Sei sulla pagina 1di 37

CRISTALLOTERAPIA

Docente: Federico Bassetti

LEZIONE 8: Cristalli e Porte energetiche (2ª parte)

Programma completo del corso

Lezione 1: Era dell’Acquario: i cristalli, ricalibratori di frequenze


Lezione 2: Medicina e Vibrazione
Lezione 3: Energia, Coscienza, Memoria
Lezione 4: Uso dei cristalli nella storia
Lezione 5: Campo aurico e Trasmissione cristallina
Lezione 6: Le porte energetiche
Lezione 7: Cristalli e Porte energetiche (1° parte)
Lezione 8: Cristalli e Porte energetiche (2° parte)
Lezione 9: Terapia con l’energia dei cristalli (nozioni teoriche)
Lezione 10: Altri usi dei cristalli

Questo corso è riconosciuto come credito didattico


nella formazione specialistica in Salute naturale di
OPERA, Accademia Italiana di Formazione
Olistica
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

CRISTALLI e
PORTE ENERGETICHE
(seconda parte)

Zoisite

La Zoisite è un cristallo derivato da rocce sedimentarie, perciò il suo impiego è appropriato


nei momenti in cui occorre trasformare o sciogliere abitudini, schemi mentali, ritmi viziosi
oppure, compiere un lavoro di “rielaborazione dati”, ossia analizzare quelle informazioni
ricevute sin dalla nascita sotto forma di educazione o status vitae, che hanno alterato lo
scopo dell’anima.
Questo cristallo di color verde molto acceso con striature nere, deve il suo nome allo
scienziato Sigmund Von Zois, che lo trovò nelle Alpi vicino a Klagenfurt, in Austria, alla
fine del diciottesimo secolo.
In natura accade che le rocce sedimentarie, con la complicità del tempo, si trasformino in
altre varietà di cristalli (detti metamorfici) i quali, sebbene creatisi dalla mescolanza di vari
materiali, conservano le caratteristiche peculiari delle rocce originarie.
Così avviene anche per la zoisite la quale, trasformandosi, genera cristalli come, ad
esempio, la tanzanite (così chiamata per la sua diffusione nell’omonimo stato africano) di
un bellissimo colore blu o, la thulite, una pietra color rosa, che stimolano l’uomo alla ricerca
della propria vocazione e a promuovere il romanticismo.
La zoisite agisce specificatamente sulle gonadi, perciò la sua influenza energetica si
focalizza sui processi fisiologici dell’apparato riproduttore, sulla fertilità, migliora quindi i

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 2


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

disturbi sessuali (nelle donne regola il ciclo mestruale) e, di riflesso, condiziona in positivo
la vitalità e la creatività.
Inoltre disintossica, riduce le infiammazioni e, poiché rivitalizza l’energia della persona,
innalza il potere immunitario, l’autostima e la capacità di rimettersi in discussione in campo
amoroso, superando le dipendenze dagli altri.
Molto diffusa è la zoisite con intrusioni di rubino, un cristallo metamorfico avente, la
stessa colorazione verde della zoisite, ma con macchie rosse, di diverso diametro e forma,
talvolta anche solo punteggiate sulla superficie.

Per mezzo di questa simbiosi con il rubino, cristallo abbinato alla porta
delle emozioni e stimolatore della forza sessuale, la zoisite vuole focalizzare le proprie
potenzialità nella stanza rossa, per facilitare la liberazione di sentimenti repressi, causa di
turbe connesse agli organi genitali.
La zoisite insegna ad amare con la passione e con l’anima, ad accettare i propri limiti per
trasformarli in punti di forza, poiché riallinea l’energia creativa sulle frequenze armoniche
specifiche di ogni individuo.

Apatite

Generalmente si fa derivare il nome “apatite” dal greco perché, avendo il significato di


“inganno”, è facile confonderla con altri cristalli.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 3


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Questa sorta d’inganno non è da associare al cristallo, bensì all’effetto che l’apatia,
sentimento su cui opera questa pietra, induce nelle persone, le quali, ingabbiate in uno
stato di tristezza, malinconia e indisposizione mentale, non riescono a percepire la realtà
nella sua bellezza.
L’apatite è solitamente incolore e trasparente ma, poiché durante la sua evoluzione,
ingloba impurità, si opacizza e si tinge di varie tonalità cromatiche: verde, blu e giallo.
Questo cristallo si trasforma nello stesso modo in cui una persona fa, quando si rabbuia a
causa di varie “impurità” interiori che, all’improvviso, la invadono e la esauriscono.
Per questo motivo l’apatite è efficace nella risoluzione di questi malesseri, perché solleva
dall’interiore i vari disagi e confusioni mentali, per poi dissolverli e, contemporaneamente,
trasmette vitalità, voglia di fare e creatività.
L’apatite contribuisce a ristabilire nell’animo il desiderio di socializzare, spingendo
all’altruismo e alla cooperazione armoniosa.
Può essere utilizzata anche per favorire la telepatia, la comunicazione con ogni elemento
della natura e il risveglio delle potenzialità extrasensoriali.

Apofillite

In natura l’apofillite è incolore e trasparente, tuttavia esistono anche varietà bianche


traslucide o opache e persino lievemente colorate in rosa, azzurro e verde.
Anche la sua morfologia è variegata; si possono trovare apofilliti appiattite e sottili, cosi
come cubiche, bi-piramidali, prismatiche e addirittura raccolte in ceppi a formare un
agglomerato cristallino chiamato “drusa”.
Questo cristallo se fosse riscaldato, si sfoglierebbe, poiché, essendo nato da rocce
idrotermali, cederebbe quell’acqua da cui ha preso origine e per mezzo della quale agisce
nell’animo umano, in profondità.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 4


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

L’apofillite, indipendentemente dal colore con cui si mostra alla vita, ha una funzione
“finestra”, ossia è una sorta di passaggio energetico verso altri mondi e dimensioni
dell’essere, tanto che, se in forma piramidale, è un eccellente strumento per viaggi astrali.
Druse di apofillite sono usate per purificare gli ambienti e alleggerirli da pesantezze
energetiche, creando un luogo a vibrazione alta, in cui entrare in meditazione.
Questa sua capacità pulitrice la manifesta anche nei confronti dell’essere umano, ogni
qualvolta che si trova a contatto con il suo campo aurico o con il suo corpo fisico,
intervenendo sulle affezioni dell’apparato respiratorio.
I polmoni, come ho spiegato nella sesta lezione, sono le ali per mezzo delle quali il cuore
trova la propria libertà, quindi i disagi funzionali di questi organi, in particolare l’asma, si
traducono, riferiti all’anima, con mancanza di spazi vitali, di considerazioni umane o con
incapacità di seguire la voce del cuore.
L’apofillite contribuisce a portare chiarezza nella vita, a superare le insicurezze, a liberarsi
da preoccupazioni, ansie, patemi o rigidità mentali.
La varietà verde è quella più in sintonia con la porta del cuore, che riesce ad alleggerire,
portandogli sollievo, a liberarlo da angosce e ad aprirlo verso la libertà di amare.

Dioptasio

Il dioptasio ha un colore molto simile allo smeraldo e deriva il suo nome dal termine greco
“dioptezein”, che significa “ guardare dentro”, in virtù della sua straordinaria trasparenza e
funzione terapeutica.
Questo cristallo, infatti, facilita la guarigione delle ferite che l’anima si procura a causa
dell’abbandono, ferite generate dal semplice allontanarsi della mamma durante l’infanzia,
o da un lutto o, da una storia d’amore finita.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 5


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Quando un’anima soffre questa ferita, cerca continuamente di riempire il vuoto doloroso,
“aggrappandosi” a chiunque la faccia sentire importante e amata, ma, nello stesso tempo,
si auto crea dipendenze.
Il dioptasio è efficace per sciogliere questa ferita, per mezzo, ovviamente, della
rielaborazione del dolore cui, questo cristallo, induce.
A dispetto del proverbio “ il tempo è un buon dottore”, il dolore ,se non fosse trasformato,
rimarrebbe comunque irrisolto nell’animo umano e aumenterebbe il proprio effetto con il
tempo, fino a esplodere sotto forma di malattie, in particolare rivolte al muscolo cardiaco.
La ferita dell’abbandono è presente, in dosi variabili, in ogni essere umano e, pur essendo
un disagio molto diffuso, paradossalmente, questo minerale è molto raro.
Il dioptasio manifesta morfologicamente questa sua attitudine guaritrice nei confronti delle
ferite d’abbandono, perché porta sulla propria superficie , un taglio la cui dimensione e
profondità corrispondono a quelle della ferita.
Grazie alla sua opera di liberazione dal dolore, questo cristallo riapre il flusso di energie
interiori potenti e armoniche, tenute bloccate dal peso della ferita, le quali rinvigoriscono
l’essere in tutti i suoi corpi e livelli vibrazionali.
L’effetto del dioptasio agisce anche su quelle ferite che l’anima si trascina dalle vite
passate, sollevandole dall’oblio per comprenderne i nessi logici con la vita attuale.
La forza di questo cristallo risveglia il sentimento dell’amore compassionevole e
dell’abbondanza, dando forza al nostro cuore per manifestare le sue risorse più elevate.

