Sei sulla pagina 1di 76

Esercizi Fisica Tecnica - Parte 1

Cicli Termodinamici
Indice
Motori a combustione interna ed esterna ....................................................................................................................... 4 

Otto – Svolgimento Esercizio ............................................................................................................................... 4 

Otto – Esercizio 1 ................................................................................................................................................. 9 

Otto – Esercizio 2 ................................................................................................................................................. 9 

Otto – Esercizio 3 ................................................................................................................................................. 9 

Otto – Esercizio 4 ............................................................................................................................................... 10 

Otto – Esercizio 5 ............................................................................................................................................... 10 

Diesel – Svolgimento Esercizio .......................................................................................................................... 11 

Diesel - Esercizio 1 ............................................................................................................................................. 16 

Diesel - Esercizio 2 ............................................................................................................................................. 16 

Diesel - Esercizio 3 ............................................................................................................................................. 17 

Diesel – Esercizio 4 ............................................................................................................................................ 17 

Diesel – Esercizio 5 ............................................................................................................................................ 17 

Confronto Ciclo Otto – Ciclo Diesel – Esercizio 1............................................................................................. 19 

Confronto Ciclo Otto – Ciclo Diesel – Esercizio 2............................................................................................. 19 

Brayton – Svolgimento Esercizio ....................................................................................................................... 20 

Brayton – Esercizio 1 ......................................................................................................................................... 28 

Brayton – Esercizio 2 ......................................................................................................................................... 28 

Brayton – Esercizio 3 ......................................................................................................................................... 28 

Brayton – Esercizio 4 ......................................................................................................................................... 29 

Brayton – Esercizio 5 ......................................................................................................................................... 29 

Macchine a vapore .......................................................................................................................................................... 31 

Rankine – Svolgimento Esercizio ....................................................................................................................... 31 

Rankine – Esercizio 1 ......................................................................................................................................... 47 

Rankine – Esercizio 2 ......................................................................................................................................... 47 

Rankine – Esercizio 3 ......................................................................................................................................... 48 

Rankine – Esercizio 4 ......................................................................................................................................... 48 

Rankine - Esercizio 5 .......................................................................................................................................... 49 

Macchine frigorifere ....................................................................................................................................................... 50 

Ciclo frigorifero – Svolgimento Esercizio .......................................................................................................... 50 

Ciclo frigorifero – esercizio 1 ............................................................................................................................. 58 


Ciclo frigorifero – esercizio 2 ............................................................................................................................. 58 

Ciclo frigorifero – esercizio 3 ............................................................................................................................. 59 

Ciclo frigorifero – esercizio 4 ............................................................................................................................. 60 

Ciclo frigorifero – esercizio 5 ............................................................................................................................. 60 

Unità di Trattamento dell'Aria ...................................................................................................................................... 62 

Trattamenti dell’aria – Svolgimento Esercizio ................................................................................................... 62 

Trattamenti dell’aria – esercizio 1 ...................................................................................................................... 73 

Trattamenti dell’aria – esercizio 2 ...................................................................................................................... 73 

Trattamenti dell’aria – esercizio 3 ...................................................................................................................... 73 

Trattamenti dell’aria – esercizio 4 ...................................................................................................................... 74 

Trattamenti dell’aria – esercizio 5 ...................................................................................................................... 75 


Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Otto

Motori a combustione interna ed esterna

Otto – Svolgimento Esercizio

Si consideri un motore percorso da 5 kg/s di fluido ideale operante secondo un ciclo Otto ideale avente un rapporto
volumetrico di compressione pari a 8. All’inizio della trasformazione di compressione l’aria si trova alla pressione di
100 kPa e alla temperatura di 17°C; durante la trasformazione a volume costante viene fornita al fluido evolvente una
quantità di calore pari a 800 kJ/Kg. Si richiede:
1. lo stato termodinamico del fluido in ogni punto del ciclo;
2. la quantità di calore ceduta e il lavoro netto prodotto;
3. il rapporto manometrico di combustione;
4. il rendimento energetico;
5. l’exergia in ingresso, quella in uscita e il rendimento exergetico del ciclo termodinamico;
6. la potenza sviluppata dal singolo cilindro;
7. la variazione di entropia e l’entalpia nei punti del ciclo termodinamico.
Si consideri come fluido di lavoro l'aria le cui caratteristiche sono riportate in tabella 1 in allegato.

4
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Otto

Svolgimento
Dalla tabella 1 in allegato si ottengono i valori del calore specifico a pressione e volume costante e le due costanti del
fluido considerato; per l'aria si ha:

1.005 ; 0.718 ; 0.287 ; 1.40

Lo stato termodinamico iniziale è parzialmente noto, infatti i dati del problema forniscono la temperatura e la pressione
del gas all’inizio del ciclo termodinamico (A); l’unica grandezza intensiva non nota è il volume specifico. Per il calcolo
del volume specifico nel punto A si può adoperare l’equazione dei gas perfetti

applicando la relazione 1 allo stato Termodinamico A si ottiene:

17 273.15
→ 0.287 ∙ 0.8327
100

Si procede con la determinazione dello stato termodinamico del gas negli altri punti del ciclo; in virtù dell’ipotesi di gas
perfetto, la relazione (1) lungo una trasformazione adiabatica si modifica come segue:

Applicando le tre equazioni al tratto AB si determina lo stato termodinamico in B essendo noto il rapporto di
compressione:

.
→ → ∙ → ∙ 100 ∙ 8 1837.92

.
→ → ∙ → 17 273.15 ∙ 8 666.59

per il calcolo del volume in B è possibile applicare una delle tre relazioni del gas perfetto lungo una trasformazione
adiabatica (2-3-4); in alternativa si può applicare la relazione del gas perfetto (1) in B o la definizione del rapporto di
compressione:

100 .
2 → → → ∙ → ∙ 0.8327 ∙ 0.1041
1837.92

5
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Otto

666.59
1 → → → 0.287 ∙ 0.1041
1837.92

0.8327
apporto di compressione → → → 0.1041
8

Per la determinazione dello stato Termodinamico al termine della combustione isometrica, è necessario fare riferimento
alla quantità di calore fornita al ciclo:

800
∙ → → 666.59 1780.8
0.718

essendo la trasformazione BC una isometrica è noto anche il volume specifico in C, quindi applicando la relazione (1) si
ricava l'ultima grandezza intensiva mancante:

0.1041

1780.8
→ → 0.287 ∙ 4909.6
0.1041

L’ultimo stato termodinamico si ricava applicando una delle tre equazioni (2-3-4) relative ad una trasformazione
adiabatica lungo il tratto CD (espansione adiabatica) ricordando che la trasformazione DA è una isometrica:

0.8327

.
1
Tv cost → → ∙ 1780.8 ∙ 775.14
8

Note due grandezze intensive si ricava la terza grazie alla relazione dei gas perfetti (1):

775.14
→ → 0.287 ∙ 267.16
0.8327

Lo stato termodinamico del fluido risulta pertanto determinato in ogni punto del ciclo.
Per il calcolo della quantità di calore ceduta è necessario applicare il primo principio della Termodinamica alla
trasformazione DA (isometrica):

0.718 ∙ 775.14 290.15 348.22

Il lavoro netto prodotto dal ciclo è esattamente pari all’area racchiusa dal ciclo Termodinamico. In virtù del 2° principio
della termodinamica si può scrivere il seguente bilancio energetico:
6
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Otto

800 348.22 451.78

Si procede con il calcolo del rapporto manometrico di combustione definito come il rapporto tra la pressione di fine
combustione e quella di inizio:

4909.6
2.67
1837.92

Il rendimento energetico del ciclo Otto è dato dal rapporto del lavoro netto prodotto e la quantità di calore fornita al
ciclo:

451.78
0.5647 56.5%
800

In alternativa il rendimento energetico può essere determinato, come noto dalla Teoria, a partire dal rapporto
volumetrico di compressione del ciclo:

1 .
1 1 → 1 8 0.5647 56.5%

Per il calcolo del rendimento exergetico è necessario calcolare l’exergia in ingresso (associata al calore q1) e quella in
uscita (associata al lavoro); per questo calcolo si ipotizza che la temperatura alla quale sia disponibile il calore q1 sia
esattamente pari alla massima temperatura raggiunta nel ciclo (TC), mentre la temperatura ambiente sia pari a 20°C.

T 293.15 kJ
exergia in ingresso → W 1 ∙q 1 ∙ 800 668.31
T 1780.8 kg

kJ
exergia in uscita → W L 451.78
kg

451.78
0.676 → 67.6 %
668.31

Infine si determina la potenza sviluppata dal cilindro; questa si calcola a partire dal lavoro netto prodotto e dalla portata
transitante.

∙ 451.78 ∙ 5 2258.9

A partire dalla definizione di entropia e ricordando che in un ciclo Otto teorico l’entropia del punto A e del punto D
coincidono con quelle di B e C, si ottiene:

1780.8
→ ∙ ln ∙ ln ∙ ln 0.718 ∙ ln 0.7055
666.59
7
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Otto

775.14
→ ∙ ln ∙ ln ∙ ln 0.718 ∙ ln 0.7055
290.15

A partire dalla definizione di entalpia e dall'ipotesi di gas perfetto si ottiene:

→ ∙ 1.005 ∙ 290.15 291.6 /


→ ∙ 1.005 ∙ 666.59 669.9 /

→ ∙ 1.005 ∙ 1780.8 1789.7 /
→ ∙ 1.005 ∙ 775.14 799.0 /

Tab. A: Stato termodinamico del fluido in ogni punto del ciclo Otto

Punti del ciclo Temperatura (K) Pressione (kPa) Volume specifico (m3/kg)
A 290.15 100 0.8327
B 666.59 1837.92 0.1041
C 1780.8 4909.6 0.1041
D 775.14 267.16 0.8327

Tab. B: Grandezze termodinamiche associate al ciclo Otto

grandezza valore u.m.


rapporto manometrico di combustione ψ 2.67 –
lavoro netto ln 451.78 kJ/kg
calore ceduto q2 348.22 kJ/kg
rendimento energetico  56.5 %
exergia in ingresso W1 668.31 kJ/kg
exergia in uscita W2 451.78 kJ/kg
rendimento exergetico ex 67.6 %
potenza sviluppata Wn 2258.9 kW
variazione entropica s 0.7055 kJ/kgK
Entalpia hA 291.6 kJ/kg
Entalpia hB 669.59 kJ/kg
Entalpia hC 1789.7 kJ/kg
Entalpia hD 799.02 kJ/kg

8
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Otto

Otto – Esercizio 1

Si consideri un cilindro operante secondo ciclo Otto a metano avente un rapporto di compressione pari a 8. Si ipotizzi
che il fluido all'inizio della compressione adiabatica abbia una pressione pari a 1 bar e una temperatura di 15°C;
considerando che il calore fornito al ciclo è pari a 1800 kJ/kg, si richiede di determinare lo stato termodinamico del
fluido in ogni punto del ciclo, il rendimento energetico e la portata di metano necessaria per sviluppare una potenza di
110 kW del cilindro. Per le caratteristiche del fluido si faccia riferimento alla tabella 1 in allegato.

Risultati

grandezza valore u.m.


Pressione PB 1492.85 kPa
Pressione PC 4419.61 kPa
Pressione PD 295.99 kPa
Temperatura TB 537.71 K
Temperatura TC 1591.57 K
Temperatura TD 852.90 K
volume specifico vA, vD 1.4955 m3/kg
volume specifico vB, vC 0.1869 m3/kg
rendimento energetico  46.4 %
portata di fluido g 0.1317 kg/s

Otto – Esercizio 2

Si consideri un cilindro operante secondo ciclo Otto ad aria avente all’inizio della compressione una temperatura di
15°C e una pressione di 1 bar. Assumendo un rapporto di compressione pari a 8 e un lavoro prodotto pari a 1000 kJ/kg,
si richiede il rendimento energetico, il calore ricevuto, il calore ceduto e la temperatura massima del ciclo. Per le
caratteristiche del fluido si faccia riferimento alla tabella 1 in allegato.

Risultati

grandezza valore u.m.


Temperatura TC 3128.35 K
calore fornito q1 1770.85 kJ/kg
calore ceduto q2 770.85 kJ/kg
rendimento energetico  56.5 %

Otto – Esercizio 3

Si consideri un motore funzionante secondo un ciclo Otto ideale avente un rapporto di compressione pari a 5. All'inizio
della compressione adiabatica il fluido evolvente si trova alla temperatura di 15°C e una pressione di 1 bar. Se la
temperatura massima raggiunta all'interno del ciclo è 3000 K e se il fluido evolvente è aria, si richiede: la quantità di
calore ricevuta, la quantità di calore ceduta, il lavoro netto prodotto, il rapporto manometrico di combustione, il
rendimento energetico e la variazione di entropia del ciclo termodinamico. Per le caratteristiche del fluido si faccia
riferimento alla tabella 1 in allegato.

9
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Otto

Risultati

grandezza valore u.m.


rapporto manometrico di combustione ψ 5.48 -
calore fornito q1 1760.15 kJ/kg
calore ceduto q2 924.62 kJ/kg
lavoro netto prodotto ln 835.53 kJ/kg
rendimento energetico  47.5 %
variazione entropica s 1.2199 kJ/kgK

Otto – Esercizio 4

Si consideri un ciclo Otto ad aria; al termine della fase di aspirazione il fluido si trova a temperatura di 25°C, pressione
di 2 bar ed entropia pari a 2.49 kJ/kgK. Assumendo un rapporto di compressione pari a 10 e un calore ricevuto pari a
800 kJ/kg, si richiede di calcolare la massima temperatura raggiunta nel ciclo, il lavoro netto prodotto, il rapporto
manometrico di combustione, l’exergia in ingresso, il rendimento exergetico del ciclo termodinamico, la potenza
sviluppata da due cilindri uguali attraversati ciascuno da 0.25 kg/s di fluido e l'entropia al termine della combustione
isometrica. Per le caratteristiche del fluido si faccia riferimento alla tabella 1 in allegato.

