Sei sulla pagina 1di 16

RIVISTA TRIMESTRALE DI DIRITTO E PROCEDURA CIVILE

ISSN 0391-1896
Anno LXXIII Fasc. 3 - 2019

Paolo Grossi

PLURALITÀ DELLE FONTI DEL


DIRITTO E ATTUAZIONE DELLA
COSTITUZIONE

Estratto
D O T T R I N A

PAOLO GROSSI
Presidente emerito della Corte costituzionale

Pluralità delle fonti del diritto e attuazione


della Costituzione (*)

SOMMARIO: 1. Sul difficile rapporto fra i giuristi italiani e la Costituzione repubblicana.


— 2. Repubblica e Stato: una nervatura pluri-ordinamentale della Carta costitu-
zionale. — 3. L’« espresso » e l’‘inespresso’ nella dimensione costituzionale. — 4.
Un mònito: vivere consapevolmente, oggi, la dimensione costituzionale della
Repubblica. — 5. Dalla legge alla interpretazione. Il soccorso epistemologico della
« rivoluzione ermeneutica ». — 6. Su due domande inquietanti: e la « soggezione
del giudice alla legge »? E la cosiddetta divisione dei poteri?

1. — Dopo nove anni di intensa (e per me fruttuosissima)


familiarità con le funzioni del giudice costituzionale, debbo comin-
ciare questa lezione introduttiva con una asserzione liminale, che
non faccio volentieri, ma che è — purtroppo — sostanzialmente
veridica: ancora oggi, anno 2019, dopo ben settantuno anni di vita
della nostra Carta costituzionale circola tra molti giuristi un sicuro
sentimento di rispetto, ma anche di reale disattenzione.
Rispetto e disattenzione sono situazioni psicologiche, che risul-
tano antinomiche se conviventi in uno stesso personaggio, ma che
trovano una loro giustificazione nel falsante modo di approccio che
tuttora si ha da molti verso la nostra « Carta ». La quale è messa
sullo stesso piano — e, quindi, in perfetta continuità — con le
« carte dei diritti » di stampo giusnaturalista, di cui è stato prodigo
in Europa, a fine Settecento, il sessennio rivoluzionario francese.
Dichiarazioni — queste — nobilissime, che individuavano situazioni

(*) Le presenti pagine costituiscono il testo di una lezione tenuta il 2 aprile 2019
nell’Aula Magna della Università di Firenze, nell’àmbito del corso di formazione Il
giudice alla ricerca della norma, organizzato dalla Scuola Superiore della Magistratura
di Scandicci.
— 764 —

soggettive del cittadino inviolabili dai detentori del potere, ma che


non intendevano esorbitare da riconoscimenti di carattere filosofico-
politico (1), da affidarsi a un legislatore positivo per una concreta
tutela giuridica.
Se così è, si capisce il rispetto e, insieme, la disattenzione. I
giuristi, infatti, hanno altro da pensare che a dei « prologhi in cielo ».
Ma così non è, perché la nostra Costituzione è figlia del suo tempo,
è espressione di un tempo giuridico pos-moderno (2) con caratteri e
peculiarità che la distanziano completamente dal costituzionalismo
settecentesco, sia nordamericano, sia francese (3). I principii che
essa riconosce e serba nel suo seno sono ab origine giuridici,
intrinsecamente giuridici (4), tanto da immedesimare in sé il livello
più profondo della giuridicità della Repubblica.
Ma v’è un atteggiamento, che mi sembra culturalmente ancora
più allarmante, ed è di quel civilista che nella presenza giuridica
forte della nostra Costituzione ravvisa senza mezzi termini L’eclissi
del diritto civile (5), titolo di un volume che non è pubblicato negli
anni Cinquanta del secolo scorso, ma nell’anno di grazia 2015.
L’argomentazione è, almeno per me, sconcertante, ma franchissima.
Si verificherebbe, infatti, « una mutazione genetica della giurisdi-
zione » consistente nel suo rapporto diretto con la Costituzione e
non più soltanto con la legge positiva, snaturàndosi totalmente e
snaturando l’armonico sistema, chiaro e certo, del legalismo stata-
listico moderno (6). Mutazione genetica! Ma bastava dare appena

(1) « Nuvole di trascendentali dichiarazioni di diritti » le chiama beffardamente,


a fine Ottocento, il rifondatore di una moderna scienza gius-pubblicistica in Italia
Vittorio Emanuele Orlando (cfr. GROSSI, Scienza giuridica italiana - Un profilo storico
1860/1950, Milano, 2000, p. 35).
(2) Rinvio alle precisazioni, che ho offerto in due saggi di qualche anno addietro:
sulla qualificazione del nostro tempo giuridico come « pos-moderno » (Novecento
giuridico: un secolo pos-moderno (2010), ora in Introduzione al Novecento giuridico,
Roma/Bari, 2012) e sulla pos-modernità della Costituzione del 1948 (La Costituzione
italiana quale espressione di un tempo giuridico pos-moderno (2013), ora in L’inven-
zione del diritto, Roma/Bari, 2017).
(3) Ho insistito, da ultimo, su questa insanabile distanza in: Costituzionalismi-
Tra « moderno » e « pos-moderno », Napoli, 2019.
(4) Ovviamente, si presuppone la non identificazione del « giuridico » nel « le-
gale », come si insegna tuttora da parte di parecchi pervicaci adepti del legalismo
statalistico.
(5) CASTRONOVO, L’eclissi del diritto civile, Milano, 2015.
(6) Ivi, p. 29.
— 765 —

