Sei sulla pagina 1di 15

Creare uno sfondo ed i bottoni per il Menu dei DVD

Vediamo come procedere per creare uno sfondo e dei bottoni per i nostri menù da
utilizzare poi in un programma di authoring DVD.

Fase 1: scelta foto e dimensionamento

Apriamo con Photoshop, o con il programma di grafica che preferite, un’immagine che
ci sembra adatta a comparire come soggetto del nostro menù personalizzato, e
provvediamo ad effettuare dei piccoli ritocchi per renderla più adatta allo scopo:
possiamo prendere come esempio i menù dei DVD realizzati dalle grandi case
cinematografiche (ovviamente solo quelli statici) oppure crearne di completamente
nuovi; qui l’unico limite è nella fantasia di chi realizza la grafica.

Controlliamo le dimensioni in pixel del file, per verificare se sono adatte ad essere
usate come sfondo

Se è necessario effettuare un ridimensionamento, perché l’immagine non è un


multiplo di 720 x 576, si procede assegnando al lato con la proporzione più vicina
alla dimensione in pixel desiderata il valore stabilito: ad esempio, l’altezza nel nostro
caso passa da 768 a 576, mentre per la misura della larghezza lasciamo il ricalcalo
automatico fatto dal programma, verificando che vengano mantenute le proporzioni.
Otterremo così un file con l’altezza del valore corretto ma con la larghezza superiore a
720.
 

Fase 2: impostazione dimensioni corrette

Con il nostro file ridimensionato ancora attivo, dal menù File scegliamo Nuovo e
impostiamo un foglio di lavoro vuoto con dimensioni 720 x 576 pixel e risoluzione 72
pixel per pollice.

Ritorniamo sull’immagine precedentemente ridimensionata, la copiamo


integralmente con il comando Copia, ci spostiamo sul file nuovo (vuoto), e con il
comando Incolla riportiamo l’immagine del primo file: si nota immediatamente che
una parte dell’immagine stessa non può essere visualizzata a causa delle eccessive
dimensioni del lato superiore

 
 

Provvediamo a riposizionare l’immagine all’interno del riquadro nel modo che


riteniamo più corretto, poi provvediamo a ruotarla di 180° con il comando Rifletti
Orizzontalmente.

Fase 3: creazione degli elementi grafici

Dopo l’operazione di dimensionamento, il nuovo file è in dimensioni 720 x 576 pixel:


è possibile quindi utilizzarlo come sfondo senza timore che risulti distorto una volta
importato all’interno del programma di authoring.

Applichiamo dei motivi grafici per ottenere una guida su cui posizionare le scritte dei
menù che dovremo creare in fase di authoring. Con il comando
selezione>rettangolo, selezioniamo un’area di dimensioni adatte sulla destra
dell’immagine e successivamente andiamo ad ottenere un riempimento dello stesso
con una sfumatura scegliendo Effetti>Riempi con sfumatura

 
 

Otterremo un rettangolo che copre la parte di immagine selezionata, come


nell’esempio

Procediamo in questo modo sino alla completa creazione di tutti gli elementi voluti,
eventualmente aggiungendo anche testi, figure, etc.

Alla fine potremo vedere la differenza tra il file di partenza e quello finale

 
  

Fase 4: esportazione del file

L’immagine in oggetto, come già detto, dovrà rispettare alcuni parametri per essere
adatta all’uso: dimensioni 720 x 576 pixel o multipli di questi (per evitare
deformazioni in seguito da parte dei programmi di authoring che operano solitamente
con finestre 720x576), risoluzione minima di 72 pixel/pollice, consigliati 150.
Salviamo il lavoro con queste proprietà, esportando il tutto preferibilmente in formato
bitmap (*.bmp) o jpeg (*.jpg) in una cartella apposita.

 
 

Nel creare i nostri sfondi, dovremo prestare attenzione a non inserire oggetti e testi a
ridosso dei bordi dell’immagine, in quanto la visualizzazione sul TV porterà ad un
restringimento (in misura variabile secondo il modello) dell’area fruibile: la distanza
di sicurezza (safe zone) dai bordi è quantificabile in circa 30 pixel su ogni lato, come
visibile nell’esempio sotto riportato.

