Sei sulla pagina 1di 22

La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J.

Riba) 1/22

La Decompressione “Ratio Deco”


nelle immersione subacquee con miscele ternarie.
(ATTENZIONE: Questo documento può contenere errori.)

Jaume Riba
jaume.riba@upc.edu

Traduzione: Giuseppe `ferdy` Miceli


ferdy@ferdy.it

Revisione: Sandro Costo


sandro.costo@gmail.com

La versione aggiornata di questo documento si è disponibile all’indirizzo:


http://gps-tcs.upc.us/comm/jriba/personal.html
(ratiodeco_riba_it.pdf)

Luglio 2009

(Versione di riferimento V03-01 del Gennaio 2009)


La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 2/22
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 3/22

Indice dei Contenuti


ACRONIMI ........................................................................................................................................................................... 4
1. INTRODUZIONE. ............................................................................................................................................................... 5
1.1. STORICO DELLE MODIFICHE. ......................................................................................................................................................5
2. MISCELE STANDARD......................................................................................................................................................... 6
2.1. GAS DI FONDO. ......................................................................................................................................................................6
2.1.1. Criteri generali. ...........................................................................................................................................................6
2.1.2. Miscele maggiormente utilizzate. ...............................................................................................................................6
2.1.3. Scelta del gas di fondo. ...............................................................................................................................................7
2.2. GAS DECOMPRESSIVI. ..............................................................................................................................................................7
2.2.1. Criteri generali. ...........................................................................................................................................................7
2.2.2. Miscele standard.........................................................................................................................................................7
2.2.3. Scelta dei gas decompressivi.......................................................................................................................................8
3. RATIO DECO. .................................................................................................................................................................... 9
3.1. INTERVALLO DI APPLICAZIONE. ...................................................................................................................................................9
3.2. RAPPORTO FRA TEMPO D'OSSIGENO E TEMPO DI FONDO. ...............................................................................................................9
3.3. TEMPO DI RISALITA COMPLESSIVO. ...........................................................................................................................................10
3.4. PROFILO DI RISALITA NEI SINGOLI INTERVALLI. .............................................................................................................................10
3.4.1. Forma Lineare (deep stops). .....................................................................................................................................10
3.4.2. Risalita Esponenziale (forzare il gradiente)...............................................................................................................12
3.4.3. Profilo a S (utilizzo della Finestra dell'Ossigeno). ......................................................................................................12
3.5. ESEMPI DI CONFRONTO FRA RATIO DECO E VPM-B. ....................................................................................................................14
4. SCELTA DELLE MISCELE. .................................................................................................................................................. 16
4.1. IMMERSIONI FINO A 30 METRI. ................................................................................................................................................16
4.1.1. Tempo di fondo brevi. ...............................................................................................................................................16
4.1.2. Tempi di fondo lunghi. ..............................................................................................................................................16
4.2. IMMERSIONI DAI 30 FINO AI 51 METRI. .....................................................................................................................................16
4.2.1. Tempo di fondo brevi. ...............................................................................................................................................16
4.2.2. Tempi di fondo lunghi. ..............................................................................................................................................17
4.3. IMMERSIONI NELL'INTERVALLO I 54 E I 72 METRI.........................................................................................................................17
4.3.1. Tempi di fondo brevi. ................................................................................................................................................17
4.3.2. Tempi di fondo lunghi. ..............................................................................................................................................18
4.4. IMMERSIONI NELL'INTERVALLO FRA I 72 E I 90 METRI. ..................................................................................................................19
4.4.1. Tempi di fondo brevi. ................................................................................................................................................19
4.4.2. Tempi di fondo lunghi. ..............................................................................................................................................19
4.5. PROCEDURA IN CASO DI INDISPONIBILITÀ DI UN GAS DECOMPRESSIVO. .............................................................................................20
5. APPENDICI. .................................................................................................................................................................... 21
A. EQUAZIONE GENERALE PER LE MISCELE STANDARD..........................................................................................................................21
B. PREPARAZIONE DELLE MISCELE STANDARD RESA FACILE. ...................................................................................................................21
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 4/22

Acronimi
ATA Unità di Pressione Ambiente
CNS Sistema Nervoso Centrale (Central Nervous System)
END Profondità ad Aria narcotica equivalente (Equivalent Narcotic Depth)
GUE Global Underwater Explorer
ICD Controdiffusione Isobarica (Isobaric Counter Diffusion)
MOD Massima profondità operativa (Maximum Operative Depth)
NDL Limite di non decompressione (No Decompression Limit)
OTU Unità della Tossicità dell'Ossigeno (Oxygen Toxicity Unit)
ppO2 Pressione parziale dell'Ossigeno (Oxygen Partial Pressure)
RD Ratio Deco
RGMB Reduced Gradient Bubble Model
VPM Variable Permeability Model
VPM-B Variable Permeability Model - Boyle
WKPP Woodville Karst Plain Project
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 5/22

1. Introduzione.
Questo documento raccoglie un insieme di idee di rilevanza pratica relative a modo di effettuare la
decompressione in immersioni in circuito aperto usando diverse miscele di gas. Il documento è basato su
molteplici documenti e contributi disponibili su Internet dai quali sono stati estratti i più essenziali e
importanti aspetti per il subacqueo eliminando tutta la parte più strettamente teorica. In particolare, il
documento tratta di Miscele Standard Trimix, “Ratio Deco” con qualche annotazione relativa alla scelta
delle specifiche miscele utilizzate come gas di fondo e gas decompressivi.

Inoltre nel documento vengono fatti alcuni confronti fra i profili ottenuti tramite la “Ratio Deco” e i profili
ottenuti attraverso i programmi software per il calcolo della decompressione. Per questi confronti è stato
scelto l'algoritmo VPM-B semplicemente perché tiene conto dell'effetto della finestra dell'ossigeno in una
maniera tale da generare un profilo che ricordano la curva-S utilizzata anche nella “Ratio Deco”. In ogni
caso, sebbene non specificatamente rimarcato in questo documento, I profili ottenuti con la “Ratio Deco”
sono molto simili a quelli associati a Bulhman (con gradient factors 30/85) così come quelli calcolati con il
ben conosciuto software V-Planner (con fattore di sicurezza pari a +2).

Questo documento è largamente basato su le seguenti fonti:

http://5thd-x.com/index.php?option=com_wrapper&Itemid=64
http://www.gue.com/
http://www.5thd-x.com/
http://www.geocities.com/vpm.open/contact.html
http://www.thedecostop.com/forums/showthread.php?t=3198
http://en.wikipedia.org/wiki/Ratio_decompression

Questa lista non pretende di essere esaustiva e inoltre questo documento contiene ovviamente
informazioni raccolte da altre fonti su Internet, da libri e persone. In ogni caso questo documento è da
considerarsi intenzionalmente incompleto come ogni documento costantemente in fase di revisione.

1.1. Storico delle modifiche.


La versione 03-00 è la prima traduzione dallo spagnolo all'inglese con l'esclusione di una
appendice che riguarda le ragioni che hanno portato a scrivere questo documento.
La versione 03-01 contiene alcune correzioni ortografiche, un warning nell'ultimo esempio della
sezione 3.5 relativamente all'uso della miscela 15/55 (grazie a
http://www.h2o.org.il/Forum/viewtopic.php?t=144) ed il riferimento a Wikipedia.
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 6/22

2. Miscele Standard.
La GUE e il WKPP propongono delle miscele standard sia come gas di fondo che come gas
decompressivi. Nei paragrafi seguenti si esporrà quali esse sono e alcuni dei criteri che hanno portato
alla loro identificazione.

