Sei sulla pagina 1di 2

FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Per la necessità di ridurre l’impatto ambientale, in tempi in cui occorre contenere i


disastrosi effetti del Surriscaldamento Globale il mondo dell’energia sta cambiando,
si devono utilizzare le Energie Rinnovabili.
Ma cosa sono esattamente le energie rinnovabili? Quali sono le loro potenzialità e in
che modo possono contribuire al cambiamento del mondo dell’energia?
Quello che veramente distingue le energie rinnovabili da tutte le altre è la
disponibilità di un potenziale energetico capace di rinnovarsi continuamente. Al
contrario tutte le fonti di origine fossile (gas, petrolio, carbone, ecc) sfruttano risorse
che si esauriscono.
Le energie rinnovabili sono quelle che per produrre energia elettrica utilizzano il sole,
il vento, l’acqua, le risorse geotermiche, le maree, il moto ondoso e la trasformazione
dei rifiuti organici e inorganici o di biomasse. Esse non emettono CO2.

Il fotovoltaico
La fonte rinnovabile più nota è il fotovoltaico. È un impianto elettrico che sfrutta
l’energia solare per produrre energia elettrica.
I raggi solari catturati dalle celle solari producono corrente continua, che poi viene
trasformata in corrente alternata (quella che si utilizza comunemente), grazie a un
invertitore.
L’energia elettrica prodotta può essere data alla rete elettrica o direttamente per
alimentare impianti elettrici di un’abitazione.

L’eolico
I moderni impianti eolici sono macchine che si mettono in movimento utilizzando la
forza cinetica del vento trasformandola grazie a un generatore elettrico in energia
elettrica. La quantità di energia che si può produrre dipende dall’intensità del vento e
dalla dimensione delle pale.
Esistono impianti eolici installati in mare aperto dove, grazie al più vento presente in
alto mare, si riesce a generare più energia elettrica.
L’eolico non produce né emissioni dannose per la salute, né gas serra ed è
inesauribile.

Le biomasse
Le biomasse sono rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall’agricoltura la
pesca e l’acquacoltura che possono essere incanalate in speciali macchinari in grado
di produrre energia elettrica fermentando, spremendo o bruciando le sostanze.
Non è un’energia rinnovabile così pulita e efficiente rispetto alle altre e vi sono anche
vari svantaggi.

La geotermia
Un’altra fonte di energia rinnovabile è la geotermia che è rivolta solamente ad una
produzione di energia termica.
Sfruttando il calore naturale del terreno con l'ausilio di una pompa di calore si riesce
a produrre energia termica per l'acqua calda e per il riscaldamento degli edifici.

L’idroelettrico Un’altra fonte rinnovabile è rappresentata dall’idroelettrico. Le


centrali idroelettriche sono in grado di trasformare l’energia idraulica di un corso
d’acqua, naturale o artificiale, in energia elettrica. sfruttando l’energia meccanica
potenziale contenuta in una massa d’acqua. Le turbine dell’impianto, immerse,
vengono azionate dal flusso dell’acqua. Girando, producono energia meccanica che
con un generatore, viene convertita in energia elettrica.