Sei sulla pagina 1di 4

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

Ingegneria dell’Energia - Canale A


A.A. 2013/2014

Esercizi sulle applicazioni lineari

1. Dimostrare che le funzioni seguenti sono applicazioni lineari:

(a)
f : R3 −→ R5
x  x 
x
y 7−→ x+z
z z
z

(b)
f : R5 −→ R3
x1
!
x2
 0 
x3
x

7 → x3 −x4
4 2x2
x5

(c)
f : R3 −→ M2,2 (R)
x
y 7−→ x x+y 
z y+z z

(d)
f : M2,3 (R) −→ R4
 a11 +a12 −a13 
a21
( aa11
21
a12 a13
a22 a23 ) 7−→ 0
a21 +a13

(e)
f : M2,3 (R) −→ M2,2 (R)
( aa11 a12 a13 a11 +a12 0

21 a22 a23 ) 7−→ a21 a13

(f)
f : M2,2 (R) −→ M2,3 (R)
( aa11 a12 a11 +a12 0 0

21 a22 ) 7−→ a21 0 a12

(g)
f : R3 −→ R[x]≤3
a
b 7−→ a + ax + (b + c)x3
c

(h)
f : R[x]≤2 −→ R4
a
a + bx + cx2 7−→ b
b
a

(i)
f : M2,3 (R) −→ R[x]≤2
( aa11
21
a12 a13
a22 a23 ) 7−→ a11 + a22 x + a21 x2
(j)
f : R[x]≤3 −→ M2,2 (R)
2 3 2a a+b

a + bx + cx + dx 7−→ a+c a+d

(k)
f : R[x]≤2 −→ R[x]≤2
a + bx + cx2 7−→ a + (a + b)x + (a + b + c)x2

2. Per ciascuna applicazione lineare f dell’esercizio 1:

(a) determinare la matrice A := ACB associata ad f , dove B e C sono le basi seguenti:


• se f è l’applicazione lineare del(punto
! 1.(a):
1 0 0 0 0
! ! ! !)
n 1   0   0 o 0 1 0 0 0
B= 0 , 1 , 0 eC= 0 , 0 , 1 , 0 , 0 ;
0 0 1 0 0 0 1 0
0 0 0 0 1

• se f (
è l’applicazione
! lineare
! del ! punto 1.(b):
1 0 0 0 0
! !)
0 1 0 0 0
n 1   1   1 o
B= 0 , 0 , 1 , 0 , 0 eC= 0 , 1 , 1 ;
0 0 0 1 0 0 0 1
0 0 0 0 1

• se f n
è l’applicazione lineare del punto 1.(c):
  1   1 o
1
B= 0 , 1 , 1 e C = {( 10 00 ) , ( 00 10 ) , ( 01 00 ) , ( 00 01 )};
0 0 1

• se f è l’applicazione lineare del punto 1.(d):  1   1   0   0 


B= {( 10 00 00 ) , ( 00 10 00 ) , ( 00 00 10 ) , ( 01 00 00 ) , ( 00 01 00 ) , ( 00 00 01 )} eC = 0 , 1 , 0 , 0
0 0 1 0 ;
0 0 1 1

• se f è l’applicazione lineare del punto 1.(e):


B = {( 10 00 00 ) , ( 00 10 00 ) , ( 00 00 10 ) , ( 01 00 00 ) , ( 00 01 00 ) , ( 00 00 01 )} e C = {( 10 00 ) , ( 00 10 ) , ( 01 00 ) , ( 01 01 )};

• se f è l’applicazione lineare del punto 1.(f):


B = {( 10 00 ) , ( 01 10 ) , ( 01 00 ) , ( 01 01 )} e C = {( 10 00 00 ) , ( 00 10 00 ) , ( 00 00 10 ) , ( 01 00 00 ) , ( 00 01 00 ) , ( 00 00 01 )};

• se f n
è l’applicazione lineare del punto 1.(g):
  0   0 o
1
e C = x3 − x2 , x2 , x, 1 ;