2.1. Gas di Fondo.

2.1.1. Criteri generali.

La scelta della miscela di fondo è basata sui seguenti criteri:

La ppO2 deve essere inferiore a 1.3 ATA alla MOD;


La ppO2 deve inoltre essere mediamente uguale a 1.2ATA alla profondità operativa;
La END deve essere circa 30m. Questo significa che alla MOD il potere narcotico deve essere
quello che si avrebbe respirando aria alla profondità di 30mt e deve essere calcolato assumendo
che l'Ossigeno abbia lo stesso potere narcotico dell'Azoto. È interessante notare che una volta
fissata la END tutte le miscele standard hanno la proprietà di poter essere ottenute miscelando
Elio con EAN32, poiché la MOD dell'EAN32 è esattamente 30mt (assumendo una ppO2 di
1.3ATA).

Per esempio, la miscela standard utilizzabile per un'immersione alla profondità di 52mt è una 21/35
(indicando così una miscela avente il 21% di Ossigeno e il 35% di Elio). La percentuale di Azoto in questa
miscela è del 44% e la percentuale complessiva di Ossigeno ed Elio è di 65%. La massima profondità
associata ad una ppO2 di 1.3ATA è realmente 10 * (1.3/0.21) – 10 = 51.9mt e questa profondità è
equivalente ad una END di (51.9 + 10) * 0.65 – 10 = 30.2mt (circa uguale ad una END di 30mt sopra
menzionata).

Con questo criterio è possibile stabilire una semplice, utile e generale relazione fra le percentuali di
Ossigeno e Elio nella miscela tali che la END alla MOD sia sempre la stessa e cioè END = 30mt. Questa
regola generale è:

He = 100 – 3 * O2

che è sufficientemente facile e semplice da ricordare. Per esempio, se il contenuto dell'Ossigeno è


uguale all'8%, la percentuale dell'Elio sarà (100 – 3 * 8) = 76%. La miscela cercata sarà di conseguenza
una 8/76. Si noti che questa non è una miscela standard, ciò nondimeno ha una END pari a 30mt.
Un'altra possibile miscela sarà la 5/85 e cosi via. Ad esempio una miscela che è standard è la 10/70. Se
restringiamo le miscele utilizzate come gas di fondo a quelle che soddisfano l'equazione descritta sopra, il
processo per la preparazione delle miscele diventa estremamente semplice come vedremo
nell'appendice B.

2.1.2. Miscele maggiormente utilizzate.

L'equazione precedentemente esposta caratterizza approssimativamente tutte le miscele standard


utilizzate come gas di fondo. Le più usate che verificano l'equazione mostrata sopra sono le seguenti:
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 7/22

Profondità alle varie ppO2


Miscela 1.2ATA 1.3ATA 1.4ATA
21/35 47m 52m 57m
18/45 57m 62m 67m
15/55 70m 77m 83m
12/65(*) 90m 98m 106m
10/70 110m 120m 130m
(*) Questa miscela non è sempre considerata standard.

2.1.3. Scelta del gas di fondo.

In conclusione la scelta della miscela da utilizzare come gas di fondo è quindi fatta in funzione della ppO2
media alla profondità media che non dovrà comunque mai essere superiore a 1.2ATA (e comunque mai
superiore a 1.3ATA alla profondità massima) al fine di tenere sotto controllo gli effetti deleteri della
tossicità dell'Ossigeno e allo stesso tempo non dovrà essere troppo bassa al fine di evitare aumenti non
voluti del tempo di decompressione necessario.

2.2. Gas Decompressivi.

2.2.1. Criteri generali.

La scelta dei gas decompressivi è basata sui seguenti criteri:

La ppO2 deve essere 1.6 ATA alla MOD;


La ppO2 media deve inoltre essere uguale a 1.2ATA nel intervallo di utilizzo della miscela (ad
esclusione ovviamente dell'Ossigeno per il quale la ppO2 è costante ed uguale a 1.6ATA).

Il subacqueo passerà all'utilizzo del singolo gas decompressivo al raggiungimento della quota
corrispondente alla MOD del gas, assumendo che non sia particolarmente affaticato. Altrimenti, in
condizioni di stress fisico, il cambio avverrà ad una quota inferiore di qualche metro alla MOD.

2.2.2. Miscele standard.

Miscela Da A
O2 (Ossigeno Puro) 6mt. Superficie
Ean50 21mt 9mt;
Triox(*)35/25 36mt. 24mt.
Trimix 21/35 57mt. 39mt.
(*) Il Triox (chiamato anche Helitrox) non è altro che un Trimix avente una percentuale di Ossigeno superiore al 21% (Trimix
iperossico).

2.2.2.1. Considerazioni relative all'utilizzo dell'Elio nelle miscele decompressive.

Nella definizione dei gas decompressivi standard, la percentuale di Elio è stata sempre considerata
minima, il che significa che miscele come la 50/25 o la 35/30 possono anch'esse essere utilizzate, così
come l'Heliox (cioè una miscela composta solo da Ossigeno ed Elio). L'uso dell'Elio in decompressione
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 8/22

può migliorare (a seconda del tempo e della profondità di fondo) l'efficienza decompressiva e attenuare
sia gli effetti narcotici che la controdiffusione isobarica al momento del cambio di miscela. In generale
questi effetti sono comunque facilmente evitabili facendo in modo che la percentuale dell'Azoto non
aumenti in maniera repentina e brusca al momento del cambio. Da questo punto di vista, alcuni cambi di
miscela non sono consigliabili come passare dal Trimix all'Aria ai 57 metri o anche dal Trimix all'EAN50
quando il Trimix ha un alta percentuale di Elio.

2.2.2.2. Considerazioni relative all'utilizzo dell'Ossigeno puro in decompressione (gas


break).

Relativamente all'Ossigeno, quando la lunghezza della sosta è superiore a 20minuti, delle interruzioni
utilizzando la miscela di fondo sono necessarie (in linea generale utilizzando il gas con minore tenore
d'Ossigeno disponibile). Questi gas-break vengono fatti seguendo la seguente regola: per ogni ciclo di
Ossigeno puro della lunghezza di 16min. si fa un break di 6min. con la miscela di fondo fino a coprire
tutta la lunghezza della sosta, tenendo in considerazione che il gas-break viene conteggiato come se si
stesse respirando Ossigeno. È comunemente accettato che questa tecnica (denominata appunto gas-
break) riduca drasticamente il rischio associato alla tossicità dell'Ossigeno. Inoltre, la respirazione
prolungata di Ossigeno puro a 6mt. provoca vasocostrizione che rende l'eliminazione dell'inerte poco
efficace ed inoltre genera processi infiammatori negli alveoli che riducono l'efficienza polmonare come
filtro. I gas-break sono efficaci nel ridurre entrambi gli effetti e conseguentemente respirare il gas di fondo
risulta in una maggiore efficienza decompressiva di quella che si otterrebbe respirando Ossigeno puro
per tutta la durata della sosta. Per questa ragione, il tempo speso respirando l'altro gas viene conteggiato
come se si stesse respirando Ossigeno per tutto il tempo.

Una volta finita la sosta a 6mt con l'Ossigeno è necessario eseguire una ascesa verso la superficie
estremamente lenta. Da questo punto di vista, è utile ricordare che alcuni subacquei tecnici propongono
di spendere un terzo del tempo totale respirando Ossigeno a soste intermedie fra 4.5mt e 1.5mt
dichiarando un vantaggio nel ridurre il carico di Ossigeno sul CNS oltre che assicurarsi così una risalita
verso la superficie estremamente lenta. Altri subacquei al contrario dichiarano che i gas break sono molto
più efficienti e che è meglio controllare il carico sul CNS riducendo il tenore dell'ossigeno nel gas di fondo
e aumentando la percentuale di Elio.

