Sei sulla pagina 1di 6

Esercizio.

In R4 è assegnato il sottospazio V = L (v1 , v2 , v3 ) generato dai vettori v1 = (1, 1, 0, 0), v2 =


(0, 0, 1, 1), v3 = (1, −1, 0, 0). Sia f : V → V l’endomorfismo definito dalle assegnazioni

 f ( v1 ) = v2 + v3
f ( v2 ) = v1 + v3
f ( v3 ) = v1 + v2 .

Studiare, al variare del parametro reale h, l’endomorfimo ϕ = f + hi : V → V, dove i : V → V è


l’endomorfismo identico su V. Determinare, al variare di h, Im ϕ e ker ϕ.
Possiamo usare in V la base A = [v1 , v2 , v3 ]. Infatti la seguente matrice ha rango 3:
   
1 1 0 0 1 1 0 0
R3 + R1
 0 0 1 1 − −−−→  0 0 1 1  .
1 −1 0 0 2 0 0 0
Osserviamo che:

[ f (v1 )]A = [v2 + v3 ]A = [0 · v1 + 1 · v2 + 1 · v3 ]A = (0, 1, 1)

[ f (v2 )]A = [v1 + v3 ]A = [1 · v1 + 0 · v2 + 1 · v3 ]A = (1, 0, 1)

[ f (v3 )]A = [v1 + v2 ]A = [1 · v1 + 1 · v2 + 0 · v3 ]A = (1, 1, 0).


Quindi avremo
 
0 1 1
M A ( f ) = M A,A ( f ) =  1 0 1 .
1 1 0
Inoltre, ricordiamo che i : V → V è tale che i (v) = v per ogni v ∈ V :

[i (v1 )]A = [v1 ]A = [1 · v1 + 0 · v2 + 0 · v3 ]A = (1, 0, 0)

[i (v2 )]A = [v2 ]A = [0 · v1 + 1 · v2 + 0 · v3 ]A = (0, 1, 0)

[i (v3 )]A = [v3 ]A = [0 · v1 + 0 · v2 + 1 · v3 ]A = (0, 0, 1).


 
1 0 0
Dunque MA (i ) =  0 1 0  = I, si ha, dato che ϕ = f + hi:
0 0 1
     
0 1 1 1 0 0 h 1 1
A A A A
M ( ϕ) = M ( f ) + hM (i ) = M ( f ) + hI =  1 0 1 +h 0 1 0 = 1 h 1 
1 1 0 0 0 1 1 1 h

h=1
⇒ | MA ( ϕ)| = h3 − 3h + 2 = 0
h = −2
Se h 6= −2, 1 ϕ è un isomorfismo, cioè ϕ è iniettiva e suriettiva, per cui ker ϕ = {(0, 0, 0, 0)} e Im ϕ = V.
Studiamo i casi particolari. Sia h = 1. In tal caso:
 
1 1 1
MA ( ϕ) =  1 1 1  ⇒ dim Im ϕ = ρ( MA ( ϕ)) = 1.
1 1 1
Ciò implica che Im ϕ = L (v1 + v2 + v3 ) = L ((1, 1, 0, 0) + (0, 0, 1, 1) + (1, −1, 0, 0)) = L ((2, 0, 1, 1)). Inoltre,
si ha dim ker ϕ = dim V − dim Im ϕ = 2:

ker ϕ = {v ∈ V | [v]A = ( a, b, c), a + b + c = 0} = {v ∈ V | [v]A = ( a, b, − a − b)} =

= L ((1, 0, −1)A , (0, 1, −1)A ) =

1
= L (v1 − v3 , v2 − v3 ) = L ((1, 1, 0, 0) − (1, −1, 0, 0), (0, 0, 1, 1) − (1, −1, 0, 0)) = L ((0, 2, 0, 0), (−1, 1, 1, 1)).
Sia h = −2. In tal caso:
     
−2 1 1 2 1 1 2 1 1
R2 − R1 ,R3 +2R1 R3 + R2
MA ( ϕ ) =  1 −2 1  −−−−−−−−→  3 −3 0  −−−−→  3 −3 0 
1 1 −2 −3 3 0 0 0 0

⇒ dim Im ϕ = ρ( MA ( ϕ)) = 2
Ciò implica che:

Im ϕ = L (−2v1 + v2 + v3 , v1 + v2 − 2v3 ) =

= L (−2(1, 1, 0, 0) + (0, 0, 1, 1) + (1, −1, 0, 0), (1, 1, 0, 0) + (0, 0, 1, 1) − 2(1, −1, 0, 0)) =

= L ((−1, −3, 1, 1), (−1, 3, 1, 1)).


