Sei sulla pagina 1di 8

MATERIALE INFORMATIVO DESTINATO AI MEDICI VETERINARI

È inappetente?
Sta perdendo peso?

Non aspettare.

Il primo e unico farmaco transdermico


per la gestione della perdita di peso nei gatti.

Mirataz ®

ll controllo della perdita di peso è nella tue mani.


La perdita di peso e appetito sono molto comuni

La perdita di peso e l’inappetenza sono il motivo più comune per cui i


proprietari portano il proprio gatto in visita dal veterinario.1
Un veterinario europeo visita circa 46 gatti al mese con perdita di peso non
primaria, causata da altre patologie.

Cause più comuni2,3,4 Possibili gravi conseguenze:


• Ipertiroidismo. • Ridotta sopravvivenza.5-8
• Malattia renale cronica. • Ripercussioni a volte peggiori della stessa patologia.9
• Patologie infiammatorie • Induzione di uno stato iper-metabolico,
intestinali. con catabolismo proteico, cachessia,
• Neoplasia. insulino resistenza, lipolisi e aumento del
• Pancreatite. dispendio energetico.10-13
• Patologie del fegato. • Rischio di malnutrizione con conseguente anemia,
iperproteinemia, riduzione della funzione immunitaria
e della guarigione delle ferite.10,11,13,14
• Forte impatto emotivo sul proprietario.15-17
Circa
60 milioni
di gatti all’anno
possono trarre beneficio da

Mirataz®

L’inappetenza e la perdita di peso possono


essere il primo indicatore di patologia

I gatti nei 12 mesi precedenti la diagnosi di malattia


renale cronica (CKD) perdono in media l' 8,9% del
proprio peso.6

Risultati simili sono stati riscontrati in gatti con neoplasie,


insufficienza renale e patologie tiroidee.
La perdita di peso inizia più di 2 anni prima della diagnosi.18

I gatti che in visita appaiono dimagriti,


in media stanno perdendo peso da 1 mese. 19

Per avere i migliori risultati terapeutici aiutiamo i proprietari


di gatti a capire che il tempo è un fattore cruciale.
2
Mirataz®: per agire rapidamente
La perdita di peso e appetito andrebbero trattate il prima possibile per:

INIZIO
u Ridurre al minimo la perdita di peso e il DELLA
PATOLOGIA
suo impatto sullo stato di salute.

u Guadagnare tempo per diagnosticare la


causa scatenante.2,20,21 TESSUTO
ADIPOSO
TESSUTO
MUSCOLARE

u Tranquillizzare i proprietari e renderli più


propensi a rispettare le indicazioni RIPERCUSSIONI 2,5 Kg INAPPETENZA
terapeutiche (dai cambiamenti della dieta alla SULLO STATO
DI SALUTE
E PERDITA
DI PESO
somministrazione di farmaci).22

Mirataz® è la prima formulazione transdermica indicata per indurre l’aumento


di peso corporeo del gatto con scarso appetito e perdita di peso derivante da
patologie croniche. Il principio attivo, mirtazapina, contrasta la riduzione
dell’appetito e induce un aumento di peso significativo già in 14 giorni.23

u Consente una risposta rapida e prolunga la


sopravvivenza.5-8
u Migliora le condizioni del paziente nell'attesa
di avere una diagnosi.
u Fornisce supporto ai pazienti che già ricevono
trattamenti a lungo termine.

Mirataz®: meccanismo di azione


L'esattoHow does mirtazapine
meccanismo work?la
mediante il quale
mirtazapina induce l'aumento di peso e
The exact mechanism by which
contrasta lo scarso appetito sembra essere
mirtazapine induces weight gain and
multifattoriale.
addresses poor appetite appears to be
L'azionemultifactorial.
farmacodinamica della mirtazapina
coinvolge
Thediversi recettori action
pharmacodynamic correlati
of con Recettori Recettori Recettori
appetito, nausea ed emesi.
mirtazapine involves interaction with
-2 presinaptici serotonina istamina

several different receptors involved with


In particolare, l'antagonismo verso i recettori
appetite, 5-HT2C
della serotonina nausea and emesis.
e dell'istamina H1 può
spiegareSpecifically,
gli effetti oressigenici (aumento
antagonism of 5-HT2 and
dell'appetito) di questa molecola.24
histamine H1 receptors may account for AUMENTO PESO
the orexigenic effects of the molecule24