Creare i pulsanti per menù  (da disegno)

I software di authoring (come ad es.DVDit!), in generale supportano gli oggetti grafici


in formato Photoshop (*.psd), funzione utile per utilizzare pulsanti diversi da quelli
contenuti nei template, in modo da poter adattare la forma e l’aspetto del pulsante al
tema che andremo a creare.

Quanto vedremo nei passi seguenti prende esempio da un oggetto creato con
Photoshop, ma è possibile utilizzare qualsiasi programma di grafica che sia strutturato
a livelli e permetta l’esportazione del file in formato (*.psd), ovviamente i comandi
possono differire tra un software e l’altro.

Fase 1: il disegno

Avviamo Photoshop e creiamo un file vuoto, ad esempio un piccolo foglio di lavoro da


10 x 10 cm con risoluzione di almeno 72 pixel/pollice oppure superiore: è sempre
possibile ridimensionare l’oggetto in seguito, se risulta troppo grande.

Apriamo lo strumento Pennello e scegliamo un colore per il disegno iniziale


(attenzione ai colori troppo chiari che possono risultare poco adatti all’uso, in quanto il
pulsante può essere evidenziato “schiarendolo”):

Posizioniamoci sul nostro file aperto e disegniamo l’oggetto che vogliamo trasformare
in pulsante: nell’esempio di figura si vuole creare una freccia composta da piccoli pezzi
di legno, cercando di imitare il più possibile le venature e i punti di taglio.

 
 

Proseguiamo ora applicando al disegno, sempre con il Pennello, un contorno di un


colore che determini uno stacco notevole, in modo che quando posizioneremo il
pulsante su un fondo scuro, esso resti sempre evidente grazie alla cornice:

Fase 2: la preparazione

Il disegno dell’oggetto è terminato, ora dobbiamo prepararlo per l’uso a cui è


destinato togliendo lo sfondo (altrimenti avremo un pulsante quadrangolare con fondo
bianco) attraverso gli strumenti di Photoshop per la Selezione, come ad esempio la
Bacchetta Magica o il Lazo:

 
Una volta selezionata l’area da salvare, se necessario invertiamo la selezione tramite il
comando Inverti Selezione, poi applichiamo il comando Cancella Sfondo; in
seguito selezioniamo l’area strettamente dedicata all’oggetto e operiamo un taglio con
il comando Crop o Taglia: il risultato di queste operazioni è un oggetto senza sfondo
(come si vede dalla scacchiera bianca/grigia sotto al disegno) e con dimensioni adatte
per l’uso all’interno di un software di authoring.

 
 

Fase 3: esportazione

Bene, il nostro oggetto grafico è pronto per essere esportato in formato Photoshop,
come evidenziato in figura: il tutto avviene scegliendo il comando Esporta>Formato
file, attribuendogli un nome e salvandolo nella cartella stabilita con estensione
(*.psd).

 
 

Utilizzando l’oggetto appena creato, possiamo crearne altri tramite semplici


operazioni, ad esempio è facile ottenere la freccia a sinistra usando il comando Flip o
Rotate, il file risultante verrà ovviamente salvato nella stessa cartella di destinazione
con un nome diverso.

Creare un pulsante per menù con Photoshop (da immagine)

 
A volte può essere utile creare un pulsante partendo da un’immagine, tramite
selezione di una parte di essa, anziché da un disegno.

Avviamo Photoshop e carichiamo l’immagine dove è contenuta la parte che vogliamo


far diventare un pulsante: ora selezioniamo l’area interessata tramite lo strumento
Poligono o Lazo:

Con il comando Cancella sfondo, togliamo la parte di immagine che non ci interessa
rendendo lo sfondo trasparente, mentre con il comando Crop o Ritaglia delimitiamo
l’area rimasta, così da ottenere un oggetto più piccolo dell’immagine di partenza, che
essendo in gran parte cancellata, non ci interessa più:

 
 

Come già visto nella creazione di pulsanti partendo da un disegno, anche qui
otteniamo infine un oggetto con sfondo trasparente (scacchiera bianca/grigia) ma che
è necessario ottimizzare, togliendo con lo strumento Gomma la parte in eccedenza,
seguendo il contorno della porzione di immagine che vogliamo preservare:

 
 

Fatta anche questa operazione, non ci resta altro che esportare il nostro file in
formato (*.psd), in modo da poter essere utilizzato all’interno di un software di
authoring.