Smeraldo

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 6


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Lo smeraldo è il cristallo dei maestri e dell’amore compassionevole, tanto da essere


considerato dal buddhismo uno dei sette tesori per l’uomo e simbolo di saggezza, ricco di
numerosi significati esoterici.
Per gli Aztechi rappresentava il rinnovamento primaverile, per le civiltà dell’America
centrale era associato ai riti di fertilità, mentre in Europa si pensava avesse virtù
afrodisiache.
Per gli alchimisti era la pietra di Mercurio e poiché trasmette la facoltà di penetrare nelle
tenebre più oscure della coscienza, fu utilizzato da Ermete Trismegisto per costruire la
“Tabula Smaragdina”, su cui scrisse i segreti della creazione dell’uomo e della sua
scienza.
E’ sempre stato considerato un cristallo misterioso e capace di stimolare nell’uomo lo
sviluppo di potenzialità paranormali latenti, come la chiaroveggenza, oltre ad essere
portatore di conoscenza, fertilità e immortalità.

Quarzo rosa

Percorrendo il sentiero della trasformazione personale, alla ricerca di un punto di armonia


interiore, ci si scontra costantemente con quelle situazioni difficili, inaccettabili e
complicate che ci mettono alla prova.
Solo affrontandole e accettandole incondizionatamente, si comprendono le infinite
possibilità di espressione dell’amore e della vita.
Quando questo accade, l’energia della porta rossa si compenetra con quella della porta
bianca nella stanza mediana, dove vibra il cuore, originando il colore rosa, sinonimo di
armonia tra terra e cielo ma, anche, accettazione (rosso) di tutti i colori della vita (bianco).
La porta del cuore, quindi, oltre alla luce verde, lascia filtrare anche la vibrazione
cromatica del rosa.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 7


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Il verde è associato alla capacità di amare gli altri, mentre il rosa rappresenta la condizione
d’“amore per se stessi”, frase tanto sperperata nei salotti new age, quanto
insufficientemente compresa dalla nostra coscienza, talvolta limitata o troppo concentrata
sui concetti della mente.
L’amore si propone sotto varie vesti e ognuno di noi lo percepisce e lo manifesta a proprio
modo, quindi l’atto d’amare è relativo ma, tuttavia, è possibile attingere alla sua fonte
dispensatrice, che ne rappresenta la forza assoluta.
Il quarzo rosa è il cristallo-chiave, che riaccorda la vibrazione della porta del cuore sulla
sua frequenza armonica, tanto da essere considerata la sua pietra simbolo, apportatrice
naturale di pace interiore, equilibrio e tranquillità.
Questo cristallo è sia il catalizzatore dell’amore universale, che il diffusore della sua forza
nei luoghi in cui è collocato e nei corpi con cui è messo a contatto.
La frequenza del quarzo rosa, aiutando a sviluppare il senso d’amore per la vita e per se
stessi, facilita la disgregazione dell’ego, generando, inizialmente, conflitti interiori in cui la
persona deve esplicitamente scegliere da quale parte stare: o con il bianco o con il nero.
Lentamente accompagna verso la dimensione del silenzio mentale ma, solo se accettiamo
le prove e le sfide della vita, perché sono i passaggi obbligatori per “arrendersi” alla voce
del cuore, divenire un tutt’uno con la sua armonia, comprendere il significato profondo
della fede e imparare ad amare sia ciò che è considerato il bene, sia il suo esatto opposto.
Il quarzo rosa è come un balsamo capace di sciogliere l’egoismo, il rancore, l’ira, l’odio,
l’aggressività e coordinare la vita verso l’ accettazione incondizionata.
In India questo quarzo è conosciuto come “ Pietra del Perdono” perché, stimolando il
risveglio dell’amore nel cuore degli esseri viventi, li conduce verso la coscienza del
perdono e, per mezzo di questo, accelera la sua purificazione globale.
Questo cristallo favorisce la manifestazione della bellezza, intesa come il più elevato
sentimento che un’anima può esprime e stimola la ricerca dell’armonia.
A livello fisico il quarzo rosa è d’aiuto al sistema circolatorio, al cuore e nei momenti di
crisi, ammorbidisce le tensioni, rilassa i nervi e alleggerisce dallo stress.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 8


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Rodocrosite

La rodocrosite sta alle ferite del cuore, come la malachite sta a quelle emotive.
E’ un cristallo essenziale nella pratica terapeutica, perché aiuta a riportare alla memoria i
ricordi dolorosi e i traumi del passato, specialmente nell’infanzia, i quali, con il tempo, oltre
a trasformarsi in paure, hanno aumentato il proprio effetto disarmonizzante sull’animo
umano, fino addirittura a bloccarlo o farlo ammalare.
Il termine greco “rodhon” utilizzato per classificarla, conferma il suo aspetto rosato, non
uniforme come quello del quarzo rosa, ma percorso da cerchi concentrici bianchi che
creano, sulla sua superficie, bizzarri disegni astratti.
Il suo colore è mutevole e, talvolta, si avvicina alla tonalità del rosa carne tanto che, di
primo acchito, il suo aspetto può provocare un senso di disgusto e allontanare l’istinto
dalla sua scelta.
Quando questo accade, significa che, chi la rifiuta, in cuor suo vorrebbe risolvere le ferite
del passato ma lo spirito di conservazione si oppone al cambiamento.
L’effetto della rodocrosite è penetrante e si può percepire sotto forma di punture nella
zona con cui è messa a contatto; questa sensazione, talvolta sgradevole e fastidiosa,
rappresenta il dolore che, rimasto bloccato all’interno, fuoriesce, grazie all’energia di
questo cristallo.
La conseguenza del suo effetto liberatorio, sebbene momentaneamente doloroso, si
traduce in un rilassamento intenso che, accompagnando alla chiara visione delle cause
responsabili delle ferite passate, ne facilita la comprensione e l’accettazione.
La rodocrosite, quindi, interviene attivamente nel processo di risoluzione della dualità,
poiché, attraverso il suo benefico intervento, mette l’uomo faccia a faccia con il proprio
vissuto, stimolandolo a prendersi cura dei propri conflitti sia interiori che esteriori,
apportando una sensazione di armonia diffusa.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 9


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Permettendo di fare pace con le spiacevoli vicende amorose e con l’amore stesso, la
rodocrosite, di riflesso, restituisce la gioia, la voglia di rimettersi in gioco, di incontrare un
nuovo partner, stimolando la sessualità e l’erotismo. Per facilitare l’ammorbidimento del
dolore, si consiglia di portarla con sé, o in tasca, o come ciondolo, all’altezza del cuore, a
contatto con la pelle, oltre che utilizzarla durante il trattamento terapeutico.

