Sei sulla pagina 1di 108

9 0 81 6

9 771122 283008
9/15 ottobre 2009 • Numero 816 • Anno 16

Sommario
“L’arte non provoca cambiamenti. Ma non
si possono avere cambiamenti senza arte”
moNICA ALI, pAgINA 66

La settimana ATTUALITÀ
14 Verso la ine
gIAppoNe
42 Evaporati
SCIeNzA e
TeCNoLogIA
94 Perché le donne
Frattura del biglietto verde
The Independent
nel nulla
XXI incinte non
cadono?
16 Il mistero
SCIeNzA New Scientist
della nave
52 Il posto migliore
Un sondaggio Ipsos di
KEvIn van aELSt

scomparsa eCoNomIA
per crescere
qualche settimana fa The Guardian
The New Yorker
e LAvoro
confermava tre dati 98 Anche le recessioni
eUropA hanno dei lati
interessanti. Il primo è 18 Atene si aida porTFoLIo
che in Italia il 54 per 58 La speranza positivi
ai socialisti per The Economist
cento delle persone si degli albini
uscire dalla crisi
informa prevalentemente attraverso Le foto di Johan
Kathimerini
Bävman Le opinioni
la televisione (il 25 per cento con i
AFrICA
quotidiani, il 12 su internet e il 3 con la rITrATTI 21 Amira Hass
20 I ribelli del Delta Una brutta sorpresa
radio). Il secondo è che il 53 per cento 62 Alastair Crooke
del Niger irmano 23 Yoani Sánchez
degli italiani considera i mezzi Una spia a Beirut
l’amnistia Il verbo viaggiare
d’informazione molto o abbastanza Mother Jones
The Daily Champion 31 Leo Hickman
autorevoli, mentre il 41 pensa che non Perché sono andato
vIAggI
lo siano. Il terzo è che le persone AmerIChe
66 Una stanza a vivere in campagna
convinte dell’autorevolezza dei mezzi 22 I piloti americani per scrivere 33 Rami Khouri
d’informazione sono le stesse che non decollano più Sessanta compleanni
Prospect
Time
guardano la tv, e appartengono ai ceti per i profughi
più popolari. L’aspetto preoccupante grAphIC palestinesi
ASIA JoUrNALISm
78 Gofredo Foi
di tutto questo è che la spaccatura del 24 Cina e India 70 Cartoline Cresciuti negli anni
paese sembra essere più profonda di litigano al conine da Monticiano ottanta
una semplice divisione tra nord e sud, The Christian Science Marino Neri 84 Pier Andrea Canei
ricchi e poveri o destra e sinistra. È Monitor
Piano terra
CINemA
una frattura narrativa: gli italiani sono 93 Tullio De Mauro
convinti di guardare tutti lo stesso
vISTI dAgLI ALTrI 72 La folle vita I riottosi
26 I dieci anni che delle gang
ilm, ma i ilm sono due – uno separano Italia 95 Anahad O’Connor
Les Inrockuptibles
raccontato dalla tv, l’altro dal resto dei e Germania Il ferro nel sangue
mezzi d’informazione – e i personaggi Süddeutsche Zeitung pop 99 Tito Boeri
e la storia sono molto diversi. Il 88 Il secolo falso 104 miliardi di euro
IN CoperTINA di Tel Aviv
rischio è che le due Italie non riescano
34 Un mondo ingiusto Yonatan Mendel
più a parlare tra loro perché non
The Boston Review
condividono più la stessa realtà, e 91 Giorno di visita
forse neanche le parole per deinirla. Binnie Kirshenbaum
Giovanni De Mauro 92 L’elenco di n cose
settimana@internazionale.it Paul Graham
internazionale.it/sommario

Le principali fonti di questo numero


xxi È un trimestrale francese di grandi reportage. L’articolo a pagina 42 è uscito nel numero di aprile 2009 con il titolo Les évaporés du Japon. The Boston
Review È un bimestrale statunitense di politica e letteratura. L’articolo a pagina 34 è stato pubblicato nel numero di settembre 2009 con il titolo Crisis and
hope. The Independent Fondato nel 1986, è un quotidiano britannico progressista. L’articolo a pagina 14 è stato pubblicato il 6 ottobre 2009 con il titolo
The demise of the dollar. Mother Jones È un bimestrale statunitense che dà ampio spazio al giornalismo investigativo. L’articolo a pagina 62 è stato
pubblicato nel numero di settembre 2009 con il titolo The spy who loved Hamas. The New Yorker È un settimanale newyorchese. L’articolo a
pagina 52 è uscito il 19 gennaio 2009 con il titolo Baby food. Prospect È un mensile britannico. L’articolo a pagina 66 è uscito nel numero di
luglio 2009 con il titolo Room for thought. Internazionale pubblica in esclusiva per l’Italia gli articoli dell’Economist

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 3


Immagini
Rio 2016
Rio de Janeiro, Brasile
2 ottobre 2009
Le Olimpiadi del 2016 si svolgeranno a
Rio de Janeiro. Sulla spiaggia di Copa-
cabana migliaia di persone hanno fe-
steggiato la decisione del Comitato
olimpico internazionale. La città cario-
ca ha battuto Chicago, Tokyo e Madrid.
È la prima volta che le Olimpiadi vengo-
no assegnate a una città del Sudameri-
ca. Foto di Lalo de Almeida (The New York
Times/Contrasto)
Immagini
L’isola spaccata
Limo Koto Timur, Indonesia
4 ottobre 2009
I danni del terremoto del 30 settembre a
Sumatra, in Indonesia. Il bilancio ui-
ciale del sisma di magnitudo 7,6 sulla
scala Richter è di 704 morti e 295 di-
spersi. Secondo la Croce rossa le vittime
potrebbero essere più di tremila. Molte
persone sono ancora sepolte sotto il
fango e le macerie. Foto di Dita Alang-
kara (Ap/Lapresse)
Immagini
Arrivederci
Ferrara, Italia
4 ottobre 2009

“Una delle ragioni di questa crisi è stata


la disattenzione dei grandi mezzi d’in-
formazione sulla questione criminale”.
L’incontro con Roberto Saviano (nella
foto) ha chiuso la terza edizione di Inter-
nazionale a Ferrara. Il festival, che ha
registrato 45mila presenze, ha accolto
giornalisti e scrittori da tutto il mondo.
La notte del 3 ottobre la piazza Munici-
pale è stata invasa da migliaia di perso-
ne che hanno seguito lo spettacolo di
Ascanio Celestini e poi ballato al ritmo
del dj set di Jovanotti. Foto di Hans-Juer-
gen Burkard (Stern)
Posta@internazionale.it
La nuova graica ◆ Il Festival diventa di anno in
di Internazionale anno sempre più coinvolgente e
appassionante. Bellissima at-
◆ Appena ho aperto la rivista ho mosfera in una città fantastica.
avuto un senso di smarrimento, Un piccolo suggerimento. Dato
che è durato per tutto lo sfoglio il successo crescente, va modii-
iniziale. Sembravo un marinaio cata la modalità di entrata agli
sbarcato a terra. Ma poi, quando
eventi. Suggerisco di stampare i
l’ho ripresa in mano, gli occhi si
biglietti corrispondenti alla ca-
erano già adattati al nuovo stile
pienza dei posti dove si tengono
e la pagina appariva elegante,
le conferenze. Esauriti i bigliet-
chiara, persino più aperta. Ho
avuto l’impressione che si sem- ti, va da sé che il resto della gen-
pliicasse, si ripulisse; ho preso te in ila non potrà entrare. Si
un vecchio numero per fare un potrebbe anche far pagare una
confronto e – sorpresa – è molto Steven Berlin Johnson a Ferrara, disegnato da Celeste piccola somma, con il doppio ri-
più ricco e pieno adesso. Bravis- sultato di regolare le entrare e
simi. ◆ Il nuovo Internazionale è or- Ferrara 2009 avere un po’ di inanziamenti
Andrea Stefanoni dinato, preciso, didascalico. atto terzo per il festival. Al prossimo anno.
ma... sembra un sussidiario! Nadia Moroni
◆ Tutte quelle righine sono di Sarà che le novità scompigliano, ◆ Anche quest’anno sono venu-
una pedanteria esagerata, un ma lo preferivo prima. ta a Ferrara da sola e sono im- ◆ Ho molto apprezzato l’eccel-
po’ come quelle persone che in- Martina Coral mensamente felice di averlo fat- lente programma di ilm “Mon-
tercalano continuamente con to. Essere tra voi di questi tempi dovisioni”. La conferenza
“hai capito?”. ◆ Scrivo in merito al nuovo look è un gesto resistenziale. Cam- dell’ecopeccatore Fred Pearce
Roberto Milazzi che si è dato Internazionale. minavo per le strade di Ferrara invece mi ha delusa, come è
Adesso mi pare un ragazzotto come una Giovanna D’Arco, ie- successo l’anno scorso con Leo
◆ Ho sfogliato con ansia tutto il intelligente, intellettuale e pre- ra come una partigiana della li- Hickman. I due autori hanno
giornale. Non avrei mai iatato ciso. Ma anche biricchino e ri- bertà di espressione. entrambi ignorato il punto fon-
sulla nuova graica perché noi
belle. Enrica Mattavelli damentale, che è il limite delle
lettori siamo conservatori e ci
Igor Zerbesi risorse, e non hanno accennato
serve tempo per abituare l’oc-
◆ Sono appena tornata a casa alla possibilità di mettere in di-
chio e la mente. Ma per le Rego-
◆ Nuova veste graica? Sono dopo tre giorni davvero intensi, scussione un’economia di mer-
le mi sarei mobilitata. La mia
rubrica preferita c’è. E il fatto confuso. Ditemi che è solo uno culminati con l’incontro con Ro- cato liberista, post-colonialista
che sia in fondo è più comodo scherzo… burloni. Eh sì, ogni berto Saviano. Per tutti quelli ed etnocentrica
perché ci si arriva girando la tanto bisogna scuotere il lettore che, come me, hanno atteso per Camilla De Piccolis
quarta di copertina. Credo che stanco, l’abbonato che lascia In- più di tre ore prima di poter con-
l’averla ritrovata, anche se quasi ternazionale immacolato ino al quistare un posto nel teatro co- ◆ Sabato sera, prima del docu-
per caso, mi fa perdonare la mi- lunedì. Allora d’accordo, avete munale è stata un’emozione mentario Invisibles, vi siete scu-
crodimensione dei testi (ragaz- fatto uno scherzo: burloni. fortissima. Centinaia di giovani sati per gli inconvenienti e le
zi, beati voi che avete l’occhio di Dalla settimana prossima tutto erano lì per un solo motivo: for- grandi ile. Non dovevate. Ri-
falco). E poi voto senza riserve a come prima! Evviva! Siete i mi- se volevamo carpire il segreto di tengo che dovrebbero scusarsi
favore del monocarattere. gliori. tanta forza e coraggio e portar- le molte persone che, pur di en-
Paola Torresi Gianluca Sebastiani cene a casa un po’. Come si fa trare a ogni costo, hanno saltato
con il sole quando fa freddo. allegramente la ila, lasciando
◆ Ma cosa vi è venuto in men- ◆ Dopo aver visto la nuova gra- Matilde Doni tantissime persone educate fuo-
te?! Dopo tante belle parole di ica del giornale mi è venuta la ri dalla porta.
presentazione, apro il nuovo nu- voglia di rivedere il primo nu- ◆ Bello tutto, gli incontri, l’at- Umberto Coli
mero della rivista e… è sempli- mero della mia collezione, or- mosfera, la gentilezza degli ope-
cemente inguardabile! Sarebbe mai risalente al luglio 2005. ratori, la meravigliosa città, ma ◆ Milana e l’economista tornano
una “innovazione” questa spa- la settimana prossima.
Quante rubriche cambiate, non è possibile obbligare la gen-
ventosa e tristissima uniformità
quante novità, quanti appunta- te a ore di ila sotto il sole. Per-
che rende impossibile ricono- PER CONTATTARE LA REDAZIONE
menti issi. Ma non voglio recri- ché non mettere un punto di ri-
scere le rubriche, questo grigino Telefono 06 441 7301
minare: un giornale ha una sua tiro prenotazione, una semplice
insigniicante e anonimo? Sem- Fax 06 4425 2718
bra che le pagine siano state la- evoluzione, proprio come un es- distribuzione di numeri, come Posta viale Regina Margherita 294,
vate in candeggina. sere umano. dal salumiere? Si eviterebbero le 00198 Roma
Michele Rabella Zeck ile di ore e la delusione, magari, Email posta@internazionale.it
di non riuscire a entrare e di Web internazionale.it

◆ Vista adesso la nuova graica: ◆ Stravolta la graica ma non il aver sprecato il tempo che si sa- INTERNAZIONALE È su
bella bella, come spegnere la lu- contenuto. Una rivista stupen- rebbe potuto impiegare per Facebook internazionale.it/87
ce quando si ha mal di testa. da! Superbo miglioramento! qualche altro incontro. Flickr internazionale.it/88
Edo Chieregato Eugenio Rago Roberta Nanni YouTube internazionale.it/98

10 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Fall/Winter Collection 09/10
Shot in Cape Town
Western Cape
South Africa
www.northsails-sportswear.com
Editoriali

“Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio,


di quante se ne sognano nella vostra ilosoia”
Vecchi metodi a Mosca
William Shakespeare, Amleto

Direttore Giovanni De Mauro


Vicedirettori Elena Boille, Chiara Nielsen, Le Monde, Francia
Alberto Notarbartolo, Jacopo Zanchini
Comitato di direzione Giovanna Chioini (Asia
e Paciico), Stefania Mascetti (Internazionale.it),
Il 6 ottobre l’associazione russa per la difesa dei esporsi a pericoli mortali. Chi l’ha fatto ha paga-
Martina Recchiuti (Internazionale.it), diritti umani Memorial è stata condannata da un to con la propria vita: Anna Politkovskaja, la gior-
Pierfrancesco Romano (copy editor)
In redazione Liliana Cardile (Cina), Carlo tribunale di Mosca a pagare l’equivalente di nalista uccisa a Mosca il 7 ottobre 2006; Stani-
Ciurlo (viaggi), Camilla Desideri (America
Latina), Simon Dunaway (attualità), Mélissa
1.590 euro tra danni e interessi al leader ceceno slav Markelov, l’avvocato assassinato nella capi-
Jollivet (photo editor), Alessandro Lubello Ramzan Kadyrov, che l’aveva citata per difama- tale moscovita il 19 gennaio 2009; Natalja Este-
(economia), Maysa Moroni, Andrea Pipino
(Europa), Claudio Rossi Marcelli (Internazionale. zione. La cifra è inferiore ai 270mila euro che mirova, colpita da una pallottola alla testa su una
it), Francesca Sibani (Italieni), Piero Zardo Kadyrov, amante delle auto di lusso e dei com- strada del Caucaso il 15 luglio 2009.
(cultura), Giulia Zoli (Stati Uniti)
Impaginazione Pasquale Cavorsi, Valeria pleti Armani, aveva chiesto. Sono passati tre anni dall’assassinio di Anna
Quadri Segreteria Teresa Censini, Luisa
Cifolilli Correzione di bozze Sara Esposito
Il verdetto è anzitutto un avvertimento lan- Politkovskaja. Gli inquirenti hanno l’arma del
Traduzioni I traduttori sono indicati dalla sigla ciato ai difensori dei diritti umani e si riassume delitto, alcune intercettazioni e dei video, ma
alla ine degli articoli. Matteo Alviti, Sara Bani,
Gigi Cavallo, Olga D’Amato, Stefania De Franco, in due parole: “Meglio tacere!”. Il 15 luglio scorso non hanno rintracciato né il killer né il mandan-
Andrea De Ritis, Antonio Frate, Nazzareno
Mataldi, Maria Nadotti, Fabrizio Saulini,
il presidente di Memorial Oleg Orlov aveva ac- te. L’inchiesta sull’uccisione di Natalja Estemi-
Francesca Spinelli, Ivana Telebak, Bruna cusato Ramzan Kadyrov di essere “colpevole” rova sta prendendo la stessa piega. Un testimone
Tortorella, Stefano Valenti, Nicola Vincenzoni
Disegni Anna Keen. I ritratti dei columnist sono dell’omicidio di Natalja Estemirova, rappresen- chiave, Akhmed Gisaev, minacciato di morte, ha
di Scott Menchin Progetto graico Mark Porter tante dell’associazione a Grozny, in Cecenia. In recentemente lasciato la Russia.
Hanno collaborato Gian Paolo Accardo,
Isabella Aguilar, Luca Bacchini, Francesco quell’occasione l’uomo forte di Mosca in Cece- Gli assassini sono impuniti, i testimoni mi-
Boille, Annalisa Camilli, Alessia Cerantola,
Gabriele Crescente, Marzia De Giuli, Sergio
nia aveva respinto l’accusa: “Perché uccidere nacciati, ma a Ramzan Kadyrov è stato restituito
Fant, Andrea Ferrario, Anita Joshi, Alessio una donna a cui nessuno dava importanza? Non l’onore. Diicile imputare queste cose solo alle
Marchionna, Jamila Mascat, Giuliano Milani,
Lore Popper, Marta Russo, Diana Santini, Laura aveva né onore né dignità”. debolezze del sistema giudiziario russo. È un
Tonon, Pierre Vanrie, Guido Vitiello, Abdelkader
Zemouri
A Mosca come a Grozny, i colleghi di Natalja meccanismo ben rodato, dove l’omicidio e l’im-
Editore Internazionale srl Estemirova sapevano che era stata minacciata. punità sono incoraggiati. A Mosca il Cremlino
Consiglio di amministrazione Brunetto Tini
(presidente), Giuseppe Cornetto Bourlot Qualche giorno prima della sua morte un funzio- riabilita senza clamore Stalin; a Grozny i metodi
(vicepresidente), Emanuele Bevilacqua nario dell’amministrazione locale l’aveva chia- della sua polizia politica tornano di moda. Vista
(amministratore delegato), Alessandro Spaventa
(amministratore delegato), Antonio Abete, mata per dirle che aveva i giorni contati. Natalja da Mosca, la Russia di Putin non sembra quella
Giovanni De Mauro, Giovanni Lo Storto
Sede legale via Prenestina 685, 00155 Roma
Estemirova queste cose le raccontava, oltre a del “piccolo padre dei popoli”, ma vista dal Cau-
Produzione e difusione Francisco Vilalta parlare delle torture e delle persone scomparse. caso somiglia al “grande terrore” degli anni tren-
Amministrazione Tommasa Palumbo,
Arianna Castelli Ma oggi in Russia denunciare l’orrore signiica ta. È il momento di rendersene conto. u adr
Concessionaria esclusiva per la pubblicità
Agenzia del marketing editoriale
Tel. 06 809 1271, 02 5560 7284
info@ame-online.it
Subconcessionaria Beat Advertising
Stampa Elcograf Industria Graica, via
Nazionale 14, Beverate di Brivio (Lc)
Distribuzione Press Di, Segrate (Mi)
La maledizione della Guinea
Copyright Le licenze Creative Commons
permettono agli autori di condividere il loro
lavoro nel modo che preferiscono. Noi crediamo
che sia una scelta intelligente. Per questioni di Jean-Claude Kongo, Le Pays, Burkina Faso
diritti non possiamo applicare questa licenza agli
articoli che compriamo dai giornali stranieri, ma
tutto il materiale scritto dalla redazione è
Il mondo intero è rimasto inorridito di fronte alla Intanto l’opposizione guineana si è limitata a
disponibile sotto la licenza Creative Common sanguinosa repressione contro i manifestanti chiedere una cosa sola: le dimissioni di Dadis
Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo
stesso modo 2.5. Signiica che può essere guineani allo stadio di Conakry, il 28 settembre Camara. A quanto pare il capo della giunta mili-
riprodotto a patto di citare Internazionale, di non scorso. Tutti l’hanno condannata, in nome del tare non ha alcuna intenzione di dimettersi, e
usarlo per ini commerciali e di condividerlo con
la stessa licenza. rispetto dei diritti umani. Il ministro degli esteri non ammette “alcuna responsabilità in questo
Per info: posta@internazionale.it
francese Bernard Kouchner, ritenendo molto massacro”. Anzi, parla di un “complotto” contro
forte il pericolo di conlitti intercomunitari in di lui. Ma un collettivo di cittadini si sta organiz-
Registrazione tribunale di Roma Guinea, ha detto che Parigi sta lavorando alla zando per difendere in tribunale le numerose
n. 433 del 4 ottobre 1993
Direttore responsabile Giovanni De Mauro
creazione di una forza di “intervento internazio- donne violentate dai militari.
Chiuso in redazione alle 20 di mercoledì nale” per risolvere la crisi. Questo dimostra Se Dadis Camara non vuole mollare, forse
7 ottobre 2009
quanto la Francia – ex madrepatria – sia scanda- l’opposizione dovrebbe tenerne conto e cercare
PER ABBONARSI lizzata dal massacro e come abbia voluto rispon- di sfruttare la situazione per ottenere qualche
Con la cartolina all’interno
del giornale o su internazionale.it dere ad alcuni osservatori che l’accusavano di concessione dal capo della giunta, grazie anche
PER INFORMAZIONI SUL PROPRIO
voler negoziare con il regime dell’uiciale golpi- alla sempre più forte pressione internazionale
ABBONAMENTO sta Moussa Dadis Camara. La Cedeao (la Comu- sul capitano-presidente.
Numero verde 800 156 595
Fax 030 319 8202
nità economica degli stati dell’Africa dell’est) ha In ogni caso, tutti aspettano di vedere cosa
nominato come mediatore il presidente del Bur- otterranno le pressioni della Francia e la media-
LO SHOP DI INTERNAZIONALE
Numero verde 800 321 717 kina Faso, Blaise Compaoré, che dovrà “aiutare zione della Cedeao per alleviare le piaghe di un
(lun-ven 9.00-18.00) a trovare il modo per allentare la tensione e rida- paese che sembra essere tormentato da una ter-
Online internazionale.it/shop
Fax 06 4555 2945 re slancio al processo di transizione”. ribile maledizione. u adr

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 13


Attualità
Verso la ine
Oleodotto in Qatar

del biglietto verde


Robert Fisk, The Independent, Gran Bretagna
C’è un piano segreto dei paesi dollaro nei prossimi nove anni (il 2018 è la
arabi produttori di petrolio per data issata per l’abbandono del dollaro).
C’è da aspettarsi che gli Stati Uniti si daran-
sostituire il dollaro come mezzo no da fare per sbrogliare quest’intrigo in-
di pagamento del greggio. ternazionale, in cui sono coinvolti anche
L’inchiesta di Robert Fisk alcuni alleati storici di Washington, come il
Giappone e l’Arabia Saudita.

LIN yIGUANG/(WPN/GRAZIA NeRI)


I
paesi arabi del golfo Persico, insieme Sun Bigan, ex inviato speciale per il go-
a Cina, Russia, Giappone e Francia, verno cinese in Medio Oriente, ha recente-
si stanno organizzando per mettere mente sottolineato il rischio di un’esaspe-
ine al dominio del dollaro nelle com- razione dei contrasti tra Cina e Stati Uniti
pravendite di petrolio. Sarebbe il cambia- nella regione su questioni come l’inluenza
mento inanziario più profondo nella storia politica e lo sfruttamento del petrolio. “Non
recente del Medio Oriente. La moneta sta- possiamo abbassare la guardia di fronte al-
tunitense verrebbe sostituita da un paniere le ostilità in Medio Oriente sugli interessi
di valute tra cui lo yen giapponese, lo yuan energetici e sulla sicurezza”, ha detto Bi- di recente, ha spiegato: “Uno dei risultati
cinese, l’euro, l’oro e una nuova valuta uni- gan. della crisi potrebbe essere la consapevolez-
icata ideata per i paesi del Consiglio di co- Le sue parole suonano come la previsio- za del fatto che i rapporti di forza in ambito
operazione del Golfo, che comprende Ara- ne di una futura guerra economica tra Stati economico sono ormai cambiati”. Ma è sta-
bia Saudita, Abu Dhabi, Kuwait e Qatar. Uniti e Cina per il petrolio mediorientale, ta soprattutto la crescita straordinaria della
I ministri delle inanze e i governatori con il pericolo di trasformare i conlitti nel- potenza finanziaria cinese, insieme alla
delle banche centrali di Russia, Cina, Giap- la regione in una lotta tra le grandi potenze rabbia dei produttori e consumatori di pe-
pone e Brasile si sono già incontrati in se- per la supremazia globale. trolio per l’interferenza americana nel si-
greto per lavorare al progetto. Secondo stema inanziario internazionale, a stimo-
fonti legate agli ambienti bancari arabi e Le mosse di Pechino lare i recenti colloqui con i paesi del Golfo.
cinesi di Hong Kong, questi piani potrebbe- Il declino della potenza economica ameri- Pechino importa il 60 per cento del pe-
ro contribuire a spiegare l’improvviso au- cana legato all’attuale recessione globale è trolio che consuma. La maggior parte pro-
mento del prezzo dell’oro, e preannunciano stato riconosciuto anche dal presidente viene dal Medio Oriente e dalla Russia. Ha
un esodo senza precedenti dai mercati del dalla Banca mondiale Robert Zoellick che, ottenuto inoltre delle concessioni di pro-
spezione petrolifera in Iraq e ha concluso
Da sapere un accordo da otto miliardi di dollari con
l’Iran per lo sviluppo del processo di rai-
Prezzo dell’oro a livelli record La caduta del dollaro nazione e delle risorse di gas. La Cina ha
Dollari per oncia 1044 euro per dollaro anche stretto accordi petroliferi in Sudan
1.000 0,80
0,80 (prendendo il posto degli interessi ameri-
cani) e sta negoziando concessioni con la
950 0,78
Libia. Bisogna poi considerare che il 10 per
900 0,76 cento dei prodotti importati dai paesi del
Medio Oriente proviene dalla Cina.
850 0,74
Fin dagli accordi di Bretton Woods del
800 0,72 1944 i partner commerciali degli Stati Uni-
750 0,70 ti hanno dovuto fare i conti con l’impatto
del controllo di Washington e con l’egemo-
700 0,68
nia del dollaro come valuta di riserva glo-
0,68
650 693 0 bale dominante. I cinesi credono che gli
3 ottobre 2008 6 ottobre 2009 3 ottobre 2008 6 ottobre 2009 americani abbiano convinto la Gran Breta-
Fonte: Frankfurter Allgemeine Zeitung
gna a restare fuori dall’euro per impedire

14 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


L’analisi
Anche l’oro vuole la sua parte
Heather Stewart, The Guardian, Gran Bretagna
Il dollaro è in crisi, ma ci vorrà gestirà il suo deicit e rilancerà l’econo-
qualche decennio prima che mia senza scatenare un’ondata di in-
lazione.
venga messo da parte come Sono già stati compiuti dei passi per
valuta negli scambi mondiali allentare la morsa del dollaro: l’Iran ha
cominciato a vendere il petrolio in eu-

I
l 6 ottobre il prezzo dell’oro ha rag- ro, la Cina ha lanciato la prima obbli-
giunto la cifra record di 1.040 dol- gazione denominata in yuan aperta
lari l’oncia, mentre le ipotesi sul agli investitori stranieri, le banche cen-
potere declinante del dollaro come ri- trali asiatiche stanno accumulando ri-
serva valutaria mondiale stanno facen- serve d’oro accanto ai titoli del tesoro
do convergere gli investitori sulle ma- statunitense, che sono stati l’investi-
terie prime. Le voci di colloqui segreti mento privilegiato degli ultimi dieci
tra la Cina e i paesi del Medio Oriente anni.
su un cambiamento della valuta di rife- Pechino, Mosca e altri governi dei
rimento per il prezzo del petrolio han- mercati emergenti si sono lamentati
no fatto scivolare di nuovo il dollaro sul nei vertici internazionali dell’eccessivo
un’eventuale fuga dal dollaro. Ma secondo mercato dei cambi: nelle transazioni peso economico di Washington. La Ci-
alcuni analisti cinesi il processo di allonta- petrolifere il biglietto verde potrebbe na e gli altri paesi in via di sviluppo che
namento dal dollaro è inarrestabile: “Pri- essere sostituito da un paniere di valu- nell’ultimo decennio hanno guadagna-
ma o poi i russi introdurranno il rublo nel te e oro. I prezzi delle materie prime, to molto esportando negli Stati Uniti
paniere di valute”, spiega un noto broker di dall’oro allo zucchero, sono in forte ri- beni di consumo a prezzi scontati sono
Hong Kong, “e i britannici saranno costret- presa nelle ultime settimane. Gli inve- arrabbiati per come il crollo delle ban-
ti a entrare nell’euro perché non potranno stitori hanno cominciato a preoccupar- che americane ha trasmesso la sua on-
più usare il dollaro americano”. si del risveglio dell’inlazione, rivol- da d’urto a tutta l’economia mondiale.
I cinesi sono anche convinti che il presi- gendosi alle risorse naturali come un Secondo gli analisti, tuttavia, ci vor-
dente Barack Obama sia troppo occupato a “rifugio sicuro”. ranno molti anni prima che il dollaro
rimettere in piedi l’economia nazionale per Julian Jessop, del centro ricerche venga sostituito. “Per il declino della
concentrarsi sulle grandi implicazioni della Capital Economics, dice che il prezzo sterlina ci sono voluti cinquant’anni, e
transizione dal dollaro ad altre valute nel dell’oro potrebbe crescere ancora di il declino del dollaro è iniziato proba-
giro di nove anni. D’altronde gli economisti più, ma prevede che sul lungo periodo bilmente quando Nixon ruppe il lega-
e la stessa banca centrale cinese esprimono calerà. Jessop aggiunge che, malgrado me con l’oro, perciò rimangono alme-
da anni le loro preoccupazioni sul dollaro. Il l’oferta di oro sia limitata, il rialzo del no vent’anni”, dice Gabriel Stein del
problema, però, è che gran parte della ric- prezzo potrebbe far arrivare sul merca- centro studi Lombard Street Research.
chezza nazionale della Cina è in dollari. to oro usato (come vecchi gioielli): “È Stein aggiunge che la Cina e i paesi
A ine settembre l’Iran ha annunciato un lusso che si può innescare molto, produttori di petrolio del Medio Orien-
che d’ora in poi le sue riserve in valuta este- molto rapidamente”. te possiedono ancora enormi riserve di
ra saranno in euro e non più in dollari. I Dallo scoppio della crisi del credito dollari, perciò risentirebbero negativa-
banchieri ricordano di certo quello che è si discute sul ruolo del dollaro come mente di un declino improvviso del va-
successo all’ultimo produttore di petrolio valuta di riserva mondiale, un elemen- lore del biglietto verde.
mediorientale che ha venduto il suo greg- to che per decenni ha aiutato gli Stati Secondo altri analisti, il risultato
gio in euro invece che in dollari. Era Sad- Uniti a indebitarsi a buon mercato con più probabile sarà una continuazione
dam Hussein. Qualche mese dopo la sua il resto del mondo. All’inizio di ottobre della politica cinese di “diversiicazio-
decisione, americani e britannici hanno il presidente della Banca mondiale Ro- ne passiva”: invece di svendere i beni
invaso l’Iraq. u sdf bert Zoellick ha avvertito che Wa- in dollari, cosa che potrebbe deprimere
shington non deve dare per scontato lo il valore della valuta, la Cina usa il sur-
L’AUTORE status del dollaro: la iducia nel bigliet- plus di contante per comprare altri be-
Robert Fisk è un giornalista dell’Independent, to verde dipenderà da come l’America ni, tra cui oro ed euro. u nm
esperto di questioni mediorientali.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 15


Europa

Il mistero della nave


scomparsa
Luke Harding, The Guardian, Gran Bretagna
Il sequestro e il ritrovamento del
mercantile Arctic Sea è stato il
giallo dell’estate. Per la polizia
russa si è trattato di un caso di
pirateria. Ma altri credono che la
storia sia molto più complicata

C
ominciata come una curiosità su
uno sconosciuto sito web, la sto-
ria si è trasformata in poco tem-
po nel mistero dell’estate. Cos’è
successo davvero all’Arctic Sea, il mercan-
tile apparentemente sequestrato dai pirati
non al largo delle coste selvagge della So-
reuters/contrasto

malia ma nelle miti acque europee del Bal-


tico?
A più di due mesi dal dirottamento della
nave, la risposta è chiara. Almeno secondo
gli investigatori russi, che a metà settembre La nave mercantile Arctic Sea in una foto non datata
hanno annunciato la conclusione della loro
indagine: otto pirati armati si sono impa- persi. Poi si è fatto buio. A un certo punto
droniti dell’Arctic Sea la sera del 24 luglio, al FINLANDIA abbiamo visto davanti a noi due navi. Una
Jakobstad
largo della Svezia. I pirati hanno detto al ca- era un grande traghetto, che andava decisa-
SVEZIA
pitano di dirigersi verso l’Africa. Il cargo ha 28 luglio
mente troppo veloce. L’altra era l’Arctic Sea.
Pärnu
poi passato la Manica ed è “scomparso” in- La nave contatta la Aveva uno scafo basso. Abbiamo cercato di
guardia costiera
torno al 30 luglio, scatenando una caccia 24 luglio raggiungerla”. Secondo Bartenev, l’equi-
di Dover nel canale
I pirati
internazionale. Tre settimane dopo, il 17 della Manica paggio dell’Arctic Sea ha soccorso i suoi set-
assaltano la
agosto, una fregata navale russa ha inter- Arctic Sea te compagni mentre lui stava al timone del
Oceano
cettato la nave a trecento miglia dalle isole Atlantico gommone in avaria. Poi hanno tratto in sal-
Rotta programmata
di Capo Verde. Gli uiciali russi hanno arre- vo anche lui e hanno issato a bordo il gom-
stato i pirati, degli estoni e lettoni di etnia Béjaïa mone. “Gli uomini dell’equipaggio erano
russa. Hanno anche liberato i 15 membri molto cordiali. Quando hanno capito che
russi dell’equipaggio. La diicile missione, ALGERIA eravamo russi, ci hanno portato nella sala
17 agosto
che ha visto all’opera navi e aerei militari è Ritrovamento della
interna e hanno aperto una bottiglia di vod-
stata, secondo il Cremlino, un trionfo na- nave a 300 miglia dalle ka. L’Arctic Sea era piena di alcol”. Bartenev
isole di Capo Verde
zionale. Ma la versione dei fatti fornita da racconta di aver chiesto al capitano di farli
Mosca ha un problema: non sta in piedi. sbarcare nel porto più vicino, ma la richiesta
Seduto nel suo uicio di Mosca, Kon- glio precisata organizzazione. è stata negata senza nessuna spiegazione.
stantin Baranovsky, avvocato di uno dei pi- La ricostruzione fatta da Bartenev è Così, quando hanno capito che non poteva-
rati, racconta con calma la sua storia. Il suo questa. Il 24 luglio lui e i suoi colleghi parto- no scendere, si sono rilassati.
cliente è Dmitrij Bartenev, marinaio di 41 no prima dell’alba dalla località di villeggia-
anni che è nato e vive a Tallinn. Il nonno era tura marina estone di Pärnu. Prendono il Love boat
un ammiraglio sovietico, il padre lavorava largo nel grigio e increspato mar Baltico sul Nel loro rapporto, gli investigatori russi
per la lotta commerciale sovietica. Per boc- loro gommone, per collaudare un’unità gps. hanno dipinto le tre settimane a bordo
ca del suo avvocato, Bartenev fornisce una Ma l’uscita si rivela un terribile errore. dell’Arctic Sea come un drammatico seque-
versione completamente diversa degli “All’improvviso ci ha colpito una grossa stro di ostaggi. In realtà, a detta di Bartenev,
eventi che circondano l’Arctic Sea. Non c’è onda”, ha raccontato Bartenev all’avvocato si è trattato piuttosto di una piacevole cro-
stato alcun dirottamento e lui e i suoi amici dal carcere. “L’acqua ha sommerso il nostro ciera: “C’erano una piscina e una palestra.
non sono afatto dei pirati, ma degli inofen- sistema di navigazione, che si è rotto. Il mo- Abbiamo preso molto sole. Dormivamo in
sivi “ecologisti” al servizio di una non me- tore ha cominciato ad annaspare. Ci siamo una piccola cabina. Abbiamo anche fatto

16 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


amicizia con i macchinisti e con il cuoco”. cresciuti a metà settembre, quando il primo tic Sea per fare contrabbando d’armi. La
In particolare, Bartenev spiega di non avere ministro israeliano Benjamin Netanyahu nave aveva passato diverse settimane a Ka-
avuto la minima idea che la nave fosse or- ha fatto una visita lampo segreta a Mosca. liningrad, la libera enclave russa sul mar
mai al centro di una ricerca internazionale. Un successivo articolo del Sunday Times, Baltico, il posto perfetto per nascondere un
Partito il 22 luglio dal porto inlandese di che citava fonti dei servizi segreti israeliani, carico segreto (e per rifornirsi di vodka a
Jakobstad con un carico di legname, il mer- ha poi suggerito che il Mossad avrebbe usa- buon mercato). Ma la natura del carico non
cantile avrebbe dovuto, secondo le autorità to Bartenev e i suoi amici per dirottare la è chiara: alcuni hanno ipotizzato dei razzi,
di Mosca, raggiungere il porto di Béjaïa, in nave, forzare la mano al governo russo e im- altri bombe intelligenti. Di certo le agenzie
Algeria, il 4 agosto. pedire che gli S-300 raggiungessero l’Iran. di spionaggio russe hanno una rete consoli-
Ma anche questa versione degli eventi, per data di contatti idati in Medio Oriente, che
L’ipotesi Mossad quanto interessante, è inverosimile. Secon- risalgono ai tempi in cui l’Unione Sovietica
L’avventura dell’Arctic Sea termina invece do vari esperti di difesa, un grande e com- sponsorizzava in segreto gran parte del
la mattina del 17 agosto, quando viene rag- plesso sistema antiaereo come l’S-300 non mondo arabo con armi e munizioni. Oggi
giunta dalla fregata russa Ladny. Alle 11.41 potrebbe viaggiare su un vecchio mercanti- queste stesse agenzie si occupano sia d’af-
il personale russo arresta Bartenev, portan- le. fari sia d’intelligence. Le fazioni rivali del
dolo insieme agli altri pirati in un aeroporto Aleksej Bartenev, fratello di Dmitrij, ha Cremlino sono da tempo alle prese con una
militare delle isole di Capo Verde. Qui lui e fornito un’altra versione per spiegare chi ha battaglia mortale non solo per il potere, ma
i suoi colleghi vengono fatti salire su un ae- “incastrato” gli otto dell’Arctic Sea. Aleksej anche per il controllo di lussi di denaro di
miliardi di dollari.
Lo scenario più credibile è che Se l’Arctic Sea trasportava un carico ille-
gale per un commercio d’armi, sembra che
qualcuno dei servizi segreti o delle qualcuno nel governo abbia deciso di occul-
forze di sicurezza russe abbia usato tarlo. Le rivelazioni di un coinvolgimento
della Russia in traici segreti di armi sareb-
la nave per il contrabbando d’armi bero estremamente imbarazzanti. Un into
sequestro poteva essere la soluzione perfet-
reo militare Ilyushin Il-76 che li porta a Mo- dice che un misterioso uomo d’afari di no- ta. All’inizio di settembre il giornalista che
sca, dove sono sbattuti in prigione e accusa- me Vladimir ha reclutato Bartenev e i suoi per primo ha raccontato la strana sparizione
ti di sequestro e pirateria. Anche undici dei sette amici a metà luglio. “Mio fratello era dell’Arctic Sea è scappato dalla Russia, do-
marinai dell’Arctic Sea vengono portati in senza lavoro da sei mesi. All’improvviso ar- po aver ricevuto una telefonata notturna di
volo a Mosca per gli interrogatori. In segui- riva Vladimir e gli ofre un impiego. La paga minaccia. Mikhail Voitenko, redattore del
to gli sarà vietato di parlare con la stampa. Il è buona, più di mille euro al mese. Ma senza bollettino marittimo online Sovfracht, ha
capitano Sergei Zaretsky e altri tre membri nessun contratto scritto”. Secondo Aleksej, detto di aver ricevuto un avvertimento: sta-
dell’equipaggio restano invece sulla nave. suo fratello è andato a Pärnu il 16 luglio. Lui va “pestando i piedi di gente molto impor-
Un mese dopo sono ancora sull’Arctic Sea, e un gruppo di amici che conosce dai tempi tante”. Voitenko ha detto di non conoscere
che invece di tornare in Russia è tenuta lon- della scuola di marina sono andati a fare l’identità della persona al telefono, ma ha
tana da occhi indiscreti dalle parti delle iso- delle esercitazioni. Si sono accampati sulla lasciato intendere che poteva essere qual-
le Canarie. spiaggia. “Vladimir” gli ha dato anche un cuno dell’Fsb, i servizi segreti russi.
Baranovsky deinisce “ridicola” la rico- gommone con un motore fuoribordo. Il la- Nel frattempo Bartenev si trova nel car-
struzione fatta dagli investigatori russi. E fa voro consisteva nello sfrecciare per il mar cere moscovita di Lefortovo, il più famoso
una domanda ovvia: perché qualcuno do- Baltico, ilmando le petroliere mentre sca- della Russia. La prigione è sotto il controllo
vrebbe dirottare una nave carica di legna- ricavano i riiuti in mare. Un compito in ef- dell’Fsb, e lì iniscono solo le persone im-
me? Anche la storia di Bartenev è piena di fetti molto ambientalista. portanti o coinvolte in casi politicamente
lacune. Tuttavia, la sua testimonianza apre delicati. Il 21 settembre Baranovsky ha pre-
una falla nella versione uiciale degli even- Vietato fare domande sentato istanza a un tribunale per ottenere
ti. Ed è avvalorata dal rapporto degli inve- Ma ci sono altri elementi che contribuisco- la liberazione su cauzione di Bartenev, so-
stigatori russi, secondo cui non c’erano ar- no ad alimentare il giallo. Secondo i docu- stenendo che la Russia non aveva giurisdi-
mi a bordo dell’Arctic Sea. menti dell’accusa visionati da Baranovsky, zione quando l’hanno prelevato in acque
Lo scenario più probabile è che Barte- un altro gruppo di misteriosi visitatori è sa- internazionali da una nave battente bandie-
nev e gli altri pirati siano stati messi in mez- lito sull’Arctic Sea il 22 luglio. Due giorni ra maltese. Com’era prevedibile, il giudice
zo. Ma da chi? Nell’ultimo mese sui giorna- prima che Bartenev, secondo la sua versio- ha respinto la richiesta. A meno di un mira-
li russi e britannici sono circolate voci se- ne, rompesse il gommone. Il gruppo era colo, i “pirati” sono destinati a rimanere in
condo cui l’Arctic Sea trasportava un carico formato da 22-24 uomini arrivati con un carcere per un bel po’. All’equipaggio
segreto di intercettori antiaerei S-300, de- motoscafo e rimasti a bordo del mercantile dell’Arctic Sea è stato detto di tenere la boc-
stinati a Teheran. per dodici ore. Non è chiaro chi fossero e ca chiusa. E i giornalisti russi che cercavano
Israele si oppone all’acquisizione da par- perché si trovassero lì. Sulla base di quanto di parlare con i familiari dei marinai hanno
te dell’Iran di qualsiasi arma antiaerea che ha letto, Baranovsky dice: “Sembravano incontrato un muro di timoroso silenzio.
possa contrastare un attacco militare israe- uomini delle forze speciali russe”. Questa Questa non è la prima volta che delle
liano contro gli impianti nucleari di Tehe- rivelazione avvalora lo scenario inora più persone sono state sacriicate agli oscuri
ran. E i sospetti di un tentativo di coinvolgi- convincente: qualcuno dei servizi segreti o interessi dello stato russo. Né sarà probabil-
mento da parte del governo di Tel Aviv sono delle forze di sicurezza russe ha usato l’Arc- mente l’ultima. u nm

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 17


Europa

Atene si aida ai socialisti


per uscire dalla crisi
K. P. Papadiochou, Kathimerini, Grecia
Il 4 ottobre i greci hanno Da sapere

YIOrGOS KArAhALIS (rEUtErS/CONtrAStO)


mandato a casa il governo u Il 4 ottobre in Grecia si è votato per il
conservatore votando per il rinnovo del Vouli, il parlamento
Partito socialista. Un risultato monocamerale. Il Partito socialista (Pasok)
ha ottenuto la maggioranza assoluta dei
in controtendenza rispetto seggi. Il 6 ottobre il suo leader, Giorgos
al resto d’Europa Papandreou, ha presentato il nuovo governo,
in cui ricopre, oltre al ruolo di premier, anche
quello di ministro degli esteri. Nell’esecutivo

L
e elezioni del 4 ottobre, con la sono presenti quattro nuovi ministeri, tra cui
netta vittoria dei socialisti del Pa- uno con deleghe sull’ambiente, l’energia e i
sok e l’affermazione personale cambiamenti climatici.
Seggi Percentuale
del loro leader Giorgos Papan-
dreou, segnano un punto di svolta nella po- Pasok 160 43,9
litica greca. Oltre a determinare il cambio
di governo, la sconitta del premier uscente Nd 91 33,4
Kostas Karamanlis, e le sue dimissioni dalla Kke 21 7,5
guida di Nuova democrazia (Nd), avviano
infatti il rinnovamento del partito che ha Laos 15 5,6
governato negli ultimi cinque anni.
All’inizio della campagna elettorale il
Syriza 13 4,6
vantaggio del Pasok era netto, ma l’entità Verdi – 2,5
del distacco inale ha sorpreso perino i di- Giorgos Papandreou
rigenti socialisti. Grazie ai 160 seggi con-
quistati in parlamento, su un totale di 300, per ora Nuova democrazia è tutta presa dai so straordinario del partito si terrà entro un
Papandreou si è garantito l’aftodinamìa, problemi interni, tra cui la nomina del nuo- mese. Anche se inora nessuno dei dirigenti
cioè la possibilità di formare un governo vo leader. Subito dopo l’annuncio dei risul- è venuto allo scoperto, è probabile che la
monocolore. Anche le altre previsioni sono tati e le congratulazioni a Papandreou, Ka- lotta per la successione a Karamanlis si
state confermate: con 21 seggi e il 7,5 per ramanlis ha informato i vertici di Nd che la svolgerà tra Dora Bakojannis, già sindaca di
cento dei voti i comunisti del Kke sono la sua decisione di dimettersi era irrevocabile: Atene e ministra della cultura, Dimitris
terza forza del paese, seguiti dai populisti di “Il mio potere derivava dal rapporto di idu- Avramopoulos, ministro della salute uscen-
Laos (15 seggi, 5,6 per cento) e dalla sinistra cia con i cittadini. Ora che questa è venuta te, e Antonis Samaras, titolare della cultura
radicale di Syriza, che ha superato agevol- meno posso solo farmi da parte”. Il congres- negli ultimi nove mesi. u anf
mente lo sbarramento del 3 per cento ed è
riuscita a portare in parlamento 13 deputati.
Sono rimasti fuori, invece, i Verdi, la cui
L’opinione
sconitta ha inito per favorire il Pasok.
Le prime dichiarazioni di Papandreou
Il compito di Papandreou
sono state all’insegna dell’unità nazionale:
il premier ha invitato “tutti i greci a unirsi
Giorgos Papachristos, Ta Nea, Grecia
per risollevare la nazione”. Il compito che il
leader socialista ha di fronte, però, non sarà Il mandato che i greci han- un forte sostegno persona- lis, il peggiore che il paese
facile: dare vita a un governo stabile e risol- no dato a Giorgos Papan- le il compito non è impos- ha avuto da decenni a que-
vere alcuni contrasti con la Commissione dreou esprime una richie- sibile. I greci hanno iducia sta parte, come un model-
europea, che rimprovera ad Atene un debi- sta sola: tirare fuori il pae- e sono disposti a concede- lo da evitare a ogni costo.
to pubblico troppo elevato. L’ampiezza del- se dal pantano in cui l’ha re a Papandreou tutto il Oggi i cittadini si aspetta-
la vittoria dovrebbe comunque consentire a fatto precipitare il non go- tempo necessario. Il futuro no che il leader socialista
Papandreou di non inire imbrigliato nella verno di Nuova democra- premier, però, dovrà evita- introduca in politica una
lotta tra fazioni tipica della politica greca, zia. riuscirci sarà la gran- re di ripetere gli errori del nuova dimensione etica.
dandogli la possibilità di prendere anche de vittoria della sua carrie- suo predecessore. Non sa- Giorgos Papandreou ha
decisioni impopolari. A facilitare il compito ra politica. Con una solida rà diicile: basterà prende- l’obbligo di non deludere
del leader socialista, inoltre, c’è il fatto che maggioranza alle spalle e re il governo di Karaman- le loro speranze. u anf