uno sguardo al ruolo che giuristi teorici e pratici hanno avuto


nell’esperienza giuridica romana, nel diritto comune medievale e nel
common law di sempre per arrivare a una conclusione esattamente
opposta, e cioè che essi hanno oggi semplicemente ritrovato e
recuperato la loro autentica funzione di interpreti e non di semplici
esegeti, alterata pesantemente e snaturata (questo sì) dalle strategie
della civiltà giuridica borghese definitivamente consolidàtasi grazie
alle rivoluzione francese (7).
Come or ora si diceva, si tratta di principii, apparentemente più
elastici dei comandi, ma intrinsecamente e originariamente giuridici
e pertanto direttamente applicabili dal giudice. Ho, in proposito, un
vivo ricordo dalla mia esperienza in Corte. Si trattò, nel 2013/14, di
questioni concernenti una caparra confirmatoria tanto eccessiva da
apparire enormemente iniqua e perciò lesiva del principio di solida-
rietà previsto nell’art. 2 della Carta. Il relatore, il giudice Mario
Morelli, un severo magistrato proveniente dalla Corte di cassazione,
non ebbe esitazioni nel proporre al Collegio la « rilevabilità ex officio
della nullità...per contrasto con il precetto dell’art. 2 » e su questa
certezza tecnica costruì le due ordinanze di inammissibilità (8). È
inutile che aggiunga la mia piena adesione in seno al Collegio per la
proposta del Relatore.

2. — Principii giuridici, dunque, a cominciare dal principio di


solidarietà che innerva tutta la Repubblica e non solo lo Stato.
Repubblica-Stato. Ecco una dialettica, che percorre tutta la
Costituzione e che dovrebbe riscuotere maggiormente l’attenzione
dei giuristi: due termini differenti, che segnalano contenuti profon-
damente differenti; che segnalano conseguentemente un pluralismo
giuridico di grosso rilievo. Cerco di spiegarmi meglio.
Lo Stato, persona giuridica per eccellenza, è una organizzazione
di poteri che, grazie alla forza legittima nelle sue mani, riesce a
mantenere quella sicurezza di cui i cittadini hanno bisogno per
esercitare i loro diritti e per svolgere la loro azione sul piano
personale e sociale. È per questo che non si può non riconoscere ad

(7) Sono, all’incirca, le stesse affermazioni fatte da me un anno e mezzo fa:


GROSSI, Sull’esperienza giuridica pos-moderna (riflessioni sull’odierno ruolo del notaio),
in Quaderni fiorentini, 47 (2018), p. 335.
(8) Cfr. ordinanze n. 248 del 2013 e n. 77 del 2014.
— 766 —

esso una primazìa all’interno della Repubblica; perché è, senza


dubbio, l’ordinamento necessario per garantire una pacifica convi-
venza, ed è senza dubbio il prevalente, il più massiccio, il più vistoso
con le sue innumerevoli manifestazioni.
Ma c’è — per così dire: al di sopra — una realtà autenticamente
pluralistica, ed è la Repubblica, da intendersi come la proiezione
socio-politico-giuridica di una comunità che esprime in essa la
propria complessità sociale e, di conseguenza, anche la propria
complessità giuridica. Infatti, se c’è una finalità che soprattutto i
giuristi di matrice cristiana ebbero ben fissa davanti a loro durante
i fertili lavori costituenti, è — per l’appunto — il progetto di bandire
il riduzionismo, cui l’età borghese aveva con decisa strategia sotto-
posto sia la società sia il diritto, e di attuare il pieno recupero della
ricca complessità propria sia all’una che all’altro. La linea era,
soprattutto, quella dell’istituzionalismo francese e italiano (Renard,
Santi Romano) con le sue affrancatorie prospettazioni pluri-ordina-
mentali.
È una pluralità di ordinamenti che la Repubblica nutre nel suo
seno pur nella primazìa dello Stato. Una spia ce la offre chiara-
mente, d’altra parte, la stessa Carta, quando, nell’art. 7, riconosce
che « lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine,
indipendenti e sovrani ». Ma ci sono emersioni significative in
questo nostro tempo di riscoperte pluralistiche. Ne segno qui una
che mi sembra esemplare: la l. n. 168 del 20 novembre 2017,
concernente una materia appartata dell’ordine giuridico, gli assetti
fondiarii collettivi, comunità proprietarie di grandi appezzamenti di
terra, per lo più boschivi e pascolivi, risalenti ad epoche pre-
moderne e contrassegnate da costumanze sociali economiche giuri-
diche assolutamente peculiari e sedimentate nel corso di un divenire
ab immemorabili. Durante la modernità, risultando questi assetti
fondiarii in contrasto con il modello monistico della proprietà/
privata/individuale, fulcro fondante di una civiltà borghese, furono
oggetto di una totale incomprensione, che degenerò in odiose per-
secuzioni e, addirittura, nella volontà politica di cancellarli mediante
iniqui procedimenti liquidatorii. La legge sopra citata testimonia
una visione nuova del legislatore italiano e si potrebbe dire una
conversione in senso pluralistico voluta e realizzata come « attua-
zione della Costituzione » (art. 1). Significativa ammissione, dalla
quale pianamente discende il riconoscimento di quei dominii collet-
— 767 —

