Sei sulla pagina 1di 2

La scuola

Il film di Danieli Luchetti La scuola (1995) è una commedia che ritrae in modo ironico la scuola italiana
contemporanea. Il frammento che guarderete
riguarda il consiglio di classe riunito
nell’ultimo giorno di scuola per decidere la
promozione o la bocciatura degli studenti.
Il caso che i professori e il preside stanno
esaminando è quello di Coffaro, studente
problematico e molto chiuso, difeso dal
professor Vivaldi e, invece, preso di mira dal
professor Sperone.

1. Guarda la prima parte del video e individua le materie che insegnano i professori.

2. Guarda la seconda parte del video e cerca di individuare quali, tra i punti di vista elencati sotto,
vengono sostenuti dai professori del consiglio di classe.

3. Per aiutarti, ecco la trascrizione del dialogo:


Preside – “Ora se permettete passerei ai casi, diciamo, più complessi. Questo Cardini è veramente un
disastro…”
Prof. Vivaldi – “No, che disastro, ha qualche insufficienza”.
Preside – “Per ora lo lascerei stare. Esaminiamo, invece, Coffaro. Lei, professore, gli ha messo 3 in media”.
Prof. Sperone – “Il registro parla chiaro, Preside. Scusate, 4 in aprile, 2 in marzo, 2 in maggio, 2 in
giugno… Scusa, cara, posso usare la tua calcolatrice? 4 + 2 + 2 + 2 fa 10. 10 diviso 4 uguale 2,5, se la
matematica non è un’opinione. Quindi io con il 3 mi sono mantenuto larghetto, se non le spiace”.
Prof. Cirrotta – “Io ho messo 5, ma… Globalmente 5 resta”.
Prof. Vivaldi – “Preside, Coffaro è un ragazzo chiuso. Ha un carattere che sembra un nodo alla marinaia.
Eh, poi, inoltre, devo dire che qui, purtroppo, qualcuno che gioca a stimolarne l’aggressività. Insomma,
noi dobbiamo partire dal background di questo ragazzo…”.
Prof. Mortillaro – “Background! Come lo odio, l’inglese!”.
Preside – “Mortillaro, lei conferma il 5 a Coffaro?”.
Prof. Mortillaro – “5, 6… E’ nato beduino e beduino resta”.
Preside – “Lei, signora Maiello, che ci dice?”.
Prof.ssa Maiello – “Scusate, sì. Comunque, Coffaro in certe materie ce la mette tutta, solo che ha i suoi
tempi, come tutti noi. Allora, lui cerca di crescere e voi dite Bocciamolo? È assurdo…”.
Prof. Sperone – “Guarda che noi lo bocciamo proprio per farlo crescere”.
Prof.ssa Lugo – “Posso dire una cosa personale? Ecco, anch’io una volta sono stata bocciata, in quarta
ginnasio. È stata una cosa tremenda, una vergogna, un’umiliazione, che sono diventata piccola piccola e
non sono cresciuta più…”.

4. Collega le immagini alle parole.

L’insufficienza Il registro

Il nodo alla marinaia

Il beduino

La calcolatrice

➔ E voi che cosa ne pensate delle opinioni dei professori? Discutetene con la classe.

5. Analizza queste frasi tratte dall’ascolto precedente e indica quali mezzi linguistici vengono usati per: