Sei sulla pagina 1di 3

Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale

Corso di Laurea Ingegneria Civile


Appello di GEOMETRIA del 11.02.2016

————————————————————————————————

1. Siano

B = {(1, 2), (3, 0)}, B0 = {(1, 1, 1), (1, 0, 2), (0, 0, 1)},

basi di R2 ed R3 , rispettivamente.
- Determinare l’applicazione lineare L : R2 ! R3 tale che
0 1
2 3
MBB0 (L) = @ 2 3 A .
0 3
- Determinare nucleo ed immagine di L.
————————————————————————————————

Deve essere
L(x, y)B0 = MBB0 (L)(x, y)B .
1
Da (x, y) = 2
y(1,2) + ( 13 x + 16 )y(3, 0) segue
0 1
2 3 ✓ 1

@ A 2
y 3
L(x, y)B0 = 2 3 1 1 = ( 2y, x + y, 2x 2y),
3
x + 6y 2
0 3

allora
3
L(x, y) = 2y(1, 1, 1) + (x + y)(1, 0, 2) + ( 2x 2y)(0, 0, 1) = ...
2

2. Determinare le equazioni del cambiamento di riferimento cartesiano


ortogonale da R(O, x, y, z) a R0 (O0 , x0 , y 0 , z 0 ) e viceversa, essendo
8 8
< < x=1 t
x y=0
x0 : , y0 : y =1+t ,
: x + y + 2z = 1 :
z = 12
rispettivamente orientate nel verso delle y decrescenti e delle x crescenti. I
due riferimenti sono contraversi.
————————————————————————————————

Si ha x0 (1, 1, 1) ed y 0 (1, 1, 0), mentre per z 0 , dovendo essere ortogonale


a x ed y 0 , si ha z 0 (1, 1, 2). Allora
0

1 1 1 1 1 1 1 1
i0 ( p , p , p ), j 0( p , p , 0), k 0 = (± p , ± p , ± p ).
3 3 3 2 2 6 6 6
Poichè i sistemi devono essere contraversi si sceglierà k 0 = ( p16 , p16 , ± p16 ).
si ha inoltre x0 \ y 0 = O0 (1, 1, 12 ), pertanto le equazioni del cambiamento di
riferimento daR0 ad R sono date da
0 1
p1 p1 p1
0 1 0 1 B 3 2 6
C0 0 1
x 1 B C x
@ y A=@ 1 A+B B p 1 p 1 p1 C@ 0 A
y
B 3 2 6 C
C
1
z 2 @ A z0
p1 0 p1
3 6
........

3. Studiare la curva algebrica di equazione

x4 y x2 y 3 x2 y + 2x = 0

nei suoi punti impropri e nell’origine.


————————————————————————————————

La curva è riducibile come

x(x3 y xy 3 xy + 2) = 0

2
ed i suoi punti impropri sono quello dell’asse y delle rette di equazione com-
plessiva
x3 y xy 3 = 0.
Quindi ancora Y1 che quindi conta due volte, più i punti P1 (1, 1, 0) e
Q1 (1, 1, 0). Per mezzo delle derivate parziali si ricava che gli ultimi due
sono punti semplici, come pure l’origine, e di conseguenza si calcolano le tan-
genti. Intersecando la retta x = k con il ramo della curva x3 y xy 3 xy+2 = 0
si ottiene l’equazione ky 3 (k 3 + k)y + 2 = 0. Pertanto delle cinque inter-
sezioni della curva con la retta due cadono sempre in Y1 , che quindi è punto
doppio. Le due tangenti coincidono con l’asse y (cioè per k = 0).