Sei sulla pagina 1di 48

l

M. Cappelletti • A. De Gianni

F l o de lle
O R S I
PE RC T I
I TA
FAC I L

Leg
ger
e FACIL
CON E

AUDIOLIBRO
SCARICABILE
FiloIdee_DSA_1.indd 1 11/09/15 12:20
IL FILO DELLE IDEE 1
Percorsi facilitati
Responsabile editoriale: Mafalda Brancaccio
Redazione: Valentina Dell’Aprovitola
Responsabile di produzione: Francesco Capitano
Progetto grafico: Carmen Fragnelli
Impaginazione: Airone Comunicazione
Referenze iconografiche: Shutterstock

Questo testo è realizzato con il carattere .


Font ad alta leggibilità: strumento compensativo per i lettori
con dislessia e facilitante per tutte le categorie di lettori.
www.easyreading.it

Stampa: Tecnostampa - Pigini Group Printing Division


Loreto – Trevi 15.83.322.0

Tutti i diritti riservati


© 2015 ELI • La Spiga Edizioni
Tel. 071 750701
info@elilaspigaedizioni.it

È assolutamente vietata la riproduzione totale o parziale di questa pubblicazione, così come la trasmissione
sotto qualsiasi forma o con qualunque mezzo, senza l’autorizzazione della casa editrice ELI.

FiloIdee_DSA_1.indd 2 11/09/15 12:20


Presentazione

I bambini con Bisogni Educativi Speciali


“In ogni classe ci sono alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni”.
“Ogni alunno, con continuità o per determinati periodi, può manifestare Bisogni Educativi Speciali: o per motivi
fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole
offrano adeguata e personalizzata risposta”. (D.M. 27/12/2012)

Il 27 dicembre 2012 è stata firmata la Direttiva “Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali
e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica”.
Con questa Direttiva viene introdotto il concetto di Bisogni Educativi Speciali e si forniscono le prime indicazioni
sulle strategie di intervento per l’inclusione scolastica.
Nella definizione di Bisogni Educativi Speciali vengono individuate tre grandi aree:
• quella della disabilità;
• quella dei Disturbi Evolutivi Specifici, di cui fanno parte i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA);
• quella dello svantaggio socioeconomico, linguistico e culturale.

La Direttiva tende a “demedicalizzare e sburocratizzare” l’intervento educativo: a tutti questi alunni possono es-
sere estesi i benefici della legge 170/2010, cioè una didattica personalizzata, strumenti compensativi e modalità
di valutazione ad hoc.
In quest’ottica di didattica personalizzata, la scuola deve mettersi in condizione di offrire maggiori opportunità
formative attraverso la flessibilità dei percorsi, utilizzando il PDP (Piano Didattico Personalizzato) come uno
strumento a disposizione dei docenti per scegliere il percorso didattico più idoneo e le modalità di valutazione
adeguate.

L’identificazione precoce delle difficoltà può essere attuata attraverso l’osservazione sistematica, che consente di
rilevare le aree critiche, i ritardi di sviluppo e gli aspetti su cui intervenire con attività didattiche mirate e speci-
fiche di potenziamento, in modo da avviare un reale processo di inclusione attraverso l’attuazione di interventi
su tutto il gruppo classe.
Bisogna superare, cioè, il tradizionale concetto d’integrazione, centrato su un alunno concepito come diverso, e
adottare quello di inclusione focalizzato sul contesto educativo, che ha come obiettivo la partecipazione di tutti,
ciascuno con le proprie modalità.

Nell’ottica di una didattica inclusiva, che tenga conto della necessità di piani didattici personalizzati e di valu-
tazioni adeguate, questo Fascicolo propone delle pagine di percorsi facilitati per alunni con Bisogni Educativi
Speciali, compresi quindi gli alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA).
Le pagine presentate fanno riferimento al progetto “Il Filo delle idee”, in modo da proporre attività alle quali tutti
i bambini, ognuno con le proprie possibilità, possano partecipare.
Si propongono, pertanto, attività strutturate con criteri diversi, che ne permettono una fruizione migliore, senza
perdere di vista i contenuti didattici.

