Sei sulla pagina 1di 128

WORD – CHE COSA E’?

Word è un programma di videoscrittura, prodotto da Microsoft e facente parte del pacchetto Office, che
serve per creare documenti come lettere e testi, rendendo di fatto il computer simile ad una macchina da
scrivere ma con l’aggiunta di molte funzionalità.

Un programma di videoscrittura come Word, permette, tra le varie cose, di:


- Correggere il documento in pochi passi;
- Modificare il documento in qualsiasi momento;
- Stampare il documento in qualsiasi momento;
- Salvare il documento e archiviarlo in forma elettronica;
- Gestire il documento in forma elettronica (si può velocemente archiviare, spostare di cartella, inviare
tramite posta elettronica, trasferire su supporti esterni come chiavette USB…)

Per aprire un file Word archiviato sul nostro dispositivo: doppio click sul documento

Per creare un file Word sul nostro dispositivo: tasto destro del mouse sul desktop ->
Nuovo -> Documento di Microsoft Word
PAGINA WORD
PULSANTE OFFICE
BARRA DI ACCESSO RAPIDO

SCHEDE
DEGLI
STRUMENTI

Nella versione 2003 sono presenti le seguenti schede:


File, Modifica, Visualizza, Inserisci, Formato, Strumenti,
Tabella, Finestra. Non esiste il pulsante Office
PAGINA WORD

BARRA DI
SCORRIMENTO

RIGHELLO
PAGINA WORD

Nella versione 2003 la barra di stato è in


basso a sinistra. Esiste inoltre una parte
di barra degli strumenti contenenti
forme, casella di testo, ecc. Sotto di essa
risiedono le informazioni del documento
PULSANTI DI
SCORRIMENTO
INFORMAZIONI
DOCUMENTO

BARRA DI STATO
ELEMENTI PAGINA WORD

PULSANTE OFFICE: permette di accedere ad alcune delle funzioni


più importanti di Word. Ad esempio si può velocemente:
- Creare un nuovo documento;
- Aprire un documento esistente;
- Salvare il documento corrente;
- Stampare il documento

BARRA DI ACCESSO RAPIDO: consente di avere a disposizione in modo


rapido una serie di comandi. Si può personalizzare aggiungendo nuovi
comandi tramite la freccia presente all’estrema destra della barra
PERSONALIZZAZIONE BARRA ACCESSO RAPIDO

Per personalizzare la barra di accesso rapido occorre cliccare


sulla freccia a destra dell’ultima icona presente sulla barra. Si
aprirà un menù che vi permetterà di scegliere le opzioni
desiderate. Per inserire altri comandi non presenti nella lista a
fianco, occorre scegliere “Altri comandi”. Per modificare la
posizione nella quale sarà visualizzata la barra occorre digitare
“Mostra sotto la barra multifunzione”

Nella versione 2003 è possibile agire sulle barre di accesso rapido


premendo sulla freccia a destra rispetto all’ultima icona
ELEMENTI PAGINA WORD

SCHEDE DEGLI STRUMENTI: sono organizzate per categorie (Home, Inserisci, Layout di pagina,
Riferimenti, Lettere, Revisione, Visualizza) e consentono di accedere a vari comandi.
Avvicinando il puntatore al comando selezionato è possibile conoscere la funzione del pulsante
scelto aspettando che appaia la casella di testo contenente una breve descrizione della funzione
(che si attiverà cliccando il pulsante)

INFORMAZIONI DOCUMENTO: in fondo al documento si


trovano delle informazioni riguardanti il numero di pagine
che lo compongono, il numero di parole contenute nello
stesso, la lingua utilizzata (se al posto della lingua è
presente l’icona di un libro, come in figura, significa che è
attivo il controllo degli errori ortografici/grammaticali)
ELEMENTI PAGINA WORD

BARRA DI SCORRIMENTO: è posta


lungo il lato destro dello schermo.
Permette di spostarci velocemente
all’interno del documento

BARRA DI STATO: si trova nella


parte inferiore dello schermo e
permette di regolare diverse
modalità di visualizzazione
(lettura, stampa e layout web) PULSANTI DI SCORRIMENTO:
e di agire sullo zoom della sono posti al di sotto della
pagina barra di scorrimento e
permettono di passare da una
pagina all’altra del documento
IMPOSTARE PAGINA WORD
Quando creiamo un nuovo documento word e/o lo apriamo, esso sarà già impostato secondo le impostazioni di default o
inserite dall’utente. Di seguito una serie di piccole regole per poter operare sul documento in modo pratico

Dal momento che la scheda Home è quella che presenta i comandi propri della scrittura, come
VISUALIZZARE LA quelli di gestione del carattere, si consiglia di selezionarla nel momento in cui si comincia a lavorare
SCHEDA HOME sul foglio word. Le schede con i vari gruppi di operazioni consentite (schede degli strumenti) si
selezionano cliccando sulla linguetta appropriata (in questo caso bisogna cliccare su Home).

Agire sullo zoom (in fondo a destra) in modo da visualizzare a piacimento l’ingrandimento del
IMPOSTARE LO
documento su cui si lavora. Lo zoom al 100% rende l’idea sulle effettive dimensioni del documento
ZOOM
stesso. (Nella versione 2003 lo zoom si trova in Visualizza -> Zoom)

Il righello permette di comprendere la distribuzione degli elementi (testo, immagini, ecc) che
SELEZIONARE IL compongono il documento all’interno delle varie pagine. Per attivare il righello occorre:
RIGHELLO - Fare clic sulla scheda Visualizza
- Nella sezione Mostra/Nascondi, attivare l’opzione Righello (Nella versione 2003 Visualizza -> Righello)

La modalità Layout di stampa è utile poiché permette di visualizzare il documento così come verrà
IMPOSTARE IL stampato. Per attivarla occorre:
LAYOUT DI STAMPA - Fare clic sulla scheda Visualizza
- Fare clic sul pulsante Layout di stampa (Idem per versione 2003)
LAYOUT PAGINE
La modalità Layout di stampa consente di vedere le pagine del documento in modo molto simile a come
appariranno in stampa. Se non si hanno particolari esigenze è preferibile utilizzare questo layout poiché in
questo modo possiamo vedere correttamente i margini del foglio e definire l’intestazione ed il piè di pagina

La modalità Lettura a schermo intero consente di eliminare elementi dalla visualizzazione della pagina che
potrebbero distrarci in caso di lettura: ad esempio la barra degli strumenti ed i riquadri attività vengono
rimossi. Si utilizza questo layout quando dobbiamo compiere operazioni inerenti alla lettura, ad esempio
cercare una parola. Si esce dalla visualizzazione cliccando in alto a destra su Chiudi

La visualizzazione Layout Web viene utilizzata per creare documenti o per modificare pagine Web. In questa
modalità vengono visualizzati gli sfondi, il testo viene disposto automaticamente per adattarlo alla finestra e
gli elementi grafici vengono posizionati come in un browser. Non esiste inoltre la suddivisione per pagine

Le tipologie di layout possono essere scelte in modo veloce cliccando sulla barra di stato presente in basso
a destra del foglio Word, altrimenti è possibile accedere alla scheda Visualizza dalla quale è possibile
scegliere tra i vari layout previsti.
LAYOUT PAGINE
La visualizzazione Struttura viene utilizzata in documenti di grandi dimensioni che includono titoli e sottotitoli.
Consente di riorganizzare facilmente il documento, spostando le informazioni e modificando i rientri. In questa
modalità non vengono visualizzate le intestazioni, i piè di pagina, gli elementi grafici e gli sfondi. Per agire
velocemente sulla struttura del documento è possibile comprimerlo per vedere solo i titoli principali per poi
tornare ad espanderlo per vedere anche il corpo del testo

La visualizzazione Bozza è utilizzata per attuare operazioni di inserimento, modifica e formattazione del testo.
In questa visualizzazione viene mostrata la formattazione del testo ma il layout della pagina è semplificato in
quanto non sono presenti i margini della pagina, le intestazioni ed i piè di pagina, gli sfondi, i disegni ed il
passaggio da una pagina all’altra è evidenziato tramite una riga composta da puntini

Scheda Visualizza

Nella versione 2003 dobbiamo andare in basso a sinistra del foglio oppure su Visualizza. Esistono
le impostazioni: Normale, Layout Web, Layout di stampa, Layout lettura, Struttura, Schermo intero
OPERAZIONI SEMPLICI
INSERIRE/CANCELLARE TESTO
Il testo verrà inserito/cancellato in base a dove risiede il cursore perciò occorre visualizzarne la posizione corretta. Una volta
indentificato il cursore, eventualmente spostarlo all’interno del documento.
Per inserire il testo: digitare i caratteri desiderati;
Per cancellare il testo: utilizzare il tasto delete o canc (nel caso in cui il testo risulti selezionato)

SPOSTARSI NEL DOCUMENTO


Manualmente:
- Per muoversi di riga in riga utilizzare le quattro frecce di direzione.
- Per muoversi più velocemente di schermata in schermata, utilizzare i tasti PAG ↑ e PAG ↓

Mediante mouse:
- Per muoversi in senso verticale selezionare e scorrere la barra di scorrimento, oppure andare sul puntatore che
permette di farla scorrere, cliccarci sopra e continuare a tenere premuto a seconda dello spostamento da eseguire
- Utilizzare la rotellina di scorrimento del mouse posta in mezzo ai due tasti
- Utilizzare i pulsanti di scorrimento

N.B.= il cursore, rappresentato da una barretta verticale nera lampeggiante, è il punto di inserimento del testo: se ci
muoviamo nel documento usando la barra di scorrimento il cursore non si muove insieme a noi, perciò l’inserimento di
nuovi elementi non avverrà nella pagina visualizzata ma nel punto in cui risiede il cursore
OPERAZIONI SEMPLICI
SELEZIONARE TESTO
Può essere utile selezionare una parte di testo per poi svolgere su di esso delle operazioni (cancellare, utilizzare un font
diverso, cambiare colore dei caratteri, rendere i caratteri in grassetto, ecc). Occorre quindi spostarci con il cursore nel punto
desiderato e poi ricorrere ad attività che possono essere svolte sia tramite tastiera che tramite mouse. Il testo selezionato
sarà evidenziato tramite una striscia colorata

Per selezionare tramite tastiera occorre:


 Portare il cursore all'inizio del testo che vogliamo selezionare
 Premere il tasto Maiuscolo e muoversi nel testo con le frecce di direzione (se vogliamo selezionare
più righe utilizzare le frecce in alto o in basso per essere più veloci)
 Rilasciare il tasto Maiuscolo una volta selezionato il testo desiderato
Si deseleziona cliccando col mouse in qualunque punto del documento

Per selezionare tramite mouse occorre:


 Portare il cursore all'inizio del testo che vogliamo selezionare
 Premere il tasto sinistro del mouse e spostarsi con il mouse
 Rilasciare il tasto una volta selezionato il testo desiderato
Si deseleziona utilizzando una delle frecce direzionali
SELEZIONARE TESTO
TIPO DI SELEZIONE OPERAZIONI CON MOUSE OPERAZIONI DA TASTIERA
- Portarsi con il puntatore sulla parola da - Portarsi con il puntatore sulla parola da selezionare
selezionare - Scorrere con la freccia (sinistra o destra) tenendo
UNA SOLA PAROLA - Scorrere con il mouse per selezionare la parola premuto il tasto Maiuscolo in modo da selezionare tutta
oppure fare doppio click con il tasto sinistro del la parola
mouse
- Portare il puntatore nella zona in cui vogliamo iniziare
- Portarsi con il puntatore all'estrema sinistra in
la selezione
corrispondenza della riga da selezionare
RIGA INTERA - Scorrere con la freccia (sinistra o destra) in modo da
- Fare doppio click con il tasto sinistro del mouse
selezionare tutta la riga tenendo premuto il tasto
per selezionare l'intera riga
Maiuscolo
- Portarsi con il puntatore nella zona in cui vogliamo - Portare il puntatore nella zona in cui vogliamo iniziare
iniziare la selezione la selezione
- Tenendo premuto il tasto sinistro del mouse, - Tenendo premuto il tasto Maiuscolo, scorrere con la
PIU’ RIGHE trascinare la selezione verso il basso/l’alto e freccia (alto o basso) in modo da selezionare tutta la
destra/sinistra: le righe appariranno selezionate riga ed utilizzare le altre frecce (sinistra/destra) per
una dopo l'altra trovarsi nel punto esatto
Si selezionano tutte le righe del documento oppure, per
Si selezionano tutte le righe del documento oppure, fare più velocemente, eseguire: Ctrl+5 (5 da tastiera
TUTTO IL per fare più velocemente, eseguire: numerica) oppure Ctrl+A (dipende dalle versioni! Nella
DOCUMENTO Sezione Home -> Seleziona -> Tutto il documento versione 2003 se si seleziona il testo e poi si digita
Ctrl+A cambiano caratteristiche del testo, usare Ctrl+5
da tastierino).
REGOLE SU DIGITAZIONE TESTO
Esistono delle convenzioni che sono utilizzate dal programma di videoscrittura: quando non vengono seguite, nel caso di
utilizzo dello strumento di correzione automatica, verrà visualizzato un segnale di errore