Per ulteriori informazioni sul meccanismo d'azione della


mirtazapina, scansiona il QR code e guarda il video. 3
QR code For more information on how mirtazapine works,
scan the QR code and watch the video
I benefici di un farmaco transdermico autorizzato
L'uso della mirtazapina nei gatti non è una novità.
Compresse per uso umano e preparazioni a base di mirtazapina sono state utilizzate
off-label, con dosi e modalità diverse.1 Però:
1 Le compresse umane devono essere divise o rotte, il
che può portare a un dosaggio impreciso. Anche
l'impatto che la manipolazione delle compresse ha
sulla persona è sconosciuto.26
2 È stato dimostrato che le preparazioni
transdermiche galeniche a base di mirtazapina
non raggiungono le concentrazioni necessarie
ai fini terapeutici.27
3 I dosaggi si basano su dati valutati nell'uomo
senza alcun riferimento specifico alla farmacocinetica Mirataz® va applicato sulla parte
dei gatti.28 interna del padiglione auricolare

Perchè la farmacocinetica è così importante?


La farmacocinetica (PK) di qualsiasi farmaco guida il regime posologico.
Studi sulla PK della mirtazapina orale in gatti sani supportavano la somministrazione di
dosi ridotte, ma più frequenti. In una popolazione aggregata di gatti sani (n=22), che hanno
ricevuto 1,88 mg di mirtazapina per via orale, la massima concentrazione plasmatica (Cmax) è
stata di 55,8 ng(ml). Il tempo necessario per ragggiungerla è stato di 1 ora (Tmax).29-31

Con Mirataz®, si è osservata una Cmax media inferiore rispetto alla formulazione orale
(39,6 ng/ml) e una Tmax più lunga (2,1 ore),32 riducendo quindi il picco di concentrazione.
Una Cmax media inferiore può aiutare a ridurre al minimo le reazioni avverse.
80
Curve farmacocinetiche a confronto
CONCENTRAZIONE MEDIA (ng/ml)

60 Dati combinati di gatti sani a cui sono stati


somministrati 1,88 mg di mirtazapina per via orale.29-31

Concentrazioni stabili di Mirataz® in gatti dopo la


40 somministrazione giornaliera (giorno 13: 0,5 mg/kg).32

20

0
12 4 8 24 48
TEMPO IN ORE

I dati di PK mostrano che Mirataz® determina un picco di


concentrazione plasmatica inferiore rispetto alla formulazione
orale. Questo può aiutare a ridurre al minimo le reazioni avverse.
La formulazione transdermica è stata specificatamente studiata e
quindi ottimale per la somministrazione nel gatto.
4
Mirataz: The evidence
Body weight gain 4.0%
+3.9%
Mirataz treated cats demonstrated a (5.4)

Evidenze scientifiche
significant increase in body weight in
as little as 14 days23.
3.5%

3.0%
Cats* with a documented history of
1 Aumento del peso corporeo
4.0%

≥5% body weight loss were randomised +3.9%


to receive
In uno studio either Mirataz
di campo ointment
i gatti trattati or Mirataz® hanno2.5%
con 3.5%

dimostrato un aumento
placebo once dailysignificativo del peso corporeo in
for 14 days. Changes
appenain14 giorni.
body
23
weight between the two groups 2.0%
3.0%

were evaluated from day 1 to day 14.


Mirataz e placebo sono stati somministrati una volta al giorno
® 2.5%
per 14 giorni.
The mean percent change in body weight 1.5%

for cats receiving Mirataz was +3.9% 2.0%


La variazione percentuale
compared mediaindel
to only +0.4% the peso è stata:
placebo 1.0%
• Gruppo Mirataz®: + 3,9% (pari a + 150 g/gatto) 1.5%
group. This equated to a mean weight
• Gruppo placebo: + 0,4 (pari a + 10 g/gatto).
gain of 150 grams in the Mirataz group 0.5%
1.0%
versus onlyè10stata
Questa variazione grams in the placebo
considerata statisticamente +0.4%
group.(p
significativa <0,0001).
This change was considered (3.3)
0.5%
statistically significant (p < 0.0001). Placebo (n=94)+0.4%Mirataz (n=83)

Placebo (n=94) Mirataz (n=83)

