Sei sulla pagina 1di 4

Efficacia di Mirataz®

sull'aumento del peso corporeo nei gatti

Redatto da Dechra.
Estratto dagli articoli originali scritti
da Valentine S. Williams, DVM, MS, DACVS

Mirataz ®

ll controllo della perdita di peso è nella tue mani.


Premessa
Il 10/12/2019 è stato autorizzato a livello EU, Mirataz®, un unguento transdermico a base di mirtazapina, indicato per indurre
l'aumento del peso corporeo in gatti che soffrono di scarso appetito e dimagrimento, dovuto a patologie croniche.

La mirtazapina è classificata come farmaco capace di aumentare il peso dei gatti ed è stata utilizzata come stimolante dell'ap-
petito.1 La stimolazione dell'appetito a seguito di somministrazione orale di mirtazapina è stata documentata sia nei gatti sani2,
che in quelli con insufficienza renale cronica3. Si ritiene che il meccanismo d'azione della mirtazapina sia multifattoriale,
l'inibizione dei recettori della serotonina di tipo 2C e dei recettori dell'istamina, sembrano essere alla base delle sue proprietà
oressigeniche.4

È stato anche documentato il successo di preparati transdermici estemporanei nello stimolare l'appetito nei gatti sani.5 Questa
via di applicazione permette ai proprietari di somministrare facilmente il farmaco e contrastare così l'inappetenza del proprio
gatto.

Questo materiale si propone di esaminare i risultati del principale studio


di campo, condotto in fase di registrazione di Mirataz®.

Protocollo dello studio1


In uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco
controllato con placebo, si è confrontata la differenza
nell'aumento di peso corporeo percentuale medio (% BWG) Figura 1: POPOLAZIONE DELLO STUDIO
in gatti trattati con Mirataz® (n = 83) con quelli che hanno
ricevuto solo un placebo (n = 94).
(Partecipanti ai fini del completamentop del protocollo).
Partecipanti ai fini della sicurezza (Sa)
Criteri di inclusione:
1. ≥1 anno.
2. ≥ 2 kg. Tutti i gatti hanno ricevuto almeno una dose
3. Storia documentata di perdita di peso corporeo ≥5% del "trattamento" previsto
4. Trattamenti che non hanno avuto alcun impatto
sulle condizioni cliniche oggetto di indagine.
Mirataz® = 115 gatti
Placebo = 115 gatti

Criteri di esclusione:
1. Gravidanza / allattamento
2. Diagnosi di neoplasia o grave malattia renale
3. Somministrazione di altri farmaci destinati all'aumento
di peso, nei 7 giorni antecedenti lo studio
4. Gatti a rischio di sopravvivenza entro i termini
temporali dello studio Partecipanti ai fini della rilevazione
Maggiori informazioni sulle patologie preesistenti e sui dei dati (ITT)
altri farmaci somministrati durante lo studio sono
disponibili nelle tabelle 2 e 3.
Tutti i gatti hanno ricevuto almeno una dose
A ciascun gatto sono stati somministrati 2 mg di del "trattamento" previsto e una misurazione
Mirataz®, oppure un placebo costituito da una formula- del peso corporeo post-inizio dello studio
zione identica, ma senza principio attivo, applicato
all'interno del padiglione auricolare secondo le racco- Mirataz® = 113 gatti
mandazioni riportate sul foglietto illustrativo. Placebo = 111 gatti
L'efficacia è stata definita come una combinazione di:
a) Una differenza statisticamente significativa nella
% di aumento del peso corporeo medio (BWG)
tra i gruppi.
b) Una % media di BWG maggiore nel gruppo
Mirataz® vs. placebo.
Partecipanti ai fini del completamento
c) Una % media di BWG ≥0 nel gruppo Mirataz®. del protocollo (PP)
Una spiegazione delle diverse popolazioni citate nel
documento è riportato nella Figura 1 (a destra). Gatti che hanno completato i 14 giorni
(+/- 3) di trattamento
Mirataz® = 83 gatti
Placebo = 94 gatti
Efficacia
Tabella 1. Incidenza complessiva delle reazioni avverse (manifestatesi
La variazione percentuale media del peso corporeo nel >5% dei gatti) (popolazione Sa)1
nei gatti che hanno ricevuto Mirataz® è stata del + Reazioni avverse Mirtazapina Placebo
3,9% rispetto a solo + 0,4% del gruppo placebo. Ciò (n = 115) n (%) (n = 115) n (%)
equivale a un incremento medio di +150 grammi/gatto
nel gruppo Mirataz® contro solo +10 grammi nel Incidenza complessiva 70 (60.9%) 75 (65.2%)
gruppo placebo. Questa differenza è stata Vomito 13 (11.3%) 15 (13.0%)
considerata statisticamente significativa (p <0,0001).1 Vocalizzazioni (compresi guaiti e miagolii) 13 (11.3%) 2 (1.7%)
Eritema al sito di applicazione (a) 12 (10.4%) 20 (17.4%)
Iperattività (acatisia, irrequietezza, insonnia) 8 (7.0%) 1 (0.9%)

