Sei sulla pagina 1di 9

Esempio.

Siano f : R2 → R3 e g : R2 → R3 tali che:


   
2 1 −1 4
M( f ) =  1 3  e M( g) =  2 5  .
4 5 −6 0
Allora f + g : R2 → R3 è l’applicazione lineare tale che:
     
2 1 −1 4 1 5
M( f + g) = M( f ) + M( g) =  1 3  +  2 5  =  3 8 .
4 5 −6 0 −2 5
Inoltre, 3 f : R2 → R3 è l’applicazione lineare tale che:
   
2 1 6 3
M (3 f ) = 3M ( f ) = 3  1 3  =  3 9 .
4 5 12 15
Oppure −2 f : R2 → R3 è l’applicazione lineare tale che:
   
2 1 −4 −2
M (−2 f ) = −2M ( f ) = −2  1 3  =  −2 −6  .
4 5 −8 −10

Osservazione: composizione di applicazioni lineari. Abbiamo:


f g
V −
→ W −
→ U
base A base B base C

g ◦ f : V → U definito ( g ◦ f )(v) = g( f (v)) per ogni v ∈ V.


M A ,C ( g ◦ f ) = M B ,C ( g ) · M A ,B ( f )

Esercizi su immagini e controimmagini. Sia V il sottospazio di R4 così definito:

V = {( x, y, z, t) ∈ R4 | y = z}
e sia f : R4 → R4 l’endomorfismo definito dalle relazioni:

f (1, 1, 1, 0) = (−1, −1, −1, 0)


f (0, 0, 0, 1) = (2, 2, 2, 1)
f (1, 0, 1, 1) = (−1, 0, 2, 1)
f (0, 1, 1, 0) = (0, h, h, 0)

con h parametro reale.


1. Studiare l’applicazione lineare f al variare di h ∈ R, determinando le equazioni cartesiane di Im f e ker f .
2. Calcolare f (V ) = { f (v) | v ∈ V } al variare di h ∈ R, precisandone la dimensione.

3. Calcolare f −1 (−1, 0, 2, 1) = {v ∈ R4 | f (v) = (−1, 0, 2, 1)} al variare di h ∈ R.


1. Le condizioni:

f (1, 1, 1, 0) = (−1, −1, −1, 0)


f (0, 0, 0, 1) = (2, 2, 2, 1)
f (1, 0, 1, 1) = (−1, 0, 2, 1)
f (0, 1, 1, 0) = (0, h, h, 0)

ci portano al sistema:

1

 f (e1 ) + f (e2 ) + f (e3 ) = (−1, −1, −1, 0)

f (e4 ) = (2, 2, 2, 1)

f (e ) + f (e3 ) + f (e4 ) = (−1, 0, 2, 1)
 1


f (e2 ) + f (e3 ) = (0, h, h, 0)



 f ( e1 ) = (−1, −1, −1, 0) − (0, h, h, 0) = (−1, −1 − h, −1 − h, 0)

 f (e )
4 = (2, 2, 2, 1)



 f ( e 3) = (−1, 0, 2, 1) − f (e1 ) − f (e4 ) = (−1, 0, 2, 1) − (−1, −1 − h, −1 − h, 0) − (2, 2, 2, 1) = (−2, h − 1, h + 1, 0)
f ( e2 ) = (0, h, h, 0) − f (e3 ) = (0, h, h, 0) − (−2, h − 1, h + 1, 0) = (2, 1, −1, 0)

di modo che la matrice associata a f rispetto alla base canonica di R4 è:


 
−1 2 −2 2
 −h − 1 1 h − 1 2 
M( f ) = 
 − h − 1 −1 h + 1 2  .