2 Patologie preesistenti
Ad alcuni gatti inclusi nello studio di campo23 sono state diagnosticate varie patologie
preesistenti33 per le quali sono stati somministrati una serie di farmaci
contemporaneamente al Mirataz®, inclusi: fluidi, antibiotici, corticosteroidi, antiacidi,
antipertensivi, antiemetici e farmaci anti-tiroidei.34

Patologie preesistenti30
Cardiovascolari Respiratorie Multisistemiche Urologiche
Cutanee ed auricolari Comportamentali Epatobiliari
Muscoloscheletriche
Renali Dentali Gastrointestinali Endocrine

Analizzando specificamente i gatti con sospetta malattia renale35 trattati con Mirataz®, la
variazione percentuale media del peso corporeo è stata pari a + 3,9% senza differenze
significative nell'incidenza delle reazioni avverse rispetto al placebo.

3 Reazioni avverse
L'applicazione di Mirataz® è risultata ben tollerata. Nel corso degli studi effettuati per la
registrazione del farmaco sono state osservate reazioni in sede di applicazione (es. eritema) e
cambiamenti comportamentali (es. aumento delle vocalizzazioni).24 È stato riscontrato anche
qualche caso di vomito, tuttavia più del 25% dei gatti aveva vomito preesistente al momento
dell'arruolamento nello studio a causa di altre patologie sottostanti.23 Tutti questi eventi avversi si
sono risolti alla fine del trattamento senza alcuna terapia specifica.

Mirataz® è efficace in appena 14 giorni, inducendo un aumento


significativo del peso indipendentemente dalla patologia preesistente.
L'applicazione topica è ben tollerata.
5
Mirataz®: formulazione transdermica
per una più facile applicazione
Mirataz® è un farmaco transdermico comodo da
somministrare, soprattutto nei gatti che non sono in
grado di assumere farmaci per via orale a causa di
inappetenza, nausea o vomito.
Con la formulazione transdermica è possibile
essere certi della terapia somministrata.

Mirataz® va applicato sulla parte


interna del padiglione auricolare.

Confezione innovativa
L'innovativo imballaggio, a prova di bambino, consente di prescrivere con sicurezza
Mirataz® ai proprietari riducendo i tempi di ospedalizzazione.

A) Aprire il lembo all'estremità della scatola.

B) Premere contemporaneamente entrambe le


linguette (freccia 1) e tirare la linguetta 2 per
estrarre il contenitore.

C) Dopo l'uso, assicurarsi di rimettere il tubetto


nel contenitore e riposizionarlo nella scatola.

D) Spingere il contenitore fino in fondo nella scatola,


assicurandosi che si blocchi in posizione.

Per ulteriori informazioni sulle istruzioni d'uso


scansiona il QR code e guarda il video.

In sintesi:
Primo e unico farmaco transdermico a base di mirtazapina
Aumento del peso già in 14 giorni
Ideale per rispondere rapidamente ai sintomi iniziali, nell'attesa di
una diagnosi e per fornire supporto ai pazienti che già
ricevono trattamenti a lungo termine
Comoda somministrazione a casa grazie alla formulazione
transdermica e alla confezione innovativa, a prova di bambino.
6
Mirataz®: dosaggio e somministrazione
Mirataz® deve essere somministrato sulla cute, applicando una striscia di unguento di 3,8 cm
(circa 2 mg/gatto, pari a 0,1 ml) con una mano protetta da guanti, sul lato interno del padiglione
auricolare del gatto una volta al giorno per 14 giorni. L’efficacia del prodotto è stata
dimostrata solo con una somministrazione di 14 giorni.
La ripetizione del trattamento non è stata studiata e, come tale, deve essere effettuata solo dopo
valutazione del rapporto rischio/benefici da parte del veterinario. Si suggerisce di applicare la prima
dose in clinica per mostrare al proprietario la corretta applicazione.

1 2 3 4

Passo 1: Passo 2: Passo 3: Passo 4:


Indossare un guanto Svitare il tappo del Applicare una pressione Usando il dito, strofinare
impermeabile. tubetto in senso uniforme sul tubetto e delicatamente l'unguento
antiorario. spremere una striscia di sulla superficie interna
unguento di 3,8 cm dell'orecchio del gatto
sull'indice utilizzando la (padiglione auricolare)
linea riportata sulla distribuendolo uniformemente.
confezione. In caso di contatto con la pelle,
lavare accuratamente con
acqua e sapone.