Risultati

grandezza valore u.m.


Temperatura massima TC 1863.13 –
lavoro netto ln 418.51 kJ/kg
rapporto manometrico di combustione ψ 2.487 –
exergia in ingresso W1 674.13 kJ/kg
rendimento exergetico ex 71.4 %
potenza sviluppata Wn 240.77 kW
entropica sC 3.144 kJ/kgK

Otto – Esercizio 5

Al termine della fase di aspirazione l'aria entrante in un cilindro operante secondo un ciclo Otto ideale si trova ad una
temperatura di 26.85°C, pressione di 1.25 bar ed entropia pari a 1.5 kJ/kgK. Per il ciclo descritto si richiede di
determinare il rendimento energetico, il rendimento exergetico, l'entalpia ad inizio compressione, l'entalpia a fine
espansione e l’entropia a fine espansione adiabatica. Si assumi un rapporto di compressione di 6.5 e un calore ricevuto
di 1500 kJ/kg. Per le caratteristiche del fluido si faccia riferimento alla tabella 1 in allegato.

Risultati

grandezza valore u.m.


rendimento energetico  52.7 %
rendimento exergetico ex 59.06 %
Entalpia hA 301.5 kJ/kg
Entalpia hD 1294.54 kJ/kg
entropia sC 2.54 kJ/kgK

10
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Diesel

Diesel – Svolgimento Esercizio

Si consideri un motore operante secondo un ciclo Diesel (vedi figura sotto), percorso in un secondo da un chilogrammo
di gas ideale. Si ipotizzi che il fluido abbia una temperatura di 50°C e un volume specifico di 1 m3/kg all'inizio della
compressione adiabatica mentre la pressione al termine della compressione sia pari a 1500 kPa. Il calore assorbito dal
motore è di 100 kcal/kg. Si consideri il calore specifico a volume costante del fluido pari a 0.17 kcal/kgK e un rapporto
tra i calori specifici a pressione costante e a volume costante pari a 1.4. Determinare:
1. lo stato termodinamico del fluido in ogni punto del ciclo;
2. la quantità di calore ceduta e il lavoro netto prodotto;
3. i rapporti volumetrici di compressione, introduzione ed espansione;
4. il rendimento energetico;
5. l’exergia in ingresso, quella in uscita e il rendimento exergetico del ciclo termodinamico;
6. la potenza sviluppata dal singolo cilindro;
7. la variazione di entropia e l’entalpia nei punti del ciclo termodinamico.

11
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Diesel

Svolgimento
In virtù dell'ipotesi di gas perfetto, il comportamento di un gas può essere descritto unicamente attraverso le variabili di
stato intensive (Pressione, Temperatura, volume specifico); quindi per descrivere lo stato termodinamico del fluido in
ogni punto del ciclo è sufficiente calcolare il valore di queste grandezze intensive. Per il calcolo della Pressione nel
punto A si può adoperare l’equazione dei gas perfetti

dove R è la costante del gas perfetto che si ricava a partire dalla relazione di Mayer essendo noti i calori specifici:

→ → → 1.4 ∙ 0.17 0.238

0.238 0.17 0.068

ricordando la conversione tra calorie-Joule si ricava:

1 4.186 → 0.068 68 68 ∙ 4.186 284.65

Nell’equazione del gas perfetto tutte le grandezze di stato devono essere espresse nel Sistema Internazionale di Unità di
Misura, quindi si trasforma il valore della temperatura del gas all'inizio del ciclo in gradi Kelvin:

50 273.15 323.15

La pressione ad inizio della compressione adiabatica risulta pertanto nota:

323
284.65 ∙ 91942
1

Si procede con la determinazione dello stato termodinamico del gas negli altri punti del ciclo; in virtù dell’ipotesi di gas
perfetto, la relazione (1) lungo una trasformazione adiabatica si modifica come segue:

Applicando le tre equazioni (2-3-4) al tratto AB si determina lo stato termodinamico in B essendo nota la pressione:

12
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Diesel
.
91942 .
→ → 323 717.22
1.5 ∙ 10

91942 .
→ →1 0.1361
1.5 ∙ 10

Al termine della combustione isobara, il fluido si trova allo stato Termodinamico C. Essendo la combustione isobara la
Pressione sarà uguale a quella ad inizio combustione e quindi coincidente con quella dello stato termodinamico B.

1500

Per il calcolo delle altre grandezze intensive è necessario fare riferimento alla quantità di calore fornita al ciclo:

100 ∙ 1000 ∙ 4.186


→ 717.22 1137.4
996.268

Note la Pressione e la Temperatura si ricava la terza grandezza intensiva grazie alla relazione dei gas perfetti:

284.65 ∙ 1137.4
→ → 0.21586
1.5 ∙ 10

L’ultimo stato termodinamico si ricava applicando una delle tre equazioni (2-3-4) relative ad una trasformazione
adiabatica lungo il tratto CD (espansione adiabatica) ricordando che la trasformazione DA è una isometrica:

.
0.21586
Tv cost → → ∙ 1137.4 616
1

Note due grandezze intensive si ricava la terza grazie alla relazione dei gas perfetti:

284.65 ∙ 616
→ → 175344 175.344
1

Per il calcolo della quantità di calore ceduta è necessario applicare il primo principio della Termodinamica alla
trasformazione DA (isometrica):

0.17 ∙ 4.186 ∙ 616 323.15 0.71162 ∙ 616 323.15 208.4

Il lavoro netto prodotto dal ciclo è esattamente pari all’area racchiusa dal ciclo Termodinamico. In virtù del secondo
principio della termodinamica si può scrivere il seguente bilancio energetico:
13
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Diesel

100 ∙ 4.186 208.4 210.2

Si procede con il calcolo dei rapporti volumetrici di compressione, introduzione ed espansione:

v 1
rapp. volumetrico di compressione → ρ 7.35
v 0.1361

v 0.2158
rapp. volumetrico di introduzione → τ 1.58
v 0.1361

v 1
rapp. volumetrico di espansione → ε 4.63
v 0.2158

Il rendimento energetico del ciclo è dato dal rapporto del lavoro netto prodotto e la quantità di calore fornita al ciclo:

210.2
0.502 → 50.2%
418.6

In alternativa il rendimento può essere determinato a partire dal rapporto di compressione ed espansione:

1 1
1 50.2%
1 1

Per il calcolo del rendimento exergetico è necessario calcolare l’exergia in ingresso e quella in uscita; per questo calcolo
si ipotizza che la temperatura alla quale sia disponibile il calore q1 sia esattamente pari alla massima temperatura
raggiunta nel ciclo (TC), mentre la temperatura ambiente sia pari a 20°C.

T 293.15 kJ
exergia in ingresso → W 1 ∙q 1 ∙ 418.6 310.71
T 1137.4 kg

kJ
exergia in uscita → W L 210.2
kg

210.2
0.676 → 67.6 %
310.71

Infine si determina la potenza sviluppata dal cilindro; questa si calcola a partire dal lavoro netto prodotto e dalla portata
transitante (pari a 1kg/s).

∙ 210.2 ∙ 1 210.2

14
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Diesel

A partire dalla definizione di entropia e considerando che in un ciclo Diesel teorico l’entropia del punto A e del punto D
coincidono con quelle di B e C, si ottiene:

1137.4
→ ∙ ln ∙ ln ∙ ln 1.005 ∙ ln 0.463
717.22

616
→ ∙ ln ∙ ln ∙ ln 0.718 ∙ ln 0.463
323.15

Il valore dell’entalpia in ciascun punto si determina come segue:

→ ∙ 1.005 ∙ 323.15 324.77 /


→ ∙ 1.005 ∙ 717.22 720.81 /

→ ∙ 1.005 ∙ 1137.4 1143.1 /
→ ∙ 1.005 ∙ 616.0 619.08 /

Tab. A: Stato termodinamico del fluido in ogni punto del ciclo Diesel

Punti del ciclo Temperatura (K) Pressione (kPa) Volume specifico (m3/kg)
A 323.15 91.94 1
B 717.22 1500 0.1361
C 1137.4 1500 0.2158
D 616 175.34 1

Tab. B: Grandezze termodinamiche associate al ciclo Diesel

grandezza valore u.m.


rapporto di compressione  7.35 –
rapporto di introduzione  1.58 –
rapporto di espansione  4.63 –
lavoro netto ln 210.2 kJ/kg
calore ceduto q2 208.4 kJ/kg
rendimento energetico  50.2 %
exergia in ingresso W1 310.71 kJ/kg
exergia in uscita W2 210.2 kJ/kg
rendimento exergetico ex 67.6 %
potenza sviluppata Wn 210.2 kW
variazione entropica s 0.463 kJ/kgK
Entalpia hA 324.77 kJ/kg
Entalpia hB 720.81 kJ/kg
Entalpia hC 1143.1 kJ/kg
Entalpia hD 619.08 kJ/kg

15
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Diesel

Diesel - Esercizio 1

Un ciclo Diesel ideale ad aria standard ha un rapporto volumetrico di compressione pari a 18 e un rapporto volumetrico
di introduzione pari a 2. All’inizio della trasformazione di compressione il fluido evolvente si trova alla pressione di
101350 Pa, alla temperatura di 27°C e occupa un volume di 1800 cm3. Si richiede lo stato termodinamico del fluido al
termine della combustione isobara, la quantità di calore ricevuta, la quantità di calore ceduta, il lavoro netto prodotto,
l’exergia in ingresso, il rendimento exergetico, e la massa transitante nel singolo cilindro. Per le caratteristiche del
fluido di lavoro si faccia riferimento a quanto riportato in tabella 1.

Risultati

grandezza valore u.m.


Temperatura Tc 1906.6 K
Pressione Pc 5.797 MPa
volume specifico vc 0.09439 m3/kg
calore ricevuto q1 958.07 kJ/kg
calore ceduto q2 352.94 kJ/kg
lavoro netto ln 605.13 kJ/kg
exergia in ingresso W1 810.76 kJ/kg
rendimento exergetico ex 74.6 %
massa m 0.00212 kg

Diesel - Esercizio 2

Un ciclo Diesel ad aria standard ha un rapporto di compressione pari a 20. Nell'ipotesi che la quantità di calore ricevuta
dal sistema sia paria a 1400 kJ/kg e che la pressione e la temperatura dell'aria all’ingresso del cilindro siano
rispettivamente pari a 1 bar e 15°C, si richiede di determinare il rendimento energetico, la pressione e la temperatura nei
tre rimanenti punti del ciclo e la portata di fluido necessaria per avere una potenza di 110 kW. Si consideri l’aria come
un gas ideale a calore specifico costante avente le caratteristiche riportate in tabella 1.

Risultati

grandezza valore u.m.


Pressione PB 66.29 bar
Pressione PC 66.29 bar
Pressione PD 3.46 bar
Temperatura TB 955.06 K
Temperatura TC 2348.09 K
Temperatura TD 1010.51 K
rendimento energetico  62.95 %
portata di fluido g 0.1248 kg/s

16
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Diesel

Diesel - Esercizio 3

Si consideri un ciclo Diesel ad aria standard come quello in figura sotto; si supponga che il rendimento del ciclo sia del
70% e il rapporto di compressione sia pari a 20. Nell'ipotesi che il lavoro prodotto dal ciclo sia paria a 800 kJ/kg e che
la pressione e la temperatura dell'aria all’ingresso del cilindro siano rispettivamente pari a 1 bar e 15°C, si richiede di
determinare la temperatura massima del ciclo, la quantità di calore assorbita, la quantità di calore ceduta e la potenza
che si ottiene considerando una portata di 0.15 kg/s. Si consideri l’aria come un gas ideale a calore specifico costante
avente le caratteristiche riportate in tabella 1.

Risultati

grandezza valore u.m.


Temperatura TC 2092.17 K
calore ricevuto q1 1142.86 kJ/kg
calore ceduto q2 342.86 kJ/kg
potenza sviluppata Wn 120 kW

Diesel – Esercizio 4

Un ciclo Diesel ad aria ha un rapporto volumetrico di compressione pari a 10 e un rapporto volumetrico di espansione
pari a 5. All’inizio della trasformazione di compressione il fluido evolvente si trova alla pressione di 2 bar e alla
temperatura di 25°C. Assumendo l'aria come un gas ideale a calore specifico costante avente le caratteristiche riportate
in tabella 1, si richiede di determinare la temperatura massima del ciclo, il calore ricevuto, il calore ceduto, il
rendimento energetico del ciclo, il lavoro prodotto e il rendimento exergetico.

Risultati

grandezza valore u.m.


Temperatura TC 1497.96 K
calore ricevuto q1 752.78 kJ/kg
calore ceduto q1 350.91 kJ/kg
lavoro netto prodotto ln 401.87 kJ/kg
rendimento energetico  53.4 %
rendimento exergetico ex 66.4 %

Diesel – Esercizio 5

Un ciclo Diesel ideale ad aria standard ha un rapporto volumetrico di compressione pari a 10 e un rapporto volumetrico
di espansione pari a 8. Al termine del ciclo il fluido si trova alla pressione di 8 bar e alla temperatura di 450 K.
Assumendo l'aria come un gas ideale a calore specifico costante avente le caratteristiche riportate in tabella 1, si
richiede di determinare lo stato termodinamico del fluido in ogni punto del ciclo termodinamico, la variazione di
entropia e il valore dell’entalpia in ciascun punto del ciclo.

17
Motori a combustione interna ed esterna – Ciclo Diesel

Risultati

grandezza valore u.m.


Pressione PA 5.85 bar
Pressione PB 147.03 bar
Pressione PC 147.03 bar
Temperatura TA 329.17 K
Temperatura TB 826.85 K
Temperatura TC 1033.83 K
volume specifico vA 0.1614 m3/kg
volume specifico vB 0.01614 m3/kg
volume specifico vC 0.0202 m3/kg
volume specifico vD 0.1614 m3/kg
variazione entropica s 0.2245 kJ/kgK
Entalpia hA 330.81 kJ/kg
Entalpia hB 830.98 kJ/kg
Entalpia hC 1038.99 kJ/kg
Entalpia hD 452.25 kJ/kg

18
Motori a combustione interna ed esterna – Confronto Ciclo Otto - Ciclo Diesel

Confronto Ciclo Otto – Ciclo Diesel – Esercizio 1

Si consideri un motore operante secondo un ciclo Diesel teorico avente un rapporto di compressione pari a 20 e un
rapporto di espansione pari a 5. Si ipotizzi che l’aria abbia una temperatura di 50°C e un volume specifico di 1 m3/kg
all'inizio della compressione adiabatica.
Si consideri inoltre un secondo motore operante secondo un ciclo Otto ideale; nell’ipotesi che le condizioni dell’aria
all’inizio della compressione adiabatica siano le stesse del ciclo Diesel, che il rapporto di compressione e il calore
fornito siano gli stessi, determinare in quale dei due cicli termodinamici si ottiene:
1. il massimo rendimento energetico;
2. la massima temperatura raggiunta;
3. il massimo lavoro fatto;
4. il massimo calore ceduto.

Risultati

grandezza Diesel Otto u.m.


Temperatura massima TC 4282.23 5565.80 K
lavoro netto prodotto ln 1844.11 2253.54 kJ/kg
calore ceduto q2 1383.11 973.68 kJ/kg
rendimento energetico  57.14 69.83 %

Confronto Ciclo Otto – Ciclo Diesel – Esercizio 2

Si consideri un motore operante secondo un ciclo Diesel teorico avente un rapporto di compressione pari a 10 e un
rapporto di espansione pari a 5. Si ipotizzi che l’aria abbia una temperatura di 25°C e un volume specifico di 1 m3/kg
all'inizio della compressione adiabatica.
Si consideri inoltre un secondo motore operante secondo un ciclo Otto ideale; si effettui un confronto tra i due cicli
nell’ipotesi che le condizioni dell’aria all’inizio della compressione adiabatica siano le stesse del ciclo Diesel e che la
temperatura e la pressione massime del ciclo Otto siano coincidenti con quelle del ciclo Diesel; determinare in quale dei
due cicli termodinamici si ottiene:
1. il massimo rendimento energetico;
2. il massimo rapporto di compressione;
3. il massimo lavoro prodotto;
4. il massimo calore ceduto;
5. la massima quantità di calore da fornire ai cicli.

Risultati

grandezza Diesel Otto u.m.


rapporto volumetrico di compressione ρ 10 5 -
calore ricevuto q1 753.21 668.32 kJ/kg
lavoro netto prodotto ln 402.14 317.07 kJ/kg
calore ceduto q2 351.07 351.07 kJ/kg
rendimento energetico  53.39 47.47 %

19
Motori a combustione interna ed esterna – Cicli Brayton

Brayton – Svolgimento Esercizio

Si consideri un impianto motore fisso funzionante secondo un ciclo Brayton ideale come quello mostrato in figura 1. La
temperatura del gas all’ingresso del compressore sia di 300 K mentre quella all’ingresso della turbina sia di 1300 K. Si
assuma un volume specifico di 0.861 m3/kg del fluido all’ingresso del compressore e un rapporto manometrico di
compressione pari a 8. Con riferimento al ciclo ad aria standard, si richiede:
1. lo stato Termodinamico del fluido in ogni punto del ciclo;
2. il lavoro del compressore, quello della turbina e il lavoro utile (si trascuri l’energia dissipata per attrito);
3. la percentuale del lavoro prodotto dalla turbina impiegato per far funzionare il compressore;
4. la quantità di calore fornita al ciclo e quella ceduta;
5. il rendimento energetico;
6. l’exergia in ingresso, quella in uscita e il rendimento exergetico (Th=1500 K);
7. la potenza sviluppata dalla turbina e quella spesa dal compressore assumendo una portata di 2 kg/s;
8. la variazione di entropia e di entalpia nel ciclo termodinamico.
Si ipotizzi inoltre di voler installare un recuperatore di calore avente un efficienza dell’80% come mostrato in figura 2.
Si determini:
9. la quantità di calore massima recuperabile e quella effettivamente recuperata;
10. la temperatura fino alla quale si riesce a riscaldare il gas prima dell’ingresso nello scambiatore di calore;
11. la quantità di calore da fornire al ciclo con il recuperatore;
12. l’exergia in ingresso e il rendimento exergetico;
13. l’incremento del rendimento energetico ed exergetico.
Per le caratteristiche del fluido si faccia riferimento alla tabella 1 in allegato.

Figura 1. Schema e cicli di riferimento per una turbina a gas

20
Motori a combustione interna ed esterna – Cicli Brayton

Figura 2. Schema e ciclo di riferimento per una turbina a gas con recuperatore di calore

21
Motori a combustione interna ed esterna – Cicli Brayton

Svolgimento ciclo Brayton standard


In virtù dell'ipotesi di gas perfetto, il comportamento di un gas può essere descritto unicamente attraverso le variabili di
stato intensive (Pressione, Temperatura, volume specifico); quindi per descrivere lo stato termodinamico del fluido in
ogni punto del ciclo è sufficiente calcolare il valore di queste grandezze intensive.
Lo stato termodinamico iniziale è parzialmente noto, infatti i dati del problema forniscono la temperatura e il volume
specifico del gas all’inizio del ciclo termodinamico (A); l’unica grandezza intensiva non nota è la Pressione. Per il
calcolo della Pressione nel punto A si può adoperare l’equazione dei gas perfetti

dalla tabella 1 in allegato si prendono i calori specifici e le costanti del gas evolvente; quindi si ottiene:

300
→ 0.287 ∙ 100
0.861

Si procede con la determinazione dello stato termodinamico del gas negli altri punti del ciclo, in virtù dell’ipotesi di gas
perfetto, la relazione (1) lungo una trasformazione adiabatica si modifica come segue:

Applicando le tre equazioni al tratto AB si determina lo stato termodinamico in B essendo noto il rapporto manometrico
di compressione:

→ ∙ 8 ∙ 100 800

.
1 .
→ → 300 ∙ 543.43
8

1 .
→ → 0.861 ∙ 0.1949
8

La Pressione all’ingresso dalla turbina è uguale allo stato Termodinamico B, quindi applicando la relazione del gas
perfetto si ottiene l’ultima grandezza intensiva mancante dello stato Termodinamico in C.

800

22
Motori a combustione interna ed esterna – Cicli Brayton

1300
0.287 ∙ 0.4664
800

Lo stato Termodinamico in D si determina applicando le tre equazioni del gas perfetto lungo una trasformazione
adiabatica:

100

.
∙ ∙ 1300 ∙ 1/8 . 717.66

717.66
0.287 ∙ 2.0597
100

Per il calcolo del lavoro del compressore e della turbina si procede come segue:

∙ 1.005 ∙ 543.43 300 244.65

∙ 1.005 ∙ 1300 717.66 585.25

Per cui il lavoro utile risulta essere pari:

585.25 244.65 0 340.6

la percentuale del lavoro prodotto dalla turbina impiegato per muovere il compressore si ricava dal rapporto del lavoro
di compressione e il lavoro fornito della turbina:

244.65
0.418
585.25

Ovvero il 41.8% del lavoro fornito dalla turbina è impiegato per far funzionare il compressore.
Il calore fornito al ciclo può essere determinato a partire dal definizione di entalpia:

∙ 1.005 ∙ 1300 543.43 760.35

∙ 1.005 ∙ 717.66 300 419.74

Il lavoro netto è possibile calcolarlo anche facendo il seguente bilancio energetico:

23
Motori a combustione interna ed esterna – Cicli Brayton

760.35 419.74 340.61

n.b. la differenza tra i due lavori calcolati è dovuta alle approssimazioni adottate nei calcoli.
Il rendimento energetico del ciclo Brayton è dato dal rapporto del lavoro netto prodotto e la quantità di calore fornita al
ciclo:

340.60
0.4479 44.8%
760.35

In alternativa è possibile determinare il rendimento a partire dal rapporto manometrico di compressione

1 1
1 1 . 44.8%
8 .

Per il calcolo del rendimento exergetico è necessario calcolare l’exergia in ingresso (associata al calore q1) e quella in
uscita (associata al lavoro); per questo calcolo si ipotizza che la temperatura ambiente sia pari a 20°C.

T 293.15 kJ
exergia in ingresso → W 1 ∙q 1 ∙ 760.35 611.75
T 1500 kg

kJ
exergia in uscita → W L 340.60
kg

340.60
0.5568 → 55.7 %
611.75

Infine si determina la potenza sviluppata dalla turbina; questa si calcola a partire dal lavoro prodotto dalla turbina
(comprensiva quindi di quella che serve al compressore e quella ceduta all’alternatore) e dalla portata transitante:

∙ 585.25 ∙ 2 1170.5

mentre quella del compressore è pari a:

∙ 244.65 ∙ 2 489.3

In un ciclo Brayton teorico l’entropia del punto A e del punto D coincidono con quelle di B e C, quindi la relazione
ottenuta è applicabile lungo BC e DA.

1300
→ ∙ ln ∙ ln ∙ ln 1.005 ∙ ln 0.876
543.43

24
Motori a combustione interna ed esterna – Cicli Brayton

717.66
→ ∙ ln ∙ ln ∙ ln 1.005 ∙ ln 0.876
300

I valori di entalpia, invece, si ricavano ricordando la definizione di entalpia, il Primo Principio della Termodinamica, la
relazione di Joule e la relazione di Mayer che permettono di arrivare alla seguente relazione:

→∆ ∙ 1.005 ∙ 543.43 300 244.65 /


→∆ ∙ 1.005 ∙ 1300 543.43 760.35 /

→∆ ∙ 1.005 ∙ 717.66 1300 585.25 /
→∆ ∙ 1.005 ∙ 300 717.66 419.75 /

Tab. A: Stato termodinamico del fluido in ogni punto del ciclo Brayton standard

Punti del ciclo Temperatura (K) Pressione (kPa) Volume specifico (m3/kg)
A 300 100 0.861
B 543.43 800 0.1949
C 1300 800 0.4664
D 717.66 100 2.0597

Tab. B: Grandezze termodinamiche associate al ciclo Brayton standard

grandezza valore u.m.


lavoro del compressore lk 244.65 kJ/kg
lavoro della turbina lt 585.25 kJ/kg
lavoro utile lu 340.6 kJ/kg
percentuale del lavoro prodotto impiegato per il compressore β 41.8 %
calore fornito q1 760.35 kJ/kg
calore ceduto q2 419.74 kJ/kg
rendimento energetico  44.8 %
exergia in ingresso W1 611.75 kJ/kg
exergia in uscita W2 340.60 kJ/kg
rendimento exergetico ex 55.7 %
potenza sviluppata turbina Wt 1170.5 kW
potenza spesa compressore Wk 489.3 kW
variazione entropica s 0.876 kJ/kgK
variazione entalpia BA hBA 244.65 kJ/kg
variazione entalpia CB hCB 760.35 kJ/kg
variazione entalpia DC hDC -585.25 kJ/kg
variazione entalpia AD hAD -419.75 kJ/kg

25
Motori a combustione interna ed esterna – Cicli Brayton

Svolgimento ciclo Brayton con recuperatore di calore


Si consideri ora il caso 2 in cui si è ipotizzato di inserire un recuperatore di calore. Questa soluzione è adottabile per
incrementare il rendimento della macchina solo quando la Temperatura in uscita dalla turbina è maggiore di quella in
uscita dal compressore; quindi è necessario verificare che:

→ 717.66 543.43 → !

È quindi possibile realizzare parte del riscaldamento di BC a spese del calore recuperato nel raffreddamento DA. In
riferimento alla definizione di entalpia applicata ad una trasformazione isobara, il massimo calore recuperabile è quello
rappresentato da:

∙ 1.005 ∙ 717.66 543.43 175.10

Nella realtà non è possibile recuperare il calore massimo ma si deve tener conto di un fattore che dipende dalle
dimensioni dello scambiatore di recupero (efficienza del recuperatore di calore):

→ ∙ , 0.80 ∙ 175.10 140.08


,

la temperatura fino alla quale si riesce a riscaldare il gas prima dell’ingresso nello scambiatore di calore si ricava come:

140.08
∙ → → 543.43 682.8
1.005

Grazie al recuperatore di calore la quantità di calore da fornire sarà quella compresa tra i punti C e D (figura 2):

_ 1.005 ∙ 1300 682.8 620.28 /

Si ha quindi un risparmio della quantità di calore da fornire in camera di combustione di 140.08 kJ/kg. L’installazione
di un rigeneratore, se si trascurano le perdite di carico, non modifica il lavoro netto fornito dall’impianto. Per cui:

340.60
0.549 54.9%
620.28

Per il calcolo del rendimento exergetico è necessario calcolare l’exergia in ingresso (associata al calore q1) e quella in
uscita (associata al lavoro); in questo caso l’exergia associata al lavoro non cambia rispetto al caso precedente perché il
recuperatore di calore non modifica il lavoro utile. Si ipotizza una temperatura ambiente pari a 20°C e che la
Temperatura alla quale sia disponibile il calore sia sempre pari a 1500K.