tivi come « ordinamento giuridico primario delle comunità origina-


rie ». La complessità del paesaggio giuridico italiano ha, in questo
rilevantissimo testo legislativo, un sostanzioso recupero.
Ci preme, però, una netta conclusione, e ciò al fine di evitare
possibili fraintendimenti: resta cospicuo il ruolo dello Stato come
principale produttore di diritto, ed è indiscutibile il ruolo della legge
per aree dell’esperienza strettamente collegate alla sicurezza della
intiera comunità (l’esempio primario è la zona del penale, dove
soltanto la legge può assicurare una certezza qui particolarmente
necessaria; con l’aggiunta, tuttavia, che, oggi, questa pretesa « ve-
rità » è oggetto di problematizzazione da parte di una pensosa
dottrina italiana: Palazzo, Fiandaca, Donini). Dunque, certamente
ruolo cospicuo, ma altrettanto certamente ruolo non esclusivo. Con
la rivoluzione culturale realizzata per l’universo giuridico dalla
Costituzione repubblicana, deve essere chiara l’idea che lo Stato non
esaurisce (né è in grado di esaurire) la giuridicità. Anzi, il sostenere
pervicace, come se si fosse duecento anni addietro, un legalismo
statalista e, quindi, uno Stato titolare del monopolio della produ-
zione giuridica, non potrebbe che rappresentare una palese viola-
zione del progetto nitidamente segnato dai Padri costituenti già nella
nostra Costituzione formale.

3. — Vorrei continuare in un tentativo di problematizzazione,


che mi sembra culturalmente doverosa, anche se arriva a incrinare
(ma è proprio questo il risultato da raggiungere) certezze stazionanti
tralatiziamente come verità (che tali non erano, ma in cui sono
ancora molti a credere). E posso farlo in grazia, anche e soprattutto
(come ho accennato), della novennale esperienza di giudice costitu-
zionale, che ha corroborato una mia vecchia convinzione avviata fin
dall’attenzione giovanile ai preziosi lavori preparatorii della Assem-
blea costituente: la Carta del ’48 non esaurisce la dimensione
costituzionale della Repubblica. Constatazione che a taluno potrà
sembrare pleonastica, ma su cui conviene insistere a causa della
possessione formalistica incombente su troppi costituzionalisti.
La Carta esprime un sistema di principii (appunto: espressi), che
i Patres ritennero urgente fissare in centotrentanove articoli, sì da
dare alla nascente creatura politico-giuridica una base stabile su cui
fondare il futuro sviluppo di vita democratica. Per usare anche qui
— 768 —

un’immagine naturalistica da me già più volte adoperata, i principii


espressi sono la parte — emergente alla superficie — di un conti-
nente sommerso, invisibile perché latente, ma presente e vitale; è lo
spazio secreto dei principii inespressi, formanti un sostrato valoriale
che funge da nascosto ordo ordinans, come ha da tempo insegnato
un acuto costituzionalista nostro, Franco Modugno (9), oggi sedente
nel Collegio dei giudici della Consulta. Un sostrato valoriale che, in
quanto complesso di valori, non è sottoposto alle variazioni dell’ef-
fimero, ma che certamente non è immobile; è e sarà percorso dal
moto lentissimo che è proprio del mondo dei valori, ma vive nel
tempo seguendo la vita del popolo italiano, in perfetta coerenza con
lo scorrere continuo di quella.
Il cómpito di registrare questo singolare movimento/mutamento
appartiene tipicamente alla Corte costituzionale, che lo ha sempre
svolto insieme al ruolo primario che le assegna la Carta con la
espunzione dall’ordinamento positivo di leggi statali e regionali
giudicate incostituzionali. Quando, nel 2016, festeggiammo i primi
sessanta anni di operosità della Corte, e il Collegio giudiziale accolse
la mia proposta di organizzare un convegno scientifico per verificare
quanto essa aveva fatto, o non fatto, o fatto male in questo ampio
lasso di tempo, i valenti studiosi, cultori delle più disparate disci-
pline giuridiche, che furono chiamati come relatori, non poterono
che mettere in luce quello che io già cominciavo a qualificare come
il ruolo inventivo della stessa Corte: inventivo, ossia un cercare per
trovare (secondo l’ètimo latino), una continua lettura nel sostrato
valoriale per reperire e registrare modificazioni, con il risultato
davvero rilevantissimo di un accrescimento del nòvero dei diritti
fondamentali del cittadino (10). E fu allora che mi venne alla bocca
l’immagine — che molti hanno ritenuto azzeccata — di una Corte
quale « organo respiratorio dell’ordine giuridico della Repub-
blica » (11).
Tutto questo portava ad una conclusione, che prendeva anche la