18 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


naZioni UnitE
polonia
Unione europea Indice di sviluppo umano
l’addio
a Edelman Dublino dice sì a lisbona 1.
2.
Norvegia
Australia
0,971
0,970
3. Islanda 0,969
“La vita è la cosa
più importante. 4. Canada 0,966
Il referendum in Irlanda Il 2 ottobre gli irlandesi 5. Irlanda 0,965
La seconda è la
hanno approvato con il 67 18. Italia 0,951
libertà. Ma
quando qualcu- per cento dei voti il trattato Fonte: Undp
no dà la vita per SÌ di Lisbona, che riforma le
67% istituzioni europee e il loro La Norvegia è ancora in testa al-
la libertà, è diicile dire cosa sia
NO la classiica annuale dell’Indice
più importante”. Questa citazio- funzionamento. Nella
ne di Marek Edelman, il coman- 33% di sviluppo umano del Program-
precedente consultazione,
dante dell’insurrezione del ma delle Nazioni Unite per lo
il 12 giugno 2008, il sviluppo (Undp), resa nota il 5
ghetto di Varsavia contro gli oc-
documento era stato respinto con il 53 per cento di no. Il ottobre. L’indice si basa
cupanti nazisti, morto il 2 otto-
bre a 87 anni, “rilette la sua ilo- risultato del voto, scrive The Irish Times, ha fatto tirare sull’aspettativa di vita alla na-
soia di vita: era un uomo inles- un sospiro di sollievo ai paesi che hanno già approvato il scita, sul tasso di alfabetizzazio-
sibile, profondamente onesto e trattato e ai vertici dell’Ue, che in caso di vittoria del no ne della popolazione e sul pro-
irremovibile nei suoi princìpi”, non avevano un piano alternativo. Anche se mancano dotto interno lordo per abitante
scrive il quotidiano polacco ancora le ratiiche formali di Germania, Polonia e a parità di potere d’acquisto. I
Gazeta Wyborcza. Durante la Repubblica Ceca, “il trattato è da considerarsi di fatto dati risalgono però al 2007, pri-
rivolta del 1943, Edelman “gui- ma dell’inizio della crisi econo-
adottato”, osserva il quotidiano di Praga Hospodarske
dò una lotta disperata: non per mica.
la vita, perché pochi sopravvis- Noviny: Berlino deve solo modiicare alcuni dettagli,
sero, ma per una morte degna”. mentre il presidente ceco, l’euroscettico Vaclav Klaus,
Dopo la guerra continuò la sua dovrebbe irmare nelle prossime settimane. “Klaus sa in bREvE
battaglia per la libertà: nel 1976 che non può bloccare il trattato. Potrà esitare per un po’, Russia Il 3 ottobre l’agenzia
entrò nel sindacato Solidarnosc ma inirà per irmarlo”. La posizione del leader ceco – che governativa Rostekhnadzor ha
e fu arrestato nel 1981, quando presentato i risultati dell’in-
grazie al suo euroscetticismo in questi giorni si è
venne proclamata la legge mar- chiesta sull’incidente avvenuto
conquistato le prime il 17 agosto nella centrale idro-
ziale. Gazeta Wyborcza ricorda
AIDAN CRAWLEy (EPA/CORBIS)

anche che nel 1968 Edelman pagine di tutti i giornali – elettrica Sajano Ciucenskaja,
aveva riiutato la possibilità di era già nota: “Il trattato in Siberia, in cui sono morte 75
lasciare il paese, perché si consi- non mi piace, ma sono persone. Secondo il rapporto,
derava “il custode delle tombe consapevole di non poterlo l’esplosione è stata causata
degli ebrei morti in Polonia”. fermare”, aveva detto dall’uso di materiali scadenti e
da errori umani. L’ex capo del
nel 2007. u
monopolista pubblico
Romania dell’energia elettrica Rao Ues,
lotta tra le diverse fazioni della roki Brijeg e quella musulmana Anatolij Ciubajs (nella foto con
i socialisti fuori polizia e dei servizi segreti. E del Sarajevo. Un ragazzo è mor- il presidente russo Dmitrij Med-
dal governo purtroppo chi controlla i servizi to e più di venti sono rimasti fe- vedev), ha ammesso le sue re-
segreti controlla anche il gover- riti. Secondo il quotidiano sponsabilità.
A poco più di un mese dalle ele- no. Il risultato è che le prossime Oslobodjenje, le violenze sono
zioni presidenziali del 22 no- elezioni saranno solo un altro un preoccupante campanello
vembre, il governo romeno è in capitolo di questa guerra inini- d’allarme: “Quello che è succes-
crisi. Il Partito socialdemocrati- ta. Oggi in Romania assistiamo so a Siroki Brijeg, dove la pre-
co ha abbandonato la coalizione a un brutto spettacolo, e non senza della polizia era insui-
con i liberaldemocratici dopo sappiamo da chi siano mano- ciente, ricorda da vicino gli
che il premier Emil Boc aveva li- vrati gli attori”. scontri del 1991, poco prima
cenziato il ministro dell’interno dello scoppio delle guerre jugo-
Dan Nica, colpevole di aver par- slave”. I timori di una ripresa dei
AP/LAPRESSE

bosnia ERZEgovina conlitti etnici sono confermati


lato di possibili brogli alle pros-
sime presidenziali. All’allonta- se tornano anche da un altro particolare: le
violenze sono avvenute proprio
namento di Nica sono seguite le
dimissioni degli altri nove mini- i conlitti etnici alla vigilia del summit di Butmir Gran Bretagna Il 5 ottobre è
stri socialdemocratici in carica. del 9 ottobre, in cui i leader del- cominciato a Manchester il
Il liberaldemocratico Boc, quin- La Bosnia è rimasta sconvolta le tre comunità (musulmana, congresso del Partito conser-
di, si ritrova a guidare un esecu- dai violenti scontri che sono croata e serba) discuteranno vatore. Il suo leader David Ca-
tivo di minoranza. “Nel paese”, scoppiati il 4 ottobre prima con i rappresentanti di Unione meron, 42 anni, è considerato il
scrive il quotidiano Eveni- dell’incontro di calcio tra la europea e Stati Uniti del futuro grande favorito alle elezioni le-
mentul Zilei, “è in corso una squadra croato-bosniaca del Si- della Bosnia. gislative del 2010.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 19


Africa e Medio Oriente

I ribelli del Delta del Niger


irmano l’amnistia
The Daily Champion, Nigeria
Il 4 ottobre i gruppi armati più Port Harcourt, 3 ottobre 2009
attivi nella regione hanno
deciso di accettare la proposta
del presidente nigeriano Umaru
Yar’Adua. Ma per alcuni è stata
una scelta soferta

100 km
Abuja
Nig
er
BENIN
Oshogbo
Ibadan
N IG ER IA

Lagos Enugu

Onitsha
PIUS UTOMI EKPEI (AFP)

Golfo di Guinea
r
ige

N Port
Delta

Harcourt
lN
de

ige
r Oceano Atlantico

I
l 4 ottobre Government Ekpemupo- rivendicazioni dei gruppi armati”. Il discorso del ministro si è concluso con
lo, alias Tompolo, è scoppiato in la- Il ministro della difesa Godwin Abbe una nota di ottimismo: “È venuto il mo-
crime mentre consegnava le armi che era presente alla cerimonia di Oporoza mento della pace nel Delta del Niger. Que-
alle istituzioni del governo nigeria- ha sottolineato il valore simbolico dell’ac- sto giorno segna l’inizio di una nuova era di
no. Tompolo, leader della Federazione del- cettazione dell’amnistia da parte dei ribelli. sviluppo: il petrolio non sarà più una fonte
le comunità ijaw del Delta del Niger (Fn- “La consegna delle armi è un grande atto di di soferenza per gli abitanti della regione,
dic), è uno dei guerriglieri più noti della re- patriottismo da parte dai combattenti e dei sarà una fonte di felicità”. Ma la premessa a
gione. Quando è atterrato a Osubi, dopo loro seguaci”. Abbe ha invitato anche le po- queste parole conteneva un ammonimento
aver incontrato ad Abuja il 3 ottobre il presi- polazioni indigene del Delta del Niger a a chi non ha ancora consegnato le armi alla
dente Umaru Musa Yar’Adua e aver irmato imboccare la strada del dialogo e ha pro- commissione per l’amnistia. “I ribelli osti-
l’accordo di amnistia, è stato accolto come messo che il governo cercherà delle rispo- nati farebbero meglio a fare subito marcia
un eroe. A Oporoza, dove ha uicialmente ste adeguate alle cause che hanno scatena- indietro”, ha detto Abbe, “perché il tempo
consegnato le armi, Tompolo si è rivolto in to la crisi nella regione. non è più dalla loro parte”. u nm
ijaw alle migliaia di persone venute ad assi-
stere all’evento: ha pianto e ha detto di con-
segnare le armi contro la sua volontà. Allo L’opinione
stesso tempo ha consigliato ai suoi sosteni- u Non tutti i ribelli del Delta denunciato il presidente unilaterale di Yar’Adua. I
tori di smettere di farsi giustizia da soli e di del Niger hanno accettato nigeriano Umaru Musa ribelli sostengono di non
aspettare le prossime mosse del governo. l’amnistia. Alcuni membri Yar’Adua in tribunale aver commesso nessun
Godspower Sylva, uno dei combattenti del- del Fronte per la salvezza contestano la validità crimine e di non aver mai
la Fndic, ha detto che la giornata ha segnato dei popoli del Delta del dell’operazione richiesto l’amnistia. Per
“un punto di svolta” nella strategia dei ri- Niger e della Forza dei appellandosi agli articoli 36 questo hanno dichiarato che
belli, ma ha aggiunto che il governo do- volontari del Delta del Niger e 175 della costituzione continueranno a lottare per
guidati da Mujahid Dokubo federale nigeriana del 1999: l’autodeterminazione del
vrebbe accelerare lo sviluppo nel Delta.
Asari hanno deciso di l’amnistia dovrebbe essere loro popolo, un diritto
Secondo Sylva il risultato principale
rivolgersi alla corte federale richiesta dai ribelli e garantito anche dalla
raggiunto con questa amnistia, sottoscritta di Abuja per chiedere dovrebbe indicare con Dichiarazione delle Nazioni
dalla leadership del Movimento per l’eman- l’annullamento di precisione a quali crimini si Unite sui diritti dei popoli
cipazione del Delta del Niger e dagli altri un’amnistia che considerano applica. Queste due indigeni. Davidson
maggiori gruppi ribelli, è che “il governo ha nulla e incostituzionale. I condizioni non sono state Iriekpen, This Day,
inalmente riconosciuto la legittimità delle 232 guerriglieri che hanno rispettate dal gesto Nigeria

20 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


AFRICA
Iran IRAQ
Il colore Preparativi
della bellezza Test nucleari e di dialogo elettorali
Dalla sua rubrica Il primo ministro iracheno Nuri
su New African, Il nucleare iraniano fa al Maliki ha annunciato la na-
la giornalista gha- scita di una coalizione multi-

CAREN FIROUZ (REUTERS/CONTRASTO)


discutere anche il mondo
nese Akua Djanie confessionale in vista delle
lancia un’invetti- arabo. Secondo la prossime elezioni di gennaio
va contro i capelli giornalista di Al Hayat 2010. La nuova alleanza riuni-
stirati delle donne africane. È Raghida Dergham, la sce quaranta gruppi politici e
solo uno spunto per rilettere posizione assunta dalla comprende sunniti, sciiti, curdi
sull’evoluzione dei canoni este- diplomazia dei paesi arabi e cristiani. “Secondo Al Maliki è
tici delle donne di colore, condi- nei confronti dell’Iran e una svolta epocale”, scrive
zionate dall’immaginario occi- Aswat al Iraq. Le formazioni
degli Stati Uniti può
dentale. “Negli anni sessanta, politiche autorizzate dalla com-
in America le donne nere riiu- essere riassunta con questa formula: “Raggiungete un missione elettorale a partecipa-
tavano questi stereotipi”, nota accordo, ma non a nostre spese”. Dopo l’incontro del 1 re al voto sono 296.
Djanie. “Oggi invece li subisco- ottobre a Ginevra sul programma nucleare iraniano, la
no, basta guardare Nollywood, comunità internazionale ha tirato un sospiro di sollievo
IN BREVE
l’industria del cinema nigeria- visto che Teheran ha dichiarato la sua disponibilità a
no”. La soluzione? Smettere di Madagascar Il 6 ottobre è stato
consentire le ispezioni dell’Aiea nell’impianto di
sbiancarsi la pelle e di voler so- raggiunto un accordo sulla
arricchimento dell’uranio di Qom. Il timore del mondo transizione politica nel paese.
migliare alle donne bianche.
Perché la rivoluzione razziale arabo è legato solo al rischio di un inasprimento delle Andry Rajoelina è stato
passa anche per le regole della relazioni tra Iran e occidente, che inevitabilmente confermato presidente ed
bellezza. coinvolgerebbe anche i paesi del Golfo. Gli Emirati Eugène Mangalaza sarà primo
Arabi, per esempio, hanno molti interessi in Iran e ministro.
SUDAFRICA sarebbero costretti a riconsiderare i loro investimenti Ruanda Il 5 ottobre è stato
arrestato a Kampala Idelphonse
Selebi nel paese se fossero approvate nuove sanzioni. Perciò
Nizeyimana, considerato uno
alla sbarra secondo Al Hayat il compito dei paesi arabi è quello di dei pianiicatori del genocidio
“aiutare l’Iran a essere ragionevole”. Nella foto: il del 1994 in Ruanda. È stato
È cominciato a Johannesburg il direttore dell’Aiea Mohamed el Baradei e il capo del consegnato al Tribunale penale
processo a Jackie Selebi, ex capo programma nucleare iraniano Ali Akbar Salehi. ◆ internazionale per il Ruanda.
della polizia sudafricana ed ex
presidente dell’Interpol. Nella
prima udienza Selebi ha negato Da Ramallah Amira Hass
di aver ricevuto 1,2 milioni di
rand (circa centomila euro) da
un suo amico trafficante di dro-
Una brutta sorpresa
ga, Glenn Agliotti, in cambio
della chiusura delle indagini su
un omicidio di cui era accusato. La notizia è apparsa sul sito di membri avrebbero votato. Si nari palestinesi hanno detto
Secondo il Mail & Guardian, Ha’aretz alle 19.23 del 1 otto- sapeva che 33 erano favorevoli che gli altri stati membri ave-
queste vicende gettano delle bre. Diceva che i palestinesi (per lo più stati arabi e musul- vano chiesto di rimandare il
ombre sulla stabilità del sistema avevano deciso di ritirare la ri- mani). Gli Stati Uniti e l’Unio- voto. Ma loro negano questa
giudiziario sudafricano, impe- chiesta alle Nazioni Unite di ne europea erano contro, Cina versione e dicono che c’è stata
gnato nella lotta alla criminalità. sottoscrivere il rapporto Gold- e Russia erano incerte. Invece un’esplicita richiesta palesti-
stone sui crimini di Gaza. Si è la richiesta non c’è stata. Ho nese. Il comitato esecutivo
Criminalità
(casi ogni 100.000 abitanti) scatenato uno tsunami. I più saputo che il console statuni- dell’Olp giura di non saperne
700 sorpresi sono gli attivisti che tense a Gerusalemme ha in- niente. Lo stesso fanno il pre-
Aggressioni
600 negli ultimi nove mesi hanno contrato il presidente dell’Or- mier Salam Fayyad e i suoi mi-
500
aiutato la commissione a rac- ganizzazione per la liberazio- nistri. Hamas, invece, si è reso
cogliere le testimonianze per ne della Palestina (Olp) Mah- conto che questa vicenda è un
400
Rapine scrivere i rapporti sull’ofensi- moud Abbas, a Ramallah. Poi regalo politico ricevuto dai
300
va israeliana dell’inverno scor- c’è stata una telefonata dall’uf- suoi rivali: Al Fatah, l’Olp e
200
Stupri
so. Fino a una settimana fa icio di Abbas al rappresentan- l’Autorità palestinese (insieme
100 eravamo sicuri: un osservatore te palestinese a Ginevra, Ibra- a Israele e agli Stati Uniti) han-
0
Omicidi palestinese avrebbe presenta- him Khraishi. no seppellito un rapporto che
1994 ’98 ’00 ’04 ’06 ’08
to la richiesta al consiglio Rendendosi conto dell’am- mette in discussione l’impuni-
Fonte: polizia sudafricana
dell’Onu e il giorno dopo i 43 piezza dello scandalo, i funzio- tà israeliana. ◆ nm

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 21


Americhe

I piloti americani
non decollano più
Mark Thompson, Time, Stati Uniti
L’aviazione militare
statunitense ha dato il via a un
programma di addestramento
per piloti di droni. Voleranno
sui campi di battaglia con i
piedi piantati per terra

teve Petrizzo è cresciuto vicino a

S una base dell’air force in Florida.


Da bambino, quando sentiva i jet
che passavano sibilando sopra la
sua testa allungava il collo per guardarli
meglio. “Vedevo gli F-16 che arrivavano in
formazioni da quattro e pensavo che erano
la cosa più iga del mondo”, ricorda. “Ho
sempre voluto volare”. Arrivato alle supe-
DOD/CORBIS

riori, però, Petrizzo pensava che la sua vista


debole non gli avrebbe mai permesso di
farlo. Oggi le nuove tecnologie, insieme al- Un drone MQ-1 Predator nei cieli del Nevada
le nuove politiche, hanno riscattato il suo
sogno di bambino. Questo ragazzo di 28 an- crearono un grande scompiglio nelle istitu- della sua carriera nell’aviazione militare
ni combatterà Al Qaeda e i taliban dal cielo: zioni”, ha detto rispondendo alle accuse di occupandosi di missili balistici interconti-
sarà uno dei primi a pilotare a terra i droni “fanatismo” che sono state rivolte ai soste- nentali. Ma a ine settembre ha lasciato la
Predator senza aver mai fatto addestra- nitori delle nuove tecnologie. Chi pilota i sua base nel Montana per il nuovo incarico
mento in una cabina di pilotaggio. droni dalle console elettroniche a terra, ha permanente di pilota di Predator a Creech.
La novità riflette un cambiamento di spiegato Schwartz, “ha incontrato lo stesso Secondo Petrizzo molte persone hanno
mentalità dell’aviazione statunitense. In- tipo di resistenza, anche nell’aviazione mi- un’idea sbagliata del suo lavoro. “Quando
vece di sprecare tempo a lucidare i suoi F-22 litare”. dicono che è un videogioco, che è come
in attesa di una guerra, l’air force si attrezza smanettare con una console Xbox, mi of-
per i conflitti del momento. Fino a poco Non è un videogioco fendo. Bisogna avere un senso dell’aria e
tempo fa il comando dell’aviazione militare Ma nei campi di battaglia i Predator sono saper prendere le decisioni”. Anche se non
esigeva che gli uomini e le donne che face- sempre più richiesti. I loro occhi riescono a ha mai dovuto sparare un missile in una si-
vano “volare” i suoi droni MQ-1 Predator compiere ricognizioni che i normali aerei tuazione di stress, Petrizzo sa che probabil-
fossero piloti a tutti gli efetti, anche se te- con equipaggio non possono assicurare. Ci mente la situazione cambierà. “Aiuterò gli
nevano i piedi piantati a terra nel Nevada. sono voluti dodici anni, dal 1995 al 2007, uomini e le donne che rischiano la vita sul
Ma il generale Norton Schwartz, nominato perché la lotta di Predator raggiungesse le campo. Dovrò fargli vedere chi si nasconde
capo di stato maggiore dell’aeronautica mi- 250mila ore di volo, ma negli ultimi venti dietro l’angolo”.
litare dal segretario alla difesa Robert Ga- mesi le ore sono raddoppiate. Oggi i L’air force sostiene che il programma di
tes nel 2008, ha pensato che assegnare ai Predator dell’air force coprono 37 “orbite” addestramento per i Predator è sperimen-
droni dei piloti così qualiicati avesse poco su Afghanistan e Iraq per ventiquattr’ore al tale e potrebbe essere abbandonato. Ma
senso. L’addestramento di un pilota dura giorno. Questo richiede un organico di non c’è da scommetterci. Schwartz ha detto
ino a diciotto mesi e costa un milione di circa 150 persone, almeno dieci coppie di ai nuovi piloti che la richiesta delle loro qua-
dollari. piloti e operatori dei sensori, e quattro liiche professionali è “insaziabile”. Non
Il 25 settembre 2009 alla Creech air for- Predator. Anche se la missione più solo: il comando ha commissionato un nuo-
ce base, vicino a Las Vegas, si è diplomata la importante è fornire alle truppe di terra vo distintivo che Petrizzo e gli altri piloti di
prima classe di otto piloti addestrati esclu- video in tempo reale per ore e ore, droni indosseranno sull’uniforme. Sullo
sivamente alla guida dei droni. l’equipaggio di un Predator può anche scudo centrale c’è un fulmine, che simbo-
Schwartz li ha salutati come dei pionie- sparare dei missili, se identiica un obiettivo leggia il comando a distanza dei Predator,
ri. “Quando la nave a vapore, il carro arma- importante. ma le ali sono identiche a quelle che indos-
to e l’aereo diventarono strumenti militari Petrizzo ha trascorso i primi sei anni sano gli altri piloti dell’air force. u nm

22 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


STATI UNITI MESSICO
Brasile
L’Afghanistan Giornali
di Obama Poco da festeggiare sotto attacco
Barack Obama Il presidente messicano Felipe
deve prendere Calderón ha deciso di
una decisione che sospendere da ottobre la
deinirà la sua Rio de Janeiro ospiterà le
pubblicità istituzionale sui
presidenza: Olimpiadi del 2016.
giornali nazionali. Secondo il
mandare altri
VANDERLEI ALMEIDA (AFP)
Nonostante la criminalità, le settimanale messicano
soldati in Afghanistan, come ha favelas, la povertà, la Proceso, questo
chiesto il generale Stanley precarietà delle infrastrutture, provvedimento, che il governo
McChrystal, o inaugurare un la carenza di impianti sportivi, sta cercando di tenere segreto,
nuovo corso. Mentre dal New ha l’obiettivo di tagliare i fondi
la corruzione della classe
York Times trapela la notizia pubblici alla stampa, già in
che per ora le truppe non politica e l’inquinamento della
diicoltà a causa della crisi
saranno ridotte, due riviste baia di Guanabara. “È il giorno più emozionante della
economica. La decisione arriva
statunitensi dedicano la mia vita. Se morissi adesso, sarebbe comunque valsa la dopo la pubblicazione di un
copertina alla guerra. The pena di vivere”, ha detto Lula dopo il verdetto di rapporto in cui Reporter senza
Nation pubblica una lettera Copenaghen. L’euforia del presidente è condivisa da frontiere deinisce il Messico il
aperta di William R. Polk, milioni di brasiliani che vedono nelle Olimpiadi il modo paese più pericoloso al mondo
fondatore del centro di studi sul per i giornalisti. Non solo perché
per risolvere i loro problemi. Ma, secondo il quotidiano
Medio Oriente dell’università il governo non è in grado di
di Chicago, che propone al brasiliano O Globo, la cautela è d’obbligo: “La storia
perseguire chi ostacola la libertà
presidente un piano per il ritiro delle Olimpiadi dimostra che spesso i paesi ospitanti
di stampa, ma anche perché le
delle truppe. Time aida al sopravvalutano l’impatto economico e ignorano i costi “autorità sono complici 0
fotografo Adam Ferguson il sociali della manifestazione. Speculazioni immobiliari, responsabili di gravi violazioni”.
compito di documentare la vita espulsione o rimozione della popolazione più povera e
quotidiana della compagnia deicit pubblico: saranno tutte conseguenze inevitabili
Apache, un distaccamento di CANADA
delle Olimpiadi”. Nonostante questo, aferma O Globo, i
102 soldati che da un mese
combatte i taliban vicino a giochi olimpici saranno una grande opportunità per
Kabul. “Se è vero che abbiamo migliorare la situazione della città: “Rio de Janeiro aveva
perso di vista l’Afghanistan, bisogno di un’occasione del genere e ha meritato la
ricominciare a osservarlo può vittoria. Ora è dovere di tutti i cittadini impegnarsi per
essere un inizio”. contribuire a trasformare radicalmente la vita della città”. Il Partito conservatore è inito
sotto accusa per le somiglianze
tra il suo simbolo (a destra) e
Dall’Avana Yoani Sánchez quello della squadra canadese
per le Olimpiadi invernali di
Il verbo viaggiare Vancouver del 2010 (a sinistra).

IN BREVE

L’Avana è stata fondata 490 di frutta e verdura. I trasporti e i venti pesos, e si viaggia Argentina Il 1 ottobre l’ex
anni fa. Oggi ha due milioni di pubblici si pagano in pesos cu- asissiati dalle esalazioni di presidente Carlos Menem è
abitanti e un problema diici- bani, ma non hanno orari: la benzina e assordati dal rumo- stato incriminato per aver
le da risolvere: i trasporti. Fino frequenza con cui passano gli re del motore. ostacolato l’inchiesta
agli anni cinquanta c’erano i autobus oscilla tra i dieci e i I nuovi ricchi possono usa- sull’attentato del 1994 contro
un’associazione ebraica a
tram. Negli anni ottanta è sta- quaranta minuti a seconda del re i mezzi che si pagano in pe-
Buenos Aires, in cui morirono
to presentato un progetto di giorno e degli imprevisti. Chi sos convertibili. Un percorso
85 persone. Il 3 ottobre la
costruzione della metropolita- non può aspettare usa i taxi breve su queste macchine con
presidente Cristina Kirchner ha
na. Doveva essere inanziato collettivi, veri e propri dino- l’aria condizionata può costa-
rivendicato la sovranità sulle
dall’Unione Sovietica, ma è i- sauri che circolano nelle no- re il salario settimanale di un isole Malvine in occasione di un
nito nel cassetto dei sogni do- stre strade. operaio. Ecco perché sono incontro con i familiari delle
po il crollo del socialismo. Sono automobili statuni- usate soprattutto dai turisti o vittime della guerra con la Gran
L’azienda incaricata dei lavori tensi fabbricate prima del dai cubani emigrati in vacanza Bretagna.
era proprio accanto a casa no- 1958 che sopravvivono grazie all’Avana. Nel resto dell’isola, Stati Uniti Il 5 ottobre il dalai
stra, ma aveva fatto in tempo alla creatività dei meccanici e invece, le persone si muovono lama ha efettuato una visita a
a gettare solo le fondamenta. all’impossibilità di comprare in bicitaxi, su carri trainati da Washington, ma non è stato
Il cantiere è stato poi ricoper- auto nuove. Per prenderne cavalli o a piedi, come ai vec- ricevuto dal presidente
to per fare posto a un mercato uno bisogna pagare tra i dieci chi tempi. ◆ sb statunitense Barack Obama.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 23


Asia e Paciico
Cina e India
litigano al conine
Ben Arnoldy, The Christian Science Monitor, Stati Uniti
Negli ultimi anni le incursioni
cinesi in territorio indiano
sono aumentate. Così il
governo di New Delhi ha
deciso di raforzare la
presenza militare alla frontiera

A
d agosto sono arrivati gli elicot­
teri cinesi, che hanno volato
basso sopra il conine e si sono
inoltrati per molti chilometri
DIPTENDu DuTTA (AFP)

nel territorio indiano. Subito dopo hanno


fatto la loro comparsa gli uiciali indiani,
per capire cosa fosse successo. Così il vil­
laggio himalayano di Demchok si è improv­
visamente trovato al centro delle tensioni
tra i due paesi più popolati al mondo. Se­ Nathu La, India. Al conine con la Cina
condo Tsering Mopt, soldato indiano in
pensione, le autorità indiane sono state ac­ senza cinese al conine, gli indiani si sono guerra sanguinosa nel 1962, senza riuscire
colte dalle proteste degli abitanti di Dem­ decisi ad aumentare le difese sull’Himala­ a stabilire i conini in maniera deinitiva.
chok. Volevano sapere dal governo perché ya”, aferma Chellaney, secondo cui tra il Dal 1981, i governi dei due paesi hanno
nella loro zona non ci sono le strade asfalta­ 2007 e il 2008 le incursioni cinesi sarebbero cercato di risolvere la questione degli oltre
te e le infrastrutture presenti dalla parte ci­ raddoppiate. La Cina ha uicialmente ne­ tremila chilometri di conine contesi attra­
nese del conine. gato l’accusa, mentre il governo indiano ha verso il negoziato, ma senza risultati. Inol­
La risposta è semplice: si tratta della cercato di gettare acqua sul fuoco. Soprat­ tre, la rivendicazione della Cina di un ter­
strategia adottata dal governo indiano negli tutto perché New Delhi considera fonda­ ritorio controllato dall’India grande tre
ultimi anni per contrastare la rivendicazio­ mentali le relazioni economiche con Pechi­ volte Taiwan fa aumentare la tensione.
ne di terre da parte della Cina. “L’India ha no. A Leh, la capitale del Ladakh, gli abi­
volutamente trascurato questa regione per tanti non danno troppo peso alle incursio­
rallentare un’eventuale invasione cinese”, Armi puntate ni cinesi. Ne parlano quasi come fossero
spiega Brahma Chellaney, esperto di sicu­ Nonostante questo, l’India sta segretamen­ un fenomeno atmosferico. Ma altri sono
rezza al Center for policy research di New te fortificando il confine. In settembre preoccupati. Secondo Rigzin Dhonup,
Delhi. Ma ora, dopo l’aumento delle incur­ l’aviazione ha inaugurato un nuovo aero­ uno studente universitario originario del
sioni cinesi degli ultimi anni, la linea india­ porto militare nella regione del Ladakh, Ladakh, le truppe indiane potrebbero pro­
na sta cambiando. Il governo sta infatti cer­ nell’estremo nord del paese, al conine con vocare una risposta militare della Cina o
cando di aumentare la sua presenza in que­ Cina e Pakistan. A questo si aggiungono gli del Pakistan. Ma secondo Chellaney la ve­
ste aree contese. “Vista la minacciosa pre­ altri due aeroporti costruiti di recente ra minaccia è quella cinese. Lo studioso
sull’Himalaya. Inoltre in questo momento ricorda che Pechino ha fornito assistenza
l’India sta riposizionando i suoi jet Sukhoi militare al Pakistan, allo Sri Lanka, alla
lungo il conine nordorientale con la Cina. Birmania e al Nepal. Alcuni di questi allea­
All’inizio di settembre il comandante ti cinesi stanno guadagnando il controllo
dell’aviazione PV Naik ha spiegato che i ci­ dell’oceano Indiano e delle rotte navali
nesi non costituiscono una minaccia imme­ che fanno arrivare il petrolio dal Medio
diata, ma si è detto scontento per i mezzi Oriente. E non bisogna dimenticare che
insuicienti a sua disposizione. L’India ha questi paesi sono tutti geograicamente
anche approvato la costruzione di quattro vicini all’India: “Stanno circondando l’In­
strade strategiche nel Ladakh, e sta proget­ dia, per limitare le sue possibilità strategi­
tando una rete stradale per coprire tutta che”, dice Chellaney. “Forse non hanno
l’area dell’Himalaya. intenzione di usare la forza, ma vogliono
Cina e India hanno combattuto una tenere New Delhi sulla difensiva”. u nv

24 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


COREA DEL NORD Pakistan, 4 ottobre 2009 gIAPPONE

Ospite d’onore La sida


a Pyongyang ecologista
Asia News, Shukan
8 ottobre 2009 Diamond,
Al suo arrivo in Corea del Nord 3 ottobre 2009
il premier cinese Wen Jiabao ha “Risparmiare,
ricevuto un’accoglienza d’ecce- ISHTIAq MeHSUD (AP/LAPReSSe)
creare e riutilizza-
zione. “Ad aspettarlo sulla pista re energia: è il
dell’aeroporto c’era Kim Jong-il nuovo slogan delle aziende
in persona, un onore riservato a giapponesi. Colpite duramente
pochi”, scrive Asia News. “Poi dalla crisi, molte hanno deciso
una folla festante ha accompa- di ripartire convertendo la pro-
gnato il suo viaggio verso il cen- duzione e concentrandosi
tro della città, mentre i mezzi sull’energia rinnovabile, in par-
d’informazione di regime tra- Hakimullah Mehsud in video ticolare quella solare. Dal 1999
smettevano speciali programmi Il 5 ottobre il nuovo leader dei taliban pachistani, Hakimullah la produzione interna è aumen-
di benvenuto”. La ragione ui- Mehsud (a sinistra nella foto), è apparso in un video trasmesso da tata considerevolmente: il Giap-
ciale della visita, “su invito del alcune tv locali. Il ilmato smentisce la notizia della sua morte, data pone, che dieci anni fa importa-
comitato centrale del Partito dei per probabile dal governo pachistano e da un funzionario dei servizi va l’energia fotovoltaica, oggi
lavoratori della Repubblica de- segreti statunitensi. Pochi giorni dopo i taliban hanno rivendicato esporta circa il 46 per cento di
mocratica di Corea”, è il 600 an- un attentato suicida che ha ucciso cinque impiegati dell’Onu nella quella che produce. A investire
niversario dall’avvio di relazioni sede del Programma alimentare mondiale (Pam) a Islamabad. sulle energie rinnovabili non so-
diplomatiche tra i due paesi. no solo le grandi aziende
“Probabilmente il premier cine- dell’elettronica e dell’auto, ma
se sfrutterà la circostanza per
cercare di convincere le autorità
Cina anche le piccole imprese medi-
che e farmaceutiche. Secondo il
di Pyongyang a riprendere i col-
loqui a sei sul nucleare, brusca- Il traguardo cinese settimanale Shukan Diamond,
“la sida per il futuro è far cre-
mente interrotti dopo i test mis- scere queste esperienze in tutto
silistici nordcoreani di aprile. il paese”.
Per indorare la pillola, Jiabao ha Caijing, Cina, 28 settembre 2009
annunciato anche l’invio di aiuti
Il grande ritratto del timoniere Mao IN BREvE
umanitari straordinari e irmato
accordi di cooperazione in di-
Zedong in piazza Tiananmen sostituito Giappone Il 4 ottobre l’ex
versi settori”. da uno nuovo di zecca per il sessantesimo ministro delle inanze Shoichi
anniversario della fondazione della Nakagawa (nella foto) è stato
repubblica. È l’immagine di copertina del trovato morto nella sua casa di
BIRMANIA Tokyo. Si era dimesso a febbraio
settimanale Caijing, che titola:
dopo che si era presentato
Fragile “Sessant’anni di economia in Cina’’. ubriaco a una riunione del G7
negoziato L’autore dell’analisi è Wu Jinglian, economista e a Roma.
ricercatore del consiglio di stato. “All’inizio la Cina ha
“Riprendono i colloqui tra il de- scommesso sull’economia pianiicata. Un tentativo
YURI GRIPAS (ReUTeRS/CONTRASTO)

legato della giunta al potere in destinato a fallire, perché quando una società elimina i
Birmania e la dissidente Aung diritti e la libertà individuale di sperimentare e di innovare
San Suu Kyi”, scrive Irrawad- le cose vanno inevitabilmente alla deriva”. Di fronte al
dy, il quotidiano della comunità progressivo impoverimento della popolazione, il governo
birmana in esilio. “La leader
ha imboccato la via delle riforme. I tre pilastri
della Lega per la democrazia ha
parlato a lungo con un ministro:
fondamentali dell’economia di mercato – il diritto di
tra i temi afrontati potrebbe es- proprietà, il libero scambio e l’impresa privata – sono stati
serci la lettera con cui Suu Kyi introdotti gradualmente e inine abbracciati senza riserve Afghanistan Il 30 settembre
ha oferto al capo della giunta dalla Cina. “Il risultato è stato uno straordinario balzo in nove civili, tra cui sei bambini, e
Than Shwe la sua disponibilità a avanti dell’economia, con una crescita media del pil vicina quattro ribelli taliban sono mor-
collaborare con i generali per al 10 per cento negli ultimi trent’anni. Tuttavia non ti in un raid aereo della Nato
ottenere una riduzione delle nella provincia di Kandahar, nel
bisogna dimenticare che alcuni importanti settori
sanzioni imposte al paese”. In- sud del paese. Il 3 ottobre più di
tanto il tribunale di secondo
industriali sono ancora monopolio dello stato. Molte cento ribelli sono morti in
grado ha respinto l’appello della riforme incomplete sono all’origine della corruzione un’operazione della coalizione
dissidente contro il prolunga- difusa e delle diseguaglianze sociali. Il traguardo è internazionale nella provincia
mento degli arresti domiciliari. raggiungibile, ma la strada è ancora lunga”. u orientale del Nuristan.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 25


Visti dagli altri

I dieci anni che separano


Italia e Germania
Gustav Seibt, Süddeutsche Zeitung, Germania

D
a 150 anni le grandi svolte della

HOrACIO VILLALOBOS (EPA/COrBIS)


politica italiana anticipano di
almeno dieci anni i cambia-
menti che avvengono in Ger-
mania. Nel 1861 con la proclamazione del
regno l’Italia è diventata uno stato naziona-
le, un obiettivo che la Germania ha raggiun-
to solo nel 1871. Entrambi i paesi hanno
pagato care le conseguenze della prima
guerra mondiale. Nel 1922 in Italia è andato
al potere un dittatore di destra. Nel 1933 è
successo lo stesso in Germania. Ai tempi
della guerra fredda il territorio tedesco era
diviso in due, mentre in Italia il sistema po-
litico era talmente frammentato che ino al
1989 non è mai stata possibile una normale
alternanza di governo tra i due più grandi
partiti: democristiani e comunisti.
La fine della contrapposizione tra il
blocco sovietico e quello occidentale ha
portato in pochi anni all’erosione del siste- Silvio Berlusconi e la cancelliera tedesca Angela Merkel
ma bipolare italiano. Questo fenomeno è
cominciato a sinistra, tra le ila dei socialisti goni. Ed è lecito sperare che il detto “Italia mento della democrazia italiana.
e dentro al Partito comunista italiano. Ben docet”, coniato nel 1923 da un commenta- Le differenze non dipendono solo
presto la dissoluzione ha coinvolto anche il tore tedesco, oggi non sia più così corretto. dall’assenza nel panorama politico tedesco
campo democristiano-conservatore: il Le somiglianze tra Italia e Germania riguar- di una igura come quella di Berlusconi, con
clientelismo regionale e la corruzione eco- dano più che altro la dissoluzione dei grandi la sua propensione alle sempliicazioni e
nomica sono aiorati alla luce del sole in schieramenti e delle loro ideologie, un pro- alle promesse vuote. Ma anche dalla dife-
parlamento. cesso di secolarizzazione che interessa an- renza di spessore politico tra la classe diri-
In risposta alla crisi della prima repub- che altri paesi democratici. Ma mentre in gente che si sta formando in Germania e
blica sono nati nuovi partiti regionali che Italia da questa situazione è derivato un quella italiana. Il maschilismo della legisla-
rappresentano forti interessi economici nuovo modo di fare politica rabbioso e mi- tura dell’ex cancelliere Gerhard Schröder e
particolari contro il centralismo del gover- rato solo a promuovere interessi particolari, del suo ministro degli esteri Joschka Fi-
no. Cos’è successo, invece, a Berlino? Oggi in Germania è emersa una nuova cultura scher, entrambi due noti dongiovanni, era
potrebbe sembrare che, a distanza di dieci politica, più aperta, che non ha nulla a che già stato superato nel 2005 dalla grande
anni, la Germania stia di nuovo inseguendo vedere con la polarizzazione e l’avvelena- coalizione guidata da Angela Merkel.
l’Italia. Ci sono due grandi analogie: la Csu,
il partito regionale della ricca Baviera, po-
trebbe giocare in Germania un ruolo simile Lodo Alfano, dopo la decisione della Corte
a quello della Lega nord. E la Linke, la sini- u Il 7 ottobre la Corte costitu- Michael Braun, Die processi. Ma la decisione
stra tedesca radicata soprattutto nell’est del zionale ha dichiarato illegitti- Tageszeitung, Germania: apre la porta ad almeno tre
paese, potrebbe invece essere paragonata mo il lodo Alfano, per viola- “Il consenso per Berlusconi processi: sarebbe bello per
ad Alleanza nazionale (An): entrambi i par- zione degli articoli 3 e 138 della non sarà seriamente dan- una volta vedere la giustizia
titi sono stati accusati per i loro legami con costituzione italiana. neggiato da questa decisio- fare il proprio corso”.
un passato dittatoriale. Negli ultimi anni An ne. Il suo elettorato sembra Jef Israely, Time, Stati
ha ottenuto una nuova legittimità guada- Eric Jozsef, Libération, indiferente a scandali e sen- Uniti: “Alla ine tutto dipen-
Francia: “Non cambierà tenze. Ma il premier sarà de da Berlusconi: è il peg-
gnando consensi tra la piccola borghesia e i
nulla. È una situazione da i- sempre più debole all’este- gior nemico di se stesso. Se
dipendenti pubblici, soprattutto al sud. ne regno, ma Berlusconi non ro”. reagisce perdendo la testa,
Il caos che si è creato in Italia nel corso di si dimetterà. resterà al pote- Miguel Mora, El País, potrebbe mettersi in crisi da
questi processi di ristrutturazione politica è re grazie alla maggioranza in Spagna: “Il suo avvocato, solo. Anche se non c’è un’al-
stato messo in ordine per la prima volta da parlamento, e alla sua forza Niccolò Ghedini, s’inventerà ternativa né a destra né a si-
Silvio Berlusconi. Ma qui iniscono i para- economica e mediatica”. una norma per fermare i nistra”.

26 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Confrontando i commenti posteletto-
rali dei leader politici nazionali tra il 2005 Televisione
e il 2009, è evidente che oggi il dialogo è
molto più civile e il linguaggio usato è più
ironico. Quando la rissa è la norma
La coalizione giallo-nera di liberali e
cristianodemocratici, che si è formata do-
po il voto del 27 settembre, consente al
Philippe Ridet, Le Monde, Francia
paese più industrializzato d’Europa di es-
sere guidato da una donna e da un omoses- La storia di un insulto in un Le passioni, i rancori, gli insulti non
suale dichiarato. In Italia una situazione reality show come metafora sottostanno alla legge degli ascolti e
simile sarebbe impossibile: l’era Berlusco- dell’immaginazione dei produttori.
ni da un lato ha raforzato l’inluenza poli-
dell’aggressività nella Dal 2001 il reality si è imposto con
tica della chiesa e dall’altro è segnata dallo televisione italiana programmi come L’isola dei famosi, Il
scandalo delle frequentazioni del capo del grande fratello, La fattoria. I candidati

F
governo con delle prostitute. ranco Mancini è un uomo deter- non mancano e si danno dello “stron-
minato e ingenuo. Partecipando zo” o della “puttana” con la stessa fre-
Ministri colorati nel 2001 a un reality show italia- quenza con cui si baciano, e senza che
Oggi la scena politica tedesca è molto più no, Survivor, era stato deinito “pedoi- nessuno consulti un avvocato. Questo
varia dal punto di vista etnico rispetto alle lo” da un concorrente, Samuele Sara- modello isterico ha contaminato il pa-
altre democrazie europee. Questo fatto è goni, geloso delle attenzioni che rivol- norama televisivo italiano: è in tv che
ancora più sorprendente se si considera geva a una concorrente più giovane di Silvio Berlusconi ha deinito i giornali-
che la Germania non ha un passato colo- lui. Mancini ha scelto le vie legali per sti “farabutti” e ha accusato l’opposi-
niale antico come la Gran Bretagna e la lavare l’onta del disonore. L’etichetta di zione di essere “antitaliana”. È in tv che
Francia, e ha accolto un’immigrazione pedoilo gli era infatti rimasta addosso Antonio Di Pietro ha previsto che “il
economica solo in tempi più recenti. e a Rieti i suoi amici lo prendevano in premier farà la ine di Saddam Hus-
Eppure nella politica tedesca non ci so- giro. Ma il tribunale di Rieti ha deciso sein”, e che un ministro, Renato Bru-
no solo uomini, donne e omosessuali in di archiviare il caso. Mancini ha fatto netta, ha detto: “La sinistra, che vada a
formazioni variopinte, ma anche un lea- morire ammazzata”. L’invettiva è un
der, il presidente del partito dei verdi Cem I telespettatori italiani modello di discussione: basta guardare
Özdemir, che parla il dialetto svevo e ha un assistono a una lite un dibattito politico per accorgersene.
nome turco. Politici con nomi indiani o tur- Che siano a favore o contrari al gover-
chi si trovano anche nell’ex Germania Est
violenta ogni otto minuti. no, seguono tutti lo stesso schema: la
e tra le ila di una formazione conservatrice Questo ne inluenza il rissa. Gli ospiti in studio (giornalisti o
come la Cdu. comportamento politici) sono solo dei portavoce di una
Degno di nota è anche il fatto che un causa o di uno schieramento.
partito regionale come la Csu, guidata del appello, ma nel giugno 2008 la corte Talvolta un politico si sente ofeso e
presidente Horst Seehofer, non sia stato d’appello di Roma ha seguito le racco- si rivolge alla giustizia, come il nostro
premiato: in Germania un partito regiona- mandazioni dei giudici di Rieti. Manci- amico Franco. Berlusconi, in qualità di
listico in stile Lega nord non riscuote con- ni si è arrabbiato. La possibilità di far presidente del consiglio, è un buon
sensi. pagare gli insulti a quello scellerato di esempio: ha querelato per difamazio-
E nemmeno il successo elettorale del Saragoni si allontanava sempre di più. ne due quotidiani, la Repubblica e
partito liberale Fdp dipende dal consenso Restava solo la corte di cassazione. l’Unità. Ma non è il solo. Secondo Libe-
di un’opinione pubblica guidata da interes- Franco ha iducia nella giustizia del suo ro, dal 1994 al 2009, 74 querele sono
si esclusivamente economici. paese e ha fatto anche quest’ultimo state presentate da ministri, 49 da sot-
È troppo presto per giudicare e fare pre- tentativo. Il 23 settembre la cassazione tosegretari e 38 da presidenti di partito.
visioni di lungo periodo. Ma la situazione non ha avuto pietà per il povero Franco. Secondo uno studio dell’associazio-
tedesca indica una certa vitalità della so- Nella sentenza i giudici hanno spiegato ne Comunicazione perbene, i telespet-
cietà e della democrazia. a Mancini che la sua denuncia era irri- tatori italiani possono essere testimoni
Forse un altro elemento di diferenza cevibile a causa del contesto in cui era di una lite violenta ogni otto minuti. In
tra la Germania e l’Italia può aiutarci a in- stato insultato, cioè un reality, che ha cima a questa classiica ci sono i reality,
dividuare alcune tendenze: la Germania “la caratteristica di sollecitare il contra- seguiti dai dibattiti politici e dai pro-
dispone di uno stato sociale che funziona, sto verbale tra i partecipanti”. E l’im- grammi sportivi. Il presidente dell’as-
mentre in Italia lo stato è divorato e sac- magine di Franco? Per la corte si tratta sociazione, Saro Trovato, dice: “La tv
cheggiato da interessi particolari. di “una conseguenza della notorietà inluenza i comportamenti degli italia-
Un welfare eicace rende i cittadini li- volontariamente acquisita con la parte- ni e fa aumentare l’aggressività, soprat-
beri di orientarsi verso una politica demo- cipazione a quella trasmissione, non- tutto quando i protagonisti sono dei
cratica, senza doversi preoccupare solo ché della naturale tendenza del pubbli- personaggi noti presi come modelli dai
della propria sopravvivenza. Per questo sia co all’imitazione di quanto apparso in telespettatori”. È lecito temere il peg-
in Germania che in Italia è in gioco molto tv”. Insomma, nei reality è tutto falso. gio. u adr
di più del futuro dei partiti. u mal

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 27


Italieni

I veleni, i pesci
e la raccolta diferenziata
Geneviève Makaping
L’inquinamento delle acque scoperto che il mare era amaro, schiumoso, della procura, determinato ad andare ino
calabresi ha distrutto il strano. L’opposizione voleva la testa del in fondo e vederci chiaro. Altri magistrati e
presidente su un vassoio d’argento. Sono l’onorevole Angela Napoli della commis-
progetto del “mare da bere”. arrivati anche quelli di Striscia la notizia. sione nazionale antimafia chiedono alle
Molti abitanti sono rassegnati, Sono andati a ofrire un bel bicchiere d’ac- istituzioni di proteggere Giordano. All’in-
ma alcuni paesi resistono qua del mare che bagna le coste di Aman- terno di quelle navi maledette sembra che
tea, Cetraro e Paola al presidente Oliverio. ci siano delle sagome che somigliano a de-

“P
er quanto riguarda la fascia Lui schifato si è riiutato di bere. Poi il colore gli essere umani. Morti bianche o lupare
ionica e tirrenica cosenti- blu cupo e gli odori nauseabondi sono stati bianche?
na, vi prometto un mare da dimenticati rapidamente. Nell’agosto del
bere”. Così parlò Gerardo 2009 un altro fulmine si è abbattuto sulla Senso dell’umorismo
Mario Oliverio, presidente della provincia testa dei calabresi. Si sapeva della presenza E i calabresi? Nella redazione televisiva di
di Cosenza, all’inizio della sua prima legi- di una nave dei veleni nel Tirreno. La stam- Metrosat, dove lavoro, arrivano in conti-
slatura cinque anni fa. “Il mare da bere” è pa locale aveva provato a parlarne: era stata nuazione telefonate di cosentini che voglio-
diventato lo slogan di un progetto politico derisa e gli amministratori locali avevano no sapere “se è tutto vero”. Dicono che sono
importante. I cittadini si sono spellati le minacciato querele. Poi sulla costa tirrenica incazzati e disperati. Che non hanno più la
mani a forza di applausi. Pescatori, alberga- sono arrivate la stampa nazionale e quella forza e non sanno con chi prendersela. Al-
tori, tour operator, turisti, bambini e vecchi internazionale e hanno parlato di queste cuni chiedono che il governo venga da Ro-
hanno osannato l’iniziativa. Intanto le fo- navi che sputano veleno nelle acque dello ma a riprendersi queste schifezze visto che
gnature dei paesi a monte riversavano il lo- Ionio e del Mediterraneo. Inquinano senza se fosse successo nel nord Italia si sarebbe
ro carico dal colore inequivocabile sulla pudore. Secondo alcuni scienziati ci vorran- già trovata una soluzione. Nessuno però
spiaggia e nel mare. I depuratori non hanno no secoli per smaltire tutta le sostanze leta- parla di maia né di ’ndrangheta. Chi ha an-
mai funzionato nonostante lo stanziamen- li. Nel frattempo il pesce mangia il veleno e cora un po’ di senso dell’umorismo si chie-
to di decine di milioni di euro. Poi è comin- l’uomo mangia il pesce avvelenato. A Paola de: “Ma è vero che siamo tutti ammorbati?”.
ciata un’inchiesta della magistratura. Si è c’è un magistrato, Bruno Giordano, il capo E molti ripetono una frase che sento dire da
trent’anni, ogni volta che ci si trova in una
Volti nuovi condizione di totale impotenza: “Povera
Calabria!”. Intanto ai piedi del monte Polli-
no c’è una piccola cittadina profumata: Sa-
racena, la capitale del vino moscato. È il
primo comune della Calabria per la raccolta
diferenziata dei riiuti: 64 per cento. Entro
la ine dell’anno raggiungerà il 70 per cento.
Il sindaco Mario Albino Gagliardi ha dichia-
rato che entro dicembre del 2010 si passerà
dalla tassa per lo smaltimento dei riiuti so-
lidi urbani alla tarifa di igiene ambientale,
un sistema di calcolo delle imposte basato
non sulle dimensioni della supericie abita-
tiva, ma sulla valutazione di una serie di
dati che comprendono anche la qualità del-
la raccolta diferenziata fatta da ogni abi-
DAVIDE LANZILAO

tante. Insomma in una Calabria che


quest’estate ha sepolto sei persone per ma-
lasanità, dove si parla di circa cinquantacin-
que navi affondate con carichi letali, c’è
Cindy Hock è olandese, ha 34 anni, fa l’avvocata e vive in Italia dal 2003. Abita a Monte- ancora un paesino che si ostina a pensare
porzio Catone con Luigi, il suo compagno. È atea e non sopporta l’onnipresenza del Vatica- che è meglio essere puliti. u
no nella politica. Adora la parmigiana preparata dalla nonna di Luigi. Dell’Italia le piacciono
il clima e la spontaneità della gente. Odia la burocrazia ineiciente e la mancanza dello sta- Geneviève Makaping è una giornalista e
to sociale. Il momento più brutto che ha vissuto in Italia è stato la prima volta che è andata in antropologa camerunese. Vive in Italia dal
prefettura a Roma e ha scoperto che le persone facevano la ila dalle quattro del mattino. 1988 (makaping@gmail.com).

