Sei sulla pagina 1di 9

THE WHITE MUGHALS

Si tratta del primo libro storico e della prima storia d’amore scritta da D.
Ambientato a e intorno Hyderabad all'inizio del XIX secolo, l'opera racconta la storia romantica
improbabile ed il matrimonio tra Kirkpatrick, rising star della East India Company, e è la
principessa Moghul, nipote del primo ministro Nizam; una storia che oltrepassa i confini culturali,
religiosi e politici del periodo in cui è ambientata.
K si era recato in India in veste di soldato ambizioso nell’esercito della EIC impaziente di divenire
famoso nella conquista e nel dominio del subcontinente, ma si innamora di Khair e dopo numerosi
ostacoli riesce a sposarla. Dunque, inizialmente l’intento di K era quello di conquistare l’India, ma
si verificò l’inverso (fu lui conquistato dall’India). Egli era giunto in India come “Resident” ruolo
che equivale a quello di ambasciatore.
James era nato in Inghilterra ma si era formato in India. Fi il primo uomo inglese a vivere la vita di
un White Mugal
D. svela una storia affascinante di intrighi e d'amore che viola i confini dell'impero e che inzia
durante un periodo di tolleranza religiosa ed etnica, non essendo però riportata nei libri di storia.
Man mano che Kirkpatrick diventa nativo adottando vestiti locali, diviene un agente segreto che
lavora per la famiglia di sua moglie contro gli inglesi cercando di mettere in equilibrio le culture. Si
tratta di un veicolo per la comprensione dell'autore della complessa eredità dell'Impero inglese in
India, che lui definisce più in termini di scambio e negoziazione che di dominazione e
soggiogazione.
Nel maggio 1841, un gruppo di ospiti arrivò a prendere il tè a Swallowfield, una grande villa
inglese nella campagna del Berkshire. Entrando dalla porta d'ingresso, una delle donne del partito
vide qualcosa che la fece scoppiare in lacrime. Sulla scala, immediatamente riconoscibile, vi era un
ritratto di George Chinnery che ritraeva due bambini in abito orientale. La donna in lacrime era
Kitty Phillips Nee Kirkpatrick, e lei non aveva visto la foto da quando si sedette per esso 35 anni
prima, a Madras. 
Il ritratto mostra Kitty e suo fratello indossando un abito da corte Hyderabadi. Suo fratello guarda
con fiducia lo spettatore, ma la sua sorellina ha un'espressione di infinita tristezza e vulnerabilità.
Cresciuta in Inghilterra come cristiano evangelico, fino a quel momento Kitty era stata tagliata fuori
dal suo passato indiano. Ma il ritratto le riportò il suo passato, ricordi di una vita precedente quando
non era conosciuta come Kitty Kirkpatrick ma come Noor un-nissa, sahib Begum.
Alla fine del 18 secolo, Hyderabad era un luogo ricco e dinamico che controllava le più grandi
miniere di diamanti del mondo. Situato in alto sul Deccan Plateau, era una posizione strategica nel
cuore dell'India. Fu in queste strade nel 1795 che il padre di Kitty, James Kirkpatrick, arrivato
quando era giovane (29- 30 anni= ma all’epoca era già un alto ufficiale.
Il datore di lavoro di James, la Compagnia delle Indie Orientali, era probabilmente la compagnia
più aggressiva e spietata; si stava trasformando da un business mercantile (commercio di sete e
spezie) in una potenza coloniale a pieno titolo, con il suo esercito privato.
Era compito di James assicurarsi che i suoi rivali, i francesi, non vincessero la battaglia a
Hyderabad.
In India nel 1790, vi erano gli inglesi e i francesi i cui interessi commerciali erano diretti verso le
coste; il Mogul Empire nel nord (l'antica, grande potenza dell'Asia meridionale) e poi nel sud, vi
erano un sacco di stati principeschi. Gli inglesi e i francesi erano interessati ad espandere la loro

1
influenza in queste regioni, spostandosi dai posti di scambio installati sulle coste per ottenere
sempre più controllo militare.
La guerra secolare per il dominio globale tra la Gran Bretagna e la Francia stava aumentando e
molti governanti indiani consideravano la Francia un potenziale liberatore dallo strangolamento
inglese.