(9) MODUGNO, Il concetto di Costituzione, in Aspetti e tendenze del diritto costi-


tuzionale. Scritti in onore di Costantino Mortati, I, Milano, 1977, p. 200 ss.
(10) Si v., accanto ad altri saggi dedicati al tema: GROSSI, L’invenzione dell’ordine
costituzionale: a proposito del ruolo della Corte, in L’invenzione del diritto, cit.
(11) ID., La Corte costituzionale. Una valvola respiratoria per l’ordinamento
giuridico italiano (« Conferenza istituzionale » tenuta davanti alle Classi riunite della
Accademia nazionale dei Lincei il 10 febbraio 2017).
— 769 —

consistenza di un vero salvataggio per il diritto e i giuristi in Italia:


si presentava come assurda, anzi come irrimediabilmente dannosa,
l’insistenza di molti, di troppi, nel tentativo di far sopravvivere lo
Stato ottocentesco di diritto di marca liberal-borghese; quella insi-
stenza si identificava nella inutile imbalsamazione di un cadavere.
Mi soccorre qui un nitido ricordo, risalente a circa venti anni
addietro, della mia lettura pienamente adesiva di un libro scritto da
due valenti magistrati, Paolo Borgna e Margherita Cassano (que-
st’ultima, oggi, primo presidente della Corte d’appello di Firenze). Il
libro aveva un titolo efficacemente eloquente Il giudice e il prin-
cipe (12) e lo recensii sùbito sui Quaderni fiorentini, che allora io
dirigevo. Il capitolo centrale aveva per titolo un interrogativo strin-
gente: « Il giudice, ancora bocca della legge? »; sì, stringente perché
imponeva la messa in discussione di una locuzione settecentesca
biascicata passivamente da ogni giurista della modernità borghese
quasi che fosse una verità rivelata. La risposta, che dèttero allora
Borgna e Cassano e che volentieri riprendo io in questo pomeriggio
dell’aprile 2019, si limitava a esprimere la seguente convinzione, che
« la teoria dei rivoluzionari francesi... sia ormai del tutto inadeguata
per fondare la legittimazione dei nostri giudici » a causa della
« impossibilità della norma scritta a far fronte, a regolare e risolvere
tutti i più disparati casi del vivere civile » (13).
Convinzione coraggiosa venti anni fa in bocca a due personaggi,
che non erano dei fantasiosi dottrinarii, ma due magistrati. Convin-
zione che è mia oggi, quando contemplo la profonda crisi in atto nel
sistema delle fonti ancora immobilizzato dogmaticamente nelle con-
clusioni assolutistiche dei giacobini. Credo di non avere avuto torto
quando — trenta anni fa — coniai una formula elementare (e,
proprio perché elementare, anche fortunata): « assolutismo giuri-
dico » (14), per contrassegnare l’essenza di una civiltà — quella
borghese germinata dal ventre della Rivoluzione — affermante uno
sfrenato liberalismo economico e, al tempo stesso, una concezione

(12) Donzelli, Roma, 1997.


(13) Si v. il capitolo terzo della prima parte.
(14) Fu nel 1988, in prossimità dei grandi festeggiamenti per il bicentenario
dell’avvìo rivoluzionario, che io volli far sentire la mia voce; ciò non per un atto di
protagonismo, ma soltanto perché, in mezzo a plausi assolutamente unanimi, ci fosse
anche un segno di dissonanza vòlto a puntualizzare che, sul piano del diritto, non erano
mancate ridondanze anche negative.
— 770 —

assolutistica del diritto, affidato al monopolio del potere politico e


conseguentemente marcato da un carattere autoritario. Il diritto —
soprattutto quello civile, che tratta di nozioni squisitamente costi-
tuzionali per il ceto borghese (come proprietà privata, contratto,
successioni) — doveva essere rigorosamente controllato dall’alto.
Del resto, lo stesso tanto conclamato Stato di diritto si risolveva in
uno Stato che — graziosamente — si auto-limitava e quindi si
esprimeva in un autoritarismo moderato ma sempre autoritarismo.