Rodonite

Una volta aperte le ferite del passato, occorre poi sanarle e ricucirle, per facilitare la loro
guarigione e alleviare il dolore prodotto.
Come accade per il plesso solare dove, dopo l’intervento della malachite, si apporta
l’effetto balsamico della crisocolla, cristallo che in natura nasce da una sua metamorfosi,
così accade anche per le ferite del cuore, sia quelle amorose che quelle generate da
shock, traumi, paure e lutti.
La rodonite opera in sinergia con la rodocrosite, accelerando la rapida guarigione delle
ferite interiori che quest’ultima ha riaperto e, di conseguenza, riconducendo la vibrazione
del cuore verso quell’armonia che è sinonimo di amore per se stessi, voglia di amare e di
vivere buoni sentimenti, stimola il desiderio di perdonare il dolore subito e metabolizzarne
la rabbia.
Il suo potere balsamico è efficace anche per sanare infezioni e cicatrici fisiche, per fermare
emorragie, rinforzare i muscoli, il cuore e, poiché la sua vibrazione è in sintonia quella del
timo, agisce come sostegno del sistema immunitario, innalzandolo.
La rodonite è un cristallo il cui colore varia dal rosa chiaro verso una tonalità più rossa,
mascherato da zone nere che possono essere appena accennate o, addirittura, occupare
tutta la sua superficie.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 10


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Il nero rappresenta la materia mentre il rosa, l’amore, perciò, possiamo interpretare questa
loro simbiosi come un’attitudine del cristallo il quale, infatti, stimola l’uomo a svolgere le
abitudini quotidiane con amore, dando loro un senso più profondo.
La densità di queste macchie scure è un indice di valutazione litiomantica importante,
perché, in base alla legge di corrispondenza, possiamo identificare l’aspetto del cristallo
come fosse una mappa che riporta la situazione interiore di chi l’ha scelto.
Associando, quindi, le macchie con le paure, i conflitti o i traumi interiori e analizzando la
loro quantità, grandezza e distribuzione, possiamo capire, in base alla scelta del cristallo,
a quale punto dell’opera curativa ci troviamo.

Kunsite

La kunzite, cui deve il nome al suo scopritore: George Kunz, è un cristallo piatto di colore
rosa pallido, tendente al lilla con innumerevoli striature longitudinali che possono essere
superficiali o, addirittura, bene marcate e profonde.
La presenza di scanalature sul corpo di un cristallo, gli permette di incanalare e
trasmettere energia con più velocità e immediatezza.
La kunzite, infatti, grazie a questa sua caratteristica, riesce a immettere la forza dell’amore
in maniera più incisiva, in modo da calmare le agitazioni del cuore innamorato o a
risollevare gli animi rabbiosi più tenaci a lasciarsi andare di nuovo all’amore.
Questo cristallo migliora l’opera compiuta, in precedenza, dal quarzo rosa, attivando ed
espandendo nell’animo umano, il concetto e il senso reale di amore incondizionato che,
nel tempo, allontana dal cuore i rancori, lasciando il posto all’umiltà, alla tolleranza e alla
dedizione verso gli altri.
Incita ad abbandonare le tristezze e le paure, colorando il presente con la voglia di essere
amati, amarsi e sentirsi in equilibrio con le emozioni.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 11


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

L’immediatezza del suo effetto è efficace anche a livello fisico, per ciò che riguarda
nevralgie, sciatalgie, crisi epilettiche, problemi articolari, infiammazione dei tendini, dolori
alla spina dorsale e nella zona cardiaca.
La conseguenza della sua azione si traduce in flessibilità mentale, aumento delle capacità
mnemoniche e dell’intuito.

Chiastolite

Nel XVI secolo i pellegrini in viaggio verso Santiago di Compostela, indossavano la


chiastolite come amuleto ed era chiamata “lapis crucifer” ossia “pietra che porta la croce”.
Sulla superficie di questo cristallo è ben evidente il disegno di una croce che si crea, come
per magia, grazie a sottili inclusioni nere di carbonio sul suo sfondo bruno-giallastro, i cui
riflessi rosati associano le sue proprietà terapeutiche, al chakra del cuore.
E’ un ottimo catalizzatore delle forze naturali e, in particolare, quelle dei quattro elementi
che la croce rappresenta e, per la sua assomiglianza a uno scudo crociato, è considerato
anche un potente talismano contro le influenze disarmoniche esterne.
La sua azione è incisiva, durante i periodi di trasformazione poiché la croce è intesa come
simbolo di metamorfosi e resurrezione, inoltre i suoi bracci, orientati verso i punti cardinali,
indicano la direzione migliore da seguire all’approssimarsi di un cambiamento, senza
perdere le staffe e lasciarsi disorientare dagli eventi furtivi.
La croce, inoltre, ha una funzione di sintesi perché rappresenta l’unione dei contrari, dello
yin con lo yang, del cielo con la terra.
La chiastolite , infatti, liberando dalle paure e dai sensi di colpa, facilita quel benefico
scontro interiore tra le forze costruttive e quelle distruttive, il cui risultato finale è:
l’illuminazione.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 12


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

La chiastolite alleggerisce il corpo, la mente e lo spirito dai “ pesi” che, volontariamente o


per assecondare le richieste degli altri, abbiamo deciso di caricarci sulle spalle e che,
dandoci responsabilità oltre misura, hanno poi contribuito ad appesantire la nostra
esistenza.
Dovendo portare dei pesi anche il nostro corpo ne ha risentito, soprattutto a livello osseo,
muscolare e nervoso, perciò questo cristallo stimola il processo di calcificazione, rafforza i
nervi, elimina i disturbi motori e, dando così respiro a tutto il nostro essere, lo risolleva da
debolezze ed esaurimenti.
La chiastolite, infine, è consigliata anche per alleviare la gotta e la ritenzione idrica.

Smithsonite

Questo cristallo è inconfondibile, si riconosce dalla sua superficie ricca di bolle, detta
anche mammellare, per l’assomiglianza con il seno materno che le conferisce morbidezza
al tatto. L’aspetto esteriore di un cristallo è il primo indizio rivelatore della sua attitudine
principale e della sua personalità, perciò, in merito alla sua superficie a forma di
mammella, s’intuisce che l’effetto della smithsonite è efficace per risolvere le
problematiche che hanno avuto origine nel periodo fetale e dell’infanzia.
In natura la smithsonite è reperibile in varie tonalità cromatiche, dal bianco-grigiastro al
verde oppure incolore, azzurra, gialla e, ovviamente, rosa, la più diffusa.
La sua energia morbida e rassicurante, aiuta a eliminare quell’insicurezza tipica dei
bambini che può mutare in timidezza, se la sensibilità del fanciullo è eccessiva.
Mettere una smithsonite nel cuscino dei bambini, li aiuta a distaccarsi dal grembo materno
in maniera meno traumatica, così come nel periodo dello svezzamento, li stimola a trovare
la propria indipendenza, allontanandosi senza indugi dalla presenza costante dei genitori.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 13


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

La timidezza può trasformarsi in disistima, perché ostacola l’istinto del bambino il quale,
sebbene voglia socializzare, esita ad avvicinarsi agli altri e incomincia a nascere in lui, il
senso di inferiorità.
La smithsonite, quindi, contrasta l’insorgere del diabete che, come ho spiegato, è sintomo
di mancanza di autostima, inoltre, rafforza le difese immunitarie, accelera la guarigione
delle ferite e irrobustisce il sistema nervoso.

Rosa del deserto

La rosa del deserto è un aggregato di gesso tipico dei luoghi desertici e, sebbene il suo
colore sfumi dall’arancione al giallo-ocra, sento che influenza positivamente la porta del
cuore.
I maestri di tutti i tempi, fra i quali il Buddha in primis, insegnano che il vero sentiero della
conoscenza interiore e della vita spirituale incomincia quando si raggiunge il vuoto.
Il deserto rappresenta questo vuoto ed è uno spazio infinito, che si percepisce nel nostro
interiore, dal momento in cui riusciamo ad azzerare tutti i nostri conflitti, tramutandoli in
luce.
La rosa, nelle tradizioni religiose esoteriche, invece, era il simbolo della rinascita mistica,
perché è associata al sangue versato dal Cristo e, in seguito, divenne la rappresentazione
dell’amore e del dono dell’amore puro.
Unendo i significati delle due simbologie, s’intuisce il senso profondo di questo cristallo
che, apparentemente sembra senza valore o, addirittura, morto, ma, in realtà, nasconde il
segreto della rinascita, ossia, lo sbocciare della rosa (amore) nel deserto (cuore liberato
dai pesi, dai conflitti e dalle paure).
Questo cristallo rende fertile il deserto, stimolandolo a rifiorire e a strutturarsi.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 14


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Procura il giusto equilibrio tra desideri e aspirazioni, tra passato e presente, indispensabile
per intraprendere un nuovo cammino.