T 293.15 kJ
exergia in ingresso → W 1 ∙q 1 ∙ 620.28 499.06
T 1500 kg

26
Motori a combustione interna ed esterna – Cicli Brayton

340.60
0.682 → 68.2 %
499.06

Calcolati i rendimenti di Prima e Seconda specie, si possono calcolare i rispettivi incrementi:

0.549 0.448
0.225 → 22.54%
0.448

0.682 0.557
0.224 → 22.44%
0.557

Grazie all’impiego del recuperatore di calore si riesce ad incrementare entrambi i rendimenti rispettivamente del
22.54% e del 22.44%.

Tab. C: Grandezze termodinamiche associate al ciclo Brayton con recuperatore di calore

grandezza valore u.m.


calore massima recuperabile qmax rec 175.10 kJ/kg
calore recuperato qrec 140.08 kJ/kg
calore fornito con recupero di calore q1 rec 620.28 kJ/kg
rendimento energetico  54.9 %
Temperatura di pre-riscaldamento TC 682.8 K
exergia in ingresso W1 499.06 kJ/kg
rendimento exergetico ex 68.2 %
incremento rendimento energetico energetico 22.54 %
incremento rendimento exergetico exergetico 22.44 %

27
Motori a combustione interna ed esterna – Cicli Brayton

Brayton – Esercizio 1

Si consideri un impianto di generazione elettrica operante secondo un ciclo Brayton ideale che fornisce 20000 CV (1CV
= 0.74 kW) ad un alternatore. La temperatura minima raggiunta nel ciclo è pari a 16°C mentre quella massima è di
840°C. Considerando una pressione massima raggiunta di 4 bar e una minima di 1 bar, si richiede di calcolare le
Temperature nei restanti punti dl ciclo Termodinamico, la potenza sviluppata dalla turbina e la portata in massa
necessaria per sviluppare 20000 CV. Per le caratteristiche del fluido si faccia riferimento alla tabella 1 in allegato.

Risultati

grandezza valore u.m.


Temperatura TB 429.4 K
Temperatura TD 749 K
portata g 65.89 kg/s
potenza sviluppata dalla turbina WT 32805 CV

Brayton – Esercizio 2

Un impianto motore fisso funzionante secondo un ciclo Brayton ideale ha un rapporto manometrico di compressione
pari a 10. Le temperature del gas all’ingresso del compressore è di 283 K mentre quella all’ingresso della turbina è di
2000 K. All’ingresso del compressore il gas si trova ad una pressione di 0.7 bar. Si ipotizzi che la temperatura alla quale
sia disponibile il calore q1 sia pari a 2500 K e che nella turbina si abbia una dissipazione di energia pari a 100 kJ/kg.
Con riferimento al ciclo ad aria standard, determinare la temperatura del gas all’uscita della turbina, la percentuale del
lavoro prodotto dalla turbina impiegato per far funzionare il compressore, il rendimento termico, il lavoro raccolto
dall’utilizzatore, la quantità di calore fornita, la quantità di calore ceduta e il rendimento exergetico. Si consideri l’aria
un gas perfetto con le caratteristiche riportate in tabella 1.

Risultati

grandezza valore u.m.


Temperatura TD 1035.89 K
lavoro utile lu 604.23 kJ/kg
percentuale del lavoro prodotto impiegato per il compressore β 30.46 %
calore fornito q1 1460.89 kJ/kg
calore ceduto q2 756.65 kJ/kg
rendimento energetico  41.36 %
rendimento exergetico ex 46.85 %

Brayton – Esercizio 3

Si consideri un impianto funzionante secondo un ciclo Brayton ideale avente un rapporto manometrico di compressione
pari a 5. Le temperature del gas all’ingresso del compressore è di 290 K mentre quella all’ingresso della turbina è di
1000 K. All’ingresso del compressore il gas si trova ad una pressione di 1 bar. Si ipotizzi che la temperatura alla quale
sia disponibile il calore q1 sia pari a 1200 K. Si ipotizzi inoltre di voler recuperare parte del calore ceduto attraverso un
recuperatore avente un’efficienza pari a 80%. Si richiede di determinare il lavoro di compressione, il lavoro fornito

28
Motori a combustione interna ed esterna – Cicli Brayton

dalla turbina, il rendimento termico senza e con recuperatore, le quantità di calore fornito e ceduto senza recuperatore, il
calore massimo recuperabile, quello effettivamente recuperato, il calore da fornire con il recupero di calore e il
rendimento exergetico con recuperatore. Si consideri l’aria un gas perfetto con le caratteristiche riportate in tabella 1.

Risultati

grandezza valore u.m.


lavoro del compressore lk 170.15 kJ/kg
lavoro della turbina lt 370.46 kJ/kg
calore fornito q1 543.39 kJ/kg
calore ceduto q2 343.08 kJ/kg
rendimento energetico  36.8 %
calore massima recuperabile qmax rec 172.3 kJ/kg
calore recuperato qrec 138.34 kJ/kg
calore fornito con il recupero q1 rec 405.05 kJ/kg
rendimento energetico con recuperatore  49.45 %
rendimento exergetico con recuperatore ex 65.43 %

Brayton – Esercizio 4

Si consideri un impianto funzionante secondo un ciclo Brayton ideale avente un rapporto manometrico di compressione
pari a 6.5. La temperatura del gas all’ingresso del compressore è di 300 K mentre quella all’ingresso della turbina è di
2000 K. All’ingresso del compressore il gas si trova ad una pressione di 1.25 bar. Si ipotizzi che la temperatura alla
quale sia disponibile il calore q1 sia pari a 2100 K. Si richiede di determinare il lavoro di compressione, il lavoro fornito
dalla turbina, il rendimento termico, le quantità di calore fornita e ceduta. Determinare, inoltre, la quantità di calore
massima recuperabile qualora si adoperasse un recuperatore. Si consideri l’aria un gas perfetto con le caratteristiche
riportate in tabella 1.

Risultati

grandezza valore u.m.


lavoro del compressore lk 213.19 kJ/kg
lavoro della turbina lt 832.57 kJ/kg
calore fornito q1 1495.31 kJ/kg
calore ceduto q2 875.93 kJ/kg
rendimento energetico  41.42 %
calore massima recuperabile qmax rec 662.74 kJ/kg

Brayton – Esercizio 5

Si consideri una turbina a gas a ciclo chiuso con recuperatore di calore. Si consideri l'aria entrante nel compressore ad
una temperatura di 1°C e ad un volume specifico di 1 m3/kg; la temperatura dopo l'espansione in turbina è di 1000 K
mentre il rapporto manometrico di compressione sia pari a 10. Ipotizzando che l'entalpia del recuperatore sia più piccola
del 15% rispetto quella in uscita dalla turbina, si richiede il rendimento energetico del ciclo in assenza di recupero di
calore, l'exergia prodotta dal ciclo in assenza di recupero di calore, l'efficienza del recuperatore, la quantità di calore da
29
Motori a combustione interna ed esterna – Cicli Brayton

fornire al sistema dopo il recupero e l'incremento in percentuale del rendimento energetico dopo l'installazione del
recuperatore. Si assuma l'aria come un gas perfetto con un calore specifico a pressione costante pari a 1.005 kJ/kgK e a
volume costante pari a 720 kJ/kgK.

Risultati

grandezza valore u.m.


rendimento energetico  47.95 %
exergia in uscita W2 672.39 kJ/kg
efficienza del recuperatore  68.3 %
calore fornito con il recupero q1 rec 1076.67 kJ/kg
incremento rendimento energetico energetico 30.24 %

30
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Macchine a vapore

Rankine – Svolgimento Esercizio

Si consideri una macchina a vapore saturo operante secondo un ciclo Rankine ideale come quella in figura 1; la
pressione di ammissione in turbina è di 50 bar mentre quella al condensatore è di 0.04 bar. La portata di vapore è pari a
30 kg/s. Facendo riferimento alle tabelle relative alle proprietà Termodinamiche dell’acqua satura in allegato (tabella 2),
si richiede:
1. lo stato Termodinamico del fluido in ciascun punto dl ciclo;
2. l’isotitolo corrispondente allo stato Termodinamico all’uscita dalla turbina;
3. il lavoro della pompa, del condensatore, della turbina, della caldaia e quello utile;
4. la potenza della pompa, del condensatore, della turbina, della caldaia e quella utile;
5. il rendimento energetico;
6. la quantità di calore necessaria per il riscaldamento del liquido e per la vaporizzazione del fluido;
7. l’exergia in ingresso, quella in uscita e il rendimento exergetico.
Al fine di evitare le condensazioni nocive, si ipotizzi di inserire un surriscaldatore che permetta di raggiungere una
Temperatura massima di 585°C. In riferimento alle tabelle del vapore surriscaldato in allegato (tabella 3) e assumendo
la stessa portata di vapore, si richiede:
1. lo stato Termodinamico del fluido all’uscita dal surriscaldatore e all’uscita dalla turbina;
2. l’isotitolo corrispondente allo stato Termodinamico all’uscita dalla turbina;
3. il lavoro del condensatore, della turbina, della caldaia con surriscaldatore e quello utile;
4. la potenza del condensatore, della turbina, della caldaia con surriscaldatore, del solo surriscaldatore e quella
utile;
5. il rendimento energetico con surriscaldatore;
6. la quantità di calore necessaria per il surriscaldamento del fluido;
7. l’exergia in ingresso, quella in uscita e il rendimento exergetico.
Si ipotizzi, infine, di voler realizzare un ciclo rigenerativo a partire dal ciclo Termodinamico senza surriscaldamento
andando ad effettuare un spillamento di vapore (figura 2). Si ipotizzi che lo spillamento avvenga a 200°C. Si richiede:
1. lo stato Termodinamico del fluido nel ciclo fatto dal fluido spillato;
2. il rapporto di spillamento e la portata spillata;
3. la quantità di calore rigenerata,
4. il rendimento energetico;
5. il rendimento exergetico;
6. la potenza meccanica utile.
Si richiede infine, di disegnare tutti e tre i cicli analizzati nel piano T-s, disponibile in allegato. Si assuma un calore
specifico a pressione costante del liquido pari a 4.186 kJ/kgK.

31
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Figura 1. Macchina a vapore e relativi cicli di riferimento senza e con surriscaldamento

32
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Figura 2. Macchina a vapore con spillamento e relativo ciclo Termodinamico

33
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Svolgimento – Ciclo Rankine


Un vapore in genere non si comporta come un gas perfetto in quanto, in condizioni normali, il volume delle sue
molecole non può essere considerato trascurabile, quindi, per determinare lo stato Termodinamico di un generico punto
nel ciclo non è sufficiente calcolare le sole grandezze intensive (Pressione, Temperatura e volume specifico), ma è
necessario determinare anche quelle estensive (entalpia ed entropia).
Sono note le Pressioni all’ingresso in turbina e al condensatore; in riferimento al ciclo di Rankine si può scrivere:

50 → 50

0.04 → 0.04

In riferimento alla tabella 2 in allegato, è possibile determinare completamente lo stato Termodinamico all’uscita dal
condensatore (punto A), il quale si trova sulla campana dei vapori saturi a x=0.

x=0 x=1 x=0 x=1 x=0 x=1


T P r
(°C) (bar) vl vv hl hv (kJ/kg) sl sv
(m3/kg) (m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK) (kJ/kgK)
26.67 0.0350000 0.0010030 39.467828 111.84 2549.57 2437.74 0.3907 8.5213
28.96 0.0400000 0.0010040 34.792482 121.40 2553.71 2432.31 0.4224 8.4735
31.01 0.0450000 0.0010050 31.132018 129.98 2557.41 2427.43 0.4507 8.4314
32.88 0.0500000 0.0010050 28.186314 137.76 2560.77 2423.00 0.4763 8.3939

T 28.96° ; 121.40 ; 0.4224 ; 0.0010040

In maniera del tutto analoga si procede per il punto D, il quale si trova sulla campana dei vapori saturi a x=1.

x=0 x=1 x=0 x=1 x=0 x=1


T P r
(°C) (bar) vl vv hl hv (kJ/kg) sl sv
(m3/kg) (m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK) (kJ/kgK)
261.40 48.0000000 0.0012800 0.041181 1141.81 2795.83 1654.02 2.8975 5.9917
262.68 49.0000000 0.0012830 0.040296 1148.20 2795.04 1646.85 2.9092 5.9827
263.94 50.0000000 0.0012860 0.039446 1154.50 2794.23 1639.73 2.9207 5.9737
265.18 51.0000000 0.0012900 0.038628 1160.73 2793.38 1632.65 2.9321 5.9649

T 263.94 ° ; 0.039446 ; 2794.23 ; 5.9737

In riferimento alla tabella dell’acqua satura, essendo la Pressione di D la stessa di C è possibile determinare lo stato
Termodinamico del punto C (punto dentro la caldaia), che si trova sulla campana dei vapori saturi a x=0.