Nonostante la sua prima lingua fosse il Tamil, K divenne fluente in Persiano e Hindustani; scrisse
poesie in urdu, indossava abiti indiani e si fece crescere i mustacchi in stile indiano.
In questo momento di rinascita culturale in India, un certo numero di mercanti e ufficiali che si
stabilirono qui si innamorarono del loro “adopted country”. Copiarono le abitudini indiane ed
abbracciarono le abitudini locali, divenendo White mughals. James non fu affatto il primo uomo
inglese che visse come un White Mughal.
Gli europei sono stati a lungo attratti dall'arte e dalla cultura del Deccan, molto ricettivo alle
influenze straniere, soprattutto perché le sue coste che hanno accolto molti europei, commercianti e
viaggiatori.
Quando Kirkpatrick arrivò a Hyderabad, arrivò sulla scia di 100 anni di influenza europea.
Alla British Library si conservano lettere nelle quali James Kirkpatrick raccontava i dettagli della
sua vita come Mughal bianco al fratello maggiore William. I documenti (quasi 100 file
recentemente catalogati) Kirkpatrick sono stati recentemente acquistati dagli archivi dall’India
Office Records. Anche se molti dei passaggi più interessanti erano in codice.
Dalle lettere decodificate di James è emerso un grande scandalo accaduto a Hyderabad che
minacciava di sopraffarlo. Il cuore del potere politico nella città vecchia era il Chowmahalla
Palace.
Nizam Ali Khan era un musulmano che discendeva dai Mogul che governava una popolazione
principalmente indù. Con brillante diplomazia, aveva stabilito uno stato prospero in una posizione
cruciale nell'India centro-meridionale. Come dimostrano le lettere il successo di James con il Nizam
fu fonte di l'invidia per i diplomatici britannici in altre città, come Calcutta e Madras.
Nizam Ali Khan abolì la politica morale di suo padre e istituì un ministero chiamato “ Office of the
Lords of Pleasure”; il lavoro di questo straordinario ministero era quello di fornire
l'intrattenimento sontuoso di corte, dai recital di musica e poesia alle esibizioni di danza.
I ballerini di corte erano ammirati tanto per i loro talenti poetici come per altre abilità. Erano al
corrente di tutti i pettegolezzi di corte ed erano felici di vendere queste informazioni, commercio
abilmente sfruttato da James che creò una rete di spie straordinariamente efficiente. Si assicurò di
essere assorbito socialmente nella società Hyderabad, mescolandosi liberamente con i nobili;
cacciava con ghepardi addestrati e organizzò spettacoli dei ballerini della città il cui capo era il
famoso Mah Laqa Bai chanda, una cortigiana che era anche una famosa poetessa; costruì una
biblioteca piena di libri sulle arti e le scienze ed era una consigliera alla corte dei Nizam. Uno
storico di Hyderabadi la definì: "Una donna davvero straordinaria, una combinazione unica di corpo
e anima."
Mentre James fu in India la “Residency” partecipò alla vita e feste della città in un modo che non
aveva mai fatto prima; donò dei soldi ai santuari Sufi. Dal punto di vista diplomatico, la sua
adozione di costumi locali fu chiaramente vantaggiosa. Egli indossava sempre un tipico vestito
mussulmano, fumava narghilè, aveva i tipici mustachios indiani e si è dipinse persino le dita con
l'henné. Scrisse anche poesie persiane e commissionò capolavori ai miniaturisti della città.

2
Kirkpatrick amava davvero l'atmosfera a Hyderabad. Era un potente giovane diplomatico in ascesa
in un paese che adorava. Le lettere di James a suo fratello sono pervase dalla sua ubriachezza
dell'India.Il trambusto, il rumore e l'inebriante mix di mughal e cultura dell'India del Sud lo
entusiasmava. Ed era anche affascinato dalla cucina locale (il piatto più famoso di Hyderabad era
“Hyderabadi biryani”; i mercenari francesi presero servizio a Hyderabad solo per poter mangiare
questo piatto; lo descrivevano come il piatto più magnifico dell'India. Era fatto con riso, pollo,
agnello, burro e spezie tra cui la cannella il cui odore si sentiva molto). James era conosciuto in tutta
la città per il suo amore per la cucina Hyderabadi. Il Nizam spesso gli mandava un piatto di
melanzane cucinato nelle cucine del palazzo.