28 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


L’opinione
La caccia
al negro
Tahar Lamri
© 2009 YOSHIKO NODA E EDIZIONI CORRAINI

“C
on la scusa della sicurezza, la
nostra città sta respirando in
questi mesi un clima di vio-
lenta repressione: blitz contro immigrati,
sgomberi di centri sociali e di ediici oc-
cupati da famiglie senza casa. Operazioni
eclatanti, che colpiscono i più deboli con
l’obiettivo di aprire nuovi spazi agli inte-
ressi economici che governano la città’’:
questa è la sintesi di un comunicato del
Inchiesta sull’islam Comitato di quartiere Pigneto-Prenesti-
no difuso il 6 ottobre dopo il “rastrella-
mento’’ di alcuni abitanti senegalesi della
Alla faccia del jihad zona compiuto dalla guardia di inanza la
sera del giorno prima. Una vera e propria
“caccia al negro” – così la chiama il comi-
tato – che si è conclusa con decine di arre-
Amara Lakhous
sti. La mattina del 5 ottobre qualche se-

H
o fatto il liceo ad Algeri nella se- in Italia che credono che la violenza sia negalese aveva reagito a un normale
conda metà degli anni ottanta. controproducente. E ci sono sempre più “controllo economico del territorio con-
Il mio professore di storia, un ex spesso lotte paciiche che si ispirano alla tro il fenomeno della contrafazione che
partigiano della guerra di liberazione al- dottrina della non violenza. rientra nei servizi previsti dal Patto per
gerina, non perdeva occasione per criti- Un esempio signiicativo è quello che Roma sicura”, spiega la guardia di inan-
care Gandhi. Diceva: “L’Algeria non è successo durante il Ramadan del 2008. za. Fin qui la cronaca.
avrebbe potuto cacciare la Francia con la Gli amministratori locali della Lega nord Quello che la cronaca non dice è che
non violenza. Il nostro paese è stato libe- avevano vietato ai musulmani di Treviso, molti al Pigneto, un quartiere che, a mo-
rato grazie al sangue versato dai suoi i- in gran parte marocchini, di usare degli do suo, proietta Roma nella modernità
gli”. Nel 1991 dopo l’annullamento del spazi al coperto per pregare. Invece di re- europea, riiutano l’aggressività delle for-
primo turno delle elezioni legislative vin- agire a questa decisione ingiusta e discri- ze dell’ordine. I giornalisti, dopo essere
te dal Fronte islamico di salvezza di Abas- minatoria in modo violento, i leader della scesi in piazza per difendere la libertà di
si Madani, i fondamentalisti algerini arri- comunità musulmana hanno messo in stampa, non parlano di questi fatti, men-
varono a una tragica conclusione: la vio- pratica tre iniziative: sono andati a prega- tre i tg registrano ogni incidente stradale,
lenza è l’unica via per conquistare il pote- re in un parcheggio pubblico all’aperto, ogni cane o gatto smarrito. Così non sap-
re. Mi ricordo di uno slogan scritto a ca- hanno invitato le telecamere di Al Jazeera piamo cosa è successo davvero: forse so-
ratteri cubitali in un quartiere popolare di per un reportage (che poi è stato visto da no volate manganellate, forse un inan-
Algeri: “Avete messo a tacere le urne, ma milioni di persone) e hanno fatto uno ziere è stato colpito, forse i residenti del
hanno parlato i fucili!”. Il risultato è stato sciopero della fame. Abdellah Ajouguim, quartiere non si accontentano di un co-
drammatico: in pochi anni il terrorismo uno dei promotori di questa protesta pa- municato stampa, ma vogliono racconta-
ha fatto oltre centocinquantamila vitti- ciica, ha detto ai giornalisti: “Allunghe- re quello che hanno visto. L’ofensiva
me, per lo più civili. Per fortuna in Egitto remo il digiuno. Il Ramadan non durerà contro i poveri è cominciata molto tempo
e in Marocco i terroristi non sono riusciti solo un mese, sarà uno sciopero della fa- fa al Pigneto. Il prossimo atto sarà cercare
a imitare il copione algerino e non hanno me e della sete davanti alle istituzioni”. di mettere i penultimi contro gli ultimi.
portato a termine il loro progetto di di- Abdellah ha spiegato che la loro contesta- “Noi cittadini del quartiere siamo preoc-
struzione. Sono molti i musulmani arabi zione non violenta era ispirata a Gandhi e cupati di questa grave spirale di violenza
alle proteste politiche e civili di Marco dello stato. Vogliamo che il Pigneto sia un
“Allungheremo il digiuno. Pannella. Mi ha sorpreso questo riferi- quartiere dell’accoglienza, non della re-
mento al leader dei radicali. Alla faccia pressione e della speculazione’’. Noi ita-
Il Ramadan non durerà solo del jihad! u lieni, bianchi e neri, siamo tutti del Pi-
un mese, sarà uno sciopero gneto. u
della fame e della sete Amara Lakhous è uno scrittore nato ad
davanti alle istituzioni” Algeri nel 1970. Vive a Roma dal 1995 (ama- Tahar Lamri è uno scrittore algerino. Vive
ralakhous@yahoo.it). a Ravenna (tlamri@tin.it).

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 29


Le opinioni

Perché sono andato


a vivere in campagna
Leo Hickman

V
erso la ine del 2008 le Nazioni Unite tà di coltivare buona parte di quello che mangi. Sei in
hanno annunciato una svolta nella contatto con la natura. Sei più consapevole del cambia-
storia dell’umanità. Per la prima volta re delle stagioni. Provi un grande senso di libertà. Ma
le persone che vivevano nelle aree ur- poi ti vengono in mente altri pensieri. Prima di tutto,
bane erano di più di quelle che abita- quando vivi isolato in campagna ti accorgi dello spreco
vano nelle zone rurali. Metà dei 6,7 di energia. O diventi autosuiciente dal punto di vista
miliardi di abitanti del mondo ora si sveglia al suono energetico (ma è molto diicile) o devi fare qualche
dei clacson invece che al canto del gallo. Stiamo per compromesso. Per me il più grosso è stato comprare
completare il nostro lungo viaggio dalla condizione di una macchina per la prima volta in vita mia: per quin-
cacciatori e agricoltori a quella di cittadini moderni. dici anni ho abitato a Londra senza averne una.
Da molti punti di vista è sensato vivere e lavorare Certo, le mie giornate erano diventate un po’ più
tutti insieme in una città, grande o piccola che sia. Nei complicate a causa della nascita dei igli ma, per le rare
secoli scorsi abbiamo creato iorenti comunità – Roma, volte in cui la macchina era indispensabile, ci eravamo
Londra, Parigi, New York – vicino ai luoghi più conve- iscritti a un club di car sharing. Ora sono diventato il
nienti per i commerci e i trasporti, come i iumi e gli riluttante proprietario di un’automobile. Ho cercato di
estuari, e ben presto tutte sono diventate comprarne una che inquinasse il meno
metropoli. In quest’ultimo secolo, a de- Oggi il rapporto tra possibile, ma è comunque una macchi-
terminare la crescita delle città sono sta- città e campagna è na.
te strade e autostrade, perché l’automo- simbiotico. Nessuna Viviamo in una casa vittoriana unifa-
bile è diventata essenziale nella vita delle due può vivere miliare, mentre a Londra vivevamo in
moderna. Anche gli aeroporti e le ferro- senza l’altra ma, una casa vittoriana multifamiliare. In
vie sono stati fondamentali per lo svilup- almeno per il termini di calore, tra dormire da soli e
po dei centri urbani. momento, i cittadini dividere il letto con qualcun altro c’è
Queste infrastrutture hanno permes- possono vantarsi molta diferenza. Ho fatto del mio me-
so alle città di ricevere tutto ciò di cui i glio per isolare porte e inestre, ho instal-
di avere un minor
loro abitanti avevano bisogno: cibo, lato pannelli solari sul tetto per riscalda-
energia, materiali. Ma questa crescita
impatto ambientale re l’acqua ma, nel complesso, usiamo più
può andare avanti all’ininito? O si arriva energia di prima. Non si può sfuggire al
a un momento in cui il modello di sviluppo della città fatto che le città ofrono economie di scala migliori del-
moderna diventa insostenibile dal punto di vista am- le campagne: più ci si allontana da una città, più ener-
bientale? Prendiamo per esempio Città del Messico. gia si consuma. All’inizio di quest’anno l’International
Oggi la sua acqua potabile proviene da sorgenti che si institute for environment and development di Londra
trovano a 150 chilometri di distanza e a 200 metri di ha calcolato l’impronta di carbonio media dei cittadini
profondità. Quando queste risorse saranno esaurite, di undici grandi città in quattro continenti – tra cui Lon-
cosa farà? Sono domande che invitano a fare qualche dra, Tokyo, New York e Rio de Janeiro – e ha scoperto
rilessione di tipo personale: se ci teniamo davvero al che nel 2004 le emissioni di gas serra di un londinese
nostro ambiente, dovremmo vivere in città o in campa- medio equivalevano a 6,2 tonnellate di CO2, rispetto
gna? Dove lasciamo un’impronta di carbonio minore? alle 11,19 della media nazionale. Il nordest agricolo
Mi sono posto questa domanda molte volte: ino a due dell’Inghilterra (lo Yorkshire e l’Humber) hanno l’im-
anni fa abitavo nel cuore di Londra, mentre ora vivo in pronta pro capite più alta dell’intera Gran Bretagna.
campagna in Cornovaglia, non troppo lontano da dove Negli Stati Uniti, il newyorchese medio lascia un’im-
sono cresciuto. Mia moglie e io ci siamo trasferiti per lo pronta di 7,1 tonnellate, meno di un terzo della media
stesso motivo per cui molte persone lo fanno: voleva- del paese, che è di 23,92.
mo che i nostri igli crescessero in un ambiente più sa- Ma il dibattito su campagna e città non inisce qui.
internazionale.it/irme

no. Da ragazzo ho lasciato la Cornovaglia per andare Cosa succederebbe se tutti gli abitanti delle campagne
all’università e perdermi tra le luci sfavillanti di Lon- continuassero a emigrare in città? Chi produrrebbe il
LEO HICKMAN
dra, adesso ho fatto il tragitto contrario e sono tornato cibo per tutti quelli che ci vivono? A che punto si rom-
è un giornalista
in campagna per crescere i miei igli. perebbe questo delicato equilibrio? Oggi il rapporto tra britannico. Scrive per
Ma pochi giorni dopo essere arrivato qui con la mia città e campagna è simbiotico. Nessuna delle due può il Guardian. Il suo
famiglia ho cominciato a mettere a fuoco alcune dife- vivere senza l’altra ma, almeno per il momento, i citta- ultimo libro è Ultima
renze tra città e campagna. I vantaggi di quest’ultima dini possono vantarsi di avere un minor impatto am- chiamata (Ponte alle
mi sono apparsi subito evidenti. Hai lo spazio e la liber- bientale. u bt grazie 2008).

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 31


Le opinioni

Sessanta compleanni
per i profughi palestinesi
Rami Khouri
lla ine di settembre è stato comme- no passati per centinaia di scuole dell’Unrwa e molti

A morato il sessantesimo anniversario hanno contribuito allo sviluppo del mondo arabo mo-
dell’Agenzia delle Nazioni Unite per derno.
il soccorso e l’occupazione dei profu- La questione palestinese è stata probabilmente
ghi palestinesi (Unrwa) presso la se- l’elemento più destabilizzante nel mondo arabo, ma
de dell’Onu a New York. La cerimo- l’Unrwa è stata la forza di moderazione più inluente e
nia ha avuto luogo poco dopo l’incontro tra il presiden- di buon senso per molti palestinesi che, se privati dei
te statunitense Barack Obama, il premier israeliano diritti fondamentali e della dignità rappresentati
Benjamin Netanyahu e il presidente palestinese Abu dall’agenzia dell’Onu, avrebbero scelto la violenza. Se
Mazen. Se i leader di ogni fronte hanno largamente l’Unrwa non esistesse o se non fornisse ai giovani il li-
tradito le speranze dei cittadini palestinesi e israeliani vello e la qualità dei servizi che li tengono in buona
di vivere in una società sicura e stabile, le migliaia di salute nelle scuole o sul lavoro, i palestinesi emargina-
dipendenti dell’Unrwa si sono sempre impegnati per- ti e scoraggiati che avrebbero preso la strada della vio-
ché a milioni di rifugiati, abbandonati dalla politica e lenza sarebbero stati probabilmente molto più nume-
in pericolo, fossero assicurati i servizi fondamentali e rosi.
il rispetto degli standard che spettano a ogni essere Forse la funzione più importante che l’Unrwa ha
umano. svolto negli ultimi anni è stata quella di denunciare
Gli sforzi fatti dall’Unrwa per fornire istruzione, con grande forza e determinazione – per bocca dei suoi
assistenza sanitaria, servizi sociali e soccorso a molti massimi dirigenti – le condizioni disperate dei rifugia-
dei 4,6 milioni di rifugiati palestinesi ti palestinesi e la necessità di prestargli
rappresentano le Nazioni Unite al loro Questo lungo assistenza, come durante il recente at-
meglio: un’istituzione che aiuta le per- periodo ha tacco israeliano a Gaza. L’Unrwa ha al-
sone a livello materiale, richiamando dimostrato cosa largato il suo ruolo, passando da sempli-
allo stesso tempo l’attenzione sulla ne- si può fare quando ce erogatore di servizi di base a voce
cessità di assicurare a tutti i diritti politi- uomini e donne della coscienza che ricorda al mondo
ci, nazionali e umani, anche in mezzo a di buona volontà due problemi legati tra loro: da un lato il
conlitti terribili. si impegnano fatto che i rifugiati palestinesi sono spes-
Alcuni rifugiati vivono in condizioni davvero e quando so indifesi e vulnerabili, dall’altro che la
terriicanti, soprattutto in Libano e a Ga- comunità internazionale ha il dovere
gli stati decidono di
za, dove la disoccupazione e il tasso di morale e giuridico di tutelarli, e di cerca-
abbandono scolastico sono altissimi.
soccorrere i deboli re allo stesso tempo una soluzione poli-
Eppure il mandato dell’Unrwa mostra tica per mettere ine all’esilio e alla con-
che il mondo considera i rifugiati come persone i cui dizione di rifugiati dei palestinesi.
diritti fondamentali non sono semplici slogan ma re- Il commissario generale dell’Unrwa Karen Koning
altà, e come tali vanno esercitati. L’Unrwa è stata isti- AbuZayd lo ha detto chiaramente nel suo intervento
tuita nel 1949, poco dopo che le nazioni di tutto il mon- alla commemorazione: “Il protrarsi dell’esilio dei rifu-
do avevano irmato la Dichiarazione universale dei giati palestinesi e le dure condizioni che devono af-
diritti dell’uomo, che sanciva l’unicità dei singoli indi- frontare, soprattutto nei Territori occupati, non posso-
vidui sotto ogni aspetto con l’eccezione del loro pari no conciliarsi con gli obblighi stabiliti dalla Carta delle
diritto a superare lo stato di natura ed essere messi in Nazioni Unite… L’Unrwa è pronta ad assumere un ruo-
condizione di accedere agli stessi diritti garantiti dalla lo costruttivo e di mediazione per far sì che la voce dei
legge. rifugiati palestinesi sia ascoltata, e che i loro interessi
Oggi, tuttavia, è importante riconoscere il ruolo e le loro scelte si rilettano in ogni futuro accordo”.
dell’Unrwa anche come simbolo del desiderio e della Prestare attenzione alla voce, agli interessi e alle RAMI KHOURI
internazionale.it/irme

capacità dei cittadini palestinesi di dar vita a una so- scelte dei rifugiati è l’essenza del messaggio di questo è columnist del
quotidiano libanese
cietà fondata sull’integrità, la civiltà e le opportunità anniversario. Per i rifugiati e per le condizioni che han-
Daily Star. È direttore
quando se ne dà loro l’occasione. Il personale del- no dovuto sostenere, sessant’anni sono molti. Ma gra-
dell’Issam Fares
l’Unrwa, infatti, è formato in gran parte da palestinesi zie all’opera dell’Unrwa, questo lungo periodo ha an- Institute of Public
e rappresenta una sorta di esperimento di come si svi- che dimostrato cosa si può fare quando uomini e don- Policy and
lupperebbe una società palestinese se non fosse sotto- ne di buona volontà s’impegnano davvero e quando gli International Afairs
posta ad attacchi e pressioni dall’esterno. stati prendono sul serio il dovere di soccorrere i più all’American
Negli ultimi sessant’anni milioni di palestinesi so- deboli. u fsa University di Beirut.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 33


In copertina

Un mondo
VU/GRAzIA NeRI
Noam Chomsky, The Boston Review,
Stati Uniti. Foto di Martin Kollar
La crisi inanziaria colpisce l’occidente,
la fame si abbatte sul sud del pianeta. Ma
il problema più grave riguarda la democrazia,
ridotta a uno show per cittadini spettatori.
È ora di cambiare, scrive Noam Chomsky

L’
11 giugno la New York Re- ma alimentare delle Nazioni Unite sta ta-
view of Books ha pubbli- gliando le razioni e interrompendo alcuni
cato i pareri di alcuni interventi perché i paesi donatori, colpiti
esperti sul tema “Come dalla crisi economica, hanno ridotto i inan-
afrontare la crisi”. È una ziamenti”. I tagli sono stati fatti nel mo-
lettura molto interessante, mento peggiore: nel mondo le persone che
ma bisogna fare attenzione a quell’articolo sofrono la fame sono più di un miliardo
determinativo. Per l’occidente “la crisi” è (cento milioni si sono aggiunte negli ultimi
la crisi inanziaria che ha colpito i paesi ric- sei mesi), i prezzi aumentano e le rimesse
chi. È una crisi molto importante, ma anche degli emigranti diminuiscono a causa della
per i ricchi e i privilegiati non è certo l’uni- crisi in occidente.
ca, e neanche la più grave. Altri vedono il Come aveva sospettato The New Na-
mondo diversamente. Per esempio, il 26 tion, le pessime previsioni difuse dall’Onu
ottobre 2008 il quotidiano bengalese The non hanno neanche raggiunto la dignità di
New Nation ha scritto: “È molto signiicati- notizie. Sul New York Times i tagli al pro-
vo che siano stati spesi migliaia di miliardi gramma alimentare hanno avuto un trai-
di dollari per rimettere in sesto i principali letto a pagina 10. Le Nazioni Unite hanno
istituti inanziari del mondo, mentre i 12,3 anche denunciato che un miliardo di perso-
miliardi di dollari previsti dall’Onu all’ini- ne rischia di morire per le conseguenze del-
zio del 2009 per combattere la crisi alimen- la desertiicazione. Secondo il giornale ni-
tare ancora non si vedono. L’obiettivo di geriano Thisday, l’obiettivo era sensibiliz-
sradicare la povertà estrema entro la ine zare l’opinione pubblica e incoraggiare il
del 2015 è sempre meno realistico, non per rispetto delle convenzioni internazionali
carenza di risorse ma perché non c’è un ve- sull’ambiente. Ma questo aspetto è stato
ro interesse per i poveri del mondo”. L’arti- completamente trascurato dalla stampa
colo prosegue anticipando che la giornata statunitense.
mondiale dell’alimentazione, il 16 ottobre Succede di continuo. Basta ricordare
2009, “porterà pessime notizie sulla situa- che quando sbarcarono nella regione oggi
zione dei poveri del mondo e nient’altro: occupata dal Bangladesh, gli invasori bri-
semplici notizie che non provocheranno tannici rimasero allibiti dalla ricchezza e
nessuna reazione”. dallo splendore di un paese che oggi è il
I leader occidentali sembrano decisi a simbolo della miseria. Come testimonia il
confermare questa previsione. L’11 giugno destino del Bangladesh, la crisi alimentare
il Financial Times scriveva che “il program- non è solo il risultato della “mancanza di Virginia, Stati Uniti

34 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


do ingiusto

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 35


In copertina
Syracuse, New York, Stati Uniti
VU/GRAzIA NERI

vero interesse” da parte dei potenti della cia. Senza stare a ripetere tutta la storia, Jean-Bertrand Aristide. Washington adottò
terra. Adam Smith aveva osservato che diciamo che l’attuale crisi alimentare di la procedura che usa sempre in questi casi:
all’epoca i “principali arteici” della politica Haiti si può far risalire direttamente al 1915. cominciò a boicottare il regime. Qualche
britannica, cioè gli industriali e i mercanti, L’invasione voluta dal presidente statuni- mese dopo infatti arrivò il colpo di stato mi-
difendevano a tutti i costi i loro interessi. tense Woodrow Wilson fu sanguinosa, bru- litare, e la giunta che prese il potere instau-
Non si preoccupavano delle conseguenze tale e distruttiva. Il parlamento haitiano fu rò un regime del terrore, con l’appoggio di
per i cittadini inglesi e tantomeno per quel- sciolto con le armi perché si riiutava di ap- Bush senior e ancor più di Clinton, anche se
li che erano soggetti “alla selvaggia ingiu- provare la “legge progressista” che avrebbe l’amministrazione statunitense ingeva il
stizia degli europei”, in particolare nell’In- consentito alle aziende statunitensi di im- contrario. Nel 1994 Clinton decise che la
dia conquistata all’impero. Smith si riferiva possessarsi delle terre haitiane. Poi i mari- popolazione era intimidita a suicienza e
al sistema mercantilistico, ma la sua osser- nes di Wilson organizzarono libere elezioni mandò i suoi soldati a reinstaurare il presi-
vazione ha un valore più generale ed è uno in cui la legge fu approvata al 99,9 per cento dente eletto, ma a condizione che accettas-
dei pochi princìpi solidi e duraturi che rego- dal 5 per cento della popolazione che poté se un duro regime neoliberista. In partico-
lano sia i rapporti internazionali sia gli afa- votare. Tutto questo è passato alla storia lare, non doveva esserci nessuna forma di
ri interni dei paesi. È anche vero che non si come “idealismo wilsoniano”. protezionismo economico. I coltivatori di
deve generalizzare troppo. Ci sono casi in Più tardi l’Usaid, l’agenzia degli Stati riso haitiani erano bravissimi, ma non tanto
cui gli interessi dello stato, compresi quelli Uniti per lo sviluppo internazionale, avreb- da competere con le aziende agricole ame-
economici e strategici a lungo termine, be creato programmi per trasformare Haiti ricane, che potevano contare su forti sussi-
hanno la meglio su quelli delle concentra- nella “Taiwan dei Caraibi” in nome del sa- di governativi soprattutto grazie a Reagan,
zioni di potere economico che di solito con- cro principio del vantaggio relativo: Haiti deinito da qualcuno l’alto sacerdote del li-
dizionano la politica, come in Iran e a Cu- doveva importare cibo e altre merci dagli bero scambio nonostante le sue iniziative
ba. Stati Uniti, mentre gli operai, che erano so- di protezionismo estremo e di intervento
La crisi alimentare è scoppiata ad Haiti prattutto donne, dovevano lavorare in con- dello stato nell’economia.
all’inizio del 2008. Come il Bangladesh, dizioni penose alle catene di montaggio Quindi non c’è da sorprendersi di quello
oggi Haiti è un simbolo di miseria e dispe- delle industrie americane. Nel 1990 le pri- che successe dopo. Un rapporto dell’Usaid
razione. E come il Bangladesh, quando ar- me elezioni libere di Haiti misero in perico- del 1995 avvertiva che la politica commer-
rivarono gli esploratori europei l’isola era lo questo programma economico così ra- ciale e d’investimento imposta da Washing-
ricca di risorse e aveva una popolazione lo- zionale. La maggioranza povera del paese ton avrebbe ridotto alla fame i coltivatori di
rida e numerosa. In seguito diventò la fonte entrò per la prima volta nell’arena politica riso locali. Il neoliberismo smantellò quel
di buona parte della ricchezza della Fran- ed elesse il suo candidato, il prete populista poco che rimaneva della sovranità econo-

36 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


mica del paese e lo fece precipitare nel caos. La crisi alimentare sistenza pubblica. Come Keynes e White
George W. Bush peggiorò la situazione sapevano bene, il libero movimento dei ca-
bloccando gli aiuti internazionali per puro e la crisi inanziaria pitali e la speculazione non consentono
cinismo. A febbraio del 2004 i due tortura- hanno la stessa questo tipo di scelta. Per citare la letteratu-
tori storici di Haiti, la Francia e gli Stati Uni- ra specialistica, il libero lusso di capitali
ti, appoggiarono un colpo di stato militare origine: lo crea un “senato virtuale” di creditori e inve-
che costrinse il presidente Aristide all’esilio spostamento verso stitori che sottopongono continuamente a
in Africa. Da allora, Haiti non è più riuscita referendum le politiche del governo. Se
a provvedere ai suoi bisogni alimentari ed è il neoliberismo negli scoprono che sono irrazionali, cioè che ser-
rimasta in balìa delle luttuazione dei prez- anni settanta vono ad aiutare i cittadini e non il proitto,
zi delle derrate, che è stata la causa princi- bocciano quelle politiche con la fuga dei
pale della crisi alimentare del 2008. capitali, gli attacchi alla valuta e altri mezzi.
Storie simili si sono ripetute in molte I governi democratici quindi hanno un
parti del mondo. In senso stretto, forse è “doppio elettorato”: il popolo e il senato
vero che la crisi alimentare è il risultato del virtuale, e di solito il secondo prevale sul
disinteresse dell’occidente: sarebbe basta- primo.
to poco per evitare gli efetti più gravi. Ma
soprattutto è il risultato della totale dedi- Il marketing della politica
zione ai princìpi di una politica statale con- Nella sua storia del sistema inanziario Bar-
dizionata dalle grandi imprese, come aveva ry Eichengreen, professore di economia e
indicato Adam Smith. scienze politiche a Berkeley, scrive che
Sono tutti problemi che cerchiamo di suo impatto sul sistema inanziario, che po- all’inizio i costi dovuti alle ineicienze e
non vedere, come il fatto che salvare le ban- trebbe essere molto pesante. Questo difet- agli errori del mercato potevano essere sca-
che non è esattamente la prima preoccupa- to tipico dei mercati è noto. Dieci anni fa, al ricati sui cittadini. Ma quando i governi co-
zione di miliardi di persone che sofrono la culmine dell’entusiasmo per l’efficienza minciarono a essere “politicizzati” dal
fame, anche nel paese più ricco del mondo. dei mercati, due importanti economisti, “sufragio universale maschile e dalla na-
Non ci preoccupiamo neanche di cercare John Eatwell e Lance Taylor, scrissero Glo- scita dei sindacati e dei partiti dei lavorato-
un modo per contenere la crisi, sia inanzia- bal inance at risk, un libro importante in cui ri” e poi dalla radicalizzazione dei cittadini
ria sia alimentare. Lo suggerisce l’autore- spiegavano le conseguenze delle ineicien- durante la grande depressione e la guerra ai
vole rapporto del Sipri, l’istituto di ricerche ze dei mercati e suggerivano il modo per regimi fascisti, far pagare i cittadini diventò
sulla pace di Stoccolma, secondo cui le spe- eliminarle. Le loro proposte erano in netto più diicile. Di conseguenza, con il sistema
se militari sono altissime e in continuo au- contrasto con la febbre di deregulation che di Bretton Woods “i limiti imposti alla mo-
mento. Gli Stati Uniti spendono quasi allora consumava l’amministrazione Clin- bilità dei capitali presero il posto di quelli
quanto il resto del mondo messo insieme, ton: quel governo era guidato dalle stesse imposti alla democrazia come mezzo di
sette volte di più della Cina che è al secondo persone chiamate da Obama per mettere isolamento dalle pressioni del mercato”.
posto. È un dato che si commenta da solo. qualche cerotto ai disastri che loro stessi Ma, con l’avvento del neoliberismo, lo
hanno contribuito a provocare. smantellamento dei limiti imposti da Bret-
Democrazia e capitale In buona misura la crisi alimentare che ton Woods ha restituito al capitale un’arma
La distribuzione delle nostre preoccupa- aligge il sud del mondo e la crisi inanzia- potentissima contro la democrazia.
zioni dimostra che c’è anche un’altra crisi, ria che aligge il nord hanno la stessa origi- L’attacco del neoliberismo alla demo-
una crisi culturale: la tendenza a concen- ne: lo spostamento verso il neoliberismo crazia, che spesso viene chiamato “promo-
trarsi sui vantaggi personali a breve termi- avvenuto negli anni settanta, che ha messo zione della democrazia”, ha aperto la strada
ne è tipica delle nostre istituzioni economi- ine al sistema di Bretton Woods stabilito ad altri mezzi di controllo e di emarginazio-
che e del sistema ideologico che le sostiene. da Stati Uniti e Gran Bretagna dopo la se- ne dei cittadini. Negli Stati Uniti, per esem-
Ne sono un esempio gli incentivi creati dai conda guerra mondiale. Gli ideatori di Bret- pio, è la grande macchina delle pubbliche
manager per arricchirsi senza preoccupar- ton Woods, John Maynard Keynes e Harry relazioni che gestisce gli eventi elettorali.
si delle conseguenze per gli altri, come il Dexter White, pensavano che quei princìpi Al punto che Barack Obama ha vinto il pre-
fatto che la gente comune paga involonta- di base, tra cui il controllo dei capitali e la mio di “venditore dell’anno”. Gli industria-
riamente per salvare le aziende “troppo regolamentazione delle valute, avrebbero li hanno esultato sulla stampa di settore,
grandi per fallire”. portato a una crescita economica rapida e dicendo che Obama era il più grande suc-
Poi ci sono problemi più profondi, legati relativamente equilibrata. Questo avrebbe cesso ottenuto finora dai “pionieri che
alle ineicienze del mercato. Una di queste, permesso ai governi di realizzare i pro- trent’anni fa hanno cominciato a confezio-
ormai riconosciuta come una delle cause grammi sociali democratici che riscuoteva- nare i candidati come beni di consumo”,
della crisi, è la sottovalutazione dei rischi di no un forte consenso da parte dei cittadini. all’epoca della campagna presidenziale di
sistema: se io e voi facciamo una transazio- Keynes e White avevano ragione più o me- Reagan. Il Financial Times ha parafrasato
ne commerciale, teniamo conto dei costi no su tutta la linea. un responsabile del marketing dicendo che
che comporta per noi, non per altre perso- Molti economisti chiamano i decenni il trionfo di Obama dovrebbe “inluire sui
ne. Nell’industria inanziaria questo signi- che seguirono, ino agli anni settanta, “l’età consigli di amministrazione più di quello di
fica che, quando emette un prestito, la d’oro del capitalismo”: non solo ci fu una qualsiasi altro presidente dai tempi di Rea-
Goldman Sachs calcolerà quanto potrebbe crescita enorme e relativamente bilanciata, gan, che rideinì il concetto di amministra-
costarle se non venisse restituito, ma non il ma furono introdotti dei programmi di as- tore delegato”. Reagan aveva fatto scuola,

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 37


In copertina
dicendo che negli anni ottanta e novanta
bisognava arrivare “al dominio assoluto
Tra opinione pubblica In una società in cui i cittadini non pos-
sono essere controllati con la forza, lo svi-
dell’amministratore delegato”. e scelte politiche luppo economico guidato dallo stato richie-
La sinergia tra gestione delle imprese e
controllo della politica, compreso il marke-
c’è un divario enorme de una buona dose di menzogne. Non si
può dire alla gente che l’economia avanzata
ting dei candidati come se fossero merci, su molte quesioni conta soprattutto sui rischi che corrono i
ofre grandi prospettive per la futura gestio-
ne della democrazia. Per gli operai, i picco-
importanti. cittadini, mentre gli eventuali proitti sa-
ranno dei privati. Dopo la seconda guerra
li agricoltori e i poveri, in patria e all’estero, L’opinione pubblica mondiale gli americani si sono sentiti dire
le conseguenze sono catastroiche. Uno dei
motivi della diferenza di sviluppo tra Ame-
spesso è più sensata che le tasse servivano per difenderli dai
mostri che presto li avrebbero soprafatti:
rica Latina e Asia orientale nell’ultimo negli anni ottanta Reagan si mise gli stivali
mezzo secolo è che l’America Latina non ha da cowboy e dichiarò un’emergenza nazio-
controllato la fuga di capitali, che spesso si nale perché delle orde di nicaraguensi sta-
avvicinava al suo debito ed è stata usata vano per raggiungere Harlingen, in Texas.
regolarmente come arma per fermare la Vent’anni prima Lyndon Johnson ci aveva
democrazia e le riforme sociali. Durante il spaventati dicendo che noi eravamo solo
periodo della crescita economica della Co- 150 milioni e loro tre miliardi, e che se non
rea del Sud, invece, la fuga dei capitali non li avessimo fermati in Vietnam ci avrebbero
è stata solo vietata, ma punita con la pena spazzati via prendendoci tutto.
di morte.
Dove le regole del neoliberismo sono tuzione di centri per la ricerca e lo sviluppo, La ine della democrazia
state rispettate in dagli anni settanta, i ri- i sussidi, le commesse e i salvataggi delle Se mezzo secolo fa gli americani avessero
sultati economici sono generalmente peg- imprese. Nella loro versione statunitense, potuto scegliere di versare i soldi delle loro
giorati e i programmi sociali sono stati ri- visto che la punta avanzata dell’economia tasse al Pentagono per permettere ai loro
dotti. Negli Stati Uniti, che hanno in parte era l’elettronica, queste politiche sono state nipoti di avere computer, iPod, internet e
accettato queste regole, i salari reali, invece decise soprattutto dal Pentagono. Negli così via, o di usarli per costruire un ordine
di stare al passo con la produttività come ultimi anni, invece, visto che la punta avan- socioeconomico vivibile e sostenibile, for-
succedeva prima, sono fermi da trent’anni, zata era la biologia, c’è stato uno sposta- se avrebbero scelto la seconda cosa. Ma
mentre le ore di lavoro sono aumentate e mento verso le istituzioni sanitarie. non hanno avuto questa possibilità. Succe-
superano di gran lunga quelle degli euro- Il risultato di questa tendenza sono stati de sempre così: tra opinione pubblica e
pei. I sussidi, che sono sempre stati insui- soprattutto i computer, internet, i satelliti e scelte politiche c’è un divario enorme su
cienti, sono stati ulteriormente ridotti. An- tutta la rivoluzione della tecnologia dell’in- molte questioni importanti, di politica este-
che gli indicatori sociali, che misurano il formazione, ma anche molto altro: per ra e interna. Secondo me, l’opinione pub-
benessere generale di una società, sono ri- esempio i progressi nel settore dell’aviazio- blica spesso è più sensata. Tende anche a
masti al passo con la crescita solo ino a me- ne civile, dei macchinari, dei farmaci e del- essere più coerente nel tempo. Eppure le
tà degli anni settanta. Poi è cominciato un le biotecnologie. Quando sentiamo parlare preoccupazioni e le aspirazioni delle perso-
declino che entro la ine del millennio li ha dei pericoli dell’intervento statale sul siste- ne comuni sono spesso tenute in poca con-
fatti tornare ai livelli degli anni sessanta. ma inanziario dopo che ancora una volta il siderazione o ridicolizzate. È una delle ca-
La crescita economica ha portato van- settore privato lo ha mandato in crisi – e ratteristiche più significative del “deficit
taggi a poche persone, soprattutto nel set- questa volta si tratta di una crisi insolita- democratico”, cioè dell’incapacità delle
tore inanziario. Nel 1970 la inanza costi- mente grave, che danneggia anche i ricchi e istituzioni democratiche di funzionare cor-
tuiva una piccola percentuale del prodotto non solo i poveri, e quindi suscita particola- rettamente. Non è una questione di poco
interno lordo. Ora la quota è più di un terzo, re preoccupazione – dovremmo ricordarci conto. In un libro appena uscito, Quando
mentre la produttività si è abbassata e con del ruolo cruciale svolto dallo stato nello arrivano le cavallette (Guanda 2009), la
lei gli standard di vita della maggior parte sviluppo economico. Nel numero della scrittrice e attivista Arundhati Roy si chie-
dei lavoratori. L’economia ha visto nascere New York Review of Books dedicato alla de se in India e negli Stati Uniti, e non solo
una serie di bolle, crisi inanziarie e salva- crisi, lo storico dell’economia Niall Fergu- lì, l’evoluzione della democrazia formale
taggi pubblici, che hanno raggiunto picchi son scrive: “La storia dell’economia c’inse- “non segnerà la ine della razza umana”. E
senza precedenti. Alcuni grandi economi- gna molto chiaramente che la crescita eco- non è una domanda oziosa.
sti l’avevano previsto. Ma il mito dell’“ei- nomica nasce dall’innovazione tecnologica Per tornare a quella che l’occidente
cienza dei mercati” e della “scelta raziona- e dall’aumento di produttività e queste cose chiama “la crisi”, che è la crisi inanziaria,
le” ha sempre prevalso. vengono dal settore privato, non dallo sta- probabilmente si risolverà in qualche mo-
to”. Quest’affermazione molto probabil- do, lasciando le istituzioni che l’hanno cau-
I mostri mente è stata scritta con un computer e sata più o meno al loro posto. Il dipartimen-
In realtà anche l’espressione “età d’oro del spedita via internet, due cose che nel setto- to del tesoro statunitense ha autorizzato il
capitalismo” potrebbe essere contestata. re pubblico sono esistite per decenni prima rimborso anticipato dei fondi Tarp, stanzia-
Sarebbe più giusto parlare di “capitalismo di essere messe a disposizione del proitto ti dal governo per dare un po’ di sollievo alle
di stato”. Lo stato infatti è, e rimane, uno privato. Quindi la lezione della storia è attività finanziarie in difficoltà. Questo
dei protagonisti dello sviluppo e dell’inno- l’esatto opposto di quanto sostiene Fergu- provvedimento ridurrà la capacità delle
vazione grazie a provvedimenti come l’isti- son. banche di erogare prestiti, ma gli consenti-

38 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Syracuse, New York, Stati Uniti
VU/GRAzIA NERI

rà di versare ancora soldi nelle tasche dei o non voglia, agire contro di loro”. Chi co- considerazione dagli scienziati e dagli eco-
pochi che contano. L’umore di Wall street è nosce Adam Smith non ne sarà sorpreso. nomisti. Secondo McKibben, “il 2009 po-
stato colto da due dipendenti della Bank of Ma c’è una crisi molto più grave, anche trebbe essere l’anno decisivo per la relazio-
New York Mellon che, come ha scritto il per i ricchi e potenti. Ne parla, sullo stesso ne di noi esseri umani con il nostro piane-
New York Times, “hanno previsto che la numero della New York Review of Books, ta”. A dicembre ci sarà una conferenza a
vita delle persone e i salari miglioreranno, lo scrittore ambientalista Bill McKibben, Copenaghen “per irmare un nuovo accor-
anche se l’economia in generale non mi- che da anni mette in guardia dai rischi del do internazionale sul riscaldamento globa-
gliorerà”. riscaldamento globale. Il suo articolo si ba- le”. L’accordo ci dirà “se i nostri sistemi po-
Un responsabile del noto studio legale sa sul rapporto Stern, che è tenuto in grande litici sono in grado di affrontare la sfida
Sullivan & Cromwell ha fatto una previsio- senza precedenti rappresentata dal cam-
ne altrettanto ottimistica: “Dopo aver rac- Da sapere biamento climatico”. Per McKibben, i se-
colto miliardi di dollari dai contribuenti, gnali sono incerti. Servono pressioni molto
Wall street uscirà dalla crisi più o meno ◆ Soglie di povertà della popolazione mondiale, forti per impedire alle classi dirigenti dello
com’era prima”. dollari guadagnati al giorno stato e delle imprese di privilegiare i van-
I motivi di tanto ottimismo sono stati Popolazione Miliardi taggi a breve termine per pochi rispetto alla
% di abitanti
indicati, tra gli altri, da Simon Johnson, ex 100
speranza che i loro nipoti abbiano un futuro
capo economista del Fondo monetario in- decente. Alcune barriere stanno comin-
90
ternazionale: “Durante tutta la crisi il go- 1,31
ciando a crollare, in parte perché il mondo
80
verno statunitense è stato molto attento a 5,15 imprenditoriale ha capito che ci sono nuove
70
non danneggiare gli interessi delle istitu- possibilità di proitto. Perino il Wall Street
zioni inanziarie e a non mettere in discus- 60 Journal recentemente ha parlato dei rischi
sione le caratteristiche generali del sistema 50 3,32 del “disastro climatico”.
3,86
che ci ha portato a questo”. Compresi gli 40 3,14 Come al solito, quelli che ne risentiran-
2,60
interessi delle élite che “hanno svolto un 30 4,74 no di più saranno i poveri. Presto il Bangla-
5,06
ruolo fondamentale nel provocare la crisi, 20 1,72 desh dovrà preoccuparsi di un problema
5,58 1,40
rischiando sempre di più, con il sostegno 10
peggiore della crisi alimentare. Quando il
0,88
implicito del governo, ino all’inevitabile livello del mare salirà ancora, buona parte
0
collasso. Oggi quelle élite usano la loro in- 1$ 1,25 $ 1,45 $ 2$ 2,50 $ 10 $ del paese, comprese le regioni più produtti-
luenza per impedire le riforme”. Nel frat- ve, potrebbe inire sott’acqua. Ed è molto
Fonte: Banca mondiale
tempo, “il governo sembra che non possa, probabile che le crisi attuali saranno aggra-

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 39


In copertina
Keys, Florida, Stati Uniti
VU/GRAzIA NERI

vate dal fatto che i ghiacciai dell’Himalaya che creando un’enorme rete autostradale, nere passivi. Con il sostegno popolare, po-
stanno sparendo, insieme ai grandi sistemi con il pretesto della “difesa”. Le ferrovie trebbero farsi carico delle fabbriche e por-
luviali che mantengono in vita il sudest sono state sostituite dal trasporto stradale e tare avanti da soli il lavoro di ricostruzione.
asiatico. I ghiacciai che si sciolgono tra aereo inanziato dallo stato. Non è una proposta particolarmente radi-
quelle montagne, dove i soldati indiani e Mentre promuovevano la privatizzazio- cale. Un testo classico sulle imprese, The
pachistani sofrono e muoiono, mettono in ne della vita e il massimo spreco di energia, myth of the global corporation, fa notare che
evidenza l’assurdità del conflitto per il i poteri forti impedivano anche le scelte ef- “non è scritto da nessuna parte che gli inte-
Kashmir, “un monumento alla follia uma- icienti che il mercato non ofre, un altro ressi a breve termine degli azionisti delle
na”, come lo deinisce Roy. esempio dell’inefficienza congenita del imprese statunitensi meritino di avere la
Anche se le nuove tecnologie sono es- mercato. Per dirla in parole povere, se vo- priorità su quelli di tutti gli altri portatori di
senziali per risolverli, i problemi vanno ben glio tornare a casa dal lavoro, il mercato mi interessi”.
oltre. Dobbiamo invertire i grandi progetti ofre la scelta tra una Ford e una Toyota, ma L’idea del controllo da parte dei lavora-
di ingegneria sociale che gli stati e le impre- non tra una macchina e una metropolitana. tori, inoltre, è un concetto tipicamente
se hanno creato dopo la seconda guerra Questa è una decisione sociale e in una so- americano. All’inizio della rivoluzione in-
mondiale, perché favoriscono un’economia cietà democratica dovrebbe essere presa dustriale, nel New England la gente dava
basata sui carburanti fossili che spreca dai cittadini. Ma è proprio questo che l’at- per scontato che “quelli che lavorano nelle
energia e distrugge l’ambiente. Questi pro- tacco delle élite alla democrazia cerca di fabbriche dovrebbero possederle”. E consi-
grammi, che comprendevano grandi pro- evitare. derava il lavoro salariato diverso dalla
getti di espulsione verso le periferie accom- schiavitù solo perché era temporaneo.
pagnati dalla distruzione e poi dalla trasfor- La resistenza latente Abraham Lincoln la pensava allo stesso
mazione in zone residenziali dei centri cit- Seymour Melman, economista esperto di modo. Il più grande ilosofo sociale del ven-
tadini, sono cominciati con la congiura economia militare e riconversione indu- tesimo secolo, John Dewey, era fondamen-
della General Motors, della Firestone e del- striale scomparso nel 2004, aveva più volte talmente d’accordo. Proprio come gli ope-
la Standard Oil californiana, che hanno sottolineato che gli Stati Uniti stavano di- rai dell’ottocento, chiedeva l’eliminazione
comprato e distrutto gli eicienti sistemi di struggendo la loro capacità produttiva. “delle imprese inalizzate al proitto privato
trasporto pubblico di Los Angeles e di deci- Melman spiegava anche che c’è un modo attraverso il controllo delle banche, della
ne di altre città. Sono state giudicate colpe- sensato per invertire questo processo. Le terra e delle industrie, raforzato da quello
voli e punite con uno scappellotto, poi è in- imprese e lo stato hanno progetti diversi, della stampa e di altri mezzi di pubblicità e
tervenuto il governo federale e ha trasferito ma gli altri “portatori di interessi”, lavora- propaganda”. L’industria deve cambiare e
infrastrutture e capitali nelle zone periferi- tori e comunità, non hanno motivo di rima- passare “da un ordine feudale a un ordine

40 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


sociale e democratico” basato sul controllo
da parte dei lavoratori, sulla libera associa-
Di tutte le crisi che ci lo che stava succedendo e criticò gli im-
prenditori per aver “deciso di scatenare una
zione, e sull’organizzazione federale. È una aliggono, il deicit guerra unilaterale contro i lavoratori, i di-
linea di pensiero del socialismo delle cor-
porazioni di G.D.H. Cole e di marxisti di
democratico in soccupati, i poveri, le minoranze, i più gio-
vani e i più anziani, e perino una parte della
sinistra come Anton Pannekoek, Rosa Lu- aumento è forse la più classe media”. Frazer li accusò di aver “in-
xemburg, Paul Mattick e altri, oltre che di
molti anarchici. Se non si raggiungono que-
grave. Le conseguenze franto il fragile patto non scritto che esiste-
va durante il periodo della crescita e del
sti obiettivi, secondo Dewey, la politica ri- potrebbero essere progresso”. Fidarsi di un patto con i padroni
marrà “l’ombra gettata sulla società dalle
grandi imprese, e l’attenuazione di
gravissime e i manager è suicidio. L’Uaw se ne sta ac-
corgendo oggi che lo stato e le imprese si
quell’ombra non ne cambierà la sostanza”. apprestano a cancellare i diritti conquistati
Secondo Dewey, senza democrazia indu- a fatica dai lavoratori e a smantellare la ba-
striale qualsiasi forma di democrazia poli- se produttiva dell’economia americana.
tica manca di un vero contenuto e la gente Ora gli investitori si lamentano perché i
non lavora “in modo libero e intelligente”, sindacati hanno potuto aidare ai lavorato-
ma solo per essere pagata, vivendo in una ri il controllo della ristrutturazione dell’in-
condizione “illiberale e immorale”. Per ci- dustria automobilistica. Ma sanno benissi-
tare le parole usate settant’anni fa dall’anar- mo che grazie all’intervento del governo gli
cosindacalista Rudolf Rocker, prima di operai non avranno nessun potere reale.
arenarsi sulle secche del capitalismo questi Perderanno salario e sussidi, rinunciando a
ideali risalivano all’illuminismo e al libera- vita della popolazione. Un bulldozer della tutte le conquiste della classe operaia.
lismo classico. Caterpillar è stato usato anche per uccidere Questa è solo una piccola parte di quello
Sono stati fatti molti tentativi per toglie- la volontaria americana Rachel Corrie che sta succedendo. Dimostra l’importan-
re queste idee dalla testa della gente, per mentre cercava di impedire l’abbattimento za delle strategie a breve e a lungo termine
vincere quella che il mondo imprenditoria- di una casa. E c’era anche un’altra cosa. Ne- per costruire, e in parte ricostruire, le fon-
le chiamava “l’eterna battaglia per conqui- gli anni ottanta, seguendo le orme di Rea- damenta di una società democratica fun-
stare la mente degli uomini”. In supericie, gan che aveva smantellato il sindacato dei zionante. Uno degli obiettivi più immediati
può sembrare che gli interessi delle impre- controllori di volo, i manager della Cater- è fare pressione sul congresso perché rico-
se abbiano avuto la meglio, ma non c’è bi- pillar avevano deciso di rescindere gli ac- nosca davvero il diritto dei lavoratori a or-
sogno di scavare molto a fondo per trovare cordi con il sindacato United auto workers ganizzarsi in sindacati forti e indipendenti.
una resistenza latente che può essere resu- (Uaw) e per la prima volta dopo decenni Un obiettivo a breve termine è appoggiare
scitata. Ci sono stati tentativi importanti in avevano fatto venire dei crumiri per inter- la rinascita di quel movimento dei lavorato-
questo senso. Uno risale a trent’anni fa e rompere uno sciopero. All’epoca, questo ri che al suo apice è stato essenziale per
riguarda la città di Youngstown, nell’Ohio, comportamento antisindacale era illegale l’avanzamento della democrazia e dei dirit-
dove la Us Steel stava per chiudere un im- in tutti gli altri paesi industrializzati tranne ti umani e civili. Un obiettivo più a lungo
pianto nel cuore della città. Prima vennero il Sudafrica. Oggi credo che gli Stati Uniti termine è vincere la battaglia culturale del-
le proteste dei dipendenti e della comunità, siano rimasti in uno splendido isolamen- la “guerra unilaterale” denunciata dal pre-
poi il tentativo di Staughton Lynd di con- to. sidente dell’Uaw. Questo signiica abbatte-
vincere il tribunale che i lavoratori doveva- Non so se Obama abbia scelto apposita- re l’enorme ediicio di illusioni sui mercati,
no avere la priorità. Quella volta le cose mente un’azienda che aveva aperto la stra- il libero scambio e la democrazia che è stato
andarono male, ma con un maggior soste- da alla violazione dei diritti dei lavoratori. costruito con cura negli anni. Signiica su-
gno popolare sarebbero potute andare me- Probabilmente no. Ma all’epoca dello scon- perare l’emarginazione e l’atomizzazione
glio. tro con l’Uaw Obama era un avvocato che si del cittadini, per farli diventare “protagoni-
occupava di diritti civili a Chicago. Sicura- sti” e non solo “spettatori”.
Cittadini partecipi mente leggeva il Chicago Tribune, che ave- Di tutte le crisi che ci aliggono, il deicit
È il momento giusto per riproporre iniziati- va pubblicato un’accurata analisi di quanto democratico in continuo aumento è forse la
ve come queste, anche se dobbiamo supe- era successo. Il Tribune aveva scritto che il più grave. Se non troviamo un rimedio, la
rare gli efetti della propaganda che è stata sindacato era rimasto “sbalordito” quando profezia di Arundhati Roy potrebbe avve-
pensata per farci dimenticare la nostra sto- aveva visto i disoccupati superare i picchet- rarsi: la democrazia si trasformerà in uno
ria e la nostra cultura. Un esempio impor- ti senza rimorsi, mentre gli operai della Ca- spettacolo di cui i cittadini sono semplici
tante di questa sfida lo abbiamo avuto terpillar avevano ricevuto pochissimo “so- spettatori e le conseguenze potrebbero es-
all’inizio di febbraio del 2009, quando Ba- stegno morale” dalla loro comunità, una sere gravissime. u bt
rack Obama ha deciso di dimostrare la sua delle molte in cui il sindacato aveva “contri-
solidarietà ai lavoratori andando a parlare buito a migliorare gli standard di vita”. L’AUTORE
in una fabbrica dell’Illinois. Ha scelto la Cancellare il ricordo di questi avvenimenti
Noam Chomsky è un linguista di fama
Caterpillar, nonostante le obiezioni della è stata un’altra delle vittorie dell’élite im- mondiale e un esponente della sinistra radicale
chiesa, dei paciisti e delle associazioni per prenditoriale statunitense nella sua guerra nordamericana. Nato nel 1928 negli Stati Uniti,
la difesa dei diritti umani, perché la Cater- per distruggere i diritti dei lavoratori e la dal 1955 è professore di linguistica all’Mit di
pillar fornisce a Israele i mezzi per devasta- democrazia. Solo nel 1978 il presidente Boston. Il suo ultimo libro uscito in Italia è Il
re i territori che occupa e per distruggere la dell’Uaw Doug Frazer si rese conto di quel- governo del futuro (Tropea 2009).