4. — Ecco il mònito che, secondo me, deve derivare da queste


considerazioni: dobbiamo abituarci a vivere la dimensione costitu-
zionale della Repubblica progettata dalla lungimiranza dei Padri
costituenti più di settanta anni addietro, giacché quello fu il primo
esperimento in Italia di un organismo politico autenticamente de-
mocratico, considerando non solo nel passato prossimo la dittatura
fascista, ma altresì in un passato più remoto lo Stato borghese di
conio settecentesco, astrattamente ma non concretamente democra-
tico. L’aggettivo « democratico » — di per sé ambiguo e suscettibile
di una multiforme utilizzazione — non è qui una qualificazione
vaniloquente, perché — alfine! — si configurava una realtà riflet-
tente senza riduzionismi artificiosi tutta la complessità dell’assetto
sociale, senza emarginazioni ed esclusioni.
Se si fa nostro il mònito sopra segnato, due sono le inevitabili
conseguenze. È inammissibile una gerarchia delle fonti del diritto,
almeno nella rigidità con cui abbiamo ritenuto di doverla attuare
fino a ieri. Ma è pure inammissibile una interpretazione confinata e
ridotta nell’angusto recinto dei « principii generali dell’ordinamento
giuridico dello Stato », come recita l’art. 12 delle preleggi, ultima
reliquia fascista entro il codice del 1942. Queste preleggi le abbiamo
sostanziosamente e validamente modificate per quanto attiene ai
principii disciplinanti il diritto internazionale privato, ma nessun
giurista si è mai sentito a disagio con la dizione di quell’art. 12, che
pur lo inchiodava in un coartante letto di Procuste. Ohimè! Il vestito
stretto dell’esegesi passiva si addiceva ad una coscienza non più
vigile perché plagiata dalla sottile propaganda (di più: dalla ferrea
mitologia) martellante dai tempi dell’illuminismo e, poi, del giaco-
binismo settecenteschi.
Occorre ripensare in chiave costituzionale il sistema delle fonti
— 771 —

e ridare alla interpretazione (dottrinale, notarile, forense, ma soprat-


tutto giudiziale) quel ruolo inventivo (sappiamo in qual senso) che
la pone al cuore dello sviluppo dell’ordine giuridico. Forse, abbiamo
bisogno che lo studio storico del diritto, per rafforzare un pronto
risveglio, dia una mano riproponendo come vero modello di rinno-
vamento culturale la personalità di un insigne giurista, Santi Ro-
mano. Personalità dai molti meriti, ma che, nella sua attività giova-
nile di studioso e docente di diritto costituzionale (15), ci offre due
atteggiamenti davvero affrancatorii: insofferente alle filosofie di
marchio giusnaturalistico, analizza criticamente le moderne « di-
chiarazioni dei diritti », sottolineando il loro vizio comune, una
astrattezza che le riduceva a — come lui li chiama — dei « decalo-
ghi », dei « catechismi »; insofferente a uno sguardo limitato entro i
chiusi confini del proprio studiolo e relegato a meditare soltanto
pagine di libri e codici, apre volentieri le finestre della propria stanza
per guardare fuori dove vive (e diviene, e si trasforma) una com-
plessa realtà sociale e dove si forgiano nell’esperienza quotidiana, in
singolare congiunzione, le pietre tombali per un passato inaridito e
le prime pietre per l’edificazione del futuro.
Questo fa Romano nel 1909, quando a lui, costituzionalista
nella Facoltà pisana di giurisprudenza, viene affidato il cómpito
onorevole di tenere il discorso inaugurale dell’anno accademico. E lo
fa scegliendo un tema/problema assolutamente insolito per un giu-
rista perché non al riparo delle sue esoteriche tecniche, anzi decisa-
mente a-tecnico e ribollente invece di « inquinamenti » socio-poli-
tici: « Lo Stato moderno e la sua crisi » (16). Dove quel che più ci
interessa è l’orizzonte dello studioso prevalentemente attratto dai
pesanti rivolgimenti sociali, dalle coagulazioni in cui il magma
sociale tendeva allora ad articolarsi e ad organizzarsi e dove —
complicàndosi — si attenuava la semplicità artificiosa del paesaggio
politico e giuridico voluto dagli illuministi per esorcizzare eventuali

(15) Ho recentemente analizzato questa prima fase dell’itinerario romaniano in: Il


giovane Santi Romano: un itinerario verso « L’ordinamento giuridico », in Riv. internaz.
fil. dir., serie V-ottobre/dicembre 2017.
(16) Mi permetto di rinviare a: GROSSI, ‘Lo Stato moderno e la sua crisi’ (a cento
anni dalla prolusione pisana di Santi Romano) (Lezione inaugurale ai corsi dell’anno
accademico 2010/11 nella Facoltà di giurisprudenza dell’Università di Pisa tenuta l’11
ottobre 2010), ora in Introduzione al Novecento giuridico, cit.
— 772 —

