Sei sulla pagina 1di 3

I PRONOMI RELATIVI in italiano

I pronomi relativi sono parole usate per connettere frasi che hanno un elemento in
comune. Essi sostituiscono l’elemento in comune nella seconda frase.
In italiano ci sono 4 diversi pronomi relativi:
•CHE

Sostituisce il soggetto o il complemento oggetto. È invariabile.


Per esempio:
Il ragazzo che lavora al supermercato è simpatico. (Il ragazzo lavora al supermercato.
Il ragazzo è simpatico → CHE sostituisce il soggetto)
La ragazza che hai conosciuto si chiama Laura. (Hai conosciuto una ragazza. La
ragazza si chiama Laura → CHE sostituisce il complemento oggetto)
ATTENZIONE:
CHE preceduto dall’articolo determinativo IL sostituisce un’intera frase.
Per esempio:
Ho litigato con mia moglie, il che mi rende nervoso. (→ Ho litigato con mia
moglie; il fatto di aver litigato con mia moglie mi rende nervoso)
•CUI

Sostituisce qualsiasi altro complemento, pertanto è sempre introdotto da


una preposizione, in base al verbo utilizzato.
Per esempio:
Maria è la persona a cui penso sempre. (→ Pensare A qualcuno)
Ho comprato il libro di cui mi hai parlato. (→ Parlare DI qualcosa)
L’azienda per cui lavoro sta investendo in Cina. (→ Lavorare PER qualcuno)
La città in cui vivo è fantastica! (→ Vivere IN un luogo)
La ragazza con cui sono uscito è giapponese. (→ Uscire CON qualcuno)
ATTENZIONE:
CUI preceduto da un articolo determinativo esprime “possesso”: l’articolo
determinativo va concordato nel genere e nel numero con l’oggetto o la persona
posseduti.
Per esempio:
Marco, il cui cane è un barboncino, è francese. (→ Marco è francese. Il suo cane è un
barboncino)
Mio cugino, la cui moglie l’ha tradito, è depresso. (→ Mio cugino è
depresso. Sua moglie l’ha tradito).
Impara anche le preposizioni articolate!
•IL QUALE 

Svolge lo stesso ruolo di CHE e CUI, quindi sostituisce soggetto e complementi.


Però è un po’ più formale e, pertanto, tipico del linguaggio scritto. Concorda in
genere e numero con il nome a cui si riferisce, dunque ci sono 4 possibili forme: IL
QUALE – LA QUALE – I QUALI – LE QUALI
Per esempio:
Il ragazzo il quale lavora al supermercato è simpatico = Il ragazzo che lavora al
supermercato è simpatico
La ragazza con la quale sono uscito è giapponese = La ragazza con cui sono uscito è
giapponese
ATTENZIONE!
Se usiamo “il quale” per esprimere “possesso”, la costruzione della frase cambia un
po’ rispetto a quando usiamo “cui“:
“Il quale” concorda in genere e numero con la persona che possiede. Invece
“cui” concorda in genere e numero con l’oggetto o la persona posseduti.
Per esempio:
Mio cugino, la moglie del quale l’ha tradito, è depresso = Mio
cugino, la cui moglie l’ha tradito, è depresso
Le sue figlie, i fidanzati delle quali sono inglesi, vivono in Inghilterra = Le sue
figlie, i cui fidanzati sono inglesi, vivono in Inghilterra

CHI
Unisce due frasi e significa “la persona che/ le persone che“, “la gente che“, “tutti
quelli che“.
Per esempio:
Chi vince oggi, va in finale. (→ La persona che / La gente che vince oggi va in
finale – Le persone che / Tutti quelli che vincono oggi vanno in finale)
Chi è usato soprattutto nei proverbi:
Chi la fa, l’aspetti! (→ Chi compie una cattiva azione prima o poi ne subisce una
simile)
Chi dorme non piglia pesci! (→ Poltrendo, non si ottiene nulla)
Chi fa da sé, fa per tre! (→ Svolgendo un’attività da soli il risultato è migliore che in
gruppo)
Chi non risica non rosica! (→ Si ottiene qualcosa soltanto se si ha il coraggio di
rischiare)
Chi disprezza compra! (→ Disprezzando qualcosa si finisce per dimostrare il proprio
interesse per quella cosa)
Chi tace acconsente! (→ Quando non ci si esprime su una questione, vuol dire che si
è d’accordo con quanto detto)
Chi la dura la vince! (→ Per ottenere una vittoria bisogna tenere duro fino alla fine e
non mollare mai)
Ora, impara anche i pronomi complemento in italiano!

•Gli, le seguiti dai pronomi lo, la, li, le diventano una parola sola con questi
ultimi (uniti da una “e“): glielo, gliela, glieli, gliele → usati sia per uomini che
per donne! (anche “le” diventa “gli”…)
Esempi:
5) Paola regala l’orologio (= lui) al suo fidanzato (= a lui) → Paola glielo regala
6) Federico compra dei fiori (= loro) alla sua fidanzata (= a lei) →
Federico glieli compra
 
•Loro, invece, non cambia! Lo mettiamo sempre dopo il verbo, mentre l’altro
pronome va messo prima del verbo
7) Roberta regala a loro le sue scarpe (= loro) → Roberta le regala loro !