Consigli per una corretta applicazione


• Le applicazioni quotidiane dovrebbero essere alternate tra l'orecchio sinistro e quello
destro. Se lo si desidera, la superficie interna dell'orecchio del gatto può essere pulita
strofinando con un fazzoletto o un panno asciutto immediatamente prima dell'applicazione
successiva.

• Evitare il contatto con il gatto trattato per le prime 12 ore dopo ogni applicazione
giornaliera e fino a quando il sito di applicazione non sia asciutto. Il prodotto può essere assor-
bito per via cutanea od orale e può provocare sonnolenza o sedazione. Si consiglia quindi di
trattare il gatto la sera. Per tutto il periodo del trattamento, ai gatti trattati non dovrebbe
essere consentito di dormire con i proprietari, in particolare bambini e donne in gravidanza.

Per ulteriori informazioni sulla somministrazione


scansiona il QR code e guarda il video realizzato
per il proprietario.

Controindicazioni
Non usare in gatti riproduttori, durante la gravidanza o l’ allattamento.
Non usare in animali di età inferiore a 7,5 mesi o peso inferiore a 2 kg (non è stato testato).
Non usare in casi di ipersensibilità al principio attivo o ad uno degli eccipienti.
Non usare in gatti trattati con ciproeptadina, tramadolo o inibitori della monoamminossidasi
(IMAO) o trattati con un IMAO nei 14 giorni prima del trattamento, in quanto potrebbe
verificarsi un aumento del rischio di sindrome da serotonina.

