Sei sulla pagina 1di 21

01 - Preliminari_01 - Preliminari 15/07/19 18.

03 Pagina I

Alexa Capra - Daniele Robotti

Il mio Rottweiler
Conoscere la razza,
scegliere il cucciolo ideale,
educarlo e capirlo
01 - Preliminari_01 - Preliminari 15/07/19 18.03 Pagina II

1a edizione: gennaio 2003


1a ristampa della 1a edizione: luglio 2019

Testi: ALEXA CAPRA


Foto: DANIELE ROBOTTI

Avvertenza: le normative nazionali e internazionali e i riferimen-


ti possono essere mutati. Verificare sempre, anche se sono state
introdotte alcune modifiche.

© Copyright 2019 by «Calderini - Edizioni Calderini di New Business Media S.r.l.»,


via Eritrea, 21 - 20157 Milano

Redazione: p.zza G. Galilei, 6 - 40123 Bologna


e-mail: libri.edagricole@newbusinessmedia.it
Vendite: tel. 051/6575833; fax: 051/6575999
e-mail: libri.edagricole@newbusinessmedia.it/www.edagricole.it

Proprietà letteraria riservata - printed in Italy


La riproduzione con qualsiasi processo di duplicazione delle pubblicazioni tutelate dal diritto d’autore è vie-
tata e penalmente perseguibile (art. 171 della legge 22 aprile 1941, n. 633). Quest’opera è protetta ai sensi
della legge sul diritto d’autore e delle Convenzioni internazionali per la protezione del diritto d’autore (Con-
venzione di Berna, Convenzione di Ginevra). Nessuna parte di questa pubblicazione può quindi essere ripro-
dotta, memorizzata o trasmessa con qualsiasi mezzo e in qualsiasi forma (fotomeccanica, fotocopia, elettroni-
ca, ecc.) senza l’autorizzazione scritta dell’editore. In ogni caso di riproduzione abusiva si procederà d’ufficio
a norma di legge.
Impianti e stampa: Centro Stampa Digitalprint s.r.l., Via Novella, 15
47922 Rimini (RM).

Finito di stampare nel luglio 2019


ISBN-978-88-506-4503-9
00 - INDICE.qxp_00 - INDICE 15/07/19 16.26 Pagina III

III

Indice generale

PARTE PRIMA: CONOSCERE IL ROTTWEILER . . . . . . . . . . . . . 1

SCHEDA DELLA RAZZA: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2


La storia antica e moderna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
La storia antica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
La storia moderna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Il Rottweiler nel mondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Il Rottweiler in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Il Rottweiler ideale: l’aspetto e il carattere . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Lo standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
La razza, lo standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Il Rottweiler in generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
LO STANDARD. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Un commento allo standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
L’aspetto generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Le proporzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
La testa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Gli occhi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
La coda. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Le zampe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Il mantello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Il colore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
La taglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
I difetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
Il segreto del suo successo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Il segreto del suo successo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Conseguenze positive e negative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Responsabilità e gestione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Il comportamento di guardia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
Il più antico antifurto del mondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
Il comportamento di guardia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
Il profilo del guardiano ideale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Rottweiler: in guardia!. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Una questione di gerarchia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
La tendenza alla dominanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
La dominanza nel Rottweiler . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
Ottenere il meglio dalla situazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
00 - INDICE.qxp_00 - INDICE 15/07/19 16.26 Pagina IV

IV INDICE GENERALE

Il cane dominante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Esercizi di gerarchia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
Obbedienza e sottomissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Qualche domanda, qualche risposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
Meglio il maschio o la femmina come cane da famiglia?. . . . . . 46
Può essere lasciato solo?. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
Sono cani rumorosi? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
Come sono con i bambini? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
Come sono con gli altri animali?. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Come si comportano con gli altri cani? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Come si comportano con il cibo? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
Di quanto movimento hanno bisogno?. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
Che tipo di addestramento richiedono?. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
E il controllo?. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
Il proprietario ideale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
Alcune domande, alcune risposte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
SCHEDA DEL PROPRIETARIO IDEALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55

PARTE SECONDA: IL CUCCIOLO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59