34
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

x=0 x=1 x=0 x=1 x=0 x=1


T P r
(°C) (bar) vl vv hl hv (kJ/kg) sl sv
(m3/kg) (m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK) (kJ/kgK)
261.40 48.0000000 0.0012800 0.041181 1141.81 2795.83 1654.02 2.8975 5.9917
262.68 49.0000000 0.0012830 0.040296 1148.20 2795.04 1646.85 2.9092 5.9827
263.94 50.0000000 0.0012860 0.039446 1154.50 2794.23 1639.73 2.9207 5.9737
265.18 51.0000000 0.0012900 0.038628 1160.73 2793.38 1632.65 2.9321 5.9649

263.94 ° ; 0.001286 ; 1154.50 ; 2.9207

Per la determinazione dello stato Termodinamico del fluido nel punto B, è necessario procedere come segue. Essendo
nota sia la pressione in B sia il volume specifico (è lo stesso di A), si perviene al valore di entalpia corrispondente al
punto B:

∙ 121.40 0.0010040 ∙ 50 0.04 ∙ 100 126.416

Quindi applicando quest’ultima relazione al tratto AB si può ricavare la Temperatura nello stato Termodinamico B:

126.416 121.40
∙ → 28.96 30.16 °
4.186

Quindi lo stato Termodinamico in B è completamente noto essendo l’entropia uguale all’entropia dello stato
Termodinamico del punto A. Si procede alla determinazione dello stato Termodinamico nel punto F del quale si
conoscono già la Pressione, la Temperatura e l’entropia:

; ;

Per determinare l’entalpia in questo è necessario procedere alla determinazione dell’isotitolo di questo punto che si può
determinare come segue: dalla tabella dei vapori saturi si ha che per un valore di pressione pari a 0.04 bar il valore
massimo di entropia che si può avere è di 8.4735 kJ/kgK. In riferimento ad un ciclo ideale, si ha che l’entropia all’inizio
del condensatore deve essere uguale al quella in ingresso in turbina, quindi si può scrivere:

: :

1 0 0 1 0
→ ∙ 5.9737 0.4224 0.6895
8.4735 0.4224 5.9737 0.4224 8.4735 0.4224

Quindi si ottiene:

2432.31


35
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

∙ 121.4 2432.31 ∙ 0.6895 1798.48


In virtù delle approssimazioni adottate, in maniera del tutto approssimata e semplificativa, il volume specifico è
possibile determinarlo come segue:

∙ 0.001004 34.792482 ∙ 0.6895 23.99

Il lavoro della pompa si determina come segue (lavoro di un sistema aperto):

∙ 0.0010040 ∙ 50 0.04 ∙ 100 4.4326

In maniera analoga si procede alla determinazione del lavoro per gli altri organi che costituiscono la macchina:

1798.48 121.4 1677.08

2794.23 1798.48 995.75

2794.23 126.416 2667.814

Quindi il lavoro utile risulta pari a:

995.75 4.4326 991.317

A partire dai valori del lavoro si ricavano le potenze di ciascun componente nota la portata:

∙ 30 ∙ 4.4326 132.978

∙ 30 ∙ 2667.814 80034.429 80.034

∙ 30 ∙ 995.75 29872.5 29.87

∙ 30 ∙ 1677.08 50312.4 50.31

∙ 991.317 ∙ 30 29739.51 29.74

36
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Il rendimento energetico vale

2794.237 126.416 1798.48 121.4


0.3714 37.14%
2794.237 126.416

Il calore di riscaldamento del liquido è:

kJ
q h h 1154.50 126.416 1028.08
kg

Il calore di vaporizzazione è (notare che è esattamente uguale al calore di trasformazione):

kJ
q h h 2794.23 1154.50 1639.73
kg

L’exergia in ingresso è quella associata al calore q1 ricevuto dal sistema, in questo caso, assumendo una temperatura
ambiente di 20°C, è pari a:

20 273.15
1 ∙ 1 ∙ 1 ∙ 2794.23 126.416 1211.69
263.94 273.15

L’exergia in uscita è quella associata al lavoro utile della macchina:

991.317

Quindi il rendimento exergetico è pari a:

991.317
0.8181 81.81%
1211.69

Tab. A: Stato termodinamico del fluido in ogni punto del ciclo Rankine standard
Punti del Temperatura Pressione Volume specifico Entalpia Entropia isotitolo
ciclo (°C) (bar) (m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK) (-)
A 28.96 0.04 0.001004 121.4 0.4224 0
B 30.16 50 0.001004 126.416 0.4224 -
C 263.94 50 0.001286 1154.50 2.9207 0
D 263.94 50 0.039446 2794.23 5.9737 1
F 28.96 0.04 23.99 1798.48 5.9737 0.6895

37
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Tab. B: Grandezze termodinamiche associate al ciclo Rankine standard esaminato

grandezza valore u.m.


lavoro della pompa lpompa 4.4326 kJ/kg
calore fornito dalla caldaia qcaldaia 2667.814 kJ/kg
lavoro della turbina lturbina 995.75 kJ/kg
calore ceduto dal condensatore qcondensatore 1677.08 kJ/kg
lavoro utile lu 991.317 kJ/kg
potenza della pompa Wpompa 132.978 kW
potenza della caldaia Wcaldaia 80.034 MW
potenza della turbina Wturbina 29.87 MW
potenza del condensatore Wcondensatore 50.31 MW
potenza utile Wu 29.74 MW
rendimento energetico  37.14 %
calore di riscaldamento del liquido qriscaldamento liquido 1028.08 kJ/kg
calore vaporizzazione qvaporizzazione 1639.73 kJ/kg
exergia in ingresso W1 1211.69 kJ/kg
exergia in uscita W2 991.317 kJ/kg
rendimento exergetico ex 81.81 %

38
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Svolgimento – Ciclo Rankine con surriscaldamento


Si consideri ora la stessa identica macchina in cui a valle della caldaia sia inserito un surriscaldatore andando a
modificare il ciclo termodinamico come mostrato in figura 2. Sotto tali ipotesi, lo stato Termodinamico nei punti A, B,
C, D’ risulta essere completamente identico a quello precedentemente determinato nei corrispettivi punti. Quindi rimane
da determinare quello nel punto E, e quello in F che cambierà rispetto al caso precedente.
Del Punto E è nota tuttavia la Pressione e la Temperatura, in riferimento alla tabella 3 in allegato si ottengono le tre
grandezze termodinamiche mancanti.

Pressione (bar)

Temperatura (°C) 50
v h s
(m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK)
550 0.07 3550.75 7.12
560 0.07 3573.96 7.15
570 0.08 3597.17 7.18
580 0.08 3620.38 7.21
590 0.08 3643.60 7.23
600 0.08 3666.83 7.26

Per il calcolo di queste grandezze risulta necessaria fare una interpolazione tra le temperature di 580°C e 590°C; in
particolare per due generiche grandezze x ed y si può scrivere:

: :

Quindi applicando tale interpolazione, si determina l’entalpia e l’entropia in E (il volume specifico è pari a 0.08 m3/kg)

3643.6 3620.38
∙ → ∙ 590 580 3620.38
590 580

→ 3631.99

7.23 7.21
∙ → ∙ 590 580 7.21 →
590 580

7.22

Quindi imponendo la stessa entropia all’uscita della turbina si può determinare lo stato termodinamico in F essendo:

; ;

Per determinare l’entalpia in questo è necessario procedere alla determinazione dell’isotitolo di questo punto che si può
determinare come segue: dalla tabella dei vapori saturi si ha che per un valore di pressione pari a 0.04 bar il valore

39
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

massimo di entropia che si può avere è di 8.4735 kJ/kgK. In riferimento ad un ciclo ideale, si ha che l’entropia all’inizio
del condensatore deve essere uguale al quella in ingresso in turbina, quindi si può scrivere:

: :

1 0 0 1 0
→ ∙ 7.22 0.4224 0.8443
8.4735 0.4224 7.22 0.4224 8.4735 0.4224

Quindi si ottiene:

2432.31

∙ 121.4 2432.31 ∙ 0.8443 2174.99


In virtù delle approssimazioni adottate, in maniera del tutto approssimata e semplificativa, il volume specifico è
possibile determinarlo come segue:

∙ 0.001004 34.792482 ∙ 0.8443 29.38

In maniera analoga a quanto visto prima si procede alla determinazione del lavoro per gli altri componenti che
costituiscono la macchina:

2174.99 121.4 2053.59

3631.99 2174.99 1457

3631.99 126.416 3505.574

Quindi il lavoro utile risulta pari a:

1457 4.4326 1452.567

A partire dai valori del lavoro si ricavano le potenze di ciascun componente nota la portata:

∙ 30 ∙ 3505.574 105167.22 105.167

40
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

∙ 30 ∙ 1457 43710 43.71

∙ 30 ∙ 2053.59 61607.7 61.61

∙ 1452.567 ∙ 30 43577.01 43.58

Il rendimento energetico vale

3631.99 2174.99 126.416 121.40


0.4142 41.42%
3631.99 126.416

La quantità di calore necessaria per il surriscaldamento del fluido è pari a:

3631.99 2794.23 837.76

L’exergia in ingresso è quella associata al calore q1 ricevuto dal sistema, in questo caso, assumendo una temperatura
ambiente di 20°C, è pari a:

20 273.15
1 ∙ 1 ∙ 1 ∙ 3631.99 126.416 1749.712
585 273.15

L’exergia in uscita è quella associata al lavoro utile della macchina:

1452.567

Quindi il rendimento exergetico è pari a:

1452.567
0.8302 83.02%
1749.712

Tab. C: Stato termodinamico del fluido in ogni punto del ciclo Rankine con surriscaldamento
Punti del Temperatura Pressione Volume specifico Entalpia Entropia isotitolo
ciclo (°C) (bar) (m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK) (-)
A 28.96 0.04 0.001004 121.4 0.4224 0
B 30.16 50 0.001004 126.416 0.4224 -
C 263.94 50 0.001286 1154.50 2.9207 0
D’ 263.94 50 0.039446 2794.23 5.9737 1
E 585 50 0.08 3631.99 7.22 -
F 28.96 0.04 29.38 2174.99 7.22 0.8443

41
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Tab. D: Grandezze termodinamiche associate al ciclo Rankine con surriscaldamento

grandezza valore u.m.


calore fornito dalla caldaia con surriscaldatore qcaldaia con surriscaldatore 3505.574 kJ/kg
lavoro della turbina lturbina 1457 kJ/kg
calore ceduto dal condensatore qcondensatore 2053.59 kJ/kg
lavoro utile lu 1452.567 kJ/kg
potenza della caldaia con surriscaldatore Wcaldaia con surriscaldatore 105.167 MW
potenza della turbina Wturbina 43.71 MW
potenza del condensatore Wcondensatore 61.61 MW
potenza utile Wu 43.58 MW
rendimento energetico con surriscaldatore con surriscaldatore 41.42 %
calore per il surriscaldamento qsurriscaldamento 837.76 kJ/kg
exergia in ingresso W1 1749.712 kJ/kg
exergia in uscita W2 1452.567 kJ/kg
rendimento exergetico ex 83.02 %

42
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Svolgimento – Ciclo Rankine con spillamento di vapore


Si procede ora con la risoluzione del problema con lo spillamento di vapore. Si faccia riferimento allo schema riportato
in figura 2. Dal testo è nota la Temperatura alla quale avviene lo spillamento di calore (200°C), tenendo presente che
l’entropia di tale punto è la stessa di quella all’ingresso e all’uscita della turbina, a partire dalla tabelle del vapore si
possono calcolare le grandezze mancanti come segue:

5.9737

: :

x=0 x=1 x=0 x=1 x=0 x=1


T P r
(°C) (bar) vl vv hl hv (kJ/kg) sl sv
(m3/kg) (m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK) (kJ/kgK)
198.30 15.0000000 0.0011540 0.131702 844.72 2791.01 1946.29 2.3147 6.4431
199.86 15.5000000 0.0011560 0.127593 851.74 2791.97 1940.23 2.3294 6.4314
201.38 16.0000000 0.0011590 0.123732 858.61 2792.88 1934.27 2.3438 6.4200
202.86 16.5000000 0.0011610 0.120097 865.32 2793.73 1928.41 2.3578 6.4090

, ° ∙ → , °

6.42 6.4314
∙ 200 199.86 6.4314 → , ° 6.4304
201.38 199.86

, ° ∙ → , °

2.3438 2.3294
∙ 200 199.86 2.3294 → , ° 2.3307
201.38 199.86

, ° , ° : , ° , °

, ° : , °

1 0 0 1 0
→ ∙ 5.9737 2.3307 → 0.8886
6.4304 2.3307 5.9737 2.3307 6.4304 2.3307

Quindi, noto l’isotitolo del punto G si determina l’entalpia:

, ° ∙ → , °

2792.88 2791.97
∙ 200 199.86 2791.97 → , ° 2792.054
201.38 199.86

43
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

, ° ∙ → , °

858.61 851.74
∙ 200 199.86 851.74 → , ° 852.373
201.38 199.86

, ° , ° , ° ∙ 852.373 2792.054 852.373 ∙ 0.8886

2575.97

Sempre in riferimento alla tabella in allegato si determinano le ultime due grandezze Termodinamiche mancanti:

200 199.86
∙ 16 15.5 15.5
201.38 199.86
15.55

In virtù delle approssimazioni adottate, in maniera del tutto approssimata e semplificativa, il volume specifico è
possibile determinarlo come segue:

200 199.86
∙ 0.123732 0.127593 0.127593 0.127237
201.38 199.86

In maniera analoga si determina lo stato Termodinamico del punto B’

15.55 ; 200° ; 0.00115628 ; 858.61 ; 2.3307

In maniera analoga a quanto visto prima si determina lo stato Termodinamico in H:

∙ 858.61 0.00115628 ∙ 50 15.55 ∙ 100 862.59

862.59 858.61
∙ → 200 200.95 °
4.186

Quindi lo stato Termodinamico in B è completamente noto essendo l’entropia uguale all’entropia dello stato
Termodinamico del punto B’. Applicando la definizione di rapporto di spillamento al caso in esame si ottiene:

858.61 121.4
0.30
2575.97 121.4

∙ 9 → 30 9 21

44
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Quindi la quantità di calore spillata risulta pari a:

∙ ∙ ∙ , ° , ° ∙ 0.30 ∙ 2792.054 852.373 ∙ 0.8886

517.08

Il rendimento energetico risulta invece pari a:

∙ ∙ ∙

30 ∙ 2794.23 2575.97 21 ∙ 2575.97 1798.48 30 ∙ 862.59 858.61 21 ∙ 126.416 121.4
30 ∙ 2794.23 862.59
0.3909 39.09%

Quello exergetico invece è pari a:

263.94 273.15
∙ 0.3909 ∙ 0.86065 86.07%
263.94 273.15 293.15

Infine la potenza meccanica utile si determina come segue:

∙ ∙ ∙ ∙ 22650.35 22.65

45
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Tab. E: Grandezze termodinamiche associate al ciclo Rankine con spillamento di vapore

grandezza valore u.m.


Temperatura TG 200 °C
Pressione PG 15.55 bar
volume specifico vG 0.127237 m3/kg
entalpia hG 2575.97 kJ/kg
entropia sG 5.9737 kJ/kgK
Temperatura TB’ 200 °C
Pressione PB’ 15.55 bar
volume specifico vB’ 0.00115628 m3/kg
entalpia hB’ 858.61 kJ/kg
entropia sB’ 2.3307 kJ/kgK
Temperatura TH 200.95 K
Pressione PH 50 bar
volume specifico vH 0.00115628 m3/kg
entalpia hH 862.59 kJ/kg
entropia sH 2.3307 kJ/kgK
Rapporto di spillamento k 0.30 -
Portata spillata gspillata 9 kg/s
calore rigenerato qrigenerato 517.08 kJ/kg
rendimento energetico  39.09 %
rendimento exergetico ex 86.07 %
potenza utile Wu 22.65 MW

46
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Rankine – Esercizio 1

Si consideri un ciclo di Rankine a vapore surriscaldato in cui a valle dell’evaporatore è posizionato un surriscaldatore.
Si ipotizzi che la Pressione e la Temperatura di ammissione in turbina siano rispettivamente di 100 bar e 500 °C, mentre
la Pressione al condensatore sia di 0.04 bar. La portata di vapore sia pari a 30 kg/s. Si richiede di calcolare lo stato
Termodinamico del fluido in tutti i punti del ciclo.

Risultati
Punti del Temperatura Pressione Volume specifico Entalpia Entropia isotitolo
ciclo (°C) (bar) (m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK) (-)
A 28.96 0.04 0.001004 121.4 0.4224 0
B 31.36 100 0.001004 131.44 0.4224 -
C 311 100 0.001453 1407.87 3.3603 0
D 311 100 0.0018034 2725.47 5.6159 1
E 500 100 0.03 3375.06 6.60 -
F 28.96 0.04 26.967 1987.71 6.60 0.7673

Rankine – Esercizio 2

Si consideri una macchina operante secondo un ciclo di Rankine standard, capace di produrre 1000 kJ/kg fornendo 10
kJ/kg alla pompa e 2500 kJ/kg alla caldaia. Considerando una pressione all’ingresso della pompa di 2.3388 kPa,
determinare il rendimento energetico, il rendimento exergetico del macchina e la portata affinché la potenza del
condensatore sia pari a 67 MW. Si richiede, inoltre, di disegnare il ciclo nel piano T-s.

Risultati

grandezza valore u.m.


portata g 44.37 kg/s
rendimento energetico  39.6 %
rendimento exergetico ex 75.3 %

47
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Rankine – Esercizio 3

Un ciclo Rankine a vapore saturo lavora tra le pressioni di ammissione in turbina di 170 bar e al condensatore di 0.05
bar. La portata di vapore vale 10 kg/s. Determinare il rendimento energetico, il rendimento exergetico del ciclo, la
potenza meccanica utile e la potenza termica ceduta in caldaia, il lavoro della pompa, il calore necessario per la
vaporizzazione, quello necessario per il riscaldamento e il lavoro della turbina. Si disegni inoltre il ciclo nel piano T-s.

Risultati

grandezza valore u.m.


lavoro della pompa lpompa 17.08 kJ/kg
lavoro della turbina lturbina 970.63 kJ/kg
calore vaporizzazione qvaporizzazione 857.38 kJ/kg
calore di riscaldamento del liquido qriscaldamento liquido 1535.19 kJ/kg
potenza della caldaia Wcaldaia 23.926 MW
potenza utile Wu 9.535 MW
rendimento energetico  39.86 %
rendimento exergetico ex 75.03 %

Rankine – Esercizio 4

Si consideri una macchina a vapore operante secondo il ciclo Rankine con surriscaldamento; al termine del
surriscaldamento il vapore surriscaldato si trova ad una pressione di 20 bar e ad una temperatura di 848.15 K.
Assumendo un valore di entalpia all'ingresso della pompa pari a 88.43 kJ/kg, si richiede di determinare la pressione
all'ingresso, l'entalpia in uscita dalla pompa, il calore necessario per il riscaldamento del liquido, il calore necessario per
la vaporizzazione, il calore relativo al solo surriscaldamento, l'isotitolo in uscita dalla turbina, l'entropia in uscita dalla
turbina, il rendimento energetico, e il rendimento exergetico, la potenza della pompa, la potenza della caldaia, la
potenza della turbina e la potenza del condensatore nel caso di portata unitaria.

48
Macchine a Vapore – Cicli Rankine

Risultati

grandezza valore u.m.


Pressione PA 0.025 bar
Entalpia hB 90.43 kJ/kg
calore di riscaldamento del liquido qriscaldamento liquido 818.19 kJ/kg
calore vaporizzazione qvaporizzazione 1889.76 kJ/kg
lavoro della pompa lpompa 2.00 kJ/kg
lavoro della turbina lturbina 1400.74 kJ/kg
calore per il surriscaldamento qsurriscaldamento 836.275 kJ/kg
isotitolo xF 0.8797 -
Entropia sF 7.64 kJ/kg
potenza della pompa Wpompa 2.00 kW
potenza della caldaia Wcaldaia 3.544 MW
potenza della turbina Wturbina 1.40 MW
potenza del condensatore Wcondensatore 2.156 MW
rendimento energetico  39.46 %
rendimento exergetico ex 60.27 %

Rankine - Esercizio 5

Si consideri una macchina a vapore operante tra le pressioni di 70 bar all'ingresso della caldaia e di 0.05 bar in ingresso
al condensatore. Assumendo per l'acqua un calore specifico a pressione costante pari a 4.186 kJ/kgK e una portata di
0.15 kg/s, determinare la temperatura massima raggiunta nella macchina, il titolo di vapore al termine del ciclo,
l'entalpia in ingresso al condensatore, il rendimento energetico della macchina, il lavoro utile prodotto dal ciclo, la
quantità di calore necessaria per vaporizzazione e la potenza termica della caldaia.
Per migliorare le prestazione dell’impianto, si decide, inoltre, di recuperare parte del calore attraverso un spillamento di
calore avente una temperatura più bassa del 20% di TD. Per questo nuovo ciclo si richiede di determinare la quantità di
calore rigenerata e la portata spillata.

Risultati

grandezza valore u.m.


Temperatura TD 285.83 °C
isotitolo xF 0.6742 -
entalpia hF 1770 kJ/kg
rendimento energetico  37.9 %
calore vaporizzazione qvaporizzazione 1505.13 kJ/kg
Potenza caldaia Wcaldaia 0.39 MW
Portata spillata gspillata 0.0515 kg/s
calore rigenerato qrigenerato 554.51 kJ/kg

49
Macchine Frigorifere – Ciclo Rankine Inverso

Macchine frigorifere

Ciclo frigorifero – Svolgimento Esercizio

Si consideri una macchina frigorifera a compressione, come quella mostrata in figura 1, avente una potenzialità
frigorifera di 5 kW. Si supponga che la sorgente fredda sia ad una Temperatura di -5°C mentre l’ambiente in cui lavora
la macchina sia a 20°C. Ipotizzando un uguale salto termico di 15°C dalla Temperatura ambiente e dalla Temperatura
della sorgente fredda e assumendo R134a come fluido di lavoro, si richiede:
1. Lo stato Termodinamico del fluido di lavoro in ciascun punto del ciclo;
2. l’isotitolo corrispondente allo stato Termodinamico all’ingresso dell’evaporatore;
3. il calore ceduto dal condensatore, il lavoro del compressore e il calore sottratto all’evaporatore;
4. la portata di fluido (kg/s) impiegata nella macchina;
5. la potenza del condensatore e della compressore;
6. l’effetto utile della macchina;
7. la quantità di calore necessaria per il desurriscaldamento;
8. l’exergia in ingresso, quella in uscita e il rendimento exergetico.
Per le caratteristiche del fluido si faccia riferimento alle tabelle 4 e 5 in allegato. Disegnare inoltre il ciclo
Termodinamico nel piano P-h (in allegato).

Figura 1. Macchina frigorifera a compressione e relativi cicli Termodinamici

50
Macchine Frigorifere – Ciclo Rankine Inverso

Svolgimento – Ciclo frigorifero


Per determinare lo stato Termodinamico di un generico punto nel ciclo non è sufficiente calcolare le sole grandezze
intensive (Pressione, Temperatura e volume specifico), ma è necessario determinare anche quelle estensive (entalpia ed
entropia). Sono note le Temperature della sorgente fredda e di quella ambiente, quindi ipotizzando un uguale salto
termico si ottengono le Temperature in ingresso all’evaporatore e all’uscita del condensatore.

∆ → ∆ 5° 15° 20°

∆ → ∆ 20° 15° 35°

273.15 20 253.15

273.15 35 308.15

A partire da questi valori di Temperatura, è possibile determinare lo stato Termodinamico nei punti E e B a partire dalla
tabella 4 in allegato (fluido R134a).

x=0 x=1 x=0 x=1 x=0 x=1


T (°C) P (MPa) vl vv hl hv sl sv
(m3/kg) (m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK) (kJ/kgK)
34 0.8626 1171.6 0.0237 247.54 416.72 1.1623 1.7131
36 0.9119 1163.4 0.0224 250.48 417.65 1.1717 1.7124

Per il calcolo di queste grandezze risulta necessaria fare una interpolazione tra le temperature di 34°C e 35°C; in
particolare per due generiche grandezze x ed y si può scrivere:

: :

Quindi applicando tale interpolazione, si determina la Pressione, il volume specifico, l’entalpia e l’entropia in E:

∙ → 0.88725

∙ → 1167.5

∙ → 249.01

∙ → 1.167

51
Macchine Frigorifere – Ciclo Rankine Inverso

In maniera analoga si procede per il punto B.

x=0 x=1 x=0 x=1 x=0 x=1


T (°C) P (MPa) vl vv hl hv sl sv
(m3/kg) (m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK) (kJ/kgK)
-22 0.1217 1364.4 0.1601 171.05 385.32 0.89 1.7432
-20 0.1327 1358.3 0.1474 173.64 386.55 0.9002 1.7413
-18 0.1446 1352.1 0.1359 176.23 387.79 0.9104 1.7396

20° ; 0.1327 ; 0.1474 ; 386.55 ; 1.7413

Per la determinazione dello stato Termodinamico del punto A si deve procedere come segue:

20° ; 0.1327 ; 249.01

: :

1 0 1 1 0
→ 1 ∙ 386.55 249.01 0.354
386.55 173.64 386.55 249.01 386.55 173.64

∙ 1.198

In maniera del tutto approssimata e semplificativa, il volume specifico è possibile determinarlo come segue:

∙ 0.0522

Lo stato Termodinamico del fluido in D è ugualmente determinato a partire dal valore di Temperatura di TD (pari a TE).

x=0 x=1 x=0 x=1 x=0 x=1


T (°C) P (MPa) vl vv hl hv sl sv
(m3/kg) (m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK) (kJ/kgK)
34 0.8626 1171.6 0.0237 247.54 416.72 1.1623 1.7131
36 0.9119 1163.4 0.0224 250.48 417.65 1.1717 1.7124

Per il calcolo di queste grandezze risulta necessaria fare una interpolazione tra le temperature di 34°C e 35°C; in
particolare per due generiche grandezze x ed y si può scrivere:

: :

Quindi applicando tale interpolazione, si determina la Pressione, il volume specifico, l’entalpia e l’entropia in D:
52
Macchine Frigorifere – Ciclo Rankine Inverso

∙ → 0.88725

∙ → 0.02305

∙ → 417.185

∙ → 1.71275

Per la determinazione dello stato Termodinamico nel punto C è necessario fare riferimento alla tabella 5 in allegato
considerando che:

0.88725 ; 1.7413

°C kg/m3 kJ/kg kJ/kgK °C kg/m3 kJ/kg kJ/kgK


P = 0.8MPa P = 1 MPa
T (Tsat =31.33 °C) T (Tsat =39.39 °C)
ρ h s ρ h s
liquido saturo
1181.92 243.58 1.1495 liquido saturo 1149.06 255.44 1.1874
vapore saturo
vapore saturo 38.99 415.58 1.7144 49.16 419.31 1.7117
40.00 36.98 424.61 1.7437 40.00 48.95 419.99 1.7139
50.00 35.03 434.85 1.7758 50.00 45.86 430.91 1.7482
60.00 33.36 444.98 1.8067 60.00 43.34 441.56 1.7807
70.00 31.90 455.08 1.8366 70.00 41.21 452.05 1.8117

Pertanto risulta chiaro che è necessario effettuare una doppia interpolazione:


1. interpolazione tra le entropie;
2. interpolazione tra le Pressioni.

1° interpolazione – calcolo della entalpia a P=1MPa e P=0.8 MPa.

∙ →

430.91 419.99
∙ 1.7413 1.7139 419.99 → 428.71
1.7482 1.7139

53
Macchine Frigorifere – Ciclo Rankine Inverso

. ∙ → .

424.61 415.58
∙ 1.7413 1.7144 415.58 → . 423.87
1.7437 1.7144

1° interpolazione – calcolo della Temperature a P=1MPa e P=0.8 MPa.

∙ →

50 40
∙ 1.7413 1.7139 40 → 47.9 °
1.7482 1.7139

. ∙ → .

40 31.33
∙ 1.7413 1.7144 31.33 → . 39.29°
1.7437 1.7144

1° interpolazione – calcolo della densità a P=1MPa e P=0.8 MPa.

∙ →

45.86 48.95
∙ 1.7413 1.7139 48.95 → 46.48
1.7482 1.7139

. ∙ → .