0 0 0 1
Dato che | M( f )| = −2h, vediamo che per h 6= 0 f è un isomorfismo, cioè è iniettiva e suriettiva. Ciò significa
che Im f = R4 e ker f = {(0, 0, 0, 0)} e, quindi, in tal caso, non ci sono equazioni cartesiane da calcolare.
Nel caso h = 0 la matrice di f diventa:

     
−1 2 −2 2 −1 2 −2 2 −1 2 −2 2
 −1 1 −1 2  R2 − R1 ,R3 − R1  0 −1 1 0  R3 −3R2  0 −1 1 0 
M( f ) =  
 −1 −1 1 2  → 
 0 −3 3
 →  
0   0 0 0 0 
0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 0 1

da cui deduciamo che ρ( M ( f )) = 3, cioè dim Im f = 3 e dim Ker f = 1. Dato che gli elementi speciali si trova-
no nella prima, seconda e quarda colonna della matrice ridotta, i vettori che costituiranno una base di Im f sono i
vettori della prima, seconda e quarta colonna di Im f , cioè una base di Im f è [(−1, −1, −1, 0), (2, 1, −1, 0), (2, 2, 2, 1)].
Per calcolare l’equazione cartesiana di Im f , dobbiamo calcolare imporre che il seguente determinante sia pari a
zero:

−1 −1 −1 0

2 1 −1 0

2 = −2x + 3y − z = 0,
2 2 1
x y z t
cioè:

Im f = {( x, y, z, t) ∈ R4 | 2x − 3y + z = 0}.
Ricordiamo che dim ker f = dim R4 − dim Im f = 4 − 3 = 1. Per quel che riguarda il nucleo, le sue equazioni
cartesiane possiamo ricavarle dalla matrice ottenuta dalla riduzione di M ( f ):

Ker f = {( x, y, z, t) ∈ R4 | − x + 2y − 2z + 2t = 0, −y + z = 0, t = 0} = L ((0, 1, 1, 0)).


2. Osserviamo che:

V = {( x, y, z, t) ∈ R4 | y = z} = {( x, y, y, t) ∈ R4 } = L ((1, 0, 0, 0), (0, 1, 1, 0), (0, 0, 0, 1))

⇒ f (V ) = { f (v) | v ∈ V } = L (( f (1, 0, 0, 0), f (0, 1, 1, 0), f (0, 0, 0, 1))


Ricordiamo che:

f (1, 0, 0, 0) = f (e1 ) = (−1, −h − 1, −h − 1, 0)

f (0, 0, 0, 1) = f (e4 ) = (2, 2, 2, 1).

2
f (0, 1, 1, 0) =?
Possiamo fare:
     
−1 2 −2 2 0 0
 −h − 1 1 h − 1 2   1   h 
 · = 
 − h − 1 −1 h + 1 2   1   h 
0 0 0 1 0 0
per cui f (0, 1, 1, 0) = (0, h, h, 0), di modo che:

f (V ) = L ((−1, −1 − h, −1 − h, 0), (0, h, h, 0), (2, 2, 2, 1)).


Per quel che riguarda la dimensione di V, essa sarà uguale al rango della seguente matrice:
   
−1 − h − 1 − h − 1 0 −1 − h − 1 − h − 1 0
R3 −2R1
 0 h h 0  →  0 h h 0 
2 2 2 1 0 −2h −2h 1
 
per h6=0,R3 +2R2
−1 − h − 1 − h − 1 0
→  0 h h 0 .
0 0 0 1
Dunque, se h 6= 0 la matrice ha rango 3 e, di conseguenza, dim f (V ) = 3 e [(−1, −1 − h, −1 − h, 0), (0, h, h, 0), (2, 2, 2, 1)]
è una sua base. Se h = 0, la matrice ha rango 2:
 
−1 −1 −1 0
 0 0 0 0 
0 0 0 1
cioè dim f (V ) = 2 e una base di f (V ) è [(−1, −1, −1, 0), (0, 0, 0, 1)] oppure anche [(−1, −1, −1, 0), (2, 2, 2, 1)].
3. f −1 (−1, 0, 2, 1) = {( x, y, z, t) ∈ R4 | f ( x, y, z, t) = (−1, 0, 2, 1)}. Ricordiamo che:

MA ,B ( f ) · [v]A = [ f (v)]B
Nel nostro caso abbiamo le basi canoniche e calcolare f −1 (−1, 0, 2, 1) significa trovare ( x, y, z, t) tali che:
   
x −1
 y   0 
M( f ) · 
 z  =  2 .
  

t 1
Calcolare f −1 (−1, 0, 2, 1) equivale a risolvere il sistema la cui matrice completa è:
 
−1 2 −2 2| −1
 − h − 1 1 h − 1 2| 0 
 − h − 1 −1 h + 1 2| 2  .
 