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 41


Giappone

Evaporati
nel nulla
Léna Mauger, xxi, Francia. Foto di Stéphane Remael
In Giappone migliaia di persone decidono
di scomparire per costruirsi una nuova vita e
chiudere con un passato diicile. Il loro nome
è “evaporati”. Un reportage di xxi

V
ive senza dare nell’occhio ma non è mai tornato a casa. È scomparso
in un quartiere a nord di nel nulla come altre migliaia di persone in
Tokyo, fuori dall’anello Giappone, dove il fenomeno delle “evapo-
ferroviario. In un dedalo razioni” esiste da secoli.
di vicoli ideale per na- Kazufumi prende una busta su una
scondersi o starsene per i mensola e tira fuori con fare cerimonioso
fatti propri. Questa sera non c’è la luna. Po- dei fogli ingialliti. Mi mostra una carta
chi passanti scivolano silenziosi sotto la d’identità scaduta con una sua foto da gio-
luce dei lampioni, uno spettacolo di ombre vane. Aveva uno sguardo ambizioso. Qual
scandito dal rumore dei treni. All’angolo di è il suo vero cognome? “Okuniya”. Quando
una strada c’è una casa anonima, una spe- è nato? Il 16 aprile di Showa 18 (1943). È
cie di cubo bianco di cemento, che si distin- proprio lui, Kazufumi. Ma quella carta
gue dalle altre per un cartello sulla facciata: d’identità mostra un uomo che non esiste
“Società di traslochi di ogni tipo”. Alcuni più. Oggi il volto è invecchiato, la schiena è
operai stanno scaricando degli oggetti da curva e il cognome ha perso un ideogram-
tre furgoncini parcheggiati davanti all’edi- ma, diventando Kuni. Una mutilazione
icio. Uno di loro, un tipo basso e tarchiato, fonetica che è una cicatrice e al tempo stes-
mi si avvicina nell’ombra e dice: “Il padro- so una metafora della sua vita. Sho Atori aiutava le persone a sparire
ne dovrebbe arrivare da un momento all’al- Come se n’è andato? e ha scritto un libro sull’esperienza
tro”. “Presi il treno. Era lo Showa 45 (1970).
Fa molto freddo. Aspetto a lungo. Dopo Lavoravo da quattro anni in una società i- stesse facendo un esame. “Una sera mi na-
mezz’ora torna l’impiegato della ditta e mi nanziaria. Era sera ed ero giovane. Non ri- scosi da un ex compagno di università”. Per
indica la scala che porta all’uicio del capo. cordo più il giorno esatto”. Il suo sguardo si alcune settimane i due uomini condivisero
Entro in una stanza dove regna il caos: perde nel vuoto. A 66 anni Kazufumi torna un piccolo appartamento in un quartiere
montagne di carta, scatole, vecchi compu- ai tempi in cui era sicuro che il mondo gli popolare di Tokyo. Kazufumi restava chiu-
ter, macchine da scrivere, walkie-talkie. Il appartenesse. Si era laureato in una presti- so in casa, muto. Stava cominciando l’eva-
capo è seduto dietro la scrivania, nascosto giosa università giapponese e faceva il bro- porazione. La sua famiglia fece delle inda-
dalle pile di documenti. Ha un isico asciut- ker. “Ero un grande venditore”, dice. La gini. Il padre si rivolse a un investigatore
to, il volto serio, l’aria imperturbabile. Si sua carriera ilò liscia ino a quando un cat- privato. “Mi cercò a lungo”, dice Kazufumi.
alza, fa un inchino e si presenta: “Sono Ka- tivo investimento si trasformò in una per- Sulle sue tracce c’erano anche le agenzie di
zufumi Kuni”. Ecco un fantasma che dopo dita di 400 milioni di yen. I clienti prote- recupero crediti. Poi, però, si resero conto
ripetuti inviti ha accettato di incontrarmi starono e i capi attribuirono a lui tutta la che non potevano fare causa a uno scom-
per raccontare la storia della sua scompar- colpa. “Mi resi conto che l’azienda mi stava parso. “Come facevano a denunciarmi?”.
sa. Kazufumi, infatti, è un “evaporato”. Un abbandonando, così decisi di fuggire”. Ka- Kazufumi si aggirava da solo nei meandri
giorno è uscito dall’uicio come al solito, zufumi sceglie bene le parole, come se di Tokyo, dove è facile trovare dei datori di

42 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Il telefono squilla di nuovo. Kazufumi
liquida la conversazione in poche battute:
“Mi richiami domani”. E riprende impassi-
bile il suo racconto. “Mi occupo anche di
riiuti industriali ed elettronici pericolosi,
oltre a cadaveri annegati e pezzi di carne
marci. Siamo sul gradino più basso della
società e non ci facciamo scrupoli”. Ma Ka-
zufumi ha un’attività segreta, quella che mi
ha portato nel suo uicio. La sua azienda è
una specie di “agenzia di fughe”. A volte i
suoi furgoncini trasportano persone che
vogliono sparire come ha fatto lui. L’evapo-
rato è anche un evaporatore. Kazufumi ha
aiutato più di cento persone a sparire nel
nulla. Sono loro che vengono da lui. Attra-
verso il passaparola e grazie alla sua formu-
la: traslochi di ogni tipo. “Al telefono parla-
no di traslochi. Ma quando ci chiedono di
venire alle otto di sera o a mezzanotte ca-
piamo subito quello che vogliono”.
Kazufumi non accetta tutte le richieste.
Sottopone i clienti a un interrogatorio ser-
rato. “Mio padre, che era un poliziotto, mi
ha insegnato a non andare oltre una certa
linea. Non prendo quelli che mi sembrano
strani”. Kazufumi rifiuta il 90 per cento
delle domande, ma quando conclude un
accordo, agisce molto rapidamente. Al tra-
monto arrivano strani traslocatori con len-
zuola e tende nere. Coprono le finestre
imballano i mobili in fretta. “I clienti ci di-
cono sempre che non hanno niente. Ma
quando arriva il momento, vogliono porta-
re via tutto, compresa la lavatrice. Noi cer-
chiamo di essere discreti e rapidi”.
A volte ci sono delle sorprese. “Mi è ca-
pitato di traslocare un’azienda intera e una
libreria di testi erotici. In questi casi biso-
gna stare attenti. Uso solo scarpe da ginna-
stica, controllo che non ci siano microfoni
nascosti e, per confondere le acque, metto
etichette con indirizzi inti”. A volte la si-
lavoro che non si fanno troppi problemi. Ha che anno riuscì ad aittare anonimamente tuazione è pericolosa. Alcuni clienti si ar-
fatto il muratore, il magazziniere, il lava- un appartamento. Poi scoprì l’esistenza mano di coltelli, bastoni o katana (spade)
piatti, il cameriere. “Ho fatto tutti i lavori delle aziende che forniscono ai privati i di legno. “Il giorno del trasloco sono molto
più umili. Guadagnavo ottomila yen al benri-ya, gli uomini tuttofare. Queste pic- tesi, hanno i nervi a ior di pelle e temono
giorno, che mi permettevano di mangiare cole imprese ofrono ogni tipo di servizio: l’arrivo improvviso dei creditori”. Ci pos-
e dormire. Questi lavori mi hanno indurito dall’innaiatura delle piante alla passeg- sono essere risse e inseguimenti.
isicamente e psicologicamente”. Ormai giata del cane ino allo sfratto degli inquili- Di solito i clienti dell’evaporatore sono
Kuni era un uomo senza passato. ni. Così Kazufumi decise di fondare l’azien- celibi, degli impiegati modello, ma ci sono
da che oggi dirige. “Abbiamo cominciato anche persone che fuggono con tutta la fa-
Uomini tuttofare con la raccolta dei cani investiti per strada. miglia. In gran parte si tratta di persone
Nel suo uicio squilla continuamente il te- Le loro carcasse andavano in putrefazione, della classe media: uomini, donne e bam-
lefono. Kazufumi solleva il ricevitore e riat- puzzavano. La gente si allontanava inorri- bini che fuggono dai debiti contratti con
tacca subito: non vuole essere disturbato dita mentre le raccoglievamo. Anche noi aziende vicine alla yakuza, la maia giap-
mentre cerca di rimettere insieme i pezzi eravamo disgustati, ma qualcuno doveva ponese, che per riscuotere i soldi ricorre
del suo passato. “Non ho mai pensato a una pur fare questo lavoro. E io non avevo scel- alla violenza. Kazufumi è la loro ultima
nuova vita. Sono semplicemente fuggito. ta, era il mio modo per guadagnarmi da speranza. Il suo primo consiglio è per le
Non è qualcosa di cui andare orgogliosi. vivere. In quel momento decisi di non tira- donne e i bambini: mettersi al sicuro il gior-
Ma l’importante è restare vivi”. Dopo qual- mi indietro di fronte a niente”. no prima. Alla “scomparsa” sono presenti

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 43


Giappone

Molti giapponesi decidono di far perdere le loro tracce dopo essere stati licenziati

solo gli uomini. Nella notte, senza lasciare pone feudale, e continuata ino alla ine ponte”. E gli evaporati? Ce ne sono ad Ata-
tracce, i suoi furgoncini portano via la di- dell’ottocento. La letteratura e il teatro di mi? La donna si volta, si mette accanto alla
sperazione. Chiedo a Kazufumi se può questo periodo associavano le fonti vulca- stufa e non dice più una parola.
mettermi in contatto con qualche evapora- niche al destino degli evaporati. Molti libri Al commissariato anche i poliziotti si
to. Riiuta: “Li ho completamente cancel- e pièce teatrali dell’epoca raccontano le chiudono in un profondo mutismo. All’ho-
lati dalla memoria”. Quindi chiude la sua avventure di fuggitivi venuti per sbarazzar- tel Taikanso la direzione mi manda un in-
grande busta ingiallita. L’intervista è ter- si del loro passato nei vapori sulfurei delle gegnere in tuta blu che, con grande imba-
minata, bisogna andare via. La porta sta onsen, prima di “riapparire” altrove. I più razzo, mi porta sotto un’impalcatura lonta-
per chiudersi alle mie spalle, quando mor- disperati si puriicano e si tolgono la vita. È no da lì. “Da noi non ci sono evaporati”,
mora: “Vada a vedere verso le sorgenti del da questa metafora che deriva l’espressio- dice continuando a guardarsi attorno. “In
monte Fuji”. ne “evaporati”, johatsu in giapponese. passato non c’era manodopera e quindi le
Questo sabato il quartiere è animato. aziende assumevano senza andare troppo
Fonti d’acqua calda Donne travestite da geisha distribuiscono per il sottile. Oggi, invece, prendono infor-
Il treno ad alta velocità Shinkansen sfrec- volantini pubblicitari delle terme. I chio- mazioni sulla persona, sulle sue origini,
cia a ovest di Tokyo a trecento chilometri schi gestiti da signore anziane vendono le sulla sua famiglia”.
all’ora. A destra si vede il monte Fuji, il sim- specialità del luogo: pesce secco e dolci con La domanda provoca lo stesso disagio
bolo del Giappone. Le sue strade tortuose, fagioli rossi. Una di loro serve anguille alla ovunque. “Siamo un’istituzione rispettabi-
il porto industriale, la banchina in cemento griglia. Con il sedere incollato alla stufa, la le”, risponde il direttore di una onsen. “So-
e i vecchi alberghi conferiscono un’aria de- signora parla con piacere delle terme del no invenzioni”, sbotta un altro. Solo il ge-
cadente al centro balneare di Atami. È una Fuji: “Visiti quelle dell’hotel Taikanso, in store di un albergo mi dice qualcosa: “For-
cittadina kitsch, vecchia e indolente, famo- cima alla collina. Sono le più antiche di se può aiutarla il dottor Uchida, il medico
sa per le sue onsen, le fonti d’acqua calda. Atami, sono state costruite nel 1928. Deve delle fonti”.
Una tradizione nata nel seicento, nel Giap- risalire la strada e girare a sinistra dopo il Il dottor Uchida dirige un ambulatorio

44 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


In Giappone la legge riconosce alle persone adulte il diritto di sparire

nel centro della città. All’ingresso vedo una colleghe di lavoro. La polizia l’ha ritrovata ce, mi fa notare il pavimento “in marmo
trentina di paia di scarpe, molte di piccola presso le fonti di Atami. È stato un grande riscaldato”, i massaggi “al sale e alla sab­
taglia: deve essere il giorno di visita dei scandalo”. Un’infermiera fa segno che l’ora bia”, la sauna “all’ultima moda” e il risto­
bambini. La sala d’aspetto è piena. Uchida è passata. “Al suo posto”, dice Uchida, “an­ rante. “Posso offrirle un tè?”, mi chiede
mi riceve dopo un’ora d’attesa. Il suo studio drei nei bagni aperti giorno e notte, verso prima di sprofondare nei cuscini di velluto
è una stanza asettica dove volteggiano le Shizuoka”. rosso di un divano, dove comincia ad asso­
infermiere. Indossa un camice verde e ha Shizuoka signiica “collina calma”. An­ pirsi senza badare più a me. Mi tocca scuo­
una mascherina sul viso. Si esprime con che se è ancora più vicina al monte Fuji, la terlo per attirare la sua attenzione. “Le è
semplicità e franchezza: “Molti giapponesi città non ha lo stesso fascino di Atami. I già capitato di avere a che fare con gli eva­
vengono qui perché le fonti del monte Fuji suoi 70mila abitanti vivono in un universo porati?”. Il tè rischia di andargli per traver­
sono famose da secoli. È molto raro che si di magazzini e di lunghi caseggiati dove si so. “Evaporati nel mio albergo?”. Fa fatica
suicidino dopo il bagno. Di solito girovaga­ nota solo un blocco di case nuove: l’Hana- a riprendersi. Poi dice lentamente: “In ef­
no nella città per diversi giorni”. noyu onsen. Un enorme complesso di risto­ fetti spesso vengono delle persone sole, in
Un bambino visitato da un’infermiera ranti, sale giochi e cinema costruito intor­ crisi con la famiglia. Lasciano la loro casa e
si mette a piangere e Uchida alza la voce no alle terme. Si trova a due ore da Tokyo non sanno dove andare. Il vantaggio di es­
per coprire le grida: “Alcuni evaporati tro­ ed è la meta preferita di molti abitanti della sere qui è che non si rischia di incontrare
vano lavoro nei ryokan (alberghi), per capitale giapponese, che vengono qui per conoscenti. Siamo aperti 24 ore su 24”.
esempio come personale delle pulizie. Non trascorrere il ine settimana con la fami­ Quali sono le loro storie?
è un segreto per nessuno che le fonti ofro­ glia. “Non lo so, non mi interessa”.
no asilo ai fuggiaschi e ai criminali. Gli abi­ Il direttore del centro, Taruno Uchino, è Uchino si alza e si sistema il vestito.
tanti non hanno dimenticato la fuga di Ka­ orgoglioso del suo tempio del benessere e “Quel che è certo è che siamo una buona
zuko Fukuda, una donna che aveva girova­ ci tiene a farmelo visitare personalmente. soluzione per le persone in diicoltà”.
gato per 15 anni dopo aver ucciso le sue Elegante e rigido nelle sue scarpe di verni­ Dopo Shizuoka decido di tornare a To­

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 45


Giappone
kyo. Kazufumi mi ha parlato di una serie tv, neamenti spigolosi, Sho sembra un gang­ stione degli evaporati. La comitiva, divisa
Yonige-ya honpo (La boutique degli evasi). ster della yakuza. Ha la stessa catenina tra curiosi e increduli, si anima. Un profes­
Un amico mi presta il dvd di queste 15 sto­ d’argento, la stessa giacca nera, lo stesso sore universitario dice: “Forse per arrivare
rie di evaporazione. Alla ine degli anni no­ sguardo vigile. Per nove anni ha diretto una a loro bisogna partire dalla famiglia. Nean­
vanta “La boutique degli evasi” ha battuto ditta di traslochi. Un’azienda normale ino che la polizia riesce a ritrovare gli scompar­
tutti i record d’ascolto. Nella serie, i perso­ a quando una sera, in un locale di karaoke, si”. Un fotografo scherza: “Tanto vale far
naggi in bancarotta scompaiono, ma sem­ una donna gli chiese di farla sparire con i parlare i morti”. Un’altra persona spiega a
pre dopo colpi di scena comici e insegui­ suoi mobili. Non sopportava più i debiti del voce alta: “Tutti abbiamo sentito storie di
menti con gli uomini della yakuza. Kazufu­ marito, che le aveva rovinato la vita. Sho scomparsi, ma nessuno li ha mai ritrovati.
mi è rimasto particolarmente colpito da Hatori accettò e questo afare gli fece capi­ Forse bisogna cominciare a parlarne”. Il
uno dei protagonisti, il proprietario di professore mi dice: “Il problema è che sia­
un’agenzia per le evaporazioni. Questo suo In Giappone le mo molto pudichi su questo argomento.
alter ego, mobile come un ninja, garantisce Non sveliamo i nostri sentimenti. Su un ta­
ai clienti delle “ricomparse” sempre bril­ famiglie degli bù come la scomparsa dubito che lei riusci­
lanti. evaporati non hanno rà a trovare qualcosa”.
Lo sceneggiatore della serie mi dà ap­ Eppure sono ovunque. Una pittrice,
puntamento nel quartiere di Shinjuku, al nessun aiuto. Questa madre di due igli, aspetta da vent’anni. Un
bar di un albergo con vista circolare sulla realtà è accettata da giorno è andata come al solito al ristorante
città. Takahito Hara ha sessant’anni ed è del marito, ma ci ha trovato un’altra perso­
l’esempio tipico del produttore che non ha tutti, è un dato di fatto na. Il marito aveva venduto il locale in se­
saputo invecchiare: è abbronzato e indossa greto ed era scomparso. Da allora non ne
mocassini impeccabili e braccialetti da re le potenzialità del settore. Così pubblicò ha saputo più niente. “A volte penso che
adolescente. Si eccita come un bambino di un annuncio: “Traslochi di sera”. Era l’epo­ mio marito sia nel Sanya, il quartiere degli
fronte a qualsiasi cosa e ride applaudendo. ca della bolla inanziaria e Sho vide “arriva­ emarginati”. Una studentessa riservata e
Takahito ha pensato a una iction televisiva re subito molti nuovi clienti”. Fu allora che discreta aspetta suo padre da quindici an­
dopo aver scritto e realizzato tre decise di diventare un evaporato­ ni: è sparito lasciando i documenti, le chia­
ilm sugli scomparsi: “Volevo met­ re: riuniva nel suo uicio aiutanti e vi e tutti i suoi oggetti personali. Per due
tere in evidenza un problema di fuggiaschi, spiegava il suo piano, volte ha creduto di vederlo per strada. Se
cui i mezzi d’informazione non cercava i nascondigli migliori e avesse incrociato lo sguardo del padre, lo
osano parlare. Molte società inan­ pensava a tutte le eventualità. I avrebbe afrontato? No, la ragazza dice di
ziarie sono controllate dalla maia e se i suoi “voli di notte” costano 400mila yen, “detestarlo”. Non ha mai fatto delle ricer­
debitori non pagano puntualmente, i cri­ tre volte il prezzo di un normale trasloco. che per ritrovarlo.
minali della yakuza possono arrivare Da allora produce fantasmi in serie. Sho
all’omicidio”. riceve molte chiamate da donne. Giovani Gente rassegnata
Takahito ama i gesti plateali, gli piace impiegate che amano i vestiti e le marche Le famiglie degli evaporati non hanno nes­
infervorarsi. “Lo scoppio della bolla inan­ di lusso e si ritrovano sommerse dai debiti, sun aiuto. In Giappone la legge riconosce a
ziaria giapponese è stato tragico. I debitori donne vittime di violenze coniugali, giova­ una persona adulta il diritto di “scompari­
si suicidavano indipendentemente dalla ni laureate costrette a fare lavori massa­ re”. Questa realtà è accettata da tutti, è un
somma presa in prestito. Si sono tolte la vi­ cranti. Nessuna di loro può rivolgersi alla dato di fatto. “Quando qualcuno scompa­
ta famiglie intere, ma molti hanno scelto di polizia o ai parenti. Meglio allora far perde­ re, si dice semplicemente shogunai: ‘Non
continuare a vivere cambiando identità. Lo re le proprie tracce. “Cercavo di convincer­ possiamo farci nulla’”, ricorda Takahito
yonige è un fenomeno che risale a molti an­ le a resistere, ma loro fuggivano lo stesso”. Hara, lo sceneggiatore della “Boutique de­
ni fa, ma si è difuso negli anni novanta”. In La pubblicazione del libro lo ha reso fa­ gli evasi”. “Non ho conosciuto l’epoca Edo
giapponese yo signiica notte e nige fuggire. moso. Ora Sho si presenta sempre come (1603­1867), ma già allora la gente si rasse­
Uno yonige indica la fuga silenziosa che “scrittore, produttore e manager” e dice gnava, quando succedeva qualcosa di gra­
porta alla scomparsa. che “i suoi scomparsi” vivono felici, come ve”.
Per rappresentare questo fenomeno so­ quelli della tv. “La gente associa spesso lo Il destino della famiglia Kurihama è si­
ciale, lo sceneggiatore si è ispirato a fatti di yonige alla vigliaccheria. Ma facendo que­ gniicativo. Lontano dagli alberghi e dai
cronaca e testimonianze. “La nostra iction sto lavoro ho capito che poteva essere un ristoranti alla moda, la famiglia si nascon­
è molto realista”. Nel suo lavoro d’inchie­ gesto positivo”. Alla ine dell’intervista Sho de in un quartiere popolare nel nordest di
sta Takahito ha consultato a lungo un eva­ fa venire sua iglia, 17 anni, una campio­ Tokyo. Mi apre la porta il padre, Mikio, un
poratore che è passato dall’ombra alla luce nessa di karate. Vuole farne “una star del uomo con i bai e una pancia prominente
e ha scritto un libro sulla sua vita. Takahito cinema”. Questa sarà la sua rivincita sul che spunta sotto il pesante maglione di la­
mi ha aiutato a rintracciarlo. passato. Anche lui è un evaporato. O me­ na. Questo ex muratore di 61 anni ha l’aria
Lo scrittore è molto contento della mia glio, un “iglio dell’evaporazione”. Quando di un sindacalista. La stanza in cui mi fa ac­
telefonata. Si chiama Sho Hatori, ha 41 an­ era piccolo, la sua famiglia è fuggita da comodare è una cucina fredda dove si am­
ni e nel 1997 ha pubblicato Za yonige-ya Kyoto a causa dei debiti. mucchiano mobili traballanti, pile di piatti,
(L’agenzia delle fughe). Lo incontro a Yo­ La sera vado a cena in un ristorante del bambole, palline di Natale e disegni di
kohama, la città dormitorio di Tokyo, nella quartiere di Shibuya, nella parte occiden­ bambini. Qualche istante dopo rientra dal
hall scintillante di un albergo. Si dirige su­ tale di Tokyo. A tavola, tra piatti di pesce lavoro la moglie, Tomoko, una donna silen­
bito verso il bar. Basso, muscoloso e dai li­ crudo innaiati di sakè, viene fuori la que­ ziosa che lavora alle poste. L’atmosfera è

46 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


I volti nascosti dell’indebitamento giapponese
GIULIo FrIGIerI / CArToGrAFAre IL PreSeNTe, 2009

tesa. È diicile rompere il silenzio. Il iglio cesso per una persona di umili origini. Poi scretamente la casa e lasciare tutto. I Kuri­
maggiore, Thim, resta immobile davanti al sposò Tomoko in un matrimonio combina­ hama sparirono il giorno di capodanno.
tavolo con lo sguardo isso sulla moquette. to dalla famiglia, ma la coppia imparò pre­ Thim è sempre immobile davanti al ta­
Al piano superiore si sente la nonna che si sto ad amarsi. Negli anni ottanta Mikio e volo. È l’unico dei igli a sapere la verità.
schiarisce la gola: è a letto ammalata. Mi­ Tomoko chiesero un prestito per aprire un Quel giorno i suoi fratelli erano stati man­
kio e Tomoko sono seduti intorno al tavolo, ristorante di gyôza (ravioli). Il locale anda­ dati dagli amici e sono cresciuti convinti
l’uno di fronte all’altra. “Prima vivevamo va male e la coppia cominciò a temere per che la famiglia si sia trasferita volontaria­
in un giardino di ciliegi a Saitama, nella la sicurezza della famiglia. “Ci sarebbe vo­ mente. “Thim è un enigma”, dice Mikio.
pianura del Kantô”, racconta lui. Figlio di luto un secolo per rimborsare tutti i debiti”. “È come la supericie liscia di un lago di cui
conciatori di pelli, a vent’anni diventò mae­ Tomoko era incinta di Thim, il primo iglio. si ignora la profondità. Gli altri due sono
stro di kendo, la scherma dei samurai, e te­ La madre di Mikio viveva con la coppia. Fu più facili da capire e vanno bene all’univer­
neva dei corsi serali per i poliziotti. Un suc­ lei a prendere la decisione di vendere di­ sità”. Thim e il suo piercing al labbro resta­

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 47


Giappone

Gli evaporati vivono in un mondo parallelo senza diritti sociali

no immobili. “Penso di averlo costretto a facile vuotare il sacco. A che serve? Poi, pe- maneggia con agilità: Mikio ha indossato
subire troppa pressione”, dice Tomoko, che rò, mi sono detto che era una nuova sida. la sua tenuta da kendo per la prima volta in
posa un bollitore sul fuoco e comincia a la- Una scomparsa è qualcosa che ti rimane 23 anni. Al piano superiore la nonna bor-
vare i piatti sporchi. attaccato per sempre sulla pelle. Fuggire botta qualcosa: vuole assistere alla scena,
Mikio è teso, si tocca nervosamente gli significa correre verso la morte”. Thim bisogna aiutarla a scendere la scala. Mikio
occhiali. E all’improvviso il dolore, ino a chiude gli occhi, mentre suo padre conti- la sistema delicatamente su una sedia ma-
quel momento contenuto, scoppia: “Yonige nua a raccontare: “Mi sento stanco, ma landata.
è diventata una parola tabù in questa casa. continuo per la mia strada e non ho più mo- Torno da Kazufumi. La sua esperienza
Come se fossimo dei paria. Ma chi può dire tivo di cambiare vita. Voglio solo una cosa: è preziosa. Voglio capire come si fa a co-
di non aver mai voluto cambiare vita? La vivere tranquillo con mia moglie e i miei struirsi una nuova vita partendo da una
gente è vigliacca, ha voglia di gettare la igli. Fino alla ine”. Quindi si alza. C’è un menzogna. Lui non ne è stato capace: si è
spugna, di scomparire e di riapparire in un silenzio di piombo. sposato, ma non ha mai conidato il suo se-
luogo dove nessuno la conosce”. Continua a praticare il kendo? “No, greto alla moglie, e il matrimonio è fallito.
Tomoko smette di lavare i piatti e si ri- mai. I miei igli hanno preso il mio posto”. Come molti fantasmi, Kazufumi non si è
siede. Mikio guarda i fiori della tovaglia Sembra un po’ sollevato. Tira fuori un fatto registrare al suo nuovo comune di re-
cerata: “Non ho mai pensato alla fuga co- album di famiglia e comincia a girare le pa- sidenza. Le autorità della sua città d’origi-
me a un obiettivo a sé stante. Mia madre mi gine, mentre Thim prende da un armadio ne lo hanno dichiarato scomparso. Così ha
ha insegnato a superare gli ostacoli e a es- una collezione di medaglie e di coppe. Poi perso tutti i diritti civili: non ha diritto
sere combattivo. Ma sparire dava la possi- Mikio si assenta per dieci minuti. Quando all’assistenza sociale, mentre i igli di un
bilità di rinascere libero dalla colpa”. Quin- torna, Thim resta a bocca aperta: “Sembri evaporato non hanno diritto alla scuola.
di ammette le sue responsabilità: “Cono- uno della yakuza, papà”. Pantaloni svolaz- “In Giappone è facile scomparire”, ma si
sco le mie debolezze. L’incontro di oggi, zanti, giacca azzurra, maschera metallica resta in un mondo parallelo. Kazufumi vive
per esempio, non volevo accettarlo. Non è davanti al volto e una piccola sciabola che in una terra di nessuno amministrativa.

48 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


La famiglia Kurihama ha scelto di sparire per sfuggire ai creditori

Le pareti del suo uicio sono ricoperte cino. “Non dicono mai buongiorno. Per I tassi d’interesse, però, erano troppo
di disegni. “Nella maggior parte dei casi i loro non sono un vero contadino. Non si i- alti e Shunsuke non riusciva a pagare le ra-
miei clienti si sono spostati da una parte dano di me”. te. A quel punto l’evaporazione è diventata
all’altra di Tokyo. È facile confondersi Cade una pioggia fitta e nei dintorni inevitabile. “Ho portato con me le cose più
nell’anonimato della capitale. Ma qualcu- non c’è nessun riparo. Shunsuke non vuole preziose. Il resto lo hanno preso i trasloca-
no l’ho portato anche in campagna”. È il andare a casa sua, perché “è lontana, devo tori”. Shunsuke ha aittato un piccolo ap-
caso di Shunsuke Soda, che ha contribuito consegnare le verdure”. Allora risaliamo in partamento, un trattore e degli attrezzi, e si
a ripopolare le zone rurali. Lo incontro alla macchina. “Prima ero un dipendente come è messo a lavorare duro. Gli inverni erano
stazione. È un quarantenne che indossa tanti che si vedono a Tokyo: stressato e sot- diicili, si sentiva solo, ma sotto le sue ser-
una giacca sportiva e ha conservato l’aspet- tomesso all’azienda. Lavoravo in un gran- re il fuggiasco si è tranquillizzato. Solo ora
to di un abitante di Tokyo. Le sue mani so- de albergo dodici ore al giorno. Stavo per ammette di aver fatto uno yonige.
no bianche e lisce, la sua macchina è im- diventare pazzo”. Poi ha letto che nelle zo- Alla ine andiamo a casa sua. Mi aveva
peccabile. ne rurali c’era bisogno di manodopera, così detto di abitare in un appartamento picco-
Shunsuke si è trasferito sette anni fa si è iscritto a un corso di formazione agrico- lo, invece vedo una bella casa moderna. Ci
nella provincia di Yamanashi, nel nord del la di sei mesi in un’università del nord del apre la porta un signore anziano. “Mio pa-
Giappone. Nonostante la nebbia guida ve- Giappone. Ma non sapeva come inanziar- dre”, dice Shunsuke. L’uomo s’inchina e va
locemente sulle strade che attraversano si. “Mio padre è molto ricco, ma non volevo via. Quindi arriva la madre, che ci porta un
foreste e campi coltivati. Ci fermiamo da- il suo aiuto. E visto che non potevo dare ga- paio di pantofole. Il parquet è luminoso,
vanti a un sentiero sterrato, vicino a una ranzie per un prestito in banca, ho cercato tutto è liscio e ordinato.
collina, e mi indica quattro grandi serre: altre vie”. In un inglese perfetto il padre ci invita a
“L’inverno si coltivano spinaci, l’estate po- Cioè creditori che non vanno troppo per passare nel salotto, dove ci ofre cafè e bi-
modori, insalate e fragole”. Una coppia di il sottile? scotti. “Ho lavorato alla Mitsubishi”, rac-
contadini raccoglie insalate nel campo vi- “Vedo che conosce bene il Giappone”. conta. “Oggi sono in pensione, ma faccio

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 49


Giappone
porati. La sola legge di Sanya è quella del
silenzio. Ho dovuto faticare molto per con-
vincere Norihiro a parlare. Quest’uomo di
50 anni ha il volto gonio di sakè. I vestiti gli
stanno larghi, facendo intuire la sua ma-
grezza. Mi propone di accompagnarlo ino
al suo squallido albergo, in mezzo a piccoli
appartamenti ammobiliati ed ediici fati-
scenti. Alcuni uomini stesi sui cartoni lo
prendono in giro: “Frequenti ancora gli
stranieri?”. La sua camera è chiusa con un
lucchetto. La stanza è buia e spoglia. Non ci
sono né oggetti né documenti personali.
Per terra c’è solo qualche mozzicone di si-
garetta e un tatami in pessime condizioni.
Ogni mattina all’alba Norihiro fa la ila
davanti a un chiosco per cercare lavoro. Ma
in questo periodo non ci sono molte ofer-
te. La crisi colpisce i più deboli. Norihiro
conosce bene l’alcol, la stanchezza, la fata-
lità, la vita giri-giri, estrema. “A Sanya ci
sono migliaia di persone come me”, rac-
conta. “I debiti non rimborsati, la dispera-
zione, la pressione del lavoro, le litigate
sono cose normali. Ma vedo sempre più
Molti evaporati scelgono la campagna per rifarsi una vita giovani in crisi”.
Norihiro è un nome into. “Dopo tutto
regolarmente delle missioni per grandi im- sti seguirmi”. È diventato di cattivo umore. questo tempo potrei riprendere la mia vera
prese. Questa è la nostra seconda casa. Shunsuke spiega di aver voluto “rassicura- identità. Non voglio che la mia famiglia mi
L’abbiamo fatta costruire l’anno scorso. re” i suoi genitori dopo quattro anni di si- veda in queste condizioni. Mi guardi. Non
Prima andavamo in albergo. Ma una casa è lenzio. Ma suo padre, senza chiedergli somiglio a niente, non sono niente. Se
molto più confortevole”. Shunsuke siede niente, ha fatto subito costruire una nuova muoio domani, non voglio essere ritrova-
imbarazzato sul divano. Come un bambino casa. Poi esplode. “Mi sento come un uo- to”.
dopo una discussione, stringe forte le brac- mo in fuga che aspira a una vita normale. Dieci anni fa Norihiro era un bell’uomo
cia incrociate. Credevo di essere lontano dalla vita di pri- sposato e un ingegnere brillante. Un giorno
Poi chiedo al padre di Shunsuke: “Si- ma, ma mi sono sbagliato. Mio padre è fu licenziato, ma lui la mattina continuava
gnor Soda è contento della scelta di suo i- troppo pesante e invadente”. a indossare la giacca, la cravatta e le scarpe
glio?”. di cuoio e usciva con la valigetta come al
“Io non avrei mai potuto farlo”, rispon- Gli sconitti solito. La moglie lo salutava, mettendogli
de. “Il lavoro della terra non fa per me. Ma Secondo Kazufumi bisogna restare almeno la mano sulla spalla. Norihiro aspettava
Shunsuke è giovane e in buona salute. Qui cinque anni in silenzio. Lui ha aspettato sotto l’uicio tutto il giorno, senza mangia-
mangia bene e si tiene in forma. Forse tutto quindici anni prima di telefonare ai genito- re né parlare. Tenne duro una settimana.
sarà complicato quando andrà in pensione. ri. Aveva paura. Temeva che riiutassero di “Non ce la facevo più. Dopo le 19 andavo a
Ma sono iducioso, terrà duro”. parlargli, che fossero in cattiva salute, che bere con i miei ex colleghi. Andavo in giro e
Con un into atteggiamento afettuoso, avessero subìto delle minacce per colpa alla ine tornavo a casa. Avevo l’impressio-
il signor Soda cerca di prendere il iglio per sua. Lo avevano perdonato. Kazufumi non ne che mia moglie e mio iglio avessero ca-
le spalle. Shunsuke si divincola. “Certo so- ha avuto la forza di rivederli, ma si è sentito pito qualcosa. Mi sentivo in colpa. Non
no rimasto sorpreso quando mi ha annun- meno in colpa. avevo più uno stipendio”. Il giorno della
ciato che voleva diventare un agricoltore, Quando i genitori tacciono, parlano al- paga Norihiro salutò la moglie e prese la
ma l’ho sempre sostenuto. Non è vero?”, cuni igli di evaporati. Come Sho Hatori, lo solita linea della metropolitana. Ma nell’al-
dice rivolto al iglio. “Dovresti trovarti una scrittore che ha ispirato la serie tv sugli tro senso. Alla ine della linea, l’oblio. “So-
moglie. Non è facile in questo buco. Qui ci scomparsi. E poi ci sono gli altri, quelli che no triste quando penso che i miei genitori
sono solo contadini”. non riescono a guardare in faccia il passa- mi hanno cercato. Spero che stiano bene.
È ora di partire. Un’ultima energica to: i senza nome, i perduti, gli sconfitti. Forse pensano che tornerò o che sono mor-
pacca sulle spalle di Shunsuke, qualche Molti iniscono a Sanya, un quartiere poco to”. Ma di sua moglie e di suo iglio non di-
passo sulla soglia e i genitori seguono con lontano dalla casa di Kazufumi, nella parte ce niente. u adr
lo sguardo la macchina fino a quando settentrionale di Tokyo.
scompare all’orizzonte. Non capisco. Abita Sanya è il punto di riferimento dei pove- l’autrice
ancora con i suoi genitori? “Sì, le ho detto ri, dei criminali e dei barboni. Secondo le Léna Mauger è una giornalista francese.
che avevo un appartamento. Ma è poco ac- associazioni di volontariato, il 70 per cento È nata a Parigi nel 1983. Ha lavorato al Nouvel
cogliente. E i miei hanno voluto a tutti i co- della popolazione locale è formato da eva- Observateur.

50 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Scienza
OLIvIer CULMANN (TeNdANCe FLOUe/GrAzIA NerI)

Il posto migliore
per crescere
Jill Lepore, The New Yorker, Stati Uniti
Negli Stati Uniti le donne hanno sempre meno tempo per allattare al seno. Così
si tirano il latte e lo danno ai igli con il biberon. Un buon afare per molte
aziende, ma forse non per i bambini e le madri. L’inchiesta del New Yorker

D
a qualche tempo anche o con una macchina, e conservato in botti- stregua degli altri liquidi, e quindi potenzia-
il latte materno deve ri- glia oppure, se congelato, in un sacchetto di le fonte di attentati, dalla Transportation
spettare una serie di plastica chiuso ermeticamente. La difusio- security administration (Tsa) degli Stati
nuove norme e regola- ne sempre più ampia di questo nuovo siste- Uniti. Ma i problemi non sono mancati.
mentazioni. Una, in ma di allattamento oggi pone questioni All’aeroporto La Guardia di New York un
particolare, stabilisce terminologiche, ma anche dubbi in materia addetto alla sicurezza ha sequestrato a una
cosa si deve intendere con l’espressione di regole. Fino all’estate 2007 ogni madre donna di Minneapolis che tornava a casa da
“latte materno espresso”: il liquido prele- poteva portare in aereo non più di cento un viaggio di lavoro una bustina con una
vato dal seno di una donna, manualmente grammi del proprio latte, considerato alla quantità di latte che sarebbe bastata per

52 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


due giorni. La donna è scoppiata a piangere il latte da donne con capezzoli retratti e da stuolo di donne con relativo kit tiralatte che
e il suo latte è finito nella spazzatura. In madri di bambini troppo deboli per attac- aspettano impazienti il proprio turno per
quell’occasione, la dottoressa Ruth Law- carsi al seno. Oggi, invece, i tiralatte sono collegarsi alla presa elettrica. I tiralatte
rence, del comitato per l’allattamento al un accessorio difusissimo, paragonabile hanno anche un comparto per ospitare le
seno dell’Accademia statunitense di pedia- più a un cellulare che a un catetere. Nel lu- foto dei neonati: per un rilesso quasi pavlo-
tria, ha dichiarato che “quella madre aveva glio scorso, Stephen Colbert si è applicato viano, guardarle dovrebbe aiutare le madri
bisogno di ogni goccia del suo latte per nu- al seno una pompa durante il suo show tele- nell’erogazione del latte, che di solito è sti-
trire il iglio”, mentre i “lattivisti” – che so- visivo, The Colbert Report. Ad agosto, l’ex molata dalla presenza isica del bambino.
stengono la causa dell’allattamento al seno, candidata repubblicana alla vicepresiden-
anche in pubblico – hanno irmato una peti- za, Sarah Palin, ha raccontato a People di Mammiferi o quadrupedi?
zione di protesta. Alla ine, la Tsa ha deciso essersi spesso trovata, anche in campagna Tirarsi il latte non è un’attività divertente.
di classiicare il latte materno come “medi- elettorale, a dover “mettere giù il Blackber- Ma negli ultimi tempi è diventata così co-
cinale liquido”. ry per usare il tiralatte”. I tiralatte, insom- mune che perino alcune donne sempre a
Ma ci sono anche altri problemi. Una ma, abbondano, e il loro successo è un buon casa con i igli preferiscono pompare il latte
donna può vendere il suo latte su eBay? Per affare per diverse aziende. La Medela, e darlo ai bambini con il biberon piuttosto
ora è possibile, anche se probabilmente la un’azienda svizzera tra le prime al mondo che allattare al seno. Nell’intimità delle ca-
Food and drug administration, l’ente di nella produzione di tiralatte, ha introdotto se, il paese somiglia a una gigantesca latte-
controllo sull’alimentazione e i farmaci, sul mercato statunitense la sua prima pom- ria umana.
deciderà presto di occuparsi del tema. In pa nel 1991, e cinque anni dopo ha lanciato Per questo è molto preoccupante che
ogni caso, il Centro statunitense per il con- il modello, decisamente più chic, Pump in negli Stati Uniti le nuove norme che regola-
trollo e la prevenzione delle malattie forni- style. Da allora le vendite si sono quadrupli- mentano l’uso del latte umano, compresa
una proposta di legge del 2007 per promuo-
vere l’allattamento al seno, siano confuse e
Ormai i tiralatte, impacchettati in incomplete. Si perdono in inutili dettagli
borse che somigliano a valigette di terminologici e iniscono per confondere
“l’allattamento al seno” con “l’alimenta-
Fendi, sono un regalo immancabile zione con latte umano”. Sono miopi e non si
alla nascita di un bambino sforzano di capire se per un bambino è più
importante la madre o il suo latte. E risen-
sce già delle indicazioni sui rischi dell’allat- cate. Il giro d’afari è notevole, ma non è fa- tono di un errore di fondo: il latte umano è
tamento di un neonato con il latte di una cile avere cifre esatte, anche perché molti un elisir, una merce, un diritto? Questo in-
donna diversa dalla madre, eventualità che comprano modelli di seconda mano. terrogativo riguarda sostanzialmente la
può presentarsi negli asili nido, dove i frigo- Ma c’è dell’altro. Molti reparti maternità tassonomia ed è già stato sollevato in pas-
riferi sono pieni di buste con etichette spes- che prima mandavano a casa le neomam- sato.
so illeggibili. Lo scambio, spiegano i medi- me con campioni gratuiti di latte in polvere Nel 1735, quando il naturalista svedese
ci, deve essere trattato come ogni altro ora distribuiscono pompe manuali: aggeggi Linneo catalogò per la prima volta il mondo
contatto con luidi corporei estranei. di plastica che si applicano a una mammel- animale, classiicò gli esseri umani nella
Durante un esame pubblico di diverse la alla volta e sembrano un incrocio tra una categoria dei quadrupedi. Molti dei suoi
ore una donna ha diritto a un intervallo per cannuccia e una pompa per biciclette. Wal- contemporanei, però, obiettarono che l’es-
tirare il latte che le gonia il seno procuran- Mart vende la pompa elettrica Evenlo per sere umano ha due piedi e non quattro.
dole dolore? No: la legge non lo prevede. E meno di quaranta dollari, mentre la Philips Vent’anni dopo, nel 1758, il naturalista sve-
ancora: le banche del latte umano, che ri- ne produce una “con nuova tecnologia IQ”, dese coniò un nuovo termine: mammalia,
forniscono gli ospedali, possono acquisire cioè dotata di memoria intelligente, ma con cioè animali con capezzoli che producono
latte materno dietro il pagamento di un un evidente richiamo alla discussa teoria latte. Essere deiniti mammiferi era senz’al-
rimborso? No, perché la compravendita secondo cui il latte materno fa aumentare il tro un bel passo avanti rispetto a essere
violerebbe i criteri etici dell’Associazione quoziente intellettivo dei bambini. considerati quadrupedi. Ma per un certo
delle banche del latte umano. Se una donna Ormai le pompe più moderne, con mo- periodo questa nuova categoria fu conside-
che allatta beve alcolici, e trasmette così tore, tubi e vasetti per la conservazione del rata scandalosamente erotica. Soprattutto,
l’alcol al neonato, può essere accusata di latte, impacchettate in borse che somiglia- però, il termine mammalia non sembrava
abusi? Per adesso non è ancora successo, no a valigette di Fendi o a zainetti di Gucci, in grado di comprendere l’intero genere
ma l’argomento è molto discusso. Nel frat- sono un regalo immancabile alla nascita di umano: solo le femmine dei mammiferi
tempo, le donne che hanno simili preoccu- un bambino. Il modello Medela Pump in allattano. Linneo, tuttavia, aveva le sue ra-
pazioni possono esaminare qualche goccia style advanced metro, “la Ferrari dei tira- gioni. I critici più zelanti potevano mettere
del loro latte con un nuovo test, il milk- latte”, costa 398 euro su internet. La Mede- in dubbio che gli esseri umani fossero qua-
screen. la vende anche borse refrigeranti e coppe in drupedi, per motivi religiosi o semplice-
Un’osservazione storica: la difusione plastica che si applicano al seno e somiglia- mente aritmetici, ma nessuno poteva nega-
del latte materno espresso è molto recente, no a cornucopie. Oggi la maternità eicien- re di essere stato nutrito con latte materno.
e le norme in materia sono ancora in corso te e tecnologica è di rigore. Se sbirciate in Va anche detto che, mentre Linneo rive-
di deinizione. Prima degli anni novanta, i una toilette femminile durante una confe- deva il suo Systema Naturae trasformando-
tiralatte elettrici si trovavano solo negli renza, magari in qualche università, avrete lo dall’opuscolo di dodici pagine pubblicato
ospedali, dove venivano usati per aspirare buone probabilità di trovarvi di fronte uno nel 1735 nell’opera magna di duemila pagi-