alzate di testa del popolo minuto, del quarto stato fino ad allora
silente e obbediente.
Grazie a Santi Romano, osservatore attentissimo verso i som-
movimenti nella società, si ha la prima diagnosi della crisi in atto che
indebolisce il vecchio Stato, ne incrina i basamenti e lo condanna a
una fine lenta. Il giurista, grazie alla propria attenzione verso il
fermento nelle strade e nelle piazze, si era preparato i presupposti
per la redazione di quel manifesto di un diritto ormai pos-moderno,
sempre più lontano dalle mitologie settecentesche, che prenderà la
forma dell’esiguo libretto del 1918, L’ordinamento giuridico, esiguo
per quantità di pagine ma formidabile risposta teorica, cioè di teoria
generale del diritto, che, raccogliendo le intuizioni di nove anni
prima, disegna nuove categorie ordinanti dell’universo giuridico. In
quell’anno, 1918, ultimo della immane guerra mondiale e forse fra
gli ultimi di una modernità giuridica che stenta ad imporsi, si fa
strada — nella sistemazione pluri-ordinamentale romaniana — un
diritto più sociale, teso a esprimere nella sua interezza tutta la
complessità dell’universo sociale (17).
Dal grande giuspubblicista siciliano dobbiamo riprendere e far
nostro il suo spirito di osservazione, il suo aprire le finestre dello
studiolo per liberarlo del fetore di stantìo e per non privarsi di un
orizzonte meno limitato. Constateremo anche noi, come lui nel
1909, il mutamento in atto nella dinamica del diritto, lo spostarsi
dell’asse dell’ordine giuridico generale dal legislatore (inteso quasi
Zeus sull’Olimpo) alla interpretazione, soprattutto dei giudici per-
ché è proprio il giudice ad essere collocato sulla trincea dell’espe-
rienza davanti alle parti, che esigono da lui giustizia. Con un’ag-
giunta, che ritengo storicamente doverosa: oggi, fra gli interpreti più
direttamente impegnati, non mi sentirei di escludere il notaio. Oggi,
infatti, lo studio notarile appare spesso come un’officina laboriosa,
dove un notaio inventore dà, in anticipo sul legislatore e sullo
scienziato, un primo disegno di istituti, ignoti ai diritti ufficiali, ma
necessarii alle esigenze dell’attuale prassi economica. Né si tratta
solo del solito citatissimo Trust, ma di parecchi istituti nel campo del

(17) Già in una lezione dottorale bolognese del 2005 additai all’attenzione dei
giuristi italiani questo messaggio: GROSSI, Santi Romano: un messaggio da ripensare
nella odierna crisi delle fonti, ora in Nobiltà del diritto - Profili di giuristi, I, Milano,
2008.
— 773 —

diritto di famiglia, dei diritti reali e delle successioni, dove la pratica


notarile ha percepito il nuovo e ha cominciato a costruire. I convegni
organizzati recentemente a Firenze, a Bologna e a Roma dal presi-
dente della Fondazione culturale del notariato italiano, Massimo
Palazzo, lo hanno efficacemente dimostrato (18).

5. — Non abbiamo esimenti per una elusione da un cómpito di


tanto rilievo. Anche perché oggi disponiamo di un soccorso meto-
dologico estremamente raffinato. Mi riferisco a quel rinnovamento
nello studio del fenomeno interpretativo, che siamo soliti chiamare
« rivoluzione ermeneutica ». Ha origini abbastanza remote nello
storicismo diltheyano, ma per noi giuristi un cippo confinario, dal
quale è possibile far cominciare una tangibile influenza sulla nostra
specifica riflessione epistemologica, consiste nell’opera di Hans Ge-
org Gadamer, un filosofo che ha dedicato molta attenzione all’uni-
verso giuridico. La sua sistemazione basilare Wahrheit und Methode
del 1960, tradotta per ben due volte in lingua italiana (19), appar-
tiene al nòvero dei monumenti del sapere filosofico, ma serba in sé
un capitolo centrale che si intitola « Significato esemplare della
ermeneutica giuridica », identificando così nella nostra peculiare
esperienza di giuristi una sorta di modello esemplare.
Ed è Gadamer a operare un rivolgimento rinnovatore, del quale
a me preme segnalarvi alcune conclusioni degne di essere meditate:
a) il testo non è una realtà autosufficiente; b) l’interpretazione non
è atto passivo meramente ricognitivo, ma è comprensione e, quindi,
mediazione fra testo, immobile nel suo passato prossimo o remoto,
e la attualità dell’interprete; c) l’interpretazione è una fase interna al
processo di produzione del diritto, che lo compie e lo conclude