SCHEDA DEL CUCCIOLO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60


Dove comprare il cucciolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
La prima regola: l’informazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
Dove non comprare un cucciolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
Dove comprare un cucciolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
La scelta del cucciolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
Il cane da famiglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
La giovane promessat . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
Il cucciolo “da lavoro” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
I costi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
Osservare la madre e il padre. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
Scegliere il cucciolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
Il cucciolo in casa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
Si socializza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
L’educazione in casa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
Regole per cuccioli (e umani) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
Qualche domanda, qualche risposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80

PARTE TERZA: VIVERE CON IL ROTTWEILER . . . . . . . . . . . . . 85

SCHEDA DELLA CONVIVENZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86


Il Rottweiler in casa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
00 - INDICE.qxp_00 - INDICE 15/07/19 16.26 Pagina V

INDICE GENERALE V

Gli accessori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
La cuccia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
Il giardino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
L’alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
Il movimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
Guinzaglio e richiamo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
Il Rottweiler in esposizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
Cos’è una esposizione cinofila . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
Carte in regola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
Abituare il cane alla folla e al ring . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
Il Rottweiler in esposizione: presenza e prestanza . . . . . . . . . . 101
Un giro al trotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
Cosa vuol dire... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
Al lavoro. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
Le prove di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
Il figurante, il campo di addestramento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Le prove . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
La SchH - Schutzhund . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
Lo ZTP - Züchtauglichkeits Prüfung . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
La Körung . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
Il Mondioring . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
Le altre prove . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120

PARTE QUARTA: LA SALUTE E LA LEGGE. . . . . . . . . . . . . . . . . 125

SCHEDA DELLA SALUTE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126


La salute. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
La prevenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
Le malattie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
Allevare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
SCHEDA DELLA LEGGE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
La legge . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
In casa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
L’anagrafe canina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
Lo smarrimento del cane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
Sanzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
In condominio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
In strada . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
Danni a terzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
Cani pericolosi, leggi pericolose? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
Tra il dire e il fare.... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
Le leggi in Gran Bretagna, Germania, Usa . . . . . . . . . . . . . . . . 153
Punire il fatto, non la razza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
00 - INDICE.qxp_00 - INDICE 15/07/19 16.26 Pagina VI

RINGRAZIAMENTI
Desidero ricordare e ringraziare tutti i grandi appassionati del Rottweiler che
hanno collaborato con noi alla realizzazione delle immagini di questo libro,
dedicando al nostro lavoro tempo, consigli e tutta la loro competenza in que-
sta affascinante razza.
Federigo Lensi dell’allevamento della “Riva Petrosa” Presidente del
Rottweiler Club Italia (tel. 0382460277 - fax - 0382472129) per le foto al
campo di Pavia con i soggetti “Rais” e “Wilma”.
A Daniela Maffei, allevamento “del Marchesato”, dobbiamo un doppio grazie
non solo per aver fatto saltare, correre, nuotare, “Conan” e “Bessy” oltre a
due cucciolate di piccoli diavoli, ma anche per il lavoro di rilettura del testo.
La famiglia Lenti, allevamento “dei Tre Denti”, ci ha regalato l’immagine di
come deve essere il rapporto con il nostro Rottweiler: li ritrovate sommersi
da “Winni” e “Petra Maruscka”, o a contendere un copertone con “Tim”.
Massimo e Monica hanno lavorato bene nell’educazione di “Hutz” e “Jari”,
assieme ai loro due rassicuranti compagni a quattro zampe abbiamo realizza-
to le immagini delle situazioni in città.
Ringrazio i proprietari incontrati al raduno di Envie per la loro gentile dispo-
nibilità: Roberta e “Nikita”, Silvana, Gloria Gerosa con “Kim” e “Ice” e Loris
Ferraroni per le riprese con “Froid”.
I - CAPITOLO 01_I - CAPITOLO 01 15/07/19 16.52 Pagina 1

Parte Prima

CONOSCERE
IL ROTTWEILER

COSA SI DEVE SAPERE PER CONOSCERE UNA RAZZA?

Il primo passo è scoprire da dove viene. Il suo passato, la sua storia.