Agata Rosa

L’agata rosa appartiene una famiglia di cristalli riconoscibili per le numerose striature e
cerchi concentrici, simili a quelli del tronco di un albero o a occhi o a conchiglie, che
colorano la loro superficie.
Il colore naturale delle agate è marrone - beige con delle venature più chiare ma, si
trovano anche in altre tonalità: blu, verdi, nere e rosa.
Le agate sono cristalli protettivi e hanno un forte potere energizzante capace di alleviare i
dolori, inoltre, donano tranquillità, chiarezza e introspezione, requisiti necessari per
ascoltarsi e conoscersi in profondità.
Sono i cristalli adatti per mettere a fuoco le vicende della vita e, stimolando il pensiero
logico, aiutano a rendere concrete le proprie intenzioni.
La parola “chiave” per identificare l’agata rosa è: “coccola per il cuore”.
Nei momenti di sconforto o quando alla fine della giornata ci sentiamo carichi, esausti o
senza fiato, mettere un’agata rosa sul petto, porta un immediato sollievo e il rilassamento
delle tensioni. La sua energia morbida e avvolgente, sembra come un abbraccio
confortante, consolatore e soprattutto protettivo, in cui si lasciando andare tutti gli affanni
accumulati.

c) Camera superiore: spazio della comunic-abilità

5) PORTA BLU: suono e crescita

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 15


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Calcedonio blu o Agata dal pizzo blu

L’agata dal pizzo è una varietà di calcedonio caratterizzata da striature concentriche


bianche su sfondo blu, a causa della sua origine idrotermale.
L’elemento acqua è il suo creatore, perciò, l’agata blu è un cristallo femminile che
incorpora tutte le qualità tipiche dei cristalli della sua famiglia, in particolare, protegge le
gravidanze e regola l’attività della tiroide.
Questo cristallo, infatti, è il calibratore energetico della porta blu, il chakra della gola, cui è
associata la virtù della comunicazione e la capacità di crescita sia fisica che spirituale.
L’effetto dell’agata blu è efficace per contrastare i sintomi del mal di gola (agisce
sull’apparato vocale) e gli squilibri ormonali della tiroide.
Questa pietra riallinea la vibrazione della porta blu alla sua frequenza ottimale, quindi, se
la comunicazione verbale è eccessiva, l’agata blu la riduce, aiutando la persona a trovare
un nuovo modo di rapportarsi al mondo e interagire con la società, mentre se è limitata o
soffocata, a causa di timidezza, vicissitudini spiacevoli del passato o sottomissioni, la
espande.
L’agata dal pizzo stimola a conoscersi e ad allinearsi a una modalità comunicativa
armonica che, di riflesso, induce l’animo alla pace e alla tranquillità interiore.
La porta blu è un passaggio stretto che collega il cuore al pensiero, perciò funge da
intermediario tra i sentimenti e la capacità di esprimerli in parole e azioni.
La sua armonia è sinonimo di libertà di pensiero ma, anche, di esprimere senza tabù,
pregiudizi, blocchi emotivi o paure, ciò che realmente siamo, proviamo e percepiamo nel
profondo. E’ il megafono dell’anima, se in armonia e libero da interferenze interiori o
esterne.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 16


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

L’opera di riequilibrio energetico del calcedonio blu serve a facilitare quella degli altri
cristalli, in sintonia con questo chakra, che saranno utilizzati in seguito per sviluppare la
saggezza superiore o riparare le esperienze passate.

Acquamarina

Un cristallo che mostra tutte le sfumature della gamma del celeste, dalle più chiare
all’intenso blu oltremare, non poteva che non prendere in prestito dal mare il proprio
nome.
Sotto l’influenza di Nettuno, il mare, cosi come tutte le acque presenti nel sistema solare,
compresi i liquidi organi degli esseri viventi, portano in seno tutte le caratteristiche del loro
pianeta dominante che regola il subconscio, la psiche e le loro relative disarmonie (manie,
depressioni, psicopatie, ecc..).
Nettuno è pure il pianeta della recettività passiva che si manifesta attraverso l’ispirazione,
le intuizioni e le capacità paranormali, delle telecomunicazioni, quindi anche telepatia,
medianità ma, il suo contro altare è rappresentato dalle utopie, dalle perversioni e le ansie.
L’acquamarina, in virtù di questa sua inscindibile identificazione con l’azzurro dei mari, è il
cristallo capace di purificare il canale energetico tra cuore e porta della corona, attraverso
il quale avviene la connessione con il proprio sé superiore, quindi, apre la via alla
comunicazione con l’invisibile e alla medianità.
La forma dell’acquamarina rispecchia questa sua attitudine, infatti, in natura è reperibile a
forma di cilindro con numerosissime scanalature: le sue pseudo antenne rice-trasmittenti.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 17


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Questo cristallo permette, quindi, di ampliare le vedute, accompagnando alla disciplina,


necessaria talvolta per raggiungere gli obiettivi, ma con rilassatezza perché, la
lungimiranza infonde sicurezza.
In merito a questa sua spiccata capacità chiarificatrice, l’acquamarina dipana la
confusione, soprattutto quella riguardo al modo di comunicare, spingendo a risolvere le
situazioni rimaste in sospeso.

Amazzonite

L’amazzonite è un cristallo opaco di colore variabile dal verde all’azzurrognolo, con lievi
striature o punteggiature bianche.
Tutti i nomi nascondono delle informazioni criptate, infatti, non a caso, persone omonime
hanno caratteri o attitudini simili; lo stesso vale anche per i cristalli.
L’amazzonite deriva il suo nome dalle “amazzoni”, mitologiche donne guerriere che si
autogovernavano, si accoppiavano solo con stranieri e allevavano solo le figlie, mentre
accecavano o mutilavano i maschi.
Secondo la leggenda, si amputavano addirittura un seno, per maneggiare meglio l’arco e
la lancia. Erano abili cacciatrici e potenti sacerdotesse, capaci di uccidere l’uomo per
occupare il suo posto, invece di amarlo. Questa rivalità con il maschio oltre ad esaurire le
loro forze, deprezzava la loro qualità di amanti, di madri e il calore della loro anima.
L’amazzone rappresenta la situazione di donna che, comportandosi da uomo, non riesce
a farsi amare né dagli uomini, né dalle donne ed esprime, quindi, il rifiuto della femminilità.
L’amazzonite non poteva altro che vibrare in sintonia con la porta della tiroide, ghiandola
associata all’universo femminile e ai repentini cambiamenti cui la donna, costantemente,
deve adattarsi.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 18


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Questo cristallo aiuta le donne a ritrovare la propria natura selvaggia, pura, incontaminata
in modo da riconoscersi esseri femminili unici e inimitabili, soprattutto nei momenti in cui o
per sconfitte amorose, o per mancanza di stima, o per conflitti con la madre, perdono la
propria identità.
Questo cristallo tuttavia è necessario anche per quegli uomini che, rimasti delusi dalle
donne, provano sentimenti negativi nei loro confronti ma, vogliono tuttavia imparare ad
amarle di nuovo. L’amazzonite agli uomini serve anche per ridare forza alla loro parte
femminile. Questo cristallo, quindi, equilibra lo yin con lo yang, rafforza la capacità di
prendere decisioni e aiuta a liberarsi dall’idea di essere vittima di un infausto destino
immodificabile.

Sodalite

La sodalite è un silicato di sodio di colore blu-grigio con screziature bianche molto simile al
lapislazzulo, ma si distingue da quest’ultimo, per l’assenza delle punteggiature dorate di
pirite.
In merito alla sua costituente chimica di sodio, questo cristallo facilita l’assimilazione e lo
smaltimento dei liquidi corporei, inoltre opera sulla salute della parte anatomica della gola
ed è adatta nei casi di raucedine o abbassamento di voce.
La sodalite è il cristallo di chi cerca la verità e la vuole diffondere liberamente, senza quel
genere di paura che blocca il fiato e la comunicazione.
Il senso di soffocamento che traduciamo con la frase “ ho un nodo alla gola”, oppure che
si crea in conseguenza all’avere “ ingoiato rospi o bocconi amari”, è spesso associato ai
sensi di colpa e alla mancanza di autostima.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 19


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

La sodalite permette di accettare se stessi, aumentare la consapevolezza della propria


bellezza interiore e liberarla con la voce, inoltre, essa genera il desiderio di conoscenza e
aiuta a organizzare le idee per realizzarle.
Un’altra sua funzione è di fare ordine interiore, in modo che i flussi di energia disarmonici
possano mutare in parole chiare e obiettive e, di conseguenza, partecipa a dare solidità
alla mente.