ATTIVITA’ CONVENZIONE UTILIZZATA


I segni di punteggiatura (virgola, punto e virgola, due punti, punto) vanno legati
SEGNI DI PUNTEGGIATURA alla parola che li precede e staccati con uno spazio dalla parola che li segue
Le parentesi vanno attaccate alle parole che sono al loro interno, altrimenti in
PARENTESI fase di stampa risultano troppo lontane dal testo
Le parole con l'apostrofo vanno sempre attaccate: non ci devono essere spazi tra
APOSTROFO l'apostrofo, la parola precedente e quella successiva
Le vocali accentate vanno sempre scritte utilizzando gli appositi tasti presenti
PAROLE ACCENTATE sulla tastiera
SPAZIATURE TRA PAROLE Tra una parola e l'altra bisogna sempre lasciare un solo spazio
A CAPO Per andare a capo non utilizzare gli spazi ma l’apposito tasto
TABULAZIONE Premere il tasto Tab invece di digitare spazi
REGOLE SU DIGITAZIONE TESTO
Alcune regole per caratteri semplici o speciali presenti sulla tastiera

CARATTERE COME OTTENERLO


LETTERA MAIUSCOLA Premere il tasto Shift/Maiuscolo
Tenere premuto il tasto Shift/Maiuscolo e continuare a digitare
LETTERE MAIUSCOLE
oppure premere il tasto Caps Lock
CARATTERI SPECIALI (IN ALTO) Premere il tasto Shift/Maiuscolo e digitare il tasto opportuno
Premere il tasto alt gr e digitare il tasto opportuno. Il simbolo può
CARATTERI SPECIALI (A DESTRA)
esser scritto anche premendo Crtl+Alt+tasto
Premere il tasto alt gr e digitare il tasto opportuno. Il simbolo può
CARATTERI SPECIALI (IN BASSO) esser scritto anche premendo Crtl+Alt+tasto, ad esempio € può
essere scritto premendo Crtl+Alt+E
SALVARE
Per salvare il testo scritto sul file corrente cliccare sul simbolo del dischetto

Per salvare «con nome» andare sul pulsante office e premere su Salva con nome. Si aprirà la seguente
finestra. Se necessario impostare percorso, nome e tipo di file e cliccare su Salva. Se necessario, inoltre,
scegliere le varie opzioni che si aprono nel sottomenù Salva con nome (vedi slide successiva).

PERCORSO

NOME FILE

TIPO FILE

SALVO LE
IMPOSTAZIONI
SALVARE

Tutte queste opzioni apriranno la finestra


appena vista, tranne Trova componenti per
altri formati di file che aprirà la guida online

Cliccando solamente su Salva con nome


apparirà comunque la finestra vista in
precedenza

Nella versione 2003 andare su File -> Salva, File-> Salva con nome.
Esiste anche la possibilità di salvare il documento come pagina web
HOME – SCHEDA APPUNTI

FUNZIONI:
• Copia
• Taglia
• Incolla
• Copia formato

Nella versione 2003:


• Copia è su Modifica
• Taglia è su Modifica
• Incolla è su Modifica
• Copia formato è nella barra degli strumenti
SCHEDA HOME - USO DI COPIA/TAGLIA E INCOLLA
Word ci offre la possibilità di copiare e/o spostare porzioni di testo da una parte all'altra dello stesso
documento o fra documenti diversi. Per svolgere queste operazioni si possono utilizzare i pulsanti contenuti
nella sezione Appunti oppure si può ricorrere a pratici comandi immessi da tastiera

PER COPIARE UNA PORZIONE DI TESTO:


• Selezionare il testo da copiare
• Fare click sul pulsante Copia nella sezione Appunti della scheda Home (oppure digitare la combinazione di
Questo comando permette di
tasti Ctrl + C, oppure tasto destro mouse-> Copia)
copiare la formattazione (ma
anche alcune caratteristiche • Posizionare il cursore nel punto in cui si vuole copiare il testo
del testo quali bordi e • Fare click sul pulsante Incolla nella sezione Appunti della scheda Home (oppure digitare la combinazione di
riempimenti) di un testo tasti Ctrl + V, oppure tasto destro del mouse-> Incolla)
selezionato e di riportarlo su
un’altra porzione di testo da PER TAGLIARE (SPOSTARE) UNA PORZIONE DI TESTO:
selezionare. Una volta • Selezionare il testo da copiare
digitato, il puntatore del
• Fare click sul pulsante Taglia nella sezione Appunti della scheda Home (oppure digitare la combinazione di
mouse si trasforma in una
barra verticale affiancata a tasti Ctrl + X, oppure tasto destro del mouse-> Taglia)
sinistra da un piccolo • Posizionare il cursore nel punto in cui si vuole copiare il testo
pennello. Per uscire dalla • Fare click sul pulsante Incolla nella sezione Appunti della scheda Home (oppure digitare la combinazione di
funzione senza usufruirne tasti Ctrl + V, oppure tasto destro del mouse-> Incolla)
usare il tasto ESC
HOME – SCHEDA CARATTERE

FUNZIONI:
• Tipo font e grandezza carattere
• Cancella formattazione
• Grassetto
• Corsivo
• Sottolineato Nella versione 2003 i comandi possono risiedere tutti nella
• Barrato barra degli strumenti. «Cancella formattazione» si raggiunge
da Modifica-> Cancella-> Formati, mentre per il barrato
• Apice/Pedice occorre selezionare il testo poi cliccare con il tasto destro del
• Testo evidenziato mouse, scegliere «Carattere» e selezionare la voce interessata
• Colore carattere nella finestra che appare (oppure Formato-> Carattere).
Le funzioni non presenti possono essere aggiunte nella barra
degli strumenti (Aggiungi pulsanti -> Formattazione)
SCHEDA HOME - FORMATTAZIONE DEL CARATTERE

Questo pulsante permette di


cancellare la formattazione di
un testo selezionato (es: in un
testo contenente grassetto e
corsivo, il carattere tornerà
normale)

Per modificare la grandezza del


Per modificare il tipo carattere occorre agire sulla sezione
di font utilizzato nel apposita oppure in modo più veloce
documento occorre utilizzando i comandi sottostanti che
andare nella sezione permettono di aumentare/diminuire
apposita e scegliere le dimensioni del carattere
quello più opportuno
SCHEDA HOME - FORMATTAZIONE DEL CARATTERE

Con questi comandi possiamo


impostare: Con questo pulsante possiamo
- Grassetto scegliere il colore del carattere.
- Corsivo La freccia permette di scegliere
- Sottolineato (mediante la tra varie tipologie (standard,
freccia possiamo sceglierne altri colori...)
il tipo)
- Barrato

Questi comandi permettono di


Con questo pulsante possiamo
inserire le lettere come pedice Questi comandi agiscono in varie
evidenziare il testo selezionato
o apice modalità sulla trasformazione delle utilizzando i colori a disposizione
lettere da maiuscolo a minuscolo
(e viceversa)

I comandi sulla formattazione del carattere appena visti possono essere digitati prima di inserire il testo
oppure dopo, selezionando in un secondo momento il testo interessato dalla formattazione. Se vogliamo
evidenziare o utilizzare i comandi maiuscolo/minuscolo occorre operare solo su un testo già digitato
HOME – SCHEDA PARAGRAFO

FUNZIONI:
• Elenchi puntati
• Rientri
• Ordinamento contenuto
• Evidenziare segni formattazione
• Allineamento testo
• Interlinea testo
• Sfondo testo
• Bordi
SCHEDA HOME – FORMATTAZIONE DEL PARAGRAFO
Questo comando mostra i segni
di paragrafo ed i simboli di
formattazione nascosta (ad
esempio mostra quanti spazi
Con questi comandi possiamo vuoti vengono inseriti, oppure
inserire nel nostro documento se si va a capo più volte per
elenchi puntati, numerati e su creare spazi)
più livelli. Possiamo scegliere
varie tipologie di elenchi
mediante le frecce. Si
seleziona il tipo di elenco e si
comincia a digitare
Questo comando ordina in
modo crescente/decrescente un
Agendo su questi comandi si
testo o dei numeri inseriti, ad
riduce o aumenta il rientro
esempio un testo in un elenco
(tabulazione). Il testo è spostato
puntato o dei numeri presenti
a destra o a sinistra della pagina
in una tabella

Nella versione 2003 sono tutti nella barra degli strumenti o nella
sezione Formato. Il comando ordina si trova su Tabella -> Ordina
SCHEDA HOME – FORMATTAZIONE DEL PARAGRAFO

Questo comando consente di


aggiungere o rimuovere bordi
nel testo selezionato. Esistono
Il testo del nostro documento varie tipologie che possono
può essere allineato nella essere scelte mediante la freccia
pagina in 4 modi diversi: a
sinistra, centrato, a destra,
giustificato. Per allineare un
testo è sufficiente selezionare il
testo interessato e fare clic su In questa sezione si può agire
uno dei pulsanti di allineamento sull’interlinea del nostro testo.
Si può inoltre aggiungere o Questo comando non evidenzia
togliere spazio prima o dopo il il testo ma l’intero sfondo di un
paragrafo. La freccia permette testo, la cella di una tabella o di
di scegliere il comando da un paragrafo selezionato. La
inserire freccia permette di scegliere le
varie tipologie

Nella versione 2003 sono tutti nella barra degli strumenti.


Se non presente, lo sfondo può essere raggiunto anche da Formato-> sfondo
ALLINEAMENTO DI UN PARAGRAFO
L’allineamento di un paragrafo può essere fatto utilizzando i comandi presenti nella scheda Home e nella scheda Layout.
L’immagine sottostante è riferita alla sezione Home

Cliccando sul pulsante evidenziato


in rosso, si apre una finestra che ci
permette di agire sui rientri e sulla
distribuzione del testo

• L'allineamento a sinistra fa sì che il testo di ciascuna riga inizi sempre nella stessa posizione rispetto al margine sinistro
• L'allineamento a destra fa sì che il testo di ciascuna riga termini sempre nella stessa posizione rispetto al margine
destro
• L'allineamento centrato fa sì che ogni riga lasci uno spazio identico a sinistra e a destra rispetto ai margini
• L’allineamento giustificato organizza la dimensione degli spazi all'interno del documento per far sì che ciascuna riga
inizi e termini nella stessa posizione
Nella versione 2003 andare su Formato -> Paragrafo
SPAZIATURA ED INTERLINEA DI UN PARAGRAFO
La spaziatura di un paragrafo è la quantità di spazio lasciato prima di quello che
lo precede e/o dopo quello che lo segue. Per modificare la spaziatura si possono
utilizzare i comandi presenti sulla scheda Rientri e spaziatura della finestra di
dialogo Paragrafo presenti nella scheda Home (visti in precedenza) oppure gli
equivalenti comandi posti nel gruppo Paragrafo sulla scheda Layout di pagina
presenti in figura

L’interlinea è la quantità di spazio verticale tra le righe dello stesso paragrafo.


Per modificarla in modo rapido è possibile utilizzare l’apposito comando del
gruppo Paragrafo della scheda Home.
I valori selezionabili in questa sezione sono: 1,0; 1,15; 1,5; 2,0; 2,5; 3,0 e Opzioni
interlinea (che ci permetterà di aprire la finestra di dialogo Paragrafo).
Se invece ricorriamo alla scheda Rientri e spaziatura che si apre da Layout o
dalla finestra di dialogo Paragrafo, i comandi cambiano e sono: singola, 1,5
righe, doppia, minima, esatta e multipla.

