Sei sulla pagina 1di 53

Giuseppe Ruffo

Fisica: lezioni e
problemi
Unità D8 - I principi della dinamica
1. Il primo principio della dinamica
2. Il secondo principio della dinamica
3. Il terzo principio della dinamica
4. Alcune applicazioni dei tre principi
5. Il moto oscillatorio
6. La forza centripeta
7. La forza gravitazionale
8. Il moto dei satelliti

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 2


Lezione 1 - Il primo principio della
dinamica

Tutti i corpi sono inerti, cioè


rimangono nel loro stato di quiete
o di moto finché non interviene
una forza

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 3


Lezione 1 - Il primo principio della
dinamica
Aristotele (IV secolo a.C.): lo stato naturale dei corpi è la
quiete; per mantenere costante la velocità di un corpo è
necessaria una forza.
Galileo (XVII secolo d.C.): l’applicazione di un forza per
mantenere in movimento un corpo è necessaria per vincere
l’attrito. In assenza di attrito i corpi continuerebbero a
muoversi di moto rettilineo uniforme senza necessità di
applicare forze

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 4


Lezione 1 - Il primo principio della
dinamica
Esperimento di Galileo
-La pallina scende rotolando lungo il piano
inclinato a sinistra e risale quello di destra fino
a fermarsi.
-Più diminuisce l’inclinazione del secondo
piano inclinato, più a lungo si muove la pallina
e più lentamente perde velocità.
-Idealmente, su un piano orizzontale privo di
attrito, la pallina si muoverebbe
indefinitamente con velocità costante

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 5


Lezione 1 - Il primo principio della
dinamica
Primo principio della dinamica (principio di inerzia)

Un corpo rimane nel suo stato di quiete o di moto


rettilineo uniforme, finché non interviene una
causa esterna (una forza) a variare il suo stato

Inerzia: tendenza di un corpo a mantenere invariato il suo


stato di moto (o di quiete).

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 6


Lezione 1 - Il primo principio della
dinamica
Dispositivi per eliminare gli attriti in laboratorio

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 7


Lezione 1 - Il primo principio della
dinamica
Sistema di riferimento inerziale: sistema di riferimento in cui vale il
principio di inerzia
-Per molti tipi di esperimenti un sistema di riferimento solidale con la Terra può
essere considerato inerziale
-Un sistema di riferimento in moto rettilineo uniforme rispetto a un sistema
inerziale è a sua volta un sistema inerziale
-Un sistema di riferimento in moto accelerato rispetto a un sistema inerziale non
è un sistema inerziale: per esempio, il principio di inerzia non vale su una
piattaforma rotante rispetto alla Terra

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 8


Lezione 2 - Il secondo principio
della dinamica

Una forza, applicata a un corpo


libero, produce un’accelerazione
che è proporzionale all’intensità
della forza stessa

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 9


Lezione 2 - Il secondo principio
della dinamica
Una forza costante produce una accelerazione costante
Applichiamo una forza costante a un corpo libero di muoversi.

In assenza di
attrito, il corpo si
muove di moto
uniformemente
accelerato

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 10


Lezione 2 - Il secondo principio
della dinamica
L’accelerazione impressa al corpo è
direttamente proporzionale alla forza
applicata
Applicando allo stesso corpo forze costanti di
intensità diversa, si verifica sperimentalmente
che l’accelerazione del moto e la forza applicata
sono direttamente proporzionali.

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 11


Lezione 2 - Il secondo principio
della dinamica
L’accelerazione impressa al corpo è
inversamente proporzionale alla
massa del corpo
Applicando la stessa forza costante a corpi di
massa diversa, si verifica sperimentalmente che,
a parità di forza, l’accelerazione del moto e la
massa del corpo sono inversamente
proporzionali.

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 12


Lezione 2 - Il secondo principio
della dinamica
Secondo principio della dinamica
La risultante delle forze applicate a un corpo è
uguale al prodotto della massa del corpo per
l’accelerazione che esso acquista

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 13


Lezione 2 - Il secondo principio
della dinamica
L’unità di misura SI della forza è il newton (N)
-Una forza di 1 N applicata a un corpo di massa 1 kg produce
un’accelerazione di 1 m/s2.

