Sei sulla pagina 1di 161

1

Strumenti finanziari e
Analisi tecnica dei
mercati

di Lorenzo Biagioli

Sono vietate la vendita, riproduzione anche parziale e diffusione verso terzi, senza
preventivo assenso scritto di Equities & Derivates S.r.l.

2
Indice:
Introduzione
Glossario
Le basi dell’analisi: Teoria di Dow e Random Walk Theory (tesi a confronto)
(Cap 1) I Grafici
I grafici: Close-only
Bar-chart
Candle-stick
Costruzione e confronto dei tre modelli
Multiple time frame analysis
Rapporti tra barre (trend-up, down, inside, outside)
(Cap 2) Supporti e Resistenze
Definizione di supporto e resistenza
Reciprocità dei prezzi
Le soglie psicologiche
Implicazioni operative
Supporti e Resistenze statiche
Implicazioni operative
Doppio – Triplo massimo, minimo.
Implicazioni operative
Four time at the same level
Implicazioni operative
(Cap 3) Situazioni di mercato a tendenza definita
Le trend-line
La conferma delle trend-line
Implicazioni operative
Stop-Loss e Trailing Stop
Rafforzamenti del Trend
Indebolimenti del Trend
La ridefinizione del trend
Inversioni o indebolimenti ?
I Canali
Implicazioni operative
La violazione dei canali paralleli
(Cap 4) Volumi e Open interest
Open Interest e Volumi, quale significato ?
Istogrammi e linea continua
I Volumi (concordanza e divergenza)
Implicazioni operative
(Cap 5) I filtri ai falsi segnali
I filtri ai falsi segnali
Failure swing top-bottom
Fan line system
I Pull-Back
Implicazioni operative
(Cap 6) Situazioni di mercato a tendenza indefinita
Le fasi di congestione dei prezzi
Implicazioni operative
Upthrust e Springboard
Contenimento di chiusure
Contenimento di chiusure + conferma

3
Implicazioni operative
(Cap 7) I Gap
I Gap
Le tipologie di gap in tendenza definita (common, breakaway, runaway, exhaustion)
Speculare sulla formazione dei gap d’apertura
Implicazioni operative
(Cap 8) Figure di continuazione ed inversione
Continuazione, Inversione, ovvero compressione
Triangoli simmetrici
Triangoli ascendenti – discendenti
Cunei
Rettangoli
Bandiere
V-Spike
Testa e Spalle
Gli Swing W e M
Implicazioni operative
(Cap 9) La Bar-strategies
Trend continuation, strategie operative
First Hour Breakout
Inside Bar
Outside Bar
Trend reversal, strategie operative
Reversal Bar
High Low e Midrange
Single open-close reversal bar
Double open-close reversal bar
Riepilogo principale regole di trading
(Cap 10) La serie numerica di Fibonacci
Costruzione della serie numerica di Fibonacci
Il “golden ratio”
I coefficienti “operativi”
(Cap 11) La teoria di Elliott
Il modello di Elliott (impulsi e correzioni)
I tre gradi di una sequenza
Identificare tendenza e controtendenza
Implicazioni operative
I modelli correttivi
Correzioni Zig-Zag e Flat
Teoria dell’alternanza
Le regole dello sviluppo di una sequenza a cinque onde
Il triangolo diagonale
Implicazioni operative
Il fallimento di Onda cinque
Implicazioni operative
(Cap 12) Le tecniche di proiezione di prezzo
I ritracciamenti interni
Incrocio di ritracciamenti interni
Le RoC zone (Reversal or continuation zone)
Implicazioni operative
I ritracciamenti esterni
Incrocio di ritracciamenti esterni

4
Implicazioni operative
Le RoC zone attraverso l’incrocio di ritracciamenti interni ed esterni
Le proiezioni direzionali (PD)
Implicazioni operative
Le RoC zone attraverso l’incrocio di ritracciamenti e PD
Incrociare analisi di modello e di prezzo
Implicazioni operative
(Cap 13) Le opzioni come strumento di copertura e speculazione
Definizioni generali
I parametri che influenzano il prezzo delle opzioni
Il valore implicito
Il valore temporale
Time decay
La volatilità
Le greche delle opzioni
Delta
Gamma
Vega
Theta
Rho
Le strategie in opzioni
Call buying
Call write
Put buying
Put write
Long straddle
Long strangle
Short straddle
Short straddle
Covered call write
Bull & Bear spread

5
Introduzione
Tecnica e Psicologia
Molti durante i corsi di formazione mi chiedono quale sia, tra i tanti, il miglior metodo per
operare in Borsa……….bene, la risposta è molto semplice ed insita proprio nella
domanda:
Il metodo

Ho conosciuto molte persone che hanno saputo fare del trading un’attività di successo,
ognuno di essi con le proprie convinzioni, idee, osservazioni e rilevazioni, ognuno diverso
dall’altro per svariati aspetti dell’approccio al mercato, ma tutti indiscutibilmente legati da
un fattore comune: l’applicazione di un metodo rigoroso. I mercati certo sono in continua
evoluzione, si passa da prolungate fasi di congestione a profonde e veloci accelerazioni,
per questo è importante “costruire” una metodologia che possa aderire alle più svariate
condizioni e che possa offrire, soprattutto, un certo tipo di risultati, nel tempo. Purtroppo
non esiste un’unica regola da applicare ad ogni trend, ma esiste un “kit” di regole da
applicare alle diverse fasi che determina appunto la metodologia. Quello che si intende
fare, attraverso questo testo, è proprio fornire una metodologia operativa, che sappia
offrire in qualsiasi situazione, lo strumento più idoneo ad intraprendere posizioni
speculative. Il successo di un trader dipenderà in larga parte proprio dalla sua capacità di
integrazione di questo insieme di regole oltre che dal rispetto del metodo assunto.
Troverete che, tutto quanto verrà discusso, a prescindere dalla tecnica utilizzata, sarà
basato su un assunto fondamentale e cioè, ad ogni tesi dovrà necessariamente
corrispondere una negazione della tesi. Tradotto in termini operativi, significa che ogni
trade deve prevedere, ancora prima di essere applicato, un movimento dei prezzi che
negherebbe la tesi, in forza alla quale, il trade stesso è stato aperto. Parlare di negazione
della tesi o di stop-loss significa quindi parlare della stessa cosa. E’ questo forse il
concetto più importante di tutto il libro, se siete abituati ad entrare sul mercato in base al
sentiment, probabilmente non siete molto più che “gambler”, scommettitori, ma ben più
importante, provate a chiedervi quando il vostro sentiment vi consiglierà di uscire in
perdita. Ricordate che il mercato è semplicemente ciò che è, e non ciò che noi vorremmo
che fosse. Banale ? Io non credo. Una tesi, quindi un modello analitico, è semplicemente
uno strumento operativo che, con la massima probabilità conduce ad un utile, ma non è
garanzia di guadagno, piuttosto è garanzia di preservazione del proprio capitale. Bene,
una volta che avrete appreso quelle che sono le tecniche operative di ingresso ed uscita, il
mercato vi sottoporrà alla prova più difficile……la pazienza. Sappiate aspettare il vostro
momento, il mercato offre continuamente spunti operativi, se non doveste riuscire ad
identificare un modello operativo anche dopo un’intera settimana, non c’è problema,
meglio sedersi ed osservare da spettatori. Un noto trader americano amava dire:

“…piuttosto che cercare di afferrare il denaro, mentre volteggia nell’aria, preferisco


sedermi ed aspettare che cada a terra……quindi raccoglierlo…..”

Se siete già in grado di operare con criterio e sapete attendere il “vostro” trade, allora
avete già fatto molta strada verso il successo. L’ultima cosa che vi rimane da fare è
controllare la vostra emotività. La psiche è il nemico più temibile, è imprevedibile e quasi
incontrollabile e soprattutto, è l’unica componente in grado di mettere in discussione tutto il
lavoro che avrete svolto.
Una volta individuai un modello grafico particolarmente affidabile, il mercato veniva da una
prolungata fase ribassista, circa un -12%, sapevo che esistevano le condizioni per entrare
con profitto su quello che aveva tutte le caratteristiche di un minimo di periodo. Il mio
6
track-record fino a quel giorno non era certo brillante, venivo da tre trade consecutivi in
perdita, non potevo sbagliare. A fine giornata il modello grafico auspicato venne
confermato, chiara inversione, il mercato andava acquistato. Così feci, comprai in chiusura
di seduta, nel pieno rispetto della tecnica che avevo sposato. Lo stop-loss andava
posizionato immediatamente sotto il minimo di giornata. La chiusura negativa delle borse
USA, non mi aiutò granché ed il giorno seguente ero sotto di 200 punti solo all’apertura.
Inizialmente chiamai l’intermediario per posizionare lo stop, lì dove andava posizionato
tecnicamente. Alle 10,30 la perdita era di circa 350 punti ed il peso dei tre precedenti
trade, chiusi in perdita, si fece insostenibile, ero al rialzo in un mercato ribassista e
probabilmente, pensai, avevo sbagliato ancora. Tanto valeva chiudere il trade prima di
incamerare gli altri 350 punti che mi separavano dallo stop-loss. Ho alzato il telefono,
cancellato lo stop e venduto a mercato con circa 300 punti di perdita. Quel giorno mi
sembra di ricordare che fui proprio io a vendere sui minimi, perché immediatamente dopo
la mia chiusura, il mercato prese a salire in modo verticale, senza che il naturale ed
originario stop fosse anche soltanto sfiorato. Il dato ex-napm del pomeriggio diede poi la
spinta definitiva verso 3 giorni di risalita. Tutto era stato fatto nel migliore dei modi, analisi,
apertura del trade, posizionamento dello stop, impeccabile. Tuttavia avevo fatto l’errore più
grave, chiudere il trade ignorando completamente quella che fosse la reale negazione
della mia tesi, appena 300 punti più in basso. Da quella giornata ho imparato molto e
soprattutto, non ho più commesso lo stesso errore.

1) Mai mettere in discussione un modello tecnico, se non attraverso un altro modello


altrettanto tecnico. Non fatevi influenzare da colleghi, media, internet.
2) Prima di entrare sul mercato in forza ad una informazione che, diciamo potreste
definire, privilegiata, se non addirittura riservata, chiedetevi perché tale
informazione, se riservata, è arrivata fino a voi.
3) Dopo un trade, chiuso indifferentemente in utile o in perdita, spegnete i monitor e
fate qualsiasi cosa fuorché trading. Anche se impercettibile, la depressione causata
da una perdita o l’euforia generata da un gain tolgono lucidità e obiettività.
4) Pianificate in forma scritta ogni modello operativo che possa generare un trade,
inserendo la tesi, negazione della tesi, target etc etc. Troverete che diventa difficile
non rispettare ciò che voi stessi avete scritto e non solo pensato.

In questo CD-rom troverete un trading-plan, prima di giudicarlo superfluo, provate ad


utilizzarlo, se lo riterrete opportuno, modificatelo, ma fate in modo che sia sempre
presente nella vostra attività di trading.

Buon lavoro e “In bocca al lupo” a tutti

Lorenzo Biagioli

7
Glossario

Fib30
I futures sull’indice di borsa Mib30, denominati Fib30 sono contratti uniformi a termine con
i quali le parti s’impegnano, alla scadenza, a liquidarsi una somma determinata come
prodotto tra il valore assegnato convenzionalmente a ciascun punto dell’Indice di Borsa
Mib30 e la differenza tra il valore dell’indice stabilito alla stipula e il valore assunto
dall’indice il giorno di scadenza.
Il contratto Fib30 il cui relativo mercato, l’Idem (Italian derivates market), ha preso avvio il
28 novembre 1994 rappresenta il primo contratto derivato su attività azionarie a essere
regolarmente quotato in Italia. Il valore assegnato convenzionalmente a ciascun punto
indice Mib30 è pari a cinque € pertanto conseguire un utile di 1000 punti fib30 significa
incassare la seguente somma di denaro:

1000 pt (Gain punti indice) * 5 € (Valore assegnato a ciascun punto) = 5000 €

Il contratto Fib30 rappresenta quindi uno strumento di copertura su portafogli azionari o


puro strumento speculativo. Ipotizziamo infatti che il Sig. Rossi detenga un portafoglio
azionario di circa 350.000.000 £ spalmato sui 30 titoli del principale indice di Borsa e
decida di vendere un contratto Fib30 allo scoperto. Laddove il corso dei titoli azionari
dovesse scendere il Sig. Rossi conseguirebbe sì una perdita dovuta alla fase di ribasso,
ma incasserebbe per contro una equivalente somma di denaro derivante dalla vendita del
Fib30.

Ipotizziamo invece che il Sig. Rossi alle ore 10,45 decida di acquistare un contratto Fib30
con l’indice a 39800 e che, dopo 40 minuti, il valore dell’indice sia salito a 39950. Se in
ottica speculativa il Sig. Rossi decidesse di rivendere il contratto detenuto conseguirebbe
un utile pari a

150 punti indice * 5 = 750 €

Da circa due anni è possibile negoziare sull’ Idem anche il contratto minifib, contratto dalle
medesime caratteristiche, ma con controvalore 1/5 rispetto al più tradizionale future.

Margini di garanzia
Per assicurare la compensazione ed il buon fine dei contratti uniformi a termine stipulati
sull’Idem, la Cassa di compensazione e garanzia (clearing house), provvede a fine
giornata al calcolo di tutte le posizioni degli aderenti. Ciò significa che ad ogni singolo
investitore che desideri operare su contratti Fib30, verrà chiesto, da parte del proprio
intermediario, di versare quello che prende il nome di Margine iniziale, circa il 10% del
valore nominale del sottostante oltre ad una percentuale variabile detta Margine di
variazione (concordato con il proprio intermediario) che vada a coprire eventuali
oscillazioni negative da compensare a fine giornata.
Ex:
Il contratto Fib30 vale 30.000, quindi 30.000 * 5 = 150.000 €
Per poter aprire una posizione sul Fib30, Banca XYZ non richiederà naturalmente un
versamento di 150.000 € (effetto leva), ma 15.000 €. Al margine iniziale sommeremo
quindi il margine di variazione, diciamo il 5%, per un totale di 22.500 €
Esiste poi un terzo tipo di margine, detto Margine aggiuntivo. Tale margine viene richiesto
dall’intermediario all’investitore, laddove le variazioni negative dei prezzi fossero superiori
al margine di variazione versato. Il margine aggiuntivo deve essere richiesto

8
dall’intermediario, al cliente, comunque prima di operare una chiusura d’ufficio della
posizione. Per contro il cliente può certificare l’avvenuto versamento di tale margine anche
attraverso fax, ma comunque sempre nello stesso giorno in cui viene comunicata la
richiesta. Ai fini del calcolo dei margini versati, normalmente, si tende a valorizzare il 90%
dei titoli di stato ed il 30% dei titoli azionari in deposito presso l’intermediario.

Le opzioni Mibo30
Le opzioni sull’indice di Borsa Mib30, denominati contratti Mibo30 sono contratti uniformi a
termine con i quali una delle parti , dietro pagamento di un corrispettivo (premio), acquista
la facoltà di incassare una somma determinata come prodotto tra il valore assegnato
convenzionalmente a ciascun punto dell’indice e la differenza tra il valore dell’indice
stabilito alla stipula del contratto (prezzo di esercizio) e il valore assunto dall’indice a
scadenza.
Le opzioni si differenziano quindi dal contratto future sull’indice di Borsa Mib30 (Fib30) in
quanto, mentre questi fanno nascere un rapporto obbligatorio di compravendita al
momento della stipulazione dei contratti, le opzioni conferiscono all’acquirente la facoltà di
decidere se dar luogo o meno alla compravendita concordata. Ciò comporta che con il
contratto futures la perdita è tanto maggiore quanto maggiore è la variazione negativa del
prezzo, mentre con l’opzione la perdita massima risulta essere pari al premio. In sostanza
acquistare un ‘opzione significa assicurarsi una possibilità di guadagno potenzialmente
illimitata contro una perdita massima pari al premio pagato. Sono negoziati contratti
Mibo30 aventi scadenze mensili e scadenze trimestrali (marzo, giugno, settembre,
dicembre). In ciascuna seduta di contrattazione sono contemporaneamente quotate la
scadenza mensile più vicina e le due scadenze mensili successive, nonché la scadenza
trimestrale più vicina e le due scadenze trimestrali successive, per un totale di cinque
scadenze negoziate. Per ciascuna scadenza sono quotati almeno cinque prezzi di
esercizio, con intervalli di 500 punti indice (38500, 39000, 39500). Lo scarto minimo di
variazione previsto per tali contratti è di 1 per premi compresi tra 0 e 100 (34, 45, 51) 2 per
premi compresi tra 100 e 500 ( 222, 346, 484) e 5 per premi oltre i 500 (605, 515, 1025).

Ormai da alcuni anni il controvalore delle opzioni è stato dimezzato, passando dai 5 € per
punto, agli attuali 2,5 € per punto, pertanto nel caso di un opzione che valga 500 avremo

500 (punti mibo) * 2,5 € (5/2 valore assegnato) = 1250 €

L’acquisto di opzioni non prevede il versamento di alcun tipo di margine.


Le opzioni sull’indice di Borsa Mib30 sono di tipo Europeo ovvero il diritto acquisito dietro
pagamento del premio è esercitabile soltanto a scadenza, al contrario le opzioni di tipo
Americano possono essere esercitate in un qualsiasi momento compreso tra la stipula del
contratto e la scadenza dell’opzione stessa, un esempio di opzioni di tipo Americano sono
i contratti Iso alfa. Va sottolineato che la vendita allo scoperto delle opzioni,
contrariamente all’acquisto, espone l’investitore ad una perdita potenzialmente illimitata e
ad un guadagno massimo conseguibile pari al premio incassato dalla vendita stessa. Ciò
naturalmente comporta, da parte della banca competente, l’applicazione dei relativi
margini di garanzia.

9
Le opzioni Iso alfa
Le opzioni su singoli titoli azionari, denominati contratti Iso alfa, sono contratti uniformi a
termine con i quali una delle parti, dietro pagamento di un corrispettivo (premio), acquista
la facoltà di ritirare (call option) o di consegnare (put option), alla o entro la data di
scadenza, un certo quantitativo di valori mobiliari a un prezzo stabilito (prezzo d’esercizio).
Il termine Iso alpha deriva dall’inglese Individual Stock Option e la lettera alfa generalizza il
nome dell’azione sottostante.
Per tutti gli strumenti finanziari derivati come il Fib30, Mibo30 e Iso-Alfa la controparte è la
Cassa di compensazione e garanzia.
Opzioni “In the money”
Si dice di un’opzione il cui valore del sottostante risulti superiore o inferiore, a seconda che
si consideri rispettivamente un’opzione call o put, al prezzo d’esercizio dell’opzione stessa.
Opzioni “At the money”
Si dice di un’opzione, indifferentemente Call o Put, il cui valore del sottostante risulti
identico al prezzo d’esercizio dell’opzione stessa.
Opzioni “Out of the money”
Si dice di un’opzione il cui valore del sottostante risulti inferiore o superiore, a seconda che
si consideri rispettivamente un’opzione call o put, al prezzo d’esercizio dell’opzione stessa.
Opzioni “corte”
Si parla di opzione “corta” per indicare la prima scadenza utile tra tutte quelle quotate,
talvolta l’accezione opzione “corta” viene utilizzata per indicare che si è venduta
un’opzione allo scoperto (short position).
Opzioni “lunghe”
Si parla di opzione “lunga” per indicare una scadenza che non sia comunque la prima, tra
tutte quelle quotate, talvolta l’accezione opzione “lunga” viene utilizzata per indicare che si
è acquistata un’opzione (long position).
Denaro (Bid)
Il prezzo al quale, l’investitore, è disposto ad acquistare una certa attività finanziaria.
Lettera (Ask)
Il prezzo al quale, l’investitore, è disposto a vendere una certa attività finanziaria.
Ordine limitato
Ordine di Borsa attraverso il quale, l’investitore, oltre a comunicare la quantità dell’attività
finanziaria in oggetto, fissa un prezzo limite massimo (se in acquisto) e minimo (se in
vendita). Tale ordine viene eseguito solo e soltanto al raggiungimento delle soglie di
prezzo indicate, o comunque a prezzi più vantaggiosi, compatibilmente con la disponibilità
della controparte.
Ordine “al meglio” o “a mercato”
Ordine di Borsa attraverso il quale, l’investitore, comunica la quantità dell’attività
finanziaria in oggetto, ma non il prezzo al quale tale attività debba essere negoziata.
Compatibilmente con la disponibilità delle controparti, un ordine “al meglio” viene eseguito
incrociando la prima proposta in denaro (se in vendita) o il lettera (se in acquisto).
Stop-Order
Ordine di Borsa attraverso il quale, l’investitore, comunica la quantità dell’attività
finanziaria in oggetto e la condizione necessaria e non sufficiente, affinché l’ordine venga
inviato al mercato, al prezzo stabilito. Tale ordine si compone di due prezzi, un primo di
attivazione ed un secondo, limite. Il prezzo di attivazione rappresenta la condizione
necessaria, affinché l’ordine possa essere trasmesso al mercato, mentre il prezzo limite, il
livello più alto o più basso, se in acquisto o in vendita, al quale si è disposti a negoziare,
compatibilmente con la disponibilità della controparte.

10
Stop-loss
Rappresenta uno stop-order vero e proprio, nello specifico lo stop-loss è un ordine di
Borsa attraverso il quale, l’investitore pone un limite alla perdita dell’operazione in essere.
Trailing-Stop
Rappresenta uno stop-order vero e proprio, nello specifico il trailing-stop è un ordine di
Borsa attraverso il quale, l’investitore pone un limite all’utile finora conseguito laddove il
corso dei prezzi assumesse un andamento parzialmente sfavorevole.
Break-out
Violazione di una soglia di prezzo particolarmente significativa, che prelude normalmente
ad un’accelerazione dei prezzi nella medesima direzione.
Break-In
Contenimento dei prezzi all’interno di un range identificabile, all’interno del quale si assiste
ad un sostanziale equilibrio tra forza della domanda e dell’offerta.

Le basi dell’analisi

Random Walk e Teoria di Dow (Tesi a confronto)


La “Random walk theory” e la “Teoria di Dow” sono di fatto le due tesi che hanno diviso
quanti, già dal 1850, sostenevano che le variazioni dei prezzi dei mercati finanziari fossero
indipendenti l’une dalle altre piuttosto che aderenti ad un modello ciclico e definibile.
L’approccio alla formazione dei prezzi dal punto di vista di chi credeva nel cosiddetto
random walk, è un approccio basato sul fatto che i prezzi incorporano tutte le informazioni
che giungono al mercato e che queste informazioni sono imponderabili. Prevedere quindi il
futuro comportamento del mercato è impossibile, così come risulta impossibile di
conseguenza, sovraperformare l’indice stesso. Non c’è alcun legame tra la formazione dei
prezzi attuali e futuri, ricondurre pertanto ad un modello ciclico l’atteggiamento dei
partecipanti al mercato è utopistico.
L’investitore che si rifà a questa vision, è un investitore che tende ad acquistare e
mantenere nel tempo in ottica cassettista.
Non era di questa opinione Charles H. Dow, fondatore del quotidiano The Wall Street
Journal ed antesignano della moderna analisi tecnica. I principi sui quali si basò Dow
nell’enunciare i suoi principi si basavano essenzialmente su due assunti:

a) L’atteggiamento degli investitori nei confronti del mercato tende a ripetersi nel
tempo
b) Il presente è conseguenza del passato, il futuro è conseguenza del presente.
Studiare il presente sulla base dei dati forniti in passato rappresenta quindi la
migliore base previsionale.

Secondo Dow, i cicli relativi al mercato azionario sono:

a) Movimento primario (major trend): è la tendenza principale, quella che normalmente


si esprime attraverso un ciclo temporale che varia tra i due e i cinque anni.
All’interno di queste fasi i prezzi assumono una tendenza principale intervallata da
reazioni contrarie al trend che prendono il nome di movimenti secondari.
b) Movimenti secondari (intermediate trend): si tratta di movimenti opposti alla
tendenza principale in un mercato che nel lungo periodo sia rialzista o ribassista.
L’orizzonte temporale può variare da alcuni mesi ad un anno.

11
c) Movimenti terziari o minori (minor trend) : sono rialzi o ribassi che durano
generalmente qualche settimana e non inficiano sull’andamento del trend primario o
secondario.

Le fasi di mercato secondo Dow sono poi così caratterizzabili:

a) Accumulazione: in questa fase la maggior parte degli investitori crede che il


mercato sia sostanzialmente ribassista. Subentrano a questo punto gli operatori
istituzionali, consci dell’esaurimento della fase orso, che iniziano gradualmente ad
effettuare acquisti, contribuendo alla formazione di una più o meno prolungata fase
laterale.
b) Convinzione: il trend è cambiato, il pubblico ha fiducia nel movimento espresso dal
mercato e contribuisce alla crescita delle quotazioni
c) Speculazione: in buona sostanza rappresenta l’esaurimento di un ciclo, le
quotazioni stanno per raggiungere i livelli massimi, purtroppo in questa fase è
proprio il pubblico che, trascinato dall’euforia decide di effettuare acquisti a favore
degli operatori professionali che stanno liquidando le posizioni.
d) Distribuzione: rappresenta una fase laterale più o meno prolungata, paragonabile a
quella di accumulazione, necessaria agli operatori professionali per liquidare il
portafoglio.
e) Flessione: i prezzi scendono bruscamente.
f) Panico: come per la fase di speculazione rappresenta l’esaurimento della fase
ribassista. Come per la fase di speculazione sono gli operatori privati a liquidare in
perdita le proprie posizioni.
g) Frustrazione: Siamo alla fine di un ciclo, chi detiene ancora titoli in portafoglio
decide di liquidare (magari gli stessi che avevano acquistato ai massimi) a favore
degli operatori professionali. La formazione di una nuova fase laterale indica
l’imminente ripresa di un ciclo rialzista.

