Sei sulla pagina 1di 32

Insegnamento

  BASI  BIOLOGICHE  E  MOLECOLARI  DEL  BENESSERE  DELLA  


PERSONA  
Professore   SARA  BALDELLI  
Argomento   FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA  
Sara  Baldelli  

Fosforilazione ossidativa
q La fosforilazione ossidativa è il processo centrale del
metabolismo energetico di tutti gli organismi aerobi con cui si
sintetizza gran parte dell’ATP necessario ai processi vitali.

q La degradazione dei carboidrati, acidi grassi ed amminoacidi


produce coenzimi ridotti (NADH e FADH2), ricchi di energia.
NADH e FADH2 a livello della membrana mitocondriale interna,
cedono gli elettroni ad una catena di trasporto di elettroni
che ha come accettore finale l’ossigeno atmosferico che viene
ridotto ad H2O (respirazione cellulare).

q Durante tale processo parte dell’energia contenuta nei


coenzimi ridotti è utilizzata per la sintesi di ATP a partire da
ADP e Pi
FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   2  di  32  
Sara  Baldelli  
LA FOSFORILAZIONE OSSIDATIVA

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   3  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   4  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   5  di  32  


Sara  Baldelli  

Morfologia del mitocondrio

q La membrana mitocondriale esterna è permeabile agli ioni e


a molecole di piccole dimensioni (Mr < 5000).

q La membrana interna è permeabile solo ad O2, H2O e CO2.


Funziona da separatore tra le attività metaboliche mitocondriali
e citosoliche.
Presenta molte invaginazioni che ne aumentano la superficie.

q Tra la membrana interna e la esterna c’è lo spazio


intermembranario.

q Lo spazio racchiuso dalla membrana mitocondriale interna è


chiamato matrice mitocondriale.
FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   6  di  32  
Sara  Baldelli  

Contenuto ed attività del mitocondrio

All’interno della matrice mitocondriale si verificano processi


catabolici, infatti nella matrice sono localizzati:

complesso della piruvato deidrogenasi


enzimi del ciclo di Krebs
enzimi della β-ossidazione degli acidi grassi
enzimi della degradazione degli amminoacidi
La catena di trasporto degli elettroni (catena respiratoria) è in
gran parte costituita da proteine integrali (complessi I-IV, ATP
sintasi FoF1) ancorate alla membrana mitocondriale interna
tranne il citocromo c, idrosolubile, localizzato nello spazio
intermembrana.
FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   7  di  32  
Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   8  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   9  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   10  di  32  


Sara  Baldelli  

Flusso degli elettroni

Il NADH (citosolico o mitocondriale) cede i suoi equivalenti


riducenti al complesso I, mentre il FADH2 rilascia gli elettroni
al complesso II della catena respiratoria.
I complessi proteici della catena respiratoria (I-IV) e il
citocromo c contengono gruppi prostetici in grado di
accettare o donare elettroni.
Il coenzima Q, componente non proteico, accetta elettroni dai
complessi I e II e li trasferisce al complesso III.

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   11  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   12  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   13  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   14  di  32  


Sara  Baldelli  

Citocromi
I citocromi del mitocondrio sono emoproteine raggruppate in
tre famiglie distinte (citocromi a, b oppure c) in base al tipo di
eme.

q Il citocromo c è solubile e perciò libero di muoversi nella


spazio intermembranario (tra membrana esterna ed interna).

q I citocromi a, a3, b e c1 invece sono legati alla membrana


mitocondriale interna; alcuni sono rivolti verso lo spazio
intermembranario.

q I citocromi sono trasportatori di elettroni, grazie al differente


stato di ossidazione del ferro (Fe2+ e Fe3+) presente nell’eme.

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   15  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   16  di  32  


Sara  Baldelli  

Ubichinone

q L’ubichinone (o coenzima Q), contiene un anello


benzochinonico e una catena laterale isoprenoide.

q Le sue caratteristiche idrofobiche e le piccole dimensioni


fanno sì che esso sia mobile all’interno della membrana
mitocondriale, in cui diffonde liberamente.

q La forma ossidata dell’ubichinone (Q) può trasformarsi in


due forme ridotte, accettando:
1 e– ed 1 ione H+: semichinone radicalico (QH•)
2 e– e 2 ioni H+: ubichinolo (QH2)

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   17  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   18  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   19  di  32  