Inoltre, si ha dim ker ϕ = dim V − dim Im ϕ = 1:

ker ϕ = {v ∈ V | [v]A = ( a, b, c), 2a + b + c = 0, 3a − 3b = 0} = {v ∈ V | [v]A = ( a, a, −3a)} =

= L ((1, 1, −3)A ) =

= L (v1 + v2 − 3v3 ) = L ((1, 1, 0, 0) + (0, 0, 1, 1) − 3(1, −1, 0, 0)) = L ((−2, 4, 1, 1)).

Esempio: matrici di passaggio. Siano A = [(0, 0, 1), (1, 1, 1), (1, 3, 4)] e B = [(1, 1, 1), (1, 2, 3), (0, 1, 1)] basi di
R3 . Calcoliamo PA ,B , PB ,A e PA ,E , dove E è la base canonica di R3 .
Per calcolare PA ,B dobbiamo calcolare [(0, 0, 1)]B , [(1, 1, 1)]B e [(1, 3, 4)]B . Calcoliamo le componenti del
vettore generico:

( a, b, c) = x (1, 1, 1) + y(1, 2, 3) + z(0, 1, 1) = ( x + y, x + 2y + z, x + 3y + z)



x + y = a

⇒ x + 2y + z = b

x + 3y + z = c

     
1 1 0 a 1 1 0 a 1 1 0 a
R2 − R1 ,R3 − R1 R3 − R2
⇒  1 2 1 b  −−−−−−−−→  0 1 1 b − a  −−−−→  0 1 1 b−a 
1 3 1 c 0 2 1 c−a 0 1 0 c−b
 
x + y = a
 y = c − b

⇒ y + z = b − a ⇒ z = b − a − y = − a + 2b − c
 
y = c−b x = a−y = a+b−c
 

Dunque, [( a, b, c)]B = ( a + b − c, c − b, − a + 2b − c). Quindi:

[(0, 0, 1)]B = (−1, 1, −1)

[(1, 1, 1)]B = (1 + 1 − 1, 1 − 1, −1 + 2 − 1) = (1, 0, 0)

[(1, 3, 4)]B = (1 + 3 − 4, 4 − 3, −1 + 6 − 4) = (0, 1, 1)


 
−1 1 0
⇒ P A ,B =  1 0 1 .
−1 0 1

2
Sappiamo che PB ,A = ( PA ,B )−1 . Abbiamo che | A| = −1 − 1 = −2 e che:

0 1
A11 = (−1)1+1 = 0, A12 = (−1)1+2 1 1 = −2, A13 = (−1)1+3 1 0 = 0

0 1 −1 1 −1 0


2+2 − 1 2+3 − 1
2+1
1 0 0 1
A21 = (−1)
0 = −1, A22 = (−1) −1 = −1, A23 = (−1) −1 = −1
1 1 0

3+2 − 1 0 = 1, A33 = (−1)3+3 −1 1
3+1
1 0
A31 = (−1) = 1, A32 = (−1) = −1.
0 1 1 1 1 0
Dunque:
t 
0 −2 0
1 1
P B ,A = ( P A ,B ) −1 = t
Aa = −  −1 −1 −1  =
| A| 2
1 1 −1
1 1
 
0 −

 2 2 
 
 1 1 
= 1
 −  .
 2 2 
 
 1 1 
0
2 2
Infine, dato che A = [(0, 0, 1), (1, 1, 1), (1, 3, 4)] e che E = [(1, 0, 0), (0, 1, 0), (0, 0, 1)]:
 
0 1 1
PA , E =  0 1 3  .
1 1 4

Osservazione. Sia A = [v1 , . . . , vn ] una base di un k −s.v. V. Allora MA (iV ) = MA ,A (iV ) = I, dove iV : V →
V è l’applicazione identica di V, cioè
iV (v) = v per ogni v ∈ V. Infatti, nelle colonne di MA (iV ) abbiamo per definizione di matrice associata a
un’applicazione lineare:

[iV (v1 )]A , [iV (v2 )]A , . . . , [iV (vn )]A .