Speculazione Distribuzione

Flessione

Riaccumulazione Redistribuzione

Convinzione
Panico

Frustrazione
Accumulazione

Cicli di borsa secondo Dow

12
Cap. 1 I Grafici

Close-only Chart (solo prezzo di chiusura)

Olivetti Close only chart (fig. 1.1)

I grafici delle serie storiche vengono rappresentati su piani cartesiani che presentano
generalmente il tempo in ascissa e il prezzo in ordinata. L’approccio grafico rimane a oggi,
il metodo di lavoro più importante nello studio del prezzo, tuttavia la bontà del risultato
dipenderà in larga misura dall’abilità dell’analista stesso.
I grafici close only (Fig 1.1) sono basati esclusivamente sul prezzo di chiusura e non
riportano quindi la reale escursione fatta registrare tra massimo e minimo espresso
nell’arco della giornata. Questo è il motivo per cui il risultato grafico di questa scelta sarà
una sola linea continua. Chi predilige questo tipo di grafici crede che il prezzo più
significativo ai fini dell’analisi sia proprio il livello raggiunto a fine seduta, il reale punto di
equilibrio tra domanda e offerta. In merito ai close only chart và detto che il prezzo di
chiusura, ai fini dell’analisi, riveste una certa importanza, ma non può essere tuttavia
esaustiva del reale andamento del mercato, pertanto, le informazioni che vengono fornite
dovrebbero quantomeno essere confrontate con grafici di altro tipo.

13
Grafici a Barre e Candlestick

I grafici più comunemente usati nell’analisi tecnica sono i cosiddetti Bar-chart e


Candlestick,entrambi, a differenza del close only chart, forniscono all’analista tutte le
informazioni relative all’andamento complessivo della giornata di contrattazione: apertura,
massimo, minimo, chiusura. Non c’è un orizzonte temporale predefinito nella costruzione
di un bar-chart o di un candlestick, il fatto che si consideri un grafico a cinque minuti
piuttosto che un giornaliero, significa che i dati necessari alla costruzione del grafico
saranno rilevati ogni cinque minuti oppure a fine giornata.

Massimo Massimo

Chiusura Chiusura

Apertura
Apertura

Minimo Minimo

Esempio di Bar-chart e Candlestick (Fig 1.2)

Un bar-chart si costruisce disegnando un segmento i cui estremi rappresentano l’intera


escursione di prezzo registrata durante la seduta e apponendo due brevi tratti a sinistra e
destra della barra in coincidenza del prezzo di apertura e chiusura (Fig 1.2). Analizzare un
grafico giornaliero a barre significa quindi osservare la serie storica dei prezzi espressi da
un titolo nell’arco di ogni giornata.

14
Daily bar chart Mediaset (Fig 1.3)

Un grafico a candele si costruisce a partire dalle stesse informazioni presenti in un grafico


a barre (apertura, chiusura, massimo, minimo), ma si disegna in modo differente. L’intera
barra viene suddivisa in tre parti distinte: la parte rettangolare del candlestick è detta real
body e rappresenta il range tra il prezzo di apertura e di chiusura della sessione. Quando il
real body è nero, oppure full, vuol dire che il prezzo di apertura è superiore al prezzo di
chiusura, ovvero la base superiore del rettangolo corrisponde al valore dell’ open. Quando
invece, il real body è bianco, oppure empty (vuoto), significa che il prezzo di chiusura è
superiore a quello di apertura, cioè l’open forma la base inferiore ed il close la base
superiore. Le linee sopra e sotto il real body sono denominate shadow e rappresentano i
prezzi estremi della sessione:
La shadow sopra il real body è detta upper shadow e congiunge il massimo della
sessione; la shadow inferiore è chiamata lower shadow e congiunge il minimo della
sessione (Fig 1.3 , 1.4).

15
Daily candlestick Mediaset (Fig 1.4)

E’ evidente come l’impatto visivo sia molto differente nelle due rappresentazioni, le
informazioni che vengono fornite sono tuttavia le stesse e da un punto di vista puramente
operativo non vi è differenza.

Fideuram Bar-chart e Candle-stick a confronto (Fig 1.5)

16
Multiple Time Frame Analysis
Una consolidata abitudine da parte dei trader è quella di impostare trade in perfetta
controtendenza, abitudine perlopiù alimentata, a livello psicologico, dal fatto che i prezzi
sembrano sempre troppo elevati per acquistare o troppo bassi per vendere. Pensare di
partecipare ad una fase tendenziale del mercato, piuttosto che sperare di centrare una
reazione minore, spesso di entità anche esigua, sembrerebbe un concetto banale, eppure
difficilmente ed inspiegabilmente applicato dalla maggior parte dei trader. Come porre
allora un filtro di natura tecnica, utile ad annullare un errore di natura psicologica ?
Attraverso quella che prende il nome di multiple time frame analysis.
La multiple time frame analysis, rappresenta un confronto di più grafici, della stessa attività
finanziaria, con time frame diversi, teso a:
1) Evidenziare quale sia il principale trend in atto.
2) Evidenziare come un trend possa effettivamente generare ancora importanti estensioni
di prezzo.
3) Filtrare tutti i falsi segnali, i rumors, le varie speculazioni che si renderebbero di difficile
interpretazione attraverso time frame inferiori.

Daily chart Weekly chart

Multiple time frame (Fig 1.6)

Ecco che cinque rilevazioni giornaliere possono essere riassunte e filtrate attraverso una
sola barra settimanale che abbia:
1) Quale apertura, l’apertura della prima delle cinque rilevazioni giornaliere.
2) Quale chiusura, la chiusura dell’ultima delle cinque rilevazioni giornaliere.
3) Quale massimo, il maggiore tra i massimi registrati all’interno delle cinque
rilevazioni giornaliere
4) Quale minimo, il minore tra i minimi registrati all’interno delle cinque
rilevazioni giornaliere
Questa impostazione serve ad analizzare con maggiore obiettività la particolare fase di
mercato che si sta attraversando e ad assorbire i rumors che, inevitabilmente, si riflettono
su grafici con orizzonte temporale più basso. Facciamo un esempio. Dovendo operare
intraday, quindi impostando operazioni veloci, è opportuno affidare le scelte operative ad

17
un analisi condotta attraverso bar-chart o candlestick a cinque minuti, orario e giornaliero.
Un daily chart è importante per comprendere l’andamento generale del mercato, tuttavia il
grafico orario o il cinque minuti è quello che andrà a fornire le reali indicazioni di ingresso e
uscita in senso concorde a quanto mostrato dal chart giornaliero. Eviterei l’uso di un
grafico a un minuto in quanto il rischio è quello di subire tutte le oscillazioni non
significative dovute a speculazione e che normalmente, generano falsi segnali. Dovendo
altresì operare nel medio termine, la scelta ricadrebbe invece in questo caso su grafici di
tipo giornaliero, due giorni, settimanale e in alcuni casi mensile. Come per l’operatività
intraday, anche in questo caso, i grafici a due giorni e settimanale forniranno le indicazioni
necessarie alla comprensione del trend in atto, mentre il grafico daily fornirà il segnale di
ingresso e uscita in senso concorde a quanto mostrato dal chart settimanale .

Definizione della tipologia di barre

Sarà utile definire la terminologia che sarà poi usata in seguito ai fini della comprensione
delle relazioni tra due o più barre. Possiamo distinguere quattro tipi di barre o candele (
d’ora in avanti verrà usata la sola definizione barra al posto di barra o candela) :

a) Trend up: Si dice di una barra che indipendentemente dalla propria chiusura, abbia
fatto segnare massimi e minimi crescenti rispetto alla barra precedente.
b) Trend down: Si dice di una barra che indipendentemente dalla chiusura, abbia fatto
segnare massimi e minimi decrescenti rispetto alla barra precedente.
c) Inside: Si dice di una barra che indipendentemente dalla chiusura, non abbia fatto
segnare ne nuovi massimi ne nuovi minimi rispetto alla barra precedente. Si tratta
quindi di una barra con escursione di prezzo normalmente molto ridotta.
d) Outside: Si dice di una barra che indipendentemente dalla chiusura, abbia fatto
segnare sia nuovi massimi che nuovi minimi rispetto alla barra precedente. Si tratta
quindi di una barra con escursione di prezzo normalmente molto estesa.

Trend-up Trend-down Inside-Bar Outside-Bar

Barre trend-up, trend-down, Inside, Ouside (Fig 1.7)

18
Vedremo in seguito quali saranno le implicazioni operative, a seconda che si presenti l’una
o l’altra barra.

Cap. 2 Identificazione dei livelli di supporto e resistenza

Supporti e Resistenze (le cifre tonde)

Il primo aspetto operativo di importanza estrema nell’analisi tecnica è quello legato al


concetto di supporto e resistenza. Che cosa sono i supporti e le resistenze ? Supporti e
resistenze non sono altro che livelli di prezzo, in prossimità dei quali si assiste ad una
reazione, una reazione rialzista, nel caso di supporto, una reazione ribassista, nel caso di
resistenza. Vale la regola che, una volta violato, un supporto diventa resistenza.
Viceversa, una resistenza, una volta violata, assume la valenza di supporto. Ai fini
operativi è quindi fondamentale poter identificare in anticipo quali siano questi livelli di
prezzo. Una prima, ma poco significativa possibilità, è legata ai cosiddetti numeri tondi. Si
assume che il mercato possa trovare un ostacolo in prossimità di prezzi come 8 €, 15 €,
41000, 39000 etc , le cosiddette cifre tonde o soglie psicologiche.

Indicazioni operative
Questa idea non è del tutto sbagliata e a livello operativo ci offre la possibilità di fornire
alcune prime indicazioni:
Mai posizionare prezzi di acquisto o vendita su numeri tondi, ma piuttosto in prossimità
degli stessi. Perché acquistare un contratto Fib30 a 41000 e non a 41030 ?. Se volessimo
realizzare i nostri guadagni su Tiscali, perché vendere a 20 € e non a 19.8 €? . Se
pensiamo che queste cosiddette cifre tonde possano veramente rappresentare un livello di
supporto o resistenza in ragione del quale effettuare un acquisto o una vendita, comprare
41030 anziché 41000 di Fib30 o vendere 19.8 € piuttosto che 20 € di Tiscali è la stessa
identica cosa. Il mercato spesso, se reagisce su queste cifre, lo fa con uno scarto di una
certa entità e difficilmente segna minimi o massimi come 41000 o 20 €. Sempre in merito
al fatto che un’ operazione debba essere basata su una tesi e che la negazione della tesi
si debba tradurre in stop-loss, è giusto pensare di acquistare allora 41030/060 di Fib30
con stop 40985. Se speculiamo al ribasso su Tiscali, vendiamo 19.8 € con stop-loss 20.1
€. Una domanda ricorrente, in questi casi, è quella inerente il fatto che ordini di acquisto o
vendita debbano essere inseriti prima o dopo il raggiungimento di questi livelli. La risposta
è univocamente, dopo !!!. Mai scontare che il mercato andrà a confermare le nostre idee.
Se le nostre idee sono valide e concrete allora sarà il mercato a confermarcele e a
metterci in condizione di entrare con maggiore sicurezza. Che cosa significa aspettare una
conferma? Significa aspettare che il supporto o la resistenza auspicata generi una
reazione come ad esempio una barra trend-up o trend-down:

19
20.1 € Stop-Loss

BUY
19.85 €

SELL
41030

40985 Stop-Loss

Supporti e Resistenza in prossimità di soglie psicologiche (Fig 2.1)

In figura 2.1 vengono riportate due barre dove il supporto o la resistenza vengono
confermati e respinti. Si procede all’acquisto o alla vendita sulla violazione del massimo o
del minimo della barra precedente. Lo stop va posizionato immediatamente al di sotto o al
di sopra di tali soglie. Minore sarà l’entità del time-frame considerato, minore dovrà essere
l’ampiezza del target di chiusura. Potrà infatti verificarsi che dopo aver tenuto e respinto un
supporto /resistenza, il mercato vada a violare gli stessi livelli precedentemente respinti.
L’abilità del trader sarà proprio capire quanto chiedere ad una operazione di questo tipo.
Se il nostro orizzonte temporale dovesse essere invece più ampio, grafico giornaliero ad
esempio, procederemo all’acquisto o alla vendita soltanto il giorno successivo con le
medesime modalità. Lo stop-loss risulterà ovviamente più ampio, come del resto più
ampio sarà il nostro target di chiusura.

“Il mercato ha sempre la memoria lunga”


Supporti e resistenze più significative rispetto alle soglie psicologiche risultano essere quei
livelli di prezzo che già in passato hanno generato una reazione. In questo caso vale la
regola che:
“Il mercato ha sempre la memoria lunga”
I supporti e le resistenze questa volta sono rappresentati da livelli ovviamente noti e già in
passato confermati. Tutti i livelli di minimo e massimo fatti registrare in precedenza, sia
che vengano confermati, sia che vengano violati, offrono la possibilità di effettuare trade
con la massima probabilità di successo.

20
Massimo

Supporto
Massimo

Supporto
Massimo

Supporto

Supporti e Resistenze statiche (fig. 2.2a)

Resistenza

Minimo
Resistenza

Minimo
Resistenza

Minimo

Supporti e Resistenze statiche (fig. 2.2b)

21
Indicazioni operative

Osserviamo il grafico di Bca Intesa (settembre/dicembre 2000).

Bca Intesa (Fig 2.3)

Il titolo Bca Intesa ha fatto registrare il giorno 8 settembre 2000 un massimo di periodo a
4.68 € per poi riprendere la fase correttiva fino ai minimi del 27 settembre a 4.1 €. Come si
evince dal grafico, il precedente massimo (ovviamente a noi noto) assume la valenza di
resistenza, resistenza confermata per ben tre volte, che viene violata soltanto dopo molti
tentativi. Operativamente, questo livello di resistenza può essere sfruttato per:

a) Liquidare posizioni lunghe precedentemente assunte sul titolo.


b) Aprire posizioni ribassiste sul titolo con stop-loss 4.71 €
c) Entrare al rialzo sul titolo alla violazione della resistenza. Buy 4.71 €
(I cosiddetti ingressi su breakout)
Il fatto che durante l’ultima fase correttiva, Bca Intesa abbia fatto registrare un minimo di
periodo a 4.1 € fa sì che questo livello diventi un futuro supporto dove poter posizionare
acquisti con stop-loss (stop reverse) immediatamente sotto tale livello.

Un’ altro esempio viene fornito dal massimo di periodo registrato dal Fib30 il 27 settembre
1999 e cioè 35380. Il minimo assoluto del 22 Marzo 2001, minimo che ha generato una
reazione di 5500 punti, è stato segnato proprio a 35375, soltanto 5 punti sotto il
precedente massimo. Non era certamente impossibile notare come il mercato si fosse
fermato con tanta precisione proprio in prossimità di certi prezzi e anche un ingresso long

22
il giorno successivo, ci avrebbe messo in condizione di conseguire un utile di notevole
entità. Come se non bastasse, questo livello di supporto è stato confermato per la terza
volta il 18 Luglio 2001, quando il Fib30 ha segnato il minimo di periodo a 35415, soltanto
40 punti sopra il supporto individuato. La reazione in questo caso, anche se di minore
entità rispetto alla precedente, è stata di 2200 punti.
Quale sarebbe stata la nostra esposizione di capitale in questo caso ? Assolutamente
ridotta. Sarebbe stato sufficiente intraprendere posizioni rialziste con stop-loss 100/150
punti sotto le soglie appena citate. Lo stop non sarebbe mai entrato. Risulta evidente
come questa soglia di prezzo, così importante per il mercato, ci metta già in condizione di
pensare, in anticipo, di intraprendere posizioni short alla sua violazione.
Di nuovo, minimo assoluto del Fib30 a 42055 il 17 aprile 2000 e conferma il 3 gennaio
2001 quando si è registrato un minimo a 42130, appena 75 punti sopra il precedente
minimo. La reazione è stata di circa 3500 punti, si è passati infatti da 42130 a 45575.
Ancora, ripetuti massimi in area 49000 (48930, 48905, 49050, 49015) dove al quarto
tentativo, respinto, il mercato ha dato avvio ad una fase ribassista di circa 7000 punti.
Torneremo poi in seguito sulle implicazioni operative di un supporto / resistenza respinta
per quattro volte, il punto è che anche in questo caso era relativamente semplice centrare
quello che è poi stato il massimo assoluto di periodo.

Fib30 daily (Fig 2.4)

23
Questo tipo di resistenze e supporti vengono definiti statici, in quanto il loro valore rimane
invariato al trascorrere del tempo. Conseguenza logica di quanto espresso finora, sarà il
fatto che, se la tenuta di un supporto statico determina un acquisto, la violazione dello
stesso determinerà una vendita. Viceversa nel caso di resistenza.

Double-Triple Top/Bottom (modelli d’inversione)


La definizione di supporto e resistenza statica ci impone a questo punto di precisare quale
sia l’importanza di alcuni modelli piuttosto frequenti sui mercati finanziari. Stiamo parlando
della possibilità di assistere alla formazione dei cosiddetti doppi, tripli massimi e minimi.
Tornare per due volte o addirittura tre volte sullo stesso livello di prezzo, senza che questo
venga violato, offre al trader la possibilità di effettuare operazioni di acquisto e vendita con
stop assolutamente esigui ed elevata probabilità di successo. Per contro, l’eventuale
futura violazione di tali soglie consentirà un ingresso in direzione opposta sul breakout dei
prezzi a noi noti.
Vediamo alcuni grafici esaustivi dell’argomento:

Fib30 daily (Fig 2.5)

Il Fib30 ha generato il 6 Agosto ’99 un minimo a 31550,minimo dal quale si è esteso un


rialzo fino a 35380. Nella successiva fase correttiva il minimo è stato segnato il 18 ottobre
’99 esattamente a 31550, double bottom.
Le modalità di acquisto e vendita naturalmente sono sempre le stesse, attendere la
conferma attraverso la formazione di una trend-up / down, posizionando lo stop-loss
immediatamente sotto il livello di supporto / resistenza.

24
Telecom daily (fig. 2.6)

Telecom ha disegnato a distanza di pochi giorni un doppio minimo a 7.48, esattamente il 3


luglio ’02 ed il 16 luglio ’02, double bottom e possibilità di acquisto con stop
immediatamente sotto 7.48.

Telecom daily (fig. 2.7)

Ancora Telecom, questa volta Triple Top a 9.94 €, il 7 gennaio ’02, l’8 marzo e il 25 marzo
’02, vendita con stop immediatamente sopra 9.94 €. Inutile dire che tutte queste soglie di
resistenza e supporto, evidentemente così importanti per il mercato, una volta superate
fornirebbero un chiaro segnale di inversione.

25
Olivetti daily (fig. 2.8)

Triplo massimo anche per Olivetti a 3.77 €, anche in questo caso si sarebbe operato con
le medesime modalità viste in precedenza. Bene, qualcuno potrebbe chiedersi cosa
doversi attendere nel momento in cui il mercato dovesse tornare per la quarta volta sulla
stessa soglia di prezzo. Dovrebbe attendersi una conferma dettata dal mercato stesso,
cioè la reale violazione - tenuta del supporto / resistenza, senza scontare che si debba
necessariamente assistere ad un breakout. Detto questo, sappiamo che qualora si torni
per la quarta volta sullo stesso livello è assai probabile che si verifichi definitivamente il
breakout discusso, con accelerazioni di prezzo piuttosto violente. Al contrario, laddove il
mercato dovesse respingere anche per la quarta volta lo stesso supporto o la stessa
resistenza, le conseguenze sarebbero piuttosto importanti, vale a dire che sarà lecito
attendersi una progressione di tre massimi decrescenti, o minimi crescenti, a seconda che
si consideri una resistenza o un supporto.

26
Sell + Stop & Reverse
1 2 3 4

Fib30 daily (fig. 2.9)

27
Cap. 3 La tendenza

Situazioni di mercato a tendenza definita


Si parla di mercato a tendenza definita, quando, analizzando un grafico, è possibile unire
attraverso una linea (trend-line) punti di minimo crescenti o punti di massimo decrescenti.
Nel primo caso parleremo di up-trendline, nel secondo di down-trendline.

Massimi decrescenti

Down-Trend-Line

Trend discendente (fig 3.1)

Up-Trend-Line

Minimi crescenti

Trend ascendente (fig 3.2)

28
L’ idea di poter unire, attraverso una linea, minimi crescenti e massimi decrescenti è legata
al fatto che, quando un mercato assume una direzione, normalmente il suo tasso di
crescita o regresso rimane costante. I concetti di supporto e resistenza dinamica sono
proprio legati a questo fatto. Futuri supporti e resistenze assumeranno valori diversi,
crescenti o decrescenti, al trascorrere del tempo, a seconda dell’inclinazione che il
mercato assumerà. Abbiamo già detto, parlando di supporti e resistenze statiche di come
uno o due minimi/massimi, in quanto tali, rivestano comunque una certa importanza.
Questo concetto è altrettanto valido nel caso dei mercati a tendenza definita.
Quale importanza affidare allora ad una trend-line ? Intanto cominciamo col dire che a
livello operativo è sempre bene tracciare una trend-line già dopo due soli minimi crescenti
o massimi decrescenti. A livello tecnico ed operativo questo non assume certo particolare
rilevanza, tuttavia ci mette in condizione di essere preparati, in anticipo, laddove
dovessimo assistere ad una terza conferma. Come riportato in fig. 3.3 – 3.4 i punti A e B
forniscono gli elementi utili a tracciare una trend line, mentre il terzo punto di conferma C
determina la conferma del trend in atto. Posizioni long o short verranno pertanto intraprese
al verificarsi della terza conferma C.

3 Punto di conferma 3
BUY
2
1

Conferma di una up-trendline (fig 3.3)

29
1
2
Punto di conferma 3
3 SELL

Conferma di una down-trendline (fig 3.4)

Tante più volte la trend-line verrà confermata tanto più importante sarà il
supporto/resistenza dinamica individuata. Operativamente le trend line possono fornire
validi segnali di ingresso su qualsiasi time frame, dal grafico a 5 min. fino al grafico
mensile. Sempre in merito al peso da attribuire ad una trend-line, và detto che proprio
l’estensione temporale, attraverso la quale si sviluppa una linea di tendenza, contribuisce
a fornire una valida conferma della bontà del trend. Tanto più estesa sarà, dal punto di
vista temporale, una trend-line, tanto più importante sarà il supporto/resistenza individuata
e la sua eventuale violazione. Aggiungiamo che, come dovrebbe essere ormai chiaro, ogni
minimo e massimo segnato all’interno di un trend definito assume la valenza di supporto e
resistenza.

30
Tim trend-line discendente (fig 3.5)

Vedremo poi in seguito come la violazione dei massimi decrescenti in un down-trend o la


violazione dei minimi crescenti in un up-trend, etichettati come livelli di resistenza e
supporto forniscano indicazioni di possibile cambiamento del trend.

Indicazioni operative
In termini operativi procederemo in modo analogo a quanto visto in precedenza. A
prescindere dal nostro orizzonte temporale, tracceremo la trend-line che unisce due
minimi o due massimi e attenderemo che il mercato confermi o meno i nostri livelli di
supporto / resistenza in quello che abbiamo precedentemente definito punto C. Laddove C
venisse effettivamente confermato, quando intraprendere allora azioni di acquisto o
vendita ? Dove posizionare il nostro stop ?

31
BUY

STOP-LOSS

Livelli di acquisto e stop in up-trend (fig. 3.6)

STOP-LOSS

SELL

Livelli di acquisto e stop in up-trend (fig. 3.7)

Vediamo un esempio sul grafico dell’indice Nasdaq.

32
NASDAQ daily (Fig 3.8)

Come si evince dal grafico, l’indice Nasdaq ha raggiunto per quattro volte il supporto
dinamico individuato tracciando la trend-line congiungente i minimi crescenti di periodo.
Sarebbe stato allora sufficiente, considerando l’escursione di prezzo del giorno
precedente, inserire un ordine di acquisto immediatamente sopra il massimo
posizionando contestualmente lo stop-loss sotto i precedenti minimi. Notare che si è
specificato di inserire lo stop non sotto la trend-line, ma bensì sotto il minimo dell’ultimo
minimo significativo registrato. Soltanto relativamente all’ultima conferma di questo
supporto,il Nasdaq ha saputo generare una reazione di circa 200 punti, circa il 10% di
rialzo. Il grafico appena analizzato era giornaliero, ma come detto, le stesse considerazioni
possono essere riportate su time frame diversi rapportando i target del trade. Vediamo un
situazione analoga, sempre sull’indice Nasdaq, questa volta però in down-trend e su bar-
chart a 5 min.

33
NASDAQ 5 min. (Fig 3.9)

Anche in questo caso la trend line viene tracciata dopo aver assistito al formarsi dei primi
due massimi decrescenti. Analogamente a quanto già visto, procederemo con la vendita,
sulla violazione del minimo della barra di conferma posizionando il nostro stop
immediatamente sopra il massimo dell’ultimo massimo significativo. Vediamo allora un
ultimo esempio, osservando il grafico a 5 min. del Fib30.

Fib30 5 min. (Fig 3.10)

34
Nel caso del Fib30, la trend-line discendente tracciata su bar-chart a 5 min. , ha saputo
delineare e delimitare i massimi decrescenti di un movimento ribassista esteso a più
sedute, circa 1000 punti di ribasso.
Non c’è quindi nessun limite in questo approccio di analisi inteso come orizzonte
temporale o strumento finanziario analizzato, ciò che conta è la conservazione ed il
rispetto del metodo assunto.

Adeguamento dello Stop-Loss

Se è vero quanto detto finora, cioè che ogni minimo (massimo) segnato in Up-trend
(Down-Trend) rappresenta un supporto (resistenza), tesi in forza alla quale si è proceduto
ad un acquisto (vendita), allora sarà evidente che la negazione di tale tesi, la violazione di
questi livelli, rappresenterà il prezzo di chiusura di tutte le posizioni lunghe (corte) assunte
fino a quel momento.

BUY 3
BUY 2
BUY 1

Stop-Loss (profit) 3

Stop-Loss (profit) 2

Stop-Loss 1

Adeguamento dello stop in up-trend (Fig 3.11)

35
Stop-Loss 1

Stop-Loss (profit) 2

Stop-Loss (profit) 3

SELL 1

SELL 2

SELL 3

Adeguamento dello stop in down-trend (Fig 3.12)

Rafforzamenti e Indebolimenti
Si definisce situazione di indebolimento della tendenza il caso in cui :

-In presenza di un up-trend si verifichi una violazione dell’ideale livello di supporto


dinamico individuato, con una immediata ripresa rialzista dei prezzi.
-In presenza di un down-trend si verifichi una violazione dell’ideale livello di resistenza
dinamica individuata, con immediata ripresa ribassista dei prezzi.

Si definisce situazione di rafforzamento della tendenza il caso in cui :

-In presenza di un up-trend si verifichi un accelerazione del movimento dei prezzi con
minimi relativi superiori all’ideale livello di supporto individuato. In presenza di un down-
trend si verifichi un accelerazione del movimento dei prezzi con massimi relativi inferiori
all’ideale livello di resistenza individuato.

36
Ridefinizione del Trend

Rafforzamento e indebolimento di un up-trend (fig 3.13)

Ridefinizione del Trend

37
Ridefinizione del Trend

Rafforzamento e Indebolimento in down-trend (fig 3.14)

Ridefinizione del Trend

38
Gli indebolimenti come i rafforzamenti risultano molto utili per quanto riguarda la
ridefinizione del trend. Questo perché, una volta abbandonata una trend-line, è assai
probabile che il mercato tenda a rispettare la nuova trend-line che individueremo con le
medesime modalità della precedente. Saranno pertanto sufficienti due punti per ridefinire il
trend ed un terzo punto per confermarlo.

Rafforzamento del trend Bipop (Fig 3.15)

IMPLICAZIONI OPERATIVE

Non cambia nulla. Ci limiteremo, una volta ridefinito il trend, ad operare con le stesse
modalità nei confronti dei nuovi livelli di supporto o resistenza individuati. Quello che và
aggiunto, è che, a livello operativo, è consigliabile continuare a monitorare sia la linea di
rafforzamento / indebolimento che quella originaria. Non è da escludere infatti che un
ulteriore cambiamento del trend possa trovare il suo naturale punto di appoggio proprio in
prossimità del trend originario.
Una volta violata la trend-line di ridefinizione, è probabile che il titolo trovi una resistenza o
supporto proprio in prossimità della prima trend-line tracciata dai massimi / minimi di
periodo. Vediamo un esempio attraverso il titolo Ras

39
Indebolimento del trend Ras (Fig 3.16)

I canali

In situazioni di mercato a tendenza definita è possibile racchiudere le oscillazioni dei


prezzi all’interno di un canale che, con relativa precisione determinerà i futuri livelli di
massimo e minimo. Detto di come identificare una trend-line, procederemo allora
tracciando una linea parallela, detta “return-line” che parta, in caso di up-trend, dall’ultimo
massimo registrato. Viceversa in caso di down-trend. Operativamente sarà quindi
possibile intraprendere operazioni sia di acquisto che di vendita all’interno dello stesso
trend.

40
Sell
Return-line

Sell

Buy
Sell

Buy

Buy
Tred-line

Canale ascendente (fig. 3.17)

Sell Tred-line

Sell

Buy
Sell

Buy

Buy
Return-line

Canale discendente (fig. 3.18)

Assumeremo posizioni lunghe o corte sulla tenuta della trend-line e liquideremo la


posizione, aprendone contestualmente una di segno contrario sulla conferma della return
line. Il grafico riporta il canale discendente del Fib30 tracciato su candle-stick a 5 min.

41
Fib 30 Canale discendente, indicazioni operative (fig. 3.19)

La violazione dei canali paralleli


Un canale parallelo, è stato detto, può determinare con precisione i punti di svolta del
mercato, in coincidenza dei relativi supporti e resistenze. Un canale parallelo discendente
(ascendente) che dovesse essere violato al rialzo (ribasso), magari con una conferma
dettata dai volumi, è indicativo di una inversione di tendenza, esattamente come accadeva
per le trend-line, ma come interpretare la violazione di un canale parallelo in direzione
concorde al trend in atto ? Accelerazione o Esaurimento ?
Vediamo un esempio di questo tipo di violazioni:

42
Fib30 Violazione dei canali paralleli (fig. 3.20)

Dicevamo, come interpretare questo repentino movimento esteso al di fuori del canale
tracciato ? Prosecuzione o esaurimento ?

Fib30 esaurimento del trend discendente (fig. 3.21)

43
Se è vero quindi che spesso i livelli di prezzo etichettabili come resistenza e supporto
coincidono con i livelli offerti dai canali, è altrettanto vero che la violazione di un canale, in
direzione concorde al trend in atto è indicativo dell’esaurimento del trend stesso. Vediamo
un altro esempio:

Fib30 esaurimento del trend ascendente (fig. 3.22)

Cap 4 Open Interest e Volumi (Significato e lettura grafica)

Open Interest e Volumi

Gli open-interest e i volumi rappresentano una componente determinante ai fini dello


studio analitico dei mercati finanziari. In particolar modo il secondo dei due aspetti
considerati, i volumi appunto, assumono un’importanza strategica ai fini della
comprensione del trend in atto, ma andiamo con ordine, che cosa sono gli open interest ?
Degli open interest si parla relativamente alle posizioni assunte dagli investitori su
strumenti derivati come i futures e le opzioni. Nello specifico gli open interest misurano il
numero di posizioni aperte, sia long che short, su detti strumenti. Si evince quindi come
tale indicatore sia più un misuratore di liquidità che non uno strumento previsionale, ci
viene detto quante posizioni sono state aperte su un’opzione ad esempio, ma non quale
direzione assumerà il mercato in forza a questo dato. Come varia e come viene
rappresentato l’open-interest ? Molto semplicemente l’open interest può essere tracciato al
di sotto del prezzo attraverso una linea continua o tramite istogramma, è la stessa cosa,
per capire invece come varia il valore dell’ O.I.è necessario specificare quali siano le
modalità di scambio che influiscono sul dato stesso. La realizzazione di uno scambio può
influenzare l’ O.I. in tre modi:
1) Può salire
2) Può scendere
44
3) Può rimanere invariato
Questo a seconda che il

Compratore Venditore L’ Open Interest risulterà

Acquisti una nuova Venda una nuova posizione, In aumento (+1)


posizione e il …… allora……
Acquisti una nuova Venda una vecchia Invariato (0)
posizione e il …… posizione, allora……
Acquisti una vecchia Venda una nuova posizione, Invariato (0)
posizione e il……. allora…..
Acquisti una vecchia Venda una vecchia In diminuzione (-1)
posizione e il ……. posizione, allora……..

12000
10000
8000
Open interest linea continua 6000


Open Interest linea continua (fig. 4.1)

45
Istogramma Open interest
12000
10000
8000
6000

Open Interest Istogramma (fig. 4.2)

Istogramma open interest Fib30 (fig. 4.3)

46
I volumi
I volumi rappresentano la misura della partecipazione degli investitori ad un certo
movimento. Dal punto di vista grafico, i volumi tendono ad essere rappresentati attraverso
un istogramma posto al di sotto del prezzo, esattamente come avveniva per l’open-
interest. Quanto non avviene nell’open interest, in termini di previsionalità, avviene invece
nei volumi, aspetto critico e determinante ai fini di una scelta operativa.

Istogramma volumi Fib30 (fig. 4.4)

47
Vediamo di capire come attraverso il grafico
sottostante.

Concordanza dei
volumi

Divergenza
Concordanza dei ribassista dei
volumi volumi

Concordanza e divergenza dei volumi (fig. 4.5)

Nel grafico si noti come durante la fase espansiva esista una precisa correlazione tra
crescita dei prezzi e aumento dei volumi, diminuzione dei prezzi e regresso dei volumi. In
altre parole, se il mercato è rialzista, esprimerà tecnicamente la veridicità del movimento
attraverso volumi in crescita durante la fase espansiva e confermerà lo stesso attraverso
una diminuzione dei volumi durante quelle fasi che rappresentano mere correzioni. Questo
tipo di situazioni prende appunto il nome di “concordanza dei volumi” e rappresenta la
migliore conferma della bontà del trend in atto. E’ altrettanto importante far notare come
l’apice nella crescita dei volumi, non coincida con l’apice raggiunto dal prezzo, questo
perché i volumi risultano sempre anticipatori delle inversioni. Volendo quantificare
possiamo assumere che i volumi segneranno i massimi anticipando il prezzo di circa due
giorni relativamente alle correzioni minori e di circa tre giorni, una settimana relativamente
alle vere e proprie inversioni di tendenza. Quando un trend rialzista giunge in prossimità
dell’esaurimento, si assisterà quindi ad un fenomeno che prende il nome di “divergenza
ribassista” dei volumi, in altre parole, i prezzi continueranno a salire, mentre i volumi
(sempre in anticipo) appariranno in diminuzione. Ciò che confermerà il fatto che si stia
assistendo ad una inversione e non ad una correzione, saranno proprio i volumi in
aumento durante la fase di discesa.
48
In merito allo studio dei volumi vanno fatte alcune precisazioni:
1) Risulta abbastanza complicato intraprendere un’analisi dei volumi attendibile condotta
su time-frame inferiori al daily.
2) Le migliori indicazioni vengono fornite in presenza di una tendenza definita, un mercato
laterale offre continue alternanze di rialzi e ribassi dei volumi, condizionati da notizie e
speculazione, che di fatto non forniscono una chiara vision della situazione di mercato.
3) Lo studio dei volumi andrebbe condotto considerando il generale aumento o
diminuzione degli stessi attraverso una/due settimane, uno/due mesi di contrattazione,
senza soffermarsi sul singolo istogramma giornaliero.

Dei volumi va detto inoltre che questi risultano essere sempre uno dei migliori filtri ai
possibili falsi segnali forniti dal prezzo in occasione dei breakout. Si pensi a come
distinguere un indebolimento da una vera e propria inversione, volumi in
aumento/diminuzione durante il breakout di una trend-line sapranno dare il giusto peso
specifico da attribuire ad un certo movimento. Anche quando parleremo di fasi laterali
vedremo come il breakout di trading range debba essere accompagnato da forti volumi per
poter essere considerato valido a fini speculativi.

Rapporto prezzo / volumi (fig. 4.6)

Nel grafico daily del fib si evince appunto come nell’ultima fase tendenziale di ribasso, i
volumi in aumento siano coincisi con la ripresa del trend principale, e come, la diminuzione
dei volumi durante le fasi di rialzo, confermasse la netta divergenza ribassista ancora
presente sul mercato. In questa fase, l’analista tenderà a considerare come vera e propria
inversione di tendenza, affidabile, il movimento di ulteriore ribasso con volumi in
diminuzione e successiva reazione rialzista con volumi in aumento. Ricordo che queste
divergenze, in prossimità delle inversioni, arrivano sempre con 3/4 giorni di anticipo
rispetto ai punti di svolta.

49
Cap. 5 I filtri ai falsi segnali

I filtri ai falsi segnali


Le situazioni di indebolimento, possono generare errate interpretazioni del movimento dei
prezzi. Il fatto che, un livello dinamico più volte respinto, venga momentaneamente violato,
può infatti indurre a pensare che si stia per assistere ad un cambiamento del trend in atto.
Come distinguere quindi un indebolimento da una vera e propria inversione ? Un modello
unico ed assoluto in realtà non esiste. Spesso si parla di filtri temporali e filtri percentuali,
intesi come capacità del mercato di rimanere per un certo periodo di tempo o per una
certa estensione di prezzo percentuale oltre certe soglie. L’idea è che questi strumenti
possono sicuramente evitare falsi segnali, ma soltanto perché tangibili solo quando ormai
l’inversione è in atto e soprattutto chiara a tutti, pertanto inutili. Eviterei anche improbabili
considerazioni relative a contrazione delle ondate dei prezzi. L’unica indicazione che
reputo affidabile ai fini di un analisi condotta con la massima probabilità di successo
risiede nel fatto che si assista alla violazione dei massimi e minimi precedentemente
registrati congiuntamente ad un aumento dei volumi (argomento già affrontato) durante la
fase di inversione. Se ci pensate, sebbene si possa assistere ad un indebolimento del
trend, avrete notato come in presenza di up-trend, i minimi non vengano più rivisti mentre
al contrario i massimi vengono periodicamente superati in prezzo. Viceversa in caso di
down-trend, dove massimi e minimi segnano prezzi sempre più bassi ad ogni impulso.
Questa è stata peraltro la condizione posta per poter asserire di essere in tendenza
definita. In questa sorta di monotonia grafica quale è allora la configurazione che esprime
se vogliamo una novità, un possibile cambiamento ? Proprio il fatto che per la prima volta,
in up-trend, i minimi registrati vengono violati e magari i massimi che eravamo abituati a
vedere superati, non vengono raggiunti. Questo

Stop-loss

Volumi in
aumento

Sell

Cambiamento del Trend (fig. 5.1)

50
Buy

Volumi in
aumento

Stop-loss

Cambiamento del Trend (fig. 5.2)

Indicazioni operative

Il mancato raggiungimento dei precedenti massimi e la contestuale violazione dei minimi


relativi (Fig 5.1), in up-trend, rappresenta con la massima probabilità, la volontà del
mercato di cambiare direzione. Il contestuale aumento dei volumi, durante la fase breakout
rappresenta il miglior filtro a possibili indicazioni erratiche. Operativamente, in situazioni di
questo tipo, la violazione dei minimi indicherà di :

1) Liquidare le posizioni lunghe assunte fino a quel momento


2) Aprire posizioni corte con stop immediatamente sopra l’ultimo massimo registrato.

Il mancato raggiungimento dei precedenti minimi e la contestuale violazione dei massimi


relativi (Fig 5.2), in down-trend, rappresenta con la massima probabilità, la volontà del
mercato di cambiare direzione. Il contestuale aumento dei volumi, durante la fase breakout
rappresenta il miglior filtro a possibili indicazioni erratiche. Operativamente, in situazioni di
questo tipo, la violazione dei massimi indicherà di :

1) Liquidare le posizioni corte assunte fino a quel momento


2) Aprire posizioni lunghe con stop immediatamente sotto l’ultimo minimo registrato.

51
Fan-line system
Una delle tecniche usate più comunemente per filtrare i falsi segnali e individuare reali
cambiamenti del trend prende il nome di “Fan-line System”.
In realtà questa tecnica, altro non è, che un implementazione di quanto visto finora
parlando di violazione di massimi e minimi crescenti e decrescenti. In cosa consiste ?
Ipotizziamo di essere in presenza di un down-trend. La fan-line system prevede di
tracciare una trend-line congiungente i massimi decrescenti, questa linea prenderà il nome
di fan-line 1. Orbene, il breakout della fan-line 1 comporterà la ridefinizione del trend
attraverso una nuova trend-line che chiameremo fan-line 2. Laddove dovessimo assistere
alla violazione della seconda fan-line, procederemo a ridefinire nuovamente il trend
attraverso una nuova trend-line che chiameremo fan-line 3.

Fan-line 1

Fan-line 2
Buy
Fan-line 3

Fan line system (fig. 5.3)

Il breakout della terza fan-line tracciata determina un segnale di acquisto decisamente


affidabile. Questo stesso modello è naturalmente applicabile anche agli up-trend.

I Pullback

I pullback sono tipici movimenti di ritorno dei prezzi verso la soglia di resistenza o supporto
appena violati. Una delle migliori conferme alla tesi che si stia assistendo ad una vera e
propria inversione, sta nel fatto che sovente il mercato torna a testare i precedenti livelli di
supporto e resistenza prima di intraprendere un nuovo trend. Da un punto di vista
prettamente operativo, sfrutteremo il pullback per assumere posizioni speculative, sulla
conferma del pullback, implementando la posizione sulla violazione dell’ultimo massimo o
minimo registrato dopo la rottura. Nella figura è riportato un esempio di pullback rialzista e
ribassista, come detto entreremo sulla prima barra trend-up (Buy) successiva alla tenuta
del supporto e implementeremo sulla violazione dell’ultimo massimo (Buy +1). Il naturale
stop alle posizioni sarà posizionato immediatamente sotto il livello di pullback stesso,

52
ovvero il minimo di periodo. La stessa operatività sarà valida anche per i pullback
ribassisti.

PULLBACK

Buy +1

Buy

Pullback rialzista (fig. 5.4)

PULLBACK

Sell

Sell +1

Pullback ribassista (fig. 5.4)

53
Cap 6 Le fasi di mercato a tendenza indefinita

Fasi di mercato a tendenza indefinita

Accade spesso che le forze della domanda e dell’ offerta si equivalgano, ne consegue che
i prezzi tendono ad oscillare in modo laterale all’interno di un range definito di prezzo.
Queste situazioni, caratterizzate da incertezza prendono il nome di “sideways trend”,
“congestion phase” , “trading range” o più semplicemente corridoi.
Poter individuare un sideways trend è importante sia per andare ad operare all’interno di
questo corridoio di prezzi, sia per capire con la massima affidabilità possibile, quale sarà la
tendenza del mercato una volta esaurita la fase di trading range.

Stop-Loss

Selling Zone

Buying Zone

Stop-Loss

Trading Range (fig. 6.1)

Sfruttare operativamente un trading-range, indipendentemente dall’ orizzonte temporale


considerato, significa aprire posizioni corte e/o liquidare posizioni lunghe già in essere, in
prossimità della resistenza fornita dal canale. Viceversa in prossimità del supporto offerto
dalla parte bassa del canale, andremo ad aprire posizioni lunghe liquidando le eventuali
posizioni corte in essere.
Considerando l’intera escursione di prezzo espressa dal mercato tra i minimi ed i massimi
di una congestion phase, le zone entro il 25 % ed oltre il 75 % di questo canale saranno
considerate rispettivamente buying zone e selling zone.
I relativi stop-loss alle posizioni assunte saranno posizionati immediatamente sotto e sopra
i limiti di prezzo espressi dal canale.
Le situazioni di mercato a tendenza indefinita possono spesso essere molto precise nella
ripetizione dei massimi e minimi che determinano il canale, tuttavia, come per le situazioni
di tendenza definita, esiste la possibilità di assistere a falsi segnali dovuti ad una
temporanea uscita dal range di prezzo considerato. Tali situazioni prendono il nome di
buying climax e selling climax. In particolare, come riportato in figura, definiremo up-thrust
54
il movimento dei prezzi che supera momentaneamente la resistenza del canale,
springboard, il movimento dei prezzi che supera momentaneamente il livello di supporto
fornito dal canale.

Upthrust

Congestione

Upthrust (fig. 6.2)

Congestione

Springboard

Springboard (fig. 6.3)

Va detto che certe situazioni sono spesso riconducibili al numero di stop-order che
vengono immessi oltre le soglie del trading range, stop-order che, se attivati,determinano
una temporanea accelerazione verso l’alto o il basso. Una precisazione va fatta in merito
ai trading range di piccola media entità, quelli che normalmente vengono sfruttati
soprattutto intraday. La fonte della speculazione in questo senso deriva dal fatto che certi
supporti e resistenze, ad un certo punto saranno riconoscibili da chiunque, ne consegue
che il maggior numero di operatori andrà a posizionare gli stop proprio oltre queste soglie.
Ecco che allora, sarà sufficiente, da parte di qualche operatore professionale, passare in
vendita un basket di Generali e Telecom ad esempio, per far scendere il prezzo del future
oltre il supporto in modo artificioso, proprio mentre il Nasdaq inizia una veloce salita.
Come per le situazioni di mercato a tendenza definita, non esiste un metodo
assolutamente efficace per individuare i falsi breakout dei trading range. Una possibilità è
quella di attendere la violazione del primo massimo o minimo registrato dopo il breakout
ed osservare i volumi che accompagnano il movimento di rottura del corridoio. Per quanto

55
riguarda l’osservazione delle chiusure, sempre nell’ottica di evitare falsi segnali, in
presenza di trading range, questo aspetto assume una valenza decisamente più
importante rispetto alle medesime situazioni in tendenza definita. Che cosa avviene
operativamente ?
Avviene che assisteremo alla formazione di una serie di barre non meglio comprensibili,
magari una outside, un’ inside, una trend-up etc consecutive, ma con chiusure tutte
contenute entro un certo range.

Chiusure contenute
nell’ultima barra
significativa

Trend-Up
Breakout di prezzo e volume

Contenimento di chiusure (fig. 6.4)

Spesso accade che proprio l’ultima barra significativa all’interno di una tendenza, prima
della formazione del trading-range, racchiuda tutte le chiusure delle sedute successive.
Quello che va osservato quindi, non è tanto la formazione di nuovi massimi o minimi,
spesso ingannevoli, ma il ripetuto contenimento delle chiusure. In fasi come queste
l’indicazione di esaurimento del corridoio sarà legata alla prima chiusura esterna al range
individuato. Se è drasticamente vero che, in fasi come queste, risulta assai complicato
condurre un’analisi dei volumi obiettiva, è altrettanto vero che i volumi devono
rappresentare un’indispensabile conferma (se in aumento) alla bontà del breakout
manifestato.

56
Chiusure contenute (fig. 6.5)

Vediamo un altro esempio attraverso il Fib30

Fib30 daily (fig. 6.6)

Nel grafico sopra riportato si evince come, il range prezzo della barra del 17 gennaio 2001
(Fib30), contenga perfettamente, a prescindere dai massimi e minimi generati, le chiusure
di tutte le undici sedute successive. E’ chiaro che risulterà possibile apprezzare la
formazione di un trading range di questo tipo soltanto dopo aver assistito ad almeno 3
chiusure contenute nella prima barra.
57
Conferma trading range Fib30 (fig. 6.7)

Operativamente, situazioni di questo tipo ci mettono in condizione di entrare sul mercato


soltanto in chiusura di seduta, quando cioè potremo affermare con sicurezza che la
chiusura dei prezzi è per la prima volta superiore o inferiore al range esaminato, quindi
indicativa dell’esaurimento del sideway, o in alternativa, il giorno successivo alla violazione
del precedente minimo o massimo.
Ex:
Ingresso in chiusura di seduta

Conferma breakout trading range Fib30 (fig. 6.8)

58
Ex:
Ingresso il giorno successivo

Conferma breakout trading range Fib30 (fig. 6.9)

A seconda della scelta operativa, cambierà la gestione dello stop-loss alle posizioni. Nel
primo caso, al di sopra (sotto) del massimo (minimo) prezzo registrato nel sideways range,
nel secondo, al di sopra (sotto) del massimo (minimo) registrato dalla barra di breakout del
corridoio. Se il range del corridoio, equivalente al nostro stop, dovesse essere troppo
ampio, entreremo come da seconda ipotesi, sperando di assistere alla formazione di una
trend-down (Up) non eccessivamente estesa. Nel caso in cui il corridoio fosse di entità
relativamente ridotta e magari esteso nel tempo, sarebbe lecito attendersi un breakout
violento e profondo. In questo caso prediligeremo un ingresso in chiusura di seduta.

59
Cap 7 I Gap

I Gap
Un gap rappresenta graficamente il passaggio dei prezzi dal livello corrente, ad un livello
superiore o inferiore, senza che, all’interno di questo range, vengano effettivamente
realizzati scambi.

Open Gap-Up Open Gap-Down

Close Gap-Down

Close Gap-Up

Gap (fig. 7.1)

Parleremo di “Open gap-Up” laddove il prezzo minimo di una giornata di contrattazione sia
superiore al massimo prezzo registrato nella seduta precedente. Parleremo di “Open Gap-
Down” laddove il prezzo massimo di una giornata di contrattazione sia inferiore al minimo
prezzo registrato nella seduta precedente. Parleremo di “Close gap-Up” laddove il prezzo
minimo di una giornata di contrattazione sia superiore alla chiusura registrata nella seduta
precedente, ma non al suo massimo. Parleremo di “Close Gap-Down” laddove il prezzo
massimo di una giornata di contrattazione sia inferiore alla chiusura registrata nella seduta
precedente, ma non al suo minimo.

