel ,genitivo: senati (assai frequente), quaesti vieti
(tutti PI.).

V. Declinazione.
L § 353. - Temi in -e- maschili e femminili.
Paradìgma:
Sg. Nom. Voc. dies fides PI.
dies
Ace. diem fidem
Dat. diei fidei
diebus
Abi. die fide
Gen. diei fidei dierum
In questa declinazione sono riuniti temi di origine diversa:
l. res da antico *rei~- avanti consonante, *rej- avanti
vocale, cfr. scr. vedico rayi-s rayi-bhis strum. pl., e rtiy-as
nom. pl., 1'ay-as acc., ray-é dato sg. ecc. L'origine delle forme
è la seguente:
Sg. Nom. *rei~-8 > *reas > res
Ace. *rei.~-m > *ream > rem (§ 135)
182 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Dat. *rej-ei > *rei > rei


Loc. *rel-i > *ree > re
Gen. *rei-os > *reos > reu8
Pl. Nom. *rej-es > *rees > ree
Ace. *rei-ns
- o
> *reens > ree
Dat.-AbI. *rejfJ-bhos > *reabos > rebus
Gen. *rejom > *reum
Reus è rimasto come il sostantivo reus, propriam. 'quello
del processo'; rei del gen. è rifatto secondo materiei fidei; il
gen. pl. è sostituito da rèrum secondo sperum § 354.

T § 354. - 2. spesi lo sper-es di Ennio Ann, 128.429 e il deri-


vato sper-are mostrano che ci troviamo di fronte a un tema
in -s- (cfr. vires § 343), probabilmente uno *speifJs- che forse
in origine neutro ma femminilizzato per influsso dei simili appel-
lativi indicanti qualità morali, soprattutto di fides, ha formato
il nom.-acc. sper-es e gen. spèr-wm. (onde rerwm per *reum) e
spebus da *spejaz-bhos: in seguito, secondo rèe, il nom. pl. è
stato rifatto in spès, e il gen. pI. è stato evitato (cfr. Quint. I
6, :~6), così pure il dato pl., che si trovano però rifatti in tardi
.iutori (sperum Eumen. Panegyr. Constantini, spebus Paulinus
NoI. ecc., accanto allo speribu8 di Varrone ap, Non., analogico
di su speres sperum). Nel singolare, spes nom, (da *spejfJs) suo-
nava identico a ree, e secondo esso, cui era anche semantìca-
mente vicino, ha fatto spem e poi spei spe.

§ 355. - 3. fidè« è probabilmente antico tema in -s- (cfr. fi-


dus-tus); l'analogia semantica di spés lo ha attratto nella sua
orbita" né del resto è impossibile che qui abbiamo anche un
tema in -e- corrispondente a quello che appare nel verbo ree-m-
.&Yj-aw ecc. Si noti che da fides si è fatto anche un paradigma
di III decI., § 345. Similmente di fames si trovano forme della
V (gen. famei Prisc., accanto a fami Cato, LuciI. e fame PI.;
abI. fame, più comune di fami), così pure da pubes labes (dat.
pube Pl. labei Cic. Sesto VIII 28 in due mss.), e Lucrezio ha gli
ablativi labe contage sorde; infine accanto a quies (da *quieti-s)
PARTE II. - MORFOLOGIA 183

quiet-is si è fatto (re)quiem (re)quie: che si tratti di antico tema


in -ti- mostra l'aut. persiano siyati-s da *q"J.eti- 'pace, pro-
sperità '.

L § 356. - 4. diés è l'unico maschile di questa declinazione,


divenuto poi in parte anch'esso femminile per influsso di nox,
tempestae; ma il genere msc. è conservato in meridiès. Si tratta
di un antico tema in dittongo (-eu-) il cui nominativo suonava
*di.éus o *diés, l'accusativo *diém (cfr. Ze:uç Z~v, scr. dyaus
dyam, lt. Dièe-piter sopra § 344): l'antica declinazione degli
altri casi del singolare abbiamo nel nome di Giove (Iov-is ecc.,
§ 344), laddove nel significato' giorno' dal nom. ed acc. sg. si
è fatta per analogia di rés e dei temi in -ìé- la declinazione
segnata nel paradigma (§ 353). L'antico nominativo *diéus
si trova ancora nella formula nudiiis tertius, propriam. 'ora
(nu- cfr. nunc, gr. vu) è il terzo giorno' (cfr. §§ 344.416), l'an-
tico genitivo *diy;os cfr. ~L6ç scr. div-as in noctii diusque 'di
notte e di giorno', l'antico locativo *diéu nell'avverbio diii
'a lungo', un loc. *di,!!:i = scr. divi in die quinté 'al quinto
giorno' (o abbrev, giambica § 28 per dié?). Cfr. inoltre tTi-
duum § 42, interdius § 422.

T L § 357. - 5. Luxuries miiteriés mollitiés segnitiés ecc. spesso


accanto a luxuria ecc. con -iii- (cfr. § 181). Abbiamo qui il
passaggio di -ia- a -ié- di cui si è parlato nel § 134; diffusosi
tale passaggio a tutti i casi obliqui del sg., questi hanno formato
miiteriem materiei miiterié( d) miiteriéi secondo
miiteriam. materiai materia(d) materiai (§ 319);
da essi il nuovo nomino miiteriés secondo ree rem ecc.; d'altro
lato il gen. miUeriéi, rispettivamente -é ecc. influiva sul sor-
gere del gen. rei spei (quantunque va osservato che il gen. ma-
teriéi, -é ecc. non compare prima del I sec. a. C.; Lucrezio usa
miiteriiii, -ae). Forse la creazione di forme in -ié- è avvenuta
quando il gen. sg. suonava ancora miiteriiis (§ 319); onde *mii-
teriès mutato poi in materiéi quando in luogo di materias sor-
geva -ai. Questi astratti non vengono quasi mai usati al plu-
184 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

rale: un [acièrwm. si trova in Catone, ma Cicerone riprova


epeoiébue e specièrum. che sono poi usati da Apuleio ecc.

T § 358. - Quanto ai singoli casi del SINGOLARE, notiamo:


D a t i v o: diei rei fidei hanno presso gli scenici desinenza
monosillabica; solo a partire dal I sec. a. C. il fatto che nel
gen. era sorta la desinenza monosillabica accanto alla bisilla-
bica recava alla creazione di doppioni come rei rei diei fidei
spei: le forme bisillabiche sono considerate le normali dai gram-
matici. Accanto ad -ei si trova -e (die PI., fide Hor., pernicie
Liv. ecc.), probabilmente come Fortuna ecc. nella I decI. (§ 318).
Secondo plèbè«: plebi (§ 167) Cornelio forma pernicii.
G e n i t i v o: antico rei diei fidei PI. ecc., presso Pl. anche
già rei, ma diei; e in Pl. stesso comincia la contrazione r;i
di;i onde -i: fami plebi pemicii. La forma fide (Pl., Hor.) diè
(Verg.) ocie (SalI.) raccomandata da Cesare (GelI. IX 14) potrebbe
esser sorta sul EIodello del dativo che, come abbiam visto,
l'alternava ad -ei. Il gen. dies in Ennio e, secondo lui, Cic. e
Verg., sarà un arcaismo fatto per -ei secondo -ne arcaismo
accanto ad -ai nei temi in -ii-,

Aggettivo.
§ 359. - Il latino ha due classi di aggettivi: una che si declina
secondo le due prime declinazioni (I femm., II msc. e ntr.), l'altra
che va secondo la III. Abbiamo dunque i tipi bonus -a -um, ri-
spettivamente pulcer pulcra pulcrum, liber libera liberum; e
audax msc. fem. ntr. come ferens (§ 346; nota anche vetus e
uber antichi sostantivi, il secondo = où&cxp SCI'. udhar, inoltre
par), fortis forte, iicer acri» acre (§§ 346.266). Si è visto (§ 168)
come gli antichi aggettivi in -u- siano passati alla declinazione
in -i-o

§ 360. - Come le altre lingue ie. il latino ha per l'aggettivo


due gradi di comparazione: comparativo e superlativo. Il
comparativo e superlativo di minoranza e il comp. di ugua-
PARTE II. - MORFOLOGIA 185

glianza non hanno forme proprie, e vengono indicati con avverbi


sintatticamente uniti agli aggettivi: minus, tam bonus quam;
minime bonus. Abbiamo invece comparativi e superlativi di
maggioranza indicati a mezzo di suffissi.
TI c o m p a r a t i v o si forma a mezzo del suffisso -tor-
da -ioe-, -ius nel nom.-acc. sg. ntr., su cui cfr. § 255; un nom.-sg.
ntr. in -ior (prior, posterior) fatto evidentemente secondo il
msc.-fem. (analogia di audax felix ecc. per tutti i generi) è
citato da Prisciano come in uso presso scrittori arcaici. Su
-tero- cfr. § 212.
Pel su p e r l a t i v o abbiamo -mo- in primus summus
(: superus supra) ecc. (1); -timo- in ultimus optimus ecc.; -simo-
(-sumo-) in maximus pessimus e pulcerrimus acerrimus, [acil-
limus, oeterrimus (ma classico vetustissimus come anche il
campar. vetustior da vetus-tus), celerrimus (accanto a cui cele-
rissimus; classici sono solo nobilissimus utilissimus); -issimo- in
fortissimus ecc. Su tutti questi suffissi cfr. §§ 205.206.

T § 361. - Alcune forme notevoli:


dives ditior ditissimus (da divi- § 34);
iuvenis iunior (sincopato da *iuven-ios);
frugi frugali or frugalissimus (f1'ugalis solo in epoca
imperiale parrebbe rica-
vato di qui; ma cfr. tru-
galiter Pl.) j
nequam nequior nequissimus (forse dall'adv, nequiter
secondo trugaliter: tru-
galior)j
ocior ocissimus (cfr. acu-pedius 'piè ve-
loce ' fS wxuç).

(1) imus, cfr. osco i m a d-e n (imprestito dal lat. ') sarà piuttosto da
*en.gzhm.o. con *-gzhm- grado O di *gzhem- 'terra' (cfr. XS-wv), quindi
, terrestris', 'subterraneus'; similmente intumus da in + tuma 'terra.'
(allotropo di humus) § 106.
186 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Gli aggettivi in -dicus -ficus -volus (beneficus ecc.) formano


i gradi di comparazione in -entior -entissimus per contamina-
zione coi rispettivi sinonimi maledicens maleoolèns (ma Catone
ha beneficissimue magnifìcior munificior magnificissima). Per
analogia di benevolentissimus si è fatto pientissimus, frequente
nelle iscrizioni.
Gli aggettivi in cui la vocale finale del tema era preceduta
da vocale (dunque in -eus, -ius, -uus) formano i gradi di com-
parazione perifrasticamente a mezzo di magis e maaiimè: idoneus,
magis e maaims idoneus (presso scrittori arcaici s'incontrano
forme come arduius strenuius egregiissima inmotciiorem. strenuis-
simus perpetuius; in epoca imperiale compare piissimus). La
formazione perifrastica è del resto usata anche fuori di questi
limiti; e per essa si trova plus, arcaico e volgare, accanto a
magis (plUs miser Ennio).
§ 362. - Comparazione suppletiva abbiamo dove compa-
rativo e superlativo vengon formati da radici diverse che il
positivo:
bonus melior (: mul-ti) optumus (: op-s);
malus peiior pessimus (*ped- in scr. pdd-yate
[' cade ');
multus plUs, plUres plUrimus (: 7tÀe:LCùV ecc.);
parvus minor minimus (: minuere ecc.).
Doppia comparazione abbiamo anzitutto per antichi com-
parativi il cui valore non era più perfettamente sentito: super-ior
di superus eec., anche deterrimus dèterior di un *de-tero-; indi
anche in postremissimu« minimissimus proximior e simili for-
mazioni più o meno del momento.
T § 363. - Gli a v v e r b i derivati da aggettivi (§ 422) hanno
per comparativo il comparativo neutro sing. dell'aggettivo, per
superlativo la solita formazione in -e dal superlativo:
alte altius altissime
misere miserius miserrime
jortiter jortiu's jortissimé
PARTE II. - 1II0RFOLOGIA 187

tUto tutius tutissimé


bene melius optime
male peiius pessime
magis, mage maxime
multum
plUs
parum minus minime
Per magis, plus cfr. § 255.

Nota inoltre:
citatim citatius -tatissime, pedetemptim -ptius, 1lltra ulterius
ultime, supra superius, citra citerius, infra inferius, intra in-
terius (intimius) intime, saepe saepius saepiseimè, ociter OCiU8
ocissime, temperi temperius, magnopere maiore opere maximopere
o summopere, valde valdius valdissime, paene paenissime, sat(is)
satius, secus sequius, sero serius serissi1ne; e, senza positivo,
potius potissimum e potissime, deterius; uberius uberrime fa si-
stema con iibertim,
Sero ha anche setius da un tema *se[i]tu che si ritrova nel
gt. seibu« "tardo '; setius (e forse anche citius di cito) ha dato il
modello per diutius di diu. Da diutius (cfr. anone c'iti88ìmé) è
fatto il superlativo diutissime.

Nomi indeclinabili.
§ 364. - Fatta astrazione da parole che hanno parzialmente
perduto il valore originario, come l'antico damnas per damnatus, il
quale non più inteso per nomino sg. ha finito col rappresentare una
specie di formula (quindi damnas sunto ecc.), o fas nefas (§ 342),
e da complessi locuzionali scaduti a giustapposizioni come ros
marinum olus at1'um declinati non solo roris marini oleris atri
ma anche rosmarini olusatri ecc., cfr. anche Marspitrem Miispi-
tris dal nomino Marspitm', sono indeelinabili parole e nomi
propri stranieri quali cummi sinapi (anche cummis sinapis
declinati), git(h) una pianta, Abraham (anche gen. Abrahae) ecc.;
parole latine come nequam frugi nihili pondo, in origine un
avverbio e dei dativi e rispettivamente ablativi usati come
188 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

predicati e passati poi all'uso attributivo, ed altre dichiarate


indeclinabili dai grammatici forse perché di esse, oramai fuori
dell'uso, leggevano solo una forma in antichi testi, così hir
ir 'il cavo della mano' (: x.dp).
Non è questo il luogo di dilungarsi sui nomi difettivi (sin-
guliiria tantum o pluriilia tantum o anche dèficientia ciisibus):
in parte questa difettività dipende dal significato della parola,
in parte anche essa è dichiarata senza buoni motivi dai gram-
matici, e per ogni caso occorrerebbe una particolare discus-
sione. Similmente si parla nella grammatica latina di nomina
abundantia, che seguono più di una declinazione: i casi più
importanti (p. es. risultati da confusione fra II e IV declina-
zione; fra II e III specie per neutri plurali, p. es. Siiturniilium
e -6rum; fra III e V come in plebes gen. plebis e plebei) sono
stati già trattati a suo luogo.

La declinazione in latino volgare.


T § 365. - Caratteristici del latino volgare sono i seguenti
fenomeni:
T 1) Riduzione delle declinazioni: la IV reca a termine l'evo-
luzione che partiva dall'uguaglianza di nom. e acc. sg., e scom-
pare nella seconda; la V passa generalmente alla I pei nomi
in -iès, sostituiti dalla forma in -ia: facia glacia scabia ecc., ma
nell'Italia meridionale e in Sardegna, talora nella Gallia meri-
dionale i nomi in -iee passano alla III decl., così pure in gene-
rale dies (accanto a cui anche dia) e res spè« (anche spes spenem
onde it. spene).
T 2) Tendenza a ridurre il numero dei casi, che un po' alla
volta diventano due, il nominativo o caso retto, e un accusa-
tivo-ablativo o caso obliquo, il quale ultimo con l'aiuto di
preposizioni adempie le funzioni degli altri casi latini.
T 3) Confusione di declinazioni: comune quella che par-
tendo dal nom. sg. in -us (e dalla tendenza del neutro a scom-
parire) recava nella II deel, i neutri della III: corpus corpi
PARTE II. - MORFOLOGIA 189

(abl. corpo nella Peregrinatio Aetheriae) e capus *capum capi


per caputj d'altra parte, secondo i neutri della III in -us si è
declinato fundus fundoris erous erooris, onde le formazioni di
plurale italiane antiche campora biadora ecc. Inoltre i monosil-
labi entrano nelle declinazioni in vocale: ossum vasum e vasus
*rosum per os vas rosj riprendendo un uso già arcaico (§ 348)
le parole greche della III decI. adottano l'accusativo in -o:
come nominativo e passano alla I decI.: lampada per ÀIX!J.7tcXC;;
lampas ecc.
4) Va tenuta presente la scomparsa comune di -m finale
e quella di -s in certe parti del territorio (Italia e Dacia):
cfr. § 139.

§ 366. - Circa le varie declinazioni, si noti:


I d e c l i n a z i o n e: data la mancanza di segnacaso nel
nom, sg., nom, e ace. sono uguali nel sg. e determinano il con-
guaglio dei due casi anche nel plur. j i dialetti che conservano -s
assumono pertanto nel plur. la forma dell'accusativo in -iis,
in parte anche per influsso di quelle lingue (oscoumbro, gal-
lico) che avevano -as nel nominativo, gli altri quella del no-
minativo in -e da -ae: quindi rosa - rosiis o rosa - rose. Sulla
declinazione tipo mamma mammanis cfr. § 322. In Dacia si
conserva il dativo sg. in -e.
II d e c l i n a z i o n e: qui la differenza annus!annu, anni!
annos ha permesso la distinzione di nomino sigmatico e obliquo
asigmatico nel singolare, di nominativo asigmatico e obliquo
sigmatico nel plurale, ciò naturalmente nei dialetti che conser-
vano -s: gli altri oppongono solo singolare in -u a plurale in -i.
In certa misura si è esteso l'impiego di -a, anticamente proprio
dei neutri (fusisi col msc.), nel plurale: digita fructa ecc., it. il
dito - le dita ecc. Per influsso germanico, nei nomi propri ma-
schili si costituisce una declinazione -u(s) -one(m) come Hugus
Hugonem, che talora si estende agli appellativi: avo avone e
cfr. còrso suceroni • suocero' ecc., da distinguere da -one ac-
crescitivo.
190 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

T III d e c l i n a z i o n e: le tracce della distinzione fra temi


in -i- ed in consonante vanno sempre più dileguandosi, come
pure i nominativi sg. in -ès cedono il posto ad -is. Inoltre, dove
il numero delle sillabe variava dal nominativo sg. ai casi obliqui,
esiste la tendenza a parifìcarlo, adattando il nomino agli altri
casi: dapprima dove l'accento era uguale, quindi nom. bovis
(Varrone), stirpis (Livio), carnis (Lìvio), oàmerie (Catone), mentis
(Ennio), poi anche negli altri temi: nom. excellente (Petronio),
audace voluntate heredes ecc.; però negli appellativi indicanti
persone, generalmente è ritenuto l'antico nominativo: homo,
soror, che si distingue pertanto dall'obliquo e dal plurale (però
parentis ecc. di nomi in -tins, -ens).
Nel plurale si fa strada la desinenza -1; della II deel., la quale
trionfa nelle lingue romanze ad eccezione dello spagnolo; nel
francese moderno -s proviene dall'obliquo.
I neutri tipo corpus e nirmen. tendono a formare il plurale
bisillabico secondo il nom. sg. (e cfr. § 365, 3).

§ 367. - Nella comparazione il sistema analitico prende


sempre più il posto di quello sintetico, che resta sparsamente,
specie per la comparazione suppletivistìca (accanto all'ana-
litico: plfts bonue o magis bonus e melior); ma i superlativi
rimangono in buon numero, soprattutto nella lingua della
Chiesa.

III. I Pronomi.
§ 368. - Dal punto di vista morfologico i pronomi vanno
distinti in due categorie: pronomi a distinzione di genere, e
pronomi, che tale distinzione non hanno o personali in senso
stretto (ego tU se nos vos). Mentre la flessione dei primi è in
buona parte analoga a quella dei nomi, alla quale del resto
è andata avvicinandosi sempre più a causa di reciproci influssi,
i secondi si declinano in modo affatto diverso.
Fatta astrazione da nomi pronominali, nomi cioè impiegati
in funzione di pronomi e perciò assumenti alcune loro parti-
colarità fìessionali (totus, solus ecc.), i pronomi sono costituiti
P4-~TE II. - MORFOLOGU. 191

di radici diverse da quelle cosiddette verbali, che stanno eroe


a base di verbi e di nomi facenti con essi sist~m~, e comunque
da quelle contenute nei nomi.

L § 369. - I pronomi a distinzione di g~nere si dividono


in: D i m o s t r a t i v i (hic iste ille is idem ipse so-Ito-), I n-
terrogativi (quis), Indefiniti (quis ece.), Re-
I a t i v i (qui). La loro declinazione è all'ingrosso quella dei
temi nominali in -o:/-ii- (rispettivamente pel msc. e il femm.)
ed -i-o Però il n o m. s g. m s c. è spesso adesinenziale
(ipse iste ille hi-c) ovvero ha un -i che pare la stessa particella
rafforzativa che troviamo in gr. o\.l"t"Ocr-f (qui da quoi, femm.
qUlfe da *quii-i), talora è sigmatico (is, q'U:i~): cfr. scr. sa = o
gt. sa, scr. ay-dm (-am è particella aggiunta, cfr. appresso )
di a-o Il n o m . - a c c. s g. n t r. ha generalmente -d (id ecc.;
ma ipsum), cfr. scr. tdd. = gr. T6[8] gt. pat-a; nel g e n i t i v o
troviamo una desinenza -iius (quoiius eiius), ~a quale contiene
lo stesso -sjo che sta a base del gen. sing. pei temi in -0- (§ 309),
ma è stato accresciuto di un -s genetivale (quello delle declina-
zioni III.IV e arcaico della I), il quale ha conservato il timbro
dell'-o finale (onde -us § 131), impedendo l'ulteriore trasforma-
zione avvenuta nei nomi. Secondo il rapporto gen. rèqus: dato
regei ecc. nella III decl. , da quoiius eiius si è fatto il d a t i v o
quoiiei eiiei passato a quoi onde cui, ei. Il n o m i n a t i v o
P l u r a l e m a s c Il i l e conserva l'antica desinenza prono-
minale -i (scr. te = gr. TOL gt.. pai) che in lt. è passata ai nomi
della II decl., e su di esso si è formato anche il f e m m i n i l e!
che ha sostituito in latino, come in greco (TotL), -i all'antico -s
(ser. tas gt. pi5s): quindi isti istae (di qui anche rosae come
gr. XWpotL; cfr. § 312). Infine, mentre in ista illa ecc. il n o m i -
n a t i v o P l u r a l e n e u t r o corrisponde in certo modo
al scr. ta gt. po ma con l'abbreviazione che deriva dai nomi
della III decI. (cfr. § 314; ma quia avrà -a da -a), in hae-c quae
questa desinenza è accresciuta dall'-i che abbiamo trovato nel
nom. sg. mse, e femminile.
192 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Passiamo ai vari pronomi:


TL § 370. - 1) is. Paradigma:
Sg. Nom. is ea id PI. i eae ea
Ace. eum eam id eos eas ea
Dat. ei
is
AbI. eo ea eo
Gen. eiius (eius) eorum earum eorum

Nel paradigma si distinguono tre temi: io, e- (nel gen.


e dato sg.) ed eo-jea-. Il primo torna nel gt. i-s, nel scr,
i-m-dm 'eum' (con particella -am) ntr. gt. i-t-a scr. i-d-dm
, id' ecc. Il tema co- è da *ejo- e propriamente rappresenta
l'ingresso nella declinazione tematica di ei-, forma a grado
normale corrispondente ad io, che si ritrova in ser, ay-a str. sg.
femm., ay-os gen.-Ioc. duale; dallo strum, sg. può essere stato
astratto un tema femm. *eja-, di qui il msc. *ejo-. Il tema e-
si trova in eiius da *e-sjo (§ 369) uguale, salvo l'-s aggiunta,
al scr. a-syd id., e indirettamente in ei formato da eiius (§ 369);
inoltre in lt. ecce ecquie contenenti *ed, antico nom.vacc. sg. ntr.
SINGOLARE. N o m .: accanto ad i-s = gt. is si trova in
iscrizioni eis ed eis-dim: dal gen. sg., oppure l'antico nom. sg.
*e-i = scr. ay-dm 'is' (con particella -am) prolungato del
solito -s ~ - A c c u s .: antico i-m = scr, im-am, ed em, am-
bedue nelle XII Tab.; la forma ium (12 2, 401) avrà i- rustico
per e- avanti vocale (§ 13), così forse anche iam' eam ' in
Varrone. - D a t .: antico eiei (iscriz.) cioè eiiei (Lucr., arcaiz-
zando, ei, come già PI.), onde; (eei; un paio di volte iei); nel
femm. anticamente anche eae PI. ecc., secondo i nomi.
A b l a t. ant. eod ea!!:.; si trova anche in ant-ea iniereii. -
PLURALE. N o m .: i (ei) da eei, ei PI., da *eoi; la scrittura iei
indica probabilmente i; similmente pura grafia per i è l'ii
dell'epoca imperiale. Con -s (come Vertuleieis ecc. nel nome,
§ 328) eeis (P 2, 581), is Paeuvio ecc. - D a t . - a bI.: antico
eieis probabilmente per eeis; del resto oscillazioni grafiche
come nel nom pI. Gli antichi scenici usano talvolta ibus, da
PARTE Il. - MORFOLOGIA 193

*ei-bhos cfr. ser. e-bhyas: questa. sarà l'antica forma, eieie ecc.
quella dello strumentale, fatta secondo i nomi e gli altri pro-
nomi (§ 315). Similmente pel femminile Catone e Cassio Emina
hanno edbu«, - G e n i t i v o: una forma eum è tramandata
da PF.
Si notino le forme raddoppiate em-em 'eundem' PF. ed
im-eum "òv rx\Ì"ov CGL II 77, 23.

T L § 371. - 2) idem: idem eadem idem, eiusdem. ecc. come 1)


con aggiunto -dem, Questo è sorto dapprima in idem = scr. iddm,
cioè l'antico nom.-acc. sg. ntr. id colla particella -em (cfr. em-em
PF.), ma diviso in i-dem secondo i-s ecc.; *is-dem nel msc. ha
dato idem secondo il § 91 (isdem PI. c tardo sono ricostruzioni,
così pure eis-dem -dim in iscrizioni, § 370; similmente nom. pI.
eisdem isdem). Nel dato sg. si trova in iscrizioni eaedem come
eae. La finale -m di eum eorum eiirum passa a -n avanti d, § 87:
eundem ecc.

TL § 372. - 3) hic. Paradigma:

Sg. Nom. hic haec


hoc(c) PI. hi hae haec
A.cc. hune hanc hoc(c) hos hiis haeo
Dat. h;]c
his
A.bI. hOc hiic hoc
Gen. huiius (huius) horum hiirum hOrum

Il tema è ho-, probabilmente identico a quello nelle parti-


celle scr. gha ha o scr. hi gr. -XL (gh o gh), cui in alcuni casi è
appesa la particella ce di ec-ce ecc. che del resto è usata anche
in forme quali huius-ce horum-c his-ce (ed hici-ne haeci-ne hoc-
ci-ne colla particella interrogativa): PI. e Ter. paiono avere
le forme con -c(e) avanti vocale, quelle senza avanti conso-
nante, e può essete che in origine l'aggiunta di -ce fosse obbli-
gatoria nelle forme monosillabiche, e in seguito la particella,
apocopata, sia scomparsa dopo -8 (ace. e dat.-abI. pI.) avanti
consonante, onde hOs Ms Ms generalizzati anche avanti vocale;
resterebbe comunque inesplicato il nom, pl. M hae.

13 - V. PISANI, Grammatica latina storica t comparativa.


194 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

SINGOLARE. N o m.: Mc (heo) sempre breve nei poeti arcaici;


da Lucilio (forse Ennio) in poi subentra la misurazione come
lunga, partita dalla forma bice fatta a sua volta secondo il
ntr. hocc. Pertanto M-c è adesinenziale, da un tema in -i-
(cfr. scr. hi = gr. -x.~ in où-x.L Y), o atono da *ho-ce. Il femm.
hae-c da *hii-i come guae (§ 369). A c c . antico hone da *hom-ce,
f. home da *hiim-ce. N. - A c c. n t r. hoc da "hod-oe; la
forma hocc (cc < dc) provoca l'uso come lunga nella poesia
classica della forma, che è breve nella poesia arcaica. D a t .
~

antico hoic(e) da *hoiiei-ce, come hoius-ee nel gen.; Pl. ha ancora


Mi/ic = *hoiiei-c, in seguito huic: huius huic hanno u da o avanti
due consonanti (§ 44) in posizione atona: come si vede, questo
pronome era in origine pr.oclitico od enclitico. Pronunzia sco-
lastica è Mic di Stazio, Silv. I 1, 107; cfr. huhic VI 18773.
A b l . Mc hiic da *h6d-ce *hiid-ce. - PLURALE: N o m. m s c .
antico hei, anche heie come eis (§ 370) ed heis-ce; gli scenici
hanno !ti, ed hisce avanti vocale. N. - A c c. n t r. antico
haice. D a t . - A b l . hibus Pl., forse secondo ibus § 370.
TL § 373. - 4) iste. Paradigma:
Sg. Nom. iste ista istud Pl. isti istae ista
Ace. istum istam istud istos istiis ista
Dat. isti
istis
AbI. isto istii isto
Gen. istius ist6ntm istiirum istorum
Il tema è sorto dall'unione di is con una particella te, da
*to: cfr. easte acc. pl. femm. in una antica formula augurale
(Varro L. L. VII 8; Norden, Aus altromieoher; Priesterbuohem,
p. 45). Dal nom. sg. msc. è partita la formazione di un nuovo
paradigma in cui è considerato come tema ist- (iste come nomi-
nativo adesinenziale), a somiglianza di quanto accade in ipse
ille (olle). In epoca più antica parecchie forme di questo pro-
nome prendono volentieri il -c(e) da noi trovato in hic: special-
mente ietuc (PI. istucc) e)staec nel nom.-acc. ntr. sg. e pl., e
anche istunc istanc istaeo (n. pl. fem.) istàe; ieti-o (da iste-e, in
Pl.) n. sg. msc., onde il sg. fem. ietaec secondo hic: haeo.
PARTE II. - !IORFOLOGIA 195
SINGOLARE. N o m .: negli scenici anche ist' (ill') avanti
consonante, seppure non si debba scandire 1,stl Ule. Nel G e n .
istius, come in illius e ipsius, abbiamo un antico genitivo nomi-
nale (come lupi § 326) cui si è aggiunto -iius di quoiius eiius
huiius, con successiva scomparsa del ii e abbreviazione di i
avanti vocale, già in Lucilio (ilHus uni1ts): i poeti classici usano
indifferentemente istius e istius ecc. In istius illius ecc. avanti
certe consonanti è scomparsa presso i poeti arcaici la -s, e si
sono avute forme quali istimodi Pl. illimodi Oato ecc., e femm.
isti [ormae Ter. ti5ti familiae Afran. ecc. (cfr. similmente quoi
fidcs Pl. quoivis modi Pl. cuicuimodi Cic.), Il D a t. isti come
illi ipsi da -ei sembra essere l'antico locativo del tema in -0-
inteso come dativo per analogia di mihei tibei sibei (§ 382) ed
esteso poi al femm. secondo quoiiei eiiei *hoiiei (anticamente il
femm. ha a volte ancora istae illae).

T L § 374. - 5) Tlle ed ipse si declinano come.este (ma ntr. ipsum).


Forma più antica di ille è olle, che si trova in Ennio ecc. (ma
gli scenici hanno già solo ille), come arcaismo ancora in Virgilio
e in poeti seriori; il suo 0- è stato mutato in i- per analogia di
iste. Olle ed ipse sono probabilmente formazioni, con una parti-
cella -se da *-80'equivalente al *-to di iste (§ 373; solto è la radice
pronorninale di cui si parla appresso § 375), di ol- che troviamo
in ul-trii ul-s ul-timus, cfr. airl. t-all' là ' ablg. lani da *ol-ni
'l'anno scorso' (per -ls- > -ll- cfr. § 83), e rispettivamente di
*i-p(e) cioè il pronòme i- più la particella pe di quippe (quid-pe)
nem-pe quis-p-iam ecc., lituano kai-p 'come '. Ille può pren-
dere in epoca antica -ce,' come iste: illiusce illwnc illanc illaec
(n.-acc. pl. ntr.) ill6sce illasce; Gellio h~ il Nom. sg. msc. imc
a imitazione di Plauto, dato illic; il~uc ndm. acc. sg. ntr. appare
in una iscrizione di Pompei e si trova già in Pl. e Ter. (illucc).
Per ille si noti ancora il dato femm. illae (Pl. ecc.), e il gen.
illae presso Carisio.
Antiche forme di ipse, da cui appare che in origine le due
particelle p(e) e *so si univano al pronome i- declinato (dunque
come is-te, cfr. eiis-te) sono ea-pse ed ea-psa, eum-pse ed eum-
196 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

pswm; eam-pse ed eam-psam, eo-pso ed eii-pse, eae-pse (tutti PI.),


il gen. pI. eum-psum -pse Cecil. Pacuv.: cfr. anche reiipse da
ré eiipee, e sapsa sumpse § 375. Si noti inoltre il nom. sg. ipsus
frequente in Pl. ma poi sempre meno adoperato nella lettera-
tura fino a risorgere in tarda epoca (Ausonio), rimasto però
vivo nel latino popolare (è passato all'it. esso ecc. e ha dato il
modello per *illus onde quello ecc.); ipsus ha probabilmente
chiamato in vita ipswm. (non -ud) nel neutro. Si notino infine
il dato ipso in Apuleio (arcaismo '), il gen. ipsi in Afranio,
i dat.vabl. pl. ipsibus illibus antichi secondo Servio.
T L § 375. - 6) del tema *so- che con *to- formava il paradigma
ie. di un pronome dimostrativo (o ~ ,,6 scr. sd sit tdd gt. sa so
pat-a) restano alcune formazioni in Ennio: ace. sg. msc. sum
femm. sam, ace. pl. msc. eos, inoltre eapsa (come ipsa, anzi
eapsa) sumpse (Pl., parodia tragica); infine gli avverbi so-c
, così' (ablativo o strumentale + particella -ce), sei si 'se' eio
antico sei-c (locativo) e sirempse 'itidem' in unione con lee,
probabilmente ei-r-em-pse con -em come in idem (cfr. § 371) e si-r
formazione (con l' come CU-1' quo-r) da *si gt. si 'ea'. Il tema
to-, oltre che nella particella onde è costituito iste (§ 373), anche
nell'arcaico tOPPe1' 'subito' (Liv. Andr. Od. 27) da *tod-per
(forse rifacimento di una corrispondenza al russo tepér' , ora '):
un dato femm. tesi ai forse nell'iscriz. di Dueno (Testi, .A 4).

L § 376. - NOTA. - Alcuni di questi pronomi possono venir rafforzati da


elementi preposti o posposti. Tali sono:
L (X) ecce, in eccillum eccistam eccille PI., tardo eccum ille ecc., onde i pro-
nomi romanzi, franco ant. icil itaI. quello e così via. Ecce parrebbe sorto
dall'unione del nom.vacc. ntr. *ed di e· (cfr. § 370) colla particella ce che
ritroveremo qui appresso, E; ma poiché accanto ad ecce abbiamo gli arcaici
eccum ed ecca P1. (eccam Mart. Cap.), vien fatto di pensare che ecce sia stato
almeno inteso come nom, sg, alla stregua di ipse, dando le altre forme
(o eccum è da ecce *hum ');
(3) em (= eme' prendi', cfr. ita1. to' da t.ogli, gr. Ò!YPEL); viene scorto
nelle forme sceniche ellum ellam (da em illum, -am);
y) -pie in eiipte • eo ipsò ' PF., forse = gr. -/tTE in ·dltTE; usato anche
coi pronomi personali, cfr. § 383, n. II;
PARTE II. - MORFOLOGIA 197
8) ìpse-met secondo eqomet Pl., indi ipsimet illemet, per cui cfr. § 382;
L E) -ce, già trovato da noi nella formazione di hic, in istic illic; esso
ricompare in ce-do' dà qui' ee-tte (da *ce-date) , date qui' § 456; cfr. gr. Ke:LVOç
da *Ke:-EVOç ecc.

TL§377. 7) Interrogativi e indefiniti; relativi. Paradigma:


Sg. Nom. quis, qui quae, ind. qua quid, rel. quod
Acc. quem quam quid, rel. quad
----.
Dat. quoi (cui)
AbI. quo qua qu6
Gen. quoiius (cuius)
PI. Nom. qui quae quae, ind. qua
Acc. quos quii« quae, ind. qua
Dat. quibus
AbI. quibus
Gen. quorum quarum quorum
II tema è qua- (qua-) in alternanza con qui-, cfr. scr. kde
, chi ,~ f. ka gr. 7t6-"t"e:poç "t"L-ç "t"L ecc.; accanto a questi, u- in
u-ter u-bi u-nde (ali-cubi ali-cunde) unquam uspiam da q"u-
in scr. kù-tra ' ubi ~ , ecc. In gr., come in lt., si è conservato il
doppio uso interrogativo e indefinito, quest'ultimo in enclisi
("t"Lç, "t"~ç). A differenza dal gr., dal scr. ecc., ma d'accordo col-
l'oscoumbro, colle lingue slave e baltiche, coll'armeno, con
parte delle lingue germaniche (alcune di queste in epoca re-
cente), il pronome interrogativo-indefinito è usato in latino,
con qualche variazione nel nom. sg., come relativo.
SINGOLARE. N o m .: interrogativo e indefinito quis = "t"k,
osco p i s; accanto ad esso qui (specie come aggettivo: qui
locus ~), sorto in origine avanti consonanti che causavano la
scomparsa di -s con allungamento di compenso (§ 91). Invece
qui relativo è da qua-i, cfr. quai qoi (P 2, 1. 4) onde quei (P 2, 7),
que. Nel femm. guae come hae-o (§ 372); indefin. qua senza la
particella rafforzativa -i (§ 369). A c c.: quem da qui + m.
N o m . - a c c. n t r.: quid ="t"( osco p i d scr. cid ridotto
all'uso di particella (no' cid: gr. oih~); quad dal tema in -0-
come il relativo msc.; l'uso aggettivale di quod deriva dall'ìden-
198 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

tificazione di qui interrogativo con qui relativo, che ha provo-


cato l'uso del relativo come aggettivo nel ntr. D a t .: quoiiei,
scritto quoiei quoei, > quoi > cui (scritto anche qui). .A. b l ,c
presso gli scrittori più antichi, e ancora in epoca classica nella
forma quicum, si trova qui per tutti e tre i generi (Pl. anche
quiquam quique quiqui aliqui) , probabilmente antico strumen-
tale del tema in -io. G e n.: antico quoius, recenziore cuius
scritto anche cuiius, quius; i grammatici parlano di un femm,
arcaico aliquae; in iscrizioni volgari si trova qu(a)eius. PLURALE.
N o m .: arcaico què« dal tema qui- per l'interrogo e indef. (p. es.
122, 581); ques anche .A. c c. secondo Carisio 162, 2. N o m . -
a c C. n t r. antico quai formato come hae-c (§ 372) e il nom.
sg. fem. quae; indefinito qua come nel nom, sg. fem. Dal tema
qui-, quia (= -oa« -'t"!oc in &(J(Joc &noc) usato solo più come con-
giunzione. D a t . - .A. b l , : accanto a quibus si trova isolata-
mente, arcaico e classico, quis dal tema in -0-. G e n. quium
Cato, quoium Pl., evidenti rifacimenti di sul gen. sg.