2.2.3. Scelta dei gas decompressivi.

La scelta delle miscele da usare come gas decompressivi, così come il numero di bombole deco
necessarie (normalmente da uno a tre ed eccezionalmente quattro), dipende dalla efficienza
decompressiva desiderata, dalla scorta di gas di riserva desiderata e anche dalla loro resistenza
idrodinamica. In ogni caso è comunemente accettato che la miscela finale sia sempre l'Ossigeno puro,
sebbene ci siano eccezioni. Questi aspetti verranno comunque meglio spiegati con gli esempi dell'ultimo
capitolo.
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 9/22

3. Ratio Deco.
La Ratio Deco è una semplice procedura per calcolare un profilo decompressivo accettabile utilizzando
miscele standardizzate partendo dalla profondità e dal tempo dell'immersione; è usata per la
pianificazione dell'immersione e per calcolare il profilo decompressivo durante lo svolgimento
dell'immersione stessa (per questo spesso viene anche definita come “deco mnemonica” o
“deco on the fly”), È utile per svolgere immersioni senza l'ausilio di un computer e anche come piano
decompressivo d'emergenza in caso di malfunzionamento del computer durante l'immersione stessa.
Alcuni subacquei utilizzano la Ratio Deco come strumento principale e utilizzano il computer come
strumento d'emergenza. Alla stessa maniera, essa da una indicazione di carattere generale relativamente
al profilo decompressivo più adatto da seguire durante la risalita (un aspetto spesso ignorato dalla
maggior parte dei computer) che sono in linea con i più aggiornati risultati delle ricerche nella teoria della
decompressione (VPM-B e RGBM). Ciò include i modelli che tengono conto di importanti aspetti del
comportamento dei gas nella loro fase gassosa (bolle) oltre a quelli relativi alla fase dissolta,
normalmente l'unica presa in considerazione dagli algoritmi classici (Bulhman con i gradient factors).

Vale la pena ricordare che la Ratio Deco è stata sviluppata partendo da schemi e profili di risalita generati
dagli algoritmi decompressivi utilizzati dalle simulazioni al computer e anche da osservazioni e dalla
comprensione di come i parametri associati a questi schemi vengono modificati al variare dei profili
d'immersione (profondità, tempo di fondo, lunghezza delle soste, etc.). Per comprendere questi schemi
con maggior precisione, è spesso utile (se Il programma lo permette) ridurre al minimo la distanza fra le
singole soste (3 metri o meno) così come anche forzare l'ultima tappa alla quota dei 6 metri (per esempio
per meglio comprendere se questa sosta a 6 metri tiene in considerazione i gas dissolti o i gas liberi cioè
la finestra dell'Ossigeno) e così da essere in grado di comprendere come gestire al meglio il CNS in
acqua, se considerato utile. Da un altro punto di vista, la scelta del modello è a carico del subacqueo che
dovrà basarsi sulla propria esperienza e sensazioni di sicurezza e comfort del modello stesso utilizzato.
Di conseguenza le regole che seguono sono regole di base che lo stesso subacqueo può
progressivamente modificare, adattare e rendere più sofisticate in base alla propria esperienza, necessità
e tipologia d'immersione.

3.1. Intervallo di applicazione.

La Ratio Deco descritta in questo documento è valida per immersione ad una profondità massima di
120metri con miscele standard e con un tempo di decompressione alla sosta dei 6 metri con Ossigeno
non superiore a 70 minuti. Fuori da questi limiti il metodo non è valido.

3.2. Rapporto fra Tempo d'Ossigeno e Tempo di fondo.

Viene definito un rapporto fisso (data una profondità di fondo) fra la lunghezza della sosta di
decompressione con Ossigeno a 6 metri e il tempo di fondo. Il rapporto dipende dalla profondità media
dell'immersione secondo il seguente schema:

Profondità media Durata della sosta a 6 metri con O2


45m 0.5 volte il tempo di fondo
60m 1 volta il tempo di fondo
75m 1.2 volte il tempo di fondo
90m 1.5 volte il tempo di fondo
105m 2.2 volte il tempo di fondo
120m 3 volte il tempo di fondo
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 10/22

La regola precedente può essere interpolata anche per altre profondità medie. Così, ad esempio, per una
profondità media di 55 metri potrà essere corretto prendere un rapporto pari a 2/3 fra la lunghezza della
sosta a 6 metri e il tempo di fondo.

3.3. Tempo di risalita complessivo.

Una volta che s'è stabilita quanto sarà lunga la sosta a 6 metri con la precedente tabella, la Ratio Deco
stabilisce un semplice criterio per determinare il profilo decompressivo che dovrà essere seguito durante
la risalita. A questo fine, diversi intervalli di profondità sono stati stabiliti e il tempo da assegnare ad
ognuno di questi intervalli. Il metodo per definire questi intervalli e il tempo assegnato ad ognuno di essi è
il seguente:

Intervallo Deco Gas Profondità Durata complessiva delle soste nell’intervallo


1 O2 6 metri Durata della sosta a 6 metri
2 EAN50 21 – 9 metri Durata della sosta a 6 metri
3 Triox 32/25 36 - 24 metri Durata della sosta a 6 metri / 2
4 Trimix 21/35 57 – 39 metri Durata della sosta a 6 metri / 4

dove la lunghezza della sosta a 6 metri in Ossigeno puro è calcolata come detto precedentemente. Alle
profondità maggiori una velocità di risalita non superiore a 9 metri/minuto dovrà essere rispettata a partire
dallo stacco dal fondo e questa velocità verrà ridotta al raggiungimento del primo intervallo deco.

3.4. Profilo di risalita nei singoli intervalli.

La modalità per eseguire la risalita all'interno di ciascuno intervallo deco dipende sostanzialmente dalla
ppO2 della miscela respirata e dalla profondità.

3.4.1. Forma Lineare (deep stops).

Per determinare il profilo da seguire all'inizio della risalita è necessario prima definire il concetto di
profondità deco di partenza e massima profondità deco.

Profondità deco di partenza. È la profondità alla quale i compartimenti iniziano a rilasciare l'inerte alla
velocità maggiore. Non ha senso effettuare deep stops a quote maggiori di questa profondità. Ci sono
diversi metodi per determinare questa profondità. I due più comuni sono i seguenti (che all'interno
dell'intervallo di applicazione di questo documento sono praticamente equivalenti):

80% della profondità massima;


20 metri meno della profondità massima (meno 2ATA di pressione ambiente).

Massima profondità deco. È la quota a cui avviene il primo deco stop. A questa quota incomincia ad
essere efficace fermarsi e usualmente questa quota è poco inferiore alla profondità deco di partenza.
Anche per determinare questa profondità esistono diversi metodi. I due più comuni sono i seguenti
(anche questi praticamente equivalenti ai fini dell'intervallo di applicazione di questo documento):

una profondità compresa fra il 75% e il 50% della profondità massima (tipicamente il 65%);
30 metri meno della profondità massima (meno 3ATA di pressione ambiente).
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 11/22

La fase iniziale della decompressione è controllata dai compartimenti veloci ed è fisicamente necessario
dare tempo sufficiente al sangue per trasportare le bolle fino ai polmoni per la loro corretta eliminazione.
Questi stop devono essere brevi per essere efficienti, in modo tale che non risultino in un aumento dei
tempi decompressivi a quote più superficiali. Inoltre, dal momento che la profondità è grande, la crescita
delle bolle è lineare rispetto alla diminuzione della profondità, il che implica che in questa prima fase
decompressiva la forma della risalita sarà appunto lineare.