Per James, la chiave per vivere in India non era cercare di imporre il modo di vivere europeo, di
vestiti, di atteggiamenti, ma di adottare quelli dell'India.
Il Nizam si fidava di K che era un visitatore frequente e gradito al Chowmahalla Palace.
Richard Wellesley (l’appena arrivato alla sede della Compagnia delle Indie Orientali a Calcutta)
era il nuovo ambizioso governatore generale. A differenza di James, aveva poco rispetto per la
cultura indiana o le persone; voleva usare la Compagnia delle Indie Orientali e il suo massiccio
esercito privato per aggiungere l'India all'Impero Britannico.
Richard Wellesley faceva parte di una famiglia di talento e ambiziosi ufficiali aristocratici. La sua
missione era quella di eliminare le minacce francesi all'interno del subcontinente e di affermare il
primato della Compagnia delle Indie Orientali come principale potenza territoriale.
I francesi erano guidati da un generale carismatico, Michel Raymond, che prestando truppe
mercenarie per le sue guerre locali, aveva conquistato il Nizam di Hyderabad.
Raymond fu trovato morto avvelenato nel suo letto. Per molti anni dopo, il Nizam, in occasione
dell'anniversario della morte di Raymond, ha inviato una scatola di cheroots e una bottiglia di birra
sulla tomba, in memoria del suo vecchio alleato. Dopo la sua morte James Kirkpatrick approfittò
della situazione.
Il 1º settembre 1798, il Nizam firmò il trattato negoziato da James.
Siccome la guarnigione francese doveva essere sciolta il Nizam andò alla fortezza di Golconda,
lasciando che gli europei rivali risolvessero la cosa. La cittadella era l'ultima risorsa di Nizam Ali
Khan e in tempi di crisi politica, vi si ritirò e vi si chiuse dentro.
La mattina del 22 ottobre 1798, la guarnigione francese, sulle rive del fiume Musi, si svegliò
circondata. In poche ore, la più grande forza francese in India, quasi 16.000 uomini depose le armi e
si arrese senza sparare un solo colpo. James guardò tutto attraverso un cannocchiale e scrisse a suo
fratello Guglielmo che era la vista più bella che avesse mai visto. Il trattato di James con Nizam fu
un trionfo.
Khair un-nissa era una nobile principessa che proveniva da una delle principali famiglie
Hyderabadi; era di origine persiana e si diceva che discendesse direttamente dal Profeta. Di lei si
conserva solo un suo ritratto. Era già fidanzata con qualcun altro quando K arrivò in India.
Un suo cugino in u'autobiografia di 600 pagine definisce Kirkpatrick un uomo d'onore, un buon
poeta. Egli incolpa dello scandalo la madre di Khair un-Nissa, Sharaf un-nissa, infettata da
l'immoralità dell'India induista.
Khair un-nissa aveva 15 anni e probabilmente aveva vissuto tutta la sua vita nell'harem. Ella trovò
K molto attraente: era alto, bello e ricco. Se nel 18 secolo volevi rompere un fidanzamento, ma sei
una donna musulmana di una famiglia rispettabile, non puoi semplicemente dire che non sei
dell'umore giusto per sposarti. Devi avere una via d'uscita. In una cultura dove i delitti d'onore erano
3
routine ella prese in mano la sua vita. Nonostante si trattasse di una rigida famiglia musulmana
sciita persiana la madre di Khair un-nissa la incoraggiò a iniziare una relazione con Kirkpatrick.
Forse la persona con la quale khair un-nissa era fidanzata non era abbastanza o ella voleva vedere la
figlia avere una relazione migliore delle circostanze in cui si trovava.
Sharaf un-nissa potrebbe essere stata incoraggiata da esempi di matrimoni di successo tra funzionari
britannici e donne indiane.
Una sera, Sharaf e khair un-nissa si recarono negli alloggi femminili della Residenza britannica,
apparentemente per far visita ad amici di famiglia. Kirkpatrick descrisse l'incontro in una lettera a
suo fratello rassicurandolo di non avera ceduto e che era stato attento a onorare la sua posizione.
Il Primo Ministro Aristu jah, un politico astuto e brillante vedeva la relazione segreta di James
come l'occasione perfetta per un ricatto. Subito dopo che l'esercito vittorioso era tornato a
Hyderabad, due bollettini locali furono pubblicati sostenendo che James Kirkpatrick aveva forzato
khair un-nissa per andare a letto con lui.
Quando Lord Wellesley sentì le accuse chiese al Primo Ministro di indagare. James fu convocato
per un'intervista: il suo lavoro e futuro in India era nelle mani di Aristu, proprio l'uomo che aveva
messo in giro le voci.Se avesse scelto di resistere il ministro non avrebbe confermato le accuse e lui
avrebbe perso sia Khair che il suo lavoro.
Secondo una cronaca di Hyderabadi James promise a Aristu di "lottare per gli interessi del suo
governo e obbedire a tutti i suoi ordini finché fosse stato Resident." In altre parole, diventare un
doppiogiochista Hyderabadi. Per questo motivo Aristu confermò l'innocenza di James.
James era sopravvissuto ma non era stato del tutto onesto con Lord Wellesley perché aveva omesso
di dirgli il fatto cruciale: che in realtà andava a letto con Khair un-Nissa. A seguito di ulteriori
lamentele familiari a Hyderabad, gli fu consigliato di smettere di vederla; sembrava che l'intera
faccenda fosse finita ma la situazione in realtà stava per divenire molto più complicata: Khair era
incinta del figlio di James -> James era in guai seri perché aveva promesso di porre fine alla
relazione ed era evidente che non aveva mantenuto la parola. Inoltre, secondo la legge islamica,
essendo cristiano non gli era permesso di sposare Khair un-nissa. James mostrò fino a che punto
amasse K: decise di convertirsi all'Islam.
Nel gennaio 1801 Khair un-nissa e James si sposarono. Quando due mesi dopo, Khair diede alla
luce suo figlio James scrisse su un piccolo pezzo di carta tutt’oggi conservato, "Mercoledì 4 marzo,
verso le quattro del mattino mio figlio è nato nella città di Hyderabad. Sua madre, desidera che si
chiami Mir ghulam Ali, a cui intendo aggiungere “sahib allum”, che significa “piccolo Signore del
Mondo."
Giacomo dovette tenere il fratello nell'ignoranza, ma la reticenza di James a rivelare il suo
matrimonio di razza mista era un riflesso del nuovo razzismo del regime di Wellesley. James ha
scritto privatamente di Wellesley: "Oceani di sangue e di tesori sono stati sprecati nel suo finto
piano di pacificazione generale che era una mera pretesa di sottomissione generale dell'India."
In questo periodo tutti erano preoccupati per la mescolanza razziale, non solo gli inglesi, ma
certamente gli indiani di più di tutti. Le relazioni inter-razziali fu disapprovate dai superiori di
James. Così Khair un-nissa e loro figlio rimasero nella casa di famiglia nella Città Vecchia, perché
non si sentiva in grado di trasferirli nella Residency. Ma non era l'unica vittima del nuovo
programma razzista di Wellesley.
Faiz baksh, moglie del generale William Palmer, il Resident in Poona, era la migliore amica di
Khair un-Nissa; proprio come le due donne formarono un legame, così fecero i due uomini,

4
condividendo la loro corrispondenza e i loro dubbi sull'atteggiamento ostile di Wellesley verso gli
indiani.
Quando Palmer e Faiz si erano sposati 15 anni prima tale collegamento inter-razziale era irrilevante,
ma ora le cose erano diverse.
Più o meno nello stesso periodo in cui Khair rimane incinta, Wellesley licenziò Palmer perché
aveva una moglie Mugal e per la sua simpatia per la cultura indiana.
Nonostante i suoi problemi, James era ancora impegnato a fare tutto il possibile per vivere a
Hyderabad.
La sua eredità è questo straordinario edificio, la Residenza.