PER RIPORTARE LE STESSE CARATTERISTICHE SU PORZIONI DI TESTO DIVERSE IN MODO VELOCE,


UTILIZZARE IL COMANDO «COPIA FORMATO»

Nella versione 2003 andare su Formato -> Paragrafo


SPAZIATURA/INTERLINEA DI UN PARAGRAFO

SCHEDA HOME
Nella versione 2003 andare su
Formato -> Paragrafo per raggiungere
la finestra

SCHEDA LAYOUT DI PAGINA

SCHEDA LAYOUT DI PAGINA


SEZIONE PARAGRAFO
HOME – STILI PARAGRAFO

FUNZIONI:
• Stili del paragrafo
• Operazioni su stili del paragrafo

Nella versione 2003 andare su Formato -> Stili e formattazione


STILI DI UN PARAGRAFO
Gli stili di paragrafo comprendono sia la formattazione dei caratteri che quella di paragrafo e sono applicati all’intero
paragrafo. Esistono diversi stili predefiniti che possono essere visualizzati nel riquadro Stili della scheda Home. Il pulsante
evidenziato in rosso permette di visualizzare diversamente la serie di stili predefiniti. Si agisce sullo stile cliccando
sull’icona a destra evidenziata con

Per cambiare gli stili:


• Fare click sul pulsante Cambia stili
• Selezionare Set di stili per aprire il relativo
sottomenù
• Scorrere l’elenco osservando l’anteprima in
tempo reale sul documento fino a
raggiungere l’aspetto desiderato quindi
cliccare per scegliere

Nella versione 2003 andare su Formato -> Stili e formattazione dalla finestra
selezionare «Nuovo stile». Agire nella finestra usando anche il tasto Formato
PERSONALIZZARE GLI STILI DI UN PARAGRAFO
Può capitare di dover creare un documento particolare e di notare che nessuno degli stili predefiniti di Word soddisfa le
proprie esigenze di formattazione. In questo caso è possibile creare uno o più stili personalizzati ed utilizzarli come standard
ogni volta che occorre
CREARE UN NUOVO STILE PER UN PARAGRAFO

Per applicare un nuovo stile ad un paragrafo esistente in modo Per applicare un nuovo stile ad un paragrafo esistente in modo più
veloce è necessario creare il paragrafo secondo lo stile complesso, inserendo altre funzionalità, occorre agire sulla
desiderato e poi salvarlo come stile di Word. In questo caso il seguente tabella. Vedremo nella prossima slide come farla apparire
nuovo stile sarà salvato nella galleria degli stili veloci e potrà
essere applicato ogni volta che si vuole. Si salva utilizzando la
finestra che si apre cliccando sugli stili veloci, scegliendo di
creare un nuovo stile
PERSONALIZZARE GLI STILI DI UN PARAGRAFO

Si può accedere alla finestra di creazione di


un nuovo stile di formattazione in due modi
diversi:
1) Dalla finestra degli stili attivata cliccando
sulla parte evidenziata in rosso

2) Dalla finestra che si apre cliccando su


crea stile nella finestra degli stili veloci Per impostazione predefinita la creazione di un nuovo
stile è valida solo per il documento corrente. È
comunque possibile impostare l’opzione «Nei nuovi
documenti basati sul modello» per renderlo disponibile
anche su altri documenti. L’anteprima ci permette di
capire come verrà visualizzato lo stile creato. Sotto
l’anteprima sono presenti le caratteristiche dello stile
descritte in forma di testo. Ovviamente è sempre
Nella versione 2003 andare su Formato -> Stili e formattazione dalla finestra possibile modificare o rimuovere uno stile creato
selezionare «Nuovo stile». Agire nella finestra usando anche il tasto Formato
IMPOSTARE UN SOMMARIO

In genere il sommario si usa per documenti lunghi, permettendo così di poter visualizzare velocemente le varie
sezioni e sapere a che pagina sono inserite, oppure può essere utilizzato per documenti più brevi ma che sono
composti da tante sezioni.
Gli stili di un paragrafo possono essere utilizzati per creare un sommario, in particolare abbiamo:
• Titolo 1: selezionando il titolo di un paragrafo e digitando questo comando accadrà che la scritta diventerà
automaticamente più grande e verrà considerata da Word come l'inizio di un nuovo capitolo
• Titolo 2: selezionando la porzione di testo e digitando questo comando accadrà che la scritta diventerà più
piccola della precedente e verrà considerata da Word come un sotto-capitolo
• Titolo 3: selezionando la porzione di testo e digitando questo comando accadrà che la scritta diventerà più
piccola della precedente e verrà considerata da Word come un sotto-capitolo del precedente
• Titolo: selezionando il titolo di un paragrafo e digitando questo comando accadrà che la scritta diventerà
automaticamente più grande e verrà considerata da Word come l'inizio di un nuovo capitolo
• Sottotitolo: selezionando la porzione di testo e digitando questo comando accadrà che la scritta diventerà più
piccola della precedente e verrà considerata da Word come un sottotitolo

Nella versione 2003 andare su Inserisci-> Riferimento -> Indici e sommario


IMPOSTARE UN SOMMARIO

Una volta impostati tutti i capitoli da mostrare nel sommario


occorre recarsi nella pagina in cui vogliamo visualizzarlo (in
genere la successiva rispetto al titolo del documento). Per creare
automaticamente il sommario occorre andare nella scheda
Riferimenti e cliccare sul comando Sommario.

Adesso non rimane che espandere il menù Sommario e cliccare


su una delle tabelle automatiche disponibili. In questo modo
verrà creato un sommario automatico contenente i titoli di tutti i
capitoli del documento e i rispettivi numeri di pagina. Come nel
caso degli Stili, è possibile anche creare un Sommario
personalizzato, cliccando sul comando Inserisci sommario
Nella versione 2003 andare su Inserisci-> Riferimento -> Indici
e sommario e agire sulla finestra che si apre. Per scegliere i
modelli agire, nella finestra che si apre, sezione sommario , su
Formato
PERSONALIZZARE UN SOMMARIO

Cliccando sul comando Inserisci sommario si aprirà la


seguente finestra che permette di personalizzare il
Sommario da inserire nel documento. E’ possibile, ad
esempio scegliere:
• se mostrare o meno i numeri di pagina
• se allinearli o meno a destra
• quale carattere, tra quelli predefiniti, utilizzare per
riempire lo spazio tra titolo e numero di pagina,
• se utilizzare collegamenti ipertestuali tra i titoli ed il
documento stesso
• se utilizzare un determinato stile per i titoli,
utilizzando il tasto Modifica

Nella versione 2003 andare su Inserisci-> Riferimento ->


Indici e sommario e agire sulla finestra che si apre
PERSONALIZZARE UN SOMMARIO

Formati: è una casella di riepilogo in cui scegliere lo stile da


applicare al sommario attuale. Selezionando una delle voci
presenti, l’anteprima in alto verrà aggiornata così che l’utente
possa valutare l’aspetto che verrà applicato.

Mostra livelli fino a: permette di impostare il numero di livelli


per gli stili di testo che dovranno essere aggiunti al sommario.

Opzioni: digitando questo comando apparirà la finestra a fianco


che permette di individuare gli stili applicati al sommario per ogni
livello. Nella figura si notano due livelli (quindi mostra livelli fino a
è impostato su 2). E’ possibile attivare da questa finestra ulteriori
livelli, modificando quindi il valore impostato tramite mostra livelli
fino a
PERSONALIZZARE UN SOMMARIO

Il pulsante Modifica della finestra Sommario apre una


finestra in cui sono elencati tutti gli stili di sommario
disponibili da applicare. Gli stili del sommario possono
essere applicati e modificati dall’utente secondo le
proprie necessità. Per modificarli occorre digitare il
tasto Modifica: esso apre la finestra che permette di
modificare gli stili. Una volta modificati gli stili occorre
premere ok a tutte le finestre, si aprirà quindi una
finestra nella quale viene chiesto se vogliamo
applicare la modifica degli stili del sommario:
digitando sì lo stile del sommario sarà modificato
secondo le impostazioni prescelte
AGGIORNARE UN SOMMARIO
In fase di revisione di un documento può accadere di aggiungere, modificare o rimuovere titoli, oppure di
cambiarne la posizione all’interno del documento. Il sommario di Word è in grado di aggiornarsi in modo
automatico, considerando quindi tutte le modifiche apportate al documento.
Per aggiornare il sommario ed adattarlo ai cambiamenti effettuati occorre andare sulla scheda Riferimenti e
cliccare sul pulsante Aggiorna sommario. Si aprirà una finestra che chiede di aggiornare l’intero sommario
oppure solamente i numeri di pagina

Su 2003 seleziono il sommario, tasto destro mouse -> Aggiorna campo


RIMUOVERE UN SOMMARIO

Per rimuovere un sommario:


• Andare sul sommario e digitare nel punto indicato
con
• Utilizzare il comando di rimozione

Su 2003 seleziono il sommario per poi eliminarlo


TROVA E SOSTITUISCI
La funzione Trova permette di cercare velocemente una parola all’interno di un file. La ricerca parte dal punto in cui il
cursore è puntato quando viene richiamata la funzione e la ricerca avviene all’interno di tutto il documento. Se la parola
ricercata è presente all’interno del file, questa viene evidenziata e a quel punto si può decidere se continuare la ricerca
nel file (es: trova successivo) oppure no.
La ricerca della parola desiderata può essere effettuata sul documento oppure sull’intestazione e piè di pagina (opzione
Trova in). Sulla parola possono essere svolte una serie di operazioni, ad esempio può essere sostituita con un’altra
mediante il comando Trova -> Sostituisci. Tramite la funzione Formato si possono anche cambiare colori e stili del
carattere della parola da sostituire

Nella versione 2003 andare su Modifica (Trova/Sostituisci)


TROVA E SOSTITUISCI
Sulla parola ricercata possono essere svolte alcune operazioni che possono essere scelte dall’apposita finestra, ad
esempio si può evidenziare il testo ricercato tramite il comando Evidenzia -> Visualizza tutto. Il testo evidenziato è
visibile sullo schermo ed ovviamente il colore di sfondo non viene riprodotto nel documento stampato.
Se necessario si può rimuovere il comando digitato tramite la sequenza Evidenzia -> Cancella evidenziazione

Alcune opzioni:
- Cerca: la ricerca può essere fatta su tutto il documento oppure in alto o
in basso (Giù, Su)
- Maiuscole/Minuscole: se selezionato verifica la corrispondenza esatta
tra maiuscole e minuscole, tra criterio di ricerca e testo nel documento
- Solo parole intere: in questo caso vengono escluse dalla selezione le
parole che sono contenute in quelle indicate (es se cerco «penna» mi
esclude «pennarello»
- Usa caratteri jolly: serve per aumentare il range di ricerca. Viene usato
«?» a sostituzione di un carattere e «*» a sostituzione di più caratteri.
Con «ma?e» viene ricercato ad esempio «male, mare» mentre con
«ma*e» viene ricercato anche «magie, madre»
- Prefisso/suffisso: trova le lettere inserite come prefisso o suffisso di una
parola;
- Si possono, infine, ignorare segni di punteggiatura o spazi per trovare le
parole indicate. Ad esempio può essere restituito «viavai», «via vai» e
In rosso le opzioni valide anche per il 2003 «via-vai» se vengono evidenziati entrambi i criteri di ricerca
FORMATTARE IL DOCUMENTO – INTERRUZIONE DI PAGINA
La formattazione del documento ha un impatto sull’aspetto complessivo del documento e di norma andrebbe eseguita
all’inizio o durante la stesura dello stesso per evitare di dover impaginare nuovamente il testo a causa delle ripercussioni
che la formattazione ha sull’intero documento
INTERRUZIONE DI PAGINA
Word inserisce automaticamente un salto pagina quando necessario. Possono però esservi situazioni in cui vogliamo
introdurre manualmente un salto pagina, in questo caso dobbiamo ricorrere a specifici comandi:
Si può inserire un salto di pagina andando a capo finchè il programma non ci permetterà di andare alla pagina
successiva (soluzione efficace ma convenzionalmente errata)
Si può inserire un salto di pagina in modo manuale ponendosi con il cursore nel punto dal quale vogliamo far
partire l’interruzione di pagina e poi digitare Ctrl+Invio
Si può inserire un salto di pagina in modo automatico andando nella scheda Inserisci -> Interruzione di pagina