Ma iV (v1 ) = v1 , iV (v2 ) = v2 , . . . , iV (vn ) = vn . Dunque, nelle colonne abbiamo:

[ v1 ]A , [ v2 ]A , . . . , [ v n ]A .
Dato che:

v1 = 1 · v1 + 0 · v2 + · · · + 0 · vn ⇒ [v1 ]A = (1, 0, . . . , 0)

v2 = 0 · v1 + 1 · v2 + · · · + 0 · vn ⇒ [v2 ]A = (0, 1, . . . , 0)

..
.

vn = 0 · v1 + 0 · v2 + · · · + 1 · vn ⇒ [vn ]A = (0, 0, . . . , 1).


Dunque:
 
1 0 ... 0
 0 1 ... 0 
M A ( i V ) = M A ,A ( i V ) =  =I
 
.. .. .. ..
 . . . . 
0 0 ... 1
Dunque, chiaramente PA ,A = I.

3
Dimostrazione teorema sulle matrici simili. ⇐
Ip.: A e B sono associate allo stesso endomorfismo rispetto a basi diverse
Ts.: A e B sono simili.
Vera, per quanto detto:

M B ( f ) = ( P B ,A ) −1 · M A ( f ) · P B ,A

Ip.: A e B sono simili
Ts.: A e B sono associate allo stesso endomorfismo rispetto a basi diverse
-
Sappiamo che esiste P ∈ kn,n invertibile tale che A = P−1 BP. Sia f : kn → kn l’endomorfismo tale che:

B = ME ( f )
dove E è la base canonica di kn .
Dato che P è invertibile le sue colonne individuano n vettori di kn l.i., per cui esse indivuano una base F di
n
k . Inoltre, per costruzione della base F e per definizione di matrice di passaggio abbiamo:

P = PF ,E .
Dunque, per la formula precedente:

A = P−1 BP = ( PF ,E )−1 · ME ( f ) · PF ,E = MF ( f ),
per cui B = ME ( f ) e A = MF ( f ), cioè A e B sono matrici associate allo stesso endomorfismo rispetto a basi
diverse.

Esempio. Sia f: R3 → R3 tale che:

f (1, 1, 1) = (2, 2, 2)

f (1, 0, 0) = (−1, 2, 4)

f (0, 1, 2) = (2, 3, 3).


I tre vettori (1, 1, 1), (1, 0, 0), (0, 1, 2) individuano una base di R3 . Infatti:

1 1 1

1 0 0 = 1 − 2 = −1 6= 0.

0 1 2

Osserviamo che f (1, 1, 1) = (2, 2, 2) = 2 · (1, 1, 1). Dunque, 2 è autovalore per f e (1, 1, 1) è autovettore
associato all’autovalore 2.
Sia g : R3 → R3 tale che:

g(1, 2, −3) = (−1, −2, 3)

g(0, 1, 1) = (0, 0, 0)

g(0, 1, 0) = (2, 4, −7).


I tre vettori individuano una base di R3 :
 
1 2 −3
 0 1 1 .
0 1 0
Osserviamo che g(1, 2 − 3) = −1 · (1, 2, −3), per cui -1 è autovalore per g e che (1, 2, −3) è autovettore
associato all’autovalore -1.
g(0, 1, 1) = 0 · (0, 1, 1), per cui 0 è autovalore per g e che (0, 1, 1) è autovalore associato all’autovalore 0.