La Residency, uno dei più straordinari edifici, rimane uno dei più grandi edifici in India. Si pensava
che fosse stato progettato dall'architetto militare di Hyderabad Samuel Russell, ma è molto chiaro
dalle lettere di Kirkpatrick che lui stesso lo aveva progettato nel suo tempo libero con l'aiuto, dice,
di maestri architetti di Madras. Era uno dei traguardi che lo rendeva più orgoglioso di sé stesso.
All’epoca, gli architetti maestri erano fondamentalmente maestri costruttori,
Nonostante il destino del suo amico, William Palmer, James non poteva tollerare di vivere lontano
da khair un-nissa. Era diventato davvero un padre di famiglia. Alla fine decise di portarla a vivere
nella Residency nell’estate del 1801.
James costruì loro una zenana (appartamento interno dedicato alle donne) in stile Mogul nel terreno
della Residency. Conosciuto come il Rang Mahal o palazzo di colori è stato poi descritto come un
esemplare di architettura Hindustana molto elegante con muri e soffitti dorati con grande gusto.
Purtroppo oggi solo la porta d'ingresso alla zenana di Khan è conservata.
Potrebbe essere stata un segreto per il governo di Calcutta, ma questa zenana era una misura del suo
impegno verso la sua giovane moglie.
È stato distrutto nel 19 º secolo da un Resident vittoriano che lo ha descritto come ‘smacking of
native immorality'.

Kirkpatrick non aveva amici. Diceva molto fermamente che si stava alleando culturalmente con la
gente di Hyderabad e con la moglie musulmana -> cosa che gli ufficiali britannici nel cantonamento
dell'esercito a nord considerarono come un tradimento.

Già impopolare per il suo stile di vita Mogul, James scoprì un'appropriazione indebita sistematica
tra i militari britannici, e le relazioni tra la Residency e la guarnigione si deteriorarono
ulteriormente.
James espose con grande onore la corruzione e fu immediatamente denunciato a Calcutta dai
malversatori. Il suo matrimonio con Khair fu smascherato. Quando Lord Wellesley scoprì che gli
avevano mentito per due anni impazzì.
A 900 miglia di distanza a Calcutta, il Governatore Generale Wellesley mostrò la propria rabbia
riguardo il comportamento di James considerandolo "Un oltraggio ai principi generali della
normalità, e lo accusò di aver "corrotto la nipote di baqar Ali."
Un manoscritto riporta tutti i dettagli più intimi della storia dìamore tra K e K (quando e dove hanno
avuto rapporti sessuali, la gravidanza, una dichiarazione incredibilmente romantica di Kirkpatrick
che secondo la quale egli, in nessun caso avrebbe abbandonato K o la sua prole).
5
L'inchiesta ha dimostrato che James aveva mentito ai suoi superiori per più di due anni. Ha
affrontato un licenziamento quasi certo e sarebbe stato costretto a lasciare Hyderabad in disgrazia
ma alla fine, è stato suo fratello William a prendersi la colpa. Era malato da qualche tempo e aveva
deciso di dimettersi; disse a Wellesley che James aveva condiviso tutte le informazioni rilevanti ma
era stato lui a non trasmetterle. Wellesley assolse James.
Da allora K si rifugiò nella domesticità, nella sua amata moglie, nel suo figlioletto e in sua figlia,
nata nel mezzo di questi ultimi guai: Noor un-nissa, sahib Begum, la Signora della Luce, la
piccola donna di alto lignaggio.
K amava i suoi figli e vi sono prove in tutto il territorio della Residency.
Nella British Library vi é una lettera di K in cui egli chiede che le bambole siano spedite in India in
abito da corte, forse per mostrare ai suoi figli come sono vestiti gli europei perché non l'avevano
mai visto. Kirkpatrick aveva costruito per i suoi amati figli una bellissima casa di bambole del
18esimo secolo.
I disegni di James sono ancora oggi visibili. Aveva un recinto ben rifornito di cervi, di quasi un
miglio di circonferenza e, per tenerli in compagnia, ordinò a Bombay qualche alce e un gregge di
pecore abissine. Creare un parco in stile Capability Brown nel cuore dell'India non era facile.
I prati di Kirkpatrick appassirono presto a causa del caldo di Deccani e fu costretto a scrivere a
Bombay per: "Un'autopompa inglese, o due, per innaffiare i miei terreni di piacere."
James era ormai confortevolmente stabilito.