L § 378. - L'indefinito può ricevere diverse sfumature di si-


gnificato dall'aggiunta di particelle speciali:
oc) -que (la congiunzione) in quis-que 'ognuno '; cfr. scr.
kdç-ca id., avest. cis-ca = quisque, gt. hwaz-uh;
L ~) -cunque, antico -quomque, in cui il -que è aggiunto a
quom, cum 'quando', alla lettera' uno, quando che sia '; il
nominativo è quicumque, cfr. gt. hwas-hun, in cui però -hun
accenna a *q"u-m;
y) -quam 'comunque' (acc. sg. dell'indefinito): quisquam;
a) -nam in quisnam ecc., formazione scomparsa nell'età
imperiale;
e:) -piam in quispiam, composto del -pe- di cui si è visto
a proposito di ipse (§ 374) e di iam;
~) -vis = vis ' vuoi " quindi in origine quem-vis ' chi vuoi ';
poi, una volta oscuratosi il significato primitivo dell'aggiunta,
quivis ecc.; caso di ipostasi, come quello di -libet in quilibet,
cuilibet, uguale a libet ' piace ',
PARTE II. - MORFOLOGIA 199
'1)) Infine si può usare il raddoppiamento: quisquis, cfr. anche
quamquam e l'arcaico quirquir 'ovunque'.

L § 379. - Particelle possono anche venire premesse, e pre-


cisamente:
oc) ali- in aliquis aliquantus aliquot alicubi, connesso con
alius;
~) con valore non indefinito, ma interrogativo, abbiamo
ecquis od ecqui, con ecquando ecc. = num quis? num aliquis?
Ec- dev'essere lo stesso ed- che troviamo in ecce § 376; oppure
= et?

T L § 380. - Aggettivi pronominali. - Si chiamano così ag-


gettivi i quali, grazie al significato che consente loro di fun-
gere come pronomi, assumono la declinazione pronominale
(desinenze -ius -i) nel gen. e dato sg., pur conservando spora-
dicamente la flessione nominale. Tali sono: unus -a -um (dat.
femm. unae Cato, Cic. ap. Prisco II 197; msc. uno Varro f );
ullus da *oino-los, dimin. di unus (dat. ullae Tib.); nullus da
*ne oin6los (gen. nulli Ter., dato femm. nullae Coel. Antip.);
solus da *se'!!;e-los con *se'!!;e- tema del pron. riflessivo ' che sta
per sé' (gen. soli Cato, dato solO iscriz., eolae Ter.); totus ' tutto
intiero', propriamente ppp. di *tou- 'riempire' in tomentum,
quindi da *to'!!;etos (dat. ti5tae Pl., toto Propert., Curtius); uter
e ne-uter formato come 1tO-'t'e:poç scr, kdtara« id. dalla forma
*q"u- del pronome interrogativo, l'indefinito suona uter-que
formato come quisque § 378 (gen. utrique Pl. Ter., neutri
Varro ecc. nel significato di genere grammaticale, dato utr6que
Apul., gen. pl. utrumque Cie.; alteruter può esser declinato
nella seconda o in ambedue le parti; aggiungi utervis uteriibet,
cfr. § 378); alter 'l'altro dei due' coll'elemento ali- di alius
ali-quis (§ 379), da *ali-teros (dat. femm. aiterae Pl., Corno Nep.;
aggiungi alter-uter, declinato in ambedue le parti o solo nella
seconda); alius 'un altro' (gen. ali Varro, generalm. si usa
alterius per evitare la confusione col nominativo; dato alio
Rhet. ad Her., aliae Pl.) ha declinazione pronominale anche
200 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

nel nom.-acc. sg. ntr. aliud: nella prima metà del I sec. a. C.
compaiono alis alid per alius aliud, più spesso quando il pro-
nome è ripetuto, alid ex alio ecc.; cfr. gr. &."M.oc; gt. aljis airl, aile
armo ayl di ugual significato.

§ 381. - Pronomi personali. - Nei pronomi personali ie. è


da notare, oltre alla declinazione in origine affatto diversa da
quella degli altri pronomi e dei nomi, il fatto che il numero e,
fuori del latino che limita questa particolarità al singolare,
anche la funzione come nominativo od obliquo (scr. vayam:
asma- 'noi', yuyam: yu~ma- 'voi', ece.) sono indicati nel
tema stesso (ego: me: nos, tU: vos), cosicché non vi ha bisogno
. di una tale indicazione nella desinenza. Questi caratteri ven-
gono in parte smussati nelle singole lingue, grazie a riavvici-
namenti alla flessione nominale.
Paradigmi:
Nom. ego tu nos vos
Ace. me te se nos vos
Dat. mihi tibi sibi nobis vobis
AbI. me te se nobis vobis
nostri vestri
Gen. mei tui sui
nostrwm vestrum
T L § 382. - N o m i n a t i v o: ego (così ancora a volte Pl.;
poi ego per abbreviazione giambica § 28) = gr. èyw (secondo
cui ritorna la scansione ego in poeti tardi); il ser, ha ahdm,
e ad -om accennano il gt. ik e lo slavo azu: forse *egom ancora
in egom-et che diviso falsamente ha dato la particella -met
in mèmet nàsmet tùtemet (e tUtimet coll'indebolimento in sillaba
atona § 42) vosmet ecc. - tu (ma tu-quidem) = ablg. ty ecc.,
cfr. gr. TU O'U, scr. tvam da *tu +am secondo aluim: - nos vos
(enos ace. pI. nel carm, Arvale; si tratta dell'e di scastor, che
forse del resto va riconnesso col seguente Lases) = avest. nli
vii accusativi, cfr. anche scr. nas vas forme enclitiche per acc.
dato gen. '~ c c us atTv'O':) me te corrispondono a scr. ma tva
(enclitici), gr.-colfaoreve"!lE O'E, salvo che in lt, troviamo il
PARTE II. - MORFOLOGIA 201

tema senza -u- per la sec. persona, come nell'enclitico *toi


gr. TOL scr. dato gen. enclitico te; danotare però che nelle più
~]crizio}ùappaionomei (P ~-3.~~dj122;4)~eAL[22,58i)~­
presso Plauto med ted accanto a me te: influsso dell'ablativo,
iE- c~i_ il1l:ac~i~~-~-=~i~-t-i~~~iiÌ- si-jlQim-ID'"-ID'~per C3,duta
di -d i:t!~er_t!3~nd~~~JJ.iJ me te sé' Il mehe letto da Quintiliano
(I 5, 21) presso gli antichi tragici dev'essere una grafia per me
ispirata da mihi accanto a mi. - n6s vos come nel nomi-
nativo. D a t i v o: mihi da *mehi = scr. mdhy-am umbro
mehe, tibi scr. tubhy-am U. tefe, sibi pelìgno sefei; finale -ei
(> -i; sibei P 2, 581) come in prussiano antico tebbei sebbei,
forse secondo il dativo sg. della declinazione nominale: -i-
nella prima sillaba per assimilazione alla seconda. Per abbre-
viazione giambica, già a tempo di Plauto si stabiliscono miM
tiM siM accanto alle antiche forme in lunga. Accanto a mihi
~t~ già in Plauto u1fl,i.Lrisultato di contrazione:-ma il-~i i~ufili
mi è da *moi, cfr. gr. Téxvov f.l.0L. - nobis vobis hanno -ts da
-eis (vobeis P 2, 581); è possibile che qui *nobei *vobei formati
come tibei sibei abbiano preso -s dalla declinazione dei pro-
nomi a distinzione di genere (illeis ecc.), In PF. è nominato
nis per nobis: fatto di su nos secondo illis: illos, oppure atono
per *nes = scr. nas enclitico acc.cgen.vdat. c~:!lati vj} antico
méd ted séd, poi senza -di cfr., colla breve, scr. mdd tvdd. - '
.-----
nobis vobis come nel dativo. G e n i t i v o: mei tui sui nostri
vestri sono i gen. sg. dei rispettivi possessivi; nostrum vestrum
(ant. vostrum) gli antichi plurali (§ 328); si noti che nostri vestri
sono ignoti a Plauto e compaiono dapprima in Terenzio. Accanto
a queste forme, in lt. arcaico mis (') tis, forse gli antichi dativi
e genitivi enclitici (con valore possessivo) *moi *toi gr. f.l.OL TOL
scr. me te (dat. gen.) aumentati del -s genetivaìe.

T L § 383. - l possessivi sono aggettivi indicanti pertinenza


e derivati dai temi dei pronomi personali:
1 sg. meus da *meios cfr. ablg. moji da *moios, probabil-
mente dai dativi-genitivi enclitici *mei *moi, cfr. fili mi e
mis § 382;
202 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

2 sg. tuus da *to,!!:os da *te,!!:os = gr. ,'t"<:(f)6:;, cfr. il gen. scr,


tdoa 'tui ';
riflessivo suus, antico souos da *se,!!:os = gr. é:(f)6:; Ce cfr.
*se,!!:e- in solus, § 380);
1 pl. nostro-, 2 pl. oostro- onde »estro- (§ 16); qui alle forme
con breve del pronome (= scr. nas vas acc.-dat.-gen. enclitico)
è stato aggiunto il suffisso -tero- di comparativo (come in
~flÉ-'t"e:POç; UflÉ-'t"e:POç;) indicante la contrapposizione di due termini
(cfr. alter, uter, dexter: sinister) , qui di 'nostro' e 'vostro '.
Nel gen. pl. si trova, oltre nostrum e vestrum, anche meum
tuom euom (Pl.; sovom iacriz.) accanto alle forme normali.

L NOTA 1. - Due pronomi possessivi sono tratti dal genitivo del pro-
nome interrogativo, cuiius cuiia cuiium, e cuiiis (come mostrii« e Arpiniis
§ 237). sia interrogativi che relativi.
NOTA II. - Ai pronomi personali e agli aggettivi possessivi appare
spesso aggiunta, in funzione di particella rafforzativa. oltre al -met di cui
si è detto al § 382, la particella -pte (mèpte mihipte v6pte suapte ecc.) sulla
quale cfr. § 376.

T § 384. - I pronomi in latino volgare.


DIl\WSTRATIVI: ille, hic ed is (questi due poi scompaiono, ma
ecce hoc rimane pel neutro, it. ciò), ipse vengono usati come
pronomi di terza persona quando l'impiego dei pronomi diventa
più comune: pertanto ille ed iste generalizzano la composizione
coi prefissi ecce eccu(m) (§ 376) che è già antica e che dà origine
alle forme romanze come frane. cil, oel .it. questo quello. Nel
n o m i n a t i v o sg., qui dà il modello per formare illi > it,
egli, e per ipse si fa (§ 374) ipsus > it. esso; illum sostituisce il ntr.
illudi nel g e n i t i v o, secondo cuius sorge, invece di illius,
illuius; secondo questo, nel d a t i v o, illui (it. lui) e, dal femm.
illae che già usava Catone, illaei (it. lei) che alla sua volta
produce un genitivo illaeius. Nel g e n i t. P l u r., illorum
si adopera anche pel femm., nonché per il dativo illis che resta
in uso solo sporadicamente (ma ancora it. gli nelplur. ' a loro '),
L'ab l a t i v o scompare, cedendo le sue funzioni al dativo
e all'accusativo. A partire dal IV sec. ille ed ipse assumono
PARTE II. - MORFOLOGIA 203

l'impiego di articoli determinativi (proclitici, quindi indeboliti


nel vocalismo): it. il la lo gli, sardo su sa sos ecc. Pel genitivo
viene usato anche inde (it. ne), cfr. § 431.

T § 385. - INTERROGATIVI e RELATIVI: quis vien sostituito,


fin dal V sec., da qui che funge anche pel femm.; secondo
illaeius illaei (§ 384) si trova anche queiu« quei; pel genitivo
viene usato unde (§ 431), d(e) unde. Anche qui scompare l'abla-
tivo.
Quiilis è usato come pronome e aggettivo interrogativo: di
qui l'impiego come pronome relativo, con premesso l'articolo,
nelle lingue romanze.
Degli AGGETTIVI PRONOMINALI si noti *altrui dato di alter
secondo illui.

§ 386. - PERSONALI. Ego diventa eo: le prime testimonianze


si trovano in mss. del VI sec. Mi per mihi chiama in vita ti si;
.mihi tiM provocano nobt. oobi,
POSSESSIVI: sostituzione di illorum a suus pel plurale di
III persona; sorgono forme brevi atone di cui sono attestati
mus tus so, che stanno a base dei franco mon ton son (-n è quello
dell'accusativo), di it. jratèl-mo madre-ma ecc.

IV. I Numerali.
A. Cardinali.

T L § 387. - 1. unus, ant. oino (P 2,9; oinuorsei 12 2,581,19) =


otv~ 'l'uno sui dadi' gt. ains airl, 6en; in altre lingue ie. altri
temi, fra cui *sem (gr. dc; ecc.), che si ritrova in lt. singu.li
sem-el simplus simplex ecc. - Gen. Dat. unius uni (§ 380).
2. duo, duo ancora PI. MiI. 1384; duo solo per abbreviazione
giambica, o in parte = gr. 060 armo erko-tasasi ' 12' accanto a
homo ouw (secondo cui duo in epoca tarda, poet.) armo erku
SCI'. d(1t)vti ecc.' Duo ntr. proviene dal msc. (isolato dua, dua-
pondo o pondo dua) per *d,!!:ai SCI'. dvé ablg. duve; il femm. duae
(Pl. anche duo) potrebbe continuare *d,!!:ai (uguale al ntr.,
204 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

testimoniato in SCI'. e ablg.) o semplicemente esser fatto secondo


il plur. dei nomi. Nell' a c c., duos duas dai nomi, ma pel msc. si·
trova anche duo (Pl, Cic. Verg. Hor.) uguale al nomino come in
greco ecc. D a t . - a bi. duobus duabus mostra influsso da
parte di -bus del plurale sull'antica forma (cfr. SCI'. dvabhyam);
gen. duorum duarum (duom Pl. SalI. ecc.) come nei nomi e
pronomi.
Come duo si declina ambO (ambO dapprima Stazio; femm. ambO
in Pl.), accuso msc. ambos ed ambo = gr. &!L'PW, cfr. SCI'. u-bha
ablg. o-ba con diversa sillaba iniziale.
3. tres ace. tres e tris (da *trins) tria tribus trium è un nor-
male tema in -i- (§ 345), cfr. nom. SCI'. trayas gr. cret. 't"péc:ç
(> 't"Pe:Lç) gt. preis ecc.
4. quattuor, indeclinabile in latino, ma in gr. SCI'. ecc. ancora
declinato: probabilmente in lt. si sono fuse l'antica forma
in -es del nom. msc. femm. e quella in -9 del ntr., ambedue apo-
copate dopo r (cfr. faber da *fabros ecc.); con *quattuorcs, -a
cfr. SCI'. msc. catvaras ntr. catvari gr. 't"éaaO(pe:ç ecc. (per l'a
di qua- cfr. § 58).
5-10 erano già in origine indeclinabili:
5. quinque gr. 1tév't"E: SCI'. panca ecc., j§ 13.112.
6. se» gr. É!~ SCI'. ~a~ gt. saihs da *seks.
7. septem gr. t1t't"<X SCI'. sapta (-m).
o _

8. ooto (-o,) gr. òx't"w SCI'. a~!a (-kt-).


9. novem da neuen conservato in una iscriz. falìsca (Not. d. sco
1900, p. 59 e Rendic. 1st. Lomb. LXXVI, p. 259), cfr. ancora
nonus nonaginta, con -m secondo septem decem: cfr. SCI'. nava (-t1').
lO. decem gr. oéxO( SCI'. ddça (-m). o

§ 388. - Dall'undici al diciassette troviamo composti del-


l'unità con decem, cfr. gr. É!voe:xO( owoc:xO( SCI'. éka-daça dvii,-
daç« ecc.; -decim ha -e- secondo il semplice decem (contro § 42),
-im poco chiaro (forse *-dicim con normale indebolimento della
prima e assimilazione a questa della seconda sillaba, indi
-decim n Quindi undecim (*oinom-d- con aplologia e abbrevia-
zione di. uavanti nasale +consonante), duodecim, tredecim
PARTE II. - MORFOLOGIA 205·

dal nom. tres (scr. trayo-daça), quattuordecim, quindecim da


*quincd- con sincope di e in *quinqued- (cfr. § 24), sedecim da
*sex-d- (§ 92), septendecim: per 18-19 abbiamo formule sot-
trattive, duodeviginti, un[um]deviginti; simili espressioni anche
in scr. (ekonavi1;nçatis ' 19 " propriam. ' 20 - 1 ') ecc. In epoca
postclassica decem trésque, decem et quinque, decem novem,
cfr. ita1. diciassette diciotto diciannove ecc.; ciò secondo l'esempio
delle decine seguenti, dove troviamo triginta septem o septem
et triginta ecc. (per ' otto' e ' nove' generalmente col metodo
sottrattivo: duodequadraginta 1tndequadraginta).
§ 389. - 20-90: viginti triginta quadraginta (d come in quadru-
plus § 393) quinquaginta sexaginta septuaginta octoginta nona-
ginta; in viginti pare che l'i finale di gr. fLXot't'L scr. vi'J'!/,çati-s sia
allungato, forse secondo i della prima sillaba (o antica desino di
duale ~); nelle altre forme abbiamo composizione dell'unità con
un elemento che la comparazione ci mostra essere stato ie,
- - I
*-komt-, rispettivamente *-k"fl't- ('t'pL~-XOV't'ot scr. t1·i"!1--2.at catva-
ri'ftb-çat panca:Jat) probabilmente derivato da *dek"fl' ' lO "
quindi per _*dk- con grado O della prima sillaba. In lt., *-kenta
forse da *-kmta
o
deve aver dato, con sincope, *-cnta o
in cui la gut-
turale si è sonorizzata avanti la nasale sonante (§ 40); -in- sa-
rebbe la nuova vocalizzazione della nasale sonante stessa. Fra il
primo e il secondo elemento subentra -a-; in greco troviamo in-
vece -e~ in 50-90, come anche nel gt. sibunt-e-hund ' 70 ' niunt-e-
hund ' 90 ': il lat. ha forse sostituito -ii- ad - è - secondo quad1'a-
ginta con -rii- da -!9-, cfr. 't'E't'PW-xov"t'ot. La desinenza di -ginta de-
v'essere quella antica dei neutri plurali di temi in -0-, cfr. § 314;
o -a allungato da *-a secondo quadra- quinqua-~
Quanto ai primi elementi, vi- parrebbe un amico duale
significante '2 '; tri- è l'allotropo di tria da *trw; septuaginta
forse secondo un *octuaginta = gr. òyao(f)~xov't'ot sostituito poi
da octoginta in cui è stata riammessa l'unità; ni5naginta da
*no'!!;en-a- come ni5nus rispetto a nove.m, cfr. § 387.
§ 390. - 100: centum = É-xot't'6v scr. çatam ecc. da *kmt6m,
o
antico nom.-acc. sg. ntr.
206 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

200-900: du-centi (cfr. du-plex), tre-centi (da tri- per assimila-


zione ?), quadringenti (secondo 500, 700, 900), quingenti (da
*quinque- con sincope come quindecim), sescenti (da *sexc-),
septingenti (per septem- § 13), octingenti (secondo 500, 700),
nongenti (da *n0'Yen- § 33), tutti aggettivi declinabili (talora
sostantivi neutri in misurazioni specifiche: argenti sescentum
et mille ecc.); -g- come in trigintii ecc., ma -e- per l'analogia di
centum che ha reintegrato c per g salvo dopo nasale.
1000: mille, indeclinabile (solo abl, sing. ntilli PI.), è negli
scenici e spesso anche in seguito un sostantivo, può essere però
usato come aggettivo, ciò già in PI. L'origine è sconosciuta;
l'etimo dato dal Sommer (*smi gzhli 'un migliaio', grado O
di *ghezl- in lesbico XÉÀÀLO~ eee.) è elegante ma incerto; piut-
tosto con ei > i (cfr. Lucilio, § 21) da *heili, *héli col m- di
multi, cfr. Rheinisches Museum XCVI, p. 89 sgg.
2000 ecc.: duo milia e così via con milia, plurale di mille,
regolarmente declinato come un sostantivo neutro in -i-o

B. Ordinali.
T L § 391. - I: primus, peligno pris-mu rifacimento di *priimo-
onde prandium (da *pr9-mo-, cfr. *pr-mo- in gr. eolico 7tP6fl.Oç,
lit. pìrmas gt. fruma con -mo- § 205 e *pr9-'!!:o- in scr. purvas
gr. 7tp(7lToç da *7tpiiFo-'t"o-ç) con *priis grado O di *prijos com-
paratìvale _'(come magis: *magjos = maius); sta a base un
*pri- grado O di prai- prae. Il comparativo prior si usa parlando
di due oggetti.
II: secundus da *sequondos di sequor, cfr. oriundus: orior.
Rispetto a primus (priol') od unus si dice anche alter, quando è
parola di due oggetti: cfr. § 380.
III: tertius da *tritjos (§ 18) = avest. pritya-, cfr. scr. trt-tyas.
IV: quartus (l'a è segnata lunga in un paio d'iscrizioni; il
prenestino ha quorta da -r-) = 't"É't'lXp't"Oç lit. ketv(itas (ir da n
ablg. cetvrutu, quindi *quet'Yr-to-, in cui le consonanti della
seconda sillaba sono state dissimilate. Troviamo qui un suf-
fisso -to- (-tho-) formante ordinali e identico in origine con quello
PARTE II. - MORFOLOGIA 207
dei superlativi gr. X&.ÀÀLO"t'Oç SCI'. kani~~has 'minimus', come
in gr. e SCI'. (catur-thds ' quartus ' ~a~~hds ' sextus '), che ritorna
nei due ordinali seguenti.
V:, qllintus (e, rifatto sul cardinale, quinctus) = 7tÉfJ.7t't'oç
lit. penktas.
VI: sextus (rifatto da se», ma cfr. Sestius e § 90) = SCI'. ~a~~hds
gt. saihsta gr. Éx't'oç.
VII-XII: sono formati coll'aggiunta di -0- al cardinale:
septim-us = SCI'. saptamas; octaoos, cfr. gr. oy~o[f]oç, dalla
forma *okt6u (SCI'. a~~au '8 ') con mutamento di -av- in -iio-
§ 17; nanus da *noJ!en-o- § 33; decimus undecimus duodecimus.
XIII-XVII: tertius deeimu«, quartus decimus ecc.
XVIII-XIX: duodevicesimus undevicesimus come duodevi-
ginti ecc.
Dal XX in poi subentra un suffisso superlativo -simo- che
potrebbe essere uguale al -simo- trattato nel § 206; il confronto
di SCI'. tri'f!bçat-tamas 'trigesimo ' ecc. (col *-temo- o *-t1fl'0- del
superlativo SCI'. papa-tamas 'pessimus' eec.) fa però pensare
che qui abbiamo non *-cent-s1fl'0- ma -cent-t1fl'0- con ss da tt
§ 85. Quindi vicesimus, in iscriz. vicensumam, tricesimus, in
cui è conservato l'antico c al contrario di quanto accade nel
cardinale (§ 389); ma quadragesimus quinquagesimus ecc. con _go.
Di qui -èeimo- sentito come suffisso ha formato cent-esimus
ducent-esimus (Prisciano II 413 vorrebbe ducesimus quinge-
simus) millesimus. Per le unità nelle decine valgono i tipi
unus et oicèsimu« e vicesimus primus, duodetricesimus.

C. AvveJ'bi numerali.
T L § 392. - 1: semel (con simul) formazione di *sem 'uno'
(§ 387), cfr. &-7tIX~ SCI'. sa-k(t 'una volta '; -mel: gt. mel 'tempo',
tedesco ein-mal 'una volta' ecc., quindi da *s1fl'-meli? (è' se-
condo § 135).
2: bis, ant. duis PF. = gr. ~(ç SCI'. dvis.
3: ter, Pl. terr da *tris = 't'p(ç SCI'. tris cfr. o. t l'i s t a a -
m e n t u d 'testamento' e § 18.
208 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

4: quaier, probabilmente da *-trus = avestico éafJrus.


5 ecc.: quinquies seaiiè« septies oeties nooiè« decise vieies trieies
quadragies quinquagies eenties ecc. col suffisso -iee da -ièn«
uguale a *-irtt in scr. kiyat 'quanto Y' iyat 'tanto' neutri
degli aggettivi ki-yant- i-yant-.
Di origine oscoumbra, come mostra il -f- interno (e trio,
non ter-), debbono essere i bifii- trifa- = scr. dvidhii 'bis'
tridhii 'ter' da cui bifariam trifariam, fonti alla lor volta di
bio, t1·ifariu8j forse la forma bifariam, trifariam (cioè vieem)
è partita da *bifas *trifas, in cui l'originario -fa- era ampliato
coll'-s di bis, *tri8, *quatru8, rotacizzato secondo § 113.

D. Aggettivi moltiplicativi.
§ 393. - Simplus, cfr. gr. &:7tÀouc:;, con *sem- *s~- § 387j du-plus
come du-eenti; tri-plus; quadru-plus con -d- come quadraginta e
inversione *tru- di *t!!r- cfr. gr. -rpU-rpOCÀ€LOt da *qutru- 'con quat-
tro cimieri' avest. éafJru-gaos- 'con quattro orecchie', e quater
da -trus § 392; quineuplus (antico quinquiplus) con -u- secondo
quadru- o con sincope da quinqu(e)-p-, cfr. pereutio da quatio;
eescwplu« septuplus secondo quineuplus. Tutti questi aggettivi
sono formati con -plo-, lo stesso elemento contenuto nel -7tM-oc:;
di gr. &:7tÀouc:; ecc., e cioè un derivato della radice *ple- di pleo ecc.
Accanto ad essi, con plec- di plieo gr. 7tÀÉxCù, sim-ple» du-plex ecc.;
cfr. gr. aL7tÀOtç (-p!-), propriamente' piegato in due' ecc.

E. Distributivi.
§ 394. - 1. Singuli 'a uno a uno; uno per uno' col *sem-
di simplus ecc. § 393 e *-glo- del goto aina-kla- , solitario '.
2 e segg. con un suffisso -no- che torna nei moltiplicativi
ant. nordici tvennr jJrennr ecc.: bini da *d1!:.is-noi § 188; terni
da *tris-noi, e trini sec. bini; quaterni e quadrini (questo secondo
trini, col d di quadraginta eeo.); quini (*quine-noi), seni (*sex-noi),
septeni (secondo il precedente), oetoni, noveni (come septiJni),
deni (: dee-ies = seni: sexies), 'Ulndeni, duodeni ma temi diJni ecc.;
vieeni (: vicies), e così trieeni quadriigeni centeni; ducerli treceni
quadringenteni ecc.
PARTE II. - MORFOLOGIA 209

T § 395. - l numerali nel latino volgare.


unus viene impiegato anche come articolo indeterminato e
come pronome indefinito; duo è sostituito da dui attestato
nel III sec., per analogia di bomi ecc.; per quattuor si trova
quattor e quatro, similmente *quattordece; quinque (i secondo
quintus) e quinquiigintii dissimilano in ci- la prima sillaba (ma
quindecim quintus rimangono); 17-19 diventano decem et septem
(Prisciano III 412) *dece et ocui, nove. Nelle decine 20-90 l'ac-
cento si sposta dal suffisso all'ultima sillaba dell'unità, triginta
(Consenzio 392), quindi (con g > i) vinti scritto ~e:Le:V't"L in un
documento ravennate del VI sec., trienta ecc., quarranta in una
iscrizione del V sec. Avverbi e distributivi cadono in disuso,
sostituiti da espressioni perifrastiche.

V. La composizione nominale.
§ 396. - Per composizione intendiamo, almeno nelle lingue ie.,
l'unione di due temi nominali, ognuno dei quali può essere a
sua volta un composto, a formare una unità morfologica e
semantica: caratteristica di questa unità è la presenza di un
unico accento. Fanno deroga i composti copulativi o dvandva
(§ 400), i quali possono constare di un numero indefinito di
membri e conservare gli accenti di ognuno di questi: la conser-
vazione dell'accento ha sporadicamente luogo in scr. anche per
altri tipi di composti (specialmente giustapposizioni).

T § 397. - Il c o m p o s t o vero e proprio consta dell'unione


di temi sprovvisti di desinenze; i rapporti sintattici fra i due
membri restano pertanto inespressi. Ove in luogo del tema
troviamo nel primo membro una parola declinata, diciamo che
ciò rientra nella categoria della g i u s t a p p o si z i o n e: il
raccostamento cioè di due parole in una sequela fissa e normal-
mente con accento unico, e con un significato speciale ben deter-
minato, trascendente quello delle parole singolarmente prese
(respublica, paterfa1niliiis, seniitUs consultum). Avviene però
spesso in una giustapposizione non solo che, dove il primo

14 - V. PISANI. Grammatica latino storica e comparativa.


210 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

membro non va. soggetto a. variazione perché dipendente dal


secondo o perché l'intero sintagma è un indeclinabile, in pra-
tica la giustapposizione non venga più distinta. da un qualsiasi
altro composto, come avviene in senatusconsultum, aquae-
ductus, legislator, mentecaptus, in asecretis, abactis, aboouii«
(> franco aveugle), negli avverbi extemp lO, imprimis, cumprimis,
propemodum, e mirimodi» (§ 411), huiuscemodi, nonnihil, non-
.nunquam; ma o non si sente più il valore di caso del secondo
membro in dipendenza dal primo, e allora l'intero composto
vien declinato come proconsul promagister pronomen proportio
(da pro consule ecc.), injula (da *en jalo 'sul capo ') insula
(da *en salo), ovvero secondo i composti autentici la forma
declinata. del primo membro vien mantenuta in un certo caso
e non più (come in reipublicae ecc.) variata, in conseguenza
del mutato impiego sintattico della parola, cosi in rosmarinum
rosmarini (per roris marini), duumvir dall'antico gen. pl. duum-
'Virùm e cosi di seguito (cosiddetta i p o s t a. si, § 275). Un
caso speciale di giustapposizione è rappresentato dalle tarde
forme di nomi propri Deusdedit Habetdeum Speraindeum ecc.,
di probabile modello semitico.

T § 398. - Agli inizi della tradizione, la composizione nominale


è in latino poco vivace: si trovano quasi solo antichi composti
ormai fossilizzati e incapaci di provocarne dei nuovi col modello
da loro offerto, quali sinciput (semi + caput) anceps (ambi +
caput) Marcipor (-puer) selli-sternium tri-pudium (pod- come
in 7tOa-oc) mùs-cipula (: capio) jriitri-cida rniini-ceps (rnunus
cap-) iu-dex (ius + dic-) [ero» (fera + *oqu- composto di tipo
ie. § 223) sollers (eolio- 'intero' + ars) ecc., di cui già gl'inde-.
bolimenti e le sincopi vocaliche mostrano la grande antichità
semmai non cessata del tutto è la composizione di nomi con
preposizioni e particelle, tipo ambi-egni (agnus: 'che hanno
due agnelli Mtorno), igno~ilis, »e-cors, consobrinus t-sosr- di
soror § 114), superstee e quella con numerali tipo du-plex qua-
dru-pes ecc. Col diffondersi della cultura greca e il formarsi di
una letteratura modellata. su quella ellenica abbiamo una revi-
PARTE II. - MORFOLOGIA 211

vìscenza di composti, in parte esuberante e limitata agli antichi


autori, specie epici e tragici (1): ma cessata la prima furia, un
nucleo di nuovi composti si ~tabilisce e dalla poesia passa alla
prosa, costituendo i modelli di un processo abbastanza vitale,
specie all'epoca dell'impero, il quale riceve nuovo impulso, sia
pure in particolari direzioni, dai bisogni espressivi del cristia-
nesimo. Molti composti sono sorti nel latino volgare, e parecchi
di essi stanno a base di parole romanze: di forme volgari cite-
remo a titolo d'esempio caldicerebrius, nes~pius, bieaccium;
piscicap~ e seribib; (da Pompei); {lorisapus frondicoma muni·
dator ru:dimiiturus unicuba univira (questi da iscrizioni afri-
cane) j benemèrìu« (Petron.: mos), benememorius j iicer"arbo,r
(> frane. érable), alba-spina, bis-cocuom, in-odio (> frane. ennui),
medio-die (> it. mezzodi), medio~loco (> frane. milieu), male-
habit'/J, (> it. malato per antico malatto), *mali-fiitius (: fiitum >
frane. mauvl!'is), e così via. '
§ 399. - Classificazione. - Comunque, si tratti di com-
posizione ereditaria o ricalcata su modelli ellenici, troviamo in
latino -come nelle altre lingue ie. due tipi fondamentali di
composti: gli ESOCENTRICI, in cui il centro, cioè il concetto
descritto e definito dal composto, si trova in questo stesso
(gr. 7tlX't'po-x't'6voç 'uccisore del padre' o à.xp6-7tOÀLç 'la citta
alta ')j e gli EXOCENTRICI (o mutati, o bahuvrihi), il cui centro
risiede fuori del composto, in quanto esso di sostantivo diventa
aggettivo (Àe:uxwÀe:voç 'colei che ha le braccia bianche ').
TL § 400. - I. ESOCENTRICI sono i seguenti tipi:
I,

1) C o P u l a t i v i, o d v a n d va, o p o l i c e n t r i c ij
in latino, a prescindere da formazioni artificiose quali i due

(I) In modo speciale si notino le forme plautine, calcate su noti modelli


della commedia greca, quali collierepidae, cruricrepidae, plagipatida, virgines-
vendonides, tedigniloquides, quodsemelarripides, argumentumextenebronidès ecc.
Ma quidquidcadiae Fest. p. 257 M., se non è forma inventata per spiegare
quisquiliae, potrebbe essere antico composto parasintattieo come il nome
scr. yadbhavi~yas del pesce che diceva sempre yad bhavi~yati 'quel che sarà
(sa.rà) " Pane. I 14.
212 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

titoli di poemetti levianì, Sirsnocirea 'La Sirena. e Circe' e


Protesiliiudamia 'Protesilao e Laodamia', li ritroviamo solo
in derivazioni aggettivali: su-ove-taur-ilia, stru-jert-arius 'un
sacerdote che sacrificava coi due generi di focacce chiamati
strues e jer(c)tum " palmipedalis ' lungo un palmo e un piede "
o come costituenti il primo termine di un composto in scytalo-
sagitti-pelli-ger (Tertulliano); dvandva di aggettivi abbiamo in
reciprocus da *reco- +
*proco- 'rivolto indietro e avanti'
(§ 219), laddove dulcacidus potrebbe anche collocarsi nella
categoria dei composti determinativi o karmadharaya (2 a).
2) D i d i P e n d e n z a, o t a t p u r u ~ a: qui uno dei
due membri, più spesso il primo, serve a determinare il secondo,
con rapporto di coordinazione o subordinazione:

§ 401. - a) Il primo caso abbiamo nei cosiddetti composti


attributivi o apposizionali o k a r m a d h r a y a , à

il cui membro determinante sintatticamente dovrebbe stare


nello stesso caso del determinato, al quale serve da attributo o
da apposizione: perennieeroue (Pl.) albogalerus angiportum (Pl.)
(angu- 'stretto' = scr. a"!,,,h'li-s) trisaeeliseneai (Laev.) e, con
-io- probabilmente non aggettivale né derivativo ma modellato
secondo altri composti, plenilUnium privilegium ecc.; inoltre
moechicinaedus tmoechus et ipse cinaedus, Pl.) tunicopallium (Pl.)
contortiplicatus; chiari calchi o imitazioni di modelli greci,
altisoniins (ul.\JL~pe[Lh1jç) multipotens (1toÀ\)òUv~[LOç) ecc. Questo
tipo è recente in greco, e così anche in latino, dove angiportum
(da *angu-) è univerbizzazione di due termini giustapposti nel
nesso sintattico (cfr. Frisk, Indog. Forsch. LU, p. 282 sg.;
Pisani, ibidem, LIV, p. 38) (l). A sé stanno, qui come in II
(§ 403), i composti con un numerale: trinummus 'i 3 nummi'
(P!.), che possono continuare direttamente un vecchio tipo

(1) Tardi calchi di gr. ex(yexypoç o:uocypoç I5vexypoç ecc. sono equi/er ovifer
capri/er (Gloss.) 'cavallo selvaggio' ecc. In greco stesso questi aggettivi
paiono rideterminazioni semantiche di antichi nomi di cani o uomini com-
posti con é!ypex (' prendi-capre' ecc.) secondo é!YPLOç.
PARTE II. - MORFOLOGIA 213

~~-6~ClÀCI\I 'due oboli '), cfr. specialmente i composti con as:


1}(7s ecc. § 404, che nella forma conservano tratti di rilevante anti-
chità, così pure simbella da sèmi-libella e simili.

T § 402. - b) Il secondo caso si ha nei t a t p u r u ~ a per


eccellenza, in cui uno dei due membri è retto dall'altro, general-
mente il primo dal secondo: regijugium poplijugia Marcipor
nemoricultrix (una scrofa selvatica) imbricitor (Enn.) salUti-
gerulus capriiieus armipotèns; più spesso qui il secondo membro
è un cosiddetto 'nome verbale', ha cioè valore di nomen
agentis o actionis: miis-cipula (: capio) 'trappola', fratricida
(: caedo), miiniceps manceps (: capio), blandidicus iiide» (: dico),
sociofraudus, terripavium (pavire), tubilustrium, lumbijragium,
oim-dèmia, ecc.; qualche volta il nome verbale ha valore pas-
sivo, cfr. caecigenus (Lucr.) 'nato cieco' ecc.

T § 403. - II. Gli EXOCENTRICI o b a h uv r i h i sono anch'essi


a quanto pare di imitazione greca (cfr. Pisani, Studi it. di
fìlol. classica, Nuova Serie, XI, p. 121 sgg.), se si escludono
naturalmente gli aggettivi tratti da dvandva (I 1, § 400) come
suovetaurilia strujertarius e alcune forme pietrificate quali
atrox [ero» sollers che per il latino sono aggettivi semplici: tali
duracina uva (ax'À'Y)p6x'ox'x'oç), jalsiparens 'che ha falsi geni-
tori " incurvicervicus ' dalla cervice curva " qromdaeou«, magna-
nimus ([J-EYIXì.6.&U[J-Oç), tardigradus, armisonus, anguimanus, lO-
ripè« ecc. Anche qui stanno a sé i composti con numerali che
in parte sembrano ereditarii, così Septimontium, bigae da
*bi-iugai, nundinae da *noven-dino- (: scr. dinam 'giorno '),
quinquennium, quadrupes (umbro peturpursus scr. cdtu~"pad- ecc.)
- ma trirèmi« è calco di 't"p~ép'Y)ç, bicorpor di a(aw[J-oç a~aw[J-lX't"oç ecc.;
così pure quelli con particelle: impliimi« inanimus inimicus
iners injamis inquies ambidens anceps (ambi-caput-).

T § 404. - Per quanto riguarda la forma dei membri del


composto, va notato:
L'incontro di vocale finale del p r i m o con quella iniziale
del secondo m e m b r o dà luogo all'elisione della finale (salvo
214 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

endo-itium = initium PF.), che spesso però è riammessa per


ricomposizione: aquagium (aqua + ago), dùraoinu«, sollers ieollo-
+ ars), amb-urbiiUes (hostiae), ma multi-angulus, ante-urbiinus,
quindi bi-ennium tri-angulus ecc., secondo cui semi-animus,
sèmi-ermie Liv. (semermus Tac.), quadriennium (quadrangulus
Varro). Notare le formazioni con as assis: bes (cioè bess da
*d?!:.ess da *du-ass) bessis, tressie (da tres asses) secondo cui
quinquessis oicessie tricessis; semis (semi-as) ssmissie, su cui è
formato trèmi« tremissis (Lamprid.: 2 ~ assi); dussi« (Prisc.)
come du-plex ecc., deoussie (: deou-plu« ecc.), quadrussis (: qua-
dru-pes ecc.) hanno fornito il modello di oetussi» nonussis
centussis, Recenziore è quadrassi» (Prisc.).

T § 405. - Avanti consonante iniziale del secondo membro,


l'-i- del primo che risultava (in polisillabi) dalla finale di temi
in -0- (§ 42) ed -i- è stato generalizzato come « vocale composi-
zionale ») (in prossimità di labiali alternantesi con u, § 18: tubi-
lustrium e tubulustri1tm), che sostituisce la finale di temi in
vocale e si aggiunge a quella di temi in consonante (e la sosti-
tuisce: hom-i-cida di homen-): vi sono però casi, specie in com-
posti recenziori, in cui la vocale finale è stata restituita. Diamo
qui esempi delle varie possibilità: t e m i i n a, tubi-lustrium
(-bu-) ecc., e blatto-sèrioue ecc. (tardi) secondo i temi in -0-;
t e m i i n -0-, vini-[er auri- fex (-ru-) e albo-galerus mero-bibus,
con aplologia vene-ficus per *veneni-ficus, con sincope in vecchi
composti princeps (primo-), vin-demia, sacer-dos, puer-pera (ma
sacri-ficus sacri-lequs agri-cola); liticen di lituus è probabil-
mente fatto su tubicen; t e m i i n -io-, -in-, medi-terraneu»
offici-perdu« Caelì-montana (porta), hosti-spices (hostia), ma
socio-fraud'us PI., tibi-cen (tibia), cfr. § 43; t e m i i n -io,
ponti-te» (-tu-), viri-potens (PI.: viri-um), con sincope au-gurium
§ 96 au-spe» (avi-; tardo avipes), nau-fragium (e navifragus),
o-pilìo (u-, cfr. § 33: ovis) ed au-buhulcu« (con ov- > av- § 17);
t e m i i n -u-, acu-pedius (: WXUI; § 168) ed aci-penser (un
pesce: etimologia malsicura), corniger flucti-ger manu-festus
(-ni-) e con sincope malluvium (*manu-lav-) mam-ceps man-sues;
PARTE II. - MORFOLOGIA 215

t emi i n . -u- e dittongo, su-cerda t-cerda 'escremento')


su-bulou« (su- dai casi obliqui come in subus § 343; -bulcus =
gr. qlUÀcxx6ç), biicaeda (e bovi-cidium Solin.); t e m i i n c o n -
s o n a n t e, a) senza vocale composizionale, mus-cipulum
mus-cerda mus-(s)tela (se va col goto stilan 'rubare' ecc.), ntis-
turtium (: torquère, propriam. 'che fa torcere il naso '), iu[s]-
dex ius-(s)titium, nomen-clator (: cala1'e) sol-stitium: in alcuni
casi si può essere incerti se la vocale composizìonale sia sempre
mancata o ci troviamo dinnanzi ad aplologia, così in arcubii
(arx + cubo: o areci]-cubiH), cordolium (o cor[di]-dolium ~),
stipendium (stips + pendo: o sti[piJ-pendium ?), trucidare (tru-
[ci]-cid-? qualcuno ha pensato che il significato originario fosse
, squartare', quindi tru- '4' come in gr. "PU-cpliÀe:LCX 'che ha
quattro cimieri' da *qutru- § 393); e così sicuramente lapi[di]-
cùla, cfr. con aplologia di sillaba diversa il- derivato lapidi-
ci[di]na PF.; b) con vocale composìzionale, aeri-p es {lori-jer
iuri-dicus veneri-vagus ossi-jragus carni-te» (-nu-) jratri-cida
imbri-jer arti-jex légi-rupa; i temi in -en- sostituiscono questi
suoni con -io, homi-eida sangui-suga (e, con sincope, nuncupo
da *nomi-cap-) forse partendo da jratri-cida che ha dato il
modello per homi-cida, questo per gli altri; similmente opi-jex
da ops, ma ricondotto ad opus può aver dato il modello per
foedi-fragus .( foedus), cini-flo (cinis). Per -i- compare -e- in
su-ove-taurilia (per -ovi- che si trova in Catone), pelle-suina
, ubi pellis suitur, calzoleria' Varro e ope-cimsioa (dies) Varro,
lume-mulia ' luma molita ' Acta fratr. Arvalìum.

T § 406. - Il s e c o n d o m e m b r o subisce variazioni nor-


malmente quando, il composto essendo exocentrico, esso membro
muta valore (da sostantivo ad aggettivo) e deve essere assog-
gettato alla mozione. Ciò ha luogo in quanto il composto di
solito viene immesso in una delle due categorie aggettivali in
-us -a -um od -is -e, più raramente a mezzo di suffissi (-io-,
talora -ali-, -aneo-): d a t e m i i n -Ii-, bi-jurcu» birotus avius
delirus (: lira 'solco', propriam. 'che esce dal solco'; od è
delirus retroformazione da de-lirare 'uscir dal solco' > ' fol-
216 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

leggiare 'Y), sescento-pliigus ed ab-normis bi-libri« dé-pugis


(ibrido, dé + 1tuyf), per gr. &-1tuy0<;; Hor.), illunis, imberbus e
-bis, bilinguus e -guis; d a t e m i i n -0-, grandaevus ambi-
genus, septu-ennis per-duellis (duellom > bellum), bi-iugus Ov. e
bi-iugis Verg., sémi-somnus Pl. ed ex-somnis Verg., inermus Pl.
ed in-ermis; d a t e m i i n -u-, ex-sénsus capri-cornus, bi-
cornis (angui-manus in Lucr. resta tema in -u-); d a t e m i
i n -é-, levi-fidus Pl., ma eai-spè« Accio (solo il nominativo);
d a t e m i i n -io, per-emnis (peremne un auspicio tratto da
magistrati nel passare un fiume, Fest.), Inter-amna; d a t e m i
i n c o n sona n t e, quadru-pedus, mili-peda 'millepiedi'
sésquipedis, tutti tardi (ma sésquipés Pl., quadrupés), in-hospitus
Verg. con-cordie Caecil. discordis Pompon. (ma usuali eoncors
discors), in-iUrus Pl. uni-colOrus Fronto (ma con-color), dè-decoris
SalI. (: decus; indec6rus è dall'aggettivo dec6rus); da genus si
fa dégener ecc., ma Lucrezio ha multigenu-s tema in -0-; da
corpus, bicorpor. - F o r m a z i o n i i n -io- sono liiti-cliivius
nefiirius (o da nefiis direttamente Y) e vériverbium Pl. in-for-
tunium Pl., specialmente in epoca postclassica liiti-fundium
Plin. domi-cénium Mart. posci-nummius Apul. torti-oordius
Augustin.; i n -ali-, bi-pedalis Caes. aequi-dialis scmi-corporalis
Firm. Mat.; i n -iineo-, tri-peddmeue Cato medi-terriineue (medi-
terreus Sisenna).

§ 407. - Per quanto si riferisce al carattere delle parole


adoperate nella composizione, notiamo:
I. Nel p r i m o m e m b r o può stare:
a) un nome o pronome, cfr. i casi addotti sinora;
b) un numerale, che assume talora forme speciali (cfr. §§ 387.
393.404). Si osservi: 1. uno- e sem- (sim-plex, sin-cinium Isid.);
2. bi-ceps dui-déns biduum (da *d'!.!:is-di,!!:om scr. -diva- , giorno ')
du-pondius du-bius (da *-bh'!!:-io-: fu-i, scr. bhu- , essere', quindi
, di doppia natura '), tardi di-l6ris di-nummium con di- astratto
da parole di origine greca (come di-oboliiris Varro da òL6~oÀov)
duo-pondium Gromatici duapondo Quintil. (secondo tria-);
PARTE II. - MORFOLOGIA 217

3. tri-eeps ecc., ter-oeneficus; 4. quadru-pediins quadri-duum


(secondo tri-duum) quadri-fiiriam; 5. quinqui-plex quinque-vir
quincu-plex; 6. se-mestris tsea-m- § 92) secondo cui se-pes Apul.,
cfr. anche seni-pes col distributivo in Sid. Apollin.; 7. Septi-
montium sept-ennis sept-un» e septu-ennis Pl.; 8. octu-plu»
oct-angulus octo-iuqi« Liv.; 9. nun-dinae da *no,!!:en-dinai § 33;
lO. deeem-ple» decu-ple» dec-ennium; 100. cenii-pie» centi-manus
oeniwm-ple» centum-pondium cente[ni]-nodius Marcell. Empir. ;
1000. mille-folium (calco di (.LupL6-epuÀÀov) e mili-peda Plin.

§ 408. - c) un tema verbale, o come tale inteso: rarissimo


in epoca antica (Verti-cordia e il comico conterebr-omnia Pl.)
che l'ha probabilmente dal greco (tipo epepÉ-oLxOç), questo
tipo guadagna terreno in epoca imperiale (p. es. [ulei-pedia
(Petron.) ed è ancor vivo in latino volgare (nome proprio
Vince-malus) e nelle lingue romanze (bevilacqua garderobe ecc.),
In questi e simili composti abbiamo degli imperativi usati come
rappresentanti del verbo; in flex-animus (Enn., Acc.) fiexi-pede«
hederae ecc. abbiamo un calco, parzialmente anche morfolo-
gico (-si- = -(H-) di un xlX(.L\jJl-&u(.Loç y.1X(.L\jJl-7touç o simili. Forma-
zioni ibride di su quei composti greci in cui un tema nominale
primo membro di composto è stato rivalutato come verbo
(epLÀO-7tIXTWP come se *epLÀeL-7t) sono i rari philo-graecus Varro,
zeli-vira Tertulliano, thelo-dives Augustin, - Altra natura
hanno composti come ari-ficus Cael. Aur., contemmificus Lucil.,
earperçificu» Apul., ricavati da iire-facio expergefacio ecc. con
sostituzione dell'i composizionale all'e: può darsi che il punto
di partenza vada scorto in, algi-ficus o simili, da algor ma rac-
costato ad algere e quindi modello per iirifiou«: iirère e insieme
per contemnificus: contemnere,

T § 409. - d) particelle, che possono essere:


IX) solo usate in composizione: in-temperies illuvies in-
siinus ignobilis (gr. eX- scr. a- da *r!- grado O di *ne-); ne-fas
ne-fandus ne-scius nemo ine-hemà, hemo forma più antica di
homo § 14) nihil (da *ne hilom) nullus non (ne-oinom' 1 ' *noinom,
218 GRAMMATICA LATINA STORICA E COlllPARATIVA

tramandato noenu > non); amb·ages ambi-vium 'anceps ' ambi-


axio 'catervatim' PF. (axis ') amb-urbium ambi-dens ambi-genus
an-ceps (*ambi-caput) am-plexus am-segetes 'che hanno mèssi
ai due lati della via ' amb-arvalia; dis-crimen di-lfi,dium ' giorno
di riposo dei gladiatori' dif-ficilis dis-sulcus 'porcus dicitur
cum in cervice saetas dividit' PF. dis-li"quidus 'perspicuus'
Gl.; re-calous Pl. (verso il dietro) re-clinis Ov. recurvus Verg.
repandus; se-ciirus (= sine ciira) segrex Seno (da se-gregard)
sedulus (da sedulo per se dolod), siidus (da *se iidod'), e, con
s6- per s'i-, s6cors (si trova in glosse anche secQ1-dis), forse sobrius
(so-ebrius '); oè-oors vesanU8 vegrandis osseu» (ve-esca) verpu«
(ve + verpa, con aplologia) Vèioois. Portenium. polliibrum (con
poro) possono essere derivati direttamente da portendo pollu»,

§ 410. - ~) Usate anche fuori di composizione: ab-simili«


ab-avus iioiu» iimen«, ad-wncus adverbium agnomen apprim i«
acctioue affinis (1); anti-geni ' prius geniti ' antesignani antepi7N
'piede anteriore' Cic. antemeridiiinus; circa-moerium Liv.;
com-par confatalis coaetàneus Apul. condignus 'degnissimo'
(cum intensivo, cfr. concido conficio) collibertus commarltus
conserva consobrinus concors contubernium (taberna); de-pilis
Varro devius dècolor debilis (: scr. bdlam 'forza ') dèmèn» de-
pontiini (senes; cfr. il detto sexagenarii de ponte) depHimis Plin.
drpropitius Tert.; ef-frenus ex-animus eepers (pars) egelidus
elinguis PF. enodis Verg. enormis enervis ex-ediiriitus exalbidus
, bianchiccio' ediirus ' piuttosto duro' Verg. expallidus (efferu8
Lucr. retroformazione di efferiire!) eiiincidus 'germogliato a
guisa di giunco' Varro exkeres Pl. exconsul (tardo, come le
simili formazioni); extrii-miiriinus Ambros.; in-fula ineula in-
fumus (§ 106); inter-capedo interpres (: pretium) inierrè» inter-
vallum intercus; ob-niibilus Enn. obvius (questo e pervius da

(l) Atavus, piuttosto che con *at· = scr. dti (forse da *eti!) è *ad·avus
con t secondo stritavus tritavus, di cui il primo contiene un antico' *struti·:
airI. sruith 'vecchio, onorando' ablg. stryji 'zio " il secondo è modificato
da str- secondo TPLT07t<iTOOp.
PARTE II. - MORFOLOGIA 219

obviam perviam?) oc-ciput oscen (*obs-can-); per-grandis Pl.


perpaucus perdius (*dieu- § 344) pernox perduellis perennis
(annus) perfidus periurus; post-principia pomerium -moe- (post +
moiros > murus) postgeniti Hor.; prae-cliirue praecàmus ' canuto
:precoce' praemature praepotèns praeiudicium; prà-curous Verg.
propes 'gomena per legare in basso le vele' Turpil. proaous
proauctor 'fondatore' di una gens' Suet. profanus propriam.
, che Rta innanzi al tempio' pronomen procestria PF. e procostria
(castrum); sub-cavus Cato subeueto« Pl. subrumus agnus 'pop-
pante' Varro suggrundo suburbanus subrostrani e con valore
di 'quasi' subaquilus subniger Pl. ecc.; ewper-ficies (facies)
supersies (: stiire) swperbu« « *-bh'!!:.-o-: fui ecc.) supcr'ciliurn
(da un *celo- = slavo éelo 'fronte '). Un ibrido greco-gallico
è para-veredus ' bilancino, cavallo di rinforzo' (cod. Theodos.).
- Ai probabili casi di retroformazione già rilevati si possono
aggiungere insignis (da insignire) reprobus transformis eèpa»
resonus oblitterus = -riitus Laev. obvallus = -liitus Ace.
Come si vede, non mancano in questa categoria composti
sicuramente preistorici, in quanto contengono parole non più
note al latino. Ad esse vanno aggiunte formazioni avverbiali
come perdudum praemodum Liv. Andr. propalam PI.

T § 411. - e) parole complete di desinenza o avverbi; si tratta


propriamente di ipostasi da giustapposizioni: con numerali,
undecim (§ 388) sexprimi duooir; duumviri (da duum-virum
gen. pl.) quattuorviriitus septemtriènè« (e -trio) tergeminus se[mi]s-
qui-alter se[mi]s-tertius Sexulixes 'un Ulisse e mezzo' (per
Sesqu- con l'accostamento a sex) sesquitertius '1 % '; Iupiter
(dal voc., § 344) onde iugliins, Dies-pite« Mii(r)spiter; cottidie
(dal loc. *quotitei-die) meridie (da *mediei-d-) postridie (*poste-
rei-d-) quot-annis; aquae-ductus plebisscitum seniitusconsultum
terraemotus iure-consultus sacrosiinctus (se da *sacro-s-) Laris-
colus dulciorelocus (dulci-o're-loquos); rosmarinum -i e fenu-
graecum accanto a jenumgr. in cui i due membri possono o non
venire declinati ambedue, il che avviene comunemente ancora
di paterfamiliiis respublica, dove quindi la giustapposizione è
220 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

chiaramente sentita; noctUvigilus Pl, miserevivium (una pianta)


e sem-perfìorium. Ap\11. benejacta Pl. malesanus primogenitalis
Tertull. sempervivus Apul. paeninsula plùeeciu« Petr.; avverbi,
admodum affatim denuo (de novo) ilico (*en stlocod > in loco)
profecto (pro facto) mirimodis e multimodis Pl. (per miris multis
con caduta di -s avanti m- § 91 e abbreviazione dell'i secondo
i composizionale) dèrepente desubito dèmaqi« (ove il de ha assunto
valore rafforzativo); formazioni parasìntattìche, Sacraviensés
'pertinenti alla Sacra via' sextadecumani Tac. nudiustertianus
e anche N oooeomènsis in cui -vo- per -vum di N ovum Comum
probabilmente per la pronunzia volgare che aveva lasciato
cadere la nasale finale (§ 139), a meno che qui (e in Porocornsli
Forolivi) non abbia agito l'esempio di nomi galloromani tipo
Augusto-ritum (secondo gallo Uxello-dunum ecc.). Si noti infine
domnaedius dall'accuso domn(um) aedium (come cavaedium da
cavum aedium, veneo da venum eo) che dà luogo a domnifunda
, domina fundi ' ecc., tutte formazioni di epoca tarda.

T § 412. - II. A proposito del s e c o n d o m e m b r o va


rilevato in particolar modo il caso in cui questo è costituito da
cosiddetti nomi verbali, agentis ed actionis, che possono essere:
a) temi radicali (§ 155): arti-te» corni-cen au-ceps iii-de»
rèm-e« (ago) aure-a» (oria = au- § 22 'freno') amb-agés (: aiio
ad-agium) [èni-se» au-spe» re-dux dé-prans Naev. (: prando)
Iibri-pèn« 'tesoriere militare' (pendo) perpes (peto) prae-ses
prae-sul (salio), in senso passivo multi-plex eon-iux ne-pus
'non purus' PF. (puto putare; o falso arcaismo per *ne-pur
con caduta di -os § 324, malgrado la lunga di u?) agger (antico
arger Prisc., con ar per ad § 108: gero).

T § 413. - b) temi con vari suffissi: -a- msc., hosti-capa-s ho-


mi-cida agri-cola trans-fuga heredi-peta Petr. legi-rupa PI.
feni-seca bù-sequa Apul. ad-vena con-viva (e gli ibridi flagri-,
ulmi-triba Pl.), in senso mediopassivo bii-caeda 'flagellato con
striscie di cuoio' indi-gena (indu-, endo) cot-Ièqa (: lex); -0-
(-a- femm.), fun-ambulus prod-igus ab-igeus 'ladro di bestiame'
PARTE II. - MORFOLOGIA 221

(ago) Lupercus (arceo) mero-bibue tati-canus (e -cin-) Ov. pisci-


capus causi-dicus magni-ficus prae-fica sorti-legus pro-nuba puer-
pera (pario) omni-pavus Cael. Aur. Viri-placa (Iuno) domi-seda
ferri-terus Pl, aedi-tuu» e le formazioni con -jer -ger (igniter
armiçer; Pl. ecc. nel nomino anche morigerus ecc.), in senso
medìopasaìvo bi- fidus (findo) con-tragus (frango); -io- (-ia- ),
aqu-agium galli-cinium Fordi-cidia (forda 'bestia gravida ')
stilli-cidium (cado) regi-tugium col-loquium pro-pudium 'pu-
dendum' (ma repudium tripudium sono composti di pe«, pel
vocalismo cfr. gr. 1t68-cx e § 43) lecti-sternium con-vicium (vic- =
gr. f€~1t- in d1tov da *'!!:.eiqu- dissimilato per il raddoppiato
*!!.e-uqu-, radice *~equ-) virgi-demia in-edia ax-ungia; -t- (§ 225),
com-es sacer-dos locu-plee (plere) mam-suee (suesco; potrebbe par-
tire anche dal nom, sg. sincopato mansués di mansuetus come
sanas di sanatus); -uo-, ambiguus (ago) exiguus praecipuus
ingenuus residuus conspicuus continuus (teneo; alcuni di questi
direttamente dal verbo composto t): altri, pellesuina (§ 192) ecc.

T § 414. - c) participii: p re s e n t e, omni-ciens Lucr. trugi-


[erèn« id. blandi-loquens Laber. suavi-loquens Enn. omni-parèns
Lucr. vini-pollens Pl. aedi-tuens Lucr. alti-volans Enn., accanto
a -ier -loquus -pera -tuus -volus (velivolus Enn., velivolans antico
poeta ap, Oic, de div. I 67) che sono le forme più antiche e
comuni; secondo questa alternanza, troviamo -ans, inteso come
particolarmente poetico e solenne, anche ove non esista il
verbo, unanimans (onde animans) Pl. per -us, quadrupedans
Pl. Verg. per -pes ecc. (in Pl. queste forme sono evidenti parodie
dello stile tragico); p a s s a t o p a s s i v o , ante-fixus bi-
fissus post-geniti Flori-tertum (farcio) , cfr. le formazioni avver-
biali pedegressim pedetemptim, ~ 417.

§ 415. - d) secondo i precedenti, abbiamo formazioni in


-iiio- anche dove non esista il rispettivo verbo, ma con valore
identico a quello di ppp.: deacinatus Cato obaertues Liv. (aes)
expalliatus Pl. expapillatus id. expeculiatus id. suppernatus
Catullo praepilatus' terminante a forma di palla' (pila) Liv. ecc.,
222 GRAMMATICA LATINA STORICA E CO:l<IPARATIVA

tipo assai frequente specie in epoca postclassica: talora secondo


l'esempio di questo tipo troviamo l'ampliamento in -tuo- di
composti già esistenti, p. es. albicerus - albiceratus Plin., bi-
formis - biformatus, decemple» - decemplicatus Varro.

VI. Avverbi da nomi e pronomi.


T L § 416. -.A.. In latino, come nelle altre lingue ìe., gli avverbi
da nomi sono più spesso antiche f o l' m e i l' l' i g i d i t e
d e Il a d e c l i n a z i o n e. Abbiamo quindi:
NOMINATIVI: oersus, adversus, [ore con [ore-osi e for(s)-sit(-an).
recèns, liben», nudius tertius (§ 356; Charis.: nudius tertius hoc
significat, nunc est dies tertius, item nudius quartus) , quot
dies '0cnJfLépa.L' Apul., comminus ed eminus di antichi agget-
tivi composti con manus, mordicus 'òM1;' e viiricus di due
aggettivi di cui il primo scomparso, il secondo (Ov. Ars III
304 dall'avv.) fonte di varicare, satis e sat nom. sg. msc. e ntr.
« *sati) di un aggettivo connesso con satius sature

T § 417. - ACCUSATIVI: domum rii«, bifariam trifiirìam (§ 392:


tardi multifarie ecc.), perperam (arcaico perperus 'perversus '),
alias (i. e. oicèe; anche ouern« PF.) uiriisque, maximam partem,
fo..riis (: ioree, cfr. gr. &Upa.~e da *&Upa.vc;-òe), promiscam 'pro-
miscue " coram da un aggetto *r,orus 'faccia a faccia' (co + os),
inoltre gli avverbi in -im. antichi accuso sing. di temi in -ti-
(-si-), generalmente ampliati in -ti6n- (-sion-) § 236, e altri imitati
da essi e formati dal supino o anche da un aggettivo in -to-
o infine con -atim da un nome qualsiasi: statim partim raptim
carptim sensim cursim passìm (pando) iunctim mixtim incisim
efflictim contemptim pressim confertim (sec. cui ubertim Cat.)
nominatim fortuniitim tumultuatim gravatim acervatim articulatim
centuriatim tributim virUim angulatim, perfino anseriitim paese-
riitim suatim (sus) boatim caverniitim guttatim temporatim pau-
latim privatim singuliUim (-gilla-) meiitim tuaf'im (meus, tuus) ecc.;
inoltre ad-fatim (da un *fatis 'il fendersi' onde fatiscor). co-
xim > cossim (conquinisco conquexi, l'ad. quec- 'curvare') to-
lUtim 'al trotto' (: tollere pedem Y) vicissim e vicissatim. Se-
PARTE II. - MORFOLOGIA 223
condo questi avverbi si è fatto inter-im (antico anche intera-
tim PF.) per interea, iuxtim periuxta, utrimque; olim da un
tema *oli- forse da "ooelo- § 33: ablg. ovu, avest. ava- , quello ';
demum è da un *de-mus derivato da de come summus da svb.

T L § 418. - HOM.-Acc. NEUTRI: dulce ridentem, lene sonantis


aquae, suave olentis, umbrae resoniirent triste et acutum, multum
tantum paulum parum (da parvom § 32), iterum (neutro di un
comparativo della radice pronomìnale i- in id ecc., cfr. al-ter
u-ter), plèrwmque minimum summum nimium solum recèns
(recenter è tardo), saepe (di un *saepi8: eaepesi, anche simul
(di similis) [acui (e facile) con sincope dell'-i finale; un antico
plurale è forse frustra e -tra (: fraus~).
Un DATIVO è hum-i = gr. XIXfl.-IX(; inoltre oppido se si ha da
credere a PF. che lo deriva da « quantum oppido satìs esset »,
detto di granaglie; ma si tratterà piuttosto di un ablativo da
confrontare col gr. Éfl.-m:aov ' saldamente, certo '.

T L § 419. - Invero il caso da cui troviamo derivati avverbi


in maggior numero è l'ABLATIVO (spesso nelle sue funzioni di
strumentale, cfr. §" 302): gratiis e gratis ingratiis, tempore dilucu16,
quomodo multimodis. (§ 411) mirimodis, [oris (: [orii« § 417),
protelo (protelum ' timone del carro " quindi' tutto di seguito '),
forte tjortasse -ste cfr. § 421), impendio numero, antegerio ' molto'
(forse da un osco *antagero- con anaptissi = umbro a n t a k r e s
, integris '), vulgo, initio principio quotdieou« quotannis quot-
kalendis Pl., sponie, magnopere maximopere quantopere tantopere
(opere magno, opere tanto ecc. Pl.), alterni.';J e alterna (vicibus,
vice) repente simitu (sim- § 387 ed iiu« di ire). Inoltre rientra
in questo capo la serie degli avverbi in -ò(d) da aggettivi: merito
perpetuo continuo adsiduo crebro raro (e rare) subito commodo
hiirno 'quest'anno' (§. 187), verno crastino noctumo matUtino
(i. e. tempore o die), primo secundo ecc. (sulla differenza tra
quarto e quartum ecc. cfr. Varrò ap. GelI. Xl), nubi16 sereno,
sortito (in )testiito necopiniito bipertito (in )consulto cito falso secreto
tuto fortuito certo vero (certo 'di certo', -e ' certamente'; vero
224 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

, in verità " -e' realmente '), omni'nO (di un *omninus), ecc. (1).
Di questi avverbi, hanno breve l'-o (per la legge di abbrevia-
mento giambico § 28) cito modo (modO Pl. spesso) con quiimodo ecc.
(altrove l'abbreviazione è tarda e sporadica: postremo Iuven.,
quanto German. Mart., ultro Prud., sèro Seneca ece.). Cfr. anche
dextra sinistra intra extra supra iuxta contra ultra citra recta
directa (i. e. manu o parte; antico extrad P 2, 581 eoc.).

T § 42Q. - Un antico GENITIVO è l'arcaico noa: 'di notte' =


vux't'oç § 132; inoltre dius-que § 356.
LOCATIVI abbiamo in tem-port e temperi Pl. ruri (§ 335), domi
postridie (* posterei di~-i; o l'-e è lungo Y) perendie ' dopodomani'
(*peren- cfr. ant. persiano paranam ' per l'innanzi '; l'elemento
finale potrebbe anche essere da hodie = scr, adyu', con h- per
analogia di hic), diu (§ 356) noctu scr, aktau id. (*t"-; § 331),
diequinte o -s (§ 356) cotidie (§ 411) per-egre peregri (ager). Un
loeatìvo adesinenziale di penus è penee • internamente; presso '.
Locativo di un tema non più esistente in latino è temere propriam.
, alla cieca' da *temes- 'oscurità' (in tenebrae § 208). Antico 10-
cativo plur. potrebbe essere foris (*-oi-su; o ablativo t) accanto
a foras § 417.

T § 421. - Rientrano infìne in questa serie le formazioni con


preposizione più il nome da essa retto: invicem obviam oh-iter
ea:templii ilicii § 411 imprimis cumprimis adprima prope-diem 'fra
giorni' (per prope dies, sottint.est) incassum (cassus ' vuoto ')
denuii § 411 adamussim (Varro ecc., onde ea:amussim PF.), deprae-
sentiarum e impraesentiarum « -a harum, i. e. rerum), praefiscini
e -ne Pl. ecc. 'çollrispetto parlando' (propriam. 'evitando il ma-
locchio ': fascinus, locat.); con postposizione, tantis-per parumper
semper (sem- § 387) topper (da *tod-per 'subito', ma forse rifaci-
mento di una corrispondenza al russo tepér' 'ora '), Aggiungiamo
qui alcuni avverbi ricavati da una frase: forsit(an) § 416, jortassi«

(l) Ultro • spontaneamente' potrebbe essere da *voZtero- per *velt6ro.


formazione comparativistica di wl-le.
PARTE II. - MORFOLOGIA 225
-asse cfr. § 128 (da forte assis 'forse per un asse' '), sci-licet
vide-licet ' cioè' i-licet (imperativi + Ucet), ni-mirum, dum-taxat
(t- è antico congiuntivo aoristale o dal desiderativo di tango;
nella lex Bantina le due parti sono ancora scritte separate).

T L § 422. - Vengono inoltre usati per la formazione di av-


verbi da nomi alcuni s u f f i s s i s p e c i a l i, che sono:
-e (-e per abbreviazione giambica in bene male § 28) e -ter,
per lo più il primo con aggettivi della I-II declinazione, il se-
condo con quelli della III: acute alte bene (*duened: duenos>
bonus § 14) valde ' molto' (validus; senza sincope, valide' vali-
damente '); e breviter feliciter, ove -i- si trova dopo consonante;
ma in audacter diffìculter simulter abbiamo sincope dell'-i-
(accanto ad audiiciter diffìciliter), e presso i temi in -nt- e sollers
l'aplologia di -titer in -ter: sapienter sollerter ecc. Avviene però
che da parecchi aggettivi della II decl. si trovino avverbi in
-ter, specie presso poeti arcaici e loro imitatori: duriter (e dure),
largiter (e large), humiiniter (e humiine) , firmiter aequiter ecc.;
violenter opulenter f!audulenter cruenter (Apul.) con aplologia.
Di queste due formazioni, la prima, in -e da -ed, è, più che
ablativo, uno strumentale con -d per analogia degli avverbi in
-o(d) § 419; la seconda fu da alcuni vista come in origine sorta
in composizione con iter (cfr. gli avverbi romanzi in -mente), al
che potrebbe invitare anche obiter (§ 421) contenente senza
dubbio questa parola, mentre altri (come il Ceci) vi scorgono
il nom. sg. di un tema comparativìstico in -tero- (§ 212), e altri
infine, forse più rettamente, identificarono -ter col suffisso
-tra che in sanscrito forma avverbi locatìvali (vana-tra 'nel
bosco', a-tra 'qui '), Sicuramente identico al -tas che forma
in scr. avverbi di moto da luogo (deva-tas ' da parte del dio "
td-ta« ' di lì ' ecc.), al --.oc; di gr. èv't'oc; èx't'oc;, è il -tus di caeli-tus
funditus penitus (penus, penes) radimtus stirpitus antiquitus
divinitus humiinitus Cic. ecc., inoltre intus = èv't'oc; e subtus.
Il suffisso -s, che ritroveremo nel § 423, forma inter-diu-s
(cfr. § 356): scr. purve-dyu-s 'alla vigilia '; di qui interdiu
secondo a« § 356.

15 - v. PISANI, Grammatico Ialina storica e comparativa.


226 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

T L § 423. - B. Per vie analoghe si muovono le formazioni


avverbiali da pronomi, solo che qui i suffissi sono in parte
diversi. Raggruppiamo per significati:
a) S t a t o i n l u o go: loeativi illi isti ed illf-c ieti-c
M-c; con -i secondo questi, ibi ibidem postibi, ubi (ubicunque
ubique) alicubi aliubi utrubi, alibi, utrobique, derivati con *-dhe,
cfr. SCI'. i-M ku-lui 'li, dove?' gr. 7t6-&L l&e<:-ys:v~ç (il -b- dap-
prima in ubi § 104, di qui trasportato a ibi); con suffisso -s
(come in bi-s § 392) ci-s (particella pronominale ci- di ci-tra ecc.
e -ce § 376, gr. *x,s:-s:voç > x's:i:voç ecc.), ul-s (: olle § 374, cfr. ul-tra),
us-quam (nus-quam) us-piam (indefinito, col solito u- da *quu-
§ 377, cfr. quis-piam § 378).

T § 424. - b) M o t o d a l u o go: illim illin-c istin-c utrimque


hin-c de-hinc, un -de che pare uguale al -&s:-v di gr. 7t6&s:v si
aggiunge in in-de (indi-dem) de-inde > dein (l) exinde > exin
(da *im) utrinde: si tratta di formazioni da temi in -io, accanto a
cui, dal tema interrogativo con u, un-de (undi-que come quis-que),
ali-cunde per cui aliunde rifatto secondo unde. Identificare
l'elemento -m in queste forme colla desinenza di accusativo è,
dato il significato, piuttosto azzardato. In composizione con
seeus, altrinsecus intrinsecus ecc.; con versus (cfr. appresso),
undiqueversus -um.

T § 425. - c) M o t o a l u o go: illo illo-c isto eo eodem qlto


(quonam) ultro 'di là' P1. (2) citro intro (inte1') hiio ad-huc
huc-usque qua-ad ad-eo sono probabilmente forme dativali; com-
posti con vorsus > vm'sus (§ 16) ppp. di vertO (in adversus ad-
vorsus: cfr. anche deorsum sursum da subs-v- e s17,sum onde ital.
suso *deosum onde giuso, prorsus da pro-v-, introsus extrorsum
se-orsum) sono illorsum aliorsum ed alivorsum hOrsum quoquo-
vorsum (-versum) quàswm,

(l) Di qui deinceps, propriamente un aggettivo (: capio) ancora come


tale l' 2, 583 r. 79, indi usato come avverbio. cfr. § 430.
(2) Forse diverso da questo, che torna solo [n Plauto, è ultro "spenta-
neamente '. cfr. § 419.
PARTE II. - MORFOLOGIA 227

§ 426. - d) M o t o p e r l u o go, e m a n i e r a: ea(dem)


MC illo'c illa aliqua qua-lib,et ne-qua-quam haud-qua-quam, tutti
ablativi femminili, sottinteso via o simili; con aggiunto -tenus
(formazione di teneo, come secus, § 424, di sequor), ea-tenus
, fino a tal punto " quatef/-US ecc.
T L § 427. - e) T e m p o r a l i: aCCl.l~~Mf! msc. o femm. in
tum tun-c (radice pronominale *to- di ~r.. 't'o eco.), quom > cum
quon-dem ed un-quam (da *quu- come u-b; eec.) n-urtquam;
quan-do ali quando (-do è una postposìsìone, anche nell'arcaico
endo = in; cfr. scr. -da negli avverbi temporali tadO, 'allora'
kado' 'quando', cfr. anche donec § 581); tan-dem (-dem come
in idem); iam dal relativo ie. *:i:.o-, formalmente uguale al
gr. !Xv, ~v.
T L § 428. - f) Al t ri a v v e rb i: accuso sg. tam quam quam-vis
(' quanto vuoi' > ' quantunque ') aliquam-diu; strumentale di
un tema qui-, qui' come' (e ne-quiquam; alioqui céteroqui con
alio cétero anch'essi strum. di temi in -0-); locativo si-c da
*sei-ce del pronome so- (§ 375) da cui anche lo strumentale
arcaico so-c' così' e porro da *por-so = gr. 7tOpO"Cil attico 7tOppCil;
un suffisso -ta(da *-t;}, scr. -ti) in i-ta = scr. iti ali-uta ed iti-dem
uti-que (-ti- pel § 42); -tem da -them. in item: scr. itthdm (id +
tham) 'così '. Con or, quor cùr: gt. hwar 'dove Y' lit. kur
, perché" ser, kar-hi 'quando' '.
§ 429. - g) F o r m a z i o n i d i P r e P o si z i o n i p l U
p r o n o m i sono ant-ea ante-hac antid-ea post-ea post-hac
postid-ea postilla interea praeteres praete1'hii,c proptereà ed eii-
propter quapropter (qua mé propter éduxi foras ancora Ter.)
quo-circa id-circo.
Per la comparazione degli avverbi cfr. § 367.
§ 430. - NOTA. - Qualche avverbio viene declinato e usato come ago
gettivo: ex penitis [aucibus, pectore penitissimo Pl.; in penitiorem partem
domus Apul. (di qui l'avverbio penite Catullo LXI 178); deincipiti die Apul.
(ma: deincipem antiqui dicebant proxime quemquam captum, ut principem
primum captum PF. ci conserva l'aggettivo da cui è fatto l'avverbio dein.
ceps; cfr. pel nominativo deinceps § 424, nota a piè di pagina); equi mordiei
Hygin. cfr. § 416.
228 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

§ 431. - O. Nel latino volgare rileviamo l'uso di ibi ubi


anche per gli avverbi di moto a luogo eo, quo; inde unde sono
impiegati anche a indicare la causa, la conseguenza ecc., infine
come genitivi, cfr. §§ 384 sego Importante è il sorgere di nuovi
avverbi da locuzioni consistenti dell'ablativo singolare fem-
minile dell'aggettivo con mente, onde I'ìtal, lievemente ricca-
mente ecc.

O. - Il verbo.
L § 432. - Nella coniugazione del verbo finito latino è fonda-
mentale l'opposizione di due s i s t e m i, del presente e del
perfetto o, per dirla cogli antichi grammatici, dell'infectum e
del perfectum. Dal punto di vista funzionale questi due sistemi
designano opponendole l'azione non compiuta e quella compiuta,
rispetto al tempo presente (presente e perfetto), al passato
(imperfetto e piuccheperfetto) o al futuro (futuro e futuro ante-
riore): onde una relatività temporale che nelle altre lingue ìe. è
poco o null'affatto indicata. In compenso di tale conquista il
latino ha perduto la distinzione morfologica delle azioni (mo-
mentanea, durativa, iterativa) e degli aspetti (considerazione
dell'avvenimento nel suo complesso o nel suo decorso) che tro-
viamo altrove, p. es. in greco (tema dell'aoristo opposto a quello
del presente), e che doveva costituire l'ossatura del verbo ìe.,
povero di determinazioni temporali (p. es. è assai dubbio che
disponesse di un tema speciale per indicare il futuro). Si è
spesso opinato che il latino indicasse l'azione e l'aspetto a mezzo
di prefissi (p. es. facio: confìcio, perficio): ma non si tratta di un
mezzo morfologico ben determinato come nelle lingue slave,
dove un verbo imperfettivo diventa perfettivo (aoristale) auto-
maticamente pel solo fatto di essere composto, ed esistono per-
tanto preposizioni che hanno soltanto l'ufficio di perfettiviz-
zare il verbo senza mutarne il significato; bensì del valore per-
fettivo inerente al significato che la preposizione conferisce al
composto: p. es. un compire o condurre a termine un'opera
(con{ìcio, per{ìcio) è forzatamente momentaneo, non durativo.
PARTE II. - MORFOLOGIA 229
§ 433. - Come nelle altre lingue ie., non vi è rapporto neces-
sario tra la forma del sistema di presente e quella del sistema
di perfetto: cfr. amas: amavi, ma eubiis: eubui, stae: steti; habès:
hobui, ma mordès: momordi, sedè«: sedi, ridè«: risi; legis: légi,
ma scribie: scripsi; molis: motus, petis: petivi; eapis: oepi; ma
rapis: rapui, aspieis: aspexi: audis: audivi, ma dormis: dormui,
[ulci«: [ulei, venis: veni, reperie: repperi; quantunque sia dato
notare, nel latino rispetto all'ie, e nella evoluzione del latino
stesso, una tendenza a far corrispondere le formazioni dei due
sistemi, estendendo l'impiego della cosiddetta forma debole di
perfetto, in -vi. Poiché in generale (all'infuori cioè di certe for-
mazioni radicali, § 522) può dirsi che mentre le forme forti
(raddoppiate, sigmatiche, radicali) del perfetto sono derivate
direttamente dalla radice, quelle in -vi (e, benché non più visibil-
mente, quelle in -ui) lo sono da b a s i v e l' b a l i, come diremo,
meglio che « temi verbali », in quanto riserviamo l'ultima deno-
minazione ai temi temporali e modalì; mentre d'altro lato il
sistema del presente (salvo alcuni casi sporadici che tratteremo
nei §§ 552 segg.) si forma o a mezzo della vocale tematica -e-/-o-
che si aggiunge direttamente alla radice (leg-o) o fa parte di un
antico suffisso aggiungentesi anch'esso alla radice (sper-no eec.);
ovvero a mezzo del suffisso -ie-/-io-, solo in piccola misura pri-
mario, ma nella grande maggioranza dei casi secondario e
aggiungentesi ad una ba s e ve l' b a l e o ad un tema nomi-
nale, col quale forma una tale base (è il caso dei verbi in -ire)
o che innalza al rango di essa.