4
Dimostrazione. ker f = {v ∈ V | f (v) = 0V }
Ip.: 0 è autovalore
Ts.: ker f 6= {0V }.
Se 0 è autovalore, allora ∃v ∈ V, v 6= 0V , tale che f (v) = 0 · v = 0V ⇒ ∃v ∈ ker f , v 6= 0V ⇒ ker f 6= {0V }

Ip.: ker f 6= {0V }
Ts.: f non è un isomorfismo
Se ker f 6= {0V }, allora f non è iniettiva, per cui certamente non è un isomorfismo.
—-
Ip.: f non è un isomorfismo
Ts.: ker f 6= {0V }
Sappiamo che f è un isomorfismo se f è iniettiva e suriettiva.
Se f non è iniettiva, allora ker f 6= {0V }.
Supponiamo che f non sia suriettiva. Allora Im f 6= V e, essendo Im f ⊆ V, deve essere dim Im f < dim V.
Dal Teorema della dimensione sappiamo che:

dim ker f = dim V − dim Im f > 0.


Ciò vuol dire che ker f 6= {0V }.

Ip.: ker f 6= {0V }
Ts.: 0 è autovalore per f .
Se ker f 6= {0V }, allora ∃v ∈ ker f , v 6= 0V , cioè ∃v ∈ V, v 6= 0V , tale che f (v) = 0V , ma 0V = 0 · v.
⇒ ∃v ∈ V, v 6= 0V , tale che f (v) = 0 · v ⇒ 0 è autovalore per f .
La proposizione è dimostrata.

Osservazione.
( f − λiV )(v) = f (v) − λiV (v) = f (v) − λv = f λ (v)
per ogni v ∈ V. Dunque, f λ = f − λiV . Quindi:

MA ( f λ ) = MA ( f ) − λMA (iV ) = MA ( f ) − λI.

Dimostrazione. Ricordiamo che f λ : V → V è l’endomorfismo definito dalla legge:

f λ (u) = f (u) − λu ∀u ∈ V.
Sappiamo che λ ∈ k è autovalore per f ⇔ ∃v ∈ V, v 6= 0V , tale che f (v) = λv ⇔ ∃v ∈ V, v 6= 0V , tale che
f (v) − λv = 0V ⇔ ∃v ∈ V, v 6= 0V , tale che f λ (v) = 0V ⇔
∃v ∈ V, v 6= 0V , tale che v ∈ ker f λ ⇔ ker f λ 6= {0V } ⇔ f λ non è un isomorfismo ⇔ ρ( MA ( f λ )) =
dim Im f λ < dim V
⇔ | MA ( f λ )| = 0 ⇔ | MA ( f ) − λI | = 0.
Il teorema è dimostrato.

Osservazione. Gli autovalori sono tutte e sole le soluzioni del polinomio caratteristico, per il teorema prece-
dente. Il grado del polinomio caratteristico è uguale all’ordine della matrice ovvero alla dimensione dello spazio
V. Inoltre, il termine noto del polinomio caratteristico è esattamente |A|.

Esempio. Sia f : R3 → R3 l’endomorfismo tale che:


 
1 1 −2
M ( f ) =  −2 1 0  .
1 1 −1
     
1 1 −2 1 0 0 1−T 1 −2
M( f ) − TI =  −2 1 0  − T  0 1 0  =  −2 1−T 0 .
1 1 −1 0 0 1 1 1 −1 − T
Allora:

5

1−T 1 −2
= (1 − T )2 (−1 − T ) + 4 + 2(1 − T ) + 2(−1 − T ) =

P( T ) = −2 1−T 0
1 1 −1 − T

= ( T 2 − 2T + 1)(−1 − T ) + 4 + 2 − 2T − 2 − 2T = − T 2 + 2T − 1 − T 3 + 2T 2 − T + 4 − 4T =

= − T 3 + T 2 − 3T + 3 = − T 2 ( T − 1) − 3( T − 1) = −( T 2 + 3)( T − 1),

( T 2 + 3)( T − 1) = 0.
cioè l’unico autovalore è T = 1. Oppure possiamo utilizzare il metodo di Ruffini:

T 3 − T 2 + 3T − 3 = 0
Proviamo T = 1 :

1 −1 3 −3

1 1 0 3
1 0 3 0
⇒ T 3 − T 2 + 3T − 3 = ( T − 1)( T 2 + 3).