L’interruzione di pagina manuale è trattata come un


carattere qualsiasi, per eliminarla basta cancellare. In caso
di interruzione di pagina automatica cancellare due volte

Nella versione 2003 andare su Inserisci -> Interruzione


FORMATTARE IL DOCUMENTO – ALLINEAMENTO VERTICALE
Come nel caso del paragrafo, è possibile stabilire l'allineamento del testo dentro la pagina rispetto ai margini superiori ed
inferiori del foglio. Si può quindi scegliere tra:

ALLINEAMENTO VERTICALE IN ALTO: in questo caso il testo parte dalla prima riga utile del foglio, seguendo le
spaziature definite per i paragrafi. Il testo può concludersi anche prima dell’ultima riga all’interno della pagina
ALLINEAMENTO VERTICALE CENTRATO: in questo caso il testo è centrato nella pagina in modo da lasciare il
medesimo spazio vuoto in testa ed in coda nel foglio, oltre a rispettare i margini definiti per il paragrafo
ALLINEAMENTO VERTICALE IN BASSO: in questo caso il testo parte dall’ultima riga della pagina facendo risalire lo
stesso in modo che l’ultima riga inserita sia sempre l’ultima riga della pagina
ALLINEAMENTO VERTICALE GIUSTIFICATO: in questo caso il testo è distribuito nella pagina facendo sì che occupi la
prima e l’ultima riga utile del foglio, tenendo conto dei margini già impostati per la pagina

Nella versione 2003 si


agisce su File -> Imposta
pagina (sezione layout)
FORMATTARE IL DOCUMENTO – INTESTAZIONI E PIE’ DI PAGINA
L’intestazione di un documento è formata da testo o immagini (ad esempio può essere data dal titolo del documento o dal
logo aziendale) e viene collocata nel margine superiore di ogni pagina. Il piè di pagina è posto nel margine inferiore della
pagina ed in genere contiene testo (ad esempio il numero di pagina o l’autore del documento).
È possibile utilizzare sempre la stessa intestazione e piè di pagina per tutto il documento oppure, se necessario,
differenziarli in sezioni o per pagine diverse del documento. I comandi per questo tipo di formattazione risiedono nella
scheda Inserisci nella sezione apposita Intestazione e piè di pagina visibile nell’immagine sottostante

Una volta scelto il comando Intestazione o Piè di pagina, si


apre la galleria di stili definiti da scegliere. In entrambi i casi si
aprirà la scheda degli strumenti che consente di operare sul
comando digitato

Per uscire da questo menù occorre cliccare su Chiudi intestazione e piè di pagina
Nella versione 2003 andare su Visualizza -> Intestazione e piè di pagina e agire sulla barra che si apre
FORMATTARE IL DOCUMENTO – INTESTAZIONI E PIE’ DI PAGINA

Cliccando su uno dei modelli


predefiniti si evidenzieranno solo la
parte superiore e quella inferiore
della pagina, mentre la parte
centrale risulterà inattiva. Sulla barra
degli strumenti apparirà la scheda
Strumenti intestazione e piè di
pagina insieme al menù
Progettazione che permettono di
inserire qualunque cosa che
permetta di personalizzare il
documento come testo ed immagini.
Si possono salvare, eliminare,
modificare intestazioni e piè di
PIE’ DI PAGINA PREDEFINITI pagina creati tramite i comandi
INTESTAZIONI PREDEFINITE
Modifica, Rimuovi, Salva selezione
nella raccolta
INTESTAZIONI E PIE’ DI PAGINA – SCHEDA PROGETTAZIONE

Nel menu Progettazione troviamo i seguenti comandi:


• Intestazione: che apre il menù predefinito delle intestazioni;
• Piè di pagina: che apre il menù predefinito per i piè di pagina;
• Numero di pagina: che apre il menù predefinito per i numeri di pagina;
• Data e ora, Immagine e Clip Art che ci permettono di inserire nell’intestazione o nel piè di pagina del documento la
data e l’ora corrente (si può anche scegliere di aggiornare in modo automatico questo dato ogni volta che apro il file),
le immagini salvate sul computer o le clip art desiderate;
• Vai all’intestazione e Vai al Piè di pagina: che permettono di passare rapidamente all’intestazione quando si sta sul piè
di pagina e viceversa;
• Sezione precedente e Sezione successiva: che permettono di passare rapidamente all’intestazione o al piè di pagina
della sezione precedente o successiva del documento;
• Collega al precedente: che collega le intestazioni e i piè di pagina della sezione corrente a quelli della sezione
precedente, consentendo di creare un flusso continuo da sezione a sezione;
INTESTAZIONI E PIE’ DI PAGINA – SCHEDA PROGETTAZIONE

• Diversi per la prima pagina: che consente di formattare le intestazioni e i piè di pagina della prima pagina in modo
diverso dal resto del documento;
• Diversi per pagine pari e dispari: serve per inserire intestazioni e piè di pagina diversi per le pagine pari e quelle
dispari;
• Mostra testo documento: serve a mostrare la parte del documento non inclusa nell’intestazione e nel piè di pagina:
togliendo il segno di spunta è possibile nascondere il testo per visualizzare solo l’intestazione e il piè di pagina;
• Intestazione dall’alto e Piè di pagina dal basso: che consentono di impostare la distanza dell’intestazione dal bordo
superiore e del piè di pagina dal bordo inferiore della pagina;
• Inserisci tabulazione allineamento: per inserire una tabulazione che consenta l’allineamento del contenuto
nell’intestazione e nel piè di pagina;
• Chiudi intestazione e piè di pagina: che chiude le due aree e gli Strumenti intestazione e piè di pagina

Nella versione 2003 andare su Visualizza -> Intestazione e piè di pagina e agire sulla barra che si apre.
Voci: inserisci voce di glossario, inserisci numero di pagina, inserisci numero di pagine, formato numeri di pagina, inserisci data,
inserisci ora, imposta pagina, mostra/nascondi testo del documento, collega al precedente, alterna intestazione/piè di pagina,
mostra precedente, mostra successivo, chiudi
INTESTAZIONI E PIE’ DI PAGINA – NUMERI DI PAGINA
Word consente di inserire nel documento la numerazione automatica delle pagine utilizzando
l’apposito comando Numero di pagina presente nella sezione Inserisci.
Cliccando sul comando si aprirà la finestra presente nell’immagine a lato che ci permetterà di
visualizzare una galleria di formati predefiniti da utilizzare. Se nessun formato soddisfa le
necessità legate all’impaginazione del documento, è possibile creare un formato
personalizzato (che può essere salvato e riutilizzato).
Il tipo di carattere (font) del numero può essere modificato come se fosse un testo qualsiasi. E’
inoltre possibile cambiare lo stile di numerazione o il valore di inizio attraverso le opzioni del
comando Formato pagina Numeri.
Non esiste controllo sull’inserimento multiplo dei numeri di pagina: possiamo perciò inserirli in
più sezioni di una stessa pagina (esempio nel piè di pagina e nel margine del documento)

Se selezioniamo In alto o In basso sostituiremo completamente gli elementi testuali


presenti nell’intestazione o nel piè di pagina.
Per non perdere il contenuto già impostato nelle sezioni, occorre posizionarsi nel punto
scelto per l’inserimento del numero e scegliere Posizione corrente dal menù

Nella versione 2003 si può agire su Inserisci -> Numeri di pagina ed agire sulla finestra che si apre. Per modificare usare Formato
IMPOSTAZIONI VARIE NUMERO DI PAGINA
NUMERI DIVERSI PER LA PRIMA PAGINA
In alcuni casi la prima pagina di un documento deve diversificarsi (ad esempio se la prima
pagina deve contenerne il titolo). Una volta selezionata la tipologia di numero di pagina
occorre selezionare Diversi per la prima pagina. Si può scegliere se effettivamente non
utilizzare nessun numero di pagina oppure se utilizzare uno stile diverso dalle altre pagine

NUMERI DIVERSI PER PAGINE PARI E PAGINE DISPARI


In questo caso occorre selezionare nella scheda progettazione Diversi per le pagine pari e
dispari. Andare quindi sulla prima pagina e scegliere il formato desiderato, poi andare sulla
seconda pagina e scegliere il formato desiderato per le pagine pari

IMPOSTARE UNA PARTENZA DIVERSA PER IL NUMERO DI PAGINA


Nel caso, ad esempio, in cui il documento abbia come pagina iniziale un titolo, si può
escludere dal conteggio la prima pagina. La seconda pagina del documento, quindi, dovrà
essere numerata come prima. Per fare questo occorre andare su Numero di pagina ->
Formato numeri di pagina ed operare sulla sezione Comincia da e selezionare «0». In
questo modo la prima pagina del documento sarà pari a zero, la seconda pari ad uno e così
via
USO DELLE SEZIONI
Le sezioni sono utilizzate nei documenti poiché permettono di formattare in modo
diverso una porzione del documento (ad esempio margini diversi, oppure il passaggio
da un layout verticale ad uno orizzontale).

Un documento può avere più sezioni, le stesse sono evidenziate in fondo a destra nella
barra delle informazioni (vedi figura 1).

Esistono vari tipi di sezioni (vedi figura 2) e possono essere inserite a partire da un
determinato punto all’interno del documento.

Due (o più) sezioni possono avere lo stesso tipo di intestazione e/o piè di pagina,
oppure possono essere impostate diversamente dalla precedente e/o dalla successiva.

Le sezioni si possono rimuovere velocemente andando sulla modalità di


visualizzazione bozza e utilizzando il tasto Canc nella sezione da eliminare. E’
importante scegliere bene quale sezione eliminare: quando si elimina una sezione,
infatti, scompaiono le impostazioni relative alla parte precedente del documento
(rispetto alla sezione che stiamo eliminando) ed il documento stesso assume le
caratteristiche impostate per la sezione successiva a quella eliminata
Nella versione 2003 andare su Inserisci -> Interruzione -> Interruzione di sezione
DIDASCALIE
Le didascalie possono essere utilizzate per descrivere un’immagine, una tabella, una forma, ecc.
Per inserire una didascalia sopra o sotto un elemento occorre:
• Selezionare l’elemento
• Andare sulla scheda Riferimenti e scegliere Inserisci didascalia
• Agire sulla finestra che si apre

Didascalia: viene visualizzata la didascalia che apparirà sul


documento
Etichetta: qui è possibile selezionare la voce che verrà visualizzata
nella sezione didascalia. Opzioni possibili: figura, tabella, equazione
Posizione: qui è possibile selezionare il punto nel quale vedremo
apparire la didascalia: sopra o sotto l’elemento selezionato
Escludi etichetta dalla didascalia: qua è possibile rimuovere
direttamente dalla didascalia l’etichetta (rimane, ad esempio 1
anziché Figura 1

Nella versione 2003 andare sull’oggetto (es: immagine)


tasto destro del mouse e selezionare didascalia
DIDASCALIE

Nuova etichetta: selezionando questo comando è possibile inserire


una nuova etichetta nell’elenco delle etichette (ad esempio inserire
Forma)
Elimina etichetta: selezionando una nuova etichetta dal menù delle
etichette è possibile agire su questo comando per eliminarla dalla
lista. Le etichette preimpostate non sono eliminabili
Numerazione: permette di decidere come sarà la numerazione
delle didascalie (esempio numeri o lettere)

Una volta dato l’ok la didascalia è inserita nel posto desiderato.