L § 434. - Basi verbali possono darsi: in -a-/-ii- od -a-


(infinito -are); '-e-/-e- (infin. -ere); -1,- (infin. -ire); ed -u- (infìn.
-uere).
,I. In -a-: la brevità originaria dell'a appare nel perfetto, che
termina nella I sg. in -ui da -a-,!!:ai (domui da *doma-,!!:ai eec.),
§ 42, e nel ppp. o supino in -i-tus ·Hum da -a-t-, § 42. L'-a-
dell'infinito è analogico secondo il presente, ove *dom,(-i.o
*doma-ies ecc. avevan dato domo domiis ecc. come curo C7iro's
da *eoisa-io *eoisa-ies con antico -a-, infinito C7irare. Qui l'-a-
230 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

è un antico -:1- che appariva alla fine della radice, cfr. domare
gr. aex~-Cù scr. dami-td = domi-tor ecc., sonare scr. ppp. svani-tds,
tonare scr. stani-hi II sg. impt, (questi due sono entrati anche
nella classe colla pura vocale tematiea, cosiddetta III coniuga-
zione, cfr. sonit tonit arcaici), iuvare ser. ya1t-ti (*iew- > *ieu-),
lavare gr. Ào(f)é-Cù (e lavit di III conìug.), arare scr. ari-tram
, aratro' gr. cXp6-Cù, calare gr. xexÀé-Cù, hia-re lit. Zio-ti, inoltre
crepare micare plicare eeesse vetare. Oon perfetto in -avi (secondo
exulavi di exulo, denominativo di exul Y) amb-ulare colla stessa
radice al-a- di ala-cer gr. &ÀcX-O-fJoex~ &ÀcX-(jex~.

T L § 435. - II. In -a-:


ex) Alcuni verbi in -are usati specie in composizione, senza
che per essi sia probabile l'esistenza di un antico +, appaiono
formati a mezzo di un -a- e si alternano con presenti formati
a mezzo della vocale tematica: tali sono dicare: dicere, e-ducare:
ducere, fugare: fugere, oc-cupare: capere, usu-rpare: rapere,
cubare: eumbere, pro-fligare: fligere, procas» (: preeor, anch'esso
passato alla I eonìug.), celare: oo-oulere (-cel-), sedare: sidere
(e sedere), legare: legere, de-sivare: de-sinere, levare: linere ecc.
Salvo alcune formazioni come il citato profligare o come fodare:
fodere ece., il grado apofonico della radice è diverso da quello
del verbo colla vocale tematica, e corrisponde alla apofonia,
ancora latina o prelatìna, del perfetto duale-plurale: cfr. diciire
-duoiire: aated, I pl. zig-um, zug-um, prociire: scr. III pl. pf. pa-
pracchur, sedare (e, con -0-, solari da *sod- § 108): sedi gt. I
pl. set-um, de-sivare: de-sivi, levare: levi, e anche opitulare (se
non denominativo di opitulus, ma questo retroformazione di
quello): tuli. Si dovrebbe partire qui da nomi in -ii che insieme
con altri (in or) hanno costituito il paradigma, forse non inte-
ramente stabilito in epoca ie., del perfetto. La costituzione di
una base in -a- sarebbe avvenuta come per I (§ 434).

T L§ 436. -~) In -na-re: cli-nare: cli-v'Ils gr. XÀf-vCù_(da *XÀE-vlCù)


aated. hli-no-n ' appoggiare' (-i- per -i- forse secondo ac-clinis'),
ma-nare (da *mi'j-na-: meare da *mei-a-), con-ster-nare ser.
PARTE II. - MORFOLOGIA 231

III sg. str-tfil-ti, a-sper-nari SCI'. SP[-tf4-ti aated. spor-non ' spro-
nare " prae-sti-nàre (destinare, obstinare) gr. ta"t'cXvw paleosl.
stanf!, cfr. anche laricinare: lacer § 209, ci offrono i resti di pre-
sente in -na- (debole -na-) come negli esempi sanscriti citati
o in gr. OcX[L-Vci-[LL (M[Lvli-[LE:v); spernere sternere ecc. (§ 490) rap-
presentano lo stesso tipo, passato direttamente alla coniugazione
tematica coll'aggiunta di -e-I-o- (non di -je-I-jo-). Ma il tardo
farcinari è denominativo di [areina (o da *farciminariY), cfr. ap-
presso; carinnre 'probra obiectare' PF. (testimoniato per
Ennio) potrebbe esserlo, con anaptissi, di un *carna = gr. xcXpvrl'
~'Y)[L[~ cfr. slavo Icor-i-ti 'biasimare' (è fatto secondo questo
booinntu» 'convinciatur' PF. da botire boantes Y); opinari è
denominativo di un tema *op-jon-, debole opin- (come ancora
osco leçin-um. 'legionem': leqion- ) da op- in praed-op-iont
, praeoptant' PF. (scritto -otiont); similmente festinare di
un *fest-ion- *festin-: con-teetim; e natinare di natina 'di-
scordia': conseguentemente muginari 'nugari et quasi tarde
conari' PF. sarà denominativo di un *mugina (muginari di
Lucilio è addotto da Nonio col senso di 'murrilUrare', ma si
tratterà di falsa interpretazione per l'accostamento etimologico-
popolare a mugio) da l'iconnettere con muger ' qui talis male
ludit' PF. da *muguhro- cfr. (osco) mufrius 'imbroglione' in
Petronio SCI'. muh-yati 'è stolto '.

§ 437. - y) D e n o m i n a t i v i, formanti la massa dei


verbi in -tire, più spesso con valore transitivo ma anche intran-
sitivi: i significati possono essere: « esercitare una certa atti-
vità ll, philosophiiri furari famulari; « portarsi, operare come
qc. », adolescentiare dominari; causativo e fattitivo, acervare
fumare nubilare murmurare quadra1'e e conciliare curare vel'are
'dir la verità' (Enn.) vindemiare auxiliari; « fare uso di qc.,
provvedere di qc. ll, clipeare sagittar~ venenare mercari (e orare:
os, su cui deve aver influito un *ur- ritrovantesi nell'osco urust
, oraverit " alla sua volta grado O della radice di ver-bum
gr. Èpéw); « stare o metter su od in qc. ll, cruoinre popinari rurare;
« soffrire di ll, carbunculare scabiare (febricitari è forse giustap-
232 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

posizione dell'ablativo di febris con citari); altri casi, siderlZri


parenuire altercari. Spesso le derivazioni sono da nomi con
preposizioni (§ 459), collutulentare concipilare (capulum) con-
qraecare considerare, delibrare 'scortecciare' delirare (: lira
, uscir dal solco ') depontare ' gettare dal ponte' (cfr. depontani
§ 410), dilatare (dis-), eliminare eviscerare, incomitiare 'ingiu-
riare pubblicamente, propr. nel comizio' inveterare, obliuerare
, cancellare' (cfr. oblinere id.). Doppio valore troviamo in
albicàre 'imbiancare - esser bianco' quadrare ' render quadro
- adattarsi esattamente '.

§ 438. - Tali denominativi si fanno anzitutto da temi in


-a-: cenare ciirare fiammare multare ecc. (nota aginare 'agitarsi'
da aqina 'l'ago della bilancia '), che costituiscono la massa
iniziale e talora possono essere ricavati da aggettivi in -iiius
§ 233 sentiti come ppp.: attraverso i derivati di aggettivi, che
potevano riferirsi tanto al tema in -0- msc. e ntr. che a quello
in -a-, e casi come animare: anima ed animus, la formazione
si è trasferita a temi in -0-; di qui, grazie a doppioni come infamus
I-mis, inermus I-mis, inoltre a casi come asperiire: asper, ope-
rari: opera ed opus, si è estesa infine a temi in -i- (con nomi-
nativo in -er od -is), a temi in consonante (vulnus: vulnerare)
e così via. Abbiamo in tal modo, da temi in -0-, armare donare
ministrare (magistrare PF.) alterare (ad-ulterare, onde adulter)
regnare cruenuire lUcubrare (lUcubrum è testimoniato da Isidoro)
palari e dispalare da *palos < *pand-slos (: pando); in -io-, con-
siliari radiare; da temi in -io, piscar; testari levare (ma anche
brevi-are Quint., tardi alleviare humiliare subtiliare); da temi
in -ie-I-ia-, glaciare materiare 'fare di legno' meridiare exsa-
niare (ma satiare è da satis, come breoinre, non dal tardo saties;
*satius non è tramandato), indi -iare di cruciare alludiare ' vez-
zeggiare '; da temi in -u-, sinuare aestuare arcuaretumultuari ecc.,
forse anche per influsso di februare mutuare vacuare da temi
in -uo-; da temi in consonante, exulare vigilare robornre frigm'are
venerari (Venus) moderari (modes-tus) auciorare iurare (ìUs;
antico iouesat P 2, 4) sperare (§ 354) CIMtpOnari seminare hien~are
PARTE II. - MORFOLOGIA 233
auspicari niitricare/-ri calcare (calx) equitare iiidicare aucupare
(eques iiidex auceps) emancipare (manceps; o da mancipium!);
da temi in -n- abbiamo anche caligare (Cic.; tardo caliginare)
formidare Pl. helluari Catuli. lurchiiri Lucil. retaliare Geli.
(talio), fatti probabilmente di sui nominativi sg. caligo ecc.

§ 439. - Secondo remigare di rème» (fonte di navigare) e


litigare iiir(i)gare (lis, iiis + ag- di agere) riportati a remus
titi- iiis sono fatti pur(i)gare (purus) levigare mitigare (levis
mitis) ecc.; essi, confrontati con rémiqium litigium iurgium,
hanno provocato la formazione di fastigare vestigare da fasti-
gium vestigium, e fastigare opposto a fastus ha servito da modello
per castigare da castus -us, fatigare da fatis, fustigare da fustis.
D'altro lato, fastigare vestigare remigare ecc. riportati ai rispet-
tivi nomi in -igium provocavano la formazione di verbi in -tire,
non -itire, da nomi in -ium, quindi aedificare da aedificium, ecc.
(dove può essere stato attivo anche l'influsso di beneficare:
beneficu« e beneficium; sacrificare: *sacrificue in sacrificuiu« e
sacrificium); indi latrocinari patrocinari ecc. da nomi in -cinium
(§ 172), ove si noti che tubicinare può esser sorto direttamente
da tubicen e come tale, messo in rapporto diretto con tubicinium,
aver fornito anch'esso un modello: secondo vaticinari son
fatti gl'ibridi aliicinari dal gr. !XÀG<.ù 'sono fuori di me' e
mantiscinari Pl. (o questo da mantissa! cfr. Don. ad Ter.
Eun.258).

§ 440. - Duplicare da duplex, riferito a duplus, ha chiamato


in vita alter[i]care da alter e commiinicare da commiinis (cfr. per
questo anche l'aggettivo osco m li i n i k u); varicare iprae-
ob-) di varicus ma riferito a varus ha dato vita a claudicare
(claudus; claudicus appare dapprima nella Mulomedicina Chi-
ronis ed è retroformazione dal verbo) che prende il posto di
l'la1Idere; da mordicu» adv. è fatto mordiciire (fonte di morsicare
damol'sus), da medicus medicare riportati a 1/wnleo medeor: i
rapporti fra verbi in -icsre e tali in -ère producono albiciire can-
dicàre splendicare ecc., accanto e da albere comdère splendere
234 GRAMMATICA LATINA STORICA li: COMPARATIVA

(quindi in senso transitivo albicare Varro ete.), i quali accre-


scono il senso che -icare serva a formare derivazioni d'ogni sorta,
quindi anche jodicare vellicare da jodio vello (vellicare forse
direttamente influenzato da morsicare,' cfr. vellicando morsi-
candoque PF. 68 M.).

§ 441. - Secondo in-trare da un tra- il cui participio preso


abbiamo in trans (cfr. scr.tar-i-tum 'passare' tir-'!"as 'pas-
sato' ece.), ma riferito ad intus, anche penetrare da penitus;
secondo onero (da onus oner-is) è fatto il suo opposto tolero
(da tol-lo); recuperare è da *reco-parare (§ 460) coll'aggetto reco-
, volto indietro' che abbiamo in reci-proeus (§§ 219.400), ma è
stato raccostato a recipere; blaterare è dissimilato per *bla-
telare (cfr. § 442) e sta accanto a blatio; il lamberas di Plauto
Ps. 743 è contaminazione di lambis e looerae (ma in Lucilio 585
lamberat è piuccheperfetto). Si dissolve così un apparente gruppo
di verbi in -(e)-rare non denominativi di nomi in -ero- o' di
neutri in -es-; latrare presuppone un *la-tro- derivato dal la-
di la-mentwm, lit. lo-ti ' abbaiare' ecc., castrare un *castrom =
scr. çastram 'coltello'.

L § 442. - Generalmente da diminutivi e simili temi in -lo-


(§§ 217.258) sono formati derivati in -ulare -illare: pandiculans
, stirantesi' gesticulari ventilare (ventulus) scintillare occilliire
(occa) stillare oscillare cavillari catillare murmurillare conscri-
billdre, e capulare 'tirar via' stipulari 'rompere un filo di
paglia in segno di promessa' violare sigillare jurcillare pullu-
lare (' far molti piccini') missiculare. Postulare presuppone un
*posc(i)-tlom, cfr. osco p e s t l li m 'templum '; gratulari per
*grati-tuliiri è fatto secondo opitulari § 435 (e forse secondo
grates: gratulari dall'avverbio praesto abbiamo praestolari l-re);
petuliins può esser fatto secondo postulans, cfr. a ogni modo il
*petulo- contenuto in petulcus. Un suffisso -lare troviamo spesso
in denominativi da onomatopee (quali baubiiri, coaxare,pipiare
e pipare, tintinnare e -niare): cuculare, ululare (questo, risultato
dal raddoppiamento ul-ul- potrebbe aver dato un modello),
PARTE II. - MORFOLOGIA 235

biiliire, bubuliire, pipiliire (cfr. pipiiire), zinzuliire (forse dissimi-


lato da zil-zul-), lulliire (anche questo e il precedente appar-
tengono probabilmente ai modelli del tipo), eiuliire, bombilsre
(: bombire, bombus); si riavvìcina a questi verbi sibiliire deno-
minativo di sibilus, che è forse modello di iubilare (cfr. to~w):
cfr: infine mugiliire accanto a mugire e blateriire per -lare accanto
a blatire (§ 441), che possono avere il Ioro suffisso per l'accosta-
mento a questi verbi indicanti un suono. Forse in questa. cate-
goria rientra vapuliire 'esser bastonato', propriamente, come
indica la sua forma attiva, 'lamentarsi sotto le bastonate'
(cfr. il gr. otfJ,W~e:LV 'esser maltrattato' da più antico 'lamen-
tarsi '), con una radice Viip- accanto a *J!:iib- in gt. wop-jan
, gridare' aated, wuoffian 'lamentarsi'.

§ 443. - Alcune altre formazioni notevoli: da superlativi,


con-summare 'fare il calcolo complessivo' Liv. Ov, Vitruv.
(propriamente da summa), presso Livio anche 'perficere ';
proxìmiire Apul., intimare Apul, Tertull., ultimare Tertull.; da
comparativi, certiorare 'certiorem facere' Ulpius Marc.; da
altre parti del discorso che nomi, quinquare 'lustrare', negare
(neg- = SCI'. nd hi, cfr. gr. oùx.q, iteriùe. Da parole greche tro-
viamo denominativi in -iire già presso Pl. e in seguito: harpa-
gare Pl., poetari Enn., sycophantari Pl., morari Pl. (fJ,wp6ç),
imbulbiuire (~6À~L't"Oç), (im)bubinare (~ou~wv), exenterare 'tirar
fuori le budella' (~v't"e:poc; latinizzato da Lucilio in exinteriire),
stomachiiri ecc.; -iire è stato pure usato per riprodurre in latino
denominativi greci, guberniire xu~e:pviiv, dapiniire 'offrire, met-
tere in tavola' Soc7totviiv (influenzato nel significato da daps),
strangulare O"'t"potyyotÀouv, opsoniire ò\jlWVe:LV; così pure auieiesiire
OC't"'t"LX(~e:LV, moechissiire per fJ,OLX.OC~e:LV ecc., quindi da parole
latine patrissiire vibrissiire, formazioni frequenti in epoca arcaica
e riprese ~all'-iziire che in epoca classica e imperiale usano,
latinizzando termini greci, autori tecnici (p. es. medici) e cri-
stiani (baptizare) , dando l'-iziire di betiziire (Augusto) latiniziire
sollemniziire ecc.
236 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

T § 444. - a) Denominativi di ppp. sono in origine i frequen-


tatìviin -tare -siire -iuire: iuire potare ad-ventare cantare pulsare
habitère; la formazione è antica, e così a volte il verbo col suo
ppp. che sta alla base di un denominativo è scomparso o ha
assunto altra forma, cfr. gustare (conservato è un degunere da
-gus-n-; cfr. gr. ye:uo[Loc~ scr. ppp. ju~-!as), putare (pu-tus è ancora
aggettivo), in-vitare (: scr. vé-ti 'desidera' vi-tas anche come
aggettivo 'grato'; su vis 'vuoi' che spesso è considerato
come appartenente a questa radice, cfr. § 554), macuire (mactus
adi.), optare (: praed-opiont scritto -tiont PF.), cùnaor (scr.
çank-ate 'dubita, esita '), hortari (hor-itur Enn.), ob-lectare
(lacit), mussare (sum-mussi 'murmuratores' Naev.: muttio),
nictor (: coniveo da -kneig"h-), nutare (: -nuo), temptiire (da un
temp- accanto ateneo), sectari (: sequor; ma forse direttamente
da secta); reo, con-futare (: fundo fftsus da *gheud-, ma cfr. -Xe:uw),
momtiire (: maneo), meruire (: mergo), pultare ci conservano testi-
monianza delle antiche forme di ppp. in -to-, sostituito per
analogia da -so- (§ .231). Con -ss- da otto, cessare (cedo), fossare,
grassari (gressus ha il suo -e- da composti come in-gressus),
pensare (pendo), cassare (cado), preeenre; eli qui, o da ppp. con
-so- analogico, dr. cursare, il -siire di axare (aiio § 82), porrioxire
Apul. (: porrigo), minsare (: mingo). Da radici o basi in vocale,
citare dormitare sputare, futare 'saepius fuisse' Cato,
-itare ha la sua origine da ppp. in -itue, quindi habitare
placiuire 'piacer molto' vomitare ecc.; il rapporto habeo : ha-
biuire oomà : vomitare ha provocato la creazione di frequen-
tativi in -itare da temi del presente, come pavitare (che dà
nascita a fugitare), coquiuire, flttitare, agitare (cogitare da co-ag-),
noscitare ecc. di paveo coquà fluo ago nosco (tuditare è denomino di
tudes -itis ' martello '): quindi anche da basi in -a- che in origine
non avevano, comecché di significato frequentativo esse stesse,
tali derivazioni (e pertanto non si trovano *clamatare ecc.):
anzitutto crepitare cubitare (supini crepitum cubitum), poi da-
mitare, rogitare, dubitare (dubat PF.), rumitare 'rumigerare'
da un rum are (rumat Gl.). Allo stesso modo si son fatte deri-
vazioni da verbi già frequentativi, ma non più sentiti come
PARTE Il. - MORFOLOGIA 237
tali: coctitare cantitare iactitare ventitare pensitare ecc.; ma
secondo coctus: coctiuire e simi.li, anche unctitare victitare essi-
ttire haesiuire ecc., e da nomi nobilitare debilitare bubulcitare Pl.
vinitare 'imbandire vino' periclitari (accanto a periculari)
puellita1'i (anche con influsso di militare denomino di miles ?);
funditare può essere da funda o da fund6.
Alcune forme notevoli: imitor, di un verbo scomparso corra-
dìcale di im-ago ed aem-uius; luctari, -re (da *luquos 'lupo',
sostituito dal sabino lupus, come gr. Àuaaocv: MxoçY); auscultare
da *aus-culum diminutivo di auris *aus- 'orecchio' (cfr. it.
origliare da *auriculare); flagitare da *flago = gt. flokan ' lamen-
tare " ags. flocan 'battere'.

NOTA. - I frequentativi sono assai usati nel lt. arcaico e in quello tardo
dove sostituiscono spesso il loro primitivo; invece i classici - ma non l'ar-
caizzante Sallustio - li evitano possibilmente.

§ 445. - III. In -e-I-e-: avanti -re dell'infinito, -biim e -bo


dell'impf. indico e del fut., -rem dell'impf. congiuntivo e nel-
l'imperativo appare sempre -e-; la originaria prosodia nella
vocale del presente indicativo e congiuntivo non può essere
riconosciuta in latino, perché avanti -o -unt -a- deve comunque
apparire -e- pel § 26, ed -eie- ha dato -e- per contrazione, qua-
lunque fosse la prosodia del primo e (-et passa quindi ad -et
pel § 135). Quanto al ppp. e supino, troviamo -i- (ove non siano
formazioni dirette dalla radice), che può presupporre tanto e
quanto ij -ui del perfetto (habui ecc.) va ricondotto ad -e-,!!:-ai
(§ 42). Vediamo quindi come si sia costituito un tipo uniforme
da diverse categorie che solo la comparazione ci permette di
tener distinte. Si tratta delle seguenti classi:

T L § 446. - IX) I n t r a n s i t i v i, tratti dalla radice (general-


mente in grado O) a mezzo di -s-, è il tipo del gr. "t'plX7t-~-VIXL:
"t'pé7t-w, cosiddetto aoristo passivo. Alcuni di questi vefbi hanno
accanto a sé il transitivo, tratto dalla radice con -io-, -a-io-
o colla vocale tematica: tali cand-ére (ac-cend-o), iao-ère (iac-io),
liquet (liquare, liquitur), pendere (pendo), placere (placare); altri,
238 GRAMMA TICA LATINA STORICA E COMPAR ATIVA

senza questa corrisp ondenz a, sono iirère carère (oseo k a s i t


, decet '), cluere -ri (inclutus § 231), fervere, 1:atere (ì..ot1l&tX1ICù ÉÀot-
&0'/), pati're (7te:-:tX1I'/Ufl.L), putere (7tu&Cù), rubère (paleo slavo rudeti)
, sì-
lère (gt. MH1Nilai[J' t ace'; i verbi deboli in -e- hanno preso in gt. -ai-),
solere, tacere (aated . daget 'tace '), tepère timère ecc., inoltre
gl'imp ersona li decet (cfr. doceo più sotto § 447), julget (e julgit,
cui in origine spetta va solo il valore antivo di 'rischi arare '),
piget (: piger), pudet (: a7te:u~Cù Y), taedet, lubet li- (scr. lubh-yati
, deside ra'), licet, oportet (* op-gort-: verti5Y), paenitet (paene +
*itet ' arriva a mala pena' j il significato fondam entale è ' non
basta' , la forma intran sitiva con -è- corrisp onde ad itiire).
Infine alcuni verbi hanno assunt o un valore transit ivo accant o
a quello intrans itivo: habère 'abita re' e 'avere ' (questo come
aated. haben ecc.), mamère 'riman ere' e 'aspet tare', tenere
, dirige rsi' e 'tener e' «' raggiu ngere 'j cfr. ten-d-o), vegere
(: ocyé1:;Cù rado *a'}!(eg-s-) accant o ad augere (rad. *aug-)
j attivo
è ab-oleo (: alO).

T L § 447. - ~) C a usa t i v i e i n t e n s i v i, genera lmente


con apofon ia o della radice, cfr. gr. epopÉCù: epÉpCù, ser. çrav-dya-ti
'fa udire' : çrttoti 'ode' (rad. çru-), suffisso ie. -eio-: da un
punto di vista ie. è incerto se si tratti di -e- +-io- o di -ei- +
-0-, inoltre se il ppp. uscisse in -i-to- (scr. çrav-i-tds!) od -e-to-,
Tali sono auge.re (: ot{);Cù), caoère (da -ov- § 17, cfr. xoÉCù), docere
(: decet), [onere (scr. ddh-ati da *dheglAh-eti 'arde ', causo da-
ghdyati = jovet), lUcere (avest, raoé-ayeiti), monère (: re-min-ieeors,
mordere (ser. mardati 'frantu ma '), moosre (*mieu- ser. mtv-ati
, sposta '), nocère (: nec-are), spondere (a7tÉ1I~Cù, a7to1l~cx(), suadere
(: suavis, ~~0fl.CXL), tondère ('t"É1I~Cù), tonqere (gt. pagkjan 'pen-
sare', cfr. osco tanginud 'sente ntia '), torqusre ('t"pÉ7tCù Y), tor-
rère (scr. tar-~dyati = torret, tr~~ds = tostus da *trs-to-s), vovere
(*,!!:oglAh-: gr. e:{)X0fl.otL e:ÙX~ da *euglAh- con metate si del sonant ismo
radical e).. Non hanno il vocalis mo abitua le terreo (come terror,
per evitare l'omof onia con torreo; cfr. gr. É't"e:pae:1I' Èep6~'Yjae:1I,
umbro tursitu 'terret o '), sorbeo (se con or da r per rispett o
al gr. poepÉCùj ma potrem mo avere una forma metate tica come
PARTE II. - MORFOLOGIA 239

in voveo), iubeo (ma ioubeatis P 2,581 = SCI'. yodhdyati 'fa com-


battere'; forse 11, da un'antica forma uguale al lit. judù 'mi
muovo tremando' jundù 'mi agito").
Si noti che a volte il ppp. è quello del verbo primario,
cfr. morsus sptmeu» suasus tonsus iussus (u Y iousi P 2,2659),
tutti casi in cui la radice termina in dentale e unici sicuri per
avere -s- in luogo di -t-, ché per tostus tortus ecc. si può sempre
pensare a sincope: a ogni modo l'o di sponsus tOnsus è influen-
zato dal tema di causativo.

§ 448. - y) D e n o m i n a t i v i: produttiva nel latino ar-


caico, questa formazione è andata perdendo sempre più ter-
reno di fronte a quella in -are (§§ 437 segg.). Corrispondono al
tipo gr. qnÀÉw di CjìLÀOç (da -ejo). Tali aeqrere, ardere (: aridus),
calvere ~ esser calvo', {lavere, claudere 'zoppicare', pigrere,
salvere, miserère ecc., tutti da aggettivi in -0-; da tema in -io,
putrére; da participii, succensere e forse fateri (da un *fatos =
Cjìcx:r6ç; fassus è rifatto da fateor secondo pat-ior: passus eec.),
nitere (da un *ni-tos: re-nide6, ai l'l. niam 'splendore '); da
sostantivi, callere 'aver callosità " mucere, anere 'esser decre-
pito'; da temi in -e-, tabere; da temi in -i- con nominativo
-è-s pubere sordère ecc.; da temi in consonante, lactere (lactentes
e Iactasuee Varrò), jrondere, senere e così via. Verbi così creati
che avevano accanto a sé temi nominali in -or- o -ido- (squa-
lère: squalor squalidus, nitère: nitor nitidus, anche rubere:
rubor ecc.) hanno provocato la formazione di verbi in -ère da
siffatti temi: tumère vigere torpère stupère ecc.; a volte si può
dubitare se il prius sia il nome o il verbo.
Notevole è l'alternanza fra tipi in -è-re ed in -è-scere per cui
cfr. § 494.

§ 449. - IV. In -t-. Una parte dei verbi con infinito in -i-re,
ppp. in -ito- (e spesso perfetto in -ivi) è costituita da forma-
zioni primarie in -jo-, le quali per motivi ritmici prendevano
-is -u (> -it § 135) -imus -itis (§ 500) e venendo così nel presente
a coincidere con i derivati che avevano ab antiquo + anche
240 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

fuori del presente, inoltre con i due verbi dalla radice in -i-
ciii cis civ i citum cire e fio fis fitum fitur § 560 (e, assimilato a
questi, scio sci« scivi scitum scire), han finito con adattarsi alla
loro analogia. Tali derivati sono:
T § 450. - cx) D e n o m i n a t i v i, abbondanti in periodo
preclassico e classico, facentisi rari in seguito: anzitutto da
temi in -io, cfr. gr. P:YjVLW 3'YJpLOfLCXL: fL:rjVLç 3:rjPLç, scr. kavi-ydti
, agisce come un kavi- (saggio, vate) " lit. daly-jù ' distribuisco'
(dalì-s 'parte '), ablg. gosti!' (da *gostj-i!') gosti-si 'ospito, -i'
(gosti 'ospite '), con tema in -i- avanti -to- ecc., &.3~p",-'t'Oç
daly-tas, infin. gosti-ti. In lt. finire, potiri (potis), cratire 'erpi-
care', mentiri (mens, cfr. com-mentum 'invenzione '), sitire,
[ebrtre, tussire, puni1'e (: -punis in impunis), lenire, grandire,
e-rudire, ecc.; di qui da temi in consonante custodire (secondo
cui servire), [erocire Gell.; in -io-I-ia- fastidire insanire ineptire
lascivire; infine in -0-, largiri, artire ' inzeppare ' (artus), hirqui-
tallire, supino procitum (procus) Liv. Andr.; balbutire caeciitire
presuppongono *balbutus (scr. Balbuthds npr.) *caecutus. Secondo
priirire saranno fatti i verbi in -iirire od -urrire indicanti una
smania, un prurito fisico: ligurire (: ligula 'cucchiaio' inteso
come diminutivo), scatUrire (scatus 'impetigo, sicca scabies'
Gloss.; il significato più antico vien mostrato dal deverbativo
scaturrio 'lepra' Gloss.), secondo cui, direttamente dal verbo
scalpere, scalpurio: in glosse si legge anche vagurrio ' vado vaga-
bondando '. Nella serie di questi denominativi rientrano le
formazioni da onomatopee: bilbire bombire garrire gannire ecc.;
ma radici verbali (siano pure state onomatopee in epoca prein-
deuropea) abbiamo da scorgere in mugire (con g rispetto a
fLUX!XOfLCXL, cfr. anche fLU~W), vagire (&Xli, ~X~), e barrire è denomina-
tivo di barrus 'elefante', hirquitallire 'mettere la voce di
adulto' lo è di hirquitallus ' pubere " e così via.
§ 451. - ~) Formazioni in -turire -surire dal tema del supino,
cosiddetti ID e d i a t i v i o d e s i d e r a t i v i: cenaturire,
esurire, empturire, petiturire, canturire, caciiturire, habiturire
, voler avere', micturire, morturire, parturire; secondo questi,
PARTE II. - MORFOLOGIA 241

81lllaturire Cic. (Sulla), adulescenturire. L'origine è incerta:


forse aplologicamente da *cantu-turire 'aver da cantare' ecc.
col tema del supino (come in SCI'. çrotu-kiimas 'desiderio di
udire ') e *turire = lit. turiù, 'ho' inf. turéti 'avere, avere da,
dovere ,~ Cfr. anche Risch, Indogerm. Forsch. LXI, 187 sgg.

T L § 452. - V. In -:a-:
si tratta di denominativi da temi in -u-
(identici al tipo greco 8iXXpUW), e cioè acu-ere, arguere (il tema
in -u- nel gr. &pyu-poc;), gruere (gruere dicuntur grues PF.),
metuere, statuere, tribuere, inoltre gluere (gloss.) fatto dal nomi-
nativo glUs (gen. glUtis l), battuere e [utuere di origine discussa;
delibutus Pl. (onde delibuit e simili Tertull. ecc.) parrebbe
incrocio di delitus e imbutus. Anche qui l'u appare allungato
già da tempo ie. avanti -to- del ppp. ecc., cfr. gr. &p't"u-'t"6c; di
&p..uw ecc., SCI'. preso çatru-yatio e çatru-yati 'è nemico' (ça-
tru-s), ecc.

T § 453. - B a s i v e l' b a l i i n l a t i n o voi g a l' e. Per


la formazione di nuovi temi verbali derivati, restano antichi
tipi come quelli in -iire e, meno usato, in -ire (oculiire pectiniire
carrioiire ignire); accanto ad essi, mentre alcuni vanno deca-
dendo, ne sorgono dei nuovi. Diamo qui un breve sguardo ai
tipi più comuni:
-IARE, da participi e aggettivi: humiliiire, ACUTIARE it. aguz-
zare, ALTIARE it. alzare, EX-CURTIARE it.. scorciare, SUCTIARE
it. succiare; - ICARE: amiiricare, masticare, CABALLICARE it. ca-
valcare, ecc.: -ACEARE onde it. -azzare, -aociare; molto diffuso
è -IDIARE da -(~ELV § 443 (guerreggiare); -ITARE, p. es. VANITARE
it. vantare; da diminutivi, cfr. § 442, -ACULARE onde it. -ac-
chiare (sjoracchiare) , -ICULARE onde it. -icchiare -ecchiare (mor-
sicchiare) , -UCULARE onde it. -uccbiare (sbaciucchiare), -ULARE
p. es. MIXTULARE it. mischiare, -ILLARE it. -ellare (cantarellare),
-ITTARE (cfr. -ìtto- § 300) it. -ettare (macchiettare). Importanza
speciale hanno assunto le formazioni in -RNTARE (denominativi
di participi presenti), di cui nel latino letterario solo praesen-
tnre è stato accolto e che è servito alla derivazione di fattitìvi,

16 - V. PISANI. Grammatica latina storico e comparativo.


242 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

cfr. it, addormentare, ~gqllentare eec.; e in -TARE -SARE, origi-


nariamente usata per i frequentativi (§ 444), che ha sostituito
in misura sempre maggiore gli antichi verbi radicali: cantare
adiutiire iactare ausare USARE prendono il pq§~p di canere iuvare
iacere audere uti ecc.
I Vgrbi greci in -i'l ~o;~ ecc. prendono le forme della I coniugo
§ H§h similmente i germanici in -an, -on: xu~e:pviiv gubernare,
~Àoca'BTl!Le:tv blasphernare, roubOn it. rubare ecc.; quelli germanici
in, ~iF}"i. (I sg. preso -ja, cfr. lt. audio ece.) passano alla IV coniH~"
hqti~n > hatire (Gloss.) 'odiare' franco ha~r ecc.

1" L § 454. - Composizione verb"'e.


I. C o m p o s i ~ ! o n ~ verbale ~n senso corrente è quella
di un verbo c o n ~ n a p r e p o si?! i p n e o p r e v e r b i o
che ne modifica il significato; alcune di queste preposizioni o
preverbi non compaiono più come parole indipendenti, altre
vengong p.~~Fe anche fuori di composti. Le prime si hanno
ad es. in arr"q~!r~ (am-plector am-ipio § 457 an-quiro, f4~: IXwpL),
au-fero au-f'lfHi~ (ocù-x,cX't"'t"e:LV, scr. 4va), dis-tinguo (dir:imo dif-
fìndo di-gredipr e dis-pudet, cfr. or.cX da *oLaoc), ne-scio (nolo da
ne-volo, cfr. nemo da ne-p,emo ecc.), nequeo da negJ1-it = neque it
(indi astratto queo) (1),' ind-igeo (egeo) ind-uo (arcaico ancora
endo indu), pono da *po-sino, por-tendo por.-rigo tpol-lioeor
cfr. 1tOCp:cX), pos-sideo (pot- = 1to:L; ovvero come pot- di possum,
V. appresso Y), re-cedo red-eo red-oleo (reddo da red + do o da
, . . i , !

re + *àido: O(OW!LL Y), se-cedo se-paro. Improbq ~ denominativo


di improbus, ig~~ro è partito dal ppp. igp,etus; ma ignosco
deve essere da 1I'enu-gno- = scr. anu-jna- 'permettere' con
41~U ' appresso " cfr. anche im-sequor in-venio in-video.

§ 455. - Preposizioni usate anche fuori di composto (e per


cui cfr. § 582 sg.) sono quelle di ab-eo (abs-cedo a-moveo § 92),

(1) Negligo neglego dev'essere da *ne + gligo: gr: :yÀ[X0!L(XL; la forma


neglego con -B» per raccostamento a lego, così pure la grafia neolego (secondo
diligo, poi, neglexi negteotum).
PARTE II. - MORFOLOGIA 243
ad-eo (ac-cedo af-fero a-spicio), oom-ed/i (con-tendo cor-rumpo,
co-nitor da con-gn- § 24, co-es, cogo co-egi da co-ago), de-ligo
(lego; debeo da de-habeo; dego dà. de-ago), ex-eo (ef-fero e-dico
§ 92), in-cumbo (im-mitto il-labor ir-rumpo) , ob-es (op-pugno
oo-cido of-fero o[b]s-tendo), per-es (pel-licio), prae-currt; (praebeo
dall'arcaico prae-hibeo), prod-eo (pro-cumb6; pro-ficiscor), eub-e«
(suc-curro suf-fero su[b]s-cito sus-tuli); ante-cedo, circum-do,
inter-cedo (intel-lego), intro-duco, super-sum, trans-eo (tra-duco
traiicio e trans-duco ecc.). Inoltre subter-fugìo, contra-dico,
supra-scando, praeter-lnbor, circum-eo ecc. Doppio prefisso, evi-
tato dagli scrittori dell'età classica, in dé-re-linquere, re-col-
ligere ecc.
T L § 456. - NOTA. - Si raccostano a questo tipo le composizioni colla
particella pronominale ce- (di ec-ce huius·ce ecc. § 376): ce·do 'dà qui'
pl. celte (da ce·date) § 37, cfr. § 558, e cedo da *ce·zd·o rado sed- ' muoversi'
di gr. b1l6ç slavo choditi 'andare' silU da *sed·lo-s 'andato ',

§ 457. - Per i mutamenti provocati dalla composizione nel


voealismo radicale, cfr. i §§ 37 sg. 42.44 sgg.; nota casi come
pergo surgo (da per, sub + rego, pf. perrexi surrexi), pono
(da *po-sino, supino po-situm), sumo (da *subs-emo), inoltre
per-cutio (quatio), am-icio (iacio, ricomposizione in amicio =
am-ii- ).

T L § 458. - In epoca arcaica la saldatura di preposizione e verbo


non era costante, come mostrano le « tmesi » i prae puere Pl.,
ob vos sacro e sub vos placo PF. (= obsecrà supplico), endoque
plorato XII 'I'ab, (= implorato), disque tulissent Pl. (= distu-
lissent), imitato da Lucrezio in sèque gregari (= segregari):
arcaismo stilistico è Corno Alc. 8, 1 nihil erat super, imitato
da Tac. hist. I 20,3 decumae super portiones erant. Abbiamo
qui la continuazione di un uso ie. ben testimoniato nei monu-
menti più antichi del sanscrito (Veda) e del greco (Omero).

§ 459. - Non rientrano fra i composti verbali veri e propri i


denominativi derivati da preposizione + nome come eaa-
murcàre, deargentare, decollare (collum), defrugare (fruges: 'pri-
244 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

vare dei frutti '), exterminare, irretire, enervare e simili (cfr. anche
§ 437), in realtà formazioni parasintattiche.

T § 460. ~ II. C o m p o s i z i o n e si ha anche c o n n o m i


e c o n a v v e r bi: il caso più antico è quello di credo da
*kred-dho 'pongo il cuore', per cui cfr. § 118. In latino ab-
biamo ancora possum da pote (ntr. di potis, e anche potis con
perdita di -s, § 128) sum (cfr. potis est Pl., pote juisset Ter.)
pot-es pot-eram ecc. § 553; venire da venum ire (§ 129) secondo
cui vendere per venumdare (forse sul modello reddere: rcdire);
animadvertere da animum adoertere; mea ré-jer: (ablativo:
cfr. quae ad rem reierun; Pl.); forse os-ciuire; mamii-mittere,
usu-capere; multi-, magni-, parvi-jacere, lucrijacere Mart.; recu-
perare (§ 441), aequipernre, vituperare (: viti-um come viti-
litigare Cato e con aplologia vitiligat 'vituperat' Gl.). Con
avverbi, satago e satagito, satisjacio ecc., benedico maledico
valedico (valejacio Apul.), malo mavolo (§ 554) mavis da *mags-
volO per magis-, § 92. Si tratta in tutti questi casi di antiche
giustapposizioni (cfr. § 397).