36.98 38.99
∙ 1.7413 1.7144 38.99 → . 37.14
1.7437 1.7144

2° interpolazione – calcolo entalpia in C

.
∙ . →

428.71 423.87
∙ 0.88725 0.8 423.87 → 425.98
1 0.8

2° interpolazione – calcolo Temperatura in C

. 47.9 39.29
∙ . → ∙ 0.88725 0.8 39.29
1 0.8
→ 43.05°

54
Macchine Frigorifere – Ciclo Rankine Inverso

2° interpolazione – calcolo densità in C

. 46.48 37.14
∙ . → ∙ 0.88725 0.8 37.14
1 0.8

→ 41.21

Quindi il volume specifico è pari a:

1
0.02426

A partire dall’equazione dell’energia, ipotizzando di trascurare i contributi dell’energia cinetica e potenziale, si


ottengono i lavori dei vari componenti della macchina.

425.98 249.01 176.97

425.98 386.55 39.43

386.55 249.01 137.54

La portata g la si può determinare a partire dalla potenza assorbita dall’evaporatore (potenzialità frigorifera):

5
→5 386.55 249.01 → 0.03635
137.54

Nota la portata si determina la potenza degli altri componenti:

∙ 1.43

∙ 6.43

L’effetto utile della macchina frigorifera è data dal rapporto tra il calore sottratto a bassa temperatura e il lavoro speso
nel compressore:

386.55 249.01
3.49
425.98 386.55

Il calore di desurriscaldamento è pari a:

55
Macchine Frigorifere – Ciclo Rankine Inverso

425.98 417.185 8.795

L’exergia in ingresso è quella associata all’energia ricevuta dal sistema, in questo caso il sistema riceve un lavoro:

39.43

L’exergia in uscita è quella associata all’energia sottratta a bassa Temperatura, quindi al calore sottratto dal evaporatore,
per il fattore di Carnot firgorifero:

20 273.15
1 ∙ 1 ∙ 137.54 12.82
273.15 5

Quindi il rendimento exergetico è pari a:

12.82
0.325 32.5%
39.43

Si riportano i tre cicli termodinamici esaminati nel piano P - h.

56
Macchine Frigorifere – Ciclo Rankine Inverso

Tab. A: Stato termodinamico del fluido in ogni punto del ciclo Rankine Inverso
Punti del Temperatura Pressione Volume specifico Entalpia Entropia isotitolo
ciclo (°C) (MPa) (m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK) (-)
A -20 0.1327 0.0522 249.01 1.198 0.354
B -20 0.1327 0.1474 386.55 1.7413 1
C 43.05 0.88725 0.02426 425.98 1.7413 -
D 35 0.88725 0.02305 417.185 1.71275 1
E 35 0.88725 1167.5 249.01 1.167 0

Tab. B: Grandezze termodinamiche associate al ciclo Rankine Inverso esaminato

grandezza valore u.m.


calore sottratto all’evaporatore qevaporatore 137.54 kJ/kg
lavoro del compressore lcompressore 39.43 kJ/kg
calore ceduto dal condensatore qcondensatore 176.97 kJ/kg
portata g 0.03635 kg/s
potenza del compressore Wcompressore 1.43 kW
potenza del condensatore Wcondensatore 6.43 kW
effetto utile ξ 3.49 -
calore di desurriscaldamento qdesurriscaldamento 8.795 kJ/kg
exergia in ingresso W1 39.43 kJ/kg
exergia in uscita W2 12.82 kJ/kg
rendimento exergetico ex 32.5 %

57
Macchine Frigorifere – Ciclo Rankine Inverso

Ciclo frigorifero – esercizio 1

Si consideri una macchina frigorifera operante tra una temperatura di sorgente fredda pari a 0°C e una temperatura
ambiente di 34°C. Per un corretto funzionamento della macchina è necessario fornire una potenza meccanica pari a 1
kW. Nel caso in cui il fluido refrigerante sia R134a e nell'ipotesi di avere un salto termico di 10°C dalla temperatura
ambiente al condensatore e di 5°C dalla temperatura della sorgente fredda all'evaporatore. Si richiede la temperatura
all’uscita dal compressore, la portata in ingresso all’evaporatore in m3/s, la potenza del condensatore, l’effetto utile, il
rendimento exergetico della macchina frigorifera e di disegnare il ciclo nel piano P-h;

Risultati

grandezza valore u.m.


Temperatura TC 49.35 °C
Portata all’evaporatore g 0.000887 m3/s
potenza del condensatore Wcondensatore 5.17 kW
effetto utile ξ 4.27 -
rendimento exergetico ex 53.15 %

Ciclo frigorifero – esercizio 2

Si consideri una macchina frigorifera operante con il fluido R134a che sottrae calore ad una sorgente fredda che si trova
alla temperatura di -20°C. La temperatura massima raggiunta all'interno del ciclo sia di 56.98°C. Assumendo un valore
dell'isotitolo del fluido all'ingresso dell'evaporatore pari a 0.45 e un salto termico di 5°C dalla temperatura ambiente al
condensatore e di 2°C dalla temperatura della sorgente fredda all'evaporatore, si richiede di determinare le pressioni tra
cui lavora la macchina, la temperatura ambiente, la potenza del condensatore, la potenza del compressore, la
potenzialità frigorifera, l’effetto utile della macchina frigorifera e di disegnare il ciclo nel piano P-h. Per il calcolo delle
potenze, si ipotizzi che la macchina frigorifera a compressione sia percorsa da una portata di fluido refrigerante di 50
kg/s.

58
Macchine Frigorifere – Ciclo Rankine Inverso

Risultati

grandezza valore u.m.


Pressione PA 0.1217 MPa
Pressione PC 1.231 MPa
Temperatura ambiente T0 42.31 °C
potenza dell’evaporatore Qf 5.89 MW
potenza del compressore Wcompressore 2.423 MW
potenza del condensatore Wcondensatore 8.315 MW
effetto utile ξ 2.43 -

Ciclo frigorifero – esercizio 3

Si consideri una macchina frigorifera operante con il fluido R717 operante tra le pressioni di 1.515 e 10.03 bar.
Assumendo per la sorgente fredda una temperatura di -30°C, si richiede lo stato Termodinamico del fluido in ciascun
punto del ciclo, l’exergia in ingresso, l’exergia in uscita, il rendimento exergetico della macchina e di disegnare il ciclo
nel piano P-h (per disegnare il ciclo nel piano si consideri un h = 51.61kJ/kg aggiuntivo da applicare al valore
determinato a partire dal valore delle tabelle del fluido).

Risultati - Tab. A
Punti del Temperatura Pressione Volume specifico Entalpia Entalpia + h Entropia isotitolo
ciclo (°C) (MPa) (m3/kg) (kJ/kg) (kJ/kg) (kJ/kgK) (-)
A -25 0.1515 0.13445 268.9 320.51 1.086 0.1723
B -25 0.1515 0.7717 1382 1433.61 5.571 1
C 110 1.003 0.1794 1659 1710.61 5.571 -
D 25 1.003 0.1281 1435 1486.61 4.907 1
E 25 1.003 0.00166 268.9 320.51 0.9972 0

59
Macchine Frigorifere – Ciclo Rankine Inverso

Risultati - Tab. B

grandezza valore u.m.


exergia in ingresso W1 277 kJ/kg
exergia in uscita W2 228.89 kJ/kg
rendimento exergetico ex 82.6 %

Ciclo frigorifero – esercizio 4

Si consideri una macchina frigorifera il cui fluido di lavoro sia l'R717. Si assuma una temperatura al termine della
compressione di 140°C. Assumendo un valore di entalpia al termine del ciclo di 125 kJ/kg, determinare la Pressione e
Temperatura all'inizio del ciclo, l'entropia all'uscita dall'evaporatore, l'entalpia e la pressione all'uscita dal compressore,
il volume specifico al termine del ciclo e l'effetto utile della macchina.

Risultati

grandezza valore u.m.


Pressione PA 0.01896 MPa
Temperatura TA -62.34 °C
entropia sB 6.3046 kJ/kgK
Pressione PC 0.3459 MPa
entalpia hC 1747.35 kJ/kg
volume specifico vE 0.00155 m3/kg
effetto utile ξ 2.80 -

Ciclo frigorifero – esercizio 5

Si consideri una macchina frigorifera a compressione avente una potenzialità frigorifera di 25 kW. Si supponga che la
sorgente fredda sia ad una Temperatura di -5°C mentre la Temperatura ambiente sia pari a 19°C. Ipotizzando un uguale
salto termico di 5°C dalla Temperatura ambiente al condensatore e dalla Temperatura della sorgente fredda
all'evaporatore e assumendo R134a come fluido di lavoro, si richiede l’isotitolo corrispondente allo stato

60
Macchine Frigorifere – Ciclo Rankine Inverso

Termodinamico all’ingresso dell’evaporatore, il lavoro del condensatore, il lavoro della compressore, il lavoro
dell’evaporatore, la portata di fluido in kg/s impiegata nella macchina, la quantità di calore necessaria per il
desurriscaldamento e il rendimento exergetico.

Risultati

grandezza valore u.m.


isotitolo xA 0.2254 -
calore sottratto all’evaporatore qevaporatore 159.54 kJ/kg
lavoro del compressore lcompressore 27.38 kJ/kg
calore ceduto dal condensatore qcondensatore 186.92 kJ/kg
portata g 0.1567 kg/s
calore di desurriscaldamento qdesurriscaldamento 8.22 kJ/kg
rendimento exergetico ex 54.3 %

61
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

Unità di Trattamento dell'Aria

Trattamenti dell’aria – Svolgimento Esercizio

Si consideri un’unità di trattamento dell’aria come quella mostrata in figura 1, impiegata per riscaldare un ambiente
durante la stagione invernale. Per il funzionamento dell’UTA si decide di impiegare aria proveniente dall’ambiente
esterno avente una temperatura di 0°C, una umidità relativa dell’80% ed una pressione di 1.01325 bar.
Sia il locale adibito ad ufficio avente come parametri di progetto una Temperatura di 20°C e una Umidità Relativa del
50%. In riferimento alla tabella 8 in allegato, e ipotizzando che l'umidificazione dell'aria nell'umidificatore avvenga con
una portata d'acqua pari a 0.5 g/s, si richiede:
1. lo stato Termodinamico dell’aria umida nei diversi punti del trattamento;
2. le entalpie specifiche in ciascun punto del trattamento;
3. la massa d'aria secca e la potenza termica delle due batterie calde;
4. il calore sensibile della trasformazione che avviene nella batteria di pre-riscaldamento;
5. il calore latente relativo alla trasformazione che avviene nell’umidificatore;
6. Disegnare il trattamento nel piano di riferimento.
Si ipotizzi, inoltre, di usare lo stesso impianto per la climatizzazione estiva dell’ambiente per garantire una Temperatura
di 26°C e una Umidità Relativa del 50%; nell’ipotesi in cui la massa d’aria secca sia la stessa e che l’aria proveniente
dall’ambiente esterno abbia una Temperatura di 40°C, una Umidità Relativa dell’50% ed una pressione di 1.01325 bar,
si richiede:
1. lo stato Termodinamico dell’aria umida nei diversi punti del trattamento;
2. la massa d'acqua che condensa e la potenza termica totale che si riesce a compensare con l’impianto;
3. le entalpie specifiche in ciascun punto del trattamento;
4. la potenza della batteria fredda e di quella calda;
5. Disegnare il trattamento nel piano di riferimento.

Figura 1. Unità di Trattamento dell’Aria (UTA)

62
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

Svolgimento – trattamento invernale


L’aria umida è un sistema Termodinamico a due componenti, aria secca ed acqua. Per la determinazione del suo stato
Termodinamico nei diversi punti del trattamento è necessario fare riferimento alle grandezze psicrometriche (X, Pws, T,
). In riferimento alla tabella 8, è possibile ricavare le grandezze psicrometriche relative alle condizioni esterne e quelle
interne di progetto:

T(°C) Pws (kPa) Xmax (g/kg aria secca)


-20 0.1030 6.329E-01
-10 0.2600 1.600
0 0.6110 3.774
  
10 1.2281 7.689
20 2.3388 14.896
30 4.2455 27.578

: → 0° , 80% → 0.6110 , 3.774


: → 20° , 50% → 2.3388 , 14.896


Ricordando in che modo è possibile costruire la linea di saturazione e quelle ad umidità relativa costante, è possibile
determinare l’umidità specifica alle condizioni esterne ed interne:

80
 ∙ ∙ 0.6110
0.622 ∙ 0.622 ∙ 100 0.003015 →
 ∙ 80
1.01325 ∙ 100 ∙ 0.6110
100
→ 3.015

50
 ∙ ∙ 2.3388
0.622 ∙ 0.622 ∙ 100 0.00726 →
 ∙ 1.01325 ∙ 100
50
∙ 2.3388
100
→ 7.26

Applicando i bilanci di massa d'aria secca, di massa dell'acqua e di potenza alle varie trasformazioni che si effettuano
all’interno dell’UTA è possibile determinare lo stato Termodinamico alla fine e all’inizio dei vari trattamenti.
Si consideri ad esempio il trattamento 1-2 riportato in figura, il quale è relativa ad un caso di solo riscaldamento
(batteria di riscaldamento o di pre-riscaldamento). Applicando il tre bilanci a tale trasformazione si ottiene:

63
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

→ 0→

/ → ∙ ∙ 0

Quindi considerando la batteria di pre-riscaldamento si ottiene:

→ 0→

→ 3.015

/ → ∙ ∙ 0

In cui con E si è indicato il punto iniziale del trattamento mentre con 1 quello all’uscita dalla batteria calda. In virtù dei
tre bilanci, quindi, si ha che la massa di aria secca entrante è la stessa di quella uscente dalla batteria calda e che durante
la trasformazione non vi è alcuna variazione di umidità specifica.
Dopo il pre-riscaldamento si ha una umidificazione con acqua che comporta un raffreddamento dell’aria; questa
trasformazione è semplificabile come mostrato in figura sotto.