Il secondo è costruire quella che gli etologi chiamano “immagine di
ricerca”: com’è fatto un Rottweiler? Il modo migliore per imparare le
caratteristiche tipiche della razza è conoscere il suo standard: la descri-
zione del Rottweiler ideale.
Non basta: si deve ancora approfondire un aspetto fondamentale e cioé, il
carattere. Anche se ogni cane è prima di tutto un cane, e non esistono due
cani identici nell’aspetto e nel comportamento, una razza è per definizio-
ne una popolazione omogenea di individui cioè cani che hanno un aspetto
simile e un carattere simile. La base del comportamento è la stessa per tutti
i cani, l’uomo ne ha però accentuato o ridotto alcune caratteristiche per
svolgere al meglio i compiti che gli sono affidati.
I prossimi tre capitoli parleranno proprio di tutto questo: della sua sto-
ria, del suo aspetto, e del suo carattere.
I - CAPITOLO 01_I - CAPITOLO 01 15/07/19 16.52 Pagina 2

SCHEDA DELLA RAZZA

Razza: Rottweiler.
Paese di origine: Germania.
Gruppo: Molossoidi e bovari (II gruppo).
Funzione originaria: bovaro, cane da presa.
Funzione attuale: cane da guardia, da utilità.
Durata della vita: 10 -11 anni.
Apparenza: ossatura forte, potente, muscoloso.
Colore: nero con focature da ruggine a mogano.
Mantello: pelo di media lunghezza, diritto, spesso, denso.
Cure: Spazzolare regolarmente, pulizia delle orecchie, cura delle unghie. Sensibile fisi-
camente, deve essere abituato alla manipolazione da cucciolo.
Livello di attività: più elevato all’esterno, ridotto all’interno.
Guardia: eccellente, la tendenza ad abbaiare è elevata solo durante la guardia.
Protezione: alta, non deve però mostrare aggressività verso estranei inoffensivi.
Addestrabilità: media, richiede esperienza e capacità di capire il temperamento
della razza per essere addestrato propriamente.
Con i bambini: se abituato ai bambini di casa può essere molto gentile. Con i più pic-
coli richiede la supervisione di un adulto. Da giovane può essere irruente. Da tenere
sotto controllo con i bambini non di famiglia.
Altri animali: dominante su altri cani, può inseguire, cacciare o uccidere animali da
fattoria.
Con i gatti: va d’accordo con il gatto di casa se abituato da cucciolo.
Con gli estranei: da amichevole ad allerta; richiede precauzioni.
Carattere: calmo, confidente, coraggioso, piuttosto indipendente.
Ambiente domestico: deve vivere a contatto con la famiglia. Può vivere in un giar-
dino cintato, ma non deve essere lasciato fuori incustodito e non curato per molto
tempo. Può diventare eccessivamente territoriale e aggressivo verso le persone che
entrano nel suo territorio.
Proprietario ideale: una persona adulta di carattere fermo, gentile ma autoritario,
con il tempo per addestrarlo e socializzarlo. Un cane correttamente socializzato e adde-
strato si inserisce facilmente in famiglia.
POTENZIALI PROBLEMI
Comportamento: eccesso di protezione, aggressività sul cibo, aggressività verso gli
altri cani, tendenza alla dominanza, disobbedienza, eccesso di richieste di attenzione.
Fisico: displasia del gomito, displasia dell’anca, osteocondrosi disseccante del gomito.
Raccomandazioni: la richiesta e la popolarità della razza hanno portato a un alleva-
mento a volte irresponsabile, con conseguenti problemi fisici e caratteriali. Attenzione
a dove comprate il cucciolo.
I - CAPITOLO 02_I - CAPITOLO 02 15/07/19 17.04 Pagina 12

12

Lo standard

Il maschio “RAIS
della Riva Petrosa” La razza, lo standard
dimostra il perfetto
equilibrio tra agilità Un cucciolo di Rottweiler è un cucciolo di razza: un cane
e possanza.
prodotto dall’accoppiamento di due soggetti della stessa
razza, entrambi iscritti a un libro genealogico e che a loro
volta discendono da cani della stessa razza da molte gene-
razioni. L’iscrizione al libro genealogico definisce l’apparte-
nenza a una razza in termini zootecnici; non definisce inve-
ce le caratteristiche, i difetti e le qualità, del soggetto. Per
giudicare il vostro cucciolo dovete valutarlo in base allo
standard: la descrizione delle caratteristiche definite della
razza. Gli allevatori fanno riferimento allo standard per la
selezione dei riproduttori e la produzione di cuccioli con
caratteristiche tipiche.
L’allevatore misura continuamente la qualità dei propri
cani con riferimento allo standard.
Dovreste leggere attentamente lo standard prima di guar-
dare il primo cucciolo, soprattutto se desiderate partecipa-
re a prove di morfologia.
I - CAPITOLO 02_I - CAPITOLO 02 15/07/19 17.04 Pagina 13

