Sei sulla pagina 1di 11

Vieni, Spirito Santo,

manda a noi dal cielo


un raggio della tua luce. 
 
Vieni, padre dei poveri,
vieni, datore dei doni,
vieni, luce dei cuori. 
 
Consolatore perfetto;
ospite dolce dell'anima,
dolcissimo sollievo. 
 
Nella fatica, riposo,
nella calura, riparo,
nel pianto, conforto. 
 
O luce beatissima,
invadi nell’intimo
il cuore dei tuoi fedeli. 
 
Senza la tua forza,
nulla è nell'uomo,
nulla senza colpa. 
 
Lava ciò che è sordido,
bagna ciò che è arido,
sana ciò che sanguina. 
 
Piega ciò che è rigido,
scalda ciò che è gelido,
drizza ciò che è sviato. 
 
Dona ai tuoi fedeli,
che solo in te confidano,
i tuoi santi doni. 
 
Dona virtù e premio,
dona morte santa,
dona gioia eterna. 
 
Amen
Giuda e i Dodici: la prova più dura

Dal Vangelo di Giovanni (Gv 18,1-11)


1
Dopo aver detto queste cose, Gesù uscì con i suoi discepoli al di là del torrente Cedron, dove c'era
un giardino, nel quale entrò con i suoi discepoli. 2Anche Giuda, il traditore, conosceva quel luogo,
perché Gesù spesso si era trovato là con i suoi discepoli. 3Giuda dunque vi andò, dopo aver preso un
gruppo di soldati e alcune guardie fornite dai capi dei sacerdoti e dai farisei, con lanterne, fiaccole e
armi. 4Gesù allora, sapendo tutto quello che doveva accadergli, si fece innanzi e disse loro: "Chi
cercate?". 5Gli risposero: "Gesù, il Nazareno". Disse loro Gesù: "Sono io!". Vi era con loro anche
Giuda, il traditore. 6Appena disse loro "Sono io", indietreggiarono e caddero a terra. 7Domandò loro
di nuovo: "Chi cercate?". Risposero: "Gesù, il Nazareno". 8Gesù replicò: "Vi ho detto: sono io. Se
dunque cercate me, lasciate che questi se ne vadano", 9perché si compisse la parola che egli aveva
detto: "Non ho perduto nessuno di quelli che mi hai dato". 10Allora Simon Pietro, che aveva una
spada, la trasse fuori, colpì il servo del sommo sacerdote e gli tagliò l'orecchio destro. Quel servo si
chiamava Malco. 11Gesù allora disse a Pietro: "Rimetti la spada nel fodero: il calice che il Padre mi
ha dato, non dovrò berlo?".
Domande per la riflessione personale
1. Quali sono stati o sono i momenti di maggior prova nella mia vita? Quali sono i miei sentimenti?
2. Gesù uscì con i suoi discepoli: Quali sono le persone che mi sono accanto? E quelle che mi
stanno accanto nella prova?
3. Anche Giuda, il traditore, conosceva quel luogo: Quando e come rinnego il Signore? Quando,
chi e come ho tradito nella mia vita?
4. Giuda dunque vi andò, dopo aver preso un gruppo di soldati e alcune guardie: Da chi sono stato
tradito?
5. Gesù allora, sapendo tutto quello che doveva accadergli: Di fronte alle prove sono capace di
riconoscere il progetto di Dio? Quanto è difficile?
6. “Chi cercate?”: Le persone chi cercano? E io?
7. Gli risposero: "Gesù, il Nazareno": In chi ripongo fiducia nella mia vita? E la mia speranza?
8. Disse loro Gesù: "Sono io!": Come si manifesta la regalità di Dio nella mia vita? Quando l’ho
sentito maggiormente vicino, specialmente nelle prove?
9. Appena disse loro "Sono io", indietreggiarono e caddero a terra: Quando ho sperimentato la
potenza di Dio nella mia vita?
10. Gesù replicò: "Vi ho detto: sono io. Se dunque cercate me, lasciate che questi se ne vadano:
Quali sono le persone che mi sono date in cura? Ed io, chi curo?
11. Perché si compisse la parola che egli aveva detto: "Non ho perduto nessuno di quelli che mi hai
dato": Qual è il progetto di Dio sulla mia vita? Quando l’ho capito e quando lo capisco? Come?
12. Allora Simon Pietro, che aveva una spada, la trasse fuori: Ho mai difeso Dio e la Chiesa?
Come e quando?
13. Gesù allora disse a Pietro: "Rimetti la spada nel fodero: il calice che il Padre mi ha dato, non
dovrò berlo?": come regna Dio nella mia vita?
14. E i Dodici?!: dove mi colloco nel momento della prova?

Link del filmato

https://www.youtube.com/watch?v=F053do5oJ94