I primi metri di risalita fino alla profondità deco di partenza può essere fatta alla massima velocità di
risalita (per esempio, 9 metri/minuto). Quando questa quota è stata raggiunta, la velocità di risalita deve
essere ridotto significatamene (per esempio, 3 metri/minuto) fino ad arrivare alla massima profondità
deco, dove ha luogo il primo deco stop. A partire da questo stop, viene fatta una serie di soste ogni 3
metri di durata uguale (risalita lineare).

In base alla percentuale relativa alla massima profondità che è stata utilizzata per individuare la prima
sosta decompressiva, la durata di queste soste differirà, più breve se è stata usata una percentuale del
75% e più lunghe se è stata invece scelta la percentuale del 50%. La durata di questi stop è mostrata
nella tabella seguente:

Tempo di fondo Durata della singola sosta (75% | 50%)


< NDL 0min 1min
30min 1min 3min
60min 2min 5min
90min 3min 7min
120min 4min 9min
150min 5min 10min

Nell'eventualità di tempi di fondo breve (minori di 30 minuti) la durata minima della sosta è di 20 secondi
(equivalente ad una velocità di risalita di 9 metri/minuto) mentre nell'eventualità di tempi di fondo
estremamente lunghi (superiori a 150 minuti) l'immersione potrà essere considerata un'immersione in
saturazione di conseguenza la lunghezza della sosta sarà quella associata ad un tempo di fondo di 150
minuti.

Ad esempio, per un'immersione a 90 metri ha la sosta più profonda a 66 metri (utilizzando il criterio del
75%) e la lunghezza complessiva della decompressione sarà compresa fra i 30 ed i 60 minuti, un profilo
adeguato per la parte iniziale della risalita sarà il seguente:

Profondità Durata della Sosta


90-72 metri (80%) Velocità di risalita massima (9mt/m)
72-66 metri (75%) Velocità di risalita ridotta (3mt/m)
66 metri 1 minuto
63 metri 1 minuto
60 metri 1 minuto
57 metri 1 minuto
54 metri 1 minuto

dove è evidente la forma lineare del profilo. Alcuni subacquei eseguono anche una risalita lineare
eseguendo una risalita lineare ad una velocità estremamente contenuta nel tempo equivalente.

Da ultimo bisogna notare che questi deep stop hanno senso solo ed esclusivamente utilizzando miscele
standard e non sono al contrario efficaci respirando Aria dove l'intervanno utile di decompressione parte
sempre a quote significatamene inferiori di quelle utilizzabile con Elio (tipicamente fra i 18 ed i 15 metri).
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 12/22

3.4.2. Risalita Esponenziale (forzare il gradiente).

Se non c'è cambio di gas e di conseguenza la ppO2 è bassa (soste intermedie) allora è necessaria
compiere una risalita esponenziale durante la quale la durante delle singole soste ogni 3 metri aumenta
progressivamente.

Una semplice maniera per ottenere un profilo esponenziale consiste nel calcolare la durata della sosta
centrale dell'intervallo deco uguale al tempo complessivo dell'intervallo diviso per il numero di soste
contenute nell'intervallo stesso, cioè la durata media. A questo punto, la durata delle soste più profonde
sarà calcolata da questa dividendo per due ogni 3 metri (arrotondando al minuto superiore) e la durata
delle soste meno profonde aggiungendo I tempi che sono stati sottratti dalle soste più profonde.

Vediamo la procedura con un esempio. Prendiamo in considerazione l'intervallo deco compreso fra 36 e
24 metri per il quale abbiamo precedentemente calcola un tempo complessivo di 15 minuti. In questo
intervallo il numero di soste è uguale a (36 – 24) / 3 + 1 = 5, associato alle quote 36m, 33m, 30m, 27m e
24m. La quota media sarà 30 metri. Per questa quota la durata della sosta è calcolata come 15min /
5soste = 3 minuti e le rimanenti durate saranno:

Sosta a 33m = sosta a 30m / 2 = 3 / 2 < 2min (abbiamo sottratto 1 minuto dalla durata media).
Sosta a 36m = sosta a 33m / 2 = 2 / 2 = 1min (abbiamo sottratto 2 minuto dalla durata media).
Sosta a 27m = sosta a 30m + tempo sottratto dalla sosta a 33 metri = 3 + 1 = 4min.
Sosta a 24m = sosta a 30m + tempo sottratto dalla sosta a 36 metri = 3 + 2 = 5min.

Il profilo completo nell'intervallo preso in considerazione sarà quindi il seguente:

Profondità Durata della Sosta


36 metri 1 minuto
33 metri 2 minuti
30 metri 3 minuti
27 metri 4 minuti
14 metri 5 minuti

dove sarà evidente la forma esponenziale del profilo.

In ogni caso l’aspetto fondamentale non è il calcolo esatto, ma seguire approssimativamente uno
specifico profilo esponenziale che diventa essenziale, rispettando il tempo globale di decompressione
assegnato precedentemente all'intervallo stesso. Eseguendo questo profilo esponenziale il subacqueo
sta mettendo in pratica la modalità più efficace in termini di gradiente dei gas disciolti che controllano la
liberazione dell'inerte dai tessuti. Meno siamo in profondità, più questo gradiente esercita una spinta e più
tempo dovremo sostare per permettere sufficiente off-gassing così che lo stesso gradiente non sarà
eccessivamente aumentato. Nei modelli Bulhmaniani basati sui gradient factors, il gradiente inferiore è
quello che forza la forma esponenziale al momento del primo deep stop, mentre il gradiente superiore è
quello che regola la durate delle soste meno profonde.

Quando la ppO2 è bassa, il gradiente del gas dissolto è l'unico meccanismo che controlla la liberazione
dell'inerte. Questo non avviene quando invece la ppO2 è alta, perché in questo caso è conveniente
cambiare la forma del profilo allo scopo di avvantaggiarsi della finestra dell'Ossigeno che meglio controlla
il gradiente della fase gassosa del gas (bolle). Questo profilo verrà spiegato nel paragrafo successivo.

3.4.3. Profilo a S (utilizzo della Finestra dell'Ossigeno).

Durante la risalita, al momento del cambio verso una miscela più ricca, la ppO2 raggiunge 1.6ATA con
gradino ripido, assumendo che questo cambio avvenga alla quota corretta (sebbene sia consigliato
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 13/22

arrivare a questa quota con una condizione di sufficiente rilassamento nei muscoli del corpo). In questo
momento, la decompressione avviene in una modalità estremamente efficiente a causa dell'eccesso della
ppO2 che gioca un ruolo estremamente importante in favore del processo stesso. Questo perché il
meccanismo di liberazione dell'inerte nella sua fase gassosa (micro-bolle già presenti nel subacqueo) è
sostanzialmente differente dal meccanismo relativo alla fase disciolta del gas che come detto
precedentemente prende il sopravvento solo a profondità più superficiali. È quindi maggiormente
conveniente fermarsi durante l'ascesa e mantenere una profondità per un periodo di tempo sufficiente –
durante il quale la pressione esercitata sulle bolle (ancora piccole) le mantiene di dimensioni limitate –
invece di continuare a salire permettendo alle bolle di aumentare di dimensione e quindi rendere più
difficile la loro eliminazione.

La conseguenza pratica per il subacqueo è che, quando la finestra dell'Ossigeno è aperta (ppO2
elevata), egli dovrà stare a questa quota più a lungo di quanto sarebbe richiesto se egli stesse risalendo
senza cambio di miscela. Di conseguenza la durate delle soste immediatamente successive al cambio di
gas (ad esempio quando si passa da EAN50 a 21 metri o al Triox 35/25 a 36 metri) dovranno avere una
durata estesa e progressivamente continuare con la risalita. Quando la ppO2 diminuisce con il progredire
della risalita, nuovamente sarà il meccanismo legato alla liberazione della fase disciolta del gas a
prendere il sopravvento e di conseguenza sarà nuovamente necessaria una forma di risalita
esponenziale.