L O S TA N D A R D 13

Il Rottweiler in generale
Il Rottweiler è un cane di taglia medio-grande, possente.
La sua struttura è compatta e sostanziosa, esprime grande
forza, agilità e resistenza. Il maschio è più imponente, con
torace più largo e ossatura più massiccia delle femmine.
Lo standard è uno solo, i cani che presentano caratteristi-
che differenti non sono considerati tipici: è sempre nero,
con marcature ben definite sulle guance, muso, collo e Sguardo attento
e sicuro in questa
zampe, così come su entrambi gli occhi, che variano dal immagine
rosso al mogano. Il pelo è dritto, spesso e di media lun- di un giovane
ghezza, con un sottopelo che varia in grado in base alle maschio.

COSA VUOL DIRE:


Commessura labiale: è il punto in cui si uniscono le labbra della mascella e quelle della
mandibola.
Ectropion: è una malformazione delle palpebre, che non sono aderenti all’occhio ma
rivoltate verso l’esterno.
Enognato: è un difetto nello sviluppo di mascella e mandibola: gli incisivi superiori risul-
tano davanti a quelli inferiori, e non a contatto.
Entropion: è una malformazione delle palpebre, che non sono aderenti all’occhio ma
rivoltate verso l’interno.
Garrese: è la punta della spalla, visibile tra il collo e la schiena del cane.
Giogaia: è la pelle del collo, che quando è abbondante forma delle pieghe sotto il
mento. Si chiama giogaia perché è il punto in cui nei bovini veniva messo il giogo.
Levrettato: deriva da levriero, e indica il ventre retratto tipico di queste razze.
Montonino: deriva da montone, e indica il muso a gobba tipico di questi animali. Nel
cane indica il profilo del muso a gobba.
Prognato: è una alterazione nello sviluppo di mascella e mandibola; gli incisivi superiori
risultano dietro a quelli inferiori, a contatto o più distanziati. In alcune razze è
richiesto, in altre è considerato difetto.
Speroni: è il quinto dito, una piccola appendice che
non tocca terra, e che può essere presente dalla
nascita sulle zampe posteriori e anteriori. In alcu-
ne razze è considerato difetto, e viene asportato
nel cucciolo, in altre è ammesso o richiesto.
Stop: è il punto che congiunge il muso alla fron-
te. Può essere più o meno marcato: formare un
angolo aperto o chiuso.
Tartufo: è il naso del cane.
I - CAPITOLO 02_I - CAPITOLO 02 15/07/19 17.04 Pagina 14

14 CONOSCERE IL ROTTWEILER

La femmina “Winni condizioni climatiche. Il Rottweiler è un cane calmo e con-


von Salamander”
fidente che ha un forte desiderio di proteggere la casa e la
ha la coda integra,
che corrisponde famiglia. Non è timido ma neppure altamente eccitabile.
perfettamente Intelligente e addestrabile, è affettuoso e affezionato,
allo standard. tende a seguire le persone di stanza in stanza. Per la taglia
Proprietà
Allevamento “Dei
e la forza, deve essere socializzato e addestrato fin da cuc-
Tre Denti” ciolo. Soggetti nervosi, timidi, eccitabili o iperattivi esibi-
scono un carattere indesiderabile in cani della taglia e della
potenza del Rottweiler e dovrebbero essere evitati.
I - CAPITOLO 02_I - CAPITOLO 02 15/07/19 17.04 Pagina 15

LO STANDARD

F.C.I. Standard n. 147 I 16 gennaio 1996/D


Paese d’origine: Germania
Utilizzazione della razza: cane da compagnia, difesa e lavoro
Classificazione FCI: Gruppo 2 - Sezione 2.1
Molosso, tipo mastino, con prove di lavoro.

1 - ASPETTO GENERALE DEL CANE.


Il Rottweiler è un cane da medio-grande a grande, robusto, né massiccio né leggero, né
levrettato, né alto sugli arti. Le proporzioni esatte della sua struttura lo vogliono com-
patto e potente, evoca grande forza, elasticità e resistenza.

2 - IMPORTANTI PROPORZIONI.
La lunghezza del tronco, misurata dalla punta dello sterno alla protuberanza ischiatica,
non dovrebbe superare l’altezza al garrese più del 15%.