Lapislazzuli

Il lapislazzuli è una tra le pietre preziose conosciuta fin dall’antico Egitto, periodo in cui era
utilizzata per fabbricare i gioielli dei faraoni.
Il suo colore, di un inconfondibile blu intenso, dà origine al suo nome, composto dal
termine latino “lapis” (pietra) e dall’arabo “ lazward”(azzurro).
La caratteristica che lo contraddistingue e lo ha reso prezioso, è la presenza
d’innumerevoli inclusioni di pirite, un cristallo di un colore simile all’oro, a frequenza
energetica tanto raffinata da abbinarlo alla vibrazione della porta trasparente, il chakra
della corona.
Nel buddhismo il lapislazzuli è considerato uno dei setti tesori spirituali ed è equiparato
alla coscienza superiore, infatti, uno dei suoi compiti è di mettere in collegamento il cuore
con la divinità e, attraverso questa, ricevere forza e messaggi di saggezza.
La virtù che concede a chi chiede il suo aiuto, è di accettare e affermare la verità
apertamente, con onestà e senza fraintendimenti, stimolando l’essenza a manifestarsi nel
suo splendore autentico. Rende l’animo credibile e affidabile, tanto da facilitare le amicizie
e aumentare il carisma personale.
Il lapislazzuli è indicato per le infiammazioni della gola e degli organi fonetici, oltre che
regolare il funzionamento della tiroide.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 20


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

In meditazione può essere collocata anche sul terzo occhio, perché è dispensatrice di
energia ad alta frequenza con la quale è più facile entrare in contatto con le proprie verità.

Larimar

Il larimar è un cristallo di origine vulcanica, proveniente dalle isole caraibiche, di un intenso


colore azzurro con zone bianche e anche rosse, quando presenta inclusioni di ematite.
Fu scoperto agli inizi del XX secolo da padre Loren nella regione dominicana in prossimità
delle coste marine, tanto che si credeva uscisse direttamente dalle acque.
Questa credenza non sarebbe del tutto infondata, poiché il larimar è conosciuto anche con
il nome di “ cristallo di Atlantide” e la zona caraibica è stata identificata, secondo ricerche
storico-geografiche e a fotografie scattate negli abissi oceanici, come un’antica colonia
d’isole atlantidee.
Il larimar appartiene a quella famiglia di cristalli chiamata “ della nuova Era”, perché sono
apparsi improvvisamente dal mare o dalla terra negli anni in cui il sistema solare è entrato
nel segno dell’Acquario, nella nuova coscienza ( Era), in cui la luce interiore prevarrà sul
buio dell’ignoranza e nell’essere umano si svilupperanno capacità paranormali latenti.
L’elemento da cui il larimar si è forgiato, è un fuoco blu, molto penetrante e subliminale,
una sorta di fiamma spirituale che ha attivato la sua memoria, riportando in superficie tutte
le potenzialità appartenenti alla civiltà di Atlantide, da trasmettere agli esseri umani.
Il suo intervento energetico è utile nei periodi di forte cambiamento, poiché mette in
contatto il vissuto con l’attuale, per favorire il discernimento e la chiarezza su quale
sentiero nuovo intraprendere.
Il larimar stimola l’attività cerebrale e la sensitività, ampliando la visione spirituale, la
saggezza e il ricordo di Atlantide, che vibra in tutti i cuori.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 21


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

E’ collegato all’energia femminile che rafforza sia nelle donne che negli uomini, facilitando
il controllo delle emozioni per evitare di reprimerle.

Cianite

La cianite è un cristallo d’alluminio con una superficie abbondantemente scanalata, che gli
conferisce una spiccata capacità di incanalare la sua energia, nel punto del corpo in cui è
posizionata.
Le striature aumentano le frequenze energetiche nell’unità di tempo, distribuendole con
maggiore velocità nella materia la quale, ricevendo una scossa improvvisa, reagisce con
una trasformazione immediata.
L’intervento della cianite, quindi, è risolutore nei casi d’inerzia mentale e nei momenti in cui
è necessario impostare nuovi equilibri vitali.
Questo cristallo, infatti, agisce, oltre che sulla laringe e corde vocali, anche sul cervelletto
e il labirinto auricolare, sedi e regolatori dell’equilibrio sia interiore che fisiologico.
La cianite è presente in natura, prevalentemente, nella colorazione blu (dalla cui
traduzione greca, deriva il suo nome), tuttavia, si trova anche verde, giallo e indaco; in
ogni caso questo cristallo ha un forte carisma sulla costituente mentale, che potenzia e
conduce verso le realtà metafisiche.
La cianite blu, infatti, opera egregiamente anche sul terzo occhio (porta viola) stimolando
la chiara visione, i sogni lucidi, la telepatia e i viaggi astrali.
Inoltre, è un grosso stimolatore della zona cerebrale dietro la testa, poco sopra la base del
collo e riesce a collegare il cuore alla mente, trasformando l’intuito, le visioni astratte e le
informazioni astrali, in pensiero logico razionale.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 22


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

La cianite, in natura, è un cristallo laminare, un tempo conosciuto anche con il nome di


“distene” ( dal greco dis:due e stenos:forza) per identificarne l’incisività e velocità
energetica.

Turchese

Il turchese, fin da tempi più antichi, è rapportato al sole perché, così come l’astro celeste
scaccia il buio per portare luce, allo stesso modo questo cristallo aiuta a riconoscere le
cause dell’infelicità, per trasformarle in gioia e voglia di vivere.
Questo cristallo azzurro-verde ha spiccate capacità protettive, facilita la comunicazione
verbale ed aiutando a elaborare la tristezza, infonde coraggio ed equilibrio tra il pensare e
il fare.
In virtù della sua forma esteriore simile a quella di un polmone, l’effetto terapeutico del
turchese è decisivo nei confronti degli organi della respirazione i quali sono associati
all’infelicità, all’ansia e all’oppressione, sentimenti che impediscono di sentirsi liberi.
Il turchese durante il suo lavoro di trasformazione cambia il proprio colore dal blu al nero,
indicando il carico di energia disarmonica che si era accumulata nella zona trattata.

Celestina

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 23


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

La celestina o celestite è di origine idrotermale e in natura si presenta sotto forma di


geode, una sfera spaccata che lascia intravedere all’interno le pareti rivestite di cristalli.
E’ una sorta di grotta in miniatura di dimensioni variabili, che solo a guardarla trasmette un
senso di protezione e sicurezza.
La celestina è chiamata anche “ spada di S.Michele” o “ del guerriero di luce” , perché
richiama dal cielo il raggio angelico che, come una spada, ci allinea alla nostra essenza e
ci fa sentire vincitori, pieni della nostra luce.
Nell’antichità i preti indiani la usavano per colorare di rosso le fiamme sacre, per stupire o,
addirittura, terrorizzare i credenti, quindi, come una spada, allontanava gli indesiderati e
preservava dai pericoli.
La celestina, in virtù della protezione che concede, risolleva dagli stati d’impotenza e
oppressione e, poiché la paura indurisce il corpo, l’effetto di questo cristallo ammorbidisce
la rigidità delle ossa, dei tessuti e degli organi.

Angelite

L’angelite è un cristallo di colore azzurrognolo con piccole lamine di calcite, che opera in
sinergia con la celestina.
Mentre quest’ultima rappresenta la forza del padre che, come una spada, ci allinea con la
nostra essenza, l’angelite è la madre che protegge come fosse uno scudo.
L’angelite richiama questa protezione simile al velo di Maria, che avvolge come un
abbraccio consolatore.
Questo cristallo è risolutore nei momenti in cui ci si sente spaesati, soli, bisognosi d’aiuto,
in piena confusione emozionale, perché aiuta a riconnettersi alla propria identità.
Le angeliti, in natura, si uniscono a formare dei grappoli compatti, come a formare una
schiera di angeli radunati per difendere i più alti ideali di una persona.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 24


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Si può utilizzarla per connettersi con i domini angelici, con gli spiriti guida, i maestri ai quali
chiedere luce protettiva e per promuovere la pace nella propria vita.
In un ambiente rasserenante come quello creato dall’angelite, riusciamo meglio a
individuare i rimedi per superare le sfide, oltre a mitigare sentimenti violenti ed impulsivi,
che potrebbero sfociare in atteggiamenti rabbiosi di difesa .