0 0 0 1| 1
Dato che f (1, 0, 1, 1) = (−1, 0, 2, 1) e dato che | M( f )| 6= 0 per h 6= 0, possiamo dire che per h 6= 0 il sistema
ammette una sola soluzione e che tale soluzione è (1, 0, 1, 1), cioè per h 6= 0 f −1 (−1, 0, 2, 1) = {(1, 0, 1, 1)}.
Alternativamente:
 
−1 2 −2 2| −1
 − h − 1 1 h − 1 2| 0 
 
 − h − 1 −1 h + 1 2| 2 
0 0 0 1| 1

   
0 0 0 1 1 0 0 0 1 1
scambiando R1 e R4  − h − 1 1 h−1 2 0  R2 −2R1 ,R3 −2R1 ,R4 −2R1  −h − 1 1 h−1 0 −2 
−−−−−−−−−−−→   −h − 1
−−−−−−−−−−−−−−→  
−1 h+1 2 2   −h − 1 −1 h+1 0 0 
−1 2 −2 2 −1 −1 2 −2 0 −3

3
   
0 0 0 1 1 0 0 0 1 1
R3 + R2 ,R4 −2R2  − h − 1 1 h − 1 0 −2  h6=0,R4 + R3  − h − 1 1 h − 1 0 −2 
−−−−−−−−→   −2h − 2 0
 −−−−−−→  
2h 0 −2   −2h − 2 0 2h 0 −2 
2h + 1 0 −2h 0 1 −1 0 0 0 −1
  

 t=1 
 x=1 
 x=1

(−h − 1) x + y + (h − 1)z = −2 
2hz = −2 + 2h + 2 = 2h 
z = 1
⇒ ⇒ ⇒


 (−2h − 2) x + 2hz = −2 

 y = ( h + 1) x − ( h − 1) z − 2 

 y=0
− x = −1 t=1 t = 1.
  

Dunque, per h 6= 0 abbiamo f −1 (−1, 0, 2, 1) = {(1, 0, 1, 1)}.


Se h=0, dobbiamo dobbiamo risolvere il sistema:
   
−1 2 −2 2| −1 −1 2 −2 2| −1
 −1 1 −1 2| 0  riducendo  0 −1 1 0| 1 

 −1 −1 1 2| 2 
 →  ,
 0 0 0 0| 0 
0 0 0 1| 1 0 0 0 1| 1
da cui deduciamo che matrice completa e incompleta hanno entrambe rango pari a 3 e che il sistema, per
h = 0 ammette ∞1 soluzioni:
 
− x + 2y − 2z + 2t = −1 x = 1
−y + z = 1 ⇒ z = y+1
t=1 t = 1.
 

Dunque, per h = 0, f −1 (1, 0, 1, 1) = {(1, y, y + 1, 1) | y ∈ R}.

Esercizio. È assegnato l’endomorfismo f : R4 → R4 la cui matrice associata rispetto alla base canonica di R4 è:
 
k −1 0 0
 2 1 0 0 
A=  0 0 k 1 ,

0 0 1 k
con k ∈ R. Dato W = {( x, y, z, t) ∈ R4 | z + t = 0}, calcolare f −1 (W ) = {( x, y, z, t) ∈ R4 | f ( x, y, z, t) ∈ W }
al variare di k ∈ R, determinandone, in particolare, la dimensione.
Calcoliamo f ( x, y, z, t):
     
k −1 0 0 x kx − y
 2 1 0 0   y   2x + y 
 0 0 k 1  ·  z  =  kz + t  ,
     

0 0 1 k t z + kt
da cui f ( x, y, z, t) = (kx − y, 2x + y, kz + t, z + kt). Quindi:

f −1 (W ) = {( x, y, z, t) ∈ R4 | (kz + t) + (z + kt) = 0} = {( x, y, z, t) ∈ R4 | (k + 1)z + (k + 1)t = 0}.