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 14


Lezione 2 - Il secondo principio
della dinamica
Il secondo principio della dinamica è una legge vettoriale

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 15


Lezione 2 - Il secondo principio
della dinamica
Un corpo in caduta libera è soggetto alla forza peso P e cade con accelerazione g (accelerazione di gravità)

Per il secondo principio della dinamica:


Il peso di un corpo è dato dal prodotto della massa per l’accelerazione di gravità, e si misura in newton

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 16


Lezione 3 - Il terzo principio della
dinamica

Non esistono forze isolate; a ogni


forza applicata a un corpo ne
corrisponde un’altra esercitata dal
corpo stesso

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 17


Lezione 3 - Il terzo principio della
dinamica
Due corpi interagiscono: sia nel caso di
forze a distanza, sia nel caso di forze di
contatto, le forze sui due corpi sono
uguali e opposte

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 18


Lezione 3 - Il terzo principio della
dinamica

Terzo principio della dinamica (o principio delle azioni reciproche o


principio di azione e reazione)

Quando un corpo A esercita una forza su un


corpo B, il corpo B esercita su A una forza uguale
e opposta.

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 19


Lezione 3 - Il terzo principio della
dinamica
La ruota esercita sull’asfalto una
forza (forza ruota-asfalto)
L’asfalto reagisce esercitando
sulla ruota una forza uguale e
opposta (forza asfalto-ruota)
Quest’ultima permette alla
motocicletta di avanzare.

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 20


Lezione 3 - Il terzo principio della
dinamica
Le forze uguali e opposte dovute al
terzo principio non si compensano
perché sono applicate a corpi diversi.
Delle sei forze rappresentate,
solamente due agiscono sul bambino:
-la reazione del terreno Ftb
-la reazione della slitta Fsb
Poiché la risultante di queste due forze
è diretta in avanti, il bambino riesce ad
avanzare

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 21


Lezione 4 - Alcune applicazioni dei
tre principi

I principi della dinamica sono


applicabili a diversi fenomeni della
vita quotidiana

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 22


Lezione 4 - Alcune applicazioni dei
tre principi Corpo che cade in un fluido
La forza totale è la risultante della forza peso e della forza di attrito del mezzo, che dipende dalla velocità:

Mentre il corpo cade, la sua velocità cresce fino a raggiungere la velocità di regime o velocità limite: a quel punto la
forza di attrito uguaglia il peso, la forza risultante è nulla, e il corpo continua a cadere, ma con velocità costante

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 23


Lezione 4 - Alcune applicazioni dei
tre principi
Un corpo che cade in un fluido raggiunge una velocità costante

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 24


Lezione 4 - Alcune applicazioni dei
tre principi
Corpo che scende lungo un piano inclinato senza attrito

In direzione perpendicolare al piano c’è


equilibrio tra le forze agenti
In direzione parallela al piano agisce solo la
componente parallela del peso, e quindi c’è
accelerazione:

è sempre inferiore a 1, quindi a < g

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 25


Lezione 4 - Alcune applicazioni dei
tre principi
Se lungo il piano agisce una forza di attrito,
la forza lungo la direzione parallela risulta

L’accelerazione, ovviamente, è minore


rispetto al caso senza attrito

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 26


Lezione 4 - Alcune applicazioni dei
tre principi
Il moto di un corpo lanciato è parabolico.
Nella direzione orizzontale non agiscono forze, e il moto è uniforme

Nella direzione
verticale agisce
la forza peso, e
il moto è
uniformemente
accelerato con
accelerazione g

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 27


Lezione 4 - Alcune applicazioni dei
tre principi
Bilancia in ascensore
Sulla bambina agiscono due forze, il peso P e
la reazione della bilancia R
La bilancia è un misuratore di forza; la sua
indicazione corrisponde all’intensità di R
1. L’ascensore è fermo o in moto uniforme
L’accelerazione è nulla, quindi la risultante
delle forze è nulla: R – P = 0, cioè R = P
La bilancia indica il peso corretto