3 - COMPORTAMENTO E CARATTERE.
Discende da stirpe socievole e pacifica e per natura ama i bambini; è affettuoso, obbe-
diente, addestrabile ed amante del lavoro. Il suo aspetto imponente lascia intuire le sue
origini. Il suo comportamento è sicuro, solido di nervi ed intrepido. È sempre vigile e
attento al mondo che lo circonda.

4 - TESTA
4.1 Cranio: di media lunghezza, cranio largo tra le orecchie, l’osso frontale, visto di
lato, solo moderatamente convesso. L’occipite è ben sviluppato senza sporgere ecces-
sivamente.
4.2 Stop: salto naso frontale pronunciato.
4.3 Fisionomia
Naso: la canna nasale è diritta, larga alla base e con moderato assottigliamento.
Il tartufo ben conformato, è piuttosto largo che arrotondato, sempre nero con narici
proporzionatamente grandi.
Muso: non deve mai essere lungo o corto rispetto al cranio.
Labbra: nere, aderenti con commessura labiale chiusa, le gengive devono essere
scure.
Mascella: forte e larga sia la superiore che la inferiore.
Guance: pronunciate arcate zigomatiche.
Dentatura: completa (42 denti), robusta con gli incisivi superiori che si chiudono a for-
bice sopra quelli della mascella inferiore.
Occhi: medio-grandi, a forma di mandorla, di colore marrone scuro con palpebre ben
aderenti.
Orecchie: medio-grandi, pendenti, triangolari, attaccate alte e ben distanti l’una dal-
l’altra. Orecchie ben inserite, quando sono rivolte in avanti, conferiranno una maggior
larghezza al cranio.

Segue
I - CAPITOLO 02_I - CAPITOLO 02 15/07/19 17.04 Pagina 16

Continua

5 - COLLO
Potente, moderatamente lungo, ben muscoloso, leggermente arcuato, asciutto, senza
giogaia o pelle lassa sotto la gola.

6 - TRONCO.
Linea dorsale: diritta, forte, solida.
Zona renale: corta, forte e profonda.
Groppa: larga, di media lunghezza, leggermente inclinata, nè diritta nè scoscesa.
Torace: spazioso, largo e profondo (approssimativamente il 50% dell’altezza del cane
al garrese) con petto ben sviluppato e costole ben cerchiate.
Addome: fianchi non retratti.
Coda: tagliata corta, in modo che rimangano una o due vertebre visibili. Nei paesi dove
la legge vieta il taglio, la coda può restare al naturale.

7 - ARTI
7.1 Anteriore. Nel complesso, gli arti anteriori, visti di fronte, sono diritti e non si
restringono. Visti di lato, il braccio è diritto. L’angolazione della spalla dovrebbe essere
di circa 45°.
Spalla: ben piazzata.
Omero: ben aderente al tronco.
Avambraccio: vigorosamente sviluppato e muscoloso.
Metacarpo: leggermente elastico, forte e non rigido.
Piedi: rotondi, dita chiuse e ben arcuate, suole dure, unghie corte, nere e forti.
7.2 Posteriore. Nel complesso, visti da dietro, gli arti posteriori sono diritti e non chiusi.
In stazione di riposo l’articolazione tra la coscia e la gamba forma un angolo ottuso.
Coscia: di media lunghezza, larga e molto muscolosa.
Gamba: lunga, robusta e con larga muscolatura, vigorosa con forti tendini, ben ango-
lata, non rigida.
Piedi: leggermente più lunghi degli anteriori, altrettanto compatti, arcuati, con forti
dita, senza speroni.

8 - MOVIMENTO
Il Rottweiler è un trottatore. La linea dorsale rimane solida e relativamente ferma.
L’andatura è armoniosa, sicura, potente e sciolta con buona falcata.

9 - PELLE
La pelle sulla testa è ben tesa ma si possono formare leggere rughe quando il cane è in
attenzione.

10 - MANTELLO
10.1 Qualità: È formato da pelo e da sottopelo. Il pelo è di media lunghezza, duro, ade-

Segue
I - CAPITOLO 02_I - CAPITOLO 02 15/07/19 17.04 Pagina 17

Continua

rente, compatto. Il sottopelo non deve sporgere dal pelo. Sugli arti posteriori il pelo è
leggermente più lungo.
10.2 Colore: Nero con focature intense marrone-rossiccio ben delineate sulle guan-
ce, sul muso, sotto il collo, sul petto e sugli arti come pure sopra gli occhi e sotto la
coda.

