Sei sulla pagina 1di 2

Organizzazione del territorio

La Francia è suddivisa in 18 regioni che costituiscono la suddivisione amministrativa di primo livello


del Paese mentre i Dipartimenti sono la suddivisione territoriale di secondo livello e sono pari a
101, di cui 96 metropolitani e 5 d'oltremare (DOM, Départements d'Outre-Mer).
Quadro Legislativo
Codice di Salute Pubblica creato nel 1953 e riformato nel 2000 esso rappresenta il riferimento
normativo in tema di salute pubblica e comprende il Codice deontologico delle professioni mediche.
La Conferenza nazionale sulla sanità (CNS) è un organo consultivo del Ministro della sanità (cfr.
l'art. L. 1411-3 del Codice della sanità pubblica).
La CNS ha tre compiti:
1. formulare pareri o proposte al fine di migliorare il sistema di sanità pubblica e, in particolare,
su:
a. l'elaborazione della strategia sanitaria nazionale, sulla quale è consultata dal governo;
b. i piani e i programmi che il Governo intende attuare;
Essa può anche occuparsi di qualsiasi questione che ritenga necessario sottoporre
all'attenzione del ministro;
2. elaborare ogni anno una relazione sul rispetto dei diritti degli utenti del sistema sanitario,
estesa al campo medico-sociale ma anche alla «parità di accesso ai servizi sanitari e alla
qualità delle cure sanitarie e medico-sociali»; la relazione è elaborata sulla base delle relazioni
delle Conferenze regionali per la salute e l'autonomia (CRSA);
3. contribuire all'organizzazione di dibattiti pubblici sulle questioni sanitarie.
Legge n.2009 – 879 del 21 luglio 2009 di Riforma de l’ospedale e relativa ai pazienti, alla salute e
ai territori. (LOI n° 2009-879 du 21 juillet 2009 portant réforme de l'hôpital et relative aux patients,
à la santé et aux territoires)
L'articolo 118 della Legge n.2009 – 879, istituisce le agenzie regionali di sanità (ARS) che hanno il
compito di definire e attuare un insieme coordinato di programmi e di azioni che concorrono alla
realizzazione, a livello regionale e infraregionale, degli obiettivi della politica nazionale di sanità; dei
principi dell'azione sociale e medico-sociale.
La legge stabilisce inoltre che ogni ARS sia costituita: una Conferenza Regionale di Sanità e
Autonomia (CRSA) che partecipa con i suoi pareri alla definizione degli obiettivi e delle azioni
dell'agenzia in ciascuno dei suoi settori di competenza.
La CRSA contribuisce con i suoi pareri alla politica sanitaria regionale.
Articolo D1432-28 Codice di Sanità pubblica
La conferenza regionale della sanità e dell'autonomia (CRSA) è composta da un massimo di cento
membri con voto deliberativo.
I suoi membri sono suddivisi in collegi composti come segue:
1. Un collegio di rappresentanti degli enti territoriali di competenza geografica dell'Agenzia
2. Un collegio di rappresentanti degli utenti di servizi sanitari o medico-sociali comprendente:
a) otto rappresentanti delle associazioni riconosciute a norma dell'articolo L. 1114-1, designati a
seguito di un invito a presentare candidature organizzato alle condizioni fissate dal direttore generale
dell'agenzia regionale per la sanità;
b) quattro rappresentanti delle associazioni di pensionati e anziani, designati dal direttore generale
dell'agenzia regionale di sanità su proposta dei consigli dipartimentali dei pensionati e degli anziani
di cui all'articolo L. 1491 del codice dell'azione sociale e delle famiglie;
c) quattro rappresentanti delle associazioni delle persone disabili, tra cui una che interviene nel campo
dell'infanzia disabile, designati dal direttore generale dell'agenzia sanitaria regionale su proposta dei
consigli consultivi dipartimentali delle persone con disabilità di cui all'articolo L. 146-2 del codice di
azione sociale e delle famiglie;
3. Un collegio dei rappresentanti delle conferenze del territorio di cui all'articolo L. 1434-17,
comprendente quattro membri, designati dal direttore generale dell'agenzia regionale di sanità su
proposta delle conferenze del territorio della giurisdizione;
4. Un collegio delle parti sociali;
5. Un collegio degli attori della coesione e della protezione sociale;
6. Un collegio dei fornitori di servizi sanitari;
7.Un collegio di personalità qualificate comprendente due personalità designate dal direttore
dell'agenzia regionale per la sanità in ragione della loro qualifica nei settori di competenza della
conferenza.