6) PORTA VIOLA: visione profonda

Ametista

L’ametista è il cristallo-chiave della porta viola e la sua vibrazione, oltre a sintonizzare


sulla giusta frequenza energetica questo chakra, detto anche terzo occhio, ha una forte
attitudine pulitrice nei confronti degli altri cristalli o di energie stagnanti che si accumulano
nell’organismo e nell’ambiente.
In natura si può trovare sotto forma di geode o di drusa, da cui si ricavano i semplici
cristalli rotondeggianti.
Nell’antichità si credeva efficace contro l’ubriacatura e, in seguito, si è compreso che
questa credenza non era del tutto infondata, infatti, questo cristallo porta chiarezza
interiore, perciò annienta anche l’ebbrezza spirituale.
Il suo nome, non a caso, deriva dal termine greco “amethistos” che significa appunto “colui
che è ebbro”.
L’ametista funge da spugna, assorbendo le energie stagnanti che riesce a trasformare,
magnificamente. Ponendola sul terzo occhio o in corrispondenza di punti corporei in cui
c’è un accumulo disarmonico di energie, questo cristallo riporta, in breve tempo,
chiarezza, leggerezza e la consapevolezza di quanto si fosse, effettivamente,”sporchi”.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 25


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Si può collocarla anche sui nodi energetici della casa o in ambienti di lavoro, in locali in cui
sosta molta gente, all’ingresso delle case o al centro di un gruppo di persone in
meditazione.
L’ametista è un cristallo nato da rocce ignee, ossia quelle originatesi direttamente dai
lapilli di magma dei vulcani che, cadendo nelle acque sottostanti, si congelano per
rimanere trasparenti.
L’ametista è una varietà di quarzo di colore viola, d’intensità e limpidezza variabile: alcune
sono quasi ialine e delicatamente colorate, altre hanno un’”interiorità” più compatta e con
sfumature che variano dal viola scuro al lilla.
Grazie a questa loro diversità di colore e trasparenza riusciamo, in fase litio mantica, a
stilare un quadro anamnestico più ampio, attraverso il quale interpretare, per
corrispondenza, la limpidezza dell’interiorità di chi l’ha scelta.
Il viola è considerato da lungo tempo, un colore regale e associato alla spiritualità, tanto
che l’ametista è stata incastonata in numerose corone e gioielli di sovrani e capi religiosi,
in particolare i vescovi.
Le sue frequenze armonizzano i due emisferi cerebrali, potenziando sia le capacità
intellettive che quelle chiaroveggenti, inoltre, aiuta a focalizzare l’attenzione sul terzo
occhio e entrare con più facilità, in contatto con il proprio sé.
Ammorbidisce l’ansia mentale e la troppa immaginazione, stimola una visione più ampia
della realtà interiore in favore della creatività e dei talenti, mostrando con maggior
chiarezza la propria via e il senso di spiritualità.

Sugilite

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 26


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

La sugilite è uno dei cristalli della Nuova Era e fu scoperto dal geologo Sugi nel 1944, in
una nazione intrisa di spiritualità e culla di alcune importanti tradizioni mediche naturali: il
Giappone.
L’abbinamento cromatico del nero con riflessi viola-porpora, che caratterizza il suo aspetto
esteriore, è essenziale per ricevere un primo messaggio.
Il nero rappresenta la materia e il viola, lo spirito, perciò unendo le due parole, s’intuisce
che la sugilite aiuta a portare la spiritualità nel nostro corpo e nella vita quotidiana, per
questo si annovera tra la schiera di cristalli acquariani.
Il colore nero può essere considerato anche come simbolo della malattia, per questa
ragione la sugilite è considerata il cristallo dell’auto-guarigione, perché facilita la
comprensione delle cause che hanno provocato il disagio o la malattia.
Grazie alle doti di questo cristallo e alle grandi possibilità evolutive che concede, l’uomo
trae la forza necessaria per trasformare i propri conflitti interiori, per purificare il proprio
spirito e consolidare la fede.
La sugilite crea una sorta di manto purpureo che dalla sommità del capo scende lungo i
piedi, avvolgendo l’aura e dispensando protezione dalle interferenze psichiche o spirituali
a chi cerca la spiritualità ma che potrebbe facilmente uscire dalla carreggiata.
Stimola, inoltre, l’apertura della porta trasparente che connette con luce purissima, per
dare un senso spirituale alla vita, piuttosto che cercare in lei l’alibi per fuggire dalla difficile
realtà del quotidiano.

Lepidolite

La lepidolite è un cristallo contenente litio di colore rosa-violaceo e deve il suo nome alla
presenza, sulla sua superficie, di squame ( lepidos in greco significa scaglia) che rilascia
al contatto.
Scoperta nel 1700, inizialmente, fu chiamata lilalite sia per assomiglianza al suo colore sia
per derivazione dal termine indiano “lila” che significa “gioco”, infatti, questo cristallo,

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 27


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

dissolvendo le nebbie mentali, dipana le invenzioni cerebrali e aiuta a sciogliere il velo di


Maya, sfatando così il gioco delle illusioni.
La lepidolite prepara il terreno all’ametista perché, grazie a questa sua azione di
chiarificatore mentale, funge da apripista, facendo precipitare le dense polveri del dubbio e
dell’ignoranza.
Libera dalle distrazioni, aiuta a concentrarsi sulle cose essenziali e, poiché la rigidità
mentale è causa di nevralgie ed emicranie, le ammorbidisce, mitigandole.
L’azione della sua opera innesca una serie di cambiamenti che intervengono a bilanciare
le due polarità energetiche ( lo yin con lo yang), unificando il pensiero all’amore.
Si può usarla anche per alleviare lo stress o nei momenti di scoraggiamento che, nel
tempo, si potrebbero trasformare in disturbi di carattere ansioso-depressivo.
Stimola, infine, l’attività del sistema nervoso sia centrale che periferico, regola i processi
cellulari ed ha un’azione purificatrice.

Labradorite

Questo cristallo di un cangiante color verde scuro con iridescenze azzurre, gialle e,
addirittura, sfumature metalliche, deve il suo nome alla penisola del Labrador, regione del
mondo il cui sottosuolo abbonda di questo minerale.
E’ conosciuta anche con il nome di “pietra del fascino” perché chi la indossa, acquisisce
splendore e carisma, grazie al fenomeno ottico chiamato “labradorescenza”.
Quest’attraente effetto luminoso è una sorta di continuo scintillio di colori, che il cristallo
crea, ogni volta che riceve la luce da varie angolature, rifrangendola.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 28


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Come uno specchietto per le allodole, la labradorite attira con i suoi abbagli gli sguardi
delle persone che reagiscono sia con stupore, sia con attrazione, che con disagio.
Questo cristallo, infatti, è un potente antidoto contro i falsi ideali e le illusioni che,
volutamente o per sopravvivere agli schiaffi della vita, dobbiamo indossare ma, il suo
effetto carismatico li smaschera, mostrandoci la nostra vera natura.
Abbattendo la falsa immagine di ciò che siamo, risveglia i nostri talenti, stimola la fantasia,
rende introspettivi ed evidenzia la potenzialità umana di vivere in armonia con il mondo.
La labradorite è il cristallo della percezione, ossia aiuta a riconoscere la propria sensitività,
grazie al discernimento tra l’inganno e il giusto sentire personale.
Nel bel mezzo di un cambiamento improvviso e profondo, è facile perdere le staffe,
l’orientamento o cercare di conservare i vecchi modi di azione, piuttosto che chiudere con
il passato e mutare le proprie credenze.
In poche parole: aiuta a fare una sintesi in favore di una scelta.