In pratica, complessivamente, la forma della risalita all'interno di un intervallo iniziato con un cambio di
gas (ppO2 = 1.6ATA) dovrà ricordare una 'S' (invece che essere esponenziale), che si traduce nel
sostare più a lungo alle quote più profonde, meno in quelle intermedie e nuovamente più a lungo alle
quote superficiali.

Una semplice modalità per ottenere un siffatto profilo consiste nel calcolare la durata della sosta alla
minima profondità relativa all'intervallo preso in considerazione dividendo il tempo complessivo
dell'intervallo per il numero di soste, ottenendo così la durata media. A questo punto le soste
immediatamente più profonde saranno calcolate dividendo per due la durata della sosta precedente
(approssimando al minuto superiore) fino ad arrivare alla metà dell'intervallo. Quindi calcolando la durate
delle soste più profonde aggiungendo alla durata media i tempi che sono stati sottratti dalle soste
intermedie.

Vediamo il tutto con un esempio. Supponiamo che di essere nell'intervallo che va dai 36 ai 24 metri, per il
quale abbiamo precedentemente calcolato un tempo globale per l'intervallo stesso pari a 15 minuti, e che
al momento dell'arrivo alla profondità dei 36 metri incominciamo a respirare una miscela decompressiva
(come – per esempio – un Triox 35/25). In questo intervallo il numero di soste è (36 – 24) / 3 + 1 = 5, alle
profondità rispettivamente di 36m, 33m, 30m, 27m e 24m. La profondità media sarà 30m. Per la
profondità minima di 24metri, la durata della sosta sarà calcola come 15 minuti / 5 soste = 3 minuti e le
successive soste avranno le seguenti durate:

Sosta a 27m = sosta a 24m / 2 = 3 / 2 < 2min (abbiamo sottratto 1 minuto dalla durata media).
Sosta a 30m = sosta a 27m / 2 = 2 / 2 = 1min (abbiamo sottratto 2 minuto dalla durata media).
Sosta a 33m = sosta a 24m + tempo sottratto dalla sosta a 27 metri = 3 + 1 = 4min.
Sosta a 36m = sosta a 24m + tempo sottratto dalla sosta a 30 metri = 3 + 2 = 5min.

Il profilo completo nell'intervallo preso in considerazione sarà quindi il seguente:

Profondità Durata della Sosta


36 metri 5 minuti
33 metri 4 minuti
30 metri 1 minuto
27 metri 2 minuti
14 metri 3 minuti

dove è evidente la forma esponenziale del profilo.


La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 14/22

In realtà non è consigliabile superare un rapporto di 1:4 fra la maggiore e la minore durata, quindi un
profilo più corretto sarà il seguente:

Profondità Durata della Sosta


36 metri 4 minuti
33 metri 4 minuti
30 metri 2 minuti
27 metri 2 minuti
14 metri 3 minuti

Da ultimo, durante la realizzazione di una risalita-S respirando EAN50, è comunemente accettato che se
per qualche eventualità la durata delle soste iniziali viene prolungata più di quanto previsto durante lo
svolgimento dell'immersione, questo aumento della durata dovrà essere aggiunto anche alle ultime soste,
come in uno specchio.

3.5. Esempi di confronto fra Ratio Deco e VPM-B.

Prendiamo tre esempi a profondità rispettivamente di 45metri, 66metri e 99metri. In ogni esempio verrà
mostrato il profilo decompressivo ottenuto con la Radio Deco e quello risultante da una simulazione con
l'algoritmo VPM-B con fattore conservativo pari a 1 (dove 0 è meno conservativo e 6 il più conservativo).
1) Immaginiamo un'immersione a 45 metri con un tempo di fondo di 40 minuti. Il profilo decompressivo con la Ratio
Deco parte a 33mt (75% di 45 metri). Il tempo d'Ossigeno è 20 minuti (la metà del tempo di fondo) e il tempo per l'intervallo in
EAN50 sarà anch'esso 20 minuti. Dividendo questi 20 minuti in 5 soste rispettivamente a 21m, 18m, 15m, 12m e 9m ci porta ad un
tempo medio di 20min / 5soste = 4min. Dal momento che a 21 metri avviene il cambio di gas con EAN50 e la ppO2 è alta, risulta
conveniente utilizzare un profilo-S distribuendo i 20 minuti complessivi come 4/2/2/5/7 minuti dalla sosta più profonda a quella meno
profonda. Inoltre, dai 33 ai 24 metri, faremo 4 soste da 2 minute ciascuna con profilo lineare (magari leggermente esponenziale) che
sommate arrivano ai circa 10 minuti che sono attribuibili a questo intervallo.

In definitiva, il profilo di risalita sarà il seguente:

Profondità Ratio Deco VPM-B Miscela


45 m 40 min 40 min Tx21/35
33 m 1 min (9 m / min) Tx21/35
30 m 2 min (9 m / min) Tx21/35
27 m 2 min (9 m / min) Tx21/35
24 m 2 min 1 min Tx21/35
21 m 4 min 3 min EAN50
18 m 2 min 1 min EAN50
15 m 2 min 2 min EAN50
12 m 5 min 4 min EAN50
9m 7 min 6 min EAN50
6m 20 min 20 min O2

2) Immaginiamo un'immersione di 30 minuti a 66 metri. La decompressione secondo la Ratio Deco partirà a 48m (75% di
66 metri). Il tempo d'Ossigeno sarà 30 minuti (uguale al tempo di fondo) e il tempo per l'intervallo in EAN50 sarà ugualmente 30
minuti. Dividendo questi 30 minuti per le 5 soste a 21m, 18m, 15m, 12m e 9 m, avremo un tempo medio di 30 / 5 = 6 minuti. A 21m
ci sarà il cambio con EAN50 e la ppO2 sarà elevata, quindi distribuiremo questi 30 minuti secondo un profilo-S, per esempio
6/3/2/9/10 minuti (dalla sosta più profonda alla meno profonda). Da 36 a 24 metri avremo un tempo di 15 minuti (la metà del tempo
con EAN50) da distribuire in 5 soste secondo un profilo esponenziale. Questo significa che avremo un tempo medio di 15 / 5 = 3
minuti e che il profilo sarà 1/2/3/4/5 (sempre dalla sosta più profonda a quella meno profonda). Da ultimo, dai 48 ai 39 metri avremo
un profilo lineare con soste di 1 minuto ogni 3 metri.