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 53


Scienza
ne del 1758, sua moglie allattava. Tra il 1741 che tutti i suoi dieci igli erano stati allattati dato vita a un vero e proprio culto della ma-
e il 1757 partorì e tirò su sette igli. Il marito, dalla madre. Nel settecento, comunque, in ternità, ampiamente illustrato dai dagher-
nel frattempo, teneva conferenze e si batte- America le nutrici non erano certo numero- rotipi degli anni cinquanta dell’ottocento,
va contro il costume difuso di ricorrere alle se come in Europa. “Se potete, date voi che ritraevano bambini intenti a succhiare
nutrici. La pratica è antichissima: i primi stesse il latte al vostro bambino”, diceva dal il latte da pudiche matrone americane, un
contratti per le balie si ritrovano già nella pulpito Cotton Mather, predicatore e uomo po’ Emily Dickinson e un po’ Madonna con
legge babilonese. Le nutrici avevano il politico puritano. Per i puritani il latte era bambino di leonardesca memoria.
compito di aiutare le donne che non pote- una sostanza divina. Poco tempo dopo, però, le donne ameri-
vano allattare e si prendevano cura dei Alla ine del settecento l’allattamento al cane rimasero senza latte. “I dottori si stan-
bambini orfani di madre. Ai tempi di Lin- seno era considerato quasi un atto di pa- no convincendo che il numero di madri in
neo, però, non allattare era una scelta spes- triottismo. Nel suo Vindication of the rights grado di allattare i igli è in diminuzione”,
so indipendente dai problemi di salute. of women (Rivendicazione dei diritti delle scriveva un medico nel 1887. Un altro riferi-
Moltissime donne europee, per esempio il donne, 1792), Mary Wollstonecraft afer- va che “c’è qualcosa che non va nelle ghian-
90 per cento delle madri parigine, si riiuta- mava che una madre incapace di allattare e dole mammarie delle donne di questo pae-
vano di allattare e pagavano delle serve per di educare i igli “non merita il nome di mo- se”. Tutto questo succedeva mentre comin-
farlo. Nel 1752 Linneo scrisse un trattato glie e non ha diritto a quello di cittadina”. ciava a essere commercializzato il latte ar-
intitolato La nutrice matrigna, in cui dichia- L’anno seguente, la convenzione nazionale tiiciale e le mucche venivano proclamate
rava che far allattare i propri igli alle balie è francese stabilì che le donne che assume- “le nuove nutrici della razza umana”. In
un crimine contro natura. Perino le belve vano nutrici non potevano ricevere aiuti quel periodo molti bambini alimentati con
più feroci, notava Linneo, allattano i loro dallo stato, e non molto tempo dopo la latte vaccino modiicato morirono. Dare la
piccoli. Per questo le madri che volevano Prussia rese obbligatorio l’allattamento al colpa di quelle morti ai medici e ai produt-
sottrarsi al loro destino di mammiferi anda- seno. Ma nell’età della ragione c’era spazio tori di latte non è corretto. Ma è comunque
vano classiicate al di sotto degli esseri più anche per il sentimentalismo. Nel 1794, nel un atteggiamento comune, forse legato al
abietti. trattato Zoonomia, ovvero leggi della vita or- ricordo di alcuni scandali scoppiati nella
ganica, Erasmo Darwin ofriva un illumi- seconda metà del novecento, tra cui quello
Il culto della maternità nante riepilogo dell’atteggiamento otto- del latte in polvere adulterato spacciato in
Dottori, ilosoi e legislatori dell’illumini- centesco nei confronti dell’allattamento: Africa dalla Nestlé, che ha portato nel 1981
smo erano tutti concordi: le donne doveva- “Quando il bambino, subito dopo la nasci- al varo del codice internazionale sulla ven-
no allattare. “Quando le madri si degneran- ta, è accostato al seno della madre, comin- dita del latte per l’infanzia. Negli Stati Uni-
no di allattare i loro igli”, si legge nell’Emi- cia a percepire il calore, quindi sviluppa il ti, i medici dell’ottocento e del primo nove-
lio di Jean-Jacques Rousseau, “la morale senso dell’odorato, che si delizia con il pro- cento non solo non imponevano il latte ar-
risorgerà”. “Non esiste nutrice paragonabi- fumo del latte. Poi è il gusto a essere gratii- tiiciale alle loro pazienti, ma consigliavano
le a una madre”, scriveva Benjamin cato dal suo sapore, e gli appetiti della fame l’allattamento al seno. Molte donne, però,
Franklin nel 1785, dopo aver scoperto una e della sete ricavano piacere dalla digestio- si riiutavano, sostenendo di non avere lat-
mortalità infantile dell’85 per cento ne dell’alimento e, inine, al tatto si percepi- te.
nell’ospedale dove i trovatelli di Parigi ve- sce la morbidezza e la sericità della sorgen- Nel 1871 Charles Darwin, il nipote di
nivano nutriti dalle balie. Questa scoperta te del latte, la fonte di tanta varietà e felici- Erasmo, pubblicò il saggio The descent of
spiega anche perché, nella sua autobiogra- tà”. Mezzo secolo dopo, dall’altra parte man, in cui ipotizzava che la presenza di ca-
ia, Franklin si prese il disturbo di osservare dell’Atlantico, questo genere di idee aveva pezzoli non utilizzati negli esseri umani
rappresentasse una regressione a una fase
Da sapere precedente dell’evoluzione. Nel 1904, un
pediatra di Chicago sostenne che “l’allatta-
◆ L’allattamento al seno nei primi due anni di vita. Dati relativi al periodo 2000-2007, % mento al seno è gradualmente destinato a
Allattamento Allattamento Allattamento scomparire”. Le americane dei primi anni
esclusivo dopo lo prolungato del novecento erano così rainate, colte ed
svezzamento
educate che sembrava impossibile potesse-
ino a 4 mesi < 6 mesi 6-9 mesi 12-15 mesi 20-23 mesi
ro allattare, come un qualsiasi animale da
Africa subsahariana 39 31 68 90 51 fattoria. Questa considerazione ne nascon-
Africa meridionale e orientale 48 40 71 90 56 deva un’altra. Una donna bianca poteva
Africa centrale e occidentale 30 23 65 90 47 forse abbassarsi a fare quello che fa una ne-
Medio Oriente e Nordafrica 38 26 57 73 36 ra? Intere generazioni di donne nere, schia-
Asia meridionale 56 44 53 88 75 ve e libere, non solo avevano allattato i loro
Asia orientale e Paciico 63 43 45 54 27 bambini ma erano anche state le nutrici dei
America Latina e paesi caraibici - - - - - bambini bianchi. I teorici della razza esa-
Europa centrale e orientale 27 20 41 54 23 minarono il latte umano al microscopio: più
la madre era bianca, dichiararono, meno il
Paesi industrializzati - - - - -
latte era nutriente. Sui vellutati seni bian-
Paesi in via di sviluppo 51 38 55 77 51
chi, i capezzoli rosati erano diventati pure
Paesi meno sviluppati 47 37 64 91 64
vestigia. Non deve sorprendere, quindi, che
Mondo 51 38 55 76 50 le donne benestanti dichiarassero ai medici
Fonte: Unicef
di non avere latte. Nei primi dieci anni del

54 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


VALérIE WINCKLEr (rAPho/EyEDEA/CoNTrASTo)

novecento uno studio condotto su un cam- co di Boston, Fritz Talbot, passò tre giorni a laboratorio migliorò e gli alimenti per bam-
pione di mille donne di Boston rivelò che il cercare una nutrice. Non la trovò. Esaspe- bini, tra cui miriadi di inutili pappine, di-
90 per cento delle madri povere allattava rato, decise di fondare un servizio di collo- ventarono sempre più comuni. Alla metà
contro il 17 per cento di quelle ricche: più o camento per le balie, la Boston wet nurse del novecento, la maggioranza delle donne
meno il contrario di quello che accade oggi. directory. Dall’altra parte della città Francis americane comprava latte artiiciale. Eppu-
La crisi dell’allattamento al seno dipendeva Parkman Denny, che accudiva un bambino re una parte della società rimaneva ancora-
anche dalla difusione dei nuovi biberon, malato, chiese a una vicina di tirarsi ma- ta alla tradizione dell’allattamento al seno.
più igienici e facili da usare. Il primo brevet- nualmente un po’ di latte per nutrire il neo- “Con la sua testolina appoggiata al vostro
to americano per biberon fu registrato nel nato. Il piccolo migliorò dopo averne bevu- seno e il latte che gli scalda il corpicino, il
1841. La bottiglia, a forma di seno, si teneva ti appena cento grammi, e Denny, che era vostro bambino vi sente particolarmente
accanto al petto della madre. Anno dopo un batteriologo, si convinse del “potere vicine”, si legge nel libro L’arte femminile
anno, però, i biberon cominciarono a somi- battericida” del latte umano. L’anno suc- dell’allattamento, pubblicato nel 1958 dalla
gliare sempre meno al seno femminile. Il cessivo aprì la prima banca di latte umano Leche league, un’organizzazione interna-
modello cilindrico che conosciamo oggi, degli Stati Uniti, raccogliendo il latte delle zionale che promuove l’allattamento al se-
chiamato Stork nurser, fu realizzato nel donatrici con una pompa modellata sulle no. “Il vostro bambino sta acquistando sal-
1910 ed è legato alla nascita del mito della macchine per mungere i bovini. de fondamenta in un settore importante
cicogna, in inglese stork: il latte lo porta il della vita: sta imparando cos’è l’amore”.
lattaio e i bambini la cicogna. Dalle balie ai biberon Negli anni sessanta, allattare al seno co-
L’insistenza di Freud sul fatto che per i L’idea di Denny si dimostrò più eicace di minciò a tornare di moda, almeno tra le
bambini succhiare è un piacere sessuale, quella di Talbot: le famiglie che avevano donne più ricche. Poi, nei decenni successi-
ebbe l’efetto perverso di incoraggiare le bisogno di latte umano e potevano permet- vi, prese piede la scienza medica del latte
donne a sospendere l’allattamento: le terselo di solito non amavano ospitare in umano. Nel 1997 l’Accademia americana
mamme volevano tenere a bada il desiderio casa donne povere. Preferivano farsi con- di pediatria pubblicò un documento in cui
incestuoso dei igli, così li piazzavano sul segnare il latte in bottiglia. Talbot smise di si spiegava che il latte umano è “speciico
seggiolone e li nutrivano con il biberon. Nel trovare lavoro alle balie, cominciò a distri- della specie” e lo si c0nsigliava come ali-
frattempo, un numero sempre maggiore di buire il loro latte e ribattezzò la sua agenzia mento esclusivo per i primi sei mesi di vita.
donne partoriva in ospedale. In questo mo- Directory of mother’s milk. Quando le ban- Solo successivamente, si legge nel rappor-
do, per la prima volta nella storia dell’uma- che del latte sostituirono le nutrici, il latte to, è possibile introdurre una dieta che
nità, i bambini prematuri o sotto peso riu- umano cominciò a essere trattato come una comprenda cibi solidi, continuando però la
scivano a sopravvivere. Nel 1910, un medi- medicina. La qualità del latte prodotto in somministrazione di latte umano almeno

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 55


Scienza
PAULINe DANIeL (PICtURetANk)

ino al compimento del primo anno di età. nuto un tasso di allattamento del 95 per manuale serve non solo ad accumulare una
L’Accademia di pediatria citava anche alcu- cento nei primi mesi, mentre a livello na- riserva per le poppate future, ma anche a
ne ricerche che tracciano un rapporto diret- zionale l’obiettivo del 75 per cento non è far sì che la produzione non si interrompa e
to tra l’allattamento al seno e la minore in- stato ancora raggiunto. Il Centro statuni- che quindi la madre possa allattare natural-
cidenza di diverse malattie, tra cui la me- tense per il controllo e la prevenzione delle mente durante i fine settimana. Se una
ningite batterica, la diarrea, le infezioni del malattie, che ogni anno pubblica un rap- donna non nutre il iglio al seno con regola-
tratto respiratorio, le otiti, le infezioni del porto sull’allattamento al seno, ha reso no- rità, infatti, smette di produrre latte. Nel
tratto urinario, la sindrome da morte im- to che nel 2005 la percentuale di allatta- 1998 il parlamento ha autorizzato gli stati a
provvisa, il diabete mellito, la leucemia, il mento esclusivo al seno ino a sei mesi non usare i buoni alimentari del Programma
linfoma di Hodgkin, l’obesità e l’asma. I be- ha superato il 12 per cento. speciale di nutrizione integrativa per donne
neici dell’allattamento al seno sono evi- e bambini (Wic) per acquistare o noleggiare
denti ma la percentuale di bambini allattati Una soluzione di comodo pompe tiralatte.
al seno negli Stati Uniti è ancora bassa, una Uno dei motivi principali per cui le donne Le percentuali di allattamento al seno
contraddizione che è un dilemma comples- smettono di allattare è il lavoro. Il Family aumentano con l’età della madre, l’istru-
so per la sanità pubblica. and medical leave act del 1993, la legge che zione e il reddito. La Medela ha realizzato
Nel 2000 il dipartimento della salute ha regolamenta i permessi per motivi di salute un programma di consulenze gratuite per i
annunciato l’obiettivo di portare il tasso di e cure parentali, garantisce solo dodici set- datori di lavoro che cercano di ridurre l’as-
allattamento al seno tra le donne america- timane di congedo (non retribuito) per la senteismo e i costi dell’assistenza sanitaria
ne dal 64 per cento del 1998 al 75 per cento maternità. Una donna che torna al lavoro creando aree dove le madri lavoratrici tro-
entro il 2010. Secondo queste linee guida, dodici settimane dopo il parto deve trovare vano tutto quello di cui hanno bisogno per
le madri che allattano il iglio ino al sesto il modo per dare al iglio il suo latte per altri prelevare il latte con cui dovranno nutrire i
mese sarebbero dovute salire dal 29 al 50 nove mesi. Negli Stati Uniti, insomma, igli. La perdita di produttività, promette
per cento, mentre quelle che continuano manca il latte umano. Ci sono tre modi per l’azienda svizzera, è minima: “Se le dipen-
per un anno dal 16 al 25 per cento. Obiettivi risolvere questo problema: congedi più lun- denti utilizzano tiralatte sicuri ed eicaci, le
simili erano già stati annunciati dieci anni ghi, asili nido sul posto di lavoro e pompe pause non dovrebbero durare più di 10-15
prima. Questa strategia ha avuto un succes- tiralatte. Per adesso gli sforzi si sono con- minuti”. Anche sulle riforme legislative si è
so signiicativo, anche se non dappertutto. centrati sulla terza opzione, quella più faci- investito molto. Negli ultimi mesi molti sta-
Il Rush university medical center di Chica- le. La Medela distribuisce tiralatte in oltre ti hanno approvato leggi sull’allattamento
go, che ha organizzato un programma di novanta paesi, ma il suo mercato più ampio al seno incentrate sull’uso del tiralatte, che
auto-aiuto, il Mother’s milk club, ha otte- è negli Stati Uniti. Aspirare il latte in modo hanno sollevato ulteriori dubbi. Le aziende,

56 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


per esempio, devono fornire alle dipenden- sono un sotterfugio meschino per non con- di bambini e lattanti, per evitare che le ma-
ti anche i frigoriferi dove conservare il latte? cedere i congedi di maternità. Sarebbe dri possano prenderli in braccio di soppiat-
Finora ventuno stati, oltre a Portorico e a quindi lecito aspettarsi che questa mania to e concedergli una poppatina fugace.
Washington D.C., hanno chiesto che i dato- dei tiralatte – e soprattutto il tentativo di at- All’università del Minnesota, il personale
ri di lavoro compiano uno “sforzo ragione- taccarli al seno delle donne povere mentre munito di chiave può usare di nascosto una
vole” per agevolare le donne che allattano. alle grandi aziende vengono concesse age- stanza particolare per tirarsi il latte, anche
Le leggi, però sono ancora poco incisive. Di volazioni iscali – sollevasse più di una criti- se il cartello sulla porta ammonisce che
solito più l’azienda è grande e ricca, più at- ca. Per adesso non è così. La National orga- “questa stanza non è destinata alle madri
trezzate e confortevoli sono le stanze per il nization for women, per esempio, condivi- che devono allattare i igli”. Negli ultimi
pompaggio del latte. Le operatrici della de la strategia adottata: di recente la sua tempi, alcuni funzionari del Wic hanno co-
Goldman Sachs, per esempio, possono pre- presidente, Kim Gandy, ha chiesto più tira- minciato a esprimere il timore che la scelta
notare online il loro turno in stanze equi- latte e ha denunciato che “solo un terzo del- di promuovere l’uso delle pompe tiralatte
paggiate con sedie e tiralatte. Le bariste di le grandi aziende fornisce un locale sicuro possa avere ripercussioni negative, provo-
Starbucks sono costrette a fare la ila per e privato in cui le donne possano aspirare il cando “l’efetto indesiderato di scoraggiare
usare la toilette dei clienti. latte per i loro bambini”. Tuttavia, tra i pro- l’allattamento al seno”. Queste preoccupa-
Nel 2007 l’Oregon è stato il primo stato grammi di lattazione sponsorizzati dai da- zioni non sono servite a fermare i furibondi
ad approvare una legge che impone alle tori di lavoro e un’autentica vita familiare, attacchi all’uso del latte artiiciale. Fra il
aziende con più di venticinque dipendenti che comprende l’allattamento al seno, ci 2004 e il 2006, una campagna per la sensi-
di fornire locali adeguati per la lattazione. sono diferenze abissali. Certo, con le pom- bilizzazione all’allattamento al seno ha
Di recente la Virginia, il Maryland e altri pe si può mettere il latte materno in botti- mandato in onda uno spot in cui una madre
ventitré stati hanno deciso di non applicare glia. Ma molti dei beneici dell’allattamen- che dà latte in polvere al iglio viene parago-
le leggi sul decoro pubblico contro le donne to al seno, e tutti i suoi vantaggi sociali ed nata a una donna incinta che cavalca un
toro meccanico: “Non correresti mai un ri-
schio prima della nascita di tuo iglio. Per-
Le pompe tiralatte possono essere ché farlo dopo?”, recitava lo slogan. Nessu-
utili e talvolta salvare delle vite. Ma no, intanto, sembra preoccuparsi delle
donne che si pongono interrogativi di que-
dietro la loro difusione c’è sto tipo: “È meglio chiedere tre intervalli di
qualcosa di molto preoccupante venti minuti per tirare il latte sul lavoro o
usare il latte artiiciale e tornare a casa da
che espongono il seno mentre allattano i emozionali, non sono legati al liquido in mio iglio un’ora prima?”. I tiralatte posso-
igli. Se tirarsi il latte in pubblico sia osceno quanto tale ma ai sorrisi e ai gesti della ma- no essere comodi, certo. Ma servono so-
o meno non è stato ancora stabilito. Ma for- dre. Allattare al seno significa cullare il prattutto per sottrarsi a interrogativi ango-
se con questa proliferazione di stanze per la bambino. Estrarre il latte signiica applicar- sciosi in privato e sgradevoli in pubblico: è
lattazione il problema non si pone più. Altre si al seno delle coppe di plastica e vedere i la madre o il suo latte che conta di più per il
norme sono allo studio, per esempio per capezzoli che spruzzano un liquido bianco bambino? Le pompe sono uno dei pochi
dare agevolazioni iscali ai dipendenti e alle in un tubo. Questa diferenza, però, non modi per “promuovere l’allattamento al
aziende che permettono la lattazione e la sembra interessare nessuno. Nel 2004, seno” evitando con cura di toccare questio-
conservazione del latte. Il Maryland, per quando la Playtex distribuì una pompa tira- ni economiche e sociali controverse e di-
esempio, ha eliminato l’iva sulla vendita latte chiamata Embrace (abbraccio), nessu- scusse da tempo. Il latte è una medicina?
dei tiralatte. Intanto una commissione par- no si prese il disturbo di osservare che un Succhiare è amore? Ogni deinizione è in-
lamentare sta ancora valutando i diversi aggeggio attaccato alla spina è ben diverso gannevole.
aspetti del Breastfeeding promotion act, la da una carezza o da un bacio. Nel frattempo, Mamma ex machina, il
legge che promuove l’allattamento al seno. nuovo modello di tiralatte prodotto da Me-
Il progetto punta ad aggiungere il termine Come un bambino dela, offre l’innovativa tecnologia del
“lattazione”, inteso come atto del “nutrire Il comitato per l’allattamento al seno dei 2-phase expression: la fase uno “simula la ra-
un bambino direttamente dal seno o con medici di Rhode Island ogni anno conse- pida suzione iniziale del bambino per sti-
latte estratto dal seno”, al Civil rights act, la gna un premio all’azienda che più si è impe- molare un immediato lusso di latte”, la fa-
legge sui diritti civili del 1964, e a concede- gnata per favorire l’allattamento naturale. se due “simula la suzione più lenta e pro-
re un credito iscale ino a diecimila dollari Il punto è che i parametri per attribuire il fonda del bambino per la massima eroga-
all’anno alle società che forniscono tiralatte riconoscimento sono essenzialmente le co- zione di latte in minor tempo”. Questi
alle dipendenti. Il nuovo provvedimento modità presenti nella zona per l’estrazione nuovissimi dispositivi, promette l’azienda,
potrebbe anche chiamarsi Legge per la pro- del latte. La “stanza della quiete” che “funzionano proprio come un bambino”.
mozione delle pompe tiralatte. quest’anno ha vinto la medaglia d’oro è do- Come un bambino? Forse le donne sono
La politica della promozione dei tiralat- tata di “un lavandino, una serratura alla diventate le nutrici di se stesse. u gc
te può sembrare apparentemente condivi- porta e materiale di lettura”. Tutti sembra-
sibile. Questi strumenti possono essere no aver dimenticato che favorire l’allatta- L’AUTRICE
utili e, in certi casi, possono salvare la vita mento al seno dovrebbe signiicare permet- Jill Lepore è professoressa di storia americana
dei bambini. Ma dietro la loro difusione c’è tere alle donne e ai loro bambini di stare all’università di Harvard. Collabora con il New
qualcosa di molto preoccupante. Le stanze insieme. Nelle stanze per la lattazione di Yorker. Il suo ultimo libro è Blindspot (Spiegel &
per la lattazione comode e ben attrezzate alcune aziende è perino vietato l’ingresso Grau 2008), scritto con Jane Kamensky.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 57


Portfolio

La speranza
degli albini
Decine di albini sono stati uccisi in Tanzania negli ultimi
anni in nome di antiche superstizioni. Ma la comunità ha
deciso di reagire. Il reportage di Johan Bävman

D
iscriminati da decenni in gran parte e delle organizzazioni umanitarie hanno già dato
dell’Africa, gli albini lottano per so- i primi frutti: a maggio il governo ha proclamato
pravvivere in un ambiente diicile. la prima giornata nazionale degli albini. Nell’oc-
Sofrono di una malattia genetica ca- casione il vicepresidente Ali Mohamed Shein ha
ratterizzata dall’assenza di pigmentazione della annunciato la ratiica della Convenzione interna-
pelle, dei capelli e degli occhi, e hanno una predi- zionale sui diritti delle persone con disabilità, che
sposizione al cancro della pelle. Gli albini tanza- si applica anche ai 150mila albini del paese. Con-
niani sono emarginati già a scuola e al termine temporaneamente è stata lanciata una campagna
degli studi sono spesso costretti ad accettare la- che garantisce l’anonimato a chi denuncia i crimi-
vori sottopagati. Inoltre da alcuni anni sono vitti- ni commessi contro gli albini. Il mese scorso il
me di omicidi rituali: secondo un’antica supersti- tribunale della regione di Shinyanga, nel nord del
zione, chi possiede i loro organi avrà ricchezza e paese, ha condannato per la prima volta a morte
fortuna. Dal 2007 più di cinquanta albini, molti tre persone per l’omicidio di un albino di 14 anni.
dei quali bambini, sono stati uccisi e mutilati in
Tanzania, e molti altri in Burundi. Johan Bävman, svedese, è nato nel 1982. Il suo la-
Alcuni anni fa per difendere la comunità è na- voro sugli albini è arrivato secondo nella categoria
ta l’Associazione degli albini tanzaniani, diretta Temi di attualità del World press photo 2009 (Mo-
da Ernest Kimaya. Le pressioni dell’associazione ment/Grazia Neri). u

58 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Sopra: alunni della
scuola Mitindo,
frequentata dagli
albini. Nella pagina
accanto: Neema
Joseph, 12 anni, si
fa tagliare i capelli
da un’amica. In
basso, da sinistra: il
villaggio di
Mwanza; Nasoro
Majige nella scuola
Mitindo.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 59


Portfolio

In questa pagina, dall’alto cancro della pelle e, chi ne


in basso: la scuola Mitindo sofre, dovrebbe evitare i
vicino al villaggio di raggi solari. I tumori, che
Mwanza, fondata non vengono curati a causa
dall’associazione degli della povertà, uccidono
albini per proteggere i molti albini in tenera età.
bambini dalle Inoltre gli albini sviluppano
discriminazioni; Hawa Ali, spesso gravi disturbi alla
19 anni, colpita da un vista. A sinistra, Selina
cancro alla pelle. Hawa vive Robort, 10 anni, in un’aula
nella regione di della scuola Mitindo. Nella
Mwananyamala, una delle foto grande: la ricreazione
più povere della Tanzania, in cortile. In alto, al centro:
e non può permettersi alunni all’interno
un’operazione. La forma dell’istituto. A destra:
ereditaria della malattia Mwanaidi Mwinyiarida e
crea una predisposizione al Selina Robort.

60 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 61
Ritratti

Alastair Crooke
Una spia a Beirut
David Samuels, Mother Jones, Stati Uniti. Foto di Jason Larkin
È stato agente dei servizi Grazie al Conlicts forum sono arrivati del progetto ideologico del regime iraniano
segreti britannici e consigliere nella regione alcuni ex militanti dell’Ira e e per i suoi giudizi indulgenti su Al Manar,
dell’African national congress per insegna- il canale televisivo di Hezbollah. Al termine
di Tony Blair per il Medio re ai terroristi come si diventa politici di di un incontro del Conlicts forum, invece,
Oriente. Oggi sta dalla parte di professione. Ma l’obiettivo principale del il giornalista britannico Stephen Grey si è
Teheran e dell’islam sciita gruppo è far incontrare i diplomatici e gli chiesto se sia lecito “scherzare con gli uo-
agenti dei servizi segreti occidentali con i mini di Hamas davanti a un piatto di gam-

L’
hotel Albergo, in una stra- rappresentanti di Hamas e di Hezbollah. beroni, avocado, pasta e pomodorini”.
dina tranquilla nell’ele- “Gli incontri importanti non avvengono
gante quartiere di Ashra- durante gli eventi organizzati dal Conlicts Liberarsi da Cartesio
fieh, a Beirut, è il luogo forum, ma dopo le riunioni, nei ristoranti, Incontro Crooke all’ultimo piano dell’hotel
ideale per incontrare una nelle stanze d’albergo e negli appartamenti Albergo. Ha l’aspetto giovanile, le orecchie
spia. Alcuni pappagallini privati”, mi racconta un agente segreto. da folletto, il naso appuntito e gli occhi se-
verdi schiamazzano in una gabbia all’in- I candidati islamisti che piacciono a reni, issi sul suo interlocutore. Appesa al
gresso. Nella hall il profumo di sandalo si Crooke hanno vinto le elezioni palestinesi muro alle sue spalle c’è una citazione del
mescola all’odore dei libri della biblioteca: nel 2006. Quest’anno, però, sono stati Corano: “Il vincitore è colui che ama Dio”.
volumi d’epoca coloniale rilegati in pelle, sconitti alle elezioni in Libano e hanno in- I consiglieri del Conlicts forum sono un
testi di storia romana in francese e un’anti- contrato una forte opposizione in Iran. gruppo eclettico: c’è il leader politico nor-
ca enciclopedia britannica. La reception “Non ci sono prove che le elezioni siano dirlandese lord Alderdice, l’ex detenuto di
sta in un angolo, di fronte al bar. Seymour state truccate”, dice Crooke a proposito Guantanamo Moazzam Begg e anche Milt
Hersh, il giornalista del New Yorker, tra- delle presidenziali iraniane. “Gli occiden- Bearden, l’ex capo della Cia in Pakistan che
scorre qui le sue vacanze di Natale e molti tali tendono a ignorare un fatto: in Iran ci negli anni ottanta forniva le armi ai mujahi-
rappresentanti del governo libanese cena- sono due fazioni in conlitto tra loro, en- din afgani. Il forum, mi spiega Crooke,
no regolarmente nell’elegante ristorante trambe convinte di rappresentare i veri all’inizio era inanziato da donazioni priva-
italiano al secondo piano. princìpi della rivoluzione”. te, mentre oggi riceve sovvenzioni dalla
Oggi il più oscuro e inluente tra gli ospi- Scegliendo di schierarsi dalla parte dei Commissione europea, ma le dimensioni
ti issi dell’hotel è probabilmente Alastair “combattenti per la libertà” islamici e dei del budget a disposizione restano un miste-
Crooke, un ex agente segreto britannico. religiosi assetati di potere, Alastair Crooke ro. Quando gli chiedo se il Conlicts forum
Nella sua vita ha fatto da mediatore nelle si è attirato molte critiche. Nella recensione ha a che vedere con la decisione del mini-
trattative con l’Ira, ha rifornito di armi i del suo libro Resistance: the essence of the stero degli esteri britannico di aprire il dia-
mujahidin in Afghanistan, ha seguito i islamist revolution, l’Economist lo prende logo con l’ala politica di Hezbollah mi lan-
guerriglieri colombiani nella giungla ed è in giro per il suo entusiasmo nei confronti cia un’occhiata cordiale: “Non glielo so di-
stato l’uomo di iducia di Tony Blair in Me- re. A noi non hanno detto niente”. Nemme-
dio Oriente. Nel 2003, dopo trent’anni di no i suoi interlocutori di vecchia data sono
attività, è stato richiamato in patria e con- Con la sua giacca in grado di valutare quanta inluenza ab-
gedato con un’onoriicenza per i servizi re- biano Crooke e il suo gruppo. “Abbiamo
si. A Londra e a Gerusalemme girava voce
sportiva marrone, partecipato spesso a eventi del Conlicts
che Crooke si era alienato le simpatie di i pantaloni alla forum”, mi dice Ibrahim Moussaoui, un
Blair perché si era avvicinato troppo ai mi- portavoce di Hezbollah. “Per quanto ri-
litanti islamisti. Ma poco dopo è tornato
marinara e la camicia guarda quello che Alastair sta facendo in
alla ribalta con la fondazione del Conlicts a righe, sembra un Libano, forse ne sapete di più voi occiden-
forum, un gruppo che ha sede a Beirut e or- tali”. Con la sua giacca sportiva marrone, i
ganizza conferenze ed eventi con lo slogan:
facoltoso addestratore pantaloni alla marinara e la camicia a righe,
“Ascoltare l’islam politico, riconoscere la di cavalli da corsa Crooke sembra un facoltoso addestratore
resistenza”. di cavalli da corsa. Parla con una voce som-

62 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Ritratti
messa che dissimula il piacere che prova nel 1914, in cui un evento casuale può sca­
per le idee estremiste. L’opinione difusa tenare una reazione a catena in grado di
secondo cui i sunniti alleati dell’occidente cambiare il mondo. Basterebbe che un pae­
sono dei moderati, mentre gli sciiti iraniani se come la Siria, Israele o l’Egitto facesse il
rappresentano l’islam radicale, sostiene passo più lungo della gamba e gli efetti sa­
Crooke, è sbagliata. Gli estremisti in realtà rebbero catastroici.
si identiicano proprio con l’ideologia wa­
habita dei sauditi che è all’origine di Al Scommesse romantiche
Qaeda: mentre l’islam sunnita si fonda su Ribadisce questa sua convinzione quando
un’interpretazione letterale del Corano, ci incontriamo a pranzo a New York. È in
l’islam sciita è aperto al dibattito accade­ città per un convegno, di ritorno da un viag­
mico ed è più permeabile alla speculazione gio a Washington, dove alcuni rappresen­
ilosoica e al dialogo con l’occidente. Ha­ tanti del dipartimento di stato lo hanno
mas, invece, sarebbe l’esempio di un grup­ rassicurato sul fatto che sono in vista grandi
po sunnita positivamente influenzato cambiamenti. “La possibilità dell’interven­
dall’ideologia radicale sciita. L’evento ca­ to diretto di una potenza occidentale non è
talizzatore che ha risvegliato il mondo scii­ all’ordine del giorno”, mi spiega Crooke.
ta è stato, secondo Crooke, la rivoluzione Questo signiica, secondo lui, che l’Egitto e
iraniana del 1979. Estendere la teologia i governi sunniti conservatori del Golfo, per
islamica iraniana al mondo arabo è l’unica la prima volta da quando i paesi arabi han­
via possibile per trasformare in profondità Alastair Crooke no ottenuto l’indipendenza, sono liberi di
le società sunnite che attraversano un pro­ disputarsi il controllo della regione con gli
fondo stato di decadimento sociale e intel­ anni è stato mandato dai genitori in una sciiti di Hezbollah e l’Iran. “La posizione
lettuale. “Gli sciiti stanno cercando di tra­ scuola sperimentale in Svizzera dove ha degli Stati Uniti e dell’Europa”, dice con
sformare l’individuo liberandolo dalla cominciato a detestare il pensiero occiden­ tono distaccato “è un modo per negare
stretta del cartesianesimo occidentale”. tale convenzionale. L’eccentrico connubio l’evidenza”. E una vittoria iraniana nella
Indica il tavolo con le orchidee: “Quello è il tra il suo status di iglio dell’establishment guerra ideologica che divide il mondo mu­
mondo reale e il resto è fantasia”. La deci­ britannico e la controcultura lo ha aiutato a sulmano potrebbe estendere il potere di
sione di Crooke di difendere le dottrine comprendere l’atteggiamento mentale de­ Teheran sul petrolio e sulle rotte di naviga­
folli del regime iraniano fa pensare che gli estremisti con cui ha avuto a che fare. Il zione del golfo Persico, oscurando l’Arabia
Conlicts forum sia un’attività di copertura suo lavoro di mediazione segreta con l’Ira Saudita. In questo modo il raforzamento
del governo di Teheran. Eppure la presenza era stato facilitato dal passaporto irlandese dell’Iran limiterebbe la capacità di Israele
nel gruppo di elementi dell’establishment e da una profonda avversione per Oliver di usare la forza contro i suoi nemici e met­
inglese e statunitense suggerisce il contra­ Cromwell. terebbe fine all’asse politico Stati Uniti­
rio. Visto il suo passato da spia può darsi Non è difficile capire perché Crooke Arabia Saudita­Egitto. A Crooke questa
che Crooke stia semplicemente scimmiot­ consideri la rivoluzione iraniana un evento ipotesi piace. Anche se l’eventuale crescita
tando il linguaggio della resistenza islami­ positivo né perché, dopo una vita trascorsa di Teheran sembra spaventosa è l’unico
ca e stia nascondendo le sue vere convin­ a stringere accordi segreti con uomini vio­ modo per riportare su presupposti accetta­
zioni. Sicuramente è un abile negoziatore. lenti per conto dei governi occidentali, sia bili le relazioni tra il mondo musulmano e
Un documento dell’Autorità palestinese così cinico rispetto ai diritti umani e ai valo­ l’occidente. Ma l’idea di rovinare i rapporti
sequestrato da Israele nel 2002 riporta la ri democratici. Sulle questioni politiche è commerciali con l’Arabia Saudita, l’Egitto e
trascrizione di un incontro tra Crooke e un osservatore acuto. Un eventuale cam­ Israele per una scommessa romantica sul
quattro importanti membri di Hamas, biamento della politica americana nei con­ regime iraniano, è una mossa azzardata per
compreso lo sceicco Ahmed Yassin, il lea­ fronti dell’Iran potrebbe avere molte con­ la maggioranza dei paesi occidentali.
der del gruppo costretto sulla sedia a rotelle seguenze, sostiene, e l’amministrazione Quello che distingue Crooke da analisti
e ucciso da Israele nel 2004. Dopo aver rac­ Obama dovrebbe tenerlo presente. È anche del Medio Oriente più convenzionali e ipo­
contato dei pettegolezzi su Washington, convinto che la situazione attuale in Medio criti è il fatto di non voler sottostimare il
Crooke disse che l’occupazione israeliana Oriente è paragonabile a quella di Sarajevo conlitto tra oriente e occidente: per lui è
era il problema più grande della regione. uno scontro all’ultimo sangue. Le tesi di
Yassin era d’accordo e rispose che l’intero Biograia Crooke piacciono a chi è disposto ad accan­
stato di Israele era un territorio arabo occu­ tonare le idee illuministe sui diritti umani
pato. “Visto che avete appoggiato i combat­ ◆ 1949 Nasce in Irlanda. per un sogno di armonia tra le civiltà. Che
tenti afgani avreste potuto sostenere anche ◆ 1968 Frequenta l’università di Saint importa se le donne che vivono nei paesi
me”, disse a Crooke contestando la deci­ Andrews in Scozia. musulmani devono coprirsi, se gli studenti
◆ 1997 Diventa consigliere speciale
sione dell’Europa di inserire Hamas di Teheran vengono uccisi per strada o se i
dell’Alto rappresentante per la politica
nell’elenco delle organizzazioni terroriste. mullah cercano di costruire una bomba
estera e la sicurezza comune dell’Unione
Crooke non perse l’occasione per soiare europea, Javier Solana.
atomica? È presto per dire se l’impegno di
sul fuoco: “Ha ragione. Io odio il termine ◆ 2004 Fonda e dirige il Conlicts forum, Crooke passerà alla storia come una svolta
terrorismo”. che ha sede a Beirut. nelle relazioni tra occidente e islam o un
Alastair Crooke ha sempre frequentato ◆ 2009 Pubblica il libro Resistance: the insensato tentativo di dialogo con gente
culture diverse. Nato in Irlanda, a dodici essence of the islamist revolution. poco ragionevole. ◆ sv

64 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Viaggi

Una stanza
per scrivere
Monica Ali, Prospect, Gran Bretagna
La scrittrice britannica Monica rato quel mondo. Ho passato molto tempo
Ali spiega perché nell’ultimo in cinque grandi hotel di Londra e l’accordo
era che non li avrei resi riconoscibili. Ho
secolo gli alberghi sono parlato con tutti, dai direttori agli addetti
diventati i luoghi ideali dove alla reception, ma soprattutto sono andata
ambientare un romanzo nelle cucine per parlare con il personale e
assorbire l’atmosfera di quei luoghi.

P
rova a immaginare: sei uno Come osserva uno dei miei personaggi,
scrittore e hai una scaden- le cucine degli alberghi somigliano alle as-
za. Sei all’inizio di un libro e semblee delle Nazioni Unite: sono una fon-
hai bisogno di concentra- te di storie di ogni tipo. Sono luoghi dove si
zione. Non vuoi pensare lavora sotto pressione e dove si crea un in-
alla tua vita, ma solo a lavo- sieme di confronti drammatici. Si potrebbe
rare. Vuoi la scritta “non disturbare” appesa dire la stessa cosa di qualsiasi cucina, ma
alla maniglia della porta e qualcuno che una volta entrata nel mondo degli alberghi
faccia le pulizie e prepari da mangiare a ho capito che con nessun’altra cucina que-
qualsiasi ora tu decida di fare una pausa. sto paragone avrebbe funzionato così bene.
MANDARINORIENtAL.COM

Hai bisogno di andare in albergo. L’ho fatto Lo sfondo mi permetteva di usare un venta-
anch’io. A quel punto ci sei solo tu e la pagi- glio più ampio di personaggi e di esaminare
na bianca. Si racconta che Douglas Adams idee, tensioni e conlitti in una porzione più
una volta sia stato chiuso a chiave in una ampia della società. Avevo tanto di quel
stanza d’albergo dal suo editor e costretto a materiale che è stato diicile capire da dove
scrivere. Quando gli chiesero com’era an- cominciare.
data, Adams rispose: “Io scrivevo a macchi- La residenza degli scrittori nel
na, mentre il mio editor era seduto in pol- Il facchino ingegnere Bangkok Mandarin Oriental
trona e mi guardava minaccioso”. Poi ho preso un ritaglio di giornale che con-
Gli scrittori hanno un rapporto antico e servavo da un paio d’anni. Raccontava del- quando gli ospiti interagiscono. Meglio an-
profondo con gli alberghi. L’Algonquin e il la morte di un facchino ucraino trovato cora, queste interazioni richiedono il mini-
Chelsea a New York , il Savoy a Londra, nudo nei sotterranei del Café Royal a Pic- mo di preparazione narrativa: basta il ruo-
l’Hotel des Bains a Venezia, l’Ambos Mun- cadilly durante le vacanze di Natale del tare di una porta girevole. Grand Hotel, il
dos a La Avana, il Bangkok Mandarin 2003. Il facchino, un ingegnere che lavora- romanzo del 1929 di Vicky Baum (da cui è
Oriental e il Rales a Singapore sono solo va illegalmente per mantenere la iglia ri- tratto il ilm del 1932) dimostra questo prin-
alcuni dei luoghi che hanno fatto la storia masta a casa, viveva nel locale della caldaia cipio alla perfezione. Sei persone si ferma-
della letteratura. E come dimostrano due all’insaputa dei suoi datori di lavoro. Dor- no in un albergo e nei successivi cinque
libri scritti e in parte ambientati all’hotel miva nudo per il caldo, sembra, ed era mor- giorni le loro vite si intrecciano. Il romanzo
Chelsea di New York – il romanzo La città to dopo una caduta accidentale. Questa di Baum si muove continuamente tra per-
invincibile di Joseph O’Neill (2008) e il mio storia tragica, che dice così tanto su questi sonaggi, storie e luoghi diversi, e solo il
nuovo romanzo In the kitchen, che racconta mondi diversi che convivono all’interno di Grand Hotel fa da collante a tutti questi
la storia di Gabriel Lightfoot, capo chef uno stesso edificio, ha ispirato la morte frammenti. Lo stile distaccato della narra-
nell’immaginario Imperial hotel di Londra all’inizio del mio romanzo. Una morte che zione sembra sottolineare un’idea centrale:
– gli alberghi continuano a esercitare una ossessionerà il protagonista del libro. non lasciatevi coinvolgere troppo dai clien-
forte attrazione sugli scrittori, non solo co- La mia decisione di ambientare gran ti, presto se ne andranno e altri prenderan-
me supporto dello sforzo creativo ma anche parte dell’azione in un albergo non è certo no il loro posto. La sintesi di stile (che è tutto
come soggetto di quella creatività. originale: gli hotel sono stati lo sfondo di superficie), contenuto (ogni cliente è un
Le ricerche per scrivere In the kitchen so- molti romanzi nell’ultimo secolo. Ofrono personaggio tipo) e ambientazione (il mon-
no durate un anno. Ho letto una montagna opportunità ininite. Ogni ospite potenzial- do artiiciale dell’hotel) fa di questo roman-
di saggi sull’attività alberghiera e ho esplo- mente ha una storia. Altre storie nascono zo un classico del modernismo.

66 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


stabilisce una presenza isica potente e mi-
steriosa. King racconta gli episodi di violen-
za nell’hotel attraverso conversazioni, regi-
strazioni e visioni, ma anche con i dettagli
degli oggetti: “Qui c’era la storia, davvero, e
non solo nei titoli dei giornali. Era sepolta
tra la colonna delle entrate di quei registri e
nei libri dei conti”. Inavvertitamente, ma
con insistenza, attribuisce all’albergo quali-
tà umane o animali. “Sembrava che l’Over-
look li avesse inghiottiti”. La caldaia “si
trascina”, l’ascensore “geme” e Jack Tor-
rance “sente il peso dell’Overlook gravargli
addosso”, così quando all’hotel viene attri-
buita una mente propria (“all’Overlook lui
non piaceva”), non ne siamo afatto sorpre-
si. Quando il posto prende letteralmente
vita, sembra agghiacciante ma del tutto na-
turale che possa avvenire.