60
Tecnicamente possiamo distinguere diverse tipologie di gap:
1) Common Gap
2) Breakaway Gap
3) Runaway Gap
4) Exhaustion Gap
ognuna delle quali, indicativa di particolari situazioni di mercato. Una delle peculiarità dei
gap sta nel fatto che difficilmente questi vuoti rimangono tali nel tempo, in altre parole, un
gap tende sempre ad essere ricoperto completamente, fatto questo, che fornisce
ovviamente diverse opportunità di trading. Vediamo allora proprio in base alla tipologia del
gap quando contare su di una veloce ricopertura e quando, al contrario, il gap è indicativo
di una progressiva continuazione del trend senza che il vuoto lasciato venga
necessariamente colmato.

Exhaustion Gap

Run-Away Gap

Break-Away Gap

Common Gaps

Tipologie di gap (fig. 7.2)

61
Nel grafico sopra riportato è possibile distinguere quelli che abbiamo definito “Common
Gaps”, ovvero un normale vuoto di prezzo formatosi all’interno di una più o meno
prolungata fase di trading range, puntualmente ricoperti. All’interno di fasi come queste la
formazione di gap è piuttosto frequente e con la massima probabilità la stessa ricopertura
avviene in poco tempo. Sarà quindi possibile procedere all’acquisto o alla vendita a
seconda che si debbano rispettivamente ricoprire Gap-down e Gap-up. Da notare che,
una volta identificato un sideways trend, la formazione dei gap è normalmente contenuta
all’interno del sideways stesso. Detto inoltre della distinzione tra Open-Gap e Close –Gap,
è bene pensare che la ricopertura del gap è da considerare completa nel momento in cui i
prezzi raggiungono le chiusure e non i massimi e minimi. Gli stessi Gap vanno considerati
validi target di chiusura operazione. Orbene, se è vero che la formazione dei common gap
avviene all’interno di un trading range, particolare attenzione va posta alla formazione del
gap con escursione di prezzo esterna al trading range formatosi. Il termine di una fase di
congestione, soprattutto se prolungata, avviene proprio attraverso la formazione di prezzi
completamente superiori o inferiori al range di prezzo precedente. Il nome che viene dato
appunto a questo modello è “Breakaway Gap” , ovvero gap di rottura. I breakaway gap
normalmente non vengono ricoperti, se non dopo molto tempo e sono indicativi della
volontà del mercato di intraprendere un nuovo trend. La formazione dei breakaway gap
avviene solitamente attraverso le cosiddette mani forti, operatori istituzionali che entrano
definitivamente sul mercato, diciamo in questo caso, al rialzo (al ribasso). Questo è anche
il motivo per cui difficilmente si assiste ad una ricopertura. Quando anche il pubblico è
convinto della reale ripresa del trend ascendente (discendente) si viene a formare un
ulteriore gap determinato dalla forte domanda (offerta) dei partecipanti al mercato, il
cosiddetto “Runaway Gap”. Come si intuisce dal nome, Gap di fuga, anche in questo caso
sarà lecito attendersi una prosecuzione del trend senza che il vuoto lasciato venga
ricoperto, almeno nell’immediato. Al termine di questa lunga fase rialzista (ribassista) la
formazione di un ulteriore gap d’apertura, contrariamente a quanto si potrebbe pensare,
rappresenta l’esaurimento dello stesso trend, l’apertura avviene in gap-up (gap-down), i
prezzi continuano a salire (scendere) e nell’arco della stessa giornata si assiste alla
ricopertura di quello che prende il nome di “Exhaustion gap” o gap esaustivo. Vendere (o
comprare in caso di down trend) in situazioni di questo tipo rappresenta con la massima
probabilità, la possibilità di partecipare ad una lunga fase correttiva (rialzista) ponendosi
come minimo target la ricopertura del runaway gap. Lo stop ai trade di questo tipo va
normalmente posto sopra il massimo (sotto il minimo) registrato nella giornata.
Un discorso a parte va fatto per quanti operano su contratti Fib30. I gap che si vengono a
formare all’apertura delle contrattazioni del fib30 nella maggior parte dei casi tendono ad
essere ricoperti, lasciando quindi spazio ad opportunità di trading semplici, remunerative,
veloci ed efficaci. Ora, è bene fornire alcune regole al fine di ottimizzare queste situazioni.
1) Il fatto che il fib30 apra con 200 / 250 punti di gap non significa che debba
immediatamente andare a ricoprirlo, anzi, con ogni probabilità si assisterà ad una
prosecuzione del trend con contestuale ampliamento del range da ricoprire.
2) Operare quindi in coincidenza dell’apertura, può a volte risultare intempestivo.
Meglio attendere che il mercato vada ad ampliare il range lasciato aperto e solo
allora procedere al trade.
3) Come giudicare idoneo un ampliamento del range tale da procedere all’acquisto o
alla vendita ? L’idea è che un’apertura in gap debba essere almeno di 300 punti per
procedere al trade con la massima probabilità di vedere il fib ritracciare di almeno
150 / 200 punti
4) Al contrario se il gap lasciato in apertura, a fronte di notizie esterne, fosse
immediatamente di 400 punti o più, è ipotizzabile eseguire acquisti o vendite senza
attendere ulteriori movimenti.

62
5) Se a fronte di una apertura in gap di 150 / 250 punti (in questo caso si è detto
essere preferibile attendere) il mercato dovesse andare a ricoprire il gap senza
ampliare lo stesso, semplicemente avremo perso un trade, ma non denaro.
6) Laddove la formazione del gap d’apertura fosse riconducibile a notizie o shock
esterni particolarmente rilevanti, da far presupporre una giornata fortemente
positiva o negativa, è preferibile evitare di speculare su di una improbabile
ricopertura. Si pensi all’ottobre del 1997 quando le borse europee aprirono dopo il
crollo delle asiatiche, l’open gap è stato si ricoperto, ma soltanto dopo aver
generato una lunga discesa.
7) In caso di shock esterni, la formazione di un gap aperto rappresenta il target a cui
puntare soltanto nel momento in cui il mercato dimostra di voler invertire la
tendenza.
8) I gap lasciati aperti intraday, visibili quindi soltanto su grafici di time-frame inferiore
al daily, vanno anche loro ad essere ricoperti almeno parzialmente. Anche in questo
caso vale la regola di dover aspettare che il mercato inverta la tendenza assunta.
9) Mai chiedere la totale ricopertura del gap, un trade che offra un gain pari al 50%
della ricopertura è da considerarsi ottimale e quindi da chiudere.

L’entità dei gap utili alla speculazione è fonte della sola esperienza del sottoscritto, una
determinante vincente in queste situazioni sarà legata alla sensibilità di ogni singolo
operatore.

Cap 8 Continuazione – Inversione - Compressione

La compressione dei prezzi – Ingressi in breakout

La compressione dei prezzi, ovvero lasciate che sia il mercato a dirvi che direzione
intraprendere. Piuttosto che parlare delle cosiddette figure di continuazione e inversione,
come avviene spesso, è preferibile parlare degli stessi argomenti, etichettandoli soltanto
come “figure di compressione”, senza scontare quindi che ad un determinato modello
possa essere associata appunto un’inversione o una continuazione. Le principali figure di
compressione sono le seguenti:

1) Triangoli simmetrici
2) Triangoli ascendenti / discendenti
3) Cunei (Wedge)
4) Rettangoli
5) Bandiere (Flag)

Le eccezioni naturalmente sono sempre presenti, è d’obbligo quindi far notare che
esistono specifici modelli, associabili esclusivamente a probabili inversioni, è il caso dei
doppi / tripli massimi e minimi, già discussi e dei cosiddetti

1) V-Spike
2) Testa e Spalle
3) Swing W M

ma andiamo con ordine…..

63
I Triangoli simmetrici, ascendenti e discendenti

I triangolo simmetrici, ascendenti e discendenti si formano normalmente all’interno di una


fase direzionale e rappresentano una più o meno prolungata fase di assestamento dei
prezzi, prima della ripresa di un qualsiasi trend. Il concetto di ingresso in breakout, come
vedremo, si basa sul fatto che, i prezzi non possono rimanere compressi in un range di
prezzo eccessivamente ridotto per troppo tempo. Nel caso dei triangoli poi, questa
compressione è anche progressiva, in quanto le trend-line che determinano il triangolo
sono convergenti, ne consegue che attendere che sia il mercato a indicare la nuova
direzione,non preclude alcuna partecipazione al movimento. Come per le trend-line, tanto
più esteso risulterà nel tempo il triangolo, tanto più importante risulterà il breakout, tanto
più compresso sarà il range di prezzo, tanto più importante risulterà il breakout. Vediamo
operativamente dove posizionare gli stop in ingresso ed i relativi stop-loss:

TRIANGOLI SIMMETRICI

TREND-DOWN
TREND-DOWN

BUY

STOP-LOSS

STOP-LOSS
SELL

TREND-UP

TREND-UP

Triangoli simmetrici (fig 8.1)

64
Triangolo simmetrico Fib30 daily (fig 8.2)

Classica figura di compressione di medio termine sul contratto future, con numerose
conferme dettate dalle due trend-line convergenti, a formare appunto un triangolo
simmetrico. Operativamente, vendere la violazione del triangolo, posizionando lo stop
immediatamente sopra l’ultimo massimo significativo registrato.
Vediamo un altro esempio su grafico daily YEN / USD

Triangolo simmetrico yen/usd daily (fig 8.3)

65
Un altro esempio di figura di compressione è il cosiddetto “triangolo ascendente /
discendente”. Operativamente, sarà consigliabile non scontare nulla e posizionare ordini in
stop, sui punti critici della figura, esattamente come avveniva per i triangoli simmetrici.

TRIANGOLI DISCENDENTI

TREND-DOWN
TREND-DOWN

BUY
STOP-LOSS

SELL
STOP-LOSS
TREND-UP
TREND-UP

Triangoli discendenti (fig. 8.4)

TRIANGOLI ASCENDENTI

TREND-DOWN
TREND-DOWN
BUY
STOP-LOSS

SELL
STOP-LOSS

TREND-UP
TREND-UP

Triangoli ascendenti (fig. 8.5)

66
Triangolo ascendente Olivetti daily (fig. 8.6)

67
I Cunei (Wedge)
Altra figura di compressione dei prezzi piuttosto frequente è il cuneo o wedge, figura di
compressione che operativamente sfrutteremo con le medesime modalità previste per i
triangoli

CUNEI ASCENDENTI

TREND-DOWN
BUY TREND-DOWN

STOP-LOSS

STOP-LOSS

SELL

TREND-UP
TREND-UP

Cunei ascendenti (fig. 8.7)

CUNEI DISCENDENTI

TREND-DOWN
TREND-DOWN

BUY
STOP-LOSS

STOP-LOSS SELL

TREND-UP
TREND-UP

Cunei discendenti (fig. 8.8)

68
Cuneo ascendente Mediolanum daily (fig. 8.9)

Il grafico riporta l’andamento daily di Mediolanum, in questo caso, non essendo presente
alcun massimo relativo all’interno del cuneo, lo stop andava posizionato immediatamente
sopra l’apice della figura, ultimo massimo significativo registrato. Situazione praticamente
analoga per Mediaset, il cui wedge di prosecuzione è evidenziato nel grafico sottostante.

Cuneo ascendente Mediaset daily (fig. 8.10)

69
I Rettangoli
I rettangoli sono l’ultima figura di compressione che esaminiamo seguendo le modalità
descritte per i triangoli ed i cunei. Molto semplicemente i rettangoli rappresentano fasi di
congestione, quelle fasi che abbiamo già descritto approfonditamente in precedenza.
Possono essere interpretate naturalmente come fasi di accumulazione o distribuzione, a
seconda che si pensi ad una futura fase di rialzo o ribasso, ma il punto cardine, l’apertura
di posizioni, rimane sempre vincolato al breakout delle soglie di supporto o resistenza,
nessuna novità quindi…

BUY o STOP-LOSS BREAKOUT

BREAKOUT
SELL o STOP-LOSS

Rettangoli (fig. 8.11)

Il grafico daily AEM è un chiaro esempio di questo tipo di situazioni

Rettangolo AEM daily (fig 8.12)

70
Le Bandiere (Flag)
Le bandiere sono figure che per molti aspetti ricordano i cunei , pur differenziandosi da
quest’ultimi per il fatto che le oscillazioni di prezzo che formano la bandiera, sono
pressoché identiche e non convergenti come accadeva per i wedge. La precisazione
doverosa che va fatta in merito alle bandiere, sta nel fatto che, contrariamente alle altre
figure di compressione finora esaminate, le flag possono realmente essere etichettate
come modelli di continuazione, ecco che allora parleremo di “Bull Flag” e “Bear Flag”

BUY
STOP-LOSS

SELL STOP-LOSS

BEAR-FLAG BULL-FLAG

Bull & Bear Flag (fig. 8.13)

Il modello d’inversione V-Spike (Aculeo)

Si pensi al crollo delle borse asiatiche nell’ottobre del ’97, al ribasso nell’estate del ’98
dovuto alla crisi del rublo e al caso Lewinsky, la bolla speculativa culminata nel marzo
2000, lo scandalo bilanci societari e come non menzionare l’11 settembre. Se vi state
chiedendo per quale motivo si stiano ricordando questi eventi, la risposta è molto
semplice, se ci pensate bene tutte queste fasi sono accomunate da due fattori:
1) Per i mercati finanziari questi eventi, così diversi tra loro, rappresentano
univocamente shock esterni
2) Gli shock esterni, verso i quali le reazioni sono sempre violente e repentine,
rappresentano sempre un eccesso e gli eccessi vengono a loro volta compensati
con la stessa velocità con la quale sono stati generati
Queste sono le classiche condizioni in cui assistere ad una delle più belle figure
d’inversione, il V-Spike, V-Spike del quale daremo un riferimento grafico attraverso il
grafico sottostante. Successivamente passeremo in rassegna grafica il comportamento
dei mercati finanziari al susseguirsi di tutti gli eventi finora menzionati e vedrete come il
comportamento degli investitori risulterà sempre lo stesso.

71
V-Spike

V-Spike

V-Spike (fig. 8.14)

La crisi russa e il caso Lewinsky

V-Spike estate ’98 (fig. 8.15)

72
Il nostro indice reagisce alle notizie shock che arrivano dall’estero, con un ribasso durato
58 giorni e che ha saputo generare un ribasso del 38%, dai massimi del 21 luglio a 39500
ai minimi del 9 ottobre a 24325. Il mercato ha compensato gli shock esterni con un rialzo
durato esattamente quanto il ribasso, 58 giorni e culminato in termini di prezzo,
esattamente dove era iniziato, a 39325, doppio massimo.

La bolla speculativa dei titoli internet

V-Spike marzo ‘00 (fig. 8.16)

Prima di tornare sui livelli di prezzo che sono poi stati mantenuti per lunghi mesi (42000 –
49000) il mercato ha compensato l’eccesso generato da 42000 a 51000 con una discesa
che ha saputo riportare i prezzi sugli stessi livelli, anche in questo caso, 26 giorni di rapida
ascesa dei prezzi e 29 giorni utili a compensare, l’atteggiamento degli investitori anche in
questo caso non cambia.

73
11 Settembre Attacco alle Twin Towers

V-Spike settembre ‘01 (fig. 8.17)

Il mercato certo non godeva di buona salute il giorno dell’attentato alle Twin Towers, e se
fisiologicamente il mercato avrebbe raggiunto comunque certe soglie di prezzo, lo shock
dell’11 Settembre, ha accelerato drasticamente la fase di ribasso generando un -26% in
soli 8 giorni. Questo eccesso è stato colmato pienamente in 14 giorni. La storia si ripete
insomma. Questi grafici sono stati volutamente posti in rigorosa sequenza (sarebbe stato
sufficiente mostrarne uno soltanto) per ricordare a tutti gli investitori che hanno liquidato i
propri portafogli sui minimi o comprato sui massimi (e sono tanti) che non solo è
indispensabile non cedere al panico o all’euforia, ma che questi eventi, definiti
graficamente V-Spike, offrono bellissime opportunità di speculazione, basti pensare che
solo dal 21 settembre in poi, se l’indice ha reagito del 33%, molti titoli hanno generato rialzi
di oltre il 100%, vedi Mediolanum. Operativamente come entrare all’interno di un V-Spike ?
Intanto continuare nella propria analisi grafica, molti shock esterni si esauriscono proprio
su soglie tecniche, in secondo luogo, entrare soltanto sulla formazione di una trend-up,
nel caso di ribasso o trend-down nel caso di un eccesso rialzista. Due metodologie molto
utili in questi casi, laddove non si riuscisse a cogliere col giusto timing il recupero, sono
quelle relative alla tecnica del first hour breakout e all’ingresso su Inside, entrambe trattate
in questo testo. Inutile dire che i V-Spike si presentano anche intraday e che le modalità di
speculazione, rapportate al time-frame sono identiche. Dei V-Spike gli americani amano
dire:
“Never try to catch a falling knife” cioè non provare ad afferrare un coltello mentre cade.

74
Il modello d’inversione “Testa e Spalle” (Head & Shoulder)

Probabilmente il più noto tra i numerosi modelli offerti dall’analisi tecnica, il Testa e Spalle
è anche la più complessa struttura d’inversione e richiede spesso estensioni temporali
piuttosto lunghe ai fini del completamento. Ai fini di una corretta interpretazione di un
modello d’inversione Testa e Spalle sarà indispensabile condurre un’attenta analisi
congiunta prezzo/volumi. Se è vero che in questo tipo di configurazioni la parte finale del
trend genera normalmente estensioni di prezzo piuttosto repentine, la possibilità di
assistere alla formazione di un H&S sarà confermata (e questo dovrebbe essere già noto)
da una diminuzione dei volumi con tre, quattro giorni di anticipo rispetto al
massimo/minimo segnato ed un susseguente aumento degli scambi con repentine
accelerazioni in senso contrario. In altre parole, la sezione centrale del modello, la testa,
dovrebbe assumere quasi la configurazione di un V Spike. Il successivo completamento
della seconda spalla, confermato da concordanza dei volumi, offrirà a questo punto la
possibilità di tracciare una particolare trend-line, che chiameremo neck-line, passante per i
due pivot delle spalle. La violazione della neck-line determina l’ingresso sul mercato con
stop alle posizioni immediatamente sotto (sopra) il minimo (massimo) della spalla destra. I
volumi, che come avrete capito, giocano un ruolo determinante nella comprensione di
questo modello, dovrebbero risultare massimi proprio durante il breakout della neck-line. I
grafici sottostanti, riportanti sia l’H&S Top che l’H&S Bottom dovrebbero aiutare nella
comprensione di quanto espresso.

Testa Stop-loss

Spalla Dx

Spalla Sx

Neck-Line
Sell

Head & Shoulder Top (fig. 8.18)

75
Neck-Line Buy

Spalla Dx
Spalla Sx
Stop-loss
Testa

Head & Shoulder Bottom (fig. 8.19)

Head & Shoulder Top Pirelli daily (fig. 8.20)

76
Gli Swing W M

Il termine Swing è forse un po’ abusato in analisi, sostanzialmente indica un qualsiasi


movimento direzionale del mercato, senza che si debba associare a questo movimento
alcun tipo di condizione. Tuttavia è ormai consolidata l’abitudine di definire Swing un
particolare sviluppo dei prezzi che inseriremo all’interno delle figure di inversione.
Due modelli piuttosto frequenti e con elevata probabilità di completamento, sono i
cosiddetti “Swing M W”. M e W rappresentano graficamente proprio il modello in oggetto,
modello che tende, nella sua formazione, a creare due movimenti quasi perfettamente
speculari, sia in ordine di tempo che di prezzo. Facciamo un esempio grafico per
comprendere meglio il significato di quanto detto:

Stop-loss

Sell

Sell +1

Swing ribassista M (fig. 8.21)

Buy +1

Buy

Stop-loss

Swing rialzista W (fig. 8.22)

77
La linea tratteggiata rossa rappresenta il movimento al quale si dovrebbe partecipare con
una posizione aperta. Ipotizziamo di assistere alla formazione di un modello grafico, come
quello riportato attraverso la linea continua blu sui grafici. Un eventuale tenuta dei livelli di
resistenza/supporto lascia spazio alla possibile formazione di un movimento, opposto e
speculare, almeno di pari prezzo e, spesso, pari tempo. Ecco che si viene a configurare un
pattern che, nella forma, ricorda appunto le lettere M e W.

Indicazioni operative
Procedere all’acquisto o alla vendita immediatamente dopo la formazione della prima
barra trend-up/down, (quest’indicazione dovrebbe a questo punto essere familiare) ed
implementare sulla violazione del livello di supporto/resistenza identificato dalla cuspide
della M / W. Minimo target auspicabile, proprio il 100% di prezzo che, completerebbe la
figura descritta. Stop-loss alla posizione, decisamente ridotto, un tick sopra/sotto il
massimo/minimo del modello M / W. L’orizzonte temporale a cui estendere questo tipo di
operatività è totale, non vi è alcuna differenza tra un time-frame 5 min. o mensile, se non,
ovviamente, per il potenziale utile conseguibile. Vediamo qualche esempio sul Future
Fib30.

Modello Swing “M” Grafico weekly Fib30 (fig. 8.23)

78
Sul Fib30, grafico settimanale, notiamo come, non solo ci sia un evidente formazione a
“M” estesa a 10 mesi di contrattazione, ma anche come venga rispettato il rapporto prezzo
/ tempo. Il numero dei giorni utili al completamento della prima parte della “M” è, con un
errore di 8 giorni su 10 mesi, identico al numero di giorni richiesto per il completamento
della figura. Noto il numero dei giorni espresso nella prima parte, sarà piuttosto semplice
proiettare il giorno in cui verranno segnati i minimi. Tecnicamente definiremo questo tipo di
rapporto temporale come “ritracciamento del 100%” (torneremo in seguito a parlare
approfonditamente dei cicli temporali).

Modello Swing “M” Grafico 60 min. Fib30 (fig 8.24)

Modello Swing “W” Grafico 60 min. Fib30 (fig. 8.25)

79
Modello Swing “M” Grafico 5 min. Fib30 (fig. 8.26)

Modello Swing “M” Grafico daily lungo periodo. Fib30 (fig. 8.27)

80
Avete visto come questi modelli siano applicabili a qualsiasi orizzonte temporale e
strumento analizzato, risulta evidente che tanto più abbasseremo il nostro time-frame,
tante più volte avremo la possibilità di sfruttare questi pattern, concludiamo l’argomento
dando una sbirciata a due dei più belli, tra gli swing W M, tracciati sul future domestico.
Traete voi stessi le conclusioni.

Cap 9 La Bar-strategies

La Bar-strategies, strategie di ingresso in “Trend continuation” e strategie di


ingresso in “Trend reversal”

Lo scopo della Bar-strategies è quello di fornire, attraverso lo studio delle barre, indicazioni
operative relativamente ai punti di svolta e continuazione del mercato. Distingueremo
pertanto all’interno di questa branca dell’analisi due tipologie di strategie applicabili:

1) Trend-continuation trade entry strategies


(strategie di ingresso in trend già avviati)
2) Trend-reversal trade entry strategies
(strategie di ingresso su punti di inversione)

In merito alla bar-strategies vanno fatte alcune precisazioni. A prescindere dal tipo di
modello o strategia applicata, questo tipo di pattern offrono con la massima probabilità di
successo punti di svolta e prosecuzione, ma non l’entità della svolta o della prosecuzione.
Questo aspetto, che verrà approfondito quando tratteremo le proiezioni di prezzo, è
appunto relativo all’analisi tecnica e non alla bar strategies . In altre parole una figura di
inversione ci dice che con ogni probabilità si sta per assistere ad un cambiamento, ma non
può determinare l’entità del cambiamento, se di breve piuttosto che di medio.
Per iniziare a parlare di bar-strategies partiamo da una situazione che sovente si presenta
come problematica per molti investitori. Capita infatti di poter assistere allo sviluppo di una
fase tendenziale senza che, si abbia avuto la possibilità di entrare nel trend in atto (vedi V-
Spike). A livello psicologico, il trader ritiene spesso che a quel punto i prezzi siano
comunque troppo elevati o troppo bassi per non aspettare un ritracciamento che consenta
un ingresso più favorevole. Quando il mercato continua a generare forti spinte nella stessa
direzione, la convinzione che ormai il ritracciamento sia vicino, è talmente forte, che ci si
dimentica di aver già perso un ulteriore +4%, +5% ad esempio, e che a questo punto, per
entrare agli stessi livelli della prima rilevazione servirebbe quasi un inversione anziché un
ritracciamento. Quando la frustrazione da mancato guadagno raggiunge il suo apice, il
trader solitamente prende coraggio e decide finalmente di entrare anche lui, questa volta
dopo un rialzo del 20%. Bene, quando ci si decide ad entrare in acquisto il mercato segna
puntualmente i massimi, viceversa quando si specula al ribasso, siamo sui minimi.
Domanda:
Se dovessimo realmente perdere l’occasione di partecipare ad una più o meno prolungata
fase di rialzo o ribasso, non sarebbe forse meglio pensare di partecipare alla successiva
fase di inversione piuttosto che sperare di conquistare gli ultimi impulsi di un movimento
ormai esaurito ? Eppure questo è quanto fanno la maggiorparte dei trader.
La bar-strategies offre una serie di strumenti, a quei trader che desiderano entrare in un
trend avviato e che offra ancora buoni spunti, con bassa esposizione di capitale ed elevata
probabilità di successo. Il primo strumento di Trend-continuation trade entry strategies è il
cosiddetto:

81
First Hour Breakout

Molti di voi avranno notato o noteranno, come durante le prime battute di contrattazione la
volatilità sia piuttosto elevata, le oscillazioni dei prezzi sono assai repentine e quasi prive
di direzionalità logica. Questa situazione tende a scemare col passare del tempo, quando
il mercato avrà generato un certo range di oscillazione, all’interno del quale andrà a
muoversi per n tempo. Il motivo per cui è sconsigliabile operare in apertura è proprio
relativo a questo fatto. Lasciare che i prezzi generino un range consolidato è
importantissimo, tanto quanto attendere che il mercato generi il breakout di questo range.
Le domande a questo punto potrebbero essere due:
1) quanto tempo è necessario attendere per considerare stabile il range di oscillazione
generato ?
La risposta è circa 1 ora
2) In percentuale, quanto viene espresso in termini di oscillazione nella prima ora,
rispetto al range tracciato nell’intera giornata di contrattazione ?
La risposta è, mediamente, il 30%, vale a dire che rimane un 70% di direzionalità
inespressa.
Potremmo affermare che, se mediamente il Fib30 genera un oscillazione giornaliera di
800/1000 punti, il range tracciato tra le 09,15 e le 10,15 è approssimativamente di 250/300
punti. Perché insistere tanto sull’estensione di prezzo di questo range ? Perché il range
tracciato nella prima ora rappresenta esattamente la nostra esposizione di capitale, oltre
che la nostra soglia di ingresso. Attraverso lo studio di grafici storici, estesi ad anni e anni
di contrattazione, si è notato come, dopo avere generato la violazione del range della
prima ora, in modo concorde al trend in atto, il mercato abbia proseguito nella stessa
direzione per il famoso restante 70% e magari anche nelle giornate successive. Ciò
significa che attraverso un chart orario, con stop-loss assolutamente esiguo, è possibile
pensare di partecipare ad un estesa fase tendenziale, eliminando contestualmente la
problematica d’ingresso precedentemente descritta. Vediamo un esempio grafico e le
relative regole operative.