In definitiva avremo il profilo seguente:

Profondità Ratio Deco VPM-B Miscela


66 m 30 min 30 min Tx18/45
48 m 1 min (9 m / min) Tx18/45
45 m 1 min (9 m / min) Tx18/45
42 m 1 min 1 min Tx18/45
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 15/22

39 m 1 min 1 min Tx18/45


36 m 1 min 1 min Tx18/45
33 m 2 min 2 min Tx18/45
30 m 3 min 3 min Tx18/45
27 m 4 min 3 min Tx18/45
24 m 5 min 4 min Tx18/45
21 m 6 min 3 min EAN50
18 m 3 min 3 min EAN50
15 m 2 min 4 min EAN50
12 m 9 min 6 min EAN50
9m 10 min 8 min EAN50
6m 30 min 29 min O2

3) Immaginiamo ora un'immersione a 90 metri con 20 minuti di fondo. La decompressione seguendo la Ratio Deco
partirà a 66 metri (75% di 90m). Il tempo d'Ossigeno sarà 30 minuti (1.5 volte il tempo di fondo) e il tempo dell'intervallo EAN50
sarà anch'esso 40 minuti. Come precedentemente avremo 5 soste a 21m, 18m, 15m, 12m e 9m di (30 / 5) = 6 minuti. A 21 metri si
cambia con l'EAN50, ppO2 alta, quindi curva-S: 6/4/2/8/10 (dalla sosta più profonda a quella meno profonda). Da 36 a 24m il tempo
complessivo da distribuire nell'intervallo sarà di 15 minuti (la meta del tempo complessivo per l'EAN50) anch'esso da distribuire su
cinque soste e utilizzando anche in questo caso un profilo-S dal momento che a 36m avverrà il cambio dalla miscela di fondo a
Triox35/30 con ppO2 alta. Il tempo medio di questo intervallo sarà 15 / 5 = 3 minuti ed il profilo sarà 3/2/1/4/5 (sempre dalla sosta
più profonda a quella meno profonda). Dai 57 ai 39 metri avremo un tempo complessivo di 7 minuti (la metà del tempo per il
Triox35/25) che ci porterà ad avere un profilo lineare con soste di 1 minuto ogni 3 metri, che potrà essere eseguito in maniera
leggermente esponenziale alla fine dell'intervallo (2 minuti invece di 1 alla quota di 39 metri). Al di sotto di questa profondità avremo
soste di 1 minuto a partire da 66 o 63 metri.

In definitiva avremo il profilo seguente:

Profondità Ratio Deco VPM-B Miscela


90 m 20 min 20 min Tx15/55 (*)
66 m (9 m / min) (9 m / min) Tx15/55
63 m 1 min (9 m / min) Tx15/55
60 m 1 min 1 min Tx15/55
57 m 1 min 1 min Tx15/55
54 m 1 min 1 min Tx15/55
51 m 1 min 1 min Tx15/55
48 m 1 min 1 min Tx15/55
45 m 1 min 1 min Tx15/55
42 m 1 min 2 min Tx15/55
39 m 2 min 2 min Tx15/55
36 m 3 min 3 min Tx35/25
33 m 2 min 1 min Tx35/25
30 m 1 min 1 min Tx35/25
27 m 4 min 3 min Tx35/25
24 m 5 min 3 min Tx35/25
21 m 6 min 3 min EAN50
18 m 4 min 3 min EAN50
15 m 2 min 5 min EAN50
12 m 8 min 6 min EAN50
9m 10 min 10 min EAN50
6m 30 min 31 min O2

(*) WARNING: In accordo con le regole definite precedentemente, una miscela di fondo migliore per questo esempio potrebbe
essere una 12/65 (invece di una 15/55), conseguentemente questo esempio è da considerarsi solo a scopo illustrativo.
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 16/22

4. Scelta delle miscele.

4.1. Immersioni fino a 30 metri.

4.1.1. Tempo di fondo brevi.

Se il tempo di fondo risulterà in una decompressione complessivamente minore di 20 minuti, non è


necessario utilizzare bombole decompressive:

Gas di fondo;
Nessun deco gas.

4.1.2. Tempi di fondo lunghi.

Se il tempo di fondo risulterà in una decompressione complessiva superiore ai 20 minuti, sarà invece
conveniente utilizzare una sola bombola di Ossigeno puro:

Gas di fondo (dalla profondità massima fino a 9 metri);


Una bombola di Ossigeno Puro (6 metri).

4.2. Immersioni dai 30 fino ai 51 metri.

4.2.1. Tempo di fondo brevi.

Se il tempo di fondo risulterà in una decompressione complessiva minore di 30 minuti, sarà sufficiente
una singola bombola di EAN50 che sarà usata dai 21 metri fino alla superficie. Una tale situazione
avverrà in funzione dalla profondità per le seguenti coppie profondità/tempo di fondo (assumendo l'utilizzo
di una 21/35 come gas di fondo e VPM-B come algoritmo):

Profondità Massimo tempo di fondo


30 metri 55 minuti
36 metri 41 minuti
42 metri 30 minuti
48 metri 27 minuti
51 metri 24 minuti

Gas di fondo (dalla profondità massima fino a 24 metri);


Una bombola di EAN50 (dai 21 metri fino a 3 metri).

Esempio (VPM-B). Immersione di 15 minuti a 51 metri con Trimix 21/35 che richiede un tempo totale di decompressione con EAN50
di 17 minuti. Confrontiamo i profili risultanti usando O2 invece di EAN50 mostrando come il runtime complessivo aumenta. Per
comodità verrà mostrato anche il profilo con due gas decompressivi (EAN50 e O2) dove si può vedere come il piccolo guadagno in
termini di runtime non giustifica il trasporto di una bombola aggiuntiva.
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 17/22

Profondità Solo EAN50 Solo O2 EAN50 + O2


51 m 15 min (Tx21/35) 15 min (Tx21/35) 15 min (Tx21/35)
21 m 3 min (EAN50) 1 min (Tx21/35) 3 min (EAN50)
18 m 1 min (EAN50) 2 min (Tx21/35) 1 min (EAN50)
15 m 1 min (EAN50) 1 min (Tx21/35) 1 min (EAN50)
12 m 1 min (EAN50) 3 min (Tx21/35) 1 min (EAN50)
9m 1 min (EAN50) 5 min (Tx21/35) 1 min (EAN50)
6m 3 min (EAN50) 9 min (O2) 7 min (O2)
3m 7 min (EAN50) - -
Runtime 35 min 39 min 32 min

È importante notare come questa configurazione con il solo gas di fondo e l'EAN50 come unica miscela decompressiva non ha
senso utilizzando Aria al porto del Trimix come gas di fondo. In queste condizioni, passando al EAN50, la decompressione non sarà
altrettanto efficace poiché sarà ancora presente troppo Azoto (proveniente dal gas di fondo) da eliminare e questo rilascio non
inizierà fino a quando non saranno raggiunte quote meno profonde. È solo quando si usa il Trimix come gas di fondo che l'EAN50
diventa miscela decompressiva ottimale per essere usata da sola.

4.2.2. Tempi di fondo lunghi.

Se il tempo di fondo risulterà in una decompressione complessivamente superiore ai 30 minuti utilizzando


solo l'EAN50, allora sarà invece conveniente utilizzare due bombole decompressive, una con l'EAN50 (da
usare fra i 21 e i 9 metri) e una con Ossigeno puro (da usare a 6 metri). Questa bombola di O2
addizionale darà maggiore efficienza decompressiva e maggior ridondanza in termini di gas potendo così
gestire facilmente l'eventuale indisponibilità di uno dei due gas:

Gas di fondo (dalla profondità massima fino a 24 metri);


Una bombola di EAN50 (dai 21 fino ai 9 metri);
Una bombola di Ossigeno Puro (a 6 metri).

Esempio (VPM-B). Consideriamo un'immersione di 45 minuti a 51 metri con Trimix 21/35 che richiederà un tempo di
decompressione con EAN50 di 61 minuti. Faremo il confronto con il profilo necessario utilizzando solo l'Ossigeno invece che
l'EAN50 evidenziando come il tempo di decompressione aumenta. Inoltre faremo il confronto anche con il profilo risultante
utilizzando entrambi I deco gas (EAN50 e O2), dove si vedrà come il guadagno in termini di tempi decompressivi è più evidente e
giustifichi il trasporto di una seconda bombola decompressiva, oltre al fatto che risulta in una maggior quantità di gas totale e della
necessaria ridondanza.