Dunque, se k 6= −1, allora k + 1 6= 0 e:

f −1 (W ) = {( x, y, z, t) ∈ R4 | z + t = 0} = W
e dim f −1 (W ) = 3. Se k = −1, allora:

f −1 (W ) = {( x, y, z, t) ∈ R4 | 0 = 0} = R4
e, ovviamente, dim f −1 (W ) = 4.

4
Esempio. Sia f : R3 → R2 tale che:
 
1 2 4
M( f ) = .
−1 0 3
Sia V = {( x, y, z) ∈ R3 | x − y + 3z = 0}. Com’è fatta f |V ? Sappiamo che:

V = {( x, x + 3z, z) ∈ R3 } = L ((1, 1, 0), (0, 3, 1))


dove A = [(1, 1, 0), (0, 3, 1)] è una base di V, e sappiamo che f |V : V → R2 è tale che:

f |V (1, 1, 0) = f (1, 1, 0)

f |V (0, 3, 1) = f (0, 3, 1).


Da:
   
1   1  
1 2 4 3
M( f ) ·  1  = ·  1  =
−1 0 3 −1
0 0
e
   
0   0  
1 2 4 10
M( f ) ·  3  = · 3  =
−1 0 3 3
1 1
vediamo che:

f |V (1, 1, 0) = f (1, 1, 0) = (3, −1)

f |V (0, 3, 1) = f (0, 3, 1) = (10, 3).


Com’è fatta una matrice associata a f |V : V → R2 ?
 
3 10
MA , E ( f |V ) = .
−1 3

Esempio. Sia V ⊂ R3 il sottospazio avente A = [(1, 2, 1), (0, 1, −2)] e sia f : V → R3 tale che:

f (1, 2, 1) = (2, 2, 1)

f (0, 1, −2) = (3, 1, 1).


Come sono fatte le estensioni di f? Un’estensione di f è g : R3 → R3 tale che g|V = f . Quindi, certamente:

g(1, 2, 1) = f (1, 2, 1) = (2, 2, 1)

g(0, 1, −2) = f (0, 1, −2) = (3, 1, 1).


Completiamo l’insieme libero {(1, 2, 1), (0, 1, −2)} a base di R3 . Prendiamo e1 = (1, 0, 0) :

1 2 1

0 1 −2 = −4 − 1 = −5 6= 0.

1 0 0

Dunque, e1 ∈/ L ((1, 2, 1), (0, 1, −2)), per cui (1, 2, 1), (0, 1, −2), (1, 0, 0) sono vettori di R3 l.i. e, dunque,
devono necessariamente individuare una base di R3 . A questo punto, un’estensione g di f è tale che:

g(1, 2, 1) = f (1, 2, 1) = (2, 2, 1)

g(0, 1, −2) = f (0, 1, −2) = (3, 1, 1),

5
mentre g(1, 0, 0) può essere qualsiasi vettore del codominio R3 . Dunque, g1 : R3 → R3 tale che:

g1 (1, 2, 1) = f (1, 2, 1) = (2, 2, 1)

g1 (0, 1, −2) = f (0, 1, −2) = (3, 1, 1)

g1 (1, 0, 0) = (1, 2, 5)
è un’estensione di f . Oppure g2 : R3 → R3 tale che:

g2 (1, 2, 1) = f (1, 2, 1) = (2, 2, 1)

g2 (0, 1, −2) = f (0, 1, −2) = (3, 1, 1)

g2 (1, 0, 0) = (10, −28, 7)


è un’altra estensione di f , diversa di g1 . O ancora g3 : R3 → R3 tale che:

g3 (1, 2, 1) = f (1, 2, 1) = (2, 2, 1)

g3 (0, 1, −2) = f (0, 1, −2) = (3, 1, 1)

g3 (1, 0, 0) = (0, 0, 0)
è un’altra estensione di f , diversa di g1 e g2 .