(18) Il riferimento è a diversi appuntamenti di grosso rilievo anche scientifico: il


convegno fiorentino dell’8 maggio 2015 su Il contributo della prassi notarile alla
evoluzione della disciplina delle situazioni reali (ora in Quaderni della Fondazione
italiana del notariato, 2015, p. 1; il convegno bolognese sui contratti di convivenza, del
26 novembre 2016 e quello romano sui contratti di affidamento fiduciario, del 3 marzo
2017, i cui atti sono leggibili ora in Contratti di convivenza e contratti di affidamento
fiduciario quali espressioni di un diritto civile pos-moderno, in Quaderni della Fonda-
zione italiana del notariato, 2017, p. 1; il convegno romano del 9 novembre 2017 su
Crisi della legge e produzione privata del diritto, ora in Biblioteca della Fondazione
italiana del notariato 2018, p. 2.
(19) Si legga, soprattutto, l’eccellente traduzione di VATTIMO: Verità e metodo,
Milano, 2000.
— 774 —

rendèndolo vivo con la immersione nel concreto della vita quoti-


diana; d) il naturale protagonismo dell’interprete.
Rispetto ai risultati espressi puntualmente da questa nuova
bussola orientatrice fornita al giurista dal filosofo (che non di-
sprezza, ma, anzi, studia la iurisprudentia), appare chiara l’indole
meramente ideologica della riduzione dell’interprete a passivo ese-
geta effettuata dalla serrata legolatrica di fine Settecento, con la
completa smentita delle scelte dell’antico diritto romano, dello ius
commune medievale e del common law. In tutta evidenza era un
espediente strategico della modernità borghese, qualcosa di non
discaro alla grande maggioranza dei giuristi. Ormai, era penetrata in
essi la credenza profonda delle qualità taumaturgiche della legge,
capace cioè — come conclamavano le « carte dei diritti » della
rivoluzione francese — di disporre solo ciò che è buono e di vietare
solo ciò che è cattivo (20), pseudo-verità smentita da tante leggi
inique, a cominciare da quelle vergognose e odiose leggi del 1938
sulle discriminazioni razziali. Accanto a questo atteggiamento se ne
giustapponeva un altro nella stessa direzione di una prona acquie-
scenza: la proverbiale pigrizia culturale del giurista, contentissimo
della minestra di lenticchie che il legalismo si degnava di conceder-
gli, e cioè di quel procedimento sillogistico — su cui aveva tanto
insistito illuministicamente Cesare Beccaria a metà Settecento (21)
— che faceva di lui una specie di automa con una volontà compressa
nelle trame di una logica meramente deduttiva.
In quell’inchiodamento « moderno », il giudice doveva limitarsi
a adattare il fatto alla norma. Oggi, con un’operazione squisitamente
valutativa, egli deve comprendere il caso da risolvere e adattare la
norma al fatto di vita individuàndone la più adeguata disciplina.
Oggi, la sua ricerca si concretizza in una invenzione, in cui non è in
gioco la sua lucidità deduttiva, ma piuttosto le sue qualità di

(20) Un esempio fra i tanti che si potrebbero addurre: « la loi ne peut ordonner
que ce qui est juste et utile à la societé; elle ne peut défendre que ce qui est nuisible ».
Così si esprime ottimisticamente e con indiscutibile certezza l’Acte constitutionnel del
24 giugno 1793, art. 4.
(21) Nel suo gran libro Dei delitti e delle pene (1764) il capitolo quarto è dedicato
alla « Interpretazione delle leggi », dove appare chiaro il progetto beccariano in tema di
fonti del diritto e la riduzione dell’opera del giudice a un algido argomentare rigorosa-
mente deduttivo.
— 775 —

intuizione e comprensione, tutte contrassegnate sul piano assiolo-


gico.
Esprime bene il rinnovato ruolo dell’interprete nell’attuale
tempo pos-moderno anche quel canone interpretativo che chia-
miamo comunemente « interpretazione conforme a Costituzione » e
che trova la sua origine in una sentenza della Corte costituzionale
del 1994, dove era relatore un magistrato di grande spessore cultu-
rale, Renato Granata, che sarebbe poi stato un non dimenticabile
presidente. È noto il dibattito che c’è su questo canone, e che è —
talora — assai acceso con sostenitori convinti e con oppositori
altrettanto convinti (22). Io credo che questa apertura sia da vedere
in perfetta coerenza con le esigenze attuali di maggiori responsabi-
lità dell’interprete e, soprattutto, del giudice. Se così è, la si deve
salutare come un passo innanzi nell’itinerario dello sviluppo odierno
del diritto in un Paese (come il nostro) di civil law, un itinerario
segnato, come si diceva più sopra, da uno spostamento durevole
dell’asse portante dell’ordine giuridico dalla legge, dal comando, agli
interpreti; si allarga il novero dei protagonisti del giudizio di costi-
tuzionalità con un più ampio coinvolgimento dei giudici ordinarii
nell’ingranaggio della giustizia costituzionale. E una più forte re-
sponsabilità grava sulle loro spalle, conseguenza della fiducia che
ripone in loro la struttura sociale.
Conclusione da ribadire in fine: sia chiaro che attuare il plura-
lismo giuridico significa vivere più pienamente la Costituzione,
mentre — come si è detto — la si vìola nel suo duraturo messaggio
se si permane su posizioni di rigido statalismo legalistico.