Sicurezza Ematuria 7 (6.1%) 1 (0.9%)


Diarrea o feci molli 6 (5.2%) 7 (6.1%)
Nel complesso lo studio non ha rilevato alcuna differenza Disidratazione 6 (5.2%) 5 (4.3%)
significativa negli eventi avversi (AEs) segnalati tra i due BUN elevato (senza creatinina) 6 (5.2%) 0
gruppi: Mirataz® e placebo.1
Soffio cardiaco 5 (4.3%) 7 (6.1%)
Letargia (abbattimento, sedazione, debolezza) 4 (3.5%) 9 (7.8%)
Gli AEs descritti più comuni sono stati: reazioni al sito di
applicazione, cambiamenti comportamentali e vomito.4 Anemia 3 (2.6%) 8 (7.0%)
Ulteriori dettagli sugli AEs sono disponibili nella Tabella 1.1 Residui nel sito di applicazione 3 (2.6%) 8 (7.0%)
Squame/croste nel sito di applicazione 3 (2.6%) 6 (5.2%)
Tra i gatti dello studio (popolazione Sa), il 27,8% dei gatti del Dermatite o infiammazione nel sito di applicazione 1 (0.9%) 9 (7.8%)
gruppo trattato con Mirataz® presentava vomito preesistente
al momento dell'arruolamento a causa di patologie
concomitanti.1 Tabella 2. Patologie pre-esistenti nei gatti arruolati nello studio e
aggregate per sistema coinvolto (popolazione Sa)6
I livelli elevati di BUN non sono stati considerati clinicamente
Mirataz® e patologie preesistenti Mirataz® (n = 115) Placebo (n = 115)
rilevanti in quanto probabilmente dovuti alla maggiore n (%) n (%)
incidenza di patologie renali (in base alla clinica e all'analisi
delle urine) esistenti al momento dell'arruolamento nel Renali 64 (55.7%) 48 (41.7%)
gruppo Mirataz®.1 Multisistemiche 56 (48.7%) 48 (41.7%)
Dentali 35 (30.4%) 39 (33.9%)
Gastrointestinali 31 (27.0%) 35 (30.4%)
Mirataz® e patologie preesistenti Cardiovascolari 25 (21.7%) 25 (21.7%)
Endocrine 24 (20.9%) 19 (16.5%)
La Tabella 2 fornisce ulteriori dettagli su tipi e incidenza delle
Urinarie 23 (20.0%) 32 (27.8%)
patologie preesistenti osservate nei gatti nell'ambito dello
studio, la Tabella 3 riassume i farmaci somministrati durante Muscoloscheletriche 22 (19.1%) 14 (12.2%)
lo studio. Cutanee e auricolari 20 (17.4%) 15 (13%)
Quando si sono dovuti somministrare fluidi sottocutanei, le Comportamentali 11 (9.6%) 16 (13.9%)
misurazioni del peso corporeo sono state effettuate prima Respiratorie 8 (7.0%) 17 (14.8%)
della somministrazione, per garantire che ciò non Epatobiliari 8 (7.0%) 4 (3.5%)
influenzasse i risultati. Analogamente, in caso di utilizzo di
corticosteroidi, ci si è assicurati che la dose e la Tabella 3. Terapie somministrate ai gatti (in oltre il 3% dei soggetti) di
somministrazione non fossero modificati nei 14 giorni entrambe i gruppi (popolazione Sa) durante lo studio7
precedenti o durante lo studio. Terapie concomitanti Mirataz® (n = 115) Placebo (n = 115)
n (%) n (%)

La Tabella 2 evidenzia come, nei gatti arruolati in questo Fluidi per via parentale 20 (17.4%) 15 (13.0%)
studio, l'insufficienza renale sia stata la patologia sottostan- Antibiotici 19 (16.5%) 24 (20.9%)
te più comunemente riscontrata. Questi gatti sono stati una Vitaminici/Minerali 18 (15.7%) 18 (15.7%)
preziosa risorsa per lo studio data la loro propensione alla Corticosteroidi 13 (11.3%) 7 (6.1%)
perdita di peso e inappetenza oltre a rallentare potenzial- Farmaci anti-tiroidei 12 (10.4%) 9 (7.8%)
mente la clearance della mirtazapina.8 Integratori 9 (7.8%) 16 (13.9%)
Una più approfondita valutazione dei dati dello studio, ha Anti-ipertensivi 8 (7.0%) 9 (7.8%)
mostrato come nei gatti con sospetto di insufficienza renale
Vaccini 7 (6.1%) 10 (8.7%)
la percentuale media di BWG non si sia discostata da quella
Oppiacei 6 (5.2%) 8 (7.0%)
del proprio gruppo e come non sia emersa alcuna differenza
significativa tra i due gruppi per quel che riguarda l'inciden- Antiacidi 6 (5.2%) 6 (5.2%)
za di eventi avversi, clinici o comportamentali, come Antiemetici 6 (5.2%) 5 (4.3%)
vocalizzazione e iperattività.9 Antielmintici o Antiparassitari 5 (4.3%) 15 (13.0%)
Lassativi 4 (3.5%) 5 (4.3%)
FANs 4 (3.5%) 1 (0.9%)