Profondità Solo EAN50 Solo O2 EAN50 + O2


51 m 45 min (Tx21/35) 45 min (Tx21/35) 45 min (Tx21/35)
30 m 1 min (Tx21/35) 1 min (Tx21/35) 1 min (Tx21/35)
27 m 2 min (Tx21/35) 2 min (Tx21/35) 1 min (Tx21/35)
24 m 3 min (Tx21/35) 3 min (Tx21/35) 3 min (Tx21/35)
21 m 3 min (EAN50) 4 min (Tx21/35) 3 min (EAN50)
18 m 2 min (EAN50) 5 min (Tx21/35) 2 min (EAN50)
15 m 4 min (EAN50) 8 min (Tx21/35) 4 min (EAN50)
12 m 5 min (EAN50) 11 min (Tx21/35) 5 min (EAN50)
9m 9 min (EAN50) 18 min (Tx21/35) 9 min (EAN50)
6m 13 min (EAN50) 33 min (O2) 27 min (O2)
3m 25 min (EAN50) - -
Runtime 114 min 132 min 102 min

4.3. Immersioni nell'intervallo i 54 e i 72 metri.

4.3.1. Tempi di fondo brevi.

Se il tempo di fondo risulta in meno di 50 minuti di decompressione complessiva con EAN50 e O2 (cioè
meno di 25 minuti per ognuno dei due gas) allora sarà sufficiente trasportare due bombole
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 18/22

decompressive, una con EAN50 (da usare fra i 21 e i 9 metri) ed una di Ossigeno (da usare a 6 metri).

Gas di fondo (dalla profondità massima fino a 24 metri);


Una bombola di EAN50 (da 21 fino a 9 metri);
Una bombola di O2 (a 6 metri).

Esempio (VPM-B). Consideriamo un'immersione di 15 minuti a 72 metri con Trimix 15/55 che richieda un tempo totale di
decompressione con EAN50 e O2 di 33 minuti.
Confrontiamo il profilo risultante con il profilo che risulterebbe utilizzando una bombola deco aggiuntiva caricata con Triox e dove
vediamo che il risparmio in termini di tempi di decompressione non giustificano il trasporto di una bombola addizionale.

Profondità Senza Triox35/25 Con Triox35/25


72 m 15 min (Tx15/55) 15 min (Tx15/55)
42 m 1 min (Tx15/55) 1 min (Tx15/55)
39 m 1 min (Tx15/55) 1 min (Tx15/55)
36 m 1 min (Tx15/55) 3 min (Tx35/25)
33 m 1 min (Tx15/55) 1 min (Tx35/25)
30 m 2 min (Tx15/55) 1 min (Tx35/25)
27 m 2 min (Tx15/55) 1 min (Tx35/25)
24 m 3 min (Tx15/55) 1 min (Tx35/25)
21 m 3 min (EAN50) 3 min (EAN50)
18 m 1 min (EAN50) 1 min (EAN50)
15 m 2 min (EAN50) 1 min (EAN50)
12 m 4 min (EAN50) 3 min (EAN50)
9m 5 min (EAN50) 5 min (EAN50)
6m 18 min (O2) 17 min (O2)
Runtime 62 min 57 min

4.3.2. Tempi di fondo lunghi.

Se il tempo di fondo risulterà di 50 o più minuti di tempo di decompressione con EAN50 e O2, allora verrà
utilizzata una terza bombola decompressiva: una con Triox35/25 (da usare fra i 36 ed i 24 metri), un'altra
con EAN50 (da usare fra 21 e 9 metri) e un'altra con O2 (da usare a 6 metri). Questa bottiglia addizionale
di Triox fornirà una maggiore efficienza decompressiva durante le soste profonde e inoltre ridondanza di
gas che potrà in questo modo gestire un'eventuale indisponibilità di uno dei tre gas.

Gas di fondo (dalla profondità massima fino a 39 metri);


Una bombola di Triox35/25 (da 36 a 24 metri);
Una bombola di EAN50 (da 21 fino a 9 metri);
Una bombola di O2 (a 6 metri).

Esempio (VPM-B). Consideriamo un'immersione di 30 minuti a 72 metri con Trimix 15/55 che richiede un tempo di decompressione
complessivo con EAN50 e Ossigeno di 73 minuti. Confrontiamo i due profili con e senza l'utilizzo del Triox 35/25 dove si può vedere
come ora il risparmio in termini di tempi decompressivi è significativo e giustifica il trasporto della terza bombola, oltre ovviamente a
fornire una maggior quantità complessiva di gas con conseguente ridondanza.

Profondità Senza Triox35/25 Con Triox35/25


72 m 30 min (Tx15/55) 30 min (Tx15/55)
51 m 1 min (Tx15/55) 1 min (Tx15/55)
48 m 1 min (Tx15/55) 1 min (Tx15/55)
45 m 1 min (Tx15/55) 1 min (Tx15/55)
42 m 1 min (Tx15/55) 1 min (Tx15/55)
39 m 2 min (Tx15/55) 2 min (Tx15/55)
36 m 3 min (Tx15/55) 3 min (Tx35/25)
33 m 3 min (Tx15/55) 1 min (Tx35/25)
30 m 4 min (Tx15/55) 1 min (Tx35/25)
27 m 5 min (Tx15/55) 3 min (Tx35/25)
24 m 6 min (Tx15/55) 3 min (Tx35/25)
21 m 3 min (EAN50) 3 min (EAN50)
18 m 5 min (EAN50) 3 min (EAN50)
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 19/22

15 m 5 min (EAN50) 6 min (EAN50)


12 m 8 min (EAN50) 7 min (EAN50)
9m 11 min (EAN50) 10 min (EAN50)
6m 41 min (O2) 35 min (O2)
Runtime 132 min 113 min

4.4. Immersioni nell'intervallo fra i 72 e i 90 metri.

4.4.1. Tempi di fondo brevi.

Se il tempo di fondo risulterà in un tempo decompressivo con Triox35/25, EAN50 e O2 minore di 70


minuti, allora sarà sufficiente utilizzare tre bombole deco, una con Triox35/25 (da usare fra i 36 ed i 24
metri), un'altra con EAN50 (da usare fra 21 e 9 metri) e un'altra con O2 (da usare a 6 metri):

Gas di fondo (dalla profondità massima fino a 39 metri);


Una bombola di Triox35/25 (da 36 a 24 metri);
Una bombola di EAN50 (da 21 fino a 9 metri);
Una bombola di O2 (a 6 metri).

Esempio (VPM-B). Consideriamo un'immersione di 15 minuti a 90 metri con Trimix 12/65 che richiede un tempo complessivo di
decompressione con Triox35/25, EAN50 e O2 di 58 minuti.
Confrontiamo il profilo risultante con il profilo che risulterebbe utilizzando una quarta bombola deco aggiuntiva caricata con Trimix
21/35 e dove vediamo che il risparmio in termini di tempi di decompressione non giustificano il trasporto di una bombola
addizionale.