6. — Nella lezione inaugurale ai corsi di formazione della


« Scuola superiore della magistratura », tenuta nella sede di Scan-
dicci il 7 aprile 2017, io ponevo alcune domande che qualificavo
« inquietanti » (23). Ne rinnovo qui due, che mi sembra necessario
chiarire fino in fondo per togliere equivoci e perplessità.
La prima concerne l’art. 101, comma 2°, cost., che recita: « I
giudici sono soggetti soltanto alla legge ». Ripeterei ora quanto ho

(22) Vi faccio ampio cenno in: L’invenzione del diritto: a proposito della funzione
dei giudici, in L’invenzione del diritto, cit., pp. 128-129. Sul tema, cfr. LUCIANI,
Interpretazione conforme a Costituzione, in Enc. dir. Annali, IX, Milano, 2016.
(23) L’invenzione del diritto, cit., p. 125.
— 776 —

detto (e, poi, scritto) allora: « Io lo leggerei così: la soggezione del


giudice soltanto alla legge intende salvaguardare la sua autonomia e
indipendenza, non esprimere una relazione di tipo gerarchico. E
farei una ulteriore considerazione a conferma di una siffatta lettura:
se la formula fosse presa alla lettera, essa non sarebbe compatibile
con il sistema della giustizia costituzionale incidentale » (24).
La seconda concerne il principio della cosiddetta divisione dei
poteri, che a molti può apparire sfigurato dal ruolo attivo della
interpretatio. Il principio, com’è ben noto, trova la sua compiuta
definizione nel clima culturale di metà Settecento, quando il diritto
— in netta opposizione al pluralismo pos-medievale ancora stanca-
mente osservato — veniva a identificarsi nella legge, nel comando
proveniente dal supremo potere politico; legge che, contrassegnata
com’era dai caratteri della generalità astrattezza rigidità, spettava
unicamente al detentore di quel potere supremo, il Principe, l’unico
ritenuto veramente sovrano. Parecchia acqua è passata sotto i ponti
durante un distendersi quasi tri-secolare, ed è soprattutto mutata a
fundamentis, anche nella nostra Italia, Paese di civil law, la visione
del diritto, del suo ruolo nella società e delle relazioni fra la
dimensione politica sociale giuridica.
In tutte le pagine precedenti si è insistito sull’evento « Costitu-
zione repubblicana » e non si è esitato a qualificarlo come una
« rivoluzione culturale » per il diritto, con il passaggio — che
quell’evento impone — da una visione/realizzazione monistica a
una che è invece spiccatamente pluralistica. Pluralismo giuridico ha
un solo significato: pluralità di fonti, coinvolgimento plurale nella
invenzione del diritto, che non è più rinserrato nella volontà del
nomoteta, ma scritto nel sostrato valoriale della comunità, dove
sono chiamati a reperirlo decifrarlo registrarlo legislatori, giudici,
dottrinarii, notai, per non arrivare — addirittura — agli uomini di
affari immersi nella prassi economica globale.
Del resto, si inserisce perfettamente in questa nuova realtà
costituzionale il disegno di un supremo giudice, un organo di
giustizia, la Corte costituzionale, chiamata ad « annullare » leggi del
Parlamento ritenute incostituzionali e a inventare diritto leggendo
tra i principii anche inespressi della dimensione costituzionale. Una
istituzione, la Consulta, che, giustamente, sembrò tanto nuova e

(24) Op. loc. ultt. citt.


— 777 —

deviante, addirittura eversiva, ai giuristi costituenti muniti ancora


delle bussole orientative di fattura illuministica; e si capisce che un
personaggio di molti talenti ma anche molto vecchio, Vittorio Ema-
nuele Orlando, protagonista del rinnovamento scientifico di fine
Ottocento in Italia, ma legato alla intelaiatura dogmatica dello Stato
di diritto, abbia fatto di tutto in Assemblea perché non si avesse in
seno all’ordinamento della neo-nata Repubblica uno strano soggetto
« ermafrodito » negante il pilastro essenziale di una rigida divisione
dei poteri (25).
Tuttavia, malgrado Orlando e tutti i laudatores temporis acti, è
questa la nuova realtà avviata nel ’48, è questa che noi abbiamo di
fronte ed alla quale dobbiamo corrispondere senza dedicarci a sterili
mummificazioni di un principio, elevato a dogma durante la moder-
nità con il solo scopo di riservare al potere politico il controllo della
produzione giuridica; ed è una realtà costituzionalmente coerente
perché espressiva (e non violatrice) della complessa dimensione
costituzionale che viviamo.
Unisco un auspicio: che non si parli più, come spesso invece si
fa, di giudici che creano diritto, suscitando sgomento e preoccupa-
zioni. In una visione più consapevole, di cui anche noi giuristi di civil
law siamo portatori, il diritto non lo crea nessun potere, neanche il
legislatore.

(25) A questo atteggiamento di Orlando si fa esplicito cenno in: La Costituzione


italiana quale espressione di un tempo giuridico pos-moderno, cit., p. 55; dove si parla
anche delle incomprensioni di un altro giuspubblicista convinto legalista, Oreste Ranel-
letti.