FiloIdee_DSA_1.indd 3 11/09/15 12:20


Presentazione

Si è data importanza all’aspetto grafico, privilegiando una spaziatura piuttosto ampia e l’utilizzo di un carattere
di stampa certificato come ad alta leggibilità: l’EasyReading.
Per il percorso della letto-scrittura sono state proposte numerose attività fonologiche, volte a potenziare quelle
competenze che portano il bambino alla conoscenza delle lettere e allo sviluppo delle competenze linguistiche.
Il percorso prosegue per sostenere e guidare l’alunno nella lettura e nella comprensione dei testi, proponendogli
pagine facilitate con una forma linguistica semplice ma significativa, che si attua attraverso:
• frasi semplici con soggetto - predicato - complementi;
• informazioni ordinate in senso logico e cronologico, evitando momenti di difficile ricostruzione;
• frasi di lunghezza limitata;
• uso limitato di subordinate;
• uso limitato di parole vuote quali preposizioni, congiunzioni, avverbi, pronomi;
• uso attento dei verbi proposti, possibilmente, in forma attiva.

Per gli alunni con Bisogni Educativi Speciali si possono individuare e attuare alcune utili strategie:
• evitare la sottolineatura degli errori in modo che il rinforzo visivo non li accentui;
• evitare la copiatura di lunghi testi dalla lavagna;
• mantenere lo stampato maiuscolo per tempi più lunghi e passare agli altri caratteri solo quando il bambino ha
sviluppato discrete abilità di letto-scrittura;
• assegnare nella classe un posto accanto a un compagno disponibile a fare da tutor;
• favorire le attività in piccoli gruppi;
• semplificare e chiarire le consegne scritte;
• suddividere il lavoro da svolgere in tappe e presentare una piccola quantità di lavoro per volta.

FiloIdee_DSA_1.indd 4 11/09/15 12:20


LE VOCALI
ASCOLTA L’INSEGNANTE CHE PRONUNCIA LE VOCALI UNA ALLA VOLTA,
INDICALE E RIPETILE.

A E
I
O
U
5

FiloIdee_DSA_1.indd 5 11/09/15 12:20


INIZIA CON…
OSSERVA LE FIGURE E PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
QUALE INIZIA CON A? INDICA CON UNA X.

FiloIdee_DSA_1.indd 6 11/09/15 12:20


FINISCE CON…
OSSERVA LE FIGURE E PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
QUALE FINISCE CON A? INDICA CON UNA X.

FiloIdee_DSA_1.indd 7 11/09/15 12:20


CONTIENE…
OSSERVA LE FIGURE E PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
QUALE CONTIENE A? INDICA CON UNA X.

FiloIdee_DSA_1.indd 8 11/09/15 12:20


COMINCIA CON A O CON E?
OSSERVA LE FIGURE E PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
FAI UN CERCHIO ROSSO INTORNO ALLE FIGURE IL CUI NOME
INIZIA CON A.
FAI UN CERCHIO VERDE INTORNO ALLE FIGURE IL CUI NOME
INIZIA CON E.

FiloIdee_DSA_1.indd 9 11/09/15 12:20


CHE COSA MANCA?
OSSERVA LE FIGURE E PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
SCRIVI LA VOCALE CHE MANCA.

A RCO AP E C A NE

M E LA O CA L A NA

O NDA U OVO D I TO

10

FiloIdee_DSA_1.indd 10 11/09/15 12:20


DALL’IMMAGINE
ALLA SILLABA
OSSERVA LE FIGURE E PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
COLLEGA CIASCUNA FIGURA ALLA SILLABA INIZIALE.

MA

ME

MI

MO

MU

11

FiloIdee_DSA_1.indd 11 11/09/15 12:20


OSSERVO E SCRIVO
OSSERVA LE FIGURE E PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
COMPLETA CON:

MA ME MI MO MU

RE RA LA

DU SA LI NO

SCA SA
12

FiloIdee_DSA_1.indd 12 11/09/15 12:20


OSSERVO E SCRIVO
OSSERVA LE FIGURE, PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
COMPLETA CON:

MA ME MI MO MU

RA SE RO

PIU FIU

LI NE LU CA

13

FiloIdee_DSA_1.indd 13 11/09/15 12:20


GLI INTRUSI
OSSERVA LE FIGURE E PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
QUALE INIZIA IN MODO DIVERSO? CIRCONDALO.