11 - ALTEZZA E PESO
Altezza dei maschi: da 61 a 68 cm
61-62 cm = piccolo
63-64 cm = medio
65-66 cm = grande - taglia ideale
67-68 cm = molto grande
Peso: circa 50 kg
Altezza delle femmine: da 56 a 63 cm
56-57 cm = piccola
58-59 cm = media
60-61 cm = grande - taglia ideale
62-63 cm = molto grande
Peso: circa 42 kg

12 - DIFETTI
Ogni deviazione dei punti sopra citati deve essere considerata (valutata) come difetto
e come tale deve essere degradata in giusta proporzione alla deviazione.
Aspetto generale: ossatura e muscolatura deboli, apparenza generale leggera, alta
sugli arti.
Testa: da cane da caccia; stretta, leggera, troppo corta, lunga, pesante, fronte piatta
(stop mancante o insufficiente).
Fisionomia facciale: muso lungo o appuntito, naso schiacciato o con narici aperte,
canna nasale montonina o concava, tartufo chiaro o maculato.
Labbra: aperte, di colore rosa, o macchiate o con commessura labiale aperta.
Mascella: mascella inferiore stretta.
Guance: troppo prominenti.
Dentatura: a tenaglia.
Orecchie: attaccate troppo basse, troppo pesanti, lunghe, sottili, tirate indietro in
modo tale da rimanere erette ed orecchie non portate correttamente.
Occhi: chiari, sporgenti (palpebre non ben aderenti), troppo infossati, troppo grandi o
troppo rotondi.
Collo: troppo lungo, sottile, scarsamente muscoloso, con giogaia o pelle lassa.
Tronco: troppo lungo, troppo corto, stretto.
Linea dorsale: troppo lunga, debole o insellata, dorso di carpa.
Petto: torace a costole piatte, a botte, compresso.

Segue
I - CAPITOLO 02_I - CAPITOLO 02 15/07/19 17.04 Pagina 18

Continua

Groppa: scoscesa, troppo corta, troppo piatta o troppo lunga.


Coda: attaccata troppo alta o troppo bassa.
Anteriore: appiombi anteriori chiusi o storti. Spalla diritta, con mancanza (o difetto) di
aderenza del gomito; omero troppo lungo, troppo corto o troppo diritto; metacarpo debo-
le o rigido; dita aperte, troppo piatte o troppo arcuate, dita rachitiche, unghie chiare
Posteriore: cosce poco muscolose, arti chiusi, garretti vaccini o mancini, con ango-
lature troppo strette o troppo aperte, presenza degli speroni.
Pelle: pelle della testa a pieghe.
Condizioni del pelo: morbido, troppo corto o troppo lungo, ondulato, mancante di sotto-
pelo.
Colore: non corretto, non ben delineato, con focature troppo estese.

13 - DIFETTI DA SQUALIFICA
Soggetti che non abbiano ben delineate le caratteristiche del sesso (tipo femminile nei
maschi e viceversa).
Comportamento: soggetti ansiosi, timidi, codardi, non indifferenti allo sparo, malva-
gi, eccessivamente diffidenti, nervosi.
Occhi: entropion, ectropion, occhi gialli, occhi di diverso colore.
Dentatura: cani prognati, enognati, morso incrociato, mancanza di incisivi, canini,
premolari o molari.
Testicoli: entrambi i testicoli devono essere ben visibili e sviluppati e ben discesi nello
scroto.
Pelo: soggetti con pelo molto lungo o arricciato.
Colore: cani che non hanno il tipico colore nero di base in combinazione con focature
marrone correttamente distribuite; macchie bianche.
I - CAPITOLO 03_I - CAPITOLO 03 15/07/19 17.04 Pagina 19

19

Un commento
allo standard

Il Rottweiler
L’aspetto generale è un cane da
lavoro: deve essere
Possente, ma agile e resistente agile e resistente.
Deve anche
Il Rottweiler è un cane da lavoro, deve quindi essere pos- dimostrare
sente ma anche agile e resistente. Sebbene un maschio di un carattere attivo,
taglia gigante e di aspetto molossoide (ossatura massiccia, volenteroso
testa molto grande) possa sembrare spettacolare, non rap- e confidente, come
questa femmina che
presenta l’ideale per la razza. Un cane così si affatica in fret- si lancia senza
ta, semplicemente perché deve spostare un peso troppo esitazioni in acqua.
grande. Quando ha una struttura corretta, il Rottweiler deve
subito dare l’impressione di un cane atletico che si muove
senza sforzo e unisce alla resistenza fisica anche quella men-
tale. Un cane da lavoro non solo deve potersi muovere a
lungo, deve anche volerlo fare. In un cane da lavoro, oltre al
fisico, conta la testa: il cane deve avere le attitudini e il tem-
peramento per svolgere un certo compito.