§ 461. - III. Un tipo non chiaro nelle sue origini è quello


rappresentato da cande-jacio made-jacio cale-jacio are-jacio
jervé-jacio ode-jacio (PF.) e -fiO, con abbreviazione giambica
ciiU- oU- onde cai- ol- e paU- ecc., più spesso accanto a verbi
in -ère; solo poche di queste formazioni si affiancano a temi
con -ii- o colla vocale tematica, come dome-jactus Petr., experge·
jacio, o sono da nomi, come cinejactus Lucr. (: cinis, secondo
tepejactus), in ogni modo secondari sviluppi del vecchio modello.
Tmesi in [eroe bene jacito Cato, perjeroe ita fiet Varro, consue
quoque jaciunt id., excanàe me jecerunt id., jacit are Lucr. pos-
sono rappresentare una imitazione di bene [acere accanto a
benejacere. La spiegazione più plausibile è ancora quella (di
F. Skutsch) che parte da cale-jU, foneticamente da calèn« jit
e simili; le forme così sorte, raccostate a calère ecc., avrebbero
provocato l'attivo calejacio e servito da modello per ulteriori
creazioni.
PARTE II. - MORFOLOGIA 245
T § 462. - In l a t i n o v o l g a r e cessano di venir adoperati
per nuove formazioni abs é (non ex!) ob prae pro retro, e sorgono
in compenso nuovi preverbi: extra, torte, infra, minus, subtus,
supra; molti composti prendono il posto dei rispettivi semplici,
e viene esteso l'uso· della doppia prefissazione (adimplére,
DEEXCITARE > it. destare); infine ha luogo la ricomposizione
col reintegramento della vocale del semplice nella sillaba radi-
cale (commando per commendo secondo mando ecc., § 72), salvo
dove la composizione non era più sentita (colligo > it. colgo ecc.),

T § 463. - Consistenza del verbo latino.


Il verbo latino ha tre « voci n: attiva, deponente e passiva.
L'attivo e il deponente continuano la partizione ie. (che si
ritrova in scr., in iranico, in greco, in celtico, in gotico ecc.)
di attivo e medio (1), in origine distinguente l'azione transitiva
da quella intransitiva: in latino però, come nelle altre lingue,
la differenza si è andata perdendo, e la distinzione, puramente
morfologica e tradizionale, è stata sempre più trascurata,
cosicché l'uso di una forma o dell'altra è già oscillante per
parecchi verbi nella tradizione più antica e, dopo la fissazione
più o meno rigorosa del periodo classico, la voce deponente
finisce col cadere in desuetudine od è adoperata a sproposito
da alcuni scrittori come un arcaismo di cui non s'intende più
il valore. I cosiddetti semideponenti (audeo gaudeo eoles fido)
sono degli intransitivi, i quali nel perfetto adoperano la coniu-
gazione perifrastica col participio in -to-/-so- (ausus, gavisus,
solitus, fisus sum), naturalmente di natura indifferente riguardo
alla partizione in attivo e passivo come i noti iuratus priineus
cénatus potus; quanto a reoerti déverti perfetti di reoerior se-
vertor (2), si tratta di un uso noto ad altre lingue ie. (scr., gr.)
e dovuto al fatto che il pf. era in origine un intransitivo, e la

(l) La corrispondenza di deponente lt. e medio ie. si ha ancora in singoli


verbi, p. es. sequitur gr. ~1tE ..a.L = ser. sacate, re-vertitur scr. vartate. Un resto
assai notevole del valore dell'antico medio si ha nell'impersonale tipo itur.
(2) Ser. preso vdrtate: pf. (formalmente attivo) vavarta.
246 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

sua coniugazione morfologicamente attiva rientrava, quanto


alla funzione, nel verbo medìale,

§ 464. - Il medio ie, è continuato anche nel passivo latino:


i passivi delle varie lingue ie., ove non rispecchino il medio ìe.,
sono creazioni monoglottiche ottenute generalmente specializ-
zando antiche formazioni mediali o intransitive. In effetti,
il medio nel suo uso originario indica, abbiam detto, un avve-
nimento intransitivo, esaurientesi cioè nel soggetto: il com-
plemento di agente o di causa esprime il motivo per cui tale
avvenimento ha luogo: necatur in origine val quanto necatus
moritur (cfr. anche il passivo perifrastico delle lingue romanze:
egli è ucciso significa almeno in origine 'si trova nello stato
di un uomo ucciso '). In conseguenza, passivo e deponente
hanno in latino le stesse forme, come p. es. in greco nel preso e
nel perfetto il medio e il passivo si equivalgono morfologica-
mente: ~OOÀO{-t()(L come À~YO{-t()(L. Il valore del passivo latino si
scorge più perspicuamente nel sistema del perfetto, che è
formato perifrasticamente, come pel deponente, dal ppp. col
verbo esse (mortuus sum e necatus sum) e indica quindi uno
,< .i.LO del soggetto. Lo specifico valore passivo sorge dalla
contrapposizione coll'attivo, in quanto necatur, di fronte a
necat, viene inteso come il reciproco dell'azione transitiva.

§ 465. -r- Dà tutte e tre le « voci >l, attiva deponente e passiva,


possono venir derivate forme dell'infectum e del perfectum;
solo che la seconda e la terza hanno nel perfectum una coniu-
gazione perifrastica. Abbiamo pertanto un tema del presente
comune alle tre voci; o meglio, uno comune ad attivo e passivo
nel verbo transitivo; uno riservato a una sola voce pei verbi
intransitivi e deponenti, i quali ultimi, se transitivi, trovano
il passivo in locuzioni diverse o nel passivo di altri verbi:
admirari 'ammirare', admirati6ni esse 'essere ammirato';
hortari ' esortare', monèr; ' essere esortato 'j e così ilti: adhibéri,
aggredi: peti ecc. Sulla base dei temi del presente e dei rispet-
tivi infiniti si distinguono quattro coniugazioni, laddove, come
PARTE II. - MORFOLOGIA 247
si è già accennato, il tema del perfetto è spesso indipendente da
quello del presente.

§ 466. - Ognuno dei due temi di presente e di perfetto forma


vari t e m p i (dell' i n d i c a t i v o: p l' e s e n t e, i m p e l' -
f e t t o e f u t u l' o p l' i m o, l'uno; p e l' f e t t o, P i u c -
cheperfetto e futuro secondo o anteriore,
l'altro), dei quali ognuno esprime rispetto al suo corrispondente
nell'altro ordine il rapporto di infectum o di perfectum: così il
perfetto indica un avvenimento compiuto riguardo al presente;
il piuccheperfetto un'azione considerata come compiuta ri-
spetto a un determinato momento del passato, laddove l'im-
perfetto un avvenimento passato, contemporaneo nel suo svol-
gimento ad un altro; il futuro secondo, un avvenimento che
avrà luogo, ma sarà compiuto prima di un altro, designato col
futuro primo. Inoltre per ognuno dei due temi vi sono forma-
zioni di c o n g i u n t i v o (presente e imperfetto, perfetto e
piuccheperfetto), laddove l' i m p e l' a t i v o si forma solo pel
tema del presente (salvo mementi5 che però ha valore di pre-
r.
sente). Infine dai due temi formano i n f i n i t i, da quello
del presente un p a l' t i ci P i o attivo (ristretto beninteso
all'attivo e al deponente), il g e ru n d i v o (o p a l' t i c i p i o
f u t u l' o p a s s i v o) e il g e l' u n d i o. Invece direttamente
dalla radice o dalla base verbale derivano il p a l' t i c i P i o
passato passivo, il supino, il participio
fu t u l' o a t t i v o e l'i n f i n i t o fu t u l' o a t t i v o (1).

T§ 467. - Tempi e modi vengono designati a mezzo di vari


temi, distinti dai suffissi; invece la diatesi o voce viene indicata

(1) Dunque:
Tema del presente.
INDICATIVO CONGIUNTIVO IMPERATIVO PARTICIPI INFINITO
Presente Presente Presente Presente Presente e
Imperfetto Imperfetto (solo attivo) GERUNDIO
Futuro c Futuro. Gerundivo
(Fut. passivo)
248 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

dalle d e s i n e n z e , che del resto sono in parte diverse anche


a seconda del tempo e del modo, e che indicano inoltre le per-
sone, prima seconda e terza, singolare e plurale: del duale il
verbo latino non serba tracce. Invero il latino, oltre a distin-
guere desinenze personali dell'attivo e del deponente-passivo,
distingue ancora almeno nella I persona (e, in epoca arcaica,
nella III) fra desinenze primarie e secondarie, proprie quelle
del presente e dei futuri indicativi, queste di imperfetto e
piuccheperfetto indicativo e dell'intero congiuntivo (ma i futuri
sono in origine congiuntivi, cfr. § 537); inoltre desinenze speciali
hanno il perfetto indicativo e l'imperativo.
T L § 468. - Le desinenze personali sono:

ATTIVO

COMUNI. S i n g o l a re. I. Primarie: -o (da -o: gr. cpép-CI),


scr. -ii ancora nel congiuntivo brav-a ' dicam ' altrimenti bhar-
-ii-mi. 'fero' col -mi di cui vedi appresso, gt. bair-a 'fero ';
in lt. l'-o resta lungo, salvo casi di abbreviazione giambica,
fino all'epoca imperiale, quando .(J comincia a diffondersi
eccetto che nei monosillabi); -m (solo in su-m § 552; da -mi,
in gr. d-fLL scr. as-m.i della coniugaz. atematica, in lt. quasi
completamente eliminata salvo i resti per cui §§ 552 segg.);
secondaria: -m (gr. ~Àeyo-v scr. abhara-m 'ferebam '). - II. -s
(gr. primario ÈO"-O"L secondo éÀeye-ç, scr. bhdra-si dbhara-si. -
III. -t (arcaico secondario od: jeced ecc., soppiantato da -t già

Tema del perfetto.

INDICATIVO CONGIUNTIVO INFINITO


Perfetto Perfetto Perfetto
Piuccheperfetto Piuccheperfetto
Futuro anteriore

Tema del supino (radice o base verbale).

Partic, pass, passivo


Partic, fut. attivo Infin. fut. attivo Supini
PARTE II. - MORFOLOGIA 249
nel II sec.; la differenza -t: -d corrisponde a quella fra -ti pri-
mario e -t secondario, gr. Èan doro aU~W't'L > -ot ma &Àe:ye:["t"],
scr. bhdra-ti dbhara-t, § 121).
P l u r a l e. I. -mus (da *-mos in apofonia con *-mes di
gr. doro epépo{J.e:ç, cfr. scr. bhdra-mas). - II. -tis (da *-tes; scr. e
gr -. accennano a -the, -te, gr. Àéye:-"t"e: scr. bhdra-tha; l'-s latino
innovato secondo -mus, oppure -mue ha provocato la sostitu-
zione colla desino di duale, cfr. scr. bhdra-tha« 'voi due por-
tate '). - III. -nti ancora in tremonti Carm. SaL, onde -nt
(da *-nti, gr. doro epépo-V"t"L scr. bhdra-nti; l'antica desinenza se-
condaria *-nt è scomparsa, da essa ci attenderemmo -ns come in
osco p r li f a t t e n s 'probaverunt' ecc., cfr. § 126). In luogo
di -nt appare -nunt in alcune forme arcaiche di presente: nequi-
nunt (= nequeunt) Liv. Andr. prodinunt redinunt Enn. obinunt
Fest., solinunt (= solent Y) id., ferinunt (= feriunt Y) id., earplè-
nunt PF., danunt Naev, PI. Ter.; secondo queste forme, il pas-
sivo inserinuntur Liv. Andr. Come si vede, l'elemento inserito
pare partito dai composti di eo, per cui.troviamo una rispondenza
nel presente ei-nù 'vado' del Iituano, con cui il Pedersen ha
confrontato anche il tocarico B yane n 'vanno' (e partic. preso
med, y-ne-mane), l'ittito i-ja-an-na-i ' va '; secondo il rapporto
nequeo prodeo redeo obeo: nequinunt ecc., da soleo sarebbe fatto
solìn1tnt: d'altro lato explenunt richiama l'armeno lnum 'riem-
pio " III pI. lnun da *plénunti; di qui danunt ecc.

T L § 469. - D'IMPERATIVO. S i n g o l a r e II. - (lege, come


gr. Àéye: scr. bhdra, cioè il puro tema). - P l u r a l e II. -te
(legi-te gr. Àéye:-"t"e: scr, bhara-ta, propriamente l'antica desi-
nenza secondaria). Inoltre II. III. sg. -tod > -t{) (legito, arcaico
datod lìcetod violatod: gr. Àe:yé-"t"w scr. bhdra-tad III sg., ma
vedico -ttid. anche per la II sg., duale e plur.), in origine una
particella, l'ablativo del pronome *to-, aggiunta al puro tema
che di per sé poteva usarsi con qualunque persona, ma andatasi
limitando alla III sg. per l'apparente analogia del suo -t- con
quello della desinenza generale di tale persona; di su -to, se-
condo il rapporto lege: legite, si è fatto a legito II sg. una II pl,
250 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

legitote; secondo quello legit: legunt, a legito III sg. una III pl.
legunto, arcaico suntod.

T L § 470; - Di PERFETTO (in cui sono confluite forme d'aoristo


e di perfetto, § 503). S i n g o l are. I. -i, antico -ei da -ai
(pepuli, lecei poseivei ecc., falisco peparai 'peperi', da *-ai
di scr. bu-budh-é I sg. med. di budh- , destare " ablg. vede' so '
= vidi, cfr. per la radice foi:~<x). - II. -ieu, antico ges-istei ecc.
(compromesso della II sg. di aoristo tematico in -e-s cfr. gr.
~ÀL7t-e:-<;, lt. all'incirca *tul-e-s, con *-tha di scr. véttha = gr. oT.O"&<x
e finale -ai > -i secondo la prima persona; forse quando fra
*-a di gr. foi:~<x scr. véda ed *-ai fu scelta la seconda finale,
anche *-tha venne modificato in *-thai; -e- di *-estei è assimi-
lato alla sillaba finale, cfr. ad es. nisi da ne-sei). - III. -it, an-
tico -ed (feced § 468; di qui dede, fecid) è l'antica terminazione
di aoristo tematico (gr. ~ÀL7t-e:[-'l'] scr. tisic-a-t 'versò '); antico
anche -eit (redieit eec.), coll'-ei- della I sg., o anche da un'an-
tica desinenza *-ai uguale alla I sg. come scr. bubudhé III sg.
uguale alla I (quindi -it per -id e per -it secondo § 135).
P l u r a l e . I. -i-mus col solito -musi -i- può in parte essere
l'-f}- di radici come sUi-, do- (ste-ti-mu» de-di-mus), in parte
1'-0- di aoristi tematici (ÈÀL7t-O-fLe:v). - II. -istis (è compromesso
di -isti II sg. e del solito -tie che qui proviene dall'aoristo tema-
tico o sigmatico). - III. Fin dai tempi più antichi si alternano
-ère -erunt -erunt; in epoca classica prende il sopravvento la
seconda, favorita (cfr. Cic. Or. ]57) dall'analogia delle altre
III pI. con -unt, ma nel volgare vince l'ultima (it, [ecero dissero).
Di esse, -ère è antichissima, cfr. aveste ~nhiiire (da *eserai
coll'-ai mediale) 'fuere', toearìco Bweniire 'dixere', ittito
eter 'edere '; -erunt (arcaico-volgare dedrot dedro 122, 378.379,
con sincope) potrebbe contenere lo stesso elemento -r- (che
ritroveremo nelle desinenze di deponente e passivo), ma con
vocale breve precedente e prolungato del solito -unt, ma anche
contenere -er- da -es- del piuccheperfetto ecc. (§ 528): ·érunt
è anch'esso prolungamento di -ère con -unt, forse come com-
promesso di -ere ed -erunt.
PARTE II. - MORFOLOGIA 251

DEPONENTE E PASSIVO
L § 471. - Caratteristica generale delle desinenze di deponente e
passivo, salvo quelle di II sg. e pI., è un elemento -r apparente-
mente aggiunto alle desinenze dell'attivo o sostituito alloro -s:
elemento che in origine è lo stesso della III pI. perfetto, fonda-
mentalmente un impersonale, e che 'ritroviamo in oscoumbro
(p. -es. u. [era-r 'feratur '), in celtico (airI. tiaga-r ' si vada '),
in varie desinenze arie, in ittito, in tocarico (yatra III sg. med.
preso di ya- 'fare ') ecc. Quindi: S i n g o l a re, I. primario
-n-r » -or (§ 135; la breve comune già nel II sec. a. C.; cfr. airI.
do-moiniur ' penso' da -or), secondario -r che si sostituisce a -m
(scqueba-r ecc.). - III. -tur da *-to secondario (gr. È,~Éy€--ro ecc.)
+ or, che torna in.frigio (ocRREDF:-rOP , portava ') e armeno (berer
da *bheretir 'portava '), ed è quindi antica e ha fornito il
modello per le altre desinenze con or, anzitutto -ntur poi -muro
- P l u l' a l e, I. -mur con -r per -s di -mus (secondo -tur -ntur).
- III. -ntur da *-nto secondario (gr. È,),Éyo-v-ro ecc.), secondo -tur.

T L § 472. - Invece nella II sg. abbiamo -re o -ris, questa se-


conda rara in PI., assente in Terenzio e sicuramente ampliata
dalla prima a mezzo dell'-i-s attivo di legis ecc., ma non nell'im-
perativo (che ha nell'attivo leqe l); Cicerone evita -ris altrove che
nel presente indicativo; nel futuro, -re è per lui la desinenza
normale. In alcune iscrizioni semidialettali troviamo spatiiirus
iitiirus figiirus experirus da oro + -s, che ci dànno la spiega-
zione del -re, da *-ro (§ 130) rotacizzato per *-so, cui si ritrova
fra l'altro nel gr. È,qiÉp€Oj ~7t€O = sequere; in parte però forse
anche da un *-ro che conserva l'armeno e di cui un avanzo
va scorto nel gr. adi-po 'vien qui' (plur. a€U-n) da una radice
*gueu- 'correre, andare' (SCI'. jav-a-te 'corre ').
Nella II pl. troviamo -mini che ha probabilmente una doppia
origine; nell'indicativo, legimini sarà un antico participio medio-
passivo uguale a À€YOfl€VOL (i. e. estis); nell'imperativo esso oor-
risponderà invece all'infinito À€yÉfl€VOCL (cfr. it. aprire! salire
252 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

dalla piattaforma posteriore l): appunto l'uso di legimini impe-


rativale, riservato alla seconda plurale perché il singolare aveva
già il suo antichissimo leqere, ha provocato la destinazione del-
l'altro legimini proprio a questa persona.

L § 473. - Il latino preclassico conosce forme di deponente e


passivo anche per l'imperativo « futuro», con -tor per la II
e III sing., -ntor per la III plur. (loquitor, largitor ecc.); si trova
inoltre, arcaico e arcaizzante, -mino per la II e III sg. (frui-
mino, progredimino Pl. ecc.), fatto da -mini secondo legito:
legite nell'attivo. Un falso arcaismo è l'uso di appellamino
come III pl. passivo da parte di Cicerone, Leg. III 8 (e a torto
i grammatici parlano di -mino per la III pI. attivo, di -minor
per la II pl. depon. e passivo).

§ 474. - Paradigmi.
Le desinenze ora studiate, aggiunte ai vari temi temporali e
modali, dànno le diverse forme del verbo. Segnamo qui i para-
digmi, del sistema di presente per ognuna delle quattro coniu-
gazioni; del sistema del perfetto per un sol tipo, dato che in esso
la conformazione del tema (sempre terminato in consonante)
non influisce sull'aspetto della finale, laddove lì tale aspetto
muta a seconda della vocale con cui il tema, si chiude. Per
amor di completezza aggiungiamo le forme di verbo infinito
ricollegantisi ai vari temi.

§ 475. .ATTIVO
SISTEMA DI PRESENTE.

Presente indicativo.
I II III IV
Sg. I amo moneo lego capio audio
II amiis monès legis capis audis
III amat monet legit capit audit
Pl. I amamus monemus legimus capimus audimus
II amatis monèti« legitis capitis auditis
III amant monent legunt capiunt audiunt
PARTE II. - MORFOLOGIA 253

Imperfetto indicativo.
Sg. I amàbam monebam leqèbam. capiebam audiebam
II amàbàs monèbii« legebàs capiebiis onuiièbii«
III amàbat monèbat leqèbat capièbat audiebat
Pl. I amiibàmus monebiimus legebiimus capiebàmus audiebiimus
II amàbàtis monebàtis legebàtis capiebiitis audiebiitis
III amiibant monebant legebant capiebant audiebant

Futuro indicativo.
Sg. I amiibO monebo legam capiam audiam
II amiibis monebis leqès capiè« audies
III amàbit monèbit leget capiet audiet
Pl. I amiibimus monebimus leqèmu« capièmue audiemus
II amàbitis monebitis leqèii« capièiie audietìs
III amiibunt monebunt legent capient Qudient

Presente congiuntivo.
Sg. I amem moneam legam capiam audiam
II amèe moneiis legiis capiiis audiiis
III amet moneat legat capiat audiat
Pl. I amemus moneiimus legàmus capiiimus auduimu»
II amèti» moneatis legatis capiàti« audiatis
III ament moneant legant capiant audiant

Imperfetto congiuntivo.
Sg. I amarem monèrem. legerem caperem audirem
II anuirès monèrè» leqerès caperèe audires
III amiiret moneret legeret caperet audiret
Pl. I amaremus monèrèmus leqerèmus caperèmus onuiirèmu«
II amaretis monèrèiis leqerètis caperetis audiretis
III amarent monèrent legerent caperent audirent

Imperativo presente.
Sg. II ama monè lege cape audi
Pl. II amiite monete legite capite audite

Imperativo futuro.
Sg. II amiito mone/o legito capito audito
III amato monèui legito capito audito
Pl. II amatote monetote legitote capitote auditote
III amanto monento legunto capiunto audiuntii
254 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Participio presente.
amans monens legens capiens audiens

Gerundio.
{ legendi capiendi audiendi
amandi monendi
legundi capiundi audiundi

Infinito.
amare monere leqere capere audire

SISTEMA DI PERFETTO.

Indicativo perfetto.
Sg. I legi II lèaist; II I lèqi: Pl. I legimus II legistis III legerunt,
légére
Indicativo piuccheperfetto.
legeram legeras lègerat lègeramus legeratis Ièqeramt

Indicativo futuro anteriore.


legero lègerfs lègerit lègerf.mus lègerUis lègerint

Congiuntivo perfetto.
lègerim lègerfs lèqerit legerfmus legerUis lègerint

Congiuntivo piuccheperfetto.
legìssem légìsses légisset légissemus lègissetis légissent

Infinito perfetto.
légìsse

TEMA DI SUPINO.

Supino: lèctum Participio futuro: lècUiT'u's


Infinito futuro: lèctiirum, e lècturum -am -um esse /·os ·as -a 1181>6
Nomen agen tis: lèctor

§ 476. DEPONENTE - PASSIVO


SISTEMA DI PRESENTE.

Indicativo presente.
Sg. I amor moneor leqor capior audio'"
II amaris monèris leqeris caperis audiris
III amatur monetur legitur capitur auditur
PARTE II. - MORFOLOGIA 255
Pl. I amamur 1?I'/1nemur legimur capimur audimur
II amamini monemini legimini cap i 1rl-ini audimini
Iq ~mantur monentur legun~~r capiuntur audiuntur

Indicativo imperfetto.
Sg. I amabar monèbar leqèba» capièbar audièbar
II amdbdri« monèbaris legèbaris capièbaris audièbariB
III amabatur monèbatur legèbiitur caplèbatur audièbatU'r
'-<--I
Pl. I amabamur monèbamur legèbamur capièbamur audièb~!'1''lfr
II amabamini monèbamini legèbamini capièbamini audièbamini
III amabantur monèbantur legèbantur capièbantur audièbantur

Indicativo futuro.
Sg. I amdbor monèbor legar capiar audiar
II amdberis monèberis legèrf,s capièris audièris
III amuibiiur monebitur legètur capiètur audiètur
Pl. I amabimur monèbimur legèmur capièmur audièmur
II amabimini monèbimini legèmini capièmini audièmini
III amabuntur monèbuntur leqeniur capientur audientur

Congiuntivo presente.
Sg. I amer monear legar capiar audiar
II amèris monearis leqiiri« capièris audiaris
III amètur moneiitur legatur capiatur audiatur
Pl. I amèmur moneamur legamur capiamur audiamur
II amèmini moneamini legami~i capiamini audiamini
III amentur moneantur legantur capiantur audiantur

Congiuntivo imperfetto.
Sg. I amarer monèrer leqerer caperer audirer
II amarèris monèrèris legerèris caperèris audireris
III amarètur monèrètur leqerètur caperètur audirètur
Pl. I amaremur monèrèmur leqerèmu» caperèmur audirèmur
II amarèmini monèrèmini legerèmini caperèmini audiremini
III amarentur monèreniur legerentur caperentur audirentur

Imperativo presente.
Sg. II amare monère legere capere audire
Pl. II amamini monèmini legimini capimini audimini

Imperativo futuro.
Sg. II amiitor monètor legitor capitar auditor
III anuitor monètor legitor capitar auditor
Pl. III amantor monentor leguntor capiuntor audiuntor
256 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Gerundivo.
{ leqendu« eapiendu8 audiendu8
amandu8 monendu8
legundu8 eapiundu8 audiundu8

Infinito.
amari monèri legi capi audi1'i

SISTEMA DI PERFETTO.
Indicativo perfetto.
Sg. lèctu« -a ·um 8um, ee, est Pl. lèeti -ee -a 8umU8, eslis, sunt

Indicativo piuccheperfetto.
lèctu« -a -um eram, eriis, erat lèeti -ee ·a eramus, eratis, erant

Indicativo futuro anteriore.


lèetus ·a -um ero, eris, erit lèct-/' -ae -a erimus, eritis, erun:

Congiuntivo perfetto.
lèctus -a -um sim, sis, sit lècti -ae -a simus, sitis, sint

Congiuntivo piuccheperfetto.
lèctu» -(I. -'/l·m essem. eseèe, esset lècti -ae ·a essèmus, essètis, essen:
Infinito perfetto: lectum esse

TEMA DI SUPINO.
Supino: lèctii, Participio passato passivo: lèctas
Infinito futuro: lèctum iri (raro: sostituito spesso da [ore ut legiitur, [ore ut
legerètur)

NOTA. - Il d e p o n e n t e ha participio presente, participio futuro,


infinito futuro, gerundio, supino in -tum con forma e significato attivo,
oltre che il gerundivo e il supino in -tu con significato passivo, ma non l'In-
finito futuro passivo. Il participio passato ha di norma significato attivo, ma
talora ~i trovano tanto il valore attivo che il passivo, ad e. per comitiitus.
populiitus ecc.

§ 477. - Il tema del presente. Le quattro coniugazioni.


Ci volgiamo ora a considerare la formazione del tema di
presente seguendo la partizione in quattro coniugazioni stabi-
PARTE II. - MORFOLOGIA. 257

lita dai grammatici antichi sulla base della. vocale che appariva
avanti il -re dell'infinito presente attivo: I. in -iire, II. in -ère,
III. in -ère, IV. in -tre,

I. Coniugazione.
L § 478. - Nella I.coniugazione (-are) rientrano:
ex) La grande massa dei verbi derivati in -a-io-, -a-io- di
cui si è parlato nei §§ 434-444. Nell'indicativo presente -o -as ecc.
sono contrazioni di -aio -ai.es1: ecc. (cfr. umbro subocauu da
-caio = lt. sub-ooco; non è escluso che in -ae -al ecc. siano
direttamente confluite anche forme atematiche, quindi -ii-«
-a-t ece.). Nelle altre forme del sistema di presente invece i
suffissi temporali e modali (pel congiuntivo preso cfr. però
§ 533) o le desinenze vengono uniti direttamente 8111':0,- che,
come si è detto nel § 434, è diventato finale della base verbale
anche dove essa era in origine breve (risalendo quindi ad +).

L § 479. - ~) Radici in -a-: fln-re, na-re scr. snti-ti 'bagna, si


bagna " fari gr. <p&!Lt, sta-re gr. o..t'éi-vex~. Forme di quest'ultimo
verbo con prolungamento in -io- sono note da altre lingue ie.:
umbro stahu ' sto' stahitu ' stato' staheren ' stabunt " irl. -tau
, sono', ablg. sta-ja, II sta-je-si; è dubbio se gli altri verbi hanno
avuto nel preso l'aggiunta di -io-I-ie- o abbiano costituito il
presente a contrazione avvenuta, così che p. es. na-s sia iden-
tico al scr. sna-si e no fatto da esso secondo sto: stii«. Del resto,
non è detto che anche sto stas non sia sorto in tal modo diret-
tamente per *sta-mi sta-s secondo p. es. 'Voco: ooca«:
Pcr dare cfr. § 558.

II. Coniugazione.
L § 480. - Nella II coniugazione (-ere) rientrano:
ex) I verbi derivati in -e-io- -e-io- di cui è parola nei §§ 445-48;
anche qui -eo -ès ecc. sono risultati da *-i-io -i-iesi ecc., simil-
mente nel congiuntivo preso -eam è da *-i-ja-m; altrove (habe-bam
haoè-rem. eec.) le forme sono derivate dalla base in -e-.

17 - V. PISANI, GrammaticaIalina storicoe comparativa.


258 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

L § 481. - f3) Radici In -e-, fiére ablg, ble-j,! 'belo', ne-re gr.
v1j-(.LOC ecc. véw scr. sna-yati aated, najan 'cucire', pie-re gr.
7tÀ1j-"C'o scr. pra-si ' riempi', ré-ri: pei primi due verbi abbiamo
indizi che il prolungamento con -io- possa essere stato già ie.,
a ogni modo da plè-s atematico ecc., secondo p. es. monés da
*mone-ie-s(i), può essersi fatto anche pleo pleam come moneo
moneam (cfr. il detto per la I coniugo § 479). Quanto a déleo,
esso è fatto dal perfetto de-le-vi di de-li-no secondo pleo: plevi,
fieo: fièoi; neo: nevi.
NOTA. - Di sul ppp, ratu« di reri si è fatto in epoca tarda rabar ecc. se.
condo datus: dabar ecc.

III. Coniugazione.

T L § 482. - La III coniugazione (-ere) comprende temi formati


colla vocale tematica -e-I-o-; inoltre alcune formazioni primarie
(come cap-io) e secondarie (basiverbali in -fi-, § 452) con -io-.
oc) Nelle f o r m a z i o n i c o Il a v o c a l e t e m a t i c a
sono confluiti antichi presenti ie, che tale vocale aggiungevano
direttamente alla radice (anche raddoppiata o con infisso
nasale), inoltre presenti con suffissi costituiti di una o più
consonanti seguite dalla vocale tematica (talora questa con-
sonante è passata a far parte della radice e ricompare quindi
fuori del tema di presente). Abbiamo pertanto i seguenti tipi:

T § 483. - A. Vocale tematica alla radice.


1) La vocale tematìea si aggiunge direttamente alla radice,
la quale può apparire nel suo aspetto semplice e con vocalismo:
ococ) Normale (gr. ì.éy-w 7tÀé[f]-w scr. bhdr-a-ti. 'porta'
pldv-a-ti ' galleggia '): leg-o, pet-o (7th-O-(.LOCL scr. pdt-a-ti ' cade 'l,
sequ-or (~7t"-e-"C'ocL = scr. sdc-a-te), ser-o 'metto in fila' (etpw
da *~p-iw), serp-o (~p7t"-W scr. sdrp-a-ti 'striscia '), trem-o ("C'pé(.L-w),
veh-o (scr. vdh-a-ti ablg. oez-e-tù 'porta '), »ert-« (ser. med,
vdrt-a-te 'si volge '); ger-o da *ges-o cfr. ges-tus, quer-or da
*gues- cfr. ques-tu« e scr. çvds-a-ti 'sospira', verro da vers-
PARTE Il. - MORFOLOGIA 259

cfr. ant. russo virchu 'batto il grano' (o da vorro § 16 per


*'!!:rs-o, a cui rimonta anche la forma slava '); pédo da *pezd-o
(sloveno infin. pezdeti); cols (da *quel-o gr. 1tÉÀ-OfLIXL), coquo
(da *quequo per *pequ-o scr. pdc-ati ' cuoce 'l, molO (da *melo'
irl, melim ma gt. mala), sono (da *s,!!:en-o scr. svdn-ati ' suona 'l,
cfr. §§ 14.32, inoltre oe-ouu: da -cel-ii: célare § 42; dic-o (ant.
deicerent 112 2, 581 osco d e i k u m 'dire' cfr. 3dx.-vUfLL),
fid-o (ant. di[f]eidéns P 2, 1531 gr. 1td&-OfLIXL), niv-it (Pacuvio
gr. Ve:Ltp-e:L), coniv-o Prisco nit-or (gnitor PF., ppp. nixus; am-
bedue i verbi risalgono a *knei-guh- *knei-t- cfr. gt. hneiw-an
'inchinarsi 'l, mitto forse per *meit-o § 75; meiio (da *meigh-o
scr. méh-ati 'orina', o da *meigh-io § 498 'l; duco (abdoucit
p 2, 7, da *deuc-o gt. tiuh-a 'traggo 'l, é-rug-o (Èpe:UYO-fLIXL),
uro (*eus-o gr. e:uw cfr. us-tus), nub-o (: pro-nuba); ag-o (ocy-w
scr. dj-ati 'trae 'l, al-o (airl. alim 'nutrisco 'l, cad-o, tmh-o
(anord, draga 'trarre 'l, scalp-o (composti -sculpo § 44, onde
anche un semplice sculpo); eaed-o, quaerii (da *quaes-o cfr. quaes-
tus), plaud-o (con antico au, o iperurbanismo di plodo Y
cfr. § 22), ang-o (ocn-w), ac-cend-o (: cand-eo), clang-o (cfr. MlXyy-L),
mand-o 'mastico' (cfr. m. gallese mant 'mascella 'l, scand-o
(scr. skdnd-ati 'salta 'l, cing-o, tingu-o (secondo unguo per
*tingo = "t"Éyyw; ex-tinguo falsamente diviso ha dato origine a
re-stinguo), ungu-o (scr. anj-dnti 'unguunt 'l, olo (arcaico per
oleo da *od-o § 108 cfr. o~w armo hot-im 'sento un odore 'l,
lav-o (da *lo- § 17 gr. ÀoÉw), sorb-o (accanto a eorbeà, cfr. § 447)
e vom-o ton-o (questi due anticamente formazioni atematiche
con -9-, cfr. scr, vdm-i-ti stdn-i-ti, ma del resto scr. anche
vdm-a-ti stdn-a-ti); ludo (da *loid-o cfr. loidos = lUdus), iitor
(ant. oetier ' uti ' oitile P 2, 586); rép-o (lit. repli6ti 'strisciare"
il grado' O in lejtone rapties id.); car-o, ldb-or (: liib-are), vad-o;
rad-o in apofonia forse con rod-o (o qui abbiamo grado allun-
gato' cfr. scr. rdd-ati ' scava 'l.

T L § 484. - ~~) Zero (gr. yMtp-Cù ser. tud-dti 'batte 'l: cédo da
*ce-zd-o (rad, sed- § 456); curro (da *krs-o, cfr. anord. hros
da *k[so- , l'avallo', ma cfr. § 497), fulg-o H-: tpÀÉy-w); di-vid-o
260 GRAMMA TICA LATINA STORICA E COMPAR ATIVA

(scr. vyadh- preso vidh-y ati 'trapa ssa '), frig-o ' cum sono sus-
silire " rid-o (da *,!!rizd-o: scr. vrirj,-ate 'si vergog na'); rud-o
(scr. rud-dt i ' piang e' e rod-i-t i), fur-o (: ablg. bur-ja ' tempe sta ');
fiv-o fig-o (il primo da *figu-j j, il secondo rifatto da fixi,
lit.
di/g-stu inf. di/goti 'spun tare' dyg-eti 'prova re un dolore pun-
gente '), flig-o (rpÀt~-w da _gu_o, il preso latino come figo), f1'ig-o
(: rppuy-w: i per u umbris mo Y), ic-o, scrib-o (ax~p;;'.p-<XOfL~L
),
vi'v-o (scr. jtv-ati 'vive '); sug-o (*sugh-, ags. sugan 'suc-
chiare '), fruor (da *frugu -o-r cfr. frug-es ecc., gt. bruk-ja n
'far uso di ').

T § 485. - yy) Grado O o norma le possono avere i verbi uscent i


in -uo (che può essere da -u-o, o da -u-o con -u- per antico dit-
tongo) : imbuo (&rpuov't"e:c; &rpuaaw con *r,rtbh- cfr. imber e scr. dmbu
'acqua '), cluo 'ho fama' (= xMw, o rifacim ento di clueo
secondo xMwY), cluo 'pulis co' (da *cleu-o cfr. cZo-lica), fluo
(da *flu- o *fleu- o *flug!!;- Y cfr. fluxi confluges ecc. egr. cpMw,
rpM[f]-w e rpM~w), ingruo (da *-ghra'!.!:-iH cfr. gr. ~Xp~[f]ov
'as-
salii' e lìt. griuv-ù 'ruino '), luo e so-lvo (Mw), polluo (p01'-,
cfr. lu-tum ), ab-nuo ecc. (ve:uw), pluit (arcaico plov-it 7tÀÉ[f]w),
ruo (pUOfL~L), spuo (7tww), suo (gt. siu-ja) , struo (: strliv-i
gt.
strau-j an 'stend ere '), tuor (accan to a tueor; partiti forse
da
iii-tu» ppp. di *teu-r)- in scr. tdv-i-ti ' è forte', quindi in origine
'forte, imbatt ibile, intatto '), ind-uo ex-uo (ablg. ob-u-j,! 'mi
calzo' lìt. av-iù ìd.), - Alcune di queste forme sono fatte,
sicura mente o probab ilment e, con -io- e non colla sola vocale
temati ca: cfr. § 499.

L § 486. - 2) La radice è raddop piata ed ha grado O: M-b-o


(scr. pibati airl. ibid 'beve ' da p-: rado bO-jpo(i)- di po-tum
7tL..lh ecc.; ma in lt. il raddop piame nto è esteso alle altre
forme
verbal i e a numer osi deriva ti nominali), gi-gn-o (y(-YV-OfL~L;
anche gen-o), sero (da *si-s-o, rado se- in se-men se-voi), sido
(*si-sd -o § 91), sisto (stli-re; gr. ta'"lfLL ha ancora la forma atema
-
tica, scr, ti:q~hati 'sta' è passat o alla temati ca come il lt.);
forse reddO da *re-di- d-o, cfr. § 37 e gr. ~(-aWfLL scr. dd-dlim i.
PARTE Il. - MORFOLOGIA 261
§ 487. - 3) La radice contiene un infisso nasale (gr. ÀLfL7t-cXVW
di Àd7t-w, scr. siiic-d-ti:' versa' ppp. sik-uie ecc. e, con coniuga-
zione atematica e un infisso -na- nelle forme forti, yu-na-j- mi
, congiungo' III pI. yu-n-j-anti: ppp. yuk-tas ecc.; è probabile
che parte delle forme latine derivino da tali ie. atematiche).
Distinguiamo due categorie, a seconda che l'infisso sia tuttora
limitato al presente o da questo si sia diffuso ad altri temi ver-
bali o anche nominali:

§ 488. - a.a.) dis-cumb-o ecc. (cub-ui cubitum: cubare), find-o


(fid-i fiesue scr. bhi-na-d-mi bhind-anti), frango (frégi friictum
forse da sr-: Pa.y-1jVa.L P~y-VUfLL), fund-6 (fudi fusum gt. giut-an
, versare' da *gheud-o-; -d- dev'essere un antico suffisso di
presente, cfr. fu-tis 'vas aquarium' fu-tilis fu-tiire e Xe:u-w),
linqu-6 (liqui -lictus Àd7t-w scr. ri-tui-k-ti rinc-anti 'lascia,
lasciano 'l, ring-or (rictus sum), rump-6 (rupi ruptu« scr. lu,mp-ati
, rompe' pf. lu-lop-a), scind-6 (scidi scissus gr. o"X(~w da -a-lw
scr. chi-na-d-mi 'taglio 'l, tang-6 (te-tig-i tiictus 't'e:-'t'a.y-wv),
vinc-o (vici victus gt. weih-an 'combattere' airI. fichim 'com-
batto 'l.

