Sei sulla pagina 1di 3

COMPLETARE CON LE PREPOSIZIONI ADEGUATI (PARTE 4 – PARAGRAFI)

Catalogna, 1714

1702, la morte senza discendenti Carlo II, si presenta un problema successione dinastica

corona spagnola; la Catalogna appoggerà l'Arciduca Carlo d'Austria mentre la Castiglia si schiererà

favore Filippo Angiò, pretendente francese trono spagnolo, fatto che supporrà uno scontro i

due territori. la vittoria armate francesi e castigliane re Filippo 1714, la Catalogna è

occupata militarmente, vengono abolite le sue istituzioni politiche, ed inizia dipendere politicamente

legge Castiglia.

JPEG: Un formato immagine fissa digitale molto comune, un sistema compressione dati

un'immagine fissa proposta Joint Photographic Expert Group, caratterizzato piccole diminuzioni

qualità dell'immagine malgrado il rapporto alta compressione.

MP3: Un formato file un sistema compressione dati suono. "MP3" è l'abbreviazione


Motion Picture Experts Group 1 (o MPEG-1) Audio Layer 3. Utilizzando il formato MP3, un CD-R o CDRW può

contenere circa 10 volte il volume dati capaci un CD normale.

DivX: Il codice DivX (brevetto corso approvazione) è una tecnologia compressione video

basato MPEG-4, sviluppata DivX Networks, Inc., capace comprimere video digitale dimensioni

sufficientemente piccole essere trasportato internet, mantenendo un'alta qualità visuale

C'era una volta un ricco mercante che era rimasto vedovo la sua figlioletta. Desideroso dare

figlia una mamma, si risposò con una ricca vedova due figlie che viveva
vicinanze. Poco dopo il matrimonio, il mercante si ammalò gravemente e morì. Allora la sua vedova svelò il suo

vero aspetto: mise la figliastra fare i lavori più umili e favorì tantissimo le sue due figlie.

Passarono alcuni anni: la figliastra era stata soprannominata tutti Cenerentola, perché era sempre

sporca e in cucina. Il re decise dare un ballo trovare una moglie adatta suo figlio,

il principe ereditario, che non riusciva innamorarsi nessuna ragazza.

Le due sorellastre Cenerentola volevano tutti i costi partecipare ballo;

Cenerentola sarebbe piaciuto, ma non aveva niente mettersi. Mentre era pensierosa

cucina, colpo le apparve una fata: "Sono la tua madrina", disse, "è tanto che ti osservo e ti

vedo crescere buona e paziente. Ho deciso ricompensarti: ti darò un abito splendido e ti farò

partecipare ballo!" La fata prese sei topolini cui Cenerentola dava mangiare e li

trasformò sei cavalli splendidi; prese il gatto casa e lo trasformò cocchiere, e il

cane scudiero. Poi trasformò gli abiti stracciati Cenerentola uno splendido

vestito. A quel punto le disse: "Ricordati che devi ritornare mezzanotte!"

Cenerentola andò ballo ed attirò sé l'attenzione principe, che ballò

lei tutta la sera. Tenne occhio l'orologio e mezzanotte riuscì

eclissarsi. Tornò casa tempo vedere tutto svanire intorno sé.

La sera dopo c'era un altro ballo: nuovo Cenerentola rimase sola. Allora arrivò la madrina e le ridiede
nuovo vestiti splendidi, cavalli, carrozza e servitù. Cenerentola riandò ballo, attirò

l'attenzione principe e riballò lui. Era tutto così bello che si dimenticò controllare
l'ora, e quando si accorse che era troppo tardi, stava già suonando la mezzanotte. Cenerentola fuggì lungo la

scalinata e perse una scarpetta cristallo, mentre il principe le correva inutilmente dietro. Il giovane riuscì

recuperare la scarpetta.

Il giorno dopo disse che avrebbe sposato solo la ragazza grado indossare quella scarpetta.

Subito i servitori iniziarono visitare tutte le case del regno, facendo provare la scarpetta tutte

le ragazze età marito, senza nessun risultato. Arrivarono infine casa

Cenerentola, e le due sorellastre vollero provare anche loro la scarpetta. Ma senza risultato. Il banditore

chiese: "C'è forse qualche altra ragazza casa?" "Sì, la nostra serva". "Anche lei deve provarla, è un

ordine re e suo figlio!"