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 28


Lezione 4 - Alcune applicazioni dei
tre principi
2. L’ascensore accelera verso l’alto con
accelerazione a
Applicando alla bambina il secondo principio:
R – P = m·a, R = P + m·a,
la bilancia indica un peso maggiore
3. L’ascensore accelera verso il basso con
accelerazione a:
P – R = m·a, R = P – m·a,
la bilancia indica un peso minore

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 29


Lezione 5 - Il moto oscillatorio

Il moto oscillatorio è caratterizzato


da un periodo, che dipende dal
sistema che oscilla

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 30


Lezione 5 - Il moto oscillatorio
Una massa m, attaccata all’estremità di una
molla, oscilla per effetto della forza di richiamo

La forza, e quindi l’accelerazione, è


direttamente proporzionale allo
spostamento, ma ha segno opposto.
Il moto oscillatorio della massa è un moto
armonico. Il sistema massa-molla è detto
oscillatore armonico

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 31


Lezione 5 - Il moto oscillatorio
Periodo: tempo necessario per un’oscillazione completa,
dall’estremo A all’estremo B e ritorno.
Il periodo dell’oscillatore armonico dipende dalla massa oscillante e
dalla costante elastica della molla

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 32


Lezione 5 - Il moto oscillatorio
Il pendolo oscilla per effetto della forza peso
Lungo la direzione radiale c’è equilibrio: la reazione del
filo equilbra Pf.

Lungo la direzione tangenziale agisce solo la


componente del peso Pt; Pt tende sempre a riallineare
il pendolo lungo la verticale, quindi agisce da forza di
richiamo.

Per piccoli angoli di oscillazione:

Pt e s sono direttamente proporzionali, ma con segno opposto.

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 33


Lezione 5 - Il moto oscillatorio
Per piccoli angoli di oscillazione, le piccole oscillazioni del pendolo sono
armoniche.
Il periodo delle piccole oscillazioni del pendolo dipende solo dalla
lunghezza l del pendolo e dall’accelerazione di gravità g

Misurando il periodo T si può, nota la lunghezza l, determinare g.

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 34


Lezione 5 - Il moto oscillatorio
In presenza di attrito si ha una progressiva diminuzione
dell’ampiezza di oscillazione (smorzamento), fino
all’arresto.

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 35


Lezione 6 - La forza centripeta

Un corpo che gira su una


circonferenza ha un’accelerazione
centripeta, prodotta da una forza
centripeta

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 36


Lezione 6 - La forza centripeta
Nel moto circolare uniforme c’è accelerazione centripeta.
Quindi una forza centripeta produce l’accelerazione.

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 37


Lezione 6 - La forza centripeta
Forza centripeta esercitata Forza centripeta esercitata
da un vincolo (il cavo) a distanza

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 38


Lezione 6 - La forza centripeta

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 39


Lezione 6 - La forza centripeta
Forza centrifuga: forza apparente (o fittizia) introdotta per descrivere il
moto in un sistema non inerziale.
Osservatore A (a
terra): la bambina si
muove di moto
circolare uniforme
Osservatore B (in
giostra):
La bambina è in
equilibrio. La forza
centrifuga equilibra
quella centripeta

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 40


Lezione 7 - La forza gravitazionale

Due corpi qualsiasi si attraggono


per effetto delle loro masse;
l’attrazione dipende dal valore
delle masse e dalla loro distanza

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 41


Lezione 7 - La forza gravitazionale
Leggi di Keplero: leggi sperimentali che
descrivono il moto di rivoluzione dei pianeti
intorno al Sole
-Legge delle orbite: le orbite sono delle ellissi
-Legge delle aree: il raggio che congiunge il Sole
con un pianeta descrive aree uguali in tempi uguali
-Legge dei periodi: il rapporto fra il cubo della
distanza media dal Sole e il quadrato del periodo di
rivoluzione è costante:

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 42


Lezione 7 - La forza gravitazionale
La forza responsabile del moto dei pianeti descritto dalle leggi di
Keplero è la forza gravitazionale

Due corpi dotati di massa interagiscono esercitando


l’uno sull’altro una forza gravitazionale.