L § 489. - ~~) fing-o (finxi fictus figulus 't'E:LX0C; scr. dégdhi


, impasta' III pI. dih-anti; secondo questo sembra da mictum
esser fatto il pf. minxi in luogo del mixi di Lucilio e Orazio,
e di qui il preso mingo per meiio § 483 e infine minctum), fung-or
(sempre -no, scr. bhunk-té ' mangia' ma ppp. bhuk-tds), iung-o
(iunxi iunctum con-iunx ma coniug-is iugum iuger-a § 275
~e:UY-VUfLL scr. yu-na-j-mi pf. yu-y6j-a), lamb-ii (lambi lambitum
ags. lapian 'leccare 'l, ling-o (linxi ma ligula liguri6 Àdx-w
scr. réh-mi 'lecco 'l, é-mung-6 (émunxi émunctus, ma. mucus
IX7tO-fLUO"O"w da -xiw; il -g- per -c- secondo lingo o simili), ningu-it
(ninxit, ma nix nivis nivit Vdrp-e:L lit. sning-a 'nevica' snìg-ti
, nevicare 'l, pand-6 (pandi, piinsus e paesus, pandus, cfr. pateo
7te:'t'cXWUfLL; -d- per -t- sarà dovuto all'analogia di qualche altro
verbo, p. es. tendo), pang-6 (piinxi e pepigi da *pe-pag- piictus
piigina miyvufLL 7tÉ1tocya.), ping-o (p';;nxi pictus scr. pink-té e piç-ati
262 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

gr. 7tOLX-(ÀO:; tocar. B. pink- e paik- 'scrivere '; -g- per -c-
secondo fingo), pins-o (e, con grafia fonetica, § 50, piso, pinsi
o pinsui pistus scr. pi-nd-~-mi ' pesto' pf. pi-pé~-a ppp. pi~-!ds),
plang-o (pliinxi pliinctus ma pliiga 7tÀ<X~<.ù da -YYi<.ù &7tÀ<XY1jv 7tÀcXy1;<.ù
È7tÀcXyx-&1jv 7tÀlXyx't'6c; e 7tÀayoc), pre-hend-o (prehendi prehénsus ma
praeda < *prai-hed-ii bed-ero XeLao{J.lXL da *Xe:va-ao- xé-XOV~-lX),
pung-o (pepugi -punxi punctus pugio pugnus pugil), dis-stingu-o
(stinxi -stinctus ma in-stigiire a·d~<.ù a·dy{J.lX con velare, non labio-
velare; -guo secondo tinguo per cui cfr. § 483), string-o (strinxi
strictus prae-st[r]igiae) , tundo (tutudi tunsus con-tùsu« - scrit-
tura fonetica per -tuns- Y - scr. tundate 'battono' e tuddti
, batte '), - Cfr. anche nanciscor § 493.

T § 490. - B. Suffisso terminante colla vocale tematica.


1) -no-: cerno (da *c1'i-no cfr. crt-brwm. m'e-vi e xp'Lv<.ù da
*xpL-vi<.ù Xé-XpL-XlX cerius da *cri-to-s), li-no (lé-vi litum eX-ÀL-Je:LV'
eXÀeLrpe:LV scr. li-na-ti ' unge '), si-no (sivi, e pono po-sivi e po-swi
§ 518 po-si-tue § 454), sper-no (spre-vi O"7tlXEp<.ù da *spr-jo aated.
spor-non 'spronare', lt. anche aspernii-ri), sterno (strii-vi
strii-tum st1"ii-men a't'6p-vu{J.L a't'p<.ù-'t'6c; e a't'plX-'t'6c; scr. str-t}a-ti,
lt. anche con.-sternii-1·e), con-temono (contempsi contemptus
't'é{J.v<.ù) contengono un -no- che rappresenta l'introduzione nella
coniugazione tematica di antichi presenti atematici col suffisso
-na- I-ni}- ancora visibile (oltre che in li-na-ti spor-nà-w str-t}a-ti)
in asperniiri osnetemare. Dello stesso tipo era l'-inunt di nequi-
nunt ecc. su cui cfr. § 468. Il suffisso -no- è contenuto infine in
tollo (: tuli tulam ecc.) da *tl-no, laddove l'airI. tlenaid 'porta
via' da *tl-nii-ti
o
conserva la forma atematica.

§ 491. - 2) Invece il suffisso -nu- (forte -neu-) di scr. kei-


t}o-mi k~i-t}u-mds 'distruggo, distruggiamo' gr. adX-VU{J.L ae:tx-vu-
{J.e:v ecc., passato anche altrove alla coniugazione tematica
(scr. i-nv-ati accanto ad i-no-ti 'manda' gr. ae:LXVU<.ù ecc.),
troviamo in mi-nu-o (scr. mi-no-ti 'danneggia' gr. (J.L-VU-.&<.ù)
e sternuo (7t't'cXP-VU-{J.lXL), il cui -nu- è diventato appannaggio fisso
della radice in tutto il verbo e nei derivati nominali. Similmente
PARTE II. - MORFOLOGIA 263

un suffisso ·u- diffuso a tutte le forme verbali abbiamo da


vedere in volvo (voluo) per veluo (§ 14) = gr. (f)è:Mw. - Cfr. anche
explenunt § 468, in cui l'-u- è forse antico, non da -0-.

T L § 492. - 3) -sco-, Questo suffisso, abbastanza diffuso nelle


lingue ie. (scr, -ccha- in gdccha = ~<xaxE, gr. y~-yvw-axw ecc.),
forma presenti direttamente dalla radice o aggiungendosi a un
antico ampliamento:
otot) Direttamente dalla radice, che ha grado 0, talora
normale (questo se terIEin~ in vocale, generalmente lunga):
pasco (: prec-or, da *prk-sko- scr. prcchdti 'chiede '); ere-sco
(cre-vi ecc.), pa-sco o *pas-sco (piivi piistus, ablg. paslf 'pasco '),
M-sco, na-scor (natus, da *Yrf9-), no-sco co-gnosco (cognovi yt-
yvwaxwepirota yvwaxw), sue-sco (suevi), vie-sco (vietus), quie-sco
(quievi quietus apers. siyii-ti- 'felicità' = quies), oe-scor (*gue-:
guo- in ~6cay.0fLot~), gli-sco, sci-sco; compesco da *com-perc-sco:
pa1·co. Disco sembra rifatto da un *dico (pf. didici!) secondo
sc'sco e anche secondo a~Maxw; o da *dic-sco?

L NOTA. - * Miscére (presupposto dalle lingue romanze, cfr. it. méscere)


ancora nell'imperativo misc P 2, 560, altrimenti passato alla II coniugo
forse secondo un *meixeo = Ber. mek§ayati (cfr. ancora mix.tu8) da *meig.
in !J.lY-VU!J.L ecc.

T § 493. - ~~) Da un tema in -i-: qui in eai-per-qi-scor abbiamo


una forma antichissima, cfr. av~stico tra-yri-séJ-mno participio
preso medio di -yri-sa- = *gri-sko- (in lt. -gi-' dissimilato da
*-gri- per via dell'r precedente), colla radice *ger- di gr. é-YP-E't'O
è:-yp~-yop-ot per *y~-yop-ot = scr. ja-gar-a albanese n-qri-te ' desto'.
Forme simili (cfr. anche gr. Eup-t-axw) sono ap-iscor (apio aptus),
pro-fic-iscor (: tacio), re-min-iscor (me-min-i), pcc-iscor (pax),
uie-teeor (ultus da *uZc-to-). Inoltre nanc-iscor accanto a nancior,
con infisso nasale (§ 487) da *nek- in ser. ndç-ati' raggiunge' ecc.;
per conquinisco: conquexi e coxim (que-) abbiamo da par-
tire da *queg-n-isco in cui -n- è il suffisso di § 490; truniscor
è probabilmente formato in modo simile da *jrug-n-, cfr.
jruor jructu8.
264 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

T § 494. - yy) Ore-sco: cre-vi ere-tue, pii-sco: pii-vi, nii-scor:


nii-tus, no-sco: no-vi nà-tus, sue-sco: sue-vi sue-tus, vie-sco:
oiè-tu«, quie-sco: quie-vi quie-tus, sci-sco: sci-vi sci-tue hanno
dato i modelli per ricavare da forme di perfetti in -avi -ivi
e ppp. in -ato- -ito- o supini in -atum -itum dei presenti in -asco
-isco: irascor da iratus, hiasco da hiatum, concuptscò da -pivi
-pitum, labiisco da -avi -atum, desudasco da sudavi -tuwm, (ob)dor-
misco da (ob)dormitum (e anche secondo expergiscor); di poi il
rapporto così sorto tra verbi in -iiscere -iscere e infiniti in -iire
-ire e rispettivi presenti in -o -ae, -io -ts ha fatto sì che accanto
a verbi in -eo -es -ère si formassero presenti in -esco quali calesco
candesco oonucesea convalesco delitesco (lateo) adolesco ecc. ecc.;
infine -asco (cfr. irascor: ira) -esco (cfr. Calesco: color calidus eec.)
sono diventati formanti di denominativi, quindi- vesperiiscit
inveterasco duresco ignesco senesco iuvenesco (questi due diret-
tamente secondo adolésco) e così via. Nelle lingue romanze
-sco ha finito col formare in parte il paradigma di presente
per molti verbi in -ire: it, finisco -isci -isoe -iscono per lt.
finio ecc.

§ 495. - 4) -to- in alcuni verbi, quasi tutti di significato


affine; il perfetto in -xi o -xui può anche essere da -c- + -s-,
il ppp. in -xo- è secondo 1:1 proporzione -cui: -xus = -tO (p. es. in
mitto): -eus (§ 231): fiecto, pecto (: pect-en, gr. 7tÉx't'w e 7tÉxCJ!, 7t6xoç),
plecto 'intreccio' (7tÀÉxw, lt. -plicare § 435, aated. fiehtan 'in-
trecciare '), plecto ' batto' (lit. plèkiù 'batto '); necto accanto a
neo (cfr. gr. ..,~.., ..,~-[-toc e ..,~-&w) sembra fatto da questo, secondo
plecui 'intreccio'.

§ 496. - 5) Completamente colla radice si è fuso (e compare


quindi in quasi tutte le sue derivazioni) il -d- di un antico suf-
fisso -do-, da -dho- e -do-: cfr. claudo clausi elaueu« (da -d-so,
-doto: clav-is), cudo (ablg. koo-ac inf. kov-ati russo ku-ju 'batto
il ferro' aated. houw-an 'battere il ferro' medio id. cuad
'batto '), tendo (: ten-es, cfr. anche il supino ten-tum, non "tènswm;
e gr. 't'e:t..,w da *'t'e:"'-iw), frendo (ags. grindan 'sbriciolare '),
PARTE II. - MORFOLOGIA 265
of- de-fendo (&dvw da *&Ev-iw ql6v-oç scr, Mn-ti 'uccide' ar-
meno JnJ-em 'uccido' da *guhendh-io-); cfr. anche fundo con
nasale infissa (§ 488) rispetto a fu-W ecc. Con -ll- da -ld- (cfr. i
ppp. con -tee- > -ls-), per-cello (clad-es, pf. percul-i),. sallo (sal
salis), fallo (tefelli è rifatto dal pres.; da *quhal-, cfr. 6"ql!XÀÀ0!Loc~
da *squhal-, scr. khalas 'briccone' chalam 'inganno '), peZZo
(pepul-i 7t!XÀÀw), vello (gr. Y&ÀÀoc~ [cioè f&ÀÀoc~]'1'Thoc~ Hes.).

T L NOTA. - In di·do dé·do reddO (su cui § 486) per-dO pessum-dii tra-dO véndo
(§ 460) con-do crédo (§ 460) abbiamo composti con do da ie. *do- 'dare'
o *dhé- 'porre, fare'.

T § 497. - 6) quaeso (quaesso iscr.) quaesumus e viso rappresen-


tano forme di « desiderativo» (cfr. scr. vi-vit-sa-ti 'desidera
sapere', cui visit da *vivid-seti § 34 potrebbe corrispondere
esattamente) di quaero (da *quais-o) e vid-eo: similmente sono
formati incesso e arcesso (colla forma metatetica acoersii sorta
quando ar- per ad-: § 108 era oramai uscito d'uso) di cedo.
Incesso arcessii hanno servito da modello pei verbi di significato
affine petesso (petO) copesso (capio) lacesso, e di qui è partita
la formazione di presenti in -eseii da altri verbi, come [ae-esso
incip-esso (Pl. inoipissis, Pacuv, capissam coll'-i- di capi-o),
tutti con significato desiderativo o ìncoatìvo. Un suffisso -so-
va forse scorto anche in curro da *kr-so.

TL § 498. -~) Con -io- direttamente dalla radice


(cfr. anche y) abbiamo aiio (: ad-agium ecc. § 82), capio (gt. haf-ja
'sollevo '), cupio (scr. kupyati 'si adira '), facio, iacio e porr-icio
(poriciiim PF.; -rr- per analogia di porro, ma la preposizione è
poro, § 454), al-licio (lacio), meiio (Y cfr. §§ 483.489),rapio (cfr. lit,
ap-rèp-iu 'tolgo a forza '), sapio dè-sipio (asass. an-sebbian
, notare '), specio con-spicio (scr, ptiç-ya,ti 'guarda "), grad-ior
(lit. grìd-yju 'vado '), patior (é-7toc&-ov). Infisso nasale hanno
sanc-io (: sac-er) e forse vinc-io (: ablg. v~zati ' legare', gr. t!L\jJoc~
id.) della IV coniugo Come si vede dagli esempi addotti, la forma-
zione è corrente già da tempo ie, (gr. qlOCLVW, ~OCLVW, oc!pw ecc.),
cfr. anche § 500.
266 GRAMMA TICA LATINA STORICA E COMPAR ATIVA

L § 499. - y) Appar tengon o infine alla III Coniugo i d e n


0-
m i n a t i v i i n - u o da base verbal e in -u- più il suffisso -io-,
di cui è parola nel § 452. Ad essi possono aggiun gersi suo .'1PUO,
ricava ti da su- (scr. syu-tas 'cucito 'l, spu- (gr. 7t-ru-w) a. mezzo
di -io-, quindi analog hi ai presen ti studia ti in ~ (§ 498). Cfr.
anche § 485.

IV. Coniugazione.
T L § 500. - Appar tengon o alla IV coniugazione:
ex) Verbi primar i tratti dalla radice a mezzo di -io-, come
quelli della III coniugo gruppo ~ (§ 498). Si tratta di una diffe-
renziaz ione dovuta in massim a alla forma ritmic a della parola :
salvo poche eccezioni, se la sillaba radical e è lunga si ba -1:-,
se breve si ha -i-: cfr., rispett o a capiò, facio ecc. (III eon.,
inf. capere facere), audire dormire fulcire glocire mugir(} prurire
siigire (gt. sokja ' cerco ') sopire oincire (§ 498) rugire; cfr. tut-
tavia venire ferire, sarire (ma anche sarrire è traman dato),
polire (ricava to da PO-li-11i antico compo sto di li-no), pavire
salire earperiri, dove la radice esce in v, liquida o nasale , mentre
per l'arcai co parire è subent rato parere (secondo gignere ?), e
in morior orior abbiam o oscillazione fra -ere ed -ire (cfr. anche
horitur Ennio Ann. 432). L'esita zione va crescendo nel tardo
latino a favore della IV coniug., quand o il principio ritmico
non era più inteso. Il fatto, che ha sue corrisp ondenz e in gotico
e altrove , va così spiega to che in epoca preisto rica, dopo sillaba
lunga, ad evitare ilsove rchio allung ament o della sillaba per
l'accum ularsi di conson anti, i veniva sdoppi ato in -ii- mentre
dopo sillaba breve esso rimane va: quindi *7capiesi ma *au-
diiesi ecc. onde, dopo il passaggio di e atono ad i (§ 42), *kapj.i
s
*audii is; nella prima forma l'i è scomp arso nella vocale seguen
te,
nella second a esso è scomp arso fra i due i voealìci che si sono
quindi contra tti nella rispett iva lunga.
NOTA. - Che si tratti di una distinzi one interve nuta in seguito
alla.
abbrevi azione giambic a, come vuole il Somme r, è poco credibil
e.
PARTE II. - MORFOLOGIA 267

In alcuni composti troviamo -ire dopo -r- (come nei semplici,


v. sopra): apertre operire (§ 116), reperire (parere); amicire
(am + iacere) è fatto probabilmente secondo vestire. Dopo l
(come in salire) abbiamo -ire nell'antichissimo sepelire (SCI'. sa-
par!Jdti 'onora '). Quanto a mimtrire, esso, oltre ad avere r
avanti il suffisso, è tardo e probabilmente adattato dal gr. [l.LVi)-
p(~Ul (LLVGpO(LCXL (cfr. anche il tipo dei desiderativi in -turire
-surire § 451 che potrebbe aver infiuito sui temi con -r- avanti
-i« ).
L § 501. - ~) cio cis eire, scso scis scire, suffio -is -ire, fio fis
ma fiere (§ 449). In ciii abbiamo una formazione di *ki- in
gr. 6uov; scio sembra da *squ_jo della radice *sequ- 'vedere,
sapere' in gt. saihw-an 'vedere' ittito sak/g- , sapere '; sufiire
è da *dhu- (in fft-mus) + -io; fio è da *bh'f!:-i-io, derivazione
con -i- da *bheu-~- 'essere, divenire' (in fui eec.), cfr. airl. biu
, sono' aated. bi-m 'sono' ecc.

L § 502. - y) IJe basi verbali in -i- di cui cfr. §§ 450.51, le


quali hanno dato il modello per l'intera coniugazione. Si noti
però che poiiri (poti Pacuv.) ha più spesso nel verbo finito le
forme di III coniugo (potUur potimur poteretur).

§ 503. - Il tema del perfetto.


Si è già osservato (§ 433) che le forme dei temi di presente
e di perfetto sono indipendenti fra loro; tuttavia si è costituita
all'ingrosso in latino una coniugazione del tipo debole, per cui
radici e basi verbali in vocale lunga a e i aggiungono a questa
vocale -vi nel perfetto e -to-, rispettivamente -tum ne] ppp. e
nel supino; basi verbali in ii e i formano con -vi del perfetto -ui
e hanno nel ppp. e supino -ito- -itum con eventuale sincope
dell'i (da a e i): stravi stratum, amavi amatum, plevi plètwm,
audivi auditum, e cubui cubitum (mtbare), monui monitum
(monere), aperui apertum (aperire). Ma si tratta di norma inco-
stante, e soprattutto nella II coniugo notiamo che tutte le basi
hanno -c- all'infuori delle radici in -è-
e di delere (su cui cfr. § 481).
268 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

Isolatamente nella I coniugo isteti, dedi) e raramente nella II, più


spesso nella IV (presenti con -io- direttamente dalla radice)
troviamo altre formazioni che in -vi, le quali dominano nella
III coniugo (salvo petivi e pochi altri e, naturalmente, radici
in vocale lunga).
Il perfetto latino riunisce in sé le funzioni di perfetto e di
aoristo (cosiddetti perjectusn. praesens o logicum, e perj. histo-
ricum): e in esso sono confluite forme di perfetto e di aoristo,
sia per quanto riguarda le desinenze (cfr. § 470), sia per quanto
riguarda il tema. Relativamente a quest'ultimo, distinguiamo
i seguenti tipi:

§ 504. - I. RADICALE. La radice (uscente in consonante)


costituisce il tema, ed assume grado apofonico:
ex) normale, probabilmente con timbro o (cfr. d~ov: or~oc,
gt. sita ' seggo ': sat ' sedei' da *sed-: sodo, qipa 'dico ': qa]: ecc.):
verto oert-t (vorti Pl., advortit P 2, 586 > oert- § 16;' cfr. umbro
couortus ' converterit '), video vidi (or~oc SCI'. véda gt. wait ablg.
vede' so 'l, linquo liqui (ÀÉ-Àomoc SCI'. ri-reca gt. laihw ' prestai '),
vinco vici (si noti *loi- *yoi- > li- vi- § 20) e fugio fugi (gt. *baug
, piegai '), fundo fudi (gt. *gaut 'versai '), rumpo rupi (SCI'.
lu-lop-a) (1);

L § 505. - ~) allungato: edo edi (qui e nel seguente, e potrebbe


anche risultare di e- raddoppiamento più c- iniziale di radice,
quindi la forma essere in origine raddoppiata), emo emi, lego
legi, odi (cfr. odium, armeno ateam 'io odio '), sedeo sedi (gt.
I pI. setum contro sat I e III sg.; ma sedi potrebbe anche essere
da *se-zd-ai raddoppiato come il SCI'. sedimd. ' sedimus '), venio
veni (gt. qemum 'venimus' contro qam 'veni '), scab6 scabi
(gt. skaba *skof 'rasare '), fodio fodi (cfr. gt. fara for 'viag-
giare' con o: o).

(l) Le forme gotiche non tramandate si possono porre con sicurezza. per
l'analogia di quelle tramandate e di costituzione affine, e per la testimo-
nianza delle altre lingue germaniche.
PARTE II. - MORFOLOGIA 269
L § 506. - y) e, rispetto ad a del presente: in parte si tratta di
antica alternanza a: e (§§ 56.70), talora di rimodellamento se-
condo questa di a: a del tipo ~: ago egi (probabilmente per
*agai, cfr. amb-ages, od *ogai gr. &y-wy-6c;, cfr. anche nord. aka
, agere' ok), apio co-èpi (scr. apa), capio cepi (gt. hafjan
, sollevare' hOf), facio feci (~-,lhp(.-oc), frango fregi (pOCy-1jVOCL p~y­
VUfl.L? o gt. brikan 'rompere' breknm 'rompemmo'?), com-
pingo (pango) com-pegi (secondo il precedente ?), iacio ieci (~x-oc).
L NOTA. - Mentre le forme di ex e [3 sono temi di perfetto, quelle di y pos-
sono essere o sono (fici: è:lhp('l(, ièci: -Jixex) antichi temi di aoristo radicale,
come, con grado O della radice, tuli (: tollo §§ 490.557), per-culi (: per-celio
§ 496), inquit (§ 561).

L § 507. - a) Talora il tema del pf. è uguale a quello del preso


privo della vocale tematica o di -eo, bibii bibi, cudo cudi, ico
(icio) ici, lambii lambi, mando mandi, coniveo conivi, pando
pandi (tardo pandidi), prandeo prandi (tardo prandidi; questo
e il precedente secondo reddo reddidi), psallo psalli, scando
scandi, sido sidi (e sedi), strideo stridi, vello velli (Virg. vulsi
di sul ppp.), verro verri (grammatici, che dànno anche versi),
viso visi. Si tratta di formazione recenziore modellata su oc e ~
in un tempo in cui la funzione morfologica dell'apofonia non
era più sentita. Pei composti che non hanno semplici accanto
a sé, può trattarsi anche di perfetti raddoppiati che hanno
perduto il raddoppiamento per sincope, cfr. § 508: tali accendi,
offendi prehendi.
e:) Antico aoristo radicale è fUi, antico ancora jiivimus
(fuueit P, 2, 1297), cfr. gr. ~-q>u-v scr. d-bhwo-am d-blvù-« a-bhut.
Cfr. anche i perfetti radicali in -vi § 522.
T L § 508. - II. RADDOPPIATO. Il tema consiste nella radice rad-
doppiata; salvo poche eccezioni, il raddoppiamento è stato
eliminato nei composti (evidentemente, almeno in origine, per
sincope: cfr. ancora rettuli, repperi da re +
tetuli, peperi), dai
quali talora si sono poi astratti dei perfetti semplici non rad-
doppiati (scidi, fidi, che appaiono troppo tardi per essere rite-
nuti antichi aoristi tematici, come inquit e tuli, piuttosto che
270 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

astrazioni di abscidi diffidi o simili), mentre a volte pel com-


posto si è formato un perfetto speciale (impegi § 506 di im-
pingo cfr. pepigi, occinui di oc-cino cfr. cecini; com-punxi di
compungo cfr. pupugi).
Nella sillaba di raddoppiamento appare la c o n s o n a n t e
iniziale della radice (sono ripetuti c t d P j), ma s più occlusiva
appare per intiero nel raddoppiamento, mentre la radice è
ridotta alla sola occlusìva (sci-cid-i di scind-o, ste-t-i di sto ecc.);
quanto alla v o c a l e, essa è di solito e, salvo per i, u ed o
che vengono ripetuti; però gli antichi memordi Pl. Enn. ecc.
spepondi Cic. Caes. peposci Val. Ant, (e memini?) ci mostrano
che ad o radicale doveva corrispondere e, ed oc-ceeurrit Ael,
Tuber. pepugi Oic, Caes. secondo Gellio VI 9, infine tetuli ci
mostrano che ciò poteva accadere anche per u. In greco il
raddoppiamento di perfetto ha costantemente c, in scr. esso
ha a da e (cfr. ca-kér-a 'fecit ' con palataliszazione della gut-
turale, § 110), ma ad i, u della radice in grado O corrisponde i,
u in tutte le forme (ei-oohed-a 'scidit' ci-cchid-ur 'sciderunt',
ju-j6~a ' gustavit ' ju-ju~-ur). Probabilmente in antico il voca-
lismo corrispondeva esattamente a quello radicale, quindi
aveva e nella forma forte (anche in corrispondenza di o, a),
i e rispettivamente u_in _quelle d~bo~ con tale vocalìsmo della
radice (all'incirca *ke-skeid-: *ki-skid-): cfr. anche falisco
pe-par-ai 'peperi' ma fi-fiq-od 'finxerunt', osco d e - d e d
, dedit' ma f i - f i k u s. Nel consonantismo, il tipo latino
ste-t-i ricorda quello scr. ta-sthdu ' steti, stetit " laddove greco
ecc. ripetono Fs: ~-cr1"Y)-XiX (come si-sto del presente), il gotico
ripete l'intero gruppo: (af- )skai-skaid 'abscidit'.
Nel pf. latino con raddoppiamento sono confluiti antichi
perfetti e antichi aoristi raddoppiati.

T L § 509. - Ecco le forme: cado ce-cid-i (concidi reccidi), caed6


cecidi (occidi), cano cecini (concinui!), fallo fefelli (chiaramente
fatto dal pres., nota il doppio ll), pango pepigi (rad, pago, pel
preso cfr. § 489; per pegi cfr. § 506, il raro panxi è fatto secondo
iunxi ecc.), parco peperci (comperc6 -persi, secondo cui parsi,
PARTE II. - MORFOLOGIA 271

che sarebbe però antica forma d'aoristo a giudicare dal suo


uso in Plauto e Terenzio, Magariiios, Emérita, VII, p. 136 segg.),
pario peperi (repperi e comperi; falisco pe-parai), tango tetigi
(attigi; aoristo, cfr. 't"E"t'(XYWV), pendo e pendeo pependi (suspendi),
tendo tetendi (extendi) , teneo tetini (arcaico; recenziore tenui
secondo moneo: monui), pedo pepèdi, pello pepuli (reppuli,
compuli; aoristo, cfr. ÈfL-1tE1t(XÀWV); posoi poposci (peposci Val.
Ant.:; deposci; umbro p e p u r k u r e n t 'poposcerint' con
*prk- cfr. § 492), mordeo momordi (memorderit Enn.; admordi
ma admemordit PI.), spondeo spopondi (spepondi; respondi),
tondeo totondi (detondi, ma detotonderit Varro); disco (§ 492)
didici (con-didici! scr. pf. didiçur 'hanno mostrato '), scindo
sciC'idi (discidi, di qui scidi; ser. chicchidur 'sciciderunt ');
curro cucurri ioc-cecurrit Ael, Tuber., occucurrit Phaedr., di
solito occurrit; curr- dal tema di pres., per cui cfr. § 497), pungo
pupugi (pepugi Cic. Caes.; composti -punxi dal pres., secondo
iungo: iunxi), tundo tutudi (e tunsi, tUsi; contff,di; scr. tutud-ur
III pl.); sto, sisto steti (stiti di sisto Oato ap. GelI. II 14 e grarnm.,
da con-stiti ecc., scr, ta-sthdu ' steti '), do dedi (reddidi scr. daddu
, dedi '), -ao (rad, *dhe-) -didi (condidi; abscondi età imperiale;
scr. dadhdu 'posui '), e, per imitazione di questi, descendidi
Val. Ant., prandidi, respondidit, edidit = editi tetuli (accanto
a tuli § 506 Nota, cfr. sustuli; gr. pf. "t'É"t'À(XfLEV), memini (comme-
mini; gr. pf. fLÉfLov(x). Moderna contraffazione pare il fhefhaked
di J2 2, 3, secondo l'osco [efacust 'fecerit'.
Per accendi offendi perculi cfr. §§ 507.506 Nota.

L § 510. - III. SIGMATICO. Il tema è costituite dalla radice


(solo radici in c~msonante formano questo perfetto) più -s-:
abbiamo qui la continuazione dell'aoristo sigmatico indeuropeo,
che si è estesa fuori del suo ambito originario, specie nei com-
posti in cui, eliminato il raddoppiamento (§ 50S), il tema del
pf. non era più chiaramente caratterizzato (l), o anche dove

(l) Tali perculs'i accanto a percul'i, expuls'i ad expul'i, compers'i cfr. peperci,
praemors'i a praemordi, coxi a eoèqi, amixi (ed amicu'i) di amicio cfr. ièci,
272 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

il tema del pf. radicale era uguale a quello del presente (§ 507):
spesso ha servito da incentivo il ppp. in -so- (quindi presso le
radici in dentale), come d'altra parte talora il pf. in -si ha provo-
cato la formazione del ppp. con -so- anziché -to- (§ 231).
Il grado apofonico della radice dovrebbe essere il normale,
e tale esso è realmente nei casi più antichi; spesso però il pf. si
è adeguato nell'apofonia al presente (donde talora ha tratto
anche l'infisso nasale o il suffisso specifico), od al ppp. Rego
tego veh6 trah6 hanno e, rispettivamente a, venuto probabilmente
da rectus tectus (§ 25) a rexi texi, di qui a vexi indi a traxi (1).
§ 511. - Abbiamo dunque:
cx.) Da radici in gutturale: algeo alsi (lcs rcs > ls rs § 89),
ango anxi, cingo cinxi, clango clanxi, coniveo conixi (cfr. § 109;
anche cOnivi), dico dixi (é-o<:L/;cx.), duco duxi, farcio farsi, figo fiv6
(§ 484) fixi, fUgo flixi, fluo fluxi (§ 485), frigeo frixi (e frigui), fulcio
fu~si (fulxi gramm.), fulgo fulgeo fulsi (2), indulgeo indulsi (forse
indulgeo è denominativo di *dh!ggho- 'lungo' cfr. SCI'. dirghds
gr. .&rXÀcx.aacx. propr. 'la lunga' ablg. dlugu 'lungo', quindi
, sono longanime '; in tal caso il pf. è secondario e fatto sul
presente), intellego diligo ecc. -lexi (eY gr. éÀE;cx.), illicio illexi
(da *laxi, di laeio § 44), lUceo lUxi, meiio mixi (e minxi § 489) ,
mcrgo merst, mulceo mulsi (SCI'. a-mark-~-i-t l'ad. mrç-), mulgeo
mulsi (mulxi gramm., gr. eX.IlÉÀ;cx.L), negligo -lego neglexi (per
*-gli-, se il verbo va col gr. YÀLX,OIlcx.L, cfr. § 454, secondo intel-
lego -ligo intellexi), parco parsi (Oato ecc., accanto a peperci),
rego rexi (llpE;cx.), sarcio sorsi, spargo sparsi, specio spexi (iI
SCI'. antico non ha aoristo di questa radice - preso paç-ya-t-i =
specit - e lo sostituisce con adarçam = ~OEpXOV e adrak~it; cfr. però
il metatetico gr. ÈO"xEljJ<Xll'Ylv), sugo suxi, tego texi (é-O"'t"E;cx.), tergo
tergeo tersi (probabilmente la radice è quella di torreo da *tors-,
cfr. gr. 't"ÉPO"·E't"cx.L; il preso *terro da *terso trasformato in tergo
secondo l'opposto mergo perf. mersi: si noti che de-tersit vale

(I) Astasent statuerunt PF forse da *ad-sta-s.~t: gr. &O"TlXO"CXV; cfr. STOLZ,


Zur uu, Verbal.-Pl., p. 24 sgg.
(2) -uls· qui e altrove può essere per -olos- da -elcs. con grado normale, § 14.
PARTE II. - MORFOLOGIA 273
'asciugò' in Liv. Andr. Od. 19), torqueo torsi, urgeo ursi (ur-
grado O di *,!!:reg- in gt. wrikan 'perseguitare '), ueho vexi
(scr. d-vak-~-i-t, congiunto aor. vak~at), traM triixi. Con infisso
nasale proveniente dal presente, fingo finxi, iungo iunxi, Ungo
linxi, emungo emunxi, ninguit ninxit, pango panxi (e pepigi
§ 509), pingo pinxi, plango planxi, ex-pungo -punxi (il sem-
plice ha pupugi), sancio sanxi (ant. anche sancivi), ex-stinguo
-stinxi (cfr. § 489), stringo strinxi, unguo unxi. X da -c-s- o da
-c-t-s- (§ 82) hanno flecto flexi, necto nexi e nexui (per combina-
zione col pf. IV), pecti5 pexi (gr. È-7te1;<X(.L'Y)V), plecto 'intreccio'
plexi (gr. ~-7tÀE1;~).
NOTA. - In Cic. de or. § 259: Itaque nos raucos saepe attentissime audiri
video ... at Aesopum, si paullum irrauserit, explodi, irrauserit non appartiene
a raucit ~p(Xyxe:Lif (gloss.) ma a ravio (Pl.),

T L § 512. -~) da radici in dentale: ardeo arsi, cedo cessi (§ 456;


e perché da ce-st-sai con *-zd- assordito avanti -so; nel pf. *-zd-
per sincope da ~_-sed-), claudo clausi (qui e in seguito -s- da -ss-
dopo lunga o dittongo, § 79), divido divisi (divissit X 5974;
rado *-,!!:eidh-), loedà laesi, lUdolUsi, mitto misi (mIssit 12 2,1216),
plaudo plausi, quatio concutio -cuss; (non è usato il pf. del
semplice; Oic. adopera quatefeci), rado rasi, rodo rosi, rideo
risi, sentio sensi, suadeo suasi, trudo trusi, vado e-vasi; iubeo
iussi (rad. ie. *jeudh- § 104; arcaico iousit, la breve forse secondo
il ppp. iussus, a sua volta allungato in io usi 12 2, 2659 secondo
il pf.); vello vulsi da *,!!:eld-s- con d trasportato dal preso § 496
(oppure di sul ppp. vulsus Y).
NOTA. - DiUusisse per diUUdisse è fatto di su diUusus.

T § 513. - y) Da radici in labiale: clepo clepsi (~-XÀE~~), nubO


nupsi, repo repsi, saepio eaepst, scribo scripsi, scalpo scalpsi,
sculpo sculpsi (-ul- in origine nei composti, poiché sculpo è
astratto dai composti di scalpo, § 483), serpo serpsi (gr. e:rp~~
~p~~ è tardo, l'antico aor. Er:p7tUer~ è tratto da Ép7tl)~w), sorbeo
sorbo sorpsi (Lucano abeorpsi; ma l'antico pf. è sorbui, così
come recente è sorbO di III coniug.),

18- v. PISANI, Grammatica latina storica e comparativa.


274 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

L § 514. - o) Da radici in -s- (> -r- nel presente fra vocali,


§ 113): gero gessi, haereo haest (qui e nel seg., -s- da -ss- dopo
dittongo, § 79), haurio hausi (è~-otU(jotL di ot{)w; h- è in lt. giunta.
anorganica, cfr. austrum Lucr.), uro ussi ('Ii.- secondo ustus); verro
versi (da *vers-s-ai § 93). Anche pressi di premo deve rientrare in
questa serie: avremo quindi due radici, prem- e pres- come
in gr. 't'pÉfLW (lt. tremo) e 't'pÉw (scr. trds-ati), di cui solo il se-
condo ha un aoristo, 't'pÉa-aotL onde 't'pÉaotL.

L § 515. - e) Da radici in nasale e liquida: maneo mansi (per


*mensi Y cfr. gr. éfLE:LVot da *è-fLe:v-aot); contemno -tempsi (§ 87),
como demo promo sumo compsi ecc. (arcaico sur-èmit: abbiamo
forme di composti di emo emi, ovvero di un *amo in ansa
ampla Y). Per verro cfr. § 514.

§ 516. - ~) Da radici in -,!!:-, -u-: vivo vixi (onde victum) e


struo struxi (onde structum) , secondo coniveo conixi, fluo fluxi
per cui cfr. § 511.

NOTA. - Perfetti in -si (in parte tardivi) di composti accanto a semplici


o altri composti diversamente formati sono pereulsi (oeeuli!), praemorsi Pl.
(momordi), compersi (peperei), eompunxi (pupugi), expulsi (pepuli, eompuli),
eoxi (per eoegi), diOusisse (fudi), amixi (Uci).

T § 517. - N elle forme in cui si trova -sie- (II sg. e pl. dell'indi-
cativo, congiunto piuchpf. e infinito pf.) si può avere per aplo-
logia la riduzione a -s-: dixti discesti dixe Pl., promissem soripsti»
Enn., consumpse Lucr., abstersti Oatull., triia» Verg., evasti
divisse èrepsemu« Hor. ecc.; queste forme ridotte sono evitate
dalla prosa classica.
Pel tipo taxo taxim ecc. cfr. § 541.

T § 518. - IV. PERFETTO IN -vi, -ui.


Questo perfetto ha luogo solo con radice o base verbale
uscente, o già uscente in vocale. E precisamente noi troviamo
-vi dopo vocale lunga, -ui dove la base terminava in vocale
breve (e, per diffusione analogica, altrove, cfr. più sotto).
PARTE II. - MORFOLOGIA 275

IX) L'origine di -ui è chiara: da -ii-,!!:-ai -J-y:-ai ~i-,!!:-ai


-u-'!!:-ai doveva venire -ui secondo il § 42: tali casi noi troviamo
presso radici in vocale breve, cioè anche quei verbi che hanno
bensì all'infinito -iire -ère ma nel supino -i-tum (talora sinco-
pato), cfr. § 434. Cfr. cubare cubitum cubui (cubui serve anche
come perfetto pei composti con -cumbO), e così crepare crepui,
domare domui, secare sectum secui, sonare ~onui (e sonavi se-
condo amare: amavi), vetare vetui (e ve,avi), docere doct~!m
docui, habere habitum habu~, monere monitum monui e, con
formazione diversa del ppp. o supino, torreà torrui, senza supino
noceo nocui. Inoltre, da basi aventi -i- da -9- con presente di
terza coniugazione, genui: genitum (gignere), molui: molitum
(molere), vomui: vomitum (vomere)j~econdQ questi, posui di s.u
]Jo-situs (§ 490) per l'antico p<?Sivi. Come monere andavano
anticamente fovere mouère oooère; ma come nel ppp. *fove-tos
*move-tos *vove-tos han dato fotus motus votus, così nel pf. da
*fovevai ecc. abbiamo fovi movi vovi: cfr. § 33. Secondo i rap-
porti [oueii: fovi ecc. si è anche formato cavi favi pavi fervi (e
fervui, scritto seriormente ferbui) per *cavevai *favevai "ecc. di
cavea faveo paveo ferveo, e infine lavi (ed elavi, di elu6) per
*lavevai di lavo, come cavi ecc. secondo il rapporto lautus:
cautusj secondo votus eec.: iiitus e lavo: lavi, anche iuvo iiitus
ha fatto iiivi, probabilmente per *iuvi aoristo radicale, ancora
forse nell'adiue1'o (cioè adiuvero) di Ennio e Ter., iuverint di
Catullo e Properzio ; così pure pluit Varro, plfterat Pl. per pluit
di pluo (la radice ha in ambedue i casi euju).