14

FiloIdee_DSA_1.indd 14 11/09/15 12:20


STESSO SUONO
OSSERVA LE FIGURE E PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
COLLEGA QUELLE CHE INIZIANO CON LO STESSO SUONO.

15

FiloIdee_DSA_1.indd 15 11/09/15 12:20


LE SILLABE
LEGGI LA SILLABA INIZIALE, POI SCEGLI LA SILLABA GIUSTA
PER COMPLETARE LA PAROLA.

LA TE
PA LE
ME SO

RO SA
PO MA
TO RO

NO SO
BO DO
MA NI

VE TO
LE SI
NA VA
16

FiloIdee_DSA_1.indd 16 11/09/15 12:21


LEGGO E CAPISCO
LEGGI LE PAROLE E COLLEGALE ALLA FIGURA CORRISPONDENTE.

PANE

FARO

LUPO

ZERO

DADO

TANA

MANO

VELA

17

FiloIdee_DSA_1.indd 17 11/09/15 12:21


PAROLE E IMMAGINI
LEGGI LA PAROLA E INDICA CON UNA X LA FIGURA CORRISPONDENTE.

PANE

ROSA

TOPO

MARE

LUNA

18

FiloIdee_DSA_1.indd 18 11/09/15 12:21


LEGGO E SCRIVO
METTI IN ORDINE LE SILLABE E SCRIVI LE PAROLE.

TA MA NO DI
TI BU

DI NO NA BA
VA LE

TA TE TA LO
PA VO

19

FiloIdee_DSA_1.indd 19 11/09/15 12:21


SILLABE INVERSE
OSSERVA LE FIGURE E PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
CON QUALE SILLABA INIZIA? COLLEGA.

OM

IM

AR

AL

UN

ER

20

FiloIdee_DSA_1.indd 20 11/09/15 12:21


CAMBIO DI LETTERA
CAMBIA LA LETTERA NELLA CASELLA COLORATA E SCOPRI
UNA NUOVA PAROLA.

L U N A

N I D O

P A N E

V E L A

U O M O

21

FiloIdee_DSA_1.indd 21 11/09/15 12:21


OSSERVO, SCOPRO, SCRIVO
OSSERVA LE FIGURE E PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
SCOPRI LA PAROLA CHE PUÒ ENTRARE NEL RIQUADRO E SCRIVILA.

BU

PO

SI

MA

22

FiloIdee_DSA_1.indd 22 11/09/15 12:21


SCRIVO IO
OSSERVA LE FIGURE E PRONUNCIA A VOCE ALTA IL LORO NOME.
POI SCRIVILO AL POSTO GIUSTO.

23

FiloIdee_DSA_1.indd 23 11/09/15 12:21


PAROLE E IMMAGINI
LEGGI LA PAROLA E INDICA CON UNA X LA FIGURA CORRISPONDENTE.

LIBRO

RUOTA

TRENO

FIORE

BARCA

24

FiloIdee_DSA_1.indd 24 11/09/15 12:22


FRASI DA COMPLETARE
OSSERVA IL DISEGNO, LEGGI E COLORA LA PAROLA GIUSTA
PER COMPLETARE LA FRASE.

IL CANE DORME SUL


DIVANO TAPPETO

IL VIGILE FERMA LE
AUTO MOTO

DAVIDE PRENDE UN
LIBRO FIORE

LAURA GIOCA CON LA


BAMBOLA PALLA

25

FiloIdee_DSA_1.indd 25 11/09/15 12:22


FRASI DA COMPLETARE
LEGGI E COLORA LA PAROLA GIUSTA PER COMPLETARE LA FRASE.

MARCO MANGIA
UNA MATITA MELA

NEL PRATO SPUNTANO


I FIORI LIBRI

ALICE NUOTA
NEL CORTILE MARE

LA MAESTRA LEGGE
UNA TORTA FIABA

I BAMBINI ASCOLTANO
LA MUSICA PANNA

26

FiloIdee_DSA_1.indd 26 11/09/15 12:22


LEGGO E CAPISCO
LEGGI LA FRASE E COLLEGALA AL DISEGNO CORRISPONDENTE.

UN BAMBINO CORRE NEL PRATO.

LUISA E DAVIDE GIOCANO A PALLA.

NEL CIELO BRILLANO LE STELLE.

27

FiloIdee_DSA_1.indd 27 11/09/15 12:22


LEGGO E CAPISCO
LEGGI LA FRASE E COLLEGALA AL DISEGNO CORRISPONDENTE.