Specchio dei cambiamenti


Assassini e suicidi abbondano nella storia
dell’Overlook. Inoltre gli alberghi si presta-
no per natura a un comportamento tra-
sgressivo. Nel loro arbitrario rimescola-
mento sociale limiti e tabù vengono spesso
messi alla prova e questo dà vita a un parti-
colare sottogenere di romanzi gialli. Anche
il sesso, soprattutto quello illecito, è un altro
ingrediente fondamentale. È particolar-
mente adatto agli alberghi (grazie alla vici-
nanza di spazi pubblici e privati e alla mag-
giore scelta di partner potenziali), e garan-
tisce una costante fascinazione creativa.
Nel suo studio del 2006, The hotel as set-
ting in early 20th century german and au-
strian literature (L’albergo come scenario
L’esempio di Baum è stato seguito da dente, un gangster, una squillo?). Perino un nella letteratura tedesca e austriaca del pri-
altri, seppure con esiti diversi. Hotel (1965), oggetto all’interno di una stanza può ofrire mo novecento), ecco cosa dice Bettina Mat-
di Arthur Hailey, malgrado il successo di degli spunti, come quelli che Arnold Ben- thias a proposito di America, di Franz Kaka,
pubblico non raggiunge mai l’armonia di nett è pronto a sfruttare: “Uno dei grandi in cui il sedicenne Karl Rossman viene al-
forma ed estetica di Baum. I personaggi ti- vasi sul piedistallo ha una fessura, risultato lontanato dalla Germania e inviato negli
pici ci sono: il ladro di professione, il play- del duro trattamento riservatogli durante Stati Uniti in seguito a uno scandalo sessua-
boy, la bella ragazza, il cliente apparente- una turbolenta moscacieca giocata una le: “Kaka avrebbe potuto mandare il suo
mente umile ma in realtà ricco. Ma questo notte da quattro giovani principesse, un re giovane protagonista a lavorare per
non basta a farne un buon romanzo. Am- dei Balcani e i suoi aiutanti”. Ma in un hotel un’agenzia di assicurazioni o in qualche al-
bientare l’azione in un albergo non garanti- c’è sicuramente molto di più di un’atmosfe- tra anonima istituzione, come ha fatto in
sce nulla sul piano artistico, se la caratteriz- ra ricca di storie. L’ambiente dell’albergo ha tante altre storie. Ma Kaka ha bisogno di un
zazione e lo sviluppo narrativo sono deboli. molto da ofrire anche quando l’autore de- ambiente che rappresenti un’esperienza
Però il romanzo ci guida in una visita cide di concentrarsi sui personaggi. totale, in cui il giovane è assediato da ogni
dell’hotel dietro le quinte, tra cameriere, Un hotel, quasi più di qualsiasi altro sce- lato, socialmente, professionalmente, cul-
centraliniste e aiuto cuochi, raccontandoci nario, può diventare un personaggio auto- turalmente e psicologicamente”. L’Hotel
anche le vicende di fattorini, baristi e impie- nomo. Ha il massimo di carattere che un Occidental, sostiene Matthias, diventa “il
gati. Ci spiega tutto, da quello che succede ediicio può raggiungere. E nessun roman- simbolo del paese nel suo insieme e dell’in-
al burro che viene rispedito in cucina a co- ziere ha saputo sfruttarlo meglio di Stephen terazione umana nell’era del capitalismo,
me si fanno le porzioni dei piatti per un ban- King in Shining (1977). King trasforma dell’atomizzazione, dell’anonimato e della
chetto. l’Overlook hotel in un personaggio eccezio- burocrazia”. Quindi, un albergo ha la capa-
Gli alberghi regalano storie agli scrittori. nalmente forte. Fin dalle prime “casuali cità di assumere non solo un carattere pro-
La presenza di un ospite non è strettamente occhiate” lanciate dalla strada alla “sua ila prio, ma anche quello di tutta la società.
necessaria, perché basta la storia di una massiccia di inestre rivolte a ovest su cui, I primi anni del secolo avevano visto
stanza d’albergo e dei suoi ospiti (un presi- rilettendosi, rimbalzavano i raggi del sole”, un’esplosione di letteratura ispirata agli al-

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 67


Viaggi
berghi, specchio di un’epoca di enormi
cambiamenti sociali su entrambe le sponde
Nessun’altra Questo scenario richiama alla memoria
La morte a Venezia (1912), di Thomas Mann,
dell’Atlantico. Mentre nascevano le opere ambientazione ambientata nel Grand Hotel des Bains sul
degli autori studiati da Matthias – Kaka,
Stefan Zweig, Franz Werfel, Joseph Roth,
contemporanea ofre Lido di Venezia. Qui la vita è uno spettacolo
osservato da dietro la maschera, come se gli
Thomas Mann – anche gli scrittori america- le stesse opportunità ospiti non fossero altro che attori su un pal-
ni come Edith Wharton, Henry James e Sin-
clair Lewis parlavano di alberghi. E scrittri-
di mescolare così coscenico. Il protagonista del romanzo,
Aschenbach, si tiene occupato proprio con
ci britanniche come Rosamond Lehmann, intimamente questo genere di osservazione distaccata
Jean Rhys, Evelyn Waugh ed Elizabeth Bo-
wen hanno fatto tutte ricorso nelle loro ope-
i personaggi ino all’arrivo del ragazzo, Tadzio, che di-
venterà la sua tragica ossessione. Da questo
re ad alberghi letterari, in un periodo in cui momento in poi, la trasgressione di Aschen-
abbondavano anche i libri di viaggio (J.B. bach nel desiderare Tadzio è costantemen-
Priestly, George Orwell). te sottolineata da un’altra trasgressione: la
L’hotel come istituzione è un prodotto violazione della “forma” e dei codici sociali
dell’industrializzazione e dello sviluppo dell’albergo. Aschenbach non fa nient’altro
che si veriicarono tra la ine dell’ottocento che osservare Tadzio, ma il suo sguardo è
e l’inizio del novecento, ed è quindi un otti- intenso e ossessivo mentre dovrebbe essere
mo punto di osservazione per studiare quei sala per settecento persone”, aggiungendo distratto e disinteressato.
cambiamenti. La nascita di una borghesia che “il bufo ovviamente è che il tè è un’oc-
ricca e il passaggio da una società sedenta- casione intima”. Il simbolo del capitalismo
ria a una società che amava viaggiare si ri- Dressler chiede di poter dissentire. E i L’idea dell’albergo come palcoscenico, un
letteva nella letteratura con una forte at- suoi pensieri sembrano dare forma all’im- set su cui recita un cast eternamente mute-
tenzione ai nuovi spazi moderni. In questi minente ventesimo secolo. “Naturalmente, vole, ofre agli scrittori molte opportunità
spazi cominciavano a saltare i rigidi conini capiva che lei non si riferiva soltanto alle drammatiche. Come osserva l’addetto alla
tra pubblico e privato che ino ad allora era- dimensioni, ma a un particolare cambia- reception nello splendido romanzo Hotel
no stati così importanti per consolidare mento su cui egli stesso si era sofermato a Calcutta, di Sankar, ambientato in un vec-
l’identità borghese. riflettere: l’espansione dei piccoli eventi chio albergo di Calcutta, “questo posto
Ironicamente, uno dei romanzi che me- privati in grandi eventi pubblici”. avrebbe dovuto chiamarsi Teatro Shahja-
glio riesce a cogliere questo momento è sta- Quest’esistenza “nuova” e “moderna”, han invece di Hotel Shahjahan”. Hotel Cal-
to pubblicato nel 1997. Martin Dressler. Il tuttavia, comporta un grave onere. Dressler cutta, pubblicato per la prima volta in ben-
racconto di un sognatore americano, con cui vive in un limbo esistenziale, una sorta di no galese nel 1962, ma da poco tradotto anche
Steven Millhauser ha vinto il premio Pulit- man’s land che ha la sua rappresentazione in inglese, fa capire perché gli scrittori ami-
zer, è un’invocazione iabesca della New più vivida quando l’ultimo hotel del prota- no ambientare i loro romanzi negli alber-
York di ine secolo. Dressler – un lâneur che gonista, il Gran Cosmo, “un mondo in se ghi. È innanzitutto e soprattutto un roman-
passa la vita in spazi semipubblici osservan- stesso”, comincia a fallire. Di fronte alla zo “sociale”, che esamina le ingiustizie
do e ragionando, né perfettamente inserito scomparsa dei clienti per il suo “nuovo mo- della società attraverso la miseria di molti
né decisamente estraneo, né solo né parte do di vivere”, Dressler ingaggia degli attori dipendenti (alcuni camerieri sono perino
di un gruppo – nasce in una famiglia povera che interpretino il ruolo degli ospiti. E men- costretti a dormire per strada) e la corruzio-
e arriva a possedere una catena di alberghi. tre vaga nei saloni, Dressler non ha modo di ne e l’ipocrisia dei ricchi clienti dello
I suoi sogni sembrano quasi imporre ai grat- distinguere i clienti dalle comparse. Alla i- Shahjahan. Nessun’altra ambientazione
tacieli del futuro di esistere. Un giorno una ne, ingaggia un altro attore per interpretare contemporanea ofre le stesse opportunità
cliente di uno dei suoi hotel racconta di aver se stesso e si allontana dall’hotel verso un di mescolare così intimamente personaggi
preso il tè in un grande magazzino in “una futuro incerto. poveri e ricchi. Quando Nityahari, il dhobi
(lavandaio) timorato di Dio, deve cambiare
Questo articolo le lenzuola della ricca e adultera Mrs Pa-
krashi, chiede che l’acqua gli venga versata
◆ Monica Ali è una scrittrice ◆ Alcuni romanzi di cui si del cavaliere d’industria Felix sulle mani: “Devo lavare via i loro peccati,
britannica nata a Dacca, in parla nell’articolo. Krull, Mondadori 2000, 7 vero?”.
Bangladesh, nel 1967, da ◆ Joseph O’Neill, La città euro. Un senso di ingiustizia sociale alimenta
padre bangladese e madre invincibile, Rizzoli 2009, 19 ◆ Joseph Roth, La tela del anche Hotel Savoy (1924), un romanzo bre-
inglese. Ha studiato a Oxford. euro. ragno-Hotel Savoy-La ve di Joseph Roth. Anche se qui Roth prefe-
Il suo primo romanzo, Brick ◆ Sankar, Hotel Calcutta, Neri ribellione-Il peso falso, Adelphi risce non esplorare la divisione tra dipen-
Lane, è stato selezionato nel Pozza 2009, 18 euro. 1983, 25 euro. denti e ospiti dell’albergo. È l’hotel a rap-
2003 tra i cinque inalisti del ◆ Franz Kaka, America, ◆ La prossima settimana.
presentare il simbolo del capitalismo e dello
Booker prize. Nello stesso Garzanti libri 2007, 8,50 euro. Viaggio a Kumzar, in Oman.
sfruttamento. Si scoprirà infatti che è l’os-
anno la rivista letteraria ◆ Thomas Mann, La morte a Ci siete stati e avete
Granta l’ha eletta migliore Venezia, Einaudi 2006, 7,80 suggerimenti su tarife sequioso ragazzo dell’ascensore, una delle
giovane scrittrice britannica. euro. vantaggiose, libri, posti dove mansioni più umili dello staf, il vero pro-
Vive a Londra, è sposata e ha ◆ Stephen King, Shining, mangiare, dormire o fare delle prietario. Per Roth in particolare, un ebreo
due igli. Il suo ultimo libro è Bompiani 2001, 9,20 euro. escursioni? Scrivete a austriaco che scriveva negli anni venti – cioè
In the kitchen (2009). ◆ Thomas Mann, Confessioni viaggi@internazionale.it. in un periodo di intenso attivismo della de-

68 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


determinante nella scelta dell’ambienta-
zione.
Ma come suggerisce il titolo, In the
kitchen è incentrato soprattutto su una certa
parte del microcosmo sociale degli alber-
ghi. Quasi tutti i racconti e i romanzi am-
bientati in un albergo scelgono un aspetto
particolare. C’è una sola eccezione, Confes-
sioni del cavaliere d’industria Felix Krull
(1954), di Thomas Mann. Mann ritrae ogni
sfaccettatura dell’albergo, dal dormitorio
degli operai alla suite reale, dal lavapiatti
all’ospite privilegiato. La sua perfetta pa-
dronanza della forma sociale, la totale
mancanza di identità (non gli importa afat-
to quando il direttore dell’albergo lo ribat-
tezza Armand) e l’assoluta indiferenza per
le diseguaglianze della scala sociale (a par-
te il suo desiderio di salirne tutti i gradini) si
fondono per fare di Felix l’ospite perfetto di
un albergo. E anche se Felix non ha nessun
interesse per i semplici lavoratori, Mann si
soferma sul loro sfruttamento descrivendo
i turni di dodici ore dei ragazzi dell’ascenso-
re o il fatto che i camerieri siano costretti a
comprare a spese loro le costosissime divi-
se. Poi mette tutto questo in contrasto con il
comportamento supericiale dell’aristocra-
zia, di cui indebolisce lo status privilegiato
e il presunto valore permettendo a Felix di
cambiare ruolo così facilmente.
MANdArINorIENTAL.CoM (2)

I cambiamenti
Gli alberghi promettono agli scrittori gran-
di opportunità e possono ofrire ai lettori
alcuni scorci della società che altrimenti
rischierebbero di restare nell’ombra. Ma
perché prendersi questo disturbo? Il narra-
L’hotel Bangkok Mandarin Oriental tore di Hotel Calcutta chiede a Bose-da, il
responsabile della reception, perché mai,
stra – e aveva assistito al crollo dell’impero quando le crisi nel lavoro e nella vita perso- dopo tutto quello che ha visto e vissuto allo
austroungarico, questa condizione di spae- nale lo costringono a mettere in discussione Shahjahan, non scrive un libro. Ecco la ri-
samento era strettamente legata agli scon- i suoi valori, comincia a guardare nell’abis- sposta di Bose-da: “‘Scrivere non ha mai
volgimenti sociali e politici. Ma oggi chi vi- so. Un albergo, con i suoi spazi impersonali portato nessuno da nessuna parte’ disse
ve nelle metropoli tende a dare per scontato in cui nessuno riesce a trovare un posto dav- scrutando il cielo. ‘Mi hanno detto che la
uno stato di transitorietà e sradicamento. È vero suo, dove tutti indossano una masche- parola scritta ha determinato molti cam-
la realtà quotidiana di vite che sono geogra- ra sociale di qualche tipo, mi sembrava biamenti in questo mondo, che la civiltà ha
icamente scollegate, in cui i vincoli fami- l’ambientazione più adatta per mettere alla spesso cambiato corso per impulso degli
liari spesso si allentano, il lavoro ofre pochi prova questo personaggio. scrittori. Ma io non ci credo. Non credo che
legami profondi e duraturi e inluenze cul- si possa cambiare niente in questa nostra
turali eterogenee creano prospettive illimi- Mancanza di identità società cieca, sorda e insensibile. Potete
tate . Gabriel fa parte di un’élite urbana per cui la gridare dalla cima di un tetto, potete scrive-
È in queste condizioni che Gabriel questione della “casa” è irrilevante (o al- re cento Mahabharat, potete illuminare il
Lightfoot, il mio protagonista di In the meno così gli piace pensare) o al massimo male con lampadine da mille watt, ma sarà
kitchen, comincia a mettere in dubbio la sua metaforica e trascendente. Ma per molti tutto inutile’”.
identità e il suo stesso senso di sé. Nato e suoi compagni di lavoro, immigrati legali o È diicile non essere d’accordo. L’arte
cresciuto in una cittadina industriale del illegali, avere una casa non è tanto una con- non provoca cambiamenti. Ma non si pos-
nord, Gabriel disprezza quelli che conside- dizione esistenziale quanto un’esigenza sono avere cambiamenti senza l’arte. E nel-
ra gli orizzonti pateticamente ristretti del della dura realtà. Anche questo contrasto, la nostra società in rapida trasformazione,
padre, “catturato dalla fabbrica con la stes- che permette di esplorare la trama della no- l’albergo rimane un posto eccellente per
sa rapidità di una spoletta nel telaio”. Ma stra esistenza moderna, è stato un fattore raccontarli. u gc

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 69


Graphic journalism

70 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Marino Neri è un autore di fumetti italiano nato a Carpi nel 1979. Vive a Modena.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 71


Cultura

Cinema
YUrI COrTEZ (AFP)

Queste due reti conducono tra di loro

La folle vita una guerra spietata, le cui cause, se mai esi-


stono, si perdono nel passato nebbioso di
Los Angeles. Oggi non ci sono ragioni con-
crete per questo conflitto, né denaro né

delle gang controllo del territorio. Solo un principio


assurdo e nichilista di vendetta senza ine.
I ragazzi e le ragazze delle gang vivono
quotidianamente a contatto con la morte: o
l’aspettano o la danno. Come dice uno dei
personaggi del ilm: “Si vive per uccidere, si
uccide per vivere”. Un’alternativa maca-
bra. El Salvador ha 6,4 milioni di abitanti.
Serge Kaganski, Les Inrockuptibles, Francia
Nel 2007 gli omicidi sono stati 3.497. Nel
Un documentario racconta il capitale del Salvador, piccolo stato 2008 questo numero è leggermente dimi-
fenomeno delle bande a San dell’America Centrale. Scambiato per un nuito, passando a 3.174, ma la media rima-
informatore della polizia, anche il regista è ne allucinante: 9,6 omicidi al giorno, 92
Salvador. L’autore, Christian stato ucciso il 2 settembre, prima che il suo persone ammazzate ogni centomila abi-
Poveda, è stato ucciso un anno ilm arrivasse nelle sale. tanti nella fascia di età compresa fra i 15 e i
dopo aver concluso le riprese 24 anni. El Salvador ha questo sinistro pri-
Il ilm che uccide mato mondiale. Per fare un confronto, in

I
l bel volto della ragazza in primo Questo ilm che semina la morte tra i suoi Francia, su sessanta milioni di abitanti so-
piano è segnato dalle rughe e da un personaggi e uccide anche il suo regista no stati censiti 2.500 membri permanenti
occhio rovinato. È andata da un racconta la dura realtà salvadoregna. Da di “bande” e 2.500 membri occasionali. Il
oculista per farsi mettere una pro- una quindicina d’anni il paese è devastato tasso francese di omicidi si colloca tra 1,2 e
tesi oculare. Il ilm va avanti, la ri- dal fenomeno delle gang, nato tra gli immi- 1,8 ogni 100mila abitanti.
troviamo dopo l’operazione. Civettuola, grati sudamericani di Los Angeles negli Si può rimproverare a La vida loca una
felice di aver ritrovato un volto più presen- anni ottanta e poi importato in America propensione per il montaggio rapido, tal-
tabile, si trucca e va dal parrucchiere. Più Centrale da chi rientrava nel paese. Secon- volta accompagnata da trascinanti musiche
tardi dorme tranquillamente, la pelle stra- do la polizia salvadoregna, oggi ci sono latine, cosa che provoca un efetto videoclip
namente violacea. È morta, uccisa in una quindicimila maras (membri di gang), metà poco adatto al soggetto del ilm. Ma non
delle ellissi cruente del documentario del in libertà, l’altra metà in prigione. Si divido- possiamo non ammirare l’impressionante
regista francospagnolo Christian Poveda, no in due organizzazioni principali: la Mara processo di immersione in questa realtà, la
La vida loca, immersione terriicante nella Salvatrucha e la Mara 18, quella al centro sua capacità di farci provare simpatia per
vita quotidiana delle gang di San Salvador, del ilm di Poveda. dei maras seguiti come personaggi del ci-

72 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


AFP

Christian Poveda, al centro con gli oc- re dal loro quartiere con foulard o bandane te diverso. Il fenomeno delle gang mette in
chiali, insieme ad alcuni maras, du- per mascherare il tatuaggio sulla fronte. discussione un’intera società. Il liberismo
rante le riprese di La vida loca. Nella Altre ragazze sono così tatuate che non pos- sfrenato degli ultimi trent’anni ha fatto gra-
pagina accanto, una scena del ilm sono neanche camufarsi. Per loro, mar- vi danni in tutto il mondo, ma soprattutto
chiate come bestie, uscire dal loro isolato nei paesi economicamente e socialmente
nema, la sua assenza di commenti e di giu- equivale a una condanna a morte. In questo fragili come il Salvador. Concorrenza sfre-
dizi morali. Nella tradizione del direct cine- universo violento, c’è una piccola speranza. nata, individualismo esasperato, disgrega-
ma, Christian Poveda si è “accontentato” Alcuni maras pentiti tentano di reinserirsi zione del tessuto sociale e associativo, ri-
di ilmare questi ragazzi e ragazze, lascian- nella società, entrano in contatto con delle duzione della solidarietà, disoccupazione,
do ogni spettatore libero nel suo giudizio e ong. Ma questi tentativi rimangono fragili. povertà, emarginazione: tutti conoscono
nella sua lettura morale o politica. Nel ilm si assiste alla creazione di una l’elenco dei mali contemporanei, che con-
panetteria di quartiere. Ma questa attività, trasta duramente con i sogni consumistici
Tatuaggi e sparatorie anche se ridà un senso all’esistenza degli venduti 24 ore al giorno dalle reti satellitari
Tra una sparatoria e l’altra le maras oziano, apprendisti fornai, diicilmente permette di tutto il mondo. Esiste una violenza del
bevono, si mettono insieme, organizzano un pieno reinserimento nella società. Poli- mondo liberista (riassunta nell’ormai fa-
qualche piccolo traffico. Passano anche zia, istituzioni, popolazione: nessuno dà mosa massima di Jacques Séguéla: “Se a
molto tempo a farsi controllare da poliziot- iducia agli ex maras. E il governo salvado- cinquant’anni non hai un Rolex, sei un fal-
ti onnipresenti (una presenza tanto forte regno sembra travolto dal fenomeno. Pove- lito”), che inisce per produrre risposte al-
quanto impotente per risolvere il proble- da spiega che, nei primi anni 2000, il presi- trettanto violente.
ma), a entrare e uscire di prigione. Altra at- dente del Salvador si era lanciato in una Il nichilismo omicida dei maras è una di
tività ricorrente: i funerali di uno di loro. In politica molto repressiva, prendendo ispi- queste risposte istintive, destrutturate, che
queste scene si vede un paradosso, il dolore razione dall’Honduras e da Rudolph Giu- hanno sostituito gli ideali rivoluzionari in-
e l’emozione di una popolazione che sem- liani, che era sindaco di New York: furono tellettualmente organizzati. Questo feno-
bra indiferente alla morte, che la sida in arrestate più di 16mila persone, ma manca- meno è per il momento localizzato nei pae-
permanenza. vano le prove dei crimini. I rinvii a giudizio si che un tempo venivano deiniti “del terzo
La seduta di tatuaggi costituisce un al- furono 807. mondo”. Ma se il nostro modello globale
tro rituale quotidiano della “vita folle”. Il nuovo presidente, Mauricio Funes, liberista non cambia rapidamente, i maras
I ragazzi e le ragazze hanno il corpo e il vol- sembra animato da migliori intenzioni. Per salvadoregni ci danno un’immagine di
to coperti di queste iscrizioni tribali, segni Poveda la prima cosa da fare è imporre una quelle che forse saranno le periferie euro-
di appartenenza alla “famiglia”. C’è una tregua fra le gang e instaurare un dialogo pee tra una decina d’anni. u adr
certa bellezza in questa graica cutanea, ma fra i capi maras e le autorità. E probabil-
le considerazioni estetiche vengono meno mente il regista è stato ucciso proprio per Il ilm La vida loca, realizzato nel 2008, è uscito
quando ci si rende conto che questi tatuag- questo motivo. in Francia il 30 settembre, pochi giorni dopo la
gi trasformano i loro possessori in un bersa- Il pericolo è quello di guardare i maras morte di Christian Poveda. Al momento non è
glio permanente. Si vedono le ragazze usci- come degli alieni, un “altro” completamen- prevista un’uscita nelle sale italiane.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 73


Cultura

Cinema
Italieni Dalla Grecia
I ilm italiani visti da un corri-
spondente straniero. Questa
Death metal e concerti estivi
settimana Lee Marshall, col-
laboratore di Condé Nast Tra-
veller e Screen International. Dagli Stati Uniti alla Scan- dai fan durante il concerto,
dinavia, la musica di tutto il riesce a mettere lo spettatore
mondo al centro del festival al centro dell’esperienza live.
BAARÌA del cinema di Atene L’altro ilm è Until the light ta-
Di Giuseppe Tornatore. Italia kes us. È un documentario che
2009, 150’
Al Festival internazionale del racconta il mondo death metal
● ●● ● ●
cinema di Atene i premi più scandinavo degli anni novan-
In un paese in cui la faziosità importanti sono andati a Moon ta. I registi Audrey Ewell e Aa-
politica invade ormai tutti i di Duncan Jones (miglior ron Aites mettono bene in luce
campi, e lo spirito critico puro ilm), a Flickan di Fredrik Ed- Until the light takes us le contraddizioni e i disagi che
lotta per sopravvivere, è dii- feldt (miglior regia) e a In the attraversano il movimento,
cile giudicare Baarìa. La prima loop di Armando Iannucci (mi- concerti estivi negli Stati Uni- senza però cadere nella trap-
trappola l’ha stesa Silvio Ber- gliore sceneggiatura). Ma du- ti, a partire da un’esibizione pola di puntare il dito contro
lusconi alla vigilia della pre- rante la rassegna sono stati dei Belle and Sebastian del chi ne fa parte. Al contrario,
sentazione del ilm a Venezia, presentati altri due ilm che 1999. Gli “attori protagonisti” mostra che anche il movimen-
quando lo elogiò come “un ca- meritano di essere citati. Il pri- – dai Battle ai Gossip, passan- to sociale più underground
polavoro assoluto”, perché il mo è All tomorrow’s parties, di- do per Nick Cave con i Grin- può essere corrotto dai mezzi
protagonista “va in Russia e si retto da Jonathan Caouette. È derman – danno una grande di comunicazione.
accorge degli errori che il co- un viaggio appassionato ed energia all’azione e il regista, Nev Pierce,
munismo ha prodotto”. Di emozionante nel mondo dei anche grazie ai ilmati girati Empire Magazine
fronte a questa presa di posi-
zione, com’è possibile dire che
il ilm mi è piaciuto? Eppure Massa critica
mi è mezzo piaciuto, nono- Dieci ilm nelle sale italiane giudicati dai critici di tutto il mondo
stante lo stile barocco di Tor-

ST
PH

natore, pieno di carrellate,

PO
S
E
A

S
T

IM
E
R

N
EN

IM

zoomate e grandangoli, nono-


EG

O
IL

T
D

T
a N

K
n EL

G
Fr I BÉ gna N
G H E gn I A

R
M

stante i cliché sul contadino N


N

E
LE tag T

T i t i YO
D

ti I
D

ti L
IO
et E P
e LY

ni H
an I G a

E
ni G E
et R
a AN
a R

n W

S
a D
ci AT
Br A

Br D
Br I

povero ma felice di cui è in-


iU A
ci A
n A

ci N
iU N
n U

iU E
a

a
n IN

at W
ad E
ra D

an R

an O

at N
ra G

at A
an B

Fr E M
G HE

St H E
a
Fr F

St S
G E

St H E
C O

zuppato, nonostante sia trop-


LO
H
L
T

Media
T

L
G

T
L
ra

po lungo di almeno mezz’ora.


Due cose lo salvano dalla pol- UN AMorE… 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
pettoneria. Il primo è un con-
trollo tonale non facile, che fa bAStA chE fUNzioNi - 11111 11111 - - 11111 11111 11111 11111 11111 11111
alternare momenti di comme-
dia con sfumature più cupe bAStArDi SENzA… 11111 - 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
(per esempio la scena del fra-
tello aspirante suicida verso la
DiStrict 9 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
ine). Il secondo è il contrasto
fertile fra il protagonista piut-
DrAg ME to hELL 11111 11111 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111 11111 11111
tosto modesto – un consigliere L’ErA gLAciALE 3 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
comunale del Pci che vede gli
ideali sfumare senza mai LE MiE groSSE… 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
smettere di impegnarsi – e le
ambizioni epiche del regista. MotEL wooDStock 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
Come mi ha detto un mio col-
lega britannico a Venezia: “È
PELhAM 1 2 3 11111 - 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
come prendere un impiegato
di banca e farlo diventare
ricAtto D’AMorE 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
l’eroe di Via col vento”. Legenda: ●●●●● Pessimo ●●●●● Mediocre ●●●●● Discreto ●●●●● Buono ●●●●● Ottimo

74 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


PHOTOART
WORKSHOP
CORSO DI Francesca Brambilla Tecnica fotografica, tecnica della luce
Francesco Cito Tecniche digitali
FORMAZIONE Silvia Lelli
AVANZATA Saverio Lombardi Vallauri
Ritratto
Angela Madesani Fotografia industriale
Un workshop Roberto Masotti Still-life
con i più affermati Giovanni Pelloso Fotografia di paesaggio
specialisti della Sandro Scalia Reportage
fotografia. Serena Serrani Fotografare lo spettacolo

120 ore, 8 week end full time Per informazioni e per IED Venezia
(giovedì, venerdì e sabato, prenotare un colloquio: Isola della Certosa
una volta al mese) Tel. 041 2771164 30141 Venezia
Novembre 2009. info.venice@ied.it www.ied.it - www.ied.edu

milano roma torino venezia firenze cagliari madrid barcelona são paulo
FA B R I C A © Benetton Group S.p.A. 2009 - www.benetton.com
Cultura
I consigli dIstrICt 9 the InforMant! drag Me to hell
della Di Neill Blomkamp Di Steven Di Sam Raimi
redazione (Stati Uniti/ Soderbergh (Stati Uniti, 99’)
Nuova Zelanda, 112’) (Stati Uniti, 100’)

della relazione con il padre. A ginale, il ilm segue un gruppo


In uscita quel punto scopriamo cosa in- di studenti dalle prime audizio-
rICky tendeva Katie quando parlava di ni al diploma, quattro anni do-
Di François Ozon. Con Alexandra suo iglio come “un ragazzo dif- po. Ma vigliaccamente i produt-
Lamy, Sergi López, Mélusine icile”, ma ci guardiamo bene tori non hanno riproposto il mo-
Mayance. Francia 2009, 90’ dal rivelare in che consiste la di- do coraggioso con cui Alan Par-
● ●● ● ● versità del bambino, perché la ker descrisse la New York degli
sua scoperta è una delle cose anni ottanta, in cui chi viveva
Se c’è un difetto che non si può migliori del ilm. Sarà suicien- nei ghetti doveva fare a spallate
rimproverare a François Ozon è te dire che la storia prende una con chi apparteneva alla middle
la mancanza di coraggio. Incen- piega fantastica, pur rimanendo class. Nella sceneggiatura origi-
ancorata alla sua ambientazio- Jonathan Grof nale di Christopher Gore (che fu
sato per la sobrietà di Il tempo
che resta, il regista aveva poi de- ne totalmente realistica. E candidata all’Oscar) gli studenti
stabilizzato il pubblico con il so- quando l’intrigo minaccia di di- na, sembrano ispirati più a una si dibattevano tra povertà, gra-
vraccarico decorativo di Angel, ventare troppo straordinario o visione dell’inferno degna di vidanze indesiderate, razzismo
mélo in costume che si adagiava troppo tragico, Ozon osa delle Doré che a un’immagine di bea- e analfabetismo, in un’epoca in
su tutte le convenzioni del gene- clamorose parentesi comiche, titudine). Nonostante l’umore cui sarebbe bastata una storia
re per meglio sovvertirle. Ricky, evitando comunque il ridicolo soave che pervade tutto il ilm, omosessuale (e ce n’erano) per
presentato a Berlino, conferma grazie a un’ambiguità costante non c’è un solo personaggio che far guadagnare al ilm un divie-
questa voglia di prendere il pub- per tutto il ilm. mostri un sentimento capace di to ai minori. Nella “reinvenzio-
blico in contropiede già dalla Samuel Douhaire, Télérama catturare o far rilettere. E que- ne”, proprio per evitare divieti,
prima sequenza, con una dop- sta è una mancanza sincera- non c’è più nulla di tutto questo.
pia sorpresa. Intanto la scelta Motel WoodstoCk mente imperdonabile. Eugene Qualche storia d’amore (tutte
dell’attrice, Alexandra Lamy, Di Ang Lee. Con Demetri Martin, Levy interpreta Max Yasgur, etero, assurdo in una scuola
che si rivela assolutamente cre- Imelda Staunton, Liev Schreiber. l’allevatore che aittò il terreno d’arte del ventunesimo secolo),
dibile come Katie, madre che Stati Uniti 2009, 120’ dove si svolse il festival, e Liev preoccupazioni per i voti e uno
conida il suo smarrimento a un ●●●●● Schreiber è un veterano della dei peggiori tentativi di suicidio
assistente sociale. La seconda Motel Woodstock non è un ilm Corea travestito che ofre i suoi della storia del cinema.
sorpresa è nel realismo sociale sul leggendario raduno rock di servigi per la sicurezza. Lou Lumenick, New
della messa in scena, che in po- quarant’anni fa ma su Elliot Anthony Lane, The New York Post
chi si potevano aspettare Teichberg (Demetri Martin), un Yorker
dall’autore di 8 donne e un miste- ragazzo i cui genitori hanno un le MIe grosse grasse
faMe vaCanze greChe
ro: la miseria economica e senti- hotel. Elliot ha tutti i permessi
Di Kevin Tancharoen. Con Naturi Di Donald Petrie. Con Nia
mentale è descritta in modo per organizzare una piccola ma-
Naughton, Bebe Neuwirth, Debbie Vardalos, Richard Dreyfuss.
asciutto e senza sconti. Che nifestazione culturale nella sua
Allen. Stati Uniti 2009, 107’ Stati Uniti 2009, 98’
Ozon abbia deciso di seguire le città. E quando gli organizzatori
di Woodstock si ritrovano senza ●●●●● ● ●●●●
tracce dei fratelli Dardenne? La
pista del realismo sembra esse- un posto dove mettere in scena La Mgm, che è in un momento Nia Vardalos, protagonista di Il
re confermata per la prima il loro concerto, arriva Elliot, ar- di grandi diicoltà inanziarie, mio grosso grasso matrimonio gre-
mezz’ora: il racconto, tra un’el- mato con la sua carta bollata, e chiama questo remake del clas- co, riprende il suo ruolo di single
lisse e l’altra, passa da un grigio monta in sella, ofrendo l’hotel sico Saranno famosi di Alan Par- greca americana in quello che si
appartamento di periferia a una dei genitori come sede organiz- ker una “reinvenzione”. Pur- poteva intitolare Grosso grasso
fabbrica. Attraverso una serie di zativa dell’evento. Jonathan troppo sembra più un disperato, matrimonio greco: pacchetto va-
lashback conosciamo la storia Grof, che al suo debutto sullo cinico tentativo – molto proba- canze. Non è il caso di entusia-
della donna, ino alla nascita del schermo interpreta Michael bilmente destinato al fallimento smarsi. Nia interpreta una guida
bambino, al sorgere di alcuni Lang (il capo dell’organizzazio- – di uno studio moribondo per turistica stufa dei suoi datori di
problemi inanziari e alla crisi ne), irradia una tale dolcezza ri- scongiurare l’oblio saltando sul lavoro e degli stereotipi interna-
lassante che chiunque si trovi carrozzone di High school musi- zionali che si porta in giro (au-
nei suoi paraggi è spinto a la- cal e sfruttare il suo catalogo straliani ubriachi, inglesi nervo-
sciarsi andare senza censure. senza fargli per niente onore. Il si, americani volgari). Il livello
Ma il ilm di Ang Lee lascia irri- nuovo Fame si svolge di nuovo delle battute è piuttosto basso:
solta una gran parte del suo dol- alla School of performing arts di l’autista greco di cognome fa
ce dramma, e suggerisce con New York. C’è qualche scena in Kakkas, il vecchietto del gruppo
troppa facilità la convergenza esterni a Manhattan (gli interni è cleptomane e il simpatico del
tra la risplendente luce della sono stati ricreati a Los Ange- gruppo è Richard Dreyfuss. Ari-
controcultura e l’etica capitali- les), ma probabilmente i soldi stofane, vorremmo che tu fossi
stica (anche se gli efetti speciali non erano abbastanza per qui. Ma forse è meglio di no.
che trasformano la folla di ricreare il celebre balletto con i Anthony Quinn,
Alexandra Lamy Woodstock in una marea uma- taxi a Times square. Come l’ori- The Independent

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 77


Cultura

Libri
Italieni Dall’India
I libri italiani letti da un
corrispondente straniero.
Scrittori troppo timidi
Questa settimana Gerhard
Mumelter del quotidiano
austriaco Der Standard. In India la letteratura ero-
tica è poco sviluppata. So-
prattutto a causa dell’ecces-
SONO IO CHE ME NE VADO sivo senso del pudore tipico

FLORE-AëL SuRuN (TENDANcE FLOuE/GRAzIA NERI)


Violetta Bellocchio, Mondadori, della società indiana
352 pagine, 18,00 euro
● ●●● ●
Il Bad Sex award è uno dei pre-
“Sempre storta, niente amici, mi letterari meno ambiti al
troppi maglioni, capelli di mondo. Ogni anno viene asse-
stoppa. Me la sono cercata”. gnato all’autore che nel suo ro-
Layla ha 28 anni, è spigolosa, manzo ha scritto la peggior
cinica, in guerra con gli altri e scena di sesso. Nel caso im-
con se stessa. Il primo roman- probabile che Electric feather:
zo di Violetta Bellocchio rac- the tanquebar book of erotic sto-
conta la sua misteriosa storia. ries riesca a trovare un editore
Esordio notevole, innovativo e in Gran Bretagna, la letteratu- polavori della narrativa eroti- Sheba Karim descrive in modo
atipico. Linguaggio tagliente, ra indiana avrà una possibilità ca. Opere del genere sono elegante l’amore di una ragaz-
intriso di immagini e umore in più di aggiudicarsi questo quasi introvabili nella lettera- zina per suo zio, mentre Tisha-
nero, e pieno di riferimenti a poco decoroso premio. tura indiana. Soprattutto per- ni Doshi racconta teneramen-
cinema, internet, rock, pop e Non è facile scrivere un ché gli autori sono inibiti, trop- te i desideri sessuali di una
fumetti. Per chiudere con il racconto erotico. L’amante di po preoccupati di scandalizza- donna vergine di 39 anni. Il
passato Layla (“Sono l’inizio, Lady Chatterley di D.H. Law- re i genitori o spaventare i problema, però, è che si fa fati-
sono la ine. Sono la scala che rence, Tropico del cancro di bambini. ca a deinire “erotici” questi
porta in cantina”) decide di Henry Miller e Lamento di Electric feather contiene un racconti.
aprire il bed and breakfast Portnoy di Philip Roth sono ca- paio di racconti interessanti: Bhaichand Patel, Outlook
Bambola nell’entroterra della
Versilia. Lì conosce Sean, che
diventerà la sua spalla, a metà
strada fra amante e vittima.
Il libro Gofredo Foi
Storia criptica e piena di mi-
steri, che la trentaduenne pia-
Cresciuti negli anni ottanta
centina racconta in modo con-
vincente e con scrittura densa,
piena di allusioni ai ilm horror NICOLA LAGIOIA stante, che mescola nuovi e dei tre, porta lui e noi a capire
degli anni settanta. Anche nel Riportando tutto a casa vecchi ricchi in una morale co- come è esploso il nostro pre-
marketing per il suo notevole Einaudi, 288 pagine, 20,00 euro mune, “levantina” e cinica, sente, dell’Italia: tutto torna a
romanzo Violetta Bellocchio In mezzo a tanti romanzucoli sempre ai margini dell’illegali- una “casa” che non ha più fon-
non manca di creatività e in- neri, rosa oppure ombelicali tà, o dentro. Sono adolescenti damenta.
novazione, inventandosi un che consolano i lettori, ecco un senza riferimenti collettivi se Dopo Occidente per princi-
originale gioco a premi. Basta romanzo sconsolante e scon- non quelli delle mode e delle pianti, una commedia itine-
un autoscatto con il romanzo solato, che guarda in faccia la merci. Insieme a dei loro coe- rante sulla stupidità dello sti-
più scontrino (“Niente scherzi. nostra disastrosa realtà e ne tanei, reagiscono come posso- vale, Nicola Lagioia afronta
Dio ti vede”) per vincere una cerca le cause, trovandole au- no al cinismo dell’ambiente, in una narrazione più strutturata
colazione con l’autrice. A chi tobiograicamente negli anni una generale assenza di punti e tradizionale, con personaggi
ne compra cinque viene ofer- ottanta del secolo scorso, di riferimento politici (di adul- indimenticabili (i ragazzi, ma
to un tour nei luoghi del libro e quelli della restaurazione, ti responsabili verso la polis). soprattutto gli adulti): un ro-
una notte sotto le stelle. E chi dell’arricchimento facile, della Poi la bella stagione ag- manzo collettivo su un imba-
acquista più di venti copie? spensieratezza di tutti. gressiva passa, lasciando trac- razzante capitolo di storia ita-
L’autrice risponde criptica: Tre ragazzi crescono in ce pesanti su tutti. Il percorso liana che ha distrutto le nostre
“Non si scende nei dettagli”. quegli anni nella Bari bene- all’indietro del narratore, uno speranze.

78 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


i consigli feri lainsCek Mathias Énard Jean-loup aMselle
della La storia di Lutvija e Breviario per aspiranti Il distacco dall’Occidente
redazione del chiodo arroventato terroristi (Meltemi)
(Barbes) (Nutrimenti)

il saggio Carlos fuentes


Tutte le famiglie felici
non ha paura dell’eccesso, della
chiacchiera interminabile, del

Momenti di grazia Il Saggiatore, 343 pagine,


17,00 euro
sentimentalismo e delle trovate.
Tutte queste doti si ricapitolano
●● ●●● in Santo mostro, uno splendido,
Tutte le famiglie felici è il testa- commovente romanzo. L’abilità
rebeCCa solnit Rebecca Solnit mento letterario di Carlos Fuen- di Gurganus nell’addentrarsi
Un paradiso all’inferno, tes. Come tutte le sue ultime nelle vite interiori dei suoi per-
Fandango libri, 500 pagine, opere: parodia e riciclaggio. A sonaggi e descrivere la mappa
20,00 euro ogni nuova occasione Fuentes delle loro storie emotive è stu-
● ●●● ● torna sui suoi temi e i suoi espe- pefacente. Anche se la vicenda –
dienti ormai classici e, nello ambientata nella cittadina di
sforzo di recuperarli, li rende Falls, North Carolina, nel 1954 –
Rebecca Solnit presenta una caricaturali. Nel suo ultimo li- ha come punto di partenza un
critica fulminante della socie- bro emerge un Fuentes atroce- incidente altamente melodram-
tà capitalistica esaminando mente stereotipato. Sedici rac- matico (un ragazzino di otto an-
cinque catastroi: il terremoto conti, sedici delusioni. Anche se ni di nome Meadows assiste a
LEE CELANO (WPN/GRAzIA NERI)

e l’incendio di San Francisco pretendono di essere racconti un amplesso tra sua madre e il
del 1906, l’esplosione di una intimisti, è lo stesso Fuentes di veterinario locale) e anche se
nave munizioni nel porto di sempre, aggressivo e un po’ all’inizio presenta i genitori del
Halifax, nella Nuova Scozia, grossolano. Questi racconti, narratore come stereotipi dei
nel 1917, il terremoto di Città ambientati qui e oggi, sono at- provinciali, questi contorni da
del Messico del 1985, l’11 set- traversati da tutti i luoghi comu- fumetto rapidamente sparisco-
tembre e l’uragano Katrina nel ni dell’epoca: internet, i reality no per rivelare una vicenda ric-
2005. Il racconto di questi cin- all’anarchico Petr Kropotkin, è show, i governi messicani degli ca di sfumature sull’innocenza
que eventi è così emozionante invece tribale e comunitario. ultimi anni, cioè non diretti dal perduta, l’amore familiare e la
che il libro meriterebbe di es- Un disastro ci fa tornare a Partito rivoluzionario istituzio- sua disillusione. Allan Gurganus
nale. Si arrendono alla sensibili- orchestra il racconto con altissi-
sere letto solo per questo. quello stato di grazia, ed è per
tà contemporanea nel voler va- mo stile, ma non concede mai ai
Ma a renderlo ancora più questo che le persone ricorda-
namente adottare una forma suoi fuochi d’artiicio narrativi
afascinante è la dimostrazio- no l’esperienza con sorpren-
frammentaria. Si sforzano, e di distogliere il lettore dalle pas-
ne della Solnit che i disastri dente gratitudine. falliscono: nel loro ostentato sioni elementari dei suoi perso-
danno vita a piccole utopie La Solnit parla delle autori- postmodernismo hanno qualco- naggi.
temporanee, dove emerge il tà: “Credere nel panico forni- sa di anacronistico. E Fuentes, Michiko Kakutani, The New
meglio della natura umana. Le sce un presupposto per tratta- nonostante gli sforzi, non riesce York Times
vittime di una disgrazia inim- re i cittadini come un proble- neanche a ricreare il Messico
maginabile spesso non regre- ma da mettere a tacere”. In contemporaneo. Nonostante la elsa osorio
discono alla crudeltà, ma si particolare, nel caso dell’ura- sua ambizione di romanzare il Sette notti d’insonnia
abbandonano all’altruismo. La gano Katrina le autorità dipin- paese, la sua opera è astorica Guanda, 144 pagine,
Solnit spiega il fenomeno sug- sero le vittime come se fossero anche quando ha per oggetto la 13,50 euro
gerendo che la vita quotidiana i cattivi. Ma il caos di cui si storia, è fatta di igure archetipi- ●●●●●
è “già una forma di disastro, parlava semplicemente non che e immagini congelate: sic- Sette notti d’insonnia riunisce i
dal quale il vero disastro ci li- c’era, e i presunti saccheggi come sa ritrarre il Messico sol- due principali vettori e tempi
bera”. La scrittrice sostiene spesso erano compiuti da per- tanto in un modo, insiste col di- della narrativa di Elsa Osorio.
che il capitalismo si fonda sul- sone che prendevano cose da re che il paese è sempre lo stes- Da un lato l’intersezione del
la penuria e richiede che tutti mangiare, acqua e le medicine so. Speriamo di sbagliarci: non è fantastico e dell’allegorico con
quanti competiamo tra di noi di cui avevano bisogno. facile scrivere queste righe per la linea più realistica del recu-
chi, come molti, è cresciuto leg- pero della memoria. Dall’altro
in modo spietato. L’energia E se anche qualcuno ha ru-
gendo Fuentes. l’incontro degli anni settanta,
mentale e spirituale che po- bato qualcosa, la Solnit con-
Rafael Lemus, Letras Libres che in Argentina sono stati
tremmo destinare al perfezio- clude con l’osservazione più
quelli della dittatura militare di
namento della società è invece puntuale mai sentita: “Chi se allan gurganus Videla, con gli anni novanta e il
incanalata nello sforzo di mi- ne importa se degli elettrodo- Santo mostro presente. Nel racconto che dà il
gliorare la vita individuale. mestici passano di mano sen- Playground, 224 pagine, titolo alla raccolta, la protagoni-
Perennemente concentrati za essere stati venduti, quando 16,00 euro sta Laura, una dottoressa ar-
su noi stessi, diventiamo an- cadaveri di bambini galleggia- ●●●●● gentina che risiede a Valencia
noiati, alienati e infelici. Il no- no nell’acqua sporca”. Allan Gurganus è un tessitore di con suo marito, incontra il suo
stro stato naturale, sostiene la Dan Baum, trame come ce n’erano solo in torturatore, Pepón, ventisei an-
Solnit rifacendosi in parte The Washington Post altri tempi, un afabulatore che ni dopo il loro primo incontro.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 79


Cultura

Libri
Adesso l’uomo conduce una vi- accusa di stupro. Un agente gli MERCÈ RODOREDA controllo da parte delle donne e
ta tranquilla e inofensiva lavo- ordina di confessare tutti i suoi Via delle Camelie alla loro conseguente umilia-
rando come elettricista, e Laura crimini, ma ogni volta che Yalo La Nuova Frontiera, 202 pagine, zione. La scrittrice catalana è
si persuade che non può lasciar- racconta la storia della sua vita 15,00 euro un’esistenzialista domestica,
si sfuggire questa opportunità l’uomo lo interrompe, lo accusa ●●●●● brillante nel comporre interni
per fare giustizia e rimettere le di omissioni e incoerenze, lo I romanzi di Mercè Rodoreda sia isici sia mentali. Via delle
cose al loro posto una volta per minaccia di tortura. Il romanzo sono tipicamente e spavalda- Camelie, che risale al 1966, è
tutte. Come la stessa Elsa Oso- ci presenta queste confessioni mente antieroici, soprattutto un’espressione compiuta di
rio ha raccontato, il detonatore successive e contraddittorie. nel ritrarre la guerra. Il loro uni- questa sua abilità.
che ha portato alla stesura di Presto diventa chiaro che l’in- co eroismo è quello dell’autrice. Natasha Wimmer,
questa raccolta di racconti è terrogatore si aspetta una con- Ma nella narrativa la grande The Nation
stato il processo contro il tortu- fessione molto precisa, che scrittrice catalana si concede
ratore “pentito” Adolfo Scilin- contenga non solo i veri crimini un fatalismo che eviterebbe con PAUL MASON
go, condannato dalla giustizia di Yalo, come il furto e lo stu- cura nella realtà. Questo succe- La ine dell’età
spagnola a 640 anni di carcere. pro, ma anche crimini che non de in particolare nel tetro ro- dell’ingordigia
“La scrittura è una via d’uscita, ha commesso, come quello di manzo Via delle Camelie – che Bruno Mondadori, 231 pagine,
alla quale ho la fortuna di avere piazzare bombe. Date le sue ricorda molto Viaggio nel buio di 18,00 euro
accesso”, ha spiegato la scrittri- azioni, in un primo momento è Jean Rhys – dove si racconta la ●●●●●
ce. “Ma io non credo nell’oblio, impossibile provare simpatia storia di un’orfana, Cecilia, che In questi tempi incerti è facile
penso che per la società la sola per Yalo, ma più lo ascoltiamo diventa una prostituta e poi una perdere di vista il quadro d’in-
via d’uscita sia quella della giu- confessare diverse versioni del- mantenuta, volenterosa artei- sieme e la visione di lungo pe-
stizia”. la sua vita, più cresce la nostra ce della propria degradazione. riodo. La maggior parte dei
Silvina Friera, Página12 empatia. Yalo è uno di quei ro- La lunga sequenza nella quale commenti e dei reportage sulla
manzi che stabiliscono un nes- Cecilia è virtualmente tenuta crisi resta ancorata all’eimero.
ELIAS KHURI so indissolubile tra un autore e prigioniera, drogata e spiata da Abbiamo bisogno di una guida
Yalo una città. Così come Los Ange- una coppia di apparenti protet- aidabile alla crisi inanziaria
Einaudi, 340 pagine, 15,00 euro les ha Joan Didion e Raymond tori, è una delle descrizioni più come processo storico, che mo-
● ●●● ● Chandler e Istanbul ha Orhan alte e devastanti della condizio- stri come il crollo delle banche
Nel suo nuovo romanzo, Yalo, Pamuk, la meravigliosa e per- ne di vittima che siano mai sta- e il drastico aumento della di-
Elias Khuri fa i conti con l’idea meabile città di Beirut appartie- te scritte. È curioso che Rodore- soccupazione siano parte di un
della verità e con la memoria, ne a Elias Khuri. da sia così stimata dalle femmi- cambiamento su vasta scala
cosa scegliamo di ricordare e Laila Lalami, Los Angeles niste, visto che i suoi romanzi pratico e teorico. La ine dell’età
cosa preferiamo dimenticare. Il Times Book Review ruotano attorno alla rinuncia al dell’ingordigia di Paul Mason è
libro è composto di confessioni, esattamente il libro che cerca-
che siano forzate o volontarie, vamo. Nella narrazione detta-
veraci o alterate dalla vanità e In bicicletta gliata degli avvenimenti econo-
dall’esagerazione, catartiche mici dell’anno passato è inseri-
per chi le fa o del tutto inutili. DAVID BYRNE JOHNNY FUEGO ta la storia recente del tipo di
Bicycle diaries, Viking. E MICHAEL AMES
Ambientato nella Beirut degli capitalismo a cui abbiamo la-
La star dei Talking Heads ama Cruisers, Gibbs Smith.
anni ottanta, Yalo è una serie di sciato via libera con tutti i suoi
storie frastagliate che cambia- visitare le città del mondo con la Storia della bicicletta tradizio- tanti difetti. L’autore identiica
no continuamente tempo, spa- sua bicicletta pieghevole. In nale, quella più semplice, in due possibili scenari futuri: una
zio e punto di vista. Il romanzo questo libro racconta quel che America detta anche da spiag- dura ed eicace nazionalizza-
ci ofre, sotto forma di tessere vede e chi incontra pedalando gia (beach bike), che continua a zione delle banche o una lunga
di un puzzle, la storia di Daniel attraverso Berlino, Madrid, essere di moda. depressione globale che cam-
Jal’u, soprannominato Yalo. È Londra, Istanbul, Manila, San bierà profondamente le nostre
un soldato che, dopo dieci anni Francisco, Buenos Aires. RAYMOND BRIDGE vite. Ci sono poche possibilità
passati su uno dei molti fronti Bike touring, Sierra Club Books. di cavarsela con una recessione
della guerra civile del Libano, ROB LILWALL Seconda edizione di una guida breve ma acuta. Non sarà una
diventa via via un disertore, un Cycling home from Siberia, classica del 1979 sui viaggi in bi- riproposizione degli anni tren-
ladro, un vagabondo a Parigi, Hodder & Stoughton. cicletta. Itinerari ma anche mo- ta, se non altro perché gli Stati
un guardiano notturno a Beirut, Nel 2004 Rob Lilwall è partito delli di bici ed equipaggiamenti Uniti, insieme ad altri paesi,
un traditore del suo benefatto- dalla Siberia per compiere un fondamentali. hanno optato per l’inlazione,
re, un traicante d’armi, un giro del mondo, con una bici- ma il crollo del progetto neoli-
voyeur e uno stupratore. Yalo cletta, una tenda e una buona ROBERT HURST berale continua, e non c’è anco-
s’innamora della giovane Shi- dose di paura. Qui racconta le The cyclist’a manifesto, Falcon. ra nessun segno che annunci il
rin, e questo unico atto d’amore sue avventure dalla giungla del- Utile guida su come cavarsela in suo possibile successore.
porta alla sua cattura: la ragaz- la Nuova Guinea alla guerra in bicicletta in mezzo al traico. John Gray, The New
za lo consegna alla polizia e lo Afghanistan. Maria Sepa Statesman

80 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


assessorato alle politiche giovanili

RAVENNA TEATRO

associazione
culturale

Per il programma dettagliato


www.mirada.it/komikazen

illustrazione paolo bacilieri / graica gianluca costantini


Festival venerdì 9
e sabato 10 ottobre
Mostre dall’11 ottobre all’8 novembre

Info: Associazione Mirada


Tel 0544.217359
info@mirada.it | www.mirada.it

Festival Partners

Linz (Austria)

Babelfest Atene (Grecia)

Rennes (Francia)
Un’impresa per i diritti:
valore per tutti

Andrea Comollo - ActionAid


ESCI DALLA CRISI E RAFFORZA IL VALORE DEL TUO MARCHIO

Garantisci la responsabilità sociale della tua azienda di fronte a consumatori sempre più esigenti.
La Responsabilità Sociale di Impresa è una scelta di impegno a portata di tutti, un modo per affrontare la crisi
e difendere i diritti umani, nel nord e nel sud del mondo.
Valore Sociale garantisce il controllo di tutta la catena produttiva attraverso un sistema di certificazione, una valutazione
del rischio d’investimento e d’impatto sui diritti umani, migliorando il posizionamento competitivo della tua azienda.
Vuoi saperne di più? Partecipa al convegno internazionale

IMPRESE E DIRITTI UMANI


RESPONSABILITÀ SOCIALE, RENDICONTAZIONE E CONTROLLO DELLA SUPPLY CHAIN

28 ottobre 2009, ore 9.00


Sala del Refettorio, Palazzo San Macuto, Via del Seminario, 76 - Roma

Il programma completo del convegno è disponibile su www.unimpresaperidiritti.org


Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti.
Info e prenotazioni: info@valoresociale.it