T § 519. - Secondo moneti: monui sono stati formati tenui


(accanto all'antico tetini: influsso di habuH) miscui di teneo
misceo ecc., e sono state considerate come brevi le finali delle
basi (probabilmente in e trattandosi di verbi intransitivi, § 446)
di areo egeo pareo pateo ecc. che hanno pertanto arui egui parui
patuij cosicché -ui ha finito col diventare la formazione « rego-
lare» di perfetto della II coniugazione. I d e v e r b a l i in
-esco hanno il perfetto dei loro primitivi (conticui di conticesco
come tacui di taees, exarsi di exardesco come arsi di ardeo),
276 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

salvo adolevi exolevi (Varrò adolui) di ado, exolesco fatti secondo


il rapporto nel verbo semanticamente affine cresco: crevi; -ui
è quindi stato usato anche coi d e n o m i n a t i v i in -esco:
increbui e -bru; di increbresco ecc.
A spiegare potui si parte da un denominativo di potis, *poteo
*potere, uguale all'esco p 11 t i a d (= *poteat), che starebbe inoltre
alla base di poténs; il potei) potere cui risalgono le lingue romanze
sarebbe alla sua volta rifatto secondo potui: ma forse basta
pensare che a possum potes ecc. mal si addiceva un quadrisil-
labico *potefui, che impossibile era un *potfui o *poffui, e che
quindi unici rimedi erano *possui o potui, perché nella parola si
sentiva come radice pot- (cfr. potis sum ecc.): quindi anche poténs,
L § 520. - Fuori della II coniugo il tipo ha formato (cfr. casi
come secui: scctum o come -cumbà: -cubu; che' possono aver
servito da modello) anche alui consului oc-eului amicui salu;
(accanto al posteriore salivi) aperui ar-ripus raptii sapui (e
sapivi) disserui volui nolui miilui occinui (cfr. § 509) di alO
consulo occulo amiciO ecc., e si è sempre più esteso: p. es. in
pinsui teana rifatti dal presente, che non ammetteva un per-
fetto sigmatico, 'similmente in depsui di depso imprestito dal
gr. ~ÉI\J(ù, in ste1"tui di stertà, in pellicui elicui accanto ad allexi
illexi pellexi di -lido, forse anche per influsso di licui da licère;
messui di Catone sembra rideterminato per *messi forse anche
secondo seoui, cfr. anche nexui (Sall.) per nexi, texu; (Cic.)
per teaii, pexui (gramm.) per pexi, così come sono rideterminati
i tardi legui per U7gi e, secondo esso, reg/li in luogo di rl~'/;i.
Infine da basi verbali in -u- (tipo metuo, § 452) abbiamo
perfetti in -ui: metui statui ecc. da *metu-vai statu-vai, similmente
solu-i volu-i (di volvo § 491); gl'isolati institui (Pl.), const-ituit
(Titinio) si spiegano come costruzioni metri causa modellate
su fui (§ 552) e plUit (§ 518).
L § 521. - ~) -vi si trova:
(l(l) dopo basi verbali in -ii-, -i-: amav'/, ecc. I coniug.;
punivi ecc. IV coniugo (§§ 500-502), anche naturalmente dove
PARTE II. - MORFOLOGIA 277

la base in -s- ha origine dal presente (§ 449), come è il caso di


audivi sancivi (accanto a sanxi) ecc. Cfr. anche cupivi: cupitum,
quaesivi: quaesitum (1), petivi: petitum, arcessivi: arcessitum,
lacessivi lacessitum, tutti formanti in certo modo un gruppo
semantico, talché si può pensare che da uno di essi (forse
cupivi cupitum: cupio come sapio sapivi, tardo sapui: sapio =
audivi auditum: audio, cfr. cupiret Lucr.) la base in + si sia
diffusa agli altri: di qui poi capessivit SalI. (pel solito cape8si
come visi, incessi, facessi; [acessieris è tramandato isolatamente
per Cicerone in Caecil. XIV 45). Rudivi (e ruditum) di rudo
saran dovuti a rugivi (rugitum) di rugio.

T § 522. - ~~) dopo radici in vocale lunga: qui è da scorgere


l'origine della formazione, in quanto a tali radici competeva
una desinenza -u nella I e III perso sg. pf., come mostreranno
le corrispondenze scr. qui appresso segnate: pleo plevi (scr. pa-
prau), tero tri-tus trivi (dal preso è fatto aueruisse TibulI.),
serii (da *si-so) rado se- in sèmen. pf. sevi tserui; dal pres., Enn.),
sperno spretus spréni; sterno stratus stravi, cerno (da *cri-no)
de-crevi e lino levi (e da ei- § 62) con delevi onde seconda-
riamente deleo (§ 481), sino sivi (poseiuei 12 2, 638 e posui),
nosco ignotus novi (É-yvw-v; scr. ja-jiiau), pasco pa-bulum pavi,
quiesco quiètu« qui evi, scio scitum scivi (qui l' + è secondario,
cfr. § 501); eo is ivi (qui l'i di is ecc. è da ei-, § 555). Oltre
paprtiu. e jajiiau che hanno diretto riscontro in lt., cfr. scr.
tasthdu ' steti, stetit " dadii« ' dedi dedit ' ecc.

§ 523. - Questa desinenza -u si ritrova anche come desinenza


di I sg. dopo .tema in vocale lunga nel preterito Iituano (saka-u
, dissi' tema sako- ecc.) e come desinenza secondaria, sempre
di I sg., nell'ottativo gotico (wilja-u 'vorrei, voglio', sija-u
cfr. siem e;(-Yjv ecc.; di qui alla coniugaz. tematica bairau ' feram ').

(I) L'-s- di quaesivi è quello del desiderativo quaeso (§ 497) o di un più


antico perfetto sigmatico *quaes-sai (quaesit tramandato ~er Sallustìo
I hist. presso Charis.): l'-s- del ppp. e supino potrebbe anche provenire
dall'altra forma quaes-tum,
278 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

In tocarico B da una desinenza *-au abbiamo, nella I perso del


preterito, -awa, -iiwa, p. es. takiiwa ' feci' yiitkawa ' comandai'
(di qui toc. A tiikii 'fui', ma anche cam-wii 'potei '), in cui
un elemento -a è aggiunto all'antico -au. Il latino ha simil-
mente aggiunto a forme come *pleu *gnou la normale desinenza
-ai di I singolare, solo che, costituitisi *plevai *gnovai ecc.,
l'elemento *plev- *gnov- si è trasferito anche avanti le altre
desinenze: *plev-estai *pleved ece.; nel qual processo doveva
influire decisamente *fuvai *fuvestai eec., di cui si veda al
§ 552, e *civai *civestai ecc. forma di perfetto medio della radice
*civ- da *kju-, forte *kjeu-, che con ci- di cio si alternava,
cfr. gr. O'e:uCù e-O'O'U-TO da *xf:.e:u-/xf:.u·· accanto ad e-xL-ov, ar-
meno fU (da *kf:.e'!.!:.-o-) , partenza ' ~ogay (da *kf.o,!!-a... ) , andai',
scr. cydv-ate 'si mette in moto' ecc. Il rapporto corrente fra
pleo pletus plere e plevi, -gnosco -gnotus e -gnovi, cio cUus e *cìvi
(in seguito allungato in civi secondo gli altri perfetti con -vi
che hanno la lunga avanti il suffisso) è stato il modello secondo
cui -vi, sentito peculiare del tema di perfetto, si è esteso anzi-
tutto a radici e basi in vocale lunga, quindi alle basi in vocale
breve ecc. coi risultati che abbiamo ora osservato.
NOTA. - Interessa solo la ricerca della origine delle forme ie. la questione
se l' -'U. in questione rientri nel suffisso -y,-es- -y,·ot- del participio perf. atti vo
(gr. *fe:tl)·fwc; *fe:tl)·f6T- *ftl)-vcr.~<x cfr. § 256).

T § 524. - V. Come DERIVAZIONI DEL PF. IN -vi vanno con-


siderati quelli contratto ed in -ii,
ot) IL PF. CONTRATTO è sorto dapprima quando -v- si tro-
vava fra vocali uguali (§ 34): quindi insueram decréro sisti
obdormissemus audisses tutti Pl., ecc.; inoltre in -ooe- -ovi-
(trattati come -ove- § 33), cfr. noram Pl. ecc.; quanto ad -iive-
-iioi-, è incerto se qui la scomparsa sia dovuta alla scomparsa
di -v- od alla analogia, p. es., di sueveram - sueram recante
seco la riduzione di amiiveram ad amiiram e simili. In ogni modo,
da questi inizi si spiega l'intero fenomeno che si può definire
colla seguente regola: dinnanzi alle desinenze che cominciano
per s (st, ss) o r cade la sillaba ve, vi nei perfetti in -iivi -evi
PARTE II. - MORFOLOGIA 279
-ovi: laudiisti laudiistis laudiirunt laudiiro laudiiram laudiissem
e similmente delesti nosti ecc., anche inf. coniourase 12 2, 581.
All'infuori delle forme di novi e di eomméra; commàsset com-
morit admoram promorat ecc. (composti), vengono però evitate
le contrazioni nei pf. in cui v appartiene alla radice (liivi
vovi ecc. da *lave-vai *vove-vai § 33 e plevi striivi ecc. § 522).
Nei perfetti in -ivi la contrazione ha luogo di norma solo avanti
desinenze iniziantisi con s (st, ss): audisti audissem, non *au-
diram ecc. La I plur. indie. pf. ha contrazione solo in rari casi:
nomus Enn., suemus Lucr., consuemus, dove non si dà il caso
che la forma contratta ricada col presente (noscimus suescimus);
mai *audimus *amiimus (salvo un paio di casi dubbi in Pro-
perzio). Nella III sg. locài 12 2, 1211, invitat disturbiit Lucr.,
farcinat Martian. Cap., desit Manil, Mart. ecc., forse audit Verg.
Aen, XII 449 (con accento sulla finale, § 8), nella I sg. sepeli Perso
sono esempi isolati. Volgare -ai, onde ital. cantai (invece nella
III sg. abbiamo la forma sincopata cantaut it. canto).
T L § 525. - ~) Invece in Plauto troviamo ii per ivi come pf. di
eo; in Terenzio si aggiungono rescierint siit audierit abligurrierU
e a poco alla volta la forma senza -v- si propaga. Bisogna qui
pensare che ii (non *i contratto!) sia un antico pf. radicale
da *ii-ai = gotico iddja, da cui secondo il rapporto ivi: ii
accanto alle forme con -ivi di basi verbali in -i- sono andate
stabilendosi quelle con -ii, generalmente nelle forme in cui
a v seguiva -ero.
§ 526. - La prosa arcaica preferisce la forma piena (amiivisti
audiveram ecc.); Cicerone Cornelio Livio fanno invece grande
uso delle forme ridotte, in misura minore Cesare; gli arcaiz-
zanti Sallustio e Tacito tornano volentieri alle piene. Ma fuori
di eo e suoi composti (e, seppure in minor misura, di peto),
-ii -iit nella I e III sg. pf. di verbi in -ire s'ono rari di fronte
ad -ivi -ivit, similmente -iimu» nel periodo classico. Il tipo
classico ideale del pf. di un verbo in -ire sarà pertanto audivi
a1tdisti audivit audivimu.'J audistis audiérunt, audieram, audiero,
audierim, audissem, audisse.
280 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

§ 527. - Il d e p o n e n t e - p a s s i v o non ha forme sue


di perfetto, ma le sostituisce con un perfetto perifrastico con-
sistente del ppp. col verbo esse coniugato generalmente nel
tema di presente: Pf. indico amdtu« -a -um sum es est, amati
-ae -a sumus estis sunti pchpf. indico amo eram; fut. ant, amo ero;
pf. congo amo sim; pchpf. congo amo essem; infinito amatum
-am -um e amatos -as -a esse, cfr. anche il paradigma § 476.
Si ha anche la perifrasi col tema di perfetto di esse (amiUus
fui fueram tuero [uerim. fuissem, amatum tuisse), in cui il ppp. ha
però più il valore aggettivale, e quindi invece di esse potrebbe
usarsì un altro verbo qualsiasi indicante il rimanere, uno
stato ecc.: si noti tuttavia che anche in Cicerone troviamo una
ventina di esempi in cui la perifrasi con fui ecc. esprime il
passivo allo stesso titolo che quella con sum ecc.

§ 528. - Nel piuccheperfetto e nel futuro anteriore indicativi,


nel perfetto congiuntivo, il t e m a d e l p e r f e t t o è
p r o l u n g a t o di un elemento -er- (dix-er-am dix-er-o dix-
-er-im), evidentemente lo stesso che -is- dell'infinito (dix-is-se)
e quindi del piuccheperfetto congiuntivo (dix-is-sem). In greco
troviamo un elemento -es- nel piuccheperfetto indicativo (èÀ€Àux'lJ
-Yjç -€L da -€IX -€lXç -se per *-es-"/,, <ee-et; la II sg. essendo fatta

secondo la I in luogo di *e.~-s), e si tratterà della stessa cosa:


il lt. -er- è da -es- avanti vocale; nell'infinito, formazione certo
recenziore, troviamo -is-se secondo -isti -istis delle II sg. e pl.
nell'indicativo e il modello es estis: esse = -isti -istis: -iese, e
di qui l'i è entrato nel congiuntivo piuccheperfetto che è tratto,
come vedremo, dall'infinito perfetto (§ 535).
È probabile che l'elemento -es- abbia la sua origine in una
formazione aoristale: vien fatto di pensare alli-es- dei futuri
greci contratti come cplXVW cplXvéw da -es-o e dei futuri oscoumbri
come [et-es-t 'feret ': cfr. anche § 534.

L § 529. - 1 preteriti (imperfetto e piucenepertetto],


I preteriti (dell'indicativo) hanno come caratteristica comune
un suffisso -a-: anzitutto er-a-m er-a-e tratto direttamente
PARTE II. - MORFOLOGIA 281

dalla radice es- (§ 552), indi pchpf. dix-er-a-m dix-er-a-s ama-


v-er-a-e mowu-er-ti-s tetiq-er-ii-» tratto dal tema di pf. ampliato
dell'elemento -es- (§ 528); negli imperfetti all'infuori di eram
troviamo avanti questo -ii- un -b- (ama-b-a-m monè-b-a-m.
i-boa-m, antico e volgare audi-b-a-m), che nella III e, quando
la formazione non è in -iba-, nella IV coniugazione è a sua volta
preceduto da -è-: leg-e-b-am audi-c-b-am.
Astrazion fatta da questo -bo, noi abbiamo dunque -a- e,
dopo consonante (compreso D, -e-n- come suffissi di preterìto.
Ora noi troviamo:
in lituano -0- (da -a-) ed -e- come formanti preteriti, ad es.
gav-au III gav-o di gdu-nu ' ricevo', buv-au buv-o di bu-ti 'essere',
nes-ia?7- nes-e di nes-ù 'porto'; dopo basi in vocale lunga si
aggiunge pure -0-, questa volta coll'intermediario di -j- (che
appare secondariamente immesso ad evitare lo iato: si tratta
del suono di passaggio sviluppato in forme con -i- come daly-
j-au di daly-ti 'dividere '): p. es. myle-j-au myle-j-o di myl-iù
infin. myle-ti 'amare';
in islavo (ablg.) l'impf. si forma aggiungendo alla radice -c-
(da -c-) od -ca- (da -es-; cui si aggiunge ancora un elemento
chjs proveniente dall'aoristo sigmatico. Lo -ca- slavo corri-
sponde esattamente, salvo lo -.i-, immesso, alt'-é-j-o- lituano:
quindi nes-c-chu o nes-ca-chu 'portavo' di nes-ti 'portare';
in armeno l'impf. di "ee- 'essere' suona nella I pl. eak'
da *es-a- ... ), e l'aoristo « forte », antico impf., ha come carat-
teristica -a- da -ii- in yare-a-y , surrexi ' (tema in -i-: impt. ar-i
, surge '), erdu-a-y 'giurai '; e quello « debole» aggiunge -ç-
alla radice ampliata con -a- in as-a-ç-i 'dissi' III sg. as-a-ç
di as-em ,'dico', git-a-ç-i 'seppi' di git-em 'so', o con -ea-
da -en-, sir-ea-ç 'amò' di sir-em 'amo' (III sg. sir-e-r-i ecc.
con riduzione di -ea- ad -e- in sillaba non finale).
Tralasciando la possibile esistenza di simili formazioni nel
preterito debole germanico, ci limitiamo a constatare quella di
preteriti ie. formati con -ii- o con -ca-o Che gl'i tal. avéa finia
282 GRAMMA TICA LATINA STORICA E COMPAR ATIVA

leggéa ecc. e gli analog hi imperf etti francese, spagnolo, porto-


ghese, sardo contin uino, attrave rso il volgar e latino, le forme
in -ea- ecc. da noi presup poste, è stato sosten uto dal Grobe r
(Archi v fur lat. Lexiko graphi e I, p. 228 segg.). Comun que, resta
da vedere come -b- si è potuto introd urre nelle sequele -ali-
-ea- -ia- forma nti in antico l'impf. latino.

T L § 530. - Preme sso che nulla prova l'impf. osco fufans , non
come si ritene va da fu- 'esser e' ma da fuf- di *bheudh- =
germ. *biud-, p. es. in goto ana-bi udan 'ordin are', coll'-a- di
§ 529, darà da pensar e con M. Leuma nn, Indog. Forsch ungen
XLII, p. 60 segg. che secondo il rappor to eram: ero sia penetr ato
in *-ea- il -b- del futuro (quind i ad es. amaba m secondo amaM ,
su cui cfr. § 538), che ritorna in ant. irlande se, risale quindi
a un antich issimo periodo della storia del latino.
T § sar. - Congi untivo .
Il congiu ntivo latino assom ma le funzioni di congiu ntivo
ed ottativ o, così come i due modi si sono fusi nelle lingue ger-
manic he ecc.; in conseguenza, anche le sue forme conten gono
elemen ti talora del congiu ntivo, talora dell'òt tativo ie.
J futuri latini sono, almeno in parte, diretta mente o indiret
ta-
mente , antii-h i congiu ntivi (come il futuro greco non è altro
che un eonziu nti vo dell'ao risto sìgmat ìco), e debbon o pertan to
essere conside rut.i parzia lmente in questa rasseg na delle forma-
zioni latine rlel modo.
Tali formazioni hanno luogo:

L § 532. - 1. A mezzo di -s-, nel congo preso delle coniugazioni


II, III, IV: monea m moneà s monea t ecc., rispett ivame nte legam
audiam (e legam audiam come I preso sg. di futuro della III
e IV coniug.). Un congiu ntivo in -a- ritorna in oscoum bro
(o. fa k i i a d = lt. jaciat) e in celtico (irland . do-bere =
It. jerat); si tratta di uso modal e del preteri to in -ii- (come in
eram ecc., § 529): genera lmente il preter ito (privo di aumen
to,
nelle lingue in cui un aumen to esiste) funge da impera tivo nelle
lingue ie. (cosidd etto i n g i u n t i v o).
PARTE II. - MORFOLOGIA 283

Come di norma in celtico, così talora nel latino più antico


-ii- si può aggiungere alla radice piuttosto che al tema del
presente (e questo è il caso pei presenti radicali della III
coniug.): advenat attigas abstulas fuam ecc. Pl.; tale origine ha
probabilmente anche inquam § 561.

T L § 533. - II. A mezzo di -e-.


C't) nel futuro di III e IV coniugo all'infuori della I sg.
(leges legemus, audies ecc., ma I sg. legam audiam)j -é- ha
anche il congo preso della I coniug., amem ames ecc., ma qui si
può dubitare se la forma risalga ad *amaj-e-, cioè abbia -è-
aggiunto al tema di presente in -aj(o)- (cfr. amo da *amajo e
così via), ovvero ad *ama-ie- in cui il suffisso -ie- di ottativo
(§ 536) si sarebbe aggiunto alla base in -a- (od -d-): forse am-
bedue le derivazioni sono confiuite nella forma latina, e quella
ottativale con -je- può venire particolarmente scorta in temi
radicali come ste-m da *stJ-jc-m (cfr. gr. O"'t"C'tL1jV) e così via.
Quanto ad -e-, vi sono due modi di spìegarlo. Si può vedere
in esso il corrispondente dell'n greco in MY1jLç MY1jL À€Y1j't"e, ma
vi è un imbarazzante momento in questa ipotesi: la diffusione di
-e- a tutte le persone (salvo la I coniug., se amem è da *ama-ie-m),
anche alla I e III pl. che in gr. hanno Wj e seppure per la I pl. si
potrebbe ricorrere all'analogia dell'indicativo, dove per effetto
del § 42 si dice legimus (da -o-mos) come legitis ecc., ciò non va
per la III pl., ove a ogni modo potrebbe aver infiuito sulla sosti-
tuzione dell'antica forma il fatto che questa, dopo il passaggio
di -ont ad -ont (§ 27), si sarebbe confusa coll'indicativo. Si può
anche supporre che viceversa il greco secondo l'indicativo avesse
variato un originario paradigma con solo -1j- in uno con -1j-
ed -w-: ma è opinione affatto gratuita, e più probabile è che
-eto- di MY1jLç Myw!J.ev ecc. siano sorti dall'aggiunta di -e/o-
come distintivi di congiuntivo (t-o-!J.ev t-e-'t"e ecc., cfr. in lt. eris
erunt § 537) ad -e/o- vocale tematica propria del tema di pre-
sente (in À€ye-Lç Myo-!J.ev). Meglio è pensare che, come l'-a-
trattato or ora, così anche questo -è- sia un antico suffisso di
preterito, e precisamente quello che in lituano abbiamo visto
284 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

alternarsi con -ti- (nes-e 'portò' di fronte a bùv-o 'fu '), in


ablg. con -ea- (nes-e-chu di fronte a nes-ea-chu 'portava ')
nella. formazione dei preteriti. Un -é- come suffisso di con-
giuntivo ritorna in oscoumbro, sia nel congo pf., o. t r i b a -
r a k a t t - i - n s (i da e) 'aedificaverint' sa k r a f - i - r
'sacratum sit', sia in quello pres., o. sa k a h - i - t e r
, sacretur' (dove però s'affaccia lo stesso dubbio che pel lt.,
se si debba partire da -ai-e- o da -a-ie-).

T L § 534. - ~) Questo elemento -è- appare in oscoumbro anche


in fu - s - i - d = foret, h] e r - r - i - n s 'caperent' (rr da rs
per r-i-si, p a t e n - s - i - n s 'aperirent', congiuntivi cioè
tratti da una formazione sigmatìca di carattere aoristale. A
questa formazione corrisponde il congo imperfetto latino in -rè-:
amarem amares ecc., monèrem, legerem, [acerem, audirem. Qui
si ha da partire da aoristi quali *fu-s- *sta-s- ecc. che hanno
dato con -è- i temi di congiuntivi *fuse- *stase- e simili; di qui
anzitutto, secondo *fu-se- (> fore-), es-sè-, velle- da *vel-se-
(essem ecc.); quindi secondo il rapporto di queste forme coi
rispettivi infiniti *fusi (fore), *stasi (stare), esse, si è propa-
gato il modulo: infinito preso + -e- = tema di congiuntivo
imperfetto.
§ 535. - y) Né la cosa si è fermata qui: il fatto che un impf.
congo potesse così derivarsi da ogni infinito presente ha chiamato
in vita il congiuntivo piuccheperfetto, ricavabìle dall'infinito
perfetto collo stesso sistema, della giunta di un -è-, Quindi
amavissem amavisses da amavisse, come monuissem da monuisse,
legissem da legisse, jecissem tetigissem dixissem audivissem dai
rispettivi infiniti [èeiese tetigisse ecc.
T L § 536. - III. Il suffisso di ottativo ie. era -f:.e- in alternanza
con -i- (§ 70): cfr. gr. €t'Yjv dfL€V da *es-ie j*es-i-, sanscr. sylim
III pl. sy-ur 'siem sint " dvi~-yli-m dvi~-y-ur 'odissem odissent '
e così via. In lt. corrisponde appieno l'antico paradigma siem
si es siet : simus ecc. (più tardi conguagliato in sim sis sit
simu« ecc.). Abbiamo incontrato la forma forte, -f:.e-, come
PARTE II. - MORFOLOGIA 285
probabile ingrediente del congo preso di I coniugo (*sta-iem).
La forma debole ha servito invece, oltre che in velim velis di
volO § 554, per trarre il congo pf. dal tema del perfetto ampliato
con -er- da -es- (§ 528): amiiver-ì-m amiiver-i-s amiiver-i-mus ecc.
Nella III sg. (§ 135) e nella III pl. (§ 27) 1'+ doveva abbreviarsi,
e ciò avvicinava il perfetto congiuntivo al futuro anteriore che
aveva -i- in tutte le persone salvo la I sg. (§ 539), col risultato
che i due paradigmi han finito coll'assumere indifferentemente
la lunga o la breve: quindi congo pf. anche amiiveris amiiver'i.m1ls
e così via.
Per le forme con-erim (e fut. -ero) indipendenti dal tema
di perfetto, come adiuverit ecc., vedi § 551; e cfr. il tipo fax6
faxim § 541. Un ottativo aoristo (non sigmatico) abbiamo in
duim § 559, tulit (: tulam abstuliis §§ 532.490), tagit Pacuv.
: tagam id.).
T L § 537. - Futuri.
I futuri latini, come si è detto, sono in origine dei congiun-
tivi, sviluppati dal valore volitivo e debitivo di questi. Abbiamo
dunque:
L oc) Il futuro ero eris della radice ee-ç . aggiungente al
tema-radice la vocale tematica, che nelle formazioni atema-
tiche serve appunto a indicare il congiuntivo: cfr. scr. as-a-si
, che tu sia', ds-a-ti ' che egli sia' (asi as-ti ' sei, è'), gr. (-O-fLev
di (-fLEV, 't"ELa-O-fLEv: ~-'reLa-oc ecc. Cfr. anche il fut. anteriore
inter-du6 § 559..
L § 538. - ~) Il futuro in -bo -bis, colle stesse desinenze di erti
eris (§ 537), ha la sua corrispondenza, oltre che in falisco (pipafo
, berrò' ecc.), nell'ant. irlandese: léicfea 'lascerò', -léiciub id.
di "leiq> 'linquere', con -I-/-b- risalente ad ie. -S!{-, che in
latino è in parte continuato con -b- (§ 88; ou. c falisco -1-);
risaliamo così a un antico futuro in -s'!t-o/e- derivato da temi
nominali in -Slt- tratti dal desiderativo come scr. sitIasu- , desi-
derusu di uttenere ' da si-sa-s-a-ti ' desidera di acquistare', rado
san- ecc.; dal desiderativo in -s- (§ 497) sono tratti anche,
286 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

con a ltro suffisso, il *-si..o- di SCI'. dha-sya-mi lit. dé-siu ' porrò'
ecc., e il -so- di gr. &~-crw.
Il futuro con -bO si restringe alle coniugazioni I e II, arcaico
e volgare anche alla IV (audibo; sempre ibo), dove cioè la radice
o la base terminava in vocale lunga, non in consonante.
Cfr. Homenaje a Antonio Tonar, 1972, pp. 383-393.
§ 539. - y) Secondo l'analogia di aandbii : amabam, di sul
pchpf. in -eram è stato fatto il futuro anteriore in -ero: amavero
-is -it -imus -itis -unt (Pl. dèvitaverunt 'avranno evitato ');
presto però (in generale già Pl.) ha avuto luogo l'estensione
di -i- alla III pl. (amaverint) e poi la confusione col pf. congo
in seguito alla quale l'-i- tematico può anche esser lungo (§ 536):
quindi amavero -is -it -imus -itis -int, e monuerii lègero fècero
audivero ecc. Nella I sg. rimane però l'antico -o..
§ 540. - II. Nelle coniugazioni III e IV abbiamo i futuri
legam leges leget legemus legetis legent, audiam audies ecc. Qui
dunque un congiuntivo con -a-, ristretto alla I sg., parrebbe
essersi unito con un congiuntivo in -è-per formare il paradigma:
strano il comportamento della I sg. rispetto a quanto ha luogo
in altre formazioni con -e-, e cioè [acerem [acere«, essem eseèe,
[uissem. fu.isscs e, se di origine congiuntivale, amem amè«.
Comunque, le I persone dicc facic usate da Catone hanno l'aria
di formazioni analogiche. Forse l'aporia potrebbe condurre a
ritenere che in origine il futuro fosse identico al congo pres.,
che si dicesse pertanto legam leçae, [aciam facias, audiam
audiiis ecc., che poi per effetto del passaggio di -ia- a -iè- in
ultima sillaba avanti certe consonanti, specialmente -s (§ 134),
si sia differenziato faciam audiam: [acièe audics *faciet *audiiJt
e inseguito da queste due ultime persone, secondo [aeerès
*faceret [acerèmus ecc.; essè« *esset essèmu« ecc., l'-e- si sia diffuso
all'intero paradigma, evitando (salvo l'estrema conseguenza
di Catone, e di alcune altre forme: recipie ostende attinge Fest.
e P.F.) la prima persona sg. Da faciam/facies audiam/audiés ecc.
iI nuovo tipo di alternanza sarebbe poi stato adottato per
leqomfteçee ecc. in luogo di legamflegiis.
PARTE II. - MORFOLOGIA 287

T § 54]. - III. Le desinenze di antico ottatìvo -im -ts -it ecc. e,


per la prima persona sing., anche quella odi congiuntivo che tro-
viamo in ero, hanno formato dei congiuntivi con valore di futuro
od ottativo da temi di aoristo sìgmatìeo (cfr. anche il detto sopra
a proposito del congiunto perfetto, § 536), anche fuori di quei
perfetti che serbano la forma di tali aoristi: quindi faxo con-
fexim defexit, capso (1) accepso incepsit, rapsit subrepsit, adempsit
surempsit 'distulerit' Fest., occisit Fest., parsie, ulso (di ul-
eiscor, corretto da « ullo pro ultus [uero )) Att. ap. Non.), omieeis,
eeceeeie, axim adaxint, taaii« (tango), obiexim obieeie iniexit,
aspexit, induxis, ausim. -is -it -int, iusso Verg. iussim iussis
-it, a1txitis, noait, sponsi« ecc.: tutte forme arcaiche (special-
mente presso Pl.), salvo faxo faxim ed ausim usati anche da
scrittori classici, presso i quali le altre si trovano solo quando
essi arcaizzano professatamente (Oic, de leg., Livio), Si tratta
evidentemente di formazioni assai antiche, almeno nel loro
nocciolo fondamentale. Si noti che efieeie iniexit ecc. non hanno
l'e di feci ieci, sibbene e da a di faxim *iaxis (secondo § 44):
adaxim ha il suo a secondo adactus § 25.
T § 542. - Da basi in a, e (non i) con perfetto debole (in -vi,
-ui) troviamo formazioni simili con -sso: amasso amassis çtmas-
sint, aoerruncsssit, occenuusit, indicasso, eeoseulaeeiti«, kabessit
prohibessis -it, licessit: anche alcuni infiniti, aserrwncseeere,
reoonciliassere. Qui il punto di partenza va scorto in infiniti
perfetti di I coniugo come amasse indicasse ecc. per r-avisse:
secondo il rapporto di esse essem. a sim, da amasse amassem
si è fatto amnseim, da indicasse -ssem indiciissim, e così via,
forme che venivano attratte nella cerchia di quelle adiixim,
~biex~ ecc. ora trattate, e quindi assumevano valore di
futuro.-, e generavano anche, come faxo capso, anche amiisso
",-----

indicasso: il rapporto amasso: amiire, indicasso: indicare ecc.


provocava poi il sorgere di alcune simili forme per verbi in

(l) Che copsi» possa essere in parte compositum ex cape si vis (> sis § 34),
va forse concesso a Cicerone (ap, Quint. I 5, 66).
288 GRAMMA TICA LATINA STORICA E COMPAR ATIVA

-ère (prohibessit licessit: prohibere licere), ed un isolato ambiss int


(trama ndato -ent): infine dalle prime person e in -o, intese come
presen ti di deside rativi del tipo viso, Plauto ha tratto i pochi
infinit i in -iissere. L'uso di queste forme ha gli stessi limiti che
quello di taxo ecc.
Si notino alcune forme di passiv o: iussitu r (Cato), mm'ciis-
situr, turbiissitur Cic. Leg., taxitur (Livio, in una rogatio ).

L § 543. - Imper ativo.


L'impe rativo è caratte rizzato dalle desine nze: il tema è
quello stesso dell'in dicativ o.

Note ai Paradigmi (§§ 475.47 6).


T § 544. - Sistem a del prese nte.
PRESENTE INDICATIVO. I C o n i u g a z i o n e. Forse in
amant, non *amau nt abbiam o ancora un resto di coniug azione
atema tica; ma è anche facile che dalle altre person e ii si sia so-
stituit o ad au nella III pI.
II C o n i u g a z i o n e. Da -es -et (> -et § 135) -etis con
-é- per -"i-ie-, l'-e- si è diffuso alla I e III pl, dove si dovreb be
avere *-eum1U~ *-eunt da *-~o- (o coniugazione atema tica, vedi
sopra '); meun! (TibulIo-Lygd.) doleunt (iscriz.) sono innova ti
di su -eo secondo -iunt: -io nella III e IV coniugo o anche su
eunt di eò (ire).
III C o n i u g a z i o n e. III pI. ancora -ont in cosentiont
(12 2, 9), nequin ont Fest. ecc., oltre il tremonti del Carm. Saliare .
Nella I pI., volumu s quaesumus hanno la varian te u di i avanti
m (§ 42), mentre altrove -i- si è stabili to per analog ia con -is
-it -itis; questa analog ia non esistev a per oolumue (vis vult
vultis l), e le forme con i di quacso son troppo poco usate per
infiuire su quaesumus.
Forme con vocale lunga conser vate avanti -t della III sg.:
ariit habè: scit, tutte di PI. che ha anche la breve.
PARTE Il. - MORFOLOGU. 289

§ 545. - IMPERFETTO INDICATIVO. Con vocale lunga nella


III sg. ponebfit Enn. (e mandebat id.). - Nella IV coniugo -ibam
è presso Plauto più frequente di -ièbam. (scibat, exaudibam ecc.);
in seguito le forme oon -i- sono raramente usate (polibant Verg.,
molibar Ov., grundibant Olaud, Quadr., mollibat Apul.); esse
sono però presupposte dalle lingue romanze (it. udivo eec.),

§ 546. - FUTURO. II coniugo dèleam. ecc. Vulg. per delebo


secondo il modello della IV coniugo (audiam: audio = deleam:
deleo). - III coniug.: reddihO Pl. di reddere è da red-dabO, con-
serva perciò il senso per l'antica composizione, scomparso nella
formazione di reddam; ma nella I sg. troviamo exsugebO Pl.
(Epid. 187), dicebO 'I.,ivebO Novio (di sui rispettivi imperfetti).

T § 547. - PRESENTE CONGIUNTIVO. Conservazione di antica


lunga avanti -r, -t: utar taciat amet Pl. ece.: nel congiuntivo
la lunga è abituale presso i poeti più antichi.
IMPERFETTO CONGIUNTIVO. Anche qui I'abbrevìazionedell-s-
avanti -r, -t è posteriore a Plauto.

T § 548. - IMPERATIVO PRESENTE. Le finali -a -e -i di II sg.


sono soggette ad abbreviazione giambica (§ 28) presso i poeti
più antichi (ama tace Pl. ecc.), e alcune forme fossilizzate come
semiparticelle hanno serbato la breve, cave puta: altrimenti la
.lunga è in seguito regola. Da dico duco tacio (per tero cfr.§ 557)
troviamo gli imperativi apocopati dic duc taci ma nella lingua
più antica (Pl. Ter. Lucil. Cato) si trovano anche le forme intere,
dice duce tace (composti -dio, ma edice Verg.; -diic; ma per-fice ecc.
perché il vocalismo radicale era mutato rispetto al semplice).
Nota anche inger Oatull., inoltre la particella em = eme ed
heus, probabile antico imperativo di *gheus- 'udire', § 93 Nota.

§ 549. - IMPERATIVO FUTURO. Ancora -tod in violatod datod


suntod di antica iscrizione (12 2, 366); -tD colla breve. (salvo casì
di abbreviamento giambico) in poeti dell'età augustea (estO Ov.)
o posteriori. - Nel deponente-passivo troviamo usate anche le
desinenze attive, dep. circumplectito Cato, .utito id., passivo

19* - V. PISANI. Grammatica Ialino storico e comparativa.


.
2!l0 GRAlIIlIIATICA LATINA STORICA E CO:lIPARATIVA.
J
censento (12 2, 583); e tuento patiunto sono arcaismi usati da
l Cicerone nel de Leg.
T NOTA. - In 12 2, 401 le forme fundatid parentatid sono oschìsmi (si noti
I nella prima fUMare per fundere, cfr. § 435) in cui alla base segue il suffisso
I osco di perfetto -tt- e poi -id per -è-d, L'altra forma della stessa iscrizione,
proiecitad, dev'essere scritta erroneamente per proiecatid' e derivata come
le precedenti da un pro-ièciire = pro~eere.

I § 550. - Sistema del perfetto.


' PERFE'I'TO INDICATIVO. III sg. volgare con sincope trium-
phaut edukaut ecc., onde it. trionfò, educò: s'hanno da metter
sullo stesso piano forme plautine con -avit monosillabico Y -
III pl. -èrun: non si trova in Pl. col perfetto sìgmatìco, ed è
usato dagli scenici solo alla fine di verso o di kolon: -ère
ed -èrwn: appaiono in epoca antica usati indifferentemente: ma
dalla seconda metà del II sec. a. C. è usato nei monumenti
più importanti solo -èrunt, che è più frequente delle altre due
forme già in Pl.

T § 551. - FUTURO II e CONGIUNTIVO PERFETTO. Si trovano


forme in -ero -erim indipendenti dal tema di perfetto: adi1J.-
verit Pl., i1J.verint Catull., moneris Paeuv., siris siritis sirint Pl.,
da cui si vede che questi « ottativi II erano in origine formati
direttamente dall'aoristo sigmatico: cfr. § 536. Quanto alla
prosodia dell-é-, in epoca antica il congiuntivo ha di norma
la lunga anche nella III sg. -it (-i- per abbreviazione giambica l),
il futuro la breve (ma addUxerit Pl. Merc, 924); in seguito è
generale la forma colla breve per ambedue i paradigmi, e solo
sporadicamente, per l'uno e per l'altro, compare la lunga.'

Alcune" anomalie ".


T L § 552. - I. TI paradigma di questo verbo è combinato
ESSE.
di derivati dalle due radici es- e fu- (*bheu-~-). P re s e n t e:
sum es est sumus estis sunt, cfr. scr. d-smi asi asti smd« sthd
PARTE II. - MORFOLOGIA 291

santi, gr. El [.L L (eol. ~f.L(.LL) et €(rrt Écr(.LÉv È:crTÉ Elcrl (dor. EVT().
II paradigma greco ha nella I e II pl. il vocalìsmo normale
della radice, secondo il sg. e secondo la III pl. èV"t't da *~v-"t't =
gt. sind o. s e n t ecc. (l'abolizione dello spirito aspro per ana-
logia delle altre persone, specie èa"t't); il SCI'. conserva perfetta-
mente l'antico stato di cose. Il lt. sunt da *sonti (come tre-
monti § 468, gr. ì.Éyovn ecc.) è uguale all'ablg. satU e proba-

bilmente antico; secondo esso si è. rifatto *smos (= SCI'. smas)
in *somos > sumu« (§ 15) che ha recato seco il rifacimento di
*e.~mi in sum (cfr. la contrapposizione ÀÉyw Àé:yofLe:v Àé:YOV"t'L con
-()- a, Àsye:Lt; Àé:ye:L ÀÉ:ye:"t'e: con -e-); estis è per *stis secondo es:
quest'ultima forma suona in Plauto anche ess, cfr. l'omerico
:Gd rifacimento di d = SCI'. asi ie. *esi. Un esum è costruito'
da Varrone ; l'('.~.n:s tramandato per Accio sta forse per eseis,
dr. appn-sso: simu« per SI(,1n1(.~, forse dall'osco dove abbiamo
s i m = ,~U11/. si trova fin dal I sec. (era adoperato da Augusto e
ritorna nelle lingue romanze). Un futuro col suffisso -sco-
(§ 4!J~) abbiamo nell'arcaico escit ' erit ' (XII Tab.), euperescù,
cfr. armo congo i~c ' sit' da *es-ske-ti. .
I m p e r f e t t o eram da *es-a-m § 529; f u t u r o e1'O (esed
F ~, l; III pl. talora erint secondo il fut. anteriore § 539) da
*l'S-U § 537; c o n g. p l' es. sim (antico siem. sie.~ siet simus ecc.
accanto a sim si« sit, Pl. sit; III pl. arcaica sient da *sl-ent
come SCI'. sy-ur, rifatta, in sint come il resto del paradigma)
§ 536; c o n g. i m p f. essem da *es-se-m e jorem da *fu-se-m
§ 534; i m p e r a t i v o es este, esto est6te sunto (antico est6d
sunt6d; sunt6te in una glossa); p a r t i c i p i o prae-sen« ecc.,
e s6ns usato come sostantivo 'il reo'.
P e l' f e t t o fui ecc. (o fui fuvi § 29) dalla 'l'ad. fff,- che dà
pure, col suffisso -a-, l'arcaico congiuntivo fu-am, [orem (v. sopra),
inoltre il partic. fut. fuUÙus e l'infinito [ore da *fu-se (§ .566).
Composti: dèewm. des dest àeram (scritto anche deeram, e
così via); j!l'usum prad-es pl'u-flli prad-esse; ecc.