7
Bibliografia
1. Dechra Internal report MZ-2018
2. Chan, D.L. (2009) The inappetent hospitalised cat: clinical approach to maximising nutritional support, Journal of feline medicine and surgery, 11(11): 925-933
3. Pittari, J., Rodan, I., Beekman, G., et al. (2009) American association of feline practitioners. Senior care guidelines, Journal of Feline Medicine and Surgery, 11(9): 763-778
4. Laflamme D.,P. (2005) Nutrition for aging cats and dogs and the importance of body condition, Veterinary Clinics of North America: Small Animal Practice, 35(3): 713-742
5. Teng, K.T., McGreevy, P.D., Toribio, J.A.L., et al. (2018) Strong associations of nine-point body condition scoring with survival and lifespan in cats,
Journal of Feline Medicine and Surgery, 20(12): 1110-1118
6. Freeman, L.M., Lachaud, M.P., Matthews, S., et al. (2016) Evaluation of weight loss over time in cats with chronic kidney disease, Journal of Veterinary Internal Medicine,
30(5): 1661-1666
7. Baez J.L.,Michel K.E.,Sorenmo, K.,et al.(2007) A prospective investigation of the prevalence and prognostic significance of weight loss and changes in body condition in
feline cancer patients, Journal of Feline Medicine and Surgery, 9(5):411 417
8. Santiago, S.L., Freeman, L.M., and Rush, J.E. (2020) Cardiac cachexia in cats with congestive heart failure: Prevalence and clinical, laboratory, and survival findings,
Journal of Veterinary Internal Medicine, 34(1): 35-44
9. Agnew, W., & Korman R. (2014) Pharmacological appetite stimulation: rational choices in the inappetent cat, Journal of Feline Medicine and Surgery, 16(9): 749-756
10. Chan, D.L. (2004) Nutritional requirements of the critically ill patient, Clinical Techniques in Small Animal Practice, 19: 1-5
11. Chan, D.L., & Freeman L.M. (2006) Nutrition in critical illness, Veterinary Clinics of North America: Small Animal Practice 36: 1225-1241, v-vi.
12. Freeman, L.M. (2012) Cachexia and sarcopenia: emerging syndromes of importance in dogs and cats, Journal of Veterinary Internal Medicine 26(1): 3-17
13. Corbee, R.J., & van Kerkhoven, W. (2012) Nutritional support for patients, Tijdschrift Diergeneesk, 137: 384-390.
14. Robben, J.H., et al. (1999) Enteral nutrition for the critically ill patient, Tijdschrift Diergeneesk, 124: 468-71.
15. Reynolds, C.A., Oyama, M.A., Rush, J.E., et al. (2010) Perceptions of quality of life and priorities of owners of cats with heart disease, Journal of Veterinary Internal Medicine,
24(6): 1421-1426
16. Tzannes, S., Hammond, M.F., Murphy, S., et al. (2008) Owners ‘perception of their cats’ quality of life during COP chemotherapy for lymphoma,Journal of Feline
Medicine and Surgery, 10(1): 73-81
17. Bijsmans, E.S.,Jepson,R.E.,Syme, H.M., et al.(2016)Psychometric validation of a general health quality of life tool for cats used to compare healthy cats and cats with chronic
kidney disease, Journal of Veterinary Internal Medicine,30(1):183 191
18. Perez-Camargo, G. (2004) The aging feline: advances in nutrition and care for the older cat-cat nutrition: what is new in the old?, Compendium on Continuing Education for
the Practicing Veterinarian, 26(2): 5-10
19. Dechra Internal report MZ-0272
20. Armstrong, P.J., & Blanchard, G. (2009) Hepatic lipidosis in cats, Veterinary Clinics of North America: Small Animal Practice, 39(3): 599-616
21. Remillard, R.L. (2002) Nutritional support in critical care patients, Veterinary Clinics of North America: Small Animal Practice, 32(5): 1145
22. Cook, A.K. (2020) Top 5 indications for appetite stimulation, Clinician’s Brief, 31-35
23. Poole M., Quimby J., et al. (2019) A double blind, placebo-controlled, randomized study to evaluate the weight gain drug, mirtazapine transdermal ointment, in cats with
unintended weight loss, Journal of Veterinary Pharmacology and Therapeutics, 42(2) : 179-188
24. Mirataz 20 mg/g transdermal ointment for cats Package Leaflet updated 10/07/2020
25. Agnew, W., & Korman, R., (2014) Pharmacological appetite stimulation: Rational choices in the inappetent cat, Journal of Feline Medicine and Surgery, 16, 749-756
26. Ferguson, L.E., McLean, M.K., Bates, J.A., & Quimby, J.A. (2016) Mirtazapine toxicity in cats: retrospective study of 84 cases (2006-2011), Journal of Feline
Medicine and Surgery, 18(11): 868-874
27. Benson, K.K., Zajic, L.B., Morgan, P.K., Brown, S.R., et al. (2017) Drug exposure and clinical effect of transdermal mirtazapine in healthy young cats: a pilot study,
Journal of Feline Medicine and Surgery, 19(10): 998-1006
28. Cahill, C. (2006 ) Mirtazapine as an Antiemetic. Veterinary Forum, 34-36
29. Quimby, J.M., Gustafson, D.L. and Lunn, K.F. (2011) The pharmacokinetics of mirtazapine in cats with chronic kidney disease and in age-matched control cats,
Journal of Veterinary Internal Medicine, 25(5): 985-989
30. Quimby, J.M., Gustafson, D.L., Samber, B.J. and Lunn, K.F. (2011) Studies on the pharmacokinetics and pharmacodynamics of mirtazapine in healthy young cats,
Journal of Veterinary Pharmacology and Therapeutics, 34(4): 388-396
31. Fitzpatrick, R.L., Quimby, J.M., Benson, K.K., et al. (2018) In vivo and in vitro assessment of mirtazapine pharmacokinetics in cats with liver disease, Journal of Veterinary
Internal Medicine, 32(6): 1951-1957
32. Buhles, W., Quimby, J.M., Labelle, D., et al. (2018) Single and multiple dose pharmacokinetics of a novel mirtazapine transdermal ointment in cats, Journal of Veterinary
Pharmacology and Therapeutics, 41(5): 644-651
33. Dechra Internal report MZ-0194
34. Dechra Internal report MZ-0193
35. Mason, B., et al. (2019) Double-blind, placebo controlled, randomized study to evaluate the weight gain drug, mirtazapine transdermal ointment, in cats experiencing
unintended weight loss: A post-hoc analysis of cats with suspected renal disease, BSAVA Congress Proceedings 424