Pietra di Luna

Il nome di questo cristallo è già sufficiente per intuire le sue potenzialità e caratteristiche.
La pietra di luna è connessa alla sfera femminile e opera in favore di tutto ciò che deve
essere ammorbidito.
I suoi colori evanescenti e mutevoli, come i cambiamenti della luna durante il suo ciclo
celeste, s’intonano alla frequenza dell’azzurro pallido, del blu, del verde e del giallo su
sfondi, altrettanto variegati, che sfumano dal beige al rossiccio.
La pietra di luna è un cristallo prettamente femminile, associato alle energie della Dea e, in
quanto tale, incarna le doti e le prerogative della donna: la creatività, l’amore

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 29


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

incondizionato, la pietà, le capacità materne di assistere, proteggere, allevare, la fertilità e


la pazienza, oltre ad accrescere il potere della magia femminile nel maschio.
Armonizza il ciclo ormonale con i ritmi della Natura, di cui è intermediaria e portatrice dei
suoi messaggi, allevia i dolori mestruali e post-parto, rende riflessivi, ringiovanisce poiché
sostiene la forza vitale.
Cosi come la luna rappresenta il pianeta dei sognatori, di riflesso la sua pietra omonima
avvicina l’intuito alla sfera onirica, all’ispirazione, ai sentimenti di tenerezza tipici degli
innamorati e aiuta nei casi di sonnambulismo.

Magnesite

L’elemento che la costituisce è indubbiamente il magnesio e si presenta, solitamente, in


masse compatte, lamellari o granulari bianche, grigie o brune.
La magnesite è quel cristallo le cui polveri sono usate dagli arrampicatori per asciugare le
mani dal sudore e aumentare l’aderenza dei polpastrelli.
In virtù di questo suo utilizzo pratico, la magnesite opera sull’organismo a favore della
flessibilità, in special modo, nei casi in cui l’individuo è caratterialmente rigido ed è facile
preda di crampi, stipsi, acidità di stomaco, coliche, ritenzione idrica e formazione di calcoli
biliari.
La magnesite aiuta a essere più fluidi nelle vicende pratiche e nel modo di pensare, senza
tuttavia, rinunciare ai propri propositi, anzi, a raggiungerli con maggior distensione e
pacatezza, accettando gli eventi per come si presentano al momento, senza sforzi inutili o
sentirsi schiacciati. Ecco perché gli scalatori la usano nelle loro arrampicate.
E’ il cristallo adatto per le persone stressate che si perdono in un bicchiere d’acqua o sono
facili a spaventarsi di fronte alle difficoltà. Utili anche per disintossicarsi dagli accumuli.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 30


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Fluorite viola e arcobaleno

Le fluoriti sono una grande famiglia di cristalli che, assieme alle calciti e alle piriti,
costituiscono la trinità mentale, ossia quell’unione cristallina che partecipa attivamente a
ridurre le tensioni cerebrali, a pulire i pensieri e rafforzare le potenzialità mnemoniche.
Ne esistono di diversi colori, tanti quante le porte energetiche, tuttavia le può diffuse sono
quelle viola, blu, gialle, verdi, rosa e arcobaleno o multicolori.
Possono essere sia limpide che opacizzate da intrusioni di altri minerali e sono reperibili in
diverse forme geometriche: cubiche, ottaedriche oppure in masse compatte o granulari.
Alcune fluoriti se esposte ai raggi ultravioletti, danno origine a un fenomeno ottico tipico di
questo cristallo: la fluorescenza.
Il loro nome deriva dal latino fluere che significa fondere, poiché circa la metà della fluorite
estratta è impiegata nella produzione di acido fluoridrico che l’industria chimica e
siderurgica impiega come fondente, tuttavia anche in merito alla presenza di fluoro e al
fenomeno ottico che produce.
La fluorite viola opera sia sulla parte mentale della testa, i due emisferi, le onde e
frequenze cerebrali, che su quella fisica avendo cura dei suoi tessuti, delle sue ossa del
cranio e denti.
L’effetto principale che questo cristallo provoca sul campo energetico e la sfera emotiva, è
di aiutare a sviluppare l’autodisciplina, al fine di divenire guide spirituali di se stessi, grazie
alla chiara visione della vita e dell’essenza di cui si è manifestazioni concrete.
L’autodisciplina è la capacità di autoregolarsi, ossia di controllare e correggere i propri
pensieri, parole e modalità di rapportarsi con gli altri e la vita, al fine di migliorare se stessi
e creare la propria realtà.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 31


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Il vero talento della fluorite è di allineare l’energia del pensiero all’azione del corpo e alle
intenzioni dello spirito, in armonia ed equilibrio con i cambiamenti esterni.
Sfida molto importante ed essenziale cui l’uomo è chiamato a risolvere, per rimanere saldo
e felice in un tempo di grandi sconvolgimenti energetici interiori ed esteriori come la nuova
Era in cui stiamo vivendo.
Siamo spesso in balia degli eventi per mancanza di fermezza di pensieri e di volontà
creativa, inoltre, in un mondo bombardato d’informazioni da ogni dove e di ogni tipo, pieno
d’innumerevoli personaggi che divulgano filosofie e stili di vita talvolta divergenti, è
necessario consolidare la nostra identità, le nostre visioni, attitudini, modi di vedere e
pensare e seguire la strada che risuona con il nostro cuore.
La fluorite facilita questo processo e, in particolar modo quella “arcobaleno” che agisce
sull’allineamento dei chakras e sulla loro pulizia dalle interferenze con il mentale, aiuta a
fare ordine interiore,a concentrarsi e a radicarsi, pur mantenendo l’energia personale su
alte frequenze.

7) PORTA TRASPARENTE: apertura verso il cielo

Quarzo ialino o Cristallo di Rocca

Giunti al piano superiore di un’abitazione, si accede alla soffitta, dove si stivano, come in
cantina, le suppellettili da conservare o i ricordi da non gettare ed essendo buia, per fare
luce al suo interno, o si accede l’interruttore della corrente o si apre l’abbaino per lasciare
entrare la luce del sole.
Nella casa-uomo, la soffitta (il cranio e la mente) è il luogo, dove la luce che abbiamo
conquistato con il sapere, l’autodisciplina, il vivere cosciente, ecc.. si espande per

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 32


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

illuminare tutta la casa per mezzo del linee elettriche ed eteriche, che da questo stanza si
dipartono. Anche la mente ha il proprio abbaino (porta trasparente) che, se aperto o
addirittura spalancato, ci consente di spaziare nell’infinito sopra di noi e sondare le vie del
cielo, ossia del ciò che si cela alla vista terrena.
Quindi la porta trasparente ,o settimo chakra, è il passaggio verso l’illuminazione e il radar
rice-trasmittente veso quell’infinito che può essere inteso come Dio, come il Grande Spirito
o come Coscienza Superiore.
E’ quindi la porta dell’”iniziazione spirituale” che permette di conoscere il cielo.
Il quarzo ialino è il cristallo-chiave che permette di aprire l’abbaino sulla giusta angolatura,
in modo che la luce dello spirito universale, entrando non sia né accecante, né fievole ma
adeguata alla capacità di comprensione e metabolizzazione della coscienza.
Quando si parla di cristalli, l’immagine che arriva alla mente di chi non è esperto, è quella
di una pietra trasparente, fredda al tatto mentre, tutti gli altri cristalli sono identificati come
sassi o portafortuna.
Il corpo freddo è il dato di fatto che conferma l’alta frequenza vibratoria dell’energia,
inoltre, la parola “cristallo” deriva dal termine greco “krios che significa “ghiaccio”, perché
gli antichi pensavano che fosse congelato.
Il quarzo ialino, comunemente conosciuto con il nome di “cristallo di rocca”, è il cristallo
per antonomasia cui fa riferimento l’intuizione collettiva, in virtù della fama che ha acquisito
grazie alle tante storie fantastiche e leggende che fin da bambini colorano la nostra
fantasia.
La luce che questo cristallo trasmette ha una frequenza molto alta e si percepisce come
un raggio fresco che però, attraversando la materia, si scalda. Il quarzo ialino quindi è
freddo al tatto perché è luce congelata.
E’ il cristallo più abbondante sulla Terra, poiché rappresenta la memoria primordiale del
pianeta e la costituente minerale che contribuisce a mantenere integra la sua coscienza e,
di riflesso, quella degli altri regni viventi che vi convivono.
Rappresenta la vibrazione energetica più raffinata e spiritualizzante, che il mondo
minerale elargisce alla comunità vivente, all’ecosistema planetario solare e a tutti gli
elementi che vibrano nella galassia e nell’Universo.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 33


