Sei sulla pagina 1di 3

ART IN TAXI, L’ESERCITO DEI CITTADINI ATTIVI

Dove sei: Homepage > Art in Taxi, l’esercito dei cittadini attivi

Fonte Immagine: Karamellenews

Cultura e altruismo viaggiano in taxi


31-05-2018 | Nicole Ferrero

Mi ha sempre incuriosita il mestiere del tassista. Un lavoro spesso duro, la partita iva e le infinite tass
(come la maggiorparte dei lavoratori in proprio). Orari lunghi in mezzo al traffico delle vie cittadine. Il
tassisti” è incredibilmente vasto, in Italia, come nel resto del mondo. Parlando con qualcuno di ques
guidatori" ho compreso che la loro professione è piena di bellezza: un’infinità di valori aggiunti al mestier
giorno, è davvero a contatto con i cittadini e conosce la città meglio di tutti gli altri.

Innanzitutto si è a continuo contatto col pubblico: gli autisti delle auto bianche trasportano moltissime p
giorno e quasi sempre si finisce col chiacchierare per l’intera corsa. Del tempo, della salute, dei figli, de
anche delle vite, delle storie più curiose, dei sogni, dell’arte e della musica. Chi guida un taxi ha la cit
Conosce segreti, iniziative, problematiche e spazi urbani. I tassisti sono dotati come di un superpo
sviluppato occhi capaci di vedere l’anima delle città, quella parte invisibile che spesso si cela sotto la
Nei posteggi osservano le persone, le piazze. E molti di loro hanno un’anima sensibile e artistica, quel qu
che fa sì che una corsa in taxi possa diventare un’esperienza piacevole, una di quelle cose che “ti c
giornata”. I casi di tassisti/cittadini attivi sono moltissimi e l’arte fa parte, come la cultura, del lo
“aiutare la citta”.

C’è chi allieta i viaggi dei clienti con la musica: sono famosi i casi di Torino e Roma.
A Roma c’è “Duca 40”, diventato anche un fenomeno mediatico e molto social. Con la sua “auto Karaoke”, piena di basi musicali, invita i clienti a cantare e fare st
sedili posteriori. Con la sua trovata, ha fatto nascere decine di show metropolitani: da chi intona la melodia 'Figlio della luna', a chi canta Frank Sinatra e Celentano, o an
di amici che intonano la soundtrack del film 'Blues Brothers’.

A Torino c’è l’autista Antonio Còrapi, che ha la musica nel cuore. In un’intervista di Repubblica il tassista dichiara: «Quando uno canta e suona, scarica tutte le cattiverie
è una cosa seria la musica». Ai semafori, a richiesta, tira fuori il quintino, una chitarra con il manico corto e canta. Nel suo repertorio Modugno o Bobby Solo
Morandi, Tenco e molti altri. Allora lui si lancia in melodie che risollevano cuore e anima a chi è seduto sul sedile posteriore del suo taxi. Insomma… una suonatina al g
stress di torno!

Sempre a Torino i tassisti si stanno organizzando per “Art in taxi”o Arte in Taxi. Sono partiti durante la “fiera del libro”, posizionando locandine culturali all’in
abitacoli, per portare messaggi al pubblico. La prima idea messa in pratica è partita da un fotografo, appasionato di Nietzsche. In questo modo sui taxi torinesi si
filosofia e si è raccontata una storia che ha coinvolto la città di Torino da vicino, essendo stata la “casa” del filoso per diverso tempo.

Tra le ipotesi lanciate inizialmente si è parlato anche di Salgari, altro personaggio di spicco della letteratura e di Nostradamus. La scelta di Nietzsche (nessun riferime
l’intervento è stato scelto per onorare e diffondere la cultura) è stata approvata per l’intervento “pilota”, perchè “più internazionale”. È nato così "Nietzsche in Taxi", c
ricevuto approvazione e consensi dalla cittadinanza.

Come racconta Ermanno, o nel caso dell’appellativo lavorativo, Parigi 26: “L’associazione va avanti e magari la prossima volta si ascolterà in tutti i taxi che aderiscono al
musica degli Abba. Proponiamo mezzi di ascolto, condivisione e comunicazione per tutti quelli che hanno voglia di raccontare qualcosa. L’idea è quella di ricondurre un rap
persone, con uno scambio umano e culturale.“

Il progetto è ancora in via di sviluppo: si partirà a breve con un’associazione. Al momento i tassisti-volontari sono 33 e l’obiettivo è quello di diventare un mezzo alte
informazione. Avranno spazio nelle auto bianche locandine di eventi culturali, concerti, opere artistiche, musica, libri. “Micro spazi espositivi”, per favorire dialoghi e ri
modo di avvicinare le persone alla cultura.

L’ideatore dell’iniziativa è “Il Bretone”, questo il suo soprannome da tassista, Vincenzo Bruno, che definisce il
progetto “Arte veicolare in movimento”. - racconta “L'ispirazione è arrivata dal fatto che visitando molte mostre,
anche fuori dall’Italia, trovavo poco personale e freddo il concetto di opera e didascalia… ho immaginato arte diffusa, i
taxi come contenitori di cultura: art in taxi è un modo per rendere fruibile arte e cultura in maniera veicolare”.

Io personalmente ho viaggiato un giorno con Ermanno. Ermanno è un personaggio particolare e molto piacevole, si
vede immediatamente che ha il cuore grande. Una visione anarchica e spensierata, un approccio differente al
pubblico e alla comunicazione. Durante la mia corsa mi ha consigliato libri di filosofia, abbiamo acoltato ottima
musica e parlato di Andy Warhol. Ermanno vorrebbe trasformare il suo taxi, ricoprendo sedili e interno del tettuccio,
con una grande opera d’arte, per stupire i clienti e chiacchierare con loro di cultura, magari spiegando l’opera nei
dettagli e facendo un pò di “storia dell’arte” durante la corsa.

Una versione simile dell'idea di Ermanno è in uso in India, attraverso il progetto Taxi Fabric, dove i taxi raccontano
attraverso le immagni al loro interno, la storia dell’India.

L'ultima storia che voglio raccontarvi è quella di una tassista fiorentina, un grande esempio
altruismo. Caterina Bellandi è un motore d’amore e di solidarietà: con il suo taxi allegro e variopi
abbigliamento eccentrico e vivace, da anni effettua corse gratuite verso l’ospedale Meyer di F
bambini ammalati di tumore e i loro familiari.

La sua vita come “Zia Caterina”, questo il nome con cui è conosciuta, inizia con il lutto per la mo
compagno Stefano, che le lascia il compito di portare avanti il suo taxi “Milano25“.

L’incontro speciale, avvenuto trasportando la famiglia di un bambino affetto da un tumore, porta per la
Caterina all‘Ospedale Pediatrico Meyer. La visita ai reparti la coinvolge tanto, che da quel giorno inizia a
volontariamente corse gratuite per l’ospedale a favore dei bimbi malati.
Nasce una storia intrisa di vite, dove al dolore si risponde con la forza dell’amore e dei sorrisi. Ai “su
Caterina dà soprannomi da supereroi. Superkikko, SuperEvaKant e così via… regalando momenti di ser
e speranza a chi ne ha bisogno.

I racconti di tassisti che fanno qualcosa per cambiare in meglio la qualità della vita nelle città sono moltissimi. Poeti che regalano versi ai passeggeri, cantanti e perso
difensori della bellezza, della cultura e dell’amore per la vita.

Dietro a molte “auto bianche” si celano cittadini attivi, desiderosi di fare qualcosa di buono per la comunità. Un vero cuore pulsante che ravviva le arterie delle nostre
anche se invisibile, il tessuto della Buona Strada diventa sempre più fitto.

GALLERY

NEWSLETTER
Iscriviti alla newsletter per seguire le nostre iniziative!

inserisci qui la tua mail ISCRIVIMI

FNAS - Federazione nazionale arte in strada Seguici sui social


CF 96395280587 P IVA 07510401008
Sede legale: Via di Villa Patrizi 10, 00161 Roma
Crediti Stampa Login