La scarpetta calzò pennello Cenerentola, che poté andare corte e sposare il suo

principe. sua bontà perdonò le sorelle, che si trasferirono lei a corte, dove vissero tutti
felici e contenti

Quando le legioni romane attraversarono l’Adriatico, e cominciarono conquistare i monti impervi

quelli che oggi chiamiamo i Balcani centrali, incontrarono gente che parlava una serie

dialetti che il tempo avrebbe trasformato lingua albanese. La regione era nota come Dardania, e

fine terzo decennio dopo Cristo comprendeva l'odierno Kosovo e parte Serbia,

Albania e Macedonia. L'aquila imperiale la sottomise fretta, poi 284 ne fece una provincia

autonoma dove, l’altro, nacque Costantino il Grande. Era abitata guerrieri rozzi, agricoltori

efficaci, uomini fede debole che non si fece fatica convertire Cristianesimo
quando venne il momento.

Di serbi neanche l'ombra. Quelli arrivarono più tardi, intorno al VI-VII secolo, allorché l’impero Occidente

era ormai un ricordo. Venivano Lusazia, terra situata Germania orientale, Polonia e

Boemia, fu una migrazione provocata ragioni tanto politiche quanto climatiche. Constantinopoli, capitale

nostro vecchio mondo, accettò che si insediassero Balcani, immediatamente

Nord zona kosovara. Lì cominciarono i guai e i dissidi, fu un processo lento e doloroso. Il seme

odio trovò terra fertile una pianta che non ha smesso germogliare.
Da Marco Zatterin. Dalle legioni di Adriano alla Nato

Il 17 febbraio 2008 il Parlamento di Pristina, riunito seduta straordinaria, ha approvato la dichiarazione

indipendenza Kosovo letta premier Hashim Thaçi e ha battezzato i suoi simboli

nazionali: la bandiera e lo stemma. Il discorso pronunciato premier parla una Repubblica

democratica, secolare e multietnica, guidata principi non discriminazione e uguale

protezione parte della Legge. Circa dieci minuti dopo la proclamazione, avvenuta circa alle 3

pomeridiane, il governo serbo si è affrettato dichiarare illegittima ed illegale tale affermazione e che mai
riconoscerà la repubblica secessionista come indipendente.

Lo stesso 17 febbraio il governo Costa Rica, impegnato affari internazionali altri

paesi centroamericani, è stato il primo paese riconoscere l'indipendenza Kosovo. Il 18

febbraio sono arrivati gli importanti riconoscimenti parte Stati Uniti ed Albania. L'Unione
Europea, riunita assemblea a Strasburgo non è riuscita disegnare una linea guida unitaria e

ha lasciato i vari stati liberi riconoscere la provincia secessionista.

E siamo punto. Questo mondo, queste circostanze, torneranno, solo parte travestite

fantasia, far scenario, fornire lo fondo capitoli più

significativi Ciociara.

Questi poveretti, come ci spiegarono loro stessi, erano tutti abitanti un paesetto che stava proprio <

linea fronte.

Mangiammo la porta aperta, perché casetta non c'erano finestre e, se la porta era chiusa,

restavamo buio.

Dissi allora che, dubbio, tanto valeva continuare quella strada, forse i carristi o altro gruppo

tedeschi erano attendati un poco più là.

Lui accettò subito e mi sa che accettasse soprattutto antipatia la propria famiglia.

Prima scendemmo giù la costa, destra valle, poi attraversammo il ripiano

dove, i fichi d'India e le rupi, era caduta la bomba sganciata aeroplano il giorno che

eravamo discese con Tommasino e quindi prendemmo lato sinistro.

La guerra l'aveva fatto andar via paese, l'aveva fatto tradire e adesso la guerra lo ammazzava e lui era

già rassegnato morire e questa, tante cose terribili, era forse la peggiore, perché la meno
naturale e la meno comprensibile.

Si alzò e ci precedette fuori della baracca, spiazzo.

Le montagne restavano nere sfondo di questo cielo più chiaro e punteggiato stelle e poi

anche loro si schiarivano, rivelavano il loro colore verde qua e là chiazzato scuro <

macchia e boschi.

Filippo, bassa voce, perché temeva essere udito inglesi cominciò

scongiurarlo non farlo.

Michele si avvicinò una finestre.

Queste tracce rosse parevano proprio rasoiate cielo, il sangue che sgorgava un momento

ferite e poi subito cessava.


Alberto Moravia. La Ciociara.

Donare sangue può davvero salvare vita o addirittura più vite. Se nessuno lo facesse, molti

bambini malati leucemia non potrebbero sopravvivere, così come persone gravi

condizioni dopo incidente. Inoltre, sangue offerto può servire pazienti che

subiscono operazione chirurgica; corso qualsiasi intervento può diventare

necessario, giudizio medico anestesista e chirurghi, trasfondere


paziente globuli rossi concentrati o plasma o talvolta piastrine.