CONCLUSIONI
Lo studio ha dimostrato che Mirataz® è efficace nei gatti che soffrono di perdita di
peso derivante da altre patologie4, dopo 14 giorni di applicazione giornaliera. Ha
dimostrato inoltre che l'applicazione topica è ben tollerata e induce un recupero di
peso significativo rispetto al gruppo trattato con placebo.1
BIBLIOGRAFIA
1. Poole M., Quimby J., et al. (2019) A double blind, placebo-controlled, randomized study to evaluate the weight gain drug, mirtazapine transdermal ointment, in
cats with unintended weight loss, Journal of Veterinary Pharmacology and Therapeutics, 42(2) : 179-188 https://doi.org/10.1111/jvp.12738
2. Quimby, J.M., Gustafson, D.L., Samber, B.J. and Lunn, K.F. (2011) Studies on the pharmacokinetics and pharmacodynamics of mirtazapine in healthy young cats,
Journal of Veterinary Pharmacology and Therapeutics, 34(4): 388-396
3. Quimby, J.M., Lunn, K.F., (2013) Mirtazapine as an appetite stimulant and anti-emetic in cats with chronic kidney disease: A masked placebo-controlled crossover
clinical trial, The Veterinary Journal, 197: 651-655
4. Mirataz 20 mg/g transdermal ointment for cats Package Leaflet updated 10/07/2020
5. Benson, K.K., Zajic, L.B., Morgan, P.K., Brown, S.R., et al. (2017) Drug exposure and clinical effect of transdermal mirtazapine in healthy young cats: a pilot study,
Journal of Feline Medicine and Surgery, 19(10): 998-1006
6. Dechra Internal report MZ-0194
7. Dechra Internal report MZ-0193
8. Quimby, J.M., Gustafson, D.L. and Lunn, K.F. (2011) The pharmacokinetics of mirtazapine in cats with chronic kidney disease and in age-matched control cats,
Journal of Veterinary Internal Medicine, 25(5): 985-989
9. Mason, B., et al. (2019) Double-blind, placebo controlled, randomized study to evaluate the weight gain drug, mirtazapine transdermal ointment, in cats
experiencing unintended weight loss: A post-hoc analysis of cats with suspected renal disease, BSAVA Congress Proceedings 424