E’ possibile modificare la didascalia selezionandola direttamente è digitando le modifiche desiderate
E’ possibile eliminare la didascalia selezionandola direttamente ed usando il tasto canc/delete

Nella versione 2003 andare sull’oggetto (es: immagine) tasto destro del mouse e selezionare didascalia
IMPAGINAZIONE DOCUMENTO – IMPOSTARE COLONNE
Quando si scrive un documento può capitare di impostarne la disposizione su colonne (simile quindi ad un articolo). Per
fare ciò occorre operare nella sezione Layout di pagina e selezionare la voce Colonne

PER FORMATTARE UN TESTO SU PIU’ COLONNE:


• Selezionare il testo interessato
• Andare su Layout di pagina -> Colonne
• Impostare il numero di colonne desiderato
Se necessario, ricorrere alla personalizzazione che è attuabile
mediante comandi presenti sulla finestra che si apre cliccando
su Altre colonne

Nella versione 2003 andare su


Formato -> Colonne oppure
usare la barra degli strumenti
IMPAGINAZIONE DOCUMENTO – IMPOSTARE DIMENSIONI PAGINA
Quando si scrive un documento abbastanza complesso è fondamentale impaginarlo fin da subito impostandone la
dimensione, l’orientamento ed i margini del foglio, in modo da ottenere il risultato desiderato. Queste operazioni possono
essere ovviamente effettuate anche dopo aver digitato e formattato tutto il testo ma avranno ripercussioni su tutto
documento originale e questo ci costringerà a rivedere il documento e a modificare la disposizione di porzioni di testo
presenti in esso
IMPOSTARE LE DIMENSIONI DI
UNA PAGINA
• Cliccare su Dimensioni
presente nella scheda Layout
di pagina
• Selezionare il formato del
foglio desiderato
• Se occorre, impostare un
formato personalizzato delle
dimensioni della pagina
cliccando sulla voce Altre
dimensioni foglio ->
Nella versione 2003 andare
su File -> Imposta pagina
impostare nelle apposite
caselle la larghezza e l’altezza
del foglio di carta ->
confermare dando l’ok
IMPAGINAZIONE DOCUMENTO – IMPOSTARE ORIENTAMENTO
IMPOSTARE L’ORIENTAMENTO DI UNA PAGINA
• Cliccare su Orientamento presente nella scheda Layout di pagina
• Selezionare l’orientamento del foglio desiderato
Se occorre cambiare più volte l’orientamento delle pagine all’interno del
documento cliccare sulla zona evidenziata e selezionare l’apposita sezione
nella quale è possibile indicare da quando deve essere applicato
l’orientamento scelto (Applica a intero documento, Applica da questo punto
in poi)
IMPAGINAZIONE DOCUMENTO – IMPOSTARE MARGINI
IMPOSTARE I MARGINI DI UNA PAGINA
• Cliccare su Margini presente nella scheda Layout
di pagina
• Selezionare il margine del foglio desiderato
• Se occorre, impostare un margine personalizzato
cliccando sulla voce Margini personalizzati:
impostare quindi le dimensioni nelle apposite
sezioni evidenziate e confermare dando l’ok
IMPAGINAZIONE DOCUMENTI– IMPOSTAZIONI
La finestra si apre cliccando su Imposta pagina oppure, come abbiamo visto, da Margini personalizzabili

Da qua si impostano i
margini manualmente

Qui è possibile impostare


l’orientamento del documento,
sia su tutto il documento che in
porzioni di esso
IMPAGINAZIONE DOCUMENTI – IMPOSTAZIONI
La finestra si apre cliccando su Imposta pagina oppure, come abbiamo visto, da Altre dimensioni foglio

Abbiamo diverse impostazioni


di pagina possibili che possono
essere applicate all’intero
documento o a porzioni dello
stesso. E’ possibile inoltre
aprire una finestra per definire
varie opzioni di stampa
IMPAGINAZIONE DOCUMENTI – IMPOSTAZIONI
La finestra si apre cliccando su Imposta pagina

In questa sezione si accede


alle impostazioni sul layout
che possono valere per tutto
il documento o per una
porzione dello stesso
CREARE TABELLE – SCHEDA INSERISCI
Può capitare di dover schematizzare qualcosa all’interno del nostro documento Word utilizzando delle tabelle. Le tabelle
sono formate da righe e colonne e l’incrocio di queste forma una cella.
COME CREARE UNA TABELLA:
• Portare il cursore nel punto del documento in cui si vuole inserire la tabella;
• Andare sulla scheda Inserisci e cliccare su Tabella
• Trascinare il mouse selezionando il numero desiderato di righe e colonne (che può comunque essere modificato in
seguito);
• Cliccare per confermare e rilasciare il tasto del mouse, ottenendo così una tabella vuota e formattata in modo
automatico
MODIFICARE / DISEGNARE UNA TABELLA

Le tabelle possono essere disegnate a mano oppure una tabella già esistente può essere
modificata aggiungendo elementi in modo manuale.
Per disegnare una tabella occorre eseguire i seguenti passaggi: Inserisci -> Tabella ->
Disegna tabella. A questo punto il cursore assume la forma di una matita ed è possibile
operare sia su una tabella esistente che creare una nuova tabella.

MODIFICARE UNA TABELLA ESISTENTE


E’ possibile operare su una tabella già esistente per apportare modifiche alla struttura.
Una volta eseguiti i passaggi Inserisci -> Tabella -> Disegna tabella il cursore diventerà a
forma di matita. E’ possibile quindi agire sulla zona desiderata della tabella per apportare
delle modifiche. Nell’esempio viene inserita una riga obliqua che taglia in due la prima cella
DISEGNARE UNA TABELLA MANUALMENTE
Per disegnare interamente a mano una tabella occorre:
• Eseguire i seguenti passaggi: Inserisci -> Tabella -> Disegna tabella;
• Posizionarsi con il cursore (che assumerà la forma di una matita) nella posizione in cui vogliamo creare la tabella;
• Disegnare il perimetro della tabella
• Disegnare il resto della tabella procedendo per segmenti
• Ricorrere eventualmente allo strumento Gomma per cancellare i segmenti errati

Lo strumento Gomma è presente nella scheda Layout che si attiva quando iniziamo a disegnare la tabella. E’ possibile
agire su altri strumenti quali:
• Inserisci (sopra, sotto, a sinistra, a destra)
• Altezza righe/larghezza colonne
• Orientamento del testo

Nella versione 2003 andare su Tabella -> Disegna Tabella


SELEZIONARE TABELLA O PARTE DI ESSA

TIPO SELEZIONE COME FARE


Posizionare il puntatore del mouse nell’angolo inferiore sinistro della cella: fare click
Una cella col mouse quando il cursore assume la forma di una piccola freccia nera rivolta verso
destra
Agire come precedentemente cliccando due volte col mouse, oppure andare a
Una riga sinistra, esternamente rispetto alla riga da selezionare, e quando appare una freccia
bianca cliccare col mouse
Posizionare il puntatore del mouse in corrispondenza del bordo superiore della
Una colonna colonna: fare click col mouse quando il cursore assume la forma di una piccola freccia
nera rivolta verso il basso
Posizionare il puntatore del mouse in corrispondenza dell’angolo superiore sinistro
L’intera tabella della tabella, fare click col mouse quando il cursore prende la forma di due piccole
frecce incrociate
Più parti separate
Selezionare le parti interessate tenendo premuto il tasto della tabella Ctrl
della tabella

Nella versione 2003 andare su Tabella -> Seleziona (Tabella, Colonna, Riga, Cella)
FUNZIONI SCHEDE PROGETTAZIONE E LAYOUT
Quando si clicca all’interno di una tabella compaiono due schede utili alla formattazione automatica: Progettazione e
Layout.

SEZIONE PROGETTAZIONE:
Permette di agire sulla tabella dal punto di vista della formattazione delle righe e delle colonne (bordi e
sfondo della tabella, formattazione intestazioni…)

SEZIONE LAYOUT:
Permette di agire sulla tabella dal punto di vista della proprietà della tabella (dimensioni righe e colonne,
inserimento righe e colonne, orientamento testo, margini…)
USO DELLE TABELLE
COME SPOSTARSI IN UNA TABELLA:
MODALITA’ A MODALITA’ B
2003: Tabella –> Inserisci
Posizionarsi con il cursore in una cella all’interno della tabella, Spostarsi utilizzando
premere il tasto TAB per scorrere nella cella successiva, premere il il mouse
tasto Shift (Maiuscolo) + TAB per tornare alla cella precedente

COME AGGIUNGERE UNA RIGA IN FONDO AD UNA TABELLA:


MODALITA’ A MODALITA’ B MODALITA’ C
Portare il cursore nell’ultima Posizionarsi col cursore dove Agire sui comandi presenti
cella della tabella e premere si desidera inserire la riga e nella sezione Layout ->
il tasto TAB con il tasto destro del mouse Inserisci (vedi figura 1) nel
agire su Inserisci punto in cui si desidera
inserire la riga

COME AGGIUNGERE UNA COLONNA IN UNA TABELLA:


MODALITA’ A MODALITA’ B
Posizionarsi col cursore dove si desidera Posizionarsi col cursore dove si desidera
inserire la colonna e con il tasto destro inserire la colonna agire sui comandi presenti
del mouse agire su Inserisci nella sezione Layout -> Inserisci (vedi figura 2)
USO DELLE TABELLE – ELIMINARE
COME ELIMINARE UNA RIGA DELLA TABELLA (SCHEDA STRUMENTI TABELLA – LAYOUT):
• Selezionare la riga da eliminare o posizionarsi su una cella della riga che vogliamo eliminare
• Fare click su Elimina -> Elimina righe
• Per eliminare più righe è sufficiente selezionare prima le righe da eliminare e ripetere la
procedura

COME ELIMINARE UNA COLONNA DELLA TABELLA (SCHEDA STRUMENTI TABELLA – LAYOUT):
• Selezionare la colonna da eliminare o posizionarsi su una cella della colonna che vogliamo
eliminare
• Fare click su Elimina -> Elimina colonne
• Per eliminare più colonne è sufficiente selezionare prima le colonne da eliminare e ripetere la
procedura

COME ELIMINARE L’INTERA TABELLA (SCHEDA STRUMENTI TABELLA – LAYOUT):


• Posizionarsi su una cella all’interno della tabella da eliminare
• Fare click su Elimina -> Elimina tabella, oppure andare in alto a sinistra, al di fuori della
tabella, dove il cursore ha la forma di croce, utilizzare il tasto destro del mouse e selezionare
Elimina
2003: Tabella –> Elimina
USO DELLE TABELLE – ELIMINARE CELLE
COME ELIMINARE LE CELLE ALL’INTERNO DI UNA TABELLA:
• Posizionarsi sulla cella da eliminare all’interno della tabella
• Fare click su Elimina -> Elimina cella e selezionare l’opzione
desiderata all’interno della finestra che si apre

ESEMPIO TABELLA – MI POSIZIONO SULLA CELLA 7

2003: Tabella –> Elimina cella

Con questo comando elimino la cella 7


e sposto le celle restanti (nella riga in
cui è presente la cella eliminata) a
sinistra ottenendo

Con questo comando elimino la cella 7


e sposto le celle restanti (nella
colonna in cui è presente la cella
eliminata) a sinistra ottenendo
USO DELLE TABELLE – ELIMINARE CELLE

ESEMPIO TABELLA – MI POSIZIONO SULLA CELLA 7

Con questo comando elimino la riga


che comprende la cella selezionata

Con questo comando elimino la


colonna che comprende la cella
selezionata
ORDINARE DATI NELLE TABELLE
Per ordinare i dati presenti in una tabella occorre selezionare la tabella e fare click sul pulsante Ordina nella scheda
Layout. Si aprirà così la finestra Ordina nella quale è possibile specificare quale colonna della tabella deve essere presa
come base per l’ordinamento dei dati (crescente o decrescente), specificando la natura del dato stesso (testo, numero,
data).
E’ necessario specificare se la tabella ha o meno una riga di intestazione in modo da escluderla dalla procedura di
ordinamento dei dati. Cliccando su ok saranno confermate le scelte inserite

Nella versione 2003 utilizzare


la sezione Tabelle o la finestra
Tabelle e bordi
ALLINEAMENTO/ORIENTAMENTO TESTO IN UNA TABELLA
ALLINEAMENTO TESTO (SCHEDA STRUMENTI TABELLA – LAYOUT)
• Selezionare le celle per le quali è necessario impostare un particolare allineamento del contenuto
• Fare click su uno dei pulsanti Allinea nel gruppo Allineamento e definire un allineamento del testo all’interno della
cella oppure fare click con il tasto destro del mouse sulla selezione di testo e utilizzare la voce Allineamento celle per
scegliere l’opzione desiderata