B= 0 , 1 , 0
0 0 1

• se f è l’applicazione lineare
 1  del
 0punto
  01.(h):
  0 
2
 0 1 0 0
B = 1, x, x e C = 0 , 1 , 1 , 1 ;
1 0 0 1

• se f è l’applicazione lineare del punto 1.(i):


B = {( 10 00 00 ) , ( 00 10 00 ) , ( 00 00 10 ) , ( 01 00 00 ) , ( 00 01 00 ) , ( 00 00 01 )} e C = 1, x, x2 ;


• se f 
è l’applicazione lineare del punto 1.(j):
B = x3 , x2 , x, 1 e C = {( 10 00 ) , ( 00 10 ) , ( 01 00 ) , ( 00 01 )};

• se f 
è l’applicazione lineare del punto 1.(k):
B = 1, x, x e C = x , x + x2 , 1 + x + x2 ;
2
 2
(b) determinare il nucleo di f , una base per il nucleo e la dimensione del nucleo;
completare la base trovata a base del dominio;
(c) determinare l’immagine di f , una base per l’immagine e la dimensione dell’immagine;
completare la base trovata a base del codominio;
(d) stabilire se f è iniettiva;
(e) stabilire se f è suriettiva;
(f) stabilire se f è un isomorfismo;
(g) determinare f (V1 ) e f (V2 ), dim V1 , dim V2 , dim f (V1 ) e dim f (V2 ), dove V1 e V2 sono i
sottospazi seguenti:
• se f è l’applicazione
 0 lineare deipunti
 0  1.(a), 1.(c), 1.(g):
1 1
V1 = h 1 , 0 i e V2 = h 1 , 1 i;
0 1 0 0
• se f è l’applicazione lineare! del 1punto 1.(b):
1 1 2
! ! !
0 1 0 0
V1 = h 0 i e V2 = h 0 , 1 , 1 i;
0 0 0 0
1 0 0 1
• se f è l’applicazione lineare dei punti 1.(d), 1.(e), 1.(i):
V1 = h( 10 00 00 ) , ( 10 10 00 ) , ( 00 00 11 )i e V2 = h( 00 00 11 )i;
• se f è l’applicazione lineare del punto 1.(f):
V1 = h( 00 01 )i e V2 = h( 10 01 ) , h( 11 01 )i;
• se f è l’applicazione lineare dei punti 1.(h), 1.(k), 1.(j):
V1 = hxi e V2 = h1, x2 i;
(h) determinare la controimmagine f −1 (w1 ) e f −1 (w2 ) dei vettori w1 e w2 del codominio di
f , dove w1 e w2 sono i vettori seguenti:
• se f è l’applicazione lineare
! del punto 1.(a):
1 1
!
1 1
w1 = 2 e w2 = 1 ;
1 1
1 1
• se f èl’applicazione
 lineare
 del punto 1.(b):
0 1
w1 = 1 e w2 = 0 ;
1 1
• se f è l’applicazione lineare dei punti 1.(c), 1.(e), 1.(j):
w1 = ( 11 11 ) e w2 = ( 21 11 );
• se f èl’applicazione lineare  dei punti 1.(d), 1.(h):
1
1
 
0 1
w1 = 0 e w2 = −1 ;
1 −1
• se f è l’applicazione lineare del punto 1.(f):
w1 = ( 10 00 00 ) e w2 = ( 00 11 00 );
• se f è l’applicazione lineare dei punti 1.(g), 1.(i), 1.(k):
w1 = 1 + x e w2 = x2 .

3. Sia f : V → W un’applicazione lineare tra due spazi vettoriali sullo stesso campo K.

• Dimostrare che, se V1 è un sottospazio vettoriale di V , allora f (V1 ) è un sottospazio


vettoriale di W .
• Dimostrare che, se W1 è un sottospazio vettoriale di W , allora f −1 (W1 ) è un sottospazio
vettoriale di V .
4. Determinare nucleo e immagine dell’applicazione lineare f : V → W , la cui matrice rispetto
alla base B del dominio e alla base C del codominio è la matrice
1 1 1 0
ACB = 1 1 1 0 ,
0220

dove gli spazi vettoriali V e W e le basi B e C sono i seguenti:


 1   0   0   0  n 1   0   0 o
4
(a) V = R , W = R ; B = 3 0 , 1 , 0 , 0 , C = 0 , 1 , 0 ;
0 0 1 0 0 0 1
0 0 0 1
 1   0   0   0  n 1   1   1 o
4
(b) V = R , W = R ; B = 3 0 , 1 , 0 , 0 , C = 0 , 1 , 1 ;
0 0 1 0 0 0 1
0 0 0 1
 1   1   0   0  n 1   1   0 o
4
(c) V = R , W = R ; B = 3 0 , 1 , 0 , 0 , C = 0 , 1 , 0 ;
0 0 1 1 0 0 1
0 0 0 1
n 1   0   0 o
(d) V = M2,2 (R), W = R3 ; B = {( 10 00 ) , ( 00 10 ) , ( 01 00 ) , ( 00 01 )} , C = 0 , 1 , 0 ;
0 0 1
n 1   1   1 o
(e) V = M2,2 (R), W = R3 ; B = {( 10 00 ) , ( 00 10 ) , ( 01 00 ) , ( 00 01 )} , C = 0 , 1 , 1 ;
0 0 1
n 1   1   0 o
(f) V = M2,2 (R), W = R3 ; B = {( 10 00 ) , ( 10 10 ) , ( 01 00 ) , ( 01 01 )} , C = 0 , 1 , 0 ;
0 0 1
n 1
  0
  0
o
(g) V = R[x]≤3 , W = R3 ; B = 1, x, x2 , x3 , C =

0 , 1 , 0 ;
0 0 1
n 1
  1
  1
o
(h) V = R[x]≤3 , W = R3 ; B = 1, x, x2 , x3 , C =

0 , 1 , 1 ;
0 0 1
n 1   1   0 o
(i) V = R[x]≤3 , W = R3 ; B = 1, 1 + x, x2 , x2 + x3 , C =

0 , 1 , 0 ;
0 0 1
 1   0   0   0 
(j) V = R4 , W = R[x]≤2 ; B = , C = 1, x, x2 ;
0 , 1 , 0 , 0

0 0 1 0
0 0 0 1
 1   0   0   0 
(k) V = R4 , W = R[x]≤2 ; B = , C = 1, 1 + x, 1 + x + x2 ;
0 , 1 , 0 , 0

0 0 1 0
0 0 0 1
 1   1   0   0 
(l) V = R4 , W = R[x]≤2 ; B = , C = 1, 1 + x, x2 ;
0 , 1 , 0 , 0

0 0 1 1
0 0 0 1
(m) V = M2,2 (R), W = R[x]≤2 ; B = {( 10 00 ) , ( 00 10 ) , ( 01 00 ) , ( 00 01 )} , C = 1, x, x2 ;


(n) V = M2,2 (R), W = R[x]≤2 ; B = {( 10 00 ) , ( 00 10 ) , ( 01 00 ) , ( 00 01 )} , C = 1, 1 + x, 1 + x + x2 ;




(o) V = M2,2 (R), W = R[x]≤2 ; B = {( 10 00 ) , ( 10 10 ) , ( 01 00 ) , ( 01 01 )} , C = 1, 1 + x, x2 ;




(p) V = R[x]≤3 , W = R[x]≤2 ; B = 1, x, x2 , x3 , C = 1, x, x2 ;


 

(q) V = R[x]≤3 , W = R[x]≤2 ; B = 1, x, x2 , x3 , C = 1, 1 + x, 1 + x + x2 ;


 

(r) V = R[x]≤3 , W = R[x]≤2 ; B = 1, 1 + x, x2 , x2 + x3 , C = 1, 1 + x, x2 .


 

5. Svolgere gli esercizi del foglio


http://www.math.unipd.it/∼cantarin/didattica/fondamentidialeg/esercizi/Foglio2.pdf

6. Risolvere gli esercizi sulle applicazioni lineari proposti nei testi d’esame del corso di FALG di
Ingegneria Industriale - Canale 3 - nell’A.A. 2012/2013.