MARTA
SI PETTINA.

MARTA
LEGGE
UN LIBRO.

MARTA
SI ALLACCIA
LE SCARPE.

MARTA
MANGIA
IL GELATO.

28

FiloIdee_DSA_1.indd 28 11/09/15 12:22


LA CAPRIOLA
TESTA IN GIÙ
PIEDI IN SU.
SPINGI FORTE…
UN PO’ DI PIÙ!
ECCO FATTA LA CAPRIOLA
MEZZO SALTO E MEZZO VOLO.
COM’È BELLO CAPRIOLARE
SULL’ERBETTA FRESCA E MOLLE
CHE RICOPRE TUTTO IL COLLE.
M. Vago, 101 filastrocche per 4 stagioni, Larus

RISPONDI INDICANDO CON UNA X.

 ER FARE LA CAPRIOLA, I PIEDI


P
COME DEVONO ESSERE?
IN SU.
IN GIÙ.

DOVE SI FA LA CAPRIOLA?

Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 40 di “Il filo delle Idee” Letture 1. 29

FiloIdee_DSA_1.indd 29 11/09/15 12:22


GIOCARE INSIEME
ANNA, VALERIO, GAIA E LUCA
GIOCANO A NASCONDINO.
LUCA È SOTTO E PRENDE TUTTI.
ADESSO TOCCA A VALERIO.
VALERIO TROVA GAIA E ANNA,
MA NON LUCA.
LUCA LIBERA TUTTI.
VALERIO RICOMINCIA A CONTARE.
ANCHE QUESTA VOLTA LUCA LIBERA TUTTI.
VALERIO PROTESTA E SE NE VA SBUFFANDO.
CAPISCE, PERÒ, DI AVERE SBAGLIATO
E SI SENTE TRISTE.

COMPLETA INDICANDO CON UNA X.

VALERIO SE NE VA PERCHÉ:
NON ACCETTA DI PERDERE.
LUCA IMBROGLIA.

30 Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 41 di “Il filo delle Idee” Letture 1.

FiloIdee_DSA_1.indd 30 11/09/15 12:22


PALLA PIOGGIA
SI GIOCA ALL’APERTO
O IN PALESTRA.

IL CAMPO È DIVISO
IN DUE PARTI.
I GIOCATORI SI DIVIDONO
IN DUE SQUADRE.

OGNI GIOCATORE HA
UNA PALLA.
AL VIA, TUTTI BUTTANO
LA PALLA NEL CAMPO
AVVERSARIO.
IL GIOCO CONTINUA:
I GIOCATORI RILANCIANO
LE PALLE CHE ARRIVANO.

QUANDO IL GIOCO FINISCE,


TUTTI SI FERMANO
CON LE MANI AL CIELO.
VINCE LA SQUADRA
CHE HA MENO PALLE
NEL PROPRIO CAMPO.

Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 42 di “Il filo delle Idee” Letture 1. 31

FiloIdee_DSA_1.indd 31 11/09/15 12:22


SAMBA
SAMBA È IL MIO NUOVO AMICO
ED È FORTISSIMO!
È NATO IN AFRICA – QUELLA DEI LEONI
E DELLA SABBIA GIALLA E FINISSIMA –
E A PALLONE NON LO BATTE NESSUNO.
IN MATEMATICA, POI, È UN MAGO.
IO, INVECE, SONO UN SOMARO,
I NUMERI MI FANNO DIVENTARE MATTO.
E DOMANI C’È PURE IL COMPITO
IN CLASSE!
COSÌ OGGI STUDIO CON SAMBA,
A CASA SUA.
C. Dattola, L’Africa in città, Terre di Mezzo Editore

COMPLETA INDICANDO CON UNA X.

SAMBA È MOLTO BRAVO A:


CALCIO. SCACCHI.

SAMBA È UN MAGO IN:


STORIA. MATEMATICA.

32 Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 43 di “Il filo delle Idee” Letture 1.

FiloIdee_DSA_1.indd 32 11/09/15 12:22


HO VISTO PASSARE
HO VISTO PASSARE UN CONIGLIO
CHE SALTELLAVA CONTENTO,

HO VISTO PASSARE UN PULEDRO


CHE GALOPPAVA NEL VENTO.