Mirataz® 20 mg/g unguento transdermico per gatti


Unguento transdermico per gatti, a base di Mirtazapina per l’aumento di peso corporeo nei gatti con scarso appetito e calo ponderale derivanti da condizioni mediche
croniche. Ogni dose di 0,1 g contiene: Mirtazapina (come emiidrato) 2 mg. CONTROINDICAZIONI: riproduzione, gravidanza, allattamento, età inferiore a 7,5 mesi o peso
inferiore a 2 kg, ipersensibilità al principio attivo o ad uno degli eccipienti; gatti trattati con ciproeptadina, tramadolo o inibitori della monoamminossidasi (IMAO) o trattati con un
IMAO nei 14 giorni prima del trattamento. PRECAUZIONI SPECIALI PER L’IMPIEGO NEGLI ANIMALI: non applicare sulla pelle danneggiata. In caso di malattia epatica, si
possono osservare livelli elevati degli enzimi epatici. La malattia renale può causare una ridotta clearance della mirtazapina, che può comportare una maggiore esposizione al
farmaco. In questi casi speciali, i parametri biochimici epatici e renali devono essere regolarmente monitorati durante il trattamento. Gli effetti della mirtazapina sulla regolazione
del glucosio non sono stati valutati. Nel caso di impiego nei gatti con diabete mellito, la glicemia deve essere regolarmente monitorata. Se impiegato in gatti ipovolemici, deve
essere attuato un trattamento di supporto (fluidoterapia). È necessario prestare attenzione che altri animali domestici non vengano a contatto con il sito di applicazione fino a
quando non è asciutto. PRECAUZIONI SPECIALI PER LA PERSONA CHE SOMMINISTRA IL MEDICINALE: il prodotto può essere assorbito per via cutanea od orale e può
provocare sonnolenza o sedazione. Evitare il contatto diretto con il prodotto. Evitare il contatto con l’animale trattato per le prime 12 ore dopo ogni applicazione giornaliera e
fino a quando il sito di applicazione non sia asciutto. Pertanto, si raccomanda di trattare l’animale alla sera. Per tutta la durata del trattamento, agli animali trattati non deve
essere consentito di dormire con i proprietari, soprattutto se bambini e donne in gravidanza. Dato che le donne in gravidanza sono considerate una popolazione più sensibile,
si raccomanda alle donne in gravidanza o alle donne che cercano una gravidanza di evitare di maneggiare il prodotto e di evitare il contatto con gli animali trattati durante il
periodo di trattamento. Il prodotto può essere nocivo per ingestione. Non lasciare il tubo fuori dal suo contenitore a prova di bambino, tranne durante la fase di applicazione. I
bambini non devono essere presenti durante l’applicazione del trattamento al gatto. Dopo l’applicazione, il tubo deve essere inserito nel contenitore a prova di bambino, che
deve essere chiuso immediatamente. Non mangiare, bere o fumare durante la manipolazione del medicinale veterinario. Il medicinale veterinario è un sensibilizzante della pelle.
Le persone con ipersensibilità nota alla mirtazapina non devono maneggiare il medicinale veterinario. Questo medicinale veterinario può causare irritazione oculare e cutanea.
Evitare il contatto diretto con bocca e occhi finché le mani non siano state accuratamente lavate. In caso di contatto con gli occhi, sciacquarli accuratamente con acqua pulita.
In caso di contatto con la pelle, lavare accuratamente con acqua calda e sapone. In caso di irritazione cutanea od oculare o in caso di ingestione accidentale, rivolgersi
immediatamente ad un medico mostrandogli l’etichetta. SOVRADOSAGGIO: i sintomi noti di un sovradosaggio di mirtazapina > 2,5 mg/kg nei gatti includono: vocalizzazione e
alterazioni comportamentali, vomito, atassia, irrequietezza e tremori. In caso di sovradosaggio, all’occorrenza è necessario istituire un trattamento sintomatico/di supporto. In
caso di sovradosaggio, sono stati notati gli stessi effetti osservati alla dose terapeutica raccomandata ma con un’incidenza più elevata. Un aumento transitorio dell’alanina
transferasi epatica può essere osservato non comunemente e non è associato a segni clinici.

Tutte le informazioni su questo medicinale veterinario si trovano sul sito web dell’Agenzia Europea per i Medicinali (http://www.ema.europa.eu/).

Segui Dechra Italia su


Iscriviti al gruppo Facebook riservato ai medici veterinari
Dechra Veterinary Group

© Dechra Veterinary Products


Via Agostino da Montefeltro 2
Tel. +39 0113157437
10134 TORINO-ITALIA
info.it@dechra.com