Le attività di certificazione sono state affidate dall’Associazione Valore Sociale all’Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale
(ICEA). La concessione della certificazione dà diritto all’utilizzo del marchio “VALORE SOCIALE”

Promozione della responsabilità sociale delle imprese italiane (RSI) nel contesto globale.
Un approccio basato sul rispetto dei diritti umani e dell’ambiente.
cultura

Ricevuti
slavoj zIzek eRvanD aBRahaMIan
Politica della vergogna Storia dell’Iran
Nottetempo, 117 pagine, Donzelli, 245 pagine, 27,00 euro
14,00 euro L’Iran dai primi del novecento a
Una “pop-ilosoia” che apre oggi, raccontato da uno
nuove prospettive di studioso trapiantato negli Stati
conoscenza sul mondo Uniti.
contemporaneo e sulle
strutture profonde che lo fRIeDRIch nIetzsche
regolano a nostra insaputa. La nascita della tragedia
Einaudi, 287 pagine, 20,00 euro
geoRge lakoff Nuova traduzione per il
Pensiero politico e scienza capolavoro giovanile di
della mente Nietzsche.
Bruno Mondadori, 339 pagine,
26,00 euro john allen Paulos
Lakof studia come per Un matematico legge
modiicare il pensiero politico i giornali
bisogna prima conoscere e Rizzoli, 301 pagine, 18,00 euro
trasformare le menti. Basta farsi le domande giuste
per scoprire che ben poche
Il fumetto PIeRRe assoulIne delle notizie stampate hanno
e jean-PIeRRe qualche legame con la realtà.
Dolci derive oniriche BeRtIn-MaghIt
Fantasmi seth fReeDMan
Portaparole, 84 pagine, La grande baldoria
14,50 euro Isbn, 187 pagine, 17,00 euro
RanDall.c di “nuove frontiere”, di oriz- Il vero protagonista del Un ex broker d’assalto torna nei
Testoline addormentate zonti e slogan impregnati di romanzo è la nuova Biblioteca luoghi della sua giovinezza per
Comma 22, 112 pagine, astrazione, il decennio del fel- nazionale di Francia che raccontare come i ragazzi della
14,00 euro liniano 8 e 1/2. nasconde, tra i suoi corridoi e i city hanno distrutto il
● ●●● ● Il belga Randall Caesar ha suoi labirintici passaggi, segreti capitalismo globale.
e assassini.
il merito di far coincidere lo
a.l. kenneDy
Il titolo originale suona più o spirito di quel decennio, che fu olIvIeRo BeRgaMInI
meno come I dormiglioni. In formidabile anche per il fu- Geometria notturna
Specchi di guerra Minimum Fax, 186 pagine,
italiano è Testoline addormen- metto, con quello della sua na- Laterza, 343 pagine, 22,00 euro 13,00 euro
tate (un po’ melenso). Alle sue scita non come mezzo espres- Giornalismo e guerra da Il terreno su cui si muovono i
origini il fumetto moderno, sivo ma come industria, ap- Napoleone a oggi. racconti della Kennedy è
nato negli Stati Uniti alla ine punto alla ine dell’ottocento. quello, solo apparentemente
dell’ottocento, è stato spesso Brevi sketch a uno o due colo- seRgIo gRea
ordinario, dei rapporti fra
dormiglione e sonnambulo. ri, atmosfere rarefatte, perso- I signori della sete uomini e donne.
Dal gatto Felix agli avanguar- naggi dai modi trasognati: un Piemme, 428 pagine, 19,50 euro
distici Gustave Verbeek e Win- mondo onirico privo di una di- Un romanzo sui conlitti per leonaRD susskInD
sor McCay col suo popolarissi- slocazione certa, di punti di ri- l’acqua, scritto da un uomo che La guerra dei buchi neri
mo Little Nemo, ino a Lyonel ferimento. ha lavorato molti anni per una Adelphi, 418 pagine, 35,00 euro
multinazionale petrolifera. Un nuovo saggio del brillante
Feininger, poi igura di punta L’autore ha però il limite,
isico di Stanford.
della Bauhaus. incrociando i microuniversi di RIchaRD MulleR
Tempo fa David Lynch, questi sketch, di spiegare un Fisica per i presidenti Matt Mason
parlando di alcuni suoi ilm po’ troppo, sottraendo alla ine del futuro Punk capitalismo
come Mulholland Drive, si la- qualcosa della misteriosa di- Codice edizioni, 323 pagine, Feltrinelli, 302 pagine,
mentava perché oggi il pubbli- mensione ectoplasmica, me- 26,00 euro 18,00 euro
co, respirando il conformismo taisica. Ma rimane uno splen- Saggio tratto da un famoso ciclo Le culture giovanili cambiano il
difuso, accetta con diicoltà dido fumetto sonnambulo, nel di lezioni tenute a Berkeley per modo in cui il mondo lavora e
ilm senza narrazione lineare, mare, nelle nuvole. Tra (dolce) studenti di discipline non funziona, ofrendoci una
mentre negli anni sessanta morte e sogno. scientiiche interessati a capire diversa prospettiva della
erano più aperti: era un’epoca Francesco Boille “come funziona il mondo”. pirateria.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 83


Cultura

Musica
Dal vivo Dagli stati uniti
julian Cope
Teatro Civico, Cagliari, 10 jazz senza conini
ottobre, karelmusicexpo.com;
Circolo degli Artisti, Roma,
12 ottobre, circoloartsti.it I classici afroamericani vece, è metà greca metà gui-
con un’aggiunta neana, alla continua ricerca
basia
di multiculturalismo: delle radici afroamericane
Blue Note, Milano, 9 ottobre,

SIMONE CECCHETTI (CORBIS)


ecco le nuove star del jazz della sua musica. Secondo lei
bluenotemilano.com
“il jazz moderno deve inno-
Fino a poco tempo fa non era vare fondendo culture diver-
paul KalKbrenner
Brancaleone, Roma, 9 ottobre,
diicile tracciare l’identikit se ma senza perdere di vista
brancaleone.eu del tipico cantante jazz: una la tradizione”. Poi c’è Espe-
donna, quasi sempre afro- ranza Spalding, cresciuta ne-
MarC alMonD americana, che canta in un Esperanza Spalding gli Stati Uniti ma che canta
Teatro Civico, Cagliari, locale pieno di fumo da qual- anche in spagnolo e in porto-
9 ottobre, karelmusicexpo.com che parte negli Stati Uniti. culture musicali molto varie. ghese. “ Mi piace l’idea di
Pensate a Billie Holiday e a Con la loro energia stanno creare qualcosa di nuovo
plants anD aniMals Ella Fitzgerald. Oggi dando una nuova spinta al usando un vocabolario del
Sinister Noise, Roma, 9 ottobre, quest’immagine è messa in jazz tradizionale. Sophie Mil- passato”, dice. Il segreto,
newageclub.it discussione da una schiera di man è nata in Russia ma ha quindi, è fare un salto a New
cantanti emergenti. La loro vissuto in Israele e in Cana- York o New Orleans, impara-
the Drones caratteristica è di essere to- da. Adesso suona nei locali di re il più possibile e poi partire
Music Drome, Milano, talmente globalizzate: ven- Tokyo. È l’espressione di alla conquista del mondo.
14 ottobre, musicdrome.it; gono da paesi diversi e hanno questo nuovo jazz itinerante. Andrew Bast e Anita
Circolo degli Artisti, Roma, un background che fonde Elisabeth Kontomanou, in- Kirpalani, Newsweek
15 ottobre, circoloartisti.it;
Spazio 211, Torino, 16 ottobre,
spazio211.com
playlist Pier Andrea Canei
oi va voi
Hiroshima mon amour, Torino,
14 ottobre, hiroshimamonamour
piano terra
.org; Live Club, Trezzo d’Adda
(Mi), 15 ottobre, liveclub.it;
Federica Fornabaio I Gatti Mezzi Mulatu Astatke &
Estragon, Bologna, 16 ottobre,
estragon.it; New Age Club,
Roncade (Tv), 17 ottobre,
newageclub.it
1 Merry Christmas Mr.
Lawrence (main theme)
E chi se lo scorda più? Era una
2 Dall’arioporto alla
stazione
Altre note di pianoforte an-
3 Ethiopian Quintet
Girl from Addis Abeba
E se lounge dev’essere, che sia
grande colonna sonora: il Sol dante per Francesco Bottai e a base di vibrafono, tam tam e
florenCe anD the Levante in eleganti compresse Tommaso Novi, due pisani al- piano percussivo. Straordina-
MaChine pianistiche e orchestrali. Il te- la porta del pop, costantemen- rio recupero (a cura della solita
Magazzini generali, Milano, ma principale di Ryuichi Saka- te in modalità “Come di” Pao- label, Strut, ormai specializza-
16 ottobre, magazzinigenerali.it moto per Furyo, ilm diretto da lo Conte. Con le fauci sempre ta nei ripescaggi vintage) delle
Nagisa Oshima nel 1983 (con piene di vernacolo, di notazio- opere del Duke Ellington
due popstar: lo stesso Sakamo- ni passeggere e zufolii. Bai, d’Etiopia (chi ha visto Broken
to e David Bowie), riletto dalla canottiere e personalità im- lowers di Jim Jarmusch un po’
pianista/compositrice nata ad mediate di fredbuscaglioni lo conosce, magari senza sa-
Andria nel 1985 (e notata da con ci aspirate al seguito com- perlo): l’album è New York-
molti in veste di direttrice portano anche un rischio: Addis-London: the story of Ethio
d’orchestra caruccia all’ultimo quello di smacchiettare. In at- jazz 1965-1975. Come un twist
Sanremo). Il suo cd autointito- tesa di capire, per un po’ gar- di allegrie africane al carda-
lato, appena uscito, è un bano, tre-quattro pezzi del lo- momo, sorseggiato per una fe-
taccuino d’appunti per ilm a ro album Struscioni (sì, i lenti sta dell’epifania tra odori di
venire, scritto sulla tastiera da balera, e chi se ne avvale) stufato e lirt multiculti nel
Florence and the Machine d’avorio ed ebano. alla volta. Queens.

84 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Resto
SYRAN MBENZA & ENSEMBLE LALGUDI MAX
del m0ndo RUMBA KONGO VIJAYALAKSHMI FUSCHETTO
Scelti da Marco Immortal Franco: Africa’s Vadhia Sunadha Popular games
Boccitto
unrivalled guitar legend (Riverboat) Pravaham (Felmay) (KonSequenz)

IAN BROWN cantata dalle Shangri-Las. tari indie, per la gioia ininita
Rock My way Bob Stanley, Mojo degli spacciatori di ecstasy. Nei
NEIL YOUNG (101 distribution) decenni successivi Andrew
Archives Vol.1 ●●●●● Hip Hop Weatherall è passato al lato
(Reprise) Mentre per i fan degli Stone Ro- oscuro della musica elettronica,
● ●●●● ses decorre tristemente l’anni- BROTHER ALI producendo dei magniici clas-
Il primo volume dell’autobio- versario dei vent’anni dalla na- Us sici techno. Adesso, a 46 anni,
graia artistica di Neil Young è scita del gruppo, anche (Rhymesayers) pubblica inalmente il primo al-
lo specchio della personalità quest’anno senza il tanto ago- ●●●●● bum con il suo nome. Un disco
multiforme del cantautore ca- gnato ricongiungimento, Ian “Se mi conoscete bene, sapete piuttosto strano, che sintetizza
nadese. Composto da otto cd, Brown torna sulla scena con My che amo la mia famiglia, e amo l’insieme delle sue ossessioni
che coprono gli anni dal 1963 al way, il suo sesto album da soli- dio”, dice Brother Ali all’inizio musicali, triturando una polpa
1972, e dal ilm inedito Journey sta. In My way, registrato nello di Us, il suo terzo album. E se il elettronica e dei bassi poco ra-
through the past (girato da studio che (ormai tanto tempo concetto non dovesse essere gionevoli per far assorbire al
Young con lo pseudonimo di fa) ha immortalato i primi passi chiaro, il rapper di Minneapolis sound la sua idea di rock nervo-
Bernard Shakey nel 1973), Ar- degli Stone Roses, Ian Brown ri- lo ripete alla ine, quando riven- so e irresistibile per chi ama bal-
chives Vol. 1 è un lavoro epico, esce a fondere ritmi diversi, a dica la sua fede musulmana, lare. E naturalmente parliamo
straordinario, unico. Ricchissi- volte opposti, che danno all’al- l’attaccamento per i suoi igli. E di un ballo isico, carnale, che
mo, e non solo di musica, il pro- bum un’indiscutibile e inaspet- anche il disprezzo per il lusso: impegna tutta la pista. È ancora
getto di Young è talmente ben tata armonia. I ritmi sintetizzati tanto che in House keys propone schiavo del suo technorock, ma
congegnato da imporsi come imparati nelle sale da ballo gia- di spendere al ristorante Red questa non è una cattiva notizia.
modello di riferimento per ogni maicane, per esempio, si me- Lobster i soldi messi da parte Pascal Bertin,
futura operazione commerciale scolano alla perfezione con le per comprare un appartamento Les Inrockuptibles
di questo tipo. Per quanto ri- eccentricità folk della curiosa più economico. Quello che con-
guarda il materiale d’archivio cover di In the year 2525, di tribuisce a dare una grande Classica
ancora non utilizzato, siamo Zager and Evans. Un successo energia agli spezzoni di vita de-
per Ian Brown, un’altra mezza scritti in Us è la capacità di Ali di STEFANO SCODANIBBIO
certi che c’è ancora molto da
scoprire. Ma per adesso questa delusione per i suoi vecchi fan. raccontare i piccoli dettagli quo- John Cage: Concerto per
prima uscita ofre già moltissi- Pat Long, Uncut tidiani, insieme agli arrangia- piano, Freeman Etudes 1-5,
mo. menti vintage-funk artigianali. Dream, Ryoanji, Radio
Neil Spencer, Uncut Pop Ma il merito è anche del produt- music.
tore Ant, che fornisce a Brother Stefano Scodanibbio,
BUILT TO SPILL AUTORI VARI Ali delle tracce profondamente contrabbasso; Fabrizio
There is no enemy Do-wah-diddy: words and sentimentali, simili a quelle da- Ottaviucci, piano, e altri artisti
(Warner Bros) music by Ellie Greenwich te al suo partner Slug (Wergo)
● ●●● ● and Jef Barry negli Atmosphere. ●●●●●
Negli anni novanta i Built to (Ace) Michael Wood, Il nome di Stefano Scodanibbio
Spill hanno prodotto alcuni dei ●●●●● Billboard è indissolubilmente legato al
dischi più ambiziosi e signiica- È possibile che Ellie Greenwich rinnovamento dell’arte del con-
tivi della musica indie rock sta- e Jef Barry, i compositori più Elettronica trabbasso dagli anni ottanta. È
tunitense. Basti pensare a due celebri del Brill Building tra il un musicista capace di un’em-
album straordinari come Perfect 1963 e il 1965, abbiano raccon- ANDREW WEATHERALL patia assoluta con le opere che
from now on e Keep it like a secret. tato attraverso le canzoni la loro A pox on the pioneers gli sono state dedicate come
Ma dopo il 2000 avevano com- storia d’amore e il loro breve (Rotters Golf Club) con quelle che non sono nem-
pletamente perso la loro spinta matrimonio. Lei era la tipica ra- ●●●●● meno state scritte per il suo
creativa, limitandosi a pubblica- gazza di Brooklyn, con il Le giovani generazioni che strumento. Questo programma
re dischi che contenevano solo chewing gum sempre in bocca. spendono calorie sul rock dopa- di opere di John Cage rivela un
qualche lampo di ispirazione Lui invece era il ragazzo matu- to dalla dance-music gli devono musicista di vedute particolar-
genuina (come per esempio ro, saggio e tenebroso. Un con- praticamente tutto. Alla ine de- mente ampie e un maestro della
Strange, Fly around my pretty lit- nubio perfetto. La leggerezza gli anni ottanta questo dj e pro- trascrizione. Come nella sele-
tle miss e Goin’ against your della loro scrittura rende unici duttore ha passato al setaccio zione dei cinque Freeman etu-
mind). Oggi, invece, con questo brani come I can hear music, I’m losing more than I’ll ever have des, in origine pensati per il vio-
There is no enemy la band di eseguita dai Beach Boys, e Do- dei Primal Scream per lanciarla lino, nei quali Scodanibbio rie-
Doug Martsch sembra davvero wah-diddy, degli Exciters. Ma sulla pista da ballo sotto il nome sce a far dimenticare l’inerzia
tornata ai fasti di un tempo. Per Greenwich e Barry sapevano di Loaded e poi ha anche pro- naturale del contrabbasso con
la prima volta in dieci anni i anche scrivere canzoni cupe, dotto buona parte del loro al- un’esecuzione di incredibile
Built to Spill hanno di nuovo come dimostra River deep bum Screamadelica, che ha leggerezza. Un recital monogra-
qualcosa da dire. mountain high, o il loro capola- aperto il mondo delle discote- ico di grande fascino.
Jayson Greene, Pitchfork voro assoluto, Out in the street, che a tutta una tribù di rocchet- Pierre Rigaudière, Diapason

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 85


Cultura

Tv
LA COUR DES PLAIGNANTS
Sabato 10 ottobre, ore 23.10, Arte
In rete
Uno sguardo sull’impietosa bu-
rocrazia cinese attraverso le vi- Gdp project
cende delle migliaia di cittadini
che arrivano a Pechino per ap-
pellarsi contro le decisioni delle GDP.NFB.CA
amministrazioni locali. Nell’in- Il National ilm board of Cana-
terminabile attesa di un’udien- da prosegue la sua ormai settan-
za afrontano altre ingiustizie, tennale missione di documen-
minacce e violenze. tare per immagini la storia e vita
del paese.
LES HÉRITIERS
Wanted and desired Ha infatti appena lanciato
Lunedì 12 ottobre, ore 1.05, Arte
un nuovo ambizioso progetto in
Nelle campagne messicane i rete: otto registi e otto fotograi,
bambini lavorano dalla più te- Dvd ingaggiati per un anno, dovran-
nera età. Quello del giovane re- no viaggiare attraverso il paese
gista Eugenio Polgovsky è uno
degli sguardi più originali del
Wanted and desired per “dare un volto alla crisi eco-
nomica”, raccontando le sue
documentario contemporaneo conseguenze sullo stile di vita,
e questo Los herederos, suo ulti- sulle condizioni di lavoro e sui
La coincidenza potrebbe far Muovendosi tra luci, ombre
mo ilm, è magniico e terribile. rapporti con gli altri di canadesi
pensare a una diabolica strate- e materiali d’archivio, ascoltan-
GENOCIDIO TIBET gia di marketing: il 23 settem- do i protagonisti (avvocati, testi- qualunque, sondando umori e
Lunedì 12 ottobre, ore 21.00, Cult bre, tre giorni prima che Roman moni e la stessa Geimer), ma prospettive.
Polanski venisse fermato in senza dare la parola a Polanski, Secondo le previsioni an-
Il giornalista tibetano in esilio
Svizzera per il caso di violenza Wanted and desired si concentra dranno online oltre 250 tra il-
Tash Despa torna nel suo paese
sessuale nei confronti di Sa- sulla ricostruzione non tanto del mati e gallerie fotograiche.
clandestinamente per testimo-
mantha Geimer, usciva in Fran- fattaccio, quanto della successi- Appuntamento tra dodici
niare il “genocidio culturale” da
cia il dvd del documentario del va vicenda legale che portò alla mesi per veriicare se un anno
parte del governo cinese e le
2008 che Marina Zenovich ha fuga del regista dagli Stati Uniti, sarà stato abbastanza per arri-
condizioni di vita sotto l’occu-
dedicato alla tempestosa bio- alla vigilia della sentenza di col- vare a cogliere qualche segnale
pazione, sempre più dura dopo
graia del regista polacco. pevolezza. di ripresa.
le proteste di monaci e studenti
del marzo 2008.

VOTAMI
Lunedì 12 ottobre, ore 22.00
Serie
Current
Il ilm, realizzato per la serie di Quel bastardo di George Costanza
documentari Why democracy?,
segue la campagna elettorale e
l’elezione del rappresentante di Domenica 4 ottobre, negli mettere insieme il cast, David chael Richards – a tornare inal-
classe in una scuola elementare Stati Uniti, è andato in onda ha ceduto all’idea anche per ri- mente sul piccolo schermo.
cinese. Per i candidati e per i lo- quello che molti hanno de- sollevare gli ascolti della sua se- Inizialmente Jason Alexan-
ro compagni di banco sarà la inito l’evento tv dell’anno rie e ha pensato a una sceneg- der non vuole saperne. Spiega
prima esperienza con la demo- giatura che confonde realtà e di non essere interessato a ri-
crazia, e forse una delle ultime. I protagonisti della sitcom Sein- fantasia: l’alter ego di David nel portare in vita il personaggio di
MADOFF: LA TRUFFA
feld si sono riuniti a undici anni teleilm organizza la reunion del George Costanza, che descrive
DEL SECOLO dall’ultima seguitissima punta- cast di Seinfeld per riguadagnare come un “piccolo stupido ba-
Mercoledì 14 ottobre, ore 22.00 ta dello show. Ma non si tratta di la stima di sua moglie Cheryl. stardo”. Il pubblico più afezio-
History Channel una vera e propria reunion. La Nel terzo episodio della set- nato avrà apprezzato doppia-
Il documentario ricostruisce il vecchia banda si è ritrovata sul tima serie, intitolato appunto mente la battuta visto che nella
caso di Bernard Madof, mago set di Curb your enthusiasm, la The reunion, e andato in onda serie originale il personaggio di
degli investimenti (e trufatore) serie comica interpretata da domenica 4 ottobre sul canale George Costanza era ispirato al-
arrivato al capolinea l’11 dicem- Larry David, che di Seinfeld era Hbo, David cerca di convincere lo stesso Larry David.
bre 2008, quando è crollato il scrittore, co-creatore e produt- i quattro protagonisti di Seinfeld Damien Murphy ed Emily
castello di carte su cui si basava tore esecutivo. Dopo anni di re- – Jerry Seinfeld, Julia Louis- Dunn, The Sydney Morning
il suo impero inanziario. sistenza a ogni tentazione di ri- Dreyfus, Jason Alexander e Mi- Herald

86 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Cultura
La prossima settimana: ristoranti

Teatro
A STEADY RAIN
Gerald Schoenfeld Theatre, Lo spettacolo L’artista
New York
Se questa nuova fatica del Ullman dirige Blanchett Mark Morris
drammaturgo di Chicago Keith
Huf sulle vicende di due poli-
ziotti ha battuto il record di bi- Le aspettative sono alte, quando dell’epoca a un onirico accom- Se Mark Morris non è il più
glietti venduti in una settimana un team d’eccellenza si con- pagnamento al piano. Cate grande artista vivente in assolu-
a Broadway è anche perché a in- fronta con un classico come Blanchett ofre un’interpreta- to, allora chi? Il grande coreo-
terpretarlo sono Wolverine e Ja- Un tram chiamato desiderio di zione di Blanche DuBois in cui grafo statunitense torna in Gran
mes Bond. Pardon, Hugh Jack- Tennessee Williams, in scena al si alternano abilmente oscurità Bretagna con il suo corpo di bal-
man e Daniel Craig. Ma a bene- Sydney Theatre. Ma Liv e candore. Una messa in scena lo al Sadler’s Wells, tempio lon-
icio dei due supereroi, c’è da Ullman, la musa di Ingmar che testimonia la nuova tenden- dinese della danza, dal 27 al 31
dire anche che la critica ha ap- Bergman, non delude, optando za degli attori hollywoodiani a ottobre. Ballerino di fama mon-
prezzato la messa in scena. per una regia naturalistica e per rivalutare il palcoscenico come diale a dispetto di una corpora-
niente patinata, con una sceno- luogo di arte pura, e che ottiene tura pesante che non lo favoriva
HISTORIA DE JUAN, graia minimalista e una colon- consensi anche dalla critica. afatto, Morris è riuscito a tra-
NACIDO DE UN OSO
na sonora che alterna pezzi pop Sydney Morning Herald sformarsi in un’icona per più ge-
Fino al 18 ottobre, Teatro de la
nerazioni: qualche anno fa ha
Abadía, Madrid
fatto ristrutturare un vecchio
Scritta, diretta, prodotta e inter- palazzo di Brooklyn e l’ha tra-
pretata da Albert Vidal questa sformato in un’opera d’arte ar-
Historia de Juan racconta la leg- chitettonica, simbolo di luce e
genda iberica di un iglio di ma- levità. Lì oggi hanno sede la sua
dre umana e padre animale con nuova compagnia e una scuola
toni da commedia dell’arte. di danza d’eccellenza. Inoltre
Morris si è appena aggiudicato i
MAYERLING 720mila dollari del premio della
Fino al 10 novembre, Royal Opera fondazione Andrew W. Mellon.
House, Londra Un bel sospiro di sollievo in un
Torna in scena uno dei più fa- momento delicato anche per il
mosi balletti di Kenneth mondo dell’arte.
Mac Millan. La tragica storia di Cate Blanchett
Daily Telegraph
Rodolfo d’Asburgo-Lorena, ere-
de al trono austroungarico che
si tolse la vita insieme alla sua
amante, contrasta eicacemen-
Danza
te con la tumultuosa coreograia
sperimentale, datata 1978. Com’è severo il Crazy Horse
LA DOULEUR
Fino all’11 ottobre, Théâtre
de l’Atelier, Parigi Philippe Decoulé ha accet- Cannes nel 1997 e dei mondiali to per mettere in scena uno
L’impegnativo testo di Margue- tato la sida: introdurre la di rugby del 2007, Decoulé non spettacolo erotico da presentare
rite Duras portato in scena da danza contemporanea nel è un novellino. a Las Vegas, sembrava fatta. Ma
un’attrice molto apprezzata in tempio dello strip tease Da tanto tempo riletteva il progetto si è arenato. Poi inal-
Francia: Dominique Blanc, vin- sull’idea di uno spettacolo di mente Désirs. È uno spettacolo
citrice della coppa Volpi a Vene- Il coreografo, ballerino, regista nudo. In realtà, parlando di diviso in quadri. Ogni numero
zia nel 2008 per il ilm L’autre. e mimo ha debuttato da qualche danza contemporanea, pensava un’idea, ogni idea una coreogra-
giorno con lo spettacolo Désirs: più a uno spettacolo “sul denu- ia. Il linguaggio dev’essere per
FOOLS’ PARADISE non ha avuto vita facile, perché i dare”, che sul nudo femminile forza universale, non si può non
Dal 12 al 15 novembre, codici del cabaret chic sono stile Playboy. Ma vedendo gli tenere conto di dove vengono
Muziektheater, Amsterdam piuttosto rigidi per chi è abitua- spettacoli del cabaret parigino e messi in scena questi balletti. E
La Wheeldon Company è il pri- to a dare ampio sfogo alla pro- di altri templi dello strip tease nonostante codici molto severi
mo caso di un corpo di ballo pria creatività. Allo stesso tem- negli Stati Uniti, Decoulé ha anche nel campo delle luci, è at-
transatlantico, con doppia base po, dopo aver curato le coreo- avuto l’impressione che fosse traverso di esse che Decoulé si
a Londra e New York. Approda graie, tra l’altro, delle cerimo- un campo di gioco immenso. esprime di più.
oggi nel teatro più importante di nie d’inaugurazione e di chiusu- Quando il Cirque du Soleil, Fabienne Avers,
Amsterdam. ra del cinquantesimo festival di qualche anno fa, lo ha contatta- Les Inrockuptibles

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 87


Pop
Il secolo falso
di Tel Aviv
Yonatan Mendel
n questo preciso istante, delle lunghe file si alcuni dei villaggi che hanno dovuto farle spazio, nomi

I stanno probabilmente formando davanti all’ul- usati ancora oggi. Gli abitanti di Tel Aviv continuano a
tima moda gastronomica di Tel Aviv: le yogur- parlare del quartiere di Abu Kabir, s’incontrano ancora
terie. Anche in piena notte tocca fare la coda a Salame street. Il circolo dell’università di Tel Aviv un
per comprare un rinfrescante yogurt gelato tempo era la casa dello sceicco di Sheikh Munis.
nell’animato negozio di viale Rothschild. Spun- È un’impresa straordinaria, un omaggio alla fantasia
tate come funghi, le gelaterie hanno permesso alla israeliana, riuscire a pronunciare questi nomi arabi
“città bianca” – come chiamano Tel Aviv – di vivere la senza collegarli alla popolazione araba indigena, riu-
bianca rivoluzione dello yogurt. È dolce e acido, fatto scire a considerare Tel Aviv la “prima città ebraica” ri-
con ingredienti naturali, salutare e gustoso al tempo iutando di riconoscere l’esistenza dei suoi abitanti
stesso, con appena l’1,6 per cento di grassi, il tutto co- autoctoni arabi. In questa città le persone parlano fran-
ronato da pezzi di frutta fresca appena tagliata. Mango cese e inglese, ma quasi nessuno sa l’arabo, una delle
e ananas, kiwi, fragole, melograni, datteri, meloni e due lingue uiciali d’Israele. La retorica “liberale” sva-
cocomeri, rossi, gialli e verdi, sparsi con generosità in nisce quando si tratta di aittare casa a uno studente
cima allo yogurt bianco e spesso. Un coppa piccola di arabo o quando i nuovi vicini sono una famiglia araba.
questa delizia locale costa 18 shekel (po- Tel Aviv, la città più “liberale” e “tolle-
co più di tre euro), una media 21 shekel e Tutti gli aspetti rante” d’Israele, come amano immagi-
una grande 27 shekel. È la risposta più positivi, “normali” narsela i suoi abitanti, non solo ha
gustosa all’onnipresente umidità della e piacevoli di cent’anni: è anche quasi al cento per cen-
“prima città ebraica” d’Israele. Tel Aviv la rendono to priva di arabi.
Lo stato di Tel Aviv, come lo chiama- il paradigma della Poi c’è Jafa. Situata pochi chilometri
no gli altri israeliani, è una città felice, cecità della società a sud di Tel Aviv, era probabilmente la
piena di vita ed eventi. È il centro degli israeliana. Tel Aviv città palestinese più prospera e cosmo-
afari del paese, una metropoli relativa- è a un’ora d’auto polita, con un porto, un’industria (le
mente giovane, istruita, ricca e laica, con arance di Jaffa), un sistema scolastico
dalla Striscia
una lunga spiaggia mediterranea dove internazionale e una vivace scena cultu-
rifugiarsi d’estate. Ha un’ampia ed etero-
di Gaza rale. Nel 1949, dopo che Jafa era stata
genea scelta di ristoranti, caffè e pub, svuotata quasi completamente dei suoi
sempre più numerosi grazie all’aumento della doman- abitanti palestinesi (ne erano rimati solo 3.600 su un
da. In città si può mangiare e bere di tutto, dalle arago- totale di 70mila), il governo israeliano decise di unire
ste ai falafel, dalla birra tedesca Weihenstephan a quel- le due città in un’unica metropoli, ribattezzata
la locale, la Goldstar. Secondo l’Economist, Tel Aviv è “Tel Aviv-Jafa”. In questo modo, Ben Gurion non si li-
al trentaduesimo posto nella classiica delle città più mitava a creare una nuova Tel Aviv , “parte” della bibli-
care del mondo, la prima del Medio Oriente. Ospita il ca Jafa: cancellava la città palestinese. Con il passare
teatro dell’opera nazionale, l’orchestra filarmonica degli anni, si cominciò a dire che la città di Tel Aviv –
d’Israele, il teatro nazionale e l’università più grande chiamata Tel Aviv-Jafa solo nei documenti uiciali –
del paese. Ogni anno accoglie il principale gay pride aveva un “distretto” meridionale molto bello e roman-
del Medio Oriente, oltre ad alcuni dei musicisti e artisti tico. I cartelli turistici nelle strade ne raccontano la
più famosi del mondo. Negli ultimi mesi ci sono stati i storia in ebraico, inglese, francese, tedesco e spagnolo,
concerti di Madonna e dei Depeche Mode. Tuttavia ma non in arabo.
sono proprio tutti questi aspetti positivi, “normali” e Sono cresciuto in un piccolo quartiere di Gerusa-
piacevoli di Tel Aviv che la rendono il paradigma della lemme chiamato Givat Oranim, proprio accanto al
cecità morale e politica della società israeliana. Tel quartiere di Katamon. A scuola nessuno ci raccontò la
Aviv non è solo a un’ora di fuso orario dall’Europa: è storia di Katamon, ma ci portarono qualche volta al
anche a un’ora di macchina dalla Striscia di Gaza. parco di San Simone. Dietro ai cipressi e ai pini del par-
Quest’anno la città celebra il centenario della sua co c’era un piccolo monumento commemorativo ai
fondazione. Ma Tel Aviv non è “emersa dalla sabbia”, soldati israeliani morti nella battaglia di Katamon, nel
come racconta il mito sionista. Al Sumayil, Salame, 1948: una battaglia, ci spiegavano molto vagamente,
Sheikh Munis, Abu Kabir, Al Mansiyeh: sono i nomi di tra combattenti della Haganah e insorti arabi. Sulla via

88 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


ALE & ALE

del ritorno vedevamo le vecchie case arabe, abitate or- Solo vent’anni dopo ho esplorato per la prima volta
mai da famiglie ebree, ma la cosa non ci colpiva: l’inte- Katamon insieme a due amici stranieri, consultando
ro quartiere era ebraico e, per quanto ne sapevamo, gli una vecchissima guida. Dato che in giro non si vedono
arabi (per non parlare dei palestinesi) non avevano indicazioni sulla storia del quartiere, camminando tra
nulla a che fare con quel posto. le vecchie case arabe abbiamo osservato le foto del li-
I nostri professori, quindi, ci diedero la licenza di bro. Ci abbiamo messo poco a trovare l’ex ambasciata
immaginare quello che volevamo, di parlare degli in- irachena, il consolato greco, l’ambasciata cecoslovacca
sorti arabi di Katamon e mai degli abitanti arabi di e quella libanese, il consolato libanese, tutti diventati
Katamon. Ma oggi sono convinto che tutto il quartiere case private senza nessuna traccia del loro passato. Ho
fosse stato concepito in modo da nutrire la nostra im- anche trovato la casa di Khalil al Sakakini, forse il più
maginazione. I nomi delle strade, per esempio, sono grande intellettuale palestinese della sua epoca, mai YONATAN
MENDEL
tutti legati alla guerra del 1948. Via dei Convogli, i Di- nominato a scuola. Un’insegna accanto alla porta spie-
sta completando un
stributori d’acqua, i Corpi d’armata femminili, i Corpi ga che oggi è la sede di un asilo nido gestito da un grup-
dottorato su Israele e
di guardia, i Conquistatori di Katamon: erano questi i po canadese, l’Organizzazione internazionale sionista
la lingua araba
luoghi d’incontro della mia infanzia. Quel posto non delle donne. all’università di
aveva una storia prima del 1948, le persone che ci ave- Ho scoperto così che Katamon un tempo era un Cambridge. Questo
vano abitato erano senza nome. Nessuno pensò di rac- quartiere ricco e abitato prevalentemente da cristiani articolo è uscito sulla
contarci la storia della gente di Katamon, e nessun ra- palestinesi. Al centro c’erano due alberghi: il Semira- London Review of
gazzino aveva motivo di chiederla. mis e il Park Lane. Non ne avevo mai sentito parlare, Books.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 89


Pop
come non avevo mai sentito parlare della bomba che pio della tendenza di Israele a fantasticare. Un altro
l’Haganah piazzò al Semiramis nel 1948, uccidendo termine ai conini della realtà, che permette alla socie-
26 persone tra cui il viceconsole spagnolo. Fu uno dei tà ebraica di mantenere una patina liberale su atteggia-
motivi principali per cui i palestinesi decisero di abban- menti molto poco liberali, è “coesistenza”. È usato per
donare il quartiere. Oggi, nel punto dove si trovava gli eventi sportivi o culturali in cui i cittadini israeliani
il Semiramis, c’è una normale casa nuova. Anche l’as- e palestinesi d’Israele s’incontrano. In altre parole, è
senza può stimolare l’immaginazione degli abitanti di usato quando due forme di esistenza molto diverse
Gerusalemme, a volte perino più della presenza. convergono. Stranamente, invece, se in una scuola ci
L’ebreo israeliano medio può passare una vita inte- sono igli di ebrei israeliani e di ebrei immigrati da pae-
ra senza mai conoscere un solo cittadino palestinese si diversi come la Russia o l’Argentina, la parola coesi-
del suo stesso paese (igurarsi se può diventare suo stenza non si usa. A quanto pare l’esistenza comune di
amico). All’asilo, alle elementari, alle medie e al liceo, un ebreo di Tel Aviv e di un ebreo argentino è evidente.
i due sistemi scolastici sono completamente separati: Ma se uno studente di Tel Aviv incontra un collega pa-
gli ebrei israeliani studiano con gli ebrei israeliani, i lestinese che vive nella vicinissima Jafa, siamo di fron-
cittadini palestinesi d’Israele studiano con i cittadini te a un esempio di coesistenza. Questa terminologia
palestinesi d’Israele. Quand’eravamo adolescenti ci “liberale” funziona come sonnifero per una società
parlarono dei grandi progetti dell’Aliya (l’immigrazio- che vuole immaginarsi democratica. Forse è ora che
ne di ebrei in Israele) e del Kibbutz Galuyot (“la riunio- qualcuno la svegli.
ne della diaspora”). Ci parlarono della fondazione del-
lo stato, e mi piacque molto la lezione su Israele come uongiorno, Israele! È tardissimo e hai
“società di immigrati”. I palestinesi – ma all’epoca non
me n’ero reso conto – non erano mai immigrati in Israe-
le. Eppure questo non ci impediva di sognare. Secondo
alcuni sociologi israeliani, l’esercito è il melting pot del
paese, ma quasi tutti i cittadini palestinesi ne rimango-
no fuori. Non vogliono combattere contro i loro fratelli
e le loro sorelle palestinesi, e comunque Israele prefe-
risce non aidargli questo compito. E così il melting
pot è fatto solo di ebrei. Si potrebbe dire che tutto que-
B dormito in troppo. Non si può chiamare
paciico un paese che ha un governo di
estrema destra e il partito di Ariel Sha-
ron all’opposizione. Non si può – da un
punto di vista logico – deinire antisemi-
ta qualunque critica al sionismo e al tempo stesso am-
mettere che il 75 per cento degli ebrei israeliani non
vorrebbe vivere nello stesso palazzo di un arabo. Non
si può parlare ai liceali dei pericoli del razzismo e della
sto ci spinge a sognare una terra ebraica per gli ebrei. discriminazione, e il giorno dopo fargli una bella lezio-
Ma ci aiuta anche a dimenticare che i palestinesi sono ne sui piani del governo israeliano per ebraizzare la
parte della società israeliana e cittadini dello stesso Galilea. Non si può presentare la ine dell’occupazione
stato. militare della Cisgiordania e della Striscia di Gaza, re-
L’università di Tel Aviv ha mostrato tutto il potere stituite ai loro legittimi abitanti, come un “doloroso
della sua immaginazione nel maggio del 2008, quando compromesso israeliano”.
il consiglio studentesco ha deciso di organizzare una “Una villa nella giungla”: così Ehud Barak descrive-
ricorrenza annuale – il simpatico Giorno dello studente va la posizione di Israele in Medio Oriente. È un’imma-
– nello stesso giorno in cui i palestinesi commemorano gine condivisa da tutta la società israeliana. Nel cuore
STORIA VERA la Naqba (l’esodo del 1948). La giustiicazione del con- di Tel Aviv si trova il complesso di Ha-Kirya, il quartier
Günther Link, siglio era che “non ci era stata comunicata la data pro- generale delle Forze di difesa israeliane. È davvero pre-
45 anni, era “un blematica delle celebrazioni”. È stato molto peggio che occupante che le persone possano passare tranquilla-
uomo molto se avessero dichiarato di averlo fatto apposta: vuol dire mente accanto a questo ediicio senza fare un collega-
religioso”, secondo che per gli ebrei di questo paese, anche per i cittadini mento tra il loro esercito e i Territori palestinesi occu-
Roman Hahslinger, istruiti e “liberali” di Tel Aviv, i palestinesi sono invisi- pati, tra la loro indipendenza e le continue soferenze
portavoce della
bili. Il progetto di legge che vieterebbe agli ebrei israe- dei palestinesi. La decadenza di Israele non si misura
polizia di Vienna.
liani e ai cittadini palestinesi d’Israele di commemora- dal tasso di criminalità o dalla corruzione, ma dai loro
Link era rimasto
chiuso in un
re la Naqba è stato approvato dalla commissione legi- opposti: dal fatto che il paese abbia una società ricca e
ascensore e aveva slativa del governo a maggio del 2009. Non so se il democratica e al tempo stesso sofochi i più elementa-
molto pregato perché progetto diventerà legge, ma la Naqba c’è stata. E per ri diritti umani, nazionali e politici dei palestinesi.
lo tirassero fuori. molte persone non è un fatto da celebrare. Riconoscere Immaginare un’altra Israele – paciica e morale,
Così, appena libero, è la Naqba, assumersi la responsabilità della sorte di ebraica e democratica, imperfetta ma innocua – ha
andato in chiesa a 700mila palestinesi che fuggirono o furono espulsi tra creato una realtà virtuale in cui i fatti storici e contem-
rendere omaggio al il 1947 e il 1948, provare a risarcire questi rifugiati, or- poranei sono ofuscati da ragionamenti esaltati e diso-
Signore. Lo hanno mai diventati milioni: questi gesti, per quanto simboli- nesti. Per coinvolgere gli ebrei israeliani in questa mis-
trovato morto la
ci, per quanto tardivi, segnerebbero l’inizio della ine sione non c’è stato bisogno di dare ordini. Le istituzioni
mattina dopo: aveva
della negazione israeliana. Invece tra poco, almeno politiche e religiose d’Israele, i suoi mezzi d’informa-
abbracciato una
colonna su cui
secondo il progetto di legge, chiunque oserà esprimere zione, i suoi “amici” nel mondo, i suoi conini, la sua
poggiava un altare di le sue idee nell’anniversario della Naqba sarà incarce- terminologia, la sua memoria collettiva, la sua imma-
pietra da 390 chili, rato, nell’“unica democrazia del Medio Oriente”. ginazione e anche le sue gelaterie: grazie al perfetto
che gli è caduto La pretesa di essere l’“unica democrazia” e di avere incastro di questi elementi, Israele ha inito per perde-
addosso uccidendolo. “l’esercito più morale del mondo” è un perfetto esem- re ogni contatto con la realtà. ◆ fs

90 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


GUIDO SCARABOTTOLO

Giorno doio. Vicino a me c’era un bambino, forse di sei anni,


e di ianco a lui l’uomo che doveva essere suo padre,
che guardava fuori dal inestrino. Non sono una che
di visita si entusiasma per i bambini, non al punto da attacca-
re discorso o sorridergli. Tirai fuori il mio libro e tolsi
il coperchio in plastica dal bicchiere del cafè, ma mi
accorsi che la mia avversione ai ragazzini non è così
Binnie Kirshenbaum
forte come vorrei far credere, perché mi resi conto che

M
i aspettavo che il sabato mattina non potevo mangiare un muin davanti a un bambi-
il treno delle 8.46 da Manhattan no senza ofrirgliene un pezzo. Dopo aver chiesto il
a Bedford fosse relativamente permesso al padre, lasciai scegliere al piccolo la sua
vuoto, così, in stazione, mi misi metà di muin preferita perché, in una logica tipica
in cerca di un cafè e di un muin dei bambini, una delle due metà è meglio dell’altra.
da consumare in viaggio. Citta- Parlammo del muin (molto buono) e dei mirtilli in
dina dei tre villaggi − Bedford Village, Bedford Hills e generale (piacevano a entrambi), della classe che
Katonah − Bedford vanta fattorie con cavalli, dimore frequentava (la prima elementare) e della materia
signorili, una casa colonica in legno del settecento, che preferiva (lettura). Le cose di cui parlo con un
oggi trasformata in un ristorante francese, e uno spa- bambino raramente interessano me o lui. Poi chiesi:
zio erboso al centro del paese, scampato alle luci e ai “Dove vai oggi?”. “A trovare mia mamma”, rispose.
fast food. “Che strano!”, dissi. “Anch’io. Stiamo andando tutti
Con il treno potevo andare comodamente a trovare e due a trovare la mamma”. Tirò la manica del padre.
i miei genitori e fargli delle visite brevi. Di solito anda- “Sta andando anche lei a trovare sua mamma. Può
vo a pranzo la domenica o a una cena di metà settima- venire con noi?”.
na, e tornavo a dormire nel mio letto in città. Da quan- Andare con loro? Andare con loro dove? Oh no!
do si erano trasferiti a Bedford tre anni prima, quella Mi accorsi troppo tardi che il luogo a cui si riferiva
era la prima volta che andavo da loro di sabato. Io e mia era il carcere femminile di Bedford Hills. Anche se la
madre avremmo visitato una mostra d’antiquariato. casa dei miei genitori era vicina al carcere, non l’ave- BINNIE
KIRSHENBAUM
Preferivo le visite brevi. Era qualche anno fa, io e mia vo mai visto. Alcune ospiti celebri dell’istituto − Jean
madre non andavamo d’accordo come avremmo do- Harris, Pamela Smart, Amy Fisher e Kathy Boudin − è una scrittrice
statunitense nata nel
vuto. Poco dopo morì. mi avevano fatto pensare che fosse una prigione per
1964. Il suo ultimo
Qualche minuto prima della partenza salii sul tre- ricchi e famosi, una specie di quartiere residenziale
libro è The scenic route
no e con mia sorpresa scoprii che non era vuoto come privato, ma la mia era un’evidente dimostrazione di (HarperCollins
mi aspettavo. Quasi tutti i posti erano occupati e mol- ignoranza. Bedford Hills è un carcere di massima si- 2009). Questo
ti dei passeggeri erano neri, cosa che notai perché di curezza. racconto è uscito sul
solito l’uniformità di quel treno è desolante. Cercai “Benestante”, fu questa la parola usata da mia New York Times
un posto libero, e lo trovai in una ila da tre, sul corri- madre quando da bambina sentii dire per la prima Magazine.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 91


Pop
L’elenco
di n cose
Paul Graham

S
commetto che nell’ultimo numero di
Cosmopolitan c’è un titolo che comincia
con un numero, tipo “Sette cose che lui non
vi dice sul sesso” o qualcosa del genere. Ci
sono riviste che hanno titoli così sulla co-
pertina di ogni numero. Non è un caso: i di-
rettori sanno che attirano i lettori.
Perché gli elenchi di n cose ci piacciono tanto? Prin-
cipalmente perché sono più facili da leggere di un arti-
colo normale. Dal punto di vista strutturale, gli elenchi
GUIDO SCARABOTTOLO

di n cose sono la degenerazione del saggio. Un saggio


può andare in qualsiasi direzione voglia l’autore. In un
elenco di n cose, invece, l’autore decide di limitarsi a
una serie di punti d’importanza più o meno uguale e di-
ce esplicitamente al lettore quali sono.
volta che negli Stati Uniti esisteva una specie di siste- Parte dello sforzo di leggere un articolo è nel capirne
ma diviso in classi: classe operaia, ceto medio, alta la struttura, cioè individuare quelli che al liceo abbiamo
borghesia. “A che classe apparteniamo?”, chiesi, e imparato a deinire i suoi “punti principali”, la sua “sin-
mia madre rispose: “Noi siamo benestanti”. Lì, sul tesi”. Se leggiamo un articolo e lo capiamo, alla ine nel
treno, il termine “benestante” si caricava di tutte le cervello abbiamo qualcosa che somiglia a questa sinte-
sue implicazioni: alla sensazione isica del benessere si. In un elenco di n cose il lavoro è già fatto: la sua strut-
si sommavano l’assenza di tensioni, di dubbi, le buo- tura corrisponde a un esoscheletro.
ne condizioni economiche, il senso di appagamento Oltre a essere esplicita, la struttura ha la garanzia di
e di soddisfazione. Essere benestante non signiicava essere del tipo più semplice possibile: pochi punti prin-
solo non dover andare a visitare mia madre in carce- cipali, con pochi elementi subordinati (o neanche uno),
re, ma mi faceva anche pensare che chiunque fosse e nessun collegamento particolare tra di loro.
su quel treno stava andando a vedere una mostra di Poiché i punti principali sono scollegati, gli elenchi
antiquariato o a mangiare fuori. Immaginai quel ra- di n cose sono ad accesso casuale. Non si deve seguire
gazzino seduto con sua madre davanti a un tavolo di nessun ilo del ragionamento, si può leggere l’elenco in
formica in una stanza enorme controllata da guardie. un ordine qualsiasi. E visto che i punti sono indipenden-
Forse avrebbe comprato una bibita al distributore au- ti, funzionano come i compartimenti stagni di una nave
tomatico, un’immagine che dovevo avere visto in un inafondabile. Se un punto ti annoia, non lo capisci o
ilm. Non c’è da vergognarsi a essere benestante, ma non lo condividi, lo lasci perdere e passi al successivo.
è vergognoso compiacersene, era vergognosa la mia Un elenco di n cose non fa venire sensi di colpa.
incurante ipotesi che la visita a mia madre e la visita Ci sono volte in cui questo formato è proprio quello
di quel ragazzino alla sua fossero un’esperienza co- di cui l’autore ha bisogno. Per esempio quando quel che
mune. Era la mia sventatezza a essere vergognosa, e deve dire è proprio un elenco di n cose. Ma ci sono altri
il fatto che questa sventatezza nascesse dal benesse- motivi meno legittimi per usarlo. Per esempio, io lo fac-
re: Maria Antonietta e il suo muin al mirtillo. cio quando sono vicino a una scadenza. Se devo tenere
Forse fu per la vergogna o forse per cercare di un discorso e comincio a prepararlo in ritardo, a volte
proteggerlo da quel che prima o poi avrebbe scoper- vado sul sicuro e lo strutturo come un elenco di n cose.
to − non a tutti sono date le stesse possibilità − ma Gli elenchi di n cose sono più facili sia per gli autori
all’improvviso non volevo che quel bambino sapesse sia per i lettori. Quando scrivi un vero saggio, c’è sem-
che le nostre mamme non si trovavano nello stesso pre la possibilità di inire in un vicolo cieco. Un vero
posto. Non volevo che mi vedesse salire sull’automo- saggio è una concatenazione di pensieri e alcuni treni di
PAUL GRAHAM bile della mia e ci vedesse andare via nell’altra dire- pensiero semplicemente si esauriscono. È una possibi-
è un imprenditore e zione. Alla stazione di Bedford Hills mi attardai in lità inquietante: che fare se inisci le idee? La struttura
saggista britannico. modo da essere una delle ultime persone a scendere dell’elenco di n cose protegge lo scrittore dalla sua stu-
Vive negli Stati Uniti. dal treno. Controllai da dietro la stazione che il bam- pidità più o meno come protegge il lettore.
Questo articolo è bino e il padre se ne fossero andati e solo allora mi Scrivere un elenco di n cose è rilassante. Metà di
uscito sul suo blog avviai verso il parcheggio. Lì, in piedi al sole, accanto queste cose ti viene in mente nei primi cinque minuti,
con il titolo The list of all’automobile, c’era mia madre che mi faceva cenno così hai già la struttura e devi solo riempirla. Mentre
N things. con la mano. u sv pensi agli altri punti, li aggiungi semplicemente alla i-