Esempio. Sia V = {( x, y, z) ∈ R3 | y − z = 0} ⊂ R3 e sia f : V → R3 tale che:

f (1, 0, 0) = (1, 2, 2)

f (0, 1, 1) = (3, 1, 1).


Dato che A = [(1, 0, 0), (0, 1, 1)] è una base di V, sappiamo che Im f = L ( f (1, 0, 0), f (0, 1, 1)) = L ((1, 2, 2), (3, 1, 1)).
Dato che
(1, 2, 2), (3, 1, 1) ∈ V, in quanto verificano la sua equazione cartesiana, possiamo dire che Im f ⊆ V e f induce
un endomorfismo g : V → V tale che:

g(1, 0, 0) = f (1, 0, 0) = (1, 2, 2)

g(0, 1, 1) = f (0, 1, 1) = (3, 1, 1).


Come sono fatte le matrici associate a f e le matrici associate a g?
Abbiamo:
 
1 3
MA ,E ( f ) =  2 1  .
2 1
Scriviamo MA ,A ( g) = MA ( g). Ci servono [ g(1, 0, 0)]A = [(1, 2, 2)]A :

x = 1

(1, 2, 2) = x (1, 0, 0) + y(0, 1, 1) = ( x, y, y) ⇒ y = 2

y=2

⇒ [(1, 2, 2)]A = (1, 2). Ci servono [ g(0, 1, 1)]A = [(3, 1, 1)]A :

6

x = 3

(3, 1, 1) = x (1, 0, 0) + y(0, 1, 1) = ( x, y, y) ⇒ y = 1

y=1

⇒ [(3, 1, 1)]A = (3, 1). Dunque:


 
A 1 3
M ( g) = .
2 1

Esercizio su restrizione ed endomorfismo indotto. Sia f : R4 → R4 l’applicazione lineare definita da:

f ( x, y, z, t) = (hx + (h − 1)y − t, hy − z, x + (h − 1)y − t, − x + (h − 1)y + ht)


per ogni ( x, y, z, t) ∈ R4 .
Dato V = {( x, y, z, t) ∈ R4 | x − t = 0}, mostrare che la restrizione f |V di f a V induce un endomorfismo
ψ : V → V per ogni h ∈ R.
Si vede che:

V = {( x, y, z, x ) ∈ R4 } = L ((1, 0, 0, 1), (0, 1, 0, 0), (0, 0, 1, 0)).


Poniamo:

v1 =(1, 0, 0, 1)
v2 =(0, 1, 0, 0)
v3 =(0, 0, 1, 0).

Le restrizione di f a V è l’applicazione lineare f |V : V → R4 definita da:

f |V (v1 ) = f (v1 ) = f (1, 0, 0, 1) = (h − 1, 0, 0, h − 1)

f |V (v2 ) = f (v2 ) = f (0, 1, 0, 0) = (h − 1, h, h − 1, h − 1)

f |V (v3 ) = f (v3 ) = f (0, 0, 1, 0) = (0, −1, 0, 0).


Per vedere se la restrizione di f a V induce un endomorfismo di V dobbiamo vedere se Im f |V = f (V ) ⊆ V.
Sappiamo che f (V ) = L ( f (v1 ), f (v2 ), f (v3 )). Dunque, per vedere se f (V ) ⊆ V basta vedere se f (v1 ), f (v2 ), f (v3 ) ∈
V. È facile vedere che:

f |V (v1 ) = f (v1 ) = f (1, 0, 0, 1) = (h − 1, 0, 0, h − 1)

f |V (v2 ) = f (v2 ) = f (0, 1, 0, 0) = (h − 1, h, h − 1, h − 1)

f |V (v3 ) = f (v3 ) = f (0, 0, 1, 0) = (0, −1, 0, 0)


verificano l’equazione cartesiana di V che è x − t = 0. Dunque, concludiamo che f (V ) ⊆ V e che f |V induce
un endomorfismo ψ : V → V.
Osservarzione sull’esercizio. Com’è fatto questo endomorfismo ψ : V → V? Esso è determinato dalle
condizioni:

ψ(v1 ) = f |V (v1 ) = f (v1 ) = f (1, 0, 0, 1) = (h − 1, 0, 0, h − 1)

ψ(v2 ) = f |V (v2 ) = f (v2 ) = f (0, 1, 0, 0) = (h − 1, h, h − 1, h − 1)

ψ(v3 ) = f |V (v3 ) = f (v3 ) = f (0, 0, 1, 0) = (0, −1, 0, 0).


Se poniamo A = [v1 , v2 , v3 ], allora è facile vedere che (verificatelo!):

7
[ψ(v1 )]A = [(h − 1, 0, 0, h − 1)]A = (h − 1, 0, 0)

[ψ(v2 )]A = [(h − 1, h, h − 1, h − 1)]A = (h − 1, h, h − 1)

[ψ(v3 )]A = [(0, −1, 0, 0)]A = (0, −1, 0),


per cui:
 
h−1 h−1 0
M A ( ψ ) = M A ,A ( ψ ) =  0 h −1  .
0 h−1 0
Invece, la restrizione f a V è l’applicazione lineare f |V : V → R4 definita da:

f |V (v1 ) = f (v1 ) = f (1, 0, 0, 1) = (h − 1, 0, 0, h − 1)

f |V (v2 ) = f (v2 ) = f (0, 1, 0, 0) = (h − 1, h, h − 1, h − 1)

f |V (v3 ) = f (v3 ) = f (0, 0, 1, 0) = (0, −1, 0, 0)


e ha come matrice associata rispetto alla base A di V e la base canonica di R4 :
 
h−1 h−1 0
 0 h −1 
MA ,E ( f ) =  .
 0 h−1 0 
h−1 h−1 0

Esercizio. Sia f : R3 → R4 l’applicazione lineare definita da:

f (1, 1, 1) = (h, 2h + 1, −1, h + 10)


f (1, −1, 0) = (h, −h, 0, 0)
f (1, 1, 0) = (h − 6, h, −6, 6)

Detta p : R4 → R3 l’applicazione definita da p( x, y, z, t) = ( x, y, z), sia g = p ◦ f : R3 → R3 . Determinare la


matrice associata a g rispetto alla base canonica di R3 .
Da:

f (1, 1, 1) = (h, 2h + 1, −1, h + 10)

f (1, −1, 0) = (h, −h, 0, 0)

f (1, 1, 0) = (h − 6, h, −6, 6)
otteniamo:
 
 f (e1 ) + f (e2 ) + f (e3 ) = (h, 2h + 1, −1, h + 10)  f (e1 ) = (h − 3, 0, −3, 3)
f (e1 ) − f (e2 ) = (h, −h, 0, 0) ⇒ f (e2 ) = (−3, h, −3, 3)
f (e1 ) + f (e2 ) = (h − 6, h, −6, 6) f (e3 ) = (6, h + 1, 5, h + 4).
 

Quindi:  
h−3 −3 6
 0 h h+1 
M( f ) = 
 
−3 −3 5 
3 3 h+4
La matrice associata a p è:

8
p(1, 0, 0, 0) = (1, 0, 0)

p(0, 1, 0, 0) = (0, 1, 0)

p(0, 0, 1, 0) = (0, 0, 1)

p(0, 0, 0, 1) = (0, 0, 0).

 
1 0 0 0
M( p) =  0 1 0 0 .
0 0 1 0
Quindi:
 
  h−3 −3 6  
1 0 0 0 h − 3 −3 6
 0 h h+1 
M( g) = M( p) · M( f ) =  0 1 0 0 
 −3
= 0 h h+1 .
−3 5 
0 0 1 0 −3 −3 5
3 3 h+4

Potrebbero piacerti anche