Caratteristiche delle forza gravitazionale


Direzione: lungo la congiungente
Verso: sempre attrattivo

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 43


Lezione 7 - La forza gravitazionale
lntensità della forza gravitazionale: legge di gravitazione universale

La costante di proporzionalità G è la costante di gravitazione


universale: fu misurata per la prima volta da Henry Cavendish (1798).

In unità SI:

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 44


Lezione 7 - La forza gravitazionale
La forza gravitazionale è
-direttamente proporzionale a ciascuna massa
-inversamente proporzionale al quadrato della distanza

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 45


Lezione 7 - La forza gravitazionale
Forza gravitazionale esercitata dalla Terra sulla
massa m a una quota h (M e R indicano massa
e raggio della Terra)

Forza gravitazionale = forza peso

Se h è trascurabile rispetto a R:

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 46


Lezione 7 - La forza gravitazionale
La formula per l’accelerazione di gravità vale anche su un pianeta
diverso dalla terra (M e R indicano massa e raggio del pianeta)

Su un pianeta diverso dalla Terra la massa m di un corpo resta


costante, ma il peso m·g cambia perché cambia il valore di g.

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 47


Lezione 8 - Il moto dei satelliti

Un satellite è tenuto sulla sua


orbita dalla forza gravitazionale,
esercitata dal corpo attorno
a cui ruota il satellite

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 48


Lezione 8 - Il moto dei satelliti
Satellite in orbita intorno alla Terra
Il moto segue le stesse leggi che regolano il moto
dei pianeti intorno al Sole

L’orbita è un’ellisse. Per semplicità la possiamo


considerare una circonferenza di raggio r = R + h

In questa ipotesi il moto è circolare uniforme

La forza gravitazionale agisce da forza centripeta

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 49


Lezione 8 - Il moto dei satelliti

La velocità del satellite dipende dal raggio dell’orbita R + h, e quindi


da h, e dalla massa della Terra M, ma non dalla massa del satellite.

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 50


Lezione 8 - Il moto dei satelliti
Periodo di rivoluzione T del satellite

Il periodo del satellite dipende dal


raggio dell’orbita ma non dalla massa
del satellite.
Un satellite geostazionario ha un
periodo uguale al periodo di
rotazione della Terra (1 giorno),
quindi risulta fermo rispetto alla
superficie terrestre.

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 51


Lezione 8 - Il moto dei satelliti
Il GPS (Global Positioning System) è un sistema composto da diversi
satelliti che identifica la posizione, di aerei, navi, veicoli e altri oggetti.

Un ricevitore GPS, scambiando


informazioni con i satelliti, determina
la propria distanza da tre di essi.
Intersecando tre circonferenze, il cui
raggio è la distanza dal satellite, con
la superficie terrestre, identifica il
punto in cui si trova

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 52


Unità D8 - I principi della dinamica
Principi
Principi della
della dinamica
dinamica Sistemi
Sistemi inerziali
inerziali Forza
Forza gravitazionale
gravitazionale

Primo
Primo Oscillatore
Oscillatore
Forza
Forza
principio
principio armonico
armonico centripeta
centripeta

Secondo Moto
Moto Moto
Moto dei
dei
Secondo Pendolo
Pendolo
principio oscillatorio
oscillatorio pianeti
pianeti ee dei
dei
principio
satelliti
satelliti

Terzo Caduta
Caduta in
in un
un fluido
fluido
Terzo
principio
principio Leggi
Leggi di
di
Caduta
Caduta lungo
lungo un
un piano
piano inclinato
inclinato Keplero
Keplero

Giuseppe Ruffo, Fisica: lezioni e problemi © Zanichelli editore 2010 53