92 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


jean-PIerre
ne. Alcuni magari inisci per toglierli, spostarli o unirli,
ma a ogni stadio hai un elenco valido di n cose.
Poesia lemaIre
vive a Parigi, dove
Se un elenco di n cose piace anche ai lettori, non è
necessariamente la prova che sono pigri. Potrebbe an-
Immigrati lavora come
insegnante. In
che significare che non si fidano molto dell’autore. Francia ha pubblicato
Da questo punto di vista, gli elenchi di n cose sono il molte raccolte
cheeseburger della saggistica. Anche un pessimo cuoco Quelli che non sono iscritti in nessun luogo poetiche per
è in grado di fare un cheeseburger decente. E ci sono guardano da lontano la città illuminata Gallimard. La
convenzioni piuttosto rigide su cos’è un cheeseburger. gli immobili notturni traduzione della sua
Si può dare per scontato che il cuoco non cercherà di poesia è di Fabio
come se fossero enormi stele nere
fare qualcosa di strano. Allo stesso modo, un elenco di Pusterla.
coperte di una scrittura sconosciuta
n cose limita i danni che può fare un cattivo scrittore: il
di un alfabeto di fuoco calligrafato
formato gli impedisce di perdersi in voli di fantasia.
Poiché l’elenco di n cose è la forma di saggio più fa- rigoroso, indecifrabile
cile, dovrebbe essere uno strumento valido per gli auto- Piangono a tanto leggere
ri agli esordi. E infatti è quel che s’insegna alla maggior senza poter tradurre
parte degli esordienti. Ma gli studenti che li usano non mentre all’interno, in noi
si rendono conto di usare la stessa struttura degli artico- non c’è nulla di scritto
li di Cosmopolitan. L’unica diferenza è che chi scrive e ogni pagina
non ha il permesso di mettere i numeri, ma deve unire i
dietro la notte
vuoti con delle transizioni inutili (“Inoltre…”) e mettere
all’inizio e alla ine un paragrafo introduttivo e uno con- ritorna a farsi bianca
clusivo, perché sembri un vero saggio. Far cominciare Jean-Pierre Lemaire
gli studenti con un elenco di n cose è una buona idea.
Ma perché non dirlo apertamente? Lasciamogli scrive-
re degli elenchi di n cose come fanno i professionisti, che la maggior parte dei titoli di questo tipo sono esche
con i numeri e senza cosmesi. per richiamare l’attenzione.
C’è però un caso in cui gli elenchi di n cose sono un Il problema principale degli elenchi di n cose è che
trucco disonesto: quando sono usati per attirare l’atten- lasciano poco spazio ai nuovi pensieri. Il bello di scrive-
zione sostenendo che sono esaurienti. Per esempio, se re un saggio sono le nuove idee che ti vengono in mente
scrivi un articolo che pretende di svelare i sette segreti mentre lo fai. Un vero saggio, come lascia intendere il
del successo. I titoli così sidano i lettori come fa un gial- nome, è dinamico: quando cominci, non sai cosa scri-
lo: li spingono a guardare l’articolo per vedere almeno verai, lo scopri mentre scrivi. In un elenco di n cose que-
se ci sono gli stessi sette punti che elencherebbero loro. sto può succedere solo in modo molto limitato. Una
State sottovalutando uno dei segreti del successo? Me- volta deciso il titolo, è di quello che parlerai. Scrivendo
glio controllare. non potrai avere più idee nuove di quelle che rientrano
Mettere l’articolo determinativo prima del numero nei compartimenti stagni che hai stabilito all’inizio, e il
è giusto solo se l’autore è davvero convinto di aver for- tuo cervello sembra saperlo. Non avendo spazio per
nito un elenco esauriente. Ma l’esperienza suggerisce nuove idee, non ne avrai. u nm

Scuole Tullio De Mauro


I riottosi

Anche nell’eldorado scolastico in- cietà d’oggi la scuola stenta a fun- cietà che deve sapersi “réinventer”
landese la pace delle scuole pare zionare come, in parte, una volta. (parola di Sarkozy) e deve “faire
in pericolo. Qui la questione è og- Ne è conseguenza, tra l’altro, quel une place” alla giovane generazio-
getto di misurazioni precise: nelle disruptive behavior, quell’indisci- ne. Non solo con lo studio, ma an-
scuole superiori il 20 per cento de- plina degli studenti delle seconda- che, per esempio, con un servizio
gli allievi sarebbe restio a ubbidire rie che sarebbe causa maggiore di civile di alcuni mesi deve a sua vol-
agli insegnanti. Qualcuno vorreb- ineicienza della scuola secondo ta imparare a sentire i suoi doveri
be dotare le scuole di vigilantes. gli insegnanti di 24 paesi. In propo- verso la società. Nella sinistra
Altri propongono una riduzione sito Nicolas Sarkozy è intervenuto francese molti hanno torto il naso.
del numero di allievi per classe. più volte di recente. Se molti ra- La linea di Sarkozy forse è in-
Ma dati su indisciplina, bullismo e gazzi sono teppisti e migliaia sono suiciente, ma centra un proble-
violenze vengono dai paesi più di- décrocheurs che interrompono la ma ed è più ragionevole di braccia-
versi, Francia, Germania, in minor scuola prima del diploma, ciò non letti elettronici, perquisizioni, vigi-
misura Gran Bretagna. Nelle so- riguarda la scuola, ma l’intera so- lantes e voti in condotta. u

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 93


Scienza

Perché le donne incinte


non cadono?
Jef Hecht, New Scientist, Gran Bretagna
A volte gli scienziati si pongono
delle domande strane. Così
strane che è stato creato
l’Ig Nobel, un premio per le
ricerche più assurde. Ecco
quelle premiate quest’anno

P
erché le donne incinte non cado-
no? Le mucche notano la genti-
lezza? Scrocchiarsi le nocche fa
venire l’artrite? Sono alcune del-
le domande che hanno ispirato le ricerche
premiate con gli Ig Nobel, consegnati il 1
ottobre all’università di Harvard in una ce-
rimonia organizzata dagli Annals of Impro-
ANGELO MONNE

bable Research. Vista la crisi economica


globale, il tema di quest’anno era il rischio,
presentato in un discorso di un minuto da
Benoît Mandelbrot, il matematico che ha
teorizzato il disordine dei mercati. la donna che lo indossa può staccare le due materno è bilanciato tra arti anteriori e po-
I candidati erano molti, ma alla ine l’Ig coppe, assicurarsene una sulla bocca e sul steriori, ma nei bipedi umani il bebè e la
Nobel per l’economia è andato a quattro naso per proteggersi e ofrire l’altra a un pancia sporgono pericolosamente. Come
banche islandesi – Kaupthing, Landsbanki, astante bisognoso. hanno fatto le donne primitive a sopravvi-
Glitnir e Banca centrale d’Islanda – per aver Il premio per la isica ricompensa un de- vere visto che passavano la maggior parte
dimostrato in modo sperimentale che le licato studio sulla gravità per rispondere a della vita adulta incinte o ad allattare, si so-
luttuazioni dei mercati possono trasfor- una domanda che solo i bambini osano por- no chiesti gli antropologi Katherine Whit-
mare velocemente banche molto piccole in re: perché le donne incinte non si ribaltano? come dell’università di Cincinnati, in Ohio,
banche molto grandi e poi, altrettanto velo- Nei mammiferi quadrupedi e nei nostri cu- Daniel E. Lieberman di Harvard e Liza J.
cemente, ribaltare la situazione demolen- gini che camminano sulle mani, il carico Shapiro dell’università del Texas di Austin.
do l’economia di un paese. La risposta, hanno scoperto, è che le donne
Il premio per la matematica è stato asse- Ig Nobel hanno una curvatura più pronunciata degli
gnato a un altro mago della inanza, Gideon uomini nella zona lombare, che sposta
Gono, governatore della Reserve Bank of u Pace. è stato assegnato a Stephen Bollinger all’indietro la parte superiore del tronco in
della facoltà di medicina legale dell’università
Zimbabwe, che ha permesso ai suoi conna- modo da bilanciare meglio il corpo durante
di Berna, in Svizzera, per aver dimostrato che,
zionali di acquisire una certa familiarità la gravidanza.
per spaccare un cranio, una bottiglia di birra
con i grandi numeri stampando la valuta vuota è più eicace di una piena.
Donald Unger, allergologo di Thousand
nazionale in denominazioni che vanno da u Biologia. Fumiaki Taguchi dell’università Oaks, in California, si è aggiudicato il pre-
un centesimo a centomila miliardi di dolla- giapponese Kitasato ha dimostrato che i batteri mio per la medicina per aver risposto a
ri dello Zimbabwe, mentre l’inlazione sa- estratti dalle feci del panda gigante possono un’altra domanda eterna: farsi scrocchiare
liva ai 231 milioni per cento. ridurre gli scarti di cucina del 90 per cento. le nocche causa davvero l’artrite, come gli
Un altro tipo di rischio ha ispirato Elena u Letteratura. Il premio è andato alla polizia diceva sua madre? Per risolvere la questio-
Bodnar dell’università di Chicago, che ha irlandese per aver intestato 50 multe a Prawo ne, Unger ha condotto un esperimento a
ricevuto l’Ig Nobel per la salute pubblica Jazdy, che in polacco signiica patente di guida. lungo termine e ha cominciato a farsi scroc-
u Veterinaria. Catherine Douglas e Peter
con un reggiseno a doppio uso. Avendo vis- chiare le nocche della mano sinistra due
Rowlinson dell’università di Newcastle hanno
suto in Ucraina all’epoca del disastro di volte al giorno, ma non quelle della destra.
scoperto che le mucche chiamate per nome
Chernobyl, conosce l’importanza di essere danno più latte delle altre.
Lo ha fatto per oltre sessant’anni e non ha
pronti per le emergenze. Con due colleghi u Chimica. Javier Morales, Miguel Apátiga e mai soferto di artrite. “Mamma, avevi tor-
di Chicago ha disegnato e brevettato un Victor Castaño dell’università autonoma del to”, ha detto guardando in alto. Quello che
reggiseno con le coppe che possono servire Messico hanno scoperto che dalla tequila si può ora vuole sapere è: “Era davvero necessario
da maschere antigas. In caso di necessità, ricavare una pellicola di diamante. mangiare tutti quei broccoli?”. u sdf

94 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


BIOLOGIA
Paleoantropologia I NOBEL

L’energia Medicina Elizabeth Blackburn,


Carol Greider e Jack Szostak
dopo il sesso Alle origini di Lucy hanno ricevuto il Nobel per la
medicina per il loro studio sui
Proceedings of the Royal cromosomi umani. Hanno
Society B , 7 novembre 2009 Science, Stati Uniti, 2 ottobre 2009 scoperto come il dna viene
Dopo il sesso lei si dedica ai la- copiato nella parte inale dei
Ora anche Lucy ha una mamma.
vori domestici, mentre lui non cromosomi, cioè i telomeri, e
rinuncia alla siesta pomeridia- È stato trovato un antenato
hanno individuato l’enzima
na. L’origine di questo compor- dell’Australopithecus afarensis, coinvolto, chiamato telomerasi.
tamento della Drosophila mela- l’ominide vissuto tra gli uno e i quattro Questo enzima ha un ruolo
nogaster sta in un “peptide ses- milioni di anni fa in Africa, considerato chiave nell’invecchiamento
suale” presente nello sperma. Il un precursore dell’Homo. Questo delle cellule e nello sviluppo dei
moscerino della frutta è attivo ominide ancora più antico, chiamato tumori.
all’alba e al tramonto, e di notte Fisica Metà del premio è stato
Ardipithecus ramidus, sta
dorme. Nel pomeriggio entra in assegnato a Charles K. Kao per
uno stato di riposo per rispar- rivoluzionando l’albero genealogico umano. I resti di 110
le sue ricerche sulle ibre
miare energia e proteggersi dal frammenti, scrive Science, sono stati trovati in sedimenti ottiche. L’altra metà è andata a
Sole. Dei biologi dell’università vulcanici nel nordest dell’Etiopia. Risalgono a 4,4 milioni Willard S. Boyle e George E.
di Leeds hanno scoperto che di anni fa e sono quindi tra i più antichi mai trovati. Uno Smith per l’invenzione della
dopo l’accoppiamento le fem- scheletro quasi completo è stato chiamato Ardi: teconologia Ccd, alla base
mine saltano la siesta per dedi- apparteneva a una femmina di 50 chili, alta 120 delle macchine fotograiche
carsi alla ricerca del cibo e di digitali.
centimetri. Aveva una testa piccola con un cervello poco
luoghi sicuri dove deporre le uo-
va. Questo periodo di intensa sviluppato. I denti indicano una dieta a base di frutta, noci
attività domestica dura otto e foglie, che Ardi poteva trovare facilmente nella foresta
giorni. Invece, quando le fem- temperata di allora. Nei maschi i canini erano poco
mine amoreggiano con dei ma- sviluppati, più simili a quelli umani che a quelli delle
schi privati del “peptide sessua- scimmie antropomorfe, un segno di scarsa aggressività e
le” non saltano la siesta. di una società basata su coppie, non sulla poligamia. Le Chimica Venkatraman
mani erano grandi, dotate di buona destrezza e prive dei Ramakrishnan, Thomas A.
SALUTE successivi adattamenti all’andatura sulle nocche degli Steitz e Ada E. Yonath hanno
ricevuto il Nobel per la chimica
Più farmaci scimpanzé e alla capacità di dondolarsi dai rami. I piedi
per i loro studi sulla funzione e
rendevano possibile sia salire sugli alberi sia l’andatura
contro l’aids perfettamente bipede. Tutte queste caratteristiche fanno
la struttura dei ribosomi, gli
organelli cellulari che
Alla ine del 2008 sono salite a pensare che l’antenato comune tra scimpanzé e umani, fabbricano le proteine,
più di quattro milioni le persone che ancora sfugge ai ricercatori, dovesse avere un aspetto traducendo le istruzioni
nei paesi a medio e basso reddi- molto diverso dalle scimmie antropomorfe attuali. u contenute nel dna.
to che seguono una terapia anti-
retrovirale, hanno annunciato
Oms, Unicef e Unaids. Sono un Davvero? Anahad O’Connor
milione in più rispetto al 2007.
Malgrado i progressi, sono mi- Il ferro nel sangue
lioni i sieropositivi che non han-
no accesso alle cure. Si stima
che ogni anno muoiano di aids
circa due milioni di persone. Bere tè può abbassare studio, gli scienziati hanno of- incidono solo sui livelli di ferro
i livelli di ferro? ferto a un gruppo di volontari non emetico, che si trova nei
Numero di persone che ricevono una un pasto a base di hamburger, cereali e nella verdura. Il ferro
terapia antiretrovirale nei paesi a
medio e basso reddito, milioni Con i suoi abbondanti antios- fagiolini e purè di patate, com- emetico, quello di carne e pe-
Africa subsahariana Sudest asiatico sidanti e i livelli di cafeina re- binato con diverse bevande, sce, non viene intaccato. Visto
America Latina Altro lativamente bassi, il tè è una per poi misurare i livelli di fer- che in occidente la maggior
4
bevanda molto sana, ma può ro. I soggetti che avevano parte delle persone assume
3 inibire l’assorbimento del fer- mangiato bevendo tè mostra- più ferro del necessario, un pa-
ro. I composti del tè, chiamati vano una riduzione del 62 per io di tazze di tè o cafè al gior-
2 tannini, possono agire da che- cento dell’assorbimento del no non dovrebbero abbassare i
latori, legarsi ai minerali e ini- ferro. Il cafè ha prodotto una livelli di ferro del sangue.
1
bire la capacità del corpo di as- riduzione del 35 per cento, il Conclusione. I composti del
0 sorbirli. Ma è improbabile che succo d’arancia un aumento cafè e del tè possono incidere
2002 ’03 ’04 ’05 ’06 ’07 ’08
questo abbia un impatto signi- dell’85 per cento circa. Ma c’è sull’assorbimento del ferro.
Fonte: Organizzazione mondiale della sanità
icativo sulla salute. In uno stata una sorpresa. Cafè e tè The New York Times

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 95


Il diario della Terra
Malattie Il 26 per cento delle
Inondazioni Almeno 300
persone sono morte nelle
cana della Baja California. Il
bilancio del passaggio del tifo- morti nel mondo (circa 15
Ethical living
milioni di persone) è causato
inondazioni causate dalle forti
piogge monsoniche nel sud
ne Ketsana sull’Asia sudorien-
tale è di 293 morti nelle Filippi- dalle malattie infettive. Il Tecnologie
dell’India. Gli stati più colpiti
sono il Karnataka e l’Andhra
ne, 162 in Vietnam, 24 in Laos e
17 in Cambogia.
90 per cento di queste morti
è dovuto a: diarrea, aids,
eicienti
Pradesh. Centinaia di migliaia malaria, morbillo, polmonite
di persone sono state costrette Incendi Un incendio nella e tubercolosi. Ecco alcune delle nuove tec-
a lasciare le loro case. foresta di San Bernardino, a est nologie per rendere il pianeta
di Los Angeles, ha costretto le Altro un posto più eiciente in ter-
Morbillo
autorità a trasferire i 4.500 abi- Infezioni mini energetici.
delle basse
tanti della cittadina di Wright- vie respiratorie Il frigo magnetico I due
Malaria
wood. Le iamme hanno di- maggiori consumatori di elet-
strutto 1.500 ettari di vegeta- tricità a casa, i condizionatori
zione. Tbc
e i frigoriferi, potrebbero di-
ventare molto più eicienti
AFP

Pinguini Una colonia di grazie al rafreddamento ma-


Aids
pinguini reali si è stabilita Diarrea gnetico, nel quale alcune leghe
Terremoti Un sisma di ma- nell’isola di Macquarie, tra la metalliche vengono messe in
gnitudo 6,6 sulla scala Richter Nuova Zelanda e l’Antartide. un campo magnetico e così
Fonte: New Scientist
ha colpito il sud delle Filippine, Centinaia di esemplari sono rafreddate. Questi apparecchi
senza causare vittime. Altre stati segnalati da un’équipe Insetti Le farfalle della potrebbero ridurre i consumi
scosse sono state registrate al di scienziati australiani nella famiglia delle Ninfalidi hanno del 40 per cento rispetto ai
largo di Tonga, nella provincia regione di Lusitania Bay. I cominciato a evolversi 90 modelli attuali.
indonesiana di Papua Ovest, a pinguini reali erano assenti milioni di anni fa, quando il Finestre Aumentate il nume-
Taiwan, nella penisola russa dall’isola da più di cent’anni, pianeta era ancora dominato ro di strati di vetro o plastica in
della Kamchatka e in Califor- quando furono sterminati dai dai dinosauri. Da allora questo una inestra e risparmierete su
nia. Il bilancio del terremoto cacciatori. gruppo di insetti ha continuato riscaldamento e aria condizio-
che ha colpito Sumatra il 30 a produrre nuove specie, ino a nata. Visionwall, di Edmon-
settembre è salito a 704 morti Panda La popolazione raggiungere le attuali seimila, ton, in Canada, realizza ine-
e 295 dispersi. dei panda in Cina è rimasta con una pausa durante la stre a quattro strati composte
stabile nonostante il terremo- grande estinzione alla ine da due fogli di polietilene rigi-
Cicloni Quindici persone to del 2008 nella provincia del del cretaceo, quando do posti tra due lastre di vetro
sono morte nel passaggio del Sichuan. Secondo gli esperti, scomparvero i dinosauri. che riducono la perdita di ca-
tifone Parma sul nord delle Fi- gli animali si sarebbero salvati Per ricostruire l’albero lore in modo quattro volte più
lippine. Il tifone ha causato grazie alle loro capacità di evolutivo di queste farfalle i eicace dei doppi vetri.
una serie di inondazioni e di adattamento, che gli hanno ricercatori hanno usato, oltre Raccolti di metano Il meta-
blackout elettrici. Il tifone Me- permesso di far fronte alla alle caratteristiche no estratto dal letame può es-
lor ha raggiunto le coste meri- distruzione di molte foreste morfologiche e genetiche, i sere usato come terremoto
combustibile.
dionali del Giappone. La tem- di bambù. Attualmente 1.590 fossili delle farfalle e delle Il più grande impianto di bio-
pesta tropicale Olaf si è forma- panda vivono in libertà in piante di cui si nutrono (P. of the gas, a Penkun,incendio
in Germania, forestale
è
ta al largo della penisola messi- Cina. Royal Society B). stato inito nel 2008 e conver-
tornado
te 84mila tonnellate di deie-
zioni animali in combustibile.
I liquami, con lampo
mais e cereali,
sono convogliati in serbatoi di
Russia vulcano
fermentazione che producono
5,1 M
20 megawatt di inondazione
elettricità e 22
Stati Uniti
Giappone
megawatt di calore per una
Cina
città di 50milafrana
abitanti.
Taiwan
48,9°C Reti superconduttive Fino
Ed Dueim Filippine al 10 per centotempesta
di tutta l’elettri-
Sudan 6,6 M cità prodotta si disperde per
Papua siccità
l’ineicienza della rete distri-
5,5 M
butiva. L’aziendavalanga
American
Superconductor, del Massa-
Tonga
6,3 M
iume un ca-
chusetts, ha sviluppato
vo a superconduzione che è tre
-70,6°C volte più eicace lagonell’elimina-
Vostok re le perdite se rafreddato a
Antartide
-196 gradi.
animali

96 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


pesci
insetti
rettili
temparatures
Il pianeta visto dallo spazio
Samoa, il terremoto e lo tsunami

Savi’i apia
Tutuila
Upolu
Pago Pago

epicentro
Tafahi

Niuatoputapu

conine approssimativo
della placca
EArTh ObSErvATOry/NASA

altitudine (metri) profondità (metri) magnitudo terremoto

0 1.500 3.000 5.000 2.500 0 ≥8 5-5,9 4-4,9

u La mattina del 30 settembre altre isole del Paciico, più lon- Questa mappa della regio- placca del Paciico si sposta ver-
2009 un terremoto sottomarino tane dall’epicentro. ne intorno a Samoa è stata so ovest, sprofondando sotto
vicino a Samoa, nell’oceano Pa- Il cerchio più grande in nero realizzata da Jesse Allen e una complessa serie di placche
ciico meridionale, ha causato nell’immagine, che si trova sulla Robert Simmon della Nasa. più piccole ai margini di quella
un violento tsunami che ha uc- placca del Paciico vicino al con- I dati sui terremoti e sulle australiana, cioè la zona meno
ciso circa duecento persone. Se- ine con la placca australiana, placche tettoniche sono profonda che si trova nell’ango-
condo le misurazioni dello Uni- mostra l’epicentro del terremo- stati combinati con quelli lo in basso a sinistra dell’imma-
ted States geological survey to. Gli altri cerchi rappresenta- raccolti dallo Shuttle e dal- gine. Per l’Usgs, l’area intorno
(Usgs), la scossa di magnitudo no le decine di scosse di asse- la National oceanic atmo- alla fossa di Tonga è una delle
8,0 è stata avvertita alle 6.48 lo- stamento che hanno seguito il spheric administration. regioni sismiche più attive del
cali (19.48 ora italiana). L’epi- primo terremoto. L’ultima scos- pianeta.
centro si trovava circa duecento sa, di magnitudo 6,3 è stata regi- Secondo gli esperti, il forte
chilometri a sud di Apia, capita- strata il 2 ottobre nella regione a terremoto che ha colpito l’isola
le di Samoa. Alcuni minuti dopo sud di Tonga. Il canyon blu scu- indonesiana di Sumatra, provo-
il terremoto, uno tsunami ha ro che si vede lungo la placca del cando circa mille morti, non è
colpito le isole di Savi’i, Upolu e Paciico è la fossa di Tonga, che collegabile a quello registrato
Tutuila, con onde alte 3,1 metri con i suoi 10.800 metri è una nella regione di Samoa. I due si-
vicino a Pago Pago (Samoa delle più profonde del mondo. u smi sono stati causati dall’attivi-
americane) e 1,4 metri ad Apia. La fossa e le relative faglie si tà tettonica di due placche di-
Tsunami minori hanno colpito formano a mano a mano che la verse.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 97


Economia

Anche le recessioni
hanno dei lati positivi
The Economist, Gran Bretagna
Le crisi portano fallimenti e
disoccupazione, ma danno
anche una scossa salutare al
sistema. Abbattono i vecchi
modelli e premiano chi ha il
coraggio di innovare

ubito dopo le presidenziali statuni-

S tensi, parlando a un convegno di


imprenditori americani, Rahm
HARTMUT NAEGELE (LAIF/CONTRASTO)

Emanuel, il capo di gabinetto di


Barack Obama, ha detto: “Non dovete spre-
care una crisi così grave”. Speriamo che il
pubblico fosse attento, perché le recessioni
ofrono molte opportunità sia alle aziende
sia ai politici. Le crisi rallentano l’econo-
mia, ma al tempo stesso danno una scossa
salutare al sistema. Smascherano i difetti,
abbattono le vecchie abitudini, liberano Helsinki, Finlandia. La sede centrale della Nokia
l’energia repressa, permettono alle aziende
di comprare a prezzi convenienti, assumere un gruppo dirigente solido. Questi gruppi capo del gruppo californiano, “non si esce
persone di talento con pochi soldi e dare stanno usando la loro forza per ridurre i co- dalle recessioni risparmiando, ma inve-
spazio alle idee nuove. sti (per esempio, ottenendo tarife pubbli- stendo”. La Procter & Gamble sta lancian-
L’esempio più eloquente è stata la gran- citarie più basse) e strappare quote di mer- do il più grande progetto di espansione dei
de depressione. Molti pensano agli anni cato alla concorrenza. Secondo uno studio suoi 170 anni di vita, aprendo 19 stabili-
trenta come a un deserto economico pieno della società di consulenza Bcg, nel 2008 il menti. La Ibm ha inaugurato una serie di
di pignoramenti e disoccupati. Eppure, 58 per cento delle aziende leader dei mer- “sessioni d’innovazione” per spremere
quel periodo è stato una grande opportuni- cati analizzati ha aumentato i proitti, men- idee dai dipendenti.
tà per gli uomini d’affari più bravi. La tre sono cresciute solo il 21 per cento delle Un terzo gruppo è formato dalle azien-
DuPont investì molto nella ricerca assu- imprese minori. McDonald’s ha lanciato de che usano la recessione per riposizionar-
mendo gli scienziati disoccupati, e alla ine dei sistemi computerizzati che permettono si. La Cisco Systems sta comprando impre-
degli anni trenta il 40 per cento delle sue a ogni ristorante di adeguare il prezzo alle se di altri settori per espandere la sua ofer-
vendite proveniva da prodotti nuovi, tra cui condizioni economiche locali. Asda, una ta e diventare un colosso di internet più
invenzioni importanti come il nylon e la catena britannica di supermercati, ha deci- versatile. Il riposizionamento è una strate-
gomma sintetica. La Procter & Gamble so di aprire quattordici negozi, assumendo gia che in passato ha pagato molto. Dopo il
puntò così tanto sulla pubblicità radiofoni- settemila persone. La Pepsi ha comprato crollo dell’Unione Sovietica, che aveva get-
ca da dare il nome a una nuova forma arti- due importanti aziende d’imbottigliamen- tato la Finlandia nel caos, la Nokia abban-
stica, la soap opera. Tra le aziende decolla- to. Altre grandi imprese stanno approit- donò il 90 per cento dei suoi afari per con-
te durante la grande depressione ci sono tando dei prezzi bassi per fare acquisti. centrarsi sulle telecomunicazioni.
anche la Revlon, la Hewlett-Packard e la Analizzando le fusioni e le acquisizioni ne- La recessione produrrà anche nuove
Polaroid. La Pepperidge Farms fu fondata gli Stati Uniti tra il 1985 e il 2001, la Bcg ha aziende. Da uno studio della fondazione
dalla moglie di un investitore che era stato osservato che gli affari conclusi durante Kaufman si scopre che metà delle imprese
ridotto sul lastrico dal crollo di Wall street. una recessione garantiscono agli azionisti di Fortune 500 e Inc. 500, le liste delle prin-
circa il 15 per cento in più di quelli fatti du- cipali aziende statunitensi, è stata fondata
I vincitori rante i periodi di boom. durante una recessione o una fase di rallen-
Che dire allora di questa crisi? Ci sono an- Il secondo gruppo di vincitori sono le tamento. Molte di queste aziende, tra cui
cora molte incertezze, ma è già possibile aziende high-tech. Anche se ha perso il 23 Cnn e Microsoft, hanno cambiato la storia
farsi un’idea delle aziende che sono in cre- per cento nell’ultimo trimestre del 2008, la dell’industria. Insomma, è più probabile
scita e delle loro strategie. I vincitori più Intel continua a investire molto nell’inno- che siano le imprese, non i politici, a trarre
ovvi sono i colossi che hanno molti soldi e vazione. Come osserva Craig Barrett, ex vantaggio da questa crisi. ◆ sdf

98 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


INTERNET
Unione europea cresce in modo esponenziale e
Più autonomia non è più concentrato negli Stati
Uniti. Nel mondo ci sono quasi
Lo sciopero del latte da Washington 200 milioni di domini, che
generano un giro d’afari di 2,5
La gestione della rete non sarà miliardi di dollari all’anno. La
più monopolio degli Stati Uniti. nuova intesa, tuttavia, non
Gli agricoltori e gli allevatori Lo stabilisce la nuova accontenterà paesi come Cina,
“dichiarazione di intenti”, in Russia e Iran, che vogliono
della Federazione europea
vigore dal 1 ottobre, irmata tra un’Icann completamente
dei produttori di latte (Emb), il dipartimento del commercio autonoma dalla Casa Bianca”.
OLIVIER HOSLEt (EPa/CORBIS)

che raggruppa più di statunitense e l’Internet


centomila aziende, sono in corporation for assigned names
sciopero da quasi due and numbers (Icann), CRISI

settimane. Chiedono alla l’organismo che gestisce il


sistema degli indirizzi internet.
I poteri
Commissione europea più
aiuti per fermare il crollo del
L’Icann, scrive il Financial dell’Fmi
Times, resta legata a
prezzo del latte provocato dalla crisi. Il 5 ottobre gli Washington ma, come chiesto Il 7 ottobre si è chiuso a Istanbul
allevatori hanno invaso Bruxelles, versando migliaia di dall’Unione europea, dai paesi il meeting annuale del Fondo
litri di latte davanti alle sedi delle istituzioni europee (nella emergenti e dalle associazioni monetario internazionale (Fmi)
foto). Proteste simili sono state inscenate nelle scorse di utenti, sarà sottoposta al e della Banca mondiale. “I
settimane davanti a latterie e istituzioni locali in Francia, controllo di commissioni che salvataggi coordinati dall’Fmi
Belgio e Svizzera. L’Emb, spiega La Tribune, chiede di rappresentano più di cento durante la crisi”, scrive Die
paesi. La riforma, aggiunge Tageszeitung, “hanno ridato
aumentare i fondi stanziati per comprare la produzione di
l’Economist, “arriva mentre il importanza all’organismo, che
latte in eccesso rispetto alle quote issate dall’Unione numero di indirizzi e di domini ora chiede più risorse e una
europea. Ma ritiene “insuicienti” le proposte avanzate riforma che dia più importanza
Numero di nomi di dominio a livello
inora dalla commissaria all’agricoltura Mariann Fischer mondiale, milioni ai paesi emergenti, raforzando
Boel, che ha “avviato la procedura per versare ino a 15mila 200
la legittimità dell’Fmi nel
euro ai produttori in diicoltà entro la ine del 2010”. mondo. Brasile, Cina, India,
Bruxelles, continua il quotidiano francese, ha adottato il 150 Russia e altri trenta paesi
chiedono che sia ridotto il peso
progetto francotedesco di regolamentazione del settore, 100 di Stati Uniti e Unione europea”.
che ha già ottenuto “l’adesione di 19 paesi membri su 27. Le giornate del meeting sono
50
Secondo il piano, i prezzi dovranno essere negoziati tra i state caratterizzate dalle
produttori da un lato e le latterie e i caseiici dall’altro”. E 0 manifestazioni dei movimenti
per quanto riguarda le quote latte, Bruxelles ha annunciato 2004 2005 2006 2007 2008 2009 della sinistra radicale contro le
la loro completa abolizione entro il 2015. u Fonte: The Economist politiche neoliberiste dell’Fmi.
Gli scontri con la polizia hanno
portato all’arresto di almeno 128
Il numero Tito Boeri manifestanti.

104 miliardi di euro IN BREVE


Gli americani più ricchi
Patrimonio in miliardi di dollari

Con il Patto per la salute per il cket diventa uno strumento di della spesa sanitaria, entro il Bill Gates 50,0
2010 il governo vuole stanzia- inanziamento della spesa che 2011 le regioni dovranno ridur- Warren Bufet 40,0
re 104 miliardi di euro per sod- impone un prelievo difuso e re i posti letto a quattro ogni Lawrence Ellison 27,0
disfare il fabbisogno del servi- iniquo, perché ricade soprat- mille abitanti, raforzando il Christy Walton 21,5
zio sanitario nazionale. Secon- tutto sui malati cronici. processo di de-ospedalizza- Jim Walton 19,6
do le regioni ci vogliono alme- La bozza del governo indi- zione. Inine, bisogna attuare alice Walton 19,3
no altri sette miliardi. La pro- ca anche i livelli massimi di tagli al personale. Robson Walton 19,0
posta, inoltre, ignora questioni posti letto nelle strutture resi- Le tensioni con le regioni Michael Bloomberg 17,5
come la qualità del servizio e i denziali per gli anziani, senza rischiano di inasprirsi soprat- Charles Koch 16,0
problemi dei bilanci regionali aggiungere indicazioni per tutto sul tema delle risorse, ri-
Fonte: Forbes
nel nuovo quadro del federali- l’assistenza domiciliare e pre- ducendo il confronto a una ri-
smo iscale. C’è la possibilità cisando che le eventuali ecce- vendicazione economica. Stati Uniti Bill Gates è ancora
di aumentare il ticket e di abo- denze resteranno a carico dei Vengono così ignorati i proble- l’americano più ricco secondo la
lire ogni forma di esenzione bilanci regionali. Per quanto mi che un vero patto per la tu- classiica Forbes 400. Ma il suo
per ripianare i buchi di bilan- riguarda l’assistenza ospeda- tela della salute dovrebbe af- patrimonio vale sette miliardi di
cio. Ma in questo modo il ti- liera, che copre quasi la metà frontare. (con lavoce.info) u dollari meno rispetto al 2008.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 99


Annunci

100 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Annunci

:\iZ_`XdfjfZ`i`ZZ_`[\ekif%
J\`ci`jg\kkf[\ccËXdY`\ek\#cX^`ljk`q`XjfZ`Xc\#cXgXZ\\`cc\^Xd\Zfe`ck\ii`kfi`fjfefcXklXi`ZZ_\qqX#
j\g\ik\efe…`e[`]]\i\ek\ZfjXj`]`eXeq`XZfe`klf`i`jgXid`#X[\i`jZ`XccXgi`dXYXeZX`kXc`XeX
Zfdgc\kXd\ek\`jg`iXkXXccX]`eXeqX\k`ZX%;`m\ekXjfZ`f#g\i[Xi\]fiqXX`gif^\kk`[\ccË\Zfefd`X
jfZ`Xc\\jfc`[Xc\%JZ\^c`9XeZX<k`ZX#jfkkfjZi`m\e[fc\Xq`fe`[\ccXefjkiXf]]\ikXglYYc`ZX%
9XeZX<k`ZX#Zfek\mXc\[`g`“%

:ffg\iXk`mXjfZ`Xc\
È@JfddfqqXkfi`[\ccXK\iiXÉ
[`C`dY`Xk\D@ #]`eXeq`XkX
[X9XeZX<k`ZX%
17 ottobre piede (170X56,268).qxp 30/09/2009 17.51 Pagina 1
F]]\ikXglYYc`ZX[`Xq`fe`[`elfmX\d`jj`fe\[`9XeZXGfgfcXi\<k`ZX%Gi`dX[\ccËX[\j`fe\c\^^``cGifjg\kkf@e]fidXk`mf
\`cJlggc\d\ekf[`jgfe`Y`c`gi\jjfcXj\[\c\^Xc\#c\]`c`Xc`\`YXeZ_`\i`XdYlcXek`[`9XeZX<k`ZXfjlcj`kfnnn%YXeZX\k`ZX%`k

ROMA 17 OTTOBRE 2009


PIAZZA DELLA REPUBBLICA - 14.30
per adesioni: comitatoroma17ottobre@gmail.com
www.17ottobreantirazzista.org

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 101


Strisce
ora che sono dio io, John Travolta, e non sono
è meglio dare al giuro solennemente raddoppiate solo neanche
mondo un'immagine di svolgere queste. a me.
che mi somigli il mio mandato ma che
di più. di presidente figata!
degli Stati Uniti...
Neil Swaab/Stati Uniti

porca zozza, non


abbiamo superato te l'avevo detto che
il test per "biscotti" non era la
ottenere il risposta giusta
Mr Wiggles

marmocchio. alla domanda


su cosa dargli scappa!
a colazione. aaargh!
Joey Alison Sayers/Stati Uniti

SONO COSÌ STUFO DEL FATTO JIM, NOI TI CHIAMIAMO SPAZZINO MA NON È VERO,
CHE TUTTA LA CITTÀ MI CHIAMA ODDIO, PENSI CHE SIA LA MIA PAURA
PERCHÉ LA TUA CASA È FATTA DI NON SIAMO SPOSATI. DI IMPEGNARMI CHE MI FA PERDERE
LO SPAZZINO. NON CAPISCO, SPAZZATURA, MANGI SPAZZATURA
IO FACCIO IL DENTISTA. TUTTI I MIEI PAZIENTI?
E TUA MOGLIE È UNA PILA DI
SPAZZATURA CON UNA PARRUCCA
IN TESTA.
Thingpart

In parole povere, il tuo cane è già


Ehi Dan... Ti dispiacerebbe darmi una mano? Non c'è problema, Ted. Anzi, come molti completamente immobilizzato e pronto
Devo dare l'insulina al mio povero cane professionisti del latte degni di questo nome, per una grossa siringa di morfina.
e dovresti aiutarmi a tenerlo fermo ho anticipato le richieste del mio cliente
mentre gli faccio l'iniezione. e mi sono già occupato della situazione.
Ehm.. È insulina.
Max Cannon/Stati Uniti
Red Meat

Credo di non capire.


Be', sarebbe disumano non dargli
della morfina, visto che è bloccato sotto
la ruota anteriore del mio furgoncino.

ALLORA CON ANITA


FAI SUL SERIO!
ANITA è UNICA!
EH… COSA VUOI
CHE TI DICA…?
Liniers/Argentina
Macanudo

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 103


IN EDICOL A

www.espressonline.it
Rob Brezsny

L’oroscopo
COMPITI PER TUTTI
Prova a fare gli esercizi terapeutici del mio libro
La pronoia è l’antidoto alla paranoia.

BILANCIA Milosz ha vissuto per più di qua- CAPRICORNO


rant’anni a Berkeley, in California, Il mio collega John è un otti-
Sulla mia nuova casa il sole splende più luminoso.
continuando a scrivere in polacco, mo psicoterapeuta e anche
Quella vecchia somigliava a una caverna ed era circon- la sua lingua madre. Il poeta islan- suo padre si occupa di psicanalisi.
data da alberi altissimi. Adesso il mio nuovo spazio vi- dese Stephan G. Stephansson ha Quando qualcuno gli chiede se suo
tale è circondato solo dal cielo ed è bagnato dai raggi del sole passato quasi tutta la vita in Cana- padre lo ha aiutato a capire meglio
dall’alba al tramonto. Come potrai immaginare, Bilancia, le mie da, ma ha sempre scritto nella sua la psiche umana, risponde con una
piante hanno bisogno di bere molto di più. Prima le innaiavo lingua. Questi personaggi mi fan- vecchia massima: “Il iglio del cia-
una volta alla settimana, adesso devo farlo un giorno sì e uno no. no pensare alla situazione in cui ti battino cammina scalzo”. È suc-
Secondo la mia lettura dei destini astrali nei tuoi ritmi si sta veri- trovi adesso: cerchi di fare quello cesso qualcosa di simile anche nel-
icando un cambiamento simile. Metaforicamente parlando an- che ti viene spontaneo in un posto la tua vita, Capricorno? C’è un ta-
molto diverso da quello in cui hai lento, un sapere, un’abilità che
che tu stai per ricevere più luce e più calore.
imparato a essere spontaneo. Ma avresti dovuto ereditare ma non fa
questa sensazione di spiazzamen- parte del tuo patrimonio? L’am-
ARIETE questo momento, Gemelli, hai il to potrebbe essere la chiave del tuo biente in cui sei cresciuto ti ha sot-
In una lettera a un amico, il potere di reinventare il tempo da successo. tratto un dono naturale ? Le prossi-
poeta Stéphane Mallarmé solo. Chiediti quali sono le tre cose me settimane saranno il momento
scrisse questa frase: “Non so quale che potresti fare per smettere di SCORPIONE ideale per cominciare a riprenderti
dei miei climi interiori dovrei lottare contro il tempo e comincia- Le buone azioni che farai dalla tua perdita e guardare a tutte
esplorare per trovarti e venirti in- re ad amarlo di più. nei prossimi 21 giorni po- le cose positive che ti aspettano.
contro”. Adoro questo passo. Evo- trebbero bastare a risparmiarti
ca un aspetto importante: la quali- CANCRO l’inferno per sempre. Sembra che ACQUARIO
tà della nostra coscienza è cruciale La tua metafora della setti- Dio stia per sottoporti a una serie Facciamo inta che un regi-
per stabilire se saremo capaci di mana è la minestra. Da un di prove che ti daranno la possibili- sta indipendente ti abbia se-
produrre le risorse che servono a punto di vista simbolico è il model- tà di accumulare un karma subli- guito e ripreso per realizzare un
realizzare i nostri sogni. Per otte- lo che dovresti usare per tutto me. Che dici? Non credi che esista- ilm sulla tua vita. La prossima set-
nere quello che vogliamo dobbia- quello che fai. Forse dovresti an- no né Dio né l’inferno? Allora met- timana si troverà di fronte a un di-
mo lavorare su noi stessi e sul che mangiare un po’ di minestra tiamola così: grazie alle tue prossi- lemma, perché ci saranno sviluppi
mondo che ci circonda. Questo na- ogni giorno. Il tuo subconscio rice- me buone azioni i peccati che hai imprevisti. Non è che i protagonisti
turalmente è sempre vero, ma in verà suggerimenti importanti su commesso inora non macchieran- reciteranno male la loro parte, ma
questo momento, Ariete, per te lo come mescolare ingredienti diver- no la coscienza del mondo e non potrebbero non essere coerenti
è ancora di più. si e fare in modo che il valore del saranno scontati dalla prossima con quello che hanno fatto inora.
tutto superi quello della somma generazione. Potrebbero anche esserci intrusio-
TORO delle parti. Non solo in cucina, ma ni anomale nelle scene principali,
C’è qualcosa nella tua vita in tutti i campi della vita accosterai SAGITTARIO per esempio un insetto che atterra
che in realtà non ti interessa molte cose eterogenee in una com- Nel 1968 Aleksandr Sol- sul tuo naso durante una conversa-
ma da cui non riesci ancora a sepa- binazione più interessante. zhenicyn inì di scrivere il zione molto intensa. Ma non posso
rarti? Una situazione che ti dà un suo libro Arcipelago Gulag, in cui fare a meno di chiedermi se questo
piacevole senso di benessere per- LEONE denunciava l’oppressione subita capitolo della storia non sarà parti-
ché ti è familiare, ma ti costa cara Cambia password. Prendi sotto il regime dell’Unione Sovie- colarmente intrigante proprio per
in termini emotivi e non serve alla una strada diversa per tor- tica. Il libro rimase all’indice per questo motivo.
realizzazione dei tuoi sogni? La nare a casa. Fai una domanda che anni e in Russia fu pubblicato ui-
prossima settimana sarà il mo- non hai mai fatto. Inventati un cialmente solo nel 1989. Ma anche PESCI
mento ideale per cambiare il tuo nuovo soprannome. Scegli un nuo- in seguito il governo di Mosca ha “La tenerezza e il marciume
rapporto con questa cosa. Se ti vo numero fortunato. Rendi più cercato di controllare quello che coninano tra loro”, scrive la
sforzerai di disperdere l’energia diicile etichettarti. Assaggia qual- veniva insegnato nei corsi di storia poetessa statunitense Kay Ryan.
stagnante che ti tiene intrappolato, cosa che non hai mai mangiato. e ha vietato l’uso di libri di testo “E il marciume è un vicino aggres-
farai dei grandi progressi. Scopri perché una delle tue opinio- come quello di Solzhenicyn. sivo, che con la sua iridescenza
ni potrebbe essere sbagliata. Ag- Quest’anno la situazione è cam- cerca continuamente di violare il
GEMELLI giungi un altro gesto al rituale con biata: Arcipelago Gulag è diventato conine”. Il tuo compito per la
Una mia amica new age è si- cui ti prendi cura del tuo corpo. Ri- una lettura obbligatoria nelle prossima settimana, Pesci, è raf-
ILLUSTRAZIONI DI FRANCESCA GHERMANDI

cura che i Sette signori del scopri una persona al cui fascino scuole superiori. Forse un giorno forzare quella frontiera, con un tri-
internazionale.it/oroscopo

tempo si riuniranno di nuovo nel sei diventato insensibile. Sorpren- qualcosa del genere succederà an- plo muro, se sarà necessario. Così
loro santuario sull’Himalaya il 21 diti almeno una volta al giorno. che negli Stati Uniti e la storia al- il marciume non potrà contagiare
dicembre 2012 e reinventeranno il ternativa raccontata da Howard la tenerezza. In questo momento è
tempo, come hanno fatto nel 3114 VERGINE Zinn e Noam Chomsky sarà inse- particolarmente importante che la
avanti Cristo. Non so se è vero, ma Uno dei più grandi poeti tur- gnata nelle scuole. Questo cam- dolce, profonda intimità che regali
se lo è posso solo dire “alleluia !”. chi moderni è stato Seyfet- biamento è una metafora degli av- e ricevi dagli altri non sia corrotta
Reinventare il tempo farebbe bene tin Bascillar, che per molti anni ha venimenti che si veriicheranno dalla falsità o dal sentimentalismo.
a tutti. Ma a questo grande evento lavorato come ispettore delle carni molto presto nella tua vita, Sagit- Ti consiglio di stimolare l’afetto
mancano ancora tre anni. Cosa nel New Jersey, dove è morto nel tario: la verità che sembrava per- più intelligente che tu abbia mai
possiamo fare nel frattempo? In 2002. Il premio Nobel Czeslaw duta sarà inalmente rivelata. provocato.

Internazionale 816 | 9 ottobre 2009 105


L’ultima
SINFroNIo, DIArIo Do NorDeSte, BrASILe

olimpiadi a rio de Janeiro.


“Non sapete quanta ginnastica ho fatto”.

eL roto, eL PAíS, SPAGNA

“La cosa peggiore è non sapere se arriva o se ne va”.


DILem, LIBerté, ALGerIA

Scoperte alcune bombe-supposta.


“È Al Qaeda a usare questo nuovo metodo”. “Fiuu”.
GLez, Le JourNAL Du JeuDI, BurkINA FASo

DIFFee

Guinea: Dadis Camara e il potere. “I primi sei sono per le pallottole.


“In onda fra trenta secondi”. Questo per il burro di cacao”.

Le regole I parigini
1 Non è vero che a Parigi sono tutti odiosi: gli immigrati e il personale di Disneyland sono persone
squisite. 2 Quando chiedi un’informazione in inglese, il parigino risponde in francese. Quando la
chiedi in francese, lui risponde in inglese. 3 Se ti guardano male perché sei italiano, informali che
andavi alle medie con il cugino di Carla Bruni. 4 Per vedere un parigino davvero innervosito,
chiedi a un passante dov’è la Bastiglia. 5 Se pensi che i parigini ti trattino con suicienza, sappi che
i marsigliesi ti prenderebbero direttamente a testate. regole@internazionale.it

106 Internazionale 816 | 9 ottobre 2009


Vorrei un caffè
corretto.
Il gusto amaro che senti nel tuo caffè nasce da una miscela
sapiente di sfruttamento, avidità e malgoverno.
Il prezzo del caffè aumenta ma peggiorano le condizioni
di lavoro e di vita in cui sono tenuti i contadini che
lo producono. ActionAid lotta da anni al loro fianco,
unisciti a noi per chiedere ai governi e alle multinazionali
del settore di garantire i diritti di tutti nella produzione.

Per un caffè più buono vai su www.actionaid.it


o scrivi ad attivismo@actionaid.org