Le sue capacità diplomatiche avevano riportato la pace. I trattati che aveva negoziato assicuravano
che Hyderabad non soffrisse mai un confronto militare con gli inglesi e rimanesse uno Stato
sovrano per i prossimi 150 anni. Seguono cinque anni di vera beatitudine domestica.
I bambini crebbero secondo la cultura musulmana a Hyderabad: parlavano persiano, andavano a
tutte le cerimonie sciite nella Città Vecchia, mangiavano cibo indiano, indossavano vestiti indiani.
Non si mescolarono con gli altri bambini della Residenza, ma si mescolarono con famiglie
aristocratiche della Città Vecchia; è come se ci fosse una piccola isola della Città Vecchia di
Hyderabad eretta nel Rang Mahal nel bel mezzo della British Residency.
James continuò ad avere seri dubbi sul modo in cui Wellesley gestiva le cose da Calcutta
esprimendoli nelle lettere scritte al suo amico, il generale Palmer. Le cose, tuttavia, stavano per
cambiare a suo vantaggio. Da quando era arrivato in India, il Governatore Generale Wellesley era
sembrato incapace di accettare di essere assunto da un'impresa mercantile. Invece, la sua politica
aggressiva di espansione aveva trasformato l'azienda in costruttori di impero - a grande spesa. Ciò
che Lord Wellesley nella sua arroganza aveva dimenticato era che la Compagnia delle Indie
Orientali era, alla fine, un business. Le sue estese guerre in India e i suoi stravaganti progetti edilizi,
come la massiccia Casa del Governatore Generale, aveva lasciato loro 30 milioni di sterline di
debito.
Usando la scusa di aver trasformato il suo ufficio in un dispotismo, Wellesley fu licenziato. Il nuovo
governatore generale divenne Lord Cornwallis, un uomo che cerca il cuore di James.
Kirkpatrick aveva subito cinque anni di indagini ostili nei suoi atteggiamenti pubblici e nella sua
vita privata. Ora sperava che fosse diverso. Aveva perso i contatti con Lord Wellesley e le sue idee
imperiali incredibilmente aggressive; Lord Cornwallis annunciò che voleva giustizia,
moderazione, e soprattutto la pace.
James era profondamente soddisfatto di questa nuova nomina, ma il suo piacere era intriso di
tristezza personale. In Hyderabad, Sahib allum, aveva ormai quattro anni. Khair un-nissa aveva
6
sempre saputo che i suoi figli sarebbero stati mandati via per essere istruiti in Inghilterra, ma era
un'idea a cui lei era istintivamente e aspramente contraria. James e Khair un-nissa avrebbero dovuto
viaggiare con i bambini ma James fu colpito da una febbre, e khair rimase a Hyderabad per
accudirlo.
Il 9 settembre del 1805, Sahib allum e Sahib Begum partirono per Madras.
James e Khair non rivedettero mai più i loro figli. A Madras, i bambini dovevano far dipingere il
loro ritratto dell'artista anglo-irlandese George Chinnery.
In una lettera Lord Cornwallis chiese a Kirkpatrick aggiornamenti sulla situazione diplomatica.
Kirkpatrick fu vittima di gravi reumatismi e una terribile epatite. Non uscì dalla propria camera da
letto per un mese ma nonostante non stia bene sa che deve andarsene, quindi si mette l'uniforme,
sale sul suo cavallo e si dirige lungo la strada costiera per Madras attraverso una pioggia
monsonica.
Sperava di vedere i suoi figli a Madras, ma erano salpati il giorno prima che lui arrivasse.
La febbre peggiorò ed era abbastanza preoccupato così fece testamento e divise la sua fortuna ormai
considerevole tra i suoi figli e l'amata moglie Khair un-nissa. Poi si imbarcò su una nave per
Calcutta. James salpò sul fiume Hooghly la sera del 7 ottobre del 1805. Al molo, fu portato via
dalla nave su una barella e portato a casa di sua nipote. Era gravemente malato, entrò ed uscì dal
coma per una settimana per poi morire. Aveva solo 41 anni. La stessa sera fu sepolto nel cimitero
di Park Street.