HO VISTO PASSARE UN PULCINO


CHE RAZZOLAVA QUI E LÌ,

HO VISTO PASSARE UN PINGUINO


CHE DONDOLAVA COSÌ.

MA ADESSO NON PASSA PIÙ NIENTE


E IO MI ANNOIO TERRIBILMENTE!

CONTINUA TU.

HO VISTO PASSARE UN RANOCCHIO


CHE .............................................................................................................................................................................................................

HO VISTO PASSARE UN SERPENTE


CHE .............................................................................................................................................................................................................

Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 44 di “Il filo delle Idee” Letture 1. 33

FiloIdee_DSA_1.indd 33 11/09/15 12:22


IN BICI
SALIM ESCE DI CASA CON LA SUA BELLA BICI
APPENA PULITA.
MENTRE PEDALA SU UN SENTIERO
DI CAMPAGNA, SENTE UN CLIC: È SALTATA
LA VITE DEL FRENO.
SALIM CERCA DI FERMARSI, MA NON CI RIESCE.
I FRENI NON FUNZIONANO.
COMINCIA UNA LEGGERA DISCESA
E SALIM FRENA CON I PIEDI.
DOPO UN PO’ GRIDA:
– AIUTO! HO BUCATO LE SCARPE!

COMPLETA INDICANDO CON UNA X.

SALIM VA IN:
BICI. MONOPATTINO.

ALLA BICI DI SALIM SI ROMPE IL:


FRENO. MANUBRIO.

SALIM DICE DI AVER BUCATO LE:


RUOTE. SCARPE.

34 Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 45 di “Il filo delle Idee” Letture 1.

FiloIdee_DSA_1.indd 34 11/09/15 12:22


Verifico le mie competenze

POSSO GIOCARE?
SERGIO DA POCO TEMPO ABITA
NELLO STESSO CONDOMINIO DI LUCA.

GLI PIACE GIOCARE A CALCIO,


MA NON HA ANCORA TROVATO
NUOVI AMICI.

UN POMERIGGIO, VEDE LUCA


E I SUOI AMICI CHE GIOCANO
A PALLONE IN CORTILE.

SERGIO LI RAGGIUNGE E CHIEDE:


– POSSO GIOCARE CON VOI?

LUCA RISPONDE:
– MA CERTO!

LA PARTITA RICOMINCIA.

AL PRIMO GOL SERGIO E I SUOI


NUOVI AMICI SI ABBRACCIANO FELICI.

35

FiloIdee_DSA_1.indd 35 11/09/15 12:22


Verifico le mie competenze

COMPLETA INDICANDO CON UNA X.

SERGIO VUOLE:
GIOCARE A CALCIO.
ANDARE ALLO STADIO.

SERGIO:
SI METTE A VEDERE LA TV.
SCENDE IN CORTILE.

DALLA FINESTRA SERGIO VEDE:


DEI BAMBINI IN BICICLETTA.
DEI BAMBINI CHE GIOCANO
A PALLONE.

I BAMBINI IN CORTILE:
LO FANNO GIOCARE.
NON LO FANNO GIOCARE.

36 Verifica facilitata corrispondente alle pagine 46-47 di “Il filo delle Idee” Letture 1.

FiloIdee_DSA_1.indd 36 11/09/15 12:22


IL PICNIC DEGLI ANIMALI
GLI ANIMALI DELLA GIUNGLA FECERO UN PICNIC.
ALLA FINE DEL PICNIC L’ELEFANTE BARRÌ:
– CI SONO TROPPI RIFIUTI… QUALCUNO PULISCA!
L’IPPOPOTAMO DISSE:
– IO NON POSSO, DEVO TORNARE AL FIUME.
L’AIRONE ROSA DISSE:
– IO HO PAURA DI SPORCARMI LE PIUME.
IL LEONE RUGGÌ:
– RRRRRRR! LA FORESTA DIVENTERÀ
SPORCA E BRUTTA…
NON C’È NESSUNO CHE FA PULIZIA?
LO SCIMPANZÉ DISSE: – LO FARÒ IO! HO LE MANI!

RISPONDI INDICANDO CON UNA X.

CHE COSA FANNO GLI ANIMALI DELLA GIUNGLA?


UNA GARA DI CORSA. UN PICNIC.

CHE COSA LASCIANO IN GIRO?