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Grazie alla sua capacità di ricevere frequenze molto alte, di rielaborarle e trasmetterle, il
cristallo di rocca contribuisce a regolare il funzionamento degli altri cristalli e alla stabilità
del campo magnetico terrestre e, di riflesso, anche di quello umano.
Il quarzo ialino interagisce con il corpo pineale che, come abbiamo appreso dalla sesta
lezione, è la ghiandola “pilota” del metabolismo e omeostasi, in merito alla produzione di
quegli ormoni che regolano e attivano tutte le altre ghiandole.
Il cervello è la centrale elettrica del sistema nervoso che possiamo considerare un vero e
proprio circuito magnetico, capace di trasportare informazioni, impulsi e pensieri, la cui
igiene si riflette sulla buona condotta, salute e agire umano: mens sana in corpore sano.
Il quarzo ialino, quindi, ha la grande responsabilità di chiarificare la memoria e i pensieri, in
modo da influenzare il metabolismo energetico e cambiare, di conseguenza, la visione
della vita, conducendola verso un’armonia.
Il cristallo di rocca è simbolo di limpidezza e purezza, d’idee chiare e spirito lucido e, in
virtù della sua trasparenza, è l’esempio più bello di unione degli opposti perché, pur
essendo materia solida, è trasparente come se non lo fosse, rappresenta, perciò, l’anello
di congiunzione tra visibile e invisibile.
E’ simbolo, inoltre, di divinazione, saggezza e delle capacità paranormali, misteriose e
latenti dell’essere umano ed è usato in tutti i tempi, da ogni civiltà antica e tribale del
pianeta.
Il cristallo di rocca si trova in natura sotto varie forme prismatiche, con terminazioni singole
a sei facce che si uniscono all’estremità a formare una punta o due (bi terminati), inoltre,
può contenere inclusioni di materiali diversi a forma di aghi, detti rutili, tra cui anche la
tormalina.
In questo caso si chiama “quarzo tormalinato” ed ha il compito di direzionare la luce più
pura verso le zone in ombra della coscienza, facilitando la visione delle paure e la loro
trasformazione, aumentando l’efficacia del trattamento.
Il quarzo ialino ha la capacità di amplificare ogni intenzione, infatti, si può “programmarlo”
per favorire per la realizzazione d’idee e progetti (parlerò dettagliatamente di questo
argomento nell’ultima lezione).

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 34


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Esistono varie tipologie di cristallo di rocca, classificate in base alla forma o al numero di
lati della faccia principale, detta “portale d’ingresso”, elementi che determinano il loro
specifico impiego e peculiarità.

- Cristallo generatore: questo quarzo ialino è l’esatta riproduzione della roccia


matrice, da cui è distaccato, perciò trasmette l’energia dalla base verso l’apice è,
come la madre, genera energia e luce che convoglia nel punto con cui, il suo apice,
è messo a contatto
- Cristallo bi terminato: così chiamato per la presenza di due apici contrapposti, atti a
trasmettere a due punti un flusso d’energia. Spesso sono la doppia terminazione è
creata artificialmente
- Diamantino di Herkimer: dall’omonima regione americana in cui è stato scoperto,
questa varietà di quarzo ialino ha una frequenza energetica pari a quella del
diamante (la più alta in natura) e presenta due punte naturali. E’ usato per portare
energia ad alta frequenza in poco tempo, quindi aiuta a dissolvere in velocità stasi
energetiche.
- Cristallo tabulare: presenta una terminazione naturale piatta, simile a uno scalpello,
per mezzo della quale si possono incidere punti energetici duri e tenaci.
- Cristallo dow: presenta una terminazione triangolare costituita dall’alternanza di
facce triangolari e eptagonali (7-3 / 3-7 / 7-3), che gli conferiscono una struttura
perfetta. Permette di unire e armonizzare il corpo con l’animo e lo spirito,
sciogliendo i blocchi, rinforza l’autocoscienza e aiuta a raggiungere gli obiettivi.
- Cristallo laser: presenta una terminazione conica molto appuntita ed è privo di
base. Serve a generare una forte energia ad ampio raggio d’azione.

Queste tipologie di quarzi ialino rappresentano una piccola sezione di un grande gruppo
di cristalli di rocca chiamati “ Cristalli maestri”, il cui utilizzo è specificatamente rivolto alla
meditazione, eccetto i generatori, i laser, i bituminati e i tabulari, che si impiegano nella
pratica terapeutica. Servirebbe un corso a parte solo per il cristallo di rocca e i suoi
numerosi e importanti usi.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 35


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Selenite

La selenite è gesso “cristallizzato” trasparentissimo e striato e rappresenta la


manifestazione fisica della luce.
La sua struttura piatta e allungata e, soprattutto, la presenza di scanalature, lo rendono un
ottimo e veloce catalizzatore, capace di richiamare frequenze alte, facilitando, addirittura,
l’uscita dal corpo, i viaggi astrali e, di riflesso, accompagna con consapevolezza alla morte
fisica.
L’energia della selenite è molto raffinata e pura, tanto che la sua frequenza supera quella
del quarzo ialino e opera, addirittura, in centri energetici para-corporei, ossia localizzati
nell’aura. Richiama le frequenze astrali della luna, agendo sulla costituente acquosa
dell’organismo, innalzandone la vibrazione; occorre usarla con cautela perché, in merito
alla sua potenza, nel caso in cui non si è ben strutturati e con i piedi ben saldi per terra,
potrebbe condurre in realtà, meno materiali, in cui è facile rimanere, per sfuggire dal
quotidiano.
Persone che per natura vivono nel proprio mondo o con la testa fra le nuvole, dovrebbero
andare cauti nell’utilizzo della selenite, pensando, prima di tutto, di lavorare sul concreto e
l’ancoraggio con il piano fisico dell’esistenza.
In una persona equilibrata, il contributo della selenite è essenziale per aumentare la
propria percezione extra-sensoriale e integrare le visioni e le consapevolezze più sottili,
nel mondo della materia per creare una realtà meno densa.
L’era in cui stiamo sperimentando la vita, è un periodo temporale che ci stimola a
riprendere possesso delle nostre capacità nascoste e a riallacciare un contatto profondo,
vero e chiaro con la forza creatrice e la volontà universale.
Senza questo collegamento il cammino verso l’integrazione della spiritualità nel mondo
fisico, è difficoltoso; la selenite aiuta a portare la luce dello spirito nell’esistenza terrestre.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 36


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione
Centro di Ricerca Erba Sacra Cristalloterapia
Corsi OnLine LEZIONE 8 Docente: Federico Bassetti

Pirite

La pirite è un cristallo molto comune, anch’esso dotato di un’alta frequenza energetica che
riceve direttamente dal fuoco, elemento da cui ha tratto il proprio nome ( dal greco pyros)
e l’incisività d’azione. Per la stretta somiglianza con l’oro, la pirite è stata spesso oggetto
d’inganni e ciò le ha valso il nomignolo di “ oro dei matti”.
La pirite in natura si trova in diverse forme: cubica, pentagono-dodecaedrica o ottaedrica,
a volte con le facce alternate e con sottili striature longitudinali.
Sono abbastanza frequenti le germinazioni, ossia strutture nate dalla crescita di due piriti
sullo stesso ceppo.
Questo cristallo, assieme alle fluoriti e alle calciti, costituisce la cosiddetta triade mentale,
mentre, in unione con l’ematite è un ottimo connettore della luce con la fisicità, soprattutto
quando è in forma cubica. La pirite, infatti, è formata di ferro, elemento che nella fisiologia
umana rappresenta il costituente di base dell’emoglobina, quindi, questo cristallo riesce a
fissare la luce direttamente al flusso sanguigno.
Grazie a questa sua capacità, l’organismo s’irrobustisce, diventando più resistente
nell’accettare la luce e la spiritualità, quindi, la pirite incoraggia l’ animo all’azione e
rendere concrete le idee.
La pirite, inoltre, permette l’integrazione e l’equilibrio tra il maschile e il femminile,
allentando o eliminando la dualità che, impedisce di essere centrati con la forza del cuore
e incapaci di comprendere lo scopo della nostra esistenza.
Il risultato dell’unità interiore delle due energie accompagna alla pace, alla saggezza e alla
libertà di soddisfare autonomamente i propri bisogni, attraverso il potere creativo.

CENTRO DI RICERCA ERBA SACRA, www.erbasacra.com 37


Dispense del Corso online di Cristalloterapia solo per uso didattico
Copia personale dello studente. Vietata la riproduzione