Poco prima di morire, sentì la notizia che Lord Cornwallis su cui erano puntate tutte le sue speranze
di una nuova era in India, era morto.
Il viaggio che l'ha ucciso è stato vano. La morte era ovunque a Calcutta. Due monsoni erano la
durata media della vita di un europeo, ma per un uomo che aveva rischiato tutto per amore, la fine
fu particolarmente solitaria e tragica.
È morto lontano da tutti coloro che si prendevano cura di lui, dei suoi figli, di suo fratello, dei suoi
amici, della sua amata moglie Khair un-nissa. Nessuno di loro sapeva che fosse morto.
Dopo la morte di suo marito Khair un-nissa, con ogni probabilità, non avrebbe potuto più rivedere
mai più suo figlio e sua figlia.
Vi é una lettera che ha rivelato il capitolo finale della storia. Nell'autunno del 1806, Khair un-
nissa, che non aveva mai lasciato Hyderabad prese una decisione straordinaria per una donna
musulmana e si diresse dall'altra parte dell'India per piangere sulla tomba di suo marito. Calcutta era
al culmine della sua età d'oro ma era un posto molto diverso da Hyderabad. Nell'umidità pungente
del monsone, Khair trovò una città governata dagli inglesi da palazzi in stucco bianco che
costeggiavano le strade e le rive del fiume. Sconcertata in questo ambiente alieno, si consolava con
il dipinto dei suoi due figli che aveva portato con sé per tutto il tragitto da Madras.
Inizialmente, Khair un-nissa era in lutto profondo; passa i suoi giorni vicino alla tomba del marito
ma dopo circa un anno ritorna alla vita e, al centro di quella nuova vita, vi è l'ambizioso ex
assistente di suo marito, Henry Russell. Russell era a Calcutta per sistemare gli affari del
testamento di James ed era probabilmente l'unica altra persona in città che Khair un-nissa
conoscesse.
La sua corrispondenza divenne colma di riferimenti a Khair, una giovane e vulnerabile donna, che
aveva sofferto una tale serie di tragiche disgrazie. I due divennero amanti ma Khair commise un
terribile errore. Henry Russell era un uomo molto diverso da James Kirkpatrick. Era uno scalatore

7
sociale. Forse Henry Russell la vide come un veicolo verso una sorta di mobilità sociale, che
funzionò per lui. Alla fine, partirono per il lungo viaggio di ritorno a Hyderabad. Ma mentre erano
un viaggio furono informati che siccome K era stata con un altro uomo non era la benvenuta nella
sua città natale. Senza un posto dove andare, trovò una casa in un posto sperduto chiamato
Masulipatnam e lì aspettò che Russell la raggiungesse, ma Russell aveva altri piani. Poco dopo,
sposò un'ereditiera anglo-portoghese, e siccome provava troppa vergogna per dirlo a Khair di
persona, mandò suo fratello.
Nel 1808, a Khair un-nissa fu permesso di tornare a Hyderabad. Henry Russell era diventato il
Resident e viveva nella sua vecchia casa, ma la coppia non si incontrò. Poi, cinque anni dopo,
ricevette una breve nota dal suo ex amante nella quale le diceva che stava morendo. Per una volta,
Russell fu all'altezza. Le permise di tornare alla zenana dove una volta era stata felice.
Morì sul letto dove una volta partorì sua figlia a soli 27 anni. Sua madre, Sharaf un-nissa, è stata al
suo capezzale fino alla fine.
Khair un-nissa, la più eccellente delle donne, ha avuto la più triste delle vite. In una società in cui le
donne hanno poche scelte, aveva rischiato tutto per stare con l'uomo che amava. Questa donna
ardente e passionale morì di crepacuore. Un quarto di secolo dopo, sulla scala della casa di Henry
Russell, Kitty Kirkpatrick, la ragazza del dipinto, asciugava le lacrime. Per tutto questo tempo, ha
creduto di essere dimenticata dalla sua famiglia indiana.
Il nome di Henry Russell non significava nulla per Kitty. Da quando è arrivata in Inghilterra,
quando aveva tre anni, le era stato proibito ogni contatto con la sua famiglia indiana. Russell non
era lì in quel momento, ma in seguito affermò di aver ricevuto il ritratto da Khair e promise di
lasciarlo a Kitty nel testamento. La foto era solo una parte del bottino con cui è tornato dall'India.