Sara  Baldelli  

Complesso I
La serie di reazioni del Complesso I può essere schematizzata in due
processi accoppiati e simultanei.
1. Trasferimento esoergonico all’ubichinone (Q) di un H– dal NADH e di un
H+ dal solvente della matrice (2 ioni H+ e 2 e–):
NADH + H+ + Q → NAD+ + QH2
2. Espulsione endoergonica di 4 ioni H+ dalla matrice verso lo spazio
intermembrana:
4 H+matrice → 4 H+intermembr.
L’intero processo è esoergonico (vettoriale: matrice → intermembr.) ed il
Complesso I funziona quindi come una pompa di protoni:
NADH + 5 H+matrice + Q → NAD+ + QH2 + 4 H+intermembr.
In seguito alla perdita dei protoni la matrice acquisisce una carica negativa,
mentre lo spazio intermembrana si carica positivamente (per ogni coppia di
elettroni trasportata dal NADH la matrice espelle 4 H+).
Questo flusso di protoni crea un potenziale elettrochimico tra i due lati della
membrana mitocondriale che sarà poi utilizzato per la sintesi di ATP.

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   20  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   21  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   22  di  32  


Sara  Baldelli  

Complesso II
Il Complesso II, costituito da 4 subunità peptidiche (A → D) e 5 gruppi
prostetici, ha una porzione transmembranica (subunità C e D) ed una
estensione rivolta verso la matrice (subunità A e B).
La subunità A è la succinato deidrogenasi (enzima del ciclo di Krebs), che
accoglie il substrato succinato ed a cui è legato covalentemente il FAD,
mentre la subunità B contiene tre centri 2Fe–2S.
La parte transmembranica è costituita dalle proteine integrali di membrana C
e D, a cui sono legati un eme di tipo b e l’ubichinone, accettore finale di
elettroni.
L’eme b non interviene nel trasporto degli elettroni, ma ha un ruolo protettivo:
previene la fuoriuscita accidentale di elettroni, che in presenza di O2 possono
portare alla formazione di ROS (specie reattive dell’ossigeno: O2–•, H2O2).
Il Complesso II viene chiamato anche succinato: ubichinone ossidoreduttasi
o succinato deidrogenasi.

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   23  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   24  di  32  


Sara  Baldelli  

Complesso III
Contiene 11 subunità diverse, di cui quattro con ruolo funzionale: il
citocromo b562, il citocromo b566, il citocromo c1 e una proteina Fe–S di
Rieske (la forma attiva è dimerica: 22 proteine).
Il Complesso III accetta gli elettroni trasportati da QH2 e li trasferisce al
trasportatore idrosolubile citocromo c.
Il Complesso III viene anche chiamato ubichinone: citocromo c
ossidoreduttasi oppure complesso del citocromo bc1.
Come per il Complesso I, nel Complesso III il trasferimento di elettroni da
QH2 al citocromo c è accoppiato al trasporto vettoriale di ioni H+ dalla
matrice verso lo spazio intermembrana.
La reazione complessiva catalizzata dal Complesso III è quindi:
QH2 + 2 Cit. c(Fe3+) + 2 H+matrice → Q + 2 Cit. c(Fe2+) + 4 H+intermembr.
Anche in questo caso quindi il flusso protonico crea ai lati della membrana
il potenziale elettrochimico per la sintesi dell’ATP.

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   25  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   26  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   27  di  32  


Sara  Baldelli  

Complesso IV
Anche il Complesso IV è legato alla membrana mitocondriale, con una
porzione che protrude nello spazio intermembrana.
E’ costituito da 13 subunità, di cui 3 cruciali per la funzione:
subunità I (centrale) con due gruppi eme a e a3 ed uno ione Cu
(CuB)
subunità II (destra) con altri due ioni Cu (centro binucleare CuA)
subunità III (sinistra) con ruolo oscuro
Il complesso IV, chiamato anche citocromo ossidasi, è l’ultimo
componente della catena respiratoria e trasferisce gli elettroni dal
citocromo c all’O2 riducendolo ad H2O.
Inoltre, accoppiata a questa reazione di ossido-riduzione c’è l’espulsione
di altri 4 ioni H+ dalla matrice

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   28  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   29  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   30  di  32  


Sara  Baldelli  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   31  di  32  


Sara  Baldelli  

RIASSUNTO  
In  questa  lezione  abbiamo  traEato:  
•  Le  varie  tappe  della  fosforilazione  ossidaJva  
•  La  sua  importanza  metabolica  
•  La  struEura  di  ogni  singolo  complesso  

FOSFORILAZIONE  OSSIDATIVA   32  di  32