64
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

Applicando i bilanci di massa e di potenza si ottiene:

→ 0→

0.5
→ ∙ ∙ 0→ →
7.26 3.015

0.1178

/ → ∙ ∙ ∙ 0

Al termine del trattamento di umidificazione si ha un post-riscaldamento che permette di giungere alle condizioni
interne di progetto; il trattamento è schematizzato in figura sotto. Applicando i bilanci si ottiene:

65
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

→ 0→

/ → ∙ ∙ 0

Per poter risolvere questi bilanci di energia/potenza è necessario determinare il valore dell’entalpia in ingresso ed in
uscita da ciascun componente; questa si determina applicando la relazione dell’entalpia:

∙ ∙ 0° ∙

in cui cp aria è il calore specifico dell’aria a pressione costante (tabella 1), mentre cp vapore è il calore specifico del vapore a
pressione costante (tabella 1). Applicando tale relazione nei vari puti del trattamento si ottiene:

→ : ∙ ∙ 0° ∙

1.005 ∙ 0 0.003015 ∙ 2500.5 1.863 ∙ 0 7.54

→ : ∙ ∙ 0° ∙

1.005 ∙ 20 0.00726 ∙ 2500.5 1.863 ∙ 20 38.52

A partire dal valore di umidità specifica, effettuando una interpolazione lineare, si ricava il valore di Temperatura che
deve corrispondere al termine della umidificazione (o all’inizio del post-riscaldamento):

T(°C) Pws (kPa) Xmax (g/kg aria secca)


0.01 0.6117 3.826
5 0.8726 5.475
10 1.2281 7.689

7.26 5.475
∙ 10 5 5 9.03 °
7.689 5.475

2 → : ∙ ∙ 0° ∙ 1.005 ∙ 9.03 0.00726 ∙ 2500.5 1.863 ∙ 9.03

27.35

L’umidificazione avviene ad entalpia costante, quindi si ha che:

66
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

1→ ∙ ∙ 0° ∙ → ∙ 0° ∙

0° 27.35
2500.5
→ 0° ∙

→ 0.003015
1.005
1.863
0.003015
19.60 °

Dove con 1 e 2 si sono indicati rispettivamente i punti all’uscita dalla batteria di pre-riscaldamento e all’uscita
dall’umidificatore. Pertanto, noti tutti i valori di entalpia nei diversi punti del ciclo, si risolvono i bilanci di
energia/potenza scritti in precedenza (n.b. con g1 si è la portata di aria secca):

→ ∙ ∙ 0→ ∙
→ 0.1178 ∙ 27.35 7.54 2.33

→ ∙ ∙ 0→ ∙
→ 0.1178 ∙ 38.52 27.35 1.316

Il calore sensibile è l’energia termica che produce una variazione di temperatura nella sostanza interessata, quindi in
riferimento alla trasformazione relativa al pre-riscaldamento, questo è esattamente uguale al calore necessario per la
trasformazione (non essendoci variazione di umidità specifica).

19.81

Il calore latente è la quantità di energia associata alla vaporizzazione (o alla condensazione) dell’acqua contenuta
nell’aria umida:

7.26 3.015
∙ 2500.5 ∙ 10.615
1000

67
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

Svolgimento – trattamento estivo


Si ipotizza di usare lo stesso impianto per la climatizzazione estiva; la pressione di saturazione nelle condizioni esterne
ed interne si determina a partire dai valori riportati in tabella 8, in particolare:

T 40°C ;  50%

T(°C) Pws (kPa) Xmax (g/kg aria secca)


20 2.3388 14.896
30 4.2455 27.578
40 7.3814 49.570
50 12.344 87.592

7.3814 ; 49.57


50
 ∙ ∙ 7.3814
0.622 ∙ 0.622 ∙ 100 0.02351 →
 ∙ 1.01325 ∙ 100
50
∙ 7.3814
100
→ 23.51

: → 26° , 50% → 3.4828 , 22.505



50
 ∙ ∙ 3.4828
0.622 ∙ 0.622 ∙ 100 0.01087 →
 ∙ 1.01325 ∙ 100
50
∙ 3.4828
100
→ 10.87

Applicando i bilanci di massa d'aria secca, di massa dell'acqua e di energia/potenza alle varie trasformazioni che si
effettuano all’interno dell’UTA è possibile determinare lo stato Termodinamico alla fine e all’inizio dei vari trattamenti.
Si consideri ad esempio il trattamento 1-2 riportato in figura, il quale è relativa ad un caso di raffreddamento (batteria
fredda); applicando il tre bilanci a tale trasformazione si ottiene:

68
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

→ 0→

→ ∙ ∙ 0→ ∙

/ → ∙ ∙ ∙ 0

Quindi considerando la batteria di raffreddamento si ottiene:

→ 0→

→ ∙ 0.1178 ∙ 10.87 23.51 → 1.48899

/ → ∙ ∙ 0

Per la risoluzione di questa equazione è necessario determinare l’entalpia di fine raffreddamento tenendo conto che:

10.87

A partire dal valore di umidità specifica, si ricava il valore di Temperatura che deve corrispondere al termine della
umidificazione (o all’inizio del post-riscaldamento):

10.87 7.689
∙ 20 10 10 14.4 °
14.896 7.689

69
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

T(°C) Pws (kPa) Xmax (g/kg aria secca)


10 1.2281 7.689
20 2.3388 14.896

Applicando i bilanci alla batteria calda, vedi figura sotto, si ottiene:

→ 0→

/ → ∙ ∙ 0

Quindi una volta note le entalpie si risolvono i bilanci scritti:

2 → ∙ ∙ 0° ∙ 1.005 ∙ 14.4 0.01087 ∙ 2500.5 1.863 ∙ 14.4

41.94

→ ∙ ∙ 0° ∙ 1.005 ∙ 40 0.02351 ∙ 2500.5 1.863 ∙ 40 100.74

→ ∙ ∙ 0° ∙ 1.005 ∙ 26 0.01087 ∙ 2500.5 1.863 ∙ 26 53.84

Dove con E, I e 2 si sono indicati i punti all’ingresso dell’UTA, all’uscita dell’UTA e all’uscita dalla batteria fredda.
Ipotizzando una temperatura dell’acqua uguale a quella dell’aria in ingresso si ottiene:

70
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

∙ 4.186 ∙ 40 167.44

/ → ∙ ∙ ∙ 0
→ ∙
1.48899
0.1178 ∙ 41.94 100.74 ∙ 167.44 6.68
1000

/ → ∙ ∙ 0→

∙ 1.40

Tab. A: Stato termodinamico in ogni punto del trattamento dell'aria

Trattamento invernale Trattamento estivo


grandezza u.m.
Esterno Interno 1 2 Esterno Interno 2' 2
Temperatura 0 20 19.60 9.03 40 26 - 14.4 °C
Umidità Relativa 80 50 - 100 50 50 100 100 %
umidità specifica 3.015 7.26 3.015 7.26 23.51 10.87 10.87 23.51 g/kgariasecca
entalpia 7.54 38.52 27.35 27.35 100.74 53.84 - 41.94 kJ/kg
pressione di saturazione 0.611 2.3388 - - 7.3814 3.4828 - - kPa

71
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

Tab. B: Grandezze termodinamiche associate al trattamento dell'aria esaminato

grandezza Trattamento invernale Trattamento estivo u.m.


portata di aria secca 0.1178 0.1178 kg/s
portata di acqua 0.5 1.49 g/s
calore sensibile pre-riscaldamento 19.81 - kJ/kg
calore latente umidificazione 10.615 - kJ/kg
Potenza termica batteria pre-riscaldamento 2.33 - kW
Potenza termica batteria fredda - 6.68 kW
Potenza termica batteria post-riscaldamento 1.316 1.40 kW

72
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

Trattamenti dell’aria – esercizio 1

In montagna a volte l’aria atmosferica è fresca ed a bassa umidità. Per raggiungere le condizioni di benessere
termoigrometrico nelle abitazioni, una corrente d’aria viene inviata in un’unità di trattamento dell’aria, dove viene
prima riscaldata in una batteria di riscaldamento e quindi umidificata con vapore. Si consideri allora una UTA, in cui
entra aria alla pressione p=0.600 bar, a temperatura T1=12°C con umidità relativa 1=20%; l’aria viene riscaldata in uno
scambiatore di calore fino alla temperatura T2=24°C, quindi viene umidificata con vapore in una seconda batteria
ottenendo in uscita aria a temperatura T3=25°C e umidità relativa 3=60%. Si richiede di determinare per ogni
chilogrammo di aria secca entrante nell’UTA, la massa m di vapore da iniettare per realizzare il trattamento descritto e
il calore ricevuto da 1 kg di aria secca nella trasformazione 1-2.

Risultati

grandezza trattamento u.m.


portata di vapore 17.44 kg/s
calore ricevuto 12.12 kJ/kg

Trattamenti dell’aria – esercizio 2

Si consideri una batteria di raffreddamento impiegata per raffreddare una certa portata d'aria da una temperatura iniziale
di 26°C ad una temperatura d'uscita di 10°C. Si supponga che l'aria entri nella batteria di raffreddamento con una
umidità relativa del 50%. Durante la trasformazione una portata d'acqua pari a 5g/s condensa. Nell'ipotesi che la
pressione alla quale avviene il trattamento sia pari a 1.0133bar, si richiede di determinare la potenza termica sottratta
all'aria e la massa d’aria secca che entra nella batteria.

Risultati

grandezza trattamento u.m.


portata aria secca 1.54 kg/s
potenza termica sottratta 35.98 kW

Trattamenti dell’aria – esercizio 3

Si consideri una batteria di raffreddamento impiegata per raffreddare 1 kg/s di portata d'aria secca prelevata alle
condizioni di temperatura di 21°C e umidità relativa del 50%. Durante la trasformazione una portata d'acqua pari a 2g/s
condensa. Nell'ipotesi che la pressione alla quale avviene il trattamento sia pari a 1.0133bar e che la potenza termica
sottratta all'aria sia pari a 20 kW, si richiede di determinare la temperatura al termine del trattamento, le umidità
specifiche delle due sezioni della batteria fredda, la pressione di saturazione dell’aria a 21°C e le entalpie all'inizio e alla
fine del trattamento. Si disegni, inoltre, la trasformazione nel diagramma psicrometrico.

73
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

Risultati

Trattamento
grandezza u.m.
Esterno Interno
Temperatura 6.14 21 °C
umidità specifica 5.9 7.86 g/kgariasecca
entalpia 20.89 41.07 kJ/kg
pressione di saturazione - 2.5295 kPa

Trattamenti dell’aria – esercizio 4

Si ipotizzi di voler trattare l’aria in un locale nel periodo invernale. La temperatura in ingresso nell’UTA è di 10°C con
un’umidità relativa del 38% ad una pressione di 1 bar. In seguito al riscaldamento ad umidità specifica costante si arriva
ad una temperatura di 21°C mentre dopo l’umidificazione con vapore si ottiene aria con umidità relativa del 60%.
Nell’ipotesi che la portata di vapore da iniettare per ottenere tale trasformazione sia pari a 1 g/s, determinare le umidità
specifiche, le entalpie nei tre punti della trasformazione, l’entalpia del vapore saturo, la massa di aria secca entrante
nell’UTA e le quantità di calore necessarie per ottenere ciascuna trasformazione.

74
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

Risultati

grandezza Trattamento estivo u.m.


umidità specifica X1 2.9 g/kgaria secca
umidità specifica X2 2.9 g/kgaria secca
umidità specifica X3 9.6 g/kgaria secca
entalpia h1 17.35 kJ/kg
entalpia h2 28.47 kJ/kg
entalpia h3 45.45 kJ/kg
entalpia h4 2547 kJ/kg
portata di aria secca ga 0.15 kg/s
calore necessario per il riscaldamento qrisc 11.12 kJ/kg
calore necessario per la deumidificazione qumid 16.98 kJ/kg

Trattamenti dell’aria – esercizio 5

Si consideri un condizionatore a tutt'aria, impiegato per raffrescare un generico ambiente che permette di compensare
un carico termico estivo di 157 kW. L'aria viene prelevata dall'esterno alle condizioni di temperatura T1=34°C, umidità
relativa Φ1=50% e pressione p=1.01325 bar. La portata d'aria viene prima raffreddata fino alla temperatura T3 e
successivamente riscaldata ad umidità specifica costante fino a T4. L'impianto è progettato per mantenere all'interno
dell'ambiente una temperatura di 26°C e una umidità relativa del 50%; nell'ipotesi che la massa d'acqua che condensa
sia pari a 0.029 kg/s, si richiede la pressione di saturazione relativa alle condizioni interne di progetto, l'umidità
specifica relativa alla sezione in ingresso del condizionatore, la massa d'aria secca, l'entalpia specifica alla fine del
raffreddamento nella batteria fredda, la temperatura in uscita dalla batteria fredda, la potenza termica della batteria
fredda e calda e di rappresentare i punti 1-3-4 nel diagramma psicrometrico. Le caratteristiche dell’aria e del vapore
sono riportate in tabella 1, mentre per le caratteristiche dell'aria umida si faccia riferimento alla tabella 8.

Risultati

grandezza Trattamento estivo u.m.


Pressione saturazione PwsI 3.4828 kPa
umidità specifica XE 17.352 g/kgaria secca
portata di aria secca ga 4.4787 kg/s
entalpia h3 42.68 kJ/kg
Temperatura T3 15.11 °C
Potenza batteria fredda Qfredda 157 kW
Potenza batteria calda Qcalda 50 kW

75
Unità di Trattamento dell'Aria - Diagramma Psicrometrico

76