Aveva accumulato una fortuna di gran lunga superiore al suo stipendio e si dimise dal suo incarico
proprio mentre stava per essere licenziato per corruzione.
Kitty indagò su Russell. Nel corso delle sue ricerche scoprì che sua nonna, Sharaf un-nissa, era
ancora viva. Le lettere commoventi che allora ha scritto a Sharaf sono ancora in possesso di David
Vaughn, il bis-bis-nipote di Kitty Kirkpatrick.
Kitty aveva gli occhi e le stesse sopracciglia della madre.
Kitty iniziò a vivere con la sua famiglia nella località balneare vittoriana di Torquay. Suo fratello
era morto diversi anni prima. Era rinomata per la sua bellezza e ha anche ispirato un romanzo
“Sartor Resartus” di Thomas Carlyle. Sia la vera Kitty che Blumine di Carlyle condividono lo
stesso secondo nome: Aurora.
La nonna mandò a K con una lettera una ciocca di capelli di sua madre. Ma nonostante le due donne
abbiano scambiato lettere per diversi anni, la loro riunione pianificata non ha mai avuto luogo e
Sharaf un-Nissa morì senza mai più vedere Kitty. I loro mondi non si avvicinavano, in realtà si
stavano allontanando ulteriormente. James Kirkpatrick e gli altri White Mugals provarono ad unirli
e, in un certo modo, ci sono riusciti. Ma i vittoriani hanno cancellato questo periodo di fusione e
ibridità dai libri di storia e, ancora oggi, abbiamo ancora la retorica dello scontro tra civiltà. Come
dimostra la storia di James e Khair, l'est e l'ovest non sono inconciliabili e non lo sono mai stati.
Solo il bigottismo, il razzismo, i pregiudizi e la paura li allontanano,ma si sono incontrati e si sono
mescolati in passato e lo faranno di nuovo.
Riconoscimento del potere femminile: D. mostra il potere delle donne Hyderabadi, non solo in
termini del loro potere sessuale, ma anche politico, economico e militare.
Il trattamento della partecipazione femminile nella politica della corte H mostra la sua ammirazione
per la visione culturale di K. A differenza dei suoi contemporanei K non considera gli harems solo
8
dei “places of pleasure”. Egli aveva capito la precisa ed integrata gerarchia nell’harem di Nizam,
dove le donne più anziane, particolarmente le madri dei principi avevano un’inflenza considerabile
rispetto alle loro rivali più giovani e sessualmente attraenti. L ‘ era dei white mughals è definita da
D come un’età come gli uomini europei amavano apertamente e vivevano con donne sudasiatiche;
un’età in cui gli uomini europei divenivano nativi adottando la lingua, i vestiti, le maniere e in
alcuni casi le religioni popolari dell’Asia del sud. Il periodo inizio nel XVI secolo quando molti
europei iniziarono ad arrivare annualmente in India. Riguardo la fine di Tale periodo come D dopo
la morte di william Palmer Jr e kirkPatrick nel 1889 suonerà considerata conclusa. Ma il momento
decisivo nel quale declinare rapidamente secondo l'analisi dell'autore fu durante l'amministrazione
del governatore generale Wellesley. 

La forza dell’opera risiede nella sua descrizione incredibilmente dettagliata della vita quotidiana—
giardini, cibo, costumi, modalità di viaggio e architettura—e ritratti di governatori-generali
britannici, politici indiani, le loro mogli e famiglie, e gli avventurieri. È anche uno studio astuto
delle complicazioni politiche che Kirkpatrick dovette affrontate a causa della sua conversione e del
suo matrimonio interculturale, e delle difficoltà che la sua fedeltà divisa gli causò nel suo ruolo di
agente degli inglesi sempre più imperialisti. Ma la cosa più sospetta è il destino dei figli e della
moglie volitiva e carismatica di Kirkpatrick, appena 19enne quando morì nel 1805. I colpi di scena
e le svolte nella vita della loro figlia—inviata in Inghilterra quando aveva cinque anni e mai tornata
in India per poter rivedere la madre di nuovo—sono affascinanti. Dalrymple