TREND-UP

Max. 32560

Barra
oraria

Min. 32250

Barre
Daily

First hour breakout (fig. 9.1)

82
Ipotizziamo di venire da quattro giorni di rialzo e pensare che il mercato possa
intraprendere un ulteriore salita del 6%. La prima cosa da fare è sempre assumere quale
sia il trend in atto, in questo caso non ci sono dubbi, trend-up. La regola del FHBO
prevede che vengano considerati validi i segnali operativi offerti da un breakout nella
direzione del trend e che vengano al contrario ignorati i breakout di direzione opposta.
Come e quando operare l’acquisto ? Attenderemo lo sviluppo della prima ora di
contrattazione (09,15 – 10,15 per il future, 09,30 – 10,30 per singoli titoli azionari) e
rileveremo il massimo ed il minimo prezzo segnato in questo arco temporale. Nel nostro
esempio, considereremo un max. a 32560 ed un min. a 32250. Posizioneremo uno stop-
order in acquisto, un tick sopra il massimo della prima ora, quindi 32565, e laddove il trade
dovesse aver luogo, posizioneremo lo stop-loss un tick sotto il minimo della prima ora,
quindi 32245. Se anziché assistere alla violazione del massimo (minimo) in situazioni di
trend-up (trend-down) come auspicato, il mercato generasse un breakout ribassista
(rialzista) semplicemente ignoreremo il segnale.

Max. 32560 Max. 32560

BUY

Ignorare il segnale

STOP-LOSS

Min. 32250 Min. 32250

First hour breakout, modalità operative (fig. 9.2)

Ancora, se la violazione del range della prima ora fosse discorde con il trend principale e
solo successivamente si dovesse assistere ad un nuovo breakout, questa volta concorde,
sarà possibile accettare il segnale offerto, avendo l’accortezza di abbassare (alzare) lo
stop sotto i minimi (sopra i massimi) registrati nella giornata e non più sotto il minimo
(sopra il massimo) della prima ora.

Vediamo qualche esempio:

83
First hour breakout Fib30 60 min. (fig. 9.3)

Nel grafico sopra riportato viene evidenziato con colori diversi il susseguirsi delle sedute di
borsa attraverso chart orario. Assunto che il trend è down e che quindi considereremo utili
soltanto i segnali short, ignorando i segnali long, vediamo cosa sarebbe successo.
Degli otto trade considerati, sette avrebbero fornito un segnale utile, quindi concorde al
trend, tutti e sette a fine giornata avrebbero offerto un gain all’operazione, ma ciò che più
conta, sei sarebbero stati confermati dalla tendenza dei giorni successivi. Il quarto segnale
evidenziato (la prima barra è l’unica in rosa), esprime un breakout rialzista, e quindi
etichettato come ignorato. Da notare che il sesto trade considerato, evidenziato con
l’etichetta “reversal profit + continuazione”, ha generato un esiguo breakout rialzista, che
sarebbe stato ignorato in quanto discorde, ed una successiva violazione di senso
concorde che avrebbe fatto subentrare lo stop in vendita. Come già espresso, lo stop-loss
in questo caso sarebbe stato alzato 1 tick sopra il massimo daily. Riassumendo:

Trade considerati: 8
Segnali concordi: 6
Segnali di reversal: 1
In utile: 7
Ignorati: 1
In perdita: 0
Confermati da una prosecuzione: 6

Vediamo un altro esempio in situazioni di trend-up

84
First hour breakout Fib30 60 min. (fig. 9.4)

Anche in questo caso otto trade analizzati, in situazione di trend-up, ignoreremo gli
ingressi short ed adotteremo quelli long. Degli otto considerati, sei hanno comunque
offerto un gain a fine giornata, di questi sei, cinque hanno offerto anche una continuazione
il giorno successivo. Nel computo di questi sei va considerato anche il segnale evidenziato
con l’etichetta “Reversal profit + continuazione”, segnale analogo a quanto visto prima. Dei
restanti due ingressi, uno è stato ignorato in quanto discorde, l’altro ha generato uno stop-
loss di 425 Pt Fib. Riassumendo:

Trade considerati: 8
Segnali concordi: 7
Segnali di reversal: 1
In utile: 6
Ignorati: 1
In perdita: 1
Confermati da una prosecuzione: 6

L’impiego di questa tecnica attraverso titoli azionari a larga capitalizzazione, piuttosto che
attraverso il future, risulta ulteriormente affidabile.
Se avete fatto vostro il concetto di First hour breakout, non troverete difficoltà durante
l’esposizione della seconda tecnica di ingresso in trend-continuation.

85
Le Barre Inside come Strategia di trend continuation
Le barre Inside offrono lo stesso spunto operativo del FHBO con la differenza che questo
tipo di segnali, pur impegnando un capitale maggiore, offrono margini di guadagno molto
più ampi. Di come si configuri una barra Inside si è già detto all’inizio, vediamo allora quali
siano le implicazioni operative.
Ipotizziamo di essere in presenza di un trend ascendente ed assistere alla formazione di
una barra Inside. Le regole relative all’ingresso sul mercato in “trend continuation” sono le
seguenti.
1) Entrare solo nella direzione principale del trend
2) Ignorare i segnali non concordi con il trend principale
3) Posizionare uno stop in acquisto immediatamente sopra il massimo espresso il
giorno precedente l’Inside
4) Posizionare lo stop-loss immediatamente sotto il minimo dell’Inside

Ipotizziamo di essere in presenza di un trend discendente ed assistere alla formazione di


una barra Inside. Le regole relative all’ingresso sul mercato in “trend continuation” sono le
seguenti.
1) Entrare solo nella direzione principale del trend
2) Ignorare i segnali non concordi con il trend principale
3) Posizionare uno stop in vendita immediatamente sotto il minimo espresso il giorno
precedente l’Inside
4) Posizionare lo stop-loss immediatamente sopra il massimo dell’Inside

Buy Trend-Down

Stop-loss

Stop-loss

Trend-Up
Sell

Inside bar (fig. 9.5)

Analogamente a quanto avveniva nel FHBO, anche l’iniziale violazione non concorde,
quindi ignorata, seguita da una violazione concorde, ciò che prima chiamavamo
reversal e che ora chiamiamo Outside, offre un valido spunto operativo. Le modalità
d’ingresso e uscita sono identiche a quelle nel FHBO, fatto salvo per l’analisi della
chiusura dei prezzi. Come si evince dal grafico, dopo aver assistito al breakout

86
discorde dell’inside, il mercato genera un inversione fino al nuovo breakout da noi
auspicato. Posizioneremo il nostro stop in acquisto (vendita), non più un tick sopra
(sotto) i massimi della barra precedente l’inside, ma un tick sopra (sotto) l’inside
stessa. Lo stop, per contro non sarà più posizionato un tick sotto (sopra) il minimo
(massimo) dell’inside, ma un tick sotto (sopra) il minimo (massimo) giornaliero.

Trend-Down
Buy
Stop-loss

Stop-loss
Sell
Trend-Up

Inside bar reversal (fig. 9.6)

Se in situazioni di questo tipo, la chiusura dei prezzi dovesse risultare, in caso di trend
ascendente, inferiore all’apertura ed inferiore alla chiusura del giorno precedente,
procederemo alla chiusura del trade a mercato senza attendere la violazione dei minimi.
Se in situazioni di questo tipo, la chiusura dei prezzi dovesse risultare, in caso di trend
discendente, superiore all’apertura e superiore alla chiusura del giorno precedente,
procederemo alla chiusura del trade a mercato senza attendere la violazione dei massimi.

87
Trend-Down
Buy on close

Stop-loss
Stop-loss
on close

Stop-loss
Stop-loss on close

Trend-Up
Sell on close

Stop-loss on close (fig. 9.7)

Le Barre Outside come Strategia di trend continuation


Le barre Outside sono barre generalmente molto estese in prezzo e che tendono a
confermare quella che sarà la futura tendenza, attraverso la chiusura. Come dire che una
barra Outside con una chiusura nella parte superiore, lascia spazio ad una prosecuzione
rialzista, una barra Outside con una chiusura nella parte inferiore, lascia spazio ad una
prosecuzione ribassista, questo in linea di massima. Come per il FHBO e l’Inside, anche l’
Outside rientra nelle strategie di ingresso in trend-continuation. Di come si configuri una
barra Outside si è già detto all’inizio, vediamo allora quali siano le implicazioni operative.
Ipotizziamo di essere in presenza di un trend ascendente ed assistere alla formazione di
una barra Outside. Le regole relative all’ingresso sul mercato in “trend continuation” sono
le seguenti:

1) Entrare solo nella direzione principale del trend


2) Ignorare i segnali non concordi con il trend principale
3) Se il minimo del giorno precedente dovesse essere violato, senza che sia ancora
stato violato il massimo, posizioneremo uno stop in acquisto, un tick sopra i massimi.
5) Posizionare lo stop-loss immediatamente sotto il minimo dell’Outside.
6) Se la chiusura dovesse risultare inferiore all’apertura ed inferiore alla chiusura del
giorno precedente, chiuderemo il trade a mercato.

88
Ipotizziamo di essere in presenza di un trend discendente ed assistere alla formazione di
una barra Inside. Le regole relative all’ingresso sul mercato in “trend continuation” sono le
seguenti:

1) Entrare solo nella direzione principale del trend


2) Ignorare i segnali non concordi con il trend principale
3) Se il massimo del giorno precedente dovesse essere violato, senza che sia ancora
stato violato il minimo, posizioneremo uno stop in vendita, un tick sotto i minimi.
7) Posizionare lo stop-loss immediatamente sopra il massimo dell’Outside.
8) Se la chiusura dovesse risultare superiore all’apertura e superiore alla chiusura del
giorno precedente, chiuderemo il trade a mercato.

Trend-Down

Buy
Stop-loss

Stop-loss Stop-loss
on close on close

Stop-loss
Sell
Trend-Up

Outside bar (fig. 9.8)

89
La Bar-Strategies come strategia d’ingresso in trend-reversal

Di segnali d’inversione in analisi ne possiamo trovare davvero molti, quelli che


realmente possono offrire con la massima probabilità di successo un segnale affidabile
sono 3 :

RD (Reversal Day)
SOCRD (Single Open-Close reversal day)
DOCRD (Double Open-Close reversal day)

Tutti sono basati sullo studio della chiusura dei prezzi e tutti offrono la possibilità di
entrare intorno ai massimi e ai minimi dei punti d’inversione. L’esposizione di capitale
anche in questo caso risulterà esigua. Tra le configurazioni denominate RD, possiamo
distinguere quattro tipologie di segnali:

Reversal Day – Key reversal day – Outside reversal day –


Outside Key reversal day
Vediamoli in dettaglio:

Stop-loss Reversal Day Trend-Down

Sell on close
Buy on close

Trend-Up
Stop-loss

Reversal day (fig 9.9)

Se in presenza di un up-trend, il mercato dovesse generare una barra con massimi e


minimi crescenti, ma con
1) chiusura inferiore all’apertura
2) chiusura inferiore alla chiusura del giorno precedente
parleremo di reversal day
Procederemo alla vendita a mercato, posizionando lo stop-loss immediatamente sopra i
massimi della barra di reversal.

90
Se in presenza di un down-trend, il mercato dovesse generare una barra con massimi e
minimi decrescenti, ma con
1) chiusura superiore all’apertura
2) chiusura superiore alla chiusura del giorno precedente,
parleremo di reversal day
Procederemo all’ acquisto a mercato, posizionando lo stop-loss immediatamente sotto i
minimi della barra di reversal.

Stop-loss Key-Reversal Day Trend-Down

Sell on close
Buy on close

Trend-Up
Stop-loss

Key Reversal Day (fig. 9.10)

Se in presenza di un up-trend, il mercato dovesse generare una barra con massimi e


minimi crescenti, ma con
1) chiusura inferiore all’apertura
2) chiusura inferiore alla chiusura del giorno precedente
3) apertura inferiore alla chiusura del giorno precedente
parleremo di key reversal day

Procederemo alla vendita a mercato, posizionando lo stop-loss immediatamente sopra i


massimi della barra di reversal.

Se in presenza di un down-trend, il mercato dovesse generare una barra con massimi e


minimi decrescenti, ma con
1) chiusura superiore all’apertura
2) chiusura superiore alla chiusura del giorno precedente
3) apertura superiore alla chiusura del giorno precedente
parleremo di reversal day

Procederemo all’ acquisto a mercato, posizionando lo stop-loss immediatamente sotto i


minimi della barra di reversal.

91
Stop-loss Outside Reversal Day Trend-Down

Buy on close
Sell on close

Trend-Up
Stop-loss

Outside reversal Day (fig. 9.11)

Se in presenza di un up-trend, il mercato dovesse generare una barra Outside, ma con


1) chiusura inferiore all’apertura
2) chiusura inferiore alla chiusura del giorno precedente
parleremo di Outside reversal day

Procederemo alla vendita a mercato, posizionando lo stop-loss immediatamente sopra i


massimi della barra Outside.

Se in presenza di un down-trend, il mercato dovesse generare una barra Outside, ma con


1)chiusura superiore all’apertura
2)chiusura superiore alla chiusura del giorno precedente
parleremo di Outside reversal day

Procederemo all’ acquisto a mercato, posizionando lo stop-loss immediatamente sotto i


minimi della barra Outside.

92
Stop-loss Outside Key-Reversal Day Trend-Down

Buy on close

Sell on close

Trend-Up
Stop-loss

Outside Key Reversal Day (fig. 9.12)

Se in presenza di un up-trend, il mercato dovesse generare una barra Outside, ma con


1) chiusura inferiore all’apertura
2) chiusura inferiore alla chiusura del giorno precedente
3) apertura inferiore alla chiusura del giorno precedente
parleremo di Outside Key reversal day

Procederemo alla vendita a mercato, posizionando lo stop-loss immediatamente sopra i


massimi della barra Outside.

Se in presenza di un down-trend, il mercato dovesse generare una barra Outside, ma con


1)chiusura superiore all’apertura
2)chiusura superiore alla chiusura del giorno precedente
3) apertura superiore alla chiusura del giorno precedente
parleremo di Outside reversal day

Procederemo all’ acquisto a mercato, posizionando lo stop-loss immediatamente sotto i


minimi della barra Outside.

In termini di importanza, il valore del segnale d’inversione è crescente passando dalla


RD, KRD, fino alla ORD e terminare con la OKRD, segnale in assoluto più forte tra i
quattro presentati.

Prima di passare a parlare del secondo segnale d’inversione menzionato, il Single


open-close reversal day, diamo una semplice definizione che tornerà utile in seguito.

93
High, Low e Midrange

33% High

Midrange

33% Low

Suddivisione di una barra (fig. 9.12)

Facendo riferimento ad una qualsiasi barra, possiamo definire High, la zona compresa nel
33% del range di prezzo superiore, Low, la zona compresa nel 33% del range di prezzo
inferiore e midrange la zona centrale, compresa tra l’High ed il Low. Detto questo vediamo
la struttura di una Single open-close reversal day.

A differenza di tutte le tipologie di inversione RD esaminate, tutte comunque accomunate


dal fatto che la chiusura dovesse essere inferiore o superiore alla chiusura del giorno
precedente, nella Single open-close reversal day, questo parametro non viene richiesto,
tuttavia si rende necessaria una nuova condizione affinché si possa parlare di segnale di
inversione. Vediamo quale attraverso il grafico sottostante

94
Single open-close reversal day - Single open-close reversal day by
Gap
Stop-loss Single open- Trend-Down
close reversal
day

Sell on close

Buy on close

Stop-loss
Trend-Up

Single open close reversal day (fig. 9.13)

Anche in questo caso vengono comunque generati nuovi massimi, se in up-trend, nuovi
minimi se in down-trend, tuttavia ciò che offre il segnale di inversione è il fatto che:
In presenza di un trend ascendente, l’apertura sarà contenuta nella parte High della barra
e la chiusura nella parte low della barra stessa. Non viene richiesta la condizione che la
chiusura sia inferiore alla chiusura del giorno precedente, come del resto non veniva
richiesto nelle RD il rispetto del rapporto percentuale di posizionamento apertura –
chiusura, ora indispensabile. Un rafforzativo di questo segnale è rappresentato dal Single
open close reversal day by gap. Le condizioni richieste sono le medesime e medesime
sono le modalità d’ingresso ed uscita, semplicemente si assisterà alla formazione di un
gap-up – gap-down che imprimerà maggiore forza al segnale offerto. Vediamo il grafico:

95
Stop-loss Single open- Trend-Down
close reversal
day by gap

Sell on close

Buy on close

Stop-loss
Trend-Up

Single open close reversal day by gap (fig. 9.14)

Double open-close reversal day

A prescindere dalle diverse condizioni grafiche imposte ai modelli sopraccitati, entrambe le


figure d’inversione RD e SOCRD, risultano accomunate dal fatto che comunque, in up-
trend vengono generati nuovi massimi e in down trend nuovi minimi. Nel modello Double
open-close reversal day, questa condizione non viene necessariamente richiesta. Il
DOCRD è una figura d’inversione che si compone di due segnali, il primo attraverso una
barra che contenga, se in up-trend, un’apertura sul Low ed una chiusura sull’High, ed un
secondo, rappresentato dalla barra successiva, che contenga un’apertura sull’High ed una
chiusura sul Low. In altre parole, se la prima barra potrebbe lasciar pensare al miglior
posizionamento possibile, ai fini di una prosecuzione rialzista, il secondo giorno offre un
posizionamento dei prezzi esattamente opposto ed indicativo dell’inversione. Credo sia
superfluo riportare il caso di down-trend, ciò che è importante capire è che nel DOCRD
non è tanto importante quale sia il rapporto massimi – minimi tra le due barre, quanto il
posizionamento di aperture e chiusure,vediamo un grafico esaustivo dell’argomento:

96
Double open- Trend-Down
close reversal
Stop-loss day

Buy on close

Sell on close

Stop-loss

Trend-Up

Le due barre possono essere in qualsiasi posizione, l’una rispetto all’altra

Questo è il segnale più affidabile


Double open close reversal day (fig. 9.15)

97
Riepilogo principale regole di trading

1) Compra i doppi minimi con stop immediatamente sotto il livello di doppio minimo.
1) Vendi sulla violazione del doppio minimo con stop immediatamente sopra l’ultimo
massimo registrato.
2) Vendi i doppi massimi con stop immediatamente sopra il livello di doppio massimo.
3) Compra sulla violazione del doppio massimo con stop immediatamente sotto
l’ultimo minimo registrato.
4) Compra i tripli minimi con stop immediatamente sotto il livello di triplo minimo.
5) Vendi sulla violazione del triplo minimo con stop immediatamente sopra l’ultimo
massimo registrato.
6) Vendi i tripli massimi con stop immediatamente sopra il livello di triplo massimo.
7) Compra sulla violazione del triplo massimo con stop immediatamente sotto l’ultimo
minimo registrato.
8) Non mediare mai posizioni in perdita, posizionare uno stop e casomai attuare uno
stop e reverse.
9) Dove possibile, costruire le cosiddette piramidi, implementando la posizione ogni
volta che il mercato genera un nuovo massimo / minimo nella direzione a noi
favorevole provvedendo a spostare di volta in volta un unico stop-profit a tutte le
posizioni assunte fino a quel momento.
10) Tornare per la quarta volta sullo stesso livello di supporto / resistenza in
precedenza respinto, significa con ogni probabilità assistere alla definitiva
violazione di tale livello.
11) Laddove lo stesso livello di supporto fosse respinto per la quarta volta, assisteremo
con ogni probabilità ad una reazione che generi almeno 3 massimi crescenti.
12) Laddove lo stesso livello di resistenza fosse respinto per la quarta volta,
assisteremo con ogni probabilità ad una reazione che generi almeno 3 minimi
decrescenti.

98
Cap. 10 La serie numerica di Fibonacci

La costruzione della serie numerica di Fibonacci

Approfonditi gli elementi portanti dell’analisi tecnica classica, diventa critico combinare in
modo armonico, detti concetti, con altri aspetti dell’analisi tecnica, decisamente più evoluti
ed ambiziosi. Ciò che dovremo fare sarà costruire un modello analitico che si sviluppi
attraverso un preciso studio del prezzo e del modello dei mercati finanziari, senza
tralasciare le proporzioni matematiche, che regolano i rapporti dei singoli cicli. Per iniziare
a parlare di proporzioni matematiche dei cicli finanziari, è indispensabile fornire un
indicazione su ciò che si intende per “Serie numerica di Fibonacci”.
La serie numerica di Fibonacci è una sequenza numerica dove ogni numero è somma dei
due precedenti.
1 1 2 3 5 8 13 21 34 55 89 144 233 377 ……………..
pertanto ecco che 5 risulta essere somma di 2 + 3, 8 somma di 5 + 3 e cosi all’infinito.

Il golden ratio
Fibonacci, matematico pisano del 1200, studio per primo questa sequenza individuando
una serie di proprietà riconducibili a numerosi fenomeni presenti in natura. Senza
soffermarsi eccessivamente sulle proprietà di tale sequenza e sul riscontro dei fenomeni
naturali ad essa correlati, diciamo semplicemente che la proprietà prima è legata al fatto
che il rapporto di un numero con il precedente ed il rapporto di un numero con il
successivo fornisce sempre lo stesso risultato. Di qui la definizione di “rapporto divino” o
“golden ratio”e cioè 0.618 e 1.618 a seconda che si vada a rapportare un numero con il
successivo o con il precedente. Proviamo allora ad eseguire il rapporto di un numero della
serie di Fibonacci, con il precedente e verifichiamo che i risultati tenderanno
progressivamente alla costante 0,618.

1/1 = 1 ; 2/1 = 2 ; 3/2= 1,5 ; 5/3= 1,6666 ; 8/5 = 1,6 13/8= 1,625 ; 21/13= 1,61538 …………

riportiamo questi risultati su assi cartesiani

99
2
The “Golden ratio”
1,618

Fib (i) / Fib (i-1)


1

1 2 3 5 8 13

R.N.Elliott fu probabilmente il primo studioso dei mercati finanziari ad applicare questi


rapporti matematici ai cicli dei mercati finanziari. Le basi che condussero Elliott a
sviluppare quello che oggi è noto come “modello di Elliott” furono le famose leggi di Dow,
relative alla ciclicità dei mercati. In sostanza Elliott non fece altro che fornire una versione
dettagliata e specifica, di quei cicli, espansione – accumulazione – distribuzione etc – che
Dow aveva descritto in modo abbastanza generico. Ancora, ponendosi la domanda se
esistessero delle proporzioni matematiche tra le varie fasi che i mercati, di volta in volta
esprimevano, Elliott trovò con non poco stupore che, non solo tali proporzioni erano
identificabili e cicliche, ma che coincidevano proprio con quei rapporti forniti dalla serie
numerica di Fibonacci. Nasceva per la prima volta nella storia dell’analisi tecnica, un
modello che, in modo assolutamente dinamico, univa i pattern grafici ed i prezzi dagli
stessi espressi.