TANTI RIFIUTI. SOLO POCHE CARTE.

CHI PULISCE LA GIUNGLA?


L’ELEFANTE. LO SCIMPANZÉ.
Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 69 di “Il filo delle Idee” Letture 1. 37

FiloIdee_DSA_1.indd 37 11/09/15 12:22


A PASSEGGIO NEL BOSCO
ANNA, VALERIO E SIMONA VANNO NEL BOSCO.
ANNA TOCCA IL TRONCO DI UN PINO.
LA RESINA RENDE LE SUE DITA APPICCICOSE.
VALERIO RACCOGLIE UNA MORA, LA PULISCE
E LA MANGIA: – È DOLCISSIMA!
ANNA TOCCA IL MUSCHIO CHE RICOPRE
UN GROSSO PINO: – SEMBRA VELLUTO!
NEL SILENZIO SI SENTE UN… TOC, TOC…
SIMONA DICE: – È IL PICCHIO!

RESINA: SOSTANZA APPICCICOSA CHE


SI TROVA SUL TRONCO DELLE CONIFERE.

OSSERVA CHE COSA SCOPRONO I NOSTRI AMICI NEL BOSCO


E SCRIVI ATTRAVERSO QUALI SENSI ESPLORANO.

................................................ ................................................ ................................................ ................................................

................................................ ................................................ ................................................ ................................................

38 Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 73 di “Il filo delle Idee” Letture 1.

FiloIdee_DSA_1.indd 38 11/09/15 12:22


LA COCCINELLA
SONO ROSSA COME UN PAPAVERO,
MA SUL DORSO HO SETTE PUNTINI NERI.
SONO LA COCCINELLA.
APRO LE MIE ALI E VOLO VELOCE SOPRA
I PRATI FIORITI.
SALUTO LE MIE AMICHE FARFALLE, LE API
SEMPRE AL LAVORO, I GRILLI CANTERINI…
A VOLTE MI POSO SUL BRACCIO DI QUALCHE
BAMBINO E GLI FACCIO IL SOLLETICO.
NESSUNO MI MANDA VIA, PERCHÉ DICONO
CHE PORTO FORTUNA.

RISPONDI.

DI QUALE ANIMALE SI PARLA NEL BRANO?



.....................................................................................................................................................................................................................

CHE COSA FA?


.....................................................................................................................................................................................................................

CHI SONO I SUOI AMICI?


.....................................................................................................................................................................................................................

Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 75 di “Il filo delle Idee” Letture 1. 39

FiloIdee_DSA_1.indd 39 11/09/15 12:22


L’ORCO DELLA MONTAGNA
C’ERA UNA VOLTA UN ORCO CHE ABITAVA
IN CIMA A UNA MONTAGNA.
AVEVA PIÙ DI CENTO ANNI E FACEVA PAURA.
AVEVA I PIEDI MOLTO GRANDI. NON TROVAVA
SCARPE ADATTE, PERCIÒ ANDAVA SEMPRE SCALZO.
I SUOI CAPELLI ERANO GRIGI E ARRUFFATI.
LA BARBA GLI ARRIVAVA FINO A TERRA.
LA BOCCA ERA TUTTA SGANGHERATA.
AVEVA DUE OCCHIACCI LARGHI
COME GUSCI D’UOVO.
IL NASO ERA GROSSO COME UN PEPERONE.
C. Cipriani, Mangia che ti racconto, Spierling & Kupfer

COLORA L’AFFERMAZIONE GIUSTA.

L’ORCO AVEVA MENO DI CENT’ANNI.


L’ORCO AVEVA PIÙ DI CENT’ANNI.

AVEVA SCARPE GRANDISSIME.


ANDAVA SEMPRE SCALZO.

AVEVA IL NASO COME UN POMODORO.


AVEVA IL NASO COME UN PEPERONE.

40 Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 78 di “Il filo delle Idee” Letture 1.