Mirataz®
mirtazapina unguento transdermico
INDICAZIONI
Per l’aumento di peso corporeo nei gatti con scarso appetito e calo ponderale derivanti da condizioni mediche croniche.
CONTROINDICAZIONI
Riproduzione, gravidanza, allattamento, età inferiore a 7,5 mesi o peso inferiore a 2 kg, ipersensibilità al principio attivo o ad uno degli eccipienti; gatti
trattati con ciproeptadina, tramadolo o inibitori della monoamminossidasi (IMAO) o trattati con un IMAO nei 14 giorni prima del trattamento.
PRECAUZIONI SPECIALI PER L’IMPIEGO NEGLI ANIMALI
Non applicare sulla pelle danneggiata. In caso di malattia epatica, si possono osservare livelli elevati degli enzimi epatici. La malattia renale può
causare una ridotta clearance della mirtazapina, che può comportare una maggiore esposizione al farmaco. In questi casi speciali, i parametri
biochimici epatici e renali devono essere regolarmente monitorati durante il trattamento. Gli effetti della mirtazapina sulla regolazione del glucosio non
sono stati valutati. Nel caso di impiego nei gatti con diabete mellito, la glicemia deve essere regolarmente monitorata. Se impiegato in gatti ipovolemi-
ci, deve essere attuato un trattamento di supporto (fluidoterapia). È necessario prestare attenzione che altri animali domestici non vengano a contatto
con il sito di applicazione fino a quando non è asciutto.
PRECAUZIONI SPECIALI PER LA PERSONA CHE SOMMINISTRA IL MEDICINALE
Il prodotto può essere assorbito per via cutanea od orale e può provocare sonnolenza o sedazione. Evitare il contatto diretto con il prodotto. Evitare il
contatto con l’animale trattato per le prime 12 ore dopo ogni applicazione giornaliera e fino a quando il sito di applicazione non sia asciutto. Pertanto,
si raccomanda di trattare l’animale alla sera. Per tutta la durata del trattamento, agli animali trattati non deve essere consentito di dormire con i
proprietari, soprattutto se bambini e donne in gravidanza. Dato che le donne in gravidanza sono considerate una popolazione più sensibile, si
raccomanda alle donne in gravidanza o alle donne che cercano una gravidanza di evitare di maneggiare il prodotto e di evitare il contatto con gli
animali trattati durante il periodo di trattamento. Il prodotto può essere nocivo per ingestione. Non lasciare il tubo fuori dal suo contenitore a prova di
bambino, tranne durante la fase di applicazione. I bambini non devono essere presenti durante l’applicazione del trattamento al gatto. Dopo
l’applicazione, il tubo deve essere inserito nel contenitore a prova di bambino, che deve essere chiuso immediatamente. Non mangiare, bere o
fumare durante la manipolazione del medicinale veterinario. Il medicinale veterinario è un sensibilizzante della pelle. Le persone con ipersensibilità nota
alla mirtazapina non devono maneggiare il medicinale veterinario. Questo medicinale veterinario può causare irritazione oculare e cutanea. Evitare il
contatto diretto con bocca e occhi finché le mani non siano state accuratamente lavate. In caso di contatto con gli occhi, sciacquarli accuratamente
con acqua pulita. In caso di contatto con la pelle, lavare accuratamente con acqua calda e sapone. In caso di irritazione cutanea od oculare o in caso
di ingestione accidentale, rivolgersi immediatamente ad un medico mostrandogli l’etichetta.
REAZIONI AVVERSE
Reazione(i) in sede di applicazione (eritema, crosta, residuo, esfoliazione/secchezza, desquamazione, scuotimento della testa, dermatite o irritazione,
alopecia e prurito) e alterazioni comportamentali (aumento della vocalizzazione, iperattività, stato di disorientamento o atassia, letargia/debolezza,
ricerca di attenzione e aggressività) si sono verificate molto comunemente negli studi clinici e di sicurezza. Vomito, poliuria associata a riduzione del
peso specifico dell’urina, aumento dell’azoto ureico ematico (BUN) e disidratazione sono stati comunemente osservati negli studi clinici e di sicurezza.
A seconda della gravità del vomito, della disidratazione o delle alterazioni comportamentali, la somministrazione del prodotto può essere sospesa sulla
base della valutazione rischio/beneficio del veterinario. Questi eventi avversi, comprese le reazioni locali, si sono risolti alla fine del periodo di
trattamento senza alcuna terapia specifica. In rare occasioni, possono verificarsi reazioni di ipersensibilità. In questi casi, il trattamento deve essere
sospeso immediatamente. In caso di ingestione orale, oltre agli effetti sopra citati (tranne le reazioni locali), possono verificarsi raramente salivazione e
tremori.
POSOLOGIA
Il medicinale veterinario si applica per via topica all’interno del padiglione auricolare (superficie interna dell’orecchio) una volta al giorno per 14 giorni,
alla dose di 0,1 g di unguento/gatto (2 mg di mirtazapina/gatto). Ciò corrisponde a una striscia di unguento di 3,8 cm. Alternare l’applicazione
giornaliera tra l’orecchio sinistro e quello destro. Se lo si desidera, la superficie interna dell’orecchio del gatto può essere pulita strofinando con un
fazzolettino o un panno asciutto immediatamente prima della successiva dose programmata. Se si dimentica una dose, applicare il medicinale
veterinario il giorno seguente e riprendere la somministrazione giornaliera.
SOVRADOSAGGIO
I sintomi noti di un sovradosaggio di mirtazapina > 2,5 mg/kg nei gatti includono: vocalizzazione e alterazioni comportamentali, vomito, atassia,
irrequietezza e tremori. In caso di sovradosaggio, all’occorrenza è necessario istituire un trattamento sintomatico/di supporto. In caso di sovradosag-
gio, sono stati notati gli stessi effetti osservati alla dose terapeutica raccomandata ma con un’incidenza più elevata. Un aumento transitorio dell’alani-
na transferasi epatica può essere osservato non comunemente e non è associato a segni clinici.
PERIODO DI VALIDITÀ
Periodo di validità del medicinale veterinario confezionato per la vendita: 3 anni. Periodo di validità dopo prima apertura del confezionamento primario:
30 giorni.
MEDICINALE VETERINARIO SOGGETTO A PRESCRIZIONE
Tutte le informazioni su questo medicinale veterinario si trovano sul sito web dell’Agenzia Europea per i Medicinali (http://www.ema.europa.eu/).

© Dechra Veterinary Products


Via Agostino da Montefeltro 2
Tel. +39 0113157437
10134 TORINO-ITALIA
info.it@dechra.com