I coefficienti operativi
Le proporzioni matematiche, estrapolate dalle possibili combinazioni della serie numerica,
che un trader deve indispensabilmente conoscere sono :

0.236 0.382 0.5 0.618 0,707 0.786 1

1.272 1.618 2 2.618 4.236

ma per quale motivo un trader dovrebbe conoscere tali proporzioni, e soprattutto come
dovrebbe impiegarle ? La risposta verrà data quanto prima, andiamo con ordine…

100
(Cap 11) La teoria di Elliott

Il modello di Elliott, impulsi e correzioni


Nella definizione dello sviluppo di un ciclo di borsa, Elliott seppe delineare con notevole
precisione, la configurazione proposta, in modo più sommario, da Dow. Nell’ analisi di un
ciclo di Elliott non ci si limita quindi alla sola identificazione dei movimenti di
accumulazione, espansione, distribuzione etc., ma si va alla ricerca di ogni movimento di
tendenza e controtendenza. L’impiego che si è fatto negli ultimi anni di questa teoria ha
forse finito col divenire un abuso, più che un uso, di una tecnica, efficace, se usata con i
dovuti criteri. L’opinabilità attribuita a questo modello è dovuta al fatto che tutte le regole
poste, al fine di comprendere la reale esistenza di un modello riconducibile a Elliott, sono
state puntualmente ignorate a favore della possibilità di proporre analisi in via continuativa.
Il reale modello di Elliott è di fatto applicabile al 40 / 50 % dei modelli finanziari, il resto è
pura fantasia. Lo stesso Elliott seppe fornire numerosi modelli di sviluppo, a volte talmente
sofisticati, da rendere apprezzabile una configurazione soltanto dopo la sua realizzazione,
pertanto inutile. Nelle pagine che seguono vedremo quali siano le regole che vanno
scrupolosamente seguite nella conduzione di questa analisi e quali siano i modelli che
realmente sono riconoscibili ai fini analitici ed operativi. Una volta comprese le regole
guida, saremo conseguentemente in grado, di identificare la reale esistenza o inesistenza
del modello. Elliott seppe dimostrare che i cicli di borsa seguono una sequenza rialzista
formata da cinque impulsi o onde, tre nella direzione del trend principale, quindi rialzisti, e
due nella direzione contraria, pertanto ribassisti. Le tre sequenze rialziste sono state
etichettate con i numeri 1 3 e 5 , mentre le due sequenze ribassiste con i numeri 2 e 4 a
formare l’intera sequenza 1 2 3 4 5. Una sequenza 1 2 3 4 5 completa è sempre seguita
da una fase correttiva a tre fasi o onde etichettate con le lettere A B C.
Ogni sequenza impulsi deve poter essere scomponibile in una sequenza a 5 onde di
grado minore. Ogni onda del resto è parte di un movimento di grado maggiore. Quello a
cui faremo riferimento tuttavia, saranno i soli 3 gradi del trend in atto: Maggiore,
Intermedio, Minore.

101
I tre gradi di una sequenza

Grado
(1)
maggiore

(2)

Grado
(1)
5:3
Intermedio B
3
A
C
4
(2)
1

102
Grado Minore (1)
5:3
B
3
A
C
4
(2)
1

Qualcuno avanzò l’ipotesi di poter realizzare un conteggio di onde relativo ad un


“superciclo” di qualche decennio, per arrivare fino ai microcicli di 1 minuto. Lasciate stare.
Un ragionevole orizzonte temporale attraverso il quale condurre un’analisi di modello va
dai 3-4 anni di serie storiche, per il lungo periodo e 1-2 mesi per i cicli di brevissimo.

1 mese < (realizzabilità del modello) < 3-4 anni

Riepilogando, gli impulsi, cioè quelle fasi che muovono in direzione concorde con il trend
principale, sono scomponibili in sequenze a cinque onde di grado inferiore. Il grado
inferiore conferma il grado maggiore. Le fasi correttive assumono forma ABC, pertanto a
questo modello saranno riconducibili le sequenze 2 e 4. Al termine di un ciclo completo a
cinque onde segue sempre un movimento ribassista primario di forma ABC.

Qualora dovessimo riconoscere i pattern relativi ad uno o due gradi del trend avremo tutte
le informazioni critiche per operare con successo. Il grafico che segue mostra i movimenti
del grado intermedio, facenti parte del grado maggiore. Il riconoscimento del grado
inferiore è determinante quale conferma del grado superiore. Vale a dire, se dovessi
individuare un grado maggiore all’interno del trend in atto, in base al quale effettuare
scelte operative, individuare il grado intermedio conferma la bontà dell’analisi condotta e
l’affidabilità dei trade ad essa legata. Se il grado minore o intermedio non dovesse
confermare il grado superiore, semplicemente si abbandona l’analisi.

103
Grado inferiore 5
5
Grado superiore
3
B
3
5
b 4
1 A
a
3
2
c
4
1
5 4

3 b 1
C
1 a 2
4
c2
2

In questo caso, viene evidenziato in modo specifico un qualsiasi grado inferiore, interno
all’intera sequenza impulso di un qualsiasi grado superiore.

Identificare tendenza e controtendenza


Nel grafico sottostante vediamo un esempio di come, applicando il modello proposto da
elliott e scomponendo, l’ultima onda di grado maggiore 5, in altre 5 onde di grado
inferiore, avremmo identificato la fine della prolungata fase rialzista che ha condotto la
borsa fino ai massimi storici.

104
Il grafico sottostante, è quello del titolo Parmalat, l’analisi di Elliott, questa volta ci dice che
il movimento di ribasso che sembra delinearsi, non è una vera e propria inversione di
tendenza, bensì una mera correzione 4 che prelude ad una successiva fase impulsiva 5
verso nuovi massimi.

Osserviamo il grafico successivo

105
Parmalat completa la sequenza a cinque onde e genera nuovi massimi intorno ai 4 € per
azione, la fase che si delinea successivamente deve essere interpretata dal trader come
fase impulsiva di ribasso e non correzione. L’aspetto dunque più importante di questo
approccio ai mercati è insito nella possibilità di capire, attraverso uno specifico modello, se
il mercato sta muovendo in tendenza o in controtendenza. Non è cosa da poco, se ci
pensate, quanti nel marzo del 2000 hanno interpretato il movimento discendente da 51000
come inversione e non come correzione ? La differenza operativa è enorme…..se è
correzione vale acquistare in ottica di ripresa del trend, se è inversione acquistare diventa
un errore difficilmente sanabile.
Detto del fatto che al termine del suo sviluppo, una sequenza 1 2 3 4 5 è seguita da una
correzione A B C, assumeremo che anche le onde 2 e 4, movimenti appunto correttivi,
siano di forma A B C.
Ripetiamo ancora:

1) Le onde che seguono il trend principale sono 3, scomponibili in 5 sequenze e


prendono il nome di impulsi.
2) Le onde che muovono in direzione contraria al trend sono 2, scomponibili in 3
sequenze ABC e prendono il nome di correzioni.
3) I gradi esaminabili sono 3: Maggiore, Intermedio, Minore.

Il grado maggiore sarà etichettato con un numero tra parentesi, ad es. (1) . Il grado
intermedio con un numero delle stesse dimensioni non tra parentesi ad es. 1. il grado
inferiore attraverso un numero di dimensioni inferiori ad es. 1. Nel grafico riportato è
evidenziata la sola onda (1) di grado maggiore, i cinque swing intermedi e la relativa
scomposizione di grado minore. I movimenti correttivi, in termini di etichettatura, seguono
la stessa logica, ovvero A B C per i gradi maggiori e a b c per gli inferiori. Le onde 2 e 4,
nel grafico, sono state scomposte in onde a, b, c di 2 ed a b c di 4.
L’uso dei due punti : va letto come “di”, pertanto parlare di
1 : 5 : (1)
(1 di 5 di 1)

5
5
(1)
3

3
5
b 4
1
a
3
2
c
4
1
5 4

b 1
3

1 a 2
4
c2
2

106
significa identificare onda 1 di grado minore, all’interno dell’ultimo impulso 5 intermedio
della prima onda di grado superiore. (sul grafico evidenziato in rosso).

Qualcuno potrebbe asserire giustamente che andando ad analizzare in modo specifico


magari, la sola onda 2, il movimento principale in atto risulterebbe ribassista e che le
correzioni, in questo caso, sarebbero rappresentate dai rialzi e non viceversa. Orbene, se
ci soffermassimo sulla sola onda 2, dovremmo confermare il fatto che A e C seguono la
direzione del trend principale, quello ribassista, mentre B, fase di rialzo, risulterebbe
correttivo. Detto allora del fatto che gli impulsi si compongono di cinque onde e le
correzioni di tre onde, la scomposizione dei movimenti A B C sarà proprio 5 3 5, cinque in
A impulsivo (1 2 3 4 5), tre in B correttivo (a b c ), cinque in C impulsivo (1 2 3 4 5 ).
Questo in linea generale, c’è tuttavia una semplice eccezione alla regola posta, che
contribuisce a determinare il complesso dei modelli correttivi operativi. Vediamo quale.

Le correzioni, i due modelli realmente operativi

Le correzioni proposte da Elliott, riconducibili ad uno specifico modello grafico sono circa
dodici. Purtroppo molti di questi modelli tendono a essere difficilmente identificabili prima
della loro totale realizzazione, pertanto risulterebbero, in termini operativi, del tutto inutili.
Si è così arrivati a considerare quattro dei circa dodici possibili modelli correttivi proposti,
vale a dire la correzione ZIG-ZAG, FLAT, IRREGULAR e RUNNING. I modelli che, con
maggiore frequenza si presentano sul mercato sono i primi due, la zig-zag e la flat, le
restanti due, irregular e running, sono, a mio modo di vedere, anche loro etichettabili come
modelli non operativi e pertanto non verranno descritti.
La correzione zig-zag è in assoluto la più frequente, deve il suo nome alla propria forma
grafica ed è formata da tre movimenti ABC. Considerando il solo movimento correttivo zig-
zag, assumeremo allora che A e C siano impulsi e B correzione. Risulterà allora coerente
asserire che A sarà scomponibile in 5 onde di grado minore esattamente come C, mentre
B, correttivo, sarà scomponibile in una sequenza di grado inferiore a b c.

Correzione ZIG-ZAG modello 5-3-5


2
B
1 c

a 2
4
1
b
3
4
5
A
3

5C

107
Nella correzione Zig-Zag, C genera nuovi minimi rispetto ad A, mentre B non genera nuovi
massimi rispetto ad A.

Nel modello correttivo Flat, B e C assumono la stessa struttura della correzione Zig-Zag,
diverso il discorso per il primo impulso A che, in questo caso, risulterà scomponibile in tre
onde di grado inferiore anziché cinque.

Correzione FLAT modello 3-3-5

2 B c
2
1
a 1
4
b

3 3 C
5
A

Nella correzione Flat inoltre, C non genera nuovi minimi rispetto ad A, mentre B non
genera nuovi massimi rispetto ad A.
Riepilogando, i modelli correttivi operativi sono 2 e possono assumere forma

A B C
5 3 5
3 3 5

B e C saranno quindi sempre di forma 3 – 5, l’unica variante è relativa ad A di forma 3 o 5

108
Teoria dell’alternanza
Le onde correttive, a prescindere dal modello che si stia analizzando, possono assumere
due forme, simple o complex. Le onde correttive simple sono quelle discusse finora, cioè
quelle riconducibili ad un modello analizzabile. Le onde correttive complex sono invece
sequenze difficilmente interpretabili, più aderenti ad un modello casuale che non ad uno
schema predeterminato. Difficilmente, all’interno di una complex, è attuabile alcuna
strategia operativa. Detto questo, specifichiamo che, con ogni probabilità, all’interno di una
sequenza a cinque impulsi, se Onda 2 è di forma simple, allora Onda 4 sarà di forma
complex, viceversa se Onda 2 dovesse presentarsi sotto forma di complex, allora Onda 4
sarà di forma simple. In sostanza c’è un’alternanza di modello tra le due correttive del
ciclo. Normalmente Onda 2 è di forma simple, Onda 4 di forma complex.

A questo punto è possibile definire l’etichettatura di tutte le onde del modello di Elliott:

1) definiremo un’ onda con la lettera “O”


2) O1 è la distanza compresa tra 0 e 1
3) O2 è la distanza compresa tra 1 e 2
4) O3 è la distanza compresa tra 2 e 3
5) O4 è la distanza compresa tra 3 e 4
6) O5 è la distanza compresa tra 4 e 5
7) O1-3 è la distanza compresa tra 0 e 3
8) O1-5 è la distanza compresa tra 0 e 5
9) O3-5 è la distanza compresa tra 2 e 5

Le regole da seguire
Si è detto che, per evitare di arrivare ad improbabili conclusioni relative al modello grafico
in atto, verranno specificate alcune regole utili a capire se esistano o meno le basi per
l’assunzione del modello elliottiano.
Ecco quali:

1) Onda 2 non può ritracciare l’inizio di onda 1


2) Onda 3 non può mai essere la più corta
3) Onda 4 non può fare trading all’interno del range di onda 1

Se soltanto una di queste regole venisse violata, l’analisi condotta risulterebbe errata.

109
3 5

Onda 3 non può essere


l’impulso più corto in
4
una sequenza a cinque
onde Onda 4 non può entrare nel range di 1

1
2
Onda 2 non può eccedere l’inizio l’ inizio di onda 1

Le proporzioni

Onda 2
Onda 2 normalmente ritraccia tra lo 0,5% e lo 0,786% di onda 1
Onda 3
Onda 3 normalmente esprime l’ 1,618% di 1, se 3 non dovesse raggiungere l’1,618% sarà
lecito attendersi che sia la 5 ad estendere per l’1,618% di 1.
Onda 4
Onda 4 normalmente ritraccia tra lo 0,236 e lo 0,5 di Onda 3. Onda 4 normalmente
esprime il 100 % di 2.
Onda 5
Onda 5 normalmente esprime il 100% di prezzo di 1. Se Onda 3 non dovesse estendere
per l’1,618 di 1, allora sarà proprio Onda 5 a rispettare tale proporzione. Onda 5 esprime
spesso, anche lo 0,382 o 0,5 di estensione di tutta Onda 1-3.

Va sottolineato che all’interno di una sequenza impulsi, l’onda 3 o 5 che estenda almeno
l’1,618 di 1, prende il nome di “onda estesa” e deve sempre essere presente all’interno del
ciclo. A livello puramente statistico l’onda estesa è la 3 per i mercati finanziari, la 5 nei
mercati delle commodities.

110
Casi particolari

Due casi particolari che non rientrano negli schemi finora proposti, ma che offrono
possibilità operative sono i cosiddetti “triangoli diagonali” e “fallimenti di onda 5”

Il triangolo diagonale
Il Triangolo diagonale si presenta spesso all’interno delle onde B e 5. Tale configurazione
è spesso difficilmente riconducibile ai modelli proposti finora e anche le regole, dettate ai
fini della corretta comprensione del pattern, possono essere, in questo caso, violate senza
che la validità della struttura venga meno.

(5)
Stop-Loss
5
3
1
(3)
5
b 4
Sell
a 2
3
c
(4)
(1)
5 4

b 1
3

1 a 2
4
c (2)
2

Come si evince dal grafico, se osserviamo il solo grado inferiore di onda 5, evidenziato in
rosso, le regole relative all’estensione di Onda 3, mai la più corta, o Onda 4 magari, che si
è detto non poter entrare all’interno del range di Onda 1, vengono puntualmente smentite.
La configurazione grafica che ne deriverà sarà comunque, un modello a cinque onde, di
forma molto simile a quella prevista per un cuneo (wedge), ma con implicazioni
drasticamente ribassiste. Si procederà pertanto alla vendita, sulla violazione di 4:(5) con
stop-loss immediatamente sopra il massimo di (5). La sostanziale differenza tra questo
specifico modello ed il più tradizionale cuneo, sta nella velocità e profondità del ribasso
che, normalmente segue questo tipo di configurazioni. Stesso dicasi per le fasi correttive
B.

111
Triangolo diagonale di B
Stop-Loss
c:B
a
Sell

Fallimento di Onda 5

Il fallimento di Onda 5 rappresenta il completamento di una struttura a cinque onde,


rispettosa delle regole finora poste, senza che tuttavia vengano generati nuovi massimi
rispetto a Onda 3. Come per i triangoli diagonali, i fallimenti di Onda 5 hanno implicazioni
drasticamente ribassiste. I segnali tecnici che possono far presupporre ad un fallimento di
Onda 5 , sono rappresentati da una correzione 4, particolarmente profonda rispetto a 3 (di
onda 4 si è detto ritracciare solitamente appena lo 0,236% - 0,5% di onda 3) ed il
completamento di una sotto-struttura a cinque onde, senza che, appunto, vengano
raggiunti nuovi massimi. Operativamente procederemo alla vendita sulla violazione di 4:(5)
ed implementeremo sulla violazione di (4), stop-loss immediatamente sopra il massimo di
5:(5).

3
5 Stop-Loss
55
3
b
3
a
4 Sell
1
5 4 1

b 1 c 2
3 4
Sell +1
1 a 2
4
c2
2

112
(Cap 12) Le tecniche di proiezione di prezzo

Le tecniche di proiezione di prezzo, comprare sui minimi e vendere


sui massimi

I Ritracciamenti interni ed esterni

Qualcuno avrà pensato che durante l’esposizione delle figure di compressione come i
triangoli, i cunei, o lo stesso testa e spalle non sono state fornite indicazioni sulle modalità
di calcolo dei possibili target raggiungibili, successivamente al breakout. C’è un motivo. La
tendenza generale è quella che prevede l’attribuzione di un atteggiamento statico e
ripetitivo da parte del mercato. Asserire, ad esempio, che il target di un testa e spalle,
violata la neck-line, sia uguale alla differenza tra la testa e la spalla piuttosto che l’intera
estensione della testa, potrebbe risultare riduttivo. Ecco che le tecniche che ci accingiamo
ad approfondire, ci metteranno in condizione di valutare in modo dinamico i più probabili
target di qualsiasi modello, sia esso un triangolo, un testa e spalle, un’onda 3
naturalmente o un qualsiasi swing direzionale non meglio etichettabile. Il primo e forse più
diffuso strumento di proiezione a nostra disposizione è il ritracciamento interno, che cosa
si intende per ritracciamento interno ?
Pensiamo ad un qualsiasi swing rialzista o ribassista A – B senza che lo si debba
necessariamente far corrispondere ad alcun modello specifico. Bene, proiettare i possibili
supporti (resistenze) dal pivot generato sui massimi (minimi) usando il ritracciamento
interno significa:
1) Misurare l’ampiezza del movimento A – B
2) Proporzionare tale ampiezza con i coefficienti forniti dalla serie numerica di
Fibonacci
3) Proiettare i risultati ottenuti dal massimo (minimo) generato

113
B
Ritracciamento interno

0,382

0,5

0,618

0,786
A

I coefficienti maggiormente usati nei ritracciamenti interni sono

0,236 – 0,382 – 0,5 – 0,618 – 0,707 - 0,786


in grassetto i più importanti.
I ritracciamenti interni sono quelli compresi tra il 23,6 % ed il 100%.

Ciò che otterremo saranno quattro, cinque livelli di prezzo che, con buona probabilità
forniranno un supporto (resistenza) alla discesa (salita) dei prezzi. Vediamo qualche
esempio pratico:

114
Il 24 luglio 02, il titolo Merloni, genera un minimo a 8,51 €, esattamente in coincidenza
dello 0,382 di ritracciamento interno all’intero swing rialzista 21 settembre 01- 25 giugno
02.

115
Il 19 gennaio 01 il Fib30 genera un massimo a 45575, esattamente in coincidenza del 50%
di ritracciamento interno allo swing ribassista 17 novembre 00 – 3 gennaio 01.

116
Il Fib30 ha più volte trovato resistenza in coincidenza dello 0,382 di ritracciamento interno
(33385), allo swing ribassista di medio periodo tracciato dai massimi a 49015 fino ai
minimi del 21 settembre 01 a 23725. Da notare che, se lo 0,382 ha assunto valenza di
resistenza, lo 0,236, durante la successiva fase ribassista ha offerto il più significativo
livello di supporto.

Telecom ha generato un massimo di periodo a 8,62 €, in coincidenza dello 0,618 di


ritracciamento interno allo swing ribassista compreso tra 9,32 €, massimo del 16 maggio
02 e 7,49 €, minimo del 3 luglio 02.

117
L’ euro ha generato un massimo di periodo nei confronti del dollaro il 03 gennaio 01, a
0,957 in coincidenza dello 0,5 di ritracciamento interno allo swing ribassista compreso tra i
massimi del 15 ottobre 99 ed i minimi del 16 ottobre 00.

Potremmo continuare a fornire esempi di questo tipo “ad infinitum” e su qualsiasi


strumento finanziario, attraverso qualsiasi time-frame, ma sarebbe del tutto superfluo.
Avrete certo capito che è sufficiente considerare un qualsiasi swing per ottenere potenziali
soglie di supporto e resistenza molto precise, tuttavia un lettore attento, potrebbe muovere
un obiezione:
considerando anche il grafico USD / EUR, il quale mostra numerosi livelli di massimo
relativo utili alla proiezione dei ritracciamenti, com’è possibile sapere in anticipo quale sarà
lo swing che fornirà la proiezione corretta ?

118
La risposta è semplice…..non possiamo saperlo !
Prima di approfondire questa tematica, che definirei critica, sarà utile fornire l’assunto sul
quale si basa tutta l’analisi di proiezione che stiamo esponendo.

Ogni futuro minimo o massimo che il mercato saprà generare sarà in qualche modo
proporzionato matematicamente a passati swing, a noi noti, sia in termini di prezzo che di
tempo
(W.D.Gann)

Ecco che allora:


1) Le proporzioni che adotteremo saranno indifferente per il prezzo e per il tempo,
quelle di Fibonacci
2) Non sapendo, a priori, quale swing scegliere, tra i tanti che inevitabilmente il
mercato genera, considereremo ogni swing utile alla nostra causa.

Risolto il problema delle proporzioni e della scelta degli swing, che tratteremo tutti con la
medesima importanza, rimane un ultimo decisivo problema da risolvere:

Dovendo considerare ogni swing offerto dal mercato come swing utile ai fini di proiezione
finiremo col trovarci una moltitudine di proiezioni. Quale, tra le tante, considerare affidabile
? certamente non tutte !
Vediamo come risolvere anche questa problematica attraverso l’incrocio di proiezioni.

119
L’incrocio di proiezioni

Il mercato certo non è lineare, pertanto se sarà possibile tracciare una proiezione da A a C
, sarà altresì possibile tracciare una proiezione da B a C interno al primo swing A C.

0,382
0,382
0,5
0,618 0,5

0,786
0,618
B
0,786

Otterremo come anticipato diverse soglie di prezzo, almeno otto, fornite dalle medesime
proporzioni, (0,382 – 0,5 – 0,618 – 0,786) tracciate da swing diversi, (AC contro BC)
esattamente come esposto in precedenza. A questo punto non dovremo far altro che
eliminare quelle proiezioni che risulteranno essere “isolate”, rispetto a quelle che, usando
molteplici swing, offrono livelli di prezzo molto simili in termini di prezzo. Nel grafico sopra
riportato, i due 0,382 sono molto vicini e quindi da considerare utili, lo 0,5 e lo 0,786 dello
swing B – C rimangono isolati e quindi andranno eliminati, lo 0,5 dello swing A – C invece
mostra valori molto simili allo 0,618 dello swing B – C, pertanto, verrà mantenuto. In ultimo
lo 0,786 dello swing A – C, anch’esso decisamente eliminabile in quanto isolato. Il
risultato, tra le tante proiezioni ricavate, ben otto, è il seguente :

120
C

0,382
0,382

A 0,618 0,5

I due rettangoli, risultato dell’incrocio di diverse proiezioni, sono i due e solo due, livelli di
supporto significativo da considerare utili a fini speculativi. Quindi anche l’ultimo quesito
posto è stato risolto, vediamo qualche esempio pratico , magari partendo proprio dal
grafico che ha offerto la problematica discussa, USD/EUR

121
Nel grafico del USD/EUR, abbiamo ritracciato internamente i tre swing ribassisti, compresi
tra i tre massimi decrescenti ed il minimo assoluto del 26 ottobre, ottenendo tre livelli di
prezzo molto vicini. 0,958 quale ritracciamento interno dello 0,5 allo swing etichettato con
1. 0,958 (identico) quale ritracciamento interno dello 0,618 allo swing etichettato con 2.
0,953 quale ritracciamento interno dello 0,707 allo swing etichettato con 3. Tutte le altre
proiezioni ottenute, sono state eliminate. Del fatto che fossero assolutamente slegate l’une
dalle altre, date fiducia a chi scrive. Vediamo un altro esempio sul Fib30

Questa volta proviamo a lasciare tutte le proiezioni fornite dai ritracciamenti di Fibonacci.
Risulta piuttosto evidente che pur considerando solo due swing (51335-42055 e 49015-
42130) tutte le proiezioni ottenute sono piuttosto slegate tra loro, tutte tranne due, lo 0,5 di
ritracciamento interno allo swing 49015-42130 e lo 0,382 di ritracciamento interno allo
swing 51335-42055 che forniscono rispettivamente 45575 e 45600. Nel grafico è visibile
anche la sovrapposizione dei colori, rosso e nero, delle due proiezioni. Bene, il massimo
assoluto del Fib30 è stato registrato il 19 gennaio 01, guarda caso a 45575.