Le differenze tra maschio e femmina


Nel Rottweiler può colpire la differenza di aspetto tra
maschio e femmina. Lo standard ammette una variazione
I - CAPITOLO 03_I - CAPITOLO 03 15/07/19 17.04 Pagina 20

20 CONOSCERE IL ROTTWEILER

massima di ben 12 cm: una femmina piccolina, anche se


corretta, può sembrare quasi di un’altra razza se messa
vicina ad un grosso maschio! L’altezza è una misura lineare,
ma il cane si sviluppa nelle tre dimensioni: in proporzione
tra i due cani sarà molto più forte la differenza nella massa
(senza contare che nel Rottweiler il maschio tende ad esse-
re comunque più massiccio della femmina). Negli ultimi
anni questo divario si è ridotto e oggi le femmine hanno
una statura e una costituzione più simile a quella dei
maschi. Questo perché nell’allevamento viene premiato l’e-
quilibrio, indispensabile in un cane da lavoro. Nel maschio
viene quindi preferita la media taglia (64/ 65 cm x 48 / 50
kg): nelle femmine è migliorata soprattutto la qualità este-
tica della testa e l’ossatura in genere. Non si vedono più
quelle che alcuni allevatori definiscono le cagne “pingui-
ne”: cranio piatto, massetere zero, mascella stretta, sottor-
bitale totalmente vuoto.
La coda non è solo
un ornamento:
ha una importante
funzione nel
Le proporzioni
movimento,
l’equilibrio e la Il gusto estetico dell’uomo
comunicazione del Se osservate le razze canine, vi accorgerete che molte pos-
cane. Questa sono essere riconosciute solo dai contorni della figura. È
giovane femmina
usa la coda per curioso: l’aspetto di una razza somiglia a un disegno stiliz-
bilanciarsi nel salto. zato. Questo fenomeno non è certo casuale, è infatti il
I - CAPITOLO 03_I - CAPITOLO 03 15/07/19 17.04 Pagina 21

U N C O M M E N T O A L L O S TA N D A R D 21

risultato del “gusto” visivo umano. Anche se è “bello ciò


che piace”, nel gusto estetico esistono delle regole, dovute
alla nostra percezione visiva, ma soprattutto all’elaborazio-
ne di quanto vediamo da parte del nostro cervello. In ter-
mini aritmetico-matematici, preferiamo le cifre intere a
quelle con la virgola, 25 è più “bello” di 25,23. E sono più
“belle” le cifre con lo zero rispetto a quelle composte da
numeri differenti: lo zero rende davvero bene il concetto di
cifra “tonda”. Sono “belle” le forme armoniche, la pienezza,
la simmetria, le linee geometriche, il riferimento a figure
geometriche semplici come il quadrato, il cerchio, il trian-
golo.

L’evoluzione delle forme


Se si osserva l’evoluzione delle razze dalla nascita della
cinofilia moderna, è facile osservare come il gusto estetico
ne abbia modificato le forme. Nelle razze da lavoro, in cui
la selezione per l’abilità in un compito è continuata, le dif-
ferenze sono meno evidenti oppure sono state create linee
differenti: quelle da lavoro hanno mantenuto l’aspetto ori-
ginale, perché più adatto al compito e perché non sottopo-
sto a una diversa selezione.

La selezione del Rottweiler


Il Rottweiler ha subito una trasformazione, che ne ha
accentuato certe caratteristiche, ma non ne ha modificato
in modo drastico l’aspetto. Forse anche perché, tra le
numerose razze canine, non è un cane “bello”: è piuttosto
apprezzato per le sue qualità come guardiano, atleta e
compagno di famiglia. Chi cerca un Rottweiler non cerca
un cane spettacolare. Questo ha permesso di evitare una
pressione selettiva troppo spinta per alcune caratteristiche
morfologiche. Diversi caratteri, che possono risultare gra-
devoli all’uomo, possono infatti non essere positivi per il
cane, come il muso corto, la taglia grande, l’ossatura mas-
siccia, la pelle lassa, il pelo lungo e abbondante di alcune
razze.

Cani “quadrati”, canidi “rettangolari”


Quella del cane iscritto in un quadrato è una tipica regola
estetica umana. Questa caratteristica deve essere selezio-
nata in modo molto stretto, perché non appena la selezione
si rilassa, la razza tende a riacquistare le proporzioni natu-
rali della specie: tutti i canidi sono “rettangolari”: più lun-
I - CAPITOLO 03_I - CAPITOLO 03 15/07/19 17.04 Pagina 22

22 CONOSCERE IL ROTTWEILER

ghi che alti. Anche il muso tende ad allungarsi e la testa a


restringersi. Il torace è più stretto. Se il Rottweiler tornas-
se indietro di 100 anni, avrebbe più o meno questo aspetto.
In questa razza la selezione dell’uomo non ha spinto questi
cambiamenti oltre certi limiti e il Rottweiler è e rimane un
cane sano e sportivo. Nel Rottweiler le ultime misurazioni
confermano un rapporto lunghezza/altezza nei limiti indi-
cati dallo standard, con le femmine leggermente più lun-
ghe. La schiena deve però essere solida, sia da fermo che
in movimento.

La testa
Tipo e iper-tipo
Uno degli errori che si compie facilmente quando ci si avvi-
cina a una razza, è rimanere colpiti dall’esemplare spetta-
colare. Nel caso del Rottweiler l’estremo riguarda la taglia,
la pesantezza. È facile osservare questo fenomeno soprat-
tutto nella testa: molto grande, larga e corta. Si ha un
Ecco come eccesso di rughe, lo stop è molto marcato, il muso è molto
si presenta corto, gli occhi rotondi e frontali, muscoli masseteri (le
un difetto grave, “guance”) troppo sviluppati, lo sguardo e la morfologia
in questo caso
sono simili a quelli di diversi molossoidi. Questo non è un
l’enognatismo in un
cucciolo di 50 Rottweiler “bello”: è un Rottweiler iper-tipico. Presenta
giorni. cioè le caratteristiche tipiche della razza in modo più o
I - CAPITOLO 03_I - CAPITOLO 03 15/07/19 17.04 Pagina 23

U N C O M M E N T O A L L O S TA N D A R D 23

meno esasperato. All’estremo opposto si trovano i soggetti


non tipici, che ad esempio hanno una testa lunga e stretta,
simile a quella di un segugio.

Etica ed estetica
In passato la competizione all’interno dei ring delle esposi-
zioni ha premiato in diverse razze gli esemplari iper-tipici,
perché più spettacolari. Questo ha portato a un cambia-
mento nell’aspetto della razza, a volte esaltato dalla toelet-
tatura del pelo. Oggi si cerca invece di sviluppare un gusto
estetico “equilibrato”, rispettando la natura del cane ed
evitando di selezionare caratteristiche negative sia per l’a-
nimale sia per la convivenza con l’uomo (profusione di
pelo, problemi fisici, chirurgia estetica).

Gli occhi
Occhi scuri, occhi chiari
Nei cani di razza, salvo alcune eccezioni, è penalizzato l’oc-
chio chiaro. Il colore degli occhi viene valutato nello Ztp in
base a una tabella che riproduce le tonalità di marrone, da
marrone scuro, a nocciola, ad ambra. Un cane anche cor-
retto con occhi chiari sarà seriamente penalizzato.
Il cane con gli occhi chiari ha un aspetto più più minaccio-
so, da rapace. Nel lupo però il colore degli occhi è in genere
più chiaro di quello del cane.
Il colore ambrato permette infatti di rendere più evidente
l’uso dello sguardo nella comunicazione visiva. Il lupo che
fissa un avversario deve avere un aspetto minaccioso! Il
colore chiaro rende molto più visibile l’orientamento dello
sguardo, e decisamente più inquietante l’essere fissati. Allo
stesso tempo l’individuo sottomesso manifesta in modo più
evidente la sua richiesta di pacificazione, distogliendo lo
sguardo dal dominante.
Nei cani questi comportamenti sono meno intensi e fre-
quenti, mentre è più comune lo sguardo fisso in segno di
familiarità: il cane fissa il padrone per esprimergli la pro-
pria attenzione, la confidenza e l’affetto. Proprio per accen-
tuare la minore aggressività nelle relazioni con l’uomo,
viene preferito l’occhio scuro. I cani con occhi chiari ci
vedono comunque altrettanto bene e non sono più soggetti
degli altri a malattie oculari.