Profondità Senza Trimix21/35 Con Trimix21/35


90 m 15 min (Tx12/65) 15 min (Tx12/65)
60 m 1 min (Tx12/65) 1 min (Tx12/65)
57 m 1 min (Tx12/65) 3 min (Tx12/65)
54 m 1 min (Tx12/65) 1 min (Tx12/65)
51 m 1 min (Tx12/65) 1 min (Tx21/35)
48 m 1 min (Tx12/65) 1 min (Tx21/35)
45 m 1 min (Tx12/65) 1 min (Tx21/35)
42 m 2 min (Tx12/65) 1 min (Tx21/35)
39 m 2 min (Tx12/65) 1 min (Tx21/35)
36 m 3 min (Tx35/25) 3 min (Tx35/25)
33 m 1 min (Tx35/25) 1 min (Tx35/25)
30 m 1 min (Tx35/25) 1 min (Tx35/25)
27 m 1 min (Tx35/25) 1 min (Tx35/25)
24 m 3 min (Tx35/25) 1 min (Tx35/25)
21 m 3 min (EAN50) 3 min (EAN50)
18 m 3 min (EAN50) 2 min (EAN50)
15 m 3 min (EAN50) 4 min (EAN50)
12 m 6 min (EAN50) 6 min (EAN50)
9m 8 min (EAN50) 7 min (EAN50)
6m 26 min (O2) 26 min (O2)
Runtime 86 min 83 min

4.4.2. Tempi di fondo lunghi.

Se il tempo di fondo risulterà in un tempo di decompressione complessivo maggiore di 70 minuti con


Triox35/25, EAN50 e O2, allora sarà necessario portare quattro bombole decompressive, una caricata
con Trimix21/35 (da essere usata fra i 57 ed i 39 metri), un'altra con Triox35/25 (da usare fra i 36 ed i 24
metri), un'altra con EAN50 (da usare fra i 21 e 9 metri) e un'altra con O2 (da usare a 6 metri):
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 20/22

Gas di fondo (dalla profondità massima fino a 60 metri);


Una bombola di Trimix21/35 (da 57 fino a 39 metri);
Una bombola di Triox35/25 (da 36 a 24 metri);
Una bombola di EAN50 (da 21 fino a 9 metri);
Una bombola di O2 (a 6 metri).

Esempio (VPM-B). Consideriamo un'immersione di 30 minuti a 90 metri con Trimix 12/65 che richiede un tempo complessivo di
decompressione con Triox35/25, EAN50 e O2 di 123 minuti. Confrontiamo i due profili con e senza l'utilizzo del Trimix21/35 dove si
può vedere come ora il risparmio in termini di tempi decompressivi è significativo e giustifica il trasporto della quarta bombola, oltre
ovviamente a fornire una maggior quantità complessiva di gas con conseguente ridondanza.

Profondità Senza Trimix21/35 Con Trimix21/35


90 m 30 min (Tx12/65) 30 min (Tx12/65)
69 m 1 min (Tx12/65) 1 min (Tx12/65)
66 m 1 min (Tx12/65) 1 min (Tx12/65)
63 m 1 min (Tx12/65) 1 min (Tx12/65)
60 m 1 min (Tx12/65) 1 min (Tx12/65)
57 m 1 min (Tx12/65) 3 min (Tx21/35)
54 m 2 min (Tx12/65) 1 min (Tx21/35)
51 m 2 min (Tx12/65) 1 min (Tx21/35)
48 m 3 min (Tx12/65) 1 min (Tx21/35)
45 m 3 min (Tx12/65) 1 min (Tx21/35)
42 m 4 min (Tx12/65) 1 min (Tx21/35)
39 m 4 min (Tx12/65) 3 min (Tx21/35)
36 m 3 min (Tx35/25) 3 min (Tx35/25)
33 m 2 min (Tx35/25) 2 min (Tx35/25)
30 m 3 min (Tx35/25) 3 min (Tx35/25)
27 m 5 min (Tx35/25) 3 min (Tx35/25)
24 m 5 min (Tx35/25) 5 min (Tx35/25)
21 m 5 min (EAN50) 5 min (EAN50)
18 m 6 min (EAN50) 5 min (EAN50)
15 m 8 min (EAN50) 8 min (EAN50)
12 m 12 min (EAN50) 10 min (EAN50)
9m 17 min (EAN50) 15 min (EAN50)
6m 57 min (O2) 50 min (O2)
Runtime 178 min 156 min

4.5. Procedura in caso di indisponibilità di un gas decompressivo.

Nell'eventualità che uno dei gas decompressivi non sia più disponibile, si raddoppierà semplicemente il
tempo deco associato all'intervallo associato alla miscela non più disponibile, usando la miscela meno
ricca disponibile o il gas di fondo.
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 21/22

5. Appendici.

A. Equazione generale per le miscele standard.

In questa appendice verrà ricavata una equazione generale per miscele Trimix data una particolare END,
che sarà quindi specificata in particolare nel caso di END = 30 metri.

Formula della END:

Formula della MOD (assumendo una ppO2 massima di 1.3ATA):

Sostituendo nella prima formula il valore MOD con la seconda formula ed isolando la frazione parziale
dell'Elio si ottiene la seguente formula generale:

Nel caso particolare in cui si abbia una END = 30m, otteniamo l'equazione generale per le miscele
standard:

He = 100 – 3 * O2

B. Preparazione facilitata delle miscele.

Nel seguito si descrive un metodo semplice per preparare le miscele standard tramite l'impiego esclusivo
un analizzatore d'Ossigeno e un piccolo gruppo di equazioni. Si fará l'assunzione che si avrà sufficiente
tempo per lasciare che le bombole si raffreddino dopo ogni travaso e inoltre non si terrà conto del fattore
di compressibilità dei gas, perché il rapporto fra Elio e Azoto nelle miscele non è critico.

Sia P la pressione finale della miscela desiderata, tipicamente P = 200bar. Sia O2/He la miscela standard
desiderata, per esempio (21/35, 10/70, etc.). Iniziamo con la bombola di destinazione completamente
scarica e travasiamo Elio fino alla pressione:

A questo punto sarà sufficiente rabboccare la bombola con EAN32 usando un semplice compressore a
membrana. Se questo non è possibile, allora bisognerà avere una bombola d'Ossigeno. Questo ci
permetterà di travasare un certo quantitativo di O2 dopo l'Elio e quindi di rabboccare con un compressore
ad aria, più facilmente disponibile. La pressione di O2 da essere travasata sarà:
La Decompressione “Ratio Deco” nelle immersioni subacquee con miscele ternarie (J. Riba) 22/22

che implica che la pressione finale nella bombola sarà:


La quantità di O2 normalmente non sarà grande rispetto alla quantità di Elio (PO2 << PHe), il che implica
che la precisione del manometro avrà molta importanza in questa operazione. Per questa ragione, sarà
conveniente analizzare il contenuto dell'Ossigeno in questo momento ed assicurarsi che sia:

e sarà meglio misurare un valore più basso ora che più avanti nella operazione. Si noti che in caso di
miscela normobarica dove O2 = 20.9%, si otterrà che O2' dovrà anch'esso essere uguale a O2, cioè,
20.9%. In caso invece di Trimix con O2 < 20.9, avremo che 0.47 * O2 < O2' < 02.

Nota: Un trucco per migliorare la precisione del manometro al fine di traboccare il corretto quantitativo di O2 è di usare la bombola
di O2 più piccola a disposizione per il travaso (ovviamente se contiene sufficiente pressione). Quindi, la pressione desiderata PO2
sarà amplificata dal rapporto fra i volumi della bombola destinazione per il gas di fondo e la bombola deco e noi potremo misurare il
diminuire della pressione nella bombola deco (invece di misurare l'aumento della pressione nella bombola destinazione). Per
esempio se il volume della bombola per il gas di fondo è di Lb = 24 litri e quello della bombola d'Ossigeno e Ld = 5.5 litri, noi
dovremmo misurare un decremento della pressione della bombola deco pari a , che migliorerà di
conseguenza la precisione della misura.

Infine se misuriamo una percentuale di Ossigeno minore di quella desiderata, travaseremo altro
Ossigeno fino a quando otterremo i valori desiderati. Da ultimo collegheremo la nostra bombola di Heliox
ottenuta precedentemente in un compressore, rabboccheremo con Aria fino ad ottenere una pressione
uguale a P, lasceremo decantare e raffreddare, analizzeremo l'Ossigeno e that's it.