122
Indicazioni operative

Chiameremo per convenzione queste aree di prezzo, risultanti di n proiezioni, RoC,


reversal or continuation.
Una RoC risulterà tanto più affidabile quanti più swing verranno utilizzati per proiettare la
RoC stessa. A fini operativi procederemo all’acquisto o alla vendita contemporaneamente
al raggiungimento della RoC. Lo stop-loss verrà posizionato esattamente un tick, sopra
(sotto) l’area di resistenza (supporto) ottenuta, che essendo del resto, per definizione
molto ridotta, ci esporrà a perdite decisamente esigue. Una RoC rappresenta sempre un
livello di prezzo determinate per il mercato, pertanto, il fatto che si assista ad una facile
violazione della stessa, non va interpretato come un errore nella determinazione dell’area
di prezzo, bensì come capacità del mercato di proseguire nella medesima direzione, fino
alla successiva soglia di resistenza / supporto individuata.

Violazione = Continuazione

Non è da escludere poi che, la RoC individuata quale soglia di resistenza o supporto, una
volta violata assuma rispettivamente valenza di supporto o resistenza.
Tornando al modello elliottiano, possiamo allora pensare di condurre un’analisi congiunta
tra pattern e prezzo proprio attraverso i ritracciamenti interni. Ecco che l’esaurimento
dell’onda 2 sarà ricavabile attraverso il ritracciamento interno dell’intera onda (1), onda 3-5
: (1) e magari della sola 5:(1). Stesso dicasi per l’individuazione del target di Onda 4,
ricavabile attraverso il ritracciamento interno di Onda 1-3, Onda 3 e tutti i gradi inferiori.

123
Attraverso l’uso del ritracciamento interno, abbiamo quindi risolto tutti i problemi di
proiezione di prezzo, interni ad un qualsiasi swing direzionale. Come procedere allora,
dovendo identificare soglie di prezzo altrettanto significative, ma esterne allo stesso swing
direzionale ?

Il ritracciamento esterno

I ritracciamenti esterni seguono la stessa logica dei ritracciamenti interni, semplicemente


considereremo, tutti quei coefficienti che eccedono il 100% di ritracciamento.
Le più importanti proporzioni di Fibonacci, applicabili a questo tipo di proiezione sono:

1,272 1,618 2 2,618 4,236

In grassetto le più frequenti


Per ottenere proporzioni ancora più estese sarà sufficiente moltiplicare un qualsiasi
coefficiente per 1,618, ad esempio,

4,236 X 1,618 = 6,86

B
Ritracciamento esterno

A 100%

1,272

1,618

2,618

In termini di affidabilità dei risultati ottenuti, procederemo in modo analogo a quanto visto
in precedenza. Incrociati n swing attraverso il ritracciamento esterno, conserveremo i livelli
di prezzo che formeranno la nostra RoC, eliminando i restanti.

124
L’incrocio di proiezioni

B
1,272
A

1,618 1,272

1,618
2

2
2,618
2,618

Risultato:

B
A

1,618 1,272 RoC 1

1,618
2 RoC 2

125
Qualche esempio pratico:

Il 24 Aprile 02, Eni genera un massimo di periodo a 17,29 €, esattamente in coincidenza


del ritracciamento esterno dell’1,618 all’intero swing ribassista compreso tra, massimo del
30 agosto 01 e minimo del 21 settembre 01.

126
Seguendo la stessa logica precedentemente descritta, troveremo che il massimo di
periodo registrato da Eni, è risultato dell’incrocio di due ritracciamenti esterni, il primo
dell’1,618 ed il secondo del 2,618, relativamente ai due swing evidenziati in blu sul grafico.
A questo punto abbiamo a disposizione due tecniche di proiezione di prezzo che,
separatamente o congiuntamente possono fornire livelli di supporto e resistenza, definiti
RoC, piuttosto affidabili.

Le proiezioni direzionali PD

Finora sono state esposte due tecniche di proiezione di prezzo, il ritracciamento interno ed
esterno, certamente piuttosto efficaci, ma palesemente limitanti, relativamente alla sola
possibilità di operare in controtendenza allo swing selezionato. Se è vero che ogni futuro
massimo e minimo risultano essere proporzionati matematicamente, con precedenti
massimi e minimi a noi noti, perché allora non pensare di proporzionare anche quegli
swing che seguono la stessa medesima direzione ? Come fare ? Molto semplice, se finora
si è necessitato di due soli punti, un minimo ed un massimo, questa volta necessiteremo di
tre punti per dar vita a quella che prende il nome di Proiezione direzionale PD, e che,
risolverà definitivamente molti dei nostri problemi e limiti. Le modalità operative del resto
rimangono del tutto invariate, misurazione, proporzione e proiezione sono alla base di
questo nuovo strumento tanto quanto avveniva per i ritracciamenti.

127
1

0,618
B
0,5

0,382

Dato un qualsiasi swing non meglio etichettabile, A B C, otterremo la PD di A B,


misurando A B stesso, proporzionando secondo i soliti parametri, e proiettando i risultati,
questa volta attraverso il minimo posto in C.

1 (D)

0,618
B
0,5

0,382

Otterremo uno swing C D che sarà proporzionato allo swing A B. Nell’esempio grafico si
ipotizza che C D abbia espresso il 100% PD di A B.
Le più importanti proporzioni di Fibonacci, applicabili a questo tipo di proiezione sono:

128
0,382 0,5 0,618 1 1,272 1,618 2 2,618 4,236

In grassetto le più frequenti

Dimenticate per un attimo il grafico del titolo Eni poco fa esposto e proviamo a ricavare lo
stesso target rialzista questa volta attraverso una PD.

Il nostro obiettivo quindi è calcolare il possibile esaurimento del trend rialzista in atto,
misurando e proporzionando A B a noi noto, e proiettando i risultati dal minimo posto in C,
per ottenere D. Il risultato è il seguente:

129
Il massimo di periodo segnato da Eni è esattamente pari all’1,272 PD di tutto il movimento
rialzista compreso tra le lettere A e B, proiettato dal minimo in C. Naturalmente che si tratti
dell’1,272 di PD piuttosto che l’ 1 o l’1,618, possiamo affermarlo ora, dopo i fatti. Tuttavia
seguendo la stessa logica di incrocio di proiezioni, che tipo di risultato avremmo ottenuto
utilizzando, prima dei fatti, sia la PD che i ritracciamenti ? Esattamente questo

130
Tutte le proiezioni non allineate sono state eliminate, rimangono soltanto, a formare la
nostra RoC, i ritracciamenti esterni dell’1,618 e 2,618 e la PD dell’1,272, che questa volta,
sappiamo dover mantenere a discapito delle altre, prima dei fatti. Sull’eventuale
raggiungimento della RoC, procederemo a vendere con stop & reverse 1 tick sopra i
massimi proiettati.

131
Le proporzioni

Onda 3 normalmente esprime il 161,8% Pd di 1, se 3 non dovesse raggiungere il 161,8%


sarà lecito attendersi che sia la 5 ad estendere per il 161,8% Pd di 1
Onda 4 normalmente esprime il 23,6 % o il 50% Pd di 2
Onda 5 normalmente esprime il 100%% Pd di 1, se 3 non dovesse raggiungere il 161,8%
sarà lecito attendersi che sia la 5 ad estendere per il 161,8% Pd di 1

Vediamo altri esempi pratici:

132
Il fib30 ha segnato il massimo storico a 51335 il giorno 7 marzo 2000, appena 165 punti
sotto la PD del 100% di Onda 3. Il movimento considerato è complessivamente di 20000
punti.

133
Anche Tim ha saputo delineare uno sviluppo a cinque onde piuttosto evidente. Il minimo di
onda 4 è stato segnato esattamente in coincidenza del 38,2% di ritracciamento interno di
Onda 3, mentre la PD della stessa Onda 3 avrebbe fornito, attraverso il 100%, la
proiezione del massimo storico a 15 €.

A questo punto tutte le tessere del mosaico sono al loro posto, non dovrete far altro che
incrociare gli strumenti forniti dall’analisi tecnica classica (trend-line, figure di
compressione, congestioni, etc etc) con le nuove tecniche di proiezione di prezzo e
naturalmente, anche attraverso la bar-strategies.

134
(Cap 13) Le opzioni come strumento di copertura e speculazione

Definizioni generali
Le Opzioni rappresentano forse l’elite degli strumenti finanziari, le possibilità offerte da
strumenti tanto evoluti sono pressoché illimitate, consentono infatti l’apertura di strutture
autonome o funzione di un portafoglio già in essere, sia a scopi speculativi che a scopi di
copertura. Ogni struttura finanziaria basata su opzioni consente inoltre azioni di follow-up,
attuabili in qualsiasi momento, essendo ampia la gamma di opzioni quotate e
sufficientemente idonea la liquidità delle stesse. Esistono opzioni su qualsiasi tipo di
attività, indici e valute, titoli e commodities (caffè, cacao, canapa, grano, petrolio) per
arrivare fino alle opzioni sulla temperatura. Il più grande mercato al mondo dei derivati è il
CBOT (Chicago Board of Trade), dove vengono scambiate quotidianamente milioni di
opzioni, dall’aprile del 1973. In Italia la negoziazione di strumenti derivati ha preso avvio
nel 1994, quando è stato istituito l’ IDEM (Italian Derivates Market), mercato sul quale
vengono trattate in via telematica, opzioni sull’indice Mib30, denominate Opzioni MIBO e
su alcuni dei principali titoli azionari italiani, denominate Iso-Alfa. Ogni argomento che
verrà trattato in questo testo, se non diversamente specificato, è applicabile a qualsiasi
opzione quotata in qualsiasi mercato. Verranno comunque discusse in maniera più
approfondita, le opzioni attualmente scambiate sul mercato italiano.

Un’opzione, rappresenta per l’acquirente, la facoltà di acquistare o vendere una certa


quantità di attività finanziaria, attraverso un certo periodo di tempo. L’attività finanziaria in
questione è detta “sottostante” . Un’opzione Call conferisce la facoltà di acquistare il
sottostante, mentre un’opzione Put conferisce la facoltà di vendere il sottostante. Il prezzo
al quale il sottostante può essere acquistato o venduto è anche detto “prezzo d’esercizio”
o “strike price”. Questo diritto viene concesso all’acquirente, detto anche holder, dietro
pagamento di un premio da corrispondere al venditore, detto anche writer. Questo premio
costituisce il prezzo dell’opzione. Come detto, un’opzione conferisce la facoltà di
acquistare o vendere attraverso un certo periodo di tempo, pertanto ogni opzione avrà una
specifica scadenza
Per determinare univocamente un’opzione si renderà quindi necessario specificare 4
parametri:

1) Il tipo di opzione (Put o Call)


2) L’attività sottostante
3) La data di scadenza
4) Lo Strike-price (anche detto prezzo di esercizio o base)

Un esempio in questo senso può essere una “Call xyz 20 Dicembre” ovvero la facoltà di
acquistare (Call) 1000 azioni xyz (sottostante e relativo quantitativo) al prezzo di 20 € per
azione (strike price) entro o alla scadenza di dicembre.

Opzioni di tipo europeo e americano

Un aspetto fondamentale delle opzioni è relativo alla facoltà di esercizio. Laddove si parli
di opzioni di tipo europeo, la facoltà di acquistare o vendere il sottostante, sarà esercitabile
solo e soltanto alla scadenza. Laddove si parli di opzioni di tipo americano, la facoltà di
acquistare o vendere il sottostante, sarà esercitabile in qualsiasi momento compreso tra la
stipula del contratto e la scadenza. Nel mercato italiano le opzioni su indice (Mibo) sono di
tipo europeo, mentre le opzioni su singoli titoli azionari (Iso-alfa) sono di tipo americano. A

135
prescindere dal fatto che si parli di opzioni di tipo europeo o americano, chiunque
conserva la facoltà di rivendere in qualsiasi momento, l’opzione stessa sul mercato, anzi, è
proprio secondo questa modalità che la maggior parte delle opzioni trattate sul mercato
vengono liquidate.

Opzioni “In the money” “At the money” “Out of the money”

Opzioni “In the money”


Si dice di un’opzione il cui valore del sottostante risulti superiore o inferiore, a seconda che
si consideri rispettivamente un’opzione call o put, al prezzo d’esercizio dell’opzione stessa.
Opzioni “At the money”
Si dice di un’opzione, indifferentemente Call o Put, il cui valore del sottostante risulti
identico al prezzo d’esercizio dell’opzione stessa.
Opzioni “Out of the money”
Si dice di un’opzione il cui valore del sottostante risulti inferiore o superiore, a seconda che
si consideri rispettivamente un’opzione call o put, al prezzo d’esercizio dell’opzione stessa.

Le scadenze

Le scadenze delle opzioni sono sia mensili che trimestrali (marzo, giugno, settembre,
dicembre). In ciascuna seduta di contrattazione sono contemporaneamente quotate la
scadenza mensile più vicina e le due scadenze mensili successive, nonché la scadenza
trimestrale più vicina e le due scadenze trimestrali successive, in ogni caso il giorno di
scadenza è sempre il terzo venerdì del mese relativo. I cicli di scadenza trimestrali delle
opzioni sono:

1) gennaio / aprile / luglio / ottobre


2) febbraio / maggio / agosto / novembre

oppure, ed è il caso delle nostre opzioni domestiche,

3) marzo / giugno / settembre / dicembre

Laddove il terzo venerdì di scadenza, i mercati dovessero essere chiusi, per una qualche
festività, sarà utile il primo giorno di contrattazione successivo.

Detto questo, dal glossario introduttivo, riprendiamo alcune utili definizioni relative alle
opzioni quotate sull’Idem:

Le opzioni Mibo30
Le opzioni sull’indice di Borsa Mib30, denominati contratti Mibo30 sono contratti uniformi a
termine con i quali una delle parti , dietro pagamento di un corrispettivo (premio), acquista
la facoltà di incassare una somma determinata come prodotto tra il valore assegnato
convenzionalmente a ciascun punto dell’indice e la differenza tra il valore dell’indice
stabilito alla stipula del contratto (prezzo di esercizio) e il valore assunto dall’indice a
scadenza.
Le opzioni si differenziano quindi dal contratto future sull’indice di Borsa Mib30 (Fib30) in
quanto, mentre questi fanno nascere un rapporto obbligatorio di compravendita al

136
momento della stipulazione dei contratti, le opzioni conferiscono all’acquirente la facoltà di
decidere se dar luogo o meno alla compravendita concordata. Ciò comporta che con il
contratto futures la perdita è tanto maggiore quanto maggiore è la variazione negativa del
prezzo, mentre con l’opzione la perdita massima risulta essere pari al premio. In sostanza
acquistare un ‘opzione significa assicurarsi una possibilità di guadagno potenzialmente
illimitata contro una perdita massima pari al premio pagato. Sono negoziati contratti
Mibo30 aventi scadenze mensili e scadenze trimestrali (marzo, giugno, settembre,
dicembre). In ciascuna seduta di contrattazione sono contemporaneamente quotate la
scadenza mensile più vicina e le due scadenze mensili successive, nonché la scadenza
trimestrale più vicina e le due scadenze trimestrali successive, per un totale di cinque
scadenze negoziate. Per ciascuna scadenza sono quotati almeno cinque prezzi di
esercizio, con intervalli di 500 punti indice (38500, 39000, 39500). Lo scarto minimo di
variazione previsto per tali contratti è di 1 per premi compresi tra 0 e 100 (34, 45, 51) 2 per
premi compresi tra 100 e 500 ( 222, 346, 484) e 5 per premi oltre i 500 (605, 515, 1025). Il
valore assegnato convenzionalmente a ciascun punto indice è pari a 2,5 € .
La formula per il calcolo del valore delle opzioni risulterà quindi,nel caso di un opzione che
valga 500 :
500 (punti mibo) * 2,5 € (valore assegnato) = 1250 €
L’acquisto di opzioni non prevede il versamento di alcun tipo di margine.
Le opzioni sull’indice di Borsa Mib30 sono di tipo Europeo ovvero il diritto acquisito dietro
pagamento del premio è esercitabile soltanto a scadenza, al contrario le opzioni di tipo
Americano possono essere esercitate in un qualsiasi momento compreso tra la stipula del
contratto e la scadenza dell’opzione stessa, un esempio di opzioni di tipo Americano sono
i contratti Iso alfa. Va sottolineato che la vendita allo scoperto delle opzioni,
contrariamente all’acquisto, espone l’investitore ad una perdita potenzialmente illimitata e
ad un guadagno massimo conseguibile pari al premio incassato dalla vendita stessa. Ciò
naturalmente comporta, da parte della banca competente, l’applicazione dei relativi
margini di garanzia.
Le opzioni Iso alfa
Le opzioni su singoli titoli azionari, denominati contratti Iso alfa, sono contratti uniformi a
termine con i quali una delle parti, dietro pagamento di un corrispettivo (premio), acquista
la facoltà di ritirare (call option) o di consegnare (put option), alla o entro la data di
scadenza, un certo quantitativo di titoli azionari a un prezzo stabilito (prezzo d’esercizio).
Il termine Iso alpha deriva dall’inglese Individual Stock Option e la lettera alfa generalizza il
nome dell’azione sottostante.
Per tutti gli strumenti finanziari derivati come il Fib30, Mibo30 e Iso-Alfa la controparte è la
Cassa di compensazione e garanzia.

137
I sei parametri che influenzano il prezzo delle opzioni

L’ opzione, si è detto, essere lo strumento finanziario forse più complesso, questo in forza
al numeroso insieme di parametri che ne determinano il prezzo. Tuttavia è possibile
stabilire una scala di priorità di questi parametri, da analizzare singolarmente e
progressivamente, in base alla specifica importanza.

1) Il prezzo dell’attività sottostante


2) Lo strike price dell’opzione
3) La vita residua dell’opzione
4) La volatilità del sottostante

5) Il tasso d’interesse vigente


6) I dividendi dell’attività sottostante

I primi quattro parametri sono i fattori determinanti, il primo dei quattro è addirittura il più
importante in assoluto, questo perché se il prezzo del sottostante risulta essere molto al di
sopra o molto al di sotto dello strike price, le altre componenti assumono una rilevanza
assolutamente trascurabile.

I sei parametri influenzano due valori


Il valore temporale ed il valore intrinseco delle opzioni

Ogni opzione è sempre espressione di due valori, valore intrinseco e valore temporale. Il
valore implicito di un opzione coincide con la differenza, tra il sottostante e la base, per le
opzioni call “in the money”, tra la base ed il sottostante per le opzioni put “in the money”.
Le opzioni “at the money” o addirittura “out of the money” hanno valore implicito pari a
zero. Ciò che non è valore implicito è funzione dei giorni di vita residui e prende appunto il
nome di valore temporale. Ne consegue che:

1) A scadenza, il prezzo dell’opzione coincide con il valore implicito. Il valore


temporale è pari a zero
2) A scadenza, un opzione che non sia “in the money” vale zero.
3) Un’opzione, con n giorni di vita residua, che non sia “in the money” è solo funzione
del valore temporale, il valore implicito è pari a zero.
4) Un opzione “in the money” con n giorni di vita esprimerà un prezzo, somma del
valore implicito e del valore temporale

Ipotizziamo di essere a scadenza, osserviamo le tabelle di seguito riportate:

138
Valore xyz Valore Call xyz 20 a scadenza

10 0

14 0

18 0

20 0

22 2

26 6

Valore xyz Valore Put xyz 20 a scadenza

10 10

14 6

18 2

20 0

22 0

26 0

Graficamente possiamo esprimere questo concetto attraverso quella che prende il nome di
“linea del valore implicito”. E’ una linea che mostra un utile, solo nel momento in cui il
valore dell’attività sottostante, raggiunge il prezzo d’esercizio dell’opzione stessa.

139
Valore intrinseco Call

Strike

Prezzo sottostante

Valore intrinseco Put

Strike

Prezzo sottostante
I grafici sopra riportati, sono certo esaustivi del concetto di valore implicito, ma non
possono rappresentare la reale curva del prezzo di un opzione che abbia ancora n giorni
di vita. Osserviamo allora i grafici sottostanti, che risultano essere somma del grafico del
valore implicito e temporale:

140
Valore Opzione Call

Strike

Prezzo sottostante

Valore Opzione Put

Strike

Prezzo sottostante

Graficamente, il valore temporale dell’opzione è dato dall’area compresa tra, la curva del
prezzo e la linea del valore implicito. La curva del prezzo dell’opzione, inizialmente
funzione del solo valore temporale, tende progressivamente ad avvicinarsi alla linea del
valore implicito. Si evince del resto come, passando dall’ ”in the money” al “deeply in the

141
money, il valore temporale, a prescindere dal numero di giorni di vita residua, tenda a
scemare proprio a favore del valore implicito. Possiamo quindi asserire che:

1) un’opzione “deeply in the money” è espressione del solo valore implicito. Il valore
temporale è zero.
2) Un’opzione deeply out of the money vale zero

Estrapoliamo questi concetti attraverso esempi pratici:

Prezzo XYZ Prezzo Call XYZ 20 Dic


Premio Valore temporale Valore implicito
16 2 2 0
18 3 3 0
20 4 4 0
24 6 2 4
29 10 1 9
32 12 0 12

Vediamo altri esempi su opzioni Mibo

10 ottobre, Indice Mib30 32000


Opzione Premio Valore temporale Valore implicito
Call 34000 Dic 840 840 0
Call 31000 Dic 1850 850 1000
Call 28000 Dic 4000 0 4000
Call 39000 Ott 0 0 0
Call 31500 Ott 750 250 500
Call 34000 Ott 190 190 0

142
16 ottobre, Indice Mib30 33500 , due giorni alla scadenza, stesse opzioni
Opzione Premio Valore temporale Valore implicito
Call 34000 Dic 1650 1650 0
Call 31000 Dic 3000 500 2500
Call 28000 Dic 5500 0 5500
Call 39000 Ott 0 0 0
Call 31500 Ott 2050 50 2000
Call 34000 Ott 120 120 0

Da notare come la call 34000 ottobre, opzione OTM, quotata 190 il 10 ottobre, nonostante
un rialzo del 4.5% del sottostante, abbia comunque perso il 36% del suo valore. Questo
risultato è effetto del decadimento temporale delle opzioni, fenomeno sempre presente,
ma particolarmente spiccato all’avvicinarsi della scadenza. Questo è uno dei motivi per cui
molti operatori preferiscono vendere opzioni piuttosto che acquistarle.

Decadimento temporale del prezzo

Il decadimento
temporale risulta
particolarmente
accentuato nelle
ultime settimane di
vita

9 7 5 1

Mesi di vita residua

143
Considerando che l’80% degli investitori privati acquista opzioni anziché venderle, e
predilige le più economiche OTM, , quindi espressione del solo valore temporale, questo
aspetto riveste una certa importanza. Il decadimento del prezzo è un fattore determinante
nella speculazione in opzioni e non è lineare. Significa che la capacità di un’opzione di
perdere valore non è costante o ricavabile attraverso il semplice rapporto prezzo / giorni
residui. Il decadimento del prezzo risulterà quasi impercettibile, a parità di condizioni, nel
caso di opzioni con n mesi di vita residua, pressoché drastico nel caso di opzioni vicine
alla scadenza . Il tasso di decadimento temporale del prezzo è relativo alla radice
quadrata del tempo che rimane, pertanto un’opzione con 3 mesi di vita, perde valore in
misura doppia rispetto ad una con 9 mesi. Come mostrato nella tabella sopra riportata
(Call 34000 Ott) anche un movimento favorevole dei prezzi potrebbe non bastare per non
assistere ad un inevitabile deprezzamento. Questo aspetto non può e non deve essere
sottovalutato, molti trader pensano di poter acquistare un’opzione notevolmente out of the
money, perché attratti dal basso costo dell’opzione e dalla contestuale possibilità di
partecipare al movimento del mercato. La verità è che acquistare un’opzione, pagandola
2500 € è di fatto meno rischioso rispetto all’acquisto di un’opzione che costi 50 € in quanto
out of the money del 15%. Nel primo caso l’investitore potrà conseguire indifferentemente
un utile o una perdita, nel secondo caso solo una perdita. Certo, può capitare che il
mercato esprima una direzionalità importante in un lasso di tempo relativamente ridotto, si
pensi a chi avesse deciso, nel settembre del 2001, con l’indice Mib30 a 33000, di
acquistare Put 23000, pagandole 20, 40 €. Il 21 settembre del 2001 quelle stesse opzioni
valevano almeno 1500 €, un ottimo affare certamente, ma queste rappresentano solo
eccezioni e certamente non la regola.

La volatilità

Prendiamo due titoli del Mib30 che abbiano scambiato nella stessa seduta lo stesso
prezzo, Generali ed STM, 22€ per azione. Prendiamo due opzioni su detti titoli che
abbiano le medesime caratteristiche, stessa scadenza, stesso strike. Si potrebbe allora
pensare che

Premio Call Generali = Premio Call STMicro

Naturalmente no. La call su STM chiederà un premio di gran lunga superiore a quello
scambiato dalla corrispettiva call su Generali. Se ci pensate è giusto ed ovvio, titoli come
STM hanno una capacità di muoversi oltre certe soglie di prezzo, in breve tempo, che titoli
difensivi come Generali, Eni, Enel, non hanno. Le maggiori probabilità quindi, di vedere la
propria opzione “in the money” viene pagata attraverso il premio. Questa capacità di
muoversi più o meno rapidamente oltre certe soglie prende il nome di volatilità. La volatilità
può essere misurata in diversi modi, ma è consuetudine applicare quella storica ad un
anno, cioè la distanza percentuale dal valore medio delle chiusure del titolo nell’arco di un
anno. A parità di condizioni e con molti mesi di vita residua, un apprezzamento o
deprezzamento significativo nel prezzo di un’opzione, può essere imputato proprio alla
variazione della volatilità. Presupponendo che sui mercati finanziari ci sia un’alternanza
della volatilità, si tende a vendere l’opzione allo scoperto durante fasi fortemente
direzionali e ad acquistare in fasi di congestione, auspicando la ripresa del movimento.
(Questo tipo di atteggiamento è tecnicamente corretto, ma va sempre coadiuvato da
analisi e stop-loss).