ORIENTAMENTO TESTO (SCHEDA STRUMENTI TABELLA – LAYOUT)


• Selezionare le celle per le quali è necessario impostare un particolare allineamento del contenuto
• Fare click su Orientamento testo nel gruppo Allineamento e definire un orientamento del testo all’interno della cella
oppure fare click con il tasto destro del mouse sulla selezione di testo e utilizzare la voce Orientamento testo per
scegliere l’opzione desiderata

2003: Si clicca su una cella con il


tasto destro del mouse e si agisce
sui comandi interessati

ALLINEAMENTO TESTO
ORIENTAMENTO TESTO
DIVIDERE – UNIRE CELLE

UNIRE CELLE (SCHEDA STRUMENTI TABELLA – LAYOUT)


• Selezionare le celle da unire
• Selezionare il comando Unisci Celle

DIVIDERE CELLE (SCHEDA STRUMENTI TABELLA – LAYOUT)


• Selezionare la cella da dividere
• Selezionare il comando Dividi Celle
• Specificare il numero di righe e colonne da ottenere
• Confermare la scelta

DIVIDI TABELLA (SCHEDA STRUMENTI TABELLA – LAYOUT)


• Selezionare la sezione inferiore della tabella che vogliamo dividere
• Selezionare il comando Dividi Tabella
• La tabella sarà divisa in due

2003: Tabella –> Unisci celle, dividi celle, dividi tabella


USO DELLE TABELLE – MODIFICARE DIMENSIONI
COME MODIFICARE LA LARGHEZZA DI UNA RIGA/COLONNA:
• Portare il mouse sulla linea verticale di divisione fra le righe/colonne: il puntatore si trasforma in una freccia nera a
due punte
• Tenere premuto il tasto sinistro del mouse ed agire sulla larghezza della riga/colonna fino a quando essa non ha
raggiunto le dimensioni desiderate
Si può agire anche sulla sezione Layout -> Proprietà.
Per dimensionare la larghezza di una riga/colonna dalla finestra di dialogo Proprietà tabella occorre spostarsi nella
scheda riga/colonna e usare le frecce contatore della casella Larghezza preferita per impostare una nuova misura. Si può
agire anche sui pulsanti presenti nella sezione Layout

2003: Tabella –> Proprietà tabella


RIPETERE INTESTAZIONE DI UNA TABELLA
Quando si lavora su tabelle di notevoli dimensioni è necessario ripetere l’intestazione della tabella per far sì che appaia
ogni volta che si passa ad una nuova pagina.
Per fare questo occorre:
• Selezionare la riga/le righe di intestazione
• Andare su Strumenti Tabella -> Layout -> Proprietà -> Riga e selezionare Ripeti come riga di intestazione in ogni
pagina

2003: Tabella –> Proprietà tabella


STILI DELLA TABELLA – SCHEDA PROGETTAZIONE
Word permette di scegliere tra numerosi stili di tabella già predefiniti.
E’ possibile modificare lo stile di una tabella o crearne uno nuovo grazie all’apposita
finestra che si apre cliccando sui comandi interessati

Nella versione 2003


selezionare la tabella
e poi col tasto destro
del mouse agire su
bordi e sfondo per
creare lo stile
APPLICARE SFONDO/BORDO ALLA TABELLA
COME APPLICARE UNO SFONDO ALLA TABELLA (SCHEDA
STRUMENTI TABELLA – PROGETTAZIONE)
Per inserire uno sfondo colorato nella tabella è necessario:
• Selezionare tutta la tabella o solo la parte interessata
• Fare click sulla scheda Progettazione e selezionare Sfondo
• Scegliere il colore di sfondo desiderato

COME APPLICARE UN BORDO ALLA TABELLA (SCHEDA


STRUMENTI TABELLA – PROGETTAZIONE)
Se non vogliamo utilizzare la formattazione proposta da Word
nella scheda Progettazione possiamo personalizzare i bordi della
tabella.
E’ possibile agire sul tipo di bordo (1) e sul suo spessore (2) ma
anche sul colore del bordo (colore penna). Per rimuovere il bordo
scegliere Nessun bordo

2003: Tabella –> Proprietà tabella -> bordi e sfondo


CONVERTIRE TABELLA IN UN TESTO
Questa operazione permette di trasformare una tabella o porzione di essa in un testo.
I passi da compiere sono i seguenti:
• Selezionare la tabella da convertire
• Andare su Strumenti Tabella -> Layout -> Converti tabella in testo
• Scegliere tra le possibilità che appaiono nella finestra
• Confermare la scelta

Nella versione 2003: Tabella -> Converti -> Tabella in testo


COPIARE UNA TABELLA IN EXCEL SU FILE WORD

COPIARE LA TABELLA USANDO GLI STRUMENTI DI WORD

In questo caso vogliamo solamente copiare la tabella presente su un file excel e riportarla su un file word.
Le operazioni da svolgere sono:
• Aprire il file excel e copiare la tabella desiderata
• Andare sul file word e posizionarsi nel punto in cui si vuole inserire la tabella
• Incollare la tabella

Mantieni formattazione originale per inserire la tabella in Word mantenendo gli stessi
colori, sfondi, bordi, la stessa formattazione del testo ecc, rispetto all’originale su excel

Usa stili destinazione per adattare lo stile della tabella copiata a quello impostato nel
OPZIONI documento Word nel quale la stessa viene copiata
INCOLLA: Immagine: in questo caso la tabella viene incollata come se fosse un’ immagine, perciò
non è più modificabile internamente

Mantieni solo il testo per incollare solo il testo contenuto nella tabella ma non la tabella
stessa
COPIARE UNA TABELLA IN EXCEL SU FILE WORD

COPIARE LA TABELLA USANDO GLI STRUMENTI DI WORD

Se la tabella è molto grande cambiare l’orientamento della pagina da verticale


ad orizzontale. Agire poi su Strumenti Tabella -> Layout -> Adatta -> Adatta alla
finestra
ADATTARE
LA PAGINA:
Se è solamente necessario adattare la tabella alla pagina occorre agire su
Strumenti Tabella -> Layout -> Adatta -> Adatta alla finestra
COPIARE UNA TABELLA IN EXCEL SU FILE WORD

COPIARE LA TABELLA USANDO GLI STRUMENTI DI EXCEL

In questo caso vogliamo copiare la tabella presente su un file excel, riportarla su un file word ma usarla come se fosse
ancora su excel.
Le operazioni da svolgere sono:
• Aprire il file excel e copiare la tabella desiderata
• Andare sul file word e posizionarsi nel punto in cui si vuole inserire la tabella
• Incollare la tabella utilizzando Incolla speciale
• Scegliere l’opzione Foglio di lavoro di Microsoft Excel Oggetto
• Cliccare due volte sulla tabella per lavorare su di essa proprio come se fosse un foglio excel

Copiando il file in questo modo non si hanno ripercussioni sul file di


origine. Se si desidera che le azioni compiute sulla tabella siano
riportate sul file di origine (o viceversa) occorre incollare la tabella
collegandola al file excel. Per fare ciò è necessario spuntare Incolla
collegamento dalla finestra che si apre per incollare la tabella

Nella versione 2003 le opzioni sono numerose: foglio di lavoro microsoft excel oggetto,
testo formattato, festo non formattato, immagine (metafile di windows), bitmap,
immagine (enhanced metafile), formato html, testo unicode non formattato
USO DELLE TABELLE – COMANDI TRAMITE MOUSE

Si può agire sulla tabella anche utilizzando i comandi che


appaiono cliccando con il tasto destro del mouse sulla tabella
stessa o sulla cella interessata della tabella. E’ possibile agire, ad
esempio su:
• Formattazione testo all’interno delle celle;
• Formattazione tabella;
• Proprietà della tabella;
• Inserimento righe/colonne;
• Orientamento testo

Nella versione 2003 sono presenti i comandi taglia, copia, incolla, inserisci tabella, elimina celle,
unisci celle, bordi e sfondo, orientamento testo, allineamento celle , adatta, proprietà tabella
SCHEDA INSERISCI SEZIONE ILLUSTRAZIONI

La scheda Inserisci permette, nella sezione Illustrazioni, di inserire:


• Immagini
• ClipArt
• Forme
• SmartArt
• Grafici

In questa sezione ci occuperemo delle forme e delle immagini


FORME

Le forme si inseriscono mediante il comando


Inserisci -> Forme. Si aprirà così il set di forme
predefinito su Word

Le attività da svolgere sulle forme sono molteplici, le forme


possono essere, infatti:
• Modificate per dimensione, tipologia, colore
• Spostate all’interno del documento
• Tagliate ed incollate all’interno del documento (ed altrove)
• Eliminate
• Portate in primo/secondo piano rispetto ciò che può risiedere
su uno strato sottostante (ad esempio una frase scritta)
qualora le stesse siano colorate internamente

Nella versione 2003 andare su Inserisci -> Immagine -> Forme


OPERAZIONI SU FORME – SCHEDE STRUMENTI DISEGNO

Quando si clicca su una forma si apre una scheda chiamata Strumenti disegno. Essa è formata da varie
sezioni che permettono di operare sulla forma stessa

• Inserisci forme: permette di inserire altre forme


• Stili veloci: la sezione permette di colorare velocemente la forma secondo stili predefiniti, oppure di
poter sceglierne il riempimento da una gamma di colori, deciderne la sfumatura oppure utilizzare
immagini o trame predefinite
• Effetti ombreggiatura: si può decidere l’effetto e l’inclinatura dell’ombreggiatura da applicare,
eventualmente, alla forma
• Effetti 3D: sono degli effetti preimpostati per forme che non sono tridimensionali
• Disponi: permette di scegliere la disposizione della forma all’interno del foglio
• Dimensioni: permette di impostare le dimensioni della forma (si possono modificare anche usando il
mouse, vedi slide successiva)
OPERAZIONI SU FORME – SELEZIONARE ED ELIMINARE
SELEZIONARE UNA FORMA SELEZIONARE PIU’ FORME
Si può selezionare con il mouse l’intera
Cliccare sulla forma. Appariranno così
area comprendente le forme, oppure
una serie di puntatori (vedi figura
selezionare con il mouse una forma alla
sottostante)
volta tenendo premuto il tasto Maiuscolo

La forma è selezionata.
Si agisce su questo punto per far
ruotare la forma, gli altri puntatori
agiscono sulla dimensione della forma

ELIMINARE UNA FORMA ELIMINARE PIU’ FORME


Una volta selezionata la forma utilizzare il Una volta selezionate le forme utilizzare il
tasto Canc oppure utilizzare il mouse tasto Canc oppure utilizzare il mouse
(tasto destro + taglia) (tasto destro + taglia)
ESEMPIO: COLORI E RIEMPIMENTO FORME
Il riempimento di una forma può essere di varia natura come mostrato qua sotto:

Scegliere un colore o selezionarne


uno da altri colori di riempimento

Occorre selezionare un’immagine


contenuta nel pc da utilizzare
come riempimento della forma

2003: Cliccando sulla forma si apre una finestra per agire sulle caratteristiche della stessa
IMMAGINI
In un testo Word possono essere inserite delle immagini (ad esempio copiate ed incollate da un altro file, oppure che
risiedono sul pc o, ancora, richiamate tramite Inserisci -> Immagine)
Per compiere azioni su un’immagine occorre selezionarla, quindi cliccarci sopra (in questo caso appare un rettangolo
che ne individua il perimetro) ed agire sulla scheda Strumenti Immagine che si genera

Regola: permette di agire su caratteristiche delle immagini quali luminosità e contrasto


Stili immagini: l’immagine viene modificata a seconda dello stile scelto (ad esempio si applica una cornice), si può
inoltre scegliere la forma da applicare all’immagine, definirne il bordo e gli effetti
Disponi: permette di scegliere la collocazione dell’immagine all’interno del foglio Word
Dimensioni: permette di ritagliare l’immagine e/o definirne in modo specifico la dimensione (la dimensione può
essere modificata anche tramite mouse a piacimento senza rispettarne le proporzioni, in questo caso invece sì)

Per le immagini valgono le stesse regole delle forme (selezione, spostamento, cancellazione)
LIVELLI
Le forme e le immagini possono essere distribuite su livelli, è quindi possibile selezionare il livello sul quale porsi.
Questo può servire, ad esempio, se ci sono altre immagini o porzioni di testo che debbono essere in risalto rispetto
all’oggetto (forma o immagine).
I comandi da utilizzare risiedono sulla scheda Strumenti di disegno/Strumenti immagine e sono Porta in primo piano e
porta in secondo piano.

