Sei sulla pagina 1di 1

Ciò di cui andrò ad esporre è la ricerca scientifica avvenuta durante la seconda guerra mondiale.

Mi permetto di iniziare la mia esposizione specificando una cosa molto importante, gli esperimenti
avvenuti durante l’avvenimento della seconda guerra mondiale diedero il via grandi scoperte
scientifiche, questo però dandoci un inizio per esempio in ambito medico con la possibilità di
studiare cure per malattie importanti.
Le ricerche scientifiche naziste partono per ottenere un’idea sulla resistenza fisica che può
mantenere un nazista quando si trovava a paracadutarsi da grandi altezze durante uno scontro aereo,
nasce questa idea di studio durante il conflitto che stava avvenendo contro ola Gran Bretagna, per
queste ricerche infatti si andavano a sfruttare le persone rinchiuse all’interno di campi di
concentramento, in queste ricerche morirono molti prigionieri visto che venivano muniti di una tuta
da aviatore e immersi all’interno di vasche gelate, arrivarono tardi all’idea di modificare le tute
rendendole più resistenti alle temperature, in parallelo a queste ricerche cercarono il modo di andare
a rianimare una persona congelata, utilizzando metodi fisici ovvero a contattato con due corpi o
utilizzando medicine, anche in questa situazione si ebbero molti decessi, e chi veniva rianimato
veniva riutilizzato per altri test arrivando alla soluzione che non si poteva andare ad rianimare un
corpo congelato. Queste ricerche erano finalizzate per lo scontro che si era svolto in mezzo
all’oceano con la Gran Bretagna.

Un obbiettivo molto importante per i nazisti era il difendere la razza ariana e favorirne
l’accrescimento, sfruttando in queste ricerche i gemelli che arrivavano nei campi di
concentramento, più che ricerche scientifiche erano delle torture, sottomettevano i giovani ragazzi
ha continui interventi per studiare il modo per far nascere altri gemelli, e come cambiare il loro
DNA in quello tedesco cercando di dargli l’immagine che l’oro desideravano, ma purtroppo questi
esperimenti furono inutili visto che morirono molti bambini torturati, oppure chi era riuscito a
sopravvivere ma rimasto cieco visti esperimenti svolti direttamente sugli occhi cercando di
cambiare il colore.

Un ultima ricerca scientifica da loro svolta e molto importante sotto i loro occhi era il modo di
annientare le razze definite impure dai nazisti.
Per ostacolare l’aumento demografico dei ebrei, slavi e zingari si optava su un’idea di
sterilizzazione forzata, dato che già si aveva una metodo di sterilizzazione ma molto dispendioso si
optarono per nuove idee, vennero esposte tre idee che presero i nomi dai stessi scienziati che se ne
occuparono Clauberg, Schumann, Madaus.
Car Clauberg era un rinomato ginecologo ed egli optò nell’utilizzare sostanze irritanti iniettate
direttamente all’interno dei tubi di Falloppio, questo metodo però non era ad atto per portarlo su
larga scala visto che almeno un minimo di 50 iniezioni dovevano essere svolte per far si che questa
idea potesse funzionare.
Horst Schumann pensava che la migliore idea era l’utilizzo di raggi x capace di sterilizzare un
numero enorme di persone senza che se ne accorgessero, semplicemente nascondendo questi
macchinare e facendo passare davanti le persone, all’inizio come cavie utilizzava bambine in torno
hai 13-14 anni, poco dopo lo testò su più persone di età differenti andando a sterilizzare più di
3000-4000 persone al giorno, l’unico problema che si andava a riscontrare ogni volta erano le
grandi quantità di morti causate dall’utilizzo dei raggi x. Optando alla fine per la sterilizzazione
chirurgica.
L’ultimo scienziato era Gerhard Madaus, lui scelse di fare ricerche su un metodo diverso da quelli
conosciuti fino a quel momento, lui andò a studiare una pianta sudamericana la Caladium
Seguinum, da cui si otteneva un estratto capace di sterilizzare con poca difficoltà ogni donna, per
sua sfortuna questi esperimenti vennero annullati viste le difficoltà che avevano nel produrre quella
pianta