144
Le greche delle opzioni

Alcuni di voi probabilmente avranno sentito parlare delle cosiddette “greche” delle opzioni,
che cosa sono e a che cosa servono ? in linea generale, una greca misura la variazione
del prezzo di un’opzione, al variare di una unità del parametro considerato (sottostante,
volatilità, vita residua….).

Il Delta

Il delta, anche noto come “hedge ratio” è la derivata prima del prezzo dell'opzione rispetto
al prezzo del sottostante. Graficamente può essere rappresentata e misurata attraverso
l’inclinazione della tangente alla curva del prezzo dell’opzione.

Delta di un’opzione

Prezzo sottostante

Il delta misura i cambiamenti del prezzo dell'opzione ad una data variazione del
sottostante. Se ad esempio il delta di una call è 0.6183, vuol dire che se il prezzo del titolo
sale di 1, allora la call salirà di 0.6183. Al contrario se si tratta di una put, allora questa
scenderà di 0.6183. Il delta di una call option è positivo e compreso tra 0 e 1, il delta di
una put option è negativo e compreso tra 0 e -1. Del delta delle opzioni va specificato che:

1) un opzione “deeply out of the-money” ha un delta vicinissimo allo zero, perchè non
è molto sensibile ai cambiamenti del sottostante. Nel caso invece di un'opzione
“deeply in the money”, le opzioni hanno un delta molto vicino a +1 o a -1.
2) Un’opzione “at the money” 0,5 < delta < 0,62
3) Un’opzione “at the money” long term può avere anche un delta superiore a 0,6.
4) Più alto è il delta, e più l'opzione sarà sensibile ai cambiamenti del prezzo del
sottostante, e quindi maggiori saranno i guadagni o le perdite derivanti dalla
posizione assunta.

145
Il delta naturalmente varia continuamente al variare del prezzo del sottostante, pertanto è
logico assumere che in ogni momento esista uno ed un solo delta, tuttavia a livello pratico,
si considera che, un’opzione che abbia un delta pari a 0,5, debba apprezzarsi di 0,5
all’apprezzarsi di 1 del sottostante. L’opzione si apprezzerà invece di 0,6 . Perché ? lo
abbiamo detto, perché il delta varia continuamente, questa differenza di apprezzamento,
0,1, prende il nome di Up-delta e Down-delta nel caso opposto.

GAMMA
Il gamma è la derivata seconda del prezzo dell'opzione rispetto al prezzo del sottostante,.
Indica quanto rapidamente il delta cambierà ad una variazione del prezzo del sottostante.
Un gamma molto piccolo, è sinonimo di un delta che risponderà lentamente alle variazioni
del prezzo. Del gamma delle opzioni va specificato che:

1) le opzioni “deeply out of the-money” o “in-the-money” hanno un gamma vicino allo


zero, perchè non sono sensibili a cambiamenti del sottostante.
2) le opzioni “at the money” con scadenza ravvicinata hanno un gamma elevato.
3) un gamma basso, è sinonimo di scarsa reattività del delta. Un gamma alto, è
sinonimo di elevata reattività del delta.

VEGA
Il Vega è la derivata del prezzo dell'opzione rispetto alla volatilità, e misura quindi la
variazione di prezzo dell’opzione al variare della volatilità. Se ad esempio il vega di una
call option è pari a 0,32, allora vuol dire che se la volatilità cambia dell'1%, il valore
dell'opzione varierà proprio di 0,32. Del vega delle opzioni va specificato che:

1) le opzioni “deeply out of the money” o “in the money” hanno un vega basso, perchè
non sono sensibili a cambiamenti della volatilità.
2) le opzioni at-the-money con vita residua estesa hanno un vega elevato.
3) un vega basso, è sinonimo di scarsa reattività del prezzo dell’opzione al variare
della volatilità. Un vega alto, è sinonimo di elevata reattività del prezzo dell’opzione
al variare della volatilità

THETA
Il Theta è la derivata prima del prezzo dell'opzione rispetto al tempo, cioè alla vita residua
e misura quindi i cambiamenti attesi nel valore dell'opzione per un dato cambiamento del
tempo alla scadenza. Il theta di un'opzione si esprime solitamente attraverso una stima
annuale, ed è necessario quindi dividerla per 365 per ottenere il rispettivo valore
giornaliero. Ha un valore quasi sempre negativo.

RHO
Il rho è la derivata prima del prezzo dell'opzione rispetto al tasso d'interesse. Misura i
cambiamenti attesi nel valore dell'opzione a determinate variazioni del tasso.

146
Le strategie
Le opzioni vanno vendute o acquistate ?
Se la risposta dovesse essere necessariamente univoca, non avremmo dubbi…..vendute.
La verità tuttavia, come spesso accade, si trova nel mezzo, ci sono situazioni in cui è
preferibile acquistare, altre in cui è preferibile vendere, a volte si rende poi necessario
operare contestuali acquisti e vendite. Approfondendo l’argomento strategie, penso che
finirete col trovarvi d’accordo.
Laddove non venga specificato diversamente, le strategie applicabili alle opzioni su indice,
risultano perfettamente applicabili anche alle opzioni su singoli titoli.
Le strategie in opzioni possono essere raggruppate all’interno di due grandi branche, le
strategie di volatilità e le strategie di direzionalità. Le prime sono strategie basate su
un’aspettativa di stabilità dei prezzi, in altre parole, l’investitore conseguirà un utile se i
prezzi dovessero rimanere relativamente invariati, per un periodo di tempo, più o meno
esteso. Le strategie di direzionalità, al contrario, conducono l’investitore ad un utile se i
prezzi, dovessero esprimere una variazione significativa. In altre parole, potremmo quindi
ricondurre le strategie di volatilità, alle operazioni di vendita delle opzioni, le strategie di
direzionalità, alle operazioni di acquisto di opzioni. Non lasciatevi affascinare da strategie
con nomi esotici o apparentemente, così complesse, da non poter garantire un utile. Le
migliori strategie a volte sono proprio le più semplici, e comunque sempre, quelle che si
adattano alla vostra specifica situazione. Il bello delle opzioni è proprio questo, potrete
spostare, cambiare, implementare la posizione, progressivamente, in base alle condizioni
offerte dal mercato.
Difficile definirla “strategia”, anche se in alcuni casi può diventarlo, ma il semplice acquisto
di una call o di una put, è il primo e più frequente, a volte anche più remunerativo,
approccio alle opzioni.

Per semplificare la comprensione delle strategie proposte, verranno utilizzati, negli


esempi, prezzi ricorrenti e non necessariamente aderenti alle reali quotazioni di mercato.

Call Buying
Perché acquistare un’opzione Call ?
1) Per speculare sul possibile rialzo attraverso uno strumento con elevato effetto leva
e rischio limitato al solo premio pagato. Caio ritiene che il titolo xyz debba passare
dagli attuali 15 € per azione a 18 € per azione. Decide di acquistare una Call 17
pagando 0, 20 € di premio, il sottostante sono 1000 azioni, quindi il capitale
investito ammonta a 200 €. Dopo due settimane xyz raggiunge i 18 € per azione,
realizzando una performance del 20%. Contestualmente la Call xyz 17, scambia 1.1
contro gli 0,2 pagati, cioè una performance di oltre il 500%. Caio può decidere di
esercitare la facoltà di acquisto, ritirando 1000 azioni xyz al prezzo di 17 € per
azione o rivendere l’opzione incassando 1.1 € di premio per 1000 azioni sottostanti,
pari a 1100 € contro i 200 investiti.
2) Per bloccare il prezzo di mercato
Caio ritiene che il titolo xyz debba passare dagli attuali 15 € per azione a 18 € per
azione. Al momento purtroppo, gran parte della sua liquidità risulta investita in titoli di
stato con scadenza a 3 mesi, il rischio è quello di recuperare la disponibilità quando
ormai il titolo avrà già espresso il rialzo auspicato. Come fare ? Caio decide di
acquistare n Call xyz 15 al prezzo di 0,3 €, sottostante 1000 azioni per lotto, scadenza
4 mesi. Dopo tre mesi Caio recupera la disponibilità vincolata in titoli di stato, mentre

147
nel frattempo il titolo scambia sul mercato 18, 5 € per azione. Con la liquidità, ora
disponibile, Caio esercita la facoltà di acquistare i titoli a 15 € come auspicato.

3) Per diversificare il rischio


Se Caio è un investitore particolarmente prudente, propenso ad a acquistare solo titoli
difensivi, potrà decidere di investire gran parte della sua liquidità in detti titoli attraverso
l’acquisto diretto sul mercato, e diversificare il suo portafoglio attraverso l’acquisto di
opzioni su titoli molto più volatili. Se il rialzo auspicato non dovesse presentarsi, Caio
avrà perso il premio pagato in opzioni, se il rialzo dovesse al contrario realizzarsi, Caio
aggiungerà al suo portafoglio, una discreta performance attraverso le opzioni
acquistate. Un esempio di questo tipo sul mercato italiano, è dato dall’investitore che,
in ottica cassettista, acquista azioni Eni o Enel ed in certe fasi diversifica attraverso
l’acquisto di opzioni su titoli come Tim, Mediaset, STMicroelectronics.

O
p
t
i
o
n Max. Loss

P 3
r 5
i +600 0
c 0
+400
e 0
+200
35600
0
Market Price
-200
-400 Break-even
-600

Capital exposure: 600 Pt.


Max Profit: illimitato
Break-even Point: 35600

Il grafico riporta l’acquisto di una opzione Mibo Call 35000 pagata 600. Si evince
facilmente che 600 rappresenta la massima esposizione di capitale, a prescindere

148
dall’andamento dei corsi, che il break-even è dato dalla base dell’opzione più il premio
pagato, 35600, e che il guadagno è potenzialmente illimitato.

Call Write

O
p
t
i Max. Profit
o
n+600

P 3
r +400 5
i 0
c 0
+200 Break-even
e 0
35600
0
Market Price

-200

-400 Capital exposure: illimitato


Max Profit: 600
-600 Break-even Point: 35600

Il grafico riporta questa volta, la vendita allo scoperto della stessa Mibo Call 35000, premio
incassato 600. Si evince facilmente che 600 rappresenta il massimo guadagno comunque
conseguibile, che il break-even è dato dalla base dell’opzione più il premio incassato,
35600, mentre la perdita, risulterebbe potenzialmente illimitata.

149
Put Buying

O
p
t
i
o
n Max. Loss

P 3
r 5
i +600 0
c 0
+400
e 0
+200
34400
0
Market Price
-200
-400 Break-even
-600

Capital exposure: 600 Pt.


Max Profit: illimitato
Break-even Point: 34400

Il grafico riporta l’acquisto di una opzione Mibo Put 35000 pagata 600. Si evince facilmente
che 600 rappresenta la massima esposizione di capitale, a prescindere dall’andamento dei
corsi, che il break-even è dato dalla base dell’opzione meno il premio pagato, 34400, e
che il guadagno è potenzialmente illimitato.

150
Put Write

O
p
t Max. Profit 35000
i
o
n+600

P+400
r
i
c+200
e
34400
0
Market Price

Break-even
-200

-400

-600 Capital exposure: Illimitato


Max Profit: 600 Pt.
Break-even Point: 34400

Il grafico riporta questa volta, la vendita allo scoperto della stessa Mibo Put 35000, premio
incassato 600. Si evince facilmente che 600 rappresenta il massimo guadagno comunque
conseguibile, che il break-even è dato dalla base dell’opzione meno il premio incassato,
34400, mentre la perdita, risulterebbe potenzialmente illimitata.

151
Long Straddle
Il long straddle è un primo esempio di strategia direzionale. La parola “Long” naturalmente,
non è indicativa di strategia rialzista, ma bensì di strategia basata su acquisto di opzioni.
L’investitore che applichi questo tipo di strategia, ritiene che il mercato debba, entro la
scadenza, generare un movimento di una certa entità, indifferentemente nell’una, o
nell’altra direzione. Si procede quindi con l’operare un contestuale acquisto di opzioni Call
e Put aventi la stessa base. Il risultato è una struttura che offre possibilità di guadagno
potenzialmente illimitate sia al rialzo che al ribasso, con un costo totale pari alla somma
dei premi pagati e con break-even esattamente pari allo strike, più o meno, la somma dei
premi. Il rischio maggiore in questo tipo di strategie è rappresentato dalla progressiva
erosione di entrambi i premi pagati, dovuta alla stabilità dei prezzi e al time decay.

O
p
t
i
o
n Max. Loss

P 3
r 5
i +600 0
c 0
+400
e 0
+200
34400 35600
0
Market Price
-200
-400 Break-even Break-even
-600

Capital exposure: 600 Pt.


Max Profit: illimitato
Break-even Point: 34400 - 35600

Nel grafico, si riporta l’esempio di un investitore, che abbia operato l’acquisto di Mibo Call
35000 e Mibo Put 35000, pagando un premio complessivo di 600 pt. Il triangolo compreso
tra i due break-even, naturalmente rappresenta l’area di prezzo, all’interno della quale, si
registrerà complessivamente una perdita, all’esterno della quale, si registrerà
complessivamente un utile. Se da un lato, costruire uno straddle, risulterà maggiormente
dispendioso rispetto allo strangle (di seguito descritto), questo tipo di struttura, difficilmente
espone l’investitore alla perdita totale del patrimonio investito, proprio perché il livello oltre
il quale l’opzione acquista valore implicito è uno e uno soltanto, 35000.
152
Il Long strangle
La logica è esattamente quella del Long straddle, contestuale acquisto di opzioni Call e
Put, strategia direzionale, costo della struttura pari alla somma dei premi, break-even dato
dalla somma dei premi sommata/sottratta agli strike, guadagno potenzialmente illimitato.
La differenza sta nel fatto che nel Long strangle, le opzioni hanno basi diverse. Pertanto,
se l’esborso economico può risultare inferiore rispetto allo straddle, per contro servirà un
movimento direzionale del mercato più ampio per ottenere il break-even della struttura, ma
soprattutto, esisterà un’area di prezzo, lo spazio tra i due strike, dove a scadenza,
l’investitore perderebbe l’intera somma investita. Normalmente si tende ad applicare
questo tipo di strategia quando le opzioni hanno una vita residua ancora ampia, al
contrario si applica lo straddle, quando la vita residua è breve ed il premio pagato risulterà
comunque ragionevole.

O
p
t
i Max. Loss
o
n
3 3
P 4 6
r 0 0
i +600 0 0
c 0 0
+400
e
+200
33400 36600
0
Market Price
-200
-400 Break-even Break-even
-600

Capital exposure: 600 Pt.


Max Profit: Illimitato
Break-Even 33400 - 36600

Nel grafico, si riporta l’esempio di un investitore, che abbia operato l’acquisto di Mibo Call
36000 e Mibo Put 34000, pagando un premio complessivo di 600 pt. Il trapezio compreso
tra i due break-even, naturalmente rappresenta l’area di prezzo, all’interno della quale, si
registrerà complessivamente una perdita, all’esterno della quale, si registrerà
complessivamente un utile. Il range di prezzo compreso tra i due strike, è appunto l’area di
prezzo dove, a scadenza, vengono persi integralmente i premi pagati.
153
Lo Short Straddle

Lo Short Straddle è la prima strategia di volatilità che presentiamo, la parola “Short”


naturalmente, non è indicativa di strategia ribassista, ma bensì di strategia basata sulla
vendita di opzioni. Questa volta l’investitore procede alla contestuale vendita di opzioni call
e put, auspicando una stabilità dei prezzi utile al deterioramento del premio incassato. Il
massimo guadagno comunque conseguibile sarà pari alla somma dei premi, somma dei
premi che, sommata allo strike della call e sottratta allo strike della put, fornisce i livelli di
break-even oltre i quali la struttura condurrebbe ad una perdita. Se nel Long Straddle era
ragionevole pensare di trovare, a scadenza, una delle opzioni con valore implicito più o
meno ampio, attraverso la vendita di uno straddle è ragionevole pensare di non poter
incassare integralmente entrambi i premi.

O
p Max. Profit
t
i 35000
o+600
n
+400
P
r
i +200
c
e
34400 35600
0
Market Price

-200 Break-even

-400
Capital exposure: illimitato
-600 Max Profit: 600 Pt.
Break-even Point: 34400 - 35600

Nel grafico, si riporta l’esempio di un investitore, che abbia operato la vendita di Mibo Call
35000 e Mibo Put 35000, incassando un premio complessivo di 600 pt. Il triangolo
compreso tra i due break-even, naturalmente rappresenta l’area di prezzo, all’interno del
quale, si registrerà complessivamente un utile, all’esterno del quale, si registrerà
complessivamente una perdita.

154
Lo Short Strangle

Lo Short Strangle è ovviamente anche lei una strategia di volatilità. Come nello short
straddle, l’investitore procede alla contestuale vendita di opzioni call e put, questa volta
però su basi diverse, generando così un’area di prezzo più o meno estesa e pari alla
differenza degli strike, (graficamente la base minore del trapezio) all’interno della quale, a
scadenza, verranno incassati integralmente entrambi i premi. Il massimo guadagno
comunque conseguibile sarà pari alla somma dei premi, somma dei premi che, sommata
allo strike della call e sottratta allo strike della put, fornisce i livelli di break-even oltre i quali
la struttura condurrebbe ad una perdita.

O
p Max. Profit
t
i +600 34000 36000
o
n

P+400
r
i
c
+200
e
33400 36600
0
Market Price
-200
Break-even Break-even

-400 Capital exposure: illimitato


Max Profit: 600 Pt.
-600 Break-even Point: 33400 - 36600

Nel grafico, si riporta l’esempio di un investitore, che abbia operato la vendita di Mibo Call
36000 e Mibo Put 34000, incassando un premio complessivo di 600 pt. Il trapezio
compreso tra i due break-even, naturalmente rappresenta l’area di prezzo, all’interno del
quale, si registrerà complessivamente un utile, all’esterno del quale, si registrerà
complessivamente una perdita.

155
Covered Call Write

Il “Covered Call Writing” tradotto letteralmente significa “vendita di una call coperta” ed è la
prima, tra le strategie finora proposte, che preveda la combinazione di cash e derivati. Un
investitore che acquisti sul mercato un certo quantitativo di titoli azionari si espone ad una
perdita massima pari al capitale investito e ad un guadagno potenzialmente illimitato. In
quest’ottica , cioè l’acquisto di un titolo, una possibile strategia che potremmo definire
“moderatamente rialzista” è quella che prevede la vendita di opzioni Call sullo stesso titolo
detenuto. Diciamo subito che, se il quantitativo di opzioni vendute è commisurato al
numero di titoli detenuti, questa strategia, pur prevedendo la vendita allo scoperto di
opzioni, non può subire marginatura da parte dell’intermediario. Il risultato quindi, fintanto
che la struttura rimanga inalterata, è marginatura zero e accredito in conto pari al premio
incassato. Tecnicamente vendere una call su di un titolo detenuto significa abbassare il
prezzo di carico del titolo di un’entità pari al premio incassato e porre un tetto massimo di
guadagno all’operazione pari alla somma algebrica tra premio incassato e differenza tra
strike della call e prezzo d’acquisto del titolo. Perché si è detto di strategia
“moderatamente rialzista ? Perché l’ipotesi migliore in questo caso, soprattutto se si
vendesse una call OTM, è relativa ad un rialzo che porterebbe ad un utile sul titolo
acquistato, ma che, se contenuto entro lo strike della call venduta, porterebbe ad
incassare anche il premio dell’opzione. Lo strike della call venduta del resto,
rappresenterebbe la fine del nostro gain, laddove il rialzo fosse invece particolarmente
esteso. Per contro se i prezzi dovessero intraprendere la strada ribassista, comunque
avremmo abbassato il prezzo di carico del titolo, ma questa è decisamente l’ultima delle
possibilità auspicate. Vediamo di fare qualche esempio pratico:
Caio acquista 100 xyz al prezzo di 55 € per azione e contestualmente vende 1 call xyz 60
con 5 € di premio. In questo momento Caio ha portato il prezzo di carico dei suoi titoli da
55 a 50 cioè è protetto fino ad una discesa del 10 %. Per contro il suo guadagno massimo
sarà pari al premio incassato, 5 € per azione, più la differenza tra lo strike della call, 60, e il
prezzo di carico del titolo, 55 € per azione.

Premio Strike Titolo


5 + 60 - 55 = 10 € per azione (massimo guadagno comunque conseguibile)
se non siete convinti leggete la seguente tabella

Prezzo XYZ Premio Call XYZ 60 a scadenza


Gain/Loss titolo Premio Call Gain/Loss Call Gain/Loss struttura

40 -15 0 5 -10
50 -5 0 5 0
60 5 0 5 10
70 15 10 -5 10
80 25 20 -15 10
1000 945 940 -935 10

156
O
p
t
i
o
n
Max. Profit
P
r
Trade iniziale
i Trade iniziale +
c Call Write
e
50 55 60

Market Price
Break-even
Break-even

Va sottolineato che la scelta di una call ITM o OTM è relativa al grado di rischio che
l’investitore decide di assumersi. Una Call “In the money” offre chiaramente una
protezione maggiore, laddove i prezzi dovessero scendere, tuttavia il potenziale guadagno
massimo risulterebbe inferiore, rispetto alla stessa strategia operata con Call “Out fo the
money”.

157
O Call Write Out of
p the money
t
i
o
n
Call Write In the Max. Profit
P money
r
i
c Trade iniziale
e
47 50 55 60

Market Price
Break-even
Break-even

Nel grafico vengono riportate tre possibilità, in rosso il solo acquisto del titolo, in blu il
covered call write precedentemente descritto, in blu grassetto la stessa strategia operata
questa volta attraverso una call ITM, nello specifico una call 50 con premio 8, che da un
lato abbassa la protezione ribassista fino a 47, ma dall’altro pone un limite al guadagno
massimo pari a 3 € per azione, contro i precedenti 10 €.

158
Bull & Bear Spread
Uno Spread è una strategia che si sviluppa attraverso l’acquisto e la vendita, di opzioni
della stessa specie, ma con differenti caratteristiche. Un esempio tra i più frequenti, è lo
spread verticale, che prevede l’acquisto di una call (put) e la vendita di una call (put),
stessa scadenza, ma strike superiore (inferiore). Questo procedimento conduce ad una
struttura che, non prevede marginatura, finanzia parte dell’esborso dovuto all’acquisto e
pone un limite al guadagno massimo, pari alla differenza degli strike più la somma
algebrica del premio venduto meno il premio pagato. Nello specifico possiamo distinguere
tre tipologie di spread:

1) Spread verticali: Le opzioni hanno stessa scadenza, ma diverso strike


2) Spread orizzontali: Le opzioni hanno stesso strike, ma diversa scadenza
3) Spread diagonali: Le opzioni hanno scadenza e strike, entrambi diversi.
Questo tipo di accezione, è dovuta alla modalità di pubblicazione dei prezzi delle opzioni,
sui quotidiani finanziari. Infatti dovendo scorrere i prezzi delle diverse opzioni con
medesima scadenza, troveremo che queste sono pubblicate su di una singola colonna
verticale. Dovendo scorrere i prezzi delle diverse opzioni con medesimo strike, ma diversa
scadenza, troveremo che queste sono pubblicate su di una singola riga orizzontale. E’
evidente allora che per rilevare i prezzi di opzioni che abbiano diversa base (riga) e
diversa scadenza (colonna) ci sposteremo in diagonale, di qui l’accezione spread
diagonale.

O
p
t
i
o
n
Max. Profit
P
r
i Bull Spread
c
e

Market Price

Ipotizziamo di acquistare una Call 35000 pagando un premio di 600 e contestualmente di


operare la vendita di una Call 36000 incassando un premio di 300. Il massimo guadagno
conseguibile, si è detto, è pari alla differenza degli strike, 1000 pt, più la somma algebrica
del premio incassato meno il venduto, cioè -300. Massimo gain quindi, 700 Pt. Per contro,
159
il solo acquisto della call ci avrebbe esposto ad una perdita massima di 600 pt., lo spread
ci espone ad una perdita massima di 300 pt.

Mib30 Premio Call 35000 e 36000 a scadenza (costo struttura 300)


Premio Call acquistata Premio Call venduta Gain/Loss
34000 0 0 -300
35000 0 0 -300
36000 1000 0 700
37000 2000 1000 700
38000 3000 2000 700
50000 15000 14000 700

O
p
t
i
o
n Max. Profit
Bear Spread

P
r
i
c
e

Market Price

160
Quelle che sono state esposte sono soltanto alcune delle strategie attuabili attraverso le
opzioni, non vi sarà difficile applicarle o anche implementarle, in base alle vostre
specifiche esigenze. Pensate ai grandi vantaggi di cui gode un trader che sappia, ad
esempio, combinare operatività su Fib30 e protezione attraverso opzioni mibo, rispetto a
chi, deve e può soltanto applicare rigidi stop-loss. A questo punto entra in gioco la vostra
fantasia e la vostra capacità di analisi, non c’è molto altro da sapere, e certo, se vorrete
approfondire queste tematiche, troverete che risulterà piuttosto agevole e produttivo.

161