COMANDI PER PORTA IN PRIMO PIANO COMANDI PER PORTA IN SECONDO PIANO

ESEMPIO FORMA IN PRIMO PIANO ESEMPIO FORMA IN SECONDO


RISPETTO ALL’IMMAGINE PIANO RISPETTO ALL’IMMAGINE

2003: Sull’elemento, tasto destro mouse -> Ordine


I GRAFICI
Word permette di creare grafici mediante il comando Inserisci -> Grafico. Apparirà così una finestra che ci permetterà di
scegliere il grafico da inserire nel documento.

Una volta scelto il tipo di grafico più appropriato alle proprie esigenze, appariranno sullo schermo due pagine: una
contenente il grafico e l’altra, che richiama al programma Excel, nella quale sono presenti i dati che hanno permesso di
costruire il grafico stesso. In poche parole otterremo un grafico già formato ed occorrerà quindi personalizzare il grafico
inserendo i dati corretti.
I GRAFICI – FORMATTAZIONE
Nella figura sottostante si può notare il grafico scelto e la tabella con i dati relativi al grafico stesso. Agendo sulla tabella
(sia per quanto riguarda le etichette, sia per quanto riguarda i dati) possiamo personalizzare il grafico da inserire nel
documento. Come per le forme e le immagini, esiste una sezione specifica che si apre una volta creato il grafico ed è
chiamata Strumenti grafico: essa permette di agire sul grafico stesso mediante vari comandi
I GRAFICI – SCHEDA STRUMENTI GRAFICO

Cambia tipo di grafico: permette di cambiare il tipo di grafico utilizzato. Cliccando sopra si apre la
finestra con i vari grafici
Salva come modello: permette di salvare il grafico come modello
Inverti righe/colonne: permette di invertire l’ordine dei dati che sono visualizzati nel grafico
Seleziona dati: permette di selezionare i dati da utilizzare per costruire/modificare il grafico.
Cliccando sopra si apre la finestra che permette di selezionare i dati da inserire nel grafico
Modifica dati: permette di modificare l’area dati utilizzata per costruire il grafico. Cliccando sopra
viene evidenziata la zona dove risiedono i dati utilizzati nel grafico, che possono essere modificati
Aggiorna dati: permette aggiornare il grafico con nuovi dati inseriti
Layout rapido: permette di impostare un layout predefinito per il grafico dalla finestra predisposta
Stili veloci: permette di scegliere uno stile predefinito per il grafico
OPERAZIONI SUL GRAFICO

PER SELEZIONARE UN GRAFICO:


Occorre cliccare sopra il grafico. Un grafico è
selezionato quando i suoi contorni sono evidenziati

PER MODIFICARE LE DIMENSIONI DI UN GRAFICO:


Occorre selezionare il grafico finchè il cursore non
diventerà a forma di doppia freccia. A quel punto è
possibile modificare le dimensioni del grafico
allargandolo o stringendolo

PER SPOSTARE UN GRAFICO: PER ELIMINARE UN GRAFICO:


Un grafico può essere spostato all’interno del Occorre selezionare il grafico. Quando il cursore
documento o in altri documenti. Per fare ciò assumerà una forma di una croce con le frecce
occorre selezionarlo e poi utilizzare la sequenza come estremità basta utilizzare il tasto Canc, in
Taglia-> Incolla oppure Copia -> Incolla. La alternativa occorre selezionare il grafico ed
sequenza può essere effettuata utilizzando il mouse utilizzare la funzione Taglia (tasto destro del mouse
o i comando posti sulla scheda Home o funzione Taglia presente nella scheda Home)
COPIARE UN GRAFICO DA EXCEL
Oltre a creare un grafico vero e proprio sul documento Word, è possibile copiare ed incollare un grafico proveniente da
Excel su un file Word.
Per far ciò occorre selezionare il grafico su Excel e compiere la sequenza Copia -> Incolla speciale
Le opzioni possibili per incollare il grafico sono le seguenti:
• Grafico: incolla il grafico lasciando il collegamento con i dati di origine dello stesso
• Grafico Excel: incolla il grafico e permette di accedere a tutta la cartella di lavoro Excel nella quale risiede il grafico
stesso
• Incolla come immagine: incolla il grafico come se fosse un’immagine
• Mantieni la formattazione originale: incolla il grafico così come è stato creato (stessa formattazione, quindi)
• Usa tema di destinazione: Incolla il grafico e lo formatta utilizzando lo stile applicato al documento
GRAFICI SU WORD 2003
E’ possibile creare un grafico con Word 2003 tramite i seguenti passaggi: Inserisci -> Immagine -> Grafico.
Nel foglio possiamo vedere un istogramma già precompilato, si aprirà inoltre un foglio nel quale sono inseriti i dati che
hanno permesso di formare il grafico. Gli elementi all’interno della tabella possono essere modificati in modo da
ottenere un grafico che rispecchi determinate caratteristiche.
E’ possibile operare sul grafico, una volta selezionato, mediante il tasto destro del mouse, si aprirà quindi un menù dal
quale è possibile selezionare:
 Formato area grafico (si agisce su caratteristiche del grafico quali motivo e carattere)
 Tipo di grafico (si può modificare il tipo di grafico utilizzato)
 Opzioni grafico (si può agire su caratteristiche del grafico quali titoli, assi, griglia, legenda, etichetta e tabella dati)
 Visualizzazione 3D (per modificare la visualizzazione del grafico)
 Foglio dati (apre la finestra con i dati che hanno permesso di creare il grafico)
 Cancella (elimina il grafico)
CHE COS’E’ LA STAMPA UNIONE
Immaginiamo di dover inviare lo stesso documento ad una serie di persone (ad esempio una lettera ai dipendenti della
stessa unità operativa) e di avere a disposizione una banca dati con le informazioni sul personale (nominativi,
dipartimento, unità di appartenenza, ecc). Tramite la stampa unione possiamo:
• Selezionare la tipologia di destinatari (ad esempio, quindi, in base all’unità operativa)
• Scegliere il tipo di comunicazione da inviare (ad esempio, quindi, una lettera)
• Realizzare in modo automatico tante copie quanti sono i destinatari, in modo da ottenere un documento intestato in
modo univoco

Andare nella scheda Lettere

COME REALIZZARE
LA STAMPA UNIONE
Digitare Inizia stampa unione -> Creazione guidata Stampa unione
STAMPA UNIONE
Stampa Unione utilizza quindi due sezioni: un documento (ad esempio una lettera, che rimane quindi la stessa per tutti i
destinatari) e l’origine dei dati (che è l’elenco dei vari destinatari).
Stampa Unione consente di generare lettere, buste, etichette e di creare elenchi.
Il processo può essere attuato manualmente per mezzo della scheda Lettere della barra multifunzione, oppure attraverso
una procedura guidata, che sarà illustrata in seguito e che prevede sostanzialmente questi passi:
1. Selezione del tipo del documento
2. Scelta del documento di partenza
3. Selezione dei destinatari
4. Composizione del documento principale
5. Anteprima
6. Completamento

LETTERE: documento vero e proprio assimilabile quindi ad una lettera

ETICHETTE: permette di creare etichette per indirizzi o per altro genere di cose
TIPO
DOCUMENTO BUSTE: permette di creare gli indirizzi per le buste

ELENCO: crea elenchi, cataloghi, liste di informazioni


STAMPA UNIONE – CREAZIONE GUIDATA LETTERA

Per selezionare la creazione guidata della stampa unione dobbiamo


agire sul comando Inizia stampa unione. Si aprirà quindi la finestra
a fianco, nella quale selezioneremo Creazione guidata di Stampa
unione. Si aprirà, sul lato destro dello schermo, la guida, che, in sei
passi, ci permetterà di impostare la stampa unione

PASSAGGIO 1
In questa fase occorre scegliere il tipo di
documento che vogliamo utilizzare. Nell’esempio è
stato scelto il documento Lettere.
Dopo una breve descrizione su che cosa è possibile
fare, troveremo il pulsante che ci permette di
passare alla fase successiva

Nella versione 2003 andare su Strumenti -> Lettere ed indirizzi - > Stampa unione
STAMPA UNIONE – CREAZIONE GUIDATA LETTERA

PASSAGGIO 2 PASSAGGIO 3
In questa fase occorre In questa fase occorre
scegliere il documento nel scegliere, se esiste, la lista dei
quale vogliamo inserire questa destinatari, oppure è possibile
lettera. Le possibilità sono: crearla.
• Documento corrente Le possibilità sono:
• Modello di documento • Usa elenco esistente
esistente • Seleziona contatti da
• Documento esistente Outlook
Decidiamo di inserire la lettera • Crea nuovo elenco
nel documento corrente. In questo caso occorre creare
Dopo una breve descrizione un nuovo elenco data
su che cosa è possibile fare, l’assenza di una lista contatti.
troveremo il pulsante che ci E’ necessario quindi digitare
permette di passare alla fase sul comando Crea.
successiva o tornare alla Una volta creata la lista si può
precedente passare alla fase successiva (o
si può tornare alla
precedente)
STAMPA UNIONE – CREAZIONE GUIDATA LETTERA
Questa è la tabella nella quale è possibile inserire i dati
dei vari dipendenti. Possono essere inserite altre colonne
per descrivere gli appartenenti all’elenco tramite il
comando Personalizza colonne -> Aggiungi oppure
possono essere rinominate colonne esistenti tramite il
comando Personalizza colonne -> Modifica.
Una volta compilato l’elenco viene richiesto dove salvarlo.
Dopo aver effettuato questa scelta, si aprirà una seconda
finestra che permetterà di proseguire nella stampa
unione

L’origine dei dati è una sorta di tabella con le varie


colonne che rappresentano i campi descrittivi dei vari
dipendenti. Dall’elenco è possibile selezionare i vari
destinatari della lettera, agendo sulla spunta che è a
sinistra del cognome. L’elenco può essere
successivamente modificato (e richiamato in futuro)
qualora sia necessario aggiornare dei campi

La finestra è diversa ma si possono comunque fare le operazioni:


nuova voce, elimina voce, trova voce, filtra e ordina, personalizza
(personalizza campi)
STAMPA UNIONE – CREAZIONE GUIDATA LETTERA

PASSAGGIO 4
Se la lettera non è già presente nel documento interessato, occorre scriverla, proprio come se fosse
un normale documento (quindi possono essere inserite, oltre al testo, immagini, forme, grafici, ecc).
Appena la lettera è pronta, dobbiamo posizionarci col cursore nel punto in cui si vuole inserire il
destinatario dopodichè occorre selezionare una delle quattro possibilità che vediamo elencate.

BLOCCO DI INDIRIZZI: selezionando questa opzione si aprirà una finestra nella quale potranno essere
scelti gli elementi che compongono l’indirizzo ed il loro formato.