19- V. PISANI. Grammatica latina storica l' comparativa.


292 p,RAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

T § 553. - II. Posstnr. Su di esao cfr. §§ 460.519. P re s e il t ~


i il d i c. possum potes (pote§!i Pl, come ess, § 552) potest pos-
sumu« potestis possunt, i m p e l' f. poteram, f u t u r o potero
(III pl. anche potcrint come erint § 552); c o n g i u n t i v o
p re s. possim (possiem ecc. Pl., § 552), i m p f. possem
tpotessem. Enn.; potissem Lueil., forse apJqJogico per potis
essem, così come in periodo arcaico tornano qua e là le forme
acomposìsionali potis es poti« sint potisit). - P e l' f e t t o
potui ecc. Forme isolate di p a s s i v o: potestur Enn. Pacuv.
Lucr., poteratur Oael, Antip., possitur Cato, possetur Claud.
Quadrig.

T L § 5M. - III. VOLO. P r e s e n t e volo vis volt volumus 1lOltis


110lunt (dalla fine della repubblica vult 1:ultis). Salvo la I sg.,
iu cui -o è subentrato a -mi, una formaziq1}q atematica in cui
volt è da *,!!:el-ti (§ 14), mentre il vocalismo del plurale può anche
essere di grado o: *,!!:!-. Su -umus cfr. § 544; 1)is, antico veie
da »oi« (questo 122, 4; cfr. § 20) risalirà a *t:ols da *uel-s rif~to
dopo che l'antico *,!!:el-si aveva dato, attraverso *velli,vel
usato come particella (cfr: ital, mtOi - vuoi). I m p f. vo7~hlfm
f 11 t. oolem. sono normali; ffla o avanti l + e è analogo a quello
del presente (cfr. § 14): Invece vel- avanti vocale palatale o
con -ll- si trova nel p l' es. c o n g. pel-i-m vel-i-e antica
forma 4f ottativo (~ 536) e nell' i m p f . c o n g. vellem da
*vel-se-tr~ (§ 534) coll'ìnì. velle da *vel-se: li tema del p e r -
f e t t o ha coniugazione regolare (volui eee.). Nota sis da
si vis e 8ultis da *sei (v )oltes attraverso *seoltis § 32. C.ol\IPOS'l'I
di polo sono: I. nolo da *ne-volo nevis nevolt (posteriore 1ton vis
non vult) nolumus non vultis ni5lunt, nolebam, nolam, nolim,
nollem; da nolis nolit nolitÙ: si è fatto P i m p e l' a t. noli
nolito nolite secondo a'1fdis ttudit auditis: audi audito awlite
(neli di una glossa presuppone un congiuntivo *nelirn rifatto
forse secondo velim). - II. malo da maIJolo §§ 460.33, mavis
mavult ecc. come nolo; ancora in Pl. isolatamente mavolo mavelim
e, sempre usato, mavellem.
PARTE II. - MORFOLOGIA 298

T L § 555. - IV. Bo. P re s. i n d i c. eo is it (ancora it Pl.


Enn.) imus itis eunt (int gloss.), passivo itur. Eo da *ej-o per
*ei-mi = ELfLL scr. emi con sostituzione di -o a -mi come in
volo; is it atematici , d eL(jL scr. é~i éti da ei-, secondo questi
i-mus t-tis per io, cfr. ~fLev he scr. imds ithd; anche eunt col
grado normale della radice (da eo) per *ionti cfr. scr. y-dnti.
I m p f. i-bam (§ 530; tardo exièba: rediebat come a1tdiebat
cfr. is: audis ecc.), fu t .ibo (redies Apul, triinsiet Tibull.,
Itala, Tertull. come audies audiet), p re s. c o n g. eam da
*ei-iim (ambiiimus Cic. come audiiimus), i m p f. c o n g .
irem da *ei-.~e-m, i m p t. i da *ei come es § 552 (gr. ~1t-eL,
homo d I)' ~ye) ito, p a r t i c. ièn« = scr. yrtnt- euntem = gr.
t6v't'-(x § 242, con e- secondo eunt, i n f. ire; R-~!} e t t o ii
§ 525 (ed ivi; in-it Lucr., abit Lucil., adisti Verg. ecc. § 524) e
così via (adieset -ent adiese P 2, 581 con e scritto per ei = i
§ 21): p p p. ad-itus Pl. ecc., ma amb-itu» Ov. come audittts,
su P i n o itum: i composti, come si vede, tendono a regolarsi
sulla IV coniugo - Come si è visto (§ 454) nequeo è composto
di eo, e queo ne è stato ricavato secondariamente: perciò la
coniugazione di questi due verbi coincide con quella di eo
(ppp. quitus Ter.).
L § 556. - V. BDO. Come in sum e volo, troviamo in questo
verbo l'ingresso nella coniugazione tematica delle prime per-
sone sing. e pl. secondo la III pl., poiché nella coniugazione
tematica queste tre persone avevano o come uscita del tema,
contro e delle altre, laddove le seconde persone e la III sg.
rimangono atematiche: edo es est (passivo estur Pl.) edimus
estis edunt (cfr. lit. èd-mi scr. dd-mi ecc.), i ID P t. es este
estO, c o n g. i m p f. essem i n f. esse: la lunga in rifatti
*ed-si ecc. per la legge di Lachmann § 25. I m p f. i n d .
edebam (tardo). O o n g. p re s. edim edis (§ 536); solo dopo
l'inizio dell'era volgare sorge edam ediis, così pure il preso edo
edis « regolare» di III coniugo P e r f e t t o edi ecc. (tardo
e volgo edidi secondo edidi di e-do). S u p i n o esum ecc.
294 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

§ 557. - VI. FERO [ere fert ferimus fertis [erun: da un antico


presente atematico (cfr. gr. rpép't"e, SCI'. bi-bhar-mi e bhér-ti
III sg.) accanto a cui doveva però già al tempo dell'unità ie,
essersi sviluppato il paradigma tematico che ritroviamo in
SCI'. bhdrati gr. rpépeL gt. bairi]. ant. irland, berith 'fert' ablg.
bereiù; atematici anche l'i m p t. fer ferte (= rpép-re), il c o n g .
i m p f . ferrem da "[er-sè- § 534, l' i n f . [erre da "[er-se; del
resto come lego. Il p e l' f e t t o forma il suo tema dalla radice
*tel- (in toZZo da *tol-no, *t!-no § 490): tu li ecc., tipo di aoristo
radicale (§ 506 Notaj e tetuli § 509); dalla stessa radice il supino
latum da *tl-ii-tu-m.

L § 558. - VII. Do diis dat damus datis dant. L'antica coniuga-


zione doveva essere *do-mi *do-si *do-ti *da-mos ecc. con varia-
zione o/a (cfr. gr. Ò(ÒWIl-L: ò(00ll-ev, SCI'. dddiimi dddiisi dddiiti
dadmds ecc.); la I sg. è al solito passata alla coniugazione
tematica, questa volta eliminando il -mi desìnenziale, la II
e III sg. hanno cambiato il loro o coll'a del plurale, ma in se-
auito secondo stàs : suu (da stiit § 135) si è fatto das: dat (mai
*diit, nemmeno in Plauto), similmente l'antico imperativo
*dii date (ancora in cedo con abbrev. giambica § 28, cette,
§ 456) è passato a da (cfr. sta) date. Del resto, come nella I
coniug., ma sempre con ti: diibam dabO darem dare, congo preso
dcm des cfr. ÒOL-tjV òO('IJ~ < *da-je- e §§ 533.536. Il presente ra-
dicale ritorna in armo (ta-m ' dò' ta-mk' 'diamo' con gene-
ralizzazione dell'a) e forse in lit. duo-mi ablg. dami 'dò'
(duosti dastu 'dà' ecc. sono rifacimenti secondo èsti jasti/,
'mangia ': imi jami 'mangio' rado *ed-); invece gl'. e SCI'. hanno
il preso raddoppiato, O(ÒWIl-L dddiimi, cfr. peligno dida 'det'.
T L § 559. - I composti del tipo antico (red-do pro-do) sono entrati
completamente nell'analogia della III coniugazione (grazie al-
l'indebolimento in -1,- dell-è- radicale: pro-ditis da pro-datis ecc.)
e si coniugano come lego; l'antica coniugazione si serba ancora
nel futuro plautino reddibO da *red-dabO, cfr. § 42. - Ma cireum-
dare è posteriore agli effetti della intensità iniziale. - Una
PARTE II. - MORFOLOGIA 295

parte dei composti con -do appartiene alla radice *dhé-,


cfr. §§ 96.496 Nota.
Una. forma allotropa della radice, *dou-, per cui cfr. il greco
cipriota inf. 80f -éVOCL, il lit. dov-ana ' dono', il falisco dou-iad
, det' ecc. si trova ancora in forme quali duim perd1dm e
fut. anter. inter-duo (tutti Pl.), ottativi e congiuntivi di un
aoristo radicale, cfr. § 536; altre forme sono creduis creduiis
(con attrazione di credo, rado dhé- § 460, nell'analogia di do),
addues ecc.
L § 560. - VIII. FIO. P r es. fio fis fit (Pl. fU) ecc. I m p f .
fiebam, f u t . fiam, c o n g. p r es. fiam, ma c o n g. i m p f .
fierem i n f i n i t o fieri (presso gli scrittori arcaici talora
[ierem ecc.): la radice è *bh'f!-i- § 116; non chiaro il rapporto
fra i ed i (questo solo avanti -er-). Da p e r f e t t o funge
factus sum; ma un arcaico fUum est si trova in Livio Andronìco,
così come arcaiche sono le forme passive fUur e fiébantur.
T § 561. - IX. INQUAM inquis inquit inquimus inquitis inquiunt;
la I sg. è un congiuntivo. I m p f. inquibat, f u t. inquies
inquiet, i m p t. inque inquito, c o n g. p r es. 1:nquiat
(tardi, inoltre, inquio inquo e inquiens): sono formazioni di un
tema aoristale "en-squ- come gr. homo ~-a1t-E-'t"E da *èv-a1t- ac-
canto a cui è rimasto l' i m p t. P r es. arcaico inseque in-
sece = homo ~WE1tE da *èv-aem:.
§ 562. - X. Ano ais ait aiiunt (Pl. ais ait) c o n g. p re s .
aiiat, i m p f. aiiebam ed aibat (Pl.) ecc., p e r f. ait è quanto
resta. di una radice ag- 'dire' (gr. ~ da. *~y-'t", (iv-wy-oc cfr. ad-
ag-ium) con preso *agio > aii.o, *agiesi > *aiis > ais ecc. Cfr. § 82.

§ 563. - XI. Di FARI sono impiegate solo le forme di p re s .


fat'ur fantur, l' i m p t. fare, l' i n f i n. fari farier, il p a r t i c .
fans, fandus fandi fMu, il fu t. fabor e le forme perifrastiche
del sistema di p e r f e t t o (fatus ha valore passivo l). La
radice è quella *bhii- di cpOCflL c?YjflL ecc.

§ 564. - XII. Solo nel perfetto, ma con valore di presenti


296 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

(che è quello antico del pf.), sono usati memini (che ha anche un
imperativo memento mementote), coept (più antico co-ep; di
ap-io) e odi (cfr. od-ium).

§ 565. - XIII. Nota infine le forme di saluto avi (hav'i; in


esso debbono essersi fusi un antico ave e un havo punico), salve
(probabilmente in origine l'avverbio di salvus) e »alè, che hanno
sviluppato dei plurali avete salvete valete, e alcune altre forme:
salvebis »alèbi« avere salvere valere, cura ut oaleas. Aveas aoèrem
avébo s'incontrano solo in epoca tarda.

Il verbo infinito.
L § 566. - 1) L'infinito presente attivo si forma a mezzo
di -se (-re dopo vocale) aggiunto al tema del presente: es-se,
cel-le (nolle malle; -ll- da -ls- § 83), es-se di ed-o, [erre (-rr- da
-rs- § 83), i-re, da-re, sta-re, implè-re, ama-re, monè-re, leçe-re,
cape-re (da -i-se § 18), audi-re; [ore da *fu-se § 18; poese (ant.
potesse). Si tratta dell'antico locativo di un astratto verbale
iT'II- come scr. prà-s-i = plère da *ple-s-i; cfr. dasi che in PF. è
interpretato dari ma molto probabilmente sarà un infin. at-
tivo, uguale quindi al posteriore dare. Desinenza dativale ha
invece il scr. jiv-as-e uguale in tutto, salvo appunto nella desi-
nenza (che è di dativo), al lt. viv-er-e « *g,!!i,!!-es-i).
N ota, con sincope mediana o finale, gli arcaici o volgari
suependre (IV 1864), oedre (12 2, 366), tanger (12 2, 501), biber
dare (Cato) ecc., e i volgari haber [ecer eec.; volgare e tardo
esse-re, inoltre potere di su pot1~i secondo monère : monui. Di
fio si adopera fieri concordemente all'impiego di questo verbo
come passivo di facio, ma fiere è testimoniato per Ennio e
Levio.

T § 567. 2) L'infinito presente deponente-passivo si


forma:
IX) Dal tema di presente della III eoniug. a mezzo di -i
PARTE II. - MORFOLOGIA 297

(legi capi) che appare scritto anche -ei (solvei mittei darei legei),
ma in epoca in cui la distinzione fra gli antichi -i ed -ei non
era più sentita, per cui la grafia non ha alcun valore probativo
circa la forma originaria della desinenza;
~) Dal tema di presente delle altre coniugazioni a mezzo
di ori (amari moneri audiri; inoltre ferri fieri dari ecc.);
T y) Colle desinenze -ier o -rier a seconda delle coniugazioni,
parallelamente ad (l. e ~: testarier viderier loquier opperirier. Queste
forme in -(r)ier sono arcaiche, e dopo Catone e Lucrezio usate
solo raramente, coll'intento di dare al discorso una patina
arcaica.

T § 568. - Da ~ non sembra si possa staccare il pakari ' pa-


cari' dell'iscrizione di Dueno (P 2, 4): poiché l'iscrizione è
anteriore al rotacismo e alla monottongazione di -ei, questa
forma ci farebbe risalire a un antico ori contraddicendo l'opi-
nione che ori possa corrispondere al -se degli infiniti dativali
sanscriti come jivase (per cui cfr. § 566) ed -i a quelli come -aj-e,
apparentemente uguale ad ag-i (§ 155). In tal caso, -r- sarebbe
il solito elemento mediopassivo che abbiamo trovato nelle
desinenze personali (amo-r ecc.§ 471), ed esso ritorna come
finale di -ier, cosicché un infinito come amarier conterrebbe
due volte tale elemento (amarim',pare bene il risultato di una
contaminazione fra i tipi amari e legier); quanto a -t, esso
potrebbe rappresentare un antico -ie, come nel vocativo tili,
e cioè l'-ie- di -ier, conservatosi avanti or: ciò renderebbe pro-
babile il confronto di -ie- (> -i) collo -ya che in sanscrito forma
gerundi (-vrtya 'volgendo' = oeru, vortie-r) e che in origine
parrebbe strumentale di un tema in -i-o

§ 569. - 3) L'infinito perfetto attivo si forma aggiungendo


-isse al tema del perfetto: amao-isee monu-isse leg-isse cep-isse
audiv-isse. Si tratta evidentemente di -se (cfr. § 566) preceduto
dall'elemento -es- che abbiamo visto trovarsi alla base delle
formazioni di piuccheperfetto ecc. (§ 528); -isse per -esse (come
nel pchpf. cong.) secondo -isf'i -istis nelle II persone del per-
298 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

fetto indicativo (§ 470; es, estis: esse = fuisti fuistis: fuisee).


Nel deponente-passivo il perfetto ha per l'infinito, al solito,
la formazione perifrastica: amatum esse ecc.

§ 570. ~ 4) L'infinito futuro attivo è costituito dall'accu-


sativo del participio futuro atti vo in -tùru« (§ 210) tratto dal tema
del supino (§ 573), seguito o non dall'infinito esse: facturum
-am -16m, -os -as -a (esse); la forma senza l'infinito esse è la più
comune in periodo classico. Nel latino arcaico si trova spesso
-tùrwm. (senza esse) per tutte le persone: pollicito scse factumm
omnia (Cato) ecc., c questo dev'essere l'aspetto più antico.
Probabilmente facturum è modellato secondo il supino factum
in ragione del rapporto che si scorgeva tra facturus e il ppp.
factus; solo secondariamente si dev'essere addivenuti all'accordo
tra l'infinito futuro e il numero e genere del nome o pronome
cui esso si riferiva, quando il parallelismo tra facturum e il
supino [acium. non era. più inteso, e si pensava invece alla costru-
zione del ppp. [actus,

§ 571. - 5) L'infinito futuro passivo tipo redditum iri è


foggiato, coll'applicare a ire la forma passiva in ori, dalla co-
mune locuzione costituita dal supino in -tum col verbo eo
(eo quaestum Pl.; passivo: contumelia quae... mihi factum itur
Cato); ·come in tale locuzione viene in seguito, almeno nella
tradizione manoscritta, omesso l'-m, così troviamo le scritture
redditu iri, datuiri ecc. In Pl. si trova anche praedatum irier
(U.ud. 1242).
§ 572. - 6) Il qerundio, che serve a declinare l'infinito
(amandi amando amandum; monendi; legendi e legundi, fa-
ciendi e faciundi; audiendi; eundi ecc.), è nella formazione
identico al gerundivo (su cui cfr. § 249; ivi anche sulla origine
del gerundio).

L § 573. - 7) l supini, cosiddetti attivo e passivo, sono l'ac-


cusativo e il dativo di temi astratti in -tu- designanti l'azione
cui si riferisce il verbo; la formazione di tali temi in -tu- pro-
PARTE II. - MORFOLOGIA 299
cede parallelamente a quella del ppp.: amiitus, amiitum e amiitu;
monitus, monitum e monitu; lectus, lectum e lectu; perculeus,
perculsum e perculsu. Per la forma di dativo si trova anche
-tui: memoriitui ecc.; cfr. § 350.
Al supino lt. in -tumcorrispondono esattamente il supino
baltoslavo (Iit. duotu, ablg. datu = lt. datum, salvo l'apofonia
radicale, ecc.) e l'infinito scr. in -tum (ddtum, bhdvitum 'es-
sere' ecc.). Altri infiniti forma il ser. da questi temi in -tuo,
p. es. dativali come e-tac-e e-ta/o-ai ' per andare' (rad, i-), gene-
tivali come han-to-s 'per uccidere '.

La coniugazione in latino volgare.

T § 574. - Astraendo dalla tendenza a creare forme perifra-


stiche pel futuro (habere o velle coll'infinito, e di qui una nuova
forma sintetica del tipo ital, amero da *amare hao cioè habeo)
e pel perfetto ihobere, negli intransitivi esse col ppp.), e di
sostituire in tal modo il morente passivo (esse, nell'Italia set-
tentrionale fieri col ppp.), osserviamo nel verbo latino volgare:
a) La tendenza ad ampliare le coniugazioni I e, in minor
misura, IV a scapito delle altre due che vengono in parte con-
fuse fra loro, cfr. lugere miseère tondère respondère (e, ricavabili
dalle lingue romanze, ARDERE MORDF..RE RIDERE, TORCERE per
tm'quere) e d'altro lato CADERE SAPERE e simili; forse la pro-
nunzia di -!lo come -io (§ 72 e) nella I sg. preso ha facilitato il
passaggio di verbi dalla II alla IV coniug., p. es. fiorire lucire
lugire ed IMPLIRE PUTRIRE; in conseguenza si ha -tsoere per
-eeoere, ad es. lucisco e FLORISCO ecc.; similmente alla IV sono
passati i verbi in -io- della III, già in antico tempo come moriri
PI., fodiri Cato, cupire Lucr., e poi fugire Aug. CAPIRE (accanto
a capere) eec.; altri verbi della III passati alla IV sono gemire
FALLIRE SEQUIRE e così via.

§ 575. - b) Alcune speciali formazioni sono: I c o n i u g .,


per i verbi monosillabi, DAO STAO ADNAO DAUNT STAUNT, se-
300 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

condo cui anche HAO ed HO, HAS HAT HAUNT ed HANT; III c 0-
n i u g., potere (di su potui) con poteo e posso potèbam. potèbo e,
secondo questo, il semanticamente affine nelle passa a volere
con preso VOLEO volimus e volemus; facio acquista forme più
brevi per analogia di dare, quindi FAO FAS FAUNT FANT ecc.;
cadere completa il suo paradìgma con ANDARE, ALLARE, ire;
a dicere si affianca DiRE (secondo FARE e il rapporto dic : fac).

§ 576. - c) Futuro primo e generalmente anche anteriore,


congìuntivo impf. e generalmente anche perfetto, imperativo
futuro sono scomparsi (salvo sopravvivenze isolate), così pure
l'infinito perfetto e futuro, i supini, il participio futuro e il
gerundivo. Scompare l'intero passivo, sostituito dalla forma-
zione perifrastica (§ 574), e i deponenti prendono la forma attiva.
Di quanto rimane, il perfetto ind. si conserva col valore di
aoristo, mentre nel valore di perfetto è sostituito dalla forma
perifrastica (il passato prossimo italiano); il piuccheperfetto
indico col valore di passato semplice, talora di condizionale:
il piuccheperfetto congiunto col valore dello scomparso imper-
fetto (cantassem > ital, cantassi). Si costituisce un nuovo para-
digma, il condizionale, modellato sul futuro perifrastico sosti-
tuendo al presente di habeo l'imperfetto o il perfetto: CANTARE
HABEBAM od HABUI, ital. canteria e canterei.

§ 577. - d) Nel presente indie, troviamo talora che i verbi


in -io ed -eo passano a verbi in -o: AUDO DORMO VIDO; struo
trah6 veh6 secondo i loro perfetti e ppp. struxi structus ecc. e il
rapporto rego rexi réctus ecc. dànno STRUGERE TRAGERE VE-
GERE; la IV coniugazione introduce in Italia, Gallia, Rezia,
Dacia la coniugazione degli incoativi con -isco in luogo delle
antiche persone del singolare e della III pl. (ital. finisco finisci
finite finiscono, cfr. FLORISCERE § 574); essere (il vecchio infinito
è prolungato del solito -re, come la forma usuale sostituisce gli
antichi celle e posse) diffonde l'iniziale s- di sum ecc. a tutto
il presente (SES SEST SETES), e nel congiuntivo forma, accanto
a sim, SIAM per incrocio con fiam.
PARTE II. - MORFOLOGIA 301

e) Nell'imperf. indic., -ibam della IV coniugo finisce col-


l'imporsi esclusivamente a spese di -iébom, cfr. § 545.

T § 578. - 1.) Il perfetto conserva all'ingrosso le antiche forma-


zioni, ma non senza importanti spostamenti e modificazioni:
premesso che i perfetti deboli con -vi assumono il carattere di
formazioni regolari, osserviamo:
T Ot) La tendenza ad usare nel perfetto debole le forme
Ilcontratte» in -asti -astis -arunt -isti -istis -irunt, cui si affian-
cano nella I sg. -ai -ii per -avi -ivi -ii, nella III sg. -aut -s«
-lit -llT -tt per -avit -ivit, nella I pl. -iimu« -imus per -tivimus
-ivimus. Analogamente sorge un tipo con -El -ESTI -lh -El\I(M)us
-ESTIS -erunt dall'incrocio di queste desinenze con forme in
-dedi da *-didi in credidi perdidi vendidi ~ 509, accanto e da
cui s'erano fatti prandidi scendidi respondidi ascendiderat incen-
dederit prendiderunt videderunt ecc.

T § 579. - ~) Il perfetto forte ha tre tipi: in -ui, -si, -i. Abbiamo


il primo in placui, habui od *hebui onde -bui per -vi dopo radice
in vocale: COGNOBUI cn.EBuI it. conobbi crebbi, inoltre tenui
it. tenni, sapui SEI'Ul: per sapivi it. seppi, VEX"l'I it. t'/'nni per
veni ecc. - Il secondo è costituito da parte dei vecchi perfetti
latini in -,~i, cui l'e ne aggiungono dei nuovi: absco( n )si, ACCENSI,
. .APERSI, CURSI, ERsI (erigo), LExI, MORSI, OCcISI, VINSI ecc. -
Il terzo, in cui i raddoppiamenti, all'infuori di dedi esteti,
sono aboliti, si riduce grandemente rispetto alle antiche forma-
zioni radicali latine, per passaggio alle classi meglio caratterizzate
in -ui o -si, senza che intervengano nuove accessioni: restano
feci (e jecuit) vidi (e vfouì) fui veni (e VENUI).
Dall'osco penetra nell'Italia specie meridionale una forma-
zione con otto: it. vendetti detti (ace. a dièdi da dedi, secondo cui
stièdi) stetti, dial. facetti ecc., cfr. O. prUfatted 'probavit 'ecc.
302 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

D. - Gli indcclinabili.
T § 580. - Nel capitolo degli indeclinabili rientrano tutte le
forme, non nomi né pronomi né verbi, che non vanno soggette
a mutamenti di flessione in seguito al loro impiego sìntattico.
Si tratta quindi di a v v e r b i (compresi quelli costituiti da
casi irrigiditi di nomi e pronomi o comunque derivati da nomi
pronomi e numerali, dei quali abbiamo già detto nei §§ 416.431.
392), la cui funzione è di determinare una proposizione, un
verbo, un aggettivo o un altro avverbio; di p r e p o si z i o n i,
antichi avverbi che dal determinare una proposizione sono sta~i
attratti a specificare la funzione di un suo complemento, defi-
nendo meglio la relazione sìntattìca indicata dal caso, ovvero
a modificare il significato della radice verbale con cui si trovano
in composizione (composizione verbale,§§ 454 segg.); di c o n-
g i u n z i o n i, parole che valgono a indicare i rapporti fra
parole coordinate o fra proposizioni coordinate o subordinate;
infine di i n t e r i e z i o n i, propriamente puri gesti vocali
d'indole esclusivamente affettiva, ed estranei a rigor di termine
al linguaggio in quanto esso è comunicazione di una intuizione
dialetticamente organata.

T L § 581. - Avverbi primitivi sono:


I negativi ne- (scr. sui, gr. v~vefLoç da *ve-cxvefLoç ecc.) in
ne-vis ne-volt ne-fas ne-scio ne-que (onde neque6 § 454), nemo
da ne-hemà, nihil(um) da ne hilom ' non un filo' (§§ 13.105.217)
e non da ne oinom 'non uno' (anche noenu· noenum presso
Lucil. e Varr.), cfr. anche § 409; ne (osco ni) in orig. non subor-
dìnatìvo, nec (da non confondere con nee sincopato da neque)
, non' in monumenti arcaici, infine ni da ne + i; inoltre haud
hau da *ghJ-y:'ot di *ghe-' lasciare' come apud da *ap-y:'ot § 256.-
sus-que dè-que, il primo da sub-s coll'elemento -s di abs ecc.,
conservano il valore avverbiale antico delle preposizioni 8ub
e de. - heri od here per abbreviamento giambico da heri, pro-
babilmente forma Ioeativale (come tempori § 420) di hes- in
hes-ternus, cfr. gr. X&iç scr. hyds 'ieri '. - criis, di origine
PARTE II. - MORFOLOGIA 303

ignota, ricorda lontanamente il scr. çvds 'domani'. - hodie


è da *odi"i = ser. adyo", ma ha preso h- per influsso del pronome
hic, e in faliseo, interpretato come ' hOc diè ', anche il -d abla-
tivale: [oied (pel 1- cfr. § 105). - mox = scr. mak~u. - d'iJ.dum
parrebbe assimilato, forse anche con influsso di dum e per
evitare I'omofonia con durum, nonché per reazione puristica
al rotacismo di d § 108, da un *durom = scr. durdm 'lon-
tano; da lungo tempo' e andrebbe quindi con durus durare, la
cui radice *deu- (cfr. ser. ddv-iyas- comparativo di durds ecc.) è
forse contenuta in dum. - denique da de più le particelle -ne (in
pone, superne ecc.) eque; similmente dimec contiene il do 'fino a '
di quando (§ 427) e le due particelle suddette (-que sineopato
come in nec negativo accanto a neque). - sem-per nu-per sono
composti colla postposizione per; il primo contiene il numerale
sem '1', cfr. § 387, il secondo l'avverbio *nu *nun = gr. vu
vuv che ritorna, colla particella ce § 376, in nunc. - pridem
è derivato col -dem di idem ecc. (§ 371) da *pris- 'prima' (anche
(in priscus pridie), formazione avverbiale di prior prius, com-
parativo da riconnettere con prae, fatta come magis di maior
maius, quindi da *pri-is (cfr. § 255); una formazione simile è
satis (onde sat da *sati con caduta di -s) accanto al compara-
tivo satius cfr. satur ecc.; e tale parrebbe nimis" col compara-
tivo neutro nimius (Cato) da ricondurre forse al *nem- di
gt. nima 'prendo' (lt. emo senza n-; i per e come in s·imilis
§ 13), quindi 'comprendente troppo' o simili (dall'aggettivo
derivatone, nimius, son fatti nimio e nimie). - saltem forse
da *sei alitem, questo come ali-quando e col suffisso di i-tem
§ 428, nel senso di ' se altrimenti' > ' almeno'. - vix (e vixdum)
forse da *vic-is (cfr. [L6Y-Lç; potrebbe essere lo stesso -is di
satis nimis): vinco' con forza' > ' appena '. - paene di origine
ignota (forse analizzabile in pae-ne 'per poco - non'; ma.
donde pae?). - lere col superlativo ler[i]me, di origine oscura:
*bhis-e cfr. scr. bhi:~-d 'con timore'? - prode, astratto ila
prùdest composto di prod + est (§ 583). - sto § 428, ecc.

L § 582. - Come preposizioni sono usate parole che conser-


304 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

vano ancora il valore di avverbi: ante (&v"t"t; volgare ab ante>


it. avanti); circum e circa (da eircue nel significato originario di
! ~~Fchio ') e eirciter (§ 422; anche id-circo); clam (accus. di un
*cla- nomen actionis di oo-eulà celo; antico anche callim da
*k!a-); iuxta (da *iug-istad formazione di superlativo da *ieug- di
iungo); palam (: 1tÉÀiX<;, 1t(ÀViXf1.iXL); post (poste Enn. Pl., col *·ti
di ante: scr. paç-ca 'dopo' Iit. pàs 'presso' eec.) pone (da
*pos-ne o *post-ne); praeter (forma eomparativale di prae);
procul (neutro sg., come simul v. appresso, di un *procilis:
oc-culere ecc., quindi 'lungi dagli occhi '; oppure da pro più
un *qu"ile in gallese pell 'lontano' gr. T~Àe:~); prope (se prop- è
immediatamente identico al prok- di proximus, si dovrebbe avere
in questo una dissimilazione, cfr. § 206; prope è da pro col -pe di
quippe causale § 584); propter (formazione comparativale dal
precedente); secundum dal gerundivo e secus da *sequos § 256, di
sequor ecc.; subter (come prop-ter prae-ter) e super (\J1tÉp scr. upari)
con supra(d) (ablativo dell'aggettivo superue, derivato da
8uper) sono formazioni comparativalì di sub § 583; uersu« -um
(§ 416) e adoersu» (§ 425); ultra e citra (§§ 419.374 e cis § 583);
infra (di inferus); simul (antico semol) nom. sg. ntr. di similis
come facul di [acilis § 345; usque da *os-que = scr. accho' , fino
a " con e- gr. ~cr"t"e:.

TL § 583. - Solo come preposizioni vengono usati:


coll' a c c usa t i vo: ad (umbro - a r posposto, osco
a d - preverbio e a z cioè ad-e come lt. ob-s, irland, ad- frigio
iX~-~iXX.e:"t" iX~-~e:pe:"t" 'afficiat ai'ferat' solo come preverbio, gt. at);
apud § 256; ci-s ul-» derivati con -s dai temi pronominali ci-
(: ce § 376) ed ot- (§ 374); erga da »e regad 'dalla direzione di'
(: rego); inter = scr. antar (forma eomparatìvale di in da en);
ob (in composizione anche obs- come ab-s) = ablg. ob(u) 'at-
torno, vicino' cfr. gr. om&e:v; penee, antico locativo adesinen-
ziale di penus, originariamente 'in casa' (cfr. franco CMZ da.
lt. casa); per = gr. 1tÉpL scr. pari' attorno '; trans antico nom.
sg. ntr. del participio di -tra- in int1'are;
coll' a b l a t i vo: ab, abe (gr. &n-o &\jJ scr. dp-a; -b da -p
PARTE II. - MORFOLOGIA 305
§ 121; per ii cfr. § 143; au- in aufero aufugio è altr~ parola,
= scr. ava); cum da ~ntico com rimasto in composizione (com-
cono, accanto a cui appare anche co-), cfr. ou. com cum, anche
posposto come in lt. mecum quibuscum, gallico com- irland,
co(m)- e, meno prossimi, scr. laim. ablg. ku col dativo 'r~rso,
contro' (questo significato conservato nel derivato contrii);
ex, e (§ 143), eco, gr. Èt;irl. ess- slavo iZ(1'l) ecc. da *egzh (cfr. gr. ÈX-
.&poç da *egzdhr6s per *egzh-tro-); p"6, in composizione anche
prod-, gr. 7tpO gt. fra e, colla lunga, 7tPW-7téPUCIL ablg, pra-dedu
'proavo '; sine, tocar. A sne B snai 'senza', da raccostare a
sid si' via da; senza' (-d come in prod) arcaici e in composi-
zione (sed-itio ' l'andar via ' se-cerno *se-luo > solvo); de, irland,
di; prae, ant.· prai, osco p r a i umbro p re, formazione
dativale di pr- in pr-o ecc.; tenus § 256 (anche col gen.};
coll'ablativo e l'accusativo: in gr. Èv eec.;
sub (subs- come abs) gr. (J7t-O scr. up-a più un s- non chiaro.
Per le preposizioni nella composizione verbale cfr. §§ 454.455.
T L § 584. - Tra le molte congiunziQni del latino segnaliamo
alcune più notevoli:

a) Coordinative.
COPULATIVE: et, gr. ~"L goto ifi 'ma '; -que gr. Te: scr. ca (encli-
tica); atque onde, con assimilazione e sincope della finale, ac,
dall'avversativa at (v. appresso) più quei etiam da et iam § 31;
quoque, generalmente interpretato da *quo + que 'e con ciò',
con abbreviazione avanti enclitica § 27; neque onde nec, col
ne di § 581; et non, se la negazione si riferisce a una sola parola.
DISGIUNTIvE:a1.(,t, osco auti 'o' aut 'autem', gr. cxo
cxò,,-ocp;»el, antica II sg. preso di volo, § 554; -ve, scr. vii 'o '
gr. 'YJé da *~-fé; sive seù (da sei-ve sincopato) con si § 428.
AVVERSATIVE: sed. (= sed preposizione § 583); at, gr. &."-~p
gt. afi-fian ' ma '; autem, da aut con -em di id-em § 371; tamen
da tam +
en (onde in) 'intanto', ed attamen verumtamen.
LIMITATIVE: quidem da quid coll'-em ora visto, ed equidem
306 GRAMMATICA LATINA STORICA E COMPARATIVA

coll'*e- rafforzativo di osco e-tanto 'tanta' gr. È-xdvoç.


CORRETTIVE: quin da qui (§ 428) + ne 'come no' ' > ' che
anzi '; immo (Pl. e Ter. immo avanti vero), ittito imma 'inoltre '.
CAUSALI e DICHIARATIVE: nam, ace. sg. femm. di un pronome
*no-, cfr. tam q1tam e, per la radice, num (ace. sg. msc.), armo
n-a 'egli' ablg, o-nu id. gr. *xe-evoç > xdvoc;; enim (et-enim),
osco i n i m'et' ecc., accuso di un pronome *ni- che sta a
*no- come qui- a quo- ecc., coll'-e rafforzativo di e-quidem e di
t-xdvoç, V. sopra; quippe, un quid rafforzato col pe su cui cfr.
§§ 374.378; nempe che contiene lo stesso -pe ed è nella sua
prima parte affine ad e-nim.
CONCLUSIVE: ita-que cfr. § 428; igUur, di origine incerta;
ergo da »e regod (reg- di rego) , dalla direzione di', ~fr. erga § 583;
proinde composto di pro e inde § 424.
INTERROGATIVE: cur, antico quor § 428.

b) Subordinative.

T § 585. - FINALI: ut 1tti (ant. utei, coll'-ei di ubi ecc. § 423),


antico ali-uta formato come i-ta, dal pronome interrogativo-
relativo, cfr. ubi uter ece.; ne § 581; quo (quominus), l'avverbio
di moto a luogo § 425.
CONSECUTIVE: ut (v. sopra); quin 'affinché non', uguale al
quin correttivo § 584.
CAUSALI: cum quum (ant. quom), accuso mse. di quo-; quoniam
da quom iam § 88; quod quia § 377.
CONDIZIONALI: si § 375; modo dum dummodo ne-dum.
CONCESSIVE: quamquam; quamvis (con vis 'vuoi ') ecc.
TEMPORALI: cum quum, ant. quom come la causale; quando
§ 427; donec, donicum, donique Lucr. § 581; quoad da quo + ad, ecc.
COMPARATIVE: ut, sic-ut; ceu, da *ce-ve come seu da sive
(cfr. scr. i-va' come '), il ce- è da riunire con quello di ecce,
col ci- di citra cis ecc., § 583.
PARTE II. - MORFOLOGIA 307

c) Particelle interrogative:
§ 586. - -ne, l'avverbio negativo di § 581; nonne da non ne; +
num affine a nam § 584; utrum, nom.-acc. ntr. di uteri an
(an-ne), gr. rJ..v gt. an (che si usa con interrogativi: an hwa
''tl oov; ').

§ 587. - Le interiezioni vere e proprie sono onomatopee o


anche parole che hanno perduto il loro valore originario: tali,
grida quali heu eheu ohe io (1w) pro vae (gt. wai), gl'imprestiti greci
eia eooe (eùo'i:; anche euhoej; em (presso i comici) da eme' prendi'
(cfr. ital, to' da togli 'prendi '); heus § 23 Nota; en 'ecco "
con ell~tm ellam (Pl. eec.) 'eccolo', 'eccola' per incrocio con
illum illam; ecce e derivati § 376 fra cui eccere per ecce remi
age' suvvia ' come gr. rJ..ye; ne ' veramente' gr. v~ (nae è rifa-
cimento secondo VIX(); le interiezioni con nomi divini, come
hercule hercle mehercule(s) mehercle (per Herculès, o me H. iuvet),
medius fidius (per: me dius 'Giove' § 344 fidius 'della fe-
deità' iuvet); ècasior con è-, edepol con c- che sono da rieon-
nettere coll'e- di equidem § 584,' cfr. anche mècastor (come
mehercules) ed eiuni5 equirine, edi medi (abbreviaz. di edius
medius, cioè fidius): iI de di edepol (la cui ultima parte è muti-
lazione di Pollux) sarà forse una riduzione di deue o del voc.
deioe.