FiloIdee_DSA_1.indd 40 11/09/15 12:22


LA MATITA INNAMORATA
C’ERA UNA VOLTA UNA MATITA.
UN GIORNO VIDE TRE PENNARELLI: UNO ROSSO,
UNO VERDE, UNO AZZURRO.
IL ROSSO LASCIAVA SEGNI IN OGNI ANGOLO.
IL VERDE ERA TIMIDO.
L’AZZURRO ERA CARINO.
LA MATITA SUBITO SE NE INNAMORÒ.
LA MATITA VOLLE SCRIVERGLI UNA LETTERA
D’AMORE, MA… AHI! LA SUA PUNTA SI SPEZZÒ.
LA MATITA ERA TRISTE, QUANDO SENTÌ UNA VOCE
CHE DICEVA: – HAI BISOGNO DI AIUTO?
LA MATITA SI VOLTÒ: ERA IL PENNARELLO AZZURRO.
COSÌ NON CI FU BISOGNO DI SCRIVERE LETTERE.
R. Piumini - N. Costa, C’era una volta, ascolta, Edizioni EL

COMPLETA COLLEGANDO I PENNARELLI DELLA STORIA


ALLE CARATTERISTICHE CORRISPONDENTI.

IL PENNARELLO ROSSO ERA TIMIDISSIMO.

IL PENNARELLO VERDE ERA CARINO.

IL PENNARELLO AZZURRO LASCIAVA SEGNI.

Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 79 di “Il filo delle Idee” Letture 1. 41

FiloIdee_DSA_1.indd 41 11/09/15 12:22


PANFILO, CANE PITTORE
PANFILO È UN CANE PITTORE.
USA LA CODA COME PENNELLO.
UN GIORNO PANFILO VEDE NEL CIELO
TRE NUVOLETTE BIANCHISSIME.
PANFILO DIPINGE LE NUVOLE: UNA ROSSA,
UNA GIALLA E UNA AZZURRA.
LE NUVOLE SI MISCHIANO E IL CIELO
SI RIEMPIE DI NUVOLETTE COLORATE.
PANFILO CHIEDE ALLE NUVOLETTE DI FARE
LA PIOGGIA.
SUBITO, DAL CIELO SCENDE UNA PIOGGIA
DI MILLE COLORI.
A. Traini, Panfilo, cane pittore, Piemme

COLORA LE NUVOLETTE COME PANFILO.

42

FiloIdee_DSA_1.indd 42 11/09/15 12:22


RISPONDI INDICANDO CON UNA X.

CHE COSA USA PANFILO PER DIPINGERE?


LE ZAMPE.
LA CODA.
LE ORECCHIE.

CHE COSA SUCCEDE QUANDO PANFILO


CHIEDE ALLE NUVOLETTE DI FARE
LA PIOGGIA?
CADONO GOCCE TRASPARENTI.
CADONO GOCCE ROSSE, AZZURRE, GIALLE.
CADONO GOCCE DI MILLE COLORI.

METTI IN ORDINE LE SEQUENZE NUMERANDOLE DA 1 A 4.

Lettura e attività facilitate corrispondenti alle pagine 80-81 di “Il filo delle Idee” Letture 1. 43

FiloIdee_DSA_1.indd 43 11/09/15 12:22


ROSSO ROSSO
IO E IL MIO PESCIOLINO SIAMO UGUALI.
IO HO I CAPELLI ROSSO CILIEGIA, ROSSINO
È COME UNA FRAGOLA MATURA.
ROSSINO ME LO HA REGALATO MIO ZIO.
ERA UN GIORNO GRIGIO. LE UNICHE COSE
COLORATE IN CASA ERAVAMO IO E LUI.
È STATO AMORE A PRIMA VISTA.
UN GIORNO IL NONNO MI HA DETTO CHE TUTTI
GLI ANIMALI DEVONO VIVERE IN LIBERTÀ.
HO DECISO. LIBERERÒ ROSSINO NELLO STAGNO
VICINO ALLA CASA DEL NONNO.
SARÀ FELICE E… SARÀ LIBERO!
E. Orlandini, Rosso Rosso, La Spiga Edizioni

RISPONDI.

IL BAMBINO HA I CAPELLI ROSSI COME .......................................

ROSSINO È ROSSO COME ....................................................................................................................

IL NONNO DICE CHE GLI ANIMALI .....................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................

IL BAMBINO DECIDE ........................................................................................................................................

44 Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 90 di “Il filo delle Idee” Letture 1.

