Sei sulla pagina 1di 11

ESPERIMENTO

ESTRAZIONE DNA
COS’È IL DNA?
Il DNA (acido desossiribonucleico) è una struttura a forma di
elica, sede delle informazioni genetiche, contenuto all’interno
della cellula nel nucleo di tutte le molecole eucariote, e sparso nel
citoplasma in quelle procariote. Il DNA è un polimero organico a
doppia catena i cui monomeri sono chiamati nucleotidi. I
nucleotidi sono costituiti da tre componenti fondamentali: un
gruppo fosfato, uno zucchero pentoso (il desossiribosio) e una
base azotata che si lega al desossiribosio con un legame
N-glicosidico. Le basi azotate che entrano nella formazione dei
nucleotidi sono quattro: adelina, timina, citosina e guanina.
MATERIALI DA UTILIZZARE
Una banana Un tagliere
Sale da cucina Una siringa
Un colino Un coltello
Una ciotola Un bicchiere

Sapone liquido Una forchetta

Succo d’ananas Alcol denaturato

Una provetta carta assorbente


1) Preparazione della soluzione di estrazione

Preparare la seguente soluzione in un bicchiere pulito:

• Versare
80 ml di acqua distillata in un bicchiere
• Aggiungere 3g di sale e
mescolare fino al completo scioglimento
• Aggiungere 10 ml liquido e mescolare delicatamente
cercando di evitare che si formino bolle
• Con acqua distillata portare la soluzione a 100 ml
2) Ridurre la frutta in poltiglia
La banana deve essere ridotta in poltiglia in modo da
dividere le cellule le une dalle altre.

Tagliare la banana in piccoli


pezzi e metterli in una ciotola

Ridurla in poltiglia
3) Aggiungere la soluzione di estrazione alla poltiglia di frutta
La cellula è protetta da due membrane: una nel nucleo e l’altra all’esterno della cellula :
esse sono un involucro protettivo costituite da fosfolipidi, molecole ricche di grassi. Per
prelevare il DNA, dobbiamo rimuovere questa “barriera” usando perciò del detergente
liquido per piatti, che aggredisce i grassi e di conseguenza anche i fosfolipidi
Quindi in questa fase il liquido detergente rompe la membrana delle
cellule liberando il DNA in esse contenuto. Il Dilo di DNA si avvolge
attorno a proteine dette Istoni in modo da occupare poco spazio. Per
ottenere DNA srotolato utilizziamo il sale da cucina.

Aggiungere la soluzione di estrazione alla poltiglia di frutta


Lasciare riposare a temperatura ambiente per circa 30 minuti
4) Filtrare la soluzione
Questa operazione serve a separare la soluzione pura contente
il DNA dalla polpa del frutto.
Dopo averlo foderato con alcuni fogli di carta assorbente
umidi, mettere il colino sopra la ciotola pulita.

Versare il composto nel colino facendo una leggera pressione con


la forchetta, filtrare delicatamente
La polpa dovrebbero rimanere nel colino mentre nella ciotola
dovrebbe raccogliersi il liquido. Versare quindi ciò che abbiamo
ottenuto in una provetta
6) Purificare il DNA
Nel prodotto filtrato c’è quindi il DNA srotolato, ma ancora attaccato agli
Istoni. Per ottenere una soluzione ancora più pura è necessario rimuovere le
proteine che sono legate al DNA. Il succo di ananas contiene un enzima la
bromelina in grado di rompere le proteine.

Prelevare 5 ml di filtrato e versarlo in una provetta


Aggiungere, il succo d’ananas. E’ necessario all’incirca
1 ml di succo di ananas per ogni 5 ml di soluzione
contenente il DNA, il filtrato della banana
Lasciare riposare a temperatura ambiente per 5 minuti
Precipitazione del DNA
Il DNA si dissolve in acqua e, dunque, non è visibile. Esso tuttavia non si dissolve
nell’alcol, per cui aggiungendo dell'alcol denaturato il DNA verrà a galla
raccogliendosi in una massa biancastra.

Aggiungere lentamente nella provetta della fase


precedente l’alcol freddo evitando che si mescoli con il
filtrato. Il volume dell’alcol deve essere circa pari a
quella della soluzione
Lasciare riposare per alcuni minuti
Dopo pochi minuti risulterà visibile una massa bianca
filamentosa depositarsi nella zona di contatto delle due
soluzioni ovvero il DNA della banana. Visibile ad occhio nudo
in quanto presenta numerosi cromosomi.
Inoltre immergendo il bicchiere contenente il filamento di DNA
in acqua calda potremmo notare la scomparsa di questi in
quanto a temperatura superiore 42° il DNA si degrada, si rompe.

OSSERVAZIONE