Sulla parte destra viene visualizzata l’anteprima di


uno dei nominativi presenti in lista (in questo caso
il primo selezionato). E’ possibile, ad esempio, non
visualizzare il nome della società, oppure impostare
il formato con il quale sarà visualizzato il nome.
Una volta decise queste caratteristiche occorre
digitare ok. Apparirà nel documento una sezione
con scritto Blocco indirizzo
STAMPA UNIONE – CREAZIONE GUIDATA LETTERA
FORMULA DI APERTURA: selezionando questa opzione potrà essere scelta la modalità con la quale aprire la lettera
Apparirà quindi la seguente finestra:
E’ possibile scegliere la modalità in cui formulare
l’inizio della lettera. In questo caso si esordirà con
un Gentile….., L’anteprima ci farà vedere che cosa
apparirà, utilizzando il primo destinatario come
esempio. Nella sezione Corrispondenza campi è
possibile modificare i campi della formula di
apertura qualora siano mancanti o se l’ordine visto
Andare a capo per
in anteprima non corrisponde a quello desiderato.
Alla fine del procedimento occorre digitare ok.
non sovrapporre i
Apparirà quindi una nuova etichetta sul documento blocchi!!!
con scritto Formula di apertura

AFFRANCATURA ELETTRONICA: per usufruire di questa possibilità occorre aver installato un apposito programma per
l’affrancatura elettronica. E’una funzione che permette di personalizzare i campi presenti nell’intestazione della lettera.
Ad esempio, se necessario, si possono aggiungere frasi di invito (ad esempio: la S.V. è pregata di partecipare a…..),
oppure inserire altri campi che saranno utilizzati per ciascuna lettera che verrà creata
STAMPA UNIONE – CREAZIONE GUIDATA LETTERA
ALTRO: selezionando questa opzione potrà
essere scelto un ulteriore campo da
aggiungere, utilizzando la finestra che si apre.
Cliccando sul campo possiamo notare che esso
verrà aggiunto alla lettera. Si può verificare la
corrispondenza dei campi da inserire mediante
l’apposito comando
PASSAGGIO 5
Adesso è possibile visualizzare il risultato delle nostre scelte,
che può comunque essere modificato. E’ possibile modificare
l’elenco dei destinatari, escludere il destinatario visualizzato,
ricercare un altro destinatario da visualizzare. Se necessario, si
può tornare alle fasi precedenti per modificare i campi da
visualizzare
STAMPA UNIONE – CREAZIONE GUIDATA LETTERA

PASSAGGIO 6
Se non occorre tornare indietro, da qui sarà possibile:
• Creare le varie lettere
• Modificare le singole lettere (se è necessario)

Una volta deciso cosa stampare occorre dare l’ok. Saranno così
stampati tutti i documenti nella modalità inserita

I PASSAGGI PER LE ALTRE TIPOLOGIE SONO SIMILI,


PERCIO’ SARANNO VISUALIZZATE SOLO LE SCHERMATE
STAMPA UNIONE – CREAZIONE GUIDATA E-MAIL
PASSAGGIO 1 PASSAGGIO 2 PASSAGGIO 3

Non esiste nel 2003

PASSAGGIO 5
PASSAGGIO 4
PASSAGGIO 6

Da qua apre il programma di


posta elettronica (es Outlook)
STAMPA UNIONE – CREAZIONE GUIDATA BUSTE
PASSAGGIO 1 PASSAGGIO 2 PASSAGGIO 3

Tra i due passaggi si


imposta il layout del
documento qualora non
sia in formato busta

PASSAGGIO 4 PASSAGGIO 5
PASSAGGIO 6
STAMPA UNIONE – CREAZIONE GUIDATA ETICHETTE
PASSAGGIO 1
PASSAGGIO 2 PASSAGGIO 3

PASSAGGIO 4 PASSAGGIO 5
PASSAGGIO 6
STAMPA UNIONE – CREAZIONE GUIDATA ELENCO
PASSAGGIO 1 PASSAGGIO 2 PASSAGGIO 3

PASSAGGIO 4 PASSAGGIO 5
PASSAGGIO 6
STAMPARE UN DOCUMENTO - CONTROLLI
Una volta terminato il documento, esso può essere stampato.
Prima di stampare un documento, però, è necessario controllare che sia tutto corretto sia dal punto di vista del contenuto (controllare
quindi eventuali errori di battitura) che della forma (spazi, margini, paragrafi, ecc).
Prima della stampa, inoltre, è possibile visualizzare l’anteprima, in modo da capire come verrà visualizzato su carta il documento da
stampare.

IL CONTROLLO ORTOGRAFICO: in genere in Word è attivo uno strumento per correggere gli errori di battitura che permette di esaminare
le parole contenute nel documento e le confronta con le parole contenute in un apposito dizionario. Le parole che non sono ritrovate nel
dizionario sono sottolineate in rosso e possono essere corrette utilizzando suggerimenti (parole simili contenute nel dizionario interno)
oppure a mano. E’ possibile inoltre ignorare l’errore (in questo caso la parola non viene più sottolineata. Nel caso in cui la parola sia
effettivamente corretta ma non è contenuta nel vocabolario di Word è possibile comunque aggiungere una nuova parola al dizionario, in
quel caso, se utilizzata in futuro, non sarà più segnalata come errore).
Il correttore ortografico controlla inoltre alcuni errori frequenti tipo la ripetizione della stessa parola, l'assenza della maiuscola all'inizio di
una nuova frase o l'aver utilizzato una parola accentata al posto di un’altra (es: perché sostituito con perchè). In quest’ultimo caso, se il
programma lo consente, l’utente scrive la parola e Word corregge la lettera stessa (nell’esempio viene sostituita in modo automatico la è
con la é).

IL CONTROLLO GRAMMATICALE: nella sezione Revisione esiste l’opzione controllo ortografia e grammatica che permette di individuare
errori grammaticali comuni. Nel documento viene evidenziato quello che è l’errore e viene suggerita la modifica da effettuare. La
modifica può essere avviata oppure ignorata.

Nella versione 2003 andare su Strumenti -> Controllo ortografia e grammatica. Per le opzioni -> Opzioni correzione automatica
ESEMPIO CONTROLLO

PER IMPOSTARE ALTRE MODALITA’


DI CONTROLLO OCCORRE CLICCARE
SU OPZIONI E AGIRE SULLA Nella versione 2003 andare su Strumenti -> Controllo ortografia e
FINESTRA CHE SI APRE grammatica. Per le opzioni -> Opzioni correzione automatica
STAMPARE UN DOCUMENTO - CONTROLLI
IL CONTROLLO DELLA FORMA: probabilmente, per documenti di una certa entità, il metodo migliore per controllare la
forma del documento è quello di ricorrere all’anteprima di stampa. In questo modo è possibile vedere come saranno
stampate le pagine e quindi notare se ci sono degli accorgimenti da utilizzare (ad esempio se ampliare dei margini per
poter far entrare tutto il testo in una pagina, oppure inserire un’interruzione per non fare iniziare un paragrafo in fondo ad
una pagina, ecc). Il controllo della forma può essere fatto anche scorrendo il documento. Da ricordare che, in un
documento molto esteso, le modifiche sui caratteri, sui margini, interlinee e via dicendo, avranno ripercussioni sull’intero
documento.

ESEMPIO:

Anteprima di stampa: il documento è Anteprima di stampa: con


redatto in 3 pagine, l’ultima pagina le modifiche effettuate il
contiene solamente poche righe. Si sceglie documento sarà stampato
quindi di modificare l’impaginazione in 2 fogli
Nella versione 2003 andare su File -> Anteprima di stampa
STAMPA

Scegliendo stampa si possono


effettuare varie scelte quali:
• Stampare solo alcune pagine
del documento
• Stampare più copie
• Stampare solo la parte
selezionata del testo
• Stampare la pagina
visualizzata in quel momento
sullo schermo

Scegliendo stampa immediata si stampa l’intero


documento seguendo le impostazioni predefinite sia per la
stampa che per il layout del documento
Scegliendo anteprima di stampa possiamo
visualizzare come verrà stampato il documento
ALCUNI TRUCCHI
ESEGUIRE DEI CALCOLI
Word ci permette di eseguire dei calcoli inserendone la formula e restituendo il risultato.
Per far ciò occorre:
• Mettersi nel punto nel quale vogliamo inserire il calcolo
• Digitare la combinazione di tasti Ctrl+F9
• Scrivere la formula all’interno delle parentesi graffe che appariranno dopo aver digitato la combinazione dei due tasti. La formula deve
iniziare con = e può contenere altre parentesi al suo interno
• Digitare F9
A questo punto apparirà il risultato dell’operazione inserita

INSERIRE UN FOGLIO DI CALCOLO


E’ possibile lavorare su Word utilizzando un foglio di calcolo nel quale è possibile svolgere delle operazioni proprie dell’ambiente Excel.
Per inserire questa tipologia di file è necessario svolgere questo passaggio: Inserisci -> Tabella -> Foglio di lavoro Excel.
Questo passaggio apre un file Excel nel quale poter svolgere i calcoli desiderati.
Una volta terminate le attività sul file Excel basta cliccare all’esterno per vederlo trasformarsi in tabella
ALCUNI TRUCCHI
SUDDIVIDERE UNA TABELLA TRA DUE PAGINE
Può capitare che, durante l’utilizzo di una tabella, la stessa si accavalli tra due pagine: la tabella prosegue, così, da una pagina all’altra
risultando poco leggibile.
Per far sì che la tabella sia correttamente divisa tra le pagine, occorre svolgere questi passaggi:
• Selezionare la riga della tabella che salta da una pagina all’altra
• Col tasto destro del mouse andare su Proprietà tabella
• Nella finestra che si apre eseguire i comandi Riga -> Permetti la divisione della riga tra le pagine
• Cliccare su ok e premere invio per far sì che la riga sia tutta trasferita sulla pagina successiva

CONVERTIRE VELOCEMENTE I CARATTERI DA MAIUSCOLO/MINUSCOLO


Esiste una modalità veloce per convertire porzioni di testo da maiuscolo a minuscolo e così via.
Una volta evidenziato il testo occorre premere il tasto Maiuscolo ed F3. Ad ogni digitazione del tasto F3 cambia la versione (solo prima
lettera maiuscola, tutto maiuscolo, tutto minuscolo)

FARE LO ZOOM IMMEDIATO


Word permette di impostare velocemente lo zoom del documento mediante semplici comandi: basta premere Ctrl e muovere la rotellina
del mouse in avanti o indietro per modificare la dimensione dell’ingrandimento
ALCUNI TRUCCHI
SELEZIONARE UN’AREA RETTANGOLARE
Word permette di selezionare per righe tenendo premuto il tasto del mouse oppure tramite tastiera utilizzando la combinazione di tasti
Maiuscolo e la freccia in alto/in basso.
Si possono però selezionare delle aree rettangolari più ampie utilizzando la combinazione di tasti Alt e usando il tasto sinistro del mouse
per evidenziare l’area

AFFIANCARE DUE DOCUMENTI (2003: Finestra ->Affianca per confronto con)


Può capitare di avere due documenti aperti e di doverli confrontare. Per poterli visualizzare entrambi sullo schermo, invece di uno alla
volta, occorre effettuare i seguenti passi: Visualizza -> Finestra -> Affianca. In questo modo entrambi i documenti saranno visibili uno
accanto all’altro

DOCUMENTO 1 DOCUMENTO 2
ALCUNI TRUCCHI
SPOSTARE UN PARAGRAFO
Quando lavoriamo su un documento può capitare di dover spostare delle porzioni di testo da una parte all’altra dello stesso. Si può quindi
tagliare ed incollare la parte oppure si può spostare in due modi:
1. Se lo spostamento del testo risiede nella parte di schermo visualizzate si può selezionare il paragrafo col mouse e scorrere nella
pagina tenendo premuto il tasto sinistro del mouse
2. Se lo spostamento diventa lungo possiamo selezionare il paragrafo ed usare i tasti con la freccia in alto o in basso tenendo premuto la
combinazione di tasti Maiuscolo + Alt

SPOSTARE VELOCEMENTE UN PARAGRAFO


Per spostare velocemente una porzione di un paragrafo senza agire su taglia/copia ed incolla è possibile:
• Andare sulla scheda Visualizza
• Andare sulla sezione Visualizzazioni
• Digitare il comando Struttura
E’ possibile spostare un paragrafo in alto oppure in basso senza modificare minimamente la pagina: una volta individuato il testo da
spostare occorre cliccare sulla pallina collocata a sinistra del testo e, tenendo premuto il tasto sinistro del mouse, è sufficiente trascinare
il testo in alto oppure in basso
ALCUNI TRUCCHI

AGGIUNGERE VELOCEMENTE BORDI/LINEE


Per poter aggiungere velocemente linee e bordi continui come divisori di
testo in un documento occorre:
1. Premere per 3 volte il pulsante – e Invio per inserire una
sottolineatura continua
2. Premere per 3 volte il pulsante = e Invio per inserire una
sottolineatura doppia continua
3. Premere per 3 volte il pulsante _ e Invio per inserire una
sottolineatura singola in grassetto
4. Premere per 3 volte il pulsante * e Invio per inserire un tratteggio
5. Premere per 3 volte il pulsante # e Invio per inserire una
sottolineatura con due linee normali ed una singola in grassetto