FiloIdee_DSA_1.indd 44 11/09/15 12:22


LA PRINCIPESSA DISPETTOSA
LA PRINCIPESSA MATILDE AVEVA I CAPELLI
ROSSI, IL NASO A PATATA, LE LENTIGGINI
E GLI OCCHIALI.
MANGIAVA SOLO PATATE FRITTE E CIOCCOLATA.
INVENTAVA SCHERZI BELLISSIMI.
IL RE E LA REGINA NON POTEVANO FARE
COLAZIONE TRANQUILLI: UNO DEI TOPI
DI MATILDE ERA NASCOSTO NELLA SCATOLA
DEL BURRO O SEDUTO NEL BRICCO DEL LATTE.
LA REGINA SI SPAVENTAVA SEMPRE TANTO!
N. Costa, La principessa dispettosa, Edizioni EL

QUAL È LA PRINCIPESSA? INDICA CON UNA X.

COMPLETA.

MATILDE MANGIAVA SOLO ............................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................

IL SUO PASSATEMPO PREFERITO ERA .......................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................

Lettura e attività facilitate corrispondenti alla pagina 91 di “Il filo delle Idee” Letture 1. 45

FiloIdee_DSA_1.indd 45 11/09/15 12:22


Verifico le mie competenze

RICCIOLINO
IN UN PAESE DI MARE VIVEVA UN BAMBINO
CON I CAPELLI RICCI. SI CHIAMAVA RICCIOLINO.
UNA MATTINA, SULLA RIVA DEL MARE,
RICCIOLINO VIDE UNA DONNA CHE CANTAVA:
HO PERSO UN ANELLO
UN ANELLO FATATO
NELL’ACQUA DI UN RUSCELLO
MI È SCIVOLATO.
RICCIOLINO DOMANDÒ: – PERCHÉ LO CERCHI QUI?
LA DONNA, CHE ERA LA FATA DELLE MONTAGNE,
RISPOSE: – TUTTI I FIUMI VANNO NEL MARE.
IL MIO ANELLO DEVE ESSERE QUI.
RICCIOLINO SI TUFFÒ TRA LE ONDE
PER CERCARE L’ANELLO, LO TROVÒ E LO DIEDE
ALLA FATA.
LA FATA DELLE MONTAGNE GLI REGALÒ
UNO ZUFOLO MAGICO: IL SUO SUONO
CALMAVA IL MARE IN TEMPESTA.

46

FiloIdee_DSA_1.indd 46 11/09/15 12:22


Verifico le mie competenze

COMPLETA INDICANDO CON UNA X.

RICCIOLINO VIVE IN UN PAESE DI:


MONTAGNA.
MARE.

LA FATA DELLE MONTAGNE HA PERSO:


UN ANELLO.
UNA BACCHETTA MAGICA.

LA FATA REGALA A RICCIOLINO:


UNO ZUFOLO MAGICO.
UN ANELLO MAGICO.

METTI IN ORDINE LE SEQUENZE NUMERANDOLE DA 1 A 4.

Verifica facilitata corrispondente alle pagine 94-95 di “Il filo delle Idee” Letture 1. 47

FiloIdee_DSA_1.indd 47 11/09/15 12:22


P E RCO RS I
CLASSE 1 FAC I LITATI
Percorsi facilitati classe 1
(48 pp. + AUDIO):
• analisi fonologica delle parole
• lettura e scrittura di sillabe
• lettura e scrittura di parole
• lettura e scrittura di frasi
• letture e attività facilitate in stampato maiuscolo
CLASSE 4

Percorsi facilitati classe 4


(48 pp. + AUDIO):
• difficoltà ortografiche
CLASSE 2 • giochi linguistici
• letture e attività facilitate
Percorsi facilitati classe 2 • riflessione sulla lingua
(48 pp. + AUDIO):
• lettura e scritture di parole contenenti
suoni complessi
• discriminazione di suoni omologhi
• completamento di frasi
• parole in rima
• letture e attività facilitate
CLASSE 5

Percorsi facilitati classe 5


(48 pp. + AUDIO):
CLASSE 3 • completamento di frasi e brevi testi
• giochi linguistici
• letture e attività facilitate
Percorsi facilitati classe 3
• riflessione sulla lingua
(48 pp. + AUDIO):
• discriminazione di suoni omologhi
• difficoltà ortografiche
• completamento di frasi e brevi testi
• letture e attività facilitate
• riflessione sulla lingua

RISORSE GRATUITE PER IL DOCENTE

FiloIdee_DSA_1.indd 48 11/09/15 12:22